Centro Ippico Due case: il tendone spazzato via da una tromba d aria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Ippico Due case: il tendone spazzato via da una tromba d aria"

Transcript

1 B)SIDE 3 UNIVERSITÀ 4 CULTURA 6 INSERTO Sporting PALESTRA, PISCINA, HEALT&BEAUTY Corsi invernali e Open Day, il 16 dicembre, per il secondo compleanno del Centro Teatro SU IL SIPARIO SULLA NUOVA STAGIONE DI RIFREDI In scena dal 2 novembre la prima delle tre commedie in cartellone Controguida NELLE FACOLTÀ UNA RICERCA DI SINISTRA UNIVERSITARIA Oltre la politica: un vademecum per la vita da studente e inquilino Circoscrizione 5 LA CITTÀ A NORD OVEST Le pagine con notizie e informazioni a cura del Consiglio di Quartiere 5 e il consueto Speciale Tramvia Centro Ippico Due case: il tendone spazzato via da una tromba d aria I volontari: «Da soli non possiamo farcela, aiutateci a riacquistarlo» Sono in tanti a conoscere la storia e la funzione sociale del Centro Ippico Due Case. Nato nel 2002 come associazione di volontariato ed iscritto dal 2004 al Registro Regionale del Volontariato divenendo un associazione riconosciuta Onlus, il centro si è proposto fin dall inizio al pubblico come una green farm dove poter sviluppare, insieme all equitazione dilettantistica e strutture permettendo, anche l ippoterapia e la riabilitazione equestre, per arrivare allo sport per i meno abili. La riabilitazione equestre, o ippoterapia, è l insieme di tecniche terapeutiche che utilizzano il cavallo e il rapporto che si instaura tra questo e il paziente modulato, a sua volta inserito in un progetto riabilitativo studiato ad personam. Sono tre le fasi individuate in tale tecnica: ippoterapia, rieducazione equestre ed equitazione sportiva per disabili. Insieme a tutto questo, il progetto del Centro contiene un insieme di iniziative come la visita al cortile degli animali, l orto didattico e il giardino botanico, un piccolo museo del cavallo, ma anche uno spazio d accoglienza nel verde per i visitatori di città. Nel marzo del 2007, il Centro Ippico Due Case acquista con grossi sacrifici un grande tendone aperto, montato ad arte da circensi della famiglia Orfei. Da quel momento e con la disponibilità di uno spazio del genere, il Centro Ippico ha avuto uno sviluppo notevole: sono state stipulate anche varie collaborazioni, come per esempio quella con il Quartiere 5, quella con il Comune di Firenze e con i più importanti CRAL cittadini e non solo (Regione, Maggio Musicale, Banca Toscana), ma anche con la Casa-famiglia di Signa e con diverse famiglie dove vi sono persone diversamente abili per una riabilitazione equestre e la pet-terapy con i cavalli. Il 4 settembre scorso, mentre su Firenze si abbatteva un violento temporale, una vera e propria tromba d aria colpiva il Centro Ippico Due Case. I danneggiamenti a piante e altre piccole strutture come gazebo e casette per gli attrezzi sono stati ingenti; tuttavia, il danno più grave è stato quello che ha colpito il tendone, che è crollato su se stesso sotto la violenza della tromba d aria. In sintesi, il tendone è praticamente distrutto, ridotto da buttare via. Per poter continuare ad assolvere alle proprie funzioni sociali, il Centro Ippico Due Case adesso si trova costretto a chiedere l aiuto di chi un aiuto può fornirlo. Un tendone, anche usato, come quello distrutto dalla tromba d aria di inizio settembre, costa come minimo ,00 euro: una spesa che per i volontari del Centro Ippico Due Case è comprensibilmente troppo elevata. Ogni contributo, anche il più piccolo, è perciò fondamentale. Per dare sostegno al Centro Ippico, si può fare la propria donazione sul C/C n. 2650/00 - Cassa di Risparmio di Firenze Ag. N. 32 ABI CAB Per maggiori informazioni, case.it

2 IN-FORMAQ5firenze 2 n INIZIATIVE DI SUCCESSO Pinocchio all Accademia della Crusca Si è svolto, nelle due giornate del 26 e del 27 settembre scorso, il seminario Sulle tracce di Pinocchio Per una mappatura dei possibili luoghi di ispirazione dell opera. Il seminario rientra nell insieme di iniziative, su base biennale, che mirano a ricostruire la figura storica e rendere lustro al Lorenzini come fiorentino, ma anche alla fiorentinità della genesi dell opera letteraria italiana più famosa al mondo: Pinocchio. «Questa due giorni di seminario commenta la coordinatrice del progetto, Patrizia Mazzoni è stata il palcoscenico per presentare il lavoro che è stato svolto fino ad oggi; un lavoro che porterà alla creazione di un vero e proprio percorso guidato attraverso Castello, Peretola e Sesto Fiorentino, dove dei cartelli segnaletici indicheranno i luoghi che hanno assolto alla funzione di ispirazione per le magnifiche ambientazioni delle avventure del burattino più famoso». Un lavoro, questo, che attraverso l opera del Lorenzini permette di recuperare l identità culturale di un territorio come la periferia fiorentina. Un territorio molto spesso costretto a sopravvivere, svolgendo un ruolo di secondo piano, dalla crescente urbanizzazione dell area metropolitana. «Da questo lavoro, davvero importante prosegue Mazzoni nascerà una guida. Una guida che porterà i visitatori a scoprire, attraverso i luoghi pinocchieschi : i borghi di Castello e le sue ville medicee, ma anche Peretola, e le colline intorno a Sesto. Un modo per rinnovare la memoria dei fiorentini e degli abitanti della zona; un modo per recuperare Pinocchio come libro, ma sotto una nuova luce; un modo per creare un percorso alternativo al solito turismo del centro della città. Anche i borghi intorno a Firenze conclude Patrizia Mazzoni - possono offrire le loro meraviglie!». Durante le due giornate di seminario, è stato affrontato da varie angolazioni il rapporto tra il Lorenzini e il territorio, tra Pinocchio e il contesto sociale e geografico in cui è nato. Così, Marco Conti e Patrizia Mazzoni hanno esaminato le correlazioni, comprovate storicamente o suggerite dall opera, tra il territorio e l opera, senza tralasciare uno studio sull evoluzione del territorio stesso e della gente che lo vive e che lo ha vissuto nell Ottocento. La guida, che prenderà vita da questi studi, sarà diretta in primo luogo agli studenti e alle scuole; e proprio gli studenti sono stati destinatari principali di questi due giorni. Il seminario ha ricevuto complimenti da parte delle autorità, come la presidente Stefania Collesei che ha aperto i lavori con un discorso introduttivo; complimenti che sono arrivati anche dai padroni di casa dell Accademia della Crusca, che hanno sottolineato l importanza di questi studi attraverso Ornella Polidori Castellani. Il Che a Villa Pozzolini Nuovo Piano Strutturale INCONTRI NEL QUARTIERE Il 7 novembre presso il Centro Icaro, parrocchia S. Pio X, via delle Panche 212 alle ore 21 l appuntamento dell Amministrazione comunale per informare i cittadini sul nuovo piano strutturale. Sono previsti anche sportelli informativi con tecnici a disposizione dei cittadini. Le osservazioni dovranno essere presentate entro il 26 novembre. Il nuovo piano adottato detto l assessore Gianni Biagi contiene modifiche significative rispetto al piano 2004 ed è importante darne informazione dettagliata ai cittadini. Veicoli TRASFERITA A NOVOLI LA DEPOSITERIA COMUNALE Dal 28 agosto, per recuperare un veicolo rimosso dalla Polizia Municipale, non occorre più recarsi al Lotto Zero di Ponte a Greve, ma a Novoli dietro la Mercafir. La depositeria comunale gestita dalla Sas, Servizi alla Strada S.p.A., ha traslocato infatti in via Allende, lungo il muro di perimetro del Nuovo Pignone. Cambia anche il numero di telefono: per avere informazioni sul veicolo rimosso bisogna chiamare lo La nuova depositeria è raggiungibile utilizzando la Linea 57 dell Ataf. I servizi di informazione e di restituzione dei veicoli rimossi sono in funzione 24 ore su 24. Per le biciclette invece il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13 e dalle alle 17. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito della Sas «Una serata magnifica, siamo molto soddisfatti». È questo il commento entusiasta di Giancarlo Rosini, presidente della Commissione Cultura del Quartiere 5, in merito all incontro organizzato il 19 ottobre scorso in occasione del quarantennale della morte di Ernesto Che Guevara. Un appuntamento con gli aspetti meno conosciuti dell avventurosa vita del Che ; in qualche modo, quegli aspetti legati più all uomo che al mito, politico e rivoluzionario, che Ernesto Guevara sarebbe divenuto in seguito alle sue battaglie per la libertà. In una Sala Archi di Villa Pozzolini teatro di una buonissima partecipazione, il mattatore della serata è stato Aldo Anzellotti. Attraverso documenti e testimonianze inedite, filmati e brani musicali, Anzellotti ha condotto il pubblico in un viaggio tra la medicina e la cultura, la poesia e la critica letteraria, intorno al Che. E così si scopre che prima di essere un mito immolato sull altare della rivoluzione e della libertà, il Che è stato un allergologo impegnato nei lebbrosari dell Amazzonia peruviana; ma non solo, perché, come ha illustrato Anzellotti, una delle critiche letterarie più apprezzate a varie opere di Pablo Neruda appartiene proprio a Ernesto Guevara. Sono state lette poesie in lingua originale appartenenti allo stesso Che, un personaggio di una complessità unica e di una profondità eccezionale. Appare del tutto riduttivo relegare un personaggio del genere, se studiato nella sua completezza, ad una semplice ottica politica ed ideologica. «Mi rende molto felice, anche a livello personale, la grande partecipazione del pubblico a questo evento commenta a margine Aldo Anzellotti e non mi riferisco solo alla partecipazione in termine di presenti; quello che più mi ha colpito è stata la partecipazione emotiva. Un giusto tributo ad un personaggio che ha segnato profondamente l immaginario, gli ideali e le speranze del mondo intero». L incontro per i quaranta anni dalla morte del Che ha segnato la riapertura della stagione di Villa Pozzolini; un esordio quantomeno entusiasmante. Come dire: se il buongiorno si vede dal mattino! Trentesimo anniversario LA PIRA, SALMA TRASLATA DA RIFREDI IN SAN MARCO Esattamente trenta anni fa, sabato 5 novembre 1977, a Firenze moriva Giorgio La Pira. Uno dei personaggi più importanti del panorama politico fiorentino e non solo: oltre ad essere eletto sindaco della città del giglio per tre mandati, La Pira, tra le altre cose, partecipa alla Costituente della neonata repubblica italiana nel 1945 ed è eletto deputato alla Camera. Fino ad ora, la salma di Giorgio La Pira aveva riposato nel cimitero di Rifredi accanto a quella di don Giulio Facibeni: la tomba, meta di riflessione e luogo di spiritualità, adornata da una lampada con la scritta Pace, shalom, salam, dono di ragazzi fiorentini, israeliani e palestinesi. Fino ad ora, perché, nel corso delle celebrazioni per l anniversario del trentesimo anno della morte, la salma sarà traslata definitivamente nella Basilica di San Marco, luogo in cui La Pira trascorse una parte importante della sua vita, soprattutto durante il Fascismo. Lunedì 5 novembre la giornata sarà costellata di occasioni ufficiali di ricordo e commemorazione. Alle ore 15, presso l aula magna dell Università in piazza San Marco, una lezione su La Pira e il futuro europeo precederà la Messa commemorativa che si svolgerà presso la Basilica di San Marco alle ore 18; al termine, la traslazione della salma. La manifestazione religiosa sarà presieduta dal cardinale Josè Saraiva Martins, prefetto della Pontificia Commissione per le Cause dei Santi. Il Tribunale diocesano per la causa di beatificazione di Giorgio La Pira è stato istituito dal Cardinale Silvano Piovanelli nel La fase diocesana del processo ha comportato l esame teologico di tutti gli scritti editi di La Pira, la raccolta delle dichiarazioni di diverse centinaia di testimoni, la relazione sui più significativi documenti inediti. Essa si è conclusa il 4 aprile Tutta la documentazione è stata trasmessa alla Pontificia Commissione per le Cause dei Santi.

