Strategia Nazionale Aree Interne Area pilota Regione Marche Appennino Basso Pesarese e Anconetano Preliminare di strategia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategia Nazionale Aree Interne Area pilota Regione Marche Appennino Basso Pesarese e Anconetano Preliminare di strategia"

Transcript

1 Strategia Nazionale Aree Internee Area pilota Regionee Marche Appennino Basso Pesarese e Anconetano Preliminare di strategia 1

2 Dinamiche, opportunità e criticità del contesto Già nel primo tratto di percorso, la SNAI è stata per noi importante. Ci ha spinto a ragionare in una prospettiva strategica, oltre la contingenza e le necessità immediate che spesso ci sovrastano e ci schiacciano. Ci ha invitato ad alzare lo sguardo. Abbiamo reagito in due modi: prima di tutto calandoci nel tempo storico, ripercorrendo le vicende che ci hanno caratterizzato in un arco lungo di trasformazione; e poi riflettendo sulla nostra base sociale, la risorsa principale del nostro cambiamento possibile, il luogo nel quale assieme troviamo competenze ed energie, ma anche difficoltà e limiti che ci frenano. La Strategia ci ha spinti a guardare a noi stessi come a una collettività, composita e contraddittoria, dentro la storia. Uno studioso della regione ha fatto circolare un testo tra le persone mobilitate per la SNAI, una riflessione acuta sull impronta che i Montefeltro hanno lasciato sul nostro territorio. Ci ha fatto capire che il nostro paesaggio ha delle ragioni profonde per essere così come lo conosciamo, che affondano le loro radici nella storia politica e culturale del E come se si fosse sollevato un velo di consapevolezza e comprensione. Ci siamo tutti riconosciuti in questo racconto, benché i comuni che stanno partecipando al percorso SNAI ricadano in province diverse e abbiano storie amministrative non allineate. Grazie alla prospettiva storica, alla visione di lungo periodo, ci siamo visti uniti. Abbiamo alzato lo sguardo dalla contingenza che spesso ci divide. Anche rispetto al rapporto con l Umbria, che confina con noi lungo il crinale, abbiamo iniziato ad assumere un punto di vista più ampio. Sempre più spesso ci capita di descrivere il nostro territorio come un triangolo compreso fra Urbino, Fabriano e Gubbio. Anche riandando alla storia recente abbiamo trovato motivi di riflessione comune. In questo territorio, dalla fine della guerra abbiamo attraversato grandi trasformazioni sociali. Eravamo mezzadri e con lo sviluppo degli anni 50 e 60 siamo diventati operai e tecnici dell industria, inventando un nostro modo di vivere la trasformazione industriale: siamo diventati metalmezzadri. Significa che la nostra gente non ha mai perso il contatto con la terra. I nostri nonni e padri lavoravano in fabbrica, ma nei fine settimana tornavano al lavoro nei campi. Abbiamo continuato ad abitare i vecchi poderi. Negli anni dello sviluppo industriale molti non hanno potuto conservare l occupazione nei paesi, e se ne sono andati. Per esempio sul nostro Appennino ha funzionato dalla fine del 1800 una delle più grandi miniere di zolfo italiane, che negli anni 20 è arrivata ad occupare 840 minatori. Nel 1959 ha chiuso e la frazione di Cà Bernardi dove sorgeva si è svuotata. Da noi lo spopolamento è stato molto forte, oltre il 40%, una storia come quella della miniera è stata un picco in un processo diffuso e silenzioso di scelte individuali. Va anche ricordato che sotto il fascismo le campagne erano piene di molta più popolazione di quella che poteva starci dignitosamente, l alta densità demografica che abbiamo raggiunto prima della guerra era anche conseguenza del divieto di spostarsi e di andare a cercare lavoro nelle città. Il declino demografico che abbiano vissuto anche traumaticamente, visto nel tempo lungo è stato in parte un riequilibrio. A partire dagli anni 70 la società è diventata più terziaria. Sono cresciuti i servizi pubblici e le attività professionali. Si è formata un occupazione nuova che ha impiegato i giovani che intanto erano andati a scuola, si erano diplomati e laureati. E cominciata allora anche la rivoluzione dell agricoltura. Se guardiamo l agricoltura che abbiamo oggi, vediamo che assomiglia poco a quella tradizionale, nel male e nel bene. La maglia dei poderi è stata in parte sconvolta dalla meccanizzazione, dalle colture intensive e dal contoterzismo; in alcune colline non si vedono più le siepi, gli alberi, il paesaggio agrario policolturale, diversificato, che si era formato nei secoli della 2

3 mezzadria dal Rinascimento in avanti. Allo stesso tempo, l agricoltura esprime produzioni di alta qualità e filiere tipiche, cantine e birrerie artigianali, attività di trasformazione e di commercializzazione, un rapporto col mercato in forme più forti e mature. Le ombre e le luci sono presenti assieme. La qualità in alcuni luoghi è diminuita, in altri è aumentata. Le nostre migliori cooperative agricole sono un luogo di relazioni col mondo e di progetto, non di fatica. Gran parte del nostro movimento turistico è legato alla fruizione dei prodotti tipici, della natura e del paesaggio, del patrimonio culturale minore e interessa in modo diffuso le frazioni e le campagne, tanto che l 80% dei posti letto è oggi nelle strutture di agriturismo, turismo rurale, B&B e nelle case delle frazioni. Una diversificazione è in corso. 1 Negli ultimi dieci anni abbiamo patito la crisi, l industria che era il nostro sentiero di sviluppo tracciato dagli anni 50 è diventato più stretto e incerto. Abbiamo alle porte Fabriano, il principale polo della meccanica regionale. Molte nostre famiglie hanno ricavato il loro reddito principale da quella realtà produttiva. L industria del bianco ha creato e alimentato un tessuto di imprese e subfornitori per migliaia di posti di lavoro, in decine di comuni tra Marche ed Umbria. Ora, da qualche anno, Fabriano è area di crisi, e anche noi siamo stati coinvolti nel processo di ristrutturazione e ripensamento di quel tessuto produttivo, ancora aperto. Dall altro lato, verso la costa, siamo a un ora di strada veloce dalla fascia produttiva adriatica; questo in alcuni comuni ha favorito negli anni la risalita dell industria verso l interno. Persino la nautica è risalita tra le colline della Val Cesano, sino a Frontone. Ma anche su quella direttrice abbiamo visto restringersi le opportunità di sviluppo industriale. Una parte delle imprese ha chiuso, altre hanno lottato e si sono riconvertite con successo. Nella lavorazione dei metalli e nel tessile abbigliamento abbiamo tuttora alcune migliaia di addetti, un bacino occupazionale importante, ma dopo tanti anni di sofferenza non ci aspettiamo più che la spinta di cambiamento, la discontinuità di cui abbiamo bisogno venga dall industria. Che cosa ci aspettiamo invece? Che la trasformazione agricola turistica degli ultimi anni, sostenuta dai finanziamenti pubblici, prenda ad avanzare in autonomia, per una spinta imprenditoriale interna favorita dal ritorno di interesse per il mondo rurale, nella versione contemporanea multifunzionale che sta emergendo, caratterizzata da un mix originale di produzioni agroalimentari, enogastronomia, fruizione della natura e consumo culturale. Su questo sfondo, la scelta spontanea, istintiva dei nostri nonni e padri di non lasciare la terra ci dà oggi una carta importante da giocare, quella di una base sociale che ha diffusamente in mano le risorse chiave: le case coloniche, i poderi, la presenza diffusa nelle frazioni, le reti sociali e l organizzazione civica, le istituzioni collettive a presidio del territorio. Ci sono le premesse per scommettere su una trasformazione che coinvolga molti e produca nuova ricchezza facendo cooperare pubblico e privato. Il punto di partenza perché questo avvenga sta, secondo noi, nel riconoscere le risorse che già ci sono e il loro potenziale. Il nostro mondo rurale è in parte rurale urbano, contiene relazioni e competenze evolute. Può essere messo in connessione con la parte sottoutilizzata del nostro territorio, i beni ambientali e culturali; andare a formare un economia rurale di tipo nuovo, con una varietà di funzioni che si integrano, vanno a costituire un mix originale e innovativo. 1 Tra i segmenti di domanda rappresentati, è incluso anche il cosiddetto turismo delle origini : viaggi degli emigranti e dei discendenti per conoscere la terra delle radici. Il fenomeno è in forte aumento nella nostra area anche a causa dell emigrazione nel dopoguerra. In generale quello del turismo delle origini risulta essere un mercato in crescita che l Italia l ha intercettato sinora in piccola misura rispetto a quanto risulta in altri paesi europei quali Scozia o Irlanda. 3

4 Anche la domanda capace di sostenere un evoluzione di questo tipo non è solo in potenza, ma c è già, presente e osservabile. Negli ultimi vent anni infatti ci è accaduta un altra cosa importante: ci ha raggiunto un immigrazione non solo di poveri, non solo di badanti o muratori, non solo dai Balcani. Un 10% del nostro flusso di immigrati è di tutt altro tipo, viene dai paesi ricchi dell Occidente. In particolare i nord Europei hanno scoperto il nostro territorio: da soli, spontaneamente, senza politiche o interventi particolari da parte nostra. Sono arrivati poco per volta, hanno comprato e restaurato il casale, la vecchia casa colonica mezzadrile, l alloggio nel castello medievale o nel borgo. Sono diventati cittadini di quest area, alcuni sono entrati a far parte di associazioni culturali e partecipano attivamente alla vita collettiva. Farne un ritratto sommario è facile, perché tutto sommato sono omogenei. Sono persone colte, benestanti, per lo più mature o anziane; vengono da Olanda, Inghilterra, Belgio, Germania. Sono affascinati dall ambiente e dal paesaggio, dalle passeggiate, dai centri storici, dalla vita di comunità, dal buon cibo e dalle tradizioni gastronomiche, dall autenticità dei modi e dei costumi. Di questi nuovi cittadini che si sono stabiliti qui per scelta e non per necessità, ne contiamo oggi circa 250. A loro si possono aggiungere i circa visitatori stranieri che ogni anno si registrano nelle strutture ricettive dell area, principalmente d estate e soprattutto ad Arcevia, il comune più organizzato e capace di accogliere e soddisfare la domanda. E evidente che esiste un potenziale nel mercato del turismo e della residenza per vacanza, studio e lavoro. Gli stranieri colti che hanno stabilito qui la loro casa ufficio, lavorando a distanza su Internet, ce lo stanno indicando chiaramente. Sta a noi sapere interpretare la loro scelta, e trarne conseguenze efficaci per noi e il nostro sviluppo, assumendo un iniziativa. Nella costruzione della nostra strategia, gli stranieri che già ci hanno scelto sono la bussola alla quale guardiamo per capire cosa bisogna fare, quali sono le priorità. La domanda di queste persone infatti è perfettamente allineata con il mix rurale urbano che vogliamo potenziare. Chiede che si curi l ambiente e il paesaggio, che si proteggano i fiumi, che si valorizzino le acque termali, che si curino i sentieri e i percorsi del cicloturismo, che sia più agevole spostarsi tra i borghi grazie a una mobilità leggera, flessibile e basso costo; che la connessione a internet funzioni sempre e sia affidabile; che i luoghi della cultura e dell incontro come le biblioteche, le sale di lettura, i musei, i centri culturali siano accessibili, bene organizzati, ospitali; che si continui a fare buon cibo e non si corrompa l identità rurale e culturale con la mercificazione turistica spinta; che il modo di vivere resti autentico, non perda in freschezza e originalità. La nostra idea guida è quindi lavorare sulla nostra base sociale, i nostri operatori, le famiglie e le amministrazioni pubbliche, per creare il sistema di mercato che questa bussola ci indica. La visione che ci ispira è la creazione di un sistema di Asili d Appennino all interno dell area pilota e con auspicabili estensioni nell area strategica, avendo come riferimento territoriale l ambito che si forma e informa a partire da quelle "sentinelle" altere e imponenti che sono il massiccio del Catria e del Monte Nerone, con le loro cime, i fiumi e torrenti che le solcano, i boschi e le radure fino ai campi coltivati e ai borghi e paesi che li abitano. Il sistema degli Asili è immaginato dare rilievo a una varietà di possibili viatici progettuali culturali ed educativi, turistici ed economici, paesistici e dedicati alla cura e al benessere della persona. Alcuni esempi: "Asili terza età": la salute e la cura dell'anziano, maggioritario nel territorio, oltre ai basilari medicali, può essere migliorata attraverso un esercizio mentale emotivo messo in campo attraverso "animazioni teatrali di comunità". Gli anziani del borgo, della frazione raccontano e si raccontano, e drammatizzando non solo consentono di memorizzare e 4

5 storicizzare esperienze e vicende del passato, ma ridanno fiducia e senso agli ultimi anni della propria vicenda esistenziale (vedi "I racconti della terra", esperienza condotta dall'attrice Valentina Capone in una remota valle delle Alpi Retiche, Sondrio). Con i medesimi intenti, per migliorare la qualità della vita più matura, una ricerca già intrapresa (Gruppo La Macina) tra i paesi di Frontone, Serra Sant Abbondio e Fonte Avellana con una scuola popolare di poeti in ottava rima; i canti di lavoro rurale e di miniera (Ca Bernardi); il "vociarone"; la furlana; Asili didattici e formativi": attori e scrittori, antropologi e storici, agronomi e geologi, partendo dalle loro ricerche in zona incontrano studenti e docenti, ma anche gruppi sociali, per educare e formare ad un nuova visione del proprio habitat e alla possibilità di promuoverlo. arricchirlo e condividerlo con i nuovi residenti, stabili o temporanei; Asili d innovazione diffusi nel territorio ospitati in luoghi adeguatamente infrastrutturati, che possano accogliere, sistematicamente, workshop, seminari e attività formative sulle tematiche dell innovazione, ma che soprattutto rappresentino un punto di contatto tra il mondo dell impresa locale e non (bisognoso di innovare il proprio business ma non sempre in grado di leggere le opportunità esterne alla propria comfort zone ) e i giovani, locali e non, appena formati hanno spesso soluzioni geniali e un bisogno disperato di un problema a cui applicarle; Asili di meditazione (spirituale, interiore, civica...) Asili di comunicazione (virtuale internet e reale): le strade e i mezzi di trasporto fino alle soluzioni consentite dalle IT quali car sharing, servizi a chiamata, etc. Asili turistici... Asili artistici... Asili sportivi... Asili di cura e benessere.. Nel campo della cura e del benessere intendiamo sviluppare azioni concrete nell ambito del cosiddetto Welfare Culturale. La IULM in collaborazione con la Fondazione Bracco ha svolto uno studio relativo alla relazione esistente tra la fruizione di esperienze di carattere culturale ed il livello di benessere psicologico percepito ricavandone un indice (subjective psychological general well being index). Dallo studio risulta che soltanto il numero di malattie croniche subite influenza più del consumo culturale il livello di benessere che una persona ritiene di avere. Disaggregando i dati, nel confrontare le singole malattie e le singole esperienze, al fine di prevedere il benessere psicologico di una persona, è più importante sapere quanti concerti ascolta in un anno, piuttosto che se questa persona crede di avere o meno il cancro. Supponendo una relazione, soprattutto per le persone anziane con una o più malattie croniche, per cui per effetto di un esperienza di accesso culturale e una conseguente modifica del loro benessere psicologico percepito, si possa avere un calo del loro tasso di ospedalizzazione o medicalizzazione, si sarebbe ottenuto un effetto indicibile. Un area pilota deve sperimentare, portando avanti modelli differenti, idee innovative e nuove start up pronte a mettersi in gioco con l obiettivo di promuovere il benessere sociale ed economico del singolo e della comunità, rigenerare i propri processi per incidere in maniera più efficace sulla qualità della vita delle persone. Nella nostra visione, un investimento sul Welfare Culturale significa definire nuovi modelli di imprenditorialità sociale legati al rapporto tra cultura e salute, ed essere consapevoli che il sistema del welfare non può più ragionare per proprio conto ma deve per forza aprirsi ad un dialogo con settori diversi (cultura, turismo, sport, ecc.) così da identificare nuovi modelli di esperienza e nuove professionalità. Il welfare culturale rappresenta per la nostra area 5

6 un interessante possibilità per sperimentare processi creativi e sociali, creare nuove professionalità e modelli di business, inventarsi quotidianamente un lavoro con buone potenzialità di crescita. Gli eventi e le iniziative culturali che progettiamo e organizziamo sono i mezzi per attuare forme positive di incontro e scambio e gli amplificatori di una consapevolezza culturale di un territorio. come motore di coesione e benessere sociale, mettendo in rete le abilità sociali e artistiche presenti e connettendo i diversi stakeholders territoriali. Nel campo dell arte e delle residenze creative abbiamo un background di conoscenza e di esperienza che ci indica la strada e ci fornisce la possibilità di rilanciare le esperienze di valore già sperimentate, nei primi anni duemila, con Brevi Residenze promosse dal teatro di Cagli e coordinate da Sandro Pascucci attuale direttore dello stesso teatro, che ha visto la presenza sul territorio di compagnie teatrali e artisti di fama nazionale ed internazionale, che hanno permesso di sperimentare la validità del modello con risultati apprezzabili anche in termini economici e di indotto occupazionale. Anche sperimentazioni di iniziativa privata di qualità, quale quella rappresentata da La Casa degli Artisti, un esempio di residenza creativa e land art condotta da Andreina De Tomassi e Antonio Sorace, che dal 2011 sperimentano un interessantissimo laboratorio di idee in autoproduzione nella zona del Furlo, possono garantire che il territorio è capace e maturo per intraprendere una iniziativa di tale complessità. Con riferimento all insieme degli Asili: la nostra visione, nella sua articolazione che cerca il dialogo con diversi profili e risorse della società locale, coglie un potenziale economico che consideriamo prioritario curare. La strategia a cui pensiamo lavora sulla natura sistemica di turismo culturaproduzione welfare, quel nesso che fa sì che la spesa giornaliera di un turista straniero tipo sia composta da un 40% in ristorazione, 40% in prodotti per manufatti locali, design e moda, 10% in visite e mostre, 10% in altre spese accessorie; elementi che indicano come il patrimonio artisticoculturale sia un rilevante moltiplicatore. 2 Nel perseguimento di tale disegno, costruiremo rapporti tra l area pilota e l area strategica che è stata individuata, così come tra l area pilota e i comuni confinanti della regione Umbria. La logica strategica ci porta infatti a immaginare lo sviluppo di collaborazioni istituzionali svincolate da rigidi riferimenti alle partizioni amministrative, ma agganciate ai risultati, alle filiere cognitive e alle esperienze che intendiamo privilegiare e rafforzare. Naturalmente ci sono anche altri interventi che consideriamo strategici, per esempio sul fronte infrastrutturale il progetto di pedemontana Cagli Fabriano di collegamento tra la Flaminia (Roma Fano) e la Quadrilatero (Perugia Ancona); o quello di green way nel sedime della ferrovia dismessa Fermignano Pergola Fabriano. Questi interventi non sono considerati nel quadro SNAI, per ragioni di coerenza e di opportunità. Nel ambito della SNAI, la filiera cognitiva che utilizziamo è composta da tutte le esperienze funzionanti e di qualità che abbiamo già sviluppato nel campo agroalimentare e turistico, più i centri di competenza esterni (università e altre istituzioni pubbliche; imprese e associazioni sia dell area che esterne) in grado di darci un contributo nel creare quello che manca: migliorare il sistema dei servizi di base essenziali alla residenza; seminare gli orientamenti e le competenze 2 Cfr. Symbola Unioncamere, Io Sono Cultura, Rapporto 2015, paragrafo 3.14, il distretto culturale evoluto della Regione Marche. Secondo il Rapporto la regione Marche è uno dei territori italiani in cui la rilevanza economica del settore culturale è maggiore: si stima che il valore aggiunto del settore arrivi al 20% del totale dell economia regionale, e che la regione sia la prima per quota di spesa turistica attivata dall industria culturale (51,1%). In particolare nel contesto regionale la provincia di Pesaro Urbino è quella che presenta i dati più favorevoli. Nella classifica nazionale delle province si colloca al secondo posto per ruolo della cultura su valore aggiunto (8%) e su occupazione (9,3%). 6

7 giuste nelle scuole; allungare la stagione turistica alla primavera e all autunno; tutelare meglio le risorse naturali e i fiumi; curare e valorizzare il paesaggio; aprire i nostri beni culturali e affidarli a organizzazioni capaci di gestirli. Per questi scopi, pensiamo che due sforzi principali debbano essere fatti con impegno lungo tutto il periodo di attuazione della strategia: da un lato rendere molto più coesi i comuni, combattere il municipalismo ed evitare la dispersione delle risorse; dall altro mostrare le opportunità di sviluppo che abbiamo in mente ai cittadini, agli operatori e alle imprese, in modo tale che cresca la fiducia e l impegno e molti si sentano coinvolti e mobilitati. Ci sono già all interno del nostro territorio alcune esperienze emblematiche che indicano la via: le mostreremo e racconteremo ai nostri concittadini, perché si formi concretamente il senso di quanto vogliamo fare. Sappiamo che avremo bisogno di dedicarci con impegno al coinvolgimento dei cittadini, per creare condivisione e spirito di cambiamento. La nostra è una società composta in larga parte da anziani; i numeri del volontariato dei nostri paesi, nella cultura sport e ricreazione, sono alti e composti principalmente da loro. Sono una forza attiva. Vogliamo perciò che i nostri anziani siano coinvolti nella strategia come una risorsa e un punto di forza: le loro conoscenze, il loro senso di appartenenza ai luoghi, la voglia di impegnarsi per il bene comune sono risorse importanti. Vogliamo che le istituzioni distintive delle nostre montagne dalle Università agrarie che si occupano degli usi civici, ai Comitati di castello siano riconosciute, sostenute e attivate dalla strategia, come infrastruttura civile diffusa che ci caratterizza. Vogliamo che le idee dei nostri operatori culturali più vivaci, aprire e far funzionare Residenze artistiche che attraggano creativi e intellettuali, ricevano attenzione e abbiano spazio. L approccio di queste proposte non è elitario, ma privilegia i temi dell educazione e dell ingentilimento della comunità alla fonte di nuove conoscenze. Vogliamo che i nostri Asili dedichino una cura speciale alle persone con differenti abilità psicofisiche, al turismo sociale e al tema dell accessibilità. Vogliamo infine che in tutti i comuni, programmaticamente, ci sia apertura, disponibilità e accoglienza verso l innovazione e i giovani che la sanno interpretare, che siano dell area o meno. Sappiamo bene che senza l apporto dei giovani non potremo sviluppare nulla di significativo. Intendiamo coinvolgere nel nostro sforzo la vicina Università di Urbino e la Politecnica delle Marche; la città di Fabriano, che dalla crisi industriale sta cercando di uscire anche col progetto UNESCO Città della creatività. Occorre però, specie in quei territori periferici rispetto ai tradizionali flussi della conoscenza, trovare il modo di rimanere agganciati alla corrente dell innovazione globale, per contrastare il rischio di marginalizzazione e obsolescenza professionale ed imprenditoriale. Sarà dunque fondamentale collegare il territorio con gli ecosistemi dell innovazione su reti lunghe e corte, costituendo una catena di trasmissione della conoscenza indispensabile allo sviluppo di nuove forme di imprenditorialità e professionalità così come all evoluzione di quelle già presenti. I nodi di primo riferimento di queste reti, per prossimità e per valenza strategica, saranno le progettualità dei DCE incidenti nell area strategica (Barco Officina creativa, Nextone, Valle della creatività) che potranno condividere con il territorio il proprio network di talenti, di partner e di conoscenza. La gestione e l animazione di questa piattaforma" sarà coordinata con gli organismi di gestione dei progetti DCE in modo da garantirne la piena integrazione funzionale e strategica, in una logica 7

8 di massima condivisione e distribuzione delle idee e delle opportunità, premessa indispensabile per la nascita di un ecosistema d'innovazione territoriale. Infine, la pianificazione temporale della strategia. Il cambiamento non avverrà tutto assieme, sarà quindi decisivo saper mettere in moto un processo che abbia in se stesso la capacità di generare una dinamica ed effetti di trascinamento. Ci dovremo pensare molto bene, a quali sono le iniziative capaci di spingere in avanti il cambiamento. Per ora abbiamo in mente di mobilitare da subito le risorse esistenti e già pronte: le filiere agroalimentari consolidate, le istituzioni culturali e i servizi comunali. Per esempio, un immediato cambio di passo nell offerta di mobilità da ottenere con un disegno di razionalizzazione congiunta dei servizi offerti dai singoli comuni, potrà essere un segnale chiaro che si fa sul serio. Istruzione e formazione La scuola svolge un ruolo fondamentale nel favorire o rendere possibile il cambiamento a cui puntiamo. Soprattutto con il primo ciclo di istruzione (dalla scuola dell infanzia alla secondaria di primo grado), costituisce uno dei servizi essenziali rivolti alla popolazione residente. Un suo rafforzamento contribuisce a aumentare la vivibilità dell area e a ridurre lo spopolamento. La scuola secondaria di II grado, inoltre, opportunamente integrata con i servizi di formazione professionale, di Istruzione Degli Adulti (IDA) e di orientamento, può fornire un contributo specifico alla strategia attraverso lo sviluppo del capitale umano necessario alla sua attuazione e alla sua sostenibilità nel tempo. L analisi dei servizi di istruzione dell area, che ha preso le mosse dai contributi del Comitato Nazionale Aree Interne e si è sviluppata attraverso la consultazione dei soggetti interessati, ha portato alla definizione di una varietà di fabbisogni riguardanti principalmente: le dotazioni tecnologiche; le competenze nell uso delle ICT e delle lingue straniere (inglese in particolare); il rapporto tra scuola e mondo del lavoro; l allineamento dell offerta formativa con le vocazioni del territorio; la riqualificazione degli adulti; la costruzione/ riqualificazione di poli formativi/plessi. Nel dialogo con docenti e dirigenti è inoltre emersa la necessità di migliorare la capacità di lavorare in rete da parte delle scuole, e di coinvolgere anche le scuole secondarie di secondo grado delle aree limitrofe, soprattutto se titolari di corsi di studio collocati nella nostra area (è il caso dell Istituto Professionale di Arcevia, sede distaccata di Senigallia, e dei Licei scientifici di Pergola e di Sassoferrato). Pensiamo che le azioni orizzontali su cui il MIUR ci ha sollecitato siano calzanti e importanti per noi, in particolare per quanto riguarda gli incentivi alla permanenza degli insegnanti, l allungamento degli orari al pomeriggio (con contestuale riorganizzazione delle corse dei bus scolastici), la digitalizzazione dei plessi. Con la Regione abbiamo stabilito un confronto specifico sul digitale, e stiamo lavorando per fare in modo che gli interventi programmati nel Piano telematico regionale riconoscano priorità agli interventi di potenziamento della banda larga a favore delle nostre scuole e di altri centri di servizi di base. Contiamo anche sugli indirizzi nazionali per l attuazione della banda ultralarga a favore delle aree interne. Sul versante delle azioni puntuali, riteniamo che alla luce degli approfondimenti svolti con le scuole la nostra strategia dovrà privilegiare quattro azioni. Per ordine di fasce di età interessate: una azione a carattere preventivo, di identificazione precoce e intervento sulle difficoltà di attenzione, autocontrollo e apprendimento nei bambini che frequentano l ultimo anno della scuola dell infanzia. Esiste oggi una domanda importante di interventi dei logopedisti 8

9 in età scolare, alla quale il sistema territoriale non riesce a dare risposta nei tempi necessari. Si tratta perciò di intervenire in tutte le scuole dell Infanzia, contestualmente a formazione dei docenti e attività di screening; un servizio di psicologia scolastica con interventi nelle classi problematiche e sportelli di ascolto per alunni, docenti e genitori; progetto fondamentale per affrontare precocemente il disagio psicologico che nel proseguo determina conseguenze negative nel campo della dispersione scolastica, nell'abuso di sostanze, dei disturbi psicologici e in termini di comportamenti devianti (un servizio simile è già stato sperimentato, con risorse limitate, negli anni scorsi nei comuni della ex comunità Montana del Catria e del Nerone, si è rilevato utile e ha avuto un elevato gradimento); un intervento diretto ad aumentare i livelli di competenza in lingua inglese degli alunni delle scuole del primo ciclo dell area. Uno schema efficace è già stato sperimentato con fondi privati nell Istituto Comprensivo di Cagli, dove due insegnanti madrelingua insegnano per circa 700 ore all anno fin dalla scuola dell infanzia; pensiamo di replicare questo modello. Siamo inoltre orientati ad attivare laboratori teatrali, e insegnamenti in lingua inglese di alcune materie di studio (per es. scienze, matematica, etc.) con docenti di madrelingua inglese; l istituzione di un nuovo indirizzo presso l istituto di istruzione superiore di Cagli. Siamo orientati a un indirizzo agrario, da organizzare stabilendo un rapporto di collaborazione con altri istituti quali l istituto agrario di Gubbio, che negli ultimi anni ha manifestato una robusta capacità di attrazione significativa sui ragazzi della nostra area in virtù della qualità della sua offerta formativa, quello di Città di Castello oppure l istituto agrario di Pesaro, con il quale è già stato avviato un dialogo in tal senso il potenziamento degli strumenti didattici e laboratoriali con le ICT dell istituto di istruzione superiore di Cagli, con lo scopo di incrementare il numero di iscritti ai percorsi di istruzione tecnica e professionale, innovare le metodologie didattiche e migliorare le competenze digitali di alunni e docenti. E inoltre allo studio la proposta di creare ad Arcevia un polo di istruzione e formazione per il settore sociosanitario, con potenziamento dei corsi per adulti. Lo scopo è di aumentare i livelli di istruzione della popolazione adulta, consolidare il numero di iscritti alla scuola secondaria di II grado, sviluppare le competenze dei lavoratori nel settore del turismo del benessere, in collaborazione con le strutture ricettive e le strutture del settore sociosanitario dell area. E allo studio altresì la proposta di realizzare ad Apecchio un attività formativa anche in collaborazione con l Università di Urbino incentrata sul settore della Birra e dell Alogastronomia, cioè sui temi legati alla birra e al cibo di qualità, rivolta a nuovi addetti ai lavori sul piano della produzione agricola, degli ingredienti, della loro lavorazione e produzione, della loro promozione e commercializzazione, dei riflessi economici, lavorativi, turistici e culturali compresi in un contesto in evidente fase di sviluppo. Si potrebbe infine ipotizzare di individuare nelle aree dei monti Catria e Nerone sedi di studi e ricerche per le Facoltà Universitarie di Scienze agrarie e forestali e per gli stessi Istituti agrari, nonché la realizzazione di una Scuola Forestale di Alta Specializzazione. Si ritiene strategico lavorare sul rapporto tra la scuola e le piccole imprese dell area, e sull offerta di formazione professionale. 9

10 Una linea progettuale che consideriamo promettente prevede di creare piccole sedi locali di ricerca e sviluppo sul modello dei fablab, con dotazione di macchine per la prototipazione rapida (Stampa 3D, piccole macchine CNC etc.), da affidare in gestione con bando assicurando un supporto specializzato (ad es. dell incubatore di Jesi). Vediamo i fablab come un modo per avvicinare i ragazzi a conoscenze ormai molto diffuse nelle città, ma da noi ancora patrimonio di pochissimi; stimolarli all esplorazione del mondo dei makers, che ha potenziali di connessione con il nostro artigianato. Il progetto ha interesse anche per le possibili ricadute di informazione e apprendimento a favore dell intera comunità produttiva locale. Nel quadro della strategia, i fablab sono deputati a creare asili didattici ed educativi per la diffusione di conoscenze e l apprendimento in forme innovative, partecipate, con il coinvolgimento di associazioni e imprese accanto alle istituzioni pubbliche e alle scuole. I locali in cui realizzarli potranno essere individuati tra i contenitori culturali bisognosi di destinazione o nei plessi scolastici o in centri di formazione. Sviluppo locale Il cambiamento a cui puntiamo attua una forte discontinuità con la logica degli investimenti pubblici del passato. Abbiamo recuperato tanti beni culturali, ma non abbiamo lavorato in modo efficace alla loro gestione, e molti sono rimasti sottoutilizzati o vuoti. Abbiamo finanziato tanti piccoli progetti alla scala dei singoli comuni, senza lavorare al loro coordinamento. Abbiamo sostenuto la realizzazione degli agriturismo e dei B&B (che si sono infatti moltiplicati), ma non abbiamo lavorato a un modello di governo dell offerta turistica di area, abbiamo lasciato gli operatori da soli a confrontarsi con i propri mezzi sul mercato; il risultato è che oggi la capacità ricettiva è sfruttata solo per un terzo. Abbiamo dunque anzitutto problemi di gestione, di governo, di organizzazione. Con la SNAI è arrivato il momento di voltare pagina. La priorità sarà data a iniziative che affrontino questo lato dello sviluppo, più immateriale che materiale, che nel passato è stato sottovalutato. L azione di sviluppo locale dovrà tenere conto del fatto che lo spopolamento ha colpito il tessuto policentrico del nostro territorio con diversa intensità: nelle fasce altimetriche più elevate la natura sta riprendendo il sopravvento, la SAU è in calo, le superfici forestali si vanno estendendo, tante piccole frazioni versano in stato di abbandono; attorno ai centri capoluogo e verso valle le attività agricole lavorano a pieno ritmo, residenze e attività produttive esprimono il grosso della domanda di servizi e del potenziale di trasformazione economica, parti di borghi e castelli sono già avviate verso la riconversione turistica. Ci sono le premesse per azioni differenziate e mirate sulla base delle partizioni territoriali interne e delle non omogenee vocazioni dei diversi luoghi. Esistono in sostanza condizioni limitanti interne, che consigliano di differenziare l azione di sviluppo, e forse in determinati casi non innescarla, perché non tutto il territorio dell antico popolamento si potrà recuperare a un uso sostenibile. Esistono inoltre condizioni limitanti di sistema. Nella nostra area gli squilibri demografici che si sono prodotti sono di tale intensità, che essi continueranno a esercitare una pesante influenza negativa nei decenni a venire. Siamo convinti che una politica di sviluppo che sostenga e ampli la capacità produttiva locale giocherà un ruolo rilevante, in quanto capace di creare occupazione e auspicabilmente richiamare nuovi investimenti, imprese e forza lavoro. Siamo convinti che una politica di rafforzamento del sistema dei servizi, dalla scuola alla salute, sarà fondamentale per arrestare la fuoriuscita di nuclei famigliari, rafforzare la comunità e attirare nuovi residenti. Ma il bilancio demografico che ci riguarda è, nei numeri, aspramente sfavorevole. Le misure di sostegno 10

11 al sistema economico e al sistema dei servizi difficilmente saranno sufficienti per invertire la tendenza al declino. Altre regioni montane europee in condizioni demografiche simili alle nostre, per avere effetti quantitativi importanti hanno sperimentato politiche attive di attrazione e integrazione di nuovi flussi di lavoratori immigrati, da inserire nel welfare, nell agricoltura e nel turismo, con programmi a metà tra il marketing territoriale e la programmazione sociale. La questione è con ogni evidenza di estrema delicatezza politica. Sulla possibilità di aprirci a questa famiglia di politiche attive, sulle condizioni e i modi per farlo senza danno per la coesione sociale dei nostri comuni, pensiamo sia pertinente e ragionevole aprire una riflessione. Auspicabilmente, assieme alle altre aree interne che stanno lavorando alla SNAI. Qualità dell offerta nell agricoltura, nel commercio e nel turismo L agricoltura si presenta con i numeri del declino, così come accade in generale nelle aree interne del Paese. Declino di occupati e declino della SAU, in particolare nelle aree più marginali e prossime al crinale dell Appennino. Nelle terre alte l agricoltura e la pastorizia sono state interamente sostituite dalle foreste, che man mano che procede l abbandono riconquistano spazio per la natura. I boschi sono infatti l habitat della biodiversità naturale. Alle quote più basse l agricoltura ha tenuto, con un ricco complesso di relazioni. L agricoltura modella il paesaggio, che si caratterizza ancora con il disegno della mezzadria. L agricoltura offre servizi di ospitalità e di ristorazione con la ricca offerta di aziende agrituristiche e country resort. L agricoltura offre cibo e genuinità, con le produzioni agricole vitivinicole e olearie in particolare. Nell area ci sono aziende biologiche e filiere agroalimentari di qualità, che seguono disciplinari rigorosi e producono prodotti di alto livello. Ci sono strutture di trasformazione e di ristorazione molto qualificate. Queste risorse e capacità private sono parte della nostra filiera cognitiva. Esse sono rilevanti per tre ragioni: perché creano ricchezza; perché ci aprono relazioni a scala regionale, nazionale e talvolta internazionale, ed hanno una capacità di leggere il mercato di cui può beneficiare l intera collettività; perché sono alleate dell ambiente e della biodiversità. Intendiamo stabilire una collaborazione permanente tra le imprese più vivaci, solide e innovative dell area, e la rete dei comuni. Ogni comune si presenta con le proprie specialità, alcune radicate nella tradizione secolare, altre recenti: ad esempio il Pane di Chiaserna e il Vino dei Castelli di Jesi rientrano nella prima categoria; la birra artigianale di Apecchio costituisce un saper fare recente che mette insieme l intraprendenza delle persone alle specificità del territorio nel generare le materie prime (dai cereali all acqua). Vi sono poi prodotti da sempre presenti che hanno trovato solo in anni recenti un mercato sovralocale, talvolta internazionale, che ha consentito di passare dal prodotto per il consumo familiare al prodotto per il mercato globale. In questa categoria troviamo ad esempio i tartufi di Acqualagna, che hanno reso famoso tra gli esperti il nostro piccolo centro e che richiamano appassionati e turisti provenienti anche da altre regioni in occasione dei mercati organizzati nel corso dell anno. Alcuni agricoltori di Arcevia hanno creduto nelle potenzialità del biologico fin dagli anni 1970: nel tempo hanno arricchito la competenza sulla produzione, sulla trasformazione dei prodotti e sulla loro commercializzazione. Il risultato è una incomparabile concentrazione di produttori nel territorio di Arcevia, che organizzati in cooperativa promuovono la cultura biologica in tutto il mondo. L agroalimentare è un vero e proprio laboratorio, con numerosi attori che giorno per giorno sperimentano e adattano alle caratteristiche locali produzioni riportate in vita dal passato, come ad esempio il vino di visciole di Cantiano o il mais ottofile, oppure nuove produzioni, come 11

12 l esperienza dello zafferano ad Arcevia. La strategia sosterrà la vitalità produttiva del settore food anche lavorando a forme associate di distribuzione e a campagne promozionali, a partire dal mercato regionale e alle zone della costa dove sta crescendo la domanda di prodotti a Km zero. Dall agricoltura alla tutela del territorio il passo è breve: accogliendo una proposta del Università di Urbino, daremo evidenza ai servizi ecosistemici. 3 prodotti dalle pratiche agrarie tradizionali rispettose dell ambiente, anche inserite in filiere tipiche eccellenti. La creatività che caratterizza questo comparto è emersa nell analisi territoriale 4 predisposta a monte di questo preliminare e nelle numerose proposte progettuali raccolte nella fase di scouting. Vista la grande estensione dei boschi e dei pascoli nelle alte quote occorrerà intraprendere azioni volte alla loro gestione e valorizzazione, superando le problematiche che storicamente condizionano questo settore quali la parcellizzazione delle proprietà (per lo più detenuta da enti di uso civico) e le restrizioni operative legate alla presenza di una vincolistica estremamente rigida (relativa ad esempio alla realizzazione delle piste forestali), proseguendo in maniera rinnovata l esperienza dell Azienda Speciale Consorziale del Catria, sorta nel 1967 per la gestione associata di circa 5000 ha di territorio. Qualità dell offerta è poi rivitalizzare il commercio nei paesi, investire nei centri commerciali naturali come primario tessuto dello scambio di vicinato e della socializzazione, favorendo in particolare l aggregazione e la collaborazione tra commercianti e artigiani che svolgono le proprie attività nei centri storici 5. Questa azione deve puntare a contrastare la scomparsa del commercio nei centri più piccoli e quindi ridurre il disagio dei residenti, in particolare gli anziani. L aggregazione e il mantenimento di servizi commerciali risponde inoltre alle esigenze della domanda turistica che si intende intercettare con la strategia. I prodotti del territorio, così come il tessuto dello scambio di vicinato e della socializzazione diventano elementi e valori fondanti e integrati nei prodotti e nell'offerta turistica del territorio. Essi costituiranno le basi per strutturare esperienze turistiche volte ad attrarre visitatori e turisti. La qualità dell'offerta nel turismo si identifica dunque con la messa in rete e lo sviluppo di attività e servizi tematici esperienziali legati al territorio dalle eccellenze agricole, ai centri commerciali naturali, alle risorse naturali, ai servizi di mobilità che saranno trattati nei capoversi successivi quindi garante di esperienze per il turista moderno che vuole immergersi nella destinazione. La qualità sarà garantita con la specializzazione, in parte già avviata in particolare per le strutture ricettive, con l'adesione ai disciplinari definiti dalla Regione per entrare nel cluster di Destinazione turistica; ne adotteremo la filosofia e li utilizzeremo, anche specificandoli se è il caso, o rendendoli più selettivi per i bandi che raggiungeranno i nostri operatori, con l'obiettivo di inserirsi ed integrarsi al progetto già avviato dai 6 GAL dell'entroterra regionale insieme alla Regione Marche Brand Marche per lo sviluppo dell'area Appennino rurale marchigiana come destinazione turistica capace di attrarre turismo rurale e le sue sottodeclinazioni. 3 Le produzioni agricole, parte integrante della cultura materiale locale, hanno contribuito nel tempo a disegnare il paesaggio rurale. Contestualmente le pratiche agricole si sono adattate alle caratteristiche del territorio, sperimentando modalità in grado di mantenere ridotta la vulnerabilità ambientale e in particolare quella connessa con la tenuta idrogeologica dei versanti. Riconoscere questo valore significa promuovere un sistema economico in grado di riconoscere i costi e i benefici del ciclo produttivo e di attribuirli agli attori che contribuiscono a crearli. 4 Cfr. eco&eco, SNAI Area pilota Appennino Basso Pesarese e Anconetano, Analisi territoriale, settembre Si fa riferimento all esperienza dei Centri commerciali naturali, che la Regione Marche promuove da alcuni anni nei centri storici dei comuni più piccoli e in spopolamento, per contrastare la perdita di esercizi commerciali. 12

13 Il progetto intende quindi abbracciare una visione di sviluppo del territorio anche in senso più ampio, connesso alle altre aree rurali della regione, per questo motivo lavoreremo nell'ottica collaborativa con le altre aree per ottimizzare gli sforzi e gli investimenti al fine di ottenere un reale sviluppo e un risultato duraturo nel tempo. L'offerta turistica sarà volta ad essere caratterizzata da un nuovo modello di gestione dell'accoglienza, che possa rispondere alle esigenze di un turista sempre connesso, esigente e informato, integrando nei tradizionali info point e nelle sedi preposte ad adempiere tale ruolo, modalità e tecnologie strumenti innovativi per consentire un servizio 24/24 e 7/7. Lo sviluppo dell'offerta turistica include anche un uso differente ed efficiente di beni culturali sottovalutati e lo sviluppo di una rete di residenze aperte tutto l'anno come descritto nella sezioni seguenti. Intendiamo creare una Cabina di Regia Operativa riconosciuta per la gestione unitaria del turismo nell'area, composta da Comuni, Unione Montana, Consorzio Urbino e Montefeltro, Consorzio Terre del Catria, Consorzio Esino Frasassi e coinvolgendo esperti del settore. La stessa dovrà comportarsi come una Destination Management Organization DMO (anche se non riconosciuta) lavorando sull adesione delle strutture ricettive ai network di specializzazione riconosciuti dalla Regione per formare aggregazioni territoriali capaci di commercializzare l area. L'area pilota dovrà caratterizzarsi per la qualità del sistema di accoglienza attraverso una rete di Uffici I.A.T. che funga da promotrice territoriale, in grado di commercializzare il territorio e che sia il punto di riferimento per gli operatori e per i turisti. Negli Asili andranno posizionati i nuovi punti di Informazione e Accoglienza Turistica dell area, dove sarà possibile, tra le altre cose, prenotare esperienze turistiche, attrezzature per esperienze outdoor, biglietti per musei etc. Dare destinazione d uso e gestione efficiente ai beni culturali sottoutilizzati o privi di utilizzo Nel passato troppo spesso si sono privilegiati gli interventi fisici di ricupero dei beni architettonici di interesse storico culturale, rimandando nel tempo le elaborazioni e le iniziative funzionali alla loro gestione. Con la SNAI intendiamo inaugurare un nuovo modo di procedere, che mette al centro precisamente la gestione, e profondamente riformula la relazione tra contenitori culturali e contenuti. Intendiamo in particolare fare in modo che gli asili siano occasione di aggregazione e motivazione di comunità di persone, per l uso dei contenitori già recuperati e disponibili. L utilizzo del patrimonio difficilmente si potrà realizzare se non attraverso la moltiplicazione di attività e iniziative di produzione culturale. Per questo svilupperemo azioni dirette a far riscoprire e riconoscere il patrimonio storico artistico da parte delle nostre comunità, facendo leva sulle istituzioni e le associazioni culturali che animano i nostri centri con una varietà di mezzi espressivi e di ricerca: teatro, video, fotografia, disegno, danza. Intendiamo aprire un dialogo con le persone attorno all uso del patrimonio, creando comunità di riferimento per lo sviluppo dei progetti nel tempo. Pensiamo a metodi di coinvolgimento e di community building che favoriscano con flessibilità la ricerca di soluzioni gestionali caso per caso. Condividiamo il giudizio che le forme giuridiche che dovrebbero garantire l accesso ai luoghi culturali di proprietà pubblica e la loro valorizzazione, non sono attualmente di aiuto ma costituiscono una sorta di vestito stretto incapace di raccogliere e rilanciare istanze e potenziali creativi presenti nel sociale. La mancanza di strumenti giuridici contribuisce allo stato di abbandono in cui versa gran parte del patrimonio culturale diffuso: il pubblico non ha le risorse (e le capacità) di gestirlo, l impresa orientata al profitto non ha interesse a prenderle in carico. La via 13

14 da tracciare è quindi anche di ricerca e di sperimentazione di strumenti ulteriori rispetto ai servizi aggiuntivi e alle concessioni previsti dalla legge, con lo scopo di coinvolgere anche soggetti non profit, gruppi di cittadini desiderosi di impegnarsi nella gestione dei beni. In altri casi sono stati esplorati strumenti quali protocolli di intesa e co gestione pubblico privata: intendiamo cercare soluzioni anche in questa direzione 6 Nel medio periodo puntiamo alla creazione di nuove imprese di giovani preparati allo scopo. I tempi per questo risultato non sono immediati, perché occorre preparare il terreno con una fase di sperimentazione in cui molti singoli e associazioni siano invitati e stimolati dai comuni ad attivare esperienze di gestione temporanea e cimentarsi nella produzione di servizi, in collaborazione col tessuto produttivo degli agriturismo e degli alberghi, del circuito del tartufo, delle cantine e del pane. Pensiamo che la soluzione non si ottenga da un giorno all altro, ma che serva uno sforzo collettivo di apprendimento. Il punto di partenza di questo percorso è la ricognizione delle agenzie in senso lato piccole imprese, studi professionali, associazioni già attive nel campo della organizzazione di attività ed eventi culturali. I comuni dell area pilota hanno già raccolto e condiviso l informazione su questi soggetti, evidenziando il tipo di competenze ed esperienze che hanno maturato. I comuni dell area strategica e la Regione, anche grazie alle attività del DCE, sono in grado di integrare il quadro alla luce della propria conoscenza della scena culturale. Agenzie del settore culturale attive nell area pilota (fonte: ricognizione presso i comuni, 2015) comuni agenzie attività Acqualagna Dna Creativo srl Bonsai film festival, gestione cinema Corso Roma Menu Studio coworking, fiera tartufo, manifestazioni estive Apecchio associazione Apecchio Città della marketing della filiera alogastronomica del territorio Birra associazione Notrace attività outdoor Arcevia associazione Ar(t)cevia festival d arte internazionale Ar(t)cevia, eventi e progetti culturali, laboratori didattici associazione Arcevia Jazz Feast promozione della musica, attività didattiche e concertistiche: seminari estivi di Arcevia Jazz Feast, Territori Sonori, Big Baby Band associazione culturale musicale Percorsi di ascolto festival di musica classica Harmonica associazione Operazione Arcevia Operazione Arcevia 2.0, laboratorio di creatività associazione Clio 92 ricerca storica, Scuola estiva di Arcevia corso di formazione per insegnanti di storia e italiano Cagli associazione culturale Giochi storici Palio dell Oca rievocazione storica in costume Cantiano associazione La Turba teatro popolare, rappresentazione sacra associazione Archeoclub gestione complesso seminario, percorso culturale Cantiano tra Storia e Natura Frontone associazione L Aleph, associazione Bellosguardo fondazione ARCA associazione La Radica rassegna Frontone Eventi, arte contemporanea in collaborazione con Accademia Belle Arti di Urbino, rassegna Out of Range mostre d arte e seminari su autismo e espressione artistica Eventi culturali legati alla storia locale finalizzati a mantenere contatti con i discendenti degli emigranti Piobbico gruppo di Bacciardi di Rocca Leonella ristrutturazione edifici, Festival delle Pecore a pois, teatro libero del Monte Nerone 6 Cfr. S. Consiglio e A.Riitano (a cura di), Sud Innovation. Patrimonio culturale, innovazione sociale e nuova cittadinanza, Angeli

15 Sassoferrato centro di educazione ambientale cooperativa Happennines, nell ambito di un accordo di partenariato pubblico privato. Start up dell incubatore di imprese culturali Cultlab. Circolo Fotografico Erregibi, FIAF, Pro loco. Associazione culturale onlus La miniera di Cabernardi. 20/11/2015 ambiente e paesaggio Gestione polo museale Comune di Sassoferrato: Museo Civico Archeologico e raccolta Periottana; Civica Raccolta d Arte (Pinacoteca) e Raccolta degli Incisori Marchigiani; Galleria Civica d Arte Contemporanea G.B.Salvi Mam s ; Museo d arte e tradizioni popolari; il sito archeologico di Sentinum nelle due aree Civita e S. Lucia. Rassegna internazionale d Arte/Premio G.B. Salvi, Facephotosnews, mostre d arte, presentazioni di libri, concerti musicali, spettacoli. Museo della Miniera di zolfo e Parco Archeominerario di Cabernardi. Serra S. Abbondio Centro studi Avellaniti fondazione dei monaci del Monastero di Fonte Avellana: convegni, concerti, ricerca storica associazione I Poeti dell Eremo manifestazioni di poesia; lettura di Canti danteschi In una prima fase quindi pensiamo di favorire pratiche informali e provare molto, discutere molto, fare confronti e scambi con altre esperienze. In questo periodo di avvio, di ricerca e sperimentazione, potremo utilizzare borse di ricerca e di lavoro, per attrarre e sollecitare le vocazioni all impegno dei giovani laureati della nostra area e della regione. Durante l anno di borsa, promuoveremo percorsi di affiancamento specialistico e accompagnamento in partnership con imprese mature e affermate nel mercato. Sfrutteremo a questo fine il lavoro già fatto dalla Regione nell ambito del Distretto Culturale Evoluto, il progetto strategico regionale che ha finanziato negli ultimi anni interventi a valenza regionale quali Barco Officina Creativa, Valle della Creatività, Flaminia Nextone, Creattivita, azioni innovative di stimolo alla produzione culturale e alle nuove imprese creative in connessione con le produzioni del Made in Italy, nei quali già siamo coinvolti con le nostre amministrazioni comunali. In alcuni specifici casi abbiamo raccolto l interesse di istituzioni formative alla rifunzionalizzazione degli spazi storici. Speciale rilievo attribuiamo alla proposta di Poliarte Design School di tenere nel Palazzo e chiostro di San Francesco a Cagli, complesso già sede dell istituto d arte, i propri corsi Corsi Triennali post diploma in Fashion Design (per le imprese tessili e abbigliamento), Graphic e Web Design (per la nuova comunicazione d'impresa), Industrial e Interior Design (imprese legate al mobile e arredo), al tempo stesso promuovendo nuove figure professionali che incontrino gli antichi mestieri in via di estinzione fabbri, falegnami, ebanisti, sarti aggiornandoli alle nuove richieste di mercato e impresa. Creare una rete di residenze aperte tutto l anno per soggiorni di vacanza, studio e lavoro. Come abbiamo detto, la nostra bussola in proposito sono gli stranieri che già ci hanno scelto. Per loro il soggiorno stabile, la residenza in uno dei tanti borghi o case coloniche, è già una realtà vissuta, praticata da anni. Con alcuni di loro andremo più a fondo, per capire quali servizi mancano e vanno creati per sviluppare la nostra vocazione di luogo di residenze accoglienti non solo per la vacanza breve. Gli spazi fisici su cui lavorare saranno molti di quelli già esistenti, senza finanziare nuovi posti letto (abbiamo ampio margine di miglioramento dei tassi di utilizzo), ma sfruttando l intera gamma della ricettività che si è formata negli ultimi quindici anni: agriturismo, B&B, 15

16 turismo rurale, case in affitto, etc. Oppure saranno edifici di valore simbolico, situati in posti chiave: palazzi storici sottoutilizzati o abbandonati, foresterie di teatri e musei; locali già adibiti al commercio e dismessi nel cuore dei borghi; etc. Su questa direttrice, prevediamo, finiremo per intersecare i temi emergenti delle Smart Land, del riciclo degli spazi, dell uso sociale delle nuove tecnologie e della progettazione della città dal basso. Prevediamo la possibilità di entrare in relazione con esperienze urbane che già stanno interessando piccoli centri storici simili ai nostri, imparare, immetterci in un circuito di scambi. Guardiamo ad esempio con interesse alle pratiche in corso col progetto Pop Up avviato in una serie di comuni toscani: il modello prevede che comune e privati mettano a disposizione spazi inutilizzati da riempire con idee e progetti; e che chiunque, rispondendo a una call for ideas possa proporre un attività: negozi temporanei, laboratori, installazioni, degustazioni, attività culturali, artistiche, artigianali. I locali sono assegnati in forma temporanea e gratuita, e per tutto il tempo di realizzazione del progetto, a partire dalla prima identificazione dei locali e dalla call, si sviluppa un percorso collettivo e dal basso che incoraggia un innovativa gestione pubblico sociale degli spazi della città, attivando e riattivando reti locali, energie e progettualità. I comuni hanno svolto una prima ricognizione degli edifici e degli spazi utilizzabili come residenze e come sedi di servizi culturali connessi alle residenze, che ha dato come esito il quadro che segue. Acqualagna Apecchio Arcevia Cagli Cantiano Frontone Piobbico Palazzo del Gusto Cinema/sala musicale e di registrazione Palazzo Ubaldini, Teatro, Museo Dei Fossili Palazzo di Piazza Della Libertà Villa S. Maria fraz. Serravalle di Carda Centro culturale S. Francesco Palazzo dei Priori Giardino Leopardi e Convento dei Cappuccini Teatro comunale Arena del fiume S. Emidio Palazzo e chiostro di San Francesco Canonica della chiesa priorale di S. Nicolò Complesso di Sant Agostino Castello della Porta Ex colonia montana Ex fattoria della Porta Castello Brancaleoni Chiesa di San Lorenzo di Rocca Leonella Bacciardi di Rocca Leonella Gorgo a Cerbara Parrocchia Santa Maria in Val d Abisso Parrocchia San Donato 16

17 Sassoferrato Palazzo Scalzi Parco archeominerario di Cabernardi Complesso di S. Lucia a Sentinum Serra S. Abbondio Monastero di Fonte Avellana Ex sala del Consiglio Centro Culturale Aldo Moro Cripta di San Biagio Ipotizziamo un modello di gestione della rete delle residenze, nel quale l'unione Montana Catria e Nerone assume la funzione di coordinamento, occupandosi in modo integrato, previa convenzioni con i Comuni, sia delle residenze sia della rete bibliotecaria, archivistica e museale (di cui è particolarmente importante la sezione archeologica) nonché la rete dei punti IAT e dei centri di formazione. Le attività in alcuni casi potranno essere svolte nelle stesse strutture che ospiteranno i PUA Punti Unici di Accesso al sistema dei servizi socio sanitari. Il coordinamento si avvarrà di uno staff dedicato di funzionari pubblici da identificare negli Enti aderenti alla strategia, in condizione di contribuire alla progettazione e alla gestione amministrativa e contabile della rete di residenze/siti culturali turistici formativi. Le residenze ricavate negli edifici storici o presso le strutture ricettive pubbliche saranno affidate alla gestione di soggetti privati, profit e non profit. La sostenibilità sarà favorita dall ospitare all interno attività diversificate e complementari nel campo della formazione, della cultura, dell ospitalità, del sociale, componendo iniziative a vario livello di redditività. Sarà favorita la nascita di cooperative culturali gestite da giovani, sull'esempio di quanto sta accadendo a Sassoferrato grazie al progetto di Start up promosso dai progetti del DCE Valle della Creatività e Cult lab. Conoscere, difendere, godere del paesaggio In questo ambito prevediamo diversi filoni d azione che si devono integrare. Sarà essenziale lavorare sulla sentieristica e la segnaletica, la viabilità minore e i percorsi ciclabili, la rete di servizi per il cicloturismo (mappe cartacee e digitali di tutto il territorio), per il quale siamo vocati. Più il nostro paesaggio sarà percorso e fruito, più sarà percepibile l interesse che suscita, più sarà facile difenderlo. Nella visione di qualità dell'offerta turistica, una migliore accessibilità territoriale e migliori collegamenti per la mobilità interna e la fruizione delle risorse e dei servizi turistici, come ad esempio quelli legati al Cluster regionale natura e vacanza attiva, consentiranno di rendere il territorio maggiormente vivibile e godibile sia da parte degli abitanti sia dei suoi potenziali visitatori. In quest ottica il monte Nerone ed il monte Catria diventano strategici per il territorio: una fitta rete di sentieri che sono già presenti, vanno sicuramente resi maggiormente fruibili ai possibili turisti del settore. Potenziare la segnaletica e formare personale qualificato in grado di accompagnare il turista in escursioni e anche in grotta, diventa di primaria importanza. Inoltre è già in fase di studio la possibilità di riconoscere alcune zone del Nerone e del Catria come geositi. Con il termine geositi si indicano i beni geologici geomorfologici di un territorio intesi quali elementi di pregio scientifico e ambientale del patrimonio paesaggistico. Si tratta in genere di architetture naturali, o singolarità del paesaggio, che testimoniano i processi che hanno formato e modellato il nostro pianeta. Forniscono un contributo indispensabile alla comprensione della 17

18 storia geologica di una regione e rappresentano valenze di eccezionale importanza per gli aspetti paesaggistici e di richiamo culturale, didattico ricreativo. Sarà molto utile impegnare le amministrazioni locali nella gestione attiva delle risorse, ad esempio implementando il processo di Contratto di fiume nei bacini idrografici del Candigliano e dei fiumi Alto Cesano, Esino e Misa. Svilupperemo così una maggiore coerenza delle decisioni pubbliche e private alla salvaguardia dei valori del paesaggio. Sarà strategico mobilitare i nostri geografi e storici nella conoscenza, interpretazione e comunicazione sui caratteri del nostro paesaggio, sfruttando le connessioni esistenti con la scuola di restauro e conservazione dell Università di Urbino, con la Summer School di didattica della storia organizzata in Arcevia dall Università di Bologna, con altre istituzioni. Le azioni descritte si inquadrano in due importanti politiche della Regione Marche, a cui già si è accennato: nel turismo, i cluster di Destinazione; nella cultura, il Distretto Culturale Evoluto. Rispetto alle Destinazioni, la nostra area gode di una posizione di privilegio, perché rientra in ben cinque categorie: Dolci colline e antichi borghi ; Parchi e natura attiva ; Spiritualità e meditazione ; Made in Marche. Gusto Km 0 e shopping di qualità ; The Genius of Marche. Partecipando a queste aggregazioni avremo la possibilità di entrare in circuiti di relazione più ampi, e in un varietà di iniziative guidate dalla regione; fattori che ci rafforzeranno. Rispetto al DCE, abbiamo già sottolineato come possa essere capitalizzato per la nostra scelta strategica il lavoro già fatto dalla Regione di ricognizione delle imprese culturali e creative. In prospettiva prevediamo anche sinergie con i progetti già finanziati dalla Regione che interessano il nostro territorio. Mobilità Nella nostra area, la gestione del servizio di trasporto pubblico si scontra con l elevato costo del servizio pubblico, connesso con la vastità del territorio e con la bassa densità abitativa. Il servizio di trasporto pubblico locale è attualmente basato su poche corse ad orari definiti: è rivolto a tutti i cittadini e all utenza scolastica. Sulla scala dei singoli comuni circolano i minibus delle amministrazioni comunali che garantiscono il servizio di scuolabus. Se si escludono le fasce orarie del primo mattino e del pomeriggio/sera, mancano servizi di trasporto pubblico locale adeguati. Il problema della mobilità che abbiamo non è diverso da quello che si vive in maniera diffusa nelle altre aree interne del nostro Paese: la sua soluzione va ricercata facendo ricorso alla creatività, alle nuove tecnologie, ad un approccio di area in grado di sfruttare appieno le economie di scala. La domanda di mobilità che vogliamo affrontare riguarda tre tipi di utenza: gli anziani, in particolare i residenti nelle frazioni; i cittadini in generale e nello specifico i pendolari che si spostano quotidianamente o periodicamente su rotte fisse; i turisti negli spostamenti da e verso il territorio e verso i principali siti dell area. Le soluzioni che riteniamo interessanti e a cui siamo orientati, sono diverse: trasporto sociale. attivazione di un servizio associato a chiamata e sperimentale con prenotazione per trasporto di anziani, da affidare al terzo settore. Il servizio deve puntare a migliorare la connessione tra le frazioni, i capoluoghi dei comuni dell area pilota, i poli locali del sistema sanitario; 18

19 collegamenti con le frazioni. Attivazione di un servizio a chiamata sperimentale, su minibus con numero limitato di passeggeri, per persone e merci, a giorni e fasce orario prestabiliti da affidare in gestione associata ai Comuni. Il servizio deve puntare a migliorare la connessione tra le frazioni e i centro capoluogo; trasporto turistico. Attivazione di un servizio associato di trasporto per turisti, da affidare in gestione a privati (azienda di trasporti, consorzio di operatori della ricettività). Il servizio, a chiamata, dovrebbe puntare a migliorare la connessione tra le località turistiche e i principali nodi del trasporto pubblico locale; all occorrenza potrebbe funzionare anche per il trasporto bagagli nel caso di trekking nelle aree naturali appenniniche; car pooling. Attivazione di un servizio di car pooling, da gestire in un primo momento in forma associata direttamente dai comuni, per i cittadini che si spostano sul territorio. Il servizio è reso disponibile attraverso la creazione di una specifica applicazione per pc e smartphone e consentirà di facilitare gli spostamenti nell area, fuori l area e per l area. Può integrare la prenotazione a chiamata attraverso centralino telefonico, per coloro che non dispongono di accesso Internet; biciclette. Attivazione di un servizio di noleggio di bici elettriche, per la fruizione turistica dell area e per l accesso al territorio, così come ampiamente già sperimentato in numerose località di montagna, dove è presente una fitta rete di strade a basso traffico. Poiché affrontare la questione della mobilità richiede un salto di qualità nell organizzazione dei servizi, e poiché i Comuni singolarmente non hanno la forza per impegnarsi in questa direzione, sperimentando soluzioni e razionalizzando le scelte sulla base dei risultati, consideriamo strategico muoverci verso un servizio associato con impiego di un mobility manager di area. Salute Sui temi della salute, per noi di fondamentale importanza per assicurare maggiori livelli di cura e sicurezza alle nostre famiglie, e in particolare ai nostri anziani, abbiamo avviato da subito un confronto serrato con le strutture del settore Sanità e Servizi sociali della Regione, i Distretti sanitari, gli Ambiti sociali, i dirigenti dell Azienda sanitaria regionale. Sin dal principio abbiamo cercato di lavorare in modo congiunto sul versante sanitario e su quello sociale, mettendoci dal punto di vista dell utenza e dei cittadini. Si è deciso di impostare l elaborazione delle linee di intervento nei 5 ambiti di seguito descritti. Nella convinzione che l investimento nei servizi socio sanitari possa costituire una precondizione per il miglioramento della qualità complessiva della vita per i residenti e per contrastare o invertire la tendenza del fenomeno dello spopolamento. Un territorio diventa infatti attrattivo, anche per i nuovi residenti, quando può assicurare un livello ottimale di servizi alla popolazione, con particolare riguardo per la salute. L area, inoltre, per le sinergie già consolidate e per le intese raggiunte dai Comuni, si presta a introdurre alcune sperimentazioni sia organizzative che tecnologiche, tali da poter costituire un osservatorio utile per la successiva implementazione in altre aree regionali. In presenza di una costante tendenza alla decrescita della popolazione, attenuata negli ultimi anni dal fenomeno dell immigrazione, e dall aumento della classe d età over 65 anni, sono state individuate le seguenti ambiti di intervento. 19

20 Servizi / strutture di prossimità e attuazione della rete con i presidi ospedalieri dotati di maggiore complessità clinica e tecnologica. Tele medicina Le caratteristiche degli interventi prendono che i risultati debbono essere mantenuti nel tempo indipendentemente dall esaurirsi del finanziamento aggiuntivo ad hoc. Altre caratteristiche, oltre alla sostenibilità nel tempo, degli interventi da prevedersi nel progetto sono: a) la erogazione di interventi comunque inseriti nei LEA o agli stessi riconducibili; b) l appropriatezza clinica ed organizzativa dei servizi offerti grazie al progetto; c) la coerenza con le regole di sistema che presiedono alla erogazione delle prestazioni ambulatoriale e residenziali oltre che di telemedicina; d) la coerenza con il quadro programmatorio (il progetto dovrebbe contribuire anzi alla realizzazione di quanto nello stesso previsto come la riconversione dei poli ospedalieri). Date queste premesse gli interventi integrativi che possono essere offerti sono della seguente natura: a) interventi formativi sugli operatori, sui pazienti e sui loro familiari/caregiver; b) sperimentazione di modelli organizzativi (iso risorse) finalizzati al miglioramento della qualità dei servizi; c) interventi per la informatizzazione delle reti assistenziali; d) servizi di telemedicina. Gli interventi previsti sono finalizzati a garantire la continuità delle cure e l integrazione ospedale/territorio anche mediante un infrastruttura di telemedicina, che si avvarrà di strumenti e funzionalità di tele sanità con lo scopo di potenziare le attività messe in atto dalla cure domiciliari e dalla case della salute, con un coinvolgimento volontario dei MMG. Ciò costituisce uno step fondamentale per l attivazione futura di telemedicina a totale copertura territoriale, con coinvolgimento delle farmacie e del paziente domiciliare. La telemedicina, che rientra nel dominio dell assistenza primaria, permette di mettere in rete i pazienti cronici con medici specialistici e MMG per assisterli nella diagnosi, monitoraggio, gestione e responsabilizzazione dei pazienti Riteniamo strategico per la nostra area sfruttare le potenzialità legate all uso delle nuove tecnologie della comunicazione in ambito sanitario. Prestazioni sanitarie erogate a distanza, monitoraggio dei malati cronici (soprattutto anziani) attraverso dispositivi che trasmettono al medico e a chi fa assistenza i parametri clinici e biologici necessari, permetterebbero interventi e prestazioni sanitarie anche in caso di emergenza molto più efficaci nelle zone più isolate e più difficili da raggiungere. Ad oggi nella Regione Marche esistono sperimentazioni di questo tipo di prestazioni a distanza che al momento non ci coinvolgono, e che vorremmo applicare anche nel nostro territorio. La Telemedicina qui considerata riguarda principalmente le case della salute/aft/et (strutture di prossimità) in rete con i presidi ospedalieri dotati di maggiore complessità clinica e tecnologica, nelle declinazioni tipo: tele refertazione, teleconsulto, telediagnosi, telesanità. La Telemedicina viene richiesta anche a supporto della residenzialità (RSA RP Lungodegenza Cure intermedie). Dove non sono presenti Case della salute sono previsti altri punti di erogazione (AFT Aggregazioni Funzionali Territoriali, farmacie di servizio e Ambulatori MMG, case di cura e di riposo). Si è ravvisata anche l opportunità di sperimentare un percorso di tele riabilitazione, in quanto può dare molteplici vantaggi: miglioramento della capacità funzionale e della qualità della vita del paziente attraverso il training fisico, e un accessibilità per i pazienti quantitativamente maggiore rispetto al metodo ambulatoriale correntemente offerto, una riduzione delle ri ospedalizzazioni e una maggior compliance attraverso un continuum assistenziale. 20

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale

1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale 1 CULTURA E TERRITORIO Un bando per promuovere lo sviluppo culturale Piano di azione promuovere la razionalizzazione e il rinnovamento dell offerta culturale Valorizzare le attività culturali come fattore

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Inviati speciali nei luoghi del possibile

Inviati speciali nei luoghi del possibile Sperimentazione di esperienze di studio finalizzate all orientamento professionale post diploma rivolte agli studenti dell ultimo biennio delle scuole secondarie statali di secondo grado della Regione

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un progetto artistico itinerante a cura di Marco Solari Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un iniziativa che, tramite

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA IL MODELLO DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO DELLE MARCHE E LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA Simona Teoldi ECONOMIA E CULTURA Cultura come volano trasversale

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

LO SPORT VA A SCUOLA

LO SPORT VA A SCUOLA Provincia di Pisa LO SPORT VA A SCUOLA giocosport - sport in cartella i colori dello sport studente chiama sport lo sport contro il fumo - nuoto in cartella PROGETTO QUADRO PROVINCIALE PER LE ATTIVITA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012)

Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE 92/2012) Teatro Pubblico Pugliese Programma Operativo Regione Puglia Unione Europea Fondo per lo sviluppo e coesione 2007/2013. Accordo di programma quadro rafforzato Beni ed Attività Culturali. (Delibera CIPE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione:

Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: GAL Riviera dei fiori. Asse 4 Leader del Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Misura 421 Cooperazione. Avviso di manifestazione di interesse per i seguenti progetti di Cooperazione: 1) Valorizzazione

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Laboratorio territoriale di Educazione Ambientale in collaborazione con PRACATINAT s.c.p.a.

Laboratorio territoriale di Educazione Ambientale in collaborazione con PRACATINAT s.c.p.a. PRACATINAT PER E CON LA SCUOLA Laboratorio di sostenibilità ambientale Servizi educativi residenziali, formativi e di co-progettazione legate all ambiente e al proprio territorio. Laboratorio territoriale

Dettagli

Istituti Comprensivi di Vicenza e Comune di Vicenza P.O.F.T. a.s. 2010/2011. Piano dell Offerta Formativa Territoriale

Istituti Comprensivi di Vicenza e Comune di Vicenza P.O.F.T. a.s. 2010/2011. Piano dell Offerta Formativa Territoriale P.O.F.T. a.s. 2010/2011 Piano dell Offerta Formativa Territoriale Istituti Comprensivi di Vicenza e Comune di Vicenza Gli Istituti Comprensivi, il Comune di Vicenza e l ULSS n. 6 sono impegnati a promuovere

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale

Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Roma, 17 febbraio 2015 Linee guida della Commissione Consultiva Teatro per la valutazione dei Teatri Nazionali e dei Teatri di rilevante interesse culturale Premessa generale In relazione al DM 1 luglio

Dettagli

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale

Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale Borghi Autentici d Italia Progetto Comunita Ospitale RETE BAI Sardegna Progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna ai sensi dell'art.4 della Legge Regionale n 6 del 15 marzo 2012 (Legge Finanziaria)

Dettagli

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere.

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. Riti di passaggio Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. L'associazione CIGD e gli enti partner del presente progetto individuano nei preadolescenti la fascia

Dettagli

I. P. C. LUCIANO TANDOI

I. P. C. LUCIANO TANDOI I. P. C. LUCIANO TANDOI ISTRUZIONE PROFESSIONALE STATALE Corso quinquennale per Tecnico dei Servizi Commerciali Primo Biennio (classi Prime e Seconde) Secondo Biennio (classi Terze e Quarte) Monoennio

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici

L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici Piano strategico: Appendice n. 2 L Unione dei Comuni della Bassa Romagna: sintesi costi e benefici L Unione è stata costituita con il preciso obiettivo di assicurare al sistema territoriale della Bassa

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Licei musicali: incontro dei Direttori dei Conservatori e dei dirigenti scolastici (Roma, 15 16 luglio 2010) Si è tenuto a Roma nei giorni 15 e 16 c.m. un incontro dei Direttori dei Conservatori e dei

Dettagli

4.1 Novità e caratteristiche

4.1 Novità e caratteristiche 34 4.1 Novità e caratteristiche Gli istituti professionali fanno parte a pieno titolo del sistema di istruzione assieme ai licei e agli istituti tecnici e si distinguono nettamente da questi ultimi, perché

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro

A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro PIU- Contrastare il disagio per costruire il futuro A cura di Dott.ssa Marta Bonetti (Università di Pisa) 1 PIU Contrastare il disagio per costruire il futuro Ob1- Presentazione del progetto preliminare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE - dal Complemento di Programmazione alla definizione dell idea forza e articolazione della strategia in linee di azione: uno schema metodologico 0. Premessa La

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

BOZZA DI PROGRAMMA/PROGETTO CULTURA PER LA LOMBARDIA. Giuliana Nuvoli

BOZZA DI PROGRAMMA/PROGETTO CULTURA PER LA LOMBARDIA. Giuliana Nuvoli BOZZA DI PROGRAMMA/PROGETTO CULTURA PER LA LOMBARDIA Giuliana Nuvoli DEFINIZIONE La nostra idea di cultura corrisponde a una concezione Etico-Antropologica, che intende la cultura come il patrimonio delle

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

P. O. F. delle nostre SCUOLE dell'infanzia

P. O. F. delle nostre SCUOLE dell'infanzia P. O. F. delle nostre SCUOLE dell'infanzia FINALITA ESPRESSE NEGLI ORIENTAMENTI Promuovere lo sviluppo delle identità (permette al bambino di imparare a stare bene e sentirsi sicuro nell affrontare nuove

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

2016 Voci di quartiere

2016 Voci di quartiere Legambiente Onlus Via Salaria, 403-00199 Roma - tel. 06 862681 - Fax 06 86218474 - legambiente@legambiente.it - www.legambiente.it Introduzione C è un Italia fatta di quartieri sostenibili, dove nuove

Dettagli

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture CRITICITÀ 1. Inadeguatezza della infrastruttura digitale (connettività) a fronte di investimenti importanti permangono profonde differenze territoriali nel paese e all'interno della stessa Regione 2. difficoltà

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1

ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO. pg 1 ORIENTAMENTO FORMATIVO INFORMATIVO pg 1 TIPOLOGIA DELLA SCUOLA MEDIA Aree disciplinari e diversi percorsi di studio Conoscenza di sé le proprie attitudini il proprio modo di porsi nei confronti dell impegno

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

Pesaro distretto di eventi e festival Il Distretto Culturale Evoluto di Pesaro si presenta alla città.

Pesaro distretto di eventi e festival Il Distretto Culturale Evoluto di Pesaro si presenta alla città. Pesaro distretto di eventi e festival Il Distretto Culturale Evoluto di Pesaro si presenta alla città. Pesaro distretto di eventi e festival Il Distretto Culturale Evoluto 1 Il distretto culturale evoluto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli