Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice"

Transcript

1 Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice Sommario Una catena di fornitura è un network di strutture che acquistano materie prime, le trasformano in prodotti intermedi e poi in prodotti finali, e li consegnano ai clienti attraverso un sistema di distribuzione. Per realizzare una gestione integrata della catena di fornitura, un numero di ricercatori e professionisti hanno dedicato i loro sforzi nel sviluppare modelli per descrivere gli elementi e le attività di una catena di fornitura. Il Supply Chain Council, supportato da più di 650 organizzazioni membri (sia nel mondo accademico che nell industria) in tutto il mondo, ha sviluppato il Model SCOR. Il modello SCOR è un modello di riferimento dei processi aziendali che fornisce un set di strumenti completo in grado di collegare i processi aziendali a parametri, regole di buona norma e tecnologie. Il Modello contiene una descrizione standard dei processi di gestione, un quadro di riferimento delle relazioni tra processi standard, indicatori standard per misurare le performance del processo ed un allineamento standard per le caratteristiche del software e funzionalità. 1. Introduzione al Supply Chain Management Nei rapidi cambiamenti dell economia mondiale, alcune aziende sono in grado di cambiare in tempo per adattarsi e prosperare nella crescente incertezza del 21 secolo. Si riconoscono dalla capacità di anticipare e comprendere i cambiamenti del mercato, di riconoscere le nuove opportunità, di offrire nuovi servizi ai clienti, e di adattare i loro affari rapidamente per incontrare e superare le richieste dei loro clienti. Tutte queste aziende hanno riconosciuto l importanza di un elemento chiave, l agilità (o flessibilità) per cambiare velocemente. Imprese agili vedono se stesse come il centro, oppure l hub di reti dei flussi di materiali ed informazioni. Questi flussi si estendono dall interfaccia cliente al marketing e vendite attraverso la produzione e l approvvigionamento per costruire il rapporto con i fornitori. Queste aziende diventano agili attraverso una costante revisione e riallineamento di queste reti strettamente collegate. Negli ultimi anni, il Supply Chain Management è stato coniato per un approccio di gestione per fornire il requisito di agilità per cambiare mantenendo l efficienza dei costi. Il SCM sta avendo un profondo impatto sui risultati di business. Esso comprende tutte le attività connesse al flusso e alla trasformazione di beni dalla fase materie prime (estrazione), fino all utente finale, così come il flusso di informazioni associato (Handfield & Nichols, 1999). Chiaramente l idea di un SCM è quello di visualizzare la catena come un sistema totale e mettere a punto decisioni su come far funzionare i vari componenti (aziende, funzioni ed attività) in modo che produrrà il miglior sistema di performance a livello generale nel lungo periodo. Fare questo è estremamente difficile a causa del numero e della complessità delle decisioni da prendere, così come i problemi intra ed inter organizzative che devono essere affrontati. Mai così tanta tecnologia e capacità intellettuali sono stati applicati per migliorare le prestazioni di una Supply Chain. Gli esempi includono letture dei

2 Point-of-Sale che consentono alle aziende di catturare la voce del cliente. Scambi di dati elettronici consentono che tutte le fasi della catena di approvvigionamento sentano quella voce e reagiscano ad essa utilizzando produzioni flessibili, magazzini automatizzati, e canali logistici rapidi. Concetti come la risposta rapida e precisa, risposta efficiente ai consumatori, personalizzazione di massa, produzione snella e sistemi produttivi agili offrono modelli per l applicazione di nuove tecnologie per migliorare le performance. Si può sostenere che la proliferazione di interpretazioni di cosa significhi Supply Chain Management abbia portato ad una certa confusione tra mondo accademico e professionisti del settore. Ci dovrebbero essere alcune caratteristiche uniche per il SCM che lo differenziano dalla ricerca del passato che è caduta sotto l egida della logistica integrata. Houlihan (1985) ha chiarito che il fattore di differenziazione è l aspetto strategico del processo decisionale nella gestione della catena di fornitura. Il SCM si protende al di là dei confini del contenimento dei costi e collegamenti che operano decisioni per considerazioni strategiche all interno e all esterno di un azienda. Per aiutare le organizzazioni a raggiungere un migliore processo decisionale, un numero di ricercatori e professionisti ha dedicato sforzi per sviluppare modelli in grado di descriver elementi ed attività di una catena di fornitura. Beamon (1998) ha fornito una revisione delle letteratura sulla modellazione multi stage- Supply Chain, che si compone di 4 categorie, vale a dire, modello deterministico, modello stocastico, modello economico e modello di simulazione. L autore ha proposto un programma di ricerca per la progettazione e l analisi di una SC: (1). L evoluzione e lo sviluppo di misure di performance della SC; (2). Lo sviluppo di modelli e procedure per mettere in relazione variabili decisionali a misure di performance; (3). Considerazione di questioni che riguardano la modellazione della SC; (4). La classificazione di sistemi di SC per consentire lo sviluppo di regole empiriche o tecniche generiche per facilitare la progettazione e l analisi delle filiere produttive. Sebbene siano stati proposti vari modelli, la maggior parte di essi enfatizzano la gestione delle scorte e la logistica distributiva. Come accennato in precedenza, il processo decisionale strategico è critico nella gestione della Supply Chain, che richiede un modello di riferimento che può servire come uno standard industriale. Il Supply Chain Council (SCC), una organizzazione no-profit fondata nel 1996 che oggi conta più di 650 membri dell organizzazione in tutto il mondo, ha preso l iniziativa per lo sviluppo di un tale modello il modello di catena di approvvigionamento di riferimento delle operazioni (SCOR- Supply Chain Operations Reference). Il modello SCOR è destinato ad essere uno standard industriale che consente la gestione delle Supply Chain future. Il modello contiene una descrizione standard dei processi di gestione, un quadro di riferimento delle relazioni tra processi standard, indicatori standardizzati per misurare le performance del processo, pratiche di gestione che producono prestazioni best-in-class, e un allineamento standard per le caratteristiche del software e la funzionalità. In seguito riassumeremo il modello SCOR, presenteremo uno strumento computerizzato per configurare un diagramma intrecciato della catena di fornitura secondo la specifica SCOR, dimostreremo i benefici dello SCOR illustrando qualche caso, discuteremo circa le aree dove il modello SCOR può essere migliorato e sottolineeremo le questioni per sviluppi futuri.

3 2. The Supply Chain Operations Reference Model The SCOR Model is the only Supply Chain framework that we found that links performance measures, best practices, and software requirements to a detailed business process model (Logistics Management Institute, 1999). Cosa rende il modello SCOR diverso da ogni altro modello di processo o definizione di SC? Uno dei concetti meno compresi, al di fuori del Supply Chain Council, è che il modello è molto più di uno strumento per la creazione di grafici dei processi o attività di approvvigionamento. È un modello di riferimento del processo aziendale che collega la descrizione del processo e la definizione ai parametri, alle best practices e alla tecnologia. Anche se molto semplice, ha dimostrato di essere uno strumento potente e robusto per descrivere, analizzare e migliorare la catena di fornitura. Il campo di applicazione del modello SCOR include tutti gli elementi della soddisfazione della domanda dall inizio con l ordine o la previsione della domanda e termina con l informazione finale che la domanda è stata soddisfatta (ultima fattura e pagamento). La struttura del modello è basata sulla descrizione del processo. Come illustrato nella figura 1, lo SCOR utilizza un approccio building block sulla base di cinque processi di gestione per descrivere le SC. Questo approccio modulare permette una descrizione della SC per essere assemblata tra le aziende, all interno e all esterno, tra i segmenti del settore e tra aree geografiche. Attraverso l uso di questo approccio, non è solo facile modellare le attività esternalizzate, fornisce uno strumento prezioso per valutare le prestazioni di terze parti e determinare il vantaggio strategico/finanziario delle attività in outsourcing della catena di fornitura. Ogni elemento organizzativo all interno della catena ha attività di Plan, Source e Deliver. Figura 1: I 5 processi di gestione dello SCOR Le attività di pianificazione (Plan) bilanciano le risorse de la domanda e forniscono l integrazione tra attività ed organizzazione. Le attività di Source sono quelle che sono associate all acquisizione delle materie prime e collegano le aziende ai loro fornitori. Le attività di Deliver sono quelle attività che sono associate alla gestione degli ordini e alla consegna dei prodotti finiti. Le attività di Deliver collegano un organizzazione ai suoi clienti. Molte aziende hanno attività di Make che trasformano materie prime in prodotti finiti ma non sempre (un magazzino o un distributore ad esempio non esegue il Make). Il campo di applicazione del modello SCOR si è esteso per includere le attività di Return ( il ritorno di materie prime ai fornitori e il ricevimento dei resi di prodotti finiti dai clienti).

