C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO"

Transcript

1 C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO Cod. Fiscale e Partita IVA Treviglio 02/02/2010 C.a. Responsabili Risorse Umane Presentazione del catalogo corsi formazione Enfapi finanziati da FONDIMPRESA AVT/12/08II L ENFAPI offre servizi di Formazione per le Risorse Umane e si focalizza sulla : preparazione di giovani operai e lo sviluppo professionale dei collaboratori. Nello scenario attuale dove domina una grande incertezza e i comportamenti delle persone sono: riduzione del grado di fiducia reciproca rinuncia e diminuzione delle decisioni negligenza e trascuratezza E i comportamenti conseguenti delle aziende sono: taglio della formazione blocco dei nuovi progetti In questa situazione riteniamo che il rischio di non riqualificarsi farà sempre più la differenza fra le imprese vitali e competitive e quelle barcollanti e soprattutto facilmente sostituibili. Le proposte di Enfapi si inseriscono in questo contesto e sono a supporto delle aziende per Sviluppare le competenze necessarie per: percepire i problemi in tempo reale definire modelli di problem solving accrescere il proprio orientamento ai risultati: - alla qualità - al cliente. Nel catalogo allegato troverà tutti i percorsi formativi finanziati, inoltre possiamo progettare corsi formativi personalizzati per singole aziende. Nei prossimi giorni La contatteremo per ascoltare le Sue esigenze di sviluppo professionale per la Sua Azienda. Nel ringraziarla per l attenzione cogliamo l occasione per inviarle i più cordiali saluti La Segreteria del Consorzio Enfapi Treviglio (signora Mariangela, signora Laura) è a Vostra disposizione per qualsiasi chiarimento. (tel fax mail ). Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito Cordialmente Il Coordinatore dei Corsi Dr. Virginio Pescalli \\Srvenfapitr\dati\didattica\F_CONTINUA\PESCALLI\avviso_2_2008\CATALOGO 2 TRIMESTRE\CATALOGO CORSI FONDIMPRESA secondo TRIMESTRE.doc

2 \\Srvenfapitr\dati\didattica\F_CONTINUA\PESCALLI\avviso_2_2008\CATALOGO 2 TRIMESTRE\CATALOGO CORSI FONDIMPRESA secondo TRIMESTRE.doc

3 Fondimpresa Avviso 2/2008 Piano Formativo AVT/12/08II Programma di formazione a sostegno dell innovazione e della competitività in provincia di Bergamo CATALOGO CORSI (SECONDO PERIODO) FEBBRAIO APRILE

4 INDICE SCHEDE CORSI INGLESE 1 livello...3 INGLESE 2 livello...4 TEDESCO 1 livello...5 TEDESCO 2 livello...6 EXCEL BASE...7 EXCEL AVANZATO...8 OLEODINAMICA...9 CNC TORNITURA: BASE...10 CNC FRESATURA: BASE...11 DISEGNO MECCANICO...12 GESTIONE DEI PROCESSI...13 GESTIONE DI UN PROJECT WORK...14 GESTIONE DELLO STRESS...15 TECNICHE DI PROBLEM SOLVING...16 GESTIONE RIUNIONI, COMUNICAZIONE E ASCOLTO...17 PROCESSI DI FONDERIA: LAVORAZIONI MECCANICHE E CONTROLLO QUALITA...18 MODALITA DI ISCRIZIONE E METODOLOGIE FORMATIVE

5 Numero Identificativo 1 Ore corso 40 INGLESE 1 livello del corso sono: Acquisizione delle strutture grammaticali di base; Acquisizione del vocabolario di base; Comprensione e produzione di messaggi orali semplici; Comprensione e produzione di messaggi scritti semplici; Correttezza della pronuncia; Perdita dell estraneità e della paura nei confronti della lingua. Strutture grammaticali di base: in particolare i tempi verbali, gli aggettivi, le preposizioni, i pronomi, gli ausiliari; Vocabolario di base: in particolare il vocabolario coinvolto nelle prime forme della relazione interpersonale; Vocabolario specifico: qualche riferimento a termini in uso nell ambito lavorativo Elementi minimi di fonetica 3

6 Numero Identificativo 2 INGLESE 2 livello Ore corso 40 Modalità di del corso sono: Allargamento delle strutture grammaticali; Consolidamento e allargamento del vocabolario; Comprensione ed elaborazione di messaggi orali; Comprensione ed elaborazione di messaggi scritti; Miglioramento della pronuncia. Strutture grammaticali avanzate Vocabolario: il vocabolario coinvolto nelle forme della relazione interpersonale Vocabolario: il vocabolario di svariati ambiti linguistici Vocabolario specifico: termini in uso nell ambito lavorativo (termini tecnici, telefonate, corrispondenza) 4

7 Numero Identificativo 3 Ore corso 40 TEDESCO 1 livello del corso sono: Acquisizione delle strutture grammaticali di base; Acquisizione del vocabolario di base; Comprensione e produzione di messaggi orali semplici; Comprensione e produzione di messaggi scritti semplici; Correttezza della pronuncia; Perdita dell estraneità e della paura nei confronti della lingua. Strutture grammaticali di base: in particolare i tempi verbali, gli aggettivi, le preposizioni, i pronomi, gli ausiliari; Vocabolario di base: in particolare il vocabolario coinvolto nelle prime forme della relazione interpersonale; Vocabolario specifico: qualche riferimento a termini in uso nell ambito lavorativo Elementi minimi di fonetica 5

8 Numero Identificativo 4 Ore corso 40 TEDESCO 2 livello del corso sono: Allargamento delle strutture grammaticali; Consolidamento e allargamento del vocabolario; Comprensione ed elaborazione di messaggi orali; Comprensione ed elaborazione di messaggi scritti; Miglioramento della pronuncia. Strutture grammaticali avanzate Vocabolario: il vocabolario coinvolto nelle forme della relazione interpersonale Vocabolario: il vocabolario di svariati ambiti linguistici Vocabolario specifico: termini in uso nell ambito lavorativo (termini tecnici, telefonate, corrispondenza) 6

9 Numero Identificativo 5 EXCEL BASE Ore corso 16 Essere in grado di: comprendere le astrazione relative al concetto di documento elettronico e foglio elettronico e le principali funzionalità collegate ai programmi di foglio elettronico. Nozioni di base e presentazione di Excel Digitazione e modifica dei dati Utilizzo delle formule e delle funzioni di Excel Ricerca e sostituzione testo Controllo ortografico Gestione dei file Formattazione del foglio di lavoro Stampa del foglio di lavoro I grafici Creazione di rapporti personalizzati e di modelli 7

10 Numero Identificativo 6 EXCEL AVANZATO Ore corso 16 OBIETTIVI Il percorso formativo consente di fornire una conoscenza approfondita dell ambiente e delle più usate funzionalità del foglio elettronico Excel. Vengono affrontate in modo approfondito le problematiche relative all inserimento di dati, formule e funzioni, la formattazione dei dati, i grafici e la stampa delle cartelle di lavoro. L'utente al termine dell intervento sarà in grado di: - Conoscere l ambiente di Excel - Creare, elaborare, formattare e modificare fogli di lavoro - Elaborare ed applicare operazioni matematiche e logiche utilizzando formule e funzioni. - Creare e formattare grafici - Preparare e stampare i dati elaborati. - Saper lavorare con serie di dati, elenchi e tabelle pivot CONTENUTI Approfondimenti su: Gestione di file, Gestione di fogli, L area di lavoro, Inserimento e modifica dati, Gestione di date, formati, funzioni e calcoli con le date; Formule aritmetiche personalizzate Serie di dati: tecniche di riempimento automatico Rappresentazione grafica dei dati Gestione riquadri e finestre Funzioni di database Filtri, convalida subtotali, moduli. Tabelle Pivot Creazioni di macro con il registratore 8

11 Numero Identificativo 7 itolo Ore corso 32 OLEODINAMICA Il corso è finalizzato ad accrescere le conoscenze dell operatore per ottimizzare le soluzioni tecniche applicate e ridurre i tempi di avviamento e manutenzione. Particolare attenzione sarà prestata all illustrazione di simboli, norme, schemi, funzioni e caratteristiche dei prodotti commercializzati, nonché alla valutazione delle problematiche secondo il Decreto legislativo 626/1994 e sotto il profilo della Direttiva Macchine CEE 89/392, , 93/44 e 93/68. EN982 ISO ISO Prerogative dei sistemi oleoidraulici; limite tra scelte oleoidrauliche e pneumatiche; accenni al Dec. Leg. 626/1994 e alla Direttiva Macchine CEE; grandezze e unità di misura fondamentali; serbatoi ed accessori; raccorderia; tubi flessibili e relative normative; montaggi. Principi fisici; pressione, leggi e principi fondamentali; strumentazione; pulizia dell impianto; flussaggio; fluidi adatti agli impianti. Filtrazione: tipologie di filtri; unità di controllo; livelli di contaminazione secondo le norme ISO e NAS; prova di analisi olio. Bilancio termico nei sistemi oleoidraulici; scambiatori di calore acqua/olio, aria/olio e a piastra; accumulatori; normative e collaudi; applicazioni. Classificazione delle valvole: ad otturatore, a cursore, regolatrici; ripartitori di flusso; elementi logici; simbologia ISO Pompe oleoidrauliche a portata fissa o variabile; pompe e motori in circuito chiuso; motori oleodinamici; Guarnizioni; cilindri; dimensionamenti idraulici e meccanici; sistemi per il rilevamento della posizione, della pressione e dello sforzo; normative; deceleratori; sistemi per il bloccaggio di pezzi. Elettrodistributori; connettori e loro funzioni; simbologia oleodinamica; progettazione di circuiti. ISO ; circuiti elementari; valvole a controllo proporzionale. Sistemi proporzionali; servovalvole; nuove soluzioni industriali. Introduzione ai sistemi di lubrificazione per macchine industriali; lubrificazione a circolazione e a perdita; sistema monolinea: con dosatori a resistenza, ad azione diretta e indiretta, progressivo; sistema bilinea; sistema a spruzzo; sistema mix. air.; lubrificazione minimale. 9

12 Numero Identificativo 8 CNC TORNITURA: BASE Ore corso 40 Il corso si rivolge ad operatori di macchine utensili tradizionali più o meno esperti che vogliono imparare i primi rudimenti della programmazione cnc - Descrizione della struttura macchina e delle sue parti principali - Definizione degli assi di tornitura - Accenni alla tecnologia dell utensile - Parametri tecnologici dell utensile(velocità di taglio,avanzamento, numero di giri) - Accenni di trigonometria - Principali funzioni G e M - Programmazione assoluta ed incrementale - Programmazione di profili - Programmazione delle filettature - Utilizzo di alcuni cicli fissi di tornitura - Programmazione per enti geometrici(geometria semplificata) - Esercitazione pratica su tornio CNC con esecuzione di alcuni semplici pezzi meccanici,eventuale simulazione grafica al computer 10

13 Numero Identificativo 9 Ore corso 40 CNC FRESATURA: BASE Il corso si rivolge ad operatori di macchine utensili tradizionali più o meno esperti che vogliono imparare i primi rudimenti della programmazione cnc - Descrizione della struttura macchina e delle sue parti principali - Definizione degli assi di fresatura - Accenni alla tecnologia dell utensile - Parametri tecnologici dell utensile(velocità di taglio,avanzamento, numero di giri) - Accenni di trigonometria - Principali funzioni G e M - Compensazione raggio fresa - Programmazione di profili - Programmazione dei principali cicli fissi di foratura - Esercitazioni. 11

14 Numero Identificativo 10 Ore corso 40 DISEGNO MECCANICO In particolare gli allievi avranno competenze e abilita' relativi a: - Lettura ed interpretazione del disegno meccanico - Il disegno tecnico come rappresentazione grafica di pezzi e relative dimensioni - L'unificazione (UNI, ISO, ecc) - Il disegno meccanico (complessivi, particolari, normali) - La finitura delle superfici - Segni di lavorazione - Indicazioni di trattamenti di finitura (lucidare, zincare, ecc.) - Rugosità - Tolleranze - Dimensionali (foro base, albero base, accoppiamenti, posizione e qualità, norme ISO) - Il principio del massimo materiale - Collegamenti smontabili (chiavette, linguette, spine, anelli elastici, rondelle) - Filettature (viti, bulloni, dadi, ghiere) - Ruote dentate (cilindri, coniche, vite senza fine) - Dati tecnici (m, Z, D, ang. press.) - Quotatura, tolleranze, prescrizioni - Alberi e supporti (guarnizioni, sedi, ecc.) - Bronzine, cuscinetti e rotolamento -L'unificazione (UNI, ISO, ecc.) - Diciture, linee, formati, ecc. - Rappresentazione di oggetti (linee piene, tratteggi, assi ribaltamenti, sezioni) - Proiezioni ortogonali Proiezioni assonometriche e prospettive - Quotature del disegno meccanico - Quote funzionali od ausiliare - Conicità, smussi, arrotondamenti - Metrologia - Strumenti (tolleranza, errori, precisione) - Calibri, micrometri, comparatori minimetri 12

15 Numero Identificativo 11 GESTIONE DEI PROCESSI Ore corso 40 Sviluppare le competenze gestionali e relazionali dei capi intermedi delle aziende interessate Sviluppo delle Competenze gestionali Principi di gestione delle Risorse Umane: il ruolo del Capo Assegnare compiti ed obiettivi Il feedback e i colloqui gestionali: definizione obiettivi, rimprovero, etc. La delega efficace Gestire l'inserimento di nuovi collaboratori Valorizzare le risorse umane: valutare prestazioni e potenziale, gestire i riconoscimenti Problem solving & decision making Sviluppo delle Competenze relazionali Comunicazione interna: tipologie e strumenti, il ruolo dei capi, l'assertività, l'ascolto attivo e la negoziazione Motivare i collaboratori 13

16 Numero Identificativo 12 Ore corso 40 GESTIONE DI UN PROJECT WORK Sviluppare le competenze per la realizzazione di un PROJECT WORK Tecniche di realizzazione Realizzazione di un PW 14

17 Numero Identificativo 13 GESTIONE DELLO STRESS Ore corso 16 Saper gestire emozioni ed ansia, a fronte di eventi/situazioni intense e critiche. Capire cos è lo stress e come funziona; Come gestire lo stress; Stress e performance. 15

18 Numero Identificativo 14 TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Ore corso 16 Inquadrare un problema, formulare la soluzione, prendere la decisione e attivarla. Le sei fasi del modello decisionale. Esercitazioni: introduttive sulle prese di decisioni individuali e successivamente casi di lavoro ed elaborazioni di un piano di lavoro personali. 16

19 Numero Identificativo 15 Ore corso 16 GESTIONE RIUNIONI, COMUNICAZIONE E ASCOLTO Acquisire strumenti di comunicazione interpersonale particolarmente utili per affrontare interlocutori difficili. La gestione delle riunioni; L organizzazione della riunione: Tecniche di gestione delle riunioni; L ascolto attivo. 17

20 Numero Identificativo 16 Ore corso 28 ObiettivI: PROCESSI DI FONDERIA: LAVORAZIONI MECCANICHE E CONTROLLO QUALITA Sviluppare le competenze dei tecnici,dei responsabili di produzione,degli addetti alla qualità relative ai processi di fusione e lavorazioni meccaniche. Cenni storici Linee guida per una corretta progettazione del prodotto I processi di fonderia e delle lavorazioni meccaniche Analisi del prodotto nel Controllo qualità Individuazione di casi aziendali da analizzare Lezione presso un laboratorio di controllo qualità Lezione presso una fonderia 18

21 ANNO FORMATIVO 2009/2010 Fondimpresa Avviso 2/2008 Piano Formativo AVT/12/08II Programma di formazione a sostegno dell innovazione e della competitività in provincia di Bergamo MODALITA DI ISCRIZIONI CORSI 19

22 MODALITA DI ISCRIZIONE E METODOLOGIE FORMATIVE ISCRIZIONI: Le aziende che intendono iscrivere i propri dipendenti ai corsi proposti, devono compilare i due moduli di seguito allegati Mod. 1: SCHEDA DI ISCRIZIONE PARTECIPANTE Mod. 2: SCHEDA AMMINISTRATIVA PARTECIPANTE E, se non sono già state compilate i modelli: Mod. 3 SCHEDA ADESIONE A FONDIMPRESA (necessaria se l azienda non risulta nell elenco aziende associate a FONDIMPRESA) Mod. 4 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO e inviarli via fax a: CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO Via Nenni,4 TREVIGLIO fax 0363/ DESTINATARI PIANO FORMATIVO FONDIMPRESA Possono iscrivere il loro personale dipendente (quadri, impiegati, operai) le imprese che hanno aderito a Fondimpresa prima dell'avvio dell'azione formativa. Non possono essere destinatari delle attività formative i titolari e amministratori d'impresa, dirigenti, lavoratori autonomi e liberi professionisti, prestatori di lavoro occasionale, lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto. Priorità: 1. presenza in misura superiore al 10% del totale dei lavoratori partecipanti alla formazione di donne 2. presenza in misura superiore al 10% del totale dei lavoratori partecipanti alla formazione di popolazioni statisticamente non favorite: a. tutti i lavoratori delle imprese private con meno di 15 dipendenti; b. i lavoratori di qualsiasi impresa privata collocati con cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria; c. i lavoratori di qualsiasi impresa privata in possesso del solo titolo di licenza elementare o di istruzione obbligatoria; d. i lavoratori provenienti da Paesi non appartenenti all'unione Europea. e. donne over 40; 3. presenza di almeno l 75% di partecipanti provenienti da aziende con meno di 200 dipendenti 4. presenza in misura non superiore al 25% di partecipanti provenienti da aziende con più di 200 dipendenti PARAMETRI PER ATTIVAZIONE CORSI minimo di partecipanti per attivare un'azione formativa: 8. attestato di frequenza: riservato esclusivamente ai partecipanti che hanno frequentato almeno il 65% del monte ore del corso. SCADENZE E AMMISSIONE Periodo di realizzazione dei corsi: Marzo Settembre 2008 Le iscrizioni scadono al 10 giorno antecedente alla data di avvio di ciascun corso. Viene ritenuto elemento di valutazione nella scelta dei partecipanti anche l'ordine cronologico di arrivo delle schede di iscrizione (fa fede la data e l'orario fax). Tale parametro è subordinato alle priorità sopra menzionate. Le aziende ammesse alla frequenza ricevono CONFERMA di ammissione. FREQUENZA E ATTESTATO E' richiesto all'azienda e al lavoratore un impegno alla frequenza di almeno il 65% sul monte ore corso, che è la frequenza minima per il rilascio dell'attestato finale. In caso di assenze superiori, il partecipante è considerato dimissionario e non riceve alcuna attestazione finale. PER INFORMAZIONI Consorzio ENFAPI Treviglio Via Nenni, 4 TREVIGLIO (BG) (tel fax mail Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito

23 FAC SIMILE CRITERI DI CALCOLO DEL COSTO LORDO MEDIO ORARIO relativo al personale dipendente Il costo del lavoro viene computato in riferimento alla retribuzione che il dipendente percepisce in base al CCNL ed eventuali accordi contrattuali più favorevoli. Il metodo di calcolo, per l'individuazione del costo orario, deve prendere come riferimento gli elementi costitutivi della retribuzione; l'importo totale di tali elementi, con esclusione degli elementi mobili della retribuzione (ad esempio premi una tantum ad personam), maggiorato degli oneri diretti e riflessi, della quota di 13a, 14a, di ferie, di festività soppresse, di TFR e dei contributi a carico del datore di lavoro, deve essere diviso per il monte ore di lavoro convenzionale previsto dal CCNL cui si riferisce. Il costo orario medio annuo si calcola perciò dividendo il costo azienda annuo relativo a ciascun dipendente per il cosiddetto monte ore di lavoro convenzionale, A titolo di esempio, per il CCNL del Commercio, il costo azienda annuo si determina nel modo seguente: Retribuzione lorda mensile x 14 mensilità ( ovvero retribuzione lorda mensile x 12 mensilità +tredicesima mensilità +quattordicesima mensilità + T.F.R. + Contributi INPS + (Eventuale Quas per i quadri) + Contributi INAIL + Ulteriori costi come da contratti aziendali = Costo azienda annuo Per la determinazione del monte ore di lavoro convenzionale da assumere a divisore, si procederà nel modo seguente: ore di lavoro convenzionali = 2088 (52 sett. x 40 h settimanali * 8h) ore di lavoro non lavorate ferie (22 gg x 8h) -172 permessi retribuiti ( 9 gg x 8h) -72 riposi per festività sòppresse ( 4 gg x 8h) -32 festività cadenti in giorni lavorativi ( 9 gg x 8h) -72 totale monte ore di lavoro convenzionale 1740 (base di calcolo CCNL del Commercio ed anno 2003) AI costo orario medio annuo, ottenuto come sopra indicato, andrà poi sommato il costo derivante dall'eventuale applicazione deil'irap. Tale costo orario medio moltiplicato per il numero delle ore lavorate da ciascun dipendente determina il costo del personale interno attribuibile ad un progetto. NOTA BENE: Sono da rifiutare i calcoli che tengono conto di coefficienti percentuali (ad esempio il tasso di assenteismo).

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168)

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168) CLASSE: MATERIA: meccanica applicata 2^F m (ore annuali 168) Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro Regole di civile convivenza e rispetto. Obblighi e doveri in ambito lavorativo. Abilità Saper assumere

Dettagli

Altri eventuali percorsi possono essere da noi elaborati sulla base di Vostre richieste specifiche

Altri eventuali percorsi possono essere da noi elaborati sulla base di Vostre richieste specifiche 1 2 Settore TITOLO DEL CORSO DURATA 1 Alimentare Gli alimenti 32/48 ore 2 Igiene degli alimenti 32 ore 3 Corretta prassi igienica 24 ore 4 Tecniche di conservazione, cottura e 24 ore packaging 5 Informatica

Dettagli

C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO

C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO C.F.P. CONSORZIO ENFAPI TREVIGLIO Cod. Fiscale e Partita IVA 01281810166 Sede: Via Nenni,4-24047 TREVIGLIO (BG) Tel. 036349296-036347034 Fax 0363595531 mail: enfapitreviglio@confindustriabergamo.it Treviglio

Dettagli

MODULO PROFESSIONALIZZANTE 40 ORE ACCESS PER LA GESTIONE LOGISTICA (Intersettoriale)

MODULO PROFESSIONALIZZANTE 40 ORE ACCESS PER LA GESTIONE LOGISTICA (Intersettoriale) MODULO PROFESSIONALIZZANTE 40 ORE ACCESS PER LA GESTIONE LOGISTICA (Intersettoriale) AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE (intersettoriale) AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' GENERALE base (Intersettoriale) CONTENUTI

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO INTERAZIENDALE PER LE IMPRESE ASSOCIATE DELLA ZONA SUD

CATALOGO FORMATIVO INTERAZIENDALE PER LE IMPRESE ASSOCIATE DELLA ZONA SUD Area Monitoraggio del Territorio e Infrastrutture, Organizzazione Zonale Area Formazione, Scuola, Università e Ricerca CATALOGO FORMATIVO INTERAZIENDALE PER LE IMPRESE ASSOCIATE DELLA ZONA SUD luglio 2005

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO VOUCHER

CATALOGO FORMATIVO VOUCHER CATALOGO FORMATIVO VOUCHER ANALISI DI BILANCIO PER NON ADDETTI Durata 16 ore Definire ed analizzare il concetto di bilancio e le sue finalità Esaminare l aspetto patrimoniale ed economico del bilancio

Dettagli

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA

MATERIA: LABORATORIO DI MECCANICA UF1 - PRODURRE ALLA FRESATRICE Norme del disegno tecnico. Tolleranze di lavorazione. Lettura degli strumenti di misura e di controllo Conoscenza degli utensili per fresare Calcolo dei parametri di taglio.

Dettagli

TOSONI Fluidodinamica SpA

TOSONI Fluidodinamica SpA Sede di Roncadelle (Bs) Italy 030 2584777 Zanotti Domenico zanotti@tosoni.it 335 5947255 Vi presentiamo il nostro gruppo, la nostra produzione e i marchi da noi distribuiti. Centrali oleodinamiche, componentistica

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ADDETTO ALLE MACCHINE UTENSILI

PROGETTO FORMATIVO DI RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ADDETTO ALLE MACCHINE UTENSILI PROGETTO FORMATIVO DI RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE ADDETTO ALLE MACCHINE UTENSILI Premessa: La presente ipotesi nasce dall esigenza di riqualificare professionalmente dei lavoratori disoccupati, in mobilità

Dettagli

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE

DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE I.I.S REMO BRINDISI MANUTENZIONE ed ASSISTENZA TECNICA DIPARTIMENTO DISCIPLINE TECNOLOGICHE Tecnologie Meccaniche e Applicazioni Programmazione Secondo Biennio Conoscenze Tolleranze caratteristiche degli

Dettagli

FORMAZIONE 2012 CATALOGO CORSI ALBERTO ZAFFAGNINI CONSULENZE PER LA METROLOGIA E LA QUALITA NELL INDUSTRIA

FORMAZIONE 2012 CATALOGO CORSI ALBERTO ZAFFAGNINI CONSULENZE PER LA METROLOGIA E LA QUALITA NELL INDUSTRIA FORMAZIONE 2012 CATALOGO CORSI ALBERTO ZAFFAGNINI CONSULENZE PER LA METROLOGIA E LA QUALITA NELL INDUSTRIA Rev. 0 - gennaio 2012 INTRODUZIONE La formazione del personale è complementare alla sua istruzione

Dettagli

MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI (CONOSCENZE E COMPETENZE) METODOLOGIA. Norme e comportamenti antinfortunistici nei luoghi di lavoro Vie di fuga.

MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI (CONOSCENZE E COMPETENZE) METODOLOGIA. Norme e comportamenti antinfortunistici nei luoghi di lavoro Vie di fuga. MATERIA: LTE (Laboratorio Tecnologico ed Esercitazioni) CLASSE: 4 D curvatura manutentori di apparati meccanici (3 ore settimanali programmate su 30 settimane annuali ) MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI (CONOSCENZE

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Tecnico-commerciale / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE

Tecnico-commerciale / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE Tecnico-commerciale / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE STAGE LIBERTY 1 : CAPIRE IL FUNZIONAMENTO DI UN IMPIANTO OLEODINAMICO Padronanza delle regole di montaggio e precauzioni per la messa in moto,

Dettagli

Avviso pubblico per la presentazione di progetti per attività di formazione professionale per l apprendistato

Avviso pubblico per la presentazione di progetti per attività di formazione professionale per l apprendistato Avviso pubblico per la presentazione di progetti per attività di formazione professionale per l apprendistato ADDETTO ALLE VENDITE NEL COMMERCIO cod. 90 Avvio attività 3 ottobre 2014 Inizio lezioni 28

Dettagli

CATALOGO CORSI GRATUITI GARANZIA GIOVANI

CATALOGO CORSI GRATUITI GARANZIA GIOVANI CATALOGO CORSI GRATUITI GARANZIA GIOVANI SOMMARIO Competenze informatiche per l office automation... 3 Competenze informatiche: Software di videoscrittura... 4 Competenze informatiche: Software fogli di

Dettagli

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE STAGE LIBERTY 1 : NOZIONI DI MONTAGGIO E DI REGOLAZIONE DI UN IMPIANTO OLEODINAMICO Regole di controllo di montaggio e precauzioni preliminari,

Dettagli

filettature metriche ISO

filettature metriche ISO filettature metriche ISO passo grosso passo fine diam. nom. di filettatura Passo mm diam. Foro mm Passo mm diam. Foro mm 1.6 0.35 1.25 - - 1.8 0.35 1.45 - - 2 0.4 1.6 - - 2.2 0.45 1.75 - - 2.5 0.45 2.05

Dettagli

TECNICO - PROFESSIONALI

TECNICO - PROFESSIONALI AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE TECNICO - PROFESSIONALI Lettura del disegno meccanico 1 CAD meccanico bidimensionale 2 CAD meccanico tridimensionale 3 Montaggi meccanici 4 Programmazione PLC

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE. TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA CLASSE 1^ sez. G A.S.2015-2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE. TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA CLASSE 1^ sez. G A.S.2015-2016 UNIONE EUROPEA. Istituto Tecnico Lorenzo Mossa Via Carboni - 09170 ORISTANO - cod.fiscale 90008830953 Commerciale C.A.T.- Logistica e Trasporti Turismo-Percorsi II Livello Tel.: 0783/360024 - Fax: 0783/360021

Dettagli

3 La formazione specifica HydroCampus

3 La formazione specifica HydroCampus 3 La formazione specifica HydroCampus Introduzione al CAN BUS... p 41 Modellazione e simulazione numerica corso 1... p 42 Modellazione e simulazione numerica corso 2... p 43 Progettazione cilindri... p

Dettagli

INFORMATICO CONTABILE

INFORMATICO CONTABILE CORSO PER LA FORMAZIONE DI INFORMATICO CONTABILE PRESENTAZIONE Il corso di preparazione come INFORMATICO CONTABILE vuole formare giovani diplomati o laureati da avviare nel mondo del lavoro nel settore

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

100 DOMANDE PER L'ESAME ORALE DI DISEGNO DI MACCHINE

100 DOMANDE PER L'ESAME ORALE DI DISEGNO DI MACCHINE 100 DOMANDE PER L'ESAME ORALE DI DISEGNO DI MACCHINE Queste domande sono state tratte dai registri delle sessioni d'esame orale degli scorsi anni. L'esame orale, di regola, viene svolto ponendo tre domande:

Dettagli

TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DISEGNO 2 - Sergio Dellavecchia - Edizione SEI. Contenuti: Strumenti di misura i micrometri.

TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DISEGNO 2 - Sergio Dellavecchia - Edizione SEI. Contenuti: Strumenti di misura i micrometri. PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE : Seconde ITI - pag. 1 Seconde ITI PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE - DISCIPLINE: Area Grafica Monte ore annuo 99 (33) Libro di Testo DISEGNO 2 - Sergio Dellavecchia

Dettagli

[CATALOGO CORSI 2012]

[CATALOGO CORSI 2012] 2012 IAL Innovazione Apprendimento Lavoro Lombardia [CATALOGO CORSI 2012] [Digitare qui il sunto del documento. Di norma è una breve sintesi del contenuto del documento. [Digitare qui il sunto del documento.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE SINTESI DEI CONTENUTI DESCRIZIONE Profilo Professionale

Dettagli

RUGOSITA E TOLLERANZE

RUGOSITA E TOLLERANZE RUGOSITA E TOLLERANZE Nome file: RUGOSITAETOLLERANZE 1 RUGOSITA DELLE SUPERFICI Le superfici reali ottenute mediante un qualsiasi processo di lavorazioni si discostano sempre da quelle nominali o ideali

Dettagli

CATALOGO CORSI CORSI TECNICI: MECCANICA ED ELETTRICITA DISEGNO MECCANICO - LIVELLO BASE

CATALOGO CORSI CORSI TECNICI: MECCANICA ED ELETTRICITA DISEGNO MECCANICO - LIVELLO BASE CATALOGO CORSI CORSI TECNICI: MECCANICA ED ELETTRICITA DISEGNO MECCANICO - LIVELLO BASE Il corso ha la finalità di formare il personale tecnico nell ambito della lettura e dell interpretazione dei disegni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA: TECNOLOGIA MECCANICA A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TIM 1) PREREQUISITI Possedere conoscenze relative alle proprietà chimico-strutturali,

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A. DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A. DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica Sez.A DISCIPLINA: Tecnologie meccaniche e applicazioni CLASSI:

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE INFORMATICA

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE INFORMATICA AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE INFORMATICA Microsoft Word (corsi base e avanzati) 1 Microsoft Excel (corsi base e avanzati) 4 Microsoft Access 7 Microsoft PowerPoint 10 Microsoft Outlook e Internet

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

Bando ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE

Bando ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE Bando ESPERTO DI MARKETING E COMUNICAZIONE Anno Accademico 2009/2010 Codice progetto POR09034aSV89 approvato con D. D. n. 964 del 22 giugno 2009 pubblicato sul BUR Puglia n. 94 del 25/06/2009 relativa

Dettagli

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 NOTE: Svolgere le esercitazioni su fogli A3 lisci, preferibilmente tipo cartoncino.

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE TECNICO PROFESSIONALI

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE TECNICO PROFESSIONALI AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE TECNICO PROFESSIONALI LETTURA DEL DISEGNO MECCANICO 2 LETTURA DEL DISEGNO MECCANICO E METROLOGIA D'OFFICINA 2 CAD/CAM 3 CAD MECCANICO BIDIMENSIONALE 3 CAD MECCANICO

Dettagli

Risultati finali piano formativo AV/266/S14 «Different Together» AVVISO 1/2014 FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Risultati finali piano formativo AV/266/S14 «Different Together» AVVISO 1/2014 FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Risultati finali piano formativo AV/266/S14 «Different Together» AVVISO 1/2014 FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Soggetto proponente: TALENTFORM srl Soggetto delegato: POLITECNICO DI

Dettagli

TECNOLOGIE MECCANICHE ED APPLICAZIONI

TECNOLOGIE MECCANICHE ED APPLICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE MECCANICHE ED APPLICAZIONI CLASSE TERZA B MAT DOCENTE : GARAU STEFANO Pag. 1 di 6 FINALITA L insegnamento della disciplina Tecnologia meccanica ed

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MECCANICA PROGETTO DIDATTICO DELLA DISCIPLINA

DIPARTIMENTO DI MECCANICA PROGETTO DIDATTICO DELLA DISCIPLINA DIPARTIMENTO DI MECCANICA ANNO SCOLASTICO 2014/15 MATERIA: SCIENZE TECNICHE APPLICATE CLASSI: IIAM-IIBM-IICM-IIDM-IIEM-IIFM INDIRIZZO/I: MECCANICO PROGETTO DIDATTICO DELLA DISCIPLINA In relazione a quanto

Dettagli

RUGOSITÀ. Introduzione

RUGOSITÀ. Introduzione RUGOSITÀ 299 Introduzione Le superfici degli oggetti reali sono di solito affette da irregolarità microgeometriche. Tali irregolarità possono essere casuali (tipico nei pezzi prodotti per fusione), ovvero

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

EXCEL per l AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

EXCEL per l AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE EXCEL per l AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Utilizzare al meglio Excel nell attività operativa della Funzione Amministrazione del Personale 1ª Edizione - Roma Livello Base 10-11-24-25 ottobre 2013 Livello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI L.T.E.

PROGRAMMAZIONE DI L.T.E. PROGRAMMAZIONE DI L.T.E. (LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI ) CLASSE II Note: - le classi prime, durante l'anno scolastico, svolgeranno, a rotazione, le lezioni nei laboratori e con i docenti specifici

Dettagli

CONNOTAZIONI GENERALI DELL INTERVENTO

CONNOTAZIONI GENERALI DELL INTERVENTO FORMULARIO PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI PAG. 1 CONNOTAZIONI GENERALI DELL INTERVENTO A.1 - SOGGETTO PROMOTORE: ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO CARLO CATTANEO

Dettagli

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE 1 LIVELLO BASE (prima annualità) 2 Competenze relazionali - Esprimersi in lingua italiana in forma corretta ed adeguata rispetto al contesto di

Dettagli

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO Il progetto, dalla parola latina proiectus, è un insieme di operazioni che hanno lo scopo di realizzare

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE. (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) METODOLOGIA PERMANENTE DI DEL PERSONALE (art. 6 C.C.N.L. 31/3/1999) SEZIONE I PRINCIPI GENERALI 1. Generalità Il Comune di Avigliano valuta il proprio personale

Dettagli

A chi si rivolge: Programma: Office Automation

A chi si rivolge: Programma: Office Automation Programma: Office Automation A chi si rivolge: Il corso si rivolge a quanti, pur partendo da zero, vogliano specializzarsi nell utilizzo dei programmi di ufficio e nei compiti di tipo amministrativo. Con

Dettagli

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI Conduttore di macchine utensili 1 CONDUTTORE DI MACCHINE UTENSILI TECNICO PROFESSIONALI prima annualità Conduttore di

Dettagli

Un utensile per ogni esigenza

Un utensile per ogni esigenza Nata dalla passione e dall entusiasmo del fondatore per le lavorazioni meccaniche, C.R.M. oggi si presenta al mercato con una struttura flessibile e snella, dotata di una grande competenza nella progettazione

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione INTRODUZIONE AI CICLI DI LAVORAZIONE Rif. Bibliografico: Giusti-Santochi TECNOLOGIA MECCANICA e studi di fabbricazione Capitolo 9 1 Il ciclo di lavorazione DEFINIZIONE: Si dice CICLO DI LAVORAZIONE tutto

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma d'esame CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 71/A - TECNOLOGIE E DISEGNO TECNICO Programma

Dettagli

o l e o d i n a m i c a passion... for pressure

o l e o d i n a m i c a passion... for pressure passion... for pressure 2 1989 Nasce Oleodinamica O.D.M. come centro di racordatura di tubazioni PIRELLI (poi Parker-ITR) e componenti oleodinamici delle principali marche. 1995 Inizia la produzione di

Dettagli

Progetto di un riduttore ad ingranaggi

Progetto di un riduttore ad ingranaggi DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE Laurea in Ingegneria Meccanica (N.O.) Progetto di un riduttore ad ingranaggi Specifiche tecniche del progetto - rapporto di trasmissione 0.3 < τ < 0.5 - interasse 150mm

Dettagli

Percorso Apprendisti MODULO BASE

Percorso Apprendisti MODULO BASE Percorso Apprendisti MODULO BASE ORE: 40 COMPETENZE: Comunicare ed esprimersi correttamente nelle situazioni quotidiane e professionali saper identificare le proprie caratteristiche comunicative e le aree

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD

MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD 1 LIVELLO BASE (prima annualità) 2 Competenze relazionali - Esprimersi in lingua italiana in forma corretta ed adeguata rispetto al contesto di riferimento e nelle situazioni

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA. Società Cooperativa Sociale ONLUS

OFFERTA FORMATIVA. Società Cooperativa Sociale ONLUS OFFERTA FORMATIVA 2016 Società Cooperativa Sociale ONLUS www.aei.coop - formazione@aei.coop Via Allegranza,16-20144 Milano tel. 02 39400911 - fax 02 8969 0527 Area Linguistica... 3 Corso di Inglese Base...

Dettagli

Catalogo Formativo Sinergie Education S.r.l.

Catalogo Formativo Sinergie Education S.r.l. Catalogo Formativo Sinergie Education S.r.l. Viale Vittoria Colonna, 97 65127 Pescara - tel. +39 085 45 18 929 - fax +39 085 45 18 935 Capit. soc. 51.000,00 CCIAA Pescara 113352 Iscr.Reg.Impr. Pescara/Cod.Fisc./P.IVA

Dettagli

MODULO TECNICO PROFESSIONALE. Lavori d ufficio studi professionali

MODULO TECNICO PROFESSIONALE. Lavori d ufficio studi professionali MODULO TECNICO PROFESSIONALE Ore: 60 Comparto: Area professionale: Lavori d ufficio studi professionali SEGRETERIA E AREA IMPIEGATIZIA Modulo formativo/u.f 1: Orientamento (2 ore) Conoscenza della persona

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA AD INIZIATIVA INDIVIDUALE PER LAVORATORI OCCUPATI

CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA AD INIZIATIVA INDIVIDUALE PER LAVORATORI OCCUPATI CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA AD INIZIATIVA INDIVIDUALE PER LAVORATORI OCCUPATI SCHEDA CORSO N. TITOLO DEL CORSO AGENZIA FORMATIVA INFORMATICA 1 Corso base di Informatica CITTA STUDI S.P.A. 2 Informatica

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Finiture Superficiali e 7 Errori 8 Profili 9 Rugosimetro 10 Definizione (Rp,Rz, ) 11 Indicazioni di segno grafico di base lavorazioni con lavorazioni senza asportazione asportazione di truciolo di truciolo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE A.S. 2005 / 2006 Prima riunione Distretto Scolastico n. 2 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Ettore Majorana Avezzano (AQ) Specializzazioni:Chimica Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica e automazione Meccanica Sperimentazioni:

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

Corso RISORSE UMANE a 360 con La Selezione L Amministrazione - Il Cedolino Lo Sviluppo Le Relazioni Sindacali

Corso RISORSE UMANE a 360 con La Selezione L Amministrazione - Il Cedolino Lo Sviluppo Le Relazioni Sindacali Corso RISORSE UMANE a 360 con La Selezione L Amministrazione - Il Cedolino Lo Sviluppo Le Relazioni Sindacali 1. Premessa Il Corso RISORSE UMANE nasce dal risultato di un attento e preciso studio sulle

Dettagli

Ente Nazionale Italiano di Unificazione

Ente Nazionale Italiano di Unificazione Ente Nazionale Italiano di Unificazione Il 965'1 E Voi. li N di Meccanica e settori correlati 2002 ISTITUTO UNIVERSITARIO ARCHITETTURA ---VENEZIA--- AREA SERVIZI BIBLIOGRAFICI E OOCUMENTALI BIBLIOTECA

Dettagli

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE

A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNICARE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1-2- 3 A.S. 2015/ 2016 A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni classi quinte Periodo Primo Secondo Terzo Trimestre Contesto

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

CORSO PER ADDETTO PAGHE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

CORSO PER ADDETTO PAGHE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE CORSO PER ADDETTO PAGHE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE La Scuola PFORM s.r.l., Scuola di Alta Formazione Manageriale con sede a Salerno, è accreditata alla Regione Campania per le attività di formazione

Dettagli

Crescita di persone, per la crescita di imprese.

Crescita di persone, per la crescita di imprese. Crescita di persone, per la crescita di imprese. CERFORM Via Matteotti, 82 41049 Sassuolo (MO) Tel. 0536/999.811 Fax 0536/804001 cerform@cerform.it www.cerform.it PRESENTAZIONE I percorsi formativi del

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA Corsi

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E MASTER in ORGANIZZAZIONE AZIENDALE e CONTROLLO di GESTIONE D I R E T T O R E S C I E N T I F I C O

Dettagli

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

Dettagli

LARIO FLUID SRL Tel Ufficio: +39 0341 353855 Via della Pergola 55 PIVA/CF 03574770131 Mail: info@lariofluid.com 23900 LECCO (LC) Capitale i.v.

LARIO FLUID SRL Tel Ufficio: +39 0341 353855 Via della Pergola 55 PIVA/CF 03574770131 Mail: info@lariofluid.com 23900 LECCO (LC) Capitale i.v. LARIO FLUID SRL Tel Ufficio: +39 0341 353855 Via della Pergola 55 PIVA/CF 03574770131 Mail: info@lariofluid.com 23900 LECCO (LC) Capitale i.v. 100.000,00 Web Site: www.lariofluid.com Presentazione LARIO

Dettagli

(3 ore settimanali programmate su 30 settimane annuali 2 ore di compresenza alla settimana) ORE MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI CONTENUTI 90

(3 ore settimanali programmate su 30 settimane annuali 2 ore di compresenza alla settimana) ORE MODULO PREREQUISITI OBIETTIVI CONTENUTI 90 MODULI COMUNE TUTTI CLASSE: 5 CURVATURA MECCANICI (3 ore settimanali programmate su 30 settimane annuali 2 ore di compresenza alla settimana) 90 1. LA DISTINTA BASE E SUE APPLICAZIONI Disegno tecnico Processi

Dettagli

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato

www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino applicazioni Serie GMC / GM albero di trasmissione perno filettato www.dmgmori.com torni automatici plurimandrino Serie GMC / GM applicazioni gm albero di trasmissione perno filettato gmc albero a camme valvola albero sterzo connettore gildemeister italiana s.p.a. dmg

Dettagli

RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE R.S.P.P. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA R.L.S.

RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE R.S.P.P. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA R.L.S. ANN O FORMATIVO 2005-2006 CORSI DI FORMAZIONE PER LE IMPRESE REALIZZATI CON FINANZIAMENTO PUBBLICO AGROFORM, agenzia formativa accreditata dalla Regione Piemonte, propone alle Imprese della Provincia di

Dettagli

Sede Operativa accreditata presso la Regione Lombardia ID. Operatore 2005607 ID. Sede 61787 Servizi Formativi 2 SF2

Sede Operativa accreditata presso la Regione Lombardia ID. Operatore 2005607 ID. Sede 61787 Servizi Formativi 2 SF2 CORSO DI LINGUA INGLESE DI BASE CATALOGO FORMAZIONE A SCELTA INDIVIDUALE BRITISH LIVELLO BASE Codice Corso n 3153 IL SISTEMA DELLA FORMAZIONE A SCELTA INDIVIDUALE DELLA REGIONE LOMBARDIA IL VOUCHER FORMATIVO

Dettagli

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica Prodotti Progetto e prototipo di scultura dinamica 1 A - Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2015-2016

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Indirizzo: Meccanica Disciplina: DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE Classe: 5 Meccanica Docenti: prof.rinaldi Angelo, prof. Cecchetti Giordano Ore

Dettagli

ADDETTO AI LAVORI DI SEGRETERIA, AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ

ADDETTO AI LAVORI DI SEGRETERIA, AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ MODULO TECNICO PROFESSIONALE Ore: 60 Comparto: Area professionale: Lavori d ufficio-studi professionali ADDETTO AI LAVORI DI SEGRETERIA, AMMINISTRAZIONE E CONTABILITÀ Modulo formativo/u.f 1: Comunicazione

Dettagli

La matrice EQF per installatore, gestore e manutentore di impianti solari termici

La matrice EQF per installatore, gestore e manutentore di impianti solari termici La matrice EQF per installatore, gestore e manutentore di impianti solari termici Il modello ENEA Per il progetto COMPENER Gennaio 2013 Pagina 1 di 11 Sommario Autori e contesto di riferimento... 3 La

Dettagli

#FPCS. Formazione Permanente Continua e Superiore. Corsi di formazione permanente continua nelle seguenti aree: Domotica.

#FPCS. Formazione Permanente Continua e Superiore. Corsi di formazione permanente continua nelle seguenti aree: Domotica. #FPCS Corsi di formazione permanente continua nelle seguenti aree: Informatica CAD Robotica CNC Domotica Meccanica Elettrica Automazione Formazione Permanente Continua e Superiore "Chiunque smetta di imparare

Dettagli

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (ICT)

Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (ICT) Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione (ICT) Descrizione Corso Intermedio Il programma del corso Intermedio si sviluppa utilizzando le nozioni di base relative ad alcuni applicativi della suite

Dettagli

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica.

Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. 05/2012 Sistemi di serraggio Il sistema di serraggio ottimale per singoli impieghi - panoramica. Di Thomas Oertli Il migliore sistema di serraggio in assoluto non esiste.tuttavia noi siamo in grado di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 2014

CORSI DI FORMAZIONE 2014 CORSI DI FORMAZIONE 2014 Gentile utente, Con grande piacere presento il nuovo catalogo per la formazione d impresa, periodo 2014, strumento indispensabile per pianificare gli interventi formativi delle

Dettagli

Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE

Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Anno accademico 11/ L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale

Dettagli

Programmazione modulare per il percorso di qualifica al terzo anno

Programmazione modulare per il percorso di qualifica al terzo anno Programmazione modulare per il percorso di qualifica al terzo anno Secondo l'accordo stato regioni per ottenere la qualifica al termine del terzo anno devono essere acquisite delle competenze. I tre ambiti

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA

PROGETTAZIONE DIDATTICA I.T.T.S. VITO VOLTERRA San Donà di Piave anno scolastico 2014-2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA Al Dirigente Scolastico INSEGNANTI prof. Massimo Mucci prof. Rino Zanchettin DISCIPLINA: TECNOLOGIE E TECNICHE

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

A PRESENTAZIONE. Fogli elettronici con le operazioni aritmetiche e alcune funzioni più semplici anche con grafici

A PRESENTAZIONE. Fogli elettronici con le operazioni aritmetiche e alcune funzioni più semplici anche con grafici UNITÀ DI APPRENDIMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE Ref. Prof.ri TIC e Informatica e Laboratorio A.S. 2015-2016 TITOLO : Calcoliamo con il computer COD. U.d.A N 4/4 A PRESENTAZIONE

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

CLASSE 3 BM En. [Stesura a.s. 2014-15]

CLASSE 3 BM En. [Stesura a.s. 2014-15] PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 99 Libro di Testo Il Nuovo dal Progetto al prodotto vol1 Caligaris Ed. Paravia SETTEMBRE Materiale per il disegno. Tipi di linee e tratteggi dei

Dettagli