SCHEDA TECNICA PRO-LONGEVITY UOMO Complemento alimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA TECNICA PRO-LONGEVITY UOMO Complemento alimentare"

Transcript

1 SCHEDA TECNICA PRO-LONGEVITY UOMO Complemento alimentare

2 SCHEDA TECNICA Denominazione del prodotto: PROLONGEVITY UOMO compresse Composizione per unità di somministrazione: - Uva (Vitis vinifera) e.s. titolato al 95 in Polifenoli di cui 300 mg Acido Gallico 3% Catechine/epicatechine (monomere) minimo 20-30%, Procianidine dimere (B1-B4) minimo 4-7% - Pterocarpus marsupium e.s. titolato al 5% in Pterostilbene 160 mg - Quercetina 50 mg - Caffeina 100 mg - Selenio 40 mcg - Testofen (es. Fieno greco titolato in Fenuside) 50 mg - Bioperine (es. Pepe nero tit. 95% in Piperina) 4 mg Le ipotesi correlate all invecchiamento cellulare L'invecchiamento è un processo degenerativo progressivo con accumulo graduale di danni che comporta il malfunzionamento e l indebolimento generale dell'organismo, rendendolo vulnerabile agli agenti patogeni e favorendo l'instaurarsi di gravi patologie. Si ipotizza che esso sia il risultato inevitabile dei fenomeni di usura, ma che la rapidità alla quale progredisce possa essere influenzata dalla capacità dell'organismo di prevenire e riparare i danni. A prescindere dall'efficienza dei meccanismi di prevenzione e riparazione, è molto probabile che qualche danno sfugga al loro intervento. Le lesioni non riparate si accumulano fino ad un livello critico, superato il quale, si manifestano i loro effetti fisiologici. La velocità con cui i danni si accumulano e, quindi, quella con cui progredisce l'invecchiamento dipende dall'efficienza dei meccanismi di prevenzione e riparazione controllati dai geni. Alla base dell invecchiamento sono state individuate quattro ipotesi che in concomitanza possono essere ritenute responsabili del progressivo declino dell organismo: - ipotesi genetica - ipotesi dei telomeri - ipotesi dei radicali liberi - ipotesi immunitaria/infiammatoria Ipotesi genetica L'invecchiamento, almeno in parte, è programmato a livello genetico per necessità evolutive. Nella fase di invecchiamento di un individuo si attivano almeno 35 geni e proteine prima silenti. Nel topo si sono scoperti geni che hanno un ruolo molto attivo nel processo di invecchiamento: uno di questi geni è l'shc. Esso produce tre proteine, di cui una, la P66, determina nel tempo la morte cellulare. I topi privati di questo gene vivono mediamente un terzo di più rispetto agli animali del gruppo di controllo. L'ipotesi è che questa proteina controlli la

3 risposta cellulare allo stress ossidativo, generato al 90% dal mitocondrio. (Prof. Pelicci, Nature1999) Esistono prove sperimentali che dimostrano come i geni mitocondriali possano essere danneggiati in maniera irreversibile. Diversi ricercatori hanno riscontrato delezioni specifiche in segmenti del DNA mitocondriale nel cervello di persone anziane. L'australiano Anthony Linnane ha dimostrato che meno del 5% del DNA mitocondriale è integro nel tessuto muscolare di un soggetto di 90 anni. Si è accertato che in questi organuli cellulari, che sono la fonte energetica della cellula e nei quali la produzione di radicali liberi è particolarmente intensa, la capacità di generare energia decresce con l'età. Si ritiene che molte malattie senili, tra cui il diabete mellito, il Parkinson e la malattia di Alzheimer, siano riconducibili a danni mitocondriali. Oggi è noto che una certa forma di riparo esiste anche per il DNA mitocondriale, nel quale è stato scoperto l'attività di una DNA polimerasi. Come ulteriore evidenza che la senilità ha una base genetica, è stato dimostrato che, nei pazienti affetti dalla Sindrome di Werner, che appaiono anziani già all'età di 20 anni, vi è un gene chiamato Recq che accelera l'invecchiamento. Nel 1995 alcuni scienziati della Rockefeller University, annunciarono l'identificazione di due geni correlati con la longevità. Si tratta di geni che appartengono alla categoria chiamata di "manutenzione". Tutti li possediamo, ma alcuni di loro sono meno efficienti di altri: chi possiede la versione più efficiente ha una maggiore probabilità di vivere più a lungo. Uno di questi geni è quello che codifica per la Apolipoproteina E (Apo), di cui esistono 3 versioni ed in particolare la versionee2 conferisce protezione nei confronti delle malattie cardiovascolari.

4 Ipotesi dei telomeri La lunghezza dei telomeri è un altro importante indice di invecchiamento. Essa si riduce gradualmente con l'avanzare dell'età, inibendo progressivamente la proliferazione cellulare. In molti ceppi tumorali umani, come ad es. le cellule HeLA, in fase di divisione attiva, la lunghezza dei telomeri permane costante e l'attività telomerasica è elevata. Jerry W.Shay e collaboratori dell'università del Texas con i ricercatori della Geron Corporation, a Silicon Valley, in California, hanno introdotto, in vitro, nel DNA di cellule della pelle, retina e vasi sanguigni, il gene che codifica per l'enzima telomerasi. In questo modo si è evitato il progressivo accorciamento dei telomeri, consentendo di rallentare l'invecchiamento. Ipotesi dei radicali liberi

