Modulo 4 per professionisti sanitari: Buone pratiche e miglioramento della qualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo 4 per professionisti sanitari: Buone pratiche e miglioramento della qualità"

Transcript

1 1 Modulo 4 per professionisti sanitari: Buone pratiche e miglioramento della qualità Durata: Il modulo 4 richiede 45 minuti Contenuto: Argomento 1: Come migliorare la risposta e l impegno delle strutture istituzionali con strategie e politiche condivise Argomento 2: Le buone pratiche del servizio ambulanze (pronto soccorso, centri di emergenza ecc.) Argomento 3: Esempi di buone pratiche cliniche (programmi di intervento negli ospedali) Argomento 4: Valutazione dei programmi sulla violenza domestica Obiettivi del Modulo 4: Gli obiettivi del presente modulo sono i seguenti: Definire i passi che i gestori e prestatori delle cure sanitarie possono intraprendere per migliorare la risposta dei servizi sanitari alla violenza da parte del partner intimo (Intimate Partner Violence, IPV) Fornite esempi di buone pratiche (centri di emergenza e ospedali) Informare sugli strumenti per il miglioramento della qualità

2 2 Informazioni di base Le iniziative e i progetti che ambiscono ad ottenere cambiamenti nella pratica delle istituzioni sanitarie devono essere sostenuti e accettati dai Senior manager, quali quelli dei Consigli di Amministrazione e dello staff professionale, ad esempio i consulenti medici. Un chiaro impegno degli organi responsabili Consigli sanitari e organizzazioni professionali conferisce credibilità ai cambiamenti necessari. I progetti che non ottengono questo genere di sostegno tendono a dare risposte che dipendono soprattutto dall impegno dei singoli professionisti, e in questi casi manca un sostegno alla loro implementazione (Regan 2004:20ff; Hellbernd et al. 2003:59ff). La creazione di una task-force interdisciplinare e interdipartimentale in un ospedale o istituzione per sviluppare una politica organizzativa riguardante nuove pratiche di intervanto in caso di violenza ha dimostrato di essere una pratica altamente affidabile ed efficiente (Hellbernd et al. 2003:59ff). E fortemente raccomandato includere in queste task-force esperti in materia di violenza. I risultati della valutazione sul miglioramento delle risposte istituzionali e sulle misure per l identificazione precoce, l intervento, il sostegno e l orientamento richiamano l attenzione sugli standard di qualità specifici da soddisfare per offrire pratiche buone e continue. (Westmarland et al. 2004; Regan 2004; Romito et al 2004; Hellbernd et al. 2003; Perttu et al. 2003). Questi standard sono i seguenti: Offrire formazione e istruzione specifica per i professionisti sanitari riguardo le informazioni di base sulla violenza di genere; Sviluppare specifiche conoscenze pratiche, ad esempio istruzioni e linee guida sul modo di porre domande, dimostrare un atteggiamento interessato, su come offrire una struttura sicura e su cosa fare in caso di rivelazione della violenza; Stabilire protocolli che rendano prioritaria la sicurezza delle potenziali vittime ed elaborare linee guida scritte; Porre domande a tutti i pazienti, svolgere indagini di routine, piuttosto che fare indagini ad hoc che possono portare a supposizioni e a una visione stereotipica dei gruppi vulnerabili di vittime; Offrire materiale informativo ai pazienti e collaborare con strutture di sostegno specializzate per facilitare l orientamento se necessario; Stabilire dei validi sistemi di documentazione e monitoraggio per registrare le rivelazioni e le risposte cliniche al fine di imparare dall implementazione delle indagini di routine e di svilupparle. (Fonte: Hanmer/Gloor/Meier et al. 2006) Ulteriori informazioni sulla politica contro l abuso domestico e sul ruolo dei soggetti responsabili di tali politiche o dei manager sono pubblicate dal Ministero della Salute britannico (British Department of Health, 2005): Un responsabile delle politiche o un manager di strutture sanitarie giocano un ruolo importante nell assicurare che i servizi rispondano efficacemente agli abusi domestici. Questo ruolo dovrebbe comportare:

3 3 la creazione di strategie e politiche volte ad offrire un servizio locale che riflette le linee guida nazionali; porre al centro delle decisioni politiche la sicurezza delle donne e dei bambini vittime di abusi; partecipare in iniziative multi-strutture; e monitorare, valutare e verificare le iniziative sull abuso domestico promosse dai servizi sanitari e raccogliere i dati inerenti. Fonte: Ministero della salute (Department of Health, DH) 2005:83ff: Rispondere all abuso domestico: un manuale per i professionisti sanitari (Responding to domestic abuse: a handbook for health professionals) Cosa dovrebbe comprendere una politica contro l abuso domestico? Come minimo, la linea di politiche contro l abuso dovrebbe comprendere: una descrizione dei principi sottostanti alle linee politiche; una definizione dell abuso domestico; informazioni sul contesto nazionale e locale; uno schema delle aspettative delle linee politiche; e l atteggiamento dell Autorità o Trust includere riferimenti a chi ha la responsabilità di porre domande sull abuso domestico alle donne. Dicendo che ciascuno deve prendersi la responsabilità per porre domande sull abuso domestico si rischia che alla fine nessuno lo faccia. La principale responsabilità dovrebbe corrispondere alla persona con responsabilità primarie per la cura della donna. E di fondamentale importanza che la vostra politica venga completata con formazione e istruzione, supervisione e sostegno per lo staff. Fonte: Ministero della salute (Department of Health, DH) 2005, pag. 84 Cosa va incluso in una politica delle Risorse umane (Human Resources (HR) policy): una dichiarazione di impegno a fornire sostegno, consulenza e informazione; una descrizione delle basi giuridiche delle linee politiche; cosa offrirà l organizzazione alle persone vittime di abuso domestico; come l organizzazione intende rispondere nei confronti dei perpetratori; come verrà implementata e monitorata la politica; e che genere di formazione sarà resa disponibile ai manager Fonte: Ministero della salute (Department of Health, DH) 2005, p. 92 L OMS (2004) fa notare che i manager sanitari possono fare dei passi importanti per migliorare le risposte delle strutture sanitarie alla violenza domestica: I servizi di orientamento possono comprendere servizi giuridici, sociali, strutture di accoglienza ecc.. Le reti di orientamento dipendono da accordi formali o informali tra servizi sanitari e altre organizzazioni. La sensibilizzazione aumenta la consapevolezza e le conoscenze sulla violenza di genere del personale. Per garantire la privacy e la riservatezza possono essere necessarie migliori infrastrutture (ad esempio porte più solide, muri al posto di tende) e/o politiche e

4 4 corsi di formazione che assicurino che il personale comprenda l importanza della riservatezza e conosca le procedure da seguire. Per quanto riguarda le cartelle cliniche, i prestatori di cure devono sapere in quale modo si documentano i casi di violenza di genere e i manager devono stabilire delle politiche e dei sistemi per proteggere la riservatezza delle cartelle cliniche. I protocolli per il trattamento delle donne in crisi deve essere adattato al contesto locale. I corsi di formazione per il personale possono riguardare i segni della violenza di genere, il come porre domande ai pazienti, come documentare, denunciare, ecc. Le politiche sulle molestie sessuali possono migliorare l ambiente lavorativo professionale e l ampiezza della diffusione dei principi di rispetto dei diritti umani nell organizzazione. I gruppi di sostegno per i prestatori di cure possono aiutarli nell affrontare dubbi, costi emotivi e domande su come affrontare casi difficili. I gruppi di sostegno per le donne possono rappresentare un modo a basso costo per aiutare le donne ad affrontare la violenza di genere. Fonte: OMS Teach VIP 2004 (WHO Teach VIP 2004) Materiale per strutture sanitarie Ci sono strumenti e informazioni validissime per i responsabili delle decisioni e gli amministratori delle strutture sanitarie che consentono di migliorare le cure sanitarie e implementare programmi di intervento sulla violenza domestica, sviluppati dal Fondo per la prevenzione della violenza famigliare - Family Violence Prevention Fund (www.endabuse.org). Il Business Case for Domestic Violence Programs prodotto dal Fondo per la prevenzione della violenza in famiglia - Family Violence Prevention Fund (FVPF 2007) offre alle persone coinvolte nel programma di identificazione della violenza domestica strumenti adatti per gli incontri con gli amministratori o responsabili finanziari delle strutture sanitarie. Comprende informazioni sulle conseguenze della violenza domestica sulla salute, i relativi costi sanitari e i modi in cui i programmi di intervento sulla violenza domestica possono tagliare tali costi. Il Fondo di prevenzione della violenza famigliare e i Medici per una società libera dalla violenza (Physicians for A Violence Free Society) hanno sviluppato un programma excel chiamato Return on Investment Tool (strumento per il tasso di redditività) che aiuta ad analizzare i costi e i potenziali benefici dell implementazione di un programma completo per la risposta alla violenza domestica nelle strutture sanitarie. Il programma promuove la qualità delle cure usando prove a sostegno di cambiamenti chiave nelle infrastrutture per curare le vittime di violenza, oltre a promuovere futuri risultati di ricerca offrendo un modello per seguire e valutare gli obiettivi di miglioramento clinico in base alla migliore salute e sicurezza dei pazienti. Questa presentazione offre informazioni sulle conseguenze dell abuso sulla salute, i relativi costi sanitari ed offre argomenti persuasivi sulle potenzialità per tagliare tali costi con programmi di intervento sulla violenza domestica.

5 5 Argomento 2: Le buone pratiche del servizio ambulanze (pronto soccorso, centri di emergenza ecc.) Indicatori di buone pratiche nell abuso domestico 1 Sviluppare una definizione dell abuso domestico in connessione a un adeguata prestazione di servizi. 2 Porre al centro politiche sull abuso domestico e linee guida che comprendano la protezione di adulti e bambini vulnerabili. 3 Priorità alla sicurezza. 4 Aumento della consapevolezza, istruzione e formazione. 5 Valutazione, processi di verifica e raccolta dati. 6 Strategia multi-strutture. Fonte: Ministero della salute (Department of Health, DH) 2005, pag. 90 Parte 1: Servizi di emergenza medica (Emergency Medical Services, EMS) I servizi di emergenza medica spesso sono il primo servizio chiamato in causa in caso di incidenti di violenza domestica, specialmente nei casi di lesioni gravi. Il primo professionista sanitario è la persona che riceve la telefonata e per questo è necessario istruire queste persone. Ci sono diverse questioni importanti di cui essere consapevoli: la telefonata di emergenza potrebbe essere stata fatta per il trauma o per altre conseguenze della violenza domestica o di altro, per questo i professionisti devono conoscere tutto il problema della violenza domestica. Devono conoscere le bandierine rosse ; è fondamentale conoscere anche gli ostacoli che impediscono di cercare aiuto. La formazione in comunicazione sia per il ricevente delle chiamate che per gli specialisti degli specifici settori è estremamente utile. A volte il perpetratore è presente sulla scena, e per questo i professionisti devono conoscere i principi di una comunicazione efficace sia con la vittima che con il perpetratore, oltre che essere capaci di gestire l intera situazione. Sono necessarie conoscenze in materia medico legale (consenso informato e rifiuto, privacy del paziente vs. condizioni denunciabili). Le fasi della risposta di emergenza sono le seguenti: - chiamata di emergenza centro di smistamento medico - trattamento sul luogo e trasporto medici / infermieri delle emergenze mediche / paramedici - ammissione o dimissione dall ospedale medici e infermieri nell ospedale (di solito reparto di pronto soccorso, traumatologia, chirurgia, medicina interna, otorinolaringoiatria e altri). Tutti questi professionisti dovrebbero avere conoscenze teoriche di base riguardo al problema, abilità di base per una comunicazione efficace, capacità di identificare le vittime e conoscenze sulle questioni giuridiche. Anche le persone che ricevono le chiamate devono essere capaci di identificare la violenza domestica in base alla sola chiamata di emergenza base e devono essere in grado di gestire la situazione, tra cui scegliere la risposta più adeguata (priorità, livello di risposta team medico / non medico, invio della polizia sulla scena). Le persone che ricevono le chiamate dovrebbero inoltre disporre di un database di tutti i servizi di

6 6 sostegno della zona (servizi sociali, psicosociali, linee di aiuto, centri di accoglienza per donne, centri di intervento ecc.). I professionisti dei singoli settori devono essere capaci di identificare la violenza domestica quando vengono chiamati ad affrontare una qualsiasi conseguenza sulla salute di tale violenza e devono essere capaci di offrire cure e sostegno adeguati con l aiuto del centro di smistamento della chiamate (database di servizi di sostegno vedere sopra). Il trattamento deve essere fornito a seconda dell urgenza, in cui la massima priorità va data alle funzioni vitali e a trauma maggiori. Un ulteriore responsabilità dell ospedale è documentare in modo preciso le lesioni, comprendendo schemi del corpo e fotografie (con il consenso della vittima) e denunce secondo le leggi vigenti nello Stato. Dovrebbe esserci tempo per brevi interventi di crisi. Per assicurare che questo tipo sostegno possa essere offerto, le seguenti prassi istituzionali devono essere avviate: - formazione del personale, che dovrebbe essere obbligatoria - sostegno dal management - protocolli scritti - sarebbe ideale avere un team specificamente formato (a chiamata in caso di violenza domestica) - fondi per questi servizi aggiuntivi. Argomento 3: Esempi di buone pratiche cliniche (programmi di intervento negli ospedali) Affinché i medici possano sviluppare e offrire una risposta adeguata alla violenza domestica, è necessario che ottengano il sostegno delle istituzioni in cui operano. Se i professionisti sanitari tentano di introdurre come standard operativo le indagini di routine sull abuso per tutte le pazienti donne, il bisogno di una risposta istituzionale coordinata alla violenza domestica diventa sempre più evidente. Fonte: Fondo per la prevenzione della violenza famigliare, Migliorare la risposta di cure sanitarie alla violenza domestica: un manuale per i prestatori di cure mediche (FVPF Improving the Health Care Response to Domestic Violence: A Resource Manual for Health Care Providers), pag. 109 Ci sono numerose ricerche sui programmi di intervento nelle cliniche, studi sull implementazione dei programmi e sui miglioramenti delle cure sanitarie per pazienti vittime di violenza (Rodriguez et al. 1999, Coben 2002, Rhodes et al. 2003, McFarlane et al. 2004, Hellbernd et al. 2004, Bacchus et al. 2007).

7 7 S.I.G.N.A.L. Un progetto pilota per gli interventi contro la violenza sulle donne Un esempio di un programma di intervento in ospedale è dato dal S.I.G.N.A.L. - intervention program in Germania. Il progetto è stato messo in pratica nel 1999 alla clinica universitaria Benjamin Franklin University Clinic della Libera università di Berlino, Germania, ed esteso a interventi in casi di violenza contro le donne. Il progetto porta il nome S.I.G.N.A.L. Il nome sottolinea l importanza del riconoscimento dei segnali e segni di allarme di violenza contro le donne 1. E inoltre l acronimo formato dalle singole lettere S-I-G-N-A-L (in tedesco) che denotano i passi pratici da intraprendere quando una donna vittima di abuso si rivolge ad una clinica per ottenere aiuto. Le line guida del S.I.G.N.A.L. per il personale degli ospedali sono le seguenti: S I G N A L Parlare (Speak) al paziente per dimostrare la disponibilità ad aiutare. Le donne possono parlare di ciò che hanno subito soltanto se sentono che qualcuno le ascolta veramente e vuole considerare i loro problemi seriamente. Intervistare (Interview) la paziente usando domande semplici e pratiche. Ascoltare senza giudicare. Le donne hanno spesso paura di non venire considerate con serietà e tendono a vergognarsi. Possono avere difficoltà a parlare con qualcun altro della violenza subita. Fare una visita approfondita di lesioni nuove e vecchie. Le lesioni a diversi stadi di guarigione possono indicare violenza domestica. Osservare e documentare tutte le evidenze mediche riscontrate e le informazioni in modo che possano essere usate come prove in tribunale. Stabilire le necessità di sicurezza della paziente. Ciascun intervento deve ambire a fornire alla vittima protezione e a far finire la violenza. Offrire alla paziente le linee guida per il comportamento personale e i numeri di emergenza e i dettagli sulle strutture di sostegno disponibili. Le pazienti ne faranno uso quando sentiranno che è arrivato il momento giusto. Oltre alle linee guida cliniche, il programma SIGNAL comprende anche i seguenti elementi per implementare il protocollo in ospedale: Procedure di intervento e documentazione medica orientamento a personale della struttura stessa e a strutture della comunità: programmi sulla violenza domestica, consulenze legali, servizi per i bambini, servizi per situazioni di stupro Piano di formazione per il personale Le linee guida S.I.G.N.A.L. costituiscono la base per programmi di formazione per il personale infermieristico e medico e per altri gruppi di professionisti alla Clinica 1 Il programma di intervento S.I.G.N.A.L. è adattato dal programma RADAR. I passi di azione del RADAR sono stati sviluppati dalla Massachusetts Medical Society nel 1992.

8 8 universitaria. I corsi di formazione si svolgono in unità di due giorni. I primi corsi sono stati tenuti per il personale dell Accettazione/Dipartimento di pronto soccorso. Ulteriori corsi sono previsti per ginecologia, chirurgia, traumatologia, radiologia, dipartimento di psicosomatica e neurologia. Valutazione, controllo della qualità e monitoraggio scientifico Tra il 2000 e il 2003 un processo di valutazione del progetto pilota è stato istituito dal Ministero federale per le questioni della famiglia, degli anziani, delle donne e dei giovani della Germania e condotto dall Istituto per le scienze mediche dell Università tecnica di Berlino. Questa valutazione è stata significativa come studio di valutazione e verifica delle prime necessità, dato che i dati sono stati raccolti e valutati secondo le necessità di servizi medici da parte delle donne vittime di violenza in Germania. Il personale dell ospedale considera S.I.G.N.A.L. come un programma importante e necessario per migliorare le cure mediche per le pazienti donne vittime di violenza. Un concetto di formazione praticabile e orientato al target è stato sviluppato nel corso del progetto S.I.G.N.A.L. in modo da raggiungere con successo diversi membri dello staff in un ospedale. La valutazione del programma di formazione ha dimostrato che lo staff dell ospedale lo vedeva positivamente. Le sessioni di formazione sono riuscite a sensibilizzare il personale sul problema della violenza domestica. Gli standard per cure mediche adeguate per pazienti vittime di abuso sono stati trasmessi al personale, come pure le linee guida per una risposta competente. I partecipanti hanno considerato la formazione come fondamentale per fornire informazioni sul problema della violenza contro le donne e sulle strategie di intervento e sostegno; le informazioni sui programmi locali di consulenza e sui centri di accoglienza sono state giudicate particolarmente utili per il loro lavoro quotidiano. Operare in rete con altri progetti volti a combattere la violenza Il progetto pilota, il primo di questo genere in Germania, ha fatto aumentare l interesse tra gli ospedali in quel paese. Operare in rete con altre cliniche e progetti di prevenzione nel campo del contrasto alla violenza è stata una delle caratteristiche di questo progetto pilota fin dagli inizi. Considerato il feedback positivo ricevuto, sono stati fatti piani per costruire una rete designate per il coordinamento dell implementazione del progetto presso altre strutture sanitarie in cui ci sia un interesse a farlo. Argomento 4: Valutazione dei programmi sulla violenza domestica Per migliorare la risposta sanitaria alle vittime di violenza domestica, gli ospedali e i sistemi sanitari stanno predisponendo e implementando corsi di formazione, screening e programmi di intervento. Le valutazioni formali dei programmi sono di fondamentale importanza. Uno strumento per la valutazione formale dei programmi contro la violenza domestica degli ospedali è stato sviluppato dall Agenzia per la ricerca e la qualità dei servizi sanitari (Agency for Healthcare Research and Quality, AHRQ) e da Jeff Coben. Si tratta dello strumento di valutazione basato sul consenso chiamato Delphi Instrument for Hospital-

9 9 based Domestic Violence Programs 2 (Strumento Delphi per programmi contro la violenza negli ospedali). Lo strumento può aiutare a misurare il progresso degli interventi negli ospedali per quanto riguarda le seguenti categorie: politiche e procedure ospedaliere ambiente fisico ospedaliero ambiente culturale ospedaliero corsi di formazione per prestatori di servizi screening & valutazione della sicurezza documentazione servizi di intervento attività di valutazione collaborazioni Come si usa questo strumento di valutazione? Innanzitutto va compilato prima che un nuovo piano venga implementato e poi ricompilato ogni 6 mesi, per circa 2-5 anni. Lo strumento può essere autosomministrato o somministrato da un valutatore indipendente assieme ad un rappresentante del programma ospedaliero contro la violenza del partner intimo (IPV). In entrambi i casi la persona che conosce meglio il programma IPV deve partecipare al procedimento. Le informazioni richieste possono essere ottenute meglio con una visita "in loco" dell ospedale. L ospedale deve avere sufficiente tempo per produrre il materiale che deve essere valutato (si suggerisce un avviso anticipato di 3 settimane). Le procedure di valutazione dovrebbero comprendere una revisione di tale materiale e una visita della struttura per verificare la presenza di poster, brochure, procedure di documentazione, apparecchi (ad esempio macchine fotografiche) e altri strumenti. Circa quattro ore dovrebbero essere dedicate per il completamento della verifica con questo strumento. Ulteriori informazioni sullo strumento, compreso il suo sviluppo e la sua valutazione, possono essere scaricate dal sito Lo strumento è stato adottato per gli ospedali nei paesi germanofoni da Brzank (2005). Lo strumento di valutazione della qualità degli interventi contro la violenza famigliare per medici di prima cura 3 Lo strumento "Delphi Instrument for Hospital Domestic Violence Programs" è stato modificato per essere utilizzato in strutture di prima cura (pediatri, medici di famiglia, internisti e ostetriche/ginecologi), ma lo strumento modificato non è stato valutato allo stesso modo dell originale. Lo strumento può essere utilizzato per valutare gli sforzi contro la violenza famigliare nelle strutture di prima cura all inizio e a scadenze diverse (ogni 6 mesi, ogni anno, ogni paio d anno) quando ci si concentra sulla violenza famigliare come un obiettivo di miglioramento della qualità delle cure. E pensato per identificare mancanze che possono essere sopperite e affinché le cure ai pazienti che convivono con la violenza e l abuso possano essere migliorate

10 10 Bibliografia: Bacchus, L./ Aston, G./ Torres Vitolas, C./ Jordan, P./ Murray, S.F. (2007): A theory-based evaluation of a multi-agency domestic violence service at Guy s & St Thomas NHS Foundation Trust. London: King s College London. Hanmer, J./ Gloor, D./ Meier, H. et al. (2006): Agencies and evaluation of good practice: domestic violence, rape and sexual assault. Coben, J.H. (2002): "Measuring the quality of hospital-based domestic violence programs." Acad Emerg Med 9(11): Department of Health (DH) (2005): 83ff: Responding to domestic abuse: a handbook for health professionals Family Violence Prevention Fund (FVPF) (1998): Improving the Health Care Response to Domestic Violence: A Resource Manual for Health Care Providers Family Violence Prevention Fund: Health Care Website Hellbernd, H./ Brzank, P. et al. (2004): Häusliche Gewalt gegen Frauen: gesundheitliche Versorgung. Das S.I.G.N.A.L. -Interventionsprogramm. Handbuch für die Praxis, Wissenschaftlicher Bericht. Gefördert mit Mitteln des Bundesministeriums für Familie, Senioren, Frauen und Jugend. Berlin. McFarlane, J./ Malecha, A. et al. (2004): "Increasing the safety-promoting behaviours of abused women." Am J Nurs 104(3): 40-50; quiz 50-. Rhodes, K.V. and Levinson, W. (2003): "Interventions for intimate partner violence against women: clinical applications." Jama 289(5): Rodriguez, M.A./ Bauer, H.M. et al. (1999): "Screening and intervention for intimate partner abuse: practices and attitudes of primary care physicians." Jama 282(5): WHO Teach Vip (2004): User s manual. Geneva

Presentazione Progetto

Presentazione Progetto Presentazione Progetto Coordinatore Scientifico: Massimo Annicchiarico Premessa La Violenza contro le Donne è qualunque atto di violenza in base al sesso, o la minaccia di tali atti, che produca o possa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ARMA DEI CARABINIERI COMANDO PROVINCIALE, LA QUESTURA DI CATANIA, L AZIENDA OSPEDALIERA O.V.E. FERRAROTTO S. BAMBINO DI CATANIA - L AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI CATANIA -

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

Progetto. Donna in libertà

Progetto. Donna in libertà Progetto Donna in libertà finanziato dal Ministero nell ambito di interventi finalizzati a Rafforzare le azioni di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza I numeri che parlano della violenza

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza

ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza ACCOGLIERE, RILEVARE ed INTERVENIRE La valutazione del rischio in un servizio di emergenza D.ssa Donatella Galloni Assistente Sociale Specialista Violenza Sessuale e Domestica (SVSeD) Fondazione IRCCS

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LA SIMG: SIAMO LE SENTINELLE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PARTE VÌOLA, IL PROGETTO PER ABBATTERE IL MURO DEL SILENZIO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA

LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA LA RETE LOCALE PER LE VITTIME DI VIOLENZA Relatrice dott.ssa M.Milano Vicepresidente Me.Dea Associazione di Promozione Sociale di Contrasto alla Violenza Contro la Donna ME.DEA UN TASSELLO DELLA RETE Ogni

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY

EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY EAST BOSTON NEIGHBORHOOD HEALTH CENTER AVVISO SULLA PRIVACY Questo avviso descrive come i suoi dati medici possono essere utilizzati e divulgati, e come lei potrà accedervi. La preghiamo di leggerlo con

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Centro Riferimento Regionale per la Violenza e l Abuso Sessuale sulle Donne e Minori CRRV

Centro Riferimento Regionale per la Violenza e l Abuso Sessuale sulle Donne e Minori CRRV Centro Riferimento Regionale per la Violenza e l Abuso Sessuale sulle Donne e Minori CRRV S. Bucciantini P.Mertino F.Pampaloni M.Meda SODs Ginecologia Infanzia e Adolescenza Dipartimento assistenziale

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Assistenza dei casi di violenza: triage e percorso in Pronto Soccorso

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER. Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant

IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER. Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant IL MESTIERE DEL SECURITY MANAGER Alessandro Lega, CPP Senior Security Consultant Cercheremo di arrivare alla definizione del ruolo e del profilo che meglio descrivono il mestiere del Security Manager tramite

Dettagli

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Pisa 26/11/2012 Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Nel 2002 l OMS, nel suo rapporto mondiale su violenza e salute, considera

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4 Oltre il disagio SETTORE e Area di Intervento: voce 5 Settore: Protezione Civile Area di intervento: Ricerca e monitoraggio zone a rischio (04)

Dettagli

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata

Albania, Croazia, Danimarca, * El Salvador, Israele, Perù, Filippine, Tailandia, Ucraina e Stati Uniti: bozza di risoluzione revisionata Nazioni Unite Consiglio Economico e Sociale Rivisto E/CN.7/2012/L.8/Rev.1 Distribuzione Limitata 15 marzo 2012 Commissione stupefacenti 55ª sessione Vienna, 12-16 marzo 2012 Punto 6 (a) dell agenda Attuazione

Dettagli

BESCLO The Basic European Social Care Learning Outcomes

BESCLO The Basic European Social Care Learning Outcomes Il European Care Certificate è un certificato che attesta l acquisizione delle conoscenze di base necessarie per lavorare nell ambito socio assistenziale e socio sanitario. Viene rilasciato previo superamento

Dettagli

LES una Patologia spesso trascurata

LES una Patologia spesso trascurata Gruppo Italiano per la lotta contro il LES XXIX Congresso Sezione S.I.A.I.C. Toscana, VIII Congresso Sezione S.I.A.I.C. Toscana, Emilia Romagna e San Marino, I Congresso Sezione S.I.A.I.C. Umbria e Marche

Dettagli

Avete denunciato un reato. Cosa succede adesso?

Avete denunciato un reato. Cosa succede adesso? Avete denunciato un reato. Cosa succede adesso? Cosa succede adesso? Essere vittima di un crimine o testimone di un incidente può essere stressante e traumatizzante. Questo opuscolo vi fornirà informazioni

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

AGENDA DELLA GRAVIDANZA

AGENDA DELLA GRAVIDANZA AGENDA DELLA GRAVIDANZA CEFFA M. CARMEN DMI ASL NOVARA- 2012 DGR n. 34-8769 del 12/05/2008 Piano socio-sanitario sanitario regionale 2012-2015. 2015. Area materno-infantile infantile: : definizione obiettivi

Dettagli

L impegno del Pronto Soccorso dell AOUP nell accoglienza delle vittime di violenza Dr. Eugenio Orsitto Direttore D.E.U.

L impegno del Pronto Soccorso dell AOUP nell accoglienza delle vittime di violenza Dr. Eugenio Orsitto Direttore D.E.U. L impegno del Pronto Soccorso dell AOUP nell accoglienza delle vittime di violenza Dr. Eugenio Orsitto Direttore D.E.U. CODICE ROSA. GESTIONE DELLE VITTIME DI VIOLENZA: UN PERCORSO DALL OSPEDALE AL TERRITORIO

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina

Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Il trattamento del dato sanitario con mezzi informatico-telematici:

Dettagli

DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA. Ospedale Evangelico Internazionale 27 NOVEMBRE 2015 DOTTORESSA COSMELLI ARIANNA

DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA. Ospedale Evangelico Internazionale 27 NOVEMBRE 2015 DOTTORESSA COSMELLI ARIANNA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA 27 NOVEMBRE 2015 Ospedale Evangelico Internazionale DOTTORESSA COSMELLI ARIANNA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Con l espressione violenza nei

Dettagli

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE

I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE I CLIENTI VALUTANO IL LAVORO DEGLI PSICOLOGI: PROSPETTIVE PROFESSIONALI ED ORGANIZZATIVE Metodologia e risultati della ricerca 22 ottobre 2009 Achille Orsenigo 1 Premesse sul valore del lavoro Non è facile

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana

La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana La gestione del rischio clinico in ambiente sanitario: linee di indirizzo della Regione Toscana Alba, 17-19 Maggio 2006 Ing. Marco Masi Regione Toscana Direzione Generale del Diritto alla Salute Coordinamento

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations CUSTOMER SUCCESS STORY LUGLIO 2015 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Agile Operations PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Azienda: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Dovrebbero sottoporsi allo screening del seno tutte le donne?

Dovrebbero sottoporsi allo screening del seno tutte le donne? BREAST SCREENING ITALIAN The Facts SCREENING DEL SENO ITALIANO I fatti Cos è lo screening del seno? Lo screening del seno (mammografia) è un esame a raggi X del seno. L esame può rivelare la presenza di

Dettagli

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone Corso di formazione: VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO Associazione Ponte Donna dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Panoramica generale sui Centri Antiviolenza e per donne

Dettagli

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e AREA DI INTERVENTO Obiettivi strategici Titolo azione Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e Specificare

Dettagli

Curriculum Associazione Belluno-DONNA

Curriculum Associazione Belluno-DONNA Curriculum Associazione Belluno-DONNA 1. L Origine dell Associazione L Associazione Belluno-DONNA onlus è nata nel 2003 dal Gruppo di lavoro sulla violenza alle donne che nel 2001, insieme ai Medici di

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Alessandro Norcia

INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE. Alessandro Norcia INSIEME CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE Umberto Stipa Clarissa Valdez Arianna Pintus Alessandro Norcia Jacopo Cappella Gianmarco Ferrara Eugenio de Battistis Violenza contro le donne Tra gli argomenti di

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini

Il Piano d Azione per l allattamento al seno e l alimentazione dei bambini uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Il Piano d Azione per l allattamento al seno

Dettagli

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 I N D I C E - G l o s s a r i o F S C p a g. 2 - A U D I T p a g. 2 - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 - I n t e r v e n t i d i m i g l i o r a m e n t o p a g. 3 - L i n e e G u i d a p a g.

Dettagli

Le persone con disabilità

Le persone con disabilità Mina Lomuscio Ministero Affari Esteri Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo Unità Tecnica Centrale Cooperazione internazionale e inclusione Rimini 9 novembre 2013 Le persone con disabilità Le persone

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini La gestione della crisi: CRM G. Scagliarini Obiettivi Introdurre concetto di CRM Razionale della Simulazione Cosa hanno in comune aeronautica, anestesia e emergency medicine? Elementi comuni Alta complessità

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING

PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING PIANO REGIONALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE E LO STALKING 2011-2013: linee d indirizzo Premessa 1. la Violenza La Regione Lazio stigmatizza e condanna ogni forma di Violenza. Tra le varie definizioni

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere

Inail cosa fa / Contrasto delle discriminazioni e benessere lavorativo. Salute e sicurezza sul lavoro: una questione anche di genere Piano triennale delle azioni positive 2011/2013 Il Piano triennale di azioni positive nasce dal lavoro svolto dal Comitato per le pari opportunità e è stato in seguito ratificato dal Comitato unico di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne

La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne La rete del Coordinamento Cittadino contro la Violenza alle Donne a cura di Rosa Piscopo - Donne & Futuro onlus e Ufficio Accogliere le Donne Settore Pari Opportunità e Politiche di Genere Città di Torino

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri

Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale. Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Screening per il tumore della mammella Ruolo dei medici di medicina generale Riportare al singolo paziente le evidenze dei grandi numeri Prevenzione:due direttrici parallele Gli studi di popolazione Health

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Le questioni etiche nella ricerca sulla violenza contro le donne: lo studio transnazionale OMS e il Codice Etico

Le questioni etiche nella ricerca sulla violenza contro le donne: lo studio transnazionale OMS e il Codice Etico Corso di Metodologia della Ricerca psico-sociale Facoltà di Psicologia, Università di Trieste, Le questioni etiche nella ricerca sulla violenza contro le donne: lo studio transnazionale OMS e il Codice

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA

In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA In Collaborazione con LA CARTA DI ROMA APPELLO PER UN PIANO D AZIONE GLOBALE PER PROTEGGERE I BAMBINI DEL MONDO E PER FERMARE LA VIOLAZIONE DEI LORO DIRITTI Roma, Italia 3 novembre 2011 Ogni bambino è

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE Via Savi,10-56126 PISA

DIPARTIMENTO DI MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE Via Savi,10-56126 PISA Pisa, 17/09/2015 Prot. N. 12140 DIPARTIMENTO DI MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE Via Savi,10-56126 PISA PROVVEDIMENTO D URGENZA N. 826/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

Rete Provinciale contro la violenza di genere

Rete Provinciale contro la violenza di genere Assessorato alle Pari Opportunità Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza di genere Protocollo d intesa per la costituzione della Rete Provinciale contro la violenza

Dettagli

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani

Meccanismo di monitoraggio. Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Meccanismo di monitoraggio Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta degli esseri umani Obiettivi della Convenzione La Convenzione del Consiglio d Europa sulla lotta contro la tratta

Dettagli