Ministero della Salute

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero della Salute"

Transcript

1 Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III PROGETTO FARMACI LASA E SICUREZZA DEI PAZIENTI : ELENCO FARMACI LASA (aggiornato al 31 dicembre 2010) 1. PREMESSA La sicurezza dei pazienti è un aspetto prioritario dell assistenza sanitaria al quale lo Stato, le Regioni e le Province Autonome, e tutti gli operatori sanitari devono concorrere per individuare soluzioni uniformi su tutto il territorio nazionale, valorizzare le competenze degli operatori sanitari ed intraprendere azioni a tutela della salute dei cittadini. Il Ministero della Salute nell ambito delle attività volte al miglioramento della qualità dei servizi sanitari, ha avviato il Progetto Farmaci LASA e Sicurezza dei pazienti, per accrescere la consapevolezza della possibilità di errore nell uso di quei farmaci che possono essere confusi con altri per la somiglianza grafica e/o fonetica del nome. L iniziativa si propone anche di condividere con Regioni e Province Autonome, Aziende sanitarie, Agenzia del Farmaco (AIFA), Federazione degli Ordini Farmacisti Italiani (FOFI), Istituto Superiore di Sanità (ISS), Società scientifiche, Università ed altre Istituzioni ed Organismi, opportune strategie di prevenzione che possono essere intrapresi, sia in ambito ospedaliero sia territoriale, per evitare il verificarsi degli errori in corso di terapia farmacologica. 2. DESCRIZIONE DEL PROGETTO Obiettivo prioritario del Progetto è la prevenzione degli errori in terapia legati all uso dei farmaci LASA, sia in ambito ospedaliero sia territoriale. L iniziativa si pone anche lo scopo di: 1

2 aumentare la consapevolezza da parte degli stakeholder (operatori sanitari, cittadini, manager della sanità, Aziende farmaceutiche) della possibilità di errore nell uso dei farmaci LASA; individuare linee di indirizzo finalizzate a garantire appropriatezza, sicurezza e qualità delle cure, condivise con Regioni e Province Autonome, Aziende sanitarie, AIFA, FOFI, ISS, Società scientifiche, Federfarma ed altre Istituzioni; sensibilizzare le Aziende farmaceutiche affinché prevedano, nella commercializzazione dei farmaci, criteri per evitare ogni fattore di confondimento nell uso dei farmaci LASA. 3. STRUMENTI E METODI La metodologia utilizzata ha previsto l attivazione sul sito web del Ministero, a partire da novembre 2008, di una specifica sezione dedicata al Progetto Farmaci LASA e Sicurezza dei pazienti, (http://www.salute.gov.it/qualita/qualita.jsp), nella quale, oltre ad essere descritti gli obiettivi del Progetto, è disponibile una casella di posta elettronica destinata alla ricezione di tutte le informazioni in merito alla problematica correlata alla sicurezza nell uso dei farmaci LASA. Durante la prima fase del Progetto si è svolta un indagine conoscitiva per la raccolta volontaria delle informazioni (anche tramite il questionario, disponibile nella sessione del sito dedicata al Progetto) necessarie alla valutazione del grado di conoscenza della problematica su tutto il territorio nazionale e precisamente: segnalazioni di casi specifici, sia in ambito ospedaliero sia territoriale; elenchi di farmaci LASA predisposti dalle Strutture sanitarie; segnalazioni da parte delle Farmacie di comunità, dei medici di medicina generale (MMG) e dei pediatri di famiglia (PdF), e dei cittadini; esperienze delle Società scientifiche. In esito all indagine è stato elaborato un Rapporto (disponibile sul sito che mette in evidenza come la problematica correlata alla sicurezza nell uso dei farmaci LASA sia conosciuta sia in ambito ospedaliero sia territoriale. Le informazioni raccolte hanno permesso di redigere un primo elenco di farmaci LASA aggiornato e condiviso in stretta collaborazione con l AIFA. Nel mese di agosto 2010 è stata divulgata la Raccomandazione per la prevenzione degli errori in terapia con farmaci look-alike/ sound-alike (LASA) disponibile sul sito rivolta a tutti gli operatori 2

3 sanitari coinvolti, a vario titolo, nel processo di gestione del farmaco in ospedale, nei servizi territoriali delle ASL, nelle Farmacie di comunità, negli studi dei MMG e dei PdF e alle Direzioni delle Aziende sanitarie e farmaceutiche. 4. L ELENCO DEI FARMACI LASA Le segnalazioni pervenute, trattate in forma anonima e nel rispetto della privacy, comprendenti sia le risposte al questionario sia altri contributi spontanei, sono confluite in un database ed hanno consentito di redigere un primo elenco di farmaci LASA che assieme alla Raccomandazione specifica si pone lo scopo di: 1. supportare le Aziende sanitarie e gli operatori sanitari (medici, infermieri, farmacisti) nella gestione dei Farmaci LASA per la prevenzione degli errori in terapia, sia a livello ospedaliero sia territoriale; 2. definire e uniformare a livello nazionale idonee misure preventive improntate all individuazione di criteri di sicurezza condivisi ed adottabili da tutte le realtà. 3. fornire agli Ordini professionali, alle Federazioni ed Associazioni strumenti di formazione per la Sicurezza dei pazienti. La finalità della lista dei farmaci LASA non si esaurisce ad un semplice elenco di medicinali avulso dal mettere in pratica le indicazioni suggerite dalla Raccomandazione ad hoc elaborata. Pertanto, si è deciso di redigere il presente elenco in base ai seguenti criteri: 1. segnalazione di avvenuto scambio tra farmaci; 2. frequenza di segnalazione di possibile scambio di farmaci ad alto livello di attenzione (così come individuati nella Raccomandazione ministeriale n. 7) con particolare attenzione ai farmaci oncologici e a quelli afferenti al sistema cardiovascolare; 3. segnalazione di farmaci generici/equivalenti; 4. segnalazione di galenici in fiale; 5. ampia rappresentatività delle categorie terapeutiche. L elenco dei farmaci presentati si riferisce esclusivamente a quello delle segnalazioni pervenute. L elenco sicuramente non è esaustivo per la problematica riferita a livello nazionale, ma sarà aggiornato e reso disponibile semestralmente anche in base alle segnalazioni ed ai suggerimenti che potranno pervenire alla casella dedicata 3