5 I radicali liberi, generati al 90% nei mitocondri, è molto probabile che siano implicati anche nella genesi di malattie quali l'arteriosclerosi, l'infarto, l'ictus, la cataratta, l'enfisema, l'artrite e il cancro. I radicali liberi rappresentano un sottoprodotto del normale metabolismo cellulare ed essendo molecole altamente instabili e reattive, con uno o più elettroni liberi, sono perennemente alla ricerca di altre molecole a cui attaccarsi. Quando il loro numero è eccessivo (condizione di stress ossidativo) possono risultare dannosi per l'organismo. Il danno da stress ossidativo è stato particolarmente dimostrato nel caso di riperfusione del muscolo cardiaco dopo infarto miocardico. I radicali liberi svolgono, però, anche funzioni utili per il benessere generale dell organismo. L'endotelio dei vasi sanguigni produce radicali liberi per controllare la contrazione dei vasi stessi: ad esempio l'ossido nitrico (NO) è essenziale per mantenere dilatati al punto giusto i vasi sanguigni e quindi permettere una corretta circolazione del sangue. I globuli rossi li producono per poter utilizzare correttamente l'ossigeno. I radicali liberi sono prodotti anche da alcune cellule del sistema immunitario per favorire l eliminazione dei microrganismi patogeni. Appare, dunque, evidente che i radicali liberi non costituiscono un problema ma lo diventano quando si rompe l equilibrio tra le molecole prodotte e quelle eliminate, rendendo l organismo inefficiente nel neutralizzare l eccesso di radicali liberi. Questo può accadere quando altri fattori contribuiscono alla produzione di radicali liberi: l'inquinamento atmosferico, gli insetticidi e altri prodotti chimici contenuti nei cibi, il fumo di sigaretta, le radiazioni, comprese quelle solari, lo stress fisico od emotivo, alcuni farmaci tra cui la pillola anticoncezionale, ecc.. I neutrofili ed i macrofagi, durante la lotta contro virus e batteri, generando un eccesso di radicali liberi e di specie reattive dell'ossigeno, possono produrre un danno diffuso alle cellule locali e una reazione infiammatoria cronica. Nel giugno del 2001, in un convegno della Società Europea di Ricerca sui radicali Liberi, è stata dimostrata la correlazione tra scorretta nutrizione e malattie cardiovascolari mediante l identificazione di una serie di geni, espressi in modo alterato a causa di una perdita dell'equilibrio fra radicali liberi ed antiossidanti. L'organismo dispone di vari mezzi per prevenire e riparare i danni molecolari causati dai radicali liberi, ma la loro azione, nel complesso, è imperfetta e la loro efficacia declina con l'avanzare dell'età. Questi mezzi comprendono sostanze antiossidanti, come la Superossidodismutasi, il Glutatione, la Perossidasi, la Catalasi e l'acido urico; la ceruloplasmina; i sistemi di riparazione delle proteine come le proteinasi, le proteasi e le peptidasi; i sistemi di riparazione dei lipidi come le fosfolipasi, le acetiltrasferasi e la transferasi; i sistemi di riparazione del DNA come la eso e la endonucleasi, la glicosilasi, la polimerasi e la ligasi. Ci sono poi sostanze antiossidanti che necessitano di apporto esterno come le vitamine C, E, B1, B3, B6, paba e colina, i carotenoidi quali la luteina, l'alfacarotene, il betacarotene, il licopene, la zeaxantina e la betacriptoxantina,i bioflavonoidi, tra cui, la quercetina, ecc.. Altri bioflavonoidi sono le proantocianidine, le procianidine, il resveratrolo, le antocianine, ecc.. Si è anche accertato che, nelle cellule umane, la quantità di proteine ossidate aumenta esponenzialmente con l'età. Le proteasi, cioè gli enzimi capaci di degradare le proteine ossidate, si ossidano a loro volta e divengono inattive. Neppure le lunghe catene di atomi di carbonio che compongono i lipidi delle membrane che rivestono le cellule ed i loro organuli interni, sono risparmiate dall'ossidazione distruttiva dei radicali liberi. Si ritiene che anche il glucosio, il principale combustibile del corpo umano, sia un importante fattore di invecchiamento. Una reazione chimica, la glicosilazione, lega le molecole di glucosio alle proteine alterandone la funzionalità. Si è dimostrato che questo zucchero modifica lentamente il collagene favorendo la formazione di legami incrociati con la conseguente perdita di elasticità dei tessuti.

6 La quarta ipotesi riguarda il declino del sistema immunitario e l instaurarsi di processi infiammatori, più o meno silenti, dovuti all usura dell organismo, alla sua maggiore vulnerabilità ed alla minore capacità di neutralizzare l eccesso di radicali liberi. Sicuramente l influenza concomitante delle quattro ipotesi summenzionate è alla base di una teoria unificante dell aging e tra queste lo stress ossidativo, influenzato dall ambiente e dallo stile di vita svolge un ruolo particolarmente importante. Quali sono le caratteristiche dell'invecchiamento? Nell'uomo, con il progredire dell'età, gli spazi extracellulari dell'ippocampo, della corteccia e di altre regioni cerebrali, si riempiono di aggregati di beta-proteina amiloide (le cosiddette placche senili), le cellule gliali subiscono alterazioni e il citoplasma dei neuroni, in molte aree del cervello, appare sempre più punteggiato da granuli di lipofuscina. Altra caratteristica dell'invecchiamento è la progressiva riduzione del numero di neuroni con l'avanzare dell'età. Si è calcolato che dopo i 50 anni c.a il 5% dei neuroni dell'ippocampo scompare ogni 10 anni. Anche quando i neuroni sopravvivono, il loro corpo cellulare ed i loro prolungamenti possono atrofizzarsi. Il citoplasma di alcune cellule dell'ippocampo e di altre aree cerebrali può riempirsi di ammassi neurofibrillari.oltre al cervello, cuore e vasi sanguigni, già intorno ai 20 anni, possono manifestare microlesioni nella parte più interna; la pelle perde circa il 6% dell'elasticità ogni 10 anni; nell'occhio il calo della vista inizia intorno ai 40 anni e verso i 60 possono comparire danni più gravi alla retina o alla cataratta; nell'orecchio il calo dell'udito inizia intorno ai anni; nelle ossa, aumentano gradualmente gli osteoclasti e diminuiscono gli osteoblasti. Le articolazioni diventano più rigide, meno mobili e talvolta si deformano (specie quelle delle mani) per fenomeni di artrosi; l'altezza può ridursi, a causa di un incurvamento della colonna vertebrale ; i capelli diventano bianchi, crescono più lentamente e sono più sottili; la pelle diventa rugosa e meno elastica, in particolar modo al volto e al dorso delle mani; le unghie possono diventare opache e fragili; i muscoli si

