La musicoterapia è una terapia?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La musicoterapia è una terapia?"

Transcript

1 Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali Laura Gamba Musicoterapista Azienda Ospedaliera di Cremona La musicoterapia è una terapia?

2 La Musicoterapia non è una terapia In Italia la Musicoterapia non è ancora riconosciuta come disciplina scientifica e il profilo professionale del Musicoterapista non è ancora definito e previsto nel ruolo sanitario. Anche se alcuni musicoterapisti riescono ad inserirsi nelle strutture sanitarie con la propria professionalità, di fatto per il SSN la MT non esiste.

3 Diventare musicoterapisti in Italia non è previsto un corso di studi universitario per diventare musicoterapisti; non c è una laurea in musicoterapia ci sono invece molte scuole e molti modelli formativi iniziano ad essere numerosi corsi e master in musicoterapia all interno di percorsi formativi inerenti professioni riconosciute e codificate

4 Formazione in musicoterapia nessuno dei titoli in musicoterapia ha un reale valore legale il riconoscimento della scuola e del corso non è il riconoscimento del profilo professionale i master in MT sono rivolti principalmente a professionisti già accreditati nel ruolo sanitario

5 Formazione in musicoterapia scuole di MT > strutture sanitarie in cui la MT è presente in modo istituzionale professori di MT > professionisti della MT attivi sul campo

6 Obiettivi da raggiungere Dimostrare il valore scientifico e l efficacia degli interventi di musicoterapia, nei vari ambiti di applicazione Ottenere il riconoscimento del profilo professionale all interno del ruolo sanitario e definire un percorso di studi universitario: facoltà di medicina e chirurgia - corsi di laurea professioni sanitarie della riabilitazione L/SNT2

7 La Musicoterapia è una terapia Malgrado il vuoto legislativo di fatto sono presenti in Italia diverse realtà in cui la Musicoterapia viene applicata in contesti di cura e di riabilitazione Le realtà in cui è presente la Musicoterapia in modo strutturato e regolare sono il risultato della competenza e della serietà professionale, degli sforzi, del coraggio e della tenacia dei singoli operatori, oltre che della sensibilità e della lungimiranza dei dirigenti

8 Musicoterapia nel DSM dipartimento di salute mentale Area Riabilitativa: centro diurno CD, centro riabilitativo ad alta assistenza CRA, comunità protetta CPA Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Servizio Territoriale di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza

9 Musicoterapia nella riabilitazione psichiatrica Da alcuni anni nella unità operativa di psichiatria dell azienda ospedaliera di Cremona vengono portati avanti interventi riabilitativi strutturati e specifici, basati sull evidenza tra questi è compresa anche la musicoterapia.

10 Misurare in psichiatria Per anni la psichiatria ha considerato non misurabile l oggetto del proprio intervento, anzi quasi blasfemo il solo pensare di poter misurare pensieri, sentimenti ed emozioni Ma se i fenomeni psichiatrici non sono misurabili come può la psichiatria avere dignità scientifica e come può provare la sua efficacia?

11 Misurare in musicoterapia È necessario costruire progetti di ricerca finalizzati alla dimostrazione dell efficacia dell intervento di musicoterapia e alla quantificazione dei risultati ottenuti Utilizzo di strumenti codificati e messa a punto di specifici strumenti di osservazione e valutazione

12 MT in psichiatria studi clinici 2005 trattamento dei disturbi d ansia, somatoformi e dei quadri misti ansioso depressivi 8 pz 2006 riabilitazione cognitiva nella schizofrenia 67 pz 2007 MT nel trattamento di pazienti schizofrenici studio osservazionale 65 pz 2009 MT nel trattamento di pazienti schizofrenici studio osservazionale retrospettivo 39 pz MT nel trattamento di pazienti psicotici cronici studio multicentrico 64 pz

13 Scopo dello studio valutare nella pratica clinica l efficacia di trattamenti musicoterapici in aggiunta al trattamento standard sulla condizione clinica globale del paziente, sulla sintomatologia psicotica e in particolare sui sintomi negativi, sul funzionamento complessivo e sulla qualità della vita.

14 Valutare e misurare l efficacia Scale validate e abitualmente usate in psichiatria per valutare il funzionamento globale, per verificare la gravità dei sintomi caratteristici della psicosi e in particolare i sintomi negativi Strumenti di osservazione e valutazione specifici per l intervento musicoterapico

15 Studio multicentrico Area Riabilitativa Unità Operativa di Psichiatria Azienda Ospedaliera Cremona. Psichiatra Roberto Poli, Mtp Laura Gamba Centro Diurno Riabilitativo di Campodarsego AULSS 15 Alta Padovana Cittadella e Camposanpiero. Psichiatra Gabriella Bonifaci, Mtp Simonetta Benetton, Tirocinanti Mtp Cristina Zoppo e Valentina Cavazzana Centro Diurno Il Sentiero Ascoli Piceno Dipartimento di Salute Mentale ASUR zona territoriale 13. Responsabile medico Enrico Iommetti, Psicologa Lorena Mancini, Mtp Sandra Masci

16 Durata dello studio Lo studio ha interessato un arco temporale di 6 mesi Sono state applicate le valutazioni testistiche prima dell inizio dell attività di musicoterapia e al termine della stessa, dopo 6 mesi T0 prima valutazione T6 seconda e ultima valutazione

17 Modalità di reclutamento I pazienti coinvolti nello studio sono stati reclutati all interno di strutture riabilitative e territoriali, residenziali semiresidenziali. Sono stati applicati i seguenti criteri: criteri di inclusione: pazienti con diagnosi di schizofrenia secondo i criteri del DSM-IV-TR, età 18/65 anni criteri di esclusione: comorbilità con uso di sostanze, pazienti in fase psicotica acuta.

18 Formazione dei gruppi Sono stati reclutati per lo studio 64 pazienti afferenti le strutture riabilitative e territoriali. Nel gruppo sperimentale sono stati inseriti i pazienti che avrebbero seguito l attività di musicoterapia in aggiunta alla terapia standard, nel gruppo di controllo sono stati inseriti i pazienti che avrebbero seguito solo la terapia standard Gruppo sperimentale: 40 pazienti Gruppo di controllo: 24 pazienti

19 Il gruppo dei pazienti Ci sono stati 2 drop out (un paziente dimesso e uno ricoverato in medicina). Il gruppo sperimentale risulta pertanto formato da 62 pazienti, di cui 28 afferenti le strutture di Padova, 12 afferenti le strutture di Ascoli Piceno e 22 afferenti le strutture di Cremona I gruppi erano omogenei per diagnosi

20 Dati sociodemografici Il gruppo era formato da 46 maschi (75%) 16 femmine (25%) I pazienti erano di età compresa tra i 26 e i 70 anni Età media ds 10.4

21 Dati sociodemografici Gruppo sperimentale Età media (9.8 sd) range Maschi/femmine Gruppo controllo Età media (10.5 sd) range Maschi/femmine

22 Metodo Per un periodo di 6 mesi i pazienti del gruppo sperimentale hanno frequentato settimanalmente e regolarmente l attività di musicoterapia A Cremona e ad Ascoli Piceno i pazienti hanno seguito una seduta settimanale della durata di un ora circa di musicoterapia attiva ed una di musicoterapia recettiva, a Padova i pazienti hanno seguito una seduta settimanale di musicoterapia attiva e recettiva della durata di un ora e mezza circa In ognuna delle strutture il setting si è mantenuto costante (conduttore, luogo e tempi delle sedute, proposte di attività)

23 L attività di musicoterapia Dialogo sonoro e improvvisazione di gruppo, con il libero utilizzo di strumenti musicali e della voce Ascolto di brani musicali proposti dalla musicoterapista e dagli stessi pazienti, verbalizzazione e condivisione dei vissuti

24 Scale di Valutazione Sono state utilizzate le seguenti scale: clinical global impression scale (CGI-S) positive and negative sindrome scale (PANSS) scala di valutazione del funzionamento globale (VGF - GAF) Somministrate a T0 e a T6 da un valutatore esterno

25 CGI-S 4,5 4 3,5 3 2,5 2 T0 T6 1,5 1 0,5 0 Sperim Controllo

26 PANSS- subscala negativa 28 27, , ,5 25 T0 T6 24, ,5 Sperim Controllo

27 PANSS-scala positiva 23 22, , ,5 T0 T ,5 19 Sperim Controllo

28 PANSS-scala generale Sperim Controllo T0 T6

29 GAF T0 T Sperim Controllo

30 Conclusioni L analisi dei risultati ottenuti ha consentito di riscontrare miglioramenti statisticamente significativi riguardo: la condizione clinica globale del paziente la sintomatologia psicotica, in particolare i sintomi negativi il funzionamento complessivo la qualità della vita.

31 Prospettive future I risultati incoraggianti ci invitano a proseguire la ricerca e la pratica clinica in questa direzione in funzione, oltre che di un maggiore benessere nei pazienti, anche di una validazione dell efficacia della musicoterapia nel trattamento di gravi disturbi psichiatrici.

32 Studio clinico Studio clinico di tipo osservazionale proposto dall U.O. di Psichiatria di Cremona e approvato dalla Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia, all interno del Programma quadriennale di collaborazione con l OMS sulla valutazione e sull utilizzo della medicina complementare, in attuazione del PSSR Musicoterapia come trattamento add-on nei disturbi d ansia, nei disturbi somatoformi e nei quadri misti ansioso-depressivi

33 Metodologia dello studio clinico Sono stati coinvolti 8 pazienti con diagnosi di disturbo d ansia (ICD10) Visita psichiatrica prima dell inizio I pazienti coinvolti stavano già assumendo terapia psicofarmacologica da almeno 6 mesi; la terapia non è stata modificata durante lo studio Rating Scales somministrate da valutatore esterno (non coinvolto nella conduzione del gruppo) 17 sedute di MT della durata di 90 ciascuna Tecniche utilizzate: ascolto e improvvisazione

34 Rating scales T0 sono state somministrate dallo psichiatra due scale validate: Anxiety Status Inventory (ASI) per la valutazione quantitativa dei sintomi ansiosi Hamilton Rating Scale for Depression (HAM-D) nella versione a 21 item per la valutazione quantitativa dei sintomi depressivi T1 le stesse scale sono state somministrate dallo psichiatra al termine del ciclo di trattamento in musicoterapia

35 Strumenti di valutazione musicoterapici è stata utilizzata all inizio, a metà e alla fine del trattamento una griglia di osservazione predisposta dalla Musicoterapista. In occasione della prima seduta sono state distribuite ad ogni partecipante due schede informative da compilare, utili per comprendere l approccio nei confronti della musica dell esperienza dell ascolto in particolare e le aspettative riguardo il trattamento che stava per iniziare

36 Risultati sui sintomi depressivi Al tempo T0 tutti i soggetti presentavano alla scala di valutazione HAM-D una condizione di depressione lieve o moderata (HAM-D > 8 con punteggio medio pari a 10.6). Al tempo T1 vi è stata una remissione del quadro depressivo (ossia HAM-D < 7) di 5 pazienti su 6 (p< 0.05) e una riduzione del punteggio medio della HAM-D del 50% rispetto al punteggio iniziale.

37 Risultati sui sintomi ansiosi T0: alla scala ASI 5 pazienti su 6 presentavano valori al di sopra della soglia considerata patologica (ASI > 45). T1: tutti i pazienti hanno ottenuto un punteggio al di sotto della soglia con una riduzione media di oltre 14 punti rispetto alla media iniziale. In termini percentuali vi è stata una riduzione del punteggio medio alla ASI di oltre il 30 %.

38 Regione Lombardia - Decreto Direzione Generale Sanità n del 18/7/05 Identificativo atto n 798 Approvazione studi osservazionali presentati da enti pubblici e/o privati, da professionisti singoli e associati e da società scientifiche, promossi con la DGR VII/13235 del 9/6/03 per la valutazione e l utilizzo della medicina complementare in attuazione del PSSR 2002/2004 Codice 31 Titolo L applicazione della MUSICOTERAPIA nei disturbi d'ansia, nei disturbi somatoformi e nei quadri misti ansioso depressivi. Struttura AO CREMONA viale Concordia, Cremona Responsabile Poli Roberto Settore di applicazione Psichiatria Metodo di cura ALTRO Esito APPROVATO

39 Musicoterapia in SPDC Non solo in ambito riabilitativo ma anche in un Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura è possibile offrire ai pazienti ricoverati un opportunità espressiva finalizzata a stimolare, riattivare e veicolare la comunicazione a partire dal contesto non verbale. Poche esperienze strutturate di MT in reparto, molto più diffuse le esperienze in riabilitazione

40 MT in SPDC: le attività Frequente ricambio dei pazienti (degenza media una settimana) Piccolo gruppo Partecipare all attività consente di uscire dal reparto Esercizi di respirazione con movimenti lenti e consapevoli, attenzione al corpo, calmare la mente, concentrazione Ascolto di sequenze di brani e verbalizzazione delle proprie sensazioni, immagini, impressioni; condivisione nel gruppo

41 musicoterapia in psichiatria Case series: la Musicoterapia come trattamento add-on nei disturbi d ansia, nei disturbi somatoformi e nei quadri misti ansioso depressivi in Psichiatria oggi anno XX, n 1-2 giugno-dicembre 2007 p Attività di Musicoterapia nella riabilitazione psichiatrica in Musica et Terapia - quaderni italiani di Musicoterapia (n. 17, p ) Il metodo STAM nella psicosi: il contributo della ricerca in Musica e Terapia (n 20 p ) La misurazione degli esiti nel trattamento musicoterapico in Rivista Musica e Terapia (n 20 p ) Musicoterapia nella riabilitazione cognitiva del paziente schizofrenico. Studio multicentrico randomizzato controllato in singolo cieco di applicazione del protocollo STAM (Sound Training Attention and Memory) in Giornale italiano di psicopatologia, Volume 15 dicembre 2009 La musicoterapia nei disturbi psichiatrici p all interno del volume Le cure musicali applicazioni musicoterapiche in ambito psichiatrico a cura di G. Manarolo Edizioni Cosmopolis, Torino, 2012

42 MT in neuropsichiatria dell infanzia e dell adolescenza Invio da parte del neuropsichiatra Confronto con le altre figure presenti all interno dell équipe per la definizione del progetto riabilitativo Osservazione e valutazione Cicli di trattamento Incontri di sintesi e verifica

43 La valutazione in musicoterapia Può contribuire alla definizione del profilo diagnostico Offre un particolare punto di vista nell osservazione complessiva del bambino e del ragazzo Contribuisce a definire o ridefinire gli obiettivi del progetto riabilitativo Tratteggia un profilo evolutivo del bambino e del ragazzo dal punto di vista mtp

44 Osservazione in MT Cosa si osserva in musicoterapia? Quali criticità nello sviluppo si osservano? Quali competenze si stimolano e si rinforzano? Quali cambiamenti si riscontrano durante il trattamento? In quali ambiti dello sviluppo può intervenire la MT?

45 Osservare e valutare in musicoterapia Proposta di uno strumento operativo sperimentale. Possibile pensare ad una validazione e taratura?

46 Il trattamento Paralisi cerebrale infantile Sindrome di Rett Autismo Ritardo mentale Ritardo di linguaggio Disturbo del linguaggio Disturbi dell apprendimento ADHD

47 Protocollo STAM Ceccato E., Caneva P., Lamonaca D. Music Therapy and cognitive rehabilitation with schizophrenia: a controlled study. In Music Therapy Today, vol. VI, Issue 4, November 2005, Music Therapy World net, pp Ceccato E., Lamonaca D., Caneva P., Gamba L., Poli R., Agrimi E. Musicoterapia nella riabilitazione cognitiva del paziente schizofrenico. Studio multicentrico randomizzato controllato in singolo cieco di applicazione del protocollo STAM (Sound Trainig Attention and Memory) A Multicentre study to test the effectiveness of the STAM (Sound Training Attention and Memory) protocol in the rehabilitation of patients with schizophrenia: a single blind, randomized control trial in Giornale italiano di psicopatologia. Vol 15, dec Issue 4

48 STAM e disturbi dell attenzione Il protocollo STAM è già stato utilizzato con risultati interessanti con pazienti adulti psicotici per migliorare attenzione e memoria Si sta adattando e perfezionando il protocollo per utilizzarlo con bambini e ragazzi con disturbo dell attenzione

49

50 Musicoterapia e riabilitazione neuromotoria. Trattamento della malattia di Parkinson

51 La Musicoterapia nella Malattia di Parkinson Insieme ad altri interventi complementari ed integrativi la Musicoterapia contribuisce alla riabilitazione dei disturbi motori. La Musicoterapia aiuta ad intervenire anche sugli aspetti cognitivi, psichici ed emozionali implicati nella malattia.

52 Ritmo e Movimento Fin dal suo esordio la malattia di Parkinson si manifesta in un disordine del ritmo con conseguenti compromissioni del movimento. Il ritmo è un elemento fondamentale della musica e lavorando con esso è possibile intervenire sul disturbo del movimento. L intervento di Musicoterapia può avere un effetto sulla plasticità della corteccia motoria.

53 ASCOLTARE SENTIRE ESPRIMERE COMUNICARE CONDIVIDERE L intervento musicoterapico agisce sulla sfera emotiva è centrato sulla consapevolezza è finalizzato all apertura e riattivazione di canali di comunicazione La tecnica musicoterapica si basa sull ascolto di sé e dell altro sul dialogo sonoro sull empatia sulla sintonizzazione affettiva

54 L esperienza con l Associazione La Tartaruga di Cremona 2009/2010: 10 partecipanti, 10 incontri settimanali di /2012: 14 partecipanti, 20 incontri 2012/2013: 15 partecipanti, 20 incontri valutazione all inizio e alla fine del trattamento con la scala PQD39 (Parkinson s Disease Quality of Life Questionnaire) utilizzo della scala UPDRS parte III

55 L attività Consapevolezza del corpo, del respiro, del movimento, della voce. Movimento su musica. Utilizzo degli strumenti musicali. Dialogo sonoro e improvvisazione. Terapia del suono: esperienza con la poltrona sonora.

56 Valutazione dei risultati del trattamento Parkinson s Disease Quality of Life Questionnaire PDQ39 39 items suddivisi in 8 domini: o Motilità o Attività quotidiane o Benessere emotivo o Stigma sociale o Supporto sociale o Funzionamento cognitivo o Comunicazione o Dolore

57 La valutazione viene fatta all inizio e al termine del trattamento. Si sono riscontrati miglioramenti relativamente a: grado di depressione umore grado di indipendenza funzionale

58

59 L incremento dell 8% nelle risposte mai può essere interpretato come un positivo effetto del trattamento di Musicoterapia. La diminuzione del 6% delle risposte sempre può a sua volta essere interpretata come un indice di miglioramento della qualità della vita.

60 L esiguità del gruppo e la brevità del trattamento non ci permettono di generalizzare i risultati e di valutare la permanenza degli effetti nel tempo. I risultati ottenuti e il riscontro avuto da parte dei partecipanti nel corso dell esperienza ci incoraggiano a proseguire nella messa a punto e nella verifica di un protocollo di intervento musicoterapico rivolto a persone con malattia di Parkinson.

61 Musicoterapia nelle cure palliative Un esperienza di Musicoterapia presso l Hospice dell Azienda Ospedaliera di Cremona Musica et Terapia. Quaderni italiani di Musicoterapia (n. 14, p ). Musicoterapia nelle cure palliative: l esperienza dell Hospice di Cremona Musica e Terapia (n 19 p )

62 VIDEO Video Progetto Musicoterapia Hospice di Cremona realizzato nel 2008 dalla Associazione Liberitutti in collaborazione con ACCD (Associazione Cremonese Cura del Dolore) it&id=8463 Video Musicoterapia in Hospice realizzato nel 2011 da Diego Monfredini, presentato al XVIII Congresso Internazionale di Cure Palliative e vincitore del Premio Ventafridda

63 Grazie per l attenzione per contatti:

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Nel 1985 Reiss e collaboratori reinterpretarono la paura della paura come dovuta ad una sensibilità specifica all ansia. Valuta

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio

Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio Seminario Un ponte tra Ospedale e territorio Prof.ssa A. Peloso Tipologie e necessità degli adolescenti ultraquattordicenni in carico al Servizio di Degenza Ospedaliera Chi sono? Presentano sottodiverse

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015

Anno Scolastico 2014/2015 I.P.S.S.C.T. L. Einaudi - FOGGIA Anno Scolastico 2014/2015 Classe IV^ D Indirizzo: Servizi socio-sanitari Programma svolto di: Psicologia generale ed applicata Docente: Pellegrini Raffaele Testo di riferimento:

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

L AUTISMO NELLE MARCHE

L AUTISMO NELLE MARCHE 26 novembre 2015, Anna Maria Cirolla L AUTISMO NELLE MARCHE Dalla scoperta della sindrome alla realtà marchigiana. 1 Anna Maria Cirolla STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Cos è l autismo? Passaggi storici nella

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. SCOCCO Nome. Cognome. ANNA Data di Nascita 23.07.1956 Qualifica (1)

INFORMAZIONI PERSONALI. SCOCCO Nome. Cognome. ANNA Data di Nascita 23.07.1956 Qualifica (1) INFORMAZIONI PERSONALI Cognome SCOCCO Nome ANNA Data di Nascita 23.07.1956 Qualifica (1) DIR. MEDICO INC. STR. SEMPLICE (Rapp. Escl.) Amministrazione ASUR ZT 8 CIVITANOVA MARCHE Struttura di Appartenenza

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filippo Gitti Indirizzo Via Boccacci 83 Brescia Telefono 0302090625 Fax 0303704436 E-mail filippo.gitti@spedalicivili.brescia.it Nazionalità

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita

Responsabile Scientifico: Prof. Antonio Vita Programma innovativo territoriale TR11 INTERVENTI DI RIABILITAZIONE COGNITIVA INTEGRATI NEL PROGETTO TERAPEUTICO- RIABILITATIVO DI PAZIENTI CON PSICOSI SCHIZOFRENICHE E LORO IMPATTO SULL ESITO FUNZIONALE

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Curriculum Vitae del dott. Ubaldo Sagripanti. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae del dott. Ubaldo Sagripanti. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae del dott. Ubaldo Sagripanti Sagripanti Ubaldo 13-02-1962 Dirigente Medico ASUR Marche Z T n.8 Civitanova Marche DSM Responsabile U.O. Psichiatria di Collegamento e Consultazione 0733 823352

Dettagli

ELENCO CENTRI ACCREDITATI PER VALUTAZIONE ALUNNI CON DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO, DISTURBI SPECIFICI, DISABILITA E PROBLEMATICHE DI VARIO GENERE

ELENCO CENTRI ACCREDITATI PER VALUTAZIONE ALUNNI CON DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO, DISTURBI SPECIFICI, DISABILITA E PROBLEMATICHE DI VARIO GENERE ELENCO CENTRI ACCREDITATI PER VALUTAZIONE ALUNNI CON DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO, DISTURBI SPECIFICI, DISABILITA E PROBLEMATICHE DI VARIO GENERE CENTRO Lab.D.A. Laboratorio per i Disturbi dell'apprendimento

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

PROSPETTO GENERALE. Primo anno (500 ore)

PROSPETTO GENERALE. Primo anno (500 ore) PROSPETTO GENERALE Primo anno (500 ore) 1. Metodologia, Psicologia generale e Psicologia dello Sviluppo I principali indirizzi psicoterapeutici 48 ore 2. Teorie e tecniche comportamentali e cognitive 168

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Michela Maria Bontorin Indirizzo Via Rossini 25c, Bassano del Grappa, 36061 (VI) Telefono 340-3474223

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale

Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale Azienda Sanitaria Locale di Brescia Conferenza territoriale per la salute mentale Analisi dei consumi (1) Numero di soggetti trattati con TSO, nel tempo, residenti ASL di Brescia 140 120 100 nume ero di

Dettagli

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto Madre adolescente: due minori a rischio Scheda di sintesi del progetto 1 Il progetto Madre adolescente: due minori a rischio. Sostegno alla genitorialità in adolescenza per la tutela dei minori è promosso

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO:

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: INDICI DI RISCHIO E DIAGNOSI PRECOCE Federico Bianchi di Castelbianco Magda Di Renzo Francesca Zaza Progetto Tartaruga Trovare strumenti di indagine idonei alla complessità

Dettagli

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII Animazione come strumento di stimolazione cognitiva e di contrasto ai disturbi psico-affettivi. Bologna 26 Maggio 2010 ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA

Dettagli

SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO

SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO Largo Madonna, 22 65125 Pescara Tel. 085.4171765 Cell. 338.1967097 www.scuolamusicando.net info@scuolamusicando.net SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO MUSICOTERAPIA: Nuove prospettive per l abilitazione e la riabilitazione

Dettagli

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico COD. 3008 Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico Dal 2007 la Provincia di Milano, in collaborazione con il Coordinamento Autismo,

Dettagli

MTC nel paziente oncologico

MTC nel paziente oncologico MTC nel paziente oncologico U.O Medicina Oncologica Ospedale di Carpi Giorgia Razzini La legge della domanda e dell offerta (1) L utilizzo delle Medicine Non Convenzionali subisce un incremento del 30%

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro?

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Follow-up di giovani pazienti dopo la dimissione da un servizio semiresidenziale di psicopatologia dell adolescenza Michela Gatta L.Balottin - Paolo

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Il sottoscritto dott. CONTE MASSIMO ANTONIO, è nato a Montauro ( CZ ) il 23\08\1956 ed è residente a

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Il sottoscritto dott. CONTE MASSIMO ANTONIO, è nato a Montauro ( CZ ) il 23\08\1956 ed è residente a CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Il sottoscritto dott. CONTE MASSIMO ANTONIO, è nato a Montauro ( CZ ) il 23\08\1956 ed è residente a Roccasecca (FR). Titoli di studio e formazione LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ORNELLA PAVANI Data di nascita 18/07/1957. Dirigente ASL I fascia - CSM CAGLIARI OVEST, UTP SELARGIUS

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ORNELLA PAVANI Data di nascita 18/07/1957. Dirigente ASL I fascia - CSM CAGLIARI OVEST, UTP SELARGIUS INFORMAZIONI PERSONALI Nome ORNELLA PAVANI Data di nascita 18/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI CAGLIARI Dirigente ASL I fascia - CSM CAGLIARI

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) Presentazione Il Master offre la possibilità di acquisire conoscenze approfondite e competenze operative per lavorare con bambini e

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MARINI Sonia Data di nascita 07/12/1958. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0696669208

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MARINI Sonia Data di nascita 07/12/1958. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0696669208 INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARINI Sonia Data di nascita 07/12/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI RM/F Dirigente ASL I fascia - DSM 0696669204

Dettagli

Bologna 22 ottobre. Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO

Bologna 22 ottobre. Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO Bologna 22 ottobre Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO Job description del Medico generale 50-60 contatti die per 1300-1500 pz * Attività ambulatoriale 5-6 ore die visite generali 61,3%, accessi veloci

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Corso ECM La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Napoli, 30 Giugno - 1 Luglio 2015 Hotel Royal Continental Responsabile scientifico Andrea Fiorillo Dipartimento

Dettagli

Gabriele Baldo CV. Attività di ricerca e attività clinica

Gabriele Baldo CV. Attività di ricerca e attività clinica Gabriele Baldo CV Dati personali:gabriele Baldo Luogo e data di nascita: Rovereto (TN) 14-11-1979 Psicologo-Psicoterapeuta, collaboratore ODFLab, Università di Trento via Matteo del Ben, 5 38065 Rovereto

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL

FORMATO EUROPEO PER IL FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ZECCARA ENRICA Indirizzo VIA CAIROLI 36 27029 VIGEVANO (PV) ITALIA Telefono 0381-71275 cell339 2932095 E-mail enricazeccara@liberoit

Dettagli

Dirigene Medico Specialista in Psichiatria. Dirigente ASL I fascia - C.S.M. di Lamezia Terme

Dirigene Medico Specialista in Psichiatria. Dirigente ASL I fascia - C.S.M. di Lamezia Terme INFORMAZIONI PERSONALI Nome Corace Eleonora Data di nascita 15/01/1977 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigene Medico Specialista in Psichiatria AZIENDA SANITARIA

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione

Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Fenotipici cognitivo comportamentali nei Disturbi Generalizzati dello Sviluppo: elementi per la costruzione di un protocollo di valutazione Problematiche emotivo-comportamentali nei bambini con Disturbo

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

Partecipazione al Congresso Internazionale "LA COMUNICAZIONE NELLE PSICOTERAPIE", Padova maggio 1983, (Rel. P. Watzlawick).

Partecipazione al Congresso Internazionale LA COMUNICAZIONE NELLE PSICOTERAPIE, Padova maggio 1983, (Rel. P. Watzlawick). Partecipazione al Congresso Internazionale "LA COMUNICAZIONE NELLE PSICOTERAPIE", Padova maggio 1983, (Rel. P. Watzlawick). Partecipazione al Congresso "SCHIZOFRENIA, LABIRINTI E TRACCE", Mirano (VE) marzo

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

LO SVILUPPO DELLA RESILIENZA NEL BAMBINO CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI:PROMOZIONE ALLA SALUTE ATTRAVERSO LA PET THERAPY

LO SVILUPPO DELLA RESILIENZA NEL BAMBINO CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI:PROMOZIONE ALLA SALUTE ATTRAVERSO LA PET THERAPY UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE MASTER DI PRIMO LIVELLO IN PET THERAPY APPLICAZIONE ALLE SCIENZE MEDICHE E PSICO-SOCIALI LO SVILUPPO DELLA RESILIENZA NEL BAMBINO CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI:PROMOZIONE

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un breve ciclo di sessioni di Meditazione Vigile sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive di un campione

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta Dr.ssa Roberta Fadda Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia Università di Cagliari robfadda@unica.it A18 onlus

Dettagli

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali.

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali. Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali Roberto Keller Ambulatorio Disturbi spettro autistico in età adulta Centro

Dettagli

"Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie

Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie 19 giugno 2015 Milano, Auditorium Testori, Palazzo Lombardia "Attualità e prospettive del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) nelle Aziende Sanitarie Enrico Zanalda Direttore Dipartimento Funzionale Salute

Dettagli

Corso Argo Secondo Livello. Coadiutore dell animale. ULSS 4 Alto Vicentino

Corso Argo Secondo Livello. Coadiutore dell animale. ULSS 4 Alto Vicentino R3/IT Te.D learning programme in Italian Corso Argo Secondo Livello Coadiutore dell animale ULSS 4 Alto Vicentino PREMESSE: Si definiscono Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) le prestazioni a valenza

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

NEVROSI. Di Italo Dosio

NEVROSI. Di Italo Dosio NEVROSI Sindromi caratterizzate da sintomi psicologici, comportamentali e vegetativi, senza alcun substrato organico, determinate da situazioni conflittuali intrapsichiche o ambientali e legate a strutture

Dettagli

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Studi in Psichiatria Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Agenda 1 Assistenza psichiatrica in Italia 2 Strumenti di valutazione 3 Aspetti pratici 4 Conclusioni 1 Assistenza psichiatrica in

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail Nazionalità SANSON ELENA elena.sanson@alice.it Italiana Data di nascita 24/11/1981 Iscritta all ordine

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative:

Il Dipartimento di Salute Mentale dell A.O. G. Salvini è composto dalle seguenti Unità Operative: Dipartimento di Salute Mentale. Integrazione dipartimentale per favorire l accessibilità ai servizi e l inserimento degli utenti nei percorsi di cura appropriati Organizzazione e offerta del DSM Il Dipartimento

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri Dr.ssa Marina

Dettagli

PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO

PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO La Struttura Complessa di Oncologia Medica delle Molinette di Torino, afferente al Polo Oncologico della Cittadella Ospedaliera,

Dettagli

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino Telefono 011.38.60.07 Cellulare 339.63.28.074 E-mail psipa@libero.it Luogo di nascita Foggia Data di nascita 19/08/1973

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCELLA VILLANOVA Indirizzo / Telefono / Fax / E-mail / Nazionalità Italiana Data di nascita 17/05/1981

Dettagli

Il Centro per l Autismo e i Disturbi Generalizzati dello Sviluppo della AUSL 3 di Catania

Il Centro per l Autismo e i Disturbi Generalizzati dello Sviluppo della AUSL 3 di Catania LE BUONE PRASSI IN ITALIA Il Centro per l Autismo e i Disturbi Generalizzati dello Sviluppo della AUSL 3 di Catania Renato Scifo Neuropsichiatra Infantile, Coordinatore Centro Autismo P.O. Acireale, AUSL

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Gaia Villa villa. gaia @ libero.it Nazionalità italiana Data di nascita 09-02-1973 ESPERIENZA LAVORATIVA Date

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE.

DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE. DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE. Introduzione La compresenza di sintomi psichiatrici e disturbi connessi all assunzione di

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La gestione dei disturbi comportamentali tramite interventi di Musicoterapia e Terapia della Bambola con pazienti affetti

Dettagli

Il rapporto Medico-Paziente

Il rapporto Medico-Paziente Il rapporto Medico-Paziente Cenni storico-metodologici La posizione del medico - Posizione pregiudiziale (moralità, legalità, credenze ecc) - Distanza asettica e difensiva -Partecipazione emotivo-affettiva

Dettagli

ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari

ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari ELENCO PROGETTI DI RICERCA IN CORSO UDGEE 2009 AZIENDA OSPEDALIERA SANTA MARIA NUOVA DIRETTORE Prof. Adriano Ferrari L impiego clinico della tossina botulinica nell arto superiore paretico in bambini affetti

Dettagli

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA III Conferenza Regionale HPH del Friuli Venezia Giulia La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA Maria

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS I SERVIZI A.G.S.A.T. - Anna Folgarait - 1 Associazione Genitori Un servizio che nasce dal bisogno di molte famiglie di trovare

Dettagli

Abilitazione professionale presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza in data novembre 1998.

Abilitazione professionale presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza in data novembre 1998. CURRICULUM VITAE 1 Nome: Vittorio Digiacomantonio Luogo e Data di nascita: Roma, 17-8-1966 Indirizzo: via Cassia Cimina km. 25.500 Ronciglione (VT) Recapito telefonico: 066274256- cell. 3392527035-3207238252

Dettagli

Indennità per menomazione dell integrità a norma LAINF Tabella 19

Indennità per menomazione dell integrità a norma LAINF Tabella 19 Indennità per menomazione dell integrità a norma LAINF Tabella 19 Menomazione dell integrità da esiti psichici di lesioni cerebrali Pubblicata dai medici dell Istituto nazionale svizzero di assicurazione

Dettagli

Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile ASL4 Chiavarese

Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile ASL4 Chiavarese Welfare di seconda generazione per il benessere e la salute Genova, 12.1.2015 Dall infanzia all età adulta: la gestione del paziente disabile in un Servizio territoriale MG Stagnaro Neuropsichiatra Infantile

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 1- SASSARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 1- SASSARI Prot. n /DG Sassari, Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna) Ragione Sociale U.O. Territoriale di Neuropsichiatria

Dettagli

Oltre l'inclusione verso la qualità di vita. Prevenire si può

Oltre l'inclusione verso la qualità di vita. Prevenire si può Oltre l'inclusione verso la qualità di vita Percorsi di transizione per l'inserimento sociolavorativo dei giovani con disabilità psichica Prevenire si può Daniela Pavoncello 27 maggio 2014 Nell ambito

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Cognome e Nome Paola Ficili Telefono Cell: 3881882747 E-mail paola.ficili@gmail.com. Sesso Femminile. Psicologa Psicoterapeuta

Cognome e Nome Paola Ficili Telefono Cell: 3881882747 E-mail paola.ficili@gmail.com. Sesso Femminile. Psicologa Psicoterapeuta Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome e Nome Telefono Cell: 3881882747 E-mail paola.ficili@gmail.com Cittadinanza italiana Data di nascita 10/03/1981 Sesso Femminile SETTORE PROFESSIONALE

Dettagli

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO

P : 2 - GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELL AUTISMO Percorsi di intervento: il ruolo della scuola Carolina Coco, Paola Rigo, Paola Venuti Laboratorio di Osservazione, Diagnosi e Formazione www.odflab.unitn.it Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive-

Dettagli

MA SIAMO STATI IGNORATI NON RICEVENDO NESSUNA RISPOSTA

MA SIAMO STATI IGNORATI NON RICEVENDO NESSUNA RISPOSTA Nel 2011 muore Giovanni Bollea, il padre della Neuropsichiatria Infantile. Con un inquietante sincronia con la sua morte, la disciplina da lui voluta e fatta crescere in tutta Italia, corre ora il rischio

Dettagli