Periodico d informazione per diabetici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico d informazione per diabetici"

Transcript

1 Periodico d informazione per diabetici Settembre,Ot tobre, Novembre, Dicembre 2010 Anno1 N 2 Periodico d informazione quadrimestrale, Direttore Responsabile Mapelli Felice. Editore, Via Donizetti 106, Monza, presso Ospedale San Gerardo Villa Serena 2 piano, tel 039/ Iscrizione regionale del volontariato sezione sociale N 913 del 6\3\92 Onlus.Stampato in proprio. Autorizzazione del Tribunale di Monza N 1976 DEL 26\2\2010 Spedizione POSTE ITALIANE Spa in abbonamento postale D.l.353\2003 (conv.in L.27\2\04) Art.1 Comma 2 Lo\Mi EMOGLOBINA GLICATA: UN TEST DA AGGIORNARE Da quando, nell ormai lontano 1971, L.A. Trivelli,H.M.Ranney e H.T.Lai isolarono una frazione emoglobinica la cui concentrazione risultava aumentata nei soggetti diabetici rispetto ai controlli normali si aprì, nel campo della diagnostica del diabete, un fertile terreno di ricerca che mise a disposizione degli specialisti del settore un potente strumento per il controllo glicometabolico dei loro pazienti:l emoglobina glicata. Per una decina abbondante di anni iniziò una prudente sperimentazione clinica accompagnata di pari passo da continui miglioramenti metodologici. Da quando gli studi prospettici a lungo termine e su rilevante base statistica DCCT ed UKPDS hanno dimostrato senza ombra di dubbio che il mantenimento di un adeguato controllo glicemico diminuiva significativamente le complicanze micro vascolari del diabete ed, assieme al controllo di altri fattori di rischio, anche quelle macrovascolari l emoglobina glicata diventò un elemento irrinunciabile nell armamentario del diabetologo. CHE COS E L EMOGLOBINA GLICATA? L emoglobina e una proteina globulare, contenuta in concentrazione elevata all interno del globulo rosso (emazia), la cui funzione principale (ma non unica) è quella di pigmento di trasporto dell ossigeno dagli alveoli polmonari ai tessuti (in misura minore di quello dell anidride carbonica nel senso opposto). La vita media di una emazia è di giorni ed anche la molecola dell emoglobina subisce un processo demolitivo con recupero dei suoi atomi di ferro. Durante la vita del globulo rosso la concentrazione di glucosio del plasma si mette in equilibrio con quella del medium all interno dell emazia che bagna le molecole dell emoglobina. L emoglobina a contatto con il glucosio lo lega con una reazione non enzimatica lenta chiamata glicazione : il prodotto che ne deriva è denominato emoglobina glicata. La esposizione dell emoglobina ad incrementi rapidi e transitori della glicemia non è in grado di determinare un legame stabile tra proteina e glucosio,mentre una variazione stabile nel tempo influenzerà il valore dell emoglobina glicata. Questo è il motivo per cui l emoglobina glicata è un indice accurato della glicemia media sul lungo periodo. La glicazione non enzimatica non è peculiare della sola emoglobina, ma di tutte le proteine : le proteine glicate del plasma (in particolare Segue a pag 2

2 Pag 2 l albumina) determinate con il test fruttosamina, avendo una vita media di circa 2-3 settimane, sono utili per il controllo del diabete a breve termine, mentre le proteine glicate tissutali molto più stabili dell emoglobina sono esposte a processi ulteriori di degradazione costituendo i cosiddetti AGE (advanced glication end products) responsabili in combinazione con altri fattori delle complicanze del diabete. VANTAGGI E LIMITI D USO Il diabetologo (e il medico di medicina generale) nella valutazione periodica dell equilibrio metabolico del suo paziente utilizza particolarmente le indicazioni ottenute dai dati delle glicemie orarie, del monitoraggio domiciliare del glucosio e dell emoglobina glicata. La glicemia è un dato puntiforme, il test è poco costoso e caratterizzato da una buona attendibilità analitica,ma una meno buona variabilità biologica intra ed interindividuale. La glicosuria è pure un esame poco costoso,dà un informazione sulla glicemia media nel periodo di raccolta delle urine ma è insensibile alle ipoglicemie ed a valori glicemici inferiori alla soglia renale. L Emoglobina glicata ( HbA1c è la sigla ufficiale raccomandata dalle società scientifiche) ha il vantaggio di essere un indice attendibile della glicemia media degli ultimi giorni (anche se il primo mese sembra incidere maggiormente sul valore riscontrato) e non richiedere il digiuno; inoltre nel campione di sangue è stabile nel tempo (più di 7 giorni in frigorifero), la performance analitica con metodi standardizzati è buona come pure la variabilità biologica ed è correlata al al rischio di complicanze micro e macroangiopatiche. Quest ultima caratteristica riscontrata negli studi DCCT ed UKPDS ha permesso di fissare obiettivi terapeutici secondo i quali soggetti con valore di glicata inferiore a 7% sono considerati in buon equilibrio glicometabolico, mentre per quelli con valore superiore ad 8% è consigliabile una rivalutazione della terapia. La premessa è che le determinazioni di HbA1c avvengano con metodiche allineate al metodo di riferimento DCCT. Esistono peraltro condizioni in cui il dato di HbA1c perde di significato o rischia di essere confondente. Si tratta sia di situazioni legate a diminuzione della vita media delle emazie ( come le perdite emorragiche acute e croniche) che le emoglobinopatie, il diabete di 1 tipo in rapida evoluzione, l alcolismo cronico etc.. Alcune metodiche sono meno sensibili ad alcuni interferenti (principalmente le varianti emoglobiniche), ma in genere si preferisce sostituire il dosaggio di HbA1c con quello della fruttosamina anche se quest ultimo oltre a monitorare tempi più brevi non è a sua volta immune da limitazioni. LE NOVITA Gli studi DCCT ed UKPDS avevano valorizzato il ruolo dell HbA1c ( e di conseguenza della glicemia media giornaliera GMG) come indice importante cui far riferimento nella prevenzione delle complicanze del diabete. Era stata anche prodotta un equazione da cui

3 Pag 3 si era ricavata una pratica tabella che faceva corrispondere ad un valore determinato di glicemia media giornaliera il corrispondente di HbA1c. Così, ad esempio, ad un valore di HbA1c di 7 % corrisponde una GMG di 170 mg/dl ed ogni aumento di glicata di 1% corrisponde ad un incremento di 35 mg/dl della GMG. L utilizzo in combinazione dell autocontrollo glicemico e di HbA1c, oltre naturalmente all introduzione di significative innovazioni nel trattamento del soggetto diabetico e all opera educativa e terapeutica dello specialista sanitario, hanno permesso al diabetologo di migliorare la qualità di vita del paziente e di indurre comportamenti virtuosi nati da una maggior consapevolezza che questi ha della propria condizione e probabilmente di abbattere le ingenti spese sanitarie legate all insorgenza delle complicanze micro e macrovascolari. E quindi chiaro perché ogni soggetto diabetico dovrebbe conoscere il valore della propria HbA1c, potrà sfruttare la conoscenza del dato per mettere in atto quei provvedimenti utili a prevenire o ritardare le complicanze. Sul versante HbA1c tuttavia restavano alcuni problemi importanti da risolvere : la creazione di un metodo e di uno standard di riferimento definitivi per permettere una standardizzazione dell esame nei laboratori del mondo. Particolare importanza viene data allo standard che risulta specifico per l emoglobina glicata e proprio la messa a disposizione di una molecola unica, le cui caratteristiche sono perfettamente definite, ha portato a quella che è la più rilevante novità che interesserà anche il soggetto diabetico: il cambio delle unità di misura e di conseguenza i valori di riferimento ed i target terapeutici. Lo studio commissionato all IFCC (International Federetion of Clinical Chemestry and Laboratory Medicine) è giunto al suo epilogo ed i risultati sono in via di attuazione. Trattandosi di una novità di grande impatto sulla gestione della salute pubblica non è pensabile che venga introdotta senza le opportune cautele. Infatti è previsto che a partire dal 2010 nei referti dell HbA1c i laboratori introducano le nuove unità di misura mmol/mol coerenti con il sistema SI (Sistema Internazionale) a fianco di quelle allineate al sistema DCCT. Con il 2012, quando oramai diabetologi e pazienti avranno familiarizzato con il nuovo sistema, i valori di HbA1c saranno espressi nel sistema IFCC mmoli di emoglobina glicata per mole di emoglobina totale. La tabella esemplifica il rapporto tra i valori di HbA1c nelle nuove e vecchie unità. Tabella Correlazione tra i valori dell HbA1c in unità derivate %e in unità mmol/mol HbA1c valori attuali HbA1c valori nuovi (allineati al DCCT) (allineati all IFCC) % mmol/mol 4,0 20 5,0 31 6,0 42 7,0 53 8,0 64 9, ,0 86 Segue a pag4

4 Pag 4 Come si può osservare l aumento di 1% di HbA1c nelle unità DCCT corrisponde alla variazione di 11 mmol/mol,quindi un punto decimale in prima approssimazione corrisponderebbe ad 1 mmol/mol es. una HbA1c di 7,3% corrisponde circa a 56 mmol/mol.nel nuovo sistema. Chi desiderasse un valore più accurato può utilizzare la seguente equazione: IFCC HbA1c (mmol/mol) = (DCCT HbA1c% - 2,15) * 10,929 Così nell esempio citato prima un valore di glicata di 7,3% corrisponderà nelle unità IFCC a: ( 7,3-2,15 ) * 10,929 = 5,15 * 10,929 = 56,28 mmol/mol. Cosa comporta in pratica questa innovazione? Innanzitutto si fa riferimento ad una molecola standard perfettamente identificata,ma questo se è importante da un punto di vista puramente metrologico non lo è dal punto di vista del paziente diabetico, in seconda battuta la scala di misura si è espansa di 10 volte e questo permetterà di valutare al meglio l importanza di un dato che, essendo prima espresso sotto forma di frazioni decimali, poteva sfuggire e da ultimo, ma di estrema importanza, un valore di HbA1c refertato a Milano avrà lo stesso significato per il medico di Tokio che lo leggerà di quello prodotto in un laboratorio della sua città. Per poter disporre di un dato efficace è importante che ogni paziente diabetico faccia riferimento ad un laboratorio che utilizzi una metodica e dei valori di riferimento secondo le raccomandazioni delle Società Scientifiche Internazionali. Andranno ora rivalutate alla luce dei nuovi valori di riferimento le correlazioni tra emoglobina glicata e sviluppo di complicanze emerso dai due grandi studi prospettici citati e ricalcolate su una base statistica ampia ed articolata quelle tra i valori di HbA1c e GMG. Va detto che anche in questo caso uno studio preliminare è già stato fatto, ma i risultati per il momento non sono utilizzabili ed infatti le società scientifiche sconsigliano di introdurre nei referti di laboratorio in modo automatico anche questo dato. In realtà il dato GMG come tutti quelli di correlazione, a meno che la significatività statistica sia altissima, se applicato al singolo individuo va valutato comunque con una qualche cautela. La seconda grande novità che riguarda l HbA1c viene dall ADA la società dei diabetologi americani con il sostegno dell IDF ( International Diabetes Federation): l uso del suo valore nella diagnosi di diabete. Ferme restando le condizioni di non utilizzo di HbA1c nei casi riportati precedentemente, un valore di HbA1c maggiore od eguale a 6,5% DCCT e riconfermato su un secondo prelievo viene considerato diagnostico di diabete mellito. La pubblicazione è recente e su di essa si devono misurare le società scientifiche europee e l organizzazione mondiale della sanità,ma comunque era da tempo che l argomento era in fase di sviluppo. Ai tre criteri utilizzati nella diagnosi di diabete: glicemia plasmatica a digiuno maggiore od uguale a 126 mg/dl (riconfermata), un valore maggiore di 200 mg/dl alla seconda ora dopo carico di glucosio, un valore maggiore di 200mg/dL in presenza di sintomatologia specifica si aggiunge quello di HbA1c maggiore od uguale a 6,5 in un Segue a pag 5