4 2.1 Background Lo SCOR è un modello di riferimento di processo. Nello specifico, è un modello che unisce elementi del processo, un sistema di misura, le best practice e le caratteristiche associate all esecuzione di una catena di fornitura in un formato unico. Fornisce una visione orizzontale equilibrata (tra processi) e verticale (gerarchica) rispetto ai classici modelli di processo di decomposizione, che sono sviluppati per affrontare una specifica configurazione degli elementi del processo. È progettato per essere (ri)/configurabile ed aggrega una serie di modelli di processo gerarchici. L uso di un modello di processo di riferimento consente alle aziende di comunicare usando terminologie comuni e descrizioni standardizzate degli elementi del processo che aiutano a comprendere l intero processo dalla Supply Chain e le best practices che producono l ottimo rendimento complessivo. Il modello SCOR è il primo modello che può essere utilizzato per configurare la SC basato sulla strategia di business. Fornisce inequivocabili descrizioni comuni per le migliaia attività all interno della SC. Identifica anche le misurazioni delle prestazioni e strumenti di supporto adatti per ogni attività. Questo modello di riferimento di processo consente a tutti i reparti e d aziende coinvolte nello sviluppo e nella gestione della catena di fonditura integrata per collaborare in modo efficace. Il modello SCOR integra i concetti ben noti di business process reengineering, benchmarking, ed il processo di misura in un quadro inter funzionale. Cattura lo stato as-is del processo e poi ne trae lo stato desiderato futuro to-be. Si quantificano le performance operative delle aziende simili e si stabiliscono gli obiettivi interni in base ai risultati best-in-class. Si caratterizzano anche le prassi di gestione e le soluzioni software che danno origine alle prestazioni best-in-class. Il quadro strutturale del modello SCOR è composto dai seguenti elementi: Descrizioni standard degli elementi individuali che compongono i processi della Supply Chain; Definizioni standard delle misure degli indicatori di prestazione Descrizione delle migliori pratiche associate ad ogni elemento del processo. Identificazione delle funzionalità del software che consente le best practices. Dall introduzione del modello nel 1996, lo SCOR ha subito diverse revisioni sulla base delle esigenze pratiche. In seguito riassumeremo il modello SCOR sulla base dei materiali presentati in Stephens (2001) e SCC (2001). 3. Il Modello I 5 processi di gestione sono decomposti in tre livelli di dettaglio come mostrato in figura 2. A Livello 1 (Plan, Source, Make, Deliver e Reutrn) le prestazioni di una SC possono essere direttamente legate agli obiettivi dell azienda. A Livello 2 e 3 gli elementi dei processi sono usati per descrivere molto più dettagliatemene le attività per fornire una maggiore comprensione del funzionamento della catena di approvvigionamento. Perché questo è un modello cross-industry (intersettoriale) e perché le attività di ogni azienda sono uniche, il modello deve essere esteso all applicazione aziendale al Livello 4. Il modello è in genere utilizzato per lo sviluppo di una mappa del processo (process map) che stabilisca un quadro per un ulteriore utilizzo del modello. Molte aziende iniziano con lo sviluppo di una mappa geografica delle loro SC e poi convertono quella visione geografica in visione di processo. Il processo di visualizzazione è tipicamente mostrato come un