4 FARMACI LASA E FATTORI DI RISCHIO Elenco ricavato dalle informazioni pervenute nel corso dell indagine conoscitiva novembre maggio 2009 Aggiornato al 31 dicembre ABILIFY 10mg cpr ABILIFY 15mg cpr 2 ADRIBLASTINA 50mg/25ml fl FARMORUBICINA 50mg/25ml fl 3 AKINETON 2mg cpr AKINETON 4mg cpr 4 ALAPRIL 5mg cpr ALAPRIL 20 mg cpr 5 ALAPRIL 5mg cpr CHIARO 250mg cpr 6 ALAPRIL 20mg cpr CHIARO 250mg cpr 7 ALKERAN 2mg cpr LEUKERAN 2mg cpr 8 AMARYL cpr ALMARYTM cpr 9 AMARYL 2mg cpr AMARYL 4mg cpr 10 AMPLITAL 1g fl AMPLITAL 500mg fl 4

5 11 ARACYTIN 100mg/5ml fl ESTRACYT 140mg cps 12 ARICEPT 5mg cpr ARICEPT 10mg cpr 13 AT III KEDRION 1000 UI fl EMOCLOT 1000 UI fl 14 ATROPINA LU 1% collirio CICLOLU 1% collirio 15 ATROPINA SOLFATO 0,5mg fl ADRENALINA 1mg fl 16 AVASTIN 100 mg fl AVASTIN 400 mg fl 17 BROMAZEPAM RATIO 20ml gtt DELORAZEPAM RATIO 20ml gtt 18 BROMAZEPAM RATIO 20ml gtt DIAZEPAM RATIO 20ml gtt 19 BROMAZEPAM RATIO 3mg cpr TRIAZOLAM RATIO 125mg cpr 20 BUSCOPAN cpr BUSCOPAN ANTIACIDO cpr eff. 21 CAELY 2mg/ml 10ml fl CAELY 2mg/ml 25ml fl 22 CALCIO CLORURO 1g 10ml fl 23 CALCIO GLUCONATO 1g 10ml fl BIOINDUSTRIA CALCIO GLUCONATO 1000mg fl CALCIO CLORURO 1g 10ml fl BIOINDUSTRIA 5

6 24 CARDURA 4mg cpr MEDROL 4mg cpr 25 CARDURA cpr RIDAURA cpr 26 CARVEDILOLO DOC 25mg cpr METOPROLOLO DOC 100mg cpr 27 CATAPRESAN 150mcg/ml fl PERSANTIN 10mg/2ml fl 28 CATAPRESAN 150mcg/ml fl EFFORTIL 10mg fl 29 CEFONICID EG 1g fl CEFTAZIDIMA EG 1g fl 30 CERCHIO 10mg cpr CHIARO 250mg cpr 31 CLEANE 2000 UI fl sir CLEANE 4000 UI fl sir 32 CLEANE T 6000 UI fl sir CLEANE T 8000 UI fl sir 33 DEPAKIN CHRONO 300mg cpr DEPAKIN CHRONO 500mg cpr DESAMETASONE FOSFATO HOSPIRA 4mg fl DESAMETASONE FOSFATO HOSPIRA 8mg fl NALOONE CLORIDRATO. HOSPIRA 0,4mg fl NALOONE CLORIDRATO. HOSPIRA 0,4mg/ml fl DETRUSITOL 1mg cpr DETRUSITOL 2mg cpr 6

7 37 DINTOINA 100mg cpr DINTOINALE 100mg+40mg cpr 38 ELETTROLITICA EQ. PEDIATRICA fl DIACO MANNITOLO 18% fl DIACO 39 ELETTROLITICA EQ.PEDIATRICA fl DIACO GLICEROLO fl DIACO 40 ENDOPROST 0,05mg/0,5ml fl FOLIDAR 15mg cpr 41 ENDOAN 500mg fl ENDOAN 1g fl 42 ENDOAN 500mg fl HOLOAN 1000mg fl 43 EJADE 125mg cpr EJADE 250mg cpr 44 EJADE 125mg cpr EJADE 500mg cpr 45 FENTANIL HEAL 25mcg /ora cer FENTANIL HEAL 100mcg/ora cer 46 FLUPID 250mg cpr SULIDAMOR 100mg cpr 47 FLUUM 0,4ml fl FLUUM 0,6ml fl 48 GARDENALE 100mg cpr GARDENALE 50mg cpr 49 GLICINA+MANNITOLO 5lt sacca GALENICA SENESE ACQUA P.I.I. 5lt sacca SALF 7

8 50 GLUCOSIO 5% 10ml fl BATER SOLUZIONE FISIOLOGICA 10ml fl BATER 51 HALDOL 1mg cpr HALDOL 5mg cpr 52 HALDOL cpr HALCION cpr 53 HUMULIN fl HUMALOG fl 54 HALDOL-DECANOAS (50mg/ml) 1fl 3ml HALDOL-DECANOAS (50mg/ml) 3fl 1ml 55 IOMERON 300mg 500ml fl IOMERON 400mg 500ml fl 56 IOMERON 300mg 500ml fl IOMERON 400mg 100ml fl 57 KANRENOL 250mg cpr RYTMONORM 300mg cpr 58 KANRENOL 200mg fl SAMYR 400mg fl 59 KETANEST S fl FENTANEST fl 60 KIVEA cpr TRIZIVIR cpr 61 LAMICTAL cpr LAMISIL cpr 62 LANOIN 0,0625mg cpr LANOIN 0,125mg cpr 8

9 63 LANSOPRAZOLO HEAL 30mg cps METFORMINA HEAL 1g cpr 64 LEUKERAN cpr MYLERAN cpr 65 LOPID cpr LOPEMID cps 66 LUMINALE 15mg cpr LUMINALE 100mg cpr 67 LYRICA 25mg cpr NORVASC 10mg cpr 68 MAGNESIO SOLFATO 1g 10ml fl CALCIO GLUCONATO 1000mg 10ml fl 69 MAGNESIO SOLFATO 1g 10ml fl GLUCOSIO 33% 10ml fl 70 MAGNESIO SOLFATO 1g 10ml fl LIDOCAINA CLORIDRATO 50mg fl 71 MAGNEVIST 469 mg/ml 10ml fl MAGNEVIST 469 mg/ml 30ml fl 72 MEDROL 16mg cpr ANA 0,50mg cpr 73 METADONE CLORIDRATO MOLTENI 1mg/ml 20ml flac METADONE CLORIDRATO MOLTENI 5mg/ml 20ml flac 74 MONOKET 20mg cpr MONOKET 50mg cps 75 MORFINA CLORIDRATO MOLTENI 10mg fl MORFINA CLORIDRATO MOLTENI 20mg fl 9

10 76 MORFINA CLORIDRATO MOLTENI 20mg fl PETIDINA CLORIDRATO MOLTENI 100mg fl 77 NICOZID 200mg cpr PERTIROID 200mg cps 78 NIFEDIPINA HEAL 500mg cpr FUROSEMIDE HEAL 20mg cpr 79 OLICLIL 1000N7-1000E sacca BATER OLICLIL 1000N4-550E sacca BATER 80 ONKOTRONE 10mg fl ONKOTRONE 20mg fl 81 OALIPLATINO 5mg/ml 10ml fl MYLAN OALIPLATINO 5mg/ml 20ml fl MYLAN 82 PERSANTIN 10mg fl EFFORTIL 10mg fl 83 PENTREYL 1g fl PENSTAPHO 1g fl 84 PIPERITAL 1g fl PIPERITAL 2g fl 85 PLAUNAZIDE 20mg/12,5mg cpr PLAUNAZIDE 20mg/25mg cpr 86 PLAVI cpr LASI cpr 87 PLAVI cpr AVI cpr 88 POTASSIO CLORURO 10ml fl MAGNESIO SOLFATO 1g 10ml fl 10

11 89 POTASSIO CLOR. 0,3% + GLUCOSIO 5% 500ml fl POTASSIO CLOR. 0,6% + NACL 0,9% 500ml fl 90 PROGRAF 0,5 mg cps PROGRAF 1 mg cps 91 PROGRAF 0,5 mg cps PROGRAF 5 mg cps 92 PROMETA 1,5mg cps PROMETA 6mg cps 93 PROSCAR cpr PROZAC cps 94 RAMIPRIL cpr RANIDIL cpr 95 RIFOCIN fl ROCEFIN fl 96 RIFOCIN fl RIFADIN fl 97 RISPERDAL fl LIORESAL fl 98 RYTMONORM 150mg cpr ISOPTIN 80mg cpr 99 RYTMONORM 150mg cpr ISOPTIN 120mg cpr 100 RYTMONORM 300mg cpr ISOPTIN 80mg cpr 101 RYTMONORM 300mg cpr ISOPTIN 120mg cpr 11

12 102 RYTMONORM 70mg fl SAMYR 400mg fl 103 SANDIMMUN NEORAL 100mg cps SANDIMMUN NEORAL 50 mg cps 104 SELEPARINA 0,8ml 7600 UI fl SELEPARINA 0,6ml 5700 UI fl 105 SELOKEN cpr SEROQUEL cpr 106 SEQUACOR cpr SEACOR cps 107 SEQUACOR cpr SEROQUEL cpr 108 SOLDESAM 4mg fl BETAMETASONE 4mg fl 109 SOLUCORTEF 250mg fl SOLUMEDROL 125mg fl 110 SUTENT 12,5mg cps SUTENT 25mg cps 111 SUTENT 12,5mg cps SUTENT 50mg cps 112 SUTENT 25mg cps SUTENT 50mg cps 113 TEGRETOL 200mg cpr TEGRETOL 400mg cpr 114 TORADOL 10mg cpr TORECAN 6,5mg cpr 12

13 115 TORADOL 10mg fl TEFAMIN 240mg fl 116 TORVAST 10 10mg cpr MEDROL 4mg cpr 117 TORVAST 10mg 30cpr ZOLOFT 100mg 30cpr 118 TRIMETON 4mg cpr TRILAFON 4mg cpr 119 ULTRAVIST 300mg 100ml fl ULTRAVIST 370mg 100ml fl 120 ULTRAVIST 300mg 500ml fl ULTRAVIST 370mg 500ml fl 121 UMANCOMPLE 500 UI fl EMOCLOT 1000UI fl 122 UNASYN 750mg fl UNASYN 1,5g fl 123 VALIUM 10mg fl ANEATE 0,5mg/5ml fl 124 VINCRISTINA PFIZER 2mg fl ZAVEDOS 10mg 10ml fl 125 ELODA 150mg cpr TARCEVA 150mg cpr 126 ZANTAC cpr ZIRTEC cpr 127 ZIMO cpr DIAMO cpr 13