3 IN-FORMAQ5firenze 3

4 IN-FORMAQ5firenze 4 n UNIVERSITÀ E DINTORNI Nelle facoltà la Controguida di Sinistra Universitaria Oltre la politica: un vademecum per la vita da studente e inquilino di Gianni Somigli Da quando sono ricominciati i corsi nelle varie facoltà dell Ateneo fiorentino, è in circolazione la Controguida 2007/2008 ; un vero e proprio vademecum stilato da SU Sinistra Universitaria in collaborazione con Cgil Firenze. Una Controguida che si compone di quattro parti; oltre alle valutazioni politiche, tra le pagine della guida si trovano tutte le informazioni più utili sugli argomenti che più da vicino riguardano la vita degli studenti e, in particolar modo, la vita degli studenti fuorisede. Una guida scritta da studenti per gli studenti, quindi: a tutti gli studenti, perché i problemi che riguardano i laureandi molto spesso vanno oltre le bandiere ed i colori politici. Ci sono molti aspetti della vita universitaria e della vita da studente/inquilino che rimangono avvolti in una sorta di mistero ; cose che dovrebbero essere chiare e che invece, molto spesso, sono messe in discussione. La prima parte della Controguida è un vero e proprio glossario in cui si possono trovare spiegazioni esaurienti, esposte con un linguaggio semplice e scorrevole, ma anche date di scadenza, diritti dello studente e così via. Si può quindi, in questa prima parte, capire meglio come funziona il sistema dei crediti formativi universitari, con pro e contro; si può finalmente capire con precisione quali siano i diritti degli studenti in materia di borse di studio e di contributi per gli affitti. Il tutto corredato da numeri e indirizzi degli uffici amministrativi di riferimento; e, per tenere separato l aspetto politico da quello prettamente pratico, dei piccoli box in evidenza che racchiudono il giudizio espresso in merito ad alcuni di questi temi da SU. Ma la parte più importante della Controguida 2007/2008 si compone senz altro dei due argomenti che si ritrovano nelle due sezioni centrali: argomenti che rappresentano un assoluta emergenza. E chi li ha sperimentato sulla propria pelle, o su quella della propria famiglia, sa bene di cosa si sta parlando: affitti e tasse. La seconda parte della Controguida, dunque, si occupa degli affitti; o, come viene definita dai componenti del SU, la casa precaria. Partendo da un indagine molto approfondita svolta dalla stessa Sinistra Universitaria, il problema viene sviscerato ed affrontato a fondo; nel contempo, si stila una lista di priorità degli obiettivi da raggiungere. Nelle pagine successive, il problema degli affitti viene affrontato di petto : in collaborazione con un consulente legale del sindacato degli inquilini (SUNIA), tredici domande e tredici risposte che chiariscono le competenze, i diritti e i doveri di inquilino e proprietario. Casi pratici: il prop r i e - tario ha il diritto di tenere una c o p i a d e l l e chiavi di casa? Chi deve pagare le spese di registrazione del contratto di locazione? Esistono agevolazioni? E cosa si può fare per uscire da una situazione di affitto irregolare, in nero? La Controguida fornisce risposte certe. Finalmente, si potrebbe aggiungere. Inoltre, è stato inserito il fac-simile di un contratto per studenti universitari inquilini, che non tutti conoscono. Da non perdere, insomma. La terza parte riguarda le tasse. Oltre ad un glossario che riporta i termini da conoscere in questo ambito, SU rivendica una delle proprie campagne, che prosegue dalla fine dell anno accademico scorso. Una battaglia che riguarda la restituzione di una somma agli studenti, poiché, denuncia SU, la legge prevede che gli incassi dell Univ e r s i t à p r o v e - nienti d a l l e t a s s e non poss a n o superare il 20% delle entrate totali. Una denuncia inascoltata che ha portato il gruppo della Sinistra Universitaria a ricorrere al Consiglio di Stato e per cui si attendono sviluppi. Le ultime pagine, e la quarta ed ultima parte della Controguida, è dedicata alla presentazione di SU. «La Controguida, che viene distribuita in tutte le facoltà di Firenze, è stata molto apprezzata dagli studenti a prescindere dalle appartenenze o meno commenta Alessio Branciamore del SU tanto che sono stati già in diversi a raggiungerci presso la nostra sede per chiedere altre copie. Siamo soddisfatti del lavoro che abbiamo fatto, perché pensiamo di aver offerto un servizio ed un aiuto importante agli studenti; e poi, essendo noi in primis a sperimentare i problemi sulla nostra pelle, sappiamo bene quello di cui si parla». Concorso di pittura PER ARTISTI ITALIANI E STRANIERI Il Circolo G.S. Romito, via Scipio Sighele 62/64 con il Patrocinio del Consiglio di Quartiere n. 5 e della Galleria Spagna organizza un Concorso di pittura al quale possono partecipare tutti gli artisti italiani o stranieri con piena libertà di soggetto e tecnica. La consegna opere, presso la sede del G.S. Romito, è prevista da sabato 27 ottobre a domenica 4 novembre dalle ore alle 22. La mostra sarà allestita presso i locali del G.S. Romito e resterà aperta al pubblico da domenica 25 novembre a domenica 9 dicembre con orario dalle ore alle ore 22.00; la domenica dalle ore alle ore e dalle ore alle ore Della Commissione giudicatrice fanno parte Adriana Arti ni, collezionista; dr. Fabrizio Borghini, giornalista; Roberto Ciabani, pittore; Bruno Gambone, scultore; Ettore Tiseo, mercante d arte e il prof. Pierfrancesco Listri, critico d arte. Al 1 classificato andrà il Premio Romito euro 750,00 e mostra personale; al 2 classificato mostra personale (*); ai 3 e 4 classificati mostra collettiva (*); ai classificati Targa ricordo ed agli classificati una Medaglia ricordo. Il Premio speciale UNDER 20 (**) consiste in 250,00 euro e mostra personale (*) La Cerimonia di premiazione avrà luogo domenica 9 dicembre alle ore (*) la mostra sarà organizzata nei locali del G.S. Romito in data da destinarsi (**) alla miglior opera presentata dal concorrente di età inferiore a 20 anni. Il premio non è cumulabile con il premio Romito E son 104 Tanti auguri, Cesarina! Il 24 novembre, Cesarina Batisti spegnerà la bellezza di 104 candeline. I migliori auguri dalla figlia Marcella e il genero Marcello, dai nipoti, da tutti i parenti e tutti gli amici. Un ringraziamento particolare va alle volontarie dell associazione Valium.

5 Q5 Novembre 2007 IN-FORMAQ5firenze 5 Via Panciatichi, quel sottopasso s ha da fare Sacconi: «Firenze sta diventando la città del no a prescindere. Perché?» «Un opera di grandissima importanza in una zona delicata; un opera di cui c è una forte necessità, una grande richiesta da parte della cittadinanza, e per la quale mi batto da tanto tempo». Sono queste le parole con cui Daniele Sacconi, presidente della Commissione Assetto del Territorio del Quartiere 5, commenta i lavori per la realizzazione del sottopasso di via Panciatichi. «Non riesco proprio a capire con quali argomentazioni ci si può opporre al sottopasso: quando saranno ultimati i lavori, la situazione generale della viabilità in tutta la zona di Careggi migliorerà nettamente, grazie alla valvola di sfogo che verrà a crearsi per il traffico che, adesso, si convoglia necessariamente sulle poche strade disponibili». Il nuovo sottopasso che verrà realizzato consentirà di collegare il viale XI Agosto con tutta la zona ospedaliera: «Le auto che transitano nella zona di Careggi, sia in direzione degli ospedali, sia in direzione di Firenze, sia in direzione di Sesto, vanno a gravare su via delle Panche, via Giuliani, il Sodo. Grazie alla nuova bretella che va direttamente a Sesto e con il nuovo sottopasso prosegue Sacconi il traffico in uscita da Firenze potrà immettersi direttamente su una strada di largo scorrimento senza andare ad intasarsi come capita adesso». Un opera, quindi, che alleggerirà il traffico e che consentirà una maggiore accessibilità tra via Panciatichi, via Perfetti Ricasoli, ma soprattutto garantirà una via d accesso ulteriore per il polo ospedaliero. Daniele Sacconi tiene però a precisare un aspetto non secondario di tutto il discorso: «La situazione sta diventando veramente grottesca. Firenze sta diventando la città del no. No alla Tramvia. No alla Tav. No all Aeroporto. Quei no preventivi, senza cognizione di causa. No che non prendono in considerazione le situazioni reali ed effettive. Prendiamo ad esempio la tramvia: perché tutto questo trambusto per i lavori nel viale Morgagni? A Novoli, dove sicuramente ci sono disagi come ci sono in ogni zona dove sono aperti dei cantieri, i lavori proseguono spediti. Sono addirittura in forte anticipo sulla tabella di marcia: e nessuno ha mai detto nulla. Perché?». La risposta rimane racchiusa in quel punto interrogativo, almeno per adesso, tuttavia Sacconi espone così i suoi esempi: «Quello che voglio dire è che ci sono lavori e lavori. Le persone che si oppongono alla Tramvia sono le stesse che si oppongono alla TAV e che sostengono la famigerata micrometropolitana. Quindi, per un verso non si può scavare, per uno sì. Pare un controsenso piuttosto evidente. Io, per esempio dice ancora Sacconi non sono favorevole all ampliamento dell aeroporto di Peretola; ma quando saranno finiti i lavori della TAV e in mezzora sarò all aeroporto internazionale di Bologna, che necessità c è di ampliare l aeroporto Intervento di manutenzione in via Pietri A fine settembre, l Unità Tecnica del Quartiere 5, in collaborazione con Quadrifoglio, ha effettuato un intervento di pulizia in un tratto di via Pietri. L operazione ha riguardato il ripulimento della strada, il taglio di alcune piante infestanti e la rimozione di alcuni rifiuti. «Un intervento che era molto atteso dai residenti della zona, e che ha restituito piena fruibilità all area» ha commentato la presidente Collesei. di Firenze?». Lo sviluppo di Firenze come nodo cruciale e all altezza del traffico italiano, prevista anche nel nuovo Piano Strutturale del Comune, passa attraverso la realizzazione di queste opere. Ma anche sul piano cittadino «si devono cercare le soluzioni migliori dice Sacconi e quando il sottopasso di via Panciatichi sarà realizzato, la gente se ne renderà conto; se ne sono già resi conto i commercianti di via Giuliani, i quali accettano di buon grado anche un minor passaggio di traffico davanti alle proprie vetrine per avere, però, la possibilità di poter organizzare feste o manifestazioni chiudendo anche la strada. Ora non possono, col sottopasso potranno» conclude Sacconi, aggiungendo anche che «fosse stato per me, ma non sono riuscito a portare in fondo la mia posizione, il sottopasso sarebbe stato finito prima dell inizio dei lavori al Sodo e per la Tramvia. Comunque, nei primi mesi del prossimo anno, il sottopasso sarà già fruibile, con grande soddisfazione mia personale e di tutto il Consiglio di Quartiere 5».

