Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice"

Transcript

1 Supply Chain Operations Reference Model: Un nuovo strumento per migliorare l efficienza di una SC ed ottenere Best Practice Sommario Una catena di fornitura è un network di strutture che acquistano materie prime, le trasformano in prodotti intermedi e poi in prodotti finali, e li consegnano ai clienti attraverso un sistema di distribuzione. Per realizzare una gestione integrata della catena di fornitura, un numero di ricercatori e professionisti hanno dedicato i loro sforzi nel sviluppare modelli per descrivere gli elementi e le attività di una catena di fornitura. Il Supply Chain Council, supportato da più di 650 organizzazioni membri (sia nel mondo accademico che nell industria) in tutto il mondo, ha sviluppato il Model SCOR. Il modello SCOR è un modello di riferimento dei processi aziendali che fornisce un set di strumenti completo in grado di collegare i processi aziendali a parametri, regole di buona norma e tecnologie. Il Modello contiene una descrizione standard dei processi di gestione, un quadro di riferimento delle relazioni tra processi standard, indicatori standard per misurare le performance del processo ed un allineamento standard per le caratteristiche del software e funzionalità. 1. Introduzione al Supply Chain Management Nei rapidi cambiamenti dell economia mondiale, alcune aziende sono in grado di cambiare in tempo per adattarsi e prosperare nella crescente incertezza del 21 secolo. Si riconoscono dalla capacità di anticipare e comprendere i cambiamenti del mercato, di riconoscere le nuove opportunità, di offrire nuovi servizi ai clienti, e di adattare i loro affari rapidamente per incontrare e superare le richieste dei loro clienti. Tutte queste aziende hanno riconosciuto l importanza di un elemento chiave, l agilità (o flessibilità) per cambiare velocemente. Imprese agili vedono se stesse come il centro, oppure l hub di reti dei flussi di materiali ed informazioni. Questi flussi si estendono dall interfaccia cliente al marketing e vendite attraverso la produzione e l approvvigionamento per costruire il rapporto con i fornitori. Queste aziende diventano agili attraverso una costante revisione e riallineamento di queste reti strettamente collegate. Negli ultimi anni, il Supply Chain Management è stato coniato per un approccio di gestione per fornire il requisito di agilità per cambiare mantenendo l efficienza dei costi. Il SCM sta avendo un profondo impatto sui risultati di business. Esso comprende tutte le attività connesse al flusso e alla trasformazione di beni dalla fase materie prime (estrazione), fino all utente finale, così come il flusso di informazioni associato (Handfield & Nichols, 1999). Chiaramente l idea di un SCM è quello di visualizzare la catena come un sistema totale e mettere a punto decisioni su come far funzionare i vari componenti (aziende, funzioni ed attività) in modo che produrrà il miglior sistema di performance a livello generale nel lungo periodo. Fare questo è estremamente difficile a causa del numero e della complessità delle decisioni da prendere, così come i problemi intra ed inter organizzative che devono essere affrontati. Mai così tanta tecnologia e capacità intellettuali sono stati applicati per migliorare le prestazioni di una Supply Chain. Gli esempi includono letture dei

2 Point-of-Sale che consentono alle aziende di catturare la voce del cliente. Scambi di dati elettronici consentono che tutte le fasi della catena di approvvigionamento sentano quella voce e reagiscano ad essa utilizzando produzioni flessibili, magazzini automatizzati, e canali logistici rapidi. Concetti come la risposta rapida e precisa, risposta efficiente ai consumatori, personalizzazione di massa, produzione snella e sistemi produttivi agili offrono modelli per l applicazione di nuove tecnologie per migliorare le performance. Si può sostenere che la proliferazione di interpretazioni di cosa significhi Supply Chain Management abbia portato ad una certa confusione tra mondo accademico e professionisti del settore. Ci dovrebbero essere alcune caratteristiche uniche per il SCM che lo differenziano dalla ricerca del passato che è caduta sotto l egida della logistica integrata. Houlihan (1985) ha chiarito che il fattore di differenziazione è l aspetto strategico del processo decisionale nella gestione della catena di fornitura. Il SCM si protende al di là dei confini del contenimento dei costi e collegamenti che operano decisioni per considerazioni strategiche all interno e all esterno di un azienda. Per aiutare le organizzazioni a raggiungere un migliore processo decisionale, un numero di ricercatori e professionisti ha dedicato sforzi per sviluppare modelli in grado di descriver elementi ed attività di una catena di fornitura. Beamon (1998) ha fornito una revisione delle letteratura sulla modellazione multi stage- Supply Chain, che si compone di 4 categorie, vale a dire, modello deterministico, modello stocastico, modello economico e modello di simulazione. L autore ha proposto un programma di ricerca per la progettazione e l analisi di una SC: (1). L evoluzione e lo sviluppo di misure di performance della SC; (2). Lo sviluppo di modelli e procedure per mettere in relazione variabili decisionali a misure di performance; (3). Considerazione di questioni che riguardano la modellazione della SC; (4). La classificazione di sistemi di SC per consentire lo sviluppo di regole empiriche o tecniche generiche per facilitare la progettazione e l analisi delle filiere produttive. Sebbene siano stati proposti vari modelli, la maggior parte di essi enfatizzano la gestione delle scorte e la logistica distributiva. Come accennato in precedenza, il processo decisionale strategico è critico nella gestione della Supply Chain, che richiede un modello di riferimento che può servire come uno standard industriale. Il Supply Chain Council (SCC), una organizzazione no-profit fondata nel 1996 che oggi conta più di 650 membri dell organizzazione in tutto il mondo, ha preso l iniziativa per lo sviluppo di un tale modello il modello di catena di approvvigionamento di riferimento delle operazioni (SCOR- Supply Chain Operations Reference). Il modello SCOR è destinato ad essere uno standard industriale che consente la gestione delle Supply Chain future. Il modello contiene una descrizione standard dei processi di gestione, un quadro di riferimento delle relazioni tra processi standard, indicatori standardizzati per misurare le performance del processo, pratiche di gestione che producono prestazioni best-in-class, e un allineamento standard per le caratteristiche del software e la funzionalità. In seguito riassumeremo il modello SCOR, presenteremo uno strumento computerizzato per configurare un diagramma intrecciato della catena di fornitura secondo la specifica SCOR, dimostreremo i benefici dello SCOR illustrando qualche caso, discuteremo circa le aree dove il modello SCOR può essere migliorato e sottolineeremo le questioni per sviluppi futuri.

3 2. The Supply Chain Operations Reference Model The SCOR Model is the only Supply Chain framework that we found that links performance measures, best practices, and software requirements to a detailed business process model (Logistics Management Institute, 1999). Cosa rende il modello SCOR diverso da ogni altro modello di processo o definizione di SC? Uno dei concetti meno compresi, al di fuori del Supply Chain Council, è che il modello è molto più di uno strumento per la creazione di grafici dei processi o attività di approvvigionamento. È un modello di riferimento del processo aziendale che collega la descrizione del processo e la definizione ai parametri, alle best practices e alla tecnologia. Anche se molto semplice, ha dimostrato di essere uno strumento potente e robusto per descrivere, analizzare e migliorare la catena di fornitura. Il campo di applicazione del modello SCOR include tutti gli elementi della soddisfazione della domanda dall inizio con l ordine o la previsione della domanda e termina con l informazione finale che la domanda è stata soddisfatta (ultima fattura e pagamento). La struttura del modello è basata sulla descrizione del processo. Come illustrato nella figura 1, lo SCOR utilizza un approccio building block sulla base di cinque processi di gestione per descrivere le SC. Questo approccio modulare permette una descrizione della SC per essere assemblata tra le aziende, all interno e all esterno, tra i segmenti del settore e tra aree geografiche. Attraverso l uso di questo approccio, non è solo facile modellare le attività esternalizzate, fornisce uno strumento prezioso per valutare le prestazioni di terze parti e determinare il vantaggio strategico/finanziario delle attività in outsourcing della catena di fornitura. Ogni elemento organizzativo all interno della catena ha attività di Plan, Source e Deliver. Figura 1: I 5 processi di gestione dello SCOR Le attività di pianificazione (Plan) bilanciano le risorse de la domanda e forniscono l integrazione tra attività ed organizzazione. Le attività di Source sono quelle che sono associate all acquisizione delle materie prime e collegano le aziende ai loro fornitori. Le attività di Deliver sono quelle attività che sono associate alla gestione degli ordini e alla consegna dei prodotti finiti. Le attività di Deliver collegano un organizzazione ai suoi clienti. Molte aziende hanno attività di Make che trasformano materie prime in prodotti finiti ma non sempre (un magazzino o un distributore ad esempio non esegue il Make). Il campo di applicazione del modello SCOR si è esteso per includere le attività di Return ( il ritorno di materie prime ai fornitori e il ricevimento dei resi di prodotti finiti dai clienti).

4 2.1 Background Lo SCOR è un modello di riferimento di processo. Nello specifico, è un modello che unisce elementi del processo, un sistema di misura, le best practice e le caratteristiche associate all esecuzione di una catena di fornitura in un formato unico. Fornisce una visione orizzontale equilibrata (tra processi) e verticale (gerarchica) rispetto ai classici modelli di processo di decomposizione, che sono sviluppati per affrontare una specifica configurazione degli elementi del processo. È progettato per essere (ri)/configurabile ed aggrega una serie di modelli di processo gerarchici. L uso di un modello di processo di riferimento consente alle aziende di comunicare usando terminologie comuni e descrizioni standardizzate degli elementi del processo che aiutano a comprendere l intero processo dalla Supply Chain e le best practices che producono l ottimo rendimento complessivo. Il modello SCOR è il primo modello che può essere utilizzato per configurare la SC basato sulla strategia di business. Fornisce inequivocabili descrizioni comuni per le migliaia attività all interno della SC. Identifica anche le misurazioni delle prestazioni e strumenti di supporto adatti per ogni attività. Questo modello di riferimento di processo consente a tutti i reparti e d aziende coinvolte nello sviluppo e nella gestione della catena di fonditura integrata per collaborare in modo efficace. Il modello SCOR integra i concetti ben noti di business process reengineering, benchmarking, ed il processo di misura in un quadro inter funzionale. Cattura lo stato as-is del processo e poi ne trae lo stato desiderato futuro to-be. Si quantificano le performance operative delle aziende simili e si stabiliscono gli obiettivi interni in base ai risultati best-in-class. Si caratterizzano anche le prassi di gestione e le soluzioni software che danno origine alle prestazioni best-in-class. Il quadro strutturale del modello SCOR è composto dai seguenti elementi: Descrizioni standard degli elementi individuali che compongono i processi della Supply Chain; Definizioni standard delle misure degli indicatori di prestazione Descrizione delle migliori pratiche associate ad ogni elemento del processo. Identificazione delle funzionalità del software che consente le best practices. Dall introduzione del modello nel 1996, lo SCOR ha subito diverse revisioni sulla base delle esigenze pratiche. In seguito riassumeremo il modello SCOR sulla base dei materiali presentati in Stephens (2001) e SCC (2001). 3. Il Modello I 5 processi di gestione sono decomposti in tre livelli di dettaglio come mostrato in figura 2. A Livello 1 (Plan, Source, Make, Deliver e Reutrn) le prestazioni di una SC possono essere direttamente legate agli obiettivi dell azienda. A Livello 2 e 3 gli elementi dei processi sono usati per descrivere molto più dettagliatemene le attività per fornire una maggiore comprensione del funzionamento della catena di approvvigionamento. Perché questo è un modello cross-industry (intersettoriale) e perché le attività di ogni azienda sono uniche, il modello deve essere esteso all applicazione aziendale al Livello 4. Il modello è in genere utilizzato per lo sviluppo di una mappa del processo (process map) che stabilisca un quadro per un ulteriore utilizzo del modello. Molte aziende iniziano con lo sviluppo di una mappa geografica delle loro SC e poi convertono quella visione geografica in visione di processo. Il processo di visualizzazione è tipicamente mostrato come un

5 diagramma intrecciato di prodotto, come mostrato in figura 4. Una volta che la mappatura del processo è completa, le aziende comprendono quale sia la loro catena di approvvigionamento ma ancora non hanno sufficienti informazioni per sapere se si sta lavorando in conformità con i propri obiettivi di business. Per andare al prossimo step, il modello fornisce una serie di misurazioni che sono anche disposti ed utilizzati gerarchicamente. Uno dei principi del modello SCOR è che la SC deve essere descritta e misurata in molteplici dimensioni. Così come è possibile descrivere un oggetto fisico in una sola dimensione fisica (lunghezza o larghezza o profondità), non è pratico descrivere le prestazioni di una SC in una singola dimensione (costo o velocità). Per migliorare la nostra capacità di comprendere e gestire le SC, il modello SCOR descrive e SC in 5 dimensioni: affidabilità, reattività, flessibilità, costo ed efficienza nell utilizzo delle risorse. La tabella 2 descrive queste caratteristiche prestazionali, identifica l attuale metrica del livello 1. Proprio come la gerarchia strutturata dei processi ci permette di identificare rapidamente e definire la struttura del processo, la gerarchia strutturata ci permette di estendere la misurazione delle prestazioni lungo tutta la catena di fornitura e decomporre la misurazione per esaminare elementi specifici della prestazione all interno degli elementi della SC. La figura 5 rappresenta il primo passo per individuare le specifiche di rendimento di una catena di fornitura utilizzando gli elementi di processo del Modello e gli indicatori associati. In fine, per ciascuno degli elementi di processo all interno del Modello vi è una tabella che identifica le migliori best practice e la tecnologia. L esecutore trae da queste liste rappresentative delle opzioni ammissibili per il miglioramento della SC. In definitiva, il modello viene testato nella pratica. I risultati della modellazione e dell analisi utilizzando i componenti del Modello producono progetti di miglioramento. 3.1 I processi SCOR ed i livelli Il modello SCOR in origine si fonda su 5 distinti processi di gestione, vale a dire, PLAN, SOURCE, MAKE, DELIVER, RETURN che sono chiamati Processi di Livello 1. I processi sono ulteriormente scomposti in Categorie di Processo (Livello 2) a seconda del tipo di ambiente in cui il modello SCOR è applicato. Le Categorie di Processo contengono ulteriori elementi del processo, che sono il terzo ed ultimo Livello nel modello SCOR. A Livello 3, il modello di elementi contiene attributi di performance, indicatori, best practices e caratteristiche del software necessarie per tale elemento. La figura 2 mostra l infrastruttura del modello SCOR, mentre la figura 3 mostra i livelli del Processo (Stephens, 2001). I 5 processi di gestione Plan, Source, Make, Deliver e Return- vengono discussi in primis. 1. Il Processo Plan (Piano) è costituito da processi che equilibrano la domanda aggregata e l offerta per sviluppare una linea d azione che meglio soddisfi gli obiettivi di business. Il Processo Plan si occupa della pianificazione della domanda/offerta, che include le attività per valutare le risorse di approvvigionamento, aggregare e stabilire le priorità tra le esigenze della domanda, della pianificazione dell inventario, dei requisiti della distruzione, della produzione, dei materiali e grossolanamente della capacità per tutti i prodotti e tutti i canali. 2. Il Processo Source (Fonte) contiene processi che acquistano beni e servizi per soddisfare la domanda programmata o effettiva. Il reperimento/acquisizione materiale include le attività di ottenimento, ricezione, controllo, attesa, materiale

6 emesso. La gestione dell infrastruttura di approvvigionamento comprende la certificazione del fornitore ed i feedback, la qualità di approvvigionamento, il trasporto merci inbound, contratti con i fornitori e pagamenti dei fornitori. 3. Il Processo di Make (Fare) include le funzioni di trasformazione dei beni ad uno stato finito per soddisfare la domanda programmata o effettiva. Il Make è il processo centrale del sistema nel quale l esecuzione della produzione vera e propria ha luogo. Include le attività di richiesta e ricezione del materiale, la produzione ed il collaudo dei prodotti, il pakcaging, il mantenimento e/o il rilascio del prodotto alla fine. 4. Il Processo di Deliver (Consegna) comprende i processi che forniscono i prodotti finiti ed i servizi per soddisfare la domanda, prevista o effettiva. In genere, include le funzioni di gestione degli ordini, gestione dei trasporti, e gestione della distribuzione. Gestire il processo di consegna include la gestione delle modalità dei canali di affari, le modalità di ordinamento, la gestione degli inventari di consegna, e la gestione della qualità della fornitura. 5. Il Processo di Return (ritorno) è l ultima aggiunta al modello SCOR. Si occupa della gestione del flusso inverso di materiale e di informazioni relative ai prodotti difettosi, in eccedenza e del MRO (Maintenance, Repair and Overhaul; manutenzione, riparazione e revisione). Questo comprende l autorizzazione, la schedulazione, la ricezione, la verifica, lo smaltimento e la sostituzione oppure il riconoscimento per i tipi di materiali di cui sopra.

7 Figura 2: L infrastruttura del Modello SCOR (Stephens, 1999) Figura 3: I Livelli di Processo nel Modello SCOR (Stephens, 1999)

8 Ogni Supply Chain di base è una catena fatta da processi esecutivi di Source, Make, Deliver and Return. Ogni iterazione di due processi esecutivi è un collegamento nella catena di fornitura. La Pianificazione si trova sulla cima di questi collegamenti e li gestisce. Come accennato precedentemente, il modello SCOR contiene tre Livelli di dettaglio di processo. Il Livello 1 è il livello superiore che si occupa dei Tipi di Processo. Il Livello 2 è il livello di configurazione e si occupa delle categorie di processo. Il Livello 3 è il livello di elemento del processo ed è il livello più basso nel campo di applicazione del modello SCOR. I Livelli di attuazione che sono sotto il livello 3, in cui decomponiamo gli elementi di processo in compiti ed ulteriori attività nella classica maniera gerarchica, non sono oggetto dello SCOR, ma saranno brevemente accennati. Il Livello 1 definisce la catena di fornitura utilizzando 5 processi chiave: plan, source, make, deliver e return. Gli indicatori del livello 1 del modello caratterizzano le prestazioni dalle prospettive rivolte al cliente e all interno dell azienda. Quindi, a livello 1, si definiscono le basi della concorrenza e vengono fornite le linee guida per soddisfare la concorrenza. Specifici compiti per completare il livello 1 sono: impostare i requisiti e definire le basi della concorrenza, valutare le prestazioni dell operazione corrente rispetto a quelle richieste, impostare i paramenti e gli indicatori del modello SCOR, e definire il gap, impostare le priorità di business stabilire ciò di cui si necessita per il cambiamento. Anche a Livello 1, la catena di fornitura corrente è modellata considerando l asset, il volume ed il mix di prodotto, i requisiti della tecnologia ed i vincoli. Il livello 2 definisce diverse categorie all interno dei processi del Livello 1. A questo livello, i processi sono configurati in linea con la strategia della supply chain. A Livello 2, ridondanze interne possono essere identificate ed eliminate: Un azienda che è cresciuta attraverso l acquisizione tipicamente trova più esuberi a questo livello, così come la sovrapposizione di processi di pianificazione, Acquisti duplicati oppure eccessivi trasferimenti all interno della produzione. Alcune aziende scoprono che gli ordini dei clienti sono in ritardo in molti punti della catena di approvvigionamento, suggerendo una necessità per il cliente e l integrazione del fornitore. Altri possono trovare che lo stesso processo di pianificazione è effettuato sia internamente che dal cliente. Uno dei due deve essere eliminato. L obiettivo a Livello 2 è quello di semplificare la catena di fornitura e migliorare la sua flessibilità complessiva. A Livello 2, il modello SCOR fornisce un kit di attrezzi di 22 categorie di processo, come mostrato in tabella 1. Ogni configurazione della catena di fornitura può essere rappresentata da questo kit. Qui l azienda deve riconfigurare la catena di approvvigionamento configurata a livello 1 per determinare le prestazioni attese. A Livello 2, i vincoli di mercato, i vincoli di prodotto ed i vincoli aziendali devono essere considerati per configurare le categorie di processo inter ed intra aziendali. Il livello 3 consente di definire in dettaglio i processi identificati, come gli indicatori di performance e le best practices per ogni attività. La funzionalità del software richiesto per supportare le best practices è anche identificato, così come il software commerciale e gli strumenti che forniscono attualmente la funzionalità richiesta. Gli elementi di processo intra e inter aziendali sono anch essi definiti. I livelli di performance e le pratiche sono definite per questi elementi di processo. Anche i parametri di riferimento e le caratteristiche richieste per il software consentito sono noti a questo livello.

9 Compiti specifici da svolgere a questo livello sono: sviluppare modelli di processo che supportino gli obiettivi strategici ed il lavoro all interno della nuova configurazione di supply chain sviluppata a Livello 2, definire indicatori di processo e livelli di prestazione, stabilire pratiche aziendali a livello operativo, costruire un sistema di requisiti che supportino la configurazione della catena di fornitura, i processi e le azioni, ed in fine selezionare sistemi appropriati. A Livello 3, vengono acquisiti gli input, gli output ed il flusso logico di elementi del processo. Il Livello 4 descrive le attività dettagliate nell ambito di ciascuna delle attività del Livello 3. Queste attività e le loro interazioni, sono uniche per ogni azienda. Questo livello di dettaglio è necessario per implementare e gestire le Supply Chain giorno per giorno. La definizione di Livello 4 del processo corrisponde alla definizione di processo di qualità (e.s. ISO 9000) in molte aziende. A Livello 4, ha luogo l implementazione dei processi di SC. A questo livello, sono impostati gli obiettivi immediati, hanno luogo i miglioramenti intra ed inter aziendali della SC, vengono fissate le priorità e sono previsti e studiati i risultati attesi. Ci sono tre tipi di processi nel modello SCOR: pianificazione, esecuzione ed il permesso (attivazione). I processi di Pianificazione pianificano tutta la catena insieme alla pianificazione dello specifico tipo di processo di Esecuzione. I processi di Esecuzione riguardano tutte le categorie di Source, Make, Deliver e Return tranne le categorie del processo di attivazione. Il processo di attivazione di un particolare tipo di processo definisce la costituzione di quel particolare elemento del processo. Utilizzando i 4 livelli del modello SCOR, un azienda può rapidamente e senza ambiguità descrivere la sua catena di approvvigionamento. Una SC che è definita usando questo approccio può essere anche modificata e riconfigurata rapidamente a seconda dei cambiamenti delle esigenze del mercato. Il modello SCOR ha un ruolo importante nell attuazione di catene di fornitura. Gli indicatori dei Livelli 1 e 2 focalizzano sulla gestione, mentre gli indicatori del livello 3 supportano la diagnosi in corso d opera. NOTAZIONE P1 P2 P3 P4 P5 EP S1 S2 S3 ES M1 M2 M3 M0 ED D1 D2 D3 Tabella 1: Categoria di Processo Livello 2 del modello SCOR CATEGORIA DI PROCESSO Plan Supply Chain Plan Source Plan Make Plan Deliver Plan Return Enable plan Source stocked products Source make to order products Source engineer to order products Enable source Make to stock Make to order Engineer to order Make infrastructure Enable deliver Deliver stocked products Deliver made to order products Deliver engineered to order products

10 R1 R2 R3 ER Return defective product Return MRO product Return excess product Enable return Tabella 2: attributi di performance e indicatori di livello 1 Performance Attribute Performance Attribute Definition Level 1 metric Supply Chain delivery reliability Supply Chain responsiveness Supply Chain flexibility Supply Chain costs Supply Chain asset management efficiency The performance of the supply chain in delivering: the correct product, to the correct place, at the correct time, in the correct condition and packaging, in the correct quality, with the correct documentation, to the correct customer The velocity at which a supply chain provides products to the customer The agility of a supply chain in responding to marketplace changes to gain or maintain competitive advantage. The costs associated with operating the supply chain The effectiveness of an organization in managing assets to support demand satisfaction. This includes the management of all assets: fixed and working capital. Delivery performance Fill rates Perfect order fulfilment Order fulfilment lead times Supply chain response time Production flexibility Costs of goods sold Total supply chain management costs Value added productivity Warranty/returns processing costs Cash to cash cycle time Inventory days of supply Asset turns

11 Figura 4: I diagrammi intrecciati del prodotto forniscono un quadro di riferimento per l analisi della SC Figura 5: Processi e indicatori sono collegati all interno del Modello 3.2 L uso del Modello SCOR Principalmente sviluppato come strumento di comunicazione tra operatori, il Modello SCOR continua a trovare nuove applicazioni. È attualmente utilizzato per: identificare ed implementare miglioramenti nella SC, valutare e selezionare il software in commercio, selezionare e gestire i servizi di consulenza e di sistema, promuovere e gestire i cambiamenti interni all azienda, e fornire una base per l istruzione e la formazione nell ambito del Supply Chain Management.

12 In genere il primo progetto di implementazione del Modello richiede 3-6 mesi, indipendentemente dalla valutazione comparativa. Le imprese hanno riferito di aver completato il loro primo progetto SCOR 3 mesi dopo essere state introdotte allo SCOR. Un membro del Council (azienda alimentare) ha documentato un ritorno di 4.15 milioni di dollari su un investimento di dopo circa 3 mesi. Un altra azienda (industria elettronica) ha riportato un ritorno proiettato di 230 milioni di dollari dopo un investimento di 3-5 milioni e di circa 8 mesi. Questi risultati sono tipici per ogni azienda in ogni luogo. Dall implementazione del Modello SCOR da parte del Dipartimento della Difesa degli USA (DOD) e dal lavoro che questi hanno condotto con il settore aerospazio e le aziende ad essi afferenti che si è introdotto il Processo di Ritorno (inizialmente concepito per supportare il MRO- Maintenance, Repair and Overhaul). Le aziende del settore commerciale hanno visto da subito la rilevanza di queste attività per i loro business ed è stato formato un gruppo di lavoro per sviluppare proposte per cambiare il modello. Il risultato di quest azione è stato il primo ampliamento del campo di applicazione del Modello sin dal suo inizio. 4. Ricapitolando Il modello SCOR è un modello di riferimento con una terminologia e processi standardizzati. È composto di tre parti: (i). Uno strumento di modellazione che utilizza processi standardizzati come costruzioni a blocchi; (ii). Una seri di indicatori chiave di prestazioni (KPI); (iii). Uno strumento di benchmarking (di riferimento) in cui le aziende possono confrontare i propri KPIs con quelli di altre società. Il modello SCOR è anche una metodologia per migliorare la catena di approvvigionamento di un azienda. Include anche un glossario di terminologia comune alla catena di fornitura. Definizioni comuni di indicatori chiave assicura che le aziende che lavoro con lo SCOR utilizzino le stesse definizioni e così parlino la stessa lingua. MODELLARE CON LO SCOR MODEL Il modello SCOR consiste di processi in tre livelli. LIVELLO 1: DEFINIZIONE DEL PROCESSO; consiste di 5 diversi tipi di processo: Source, Make, Deliver, e Return per il flusso fisico ed informativo, e Plan per coordinare gli altri quattro. Il processo Source comprende l approvvigionamento dei beni e dei servizi per soddisfare la domanda di materie prime, componenti e servizi necessari alla produzione. Il processo Make comprende le attività che trasformano i prodotti ad uno stato finito. Il processo di Deliver comprende il trasporto e la distribuzione dei prodotti finiti ai clienti delle aziende. Il processo di Return è associato al ritorno dei prodotti ai fornitori e alla ricezione di prodotti di ritorno da parte dei clienti. Il processo di Plan bilancia la domanda e la fornitura di prodotti e risorse negli altri processi. LIVELLO 2: PROCESS TYPE LEVEL; nello SCOR vengono introdotti maggiori dettagli. A livello 2 il modello fa una distinzione tra prodotti Make to stock (MTO), prodotti Make to Order (MTO), e prodotti Engineer to Orde (ETO). Ogni processo di lviello 1 è suddiviso in sottocategorie a seconda del prodotto. Il processo Make (M) ad esempio è suddiviso in Make to Stock (m1), Make to Order (M2) ed Engineer to Order (M3). Source e Deliver seguono la stessa terminologia, con un processo in più. Il processo Plan comprende il

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain

Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain Articolo n. 6 - Ottobre 2013 Il modello SCOR: un aiuto per avviare progetti di Supply Chain GIUSEPPE LOVECCHIO PREMESSA Oggi si parla tanto di Supply Chain, come se fosse l ultima frontiera per rendere

Dettagli

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza

Ridisegno Supply-chain. Esempio di un progetto di Consulenza Ridisegno Supply-chain Esempio di un progetto di Consulenza Obiettivo dell intervento 1. Mappare l attuale sistema logistico-produttivo dei tappi mettendo in evidenza le criticità ed i potenziali miglioramenti;

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Sistemi avanzati per la gestione della supply chain: i sistemi advanced planning

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto

GS1 Italy. Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto GS1 Italy Gli standard e i servizi per l allineamento delle informazioni di prodotto EDI Fatti non parole Principali evidenze della ricerca condotta da GS1 UK sui primi 15 gruppi britannici nella distribuzione

Dettagli

RESPONSABILE DELLA LOGISTICA

RESPONSABILE DELLA LOGISTICA CORSO PER RESPONSABILE DELLA LOGISTICA Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001 53 CORSO PER RESPONSABILE DELLA LOGISTICA Materiale propedeutico (studio a casa) + 48 ore di lezioni frontali

Dettagli

Imparare a progettare il miglioramento. Corso di Mappatura e Analisi dei Processi Aziendali. Piano didattico 2015

Imparare a progettare il miglioramento. Corso di Mappatura e Analisi dei Processi Aziendali. Piano didattico 2015 Corso di Mappatura e Analisi dei Processi Aziendali Piano didattico 2015 Imparare a progettare il miglioramento PROXYMA Via Imperiali, 77 36100 Vicenza Tel. 0444 512733 Email: proxyma@proxyma.it Mappare

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna 1 Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

GLOBAL TICKET MANAGEMENT. La soluzione verticale per la gestione del servizio di assistenza

GLOBAL TICKET MANAGEMENT. La soluzione verticale per la gestione del servizio di assistenza GLOBAL TICKET MANAGEMENT La soluzione verticale per la gestione del servizio di assistenza Sommario Overview... 2 Capabilities... 2 Il Processo... 3 Caricamento Anagrafiche... 4 Gestione Contratto... 7

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Logistica Integrata. Introduzione

Logistica Integrata. Introduzione Logistica Integrata Introduzione Supply Chain : Introduzione Cos è il Supply Chain Management e la Logistica? Perché Supply Chain Management? Problematiche fondamentali 2 Che cos è la logistica? Perché

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente

Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente Parte Quarta Pianificazione del servizio al Cliente C è una sola definizione valida dello scopo del business: creare un cliente. Sarà quest ultimo che determinerà ciò che deve essere il business. Non è

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Tutti i processi economici facendo parte della catena di valore in ambito della LOGISTICA in entrata (fornitori) e in uscita (clienti) necessari per l erogazione e la fornitura

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Eccellenza in Business Process Management edizione 2010 Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Project Management & Innovazione

Project Management & Innovazione Project Management & Innovazione Milano, 24 ottobre 2006 Antonio Bassi, PMP antonio.bassi@pmi-nic.org www.pmi-nic.org Agenda Il progetto La ricerca L evoluzione Il libro e poi Ambito e missione del progetto

Dettagli

FAST SCM for Mill Products. Un investimento ad elevato valore aggiunto

FAST SCM for Mill Products. Un investimento ad elevato valore aggiunto FAST SCM for Mill Products Un investimento ad elevato valore aggiunto Un investimento ad elevato valore aggiunto In qualsiasi settore si operi, legno, tessile, materiali edili, cartario o metalli è innegabile

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Logi.C.A. Consulting 1

Logi.C.A. Consulting 1 La Logistica La logistica, nell ambito del processo di gestione della supply chain : Pianifica Implementa Controlla l efficiente ed efficace flusso e immagazzinamento dei beni commerciali, l efficiente

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com

THRU-PUT INFOR SCM > THRU-PUT. Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? www.twingroup.com THRU-PUT Qual è la Teoria dei Vincoli (TOC)? La Teoria dei Vincoli è la filosofia globale sviluppata dal Dott. Eiyahu M. Goldratt pubblicata in vari libri, tra cui L obiettivo. TOC si concentra sulle restrizioni

Dettagli

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa CASO DI STUDIO - Gerbione Spa Monica lavora per la divisione di approvvigionamento e fornitura di parti e ricambi di Gerbione Spa, una multinazionale produttrice di motori, trasmissioni e frizioni per

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali M Premessa La AS 9100 è una norma ampiamente adottata in campo aeronautico ed aerospaziale dalle maggiori aziende mondiali del settore, per la definizione, l utilizzo ed il controllo dei sistemi di gestione

Dettagli

Governare il processo della sicurezza

Governare il processo della sicurezza Governare il processo della sicurezza Michele Marchini PIACENZA 20 febbraio 2014 SOMMARIO Argomenti trattati Governo del processo gestione della sicurezza I processi aziendali Il processo della sicurezza

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement

Management and System Integration. Supply Chain Process Improvement Management and System Integration La nostra offerta Smart Media offre il necessario supporto ORGANIZZATIVO, METODOLOGICO ed APPLICATIVO alle aziende che intendono intraprendere un percorso di continuo

Dettagli

manifatturiera e per i servizi

manifatturiera e per i servizi CAPITOLO 7 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi Agenda Tecnologia e core technology Processi core ed ausiliari Tecnologia e struttura organizzativa Tecnologia core manifatturiera

Dettagli

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software Introduzione Da Febbraio 2013, data di lancio del progetto Smart-MED-Parks, sono state realizzate un insieme di azioni al fine di: - Aumentare il livello di

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

AMMINISTRARE I PROCESSI

AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI AXIOMA PER LE AZIENDE DI SERVIZI AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Axioma Value Application Servizi Axioma, che dal 1979 offre prodotti software e servizi per le azienda italiane, presenta Axioma

Dettagli