14 128 ZOLOFT 100mg cpr MEDROL 4mg cpr 129 ZOLOFT cpr ZOTON cpr 130 ZOLPIDEM DOC 10mg cpr MIRTAZAPINA DOC 30mg cpr 14

15 5. SOLUZIONI ATTE AD EVITARE IL CONFONDIMENTO Le possibili soluzioni atte ad evitare il confondimento dei farmaci riportati nell elenco, trovano riscontro nella Raccomandazione (n. 12) per la prevenzione degli errori in terapia con farmaci look-alike/ sound-alike, che è stata strutturata come un insieme di 5 raccomandazioni specifiche che devono essere implementate da: a) Operatori sanitari, che lavorano in ospedale e nei servizi territoriali delle ASL coinvolti nel percorso del farmaco nella Struttura sanitaria (specialmente, medici, infermieri, farmacisti); b) Farmacisti di comunità; c) Medici di medicina generale e pediatri di famiglia; d) Direzioni delle Aziende sanitarie (ASL, AO, IRCCS, Policlinici Universitari); e) Aziende farmaceutiche. La Raccomandazione può trovare applicazione in tutte le Strutture sanitarie, nelle RSA, nelle Case di riposo, negli Hospice, nelle Strutture private di riabilitazione e cura, negli Istituti penitenziari, sulle ambulanze, presso il domicilio del paziente e i grossisti di medicinali. La Raccomandazione è a tutela di tutti i pazienti che necessitano di terapia farmacologica con farmaci LASA e pertanto il cittadino che assume questi farmaci, e i suoi familiari, sono invitati a rendersi partecipi della terapia collaborando con gli operatori sanitari affinché sia prescritto e somministrato il farmaco giusto, nella giusta dose, al paziente giusto, e sia garantita un adeguata conservazione dei medicinali. 6. CONCLUSIONI L elenco di farmaci LASA che viene reso disponibile con questo documento, è il primo elaborato al riguardo dal Ministero della Salute e sarà sottoposto a periodica revisione ed aggiornamento sulla base dello sviluppo delle conoscenze. Si deve sottolineare come questo documento rappresenti una guida per il miglioramento della sicurezza nell uso dei farmaci attraverso l uso responsabile, da parte di tutti gli stakeholder, delle buone pratiche per la prevenzione degli errori in terapia ed a tutela dei pazienti nel contesto dei percorsi di salute, anche tramite una più efficace e trasparente comunicazione tra il cittadino, gli operatori sanitari, le Aziende farmaceutiche e le Istituzioni pubbliche. 15

16 Ringraziamenti Il presente documento è stato elaborato dall Ufficio III Qualità delle attività e dei servizi - Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema (Alessandro Ghirardini, Roberta Andrioli Stagno, Giandomenico Cannizzaro, Rosetta Cardone, Guerino Carnevale, Susanna Ciampalini, Antonietta Colonna, Angela De Feo, Daniela Furlan, Giorgio Leomporra, Carmela Matera, Gaia Mirandola, Maria Concetta Patisso, Claudio Seraschi, Anna Sgrò) e dalla Agenzia Italiana del Farmaco - AIFA (Anna Rosa Marra, Letizia Fabrizi, Lucio Covino), con il contributo della Direzione Generale dei Farmaci e dei Dispositivi Medici. Si ringraziano tutti coloro che hanno contribuito in vario modo alla realizzazione del Progetto, in particolare le Aziende sanitarie e le farmacie aperte al pubblico, la FOFI e la SIFO, i medici di medicina generale e tutti gli operatori sanitari che hanno inviato le segnalazioni relative ai farmaci LASA; per la stesura dell elenco e per il supporto prestato durante la delicata fase di aggiornamento si ringrazia in modo particolare il dott. Adriano Giglioni e la dott.ssa Loredana Scoccia (ASUR Marche, Zona Territoriale n. 9 di Macerata) e la dott.ssa Elisabetta Gigliotti (COMIFARM- Distribuzione Roma). 16

FARMACI LASA E FATTORI DI RISCHIO

FARMACI LASA E FATTORI DI RISCHIO FARMACI LASA E FATTORI DI RISCHIO Elenco ricavato dalle informazioni pervenute nel corso dell indagine conoscitiva novembre 2008 - maggio 2009 Aggiornato al 31 dicembre 2010 n. Medicinale 1 Medicinale

Dettagli

FARMACI LOOK ALIKE VISIVAMENTE SIMILI

FARMACI LOOK ALIKE VISIVAMENTE SIMILI ALLEGATO 8 LASA PRESENTI NELLA FARMACIA FARMACI LOOK ALIKE VISIVAMENTE SIMILI FARMACI LASA/SALA SIMILITUDINE NEL NOME SIMILITUDINE NELLA CONFEZIONE MEDICINALE 1 MEDICINALE 2 GRAFICA FONETICA MEDICINALI

Dettagli

Indicazioni agli operatori sanitari che operano negli stabilimenti ospedalieri e nelle strutture ambulatoriali territoriali della AUSL VT

Indicazioni agli operatori sanitari che operano negli stabilimenti ospedalieri e nelle strutture ambulatoriali territoriali della AUSL VT DIREZIONE STRATEGICA RISK MANAGEMENT VIA ENRICO FERMI, 15 01100 VITERBO TEL. 0761236726, FA 0761 236766 Raccomandazione interna n 21 Rischio di errore nell uso dei farmaci LASA (Look-Alike / Sound-Alike)

Dettagli

Ministero della Salute - D.G. Programmazione sanitaria - Ufficio 3 Elenco farmaci LASA - aggiornato al 31 dicembre 2015

Ministero della Salute - D.G. Programmazione sanitaria - Ufficio 3 Elenco farmaci LASA - aggiornato al 31 dicembre 2015 1 ADALAT 20 MG ADALAT CRONO 20 MG 2 ADRENALINA 1 MG/1 ML ATROPINA SOLFATO 1 MG 1ML 3 ADRENALINA 1 MG 1 ML SODIO CITRATO 3,8% 1 ML 4 ADVAGRAF 1 MG CPS ADVAGRAF 0,5 MG CPS 5 AIMAFI 1000 UI 1 AT III 1000

Dettagli

"ELENCO FARMACI LASA PRESENTI NELLE FARMACIE OSPEDALIERE DELLA ASL 3"

ELENCO FARMACI LASA PRESENTI NELLE FARMACIE OSPEDALIERE DELLA ASL 3 "ELENCO FARMACI LASA PRESENTI NELLE FARMACIE OSPEDALIERE DELLA ASL 3" COD INTERNO FARMACO 1 COD INTERNO ATROPINA SOLFATO 1 MG 1ML 1 2002 ADRENALINA 1 MG/1 ML 151492 2 91945 ADVAGRAF 1 MG CPS 91944 ADVAGRAF

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 PROCEDURA AZIENDALE GESTIONE FARMACI LASA REDAZIONE Direttore Sanitario Polo H3: Dott. Paolo Angeletti

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Comitato Esecutivo Aziendale per la Sicurezza del Paziente Rev. 1 Pagina 2 di 26 Redatta da: Albanese Vito Aldegheri Patrizia Battisti Emanuela Bellini Stefania Danese Maria Cristina

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III. RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ancona 15.03.2010 I.N.R.C.A. Ancona Dr.Moretti Vincenzo Progetto Ministeriale

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA)

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA) REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Funzione di Staff Risk Management Responsabile Dr.ssa Manuela Serva PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK-

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

TABELLA II A LEGGE n.49 21/2/2006 S.O.GU48 27/2/2006 CODICE REGIONE CODICE AIC DESCRIZIONE PRODOTTO CLASSE

TABELLA II A LEGGE n.49 21/2/2006 S.O.GU48 27/2/2006 CODICE REGIONE CODICE AIC DESCRIZIONE PRODOTTO CLASSE CODICE REGIONE CODICE AIC DESCRIZIONE PRODOTTO CLASSE UXILIZZABILE NELLA TERAPIA DEL DOLORE L.12/01 170 038736031 ABSTRAL*10CPR SUBL 100MCG A X 170 038736056 ABSTRAL*10CPR SUBL 200MCG A X 170 038736070

Dettagli

Un problema di attualità: l osteonecrosi da bifosfonati

Un problema di attualità: l osteonecrosi da bifosfonati Odontoiatria di comunità: criteri di appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale Roma, 29 marzo 2011 Auditorium Biagio d Alba, Ministero della Salute - Roma Un problema di attualità: l osteonecrosi

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

La gestione del rischio clinico nei reparti ospedalieri e nelle RSA

La gestione del rischio clinico nei reparti ospedalieri e nelle RSA Coordinamento Regionale Unico sul Farmaco Risultati indagine regionale: La gestione del rischio clinico nei reparti ospedalieri e nelle RSA Dr.ssa Silvia Adami Venezia, 28-02-2014 2 Programma S. Adami:

Dettagli

Progetto Ministero della Salute SIFO

Progetto Ministero della Salute SIFO XXVIII Congresso Nazionale SIFO INNOVAZIONE E SALUTE PUBBLICA Efficacia a confronto con: Equità, Economia, Etica Progetto Ministero della Salute SIFO Favorire l implementazione della Raccomandazione Prevenzione

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III IL DIRETTORE GENERALE Visto il

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Collegio IPASVI di TORINO Torino, 22 novembre 2012 Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP.

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP. Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP Erica Andreotti ASEOP ONLUS ASSOCIAZIONE SOSTEGNO EMATOLOGIA ONCOLOGIA PEDIATRICA ASEOP

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, CATANZARO

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, CATANZARO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Via Vinicio Cortese, CATANZARO PROCEDURA AZIENDALE PER LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI LASA REDAZIONE VERIFICA Direttore Di Presidio Ospedale Lamezia Terme:

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA Linee di indirizzo sugli strumenti per concorrere a ridurre gli errori in terapia farmacologica nell ambito dei servizi assistenziali erogati dalle Farmacie di comunità Codice

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Regione Umbria. Consiglio Regionale RELAZIONE

Regione Umbria. Consiglio Regionale RELAZIONE 3DOD]]R&HVDURQL 3LD]]D,WDOLD3(58*,$ KWWSZZZFRQVLJOLRUHJLRQHXPEULDLW HPDLODWWL#FUXPEULDLW $7721 02=,21( GHL&RQVLJOLHUL1(9,02'(1$0211,/,*1$1,0$5&+(6$1,0$1729$1, 526,'(6,2H9$/(17,12 ³277,0,==$=,21('(//$/2*,67,&$)$50$&(87,&$263('$/,(5$

Dettagli

NOI più VOI per TUTTI = meno FUMO più SALUTE

NOI più VOI per TUTTI = meno FUMO più SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) NOI più VOI per TUTTI

Dettagli

REPARTO DI TERAPIA INTENSIVA PEDIATRICA

REPARTO DI TERAPIA INTENSIVA PEDIATRICA BRONCODILATATORI CASSETTO 1 FARMACI SALBUTAMOLO: BRONCOVALEAS soluzione da 500 mg / 100 ml 1 flac. BRONCOVALEAS aerosol dosato 1 fl VENTOLIN 0,5 mg/ 1ml 10 fl VENTOLIN 2 mg 10 cp SODIO BICARBONATO 1 meq/ml

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno.

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno. Allegato alla Delib.G.R. n. 37/34 DEL 30.7.2009 Indirizzi e direttive sull attività di informazione medico - scientifica sul farmaco ai sensi dell art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Dettagli

Formazione residenziale a carattere nazionale. Corso Superiore SIFO in Farmacia Clinica Ed. 2013-2014 II anno Catania, dal 23 al 26 giugno 2014

Formazione residenziale a carattere nazionale. Corso Superiore SIFO in Farmacia Clinica Ed. 2013-2014 II anno Catania, dal 23 al 26 giugno 2014 Formazione residenziale a carattere nazionale Corso Superiore SIFO in Farmacia Clinica Ed. 2013-2014 II anno Catania, dal 23 al 26 giugno 2014 Direttore del corso: Dr. Franco Rapisarda Razionale Il corso

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

PROCEDURA PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI LOOK-ALIKE/SOUND-ALIKE (LASA)

PROCEDURA PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI LOOK-ALIKE/SOUND-ALIKE (LASA) PROCEDURA PROCEDURA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI FARMACI LOOK-ALIKE/SOUND-ALIKE (LASA) Pagina 1 di 19 Tel/fax: 0831/536659 INDICE PREMESSA... 3 1. SCOPO... 3 2. DESTINATARI E CAMPO DI APPLICAZIONE... 4

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1485 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI,

Dettagli

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE

DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE DIPARTIMENTO ONCOLOGICO DELLA PROVINCIA DI PAVIA DOCUMENTO DI ANALISI E INDIRIZZO TRIENNALE INDICE PREMESSA ANALISI DELLE CRITICITA' TERRITORIALI AREE PRIORITARIE DI INTERVENTO NEL RISPETTO DEGLI INDIRIZZI

Dettagli

SICOP SISTEMA INFORMATIVO

SICOP SISTEMA INFORMATIVO Progetti gestionali per le patologie a maggiore impatto sociale (oncologia, AIDS, cardiologia, malattie metaboliche, riabilitazione psichiatrica ecc); modelli di studio con coinvolgimento del volontariato

Dettagli

Formazione residenziale a carattere regionale a cura della Area NC e Sezione Regionale Lombardia

Formazione residenziale a carattere regionale a cura della Area NC e Sezione Regionale Lombardia Formazione residenziale a carattere regionale a cura della Area NC e Sezione Regionale Lombardia NUTRIZIONE ARTIFICIALE IN OSPEDALE E SUL TERRITORIO: ATTUALITA CLINICHE E TECNICO-FARMACEUTICHE Milano,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Indice Premessa Obiettivi della strategia e progettualità ANCoM Struttura di sviluppo del Percorso formativo ECM/ANCoM Sponsor Premessa La Normativa

Dettagli

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE L UFFICIO RICERCHE CLINICHE E LE SPERIMENTAZIONE CLINICHE NELL IRCCS OSPEDALE SAN RAFFAELE Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche IRCCS Ospedale

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

SISTEMA DI FARMACOVIGILANZA SUI FARMACI E SUI DISPOSITIVI MEDICI DELLA REGIONE TOSCANA

SISTEMA DI FARMACOVIGILANZA SUI FARMACI E SUI DISPOSITIVI MEDICI DELLA REGIONE TOSCANA Allegato A SISTEMA DI FARMACOVIGILANZA SUI FARMACI E SUI DISPOSITIVI MEDICI DELLA REGIONE TOSCANA Paragrafo 1 Introduzione La Regione Toscana organizza un Sistema Regionale di Farmacovigilanza sui Farmaci

Dettagli

RICETTE E PRESCRIZIONI. Ricetta bianca

RICETTE E PRESCRIZIONI. Ricetta bianca RICETTE E PRESCRIZIONI Ricetta bianca Serve per la prescrizione di farmaci o prestazioni non mutuabili o per la prescrizione di analisi o esami o farmaci mutuabili che poi il medico di medicina generale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1599 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MURER Norme in materia di medicina di genere Presentata il 18 settembre 2013 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

FEDERAZIONE ORDINI FARMACISTI ITALIANI

FEDERAZIONE ORDINI FARMACISTI ITALIANI FEDERAZIONE ORDINI FARMACISTI ITALIANI Roma, 03/03/2006 Ufficio: DRE/MDT/CR Protocollo: 20060002128/A.G. Oggetto: Tabella medicinali stupefacenti e precisazioni su legge 49/2006. Circolare n. 6766 SS AI

Dettagli

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo La qualità delle cure Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo Premessa Offerta crescente di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici,

Dettagli

Regolamento reclami presso il C.S.A.

Regolamento reclami presso il C.S.A. Pagina di 1/6 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 4. Diagrammi di flusso... 2 4.1. Diagramma di flusso Reclamo semplice... 2 4.2. Diagramma di flusso Reclamo complesso...

Dettagli

Il Gruppo di Lavoro SSFA sulla Farmacovigilanza E. Montagna

Il Gruppo di Lavoro SSFA sulla Farmacovigilanza E. Montagna Il Gruppo di Lavoro SSFA sulla Farmacovigilanza E. Montagna SSFA Nasce nel 1964 a Milano, dove ha tuttora la sua sede, su iniziativa di alcuni esperti di Scienze Farmacologiche impiegati nelle Industrie

Dettagli

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@ OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione FarmaSafe@ Esperienza degli Ospedali Riuniti di Bergamo sulla farmacoterapia informatizzata Forum PA Roma,

Dettagli

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella

Procedura generale sanitaria Segnalazione degli eventi sentinella Pagina di 1/5 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo...2 2. Campo di applicazione...2 3. Diagramma di flusso...2 4. Responsabilità...2 5. Descrizione delle attività...2 5.1. Definizione di Evento Sentinella...2

Dettagli

14 Gennaio 2008 numero 40

14 Gennaio 2008 numero 40 14 Gennaio 2008 numero 40 Newsletter della Sezione Provinciale del Sindacato dei Medici di Medicina Generale LA SEGRETERIA PROVINCIALE INFORMA a cura di Ivana Garione, Marco Morgando e Aldo Mozzone 10

Dettagli

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie Oggetto: Aggiornamento della determinazione 1875 del Modalità di erogazione dei farmaci classificati in regime di rimborsabilità in fascia H e in regime di fornitura OSP2, così come modificata dalla determinazione

Dettagli

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i Lucia i La rete di Terapia del Dolore e le cefalee: stato attuale e prospettive Epidemiologia del dolore cronico In occidente: 39%

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009

SIMES. Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità. Potenza 22 aprile 2009 SIMES Sistema Informativo Monitoraggio Errori in Sanità Potenza 22 aprile 2009 Dott.ssa Maria Pia Randazzo Direzione Generale Sistema Informativo Ufficio NSIS Simes - obiettivi Monitoraggio Imparare dall

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO

COLLEGIO IPASVI TREVISO Via Montello, 31 31100 Treviso Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO COLLEGIO IPASVI TREVISO Tel 0422 305011 Fax 0422 306034 SEMINARIO IL MORAL DISTRESS (MD) PERCEPITO DAGLI INFERMIERI IN UN OSPEDALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO: Presentazione dei Risultati di una Ricerca

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per l attuazione della Medicina Penitenziaria ex Decreto Lgs. 22.6.1999, n. 230 tra - Regione Puglia, - Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria per la Puglia, -

Dettagli

L'esperienza dell ASL di Bergamo e la segnalazione spontanea sul territorio

L'esperienza dell ASL di Bergamo e la segnalazione spontanea sul territorio L'esperienza dell ASL di Bergamo e la segnalazione spontanea sul territorio Laura Spoldi MAP 650 PLS 200 RSA 15 60 RSD 5 Cliniche 11 Farmacie 272 Parafarmacie 22 Cittadini 1.107.950 ADRs Totali Segnalazioni

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

Precisazioni dell Agenzia Italiana del Farmaco sulla tipologia di medicinali esentati dalla presentazione dello PSUR

Precisazioni dell Agenzia Italiana del Farmaco sulla tipologia di medicinali esentati dalla presentazione dello PSUR Precisazioni dell Agenzia Italiana del Farmaco sulla tipologia di medicinali esentati dalla presentazione dello L Agenzia Italiana del Farmaco precisa che sono esentate dalla presentazione dello le seguenti

Dettagli

PREMESSA OBIETTIVI GENERALI

PREMESSA OBIETTIVI GENERALI Protocollo d Intesa per la somministrazione dei farmaci salvavita nei Nidi e nelle Scuole dell Infanzia comunali e statali e nelle Scuole Primarie e Scuole secondarie di primo grado del Municipio XI Arvalia

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Comitato Etico ASL Napoli 2 Nord (istituito con delibera n. 161 del 22/02/2010) STATUTO COMITATO ETICO ASL NAPOLI 2 NORD

Comitato Etico ASL Napoli 2 Nord (istituito con delibera n. 161 del 22/02/2010) STATUTO COMITATO ETICO ASL NAPOLI 2 NORD STATUTO COMITATO ETICO ASL NAPOLI 2 NORD ART.1 Finalità del Comitato Etico ART.2 Funzioni ART.3 Composizione e durata ART.4 Regolamento ART.5 Presidente ART 6 Segretario ART.7 Segreteria ART.8 Disposizioni

Dettagli

Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi Università degli Studi di Bologna

Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi Università degli Studi di Bologna Schema del progetto Fidati di me Nome struttura Tipologia del progetto Responsabile Referenti Obiettivo generale U.O. Radioterapia Barbieri Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi

Dettagli

Proponiamo alla discussione di quanti vorranno dare un contributo la seconda parte del prontuario dei farmaci preparato dalla Commissione

Proponiamo alla discussione di quanti vorranno dare un contributo la seconda parte del prontuario dei farmaci preparato dalla Commissione Proponiamo alla discussione di quanti vorranno dare un contributo la seconda parte del prontuario dei farmaci preparato dalla Commissione Per partecipare alla discussione: www.asl2.liguria.it C01 Terapia

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

WP 4 Approccio socio-assistenziale alle problematiche del paziente oncologico anziano

WP 4 Approccio socio-assistenziale alle problematiche del paziente oncologico anziano Programma straordinario di ricerca oncologica 2006 ALLEANZA CONTRO IL CANCRO PROGRAMMA 1B: RIDUZIONE DELLA DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE. WP 4 Approccio socio-assistenziale

Dettagli

La tutela dei pazienti affetti da malattie rare

La tutela dei pazienti affetti da malattie rare La tutela dei pazienti affetti da malattie rare Isabella Quinti Responsabile Centro di Riferimento Immunodeficienze Primitive Sapienza Università di Roma La tutela Sociale: Non sentirsi solo Legislativa

Dettagli

PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI

PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO PRONTUARIO TERAPEUTICO CURE DOMICILIARI ANNO 2010 A cura di: ASL Avellino via degli Imbimbo n. 10/12 U.O.C.Assistenza Anziani 1 U.O.C. Farmacia Ospedaliera/ Farmacia Territoriale

Dettagli

Sviluppo di un modulo informatico ad hoc per la gestione dei farmaci in pediatria

Sviluppo di un modulo informatico ad hoc per la gestione dei farmaci in pediatria 4 CORSO REGIONALE PER FARMACISTI, TECNICI E INFERMIERI DELL AREA ONCOLOGICA SCHEMI TERAPEUTICI IN ONCO-EMATOLOGIA PEDIATRICA: PRESCRIZIONE, ALLESTIMENTO E SOMMINISTRAZIONE 2 Ottobre 2014 Sala 417/c - Via

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 1454 del 09/12/2014 OGGETTO: Rinnovo del Comitato Aziendale "Ospedale Senza Dolore (COSD)". Il Direttore della SC

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

La dispensazione al farmaco in ospedale e territorio : il valore aggiunto del farmacista

La dispensazione al farmaco in ospedale e territorio : il valore aggiunto del farmacista Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale SIFO Piemonte-VdA La dispensazione al farmaco in ospedale e territorio : il valore aggiunto del farmacista Codice ECM 313-60123 Torino,

Dettagli

La gestione del farmaco:

La gestione del farmaco: www.progeaconsulenza.it La gestione del farmaco: La revisione della prescrizione come momento di sicurezza MILANO Lunedì 3 e martedì 4 ottobre 2011 ECM BREVE PREMESSA I dati di letteratura indicano che

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA. Farmaci e doping: normativa ed effetti collaterali legati all abuso

CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA. Farmaci e doping: normativa ed effetti collaterali legati all abuso Farmaci e doping: normativa ed effetti collaterali legati all abuso Prof.ssa Paola Minghetti - Facoltà di Farmacia, Università degli Studi di Milano Prof.ssa Roberta Pacifici - Osservatorio Fumo Alcol

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e cognome Ciampalini Susanna CMP SNN 58A42I046A Indirizzo Via delle Tamerici, 5 San Miniato (PI) Telefono

Dettagli

Il progetto regionale di ricerca MACONDO

Il progetto regionale di ricerca MACONDO Il progetto regionale di ricerca MACONDO Reggio Emilia, 12-12 12-20082008 Relatrice: Cristina Pedroni Cos è MACONDO? Un progetto multicentrico di Ricerca Oncologica(di durata triennale) che coinvolge la

Dettagli

LA RETE PER LE CURE PALLIATIVE NEL TERRITORIO AREA SUD DI MILANO

LA RETE PER LE CURE PALLIATIVE NEL TERRITORIO AREA SUD DI MILANO Centro Universitario di Ricerca Virgilio Floriani CURE PALLIATIVE NELLE MALATTIE AVANZATE INGUARIBILI E TERMINALI Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Dipartimento di Oncologia LA RETE PER

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

IL MEDICINALE OMEOPATICO E ANTROPOSOFICO IN ITALIA Dalla legislazione alla preparazione in farmacia. 23 Novembre 2014. Firenze, Grand Hotel Adriatico

IL MEDICINALE OMEOPATICO E ANTROPOSOFICO IN ITALIA Dalla legislazione alla preparazione in farmacia. 23 Novembre 2014. Firenze, Grand Hotel Adriatico IL MEDICINALE OMEOPATICO E ANTROPOSOFICO IN ITALIA Dalla legislazione alla preparazione in farmacia 23 Novembre 2014 Firenze, Grand Hotel Adriatico Via Maso Finiguerra, 9 Negli ultimi due anni, nel nostro

Dettagli

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO Dr.ssa Gabriella Angeloni Il Comitato Infermieri Dirigenti (CID), Società Scientifica, è apartitico e non persegue scopi di lucro e si propone di: a. promuovere

Dettagli

VOCI AGGIUDICATE - DITTA A.F. UNITED Voce Descrizione_Prodotto numero PROROGA

VOCI AGGIUDICATE - DITTA A.F. UNITED Voce Descrizione_Prodotto numero PROROGA VOCI AGGIUDICATE - DITTA A.F. UNITED A.F. UNITED PER Prezzo 109 CALCIO CARBONATO 500 mg. Cp. CP 0,030 0,030 130 ITTIOLO POMATA 30 GR circa GR 0,036 0,036 146 VASELINA BIANCA 30 GR circa POMATA GR 0,020

Dettagli

Direttore di Unità Operativa - FARMACIA OSPEDALIERA

Direttore di Unità Operativa - FARMACIA OSPEDALIERA INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPINOSI PASQUALINO Data di nascita 07/01/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia ASL DI TERAMO Direttore di Unità Operativa

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely"

IMPACT PROACTIVE 2014 choosing wisely IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely" Istituzioni e Associazioni dei pazienti: doveri delle istituzioni e diritti del Cittadino, in linea con la Legge 38/2010 Rossana Monciino S.C. Farmaceutica Territoriale

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 G. Paoli Settore counicazione, ricerca sistema informativo e progetti in sanità delibera 277 del 16 Marzo 07 l obiettivo

Dettagli