7 riducono e diminuisce la forza di contrazione. Aumenta la pressione del sangue e le arterie diventano più rigide (arteriosclerosi); arretrano le gengive; l'intestino diventa più pigro, per cui è frequente la stitichezza; è frequente nell'uomo l'ingrossamento della prostata che comporta un getto urinario minore con minzioni più frequenti, specie nelle ore notturne; si riduce la capacità del sistema immunitario; la velocità di guarigione delle ferite è più lenta; vi è un'accresciuta crescita di peli all'interno delle orecchie e del naso, accumulo di lipidi nella sclera (colorazione tipicamente giallognola dell'occhio). Inoltre l'invecchiamento è caratterizzato dall evidenza di quattro fattori: iperglicemia (il glucosio non è più correttamente metabolizzato), ipercolesterolemia (mutazione del metabolismo dei lipidi), ipertensione (irrigidimento dei vasi soprattutto a livello renale), adiposità viscerale. Nell'invecchiamento tutto si desincronizza e diminuisce la ciclicità ormonale: l'organismo perde il controllo di sé stesso. E' inoltre emerso da studi che l'abrogazione del ritmo circadiano (luce-buio) accelera il processo di invecchiamento. Il venir meno dei ritmi circadiani ha effetti deleteri sul sistema immunitario. Ci sono studi che affermano che al nostro interno possediamo un aging clock in grado di scandire la durata della nostra vita, situato nel nostro cervello e questo orologio interno sembra essere la ghiandola pineale. Nel corpo umano, soltanto le cellule germinali sono immortali, in quanto dispongono di grandi quantità di enzimi per la riparazione del DNA. E' ragionevole ipotizzare che, se si potessero isolare, sintetizzare e far pervenire, all'interno di tutte le cellule somatiche dell'organismo umano, quantità appropriate di tali enzimi, si otterrebbe un effetto di ringiovanimento. Vi sono tre modi di misurare l'età : l'età cronologica, ovvero l'età anagrafica; l'età biologica, ovvero l'età del corpo e l'età psicologica, ovvero l'età che si sente di avere. La prima età è quella certa ma l'età biologica è quella che è più degna di fede delle tre. L'età psicologica può influenzare di molto l'età biologica, vediamo alcuni fattori : Fattori che rallentano l'invecchiamento Fattori che accelerano l'invecchiamento Soddisfazione del proprio lavoro Soddisfacente vita sessuale Relazione stabile, matrimonio felice Senso di felicità personale Capacità di avere e mantenere amicizie intime Senso dell'umorismo Piacere nel trascorrere il tempo libero Ottimismo Solitudine Depressione Preoccupazioni costanti ed eccessive Insoddisfazione del proprio lavoro Disperazione, rimpianti, ipercriticismo, irritabilità Eccesso di lavoro Problemi finanziari Incapacità di esprimere le proprie emozioni Capacità di esprimere le emozioni

8 Sensazione di non mancare di mezzi finanziari Capacità di reagire creativamente ai cambiamenti Caratteristiche del prodotto PRO-LONGEVITY DONNA è un prodotto nutraceutico a base di AGEPROTECTION510, in grado di conferire una protezione cellulare attiva contro l attacco nocivo delle specie radicaliche responsabili del precoce invecchiamento dell organismo. Il prodotto protegge in particolare il DNA, la membrana cellulare e le componenti proteiche delle cellule grazie all innovativo e brevettato complesso AGEPROTECTION510, i cui test in vitro hanno dimostrato la sua efficacia nel potenziare le difese cellulari antiossidanti e ridurre i processi infiammatori correlati allo stress ossidativo. La Vite è un arbusto rampicante con fusti lunghi fino a 30 metri. Il tronco si presenta di colore marrone scuro che si stacca in strisce longitudinali; le foglie hanno un robusto picciolo, il frutto è formato da una bacca tondeggiante od ovale, con polpa succosa che contiene 1-4 semi piriformi. In Italia è diffusa in tutto il territorio, cresce nei boschi, nei cespugli e tra le siepi dal piano fino a 900 metri. I componenti principali della Vite sono i polifenoli e gli antocianosidi, in particolare: - flavonoidi (alla concentrazione del 4-5%): quercitrina, isoquercitrina, rutina, luteolina, ecc.. - tannini antocianici e leucoantocianici: gallocatecolo, catecolo, ecc.. Sono inoltre presenti acidi organici (tartrico, malico, succinico, ecc..) e sali minerali. Tra le attività dell Uva è sicuramente nota quella angioprotettrice, svolta a livello del microcircolo, grazie all azione degli antocianosidi: diminuzione della permeabilità di membrana e aumento della resistenza dei capillari. La diminuita permeabilità dei capillari sarebbe conseguenza di una stabilizzazione del collagene. Gli antocianosidi sono pertanto risultati utili nel trattamento degli edemi perimalleolari dovuti ad abnorme permeabilità capillare: riattivano il microcircolo locale, migliorano il deflusso venoso e facilitano la rimozione dei liquidi interstiziali, riducendo l edema. Inoltre, gli antocianosidi riducono il tono delle fibrocellule muscolari lisce di arteria, dimostrando azione antiischemica e favorente la circolazione ematica. A questa attività si aggiunge un effetto protettivo nei confronti del danno endoteliale che può seguire ad un periodo di temporanea ischemia. Nel fitocomplesso sono presenti anche procianidine, sostanze molto interessanti come agenti antiossidanti, utili nel contrastare l intervento dei radicali liberi. Le procianidine sono caratterizzate da molecole flaviniche raggruppate in oligomeri, dimeri, trimeri, ecc. dotate di attività antiossidante, scavengers dei radicali liberi, antiproteasi, endotelioprotettrici. E stata dimostrata inoltre la loro capacità di aumentare le HDL e di ridurre perciò i danni al miocardio. L estratto impiegato nella formulazione del prodotto è un estratto particolare dotato di una titolazione molto elevata in polifenoli (95%) di cui almeno il 35% è stato identificato. Nello

9 specifico l estratto è dotato di una caratterizzazione in termini di tenore di acido Gallico, rapporto catechine/epicatechina e procianidine dimere (B1-B4). L'estratto, ottenuto in GMP, è uno dei più potenti antiossidanti presenti sul mercato in quanto caratterizzato da un'attività ORAC superiore a micromoli TE/g. L'estratto è stato testato in vivo su 10 soggetti obesi (sottoposti a forte stress ossidativo per la loro condizione di sovrappeso) con il fine di verificare la capacità della materia prima nel modulare l'espressione dei geni correlati alla riduzione dello stress ossidativo. Lo studio randomizzato con placebo ha previsto il primo mese di trattamento con il placebo seguito da un altro mese di trattamento con l'estratto di Uva. Non sono stati monitorati effetti avversi durante il trattamento. Non si sono osservate variazioni significative a carico dei segni vitali, stato clinico, parametri ematologici, biochimici ed enzimatici. Durante lo studio è stata monitorata la TAS (stato antiossidante totale) come misuratore indiretto della biodisponibilità dell estratto di Uva. Il grafico sottostante evidenzia un incremento significativo del TAS rispetto al placebo: Effetti sui sistemi anti-ossidanti enzimatici e non enzimatici endogeni. Il Glutatione perossidasi (GPX), la Catalasi (CAT) e la Superossido dismutasi (SOD) rappresentano i più importanti enzimi antiossidanti in grado di proteggere le cellule dal danno ossidativo generato dai radicali dell ossigeno. Al termine dello studio come evidenzia il grafico sottostante è stato riscontrato un aumento significativo, rispetto al plcebo, dei livelli di GPX. Sempre rispetto al placebo si riducono i livelli di Glutatione ridotto (GSH) ed aumentano i livelli di Glutatione disolfuro (GSSH).

10 Questi dati suggeriscono che l estratto di Uva è in grado di attivare il sistema anti-ossidante del glutatione:

11 Espressione genica L espressione genica è stata monitorata mediante la tecnica Microarray. Sono stati investigati ca. 200 geni coinvolti nello stress ossidativo e nei pathways antinfiammatori. Dopo il trattamento l espressione differenziata è stata riscontrata su 50 geni. Conclusioni L estratto di Uva testato nello studio si è dimostrato capace di: - Attivare il sistema anti-ossidante relativo al glutatione - Attivare l espressione genica di 50 geni che codificano per i sistemi di difesa antiossidanti e antinfiammatori. L attivazione dei sistemi di difesa cellulare contribuisce a proteggere le cellule mantenendole attive e pienamente funzionali. Pterostilbene estratto di Pterocarpus marsupium titolato al 5% in Pterostilbene. Si tratta di uno stilbene strutturalmente analogo al Resveratrolo prodotto da alcune piante a seguito di infezioni micotiche, microbiche o in risposta ad insulti ambientali quali l eccessiva esposizione alla luce

12 ultravioletta. Si trova normalmente nell Uva e nei Mirtilli in piccole quantità mentre è largamente rappresentato nel Pterocarpus marsupium, estratto noto nella medicina ayurvedica per le sue capacità curative nei confronti del diabete e per il trattamento di problematiche cardiovascolari. Il Pterostilbene come analogo strutturale del Reveratrolo, presenta rispetto a quest ultimo le seguenti caratteristiche: - È più biodisponibile - Come antimicotico è 5-10 volte più potente - Si è dimostrato più efficace nell inibire la proliferazione cellulare in alcune linee tumorali (es. HT-29 adenocarcinoma) - Si è dimostrato più efficace nell attivare il PPARalfa, un fattore nucleare coinvolto nella funzionalità ed efficienza cellulare che regola l espressione genica. - È più stabile Inoltre il Pterostilbene possiede - una significativa attività antinfiammatoria (inibizione selettiva di COX-2) - Ha effetto ipoglicemizzante ed ipolipemizzante. - Favorisce l aumento del colesterolo buono HDL. - Determina benefici a livello cardiovascolare - in vivo sugli animali ha dimostrato di compensare deficit cognitivi. In particolare l attività antissidante del Pterostilbene è stata monitorata in vitro in eritrociti umani in combinazione con la Quercetina. Gli eritrociti sono stati sottoposti al danno ossidativo mediante trattamento con ioni perossido. La suddetta combinazione è risultata maggiomente efficace rispetto al binomio Resveratrolo-Quercetina nel proteggere le membrane eritrocitarie dalla perossidazione lipidica (Mikstacka et al. 2010). L azione antiossidante del Pterostilbene è stata testata anche in vivo su ratti diabetici. Il diabete riduce l attività enzimatica di SOD, Catalasi, Glutatione perossidasi, Glutatione-S-transferasi e diminuendo la disponibilità del glutatione soprattutto a livello del tessuto epatico e renale. Dopo trattamento dei ratti per 6 settimane con Pterostilbene (40 mg/kg), le attività enzimatiche dei vari sistemi di difesa cellulari sono significativamente aumentati. Anche il grado di perossidazione lipidica misurato con il TBARS test si è normalizzato a seguito del trattamento (Satheesh and Pari, 2006). Il Pterostilbene ha evidenziato anche una notevole attività anti-infiammatoria mediata dall inibizione di enzimi e citochine proinfiammatorie. In particolare si è dimostrato sperimentalmente la capacità di questo stilbene nel down-regolare nei macrofagi l espressione genica infiammatoria di inos (ossido nitrico sintasi inducibile) e COX-2 mediante l attivazione di NFkB (fattore di trascrizione nucleare significativo nei processi di infiammazione) (Pan et al, 2008b). Il Pterostilbene si è rivelato più efficace del resveratrolo nell inibire la sintesi dei mediatori infiammatori e la proliferazione di cellule tumorali HT-29 da colon (Paul, S. et al., 2009). L estratto di Pterocarpus fonte di Pterostilbene si è rivelato un inibitore selettivo di COX-2 e della produzione di PGE2 negli eritrociti umani stimolati con LPS. Questi dati supportano l efficacia dell estratto ed in particolare del Pterostilbene nel svolgere una valida attività antinfiammatoria utile nelle patologie cronicodegenerative. I PPARs rappresentano un gruppo di recettori nucleari proteici che funzionano come fattori di trascrizione regolando l espressione di geni coinvolti nello sviluppo e differenziazione cellulare, così come nel metabolismo di lipidi, carboidrati e proteine. I ricercatori hanno valutato in vitro in cellule H4IIEC3 la capacità di 4 stilbeni (resveratrolo, pterostilbene, piceatannolo,

13 resveratrolo trimetil etere) nell attivare i PPARs. Il Pterostilbene si è rivelato il più potente dei 4 stilbeni, determinando un incremento di 8 e14 volte l attività della luciferasi alla dose rispettivamente di 100 e 300 microlitri, rispetto al controllo (Rimando et al., 2005). Il Pterostilbene riduce significativamente la glicemia nei ratti diabetici e l effetto è stato equiparato a quello della metformina (Manickam et al,, 1997). Ratti ipercolesterolemici trattati con Pterostilbene alla dose di 25 ppm della dieta hanno evidenziato una riduzione del 29% delle LDL, una riduzione del 14% del glucosio plasmatico ed un aumento del 7% delle HDL (Rimando et al., 2005). Studi recenti suggeriscono che il Pterostilbene sia potenzialmente più efficace del resveratrolo nel supportare la memoria e le funzioni cognitive con il trascorrere degli anni. I due stilbeni sono stati somministrati a 344 ratti di 19 mesi. Sono stati eseguiti 2 set di esperimenti: il primo usando il resveratrolo e 6 analoghi del resveratrolo misurava la loro efficacia nel prevenire il decremento di dopamina indotta in colture cellulari COS-7. Il secondo esperimento ha usato il derivato del resveratrolo risultato più efficace nel primo test, ossia il Pterostilbene, somministrandolo a due concentrazioni differenti ai ratti. I risultati indicano che il Pterostilbene è efficace nel rendere reversibili i deficit cognitivi comportamentali, così come il rilascio di dopamina (Joseph, et. Al. 2008). Quercetina La Quercetina è classificata come un flavonolo, una delle sei sottoclassi appartenenti al gruppo dei flavonoidi. I flavonoidi rappresentano una categoria molto eterogena di composti largamente rappresentati in frutta e verdura (es. uva, cipolle, tè verde, mela, mirtillo, ecc.) e solitamente presenti come glucosidi o agliconi. Nello specifico la Quercetina è l aglicone della Quercetrina. La sua biodisponibilità è condizionata dalla forma glucosidica o agliconica. Anche se ingerita sotto forma di glucoside gli enzimi presenti nel cavo orale ma maggiormente quelli in sede intestinale sono in grado di idrolizzarla nell aglicone che è più facilmente assorbito. Come supplemento alimentare la somministrazione per 2 settimane di 50, 100 e 500 mg/die ha indotto rispettivamente un incremento nel plasma del 178-, 359-, e 570%. Questo e altri studi hanno dimostrato l ottima biodisponibilità del flavonolo una volta assorbito. Il suo assorbimento a livello orale è di ca. il 36-54% con una emivita tra le ore. Una quantità di studi in vitro ed in vivo su animali hanno individuato il potenziale antiossidante della Quercetina. Gli studi su animali suggeriscono che la Quercetina possa svolgere un azione protettiva a livello di cuore, cervello ed altri tessuti nei confronti degli insulti ischemici ed altri

14 fattori responsabili dell incremento dello stress ossidativo. È considerata un inibitore naturale di vari enzimi intracellulari: alcune tirosin-chinasi (TK), incluso il recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR); alcune proteine chinasi calcio-fosfolipide dipendente (PKCs); la 5-lipossigenasi (che produce i leucotrieni, mediatori dell'infiammazione dell'asma); la fosfolipasi A2, che degrada i lipidi di membrana generando acido arachidonico che viene poi trasformato in prostaglandine, coinvolte nell'infiammazione; l'ornitina decarbossilasi (ODC) che produce le poliammine, notoriamente coinvolte nella proliferazione cellulare; le chinasi dei fosfoinositidi PI3K e PI4P-5K, coinvolte nelle risposte proliferative innescate dalle via mitogeniche della traduzione del segnale. Per tali proprietà è stata estensivamente studiata in campo oncologico sperimentale, nella delucidazione dei meccanismi di proliferazione cellulare e della cancerogenesi. La Quercetina è inoltre un antiossidante naturale. Tra le sue funzioni più importanti vi sono: ripristinare il tocoferolo (Vitamina E), dopo che questo si è trasformato in radicale libero (tocoferil-radicale), disintossicare la cellula dal superossido e frenare la produzione di ossido nitrico durante le infiammazioni. La Caffeina è una metilxantina presente nella formulazione di prodotto in funzione delle sue proprietà tonico-stimolanti e poiché capace di migliorare l assorbimento gastrico. Le metilxantine agiscono generalmente inibendo l'enzima fosfodiesterasi che degrada l'ampc. L'aumento intracellulare di AMPc media la maggior parte degli effetti farmacologici delle metilxantine. Esse sono note per la capacità di stimolare il SNC, per l'effetto inotropo positivo sul miocardio e per molte altre azione tra cui quella di incrementare la lipolisi. Il Selenio, pur essendo distribuito nell organismo in quantità piccolissime, è un elemento essenziale, soprattutto per la sua attività protettiva nei confronti delle cellule. Manifesta infatti un azione antiossidante, da solo e unitamente alla Vitamina E. Il Selenio è anche dotato di proprietà immunostimolanti ed è in grado di disintossicare l organismo da alcuni metalli pesanti, quali il Mercurio ed il Cadmio. Il Bioperine è un estratto brevettato, standardizzato ottenuto dal pepe nero (Piper nigrum), titolato al 95% in piperina contrariamente al contenuto medio di questo attivo, pari al 3-9%, che si riscontra negli estratti tradizionali di pepe nero. Numerosi studi clinici hanno dimostrato la capacità di Bioperine nell aumentare la biodisponibilità di estratti vegetali, vitamine, minerali e molti altri nutrienti. La somministrazione di Bioperine in associazione ad altre sostanze ne aumenta mediamente l assorbimento di un 30%. Si ritiene che il meccanismo d azione imputabile al Bioperine preveda la coesistenza simultanea di più azioni, quali l incremento del flusso sanguigno a livello del tratto gastrointestinale grazie alle sue proprietà termogeniche, la migliorata emulsione del contenuto intestinale ed la stimolazione dei sistemi di trasporto attivo. L efficacia del Bioperine è stata testata in presenza di vitamine, minerali, coenzima Q10, estratti vegetali e

15 molecole farmaceutiche, quali ad esempio l ibuprofene. Il suo meccanismo d azione risulta quindi applicabile a qualunque sostanza. Gli studi di tossicità acuta, subacuta e cronica condotti sugli animali attestano la sicurezza d impiego del Bioperine. La dose di estratto in grado di aumentare la biodisponibilità dei nutrienti e degli estratti vegetali può variare da 0,04 a 0,08 mg/kg, risultando di 4000 volte inferiore alla LD50 testata nei topi e nei ratti. Il processo di invecchiamento è condizionato anche dal declino ormonale che avviene in modo differente tra uomo e donna. Nel caso della donna il calo degli estrogeni si ripercuote sull intero organismo con sintomi e manifestazioni differenti. Per questa ragione Prolongevity Donna prevede nella sua formulazione la Soja fermentata naturalmente arricchita in Equolo per contrastare il precoce invecchiamento cellulare correlato al declino ormonale. Il Testofen TM (estratto di Fieno greco Trigonella foenum graecum) rappresenta una particolare frazione del Fieno greco ricca di sostanze in grado di sostenere l organismo nei momenti più faticosi e stressanti, esercitando una valida azione tonico-stimolante con conseguenze positive anche nell ambito della sfera sessuale. Il Fieno greco è una pianta che si presta a molteplici applicazioni e che vanta una grande varietà di componenti attivi: contiene più di 100 costituenti fitochimici, tra cui saponine steroidee e furostanoli. Fattori come stress, pressioni psicologiche ed inquinamento atmosferico possono causare nell organismo cali di energia e di vitalità e determinare conseguenze nell ambito della sfera sessuale. Testofen TM rappresenta la soluzione naturale in grado di incrementare i livelli di testosterone ed aumentare il desiderio sessuale. Il Fieno greco contiene diverse sostanze tra cui sapogenine, protodioscina, molecola particolarmente attiva nella sfera sessuale, pseudoprotodioscina, gracillina, protogracillina, diosgenina, diossina e molte altre saponine, la maggior parte delle quali, come la Fenuside, legate al glucosio. Diversi studi e pubblicazioni hanno dimostrato che l insieme dei principi attivi contenuti nel Fieno greco è in grado di determinare un aumento dei livelli di testosterone ed un incremento della libido. Tra le saponine glicosidiche, la più importante è la Fenuside, per la quale i test di efficacia hanno confermato la sua proprietà di aumentare la libido. Inoltre Testofen TM, interagendo con i recettori del testosterone, esercita un azione simile a quella dell ormone. La somministrazione di Testofen TM a ratti, appartenenti alla specie utilizzata per studiare l efficacia del Sildenafil Citrato (Viagra), ha evidenziato l incremento della pressione sanguigna all interno dei corpi cavernosi ed un miglioramento della funzione erettile. La clinica sull uomo è stata eseguita su 60 soggetti maschi (età anni) in doppio cieco con placebo. I soggetti praticavano in maniera regolare attività fisica. Sono stati somministrati 600 mg di Testofen al giorno per 8 settimane consecutive. A conclusione dello studio oltre ad alcuni parametri relativi alla composizione corporea ed all attività sportiva, è stato monitorato rispetto al tempo zero il livello di testosterone libero: incremento del 98% di testosterone libero rispetto al gruppo di controllo.

16 INFORMAZIONE RISERVATA al PERSONALE TECNICO-PROFESSIONALE non DIVULGABILE e non RIPRODUCIBILE NEMMENO PARZIALMENTE Indicazioni: PRO-LONGEVITY UOMO con AgeProtection510 rappresenta il supplemento alimentare utile per proteggere le cellule dallo stress ossidativo responsabile del loro precoce invecchiamento. In particolare la formulazione Donna può essere consigliata: - Per favorire la performance psicofisica - Per mantenere attive le funzioni cognitive (memoria, concentrazione, apprendimento) - Per conferire tono ed energia soprattutto nei periodi più faticosi - Durante la stagione invernale per rafforzare le difese immunitarie - Per proteggere cuore e vasi sanguigni dallo stress ossidativo (es. riduzione LDL ossidate) Modalità d uso: Per sfruttare appieno i benefici di PRO-LONGEVITY UOMO si consiglia di assumere una compressa al giorno, la mattina preferibilmente a digiuno. Si consigliano cicli ottimali di 2 mesi consecutivi dopo i quali è possibile sospendere il trattamento per poi ripeterlo in base alle proprie esigenze durante l anno. In termini generali si può consigliare di effettuare 3 cicli di trattamento durante l anno così ripartiti: nei primi mesi autunnali, al cambio di stagione inverno-primavera, durante l estate. Avvertenze Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni. Non assumere in gravidanza. Natura del contenitore e confezione Confezione astucciata da 30 compresse. Durata di stabilità a confezionamento integro 36 mesi. Speciali precauzioni per la conservazione Conservare in luogo fresco ed al riparo dalla luce e dall umidità. Categoria di appartenenza Complemento alimentare Regime di dispensazione al pubblico Libera vendita. Ragione sociale e sede del titolare dell autorizzazione all immissione in commercio e/o del marchio Paladin Pharma S.p.A. Sede legale ed amministrativa: Via Vincenzo Monti 12/A, TORINO.

17

SCHEDA TECNICA PRO-LONGEVITY DONNA Complemento alimentare

SCHEDA TECNICA PRO-LONGEVITY DONNA Complemento alimentare SCHEDA TECNICA PRO-LONGEVITY DONNA Complemento alimentare SCHEDA TECNICA Denominazione del prodotto: PROLONGEVITY DONNA compresse Composizione per unità di somministrazione: - Uva (Vitis vinifera) e.s.

Dettagli

RUOLO E IMPORTANZA DEGLI ANTIOSSIDANTI ALIMENTARI NELLA SALUTE DELL UOMO (Alfonso Siani. ISA CNR)

RUOLO E IMPORTANZA DEGLI ANTIOSSIDANTI ALIMENTARI NELLA SALUTE DELL UOMO (Alfonso Siani. ISA CNR) (1) RUOLO E IMPORTANZA DEGLI ANTIOSSIDANTI ALIMENTARI NELLA SALUTE DELL UOMO (Alfonso Siani. ISA CNR) DANNO OSSIDATIVO, RUOLO DEI PRO-OSSIDANTI E DIFESE ANTIOSSIDANTI ROS: reactive oxygen species (composti

Dettagli

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST Cod. ID: Data: Paziente: ANTIAGING PROFILE Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST LO STRESS OSSIDATIVO NOME COGNOME Cod. ID 215xxxxx

Dettagli

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici.

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione. L ossidazione è un processo estremamente

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico.

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione (Figura 1). L ossidazione è un processo

Dettagli

Mario Rossi 25/04/2019. www.trapiantocapelli.info

Mario Rossi 25/04/2019. www.trapiantocapelli.info Mario Rossi 25/04/2019 www.trapiantocapelli.info L alopecia androgenetica è la principale causa di calvizie che colpisce circa l 70% degli uomini e il 35% delle donne giovani (percentuale che sale al 50%

Dettagli

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico.

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione (Figura 1). L ossidazione è un processo

Dettagli

La pelle: specchio della salute.

La pelle: specchio della salute. La pelle: specchio della salute. Dott. Patrizia Piersini Martedì Salute Torino, 22 novembre 2011 Al di là della soggettività con cui ognuno di noi percepisce il proprio volto, esiste una obiettività anatomica.

Dettagli

L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE. Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto

L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE. Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE Prof. Publio Viola Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto I grassi sono indispensabili per il nostro

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti Nuova Linea di Succhi dalle spiccate proprietà benefiche: per rinforzare

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro

INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE. - malattie cardiovascolari - cancro INVECCHIAMENTO come PROCESSO FISIOLOGICO INVECCHIAMENTO DOVUTO ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE - malattie cardiovascolari - cancro Il processo di BIOSENESCENZA implica le caratteristiche seguenti: 1. è deleterio

Dettagli

Cos è la Bacca di Maqui?

Cos è la Bacca di Maqui? Cos è la Bacca di Maqui? La bacca Maqui ha uno straordinario colore viola scuro che cresce solo in una zona remota della Patagonia, che e una delle zone piu fertili e puliti del mondo. Gli indiani amerindi

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

TI STA A LA TUA SALUTE?

TI STA A LA TUA SALUTE? TI STA A LA TUA SALUTE? La scoperta del secolo! Doveva diventare un farmaco... ... per fortuna e un integratore per tutti! Nobel Ignarro, Ossido Nitrico promettente per Tumori e Alzheimer Roma, 18 luglio

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche.

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche. L etanolo, nonostante l elevato valore energetico, non può essere considerato un nutriente poiché: non svolge una funzione plastica non è essenziale. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

INDICE. Kyäni Sunrise pag 2. Kyäni Nitro pag 6. Kyäni Sunset pag 8. Vantaggi e Ingredienti. Riassunto linea Kyäni

INDICE. Kyäni Sunrise pag 2. Kyäni Nitro pag 6. Kyäni Sunset pag 8. Vantaggi e Ingredienti. Riassunto linea Kyäni 1 INDICE Kyäni Sunrise pag 2 Kyäni Nitro pag 6 Kyäni Sunset pag 8 2 Kyäni Sunrise Vantaggi Aiuta a stimolare l'energia Supporta la funzione cognitiva Aumenta Supporto Cellulare Consente un'efficace gestione

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

I colori della salute

I colori della salute I colori della salute Trainer Natural e l alimentazione funzionale Il concetto di alimento funzionale è nato in Giappone negli anni 80 dalla necessità delle autorità sanitarie di incrementare l aspettativa

Dettagli

Quanto è importante il cibo per la salute del cervello?

Quanto è importante il cibo per la salute del cervello? Nutrire il cervello Quanto è importante il cibo per la salute del cervello? - Un eccesso calorico e il conseguente sovrappeso danneggiano le capacità cognitive, che vengono ulteriormente deteriorate da

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

LIPOSAN FORTE SALUGEA: STUDIO CLINICO Preview Risultati di uno Studio Funzionale

LIPOSAN FORTE SALUGEA: STUDIO CLINICO Preview Risultati di uno Studio Funzionale LIPOSAN FORTE SALUGEA: STUDIO CLINICO Preview Risultati di uno Studio Funzionale LIPOSAN FORTE SALUGEA Integratore alimentare 100% Naturale, a base di estratti vegetali. LIPOSAN FORTE attua una innovativa

Dettagli

Profilo Pr di Prodot Pr t odot o t Direzione Medica 28/02/2012

Profilo Pr di Prodot Pr t odot o t Direzione Medica 28/02/2012 Profilo di Prodotto Direzione Medica 28/02/2012 Introduzione Sommario La cellulite e il razionale di prodotto I componenti di Fortilase Cll Cell Bromelina Estratto dicaffèverde Estratto di Meliloto Estratto

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

PROF.GIULIO BELLIPANNI

PROF.GIULIO BELLIPANNI L orologio biologico PROF.GIULIO BELLIPANNI Orologio biologico L orologio biologico detto anche pacemaker è preposto alla coordinazione centrale ed alla ritmicità delle funzioni biologiche, sia della singola

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 Le Vitamine Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Le Vitamine Conosciamo le vitamine dall 800;

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE I FARMA-ALIMENTI:

ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE I FARMA-ALIMENTI: ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA I FARMA-ALIMENTI: ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE Patrizia Hrelia Dipartimento di Farmacologia Bologna, 25 marzo 2010 1 Invecchiamento della popolazione

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Bologna 21 Marzo 2009 Dr.ssa G.Cenni Laboratorio Analisi Caravelli srl .e infine il laboratorio Quali sono i test di laboratorio che possono routinariamente

Dettagli

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTE Sostanza che, pur presente in concentrazione ridotta rispetto al substrato ossidabile, può prevenire o ritardare l ossidazione iniziata da un fattore proossidante.

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Ma cosa è lo stress ossidativo? Quali conseguenze comporta? Come si manifesta? E possibile valutarlo?

Ma cosa è lo stress ossidativo? Quali conseguenze comporta? Come si manifesta? E possibile valutarlo? Risultati analisi bilancio ossidativo Studio Medico Dr.ssa Maria Giuseppa Gargano Via Astarita Costantino 50 84016 Pagani (SA). Desideriamo ringraziarla per essersi sottoposta/o alla valutazione dello

Dettagli

La prevenzione antiage come cultura

La prevenzione antiage come cultura Invecchiamento e Cosmesi antiage Parma - 24 settembre 2011 La prevenzione antiage come cultura Società occidentale La giovinezza è percepita come un valore di qui la necessità di essere giovani a tutti

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

GLUTATIONE e CARNOSINA elementi anti-età

GLUTATIONE e CARNOSINA elementi anti-età GLUTATIONE e CARNOSINA elementi anti-età 1/9 Il Glutatione è una sostanza che si trova naturalmente nel corpo umano. È composto dagli aminoacidi glicina, acido glutammico e cisteina. Mano a mano che si

Dettagli

CENTRIPURA ANTIOSSIDANTE Estratti integrali da frutta e verdura: con Melograno & Pomodoro

CENTRIPURA ANTIOSSIDANTE Estratti integrali da frutta e verdura: con Melograno & Pomodoro CENTRIPURA ANTIOSSIDANTE Estratti integrali da frutta e verdura: con Melograno & Pomodoro I centrifugati di frutta e verdura fresche sono un modo sano e gustoso di apportare alla propria dieta le vitamine,

Dettagli

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP)

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Dott.ssa Daniela Palmieri Laboratorio di Biologia Vascolare Clinica e Sperimentale IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST Dipartimento di Scienze

Dettagli

Dott.ssa Sara Pacchini

Dott.ssa Sara Pacchini Dott.ssa Sara Pacchini Radicali liberi Molecole o frammenti di molecole con uno o più e - spaiati negli orbitali esterni Per completare il loro ottetto sottraggono e - ad altre molecole Anione superossido

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone LINEA DI PRODOTTI NaturOzone Basate su SOSTANZE NATURALI OZONIZZATE, mediante un processo di ozonizzazione scientificamente raffinato, deodorati e arricchiti di ossigeno attivo biodisponibile. I PRODOTTI

Dettagli

INVECCHIAMENTO ESISTE UNA NUTRIZIONE ANTIAGE?

INVECCHIAMENTO ESISTE UNA NUTRIZIONE ANTIAGE? INVECCHIAMENTO ESISTE UNA NUTRIZIONE ANTIAGE? Cosa influenza l invecchiamento 35% Genetica 65% Life Style,terapie mediche, ambiente Milano, 5 febbraio 2013 Perché invecchiamo? Ipotesi genetica Milano,

Dettagli

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Omega 3 Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Gli Omega 3 Antinfiammatori Naturali Presenza di Omega 3 o 6 Siamo circondati da cibi arricchiti o Functional Foods.. I super

Dettagli

La salute si conquista con il 5!

La salute si conquista con il 5! Nutrirsi di salute - Aprile 2011 La salute si conquista con il 5! È risaputo che frutta e verdura apportano benefici al nostro organismo. Quante porzioni dobbiamo consumarne ogni giorno? Questi preziosi

Dettagli

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1

Gruppo Acquisto. Monastier di Treviso IL SUCCO VIVO. 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 IL SUCCO VIVO 06/02/2014 Il Succo Vivo 1 Cos'è il succo vivo? Il concetto di succo vivo venne per la prima volta introdotto dal dottor Norman Walker (1886-1985). Walker è stato il pioniere del crudismo

Dettagli

Adattamenti del muscolo scheletrico all allenamento aerobico: ruolo dei radicali

Adattamenti del muscolo scheletrico all allenamento aerobico: ruolo dei radicali Adattamenti del muscolo scheletrico all allenamento aerobico: ruolo dei radicali Marina Marini Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale Cosa sono i radicali? I radicali liberi

Dettagli

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Mitocondri e malattie neurodegenerative Mitocondri metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Danno mitocondriale: dismetabolismo energetico (necrosi) stress ossidativo

Dettagli

La DISFUNZIONE ERETTILE nell Anziano

La DISFUNZIONE ERETTILE nell Anziano La DISFUNZIONE ERETTILE nell Anziano E definita come incapacità saltuaria o persistente di raggiungere e/o mantenere una erezione in grado di consentire un rapporto sessuale soddisfacente. Interessa quasi

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Bevande a base di Aloe Vera

Bevande a base di Aloe Vera Bevande a base di Aloe Vera Cibo in un bicchiere Per secoli l Aloe Vera è stata usata da molte civiltà nel mondo per le sue proprietà curative e per i suoi effetti benefici sulla salute. Il suo Gel contiene

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

Alterazioni processo infiammatorio

Alterazioni processo infiammatorio Obesità Ipertensione Aterosclerosi Malattie cardiovascolari Alterazioni processo infiammatorio Cancro MAMMELLA, COLON, ENDOMETRIO, PANCREAS, PROSTATA I lipidi influenzano le varie tappe della cancerogenesi

Dettagli

SALUTE EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI SALUTE

SALUTE EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI SALUTE SALUTE EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI SALUTE Anni 80 Anni 90 Terzo Millennio 111206.ppt Population distribution by age in Italy 2009 24,1 55,7 14,5 5,7 2030 22,6 55,9 17,7 8,8 2050 21,9 45,1 19,5 13,5 0% 20%

Dettagli

Università di Siena Associazione Vino e Salute - Montalcino. Sbarro Health Research Organization Philadelphia (PA) USA Human Health Foundation Terni

Università di Siena Associazione Vino e Salute - Montalcino. Sbarro Health Research Organization Philadelphia (PA) USA Human Health Foundation Terni Miglioramento dell espressione viticolo-enologica italiana: Studio ed analisi di cultivar di vitis vinifera selezionate per effetti protettivi sulla salute e qualità del prodotto. Università di Siena Associazione

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti

Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti Molta ricerca, poca pubblicità e la TUA fiducia in noi farmacisti I nostri prodotti sono il frutto di ricerche avanzate, di un accurata scelta di principi attivi. Sono formulati per ridurre il rischio

Dettagli

Radicali liberi colesterolo artrite cancro

Radicali liberi colesterolo artrite cancro Radicali liberi La gran parte dei ricercatori che studiano i radicali liberi ritiene che queste molecole mortali contribuiscano a provocare dall 80 al 90% delle malattie degenerative che affliggono l umanità.

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

COSA MANGIAMO IN INVERNO

COSA MANGIAMO IN INVERNO Testata: www.repubblica.it data: 16 novembre2013 COSA MANGIAMO IN INVERNO L indagine ha valutato l'assunzione di vitamina C (Acido L-ascorbico) attraverso gli alimenti consumati da un campione di circa

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test)

I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) I test di laboratorio per la valutazione dello stress ossidativo (d-roms test) e delle difese antiossidanti (BAP test) E ampiamente riconosciuto dalla comunità scientifica che lo stress ossidativo gioca

Dettagli

Biosintesi dei triacilgliceroli

Biosintesi dei triacilgliceroli Biosintesi dei triacilgliceroli Destino della maggior parte degli acidi grassi sintetizzati o ingeriti: Ø triacilgliceroli (riserva) Ø fosfolipidi (membrane) in base alle necessità metaboliche I triacilgliceroli

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

Le rughe e la voglia di rimanere sempre giovani

Le rughe e la voglia di rimanere sempre giovani Le rughe e ll iinvecchiiamentto cuttaneo :: riisvollttii psiicollogiicii Le rughe e la voglia di rimanere sempre giovani La comparsa delle rughe è senza alcun dubbio uno dei primi segni dell invecchiamento

Dettagli

super alleati per la tua bellezza Indispensabili per ogni donna Gabriella Cataldo

super alleati per la tua bellezza Indispensabili per ogni donna Gabriella Cataldo Indispensabili per ogni donna Gabriella Cataldo super alleati per la tua bellezza LE SOSTANZE PIÙ EFFICACI PER LA PELLE: LA MANTENGONO TONICA, ELASTICA E IDRATATA Acido ialuronico Aloe Coenzima Q10 Collagene

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

ACQUA ALCALINA IONIZZATA

ACQUA ALCALINA IONIZZATA Dott.ssa M. Chiara Cuoghi ACQUA ALCALINA IONIZZATA... i benefici: IL CORPO UMANO ADULTO E COSTITUITO AL 70% D ACQUA QUANTA acqua si deve introdurre ogni giorno nel corpo per mantenere un adeguata idratazione?

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO Numerose sono le teorie per spiegare l eziopatogenesi dell invecchiamento La reazione di Maillard potrebbe contribuire al declino dei tessuti e delle cellule connesso all età

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

PANE E POMODORO: WHAT ELSE? MANUELA GIOVANNETTI

PANE E POMODORO: WHAT ELSE? MANUELA GIOVANNETTI PANE E POMODORO: WHAT ELSE? MANUELA GIOVANNETTI Centro Interdipartimentale di Ricerca Nutraceutica e Alimentazione per la Salute NUTRAFOOD, Università di Pisa Research Center NUTRAFOOD, University of Pisa,

Dettagli

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO DR.ANTONELLO ARRIGHI Specialista in Pediatria Professore a Contratto Università di Parma, Facoltà di Medicina Docente A.I.O.T. Associazione Medica

Dettagli

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli.

Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. Caduta dei capelli? Il comeback per i vostri capelli. I capelli sani danno risalto alla bellezza A prima vista i capelli non sembrerebbero avere effettivamente alcuna rilevanza sostanziale sotto il profilo

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO!

ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! ALCOL? NO, GRAZIE IO GIOCO A CALCIO! L'alcol è uno dei principali fattori di rischio per la salute. Bere è una libera scelta individuale e familiare, ma è necessario essere consapevoli che rappresenta

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

CIBI A KM 0 A KM 0 O A FILIERA CORTA MENO INQUINAMENTO SALVAGUARDIA ECOSISTEMA

CIBI A KM 0 A KM 0 O A FILIERA CORTA MENO INQUINAMENTO SALVAGUARDIA ECOSISTEMA CIBI A KM 0 A KM 0 O A FILIERA CORTA MENO INQUINAMENTO SALVAGUARDIA ECOSISTEMA fino a 1000 chili di CO 2 in un anno IN MENO (Da uno studio della Coldiretti ) MENO COSTI-MENO C02 TRASPORTO BREVE evitando

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore

Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_raccomandazioni progetto cuore Attività fisica_esercizio aerobico Aiuta mantenere peso ideale

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html

NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html NUTRIGENOMICA :foresight bio-tecnologico Paolo Manzelli pmanzelli@gmail.com : www.egocreanet.it ; www.edscuola.it/lre.html http://www.medicinalive.com/wp-content/uploads/2008/07/nutrigenomica.jpg Ippocrate

Dettagli