6 Q5 n PRESENTAZIONE Anteprima su Sirio Il tram come innovazione al Festival della creatività speciale tramvia Il tram Sirio è stato il protagonista di alcune iniziative che si sono svolte presso la Fortezza Da Basso in occasione del Festival della Creatività alla fine del mese scorso. A partire da giovedì 24 ottobre è stato possibile vedere da vicino questo nuovo mezzo che percorrerà le nostre strade: in piazza Bambine e Bambini di Beslan, infatti, è stata esposta per alcuni giorni una sezione del tram. Molte le autorità presenti nel momento in cui è stato scoperto il Sirio: il vicesindaco Giuseppe Matulli, l assessore all Ambiente Claudio Del Lungo, l ingegner Carlo Pellegrini di AnsaldoBreda, Giovanni Nebbiolo amministratore delegato di Firenze Tecnologia (l azienda n SCHEDA Pensando al sistema tranviario fiorentino, si può essere portati erroneamente a paragonarlo con quello ferroviario, soprattutto se ci si limita a considerare l aspetto esteriore e la presenza dei binari o se non si sono mai osservati i moderni tram già in circolazione in tante città italiane ed europee. Guardando alcuni dati, però, si capisce subito che tram e treno sono due cose ben diverse: abbiamo confrontato le schede tecniche del Sirio e quelle dei convogli ETR 500 e dei TAF, i Treni ad Alta Frequentazione (per intenderci quelli azzurri a due piani, progettati per il servizio pendolari). Si nota subito che le dimensioni del Sirio sono ridotte: con i suoi 3,3 metri di altezza e 2,4 di larghezza occupa una superficie minore di quelle dell ETR 500 (4 metri di altezza speciale della Camera di Commercio di Firenze per la diffusione di una cultura di impresa orientata all innovazione). In questa interessante anteprima i cittadini hanno potuto osservare da vicino come sono le carrozze sia all esterno che all interno e come sarà nella realtà l inserimento a terra del tram, con l ingresso a raso del marciapiede senza scalini. Grazie alla disponibilità di Ansaldo- Breda ha dichiarato Giuseppe Matulli - abbiamo potuto esporre una sezione del tram in modo che i cittadini si possano rendere conto che il tram non è un treno sferragliante ma un mezzo di trasporto moderno, ecologico e compatibile con i centri storici delle città. Un mezzo che potrà garantire, oltre che collegamenti più efficienti e puntuali, anche un elevato comfort per i passeggeri. Si è parlato del tram non solo come il fulcro del processo di trasformazione in atto nella nostra città ma anche dal punto di vista delle innovazioni e della tecnologia, del risparmio energetico e del rispetto dell ambiente. Si tratta di un concentrato - ha spiegato Carlo Pellegrini di AnsaldoBreda - e 3 di larghezza) e dei TAF (altezza 4,3 metri e larghezza 2,8 metri). La lunghezza è però la misura che sorprende di più: i 32 metri del Sirio lo fanno sembrare quasi un giocattolo a paragone con i 103 metri dei TAF! Per quanto riguarda l ETR, invece, basti pensare che una sola carrozza è lunga 26 metri. Un altro dato può rassicurare chi teme l invasione di bolidi sfreccianti nelle nostre strade: il Sirio può sviluppare una velocità massima di 70 Km/h ma comunque rispetterà sempre i limiti imposti (50 Km/h nei tratti urbani). I due treni, per loro natura, possono vantare ovviamente velocità di esercizio ben superiori: rispettivamente oltre 300 km/h e 140 Km/h. Anche per quanto riguarda la rumorosità, il Sirio si discosta molto da quello che possiamo osservare al passaggio dei convogli ferroviari. Il progetto della tramvia è concepito cercando di ottenere il massimo grado possibile dell attenuazione delle vibrazioni e dell insonorizzazione, dotando il sistema tramviario di particolari misure. Ad esempio per l armamento, si è scelto di sistemare le rotaie su materiali speciali, in grado di ridurre vibrazioni e rumori al passaggio del tram. In ogni caso, l impatto sonoro sarà ridotto grazie al fatto che la rotaia sarà a bicchiere (cioè a U) e non a T (come quelle utilizzate per i treni): la ruota del tram, scorrendo internamente del binario, trasmette le vibrazioni ad un materiale meno elastico dell aria e quindi si riduce il rumore percepito. Infine, bisogna tener presente CONSULTAZIONE CITTADINA del meglio della tecnologia disponibile. La struttura del tram a moduli garantisce una grande manovrabilità: il mezzo sarà infatti molto snodato e riuscirà a transitare agevolmente in città. Senza dimenticare il sistema frenante sofisticato e sicuro e il doppio impianto di climatizzazione, per assicurare un buon comfort ai passeggeri anche in caso di guasto. Per quanto riguarda l alimentazione, il tram utilizza un impianto ad alto risparmio energetico, che si serve di un unico pantografo, collocato nella parte centrale. Per percorrere la parte di tracciato in prossimità del Duomo, invece, il tram si sgancerà dalla linea elettrica e si alimenterà a batteria. L ingegner Carlo Pellegrini ha concluso il suo intervento con una curiosità Il modello classico del Sirio, disegnato da Pininfarina, è stato personalizzato per Firenze sia per quanto riguarda i colori sia per l allestimento interno. Inoltre, è stata dedicata particolare cura alla cabina del conducente: tenendo ben presente che si tratta di un luogo di lavoro, è stata studiata attentamente per assicurare il massimo comfort ergonomico. Gli aspetti innovativi del sistema tranviario fiorentino sono stati al centro di un altra iniziativa che si è svolta nell ambito del Festival della Creatività: venerdì 26 ottobre si è svolto il convegno Il Tram è innovazione, organizzato dall Assessorato alla Mobilità del Comune in collaborazione con la Borsa della Ricerca e dell Innovazione. All incontro hanno preso parte alcuni tecnici del comune di Firenze, di Tranfir Scarl e di AnsaldoBreda, che hanno illustrato le nuove tecnologie utilizzate per il Sirio e per il nostro sistema tranviario in generale. A seguire si è svolta una tavola rotonda cui hanno partecipato autorità dell Università di Firenze, di Confindustria, della ASL e della Camera di Commercio, l Ufficio Scolastico Provinciale, Trenitalia e Cgil-Cisl-Uil. All insegna dell allegria e del divertimento è stato invece lo spettacolo dedicato ai bambini dal titolo PAF BUM TRAM VIA! a cura del comune di Firenze e di BlancaTeatro: don Chisciotte e Sancio Panza catapultati dal 1600 nella nostra città si devono confrontare con l evoluzione dei mezzi di trasporto, aiutando così i più piccoli a comprendere i cambiamenti dei nostri modi di vivere e di spostarci. Due sistemi a confronto: tranviario e ferroviario Rassicurazioni per chi teme l invasione di bolidi Il tiglio è l albero preferito Dal 1 al 10 di ottobre si è svolta una consultazione molto particolare che ha permesso ai cittadini del comune di Firenze di contribuire a scegliere quale sarà il nuovo aspetto di viale Morgagni. I residenti, infatti, hanno potuto dare la loro preferenza tra le tre tipologie di alberi ritenute più adatte al contesto urbano di questa importante via: tiglio, quercia e frassino. Il 48% dei voti se l è aggiudicato il tiglio, con un distacco netto dalle altre due specie: il frassino ha ottenuto il 29.5% dei voti mentre la quercia il 22%. È interessante notare che solo pochi votanti hanno utilizzato la scheda cartacea disponibile presso la sede del Quartiere 5 mentre la maggior parte ha preferito la modalità on line, navigando direttamente nel sito della Direzione Ambiente. Perché è piaciuto il tiglio?! Si tratta di una pianta molto longeva, dal portamento maestoso, con tronco robusto, chioma larga, ramosa e tondeggiante. Le sue dimensioni possono essere notevoli: in ambiente urbano può raggiungere altezze di metri e un espansione della chioma fino a 15 metri di diametro. I fiori del tiglio sono molto profumati e di colore giallo e diversamente da quanto comunemente si crede sono scarsamente allergenici. I reimpianti in viale Morgagni cominceranno nel mese di novembre ed entro marzo ci saranno 48 nuove piante, 30 nel tratto sinistro del viale fra via Cesalpino e Careggi e 18 sul lato destro da via Cesalpino alla scuola Matteotti. Nel periodo da novembre ad aprile verrà effettuata anche la piantumazione delle nuove alberature di via di Novoli: saranno infatti ripiantati circa 40 alberi di prima grandezza, che diventeranno 103 al termine dei lavori. Anche via di Novoli diventerà presto un bel viale alberato. che il motore del Sirio non genera rumore, ma semplicemente un ronzio : è noto che i moderni tram sono talmente silenziosi da costituire quasi un pericolo, come succede per i nostri bussini del centro che devono essere dotati di un campanellino perché non si sentono arrivare. È interessante osservare un ultimo dato tecnico che a prima vista può sembrare banale: il Sirio è dotato di numerose porte (6 in tutto) per consentire un agevole e rapida salita e discesa dei passeggeri. I treni TAF ne hanno solo 8 per ogni lato nonostante, come abbiamo visto, siano molto più n Viale Morgagni Proseguono i lavori Proseguono i lavori per la realizzazione della tramvia: facciamo il punto della situazione in viale Morgagni. La seconda tranche dei cantieri è partita a metà ottobre e va da via Santo Stefano in Pane a via G. Fracastoro. Per questo intervento, è stato necessario lo spostamento dell edicola e l abbattimento di 12 alberi sul lato sinistro del viale andando verso Careggi. In difesa delle piante, si sono levate le proteste di alcuni residenti ma i lavori proseguono secondo i tempi previsti e questo microcantiere avrà la durata complessiva di circa un mese e mezzo. Intanto, è previsto per la seconda metà di novembre l arrivo dei primi tigli: i reimpianti degli alberi si svolgeranno fra novembre 2007 e marzo 2008 per le porzioni di viale dove i lavori saranno già stati ultimati. La scelta delle nuove piante è stata effettuata presso il vivaio dai tecnici della Direzione treno Taf tram Sirio lunghi. Come si nota, le differenze tra il tram e i convogli ferroviari non sono date semplicemente dai numeri ma anche da diversità di tipo concettuale, legate alla funzione che questi mezzi devono svolgere. Il sistema tranviario rispetto ad ogni altro mezzo su rotaia, offre notevoli vantaggi in termini di frequenza e di certezza delle corse, di vicinanza delle fermate, di capacità di trasporto, e soprattutto di flessibilità: è snodato, agile e adattabile alle varie esigenze, ad esempio il sistema di alimentazione può passare dalla rete elettrica all utilizzo della batteria. Ambiente con un attenta selezione, per aver la certezza che ogni tiglio abbia le caratteristiche ottimali per viale Morgagni (ad esempio le condizioni di salute o la massima grandezza possibile compatibile con il trapianto ecc ). Per quanto riguarda il proseguimento dei lavori, i cantieri resteranno sul lato sinistro del viale (in direzione di Careggi) per i prossimi due mesi e copriranno il tratto fino a largo Brambilla. Successivamente verranno realizzati i lavori al centro della carreggiata e, al termine di questi, saranno effettuati gli interventi sull altro lato del viale. Si è deciso di adottare questo tipo di cronologia della cantierizzazione per evitare frequenti cambiamenti alla viabilità (come i sensi di marcia o le riduzioni di carreggiata), in modo da permettere ai flussi di traffico di stabilizzarsi.

7 Q5 Novembre 2007 IN-FORMAQ5firenze 7 n TAV L Alta Velocità in un Consiglio di Quartiere aperto Si è svolto il 9 ottobre scorso, hanno partecipato oltre duecento persone C erano tante persone il 9 ottobre scorso, alla Leonardo da Vinci, quando si è svolto il Consiglio di Quartiere aperto al pubblico e richiesto dalla cittadinanza, come previsto dall articolo 13 comma 1 del Regolamento del Consiglio di Quartiere. Tante persone e diverse autorità, data la rilevanza dell argomento in discussione che, come tutte le cose importanti, suscita preoccupazioni e reazioni, favorevoli e contrarie: la TAV, l Alta Velocità. Alla presenza di circa duecento persone in sala, e degli assessori comunali Matulli e Biagi e di quello regionale Conti, la presidente del Q5 Stefania Collesei ha così aperto il Consiglio introducendo gli argomenti che sarebbero stati in seguito esaminati. La presidente Collesei ha infatti fissato i tre punti principali della discussione del Consiglio: il passante sotterraneo, la nuova stazione di Foster e lo scavalco di Castello. Passando in rassegna ed introducendo i tre cardini della discussione e, non di meno, dello sviluppo del progetto TAV, Collesei ha ribadito non solo i motivi della convocazione del Consiglio, ma anche la finalità: il Quartiere si vuol fare così promotore della creazione di un momento di confronto tra istituzioni e cittadinanza, un momento di interscambio in cui poter esporre potenziali dubbi o problematiche legate ai lavori. La parola è quindi passata agli assessori, che hanno esaminato la situazione attuale e lo stato di avanzamento del progetto. La tempistica per la realizzazione finale dell Alta Velocità ferroviaria a Firenze è confermata: i lavori termineranno a fine 2013, e sono totalmente coperti finanziariamente. Prendo la parola, gli assessori hanno illustrato al pubblico i tre punti fondanti del progetto TAV di Firenze, precisando degli aspetti specifici che hanno mitigato, almeno in parte, la diffidenza dei contrari alla grande opera. È stato soprattutto l assessore Biagi a ripercorrere le tappe della progettazione e dell inizio dei lavori per l Alta Velocità, spiegando in modo chiaro i motivi per cui andare in sotterranea non solo si rende necessario, ma conviene. Il nuovo passante sotterraneo, infatti, che sarà dedicato ai treni a lunga percorrenza e al trasporto merci nella zona notturna, permetterà di liberare i binari in superficie; in questo modo, essi potranno essere dedicati con maggiore intensità al trasporto regionale e metropolitano, sfruttando il grande potenziale della rete di stazioni cittadine come la stazione delle Piagge. L assessore Conti ha fissato l obiettivo che si vuole raggiungere: i pendolari sul territorio regionale, quando nel 2013 tutto il nuovo sistema di circolazione cittadina e metropolitana sarà a pieno regime, raggiungeranno la cifra di mezzo milione al giorno, contro i duecentomila attuali. Come previsto anche nel nuovo Piano Strutturale, Firenze diventerà il baricentro della mobilità non solo italiana, ma anche europea; diventa fondamentale, in questo contesto, la nuova stazione che diverrà il centro nevralgico, insieme a Santa Maria Novella, di tutto il nuovo sistema di circolazione. La nuova stazione, che sorgerà nella zona Macelli/viale Belfiore, è il frutto di un concorso internazionale cui hanno partecipato le più grandi firme del mondo dell architettura e dell ingegneria. La giuria, presieduta da Gae Aulenti, ha decretato come vincitore il progetto firmato da Norman Foster: una stazione che si svilupperà su mq. e che diverrà il principale nodo di interscambio cittadino. Una stazione che sarà soprattutto a distribuzione verticale: mediante scale mobili e tapis-roulants, si potranno raggiungere i venticinque metri sotto al livello cittadino, dove scorreranno i binari dell Alta velocità. Un progetto avveniristico dal costo di circa 340 milioni di euro che si propone come moderno fiore all occhiello per la città. La platea, composta soprattutto dai rappresentanti dei vari comitati cittadini contro, ha ascoltato con attenzione l esposizione degli assessori; in seguito, a turno, sono state espresse tutte le preoccupazioni per aspetti ritenuti non chiari o in qualche caso critici, come l impatto ambientale La stazione che verrà: il progetto di Norman Foster, vincitore del concorso internazionale TAV/1 Osservatorio ambientale: da chi è composto, cosa fa L Osservatorio ambientale è un organo di livello nazionale, ideato per gestire le problematiche del controllo sulla grande opera TAV. Creato e definito nell ambito degli accordi procedimentali, l Osservatorio è istituito presso il Ministero dell Ambiente ma coinvolge anche il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. Nell Osservatorio entrano anche gli Enti locali, gli appaltatori, le strutture tecniche; inoltre, esso opera in accordo con l Università di Firenze, Agenzia Ambiente Territorio Scienze della Terra, Ingegneria. A supporto tecnico dell Osservatorio opera anche l Arpat. L Osservatorio ha competenze di controllo sull attuazione dei piani di monitoraggio prima, durante e dopo i lavori, attraverso le procedure di studio sull impatto ambientale e seguendo lo sviluppo progettuale. ed altri aspetti correlati ai lavori ed ai cantieri. È in questo contesto che l assessore Conti ha lanciato una proposta: aprire l Osservatorio ambientale, l organo istituito a livello nazionale e locale per monitorare i cantieri e lo sviluppo dei lavori, anche alla cittadinanza. Una proposta che è stata accolta con favore dai cittadini e dal presidente dell Osservatorio stesso, il geologo Pietro Rubellini; i comitati, tuttavia, hanno espresso le proprie perplessità sul fatto che alla proposta seguano fatti concreti. Una situazione particolarmente delicata, quindi: la rivoluzione del sistema dei trasporti di Firenze e di tutta la Toscana, c è da scommetterci, terrà banco ancora a lungo: non resta che seguire gli sviluppi del dibattito e l evoluzione dei lavori. Villa Guicciardini PRIMO DICEMBRE, MOSTRA MERCATO DELLA CERAMICA DI MONTUGHI Si terrà il primo dicembre dalle alle la mostra mercato di manufatti prodotti e interamente realizzati e decorati a mano nella scuola OMG Ceramiche a Montughi che si terrà presso la sede della suddetta scuola a Villa Guicciardini a Montughi con dimostrazioni di lavorazione sia al tornio che alla decorazione. OMG Ceramiche a Montughi via di Montughi, 55 tel LIBROVAGANDO Le tappe di novembre del Bibliobus Continua il prezioso servizio di Librovagando, il prestito libri per tutti. Ecco le fermate del mese di novembre. Piazza Medaglie d Oro 14/28 NOVEMBRE - DALLE 16 ALLE 17,30 Giardini Il Lippi 7/21 NOVEMBRE DALLE 16 ALLE 17,30 Olmatello INTERVENTO DELLA MUNICIPALE NEL CIMITERO DEI ROTTAMI È stato compiuto l 8 ottobre scorso un intervento della Polizia Municipale del Nucleo di Pronto Intervento di Rifredi presso un terreno di proprietà comunale di via dell Olmatello; in questa porzione di terreno, almeno sulla carta area verde, avevano trovato posto diverse roulotte di giostrai. Durante l intervento sono stati identificate otto persone di nazionalità indiana: per uno di essi, sprovvisto di permesso di soggiorno, è scattata la denuncia. Le indagini della Municipale di Rifredi si erano sviluppate intorno ai numerosi veicoli accatastati nella zona e sulla moltitudine di rottami depositati nei pressi. Dopo un controllo dei mezzi, è stato riscontrata sulla quasi totalità di questi l assenza di assicurazione e, per questo, sono stati rimossi; molti sono stati portati direttamente alla rottamazione. In tutto, l intervento ha riguardato la notevole cifra di quarantaquattro veicoli. Lo sgombero ha consentito l intervento di bonifica della Quadrifoglio Spa: la zona è stata definitivamente ripulita dopo la rimozione dei rottami di lavatrici ed altri rifiuti ingombranti, ed ha ritrovato il decoro proprio di un area che si può definire realmente verde. Il terreno, dopo l operazione, è sotto il controllo della Direzione Sviluppo Economico del Comune di Firenze, che sta in questi giorni vagliando le varie ipotesi di utilizzo. Molte probabilmente ne renderà l usufrutto agli stessi giostrai. L azione della Polizia Municipale rientra in una più vasta operazione di bonifica di via dell Olmatello.

8 Q5 Novembre 2007 IN-FORMAQ5firenze 8 n SCUOLA Progetto di educazione alimentare, secondo atto Vede il coinvolgimento di Quartiere, Mercafir, Cooperativa di Legnaia e Asl 10 Prende avvio per il secondo anno consecutivo il progetto di educazione della Commissione Servizi educatividel Quartiere 5 presieduta da Andrea Casucci in collaborazione con Mercafir, con la Cooperativa di Legnaia, con la Asl 10 e con le scuole del territorio. Un progetto che prevede l educazione ad una corretta alimentazione attraverso incontri con specialisti del settore, attraverso la distribuzione di frutta nelle scuole, attraverso visite in loco e così via. L anno scorso il progetto aveva coinvolto circa cinquecento ragazzi delle varie scuole: per questa edizione, invece, i partecipanti saranno circa un migliaio. È stato deciso, infatti, di coinvolgere in questa importantissima iniziativa anche varie classi di prima e seconda elementare: in sede di verifica dell incidenza di un progetto su queste tematiche, infatti, è stato rilevato che anticipare i tempi può risultare n LAVORI Quasi terminata la sistemazione di via Petrocchi Mancano solo gli ultimi particolari, e poi i lavori di risistemazione in via Petrocchi saranno ultimati. La via, adiacente alla scuola Fanciulli, è stata infatti oggetto dell intervento dell UOT Unità Operativa Tecnica del Quartiere 5, che ha curato il ripristino delle aree verdi e delle aiuole che costeggiano la strada. A cura dell Ufficio Città Sicura, invece, l opera di ripristino del cordolo delle aiuole stesse; sempre l Ufficio Città Sicura ha provveduto alla realizzazione ex novo del passaggio pedonale. Già da qualche tempo, inoltre, all imbocco della zona pedonale che fiancheggia la via Petrocchi era stato posizionato un dissuasore, così da non permettere la sosta (soprattutto notturna) ad auto o altri mezzi. Gli ultimi particolari: la zona, dove vivono due colonie feline, sarà provvista anche di casette per i gatti. Le strutture saranno messe a dimora a breve. decisivo per migliorare gli stili di vita alimentare non solo dei ragazzi, ma anche dei genitori degli alunni. Questi, infatti, seguono con una maggiore accuratezza il percorso scolastico e non solo dei figli, modificando a loro volta il proprio stile alimentare per assecondare quello dei figli. È così che sedici classi tra le prime e le seconde elementari delle scuole del Quartiere hanno aderito al progetto. Il programma dell iniziativa è stato studiato per offrire livelli differenziati di educazione, adeguati all età degli alunni; per questo motivo, i più piccoli non effettueranno uscite, ma parteciperanno ad incontri ed interventi con un invito alla lettura e animazioni a cura del Teatro Ribes. Per i ragazzi un po più grandicelli, ossia per gli alunni delle terze, quarte e quinte, sono previste le uscite in collaborazione con la Cooperativa di Legnaia, ma anche l intervento di un agronoma che illustrerà la stagionalità ad ogni singola sezione delle scuole. Una gradita novità, rispetto allo scorso anno, è quella che prevede la visita al frantoio Il Mandorlo del Pian di San Bartolo; i ragazzi potranno così assistere dal vivo alle operazioni di frangitura che si svolgono durante il mese di novembre. Anche per quest anno, si svolgeranno degli incontri tra i genitori e le dietiste della Asl; rispetto alla passata edizione, tuttavia, gli incontri vedranno anche la presenza degli insegnanti. Anche il numero degli insegnanti è aumentato, arrivando a toccare le cinquanta unità; come la scorsa edizione, frequenteranno un corso di aggiornamento. Riprenderà, infine, anche la distribuzione di frutta ai ragazzi nelle scuole grazie a Mercafir per un periodo significativo dell anno scolastico; l anno scorso, ci sono state delle classi che hanno continuato a farsi consegnare la frutta in classe anche dopo la fine istituzionale del progetto. Un buon segno, questo; segno che gli sforzi fatti servono ad un cambiamento reale e non solo nelle intenzioni. Ecco l elenco delle scuole e delle classi che parteciperanno. Circolo 2 Scuola Colombo: I A, I B, I C (Primo ciclo); V A, V B, V C (Secondo ciclo). Scuola Vamba: V A, V B, V C, V D (S. C.). Circolo 3 Scuola Don Minzoni: I A, I B, I C (P. C.); III A, III B, III C (S. C.). Scuola Cadorna: I A, I B (P. C.); III A, III B (S. C.). Circolo 6 Scuola Matteotti: I A, I D (P. C.); III A, III B, III C, III D, IV A, IV B, IV C, IV D, IV E, V C (S. C.). Scuola Battisti: V B (S. C.). Scuola Marconi: II D (P. C.); III D, IV B, IV C (S. C.). Circolo 7 Scuola Mameli: I A, I B, I C, II A (P. C.); III A, III B (S. C.). Scuola Fanciulli: I A (P. C.). Bando CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI Come ogni anno, il Quartiere 5 indice un bando per la concessione di finanziamenti a persone fisiche, Enti Pubblici e Privati, Associazioni e in genere ogni soggetto che operi nel territorio del Quartiere 5 senza finalità di lucro Settori di intervento Il C.d.Q.5 erogherà contributi ai soggetti sopraindicati nei seguenti settori di intervento: Cultura, Sicurezza sociale, Sport, Attività educative, Tutela ambientale. Criteri di assegnazione Tutte le domande di contributo saranno esaminate, oltre che in riferimento all aderenza con gli indirizzi programmatici, anche secondo i seguenti requisiti e criteri. Requisiti: saranno prese in considerazione esclusivamente le domande provenienti da soggetti aventi sede, o operanti in modo continuativo da almeno un anno, nel territorio del Q5, con progetti e attività in linea con i principi ed i valori della Costituzione e dello Statuto del Comune. Criteri generali Saranno applicati alle richieste i seguenti criteri generali di preferenzialità, in ordine decrescente di importanza: la provenienza della richiesta da realtà associative rispetto ai soggetti singoli; l equilibrio tra il costo complessivo del progetto/attività ed il contributo richiesto; il vantaggio in termini di ritorno d immagine che può derivare al Quartiere con l erogazione del contributo. Formulazione delle domande Le domande di contributo devono essere redatte con riferimento ad uno solo dei settori di intervento e devono essere presentate, inderogabilmente, entro il e debbono essere redatte, a pena di esclusione, sui moduli disponibili sulla Rete Civica all indirizzo: pubblici/ concorsi/bandi.htm; possono altresì essere richiesti presso la sede del Quartiere 5 via Lambruschini, 33 anche via telefax n Erogazione dei contributi Le domande di contributo saranno esaminate dagli uffici del Quartiere che procederanno a verificarne l ammissibilità formale. L elenco sarà quindi sottoposto al Collegio di Presidenza per il parere definitivo e la definizione dell ammontare di ogni singolo contributo. Il provvedimento definitivo di concessione dei contributi richiesti sarà adottato con Determinazione Dirigenziale entro il 31/3/2008 o, qualora questo sia successivo, entro 30 gg. dall esecutività del bilancio comunale. Informazioni e richiesta moduli: Uffici Amministrativi Q5 via Lambruschini, 33 tel Servizio IL PRONTO SOCCORSO GIURIDICO Ogni venerdì mattina a partire dalle ore 10 presso i locali del Centro per l Età Libera di via Carlo Bini 5 (tel ) e ogni Martedì pomeriggio a partire dalle ore 15,30 presso i locali del Centro per l Età Libera di piazza Cavalieri di Vittorio Veneto 11 (tel ) è attivo il servizio di Pronto Soccorso Giuridico, con l obiettivo di fornire ai cittadini, per tramite di operatori giuridici volontari, un primo orientamento giuridico gratuito in relazione ai problemi di convivenza civile e alle controversie che purtroppo sempre più spesso sorgono nella vita di ciascuno di noi: che si tratti di difficoltà matrimoniali, di questioni di natura condominiale o immobiliare, locazioni, problematiche ereditarie, della necessità di far fronte alla manifesta incapacità di un familiare di provvedere a se stesso, lo scopo è di fornire una prima e pronta consulenza informativa, per valutare assieme i casi in cui è opportuno rivolgersi a un legale di fiducia. Gli utenti ideali di questo sportello sono le persone anziane le quali, vuoi per la difficoltà di farsi ascoltare da chi li circonda, vuoi per la mancanza di dimestichezza con le questioni legali, qui trovano un ideale punto di appoggio: da ciò l ubicazione del servizio presso i locali dei Centri per l Età Libera. Il Pronto Soccorso

2016 Voci di quartiere

2016 Voci di quartiere Legambiente Onlus Via Salaria, 403-00199 Roma - tel. 06 862681 - Fax 06 86218474 - legambiente@legambiente.it - www.legambiente.it Introduzione C è un Italia fatta di quartieri sostenibili, dove nuove

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile

7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile 7 segreti per guadagnare una rendita dal tuo Immobile PRIMA PARTE: STRUTTURA DEL MODELLO DI AFFITTO CASA IN RENDITA 1. Devi sfruttare l evoluzione del mercato turistico, perché è più ricco e meno problematico

Dettagli

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano In data di giovedì 4 giugno dalle ore 20.45 presso Auditorium Moscheni c/o la scuola secondaria F. Nullo si è tenuto il Comitato Genitori n. 4 per l anno

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino

Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Alla cortese attenzione degli assessori Viabilità (Claudio Lubatti) ed Ambiente (Enzo La Volta) del Comune di Torino Coerentemente con quanto dichiarato e nelle intenzioni del Biciplan di Torino approvato

Dettagli

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE

I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE I CONTI DELLA NOSTRA SCUOLA: UN BILANCIO SOCIALE Vorremmo provare a spiegare come funziona il bilancio della nostra scuola, quali servizi vengono offerti e come sono finanziati. Per chiarezza e trasparenza.

Dettagli

NOTIZIARIO NR. 4 / 2013

NOTIZIARIO NR. 4 / 2013 ASSOCIAZIONE ZASTAVA BRESCIA PER LA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE ONLUS Via F.lli Folonari, 20 25126 BRESCIA (c/o Camera del Lavoro ) TEL. 347.3224436-347.2259942 http://digilander.iol.it/zastavabrescia/

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI PROGRAMMA DI ATTIVITÀ PER LE SCUOLE 2010/2011 Bì, il centro per i bambini e i giovani che ospita al suo interno la Biblioteca Civica per i ragazzi, un importante spazio museale

Dettagli

UCIFNEWS. Una data importante 20 giugno 1973. giugno 2013

UCIFNEWS. Una data importante 20 giugno 1973. giugno 2013 UCIFNEWS N/2 giugno 2013 > 1973 2013 Una data importante 20 giugno 1973 Manuela Casali Presidente UCIF 17 aziende davano vita a UCIF, consapevoli della necessità di stare insieme per portare avanti programmi

Dettagli

entro le date riportate all articolo 5

entro le date riportate all articolo 5 CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DI PLACCHE DESTINATE A CONTRASSEGNARE I LUOGHI PIÙ SIGNIFICATIVI DELLA VITA DI PADRE LINO MAUPAS A PARMA RISERVATO AGLI STUDENTI DEL LICEO ARTISTICO PAOLO TOSCHI DI

Dettagli

Perché festeggiamo gli alberi?

Perché festeggiamo gli alberi? Perché festeggiamo gli alberi? La Festa dell Albero di Legambiente compie 18 anni! Anche quest anno, il 21 novembre, vogliamo celebrare l importanza del verde urbano, degli alberi per la vita dell uomo

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

SOGNO VERDE. Comune di Bergamo Assessorato all ecologia e all ambiente Assessorato all urbanistica Assessorato alle politiche giovanili

SOGNO VERDE. Comune di Bergamo Assessorato all ecologia e all ambiente Assessorato all urbanistica Assessorato alle politiche giovanili SOGNO VERDE Provincia di Bergamo Assessorato all agricoltura Comune di Bergamo Assessorato all ecologia e all ambiente Assessorato all urbanistica Assessorato alle politiche giovanili SOGNO VERDE micro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LORENZO BARTOLINI PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ Anno scolastico 2007/2008 L educazione alla legalità ha trovato spazio nella progettazione della scuola secondaria di

Dettagli

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA

IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA CO 2 footprint Aid 2 IMPRONTA ECOLOGICA TRAGITTO CASA-SCUOLA Obiettivi: Gli studenti diventano consapevoli di come il loro contributo nelle emissioni di CO2 dipenda dalla loro scelta del mezzo di trasporto

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO Queste brevi riflessioni vogliono costituire uno stimolo al dibattito su un tema centrale per la vita di Pistoia, vale a dire sulla questione dell assetto

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO Anno scolastico 2010/2011 La Fondazione Zanetti ONLUS, ente non a scopo di lucro che ha come obiettivo

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

Relazione sul progetto Ambientiamoci 2002-2005 pag. 1. Introduzione

Relazione sul progetto Ambientiamoci 2002-2005 pag. 1. Introduzione Relazione sul progetto Ambientiamoci 2002-2005 pag. 1 Introduzione P er due anni consecutivi questa Amministrazione è riuscita a coinvolgere, mediante proficue campagne di sensibilizzazione ambientale,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata

Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata Il 28 novembre 2015, noi classe 1^B, come tutti gli alunni del nostro Istituto, abbiamo aperto la nostra scuola al territorio. L esperienza è stata molto positiva perché ci ha permesso di far conoscere

Dettagli

G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it

G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it Persona di riferimento: Andrea Procellana Tipologia di attività svolte: SITUAZIONE DI RIFERIMENTO:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori

Capannori. Speciale lavori pubblici 3. - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Capannori Speciale lavori pubblici 3 - Inaugurazione nuovo casello autostradale di Capannori Nel trentennale dello spostamento del municipio da Lucca a Capannori festeggiamo una delle più grandi opere

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Prot. n. 15633 Treviso, 8 febbraio 2012. Bando di concorso La scuola va in città, a.s. 2011/2012

Prot. n. 15633 Treviso, 8 febbraio 2012. Bando di concorso La scuola va in città, a.s. 2011/2012 Prot. n. 15633 Treviso, 8 febbraio 2012 Bando di concorso La scuola va in città, a.s. 2011/2012 Premessa La Provincia di Treviso, tramite il Laboratorio Territoriale Nodo Provinciale IN.F.E.A., intende

Dettagli

Premessa. Area Gioca cavallo :

Premessa. Area Gioca cavallo : Giardini Naxos 11-15 Aprile 2011 Premessa L Associazione Figli del vento Naxos organizzatrice della manifestazione internazionale Cup of the two Worlds dal 10 al 17 Aprile 2011 a Giardini Naxos (ME) che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI 1 TITOLO I 3 Disposizioni Generali 3 Art. 1 3 Finalità 3 Art. 2 3 Obiettivi 3 Art. 3 3 Funzionamento del Regolamento del C.C.R. 3 TITOLO II 4 Il Consiglio

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE

Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola dell Infanzia MOSTRA DEI LAVORI Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL IMMAGINE Scuola Primaria LABORATORIO DI EDUCAZIONE TEATRALE Scuola Secondaria di 1 grado LABORATORI DI ITALIANO E MUSICA

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

Sperimentando 2015 Energia e Vita

Sperimentando 2015 Energia e Vita Sperimentando 2015 Energia e Vita Dal 18 aprile al 24 maggio 2015 è aperta a Padova Sperimentando, la quattordicesima edizione della mostra interattiva di fisica, chimica e scienze, promossa da Comune

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

ASSOCIAZIONE DIAKONIA o.n.l.u.s.

ASSOCIAZIONE DIAKONIA o.n.l.u.s. PROGETTO Sportello di informazioni e consulenza legali gratuite Titolo del progetto Sportello di informazioni e consulenza legali gratuite Soggetto titolare Associazione Diakonia onlus Ambito territoriale

Dettagli

La Commissione per le attività delle associazioni studentesche, nominata con Decreto n. 008179 del 02/04/2004, composta da:

La Commissione per le attività delle associazioni studentesche, nominata con Decreto n. 008179 del 02/04/2004, composta da: Verbale della Commissione per le attività studentesche La Commissione per le attività delle associazioni studentesche, nominata con Decreto n. 008179 del 02/04/2004, composta da: il Magnifico Rettore,

Dettagli

Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale

Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale Chi siamo ProgettoMondo Mlal (www.progettomondomlal.org) è una ONG di cooperazione internazionale con sede a Verona, attiva da

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: Estense.com Vigarano, ecco il nuovo polo scolastico Paron: Scelta la data dell'11 settembre per riprenderci il futuro di Federica Pezzoli Vigarano Mainarda. Quello

Dettagli

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Soggetti Coinvolti Alunni Scuola Primaria delle classi 4^ 5^ dei plessi di San Vito, Ligugnana e Prodolone per un totale di 12 classi e

Dettagli

Occhi aperti sul territorio A scuola di cittadinanza anno scolastico 2012-13

Occhi aperti sul territorio A scuola di cittadinanza anno scolastico 2012-13 In caso di mancato recapito ritornare all'ufficio Postale Roma Romanina per la restituzione previo addebito. Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004

Dettagli

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti SCUOLA PER SCUOLA UGUALE SOLIDARIETÀ Associazione di promozione sociale sulla pace, solidarietà e diritti umani Sede sociale c/o Casa delle Associazioni, Via Canova, 45 20024 Garbagnate Milanese Codice

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Attività didattiche 2012-2013

Attività didattiche 2012-2013 Attività didattiche 2012-2013 VISITA TRADIZIONALE Lungo un percorso di 30 sale i ragazzi sono accompagnati a conoscere i fatti e i protagonisti che hanno portato all indipendenza e all unità d Italia.

Dettagli

Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015

Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015 Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015 Buonasera a tutti, in particolare a tutti i componenti della Giunta comunale, ai professori presenti,

Dettagli

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE

PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE PERCHÉ UN LABORATORIO DI PEDAGOGIA TEATRALE NELLE SCUOLE - PREMESSE E OBIETTIVI DEL PROGETTO - Dopo il nucleo familiare, senza dubbio, è la scuola a rappresentare per il bambino il principale punto di

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

ASSOCIAZIONE CULTURALE PAESAGGI

ASSOCIAZIONE CULTURALE PAESAGGI in occasione della indìce il Concorso Fotografico "La Città degli Alberi" Iniziativa accolta dalla Commissione Nazionale Italiana UNESCO nell ambito delle manifestazioni della settimana DESS 2013 (18-24

Dettagli

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Disegno urbano 3 Aggiornamento ottobre 2012 ACCESSIBILITÀ AI SERVIZI ED AL MERCATO

Dettagli

INFORMATIVA PER GLI INSEGNANTI. Premessa NORME COMPORTAMENTALI

INFORMATIVA PER GLI INSEGNANTI. Premessa NORME COMPORTAMENTALI INFORMATIVA PER GLI INSEGNANTI Premessa Il Centro Tutela e Ricerca Fauna Esotica e Selvatica - Monte Adone con la presente informativa intende mettere a conoscenza gli istituti scolastici delle principali

Dettagli

Comune di Sant Elia a Pianisi

Comune di Sant Elia a Pianisi Comune di Sant Elia a Pianisi Provincia di Campobasso ********* Corso Umberto I, 39-86048 Sant Elia a Pianisi (CB) tel. 0874 81205 - fax 0874 816400 E-mail: comunesantelia@tin.it; PEC: comune.santeliaapianisi@legalmail.it

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015 Pagina 1 di 7 rassegna stampa 19/20/21 Settembre 2015 IL CITTADINO Lodi La lotta contro il tumore al seno, un esame che può salvare la vita (19/09/2015) Alao in piazza per ricordare Elisa Votta (19/09/2015)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010

Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010 Scorrazzando in Emilia Romagna Inverno 2010 Quest anno per la solita gita che facciamo tra Natale e Capodanno decidiamo di cambiare meta, non più la ormai (per noi) tradizionale toscana, toccata negli

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Percorso di integrazione scolastica del soggetto disabile Associazione Ring 14 2011 Indice Breve profilo dell Associazione Introduzione e contesto

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff. VII. Nota 20 dicembre 2002

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff. VII. Nota 20 dicembre 2002 Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff. VII Nota 20 dicembre 2002 Prot. n. 22143 Oggetto: Concorso pubblico, per titoli e progetto artistico, ai fini dell'assegnazione di borse di studio

Dettagli

ANALISI DATI QUESTIONARIO RILEVAZIONE LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEL SERVIZIO COMPONENTE GENITORI

ANALISI DATI QUESTIONARIO RILEVAZIONE LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEL SERVIZIO COMPONENTE GENITORI Liceo Scientifico Statale Alessandro Volta - Milano RILEVAZIONE DEL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEL SERVIZIO COMPONENTE GENITORI ANNO SCOLASTICO COMITATO ASSICURAZIONE QUALITA ANALISI DATI QUESTIONARIO RILEVAZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Comune di Ceriano Laghetto

Comune di Ceriano Laghetto Categoria 2 37 Scheda del progetto Comune di Ceriano Laghetto Simona Borroni Via Roma, 18 20020 Ceriano Laghetto (MI) 02 96661326 02 96661302 cultura@comune.cerianolaghetto.mi.it www.comune.cerianolaghetto.mi.it

Dettagli

Il laboratorio di musica

Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica Il laboratorio di musica si inserisce nei laboratori facoltativi pomeridiani e a differenza degli altri laboratori, che hanno una durata quadrimestrale, dura per tutto l anno.

Dettagli

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Associazione Uniti per Crescere Onlus Anno scolastico 2015-2016 CON IL PATROCINIO: COMUNE DI PADOVA Titolo del Progetto:

Dettagli

PRIMI GIORNI IN ANGOLA.

PRIMI GIORNI IN ANGOLA. PRIMI GIORNI IN ANGOLA. Sono già tante le cose da raccontare, e non so da che parte cominciare! 1. IL LAVORO. Nella lettera precedente ( Che ci faccio qui ) vi ho già descritto a grandi linee il progetto

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

Circolare n. 139 Meda, 28 marzo 2008

Circolare n. 139 Meda, 28 marzo 2008 Circolare n. 139 Meda, 28 marzo 2008 Ai docenti Agli alunni Oggetto: iniziative della Consulta Studenti Si trasmettono in allegato comunicazioni relative a due iniziative proposte dalla Consulta Provinciale

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S.

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. CON IL PATROCINIO DIMinistero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. c/o UISP Via Bocchi, 32-50126

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IN ARCHITETTURA, TECNOLOGIA ED ORGANIZZAZIONE DELL OSPEDALE Anno Accademico 2008 2009 Codice Corso di Studio: 10805 Art. 1 Per l anno

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

COME DIVENTARE PIÙ RICCHI IN SOLI 12 MESI

COME DIVENTARE PIÙ RICCHI IN SOLI 12 MESI Comune di Montefiore Conca Provincia di Rimini Certificazione del 14/09/2002 COME DIVENTARE PIÙ RICCHI IN SOLI 12 MESI S e r v i z i o C i v i l e P e r g l i a l t r i. P e r t e. HAI L'ETÀ GIUSTA PER

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

20091 BRESSO Viale Don Minzoni n 38 tel. 02 610 75 59 -www.donaunsorriso.org

20091 BRESSO Viale Don Minzoni n 38 tel. 02 610 75 59 -www.donaunsorriso.org 20091 BRESSO Viale Don Minzoni n 38 tel. 02 610 75 59 -www.donaunsorriso.org Cari Amici e Benefattori, incominciamo con qualche bella notizia. Layupampa, in BOLIVIA, è un paesino di 500 persone con 150

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole primarie Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole primarie gennaio 2010 Istituto Comprensivo di Sedegliano Presentazione Questo opuscolo contiene alcune informazioni utili

Dettagli