5 Pag 5 prelievo venoso indipendentemente dallo stato di digiuno. Per prendere confidenza con i nuovi valori di riferimento potremo utilizzare i dati di precedenti misurazioni dell emoglobina glicata e trasformarli nelle nuove unità di misura utilizzando la tabella riportata o l equazione già discussa. Buon Lavoro! Albatros Progetti e impegni della nostra associazione BORSA di STUDIO In data il Consiglio Direttivo, oltre all approvazione del Bilancio Consuntivo, ratificato dall Assemblea dei Soci, anno e Preventivo anno , ha deliberato di conferire una borsa di studio di ,00 ad un laureato specializzando dell U.D. dell Azienda Sanitaria San Gerardo di Monza. La delibera rispetta la finalità Istituzionale dell Associazione e le direttive dell agenzia Generale delle Entrate per la destinazione del 5 per mille. Infatti, grazie alla scelta degli associati, che hanno destinato negli anni: 2006, 2007, 2008, il 5 per mille a favore dell Associazione, ci sono stati erogati dall Agenzia delle Entrate 7.500,00. GIORNATA MONDIALE DIABETE 13 e 14 novembre 2010 E diventata una manifestazione importante a livello mondiale. Anche la nostra Associazione sarà presente per diffondere l importanza della prevenzione e della cura che ogni diabetico deve fare per non incorrere nelle conseguenti complicanze. SEMINARIO SUL DIABETE 27 novembre 2010 Dalle ore 10,30 alle ore 16,00 presso un ristorante di Monza ( il nome verrà segnalato), faremo la consueta giornata, nel corso della quale inviteremo esperti di: corretta alimentazione e di aggiornamenti terapeutici. Vi invitiamo caldamente a partecipare. SETTIMANA di VACANZA E STUDIO a San Pellegrino Terme Vedi per i dettagli a pag 11

6 Pag 6 La patente e il diabete Ha suscitato notevole interesse la notizia riguardante la patente pubblicata sul primo numero del nostro giornalino. Tranquillizziamo i soggetti con diabete alla guida in quanto risultano, da studi effettuati, essere molto meno pericolosi di altri, basta attenersi alla linea GUIDA che accerta e valuta la capacità alla guida dei soggetti affetti da diabete per il conseguimento, la revisione o conferma delle patenti di categoria A,B,BE. La persona diabetica dovrà rivolgersi al Diabetologo operante presso la struttura pubblica, munito degli accertamenti ed esami strumentali previsti, ( vedi fac-simile U.O.S.Diabete e Malattie Metaboliche di Monza Resp. Dr.F.Paleari ) che valuterà le condizioni cliniche che indicano o controindicano la possibilità per il singolo diabetico di guidare un autoveicolo. Avuto il certificato diabetologico lo presenterà all ufficio dell Unità Sanitaria locale competente, ( anche presso autoscuola)per il definitivo SCHEDA DI VALUTAZIONE DIABETOLOGICA PER IL RILASCIO E IL RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA Si attesta che il/la Sig./Sig.ra nato a il / / è affetto da diabete mellito dal CLASSIFICAZIONE TERAPIA IN ATTO Tipo 1 Tipo 2 Altri tipi COMPLICANZE ACUTE (eventi dell ultimo anno) Non ha presentato complicanze acute Ha presentato le seguenti complicanze acute: Ipoglicemia grave non preceduta da sintomi Ricoveri per coma ipoglicemico Chetoacidosi diabetica N. episodi N. episodi N. episodi COMPLICANZE CRONICHE Non presenta complicanze croniche Presenta le seguenti complicanze croniche: RETINOPATIA Background Proliferante NEFROPATIA Microalbuminuria Macroalbuminuria IRC NEUROPATIA sensitivo-motoria autonomica COMPLICANZE CARDIOVASCOLARI

7 Pag 7 giudizio da parte del medico autorizzato, il quale al termine dei prescritti accertamenti, in VALUTAZIONE del COMPENSO METABOLICO (riferito agli ultimi 3 mesi) presenza di requisiti psico-fisici prescritti conferma la validità della patente, dandone Data dell esame --/--/-- comunicazione alla Motorizzazione, oppure in presenza di complicanze che possano rendere Hb GLICATA a rischio (HbA1c) la guida, (v.n. invia 6.5%) la persona alla GLICOSURIA Commissione [NO] [SI] Medico [OCCASIONALE] Legale Provinciale. GlICEMIA a digiuno mg/dl CHETONURIA [NO] [SI] [OCCASIONALE] Le proposte di massima per la durata della validità della patente di guida sono. GLICEMIA Per post-prandiale il rischio BASSO mg/dl : 10 anni per età inferiore ai 50 anni, 5 anni per età ESAMI STRUMENTALI superiore ai 50 anni, 3 anni per età superiore ai 75 anni ECG: data --/--/-- conclusioni: Fundus oculi: Per il rischio MEDIO: data --/--/-- 5 anni per conclusioni: età inferiore ai 50 anni, 3 anni per età Fluorangiografia: superiore data ai 50 anni, == 1-2 anni per età conclusioni superiore ai 75 anni Laserterapia: [NO] [IN CORSO] [ESITI STABILIZZATI] Per il rischio ELEVATO deciderà la Commissione. La Motorizzazione annota, sul VALUTAZIONE documento DIABETOLOGICA di guida, gli estremi dell avvenuto rinnovo e della giudizio nuova sulla data qualità di del scadenza. controllo Non glicemico, occorre che quindi influenza fare direttamente altro, ma semplicemente la velocità di progressione attendere che delle dalla complicanze Motorizzazione croniche arrivi il tagliando autoadesivo da applicare in uno degli spazi vuoti della patente. Il tagliando è contrassegnato con il numero della patente ed è valido adeguato non adeguato se applicato alla stessa. Buona guida! giudizio complessivo circa la frequenza e la capacità di gestione delle ipoglicemie buono accettabile scadente giudizio sul profilo attribuibile in relazione al RISCHIO PER LA SICUREZZA DELLA GUIDA basso si propone il rinnovo per anni medio elevato Nino. limitatamente a quanto concerne la patologia diabetica e delle complicanze riscontrate si ravvisa opportunità di limitare il rinnovo a il tipo e l entità di complicanze risultano tali da comportare un elevato rischio alla guida Il Medico Addetto giudizio da parte del medico autorizzato, il quale al termine dei prescritti accertamenti, in presenza di requisiti psico-fisici prescritti conferma la validità della patente, dandone comunicazione alla Motorizzazione, oppure in presenza di complicanze che possano rendere a rischio la guida, invia la persona alla Commissione Medico Legale Provinciale. Le proposte di massima per la durata della validità della patente di guida sono. Per il rischio BASSO : 10 anni per età inferiore ai 50 anni, 5 anni per età superiore ai 50 anni, 3 anni per età superiore ai 75 anni Per il rischio MEDIO: 5 anni per età inferiore ai 50 anni, 3 anni per età superiore ai 50 anni, 1-2 anni per età superiore ai 75 anni Per il rischio ELEVATO deciderà la Commissione. La Motorizzazione annota, sul documento di guida, gli estremi dell avvenuto rinnovo e della nuova data di scadenza. Non occorre quindi fare altro, ma semplicemente attendere che dalla Motorizzazione arrivi il tagliando autoadesivo da applicare in uno degli spazi vuoti della patente. Il tagliando è contrassegnato con il numero della patente ed è valido se applicato alla stessa. Buona guida! Nino.

8 Pag 8 Ottenere l invalidità civile Il diabete rientra nelle patologie considerate invalidanti. L invalidità comporta alcuni vantaggi che dovrebbero compensare le limitazioni poste dall "handicap, tra questi l inserimento nelle liste di collocazione obbligatoria Secondo la legge n. 68 del 12 marzo 1999, le aziende devono riservare alcuni posti di lavoro alle persone disabili. Le quote sono stabilite in base al numero complessivo dei dipendenti. Si rientra nella legge quando si ha un grado di disabilità superiore al 33%. Il diabete mellito è considerato tra le patologie invalidanti per cui è possibile presentare la domanda di invalidità civile. Le leggi relative sono la n 118 del 30 marzo 1971 e il DM n 43 del 5 febbraio Sostanzialmente, queste leggi riconoscono tre classi di invalidità legate al diabete: Diabete mellito tipo 1 o 2 con complicanze micro-macroangiopatiche con manifestazioni cliniche di medio grado. Grado di invalidità: 41-50% Diabete mellito insulino-dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante terapia. Grado di invalidità: 51-60% Diabete mellito complicato da grave nefropatia e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva. Grado di invalidità: % Le definizioni sono piuttosto generiche e lasciano molta discrezione alla commissione che valuta la domanda di invalidità: ne consegue che l ottenimento dell invalidità, soprattutto per chi si trova in una condizione intermedia di gravità, è a discrezione della commissione. L invalidità comporta: diritto all inserimento nelle liste per la collocazione obbligatoria elevazione nei limiti di età nei concorsi pubblici diritto ad ottenere mansioni compatibili con l infermità invalidante maggiori garanzie per la conservazione del posto eventuale diritto ad alcune forme di sovvenzionamento diritto per i parenti a particolari agevolazioni per permettere l assistenza al paziente (legge n. 104/1992) precedenza nell assegnazione della sede di lavoro (legge n. 104/1992) fonte:http://www.community.picindolor.com/i-tuoi-diritti/le-leggi/avere-il-diabete-un-handicap-.htm Si segnala che dal 1 Gennaio2010 sono entrate in vigore le nuove regole per la presentazione della domanda di accertamento dell invalidità civile, dell handicap e della disabilità introdotta dall art. 20 del decreto anticrisi (D.L. 78 del 1 luglio 2009 convertito in legge dalla L. 102 del 3 agosto 2009). Nello specifico, dal 1 gennaio 2010 la domanda per l accertamento dell invalidità civile dovrà essere presentata direttamente all Inps (e non più alla ASL). Si segnala inoltre che è stato abrogato il comma della finanziaria che prevedeva l innalzamento, dal 1 giugno 2010, dal 74% all'85%, il limite per accedere al beneficio economico dell'assegno mensile di invalidità civile.la percentuale minima ritorna quindi ad essere quella del 74%,.Verrà comunque attuata una stretta sulle invalidità meno gravi ed aumentato il numero di verifiche previste dal piano straordinario di controllo sulle invalidità. Se necessiti di assistenza rivolgiti all Associazione Diabeti, cercheremo di aiutarti!

9 Pag 9 I benefici di una camminata Una ricerca del Dipartimento di Medicina Interna dell Università di Perugia, presentata al XXXI congresso nazionale della Società Italiana di Endocrinologia, rivela che camminare ogni giorno per circa 4 km permette a chi è affetto da diabete tipo 2 di incrementare l efficacia della cura, apportando una sensibile riduzione delle spese sanitarie e sociali. La ricerca, coordinata dal professor Pierpaolo De Feo, ha preso in esame 179 pazienti diabetici di tipo 2, monitorati per un arco di tempo pari a 2 anni. I pazienti sono stati ripartiti in sei gruppi omogenei per sesso, età, periodo di affezione diabetica. I gruppi risultavano al contempo disomogenei per impegno fisico. Al termine del periodo di monitoraggio, il gruppo dei pazienti che spendevano meno energia non ha mostrato variazioni nei valori di riferimento della patologia diabetica, mentre si è alzata la spesa per le cure. Il campione abituato a una spesa energetica leggera è risultato in miglioramento per ciò che concerne la pressione, che si è abbassata. I quattro gruppi campione restanti, abituati ad attività fisiche di media o alta entità hanno goduto di un miglioramento deciso, mentre risultava abbassarsi notevolmente la spesa per le cure diabetiche. I miglioramenti riguardano in generale il drastico abbassamento della pressione, del peso (in media 3 kg in meno), di glicemia (20% in meno), dei grassi nel sangue (un terzo in meno) e, conseguentemente, del rischio di infarto (del 15% inferiore). Fonte Il diabete e l invalidita. Appello! E pervenuta alla redazione del nostro giornalino la richiesta di inserire una rubrica dedicata a tutte le questioni di natura giuridica legate alla patologia del diabete, come per esempio l invalidità civile, pensioni, indennità di accompagnamento, la legge 104\92, mobbing ed in generale la tutela del malato. La redazione lancia quindi un appello volto alla ricerca di un volontario pensionato, laureato in giurisprudenza, che abbia esercitato la professione, specializzato in diritto previdenziale, disposto a svolgete attività di consulenza legale, gratuitamente per i nostri associati. A pag 8 leggi un articolo tratto da un sito per diabetici che tratta il problema dell invalidità Sede e orario apertura Via Donizetti 106, Monza, presso Ospedale San Gerardo, Villa Serena 2 piano. Tel e fax 039/ Apertura sede ogni Martedi dalle 9.30 alle 11.30

10 Pag 10 Dopo 15 anni l antidiabetico ACARBOSIO passa in fascia A - Finalmente gratuito! Un noto farmaco anti diabete sarà gratuito anche in Italia dopo 15 anni. E stato dunque necessario più di un decennio per avere quello che i diversi Paesi europei già distribuivano da tempo. Si tratta del principio attivo acarbosio, che è una delle opzioni per trattare il diabete di tipo II, anche se il farmaco di riferimento per questa malattia resta la metformina. Fino a poco tempo fa, spiega Lorenzo Mantovani, farmaco-economista dell'università Federico II di Napoli, in Italia la terapia con acarbosio costava al paziente 1,05 euro al giorno, pari a circa euro ogni 10 anni di terapia. Adesso, con l'approvazione del farmaco in fascia A, ovvero in totale rimborso con il Servizio sanitario, il farmaco costa circa euro ogni 10 anni, pari a 0,60 euro al giorno, ma per il malato è gratis. Secondo l esperto la stima è che questo costo sia in equilibrio con le complicanze della patologia, che si riducono grazie all'uso del farmaco. In pratica, il paziente guadagna circa 4 mesi in più libero dalla malattia e dalle sue complicanze per ogni 10 anni di terapia con il farmaco. Il dato è tanto più interessante se si considera che mentre nel 1998 il diabete pesava sulle casse dello Stato per circa 5 miliardi di euro, oggi le stime parlano di 11 miliardi di euro. Le cifre sono state diffuse dal presidente della Societa' italiana di diabetologia, Paolo Cavallo Perrin, alla conferenza stampa 'Diabete: quando efficacia ed economicita' vanno a braccetto'. Il diabete colpisce 7 italiani su 100, con costi per il Sistema sanitario nazionale che sono piu' che raddoppiati nell'ultimo ventennio. Dodici anni fa, infatti, il diabete pesava per il 6,7% della spesa totale sanitaria, oggi per circa il 10%. Fonte: Maria Luigia Mottes,Presidente A.D.P.Mi. Onlus e Coordinamento Lombardia Associazioni Diabetici Svelato il legame tra diabete e infiammazione delle gengive Uno studio condotto da ricercatori dell'universita' di Edimburgo ha trovato un collegamento tra il diabete e l'infiammazione cronica delle gengive, la parodontite. Curarla, affermano i ricercatori, aiuta a ridurre i livelli di zucchero nel sangue. Lo studio, pubblicato sul network di informazione medico-scientifica Cochrane Collaboration, ha permesso di stabilire il nesso minimo, ma significativo. La causa scatenante di tutto ciò potrebbero essere gli stessi batteri che provocano l'arretramento delle gengive, la cui azione influenzerebbe anche l'efficacia dell'insulina nel controllo degli zuccheri Fonte: Maria Luigia Mottes,Presidente A.D.P.Mi. Onlus e Coordinamento Lombardia Associazioni Diabetici

11 Pag 11 Settimana di Vacanza e studio a San Pellegrino Terme HOTEL BIGIO Dal 26 settembre al 3 ottobre 2010 Conferenze e aggiornamenti sulle problematiche del diabete in collaborazione con l unità diabetologia dell Ospedale San Gerardo di Monza. Iscrizioni entro il 20 Luglio, telefonando in sede, tutti i Martedì dalle 9.30 alle 11.30, oppure al N Felice Mapelli. La quota di adesione per ciascun socio partecipante è di.25 al giorno, purchè abbia effettuato o rinnovato l iscrizione con il versamento della quota associativa annuale di 15. La quota di partecipazione per un familiare è di 55 al giorno, E previsto un trattamento di pensione completa (bevande della casa comprese) con sistemazione in camera doppia. Per la camera singola è previsto un supplemento di 8, anche per i soci. Decalogo della società italiana di diabetologia Dal XXIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Diabetologia (Sid), tenutosi a Padova dal 9 al 12 giugno, arriva il monito degli esperti che pubblicano le nuove linee guida, sul diabete che con l estate non va in vacanza. Uno stile di vita sano è il primo passo per curare il diabete. Questo il decalogo SID: In vacanza fai più movimento (nuoto, ballo, giardinaggio) Perdi qualche chilo di troppo Prima o durante l attività fisica concediti un gelato o una bibita Durante l attività fisica porta con te qualche caramella per evitare spiacevoli cadute zuccherine Preferisci pasti leggeri a base di verdure e pesce, consuma frutta con meno zuccheri Bevi acqua, tè e caffè non zuccherati Proteggi i piedi con scarpe chiuse, non camminare a piedi nudi o con infradito Evita nuotate ed escursioni da solo Controlla spesso la glicemia Conserva i farmaci in luogo fresco come una borsa frigo Fonte: Sid (Società italiana di diabetologia) Chi ha il diabete non dovrebbe fumare Al diabete corrisponde un rischio molto alto di ictus e infarti. Lo stesso vale per il fumo. Chi, avendo il diabete non smette di fumare, praticamente prenota un appuntamento con le complicanze oltre a perdersi diversi piaceri della vita. Vedi Modus n. 33, e leggi l articolo

12 Pag 12 Fotografia di Carlo Barbafiera, ritrae un momento tipico dello screening, Lissone 23\5\10 Calendario delle attività SCREENINGS GLICEMICI 2009 Tra le attività promosse tradizionalmente dalle Associazioni dei Diabetici particolare rilevanza assumono le indagini di massa svolte nell ottica di sensibilizzare la popolazione su una patologia largamente sottovalutata, ma insidiosa, e presente in un non trascurabile numero di soggetti in forma sommersa. Anche la nostra Associazione opera nel territorio con analogo fine. Nel corso dell anno 2009 sono stati organizzati rilevamenti nei seguenti comuni della provincia : Giussano, Biassono, Lissone, Vedano al Lambro e Monza. I soggetti, volontari, suddivisi in diabetici e non,venivano sottoposti a prelievo per misurazione della glicemia capillare; nel caso di elementi apparentemente sani si procedeva alla raccolta su un questionario di dati anamnestici e misure antropometriche per la valutazione del rischio di diabete a 10 anni. I risultati venivano consegnati all interessato per metterli a disposizione del proprio curante. Sono stati eseguite complessivamente 928 glicemie : 8 soggetti (non diagnosticati) pari a 0,87% presentavano glicemie superiori a 200 mg/dl compatibili con diagnosi di diabete mellito, mentre 101 (11,75%), anche se non tutti erano a digiuno,avevano una glicemia compresa tra 120 e 200 mg/dl meritevole di attenzione del Medico di Medicina Generale. Hanno partecipato alla rilevazione del questionario 305 soggetti normali : di questi 115 pari al 37,70% avevano un rischio medio o alto ( > 20%) di sviluppare il diabete entro 10 anni. Questo dato è in linea con un analoga rilevazione svolta a Bologna durante le Giornate del Diabete del 2009 (vedi Dolceamaro marzo 2010) dove il 13% dei soggetti aveva una glicemia meritevole di approfondimenti da parte del curante e quasi il 50% era a rischio medio o medio alto di diabete a 10 anni. Va comunque fatta una considerazione a commento dei nostri dati: tra i soggetti esaminati la prevalenza assoluta era di quelli con età maggiore di sessant anni e quindi più a rischio per patologie croniche come il diabete. Albatros Le prossime giornate di screenings si terrano a : Monza - Vedano - Carate Le date verranno concordate a Settembre con i rispettivi comuni

13

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione. Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione Prot. n. 20705/08.03.00 Roma, 24 luglio 2006 OGGETTO: Linee guida per l accertamento e la valutazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE

PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE PROGRAMMA PER LA PREVENZIONE DELLE COMPLICANZE DEL DIABETE DIRETTORE SCIENTIFICO DEL PROGRAMMA Nome e Cognome Giulio DOVERI Qualifica Responsabile U.B. Diabetologia ed Endocrinologia Sede Ospedale regionale

Dettagli

ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE

ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE ALLEGATO A LINEE GUIDA PER IL RILASCIO / RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE LINEE GUIDA PER IL RILASCIO/RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA AI PAZIENTI CON DIABETE PREMESSA La legge 85 del

Dettagli

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo Scheda informativa da compilarsi da parte dello specialista diabetologo DI STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA ( con data non anteriore tre mesi ) Patenti di gruppo 1 Paziente diabetico Si certifica

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

D Non presenta complicanze D Presenta le seguenti complicanze:

D Non presenta complicanze D Presenta le seguenti complicanze: l Patenti Gruppo 1 - Paziente diabetico data~~ Si certifica che il/la Sig./Sig.ra nato/a il / / è affetto/a da iabete Mellito Tipo dal TERAPIA attuale: nutrizionale insulina altro ipoglicemizzanti orali

Dettagli

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR Maria Chiara Rossi Dipartimento di Farmacologia Clinica ed Epidemiologia Centro Studi e Ricerche AMD Consorzio

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Valeria Grancini, Emanuela Orsi Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche, UO Endocrinologia

Dettagli

PATENTE: PER LE PERSONE CON DIABETE UN ODISSEA INFINITA

PATENTE: PER LE PERSONE CON DIABETE UN ODISSEA INFINITA PATENTE: PER LE PERSONE CON DIABETE UN ODISSEA INFINITA ROBERTO COCCI Presidente FTD e Diabete Forum Componente CC DIABETE ITALIA LA PATENTE AL CITTADINO AFFETTO DA DIABETE: IL PUNTO DI VISTA DI DIABETE

Dettagli

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze

Lo Studio QUADRI. Target metabolici non ben controllati. Prevalenza delle complicanze Lo Studio QUADRI Target metabolici non ben controllati Insufficiente controllo dei target metabolici, della PA e dell assetto lipidico Mancato raggiungimento del target BMI Prevalenza delle complicanze

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Normativo Compiti della Gruppo di Lavoro Regionale per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale

Azienda USL Ferrara. L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Azienda USL Ferrara L assistenza integrata al Paziente diabetico nella Provincia di Ferrara da parte dei Medici di Medicina generale Bo 13 aprile 2007 Mauro Manfredini Composizione Commissione Provinciale

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia DIABETE E SPORT È consentito a chi ha il diabete di fare sport? Certo! Non solo è permesso, ma vivamente consigliato. L attività fisica, assieme all alimentazione e ai trattamenti farmacologici, è uno

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 03-DIC-2013 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 27 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano 03-DIC-2013 da pag. 27 Quotidiano 097156 www.ecostampa.it

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI

IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI CORSO FAD IL DIABETE MELLITO: PREVENZIONE, TUTELA ASSISTENZIALE, SERVIZI SANITARI TERRITORIALI ID ECM: 113615 CREDITI DESTINATARI 12 CREDITI ECM Farmacisti Territoriali e Ospedalieri DURATA Data di inizio

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA IL DIABETE IN ITALIA ASPETTI EPIDEMIOLOGICI E MODELLI ASSISTENZIALI IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA DIABETE MELLITO CONTESTO ASSISTENZIALE

Dettagli

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati.

E facilmente intuibile come, da quel che si è esposto, questo sottogruppo di obesi, trattati con metformina, abbia conseguito i migliori risultati. Dia 1 E necessario sottolineare la profonda differenza nella patogenesi delle complicanze microvascolari, quali la retinopatia, la nefropatia e la neuropatia, e quelle macrovascolari, quali la cardiopatia

Dettagli

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Ultimo aggiornamento gennaio 2016 I diritti del malato oncologico Tutela previdenziale, assistenziale e sociale La cura e l assistenza

Dettagli

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE I GRUPPI DI CURE PRIMARIE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ASL Pavia Dr. Guido FONTANA - Dr.ssa Simonetta NIERI Milano, 21 settembre 2011 GRUPPI DI CURE PRIMARIE Struttura Nel giugno 2004 nell ASL della provincia

Dettagli

Corso di Formazione per Diabetico Guida

Corso di Formazione per Diabetico Guida Corso di Formazione per Diabetico Guida Wall Art Hotel - Viale della Repubblica 4/6/8 - Prato 12-13 Aprile Area Vasta Centro Responsabile Scientifico Dott.ssa Maria Calabrese Direttrice dell U.O. di Diabetologia

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

Alleanza per il diabete della Regione Campania

Alleanza per il diabete della Regione Campania Progetto Alleanza per il diabete della Regione Campania Razionale Il diabete mellito tipo 2 è una malattia cronica invalidante ad elevato impatto sociale (legge 115/87). E una malattia che dura tutta la

Dettagli

Corso di Formazione per Diabetico Guida

Corso di Formazione per Diabetico Guida Corso di Formazione per Diabetico Guida NH Grand Hotel Palazzo - Viale Italia 195 - Livorno 5-6 Aprile Area Vasta Nord Ovest Responsabile Scientifico Dott. Graziano Di Cianni Direttore dell U.O. di Diabetologia

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Corsi di Formazione per Diabetico Guida

Corsi di Formazione per Diabetico Guida Corsi di Formazione per Diabetico Guida Hotel Mercure Siena Degli Ulivi - Via A. Lombardi n. 41 - SIENA 24-25 maggio Area Vasta Sud Est Responsabile Scientifico Dott. Francesco Dotta Direttore Unità Operativa

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Giordana Fauci IL DIABETE: ASPETTI MEDICO-LEGALI, PSICOLOGICI E SOCIALI www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giordana Fauci Tutti i diritti

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano

Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano Dr. Enzo Bertamini Medico di Medicina Generale Coordinatore del Progetto Diabete di Bolzano GRUPPO DI LAVORO Fattor B. Servizio Diabetologico CS Bolzano De Blasi G. Servizio Diabetologico CS Bressanone

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Importanza del diabete

Importanza del diabete PARTNERS Importanza del diabete Quasi 180 milioni persone affette in tutto il mondo Possibile raddoppio dei casi entro il 2025 1.700.000 diabetici in Italia (stima) Terza causa di insufficienza renale

Dettagli

I Nuovi Standard di Cura: quali novità

I Nuovi Standard di Cura: quali novità I Nuovi Standard di Cura: quali novità Alfonso Gigante Iglesias 21-22 Novembre 2014 Centro Culturale - Via Grazia Deledda Necessità Indipendenza editoriale Coinvolgimento delle parti. Sito interattivo

Dettagli

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco

STENOSI CAROTIDEA. Influenza del controllo glicemico. Este, 29 novembre 2013. giuseppe panebianco STENOSI CAROTIDEA Influenza del controllo glicemico Este, 29 novembre 2013 giuseppe panebianco Difficoltà di determinare una correlazione tra correzione terapeutica dell iperglicemia e riduzione delle

Dettagli

LA POSIZIONE DI ASSOBIOMEDICA

LA POSIZIONE DI ASSOBIOMEDICA I DISPOSITIVI PER LA PERSONA CON DIABETE: TERAPIA INSULINICA CON MICROINFUSORE E MONITORAGGIO CONTINUO DELLA GLICEMIA LA POSIZIONE DI ASSOBIOMEDICA INDICE PREMESSA IL VALORE DELLA MICROINFUSIONE E DEL

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO II Versione III Maggio 2013 1 FASE

Dettagli

PROCEDURA DMM POS 6.6.12 Rev. 00 Pag. 1 di 6 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE MEDICA SPECIALISTICA PER L EMISSIONE O IL RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA

PROCEDURA DMM POS 6.6.12 Rev. 00 Pag. 1 di 6 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE MEDICA SPECIALISTICA PER L EMISSIONE O IL RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA PROCEDURA DMM POS 6.6.12 Rev. 00 Pag. 1 di 6 RILASCIO DELLA INDICE 1 RILASCIO DELLA... 1 1... 1 2 IL RILASCIO DELLA... 2 2... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI E ABBREVIAZIONI... 2 3.1. Riferimenti...

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici genovesi Università degli Studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E LA NEFROPATIA DIABETICA: studio sui comportamenti prescrittivi diagnosticoterapeutici di un gruppo di medici

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring

Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring Brittle diabetes in paziente con poliendocrinopatia autoimmune gestita con tecnologia Flash Glucose Monitoring Marco C. Amato Ricercatore di Endocrinologia presso Dipartimento Biomedico di Medicina Interna

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

IL DIABETE:che cos è?

IL DIABETE:che cos è? IL DIABETE:che cos è? DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI MEDICINA INTERNA Struttura Complessa TERZA MEDICA Direttore: Prof. Luigi Cattin Tel: 040 399 4527; Fax: 040 399 4586 e-mail: cattin@units.it

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

L autocontrollo come strumento di terapia

L autocontrollo come strumento di terapia SOC di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Associazione Friulana Famiglie Diabetici L autocontrollo come strumento di terapia Dott.ssa Laura Tonutti Controllo significa da una parte dominio, governo

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Dott.ssa Iolanda Coletta

Dott.ssa Iolanda Coletta La Telemedicina: Esperienza nella ASL Roma B Dott.ssa Iolanda Coletta ASL RMB: UOC DIETOLOGIA, DIABETOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA Responsabile Dott. Sergio Leotta Le Linee

Dettagli

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014 Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Medicina della complessita IL DIABETE MELLITO VA STUDIATO E GESTITO IN UN OTTICA COMPLESSA E SISTEMICA Medicina

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

Ritenuto necessario integrare la deliberazione n.662 del 20 giugno 2000 con il citato percorso;

Ritenuto necessario integrare la deliberazione n.662 del 20 giugno 2000 con il citato percorso; Bollettino Ufficiale della Regione Toscana Bollettino Ufficiale Regione Toscana. n 16 del 17/04/2002, parte Seconda, SEZIONE I Giunta Regionale - Deliberazioni n 000304 del 25/03/2002 Integrazione delib.

Dettagli

DESG Teaching Letter 1

DESG Teaching Letter 1 DESG Teaching Letter 1 IPOGLICEMIZZANTI ORALI I pazienti affetti da diabete mellito non-insulino-dipendente sono generalmente meno informati e meno motivati sul trattamento del loro disturbo metabolico

Dettagli

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione?

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? RILEVAZIONI Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? I risultati da un indagine condotta in Puglia su un campione di medici di base Francesca Di Serio * I dati raccolti negli

Dettagli

DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM):

DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM): DATASET (cosa registra il MMG partecipante a CGDM): diagnosi di diabete mellito (codificata ICD9): Diabete mellito (non altrimenti specificato): cod. 250.0 Diabete mellito di tipo 1: cod. 250.01 (non considerato

Dettagli

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012

Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Il target di HBA1c nella terapia del paziente diabetico Bibbiena 2012 Quando i fatti cambiano, io cambio il mio modo di pensare e voi cosa fate?. (Keines) Una delle prime cose da fare nella gestione del

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Finalmente il secondo comma dell articolo 25 della legge 114/2014 sopprime questa ridondanza.

Finalmente il secondo comma dell articolo 25 della legge 114/2014 sopprime questa ridondanza. Patente e guida Ottenere l idoneità alla guida per una persona con disabilità è spesso un percorso ad ostacoli. La sua idoneità e l eventuale uso di particolari adattamenti vengono stabiliti da una commissione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Corsi di Formazione per Diabetico Guida

Corsi di Formazione per Diabetico Guida Corsi di Formazione per Diabetico Guida NH Grand Hotel Palazzo, Viale Italia 195 57127 Livorno 5-6 Aprile Area Vasta Nord Ovest Responsabile Scientifico Dott. Graziano Di Cianni Direttore dell U.O. di

Dettagli

INPS - COORDINAMENTO GENERALE MEDICO LEGALE. Roma, 9-11 novembre 2012

INPS - COORDINAMENTO GENERALE MEDICO LEGALE. Roma, 9-11 novembre 2012 INPS - COORDINAMENTO GENERALE MEDICO LEGALE Roma, 9-11 novembre 2012 SISTEMA ATTUALE LEGGE 102/2009 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1º luglio 2009, n. 78 ART. 20 Contrasto alle

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

Una collaborazione Servizio Controllo di Gestione-ASL Ce1 Gruppo di Lavoro per il Management del paziente Diabetico

Una collaborazione Servizio Controllo di Gestione-ASL Ce1 Gruppo di Lavoro per il Management del paziente Diabetico Qualità Management System Una collaborazione Servizio Controllo di Gestione-ASL Ce1 Gruppo di Lavoro per il Management del paziente Diabetico ISO9002 Registration Number TI-18056 Prefazione. Per l Azienda

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

SEGRETERIA SCIENTIFICA SIICP-Società Italiana Interdisciplinare per le Cure Primarie

SEGRETERIA SCIENTIFICA SIICP-Società Italiana Interdisciplinare per le Cure Primarie PRESIDENTE Loreto Gesualdo COMITATO SCIENTIFICO INTERDISCIPLINARE Maria Pia Foschino Barbaro Giovanni Colucci Matteo Di Biase Francesco Giorgino GIuseppe Grandaliano Elena Ranieri Carlo Sabbà Angelo Vacca

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

Il nuovo valore dell emoglobina

Il nuovo valore dell emoglobina Il nuovo valore dell emoglobina glicata Ai sensi dell art 3.3 sul Conflitto di interessi dichiaro sotto la mia responsabilità di effettuato relazioni in Congressi sponsorizzati da Astra-Zeneca Bristol

Dettagli

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana

Che cos è il Diabete. Cause e conseguenze. Lingua Italiana Che cos è il Diabete Cause e conseguenze. Lilly Cos è il Diabete Il Diabete Mellito è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

Uno strano diabete...

Uno strano diabete... Uno strano diabete... Lucia, 56 anni, è sempre stata bene. Ci tiene al suo benessere, perciò ogni anno esegue regolarmente le analisi del sangue, che sono sempre state normali. Questa volta però gli esami

Dettagli

NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA

NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA ASP COSENZA L AZIENDA

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

Emoglobina glicata 2012: utilizzo per la diagnosi, standardizzazione, refertazione

Emoglobina glicata 2012: utilizzo per la diagnosi, standardizzazione, refertazione Emoglobina glicata 2012: utilizzo per la diagnosi, standardizzazione, refertazione Andrea Mosca Università degli Studi di Milano Centro Interdipartimentale per la Riferibilità Metrologica in Medicina di

Dettagli

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org

Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Campagna Qual è la MIA PCR? www.whatismypcr.org Le domande sulla PCR rivolte con maggior frequenza Autore: Dott. Michael Mauro, Professore di Medicina della Divisione di Ematologia e Oncologia medica;

Dettagli

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015

ESERCITAZIONE. CdL Fisioterapia e Podologia. 25 novembre 2015 ESERCITAZIONE CdL Fisioterapia e Podologia 25 novembre 2015 Epidemiologia Domanda 1 Le neoplasie gastriche sono: a. diminuite in tutta Europa b. diminuite fino agli anni 80, poi stabili c. aumentate in

Dettagli