5 diagramma intrecciato di prodotto, come mostrato in figura 4. Una volta che la mappatura del processo è completa, le aziende comprendono quale sia la loro catena di approvvigionamento ma ancora non hanno sufficienti informazioni per sapere se si sta lavorando in conformità con i propri obiettivi di business. Per andare al prossimo step, il modello fornisce una serie di misurazioni che sono anche disposti ed utilizzati gerarchicamente. Uno dei principi del modello SCOR è che la SC deve essere descritta e misurata in molteplici dimensioni. Così come è possibile descrivere un oggetto fisico in una sola dimensione fisica (lunghezza o larghezza o profondità), non è pratico descrivere le prestazioni di una SC in una singola dimensione (costo o velocità). Per migliorare la nostra capacità di comprendere e gestire le SC, il modello SCOR descrive e SC in 5 dimensioni: affidabilità, reattività, flessibilità, costo ed efficienza nell utilizzo delle risorse. La tabella 2 descrive queste caratteristiche prestazionali, identifica l attuale metrica del livello 1. Proprio come la gerarchia strutturata dei processi ci permette di identificare rapidamente e definire la struttura del processo, la gerarchia strutturata ci permette di estendere la misurazione delle prestazioni lungo tutta la catena di fornitura e decomporre la misurazione per esaminare elementi specifici della prestazione all interno degli elementi della SC. La figura 5 rappresenta il primo passo per individuare le specifiche di rendimento di una catena di fornitura utilizzando gli elementi di processo del Modello e gli indicatori associati. In fine, per ciascuno degli elementi di processo all interno del Modello vi è una tabella che identifica le migliori best practice e la tecnologia. L esecutore trae da queste liste rappresentative delle opzioni ammissibili per il miglioramento della SC. In definitiva, il modello viene testato nella pratica. I risultati della modellazione e dell analisi utilizzando i componenti del Modello producono progetti di miglioramento. 3.1 I processi SCOR ed i livelli Il modello SCOR in origine si fonda su 5 distinti processi di gestione, vale a dire, PLAN, SOURCE, MAKE, DELIVER, RETURN che sono chiamati Processi di Livello 1. I processi sono ulteriormente scomposti in Categorie di Processo (Livello 2) a seconda del tipo di ambiente in cui il modello SCOR è applicato. Le Categorie di Processo contengono ulteriori elementi del processo, che sono il terzo ed ultimo Livello nel modello SCOR. A Livello 3, il modello di elementi contiene attributi di performance, indicatori, best practices e caratteristiche del software necessarie per tale elemento. La figura 2 mostra l infrastruttura del modello SCOR, mentre la figura 3 mostra i livelli del Processo (Stephens, 2001). I 5 processi di gestione Plan, Source, Make, Deliver e Return- vengono discussi in primis. 1. Il Processo Plan (Piano) è costituito da processi che equilibrano la domanda aggregata e l offerta per sviluppare una linea d azione che meglio soddisfi gli obiettivi di business. Il Processo Plan si occupa della pianificazione della domanda/offerta, che include le attività per valutare le risorse di approvvigionamento, aggregare e stabilire le priorità tra le esigenze della domanda, della pianificazione dell inventario, dei requisiti della distruzione, della produzione, dei materiali e grossolanamente della capacità per tutti i prodotti e tutti i canali. 2. Il Processo Source (Fonte) contiene processi che acquistano beni e servizi per soddisfare la domanda programmata o effettiva. Il reperimento/acquisizione materiale include le attività di ottenimento, ricezione, controllo, attesa, materiale

6 emesso. La gestione dell infrastruttura di approvvigionamento comprende la certificazione del fornitore ed i feedback, la qualità di approvvigionamento, il trasporto merci inbound, contratti con i fornitori e pagamenti dei fornitori. 3. Il Processo di Make (Fare) include le funzioni di trasformazione dei beni ad uno stato finito per soddisfare la domanda programmata o effettiva. Il Make è il processo centrale del sistema nel quale l esecuzione della produzione vera e propria ha luogo. Include le attività di richiesta e ricezione del materiale, la produzione ed il collaudo dei prodotti, il pakcaging, il mantenimento e/o il rilascio del prodotto alla fine. 4. Il Processo di Deliver (Consegna) comprende i processi che forniscono i prodotti finiti ed i servizi per soddisfare la domanda, prevista o effettiva. In genere, include le funzioni di gestione degli ordini, gestione dei trasporti, e gestione della distribuzione. Gestire il processo di consegna include la gestione delle modalità dei canali di affari, le modalità di ordinamento, la gestione degli inventari di consegna, e la gestione della qualità della fornitura. 5. Il Processo di Return (ritorno) è l ultima aggiunta al modello SCOR. Si occupa della gestione del flusso inverso di materiale e di informazioni relative ai prodotti difettosi, in eccedenza e del MRO (Maintenance, Repair and Overhaul; manutenzione, riparazione e revisione). Questo comprende l autorizzazione, la schedulazione, la ricezione, la verifica, lo smaltimento e la sostituzione oppure il riconoscimento per i tipi di materiali di cui sopra.

7 Figura 2: L infrastruttura del Modello SCOR (Stephens, 1999) Figura 3: I Livelli di Processo nel Modello SCOR (Stephens, 1999)

8 Ogni Supply Chain di base è una catena fatta da processi esecutivi di Source, Make, Deliver and Return. Ogni iterazione di due processi esecutivi è un collegamento nella catena di fornitura. La Pianificazione si trova sulla cima di questi collegamenti e li gestisce. Come accennato precedentemente, il modello SCOR contiene tre Livelli di dettaglio di processo. Il Livello 1 è il livello superiore che si occupa dei Tipi di Processo. Il Livello 2 è il livello di configurazione e si occupa delle categorie di processo. Il Livello 3 è il livello di elemento del processo ed è il livello più basso nel campo di applicazione del modello SCOR. I Livelli di attuazione che sono sotto il livello 3, in cui decomponiamo gli elementi di processo in compiti ed ulteriori attività nella classica maniera gerarchica, non sono oggetto dello SCOR, ma saranno brevemente accennati. Il Livello 1 definisce la catena di fornitura utilizzando 5 processi chiave: plan, source, make, deliver e return. Gli indicatori del livello 1 del modello caratterizzano le prestazioni dalle prospettive rivolte al cliente e all interno dell azienda. Quindi, a livello 1, si definiscono le basi della concorrenza e vengono fornite le linee guida per soddisfare la concorrenza. Specifici compiti per completare il livello 1 sono: impostare i requisiti e definire le basi della concorrenza, valutare le prestazioni dell operazione corrente rispetto a quelle richieste, impostare i paramenti e gli indicatori del modello SCOR, e definire il gap, impostare le priorità di business stabilire ciò di cui si necessita per il cambiamento. Anche a Livello 1, la catena di fornitura corrente è modellata considerando l asset, il volume ed il mix di prodotto, i requisiti della tecnologia ed i vincoli. Il livello 2 definisce diverse categorie all interno dei processi del Livello 1. A questo livello, i processi sono configurati in linea con la strategia della supply chain. A Livello 2, ridondanze interne possono essere identificate ed eliminate: Un azienda che è cresciuta attraverso l acquisizione tipicamente trova più esuberi a questo livello, così come la sovrapposizione di processi di pianificazione, Acquisti duplicati oppure eccessivi trasferimenti all interno della produzione. Alcune aziende scoprono che gli ordini dei clienti sono in ritardo in molti punti della catena di approvvigionamento, suggerendo una necessità per il cliente e l integrazione del fornitore. Altri possono trovare che lo stesso processo di pianificazione è effettuato sia internamente che dal cliente. Uno dei due deve essere eliminato. L obiettivo a Livello 2 è quello di semplificare la catena di fornitura e migliorare la sua flessibilità complessiva. A Livello 2, il modello SCOR fornisce un kit di attrezzi di 22 categorie di processo, come mostrato in tabella 1. Ogni configurazione della catena di fornitura può essere rappresentata da questo kit. Qui l azienda deve riconfigurare la catena di approvvigionamento configurata a livello 1 per determinare le prestazioni attese. A Livello 2, i vincoli di mercato, i vincoli di prodotto ed i vincoli aziendali devono essere considerati per configurare le categorie di processo inter ed intra aziendali. Il livello 3 consente di definire in dettaglio i processi identificati, come gli indicatori di performance e le best practices per ogni attività. La funzionalità del software richiesto per supportare le best practices è anche identificato, così come il software commerciale e gli strumenti che forniscono attualmente la funzionalità richiesta. Gli elementi di processo intra e inter aziendali sono anch essi definiti. I livelli di performance e le pratiche sono definite per questi elementi di processo. Anche i parametri di riferimento e le caratteristiche richieste per il software consentito sono noti a questo livello.

9 Compiti specifici da svolgere a questo livello sono: sviluppare modelli di processo che supportino gli obiettivi strategici ed il lavoro all interno della nuova configurazione di supply chain sviluppata a Livello 2, definire indicatori di processo e livelli di prestazione, stabilire pratiche aziendali a livello operativo, costruire un sistema di requisiti che supportino la configurazione della catena di fornitura, i processi e le azioni, ed in fine selezionare sistemi appropriati. A Livello 3, vengono acquisiti gli input, gli output ed il flusso logico di elementi del processo. Il Livello 4 descrive le attività dettagliate nell ambito di ciascuna delle attività del Livello 3. Queste attività e le loro interazioni, sono uniche per ogni azienda. Questo livello di dettaglio è necessario per implementare e gestire le Supply Chain giorno per giorno. La definizione di Livello 4 del processo corrisponde alla definizione di processo di qualità (e.s. ISO 9000) in molte aziende. A Livello 4, ha luogo l implementazione dei processi di SC. A questo livello, sono impostati gli obiettivi immediati, hanno luogo i miglioramenti intra ed inter aziendali della SC, vengono fissate le priorità e sono previsti e studiati i risultati attesi. Ci sono tre tipi di processi nel modello SCOR: pianificazione, esecuzione ed il permesso (attivazione). I processi di Pianificazione pianificano tutta la catena insieme alla pianificazione dello specifico tipo di processo di Esecuzione. I processi di Esecuzione riguardano tutte le categorie di Source, Make, Deliver e Return tranne le categorie del processo di attivazione. Il processo di attivazione di un particolare tipo di processo definisce la costituzione di quel particolare elemento del processo. Utilizzando i 4 livelli del modello SCOR, un azienda può rapidamente e senza ambiguità descrivere la sua catena di approvvigionamento. Una SC che è definita usando questo approccio può essere anche modificata e riconfigurata rapidamente a seconda dei cambiamenti delle esigenze del mercato. Il modello SCOR ha un ruolo importante nell attuazione di catene di fornitura. Gli indicatori dei Livelli 1 e 2 focalizzano sulla gestione, mentre gli indicatori del livello 3 supportano la diagnosi in corso d opera. NOTAZIONE P1 P2 P3 P4 P5 EP S1 S2 S3 ES M1 M2 M3 M0 ED D1 D2 D3 Tabella 1: Categoria di Processo Livello 2 del modello SCOR CATEGORIA DI PROCESSO Plan Supply Chain Plan Source Plan Make Plan Deliver Plan Return Enable plan Source stocked products Source make to order products Source engineer to order products Enable source Make to stock Make to order Engineer to order Make infrastructure Enable deliver Deliver stocked products Deliver made to order products Deliver engineered to order products

10 R1 R2 R3 ER Return defective product Return MRO product Return excess product Enable return Tabella 2: attributi di performance e indicatori di livello 1 Performance Attribute Performance Attribute Definition Level 1 metric Supply Chain delivery reliability Supply Chain responsiveness Supply Chain flexibility Supply Chain costs Supply Chain asset management efficiency The performance of the supply chain in delivering: the correct product, to the correct place, at the correct time, in the correct condition and packaging, in the correct quality, with the correct documentation, to the correct customer The velocity at which a supply chain provides products to the customer The agility of a supply chain in responding to marketplace changes to gain or maintain competitive advantage. The costs associated with operating the supply chain The effectiveness of an organization in managing assets to support demand satisfaction. This includes the management of all assets: fixed and working capital. Delivery performance Fill rates Perfect order fulfilment Order fulfilment lead times Supply chain response time Production flexibility Costs of goods sold Total supply chain management costs Value added productivity Warranty/returns processing costs Cash to cash cycle time Inventory days of supply Asset turns

11 Figura 4: I diagrammi intrecciati del prodotto forniscono un quadro di riferimento per l analisi della SC Figura 5: Processi e indicatori sono collegati all interno del Modello 3.2 L uso del Modello SCOR Principalmente sviluppato come strumento di comunicazione tra operatori, il Modello SCOR continua a trovare nuove applicazioni. È attualmente utilizzato per: identificare ed implementare miglioramenti nella SC, valutare e selezionare il software in commercio, selezionare e gestire i servizi di consulenza e di sistema, promuovere e gestire i cambiamenti interni all azienda, e fornire una base per l istruzione e la formazione nell ambito del Supply Chain Management.

12 In genere il primo progetto di implementazione del Modello richiede 3-6 mesi, indipendentemente dalla valutazione comparativa. Le imprese hanno riferito di aver completato il loro primo progetto SCOR 3 mesi dopo essere state introdotte allo SCOR. Un membro del Council (azienda alimentare) ha documentato un ritorno di 4.15 milioni di dollari su un investimento di dopo circa 3 mesi. Un altra azienda (industria elettronica) ha riportato un ritorno proiettato di 230 milioni di dollari dopo un investimento di 3-5 milioni e di circa 8 mesi. Questi risultati sono tipici per ogni azienda in ogni luogo. Dall implementazione del Modello SCOR da parte del Dipartimento della Difesa degli USA (DOD) e dal lavoro che questi hanno condotto con il settore aerospazio e le aziende ad essi afferenti che si è introdotto il Processo di Ritorno (inizialmente concepito per supportare il MRO- Maintenance, Repair and Overhaul). Le aziende del settore commerciale hanno visto da subito la rilevanza di queste attività per i loro business ed è stato formato un gruppo di lavoro per sviluppare proposte per cambiare il modello. Il risultato di quest azione è stato il primo ampliamento del campo di applicazione del Modello sin dal suo inizio. 4. Ricapitolando Il modello SCOR è un modello di riferimento con una terminologia e processi standardizzati. È composto di tre parti: (i). Uno strumento di modellazione che utilizza processi standardizzati come costruzioni a blocchi; (ii). Una seri di indicatori chiave di prestazioni (KPI); (iii). Uno strumento di benchmarking (di riferimento) in cui le aziende possono confrontare i propri KPIs con quelli di altre società. Il modello SCOR è anche una metodologia per migliorare la catena di approvvigionamento di un azienda. Include anche un glossario di terminologia comune alla catena di fornitura. Definizioni comuni di indicatori chiave assicura che le aziende che lavoro con lo SCOR utilizzino le stesse definizioni e così parlino la stessa lingua. MODELLARE CON LO SCOR MODEL Il modello SCOR consiste di processi in tre livelli. LIVELLO 1: DEFINIZIONE DEL PROCESSO; consiste di 5 diversi tipi di processo: Source, Make, Deliver, e Return per il flusso fisico ed informativo, e Plan per coordinare gli altri quattro. Il processo Source comprende l approvvigionamento dei beni e dei servizi per soddisfare la domanda di materie prime, componenti e servizi necessari alla produzione. Il processo Make comprende le attività che trasformano i prodotti ad uno stato finito. Il processo di Deliver comprende il trasporto e la distribuzione dei prodotti finiti ai clienti delle aziende. Il processo di Return è associato al ritorno dei prodotti ai fornitori e alla ricezione di prodotti di ritorno da parte dei clienti. Il processo di Plan bilancia la domanda e la fornitura di prodotti e risorse negli altri processi. LIVELLO 2: PROCESS TYPE LEVEL; nello SCOR vengono introdotti maggiori dettagli. A livello 2 il modello fa una distinzione tra prodotti Make to stock (MTO), prodotti Make to Order (MTO), e prodotti Engineer to Orde (ETO). Ogni processo di lviello 1 è suddiviso in sottocategorie a seconda del prodotto. Il processo Make (M) ad esempio è suddiviso in Make to Stock (m1), Make to Order (M2) ed Engineer to Order (M3). Source e Deliver seguono la stessa terminologia, con un processo in più. Il processo Plan comprende il

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La gestione degli asset d impresa sta diventando una

La gestione degli asset d impresa sta diventando una OP.03.03.Snitkin.imp 26-11-2003 10:17 Pagina 21 La gestione collaborativa del ciclo di vita degli asset, visione e strategie Un modello che considera l asset management come una serie di processi ben definiti

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence Business Intelligence Trasformare l informazione in conoscenza e la conoscenza in profitto Prof. Luca Bolognini Luca.bolognini@aliceposta.it Nuove esigenze dieci anni fa le decisioni venivano prese sulla

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli