Sanquin Bloodbank Southwest Region Rotterdam, Rotterdam, The Netherlands 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sanquin Bloodbank Southwest Region Rotterdam, Rotterdam, The Netherlands 2"

Transcript

1 Original article Reporting transfusion-incidents: two-year s experiences of haemovigilance in the Southwest region of the Netherlands Erik AM Beckers 1, Rob B Dinkelaar 2, Peter AW te Boekhorst 3, Huub E van Ingen 4, Dick J van Rhenen 1 1 Sanquin Bloodbank Southwest Region Rotterdam, Rotterdam, The Netherlands 2 Albert Schweitzer Hospital, Laboratory of Clinical Chemistry, Dordrecht, The Netherlands 3 Erasmus Medical Center, Department of Haematology, Rotterdam, The Netherlands 4 Ruwaard van Putten hospital, Laboratory of Clinical Chemistry, Spijkenisse, The Netherlands Background. Haemovigilance may be defined as a surveillance system for standardized collection and analysis of data concerning adverse effects associated with the collection and transfusion of blood components, aiming at improving the safety and quality of blood transfusion. Despite strong recommendations by the Dutch Health Care Inspectorate, a national haemovigilance system was not effective in the Netherlands till Objective. In the Southwest region of the Netherlands with an estimated population of 3.5 million a regional initiative was undertaken to assess the importance of reporting transfusion incidents. Material and Methods. From January 1st, 2001 all regional hospitals and the bloodbank itself participated in a scheme of reporting transfusion incidents in patients. Adverse events were registered anonymously in thirteen different categories. Each incident was recorded on a standardized report. Results. The yearly number of bloodproducts issued was approximately 155,000 (120,000 red blood cell concentrates; 10,000 random donor platelets; 25,000 fresh frozen plasma). In the second year of registration the number of reports doubled. In the first year reporting hospitals accounted for 68% of all bloodproducts, which increased to 83% in the second year. Number of incidents in categories (2001/2002): Incorrect bloodcomponent transfusion 9/12; Temperature rise 1-2 C 14/27; Non-haemolytic fever 36/65; Acute haemolytic transfusion reaction 3/6; Delayed haemolytic Introduzione L'emovigilanza si può definire come un sistema di sorveglianza per la raccolta, la registrazione e l'analisi delle complicanze che possono essere attribuite alla trasfusione di sangue. Un programma di emovigilanza dovrebbe contemplare qualsiasi caso in grado di interferire con la sicurezza della trasfusione, dal donatore al paziente e viceversa. Lo scopo del programma è quello di migliorare sempre più qualità e sicurezza della pratica trasfusionale. La sua importanza consiste nella possibile identificazione dei connessioni, anche le più labili, con l'intera catena trasfusionale per garantire una più sicura utilizzazione dei prodotti ematici. Nonostante le molte raccomandazioni delle autorità sanitarie del Paese, sino al febbraio 2003 non era operativo, in Olanda, un sistema nazionale di emovigilanza, quale quello francese (AFSSAPS, Agence Française de Securité Sanitarie des Produits de Santé) 1 o quello del Regno Unito (SHOT, Serious Hazards Of Transfusion) 2. La carenza di un'attiva rete nazionale che riportasse gli incidenti sui pazienti, ha condotto a una iniziativa da parte della Banca del Sangue della regione Sud-Ovest dell'olanda che ha coinvolto 22 Ospedali nel territorio. Lo scopo primario dell'ufficio regionale di emovigilanza è stato quello di realizzare un sistema, standardizzato e uniforme, per la segnalazione degli incidenti trasfusionali nei pazienti. Vengono qui riferiti i risultati e le esperienze dei primi due anni di attività di tale programma. Received: 3 December Revision accepted: 24 December 2003 Correspondence: Dr. Erik AM Beckers Sanquin Bloodbank Southwest Region Rotterdam Wytemaweg CN Rotterdam, The Netherlands Metodi Il Consiglio medico della Banca del Sangue regionale ha organizzato un working party, al quale hanno partecipato 379

2 EAM Beckers et al. transfusion reaction 17/39; Posttransfusion purpura 0/ 0; Allergic reactions 11/16; Transfusion transmitted infections 3/5; Transfusion Associated Graft versus Host Disease 0/0; Transfusion Related Acute Lung Injury 1/3; Near-miss 6/5; Product incidents 19/59; unclassified 0/ 6. Total 2001/2002: 119/243. Conclusion. Transfusion incidents are probably underreported. Despite all safety measures, severe adverse events still do occur. The improved awareness of the importance of reporting transfusion incidents in patients and ongoing education, including benchmarking contributed to the remarkable increase in reports of transfusion incidents. A well-functioning program for haemovigilance contributes to the knowledge about transfusion incidents, and thereby to a safer transfusion practice. Key words: haemovigilance, adverse events, transfusion practice Introduction Haemovigilance can be defined as a surveillance system for the collection, registration and analysis of complications that can be attributed to blood transfusion. All events that might interfere with the safety of blood transfusion from blood donor to patient and vice versa should be included in a haemovigilance programme. The aim of such a programme is to further improve the quality and safety of the practice of blood transfusion. Its importance lies in the possible identification of the weakest links in the whole chain of blood transfusion to ensure a safer use of blood products. Despite all recommendations by national health authorities a national haemovigilance scheme, such as the registration by the AFSSAPS (Agence Française de Securité Sanitaire des Produits de Santé) in France 1 or the SHOT (Serious Hazards Of Transfusion) scheme in the UK 2, was not operational in the Netherlands till February The lack of a nationally active network of reporting transfusion incidents in patients led to a regional initiative supported by the regional Bloodbank, in which 22 hospitals in the Southwest region of the Netherlands participated. The primary goal of the regional bureau of haemovigilance was to implement a standardized and uniform system of reporting transfusion incidents in patients. The results and experiences of reporting transfusion incidents in patients in the first and second year of regional haemovigilance are reported. 380 tutti gli Ospedali del territorio e dove è stato proposto un modello uniforme su cui segnalare, su base volontaria, gli incidenti trasfusionali. Per quanto riguardava la classificazione di tali incidenti, è stato scelto il modello utilizzato dallo SHOT. Inoltre, le gravi reazioni febbrili e/o allergiche sono state registrate separatamente e sono stati anche classificati separatamente gli incidenti riguardanti le attività produttive (product incidents in tabella I). Le reazioni trasfusionali rispecchiano i sintomi clinici pertinenti. La severità delle reazioni sono state riportate in gradi, opzionali, da 0 a 5 (Tabella II). È stata anche valutata la probabilità del nesso fra reazioni e trasfusione (Tabella III). I referti sono stati compilati dagli addetti ospedalieri all'emovigilanza, responsabili per le registrazioni degli incidenti trasfusionali nei loro Ospedali. Tutte le segnalazioni erano volontarie e registrate in forma anonima. Gli incidenti riportati non venivano sottoposti a verifica, come è, invece, imperativo negli altri programmi di emovigilanza. Lo scopo precipuo di questa iniziativa è stato, infatti, quello di catalogare i vari tipi di incidenti trasfusionali avvenuti nella regione sud-occidentale dell'olanda. Risultati Dal 1 gennaio 2001, data d'inizio del programma regionale di emovigilanza, sono state registrate, nel primo e nel secondo anno, rispettivamente, 119 e 243 segnalazioni, che hanno riferito non soltanto reazioni trasfusionali sintomatiche ma anche errori, mancanze e i cosiddetti near-misses (cioè, "sbagli, per caso non accaduti"). Ogni anno la Banca del Sangue regionale distribuisce, approssimativamente, emocomponenti ( concentrati eritrocitari, concentrati piastrinici e unità di plasma fresco congelato). Non si riesce, invece, a determinare l'esatto numero di emocomponenti trasfusi in realtà ai pazienti. Benché tutti i 22 Ospedali siano rappresentati nel Consiglio medico, i rapporti sugli incidenti trasfusionali sono giunti da 11 Ospedali nel primo anno e da 18 nel secondo. Erano, comunque, rappresentate le differenti strutture (cioè, gli Istituti universitari e gli Ospedali di grande e di piccola dimensione) Il primo anno è stato riferito sul 68% e il secondo sull'83% del totale degli emocomponenti distribuiti. Come riportato in tabella IV, gli incidenti sono stati classificati in 13 categorie. Una descrizione dettagliata di ogni incidente è elencata in tabella V. Non essendosi potuto stabilire il quantitativo degli emocomponenti trasfusi (il denominatore), non è stata condotta alcuna analisi statistica.

3 Experiences in reporting transfusion incidents Table I - Descriptions of transfusion-incidents Category Incident Description I Incorrect bloodcomponent transfused (IBCT) All cases in which the patient was transfused with a blood product, which did not meet all requirements needed for this patient, or that was intended for an other patient, without the occurrence of a transfusion reaction. II Temperature rise: 1-2 C All cases of mild temperature rise without relevant complaints or symptoms, for which no other causes than blood transfusion could be found. III Febrile non-haemolytic transfusion reaction (>2 C) All cases of a severe temperature rise, which necessitated a (FNHTR) temporary or definite interruption of the transfusion. The hereafter performed diagnostic evalution did not show haemolysis. IV Acute haemolytic transfusion reaction (AHTR) All reactions any time up to 24 hours following transfusion, which are caused by haemolysis. V Delayed haemolytic transfusion reaction (VHTR) All cases with immunohaematological evidence for a secondary immune respons leading to haemolysis with or without clinical symptoms, occurring more than 24 hours following transfusion. VI Post-transfusion purpura (PTP) Thrombocytopenia arising 5-12 days following transfusion of red cells, associated with the presence in the patient of alloantibodies directed against the HPA (human platelet antigen) system. VII Allergic reactions Mild allergic symptoms treated by antihistaminics. Lifethreatining acute allergic transfusion reaction such as anaphylaxis, caused by antibodies in the patients serum against plasma proteins of the donor. VIII Transfusion transmtted infections (TTI) Microbiologically shown bacterial septicaemia, which can be related to the administration of a blood product, or suspected transfusion transmitted viral, or other non-bacterial infections. IX Transfusion associated The development of the classical symptoms of fever, rash, Graft-versus-Host-Disease (TA-GvHD) liver dysfunction, diarrhoea and pancytopenia occurring 1-6 weeks following transfusion, without other apparent cause. X Transfusion associated acute lung injury (TRALI) Acute dyspnoea with hypoxia and bilateral pulmonary infiltrates occurring during or in the 6 hours after transfusion, with no other apparent cause. XI Near-miss Any mistake or error, which if undetected, could have resulted in a wrong blood group, the selection of an incorrect bloodcomponent, but which was recognised before transfusion. XII Product incidents Any recall procedure of blood components, which did not meet all requirements for clinical use, but were issued to hospitals. If administered, transfusion reactions did not occur. XIII Unclassified Any other report which could not be classified in the other categories. Table II - Grades of transfusion reactions Grade 0 Grade 1 Grade 2 Grade 3 Grade 4 No reactions No immediate danger, small morbidity, e.g. allergic reactions, FNHTR Long term some morbidity, might be life threatening, e.g. alloimmunisation, viral infections Immediate life threatening, e.g. AHTR, TA-GvHD, TRALI, septicaemia Mortality caused by transfusion Table III - Likelihood relation transfusion and clinical symptoms Possible, suspected Probable Definite, proven Clinical symptoms, not confirmed by laboratory results Clinical symptoms, inconclusive laboratory results Clinical symptoms, conclusive laboratory results 381

4 EAM Beckers et al. Table IV - Reports about transfusion incidents in 2001 and 2002 Category Incident 2001 % 2002 % I IBCT II T 1-2ºC III FNHTR (T>2ºC) IV AHTR V DHTR VI PTP VII Allergic reactions 11 9, VIII T T I IX TA-GvHD X TRALI XI Near-miss XII Product incident XIII Unclassified Total IBCT: incorrect bloodcomponent transfused; FNHTR: Febrile non-haemolytic transfusion reaction; AHTR: acute haemolytic transfusion reaction; DHTR: delayed haemolytic transfusion reaction; PTP: post-transfusion purpura; TTI: Transfusion transmitted infections; TA-GvHD: transfusion-associatedgraft-versus-host-disease; TRALI: transfusion-related-acute-lung-injury Table V - Descriptions of transfusion incidents in 2001 and 2002 Category Incident 2001 Description 2002 Description transfusion transfusion incident incident I IBCT 8 - ABO incompatible: 3x. 70 ml red cells 12 - RhD-incompatible, occurrence type B to O patient; 50 ml red cells alloanti-d: 5x. type B to A patient; 300 ml fresh - Mistyping: 1x. RhD antigen incorrectly frozen plasma type O to??? typed as positive by clerical error. - Alloantibodies not properly identified - Emergency transfusion of S+ uncrossmatched or mistakenly overlooked: 3x. Anti- units to patient with anti-s, E; anti-c and anti-jk a. not known at the time: 1x - Passive transmission of alloantibodies by - Misidentification, ABO-compatible: 3x. fresh frozen plasma units: 2x. Anti-Wr a. - Transfusion of cek-nontyped unit in IBCT incidents were reported without a patient who should have had cek clinical symptoms. compatible blood: 1x. - Failure to irradiate HLA-compatible platelets: 1x. II Temperature rise: 1-2 C 14 - Buffy-coat depleted red cell 27 concentrate: 1x. - Leucocyte-depleted red cell concentrate: 7x. - 5 random donors platelets: 6x. III FNHTR (>2 C) 36 - Buffy-coat depleted red cell 65 concentrate: 18x. - Leucocyte-depleted red cell concentrate: 11x. - 5 random donors platelet concentrate: 7x. IV AHTR 3 - ABO-incompatible: 1x. Red blood cells 6 type A to patient type O, perioperatively. Uneventful clinical course after intensive treatment. - Unexplained: 2x. Clinically and biochemically AHTR; definite immunohaematological cause not found. - Leucocyte-depleted red cell concentrate: 26x. - Leucocyte-depleted 5-donors platelets: 1x. - Leucocyte-depleted red cell concentrate: 54x. - Leucocyte-depleted 5-donors platelets: 8x - SD plasma: 2x. - Unknown: 1x. - ABO-incompatible: 2x. Red blood cells type to patient type 0 (20 ml and 100 ml respectively). - Acute hemolysis after cross-match negative transfusion due to anti-do a : 1x - Transfusion of 6 units of SD plasma type B to patient type A: 1x. - Unknown immunohaematological cause: 2x. Two episodes of increased haemolysis and fever in the same patient in the presence of autoantibodies. There were no transfusion related deaths. 382

5 Experiences in reporting transfusion incidents Category Incident 2001 Description 2002 Description transfusion transfusion incident incident V DHTR 18 - Boostering of one antibody: 12x Boostering of two antibodies: 6x. Antibodies involved: anti-e 6x, anti-c 2x, anti-c w, 3x, anti-jk a 7x, anti-fy a 2x, anti-fy b 1x, anti-k 1x, anti-s 1x, anti-private 1x. - Boostering of one antibody: 29x. - Boostering of two antibodies: 9x. - Boostering of three antibodies: 1x Antibodies involved: anti-d 1x, anti- C 5x, anti-c 3x, anti-e 13x, anti-e 4x, anti-fy a 5x, anti-fy b 1x, anti-jk a 10x, anti-jk b 5x, anti-k 2x, anti- Le a 1x. VI PTP 0 0 VII Allergic reactions 11 - grade I (erythema, urticaria, pruritus): 9x grade II (hypotension, bradycardia and facial redness): 1x. - grade III (generalized erythema, bronchospasm and hypotension, ICU treatment): 1x. VIII T T I 3 - Septicaemia by bacterial contamination 5 (B. cereus) of 5 random donor platelet concentrates: 2x. - Unconfirmed report of bacterial contamination of red blood cell concentrate: 1x. Str. parasanguinis, N. sicca, and Streptococcus species were cultured in the patient. - grade 1: 13x - grade 2: 3x - Bacterial contamination suspected, but not definitely proven: 4x. Involved products were red cell concentrates: 3x; combination RBC/FFP/platelets 1x. - Viral transmission suspected, but not proven: 1x CMV infection de novo after cardiac surgery. Product involved was a non-leucocyte depleted RBC. IX TA-GvHD 0 0 X TRALI 1 TRALI was clinically diagnosed. HLA 3 antibodies were found in one of the involved donors. Antibodies against granulocytes were not identified. XI Near-miss 6 - Positive cross match: 2x. Anti-Jk a 5 identification failed, unit was Jk a +; exchange of serum from two patients. - Wrong labelling: 3x. Blood group typing did not match historical results. - Confusion of patient data from ER to OR discovered by discrepancies in second blood group typing: 1x. XII Product incidents 19 Recall procedures after implementation 59 of routine bacterial screening of 5 random donors platelet concentrates: 19x. XIII Unclassified 6 In two cases TRALI was clinically diagnosed. In one of these, HLA antibodies in the patient and a positive crossmatch between donor leucocytes and patient serum was found. One report of suspected TRALI was redrawn after St.aureus septicaemia was diagnosed. - Analytical errors: 2x. - Wrong labelling: 2x. - Failure of ID check on request form: 1x. - Recall procedures after implementation of routine bacterial screening of 5 random donors platelet concentrates: 55x. - Wrong labelling of bloodproducts: 2x ABO(!); 1x K. Red cells were not transfused - Non-irradiated HLA-matched platelets: 1x. These cases included: heartfailure, cyanosis, clinical deterioration, refractoriness to random platelets, cold fever, isolated hyperbilirubinemia. All complaints occurred during transfusion. Total IBCT: incorrect bloodcomponent transfused; FNHTR: Febrile non-haemolytic transfusion reaction; AHTR: acute haemolytic transfusion reaction; DHTR: delayed haemolytic transfusion reaction; PTP: post-transfusion purpura; TTI: Transfusion transmitted infections; TA-GvHD: transfusion-associated-graft-versus-host-disease; TRALI: transfusion-related-acute-lung-injury 383

6 EAM Beckers et al. Methods A working party of the medical advisory council of the regional bloodbank, in which all hospitals were represented, was instituted. A proposal for reporting transfusion incidents using uniform registration forms on a voluntary basis was done. The British SHOT (Serious Hazards Of Transfusion) scheme was regarded as a desirable example. The classification of the transfusion incidents was primarily based on SHOT. In addition, mild or severe febrile reactions and allergic reactions were separately registered. Also, reports involving incidents in the production process (product incidents) were classified. Table I lists all categories and their definitions, in which transfusion incidents were reported. Transfusion reactions reflect the clinical symptoms involved in transfusion incidents. The severity of transfusion reactions were optionally reported in grades 0-5 (Table II). The likelihood that the reactions were transfusion related could be stated as well (Table III). Reports were done by hospital haemovigilance officers, who were responsible for the registration of transfusion incidents in their hospitals. All reports were voluntary submitted and registered anonymously. The reported incidents were not verified, as is mandatory in other haemovigilance programmes. The primary goal of this initiative was to make an inventory of the kind of reports concerning transfusion incidents occurring in the Southwest region of the Netherlands. Results From the start of the regional haemovigilance programme on 1 January 2001, a total of 119 and 243 reports were registered in the first and second year, respectively. Not only symptomatic transfusion reactions, but also errors, mistakes and near-misses were reported. Approximately, a total of 155,000 blood components (120,000 red cell concentrates; 10,000 platelet concentrates and 25,000 units of fresh frozen plasma) were distributed by the regional bloodbank each year. The exact number of blood components, which were actually administered to patients, could not be determined. Although all 22 hospitals were represented in the medical advisory council, the reports about transfusion incidents came from 11 in the first year and from 18 in the second year. University hospitals, large regional teaching hospitals and small local hospitals were represented. The joint amount of blood components which was accounted for was 68% in the first year and 83% in the second year. The reports were classified in 13 different categories and are Discussione Due anni dopo l'introduzione del sistema regionale di emovigilanza, la consapevolezza, in molti Ospedali, dell'importanza di segnalare gli incidenti trasfusionali è evoluta sino al livello di registrare ogni reazione avversa. La quantità delle segnalazioni è raddoppiata nel secondo anno, come riflesso di un avvenuto apprendimento. Anche l'esperienza maturata in altri Paesi ha dimostrato un incremento nel numero delle segnalazioni nei primi anni che hanno seguito l'introduzione dei sistemi di emovigilanza 3-6. La positiva realizzazione del programma nel Sud-Ovest dell'olanda è dipesa da numerosi fattori. Uno dei più importanti è relativo alla volontà degli Ospedali regionali di riferire sulle reazioni avverse. Altrettanto importanti sono stati: il fatto che tali incidenti venivano segnalati in maniera anonima, la tempestività della presentazione dei risultati, la immissione dei rapporti in un metodo di valutazione e l'organizzazione di sessioni illustrative nelle quali veniva sottolineata l'importanza dell'emovigilanza. Anche l'impiego di moduli standardizzati e preventivamente impostati, nonché l'attitudine "a noncolpevolizzare-ma-a-insegnare" hanno contribuito ad aumentare il numero delle segnalazioni. Una comparazione fra i risultati qui presentati e i dati provenienti da altri programmi di emovigilanza viene ostacolata dai differenti metodi di registrazione e dalle diverse definizioni degli incidenti trasfusionali. La più alta frequenza di incidenti (2,3 ogni emocomponenti) si riscontra in Francia 3, la maggior parte dei quali, peraltro, di lieve entità. Nel Regno Unito vengono registrati soltanto incidenti trasfusionali ben definiti e confermati, e di entità tale da essere considerati gravi: la frequenza è molto più bassa (0,1 su emocomponenti) 4. Nello sviluppare l'iniziativa di emovigilanza nella nostra regione abbiamo adottato il sistema di definizione SHOT. Eravamo, comunque, interessati anche alle reazioni di lieve entità. Nel secondo anno, la frequenza totale è stata di 1,5 per emocomponenti nella regione sud-occidentale dell'olanda, il che ci avvicina alle frequenze francesi. È necessario che venga effettuata una valutazione internazionale della gravità degli incidenti trasfusionali (da lieve, a moderata, a severa), così da poter paragonare i vari modelli nazionali di emovigilanza. Nel 1998, è stato fondato l'ehn (European Haemovigilance Network), con lo scopo di permettere e facilitare scambi di informazioni attendibili 7. I benefici di un programma di emovigilanza sono da attendersi non soltanto a lungo ma anche a breve termine. Dopo due soli anni di attività, si sono potuti fare alcune interessanti osservazioni. Il numero di modesti aumenti 384

7 Experiences in reporting transfusion incidents summarized in Table IV. A detailed description of each incident is listed in Table V. Statistical analysis was not performed because the amount of blood components transfused, the denominator, could not be established. Discussion Two years after the introduction of a regional haemovigilance scheme, the awareness in many hospitals of the importance of reporting transfusion incidents has evolved to a level at which adverse events are routinely registered. The amount of reports doubled in the second year of registration, which reflected the learning curve of haemovigilance. The experiences with haemovigilance systems in other countries had also showed an increase in the number of reports during the first few years following implementation 3-6. The successful implementation of the haemovigilance program in the Southwest of the Netherlands depended on several factors. The willingness of the regional hospitals to report adverse events is one of the most important ones. Equally important were the fact that incidents were reported anonymously, the timely presentations of results, the feed-back of reports by the method of benchmarking and educational sessions in which the importance of haemovigilance was underlined. Also, the use of standardized, pre-formatted reports and "a-notto-blame-but-to-learn" attitude contributed to the rise of reported transfusion incidents. A comparison of the presented results with the data from other haemovigilance schemes is hampered by differences in registrations and by different definitions of transfusion reactions. In France, a high frequency (2.3 reports/1,000 blood components) of incidents, of which the majority consists of mild reactions, is reported 3. In the UK, however, only specifically defined and verified transfusion incidents that are considered serious hazards are registered, resulting in a much lower frequency (0.1 report/1,000 blood components) 4. For the development of the regional haemovigilance initiative in our region we had adopted the SHOT definitions of transfusion reactions. In addition, we were also interested in the occurrence of only mild transfusion reactions. In the second year, the overall frequency of reporting transfusion incidents in the Southwest region of the Netherlands was 1.5/1,000 blood components, which approached the observed incidence in France. An international evaluation of the definitions and verification of transfusion incidents, from mild to moderate and serious, is necessary in order to compare national haemovigilance schemes. The European Haemovigilance Network was founded in 1998 to facilitate della temperatura corporea e delle reazioni febbrili non emolitiche è rimasto invariato nei due anni. Si deve, tuttavia, sottolineare che, a partire dalla fine del 2001, tutti gli emocomponenti cellulari distribuiti in Olanda erano leucodepleti: l'introduzione della leucodeplezione totale non ha determinato un abbassamento delle reazioni febbrili, come è stato anche riferito da altri 8,9. Una seconda conclusione che si può trarre da un'analisi superficiale è che, anche se non si sono verificate reazioni fatali, intervengono ancora incidenti gravi, nonostante tutte le misure di sicurezza. La catena trasfusionale è complessa e formata da numerosi anelli. Un'analisi più approfondita rivela, in molti casi, la presenza di errori umani prevenibili, che comprendono anche gravi reazioni trasfusionali per incompatibilità ABO. Si potrebbe concludere che né i donatori né i luoghi di produzione degli emocomponenti né i laboratori sono l'anello debole, ma piuttosto la pratica trasfusionale nei reparti ospedalieri. Sembra raccomandabile (se non addirittura imperativo) un insegnamento sul comportamento da seguire per il personale medico e, soprattutto, per quello infermieristico, più coinvolto nella somministrazione degli emocomponenti. Dalla nostra esperienza (così come da quella di altri), si può arguire che la sicurezza della pratica trasfusionale si ottiene migliorando le procedure trasfusionali a livello ospedaliero piuttosto che a quello produttivo Si è anche rilevato un numero relativamente alto di reazioni emolitiche ritardate (DHTR, Delayed Haemolytic Transfusion Reactions). Secondo la nostra definizione, si considera la possibilità di una DHTR, quando i risultati immunoematologici indicano una risposta immunologica (presenza di all'anticorpi nel siero e nell'eluato, test diretto all'antiglobulina positivo, trasfusione recente). La Banca del Sangue regionale mette a disposizione degli Ospedali un laboratorio di sierologia eritrocitaria, il che facilita la segnalazione di possibili DHTR. Non sempre sono state eseguite le ricerche cliniche e biochimiche relative a una sintomatologia emolitica nei pazienti. Tuttavia, 8 pazienti su 12, indagati a questo scopo, hanno mostrato evidenze di modesta emolisi (Hb diminuita, LDH aumentata e iperbilirubinemia). Gli alloanticorpi coinvolti in questi casi erano: anti-d, anti-c, anti-c, anti-e, anti-k, anti-jk a (2 casi), anti-fy a (risultati non mostrati). Questi dati concordano con quelli dello SHOT e indicano che i metodi di screening anticorpale non sono così sensibili come si pensava un tempo 4. Ovviamente, si debbono attendere segnalazioni future prima di trarre conclusioni definitive. Infine, nel 2002 vi è stato un sensibile incremento di frequenza degli incidenti relativi agli emocomponenti, il che può essere attribuito alla introduzione, a partire dal 1 ottobre 385

8 EAM Beckers et al. and to allow an efficient exchange of reliable information 7. The benefits of haemovigilance programs are not only to be expected in the longterm, but also in the short-term. After only two years some interesting findings were observed. The number of mild temperature rises and FNHTR's remained equal in the first two years. However, it must be noted that by the end of 2001, all cellular blood components were leucodepleted in the Netherlands. The introduction of general pre-storage leucodepletion did not result in a lower incidence of febrile reactions, which is also reported by others 8,9. A second conclusion, which might be drawn after short-term analysis, is that although fatal accidents did not happen, serious adverse events still do occur, despite all safety measurements. The practice of blood transfusion is complex and the blood transfusion chain consists of many links. A more detailed investigation of the reported incidents revealed in many cases preventable human errors, including serious mistakes as ABO-incompatible transfusions. It might be concluded that not the donor, nor the production site or the transfusion laboratory are the weakest links, but rather the practice within the hospitals wards. Ongoing education of doctors and especially of nurses, who are mainly in charge of the administration of blood components, seems to be desirable if not mandatory. From our experiences, as well as from others, it might be argued that the safety of blood transfusion is currently better served by putting more emphasis on improving hospital transfusion procedures than on blood component safety procedures Another remarkable finding was the relatively high number of reports concerning DHTR's. By our definition the possibility of DHTR was considered when immunohaematological results indicated a booster alloimmune respons (alloantibodies detectable in serum and eluate, a positive direct antiglobulin test, recent transfusion). The regional bloodbank provides a red cell serology laboratory service to the hospitals, which facilitated the reporting of possible DHTR's. Clinical or biochemical investigations of haemolysis in these patients were not always performed. However, 8 out of 12 patients, who were investigated, showed evidence of mild haemolysis (Hb drop, LDH rise or hyperbilirubinemia). The alloantibodies that were involved in these cases were: anti- D, anti-c, anti-c, anti-e, anti-k, anti-jk a (2x) and anti-fy a (results not shown). These data are in agreement with the reports of the SHOT scheme and support the idea that antibody screening methods might not be as sensitive as once was thought 4. Obviously, future reports must be awaited before definite explanations can be given. Finally, 2001, dello screening sull'inquinamento batterico di tutti i concentrati piastrinici (CP). Campioni provenienti dai CP vengono posti in coltura per 7 giorni. I CP sono, tuttavia, distribuiti sulla base di una politica di "negativo-almomento", senza richiedere il tempo minimo della coltura. Ciò ha portato a riesaminare emocomponenti già distribuiti, quando lo screening batterico risultava positivo. Nel 2001 sono stati segnalate 2 setticemie da Bacillus cereus, dopo trasfusione di CP contaminati. Dopo l'introduzione dello screening sistematico, ci sono stati 4 casi di sospetto inquinamento batterico. Tuttavia, nessuno di questi casi si è potuto ricondurre a uno specifico donatore o a uno specifico emocomponente. In conclusione, il programma regionale di emovigilanza è stato introdotto con successo nel Sud-Ovest dell'olanda. L'iniziativa ha contribuito alla attuazione, nel 2003, del programma nazionale olandese di emovigilanza, noto come TRIP (Transfusion Reactions In Patients). Un sistema di emovigilanza ben funzionante contribuisce alle conoscenze sugli incidenti trasfusionali 13. È necessario educare sul comportamento da tenersi in caso di reazioni trasfusionali, sulla loro prevenzione e sul loro trattamento, al fine di migliorare ulteriormente sicurezza e qualità della trasfusione di sangue 14. Riassunto L'emovigilanza può essere definita come un sistema di sorveglianza per la raccolta standardizzata e l'analisi dei dati concernenti le reazioni avverse associate al prelievo e alla trasfusione di emocomponenti,al fine di migliorare sicurezza e qualità della trasfusione di sangue. Nonostante le raccomandazioni dell'ispettorato olandese della Salute, un metodo nazionale di emovigilanza in Olanda non si è reso effettivo sino al Nella regione sud-occidentale del nostro Paese (che conta una popolazione stimata di 3 milioni e mezzo di abitanti), è stata presa l'iniziativa rivalutare l'importanza di segnalare gli incidenti trasfusionali. A partire dal 1 gennaio 2001, tutti gli ospedali della regione nonché la Banca del Sangue hanno partecipato al sistema di segnalare gli incidenti trasfusionali verificatisi nei pazienti. Le reazioni sfavorevoli sono state segnalate in maniera anonima, suddivise in 13 categorie. Ogni incidente è stato registrato su di un modello standardizzato. Centocinquantacinquemila sono, approssimativamente, gli emocomponenti distribuiti ogni anno ( concentrati eritrocitari, concentrati piastrinici random, unità di plasma 386

9 Experiences in reporting transfusion incidents there was a remarkable rise in the frequency of product incidents in 2002, which can be attributed to the implementation from 1 October 2001 of routine bacterial screening of all platelet concentrates. Samples from platelets concentrates were cultured for 7 days after production. However, platelets were issued on a negativeto-date policy, without the requirement of a minimum culturetime. This resulted in recall procedures of already issued blood components, of which the bacterial screening became positive. In 2001 there were 2 reports about septicaemia by B. cereus after transfusion of contaminated platelet concentrates. After the implementation of bacterial screening there were 4 suspected cases of bacterial contamination. However, none of these could be reduced to a specific donor or bloodcomponent. In conclusion, a regional haemovigilance scheme was succesfully implemented in the Southwest region of the Netherlands. This initiative has contributed to the foundation of the Dutch national haemovigilance scheme "TRIP" (Transfusion Reactions In Patients) in A wellfunctioning system for haemovigilance contributes to the knowledge of transfusion incidents 13. Ongoing education about transfusion reactions, their prevention and treatment, are necessary for further improving the safety and quality of blood transfusion 14. fresco congelato). Il numero delle segnalazioni si è raddoppiato nel secondo anno.nel primo anno le segnalazioni riguardavano il 68% degli emocomponenti distribuiti,con un incremento all'83% nel secondo anno. Le reazioni nel 2001/2002 sono state le seguenti: trasfusioni non corrette 9/12; aumento della temperatura corporea di 1-2 C 14/27; reazioni febbrili non emolitiche 36/65; reazioni emolitiche acute 3/6; reazioni emolitiche ritardate 17/39; porpora post-trasfusionale 0/0; reazioni allergiche 11/16; trasmissione di malattie infettive 3/5; GvHD trasfusionali 0/8; TRALI 1/3; near-misses 6/ 5;incidenti con plasmaderivati 19/59; non classificabili 0/6, per un totale di 119 nel 2001 e di 243 nel Gli incidenti trasfusionali non sono probabilmente tutti segnalati. Nonostante tutte le misure di sicurezza, avvengono ancora reazioni gravi. La migliorata consapevolezza dell'importanza di segnalare gli incidenti trasfusionali che colpiscono pazienti e gli insegnamenti sul modo di comportarsi,ivi compresi i metodi di valutazione, hanno contribuito ad accrescere sensibilmente le segnalazioni. Un programma di emovigilanza funzionante aumenta le conoscenze sugli incidenti trasfusionali e concorre, quindi, a una maggiore sicurezza. References 1) Rouger P, Noizat-Pirenne F, Le Pennec PY. Haemovigilance and transfusion safety in France. Vox Sang 2000; 78 Suppl 2: ) Williamson LM, Love EM. Reporting serious hazards of transfusion: the SHOT program. Transf Med Reviews 1998; 12: ) Debeir J, Noel L, Aullen J, et al. The French haemovigilance system. Vox Sang 1999; 77: ) The SHOT writing group. Serious hazards of transfusion annual report ISBN : 2002, SHOT office, Manchester Blood Centre, Manchester UK. 5) Engelfriet CP, Reesink HW. Haemovigilance systems. International Forum. Vox Sang 1999; 77: ) Robillard P, Itaj NK. Incidence of adverse transfusion reactions in the Quebec s hemovigilance system Transfusion 2003; 43 Suppl: 22a. 7) Faber JC. Haemovigilance in Europe: the European haemovigilance network. Transf Clin Biol 2001; 8: ) Seghatchian J. Universal leucodepletion: an overview of some unresolved issues and the highlights of lessons learned. Transfus Apheresis Sci 2003; 29: ) Castella D, Pujol M. Non-hemolytic febrile transfusion reactions: its incidence in buffycoat-depleted and pre-storage leukocyte filtered components. Transfusion 2003; 43 Suppl: 115a. 10) Dzik WH. Emily Cooley lecture 2002: transfusion safety in the hospital. Transfusion 2003; 43: ) Williamson LM. Using haemovigilance data to set blood safety priorities. Vox Sang 2002; 83 Suppl 1: ) Todd A. Haemovigilance: closing the loop. Vox Sang 2002; 83 Suppl 1: ) Cahill MR, Joyce S, O Brien N, Casey M. Haemovigilance is associated with decreased use and improved appropriateness of blood transfusion. Vox Sang 2003; 85: ) Michlig C, Vu DH, Wasserfallen JB, et al. Three years of haemovigilance in a general university hospital. Transfus Med 2003; 13:

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Raccomandazioni SIMTI sul corretto utilizzo degli emocomponenti e dei plasmaderivati. Gruppo di Redazione G. Liumbruno, F.

Raccomandazioni SIMTI sul corretto utilizzo degli emocomponenti e dei plasmaderivati. Gruppo di Redazione G. Liumbruno, F. di Medicina Trasfusionale SIMTI Raccomandazioni SIMTI sul corretto utilizzo degli emocomponenti e dei plasmaderivati Gruppo di Redazione G. Liumbruno, F. Bennardello, A. Lattanzio, P. Piccoli, G. Rossetti

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Privacy Policy Grand Hotel Et De Milan INFORMATIVA DI QUESTO SITO

Privacy Policy Grand Hotel Et De Milan INFORMATIVA DI QUESTO SITO Privacy Policy Grand Hotel Et De Milan INFORMATIVA DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano

Dettagli

Nome del concorrente - Competitor's name :...

Nome del concorrente - Competitor's name :... MODULO DI RICHIESTA DI MATERIALE SUPPLEMENTARE ADDITIONAL MATERIAL ORDER FORM Il materiale e i documenti compresi nella tassa di iscrizione sono elencati nell'appendice VI del 2015 FIA WRC Sporting Regulations

Dettagli

Mitogen-stimulated DAT: a new method for the diagnosis of AIHA

Mitogen-stimulated DAT: a new method for the diagnosis of AIHA Mitogen-stimulated DAT: a new method for the diagnosis of AIHA Wilma Barcellini, Anna Zaninoni, Francesca Guia Imperiali, Alberto Zanella IRCCS, Department of Haematology, Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

DOMANDA PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO / TRANSPORT REQUEST FORM www.southlands.it - info@southlands.it

DOMANDA PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO / TRANSPORT REQUEST FORM www.southlands.it - info@southlands.it DOMANDA PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO / TRANSPORT REQUEST FORM www.southlands.it - info@southlands.it NUMERO CONTRATTO IL SOTTOSCRITTO..... (FATHER / LEGAL GUARDIAN) I THE UNDERSIGNED) NATO A

Dettagli