Cartoons, media e dibattito antropologico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cartoons, media e dibattito antropologico"

Transcript

1 Cartoons, media e dibattito antropologico

2 Ingannando l ingannatore Lo scandaloso Wile E. Coyote Flavia Busatta Hako Padova (Italy)

3 Coyote è uno dei più importanti e famosi tricksters della tradizione nativa americana. Scatologico primevo e onnivoro scandaloso, sacro progenitore e testimone della creazione, cadavere seriale e id viaggiante mitomaniacale, Coyote è uno delle più antiche e importanti figure di trickster dei nativi del North America. (Rosemberg, 1998) Nelle tradizioni indigene è spesso chiamato con molti nomie si incarna in differenti esseri: Corvo, Lepre, Coniglio, Ragno-Iktomi, Coyote e Vecchio Uomo Coyote, Volpe, Lupo o il Trickster/L Ingannatore (Vecchio, Vecchio Merdoso, come Wakdjunkaga degli Ho- Chunk/Winnebagoes il cui nome significa l ingannatore ). Coyotl, scultura Azteca

4 Analizzando i miti Winnebago di Wakdjunkaga, Paul Radin definisce il trickster così: Il Trickster è nello stesso tempo creatore e distruttore, colui che dà e che nega, colui che inganna gli altri e che è sempre ingannato. Consciamente egli non vuole nulla. Ma sempre è costretto a comportarsi come fa, da impulsi su cui non ha controllo. Non conosce né il bene né il male, ma è responsabile di entrambi. Non possiede valori, morali o sociali, è alla mercé dei sui appetiti e delle sue passioni, eppure attraverso le sue azioni dà valore a ogni cosa (Radin, 1956) Coyote Changing the Moon by Eating It, intaglio di D. O. Stolpe. Wide-Eyed and Bushy-Tailed, di H. Fonseca.

5 Lévi-Strauss (1971) sottolinea come le narrazioni in cui è coinvolto il trickster appaiono dove il pensiero mitico cerca di mediare tra due opposizioni, e lo chiama un bricoleur, cioé una specie di mitico manovale che che ripara la realtà come un bricolage fatto del materiale reperibile. (Ramsey 1983). Coyote Spinning di D. O. Stolpe Il trickster viene visualizzato all'interno e attraverso le culture come l'incarnazione dell inaspettato, e prospera dove ci sono confini creati per, da o su altro/i o dove è possibile passare dal palcoscenico al backstage, dove non si può dire chi è il sognatore e quale il sogno, dove non c'è posto per verità rivelate, perché lo spazio del trickster sta tra teoria e pratica, un luogo ibrido, che incoraggia l'ascoltatore a inviare i propri pensieri oltre e attraverso (Bhaba 1994). The Creation of the Maidu di D. O. Stolpe. Koshares with Cotton Candy di H. Fonseca. Saint Coyote di H. Fonseca.

6 Trickster è la mitica incarnazione dell ambiguità e dell ambivalenza, della doppiezza e della duplicità, della contradizione e del paradosso (Hyde 1998), egli personifica la marginalità ed è intimamente connesso a quello che Victor Turner chiama liminalità, perché è un attraversa confini archetipo come pure un costruttore di confini, come nel mito Yana Sex, Fingers and Death or in the Nez Perce Coyote and the Shadow People. Il trickster è caos e imperfezione, un paradosso evidente di per sé, disordine e pazzia: egli è il demiurgo tra l inizio della creazione e questo mondo, in cui egli appare come un trasformatore, un eroe culturale e uno sciamano, come colui che di volta in volta causa l'esistenza del sesso e della morte, delle tradizioni e delle rivoluzioni in un assalto anarchico allo status quo. Coyote Tries to Eat the Sun incisione su legno di Daniel O. Stolpe.

7 Il trickster, comunque, non sta giocando. Come Toelken scoprì attraverso le sue interviste con un narratore Navajo di storie di Coyote, la percezione dei Navajo è che non le storie sono divertenti per sé. Egli ha affermato: Molte cose sulla storia sono divertenti, ma la storia non è divertente. (Toelken 1969:221 in Ellis 1993). Coyote Way, disegno su sabbia di A. M. Tanner. Coyote, maschera di J. Lamarr, Pitt River/Paiute. Coyote Stealing Fire, disegno su sabbia di W. Lee.

8 Tra i trickster del Nord America Coyote è forse il più conosciuto, anche perché le sue storie vengono raccontate dall Alaska al deserto di Sonora, dalla California alla East Coast. Una delle sue principali caratteristiche è la sua suprema indifferenza alle norme di comporta-mento etico e del senso comune. Il mito si sviluppa attraverso la satira, l'ironia, la parodia, e una negatività incredibilmente crudele o sgarbatamente comica, che produce il riso. Coyote Changes the Color of the Sun, incisione di Daniel O. Stolpe. Il narratore interagisce continuamente con il pubblico, per cui la rappresentazione è fatta di una varietà di gesti metonimici ed ellittici, di emblemi, simboli, allusioni, e anche attraverso il linguaggio del corpo dello storytellers e i suoi cambiamenti vocali. (Rosemberg 1998).

9 Nei miti Coyote è un creatore di forme che usa il suo potere per raggiungere i suoi obiettivi e per dare voce alla sua natura complessa, multiforme, la sua trasgressione di tabù e la sua punizione che sono quasi sempre il risultato di sue azioni, gettano le basi, più spesso per caso, per la definizione della realtà fisica ed eterna eterna di riti e rituali. Possiamo citare, qui, il mito Clatsop Chinook "Coyote stabilisce i tabù della pesca ", il celeberrimo mito dei Paiute settentrionali "Come i suoi denti sono stati strappati", quello Karuk "Coyote detta la legge", quello Caddo "Coyote e l'origine della morte ", e quello Wintu" Coyote e la Morte. Coyote Is Intrigued, incisione su legno di Daniel O. Stolpe.

10 A causa delle sue qualità metamorfiche, inerenti alla natura del Trickster, Coyote può essere di volta in volta uomo, corpo o parte di esso, intero o mutilato, cosa o persona. "Mutilato, sepolto mangiato, annegato, bruciato, o morio a causa di cadute catastrofiche o suicidio, Coyote inuccidibile comunque sempre ritorna, dopo aver subito numerose alterazioni del corpo che servono come modelli per gli esseri umani e altri esseri" (Rosemberg 1998): sempre ritorna trasformato, trasformatore e trasformista (mutaforma). Koshares with Watermelons di H. Fonseca, Nisenan Maidu. Coyote Juggling His Eyes incisione di D. O. Stolpe.

11 Larry Ellis sottolinea come, "il nucleo mitico deltrickster [...] è un luogo che è più strettamente associato con il paesaggio in cui egli viaggia e agisce piuttosto che con chi o che cosa egli sembra essere. Se vogliamo cominciare a capire il Trickster, e percepire la strana unità che nasce da quanto di contraddittorio e irrazionale vi è nella sua natura, dovremmo esaminarlo come una funzione di questo paesaggio, ma anche come suo manipolatore casuale e involontario (Ellis 1993). Coyote in a Painted Desert, di Harry Fonseca, Ninesan Maidu.

12 In realtà, quasi tutti i miti iniziano con Coyote in cammino, "E poi ha viaggiato questo ha fatto Coyote", "Coyote aggirava lì", e fine allo stesso modo. A Coyote Story disegno di un bambino delle elementari Nella letteratura nativa americana sul trickster, la marginalità trova espressioni specifiche della metafora e immagine della soglia e il confine (Ellis 1993), ed i confini sono transustanziati in limiti, sia fisici - fiumi, sentieri, spiagge, gole, canyon, montagne e colline - o temporali - alba, tramonto, giorno, notte, mezzogiorno - che, tuttavia, diventano soglie.

13 Oggi la porta transculturale appare a senso unico uno. In effetti, uno scrittore/ narratore nativo americano può riprodurre ogni genere western, ogni tema mitico, in qualsiasi chiave linguisticoletteraria, ma il contrario non è possibile o, almeno, l'uso del carattere Coyote da parte di autori occidentali è fortemente contestato. Nonostante una vasta letteratura su questo argomento, o forse a causa di essa, la questione Coyote è molto controversa. Alcune culture dei nativi americani percepiscono la tradizione orale su Coyote come così potente che non vedono la ragione per cui essi dovrebbero rendere i testi espliciti o discutere il loro significato in pubblico. Rosemberg (1998) sottolinea che "in alcuni settori nativi, c'è resistenza all'ulteriore invasione e alla decimazione per assimilazione o di comprensione", ovvero a un attacco percepito che spinge gli indigeni verso una resistenza contro questa nuova globalizzazione, che implica tutta la potenza dissacrante del Coyote, che viene ucciso, ma non può morire. Shuffle Of to Buffalo, di Harry Fonseca Ninesan Maidu.

14 Coyote Ready to Give Birth, woodcut by D. O. Stolpe. In questo contesto, "la ricezione critica implica letture e interpretazioni da parte di un pubblico della cultura dominante in termini epistemologici euro-americani, un approccio che evoca concetti di colonialismo culturale, razziale, o intellettuale e questioni di alterità che non sono favorevoli alla visione culturalmente incrociata (Rosemberg1998) Alla luce di quanto detto Wile E. Coyote èu n caso di appropriazione letteraria indebita, un omaggio più o meno volontario alla tradizione dei nativi americani, una disneyficazione del Coyote trickster, o un prodotto originale? Lo sfortunato personaggio del fumetto è l'ennesimo caso di bracconaggio, o forse anche Coyote è stato cooptato dalla cultura dominante dei magnati dei cartoon e dei media e incarnato come Wile E. Coyote"? (Rosemberg, 1998)

15 Al fine di chiarire la questione, vediamo la biografia di Wile E. Coyote. Nel 1949 fu prodotto il primo cartone animato interamente dedicato a Wile E. Coyote e Road Runner, il titolo era Fast and Furry-ous e faceva parte dei cicli di Merry Melodies e Loonely Tunes, la risposta di Warner Bros a Walt Disney e ai cartoons di Hanna & Barbera. In un primo momento l'autore, Chuck Jones, concepì Coyote e il Road Runner (chiamato anche Beep- Beep) come una parodia dei soggetti tipici gatto contro topo", che in quel momento erano molto popolari. L'idea di portare la battaglia molto urbana tra un gatto e un topo alla Tom e Jerry, in un paesaggio del sud-ovest era improponibile, ma la proposta di quella eterna caccia tra un coyote e un road runner mise Jones sulla scia del grande Mark Twain, padre dell umorismo americano, che aveva immaginato il suo coyote magro e affamato a caccia di road runner nel suo Roughing It.

16 Il coyote è uno scheletro lungo, sottile, malandato e e spiacevole alla vista, con una pelle grigio lupo tesa su di esso, una coda abbastanza folta che si incurva sempre verso il basso con una espressione disperata di abbandono e di miseria, uno sguardo furtivo e maligno, e un viso lungo, affilato, con il labbro un po'alzato sui denti. Dà l impressione di essere sempre furtivo. Il coyote è l'allegoria vivente del Desiderio. Egli ha sempre fame. Egli è sempre povero, sfortunato e senza amici. (Twain, 1913) In molte interviste Chuck Jones ha ammesso di aver basato il personaggio Wile E. Coyote sul romanzo di Twain, che aveva letto quando era un ragazzo e che lo aveva affascinato. Il fumetto, tuttavia, è in debito con Twain non solo per il carattere Coyote, ma anche per altre idee.

17 In realtà, qualche tratto tipico del coyote in Twain, nel cartone è attribuito al Road Runner. Per avere la base della sceneggiatura basta solo aggiungere: "E un fatto curioso che questi ultimi sono le uniche creature note alla storia che mangino nitro-glicerina e ne chiedano di più se sopravvivono (Twain1913). Nel testo di Twain questa capacità si riferisce agli indiani, probabilmente per il whisky torcibudella che veniva venduto loro. L'idea, tuttavia, era buona ed è stata utilizzata in cartoni animati migliaia di volte ed è diventata un classico della violenza slapstick dei cartoon.

18 Anche l'idea di ambientare un cartone animato urbano come il Tom e Jerry di Hanna & Barbera, il gatto e topo più famosi del mondo, nel sud-ovest, pur cambiando i caratteri aveva avuto un illustre predecessore, il creolo di New Orleans George Herriman il cui Krazy Kat si svolgeva in un Sudovest surreale.

19 Wile E. Coyote, pertanto, è radicato in un paesaggio culturale anglo-americano, e più precisamente in una tradizione del Sud, dove il trickster era un animale archetipo dei nativi americani, lepre o coniglio, e l Afro-Americano B'rer Rabbit (un ibrido culturale i cui genitori sono entrambi dell Africa occidentale Zomo la lepre, e il coniglio Kalulu dello Zambia, integrati con il trickster dei nativi americani lepre o il coniglio cherokee che costituiscono la base sia di B'rer Rabbit che di Bugs Bunny). Infatti, molti studiosi vedono nel Bugs Bunny della Warner Bros, "forse la migliore approssimazione di successo del trickster del folclore che la nostra cultura anglo-americana abbia prodotto" (Bright 1993), il vero trickster del cartone animato.

20 Nonostante la sua evidente origine angloamericana, o forse proprio per questo, il nostro coyote del fumetto, è stato considerato dai "critici etnografici" come una parodia di tradizioni dei Nativi Americani, peggio una profanazione di esso da parte, della vampira società mainstream. Eppure, il trickster è un archetipo che abbiamo trovato in tutto il mondo sin dalla preistoria. Se si considerano solo le tradizioni europee il truffatore è nella mitologia greca, come Hermes, in favole Esopo e nella commedia latina, nei miti tedeschi / scandinavi, nei fabliaux francesi medievali, e in particolare nel Roman de Renard, nei folletti, puck, leprechauns e simili, nelle fiabe europee fino allo Zanni il personaggio comico nella Commedia dell'arte. Renart - Goupil Puck Leprachaun Zanni- Capitan Meosquaquara

21 Il Nord Europa dio Loki, in particolare, è considerato il più simile al trickster del Nord America. In un primo momento era visto come un dio imbroglione pazzo ma relativamente benigno, più tardi divenne così temuto che egli non aveva altari dedicati e i popoli del Nord evitavano di pronunciare il suo nome e di adorarlo direttamente. Loki come un dio aiutò a creare gli esseri umani, e diede loro il movimento e il sangue, come una forza della natura rappresenta il fuoco ed il fulmine, mentre il suo "doppio" Thor, l'unico che lo può vincere, rappresenta il tuono. Loki islandese con la sua invenzione: la rete da pesca. Simbolicamente, Thor rappresenta la forza e l'ordine, Loki il disordine e il piacere. Loki è diventato un personaggio dei cartoni animati della Marvel Comics come antagonista di Thor, un trickster nel film The Mask.

22 Pappus Arlecchino dal naso corto Il personaggio comico italiano dello Zanni, che ha avuto origine, secondo alcuni, dalla farsa Atellana sannita, e che storicamente prende in giro i facchini nativi di Bergamo, Lombardia (Nicoll, 1980; Phillips, 1998; Merlini, 2003; Samaritani, 2005 ) è un trickster, le cui caratteristiche sono divise in due personaggi, l'uno furbo (Brighella nella Commedia dell'arte), e uno sciocco ("il stupido", o Arlecchino). Indossavano maschere in cui nasi più o meno lunghi proclamavano la loro maggiore o minore stupidità. Tratti comuni degli Zanni, e soprattutto di Arlecchino, il buffone, sono gli scherzi violenti e ruvidi e un linguaggio rozzo, scatologico ed esplicitamente sessuale, ma studiosi di parte e di vedute ristrette come Ellen Rosenberg sono così ingenui da scrivere che sfidando criteri non-nativi di moralità e comprensibilità, i racconti di Coyote sono spesso ricchi di incesti e travestitismo, di manipolazione di feci e ani che parlano". Brighella Grande Zanni Arlecchino Degli arrabbiatissimi Chaucer and Boccaccio si stanno probabilmente rivoltando nella tomba!! Giangurgolo fallico

23 Infatti, Arlecchino, in particolare, deve il suo nome all unione delle parole tedesche Hölle König (re dell'inferno), tradotto in Helleking e più tardi, nella del Francia 11 secolo in Harlequen. Uno dei diavoli di Malebranche nel canto 21 dell'inferno di Dante è chiamato Alichino. Dobbiamo ricordare che il cappello di Arlecchino è tradizionalmente decorato con una coda di volpe (in seguito anche una piuma), un ornamento ridicolo, ma anche un riferimento alla Volpe, uno dei trickster eurasiatici più famosi (Allardyce Nicoll, 1980; Gambelli, 1972; Zorzi, 1990). Il doppio carattere Zanni / trickster, che è intimamente connesso con i gemelli, è tipico anche di un'altra tradizione del Vecchio Mondo, quella dei caratteri ebraici comici di Schlemiel (maldestro, stupido impacciato) e Schlimazel (sfortunato), ben rappresentati nella letteratura ebraico-americana così come a Hollywood (Pinkford, 1971; Shatzky, 1998). Alichino in Gustave Doré s Inferno. Harlequin mask Yiddish Sories

24 Wile E. Coyote, non è carente di nessuno dei tratti del trickster: egli è sempre affamato, avido, manca di principi morali, è governato dai suoi istinti e desideri, furbo, intelligente, creativo, e in grado di violare i limiti dimensionali ma goffo, curioso, distruttivo, punito per il suo comportamento, limitato dalle leggi della fisica, rappresentata dalla forza di gravità, e del mercato, rappresentata da ACME Inc. Il paesaggio è parte integrante del cartone animato. Le parole di Paolo Radin sono forse la migliore descrizione di Wile E. Coyote: "La stragrande maggioranza di tutti i cosiddetti miti trickster del Nord America dà una spiegazione della creazione del mondo, o almeno la sua trasformazione, e mostra un eroe che è sempre in giro, che è sempre affamato, che non è guidato da normali concezioni del bene o del male, che o sta giocando scherzi a qualcuno o li sta subendo... (Radin, 1956).

25 Wile E. Coyote è sempre rappresentato in uno spazio-tempo mitico nel paesaggio del sudovest, dove le forme delle guglie rocciose e i castelli di pietra sembrano sfidare le leggi naturali, e gli esseri umani esistono solo come "dei pigri", attraverso i loro manufatti (ACME Inc., strade, treni e gallerie, ponti, ecc), responsabili di un paesaggio che Wile E. Coyote contribuisce a modificare. Nel fumetto, il Road Runner è solo una scusa per le attività del trickster: la personalità l'uccello non è minimamente accennata, e la creatura segnala l'inizio e la fine delle azioni del Coyote, il motivo del suo desiderio e, a volte, quando il suo "bip bip" fa scattare il suo nemico, la causa scatenante della rovina di Wile E. Coyote.

26 La causa principale della rovina di Wile E. Coyote, tuttavia, è la sua "curiosità", il suo appetito che lo spinge a sfidare le leggi naturali e di essere da loro umiliato. Anche se è costretto a subire le comiche conseguenze delle sue azioni, trattate la violenza estremamente esagerata tipica dei cartoni animati, come cadere giù da una rupe in un canyon molto profondo, esplodere, essere schiacciato da un enorme masso, ecc Wile E. Coyote sopravvive sempre e inizia di nuovo la sua caccia, prendendo in giro se stesso e il suo pubblico, quando guarda con tristezza e saluta con la mano subito prima di incontrare il suo destino.

27 Per coloro che amano i prodotti puri (che, ovviamente) impazziscono, parafrasando WC Williams da J. Clifford (1988), il povero Wile E. Coyote è solo il prodotto di un bracconiere, che ha rubato un eroe culturale ai nativi americani, e lo ha disneyficato. Ma coloro che amano le contaminazioni culturali e non hanno paura delle trasgressioni, che rifiutano i confini, si rendono conto che Wile E. Coyote è una versione più moderna del trickster, sulla scia prima della tradizione europea e poi euro-americana. Anzi, è così di dominio pubblico in modo che ognuno lo sente proprio, anche in un contesto di guerra, come possiamo leggere nei commenti alcuni blogger: Il nostro momento alla Wile E. Coyote in Iraq.The Stati Uniti, hanno acquistato una coppia di Acme Rocket-Powered Roller Skates usati per $ 200 miliardi da Halliburton che li aveva comprati da Wile E. Coyote a $ 40. (Larry Arnstein, 2006 ). Catturato da militari americani il terrorista più ricercato numero 12, Wile E. Coyote, mentre cercava di attraversare il confine Iraq / Siria martedì a notte tarda. L astuto coyote aveva messo su un bel combattimento con i missili Scud ACME, un incudine ACME da 20 megaton, e dipingendo l'immagine di un tunnel di fuga su roccia sperando di attirare e far spiaccicare le truppe contro la parete rocciosa. (J. Krank 2006)

28 "Se la trasgressione dissacrante è il marchio di fabbrica di Coyote, il diritto d'autore non è proprio adatto a questo personaggio. Coyote & Friends di Harry Fonseca, Ninesan Maidu

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

Gli animali dei cartoni animati di Walt Disney?

Gli animali dei cartoni animati di Walt Disney? ANIMALI in SOCIETA (introduce Maria Luisa Russo) 1 La parola chiave del mio intervento: Maria Luisa introduce da soroptimista presenta: Vita Romana con Barbara Fabiani e la sua storia sociale,con Carmine

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1

trasmettere un messaggio o un insegnamento introdurre un racconto punti... / 1 NOME CLASSE... DATA... Verifica delle conoscenze 1. Chi sono, di solito, i protagonisti delle favole? a animali c uomini b animali umanizzati d oggetti 2. Qual è lo scopo delle favole? a divertire b annoiare

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

Capitolo 2. ORIGINI E CONNOTAZIONI STORICO LETTERARIE DELLE BESTIE MALEFICHE e non facevano altro che ammettere la loro colpa. Oppure erano semplicemente allucinazioni, dovute a particolari sostanze ingerite,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Storia di un burattino

Storia di un burattino Pinocchio Storia di un burattino C'era una volta... -Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori. No ragazzi, avete sbagliato: c'era una volta un pezzo di legno.» (Carlo Collodi, incipit de "Le avventure

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Alcune tipologie di film

Alcune tipologie di film Mattia, IIIE Alcune tipologie di film Nonostante oggi ci siano molti altri apparecchi elettronici che rubano tanto tempo alla gente, i film continuano ad essere ancora visti perché hanno una certa caratteristica:

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

Favole di Animali 2 r o l o D In settimana

Favole di Animali 2 r o l o D In settimana D o l o r 2 Favole di Animali a n a m i t t e In s Volevamo ripassare la storia del jazz ma qualcuno ha fatto cadere delle gocce di bianchetto sulla nostra pagina... Possiamo però riparare allʼaccaduto

Dettagli

arlecchina Questa maschera nasce nel '500' a Parigi. Conosciuta come l'innamorata di Arlecchino, che deve liberarsi da un corteggiatore a cui i parenti vogliono darla in sposa, per poter sposare l'arlecchino

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

LA GRANDE AVVENTURA. dagli 11 anni. Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011

LA GRANDE AVVENTURA. dagli 11 anni. Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011 dagli 11 anni LA GRANDE AVVENTURA Robert Westall Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 74 Pagine: 304 Codice: 978-88-566-4002-1 Anno di pubblicazione: 2011 L autore Scrittore inglese, nato nel 1929

Dettagli

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano».

LA VOLPE E IL GAMBERO. Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». LA VOLPE E IL GAMBERO Una volpe sfidò un gambero: «Facciamo una gara fino a quell albero lontano». «Va bene» acconsentì il gambero. E subito dopo urlò: «Pronti, via!». La volpe si mise a correre, il gambero

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Anno scolastico 2011-2012

Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO SCUOLA DELL'INFANZIA DON MILANI BUDRIO Anno scolastico 2011-2012 Chi ha paura del lupo cattivo? Tutto è già cominciato prima, la prima riga della prima pagina di ogni racconto si riferisce a qualcosa

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

William ( big Bill ) Corsaro

William ( big Bill ) Corsaro William ( big Bill ) Corsaro Corsaro, W.A. Giochi di bambini. Riproduzione interpretativa e culture dei pari in: Belotti, V. La Mendola, S. Il futuro nel presente. Per una sociologia dei bambini e delle

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

GIOCHI DI CARTE E DI BIRILLI

GIOCHI DI CARTE E DI BIRILLI Ciclo «La Fiaba Necessaria» Laboratorio di traduzione dai Fratelli Grimm Casa di Goethe GIOCHI DI CARTE E DI BIRILLI Analisi e confronto delle traduzioni della fiaba dei fratelli Grimm TRAMA GIOCHI DI

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

Che cosa sono le fiabe

Che cosa sono le fiabe LE FIABE Percorso semplificato sulla fiaba per alunni non italofoni Prof.ssa Calcagno Valeria Laboratorio italiano L2 a. s. 2014-2015 Scuola media Forlanini Ic Rovani Sesto san Giovanni Il percorso Descrizione

Dettagli

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce!

I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce! I Rapporti Alternativi nelle Letture di Cayce *** Una delle controversie più forti di questi tempi sul sesso, forse anche di tutti i tempi, riguarda la ricerca di relazioni sessuali al di fuori del matrimonio.

Dettagli

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini

CRE UGOLINI. Giacomo Pulcini CRE UGOLINI Giacomo Pulcini Giacomo Pulcini è un pasticcione nato! Piccoli errori ed equivoci lo hanno accompagnato per tutta la sua vita. Questi errori, però, chissà come, lo hanno sempre portato a ritrovarsi

Dettagli

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe STORIA DELLA VIOLENZA Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe Storia della violenza Analisi e utilizzo delle immagini come fonti storiche Nella lezione

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla La Paura questa ben nota sconosciuta ovvero l attacco di panico. Un segnale spaventoso e terrificante Ma, a ben vedere, altrettanto vitale e tonificante!! Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo

Dettagli

Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza.

Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza. Emozione: Risposta affettiva a situazioni oggettive o a stati soggettivi che turbano profondamente la coscienza. Le emozioni esercitano una forza incredibilmente potente sul comportamento umano. Le emozioni

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Elenco videocassette didattiche per ragazzi

Elenco videocassette didattiche per ragazzi Elenco videocassette didattiche per ragazzi SOGGETTO VDR TITOLO INV. Preistoria Cartone animato 1 C era una volta l'uomo - Nasce la terra 101479 Storia Cartone animato 1 C era una volta l'uomo - Nasce

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014 Circoli di lettura genitori Ciliegie Anno scolastico 2013-2014 CILIEGIE Circoli lettura genitori Istituto comprensivo di campomaggiore In questo anno scolastico 2013-2014, i genitori degli alunni sono

Dettagli

Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Scuola Infanzia

Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Scuola Infanzia Scuola Infanzia Traguardi di competenza Obiettivi linguistici e comunicativi. Obiettivi culturali. Obiettivi: Potenziare l ascolto, la comprensione e la produzione in lingua friulana. Potenziare le capacità

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped.

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. Docente: prof.ssa Rita Paolicelli Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò il cielo si tinse

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione

Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Guardate queste immagini Università degli Studi di Milano Cognizione, linguaggio e diritti degli animali Introduzione Sandro Zucchi 2012-13 S. Zucchi: Cognizione, linguaggio e diritti degli animali 12-13

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni

Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo in Ferrara Studi Biblici e Riflessioni Chiesa di Cristo, Via Paglia 37, Ferrara Telefono: 0532 760138 http://www.chiesadicristofe.org NOTA: Iniziamo la presente serie con brevi puntualizzazioni

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. V La globalizzazione della comunicazione)

Analisi dei media. Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. V La globalizzazione della comunicazione) Analisi dei media Parte seconda - La teoria sociale dei media di J. Thompson (Cap. V La globalizzazione della comunicazione) (Selezione di diapositive) La globalizzazione della comunicazione 1. Emergere

Dettagli

QUARTO INCONTRO 3 DICEMBRE 2015 CHIAMATO A GUARDARE UN ALTO NESSUNO SA SOLLEVARE LO SGUARDO...COME POTREI ABBANDONARTI

QUARTO INCONTRO 3 DICEMBRE 2015 CHIAMATO A GUARDARE UN ALTO NESSUNO SA SOLLEVARE LO SGUARDO...COME POTREI ABBANDONARTI QUARTO INCONTRO 3 DICEMBRE 2015 CHIAMATO A GUARDARE UN ALTO NESSUNO SA SOLLEVARE LO SGUARDO...COME POTREI ABBANDONARTI 11, 1 Quando Israele era fanciullo, io l ho amato e dall Egitto ho chiamato mio figlio.

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

3 anno TESTA DURA MA... GENIALE AL TEMPO DEI DINOSAURI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 112

3 anno TESTA DURA MA... GENIALE AL TEMPO DEI DINOSAURI. AUTORE: N. Vittori. APPROFONDIMENTI: N. Vittori. ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 112 3 anno UN TUFFO NELLA STORIA scuola primaria TESTA DURA MA... GENIALE AL TEMPO DEI DINOSAURI AUTORE: N. Vittori APPROFONDIMENTI: N. Vittori ILLUSTRAZIONI: Caba e Chesi PAGINE: 112 PREZZO: 7,00 ISBN: 978-88-472-0638-0

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Contenuti Multimediali per i libri scolastici Società Editrice Dante Alighieri. Riflettere

Contenuti Multimediali per i libri scolastici Società Editrice Dante Alighieri. Riflettere Riflettere Il Mito ieri e oggi La poesia definita epica racconta storie e leggende che fanno parte del cosiddetto patrimonio mitico. Un mito, dal greco mythos - racconto, è una narrazione di avvenimenti

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Caratteri Sessuali Terziari

Caratteri Sessuali Terziari Caratteri Sessuali Terziari Sintesi della ricerca svolta in classe Introduzione La professoressa Busdraghi e la professoressa Palazzi ci hanno proposto una ricerca sui caratteri sessuali terziari, per

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI

Secondo Convegno Volontari in Africa VOLONTARI Secondo Convegno Volontari in Africa di Chiara Giusto, Volontaria VIS Dal 13 al 17 gennaio a Nairobi è stato organizzato dai Dicasteri per la Pastorale Giovanile e per le Missioni della Congregazione salesiana

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli