ALLEGATO 3: GEMELLAGGIO ECUADOR. Il gemellaggio:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 3: GEMELLAGGIO ECUADOR. Il gemellaggio:"

Transcript

1 ALLEGATO 3: GEMELLAGGIO ECUADOR Il gemellaggio: similitudini e differenze in un percorso di approccio culturale; un percorso in 8 incontri di condivisione con la scuola media di Salinas; 1 INCONTRO Aspettative e presentazione durata: due unità orarie - due operatori dichiarazione delle aspettative: brainstorming e discussione guidata su, cosa è un gemellaggio, perché fare un gemellaggio, quale risultato ti aspetti da questo gemellaggio: (risultati tangibili = produzione di un depliant; risultati intangibili = relazioni, conoscenza di una realtà diversa) attività: "descriviti tu che mi descrivo anch'io": 1. 1^parte: presentazione della realtà Pesarese attraverso l'autodescrizione; attraverso un breve componimento dovranno mettere in luce le caratteristiche individuali e della nostra società 2. 2" parte: scopriamo i preconcetti degli alunni, i quali si dovranno descrivere come se appartenessero alla realtà ecuadoregna, mettendo in campo le loro differenti visioni; in un componimento di fantasia, gli studenti inventano una storia su se stessi in ecuador attività "la foto di gruppo"; suddivisi in gruppi da due i ragazzi fotografano in un disegno formato A5 il compagno nelle sue "pose" caratteristiche; la classe dovrà realizzare un montaggio su cartellone che verrà poi fotografato per esser inviato in E.;

2 raccolta e scelta delle foto da inviare ai nuovi amici dell'ecuador; durante la settimana continuano a raccogliere foto e materiale che i ragazzi vorrebbero fare conoscere ai!oro colleghi di oltreoceano. (anche oggetti che poi verranno fotografati) LA MACCHINA DIGITALE è MESSA A DISPOSIZIONE DAGLI OPERATORI. 2 INCONTRO; percorso per i prossomi incontri durata: una unità oraria - un operatore attività: "decidiamo insieme il percorso per i prossimi incontri" brainstorming e discussione guidata - verranno suggeriti gli incontri sui giochi, ricette, vita quotidiana, fiabe e miti. attività "il doppio gioco" 1. 1^parte: ricerca delle attività di gioco e passatempo che i ragazzi fanno tutti i giorni e delle attività ludiche tradizionali; descrizione minuziosa dei giochi da inviare in ecuador 2. 2^parte: scriviamo una lettera ai ragazzi dell'ecuador in cui chiediamo loro di compiere una ricerca simiile la classe svolge una ricerca storica e geografica sull'ecuador, in particolare su Salinas, utilizzando anche le notizie contenute nel libro "la puerta abierta"; le informazioni verranno organizzate nell'ottica della realizzazione del depliant. durante la settimana la classe continua a svolgere la ricerca sui passatempi tradizionali. 3 INCONTRO; "I giochi nel mondo"

3 durata: tre unità orarie - due operatori Attività "A che gioco giochiamo?!! Sperimentazione pratica dei giochi dall'ecuador; la classe si divide in sottogruppi; ogni sottogruppo studia le caratteristiche di un gioco (sia dal punto di vista teorico che pratico operativo); con l'aiuto di un operatore il sottogruppo cerca di organizzare lo svolgimento del gioco per tutta la classe; al termine dell'attività gli operatori stimolano la metariflessione sulle congruità e differenze fra gioco ecuadoregno e italiano; è più simile il gioco tradizionale o quello moderno??? Attività: "occhio al finocchio" l'operatore stimola la raccolta delle ricette attraverso la riflessione sugli stili alimentari, facendo previsioni sul tipo di alimentazione nei due paesi. Si possono mostrare ed analizzare prodotti alimentari ecuadoregni provenienti dalla bottega; i ragazzi indagheranno fra i libri di cucina della mamma o intervisteranno nonne e zie per conoscere le ricette più tipiche del nostro circondario; raccoglieranno inoltre, in una scheda, i dati relativi ai pasti dell'intera settimana; in classe potrebbe nascere la discussione "perché i pasti moderni contengono poche o punte ricette tradizionali??" 4' INCONTRO; "l'analisi degli stili alimentari" durata: tre unità orarie - due operatori Attività: "Occhio al finocchio" il confronto fra le ricette ecuadoregne e quelle nostrane evidenzia la differenza fra gli stili alimentari, sulla qualità degli ingredienti e sull'impatto che la preparazione dei cibi ha sulla realtà sociale ed ambientale Attività: "vita quotidiana"

4 L'obiettivo sarà costruire tre cartelloni con: giornata tipo (orari e tutto) di ragazzi, genitori e città Si utilizzerà una metodologia basata sul metodo del consenso: la classe viene divisa in gruppi da due che individueranno le attività - tipo della giornata di ciascuno (individualmente); queste poi verranno condivise fra i due, poi in semiclasse e quindi in grande gruppo. la classe, divisa in due sottogruppi, avrà il compito di osservare, più attentamente del solito, la giornata tipo dei genitori e quella della città. (questa seconda parte, più difficile, può essere svolta ancora in sottogruppi per le diverse fasce orarie; non sarà importante catalogare tutte le attività che avvengono nella città ma solo alcuni campioni che saranno confrontati con la vita di Salinas; fare emergere anche il senso di difficoltà di raccogliere i dati su una comunità così estesa) durante la settimana vengono completati i tre cartelloni iniziati in classe. 5' INCONTRO; vita quotidiana durata: due unità orarie - un operatore Attività: "vita quotidiana" si confrontano le notizie ricevute dall'ecuador con i dati a nostra disposizione per stimolare la metariflessione sui diversi stili di vita, e su come si possa noi influire, per migliorare lo stile di vita in ecuador. - il commercio Equo - introduzione del concetto di Turismo Responsabile; Attività: "il pasto quotidiano" viene analizzato, alla luce dei precedenti incontri, un tipico pasto di Salinas, possibilmente coadiuvati dalla presenza di una ecuadoregna (conoscente dell'insegnante) che aiuterebbe gli studenti a ricostruire questa attività di tutti i giorni (forse anche realizzando dolci tipici, da parte

5 delle famiglie, che potranno essere coinvolte durante lo svolgimento, magari facendo una piccola presentazione del materiale raccolto); Attività: "in punta di piedi' Attraverso l'uso della tecnica della discussione guidata, l'operatore stimola i ragazzi ad entrare nell'ottica del tipico turista; verrà proposto agli studenti un brainstorming legato al concetto di turismo e di parole chiave tipo "crociera" "club med'. Quindi, sarà portato alla luce l'alto valore economico e culturale (distinguendo i due piani) che il turismo può avere, sia per i viaggiatori che per i popoli residenti; da questo, si cercherà di delineare le linee guida per il "Turismo responsabile" per viaggiare in punta di piedi alla scoperta di una cultura altra. In conclusione viene introdotto il depliant come materiale informativo da presentare ad una agenzia di viaggi di Pesaro; saranno portati alcuni esempi di possibili depliant e si inviteranno gli studenti a raccogliere il materiale acquisito nei primi 5 incontri. durante la settimana, verrà razionalizzato e riscritto in forma concisa e adatta alla pubblicazione, il materiale già raccolto; si cercherà di capire se sia sufficiente o siano necessari dei completamenti; il depliant potrà comprendere le seguenti parti: descrizione di Salinas,de!la provincia di Bolivar e più in generale della regione andina; Salinas come descritta dai suoi abitanti; la vita quotidiana a Salinas; le ricette; la vita dei bambini e i loro giochi; l'influenza del commercio equo sulla vita della comunità; il progetto del gemellaggio;... 6 INCONTRO; Turismo responsabile a Salinas durata: due unità orarie - due operatori L ultimo incontro sarà dedicato interamente alla pubblicazione del depliant; il ruolo degli operatori in questo incontro sarà esclusivamente

6 quello di stimolare l'attività degli studenti e di fornire consulenze sulle problematiche legate ai contenuti dell'opuscolo che si delineeranno durante l'incontro.

7 Attività Durata (in u.o) N op Aspettative e presentazione Contatti con Salinas Spedizione del materiale Percorso per i prossimi incontri Raccolta ed organizzazione del materiale di Salinas I giochi nel mondo L analisi degli stili alimentari La vita quotidiana Turismo responsabile a Salinas Tot. ore note Informare Salinas sull andamento dell attività e proporre le att. Che via via nascono in classe. Scansionare e spedire le foto Organizzare il materiale che verrà spedito da Salinas Coordinamento attività con Salinas Ricerca delle notizie per completare la stesura depliant Totale ore in u.o e in h 32 u.o. 26 ore 40 min.

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Obiettivi: 1. Analizzare un percorso educativo realizzato in riferimento ai nuovi ordinamenti 2. Individuare il riferimento

Dettagli

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016 PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE Primarie e Secondarie di 1 a.s.2015.2016 La Casa delle Culture propone, attraverso la cooperativa, per l anno scolastico 2015/2016, un offerta di percorsi di animazione

Dettagli

L ambiente come risorsa, la scuola come biblioteca : esempi di possibili percorsi

L ambiente come risorsa, la scuola come biblioteca : esempi di possibili percorsi 1/7 L ambiente come risorsa, la scuola come biblioteca : esempi di possibili percorsi Il grande vantaggio di insegnare una lingua che è parlata nell ambiente, la lingua nazionale, è che insegnante e allievi

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA MOBILITÀ PER LE SCUOLE PRIMARIE

EDUCAZIONE ALLA MOBILITÀ PER LE SCUOLE PRIMARIE EDUCAZIONE ALLA MOBILITÀ PER LE SCUOLE PRIMARIE con il contributo di Le associazioni Fiab Forlì e Dadaumpa propongono un progetto di educazione alla mobilità, suddiviso in moduli per il primo biennio e

Dettagli

1. Conoscere l importanza del diritto al cibo e della giusta alimentazione in tutto il mondo. In particolare in parti del mondo in via di sviluppo.

1. Conoscere l importanza del diritto al cibo e della giusta alimentazione in tutto il mondo. In particolare in parti del mondo in via di sviluppo. OBIETTIVI 1. Conoscere l importanza del diritto al cibo e della giusta alimentazione in tutto il mondo. In particolare in parti del mondo in via di sviluppo. 2. Conoscere ed incontrare altre culture del

Dettagli

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO CIBI BUONI = CIBI GIUSTI Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE Pagina 1 di 13 UDA Denominazione UNITA DI APPRENDIMENTO Cibi buoni

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

IL QUARTIERE A COLORI: UN PROGETTO CONDIVISO PER UNA CITTADINANZA ATTIVA

IL QUARTIERE A COLORI: UN PROGETTO CONDIVISO PER UNA CITTADINANZA ATTIVA IL QUARTIERE A COLORI: UN PROGETTO CONDIVISO PER UNA CITTADINANZA ATTIVA PREMESSA Abitare "un quartiere a colori" significa vivere in una dimensione multietnica nella quale ogni individuo ha a disposizione

Dettagli

Proposte didattiche A. S. 2009-2010

Proposte didattiche A. S. 2009-2010 Proposte didattiche A. S. 2009-2010 2010 La cooperativa Altrospazio AltroSpazio sorge dalla cooperativa Spaccio Acli A. Grandi nata nel 1949 a Lainate. La prima Bottega del Mondo di AltroSpazio apre a

Dettagli

ALLEGATO 2: ECONOMIA E DIRITTI IN GIOCO

ALLEGATO 2: ECONOMIA E DIRITTI IN GIOCO ALLEGATO 2: ECONOMIA E DIRITTI IN GIOCO Associazione Mondo Solidale Economia e diritti in gioco Percorso dentro l'economia per scoprire giocando come i diritti delle persone entrano in gioco Obiettivo

Dettagli

Adolescenza; alimenti per crescere

Adolescenza; alimenti per crescere Adolescenza; alimenti per crescere - Indagine conoscitiva - Note di commento Questionario In collaborazione con: anno 2014-2015 ABITUDINI ALIMENTARI Il primo dato che si evidenzia dall'indagine - realizzata

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s.

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s. Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s.2009/2010 Componenti del gruppo Mimma Dinoi è insegnante di scuola primaria e

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

Dalla storia personale...alla storia familiare

Dalla storia personale...alla storia familiare PERCORSI DIDATTICI Dalla storia personale...alla storia familiare di: Casci Ceccacci Antonella e Ceriachi Carla Maria scuola: F.Conti - I.C. Jesi Centro area tematica: Storia pensato per: 8-9 anni Prerequisiti:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

SUSTAIN PIANO DIDATTICO

SUSTAIN PIANO DIDATTICO SUSTAIN PIANO DIDATTICO Titolo dell unità Nome dell insegnante, Scuola e Paese Gruppo classe di riferimento Obiettivi Competenze chiave sviluppate Motivazione / Giustificazione Durata Luogo Temi dello

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel BAMBINI COINVOLTI : 19 del gruppo rosa (D) 17 del gruppo giallo (C) INSEGNANTI RESPONSABILI : Balbo Gabriella Anna Maria De Marchi

Dettagli

biettivo SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011

biettivo SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011 biettivo scuola SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011 Cari genitori, come vi avevamo anticipato a inizio anno scolastico i vostri bambini, nell ambito delle attività proposte

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica Scheda Integrata Metodologico - Strategica Laboratoriale Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

Scuola Primaria di Campoformido

Scuola Primaria di Campoformido Scuola Primaria di Campoformido Classe Prima A UA L ambiente di vita di Gesù nel periodo della sua infanzia Religione Cattolica e Laboratorio di Intercultura Matematica e Scienze Religione Cattolica -

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

Problemi tra prima e seconda

Problemi tra prima e seconda Problemi tra prima e seconda AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IN MATEMATICA Annalisa Sodi Claudia Novelli A.S. 2013 2014 SCUOLA-CITTÀ PESTALOZZI Firenze Il lavoro che presentiamo continua una riflessione iniziata

Dettagli

PROGETTO ISTITUTO ANZIANO BAMBINO Anno scolastico 2013/2014 Istituto scolastico Monte Carasso

PROGETTO ISTITUTO ANZIANO BAMBINO Anno scolastico 2013/2014 Istituto scolastico Monte Carasso L'Istituto scolastico di Monte Carasso La Casa per anziani di Sementina PROGETTO ISTITUTO ANZIANO BAMBINO Anno scolastico 2013/2014 Istituto scolastico Monte Carasso Il progetto coinvolge gli allievi di

Dettagli

Metodi e strumenti per l analisi di video sui temi della prevenzione del rischio

Metodi e strumenti per l analisi di video sui temi della prevenzione del rischio CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Ivrea, 8 febbraio 2011 Metodi e strumenti per l

Dettagli

ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA

ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA (degli adulti, dei giovani di 12-17 anni e dei bambini di 6-11 anni) Presentazione dei risultati Parma, 6 maggio 2004 S. 04029-30 Premessa Nelle pagine seguenti vengono presentati

Dettagli

Progetto : Educazione Alimentare. Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela

Progetto : Educazione Alimentare. Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela Progetto : Educazione Alimentare Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela Anno Scolastico 2008/2009 La classe IIA, della Scuola Primaria

Dettagli

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A..

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A.. ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA DI CORTE DE FRATI Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane.

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane. UdA Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane Docenti autori: Prof.ssa Mariella Ciani Prof.ssa Paola D Agostini Prof.ssa Fabiola Di Filippo Prof.ssa Maria Grazia Di Paola

Dettagli

Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale

Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale Provincia di Mantova Assessorato Lavoro, Cultura e Identità dei Territori Assessorato Politiche di coesione sociale, Pari Opportunità e Formazione Professionale IO SCELGO 2016 GUIDA ALL ORIENTAMENTO Percorsi

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center Provincia

Dettagli

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1

Mini progetti Arrivederci! 2 UNITÀ 1 UNITÀ 1 Sport da seguire o da praticare? A coppie individuate, secondo voi, quali sono gli sport da seguire e quali invece da praticare. Trovate su internet delle foto di vari sport. Attaccate le foto

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe

PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe Una mappa è una rappresentazione grafica che serve per comunicare delle informazioni chiare e dati utili. Esistono diversi tipi di mappa tra cui le mappe mentali e

Dettagli

Giochi nel mondo. Laboratorio di intercultura

Giochi nel mondo. Laboratorio di intercultura Progetto per le attività laboratoriali Anno 2012-2013 Giochi nel mondo Laboratorio di intercultura Premessa: Oggi, più di ieri, ci si rende conto che le nuove generazioni hanno bisogno di una proposta

Dettagli

INDAGINE SULLE VACANZE

INDAGINE SULLE VACANZE Livello scolare: 5 a classe INDAGINE SULLE VACANZE Competenze interessate Contenuti Nuclei coinvolti Collegamenti esterni -Rappresentare relazioni e dati e, in situazioni significative, utilizzare le rappresentazioni

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

I sogni di Icaro. come trovare la colla giusta per volare ai giorni nostri

I sogni di Icaro. come trovare la colla giusta per volare ai giorni nostri I sogni di Icaro come trovare la colla giusta per volare ai giorni nostri Progetto di promozione della cultura diretto a ragazze e ragazzi tra i 14 e i 20 anni Ideato e coordinato da Emanuele Ortu SINTESI

Dettagli

CITTA DI SIRACUSA C. F. 80001010893 - P. IVA: 00192600898 SETTORE POLITICHE EDUCATIVE SCOLASTICHE - UNIVERSITA' SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE

CITTA DI SIRACUSA C. F. 80001010893 - P. IVA: 00192600898 SETTORE POLITICHE EDUCATIVE SCOLASTICHE - UNIVERSITA' SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE CITTA DI SIRACUSA C. F. 80001010893 - P. IVA: 00192600898 SETTORE POLITICHE EDUCATIVE SCOLASTICHE - UNIVERSITA' SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE Piazza Minerva, 5 96100 Siracusa tel. 0931/483357 Fax: 0931/61806

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI...

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... 1 2 DENARO EURO ALTRE VALUTE CAMBIO CALCOLI BANCONOTE MONETE STORIA del denaro CONIO ALTRI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE

PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE Scuola e docenti responsabili o ente autore della progettazione Nome Scuola o Ente Scuola Primaria sede distaccata Indirizzo e telefono

Dettagli

CHI E IL CICLISTA. Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio

CHI E IL CICLISTA. Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio CHI E IL CICLISTA Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio Esame in Città e politiche urbane a.a 2014/2015 Relazione di Elena Bellettati 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico CURRICOLO DI SCIENZE A.S. 2013-2014 I MATERIALI: CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014

PROGETTO SCIENZE CLASSI PRIME SECONDARIA I GRADO A.S. 2013/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Via San Francesco 5 20061 CARUGATE (MI) tel. 02.92151388 02.9253970 02.9252433 FAX 02.9253741 e-mail segreteria: miic8bj003@istruzione.it

Dettagli

UN MESSAGGIO MISTERIOSO

UN MESSAGGIO MISTERIOSO PRIMO MODULO UN MESSAGGIO MISTERIOSO Per poter analizzare gli aspetti relativi alla comunicazione,soprattutto con i bambini di scuola elementare, è necessario proporre esperienze coinvolgenti e stimolanti

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

UdA 1: introduzione all inquadratura (2 incontri)

UdA 1: introduzione all inquadratura (2 incontri) UdA 1: introduzione all inquadratura (2 incontri) Obiettivi: abilità sociali (S): consolidare il clima di fiducia, lavorare sulla costruzione del gruppo fotografia (F): conoscenza dei diversi piani (figura

Dettagli

GALLINA VECCHIA FA BUON BRODO!

GALLINA VECCHIA FA BUON BRODO! EDIZIONE 2014 CATEGORIA MANI IN PASTA GALLINA VECCHIA FA BUON BRODO! FONDAZIONE LA PELUCCA ONLUS RSA e CDI sede di via Boccaccio, SESTO SAN GIOVANNI (MI) con la collaborazione dell Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado ad indirizzo musicale PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 TITOLO UNITA

Dettagli

Il compostaggio all arrembaggio

Il compostaggio all arrembaggio Il compostaggio all arrembaggio Progetto di educazione ambientale per la scuola paritaria dell infanzia e primaria l isolachenonc era PREMESSA Il progetto ha al centro la prevenzione dei rifiuti urbani

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

UN PROGETTO PER QUALIFICARE UNO SPAZIO SCOLASTICO Isa Tolomelli*

UN PROGETTO PER QUALIFICARE UNO SPAZIO SCOLASTICO Isa Tolomelli* UN PROGETTO PER QUALIFICARE UNO SPAZIO SCOLASTICO Isa Tolomelli* *docente di scuola primaria, Bologna Progetto interdisciplinare Riqualifichiamo la nostra area cortiliva elaborato da: Isa Tolomelli, referente

Dettagli

Attività didattiche. I semi

Attività didattiche. I semi Attività didattiche I semi w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi quattro proposte di attività, suddivise per fasce d età, tutte relative al tema della semina e della

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

C O S A B O L L E I N P E N T O L A?

C O S A B O L L E I N P E N T O L A? C O S A B O L L E I N P E N T O L A? I m p a r a r e m a n g i a n d o Progetto di educazione alimentare ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS Scuola dell Infanzia di Attimis Anno scolastico 2007/08 NARRAZIONE

Dettagli

Asilo nido Melograno Anno scolastico 2007-2008

Asilo nido Melograno Anno scolastico 2007-2008 Asilo nido Melograno Anno scolastico 2007-2008 Il progetto è stato illustrato a tutti i genitori dei bambini frequentanti l asilo nido Melograno nell anno 2007-2008 nella riunione dell 11 dicembre 2007,

Dettagli

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Intreccio tra il Forum di Agenda 21 locale ed un esperienza sul territorio genovese Contesto geografico e socio-economico della IV Circoscrizione Valbisagno

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 611 anni e dei giovani di 1217 anni Sintesi dei risultati Aprile 2004 S. 0402930 Premessa Nelle pagine seguenti vengono

Dettagli

La missione della biblioteca scolastica

La missione della biblioteca scolastica Per quanto concerne le finalità generali si fa riferimento alle indicazioni contenute nel Manifesto IFLA -UNESCO sulla biblioteca scolastica : La biblioteca scolastica fornisce informazioni e idee fondamentali

Dettagli

STAR BENE A CASA CON SÉ E CON GLI ALTRI

STAR BENE A CASA CON SÉ E CON GLI ALTRI Titolo del progetto proposto dalla APSP Giovanni Endrizzi di LAVIS (ex Casa di Riposo RSA di Lavis) STAR BENE A CASA CON SÉ E CON GLI ALTRI In queste pagine sono descritte le informazioni principali relative

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie Porre al centro del progetto educativo l alunno significa attribuire una grande attenzione all originalità di ciascuno, rispettare

Dettagli

PROGETTO: AcquaMente. Attivita' previste per ogni classe: Strumenti: Metodologia:

PROGETTO: AcquaMente. Attivita' previste per ogni classe: Strumenti: Metodologia: PROGETTO: AcquaMente Il progetto AcquaMente è nato dalla necessità di far comprendere l importanza della risorsa idrica quale bene limitato, cercando di responsabilizzare i giovani ad un uso razionale

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

E' per questo che l'educazione ALLA LETTURA richiede tempi, attenzione, progettazione.

E' per questo che l'educazione ALLA LETTURA richiede tempi, attenzione, progettazione. LIBRI IN GIOCO ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEPOLLINO Monterotondo Scalo (Roma) Referente: insegnante Diana Zucchetti Scuola Infanzia-Scuola Primaria-Scuola Secondaria Analisi dei bisogni Il piacere di leggere,

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE La combustione si inserisce nella scansione dei percorsi del curricolo verticale per la classe terza

Dettagli

L ALIMENTAZIONE: LA PRIMA COLAZIONE (Gabelli, Torino)

L ALIMENTAZIONE: LA PRIMA COLAZIONE (Gabelli, Torino) L ALIMENTAZIONE: LA PRIMA COLAZIONE (Gabelli, Torino) Scuola e docenti responsabili o ente autore della progettazione Nome Scuola o Ente Scuola Primaria Aristide Gabelli Indirizzo e telefono Via Santhià

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE. DIDATTIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE a cura di : Lorella Pambianchi

SCHEDA DI PRESENTAZIONE. DIDATTIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE a cura di : Lorella Pambianchi SCHEDA DI PRESENTAZIONE UNITA DI LAVORO: AMBIENTI DIVERSI: IL MARE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO: - riconoscere i principali tipi di paesaggio - raggruppare luoghi secondo elementi comuni - riconoscere gli

Dettagli

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense SCUOLA D INFANZIA BIANCO BUONO LATTE 4 anni, scuola dell infanzia Latte, filiera, gusto, preferenze, Alimentazione:

Dettagli

I.T.E.S. Don Luigi Sturzo Bagheria. INDAGINE STATISTICA sulle ABITUDINI DI LETTURA

I.T.E.S. Don Luigi Sturzo Bagheria. INDAGINE STATISTICA sulle ABITUDINI DI LETTURA I.T.E.S. Don Luigi Sturzo Bagheria Anno Scolastico 2012-2013 Classe 5 a C INDAGINE STATISTICA sulle ABITUDINI DI LETTURA DEGLI STUDENTI ( 14-19 ANNI) 1 ITES Don Luigi Sturzo - Bagheria RELAZIONE DELL INDAGINE

Dettagli

CULTURAL CHANGE AND LEARNING FOR SUSTAINABILITY EDUCAZIONE

CULTURAL CHANGE AND LEARNING FOR SUSTAINABILITY EDUCAZIONE CULTURAL CHANGE AND LEARNING FOR SUSTAINABILITY EDUCAZIONE L impegno del WWF per un futuro sostenibile IL WWF È LA PIÙ GRANDE ORGANIZZAZIONE AL MONDO PER LA DIFESA DELLA NATURA, PRESENTE IN TUTTI I CONTINENTI

Dettagli

Diamo forma alle idee

Diamo forma alle idee Diamo forma alle idee Cosa troverete in questa busta? Fase 1: Scegliere l ambito o l idea. Fase 2: Osservare il contesto e gli utenti Fase 3: Brainstorming, rovare fonti di ispirazione Fase 4: Seleziona

Dettagli

Acquisto di cibo : uno sguardo critico sui consumi

Acquisto di cibo : uno sguardo critico sui consumi Piste per l educazione allo sviluppo sostenibile (ESS) Manifesto 1024 Sguardi Acquisto di cibo : uno sguardo critico sui consumi Tema: Alimentazione e consumo Livello: 1 ciclo (1-4 HarmoS) (1-4 HarmoS)

Dettagli

Per una scuola hands on : esperienze

Per una scuola hands on : esperienze Per una scuola hands on : esperienze Scuola: Primaria G. Deledda - Gaggio in P. classe 2^ A Denominazione dell attività: Laboratorio bolle di sapone. Caccia alla ricetta per bolle resistenti. Conoscenze

Dettagli

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta

Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Testi sull uso delle tecnologie digitali a scuola disponibili nella Biblioteca Regionale di Aosta Scheda a cura di Tiziana Ferrini Tirocinante presso L Università della Valle d Aosta 1) Codonesu, F. L.

Dettagli

MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Progetto di sana Alimentazione dell I.C Masaccio in collaborazione con il dott. Fiorini (coordinatore pediatri Valdarno) MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Nasce per

Dettagli

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI Sistema di Gestione Qualità, rendicontazione indagini di soddisfazione 2011 Direzione Programmazione e Controllo Servizio Studi e Ricerche Sistemi Qualità Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

TITOLO DEL PROGETTO SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA TITOLO DEL PROGETTO «PER UNA COMUNITA CHE COSTRUISCE SAPERI E PRATICA CITTADINANZA» SCUOLE COINVOLTE CAPOFILA I.C. VIA N. M. NICOLAI

Dettagli

Questionario per gli studenti del Liceo Scientifico Livi - Prato

Questionario per gli studenti del Liceo Scientifico Livi - Prato Questionario per gli studenti del Liceo Scientifico Livi - Prato 1. M F.. 2. Data di nascita 3. Che musica ti piace ascoltare? (elenco di generi tipo classica, rock, jazz, etc - oppure, meglio, elenco

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE

GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE Il comune di Valgreghentino (Lecco) fin dai primi giorni successivi al sisma di Maggio 2012 ha promosso iniziative di

Dettagli