CONFERENZA DEI PRESIDENTI DEGLI OO.RR. DEI GEOLOGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFERENZA DEI PRESIDENTI DEGLI OO.RR. DEI GEOLOGI"

Transcript

1 CONFERENZA DEI PRESIDENTI DEGLI OO.RR. DEI GEOLOGI Verbale della seduta del 2 marzo 2015 Roma, sede Consiglio Nazionale dei Geologi, Via Vittoria Colonna, Presidente P.T. Fulvio Iadarola (OR Geologi Friuli Venezia Giulia) Il giorno 02 marzo 2015, alle ore 16:00, presso la sede del Consiglio Nazionale dei Geologi, Via Vittoria Colonna, 40 Roma, inizia la Conferenza dei Presidenti (CdP) degli OO.RR. per discutere il seguente ordine del giorno (OdG): 1. Lettura ed approvazione verbale della riunione della C.d.P. del 19 gennaio 2015; 2. Candidature EPAP; 3. Università (Spagna); 4. Fatturazione elettronica (Valletta); 5. Aggiornamento Organizzazione Congresso 2016; 6. Aggiornamento Linee Guida Unità di Missione; 7. DM 143/2013 Decreto Parametri (Paternoster); 8. Assicurazione Consigli di Disciplina/OO.RR; 9. Elusione della normativa di interesse ed esercizio abusivo della professione di Geologo: vigilanza ed iniziative di contrasto (Cremasco); 10. Varie ed eventuali. Sono presenti: ORG Abruzzo: Presidente Nicola Tullo - ORG Basilicata: Presidente Raffaele Nardone - ORG Calabria: Vice-Presidente... Aliperta - ORG Campania: Presidente Francesco Peduto, Vice-Presidente Francesco Russo - ORG Emilia-Romagna: Gabriele Cesari - ORG Friuli-Venezia-Giulia: Presidente Fulvio Iadarola - ORG Lazio: Presidente Roberto Troncarelli; Vice-Presidente Marina Fabbri - ORG Liguria: Presidente Carlo Malgarotto - ORG Lombardia: Presidente Vincenzo Giovine, Consigliere Anna Prati - ORG Marche: Presidente Andrea Pignocchi - ORG Molise: Presidente Domenico Angelone - ORG Piemonte: Presidente Silvano Cremasco - ORG Puglia: Presidente Salvatore Valletta - ORG Sardegna: Presidente Davide Boneddu - ORG Sicilia: // - ORG Toscana: Presidente Maria Teresa Fagioli - ORG Trentino Alto Adige: Presidente Stefano Paternoster - ORG Umbria: - ORG Valle d'aosta: Presidente Stefania Notarpietro - ORG Veneto: Presidente Paolo Spagna. Il rappresentante del CNG: Giuliano Antonielli. Verificato il raggiungimento del numero legale, alle ore 16:00, il Presidente Pro Tempore Fulvio Iadarola dà inizio alla conferenza introducendo brevemente gli argomenti dell'o.d.g. ed affidando al Collega Davide Boneddu la verbalizzazione della seduta. Iadarola lascia la parola al Consigliere CNG Antonielli per una serie di considerazioni di competenza del CNG sull OdG proposto. Antonielli sostiene l importanza di un progetto unitario CNG-OO.RR per le prossime elezioni Epap al fine di riversare in modo ottimale le politiche dell Ente verso la categoria. Auspica coesione e unitarietà di istanze. Continua sull Università sostenendo che il CNG ha una importante presenza di docenti al suo interno. Questo sta consentendo una serie di istanze in accordo con alcuni politici a difesa dei corsi di studio e dei dipartimenti di riferimento alle scienze geologiche. Importante lavoro anche a mezzo stampa, vedi il pezzo di Stella sul Corriere. Tullo chiede cosa prevede la legge. Antonielli precisa che si spera di ottenere una delega ai numeri altrimenti si rischia la totale scomparsa dei corsi. L auspicio è di arrivare a corsi tarati rispetto alle richieste del mercato.

2 Peduto portando ad esempio il caso Campania evidenzia la necessità degli accorpamenti al fine di ottimizzare le risorse. Antonielli precisa che molti oramai convergono che solo il CNG ha la forza di rappresentare e quindi difendere le istanze dei dipartimenti. Peduto ribadisce la necessità che non si può dare aiuto vista la necessità, ma deve essere una cooperazione che deve andare a sistema, non temporanea e fine a se stessa. Antonielli risalta le discussioni che si stanno facendo anche nell ambito delle terminologie, spesso modulate dagli ingegneri senza utilizzare la parola geo. Prosegue sulla fatturazione elettronica, in generale evidenzia che chiedendo un parere ci si può aspettare anche una risposta non aderente alle convinzioni dei proponenti, vedi caso odontoiatri. Altra istanza o parere sul tema è stata quella della Rete (sempre per situazione Ordini), si potrebbe trovare una soluzione e si farà un nuovo punto a giugno. Per i professionisti il CNG si sta muovendo per chiedere facilitazioni, facendo attenzione al caso Aruba e firma digitale visto che l antitrust potrebbe sanzionare. Nardone chiede di verificare la possibilità che sia l EPAP a convenzionarsi con una azienda per fornire il software. Inarcassa sta fornendo servizi di questo tipo e inerenti anche la formazione APC. Cremasco ricorda che gli OO.RR sono partner con Aruba e quindi l iscritto può valutare se aderire o meno. 1 Gigabyte di fatture costa 25 euro. Antonielli cita la possibilità di utilizzare la proposta della camera di commercio. Cremasco cita la proposta Sacconi che voleva sostituire gli enti pubblici non economici con enti pubblici associazionisti. Chiede di verificare ad Antonielli eventuali riscontri della proposta. Antonielli continua sul Congresso, ribadisce la disponibilità del CNG all organizzazione del Congresso, purtroppo alcune circostanze come le elezioni Epap hanno richiesto la rivisitazione della data. Il CNG era già in procinto di fare tutte le formalizzazioni, anche economiche, ma le coincidenze non consentono l organizzazione. Antonielli peraltro ribadisce che il CNG è oramai preso dall organizzazione delle sue elezioni, per cui è da escludere una sessione congressuale a settembre, anche per questioni di eleganza e opportunità. Ribadisce che è necessario un incontro tipo conclave dove si potrebbe, CNG e OO.RR, produrre un confronto sereno ma aperto, sullo stato dell arte delle cose. Fa una serie di valutazioni su dinamiche interne al CNG e su un confronto interno in programma per il mese di marzo. Anticipa infine a Frascati l invito CNG e OO.RR per il 27 aprile ove vi sarà una cena alla quale saranno invitati 2 componenti per ogni OR mentre il lunch è aperto a tutti. Notarpietro chiede chi sostiene le spese di trasferta. Antonielli risponde che le trasferte sono a carico degli OO.RR; il CNG si farà carico solo di sale, cena per 2 persone per ogni OO.RR e lunch per tutti (giorno 28). In programma c'è la relazione del Presidente e poi discussione aperta e franca. Tullo e Boneddu non concordano con la data, troppo vicina alle elezioni Epap. Peduto chiede se il CNG ha ratificato per le date del congresso 2016 proposte dalla commissione organizzatrice in accordo con il presidente del CNG. Antonielli ribadisce che il febbraio durante la riunione di consiglio del CNG il tutto è stato ratificato in conformità a quanto proposto e discusso tra commissione e presidente CNG. Prosegue con considerazioni sull unità di missione e il lavoro della commissione. Evidenzia la soddisfazione sia di D Angelis che di Grasso per i risultati che si stanno ottenendo. Ribadisce che il lavoro deve consentire un salto di qualità ai lavori proposti che fino ad oggi risultano carenti nei contenuti. L obiettivo è che ovviamente il lavoro divenga linea guida non solo per l Unità di Missione ma anche per tutti quegli interventi che riguardano la difesa del suolo. Verso il 10 marzo potrebbe essere pronta la prima bozza. Peduto pone una questione di metodo non avendo lavorato al tema direttamente. Chiede attenzione che le istanze di criticità non provengano dall interno della categoria, vedi universitari. Continua ribadendo la necessità che la DL operativa geologica sia obbligatoria e idem per la validazione. Antonielli converge con Peduto e ritiene che la commissione stia lavorando molto sulla sostanza tralasciando le questioni prettamente accademiche e fini a se stesse. Conclude complimentandosi con chi ha lavorato per il prodotto ottenuto. Iadarola ha ricordato che lo stesso D Angelis vorrebbe far divenire le linee guida una Norma (OPCM). Ricorda che l Unità di Missione nel 2016 finanzieranno per oltre 1 miliardo di finanziamenti. D Angelis ha

3 ritenuto probabile una norma per limitare l intervento nella progettazione dei dipendenti pubblici e delle università. Antonielli prosegue toccando i temi connessi con il DM parametri. Ricorda il lavoro prodotto da Cappadona per conto del CNG. Alla scarsa interazione del ministero ricorda anche la richiesta di armonizzare o uniformare il nostro tariffario a quello delle altre professioni, soprattutto con gli ingegneri. In alcuni casi il DM tiene con il vecchio tariffario in altri viene fuori un importo molto basso vedi caso cartografie. In questo caso, vi sarà specifica circolare CNG si inviterà ad utilizzare la vacazione. Peduto ricorda che spesso il problema è a monte, visto che il calcolo è prodotto direttamente dalle stazioni appaltanti, impedendo al professionista di interagire. Nardone evidenzia alcune criticità nei calcoli che risultano più bassi, mentre gli ingegneri hanno contenuto questa condizione. Ricorda ancora ancora che spesso le stazioni non pagano il preliminare, visto che è interno all amministrazione, e pagano solo il definitivo, quindi sempre meno. Manca quindi l aliquota A del vecchio tariffario. Peduto produce un esempio campano, un comune di 77 Kmq produce una parcella (pianificazione piano regolatore) per un geologo pari a poco meno di duemila euro. Civelli ribadisce che anche in passato la cartografia veniva calcolata a vacazione. Aliperta ricorda che i PUC sono normati da leggi regionali, quindi una ulteriore difficoltà. Rimarca che in passato però venivano pagate tutte le carte. I casi in Calabria sono vari ma prevalgono i piccoli comuni con territori estesi. Antonielli conclude sulle assicurazioni e consigli disciplina, ricordano la recente nota inviata dal CNG a firma Rota-Graziano. Così conclude il suo intervento sui punti in ODG. Iadarola ricorda se si vuole parlare anche di un punto, non messo in ODG, relativo all abuso della professione. Antonielli ribadisce che è una discussione in atto soprattutto in rete professioni tecniche. Cremasco ribadisce che si sta diffondendo un fatto connesso alla scansione di timbri e usati illegalmente. I casi pare si stiano diffondendo a dismisura, non solo in Piemonte in cui recentemente ha contato 10 diversi casi, ma anche in regioni limitrofe (Lombardia). Continua evidenziando che oltre al falso esiste anche il problema dell elusione. Propone una firma digitale di un elenco elaborati al fine di riconoscere quello che è stato consegnato. Infine chiede che il CNG ponga in discussione il tema ricostruendo quali sono le responsabilità reali di un istruttore che non verifica tali firme. Peduto ricorda che molto dipende da che tipo di atti si discute, vedi quelli di mero deposito in cui non esiste la responsabilità del funzionario, evidenzia che le schede di ceck-list aiutano a risolvere il problema. Antonielli d accordo chiede venga fatto formale quesito al CNG. Fagioli ricorda numerose denunce per abuso della professione e al contempo la sostanziale inerzia delle procure. Valletta ricorda che le firme digitali devono richiamare le iscrizioni all Ordine. Antonielli conclude così la sua analisi sui punti in OdG. Iadarola analizza l odg e ritorna sulla fatturazione elettronica. Valletta analizza le scadenze in tal senso, ritiene vi siano errate valutazioni sulle scadenze. Richiama il parere reso agli odontoiatri. Rimarca che a suo avviso il termine per gli OO.RR è 31 marzo Ribadisce che dopo giugno, passati i primi 3 mesi, vi sarà la possibilità che se non si emette fattura elettronica non si viene pagati. Oltre all emissione della fattura evidenzia anche la necessità dell archiviazione. Iadarola chiede a Spagna un analisi sul punto da lui proposto relativo all Università. Spagna riprende alcune delle analisi fatte in precedenza e relative all Università. Evidenzia la situazione travagliata della Geologia Applicata in Italia e soprattutto a Padova. Ricorda un colloquio con il Prof. Genevois che a seguito del suo pensionamento, si sostituisce anzichè con un applicato con un geomorfologo, con un chiaro indirizzo non applicativo. Dalla discussione con il Prof. e il Direttore, ricorda gli effetti della Gelmini, e la stretta dei percorsi universitari, sia come numero che come tipo, oltre alla limitazione dei ricambi. La legge prevede che prima di assumere un docente occorre pensionarne tre, questa è la causa del sistema che ha generato il calo dei docenti, e quindi l impossibilità reale della sostituzione. Il ricambio così o

4 supporto deve venire, nelle proposte in discussione con il Prof e il Direttore da quello che offre il mercato, tra cui anche i professionisti. Prosegue ricordando che a Padova vi sono numerose iscrizioni, per cui si starebbe pensando ad inserire il numero chiuso, a questo va anche aggiunta la difficoltà dei docenti a spostarsi per le sedi. Nardone ricorda che ad un pensionamento di un applicato non è lineare assumere un geomorfologo. Spagna continua ricordando la difficoltà del corpo docente a comprendere il ridimensionamento. Evidenzia ancora che neanche la recente proposta di legge Mariani potrebbe risolvere il problema, di contro genererà un conflitto con gli statuti dei dipartimenti. Continua evidenziando la necessità di una profonda riflessione su futuro e suo indirizzo, quindi anche con specifici interventi su una legge se ritenuta causa del problema. Gli interventi quindi devono essere immediati e riguardare politica e società civile per intero. Antonielli riprende alcuni punti già discussi in precedenza sul tema condividendo le considerazioni di Spagna. Spagna riprende alcune considerazioni connesse con le competenze in ambito di geologia applicata, proponendo alcuni spunti su cui la professione potrebbe espandersi e ampliarsi. Cremasco ricorda un caso avvenuto in Piemonte, non connesso con la sovrapposizione delle competenze, ma bensì con il rendere il nostro lavoro ad una capacità valutativa dell opera. Il rischio è confluire altrimenti nei politecnici. Spagna insiste su una necessaria amplificazione delle competenze dei geologi per renderle più indipendenti e finalizzate alla definizione e caratteristiche di un opera. Russo ricorda la formazione dei geologi, che non prevede specifici esami di progettazione. Iadarola aggiorna la riunione al giorno dopo 3 marzo. La riunione si chiude alle IL PRESIDENTE P.T. FULVIO IADAROLA IL SEGRETARIO VERBALIZZANTE DAVIDE BONEDDU

5 CONFERENZA DEI PRESIDENTI DEGLI OO.RR. DEI GEOLOGI Verbale della seduta del 3 marzo 2015 Roma, sede Consiglio Nazionale dei Geologi, Via Vittoria Colonna, Presidente P.T. Fulvio Iadarola (OR Geologi Friuli Venezia Giulia) Il giorno 03 marzo 2015, alle ore 10:00, presso la sede del Consiglio Nazionale dei Geologi, Via Vittoria Colonna, 40 Roma, inizia la Conferenza dei Presidenti (CdP) degli OO.RR. per discutere il seguente ordine del giorno (OdG): 1. Lettura ed approvazione verbale della riunione della C.d.P. del 19 gennaio 2015; 2. Candidature EPAP; 3. Università (Spagna); 4. Fatturazione elettronica (Valletta); 5. Aggiornamento Organizzazione Congresso 2016; 6. Aggiornamento Linee Guida Unità di Missione; 7. DM 143/2013 Decreto Parametri (Paternoster); 8. Assicurazione Consigli di Disciplina/OO.RR; 9. Elusione della normativa di interesse ed esercizio abusivo della professione di Geologo: vigilanza ed iniziative di contrasto (Cremasco); 10. Varie ed eventuali. Sono presenti: ORG Abruzzo: Presidente Nicola Tullo - ORG Basilicata: Presidente Raffaele Nardone - ORG Calabria: Vice-Presidente... Aliperta - ORG Campania: Presidente Francesco Peduto, Vice-Presidente Francesco Russo - ORG Emilia-Romagna: Gabriele Cesari - ORG Friuli-Venezia-Giulia: Presidente Fulvio Iadarola - ORG Lazio: Presidente Roberto Troncarelli; Vice-Presidente Marina Fabbri - ORG Liguria: Presidente Carlo Malgarotto - ORG Lombardia: Presidente Vincenzo Giovine, Consigliere Anna Prati - ORG Marche: Presidente Andrea Pignocchi - ORG Molise: Presidente Domenico Angelone - ORG Piemonte: Presidente Silvano Cremasco - ORG Puglia: Presidente Salvatore Valletta - ORG Sardegna: Presidente Davide Boneddu - ORG Sicilia: // - ORG Toscana: Presidente Maria Teresa Fagioli - ORG Trentino Alto Adige: Presidente Stefano Paternoster - ORG Umbria: Segretario Silvia Rossi - ORG Valle d'aosta: Presidente Stefania Notarpietro - ORG Veneto: Presidente Paolo Spagna. Il rappresentante del CNG: Giuliano Antonielli. Verificato il raggiungimento del numero legale, alle ore 16:00, il Presidente Pro Tempore Fulvio Iadarola dà inizio alla conferenza introducendo brevemente gli argomenti dell'o.d.g. ed affidando alla Collega Stefania Notarpietro la verbalizzazione della seduta. Iadarola ricorda alla CdP che il 27/28 ci sarà l'incontro ufficiale CNG-OO.RR a Frascati e che arriverà comunicazione ufficiale. Russo osserva che potrebbe essere un momento impegnativo perché è troppo a ridosso delle elezioni Epap. Giovine propone di posticipare a dopo Epap. Russo osserva che l assenso al progetto Epap deve venire anche dal CNG e quindi la data del pre-epap è giusta. Nardone concorda sulla data pre-epap. Per quanto riguarda l indirizzo che si vuole dare al CNG c'é tempo e quello di Frascati può essere un primo incontro. Giovine rileva che dall incontro con Antonielli si è evinto che al CNG basta avere i nomi condivisi dalla CdP per poterli sostenere. Nardone osserva che è necessario stabilire un criterio.

6 Peduto esprime qualche preoccupazione nell associare Epap + CNG per questo incontro a Frascati. Esorta a concentrarsi sull Epap e solo successivamente a pensare al CNG. Invita anche i candidati Epap a preparare un manifesto sugli obiettivi. Cremasco si chiede qual è il significato di questo conclave. Considera che il CNG ha già fatto un incontro a parte chiuse per valutare chi si ricandida. All interno del CNG verso qualcuno c'è qualche imbarazzo. Non vorrebbe che questo conclave fosse un modo per far dire alla CdP chi non è più gradito. Legge il conclave più una occasione per dibattere sui temi ed un tema centrale sarà l impronta che il CNG vuole dare ai prossimi cinque anni. Una linea politica. Vorrebbe che la CdP si esprimesse sui temi, non sulle persone. Personalmente non condivido la posizione di De Pari sulla selezione dei geologi in base alla qualità. Su un tema di questo genere un conclave ha senso. Se si parla di politica condivisa o non condivisa ha senso. Se il progetto epap nasce su una questione essenziale: tenere illuminato un palcoscenico che finora è stato spento, lo condivido. Nel conclave si potrebbe parlare anche di progetto epap in termini di come agire. Troncarelli esprime profonda delusione per questo conclave. Intanto in quanto fatto cadere dall alto e poi perché teme vengano chiamati gli OO.RR a dire chi non si deve ripresentare. Infine la data crea grande difficoltà. Tullo e Nardone dicono che la data andrebbe condivisa non comunicata. Peduto ritiene che il conclave sia nato inizialmente per il CNG ma che in seguito GVG abbia voluto aprirlo agli OO.RR per avere uno scambio di temi. Fagioli lamenta le solite decisioni del CNG che cadono dall alto. Al di là delle motivazioni per le quali il CNG vuole questo conclave ritiene che 200 persone sarebbero eccessive per parlare. La data è molto sbagliata. Andrebbe fatta dopo l Epap. Russo afferma che in ogni associazione il momento della verifica di quello che è stato fatto e di quello che si vuole ancora fare c'è sempre. Ritiene opportuno questo momento per valutare e programmare le scelte comuni. Il progetto deve essere unico ma bisogna stabilirlo prima. Forse due giorni non bastano. Non è materialmente realizzabile. Sull'Epap rileva che in questa operazione ci stanno mettendo la faccia gli OORR, che hanno degli obiettivi, anche ambiziosi, ma qualcuno deve tenerne conto. Paternoster non condivide il nostro sistema elettorale. Violo sintetizza che la CdP all unanimità conviene che qs data è inopportuna per cui è meglio richiedere di spostarla. E' d accordo con Russo che fare un bilancio di quanto fatto sia bene. Il rischio che si voglia passare la patata bollente agli OORR c'è. Notarpietro immagina che il conclave sia stato fissato in un primo tempo dal CNG per un proprio confronto e che solo in una fase successiva sia stato deciso opportunaente di aprirlo agli OO.RR. Cremasco ritiene che il congresso a settembre sarebbe stato perfetto proprio per il bilancio del CNG. Anche per lui la data del conclave è inopportuna. Propone che la CdP si esprima sulla data e richieda qualche informazione in più sui contenuti del conclave. Tullo propone uno spostamento della data a fine maggio. Gabriele si trova d accordo con Tullo. Esorta la CdP a ripartire dalla famosa delibera n 1 del CNG. Ritiene opportuno cha la CdP fissi un momento di confronto sugli obiettivi e sulla data. Propone inoltre che questa data sia concertata. Verrando propone di comunicare che la data non va bene ed informare anche informalmente subito GVG. Cremasco osserva che in questo modo si rischia di ottenere una comunicazione unidirezionale improduttiva. Angelone evidenzia un altro aspetto oltre la data ossia il fatto di aprire l'incontro a tutto il consiglio manifestando contrarietà. Peduto invita ad essere propositivi. Nardone osserva che due persone per ogni consiglio è sufficiente, anche considerato che sono spesate due persone dal CNG (cena). Troncarelli non capisce la finalità di portare tutto il consiglio al conclave. Peduto insiste nel concentrarsi sul programma. Valletta ribadisce che la data è incompatibile. Iadarola conclude che verrà preparata ed inviata istanza al CNG per comunicare l indisponibilità della CdP per quella data. Tullo anticiperà la posizione della CdP a GVG con una telefonata.

7 PUNTO 2. EPAP Iadarola richiama l elenco delle candidature che rientrano nel progetto della CdP. Valletta conta otto referenti degli OO.RR per la CdP al CIG e ritiene si possa dire di aver vinto se tutti entreranno. Propone di puntare su una strategia per non perderne neanche uno. Propone una commissione di sostegno elettorale che studi bene questa dinamica e che punti all analisi del voto. Per garantire a tutti di arrivare al CIG. Rispetto al CDA e CDD è necessario convergere su tre nominativi. Insiste sulle strategie per votare. Russo aggiorna in tempo reale a 25 i candidati di cui 12 eleggibili. Ritiene che ci sia da fare una riflessione su quello che è stato la volta scorsa ed elenca le percentuali dei votanti. Evidenzia che si debba provare ad ostacolare le persone che si sono ricandidate. Bisogna di portare quanti più voti alle otto persone candidate dalla CdP. Provare a sollecitare chi in genere non vota. In più c'è bisogno di strategia. Condivide la nomina di una commissione. Angelone osserva leggendo i dati scorsi che chi ha votato è il 44% circa degli aventi diritto. Manifesta difficoltà a far votare un candidato troppo lontano dal suo territorio. Fagioli condivide la difficoltà ad indicare un nominativo agli iscritti. Cremasco si trova d accordo ad inquadrare il parco voti dei non più iscritti. Richiama un fatto relativo alla mancanza di recapito delle schede, un centinaio circa in Piemonte (pari 20%) tra le quali alcune arrivarono in ritardo ed altre mai. Ricorda che a suo tempo sollevò un obiezione ma gli fu data una risposta inadatta. Osserva che sarebbe opportuno, oltre a quanto detto da Valletta, di verificare i soggetti considerati inattivi dall Epap. Si chiede infine se sia possibile tracciare gli invii delle schede cartacee. C erano tanti sospetti e pensieri sul voto elettronico. Russo comunica che proporrà all Epap che la commissione elettorale si doti di un esperto informatico, un esperto terzo. CDD: Civelli/Guerra/Marte Valletta ritiene opportuno individuare un esperto informatico. Fagioli concorda sulla commissione. Osserva che il problema è che dell epap c'è una visione negativa. Ritiene ci vada un opera di convincimento rivolta agli iscritti. Preparare un cartello per avere fiducia. Comunica a tal proposito che il 17 aprile ci sarà un evento a Firenze in occasione del quale si parlerà anche di Epap. Segnala la disponibilità ad ospitare la CdP, il 16 aprile, e i candidati Epap il 17. Aliperta ricorda che la scorsa volta si partì tardi con la comunicazione e non ci fu una partecipazione così grande. Anche lui segnala che a molti iscritti i codici arrivarono tardi. Doronzo non crede che il collega pugliese sia nel consiglio elettorale (Impagniatiello). Ritiene che non si debba dire che le elezioni sono a maggio, dal momento in cui si può votare quando arriva la scheda. Russo sostiene che ciò che si deve portare a conoscenza dei nostri iscritti è ciò che si è verificato in questi ultimi 5 anni. Il problema è andare ad incidere proprio su questo argomento: occorre tentare di sovvertire questo andamento. L obiettivo della CdP sarà quello di provare a cambiare la gestione. Occorre incidere sull interesse dell iscritto. Conclude con un progetto più ambizioso che riesca a trasformare l epap (assistenza e previdenza) in una banca privata (oltre ad aiutare colleghi), ad esempio una cassa autonoma per solo geologi. Nel cartello si dovranno sintetizzare questi temi. Cremasco richiede una sorta di ridottissimo elenco dei punti che hanno destato perplessità in questi 5 anni nell epap. Tutti i candidati potrebbero evidenziare questi temi tra i propri iscritti. Richiama la situazione di quel presidente che opera senza mandato dal CDA. Si chiede come mai in una cassa pluricategoriale sia stata presa dagli agronomi. Russo informa su alcuni episodi gravi accaduti in epap che non possono essere noti per la mancanza di trasparenza. Notarpietro ribadisce la necessità di realizzare un documento comune che verrà portato nei consigli di tutti i 20 ordini in modo da avere un messaggio univoco. Inoltre invita a nominare la commissione. La CdP nomina Valletta/Prati/Russo/Angelone Russo si impegna a preparare il documento. Notarpietro desidera sapere se una volta preparato il documento che sostiene gli 8 candidati può ufficialmente essere sostenuto dagli OO.RR senza incorrere in qualche forma di scorrettezza. Civelli propone di inviare una circolare agli iscritti per sapere se sono arrivate le schede.

8 Angelone ritiene che sia l epap a dover dire a chi ha inviato le schede formendo i dati in tempo reale e i nomi. Peduto ritiene che siano i candidati a dover informare gli OORR della candidatura e gli OORR girano l'informazione agli iscritti. PUNTO 10.Varie ed eventuali Notarpietro relaziona sulla CdP. Sulla base dell'impegno assunto a gennaio 2015 nella prima riunione della CdP ha provveduto ad esaminare l'attività della CdP nel corso dell'anno 2014 sulla base di quanto contenuto nei verbali e dei documenti trasmessi al CNG. Dall'esame è emerso che nel corso del 2014 la CdP si è riunita otto volte, quattro delle quali a Roma presso il CNG. In questi otto incontri si è deciso di trasmettere sette istanze al CNG. Di queste sette istanze si è dato seguito a sei. Delle sei istanze trasmesse al CNG solo a tre abbiamo avuto riscontro. Ritiene che questo argomento possa aggiungersi a quelli da trattare al conclave con il CNG. Per la prossima CdP, valutato l'invito dell'org Toscana e l'opportunità dell'incontro dei candidati Epap propone di confermare la data del 16 aprile 2015 presso la sede dell'org Toscana. La CdP approva. PUNTO 5. CONGRESSO Peduto relaziona sulle motivazioni che hanno portato a spostare il congresso nell aprile Riferisce che il CNG verserà l intero contributo già quest anno. Fagioli ritiene che i gruppi di lavoro possano partire comunque da subito. Notarpietro fa osservare che i gruppi sono completati e che mancano solo le mail dei componenti. Fagioli provvederà a raccogliere le mail e a trasmettere il tutto ai coordinatori. PUNTO 7. DM PARAMETRI Paternoster relaziona sul documento preparato ed inviato alla CdP. Evidenzia che nelle province del TAA si sono concluso delle convenzioni su questo tema. Richiama le tre classi del DM prel/def/esec. Fa osservare che l applicazione del DM 143 per la parte geologica è quasi completamente disatteso. Promuove un azione nei confronti del CNG al fine di ottenere un software per il calcolo da fornire anche ai RUP e che contenga anche il confronto con il vecchio ed una circolare esplicativa. Rileva che non ci sono riferimenti alle bonifiche a agli Studi di Compatibilità. Iadarola si impegna ad inviare apposita istanza al CNG a nome e per conto della CdP con allegato il documento preparato da Paternoster. PUNTO 9. Esercizio abusivo della professione Cremasco relaziona circa il problema dell esercizio abusivo della professione con tutti i possibili reati connessi a tale pratica. Propone un intervento del CNG per verificare dal punto di vista normativo la possibilità di imporre al funzionario pubblico una verifica dell autentiticità della firma (esempio firma digitale). Ipotesi di regolamentazione per il controllo. Angelone: relaziona su un caso specifico della propria regione. Rileva che il problema è quando il RUP affida l incarico per la relazione geologica ad un ingegnere. Propone di operare tutti quanti congiuntamente con un azione collettiva. Prima ritiene opportuno mettere a fuoco quali sono le situazioni nelle quali si può individuare l esercizio abusivo della professione. Il CNG dovrebbe essere sollecitato ad interessarsi a questo tema. Ritiene occorra una denuncia collettiva su questo tema. Una diffida sarebbe meglio, che contenga i riferimenti penali Fagioli relaziona su un caso specifico che ha prodotto una denuncia al dirigente. Osserva che il problema è che queste cose rimangono ferme in procura.

9 Spagna afferma che non ha mai visto sentenze che prendano di mira i dipendenti pubblici che abbiano dato incarichi a coloro che non avessero titolo. Richiama la nuova legge approvata in senato che rafforza le pene amministrative applicate all esercizio abusivo, quindi al codice penale. Sostiene che è più facile agire sul professionista piuttosto che sul dipendente pubblico. Cremasco non è d accordo. Anche da un punto di vista di strategia l'elemento debole della nostra capacità di controllo è che di questi illeciti noi abbiamo notizia nell'1% dei casi; esorta quindi ad alzare il livello di attenzione e di controllo. Come avere una efficacia di applicazione? Stabilire una direttiva che imponga di ricevere un documento firmato digitalmente. Conclude impegnandosi a preparare il documento da trasmettere al CNG in forma di istanza. Spagna informa che l'org Veneto ha denunciato la regione Veneto perché nella commissione cave avevano nominato un avvocato e un geometra. Dopo il ricorso hanno la regione ha fatto marcia indietro. Alle 14:30 la CdP si conclude per mancanza di numero legale. IL PRESIDENTE P.T. FULVIO IADAROLA IL SEGRETARIO VERBALIZZANTE STEFANIA NOTARPIETRO

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO 1. Il contesto del nuovo processo formativo Il nuovo processo formativo nell ambito della Campagna nazionale Io non rischio

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA PROT.81790/U/31.07.2012 A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati A tutti i componenti del CIG A tutti i componenti del CdA Roma, martedì 31 luglio 2012

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Viene sottoposta al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione. IL CONSIGLIO COMUNALE In continuazione di seduta Vista la delibera di G.M. n. 104 del 20/11/2015 con la quale è stato approvato

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Centro Universitario di Mediazione n. 209 registro Ministero della Giustizia REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE Articolo 1 Costituzione del Centro Il presente

Dettagli

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1 Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1) Tipologia A conclusione del Corso di studio, gli studenti sono tenuti a sostenere un esame finale che consiste nella discussione

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Codice DB2018 D.D. 24 novembre 2014, n. 987 Impegno di Euro 6.016,00 o.f.c. sul cap. 142189/14 per la realizzazione di funzionalita' aggiuntive della Piattaforma Web per

Dettagli

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009 Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio Nota autofinanziamento Radicali Italiani febbraio 1 I SOSTENITORI DI RADICALI ITALIANI Nelle pagine seguenti verranno analizzate le caratteristiche

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

PREMESSO CHE: tutto ciò premesso e considerato, le Parti convengono quanto segue:

PREMESSO CHE: tutto ciò premesso e considerato, le Parti convengono quanto segue: ATTO INTEGRATIVO ALLA CONVENZIONE DEL 12 FEBBRAIO 2014 PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI CONTI CORRENTI VINCOLATI PREVISTI AI FINI DELL EROGAZIONE DEGLI AIUTI DISCIPLINATI DAL DECRETO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI

Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI 1 Patti Territoriali Gli strumenti di programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO - Concorso a premi VINCI 200 PADELLE CON FLONAL

REGOLAMENTO - Concorso a premi VINCI 200 PADELLE CON FLONAL REGOLAMENTO - Concorso a premi VINCI 200 PADELLE CON FLONAL IMPRESA PROMOTRICE Flonal S.p.A. con sede legale in via L. Einaudi 20 61032 Bellocchi di Fano (PU), P.IVA/C.F. 00950460410, in persona del legale

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

STATUTO di ASAI. Art. 1 Costituzione

STATUTO di ASAI. Art. 1 Costituzione STATUTO di ASAI Art. 1 Costituzione È costituita l ASSOCIAZIONE PER GLI STUDI AFRICANI IN ITALIA (ASAI), con durata illimitata e con sede legale presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Università

Dettagli

MIURAOODGOS Prot. n 0005314/R.U./U Roma, 5 settembre 2014. Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

MIURAOODGOS Prot. n 0005314/R.U./U Roma, 5 settembre 2014. Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIURAOODGOS Prot. n 0005314/R.U./U Roma, 5 settembre 2014 C.M. n 44 Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Sovrintendenti Scolastici di TRENTO e BOLZANO Dirigenti responsabili degli Uffici

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

Allegati: 2 Faenza, 3 novembre 2006. Con preghiera di comunicare il presente invito agli Studenti e ai Docenti di Filosofia

Allegati: 2 Faenza, 3 novembre 2006. Con preghiera di comunicare il presente invito agli Studenti e ai Docenti di Filosofia LICEO CLASSICO EVANGELISTA TORRICELLI - FAENZA (SEZIONE SCIENTIFICA ANNESSA) Codice meccanografico RAPC020007 Codice fiscale 81001340397 -- Distretto scolastico n. 41 Sede Centrale e Indirizzo Scientifico:

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI 10 PREMI PER TESI DI LAUREA SPECIALISTICA E DI DOTTORATO IN MATERIA DI CONCORRENZA DEL MERCATO E DIRITTI DEI CONSUMATORI La Direzione Generale Armonizzazione del

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI N

BANDO DI SELEZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI N Repertorio contratti 2015 n....1315/2015 Prot. n..26843... cl V/6 del...2 marzo 2015... BANDO DI SELEZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI N. 2 STUDENTI ISCRITTI AL CORSO DI LAUREA IN RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07).

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07). Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 17/12/2014 ADS/Prot.n. 09167 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

MISSION PERCHE CREDIT SOFT COME OPERIAMO NEL VOSTRO INTERESSE VANTAGGI RISULTATI OTTENUTI GAMMA SERVIZI

MISSION PERCHE CREDIT SOFT COME OPERIAMO NEL VOSTRO INTERESSE VANTAGGI RISULTATI OTTENUTI GAMMA SERVIZI MISSION PERCHE CREDIT SOFT COME OPERIAMO NEL VOSTRO INTERESSE VANTAGGI RISULTATI OTTENUTI GAMMA SERVIZI Credit Soft fa di competenza professionale ed efficacia dei risultati gli obiettivi MISSION primari,

Dettagli

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles

Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Progetto di Regolamento del Circolo PD di Bruxelles Approvato dall Assemblea del Circolo PD di Bruxelles il XXX PREAMBOLO Il presente Regolamento (in prosieguo: "Regolamento PD Bruxelles") ha per scopo

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere PROGETTO DONNE & SCIENZA progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere Contesto Normativo Nascita 1989 Comitato pari opportunità presso il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

La fase preparatoria al progetto di cooperazione Leader Alcune indicazioni

La fase preparatoria al progetto di cooperazione Leader Alcune indicazioni La fase preparatoria al progetto di cooperazione Leader Alcune indicazioni Documento tecnico Novembre 2009 Documento realizzato nell ambito delle attività della Rete Rurale Nazionale e relative all'azione

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER

Dettagli

CAMERA PENALE DI RIMINI

CAMERA PENALE DI RIMINI VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 29.12.2014 Oggi, 07.01.2015 alle ore 18.00 presso lo studio del Presidente, avv. Paolo Gasperoni, in Rimini, via Gambalunga n. 25, sono presenti: Avv. Paolo Gasperoni;

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

Deliberazione della Giunta Provinciale

Deliberazione della Giunta Provinciale Deliberazione della Giunta Provinciale N 704 del 30/11/2010 pagina 1 Prot. n. 227242/08.20.00.01 OGGETTO: Legge Regionale n. 38 del 16 Agosto 2001 Approvazione bozza di Protocollo di Intesa tra Regione

Dettagli

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 FON.COOP 1 Microimprese Una definizione Si intende per microimpresa un impresa profit e no profit o un organizzazione

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO

BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO 199/2015 1908 9/12/2015 2015 III 13 27 BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE Visto Visto Vista l art. 66 dello Statuto dell Autonomia

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

Guida alla consegna del PGT in formato digitale

Guida alla consegna del PGT in formato digitale Guida alla consegna del PGT in formato digitale Per i comuni delle Province di Cremona e Varese, la consegna del PGT in formato digitale avverrà secondo modalità stabilite dalle stesse province. Per ogni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Scuola, si chiudono con successo le iscrizioni on line: 1,557.601 milioni di domande registrate, il 99,3% Quasi

Dettagli

ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE E LA PRESENTAZIONE del PIANO FORMATIVO

ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE E LA PRESENTAZIONE del PIANO FORMATIVO Fondimpresa: Avviso n. 5/2015 Competitività Allegato n. 4 ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE E LA PRESENTAZIONE del PIANO FORMATIVO Avviso 5/2015 Competitività 1. Attivazione del Piano formativo Per poter presentare

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Verbale della riunione del Consiglio del 22/04/2015 Alle ore 15:45 del giorno 22/04/2015 presso la sede dell Ordine dei Geologi della Regione Umbria, in Via Martiri

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

Progetto Tessera Sanitaria

Progetto Tessera Sanitaria Articolo 50 del D.L. 30 settembre 2003 n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e successive modificazioni DM 2 Novembre 2011 Dematerializzazione della ricetta medica

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Regione Calabria NOTA INFORMATIVA SUGLI ONERI E GLI IMPEGNI DERIVANTI DA CONTRATTI RELATIVI A STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI (Art. 62 del D.L n. 112 /2008,convertito, con modificazioni, dalla legge n. 133/08,

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO. per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS

Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO. per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale AVVISO per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza per contenzioso INPS L Istituto Nazionale Previdenza Sociale - I.N.P.S. pubblica

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

C O M U N E D I C I N I S I P R O V I N C I A D I P A L E R M O

C O M U N E D I C I N I S I P R O V I N C I A D I P A L E R M O C O M U N E D I C I N I S I P R O V I N C I A D I P A L E R M O III Settore Lavori Pubblici I Ripartizione Lavori Pubblici Lettera d invito AFFIDAMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE DI IMPORTO INFERIORE A

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

PROCEDURA CONCILIATIVA

PROCEDURA CONCILIATIVA PROCEDURA CONCILIATIVA PROTOCOLLO D INTESA tra Findomestic Banca S.p.A, con sede legale in Via J. Da Diacceto, 48 50128 Firenze (di seguito Findomestic ) e le Associazioni di Consumatori Adiconsum, Adoc

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE IL CAPO DIPARTIMENTO DECRETO N. 1049/2015 VISTA la legge 6 marzo 2001, n. 64, recante: Istituzione del servizio civile nazionale e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il decreto legislativo

Dettagli

PIANI REGIONALI DELLA PREVENZIONE Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Regione VENETO Epidemiologia degli infortuni nei luoghi di lavoro ( sist. COREO) Obiettivi: promuovere

Dettagli

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 18/03/2015 ADS/Prot.n. 01924 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Classe: L-22 Scienze delle attività motorie e sportive Università degli Studi di Cagliari Rapporto di Riesame

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Sessione comunitaria

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Sessione comunitaria Bozza Verbale n.1/08 Seduta del 24 gennaio 2008 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Sessione comunitaria Il giorno 24 gennaio 2008,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CIVATE. VERBALE N. 5 del COLLEGIO DOCENTI Scuola Primaria

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CIVATE. VERBALE N. 5 del COLLEGIO DOCENTI Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CIVATE VERBALE N. 5 del COLLEGIO DOCENTI Scuola Primaria IL GIORNO 23 GENNAIO DELL ANNO 2015, ALLE ORE 16.40, PRESSO L AUDITORIUM DELLA SEDE DI MALGRATE, SI É RIUNITO IL

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015.

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015. MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015 Al Fondo per la gestione degli Pneumatici Fuori Uso (PFU) A: contratti@pec.pneumaticifuoriuso.it

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO n. 04 a. s. 2012/2013 del 15 gennaio 2013

VERBALE DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO n. 04 a. s. 2012/2013 del 15 gennaio 2013 LICEO GINNASIO STATALE «RAIMONDO FRANCHETTI» VENEZIA-MESTRE Corso del Popolo, 82 VE-MESTRE 30172 Tel. 041/5315531 Fax 041/5328524 e-mail: segreteria@liceofranchetti.it Cod. fiscale 82007660275 Cod. Scuola

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX Determinazione dirigenziale n. 6 del 19 marzo 2015 Oggetto: definizione della controversia XXX/ ITALIACOM.NET XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale SEZIONE LOGISTICA, TRASPORTI E SPEDIZIONI REGOLAMENTO Questa stesura rimane valida fino ad una eventuale diversa edizione compatibile con il regolamento

Dettagli

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico I. R. C. C.S. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO DELLA BASILICATA Rionero in Vulture (PZ) C. R. O. B. 85028 Rionero in Vulture (PZ) Via Padre Pio, 1 P.

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

IL RETTORE. le Linee Guida dei tirocini formativi e di orientamento nella Regione Lazio (BU n.16 del 28.04.2009);

IL RETTORE. le Linee Guida dei tirocini formativi e di orientamento nella Regione Lazio (BU n.16 del 28.04.2009); IL RETTORE 001280 VISTA la Legge 196/97 e successivo D.M. n. 142/98; VISTE le Linee Guida dei tirocini formativi e di orientamento nella Regione Lazio (BU n.16 del 28.04.2009); VISTO il DM 270/04; VISTO

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Struttura organizzativa: Direzione Amministrativa Processo di riferimento: Acquisizione Risorse

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza

Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza Teoria dei Giochi Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 12-14 giugno 2012 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), altrimenti

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO

BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO 51/2016 449 27/04/2016 2016 III 13 4 BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI UNA BORSA DI STUDIO IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE Visto Visto Vista l art. 66 dello Statuto dell Autonomia

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 8 del mese di settembre, alle ore 11.00, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle

Dettagli