POLITECNICO DI BARI DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E GESTIONALE XXVIII CICLO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI BARI DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E GESTIONALE XXVIII CICLO"

Transcript

1 POLITECNICO DI BARI DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA MECCANICA E GESTIONALE XXVIII CICLO RELAZIONE SULLE ATTIVITA DI DOTTORATO RELATIVE ALL ANNO 2014 Dottorando: Giuseppe Mascolo Tutor: Ing. Salvatore Digiesi Tema di ricerca del Dottorato: New models for sustainable logistics 1

2 Sommario 1. Introduzione Attività di ricerca Analisi di sostenibilità della logistica distributiva nel settore automotive Il progetto NEWS Esternalità nella logistica distributiva delle nuove autovetture in Europa Analisi di mercato per il calcolo della potenzialità della logistica distributiva fluviale Reno- Meno-Danubio CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

3 1. Introduzione Negli attuali sistemi logistici, il trasporto ha un ruolo fondamentale. Nel moderno mercato globale, caratterizzato da un alta incertezza nella domanda dei prodotti, il costo del trasporto può pesare fino al 50% dei costi logistici totali e andare a influenzare pesantemente la configurazione logistica dei sistemi. Quando i costi esterni, generati dal trasporto, sono considerati all interno dei costi logistici (costi di acquisto, trasporto e di giacenza) può essere definito un nuovo problema logistico che porti alla contemporanea minimizzazione dei costi logistici interni ed esterni (legati alle esternalità). Questo processo è noto come internalizzazione dei costi esterni. L internalizzazione dei costi esterni uno strumento valido per poter rendere più sostenibile il settore dei trasporti guidando i decisionmaker della supply-chain verso scelte più sostenibili. L obiettivo del Dottorato di Ricerca è duplice: Sviluppare modelli logistici che consentano di andare a ridefinire i tradizionali problemi logistici in un ottica sostenibile; Valutare gli effetti di differenti politiche di trasporto sui sistemi logistici all interno dell Unione Europea. Nel corso del primo anno di dottorato è stata affrontata una approfondita ricerca sullo stato dell arte e sulla legislazione europea relativa al trasporto merci sostenibile ed ai costi esterni generati. Parallelamente sono stati sviluppati modelli per valutare l effetto di differenti politiche di internalizzazione sulla scelta del mezzo di e sui livelli di scorte a magazzino (Digiesi et al. (2013) e Digiesi et al. (2014)) Nella presente relazione si riportano le attività svolte nel corso del II anno di dottorato ed i risultati ottenuti. Le attività svolte possono essere inquadrate in due macroaree: Analisi di sostenibilità della logistica distributiva delle nuove autovetture nell ambito dell Unione Europea; tale studio si inserisce all interno del progetto europeo NEWS (Development of a Next generation European inland Waterway Ship and logistics system) coordinato dall Università di Tecnologia di Vienna e dal Fraunhofer Institute di Vienna dove è stato trascorso un visiting period di 5 mesi (Febbraio - Giugno 2014). Analisi di mercato delle vendite di nuove autovetture prodotte nell area oggetto di studio del progetto NEWS: questo studio è stato effettuato durante il periodo trascorso presso il Fraunhofer Institute di Vienna 1.1 Attività di ricerca Le pubblicazioni che testimoniano l attività di ricerca in questo secondo anno del Dottorato di Ricerca sono le seguenti: Mascolo et al. (2014), Mascolo (2014) e Stein et al. (2014). Il paper Mascolo et al. (2014) è stato presentato alla XIX Summer School Francesco Turco che si è tenuta a Senigallia dal 9 al 12 Settembre

4 Il paper Stein et al. (2014) è stato presentato all European Inland Waterway Navigation Conference che si è tenuta a Budapest (Ungheria) dal 10 al 12 Settembre Il paper Mascolo (2014) è stato presentato al 1st Workshop on the State of the Art and Challenges of Research Efforts at POLIBA che si è tenuto a Bari del 3 al 5 Dicembre. IJPQM 2. Analisi di sostenibilità della logistica distributiva nel settore automotive 2.1 Il progetto NEWS Il progetto NEWS (Development of a Next generation European inland Waterway Ship and logistics system) è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del VII Programma Quadro (FP7) che ha avuto inizio nel Marzo 2013 e che si concluderà nell Agosto Il progetto contribuirà alla Strategia dell UE per la regione del Danubio (EUSDR à The EU Strategy for the Danube Region) con lo scopo di incrementare del 20% il trasporto merci sul Danubio entro il 2020 rispetto al livello dell anno 2010 rendendolo più efficiente e sostenibile. Attualmente non vengono sfruttate tutte le potenzialità del trasporto merci lungo le vie d acqua navigabili: ad esempio la quantità di merce trasportata lungo il fiume Danubio è solo il 10-20% di quella trasportata lungo il fiume Reno. Gli obiettivi del progetto NEWS sono quelli di proporre innovazioni tecniche e logistiche al fine di incrementare il traffico merci lungo il corso d acqua. Principali innovazioni tecniche: à Progettare una nuova nave container capace di trasportare quattro file di container disposte su tre livelli => incrementare l efficienza del trasporto (+100%); à Altezza della nave variabile: questa caratteristica consentirà di aumentare dell 88% i giorni di navigazione passando da 170 a 320 giorni grazie alla possibilità di passare sotto ponti molto bassi e di poter gestire la variazione del livello dell acqua; à Utilizzo di un motore che funzioni sfruttando diverse fonti di energia (diesel, gas naturale, gas naturale liquefatto, energia elettrica): questo comporterà un aumento dell efficienza del 30% ed una diminuzione delle emissioni Principali innovazioni logistiche: à Saranno analizzate e riorganizzate le principali reti logistiche all interno dell area studio à I porti interni per la movimentazione di container saranno integrati nel concetto NEWS La nuova nave container (Figura 1) avrà la capacità di poter garantire i costi previsti dagli operatori, ottimizzare la gestione del tempo, rispondere agli specifici colli di bottiglia (altezza bassa di alcuni ponti, acque basse), migliorare l impronta del carbonio e quindi competere con successo con il trasporto su rotaia e su gomma. E ipotizzabile un rilevante cambiamento modale in particolar modo nella regione del Danubio e nel suo entroterra. 4

5 Figura 1: Immagine del prototipo di nave porta-container NEWS [Fonte: Se confrontate con il trasporto stradale, le navi per il trasporto fluviale sono, generalmente, considerate tra i mezzi di trasporto più rispettosi dell ambiente. Tuttavia questa informazione non è universalmente valida dato che le emissioni degli inquinanti più pericolosi come gli NOx ed il particolato non seguono queste leggi: infatti i camion, grazie alle leggi europee, sono dotati di filtri per il particolato e di marmitte catalitiche e quindi emettono meno inquinanti. Si può quindi affermare che in realtà il trasporto fluviale è la modalità di trasporto più interessante dal punto di vista dell efficienza energetica ma non necessariamente da un punto di vista ecologico. Tabella 1: Emissioni [g/t km] per le diverse modalità di trasporto [Fonte: (TREMOD Versione 5.25, 2011)] NEWS risponde a questa mancanza andando ad unire i vantaggi dal punto di vista dell efficienza a quelli ecologici ad attraverso l utilizzo di gas naturale liquefatto al posto dei combustibili convenzionali. Per il trasporto marittimo gli aspetti della sostenibilità ambientale legati all utilizzo del gas naturale liquefatto sono già stati analizzati (Burel et al 2013): in questo studio si stima che l utilizzo del gas naturale liquefatto al posto degli oli combustibili pesanti comporti una riduzione di SOx, NOx, PM e CO2 rispettivamente del 90%, 80%, 100% e 20%. 2.2 Esternalità nella logistica distributiva delle nuove autovetture in Europa Gli impatti ambientali relativi alla produzione e all uso dei nuovi autoveicoli sono stati già ampiamente studiati in letteratura. Tuttavia, gli aspetti ambientali relativi alla logistica distributiva dei nuovi autoveicoli non sono stati ampiamente studiati nella letteratura scientifica (Nieuwenhuis et al., 2012). Negli studi condotti sono stati considerati solo gli aspetti logistici legati alla distribuzione delle nuove autovetture in uscita dagli impianti europei. Nel 2013, nel mondo sono state prodotte autovetture (+3,7 rispetto al 2012) mentre (+3,8% rispetto al 2012) sono state quelle registrate (o vendute). La Figura 2 mostra la percentuale della produzione e registrazione (o vendita) di nuove autovetture per macro aree geografiche nel 2013 (OICA, 2014a 5

6 and OICA, 2014b). Figura 2: Statistiche sulle nuove autovetture prodotte e immatricolate nel 2013 [Fonte: (OICA, 2014a) e (OICA, 2014b)] La nuove autovetture, dopo essere state assemblate, vengono sistemate in apposite aree all interno degli stabilimenti in attesa di essere caricate su treni, camion o navi (trasporto fluviale o marittimo) per raggiungere i centri di distribuzione (Holweg and Miemczyk, 2002) per essere poi trasportate per mezzo di camion agli utenti finali, generalmente fornitori di auto e in alcuni casi compagnie di autonoleggio e altre compagnie pubbliche o private (Kchaou, 2013). Le autovetture possono anche essere trasportate direttamente dallo stabilimento produttivo agli utenti finali attraverso camion se l area di domanda è relativamente vicina al relativo impianto. Secondo l Association of European Vehicle Logistics (ECG, 2010) il 4% del prezzo di vendita di un veicolo può essere attribuito alla sua consegna. Tuttavia non è chiaro l impatto dei costi esterni generati dalla consegna delle nuove autovetture rispetto al prezzo di vendita e alla scelta del trasporto di mezzo ottimale. Le attività di ricerca svolte nel corso del II anno di Dottorato sono state finalizzate alla valutazione di: costi esterni totali dovuti alla consegna delle nuove autovetture supponendo diversi mezzi di trasporto potenziale riduzione dei costi esterni per quattro percorsi selezionati confrontando diverse modalità di trasporto Cinque differenti mezzi di trasporto, ognuno caratterizzato da differenti costi esterni generati, possono essere utilizzati per il trasporto delle nuove autovetture. 1) Trasporto Stradale I camion utilizzati in Europa possono trasportare tra le otto e le undici autovetture (ECG, 2010) e sono caratterizzati da lunghezze non standardizzate che variano tra 18,75 [m] e 25,25 [m] (Baldissera, 2013). Questa modalità di trasporto è utilizzata per la distribuzione 6

7 su brevi e medie distanze continentali ed in casi eccezionali su lunghe distanze continentali. Vantaggi: consegne porta a porta, basso livello di movimentazione, prezzi competitivi dovuti alla forte competizione tra i diversi operatori operanti sul mercato. Svantaggi: bassa capacità, saturazione delle infrastrutture, alto inquinamento, alto tasso di incidenti, inefficiente su lunghe distanze. 2) Trasporto ferroviario I vagoni più comunemente utilizzati in Europa sono caratterizzati da due piani di carico (Burg, 2007) e posso trasportare tra le 16 e le 20 automobili di classe media. I tipici treni europei trasportano tra i 40 e i 50 vagoni (Nieuwenhuis et al., 2012). Questa modalità di trasporto è utilizzata per medie e lunghe distanze continentali. Vantaggi: adatto per grandi volumi, relativamente economico, incentivi monetari relativi al Programma Marco Polo finanziato dalla Comunità Europea. Svantaggi: non possibili le consegne porta a porta, maggior livello di movimentazione e conseguente elevata probabilità di danneggiamento, bassa flessibilità in termini di macchine trasportabili, carenza di vagoni, limiti nelle infrastrutture disponibili. 3) Trasporto Fluviale Le navi adibite al trasporto fluviale possono trasportare fino a 600 automoboli (ECG, 2010). Questa modalità di trasporto è utilizzata per medie e lunghe distanze per il traffico continentale. Vantaggi: modalità adatta per il trasporto di grandi volumi, relativamente economica, incentivi monetari relativi al Programma Marco Polo finanziato dalla Comunità Europea. Svantaggi: non possibile il trasporto porta a porta, necessità di utilizzare un altra modalità di trasporto la tratta iniziale e finale. Best Practices trasporto fluviale Sin dal 1997 la BLG LOGISTICS, uno dei più grandi provider di servizi logistici per il settore automotive europeo, trasporta automobili lungo il Danubio. Le automobili di Ford e Renault sono trasportate lungo il Danubio da Kelheim a Budapest. Lungo la via del ritorno, le automobili della Suzuki sono trasportate da Budapest e Kelheim. Ogni anno la Suzuki trasporta circa automobili lungo il Danubio. La BLG LOGISTICS opera due viaggi a settimana lungo questa rotta per mezzo di due navi: la Heilbronn (Figura 3) e la Kelheim capaci di trasportare tra le 200 e le 260 automobili su tre livelli di carico. 7

8 2007) and are able to carry between 16 and 20 middleclass cars (ECG, 2010). Typical European trains pull between 40 and 50 wagons (Nieuwenhuis et al., 2012). This transport modality is used for medium and long distance continental traffic. Advantages: suitable for large volumes, relatively economic, monetary incentives related to the Marco Polo EU Programme. Disadvantages: not door-to-door deliveries, more handling and related higher probability of damage, low flexibility in terms of cars transportable, lack of wagons, limits in the available infrastructure. 2.3 Inland Waterway Transport Inland vessels carry up to 600 cars (ECG, 2010). This transport mode is used for medium and long distance continental trafic. Advantages: suitable for large volumes, relatively economic, monetary incentives related to the Marco Polo EU Programme. Disadvantages: not doorto-door deliveries, need to combine with other transport modes for pre- and post-haulage. 2.4 Sea Transport Figura 3: Nave Heilbronn logistics industry) has been transport (ECG, 2008). 2.7 External Costs The external costs coefficie the Marco Polo Calculator 2 Marco Polo Programme aim transportation off the road t friendly transport modes. external costs related to the quality, noise, climate ch impacts due to road, rail, in shipping transport modes (B Table 1: External costs coef (Brons and Chri Externality [ /t km] air pollution climate change noise accidents Road (motorways) Rail Diese 0, , , , , ,0185 0, ,0019 0, , ,0002 0,01477 congestion Sea transport modality is used for long distance Total continental traffic (Short Sea Shipping, SSS) and 4) Trasporto Marittimo intercontinental traffic (Deep Sea Shipping). Specialized sea ships è can transportperup lato movimentazione 5000 passenger cars. Il trasporto marittimo utilizzato continentale3. Methodology (Short Sea Figure 3 schematically il Advantages: suitable for large volumes, relatively Shipping, SSS) e intercontinentale (Deep Sea Shipping, DSS). Speciali navi possono adopted to collect and mana economic. Disadvantages: not door-to-door deliveries, trasportare sino need a 5000 nuove autovetture. Vantaggi: modalità di trasporto adatta to carry outper the two case st to combine with other transport modes for pre- and 4. grandi volumi, relativamente post-haulage. economica. Svantaggi: non possibile il trasporto porta a porta, necessità2.5 di utilizzare altre modalità di trasporto per la tratta iniziale e finale. Airplane Transport Airplane transport is an high price transport modality 5) Trasporto Aereo characterized by low capacity and high pollution but it is used for the ability to respect stringent lead time for La modalità di trasporto aerea è caratterizzata da bassa capacità e alto inquinamento ma è luxury vehicles. utilizzata solo per2.6latransport sua capacità di rispettare modality choice stringenti vincoli sui tempi di consegna delle autovetture di lusso. The optimization of the outbound automotive logistics supply chain implies the opportunity to use a single or a combination two or more modes L ottimizzazione dellatransport catena dimode distribuzione delle of nuove autovetture comporta l opportunità The optimal choice mostly depend on cost x distance di scegliere una singola modalità di trasporto o una combinazione di più modalità. La scelta considerations and, sometimes, by the value of the ottimale dipende principalmente da considerazioni basate sul costo in funzione della distanza e, transported cars (Figure 2). a volte, dal valore delle auto trasportate (Figura 4). Figure 3: Meth 3.1 Identification of autom Europe The first step has been th Eurostat and OICA (Org Constructeurs d'automobil definitions leading to the sa car is a motor vehicle with the transport of maximum n driver. More than 100 pas have been identified in th (ACEA, 2014) Figure 2: Cost x distance optimization map [source: 2010] del costo e della distanza Figura 4: Trasporto ottimaleecg, in funzione In 2007 the 19,3% of the total vehicles processed by the ECG Members (representing about the 80% of the new vehicles processed by the European finished vehicles 3.2 Identification of new assembled in each plant Known the assembly pla performed a 8 web-researc Equipment Manufacturers discover the car models asse

9 Case study: Hungary and Slovakia gh the higher complexity and organizational effort, potential shippers and rders would only use multimodal transport due to cost benefits. A rough cost tion has been carried out in order to determine for which transport routes odal transport could be cheaper than direct transport. The design of the transport nd 20 middlean trains pull is et al., 2012). ium and long itable for large Nel 2007 il 19,3% dei nuovi veicoli trasportati dai Membri dell ECG (che rappresentano circa l 80% dei nuovi autoveicoli trasportati in Europa) è stato caratterizzato da un trasporto tramite camion (ECG, 2008). In Figura 5 è presenta una schematizzazione del trasporto intermodale. for the direct and multimodal transport is showed in Figure 4. Figure 4: Transport the chain Marco of Figura direct Polo and 5: Schematizzazione multimodal Calculator transport del trasporto The [own European figure] intermodale Union s centives related Marco Polo Programme aims to shift or avoid freight o dvantages: the fact that not there are no relevant current scientific publications regarding the related higher alculation of Roll on Roll off transports for passenger cars on car-carrier vessels, terms of cars eters the of available the cost calculation of container transport have been used for the cost ation. For that reason, the calculation has been realized under the assumption that ltimodal container transport impacts for due a specific to road, transport rail, inland route waterway is cheaper and than short direct sea ort by truck, such cost savings shipping would transport also modes apply for (Brons Roll and on Christidis, Roll off transports. 2013) G, 2010). This respondence to the cost calculations of container transport [Deutsch, 2013], the long distance Table 1: External costs coefficients [own table based on ing large parameters volumes, and assumptions have (Brons been and selected: Christidis, 2013) data] IWT (Freight related to the SSS (speed: Externality Road Capacity: 401- Rail Diesel Rail Electric < 17 [kn]; ges: not doorother [ /t km] (motorways) 650 [t]; Fuel: LNG) Fuel: LNG) transport long distance g, SSS) and g). Specialized assenger cars. es, relatively oor deliveries, es for pre- and sport modality llution but it is lead time for otive logistics use a single r more modes ost x distance value of the I costi esterni sono stati estratti dal Marco Polo Calculator del 2013 (Tabella 2). Il Programma transportation off the road to other more environmental Marco Polo ha l obiettivo di favorire il trasferimento modale dal trasporto stradale verso altre modalità più sostenibili. friendly Il calcolatore transport fornisce modes. i costi The esterni Calculator relativi a impatti provides ambientali (qualità dell aria, rumore, external cambiamento costs climatico) related e to socio-economici the environmental relativi impacts al trasporto (air stradale, su rotaia, fluviale e marittimo. quality, noise, climate change) and socio-economic Tabella 2: Costi esterni in funzione del mezzo di trasporto [Fonte: Brons and Christidis, 2013] Metodologia adottata logistics industry) has been characterized by pure trucks transport (ECG, 2008). 2.7 External Costs The external costs coefficients has been extracted from air pollution 0, , ,001 0,0018 0,00156 climate change 0, ,0019 0, ,0012 0,00294 noise 0, , ,00149 x x accidents 0, , ,00033 x x congestion 0, ,0002 0,0002 x x Total 0,0185 0, , ,003 0, Methodology Figure 3 schematically illustrates the methodology La metodologia adottata per la valutazione delle esternalità generate nell ambito della logistica adopted to collect and manage the needed data allowing distributiva del settore automotive e dei relativi potenziali di riduzione mediante cambio di modalità to carry out the two case studies proposed in Paragraph di trasporto può essere sintetizzata nei seguenti punti: 4. 1) Localizzazione degli stabilimenti produttivi di nuove automobili in Europa Il primo passo è stato la definizione di autovettura. Eurostat e OICA (Organisation Internationale des Constructeurs d'automobiles) forniscono due definizioni equivalenti che portano alla stessa conclusione: un autovettura è un veicolo a motore con almeno quattro ruote utilizzato per il trasporto di, al massimo, nove passeggeri incluso l autista. Sono stati individuati più di 100 stabilimenti in Europa (escludendo la Russia). 9

10 2) Identificazione dei modelli prodotti in ogni stabilimento Nota la localizzazione degli stabilimenti è stata in seguito condotta una ricerca sui siti officiali dei produttori di automobili (OEM=Original Equipment Manufacturers) per individuare i modelli prodotti in ogni impianto. 3) Statistiche relative alle nuove automobili immatricolate in Europa nel 2013 La definizione dei flussi di nuove autovetture, relativi all anno 2013, dagli stabilimenti alle nazioni selezionate ha richiesto la raccolta delle statistiche relative alle nuove autovetture immatricolate suddivise in base alla marca ed al modello. 4) Quantificazione dei flussi di nuove autovetture dagli stabilimenti alle nazioni selezionate I flussi di nuove autovetture sono stati definiti incrociando i dati raccolti nei tre precedenti step. Un modello assemblato in più di un impianto (per esempio la Dacia Logan assemblata solo nell impianto di Pitesti in Romania) fornisce informazioni certe per quanto riguarda l origine dei flussi. In alcuni casi un modello è stato prodotto, nel 2013, in più impianti: ad esempio l Audi A4 è stata prodotta negli impianti di Iglostadt e Neckarsulm. Si è scelto di assumere che in ogni nazione europea il 50% delle Audi A4 sia stato inviato dall impianto di Inglostadt e l altro 50% dall impianto di Neckasrsulm. In altri casi, quando sono stati trovati dati riguardanti l esatto numero di auto prodotte in un determinato stabilimento per un determinato modello di autovettura, sono state fatte ipotesi più accurate. Per esempio nel 2013 l Opel Astra è stata prodotta negli stabilimenti di Gliwice (Polonia), Rüsselsheim (Germania) e Bochum (Germania) con, rispettivamente, , e automobili. I flussi in questo caso non sono stati suddivisi secondo la regola del 33% ma in proporzione al numero di automobili prodotte nei tre impianti menzionati.. Analisi generale dei costi esterni generati Lo scopo di questa analisi è quello di stimare i costi esterni totali dovuti alla distribuzione delle nuove autovetture prodotte in 77 impianti produttivi in Europa verso 19 nazioni selezionate (Figura 6). Non sono state considerate nazioni europee che richiedono il trasporto fluviale. Le diciannove nazioni selezionate sono state schematizzate scegliendo un punto centrale in cui concentrare tutti i flussi in ingresso (cerchi verdi in Figura 6). Nel 2013, nuove autovetture sono state registrate (o vendute) nelle nazioni selezionate e, secondo la nostra analisi, più dell 80% di queste autovetture sono state prodotte in questi impianti. 10

11 Figura 6: Stabilimenti produttivi e nazioni selezionate [figura realizzata con Google Maps Engine Pro]. I calcoli sono stati eseguiti considerando i seguenti passaggi: 1) Creazione di una matrice origine-destinazione ottenuta calcolando i flussi dagli stabilimenti produttivi alle nazioni selezionate 2) Creazione di una matrice origine-destinazione ottenuta calcolando le distanze tra gli stabilimenti e i punti centrali di ogni nazione di ogni nazione con l aiuto di una macro in ambiente Visual Basic in grado di estrarre automaticamente le relative distanze da Google Maps 3) Creazione di una matrice origine-destinazione che combina le due precedenti matrici andando a quantificare il parametro automobili*km per tutti i possibili tragitti. La somma totale delle automobili*km è uguale a che moltiplicata per un peso medio di un autovettura di 1231 [kg] (TU Delft, 2010) è pari a [t*km]. La Natural Gas) come combustibile Tabella 3 mostra dieci differenti scenari calcolati considerando i costi esterni totali relativi al totale [t*km] suddivisi secondo tre diverse modalità di trasporto. Si è scelto di assumere che le distanze stradali non cambino rispetto a quelle relative al trasporto ferroviario e fluviale. Per il trasporto 11

12 ferroviario si è scelto di considerare solo treni elettrici mentre per il trasporto fluviale si è scelto di considerare navi che utilizzino gas naturale liquefatto (LNG= Liquified Natural Gas) come combustibile coefficients are shown in Table 1: for the rail transport only electric trains has been considered whereas for the inland waterways transport Liquefied Natural Gas (LNG) has been considered as fuel. Tabella 3: Scenari considerati e relativi costi esterni generati. Table 2: Different scenarios and related external costs 4.2 External cost estimation f This example analyzes in more flows from four selected asse Netherlands and Belgium in potential external costs savi waterway transport. It has been Inland Road passenger cars directed to Ne Rail Electric Waterway Total External Transport the Port of Rotterdam and t Transport Factor Transport Costs [ ] Factor Factor Mainz the 40% of the total f Scenario 1 0,40 0,60 0, (Figure 5). The last assum Scenario 2 0,40 0,50 0, considering the not logical opt Scenario 3 0,40 0,40 0, directed to the Germany in Scenario 4 0,30 0,50 0, Scenario 5 0,30 0,40 0, extension of this country. Tab Scenario 6 0,20 0,60 0, cars flows for the selected ro Scenario 7 0,20 0,50 0, weight transported in 2013 (ac Scenario 8 0,10 0,70 0, Two direct transport options (a Scenario 9 0,10 0,60 0, Scenario 10 0,05 0,65 0, and two multimodal transport transport as main-haulage com In terms of external costs savings the present analysis and then with rail transport a In termini di risparmio quantified sui costi foreseeable esterni generati results such la presente as to limit analisi the road ha cercato considered. di quantificare To facilitate the co prevedibili risultati come transport la necessità and to di take limitare advantage il più of possibile the river il transport, trasporto stradale the e di transport sfruttare from i the assem vantaggi, relativi alla riduzione where possible, dei costi and of esterni, the rail del transport. trasporto However, ferroviario the e fluviale. unloading Tuttavia, port has been consid transport of new passenger cars by inland waterway haulage. The multimodal transp attualmente, il trasporto delle nuove autovetture lungo i fiumi è un opzione raramente sfruttata transport is a rarely exploited option although it is from each assembly plant to th sebbene questa sia considerata considered come as an un importante opportunity to strumento raise the modal per share aumentare of la percentuale road and rail delle distance has been merci trasportate lungo i this fiumi transport in Europa mode (CE (CE Delft et et al., al., 2011). Infatti, effect, sebbene l Unione calculated Europea with the already men abbia una delle più grandi although reti fluviali the European nel mondo Union con has più one di of the [km] longest instead Ecotransit calculation (EC, 2013), di cui networks of inland waterways in the world characterized distances. Table 4 and Table [km] indicate come idrovie by more di importante than internazionale [km] (EC, 2013), (UN, ), [km] of solo il 3,7% obtained delle merci (considerando le tonnellate*km) which have sono been state trasportate earmarked lungo by Governments i fiumi nell EU27 as (EC, 2013). waterways of international importance (UN, 2012), inland waterway transport accounts in the EU27 only for 3,7% of freight transport based on tonne kilometres (EC, 2013). 12

13 about 6,7% [Eurostat, 2012]. The waterway system offers a large and untapped potential to manage increasing transport flows and to decrease congestion of road and railways. According to the Blue Book (2012) 29,172 km of European inland waterways in total have been earmarked by EU governments as waterways with international importance ( E waterways ), whereby Russia, Ukraine and Belarus have no direct access to the rest of the European waterway network. The most important European inland waterways are located in the North-South corridor, the Rhine corridor, the South-East corridor as well as in the East-West corridor (see Figure 1). Figura 7: Principali canali navigabili in Europa Figure 1: Overview of European inland waterways [Schweighofer, 2014] Options to promote a modal shift can be identified in branches that are rarely exploited by inland waterway transport (IWT) - such as the transport of new passenger cars. The European automotive industry with an annual production of more than 17 million Stima dei costi esterni per quattro percorsi selezionati Questo esempio passenger analizza cars in contributes maggior to the dettaglio high transport i flussi volume di nuove in Europe. autovetture Passenger cars prodotte are da quattro impianti selezionati assembled verso in more tre than nazioni hundred europee: production Germania, plants [ACEA, Paesi 2014], Bassi and many e Belgio. of them Si è scelto di are located in one of the above-mentioned corridors. scaricare nel porto di Rotterdam tutte le automobili dirette nei Paesi Bassi e Belgio e nel porto di Mainz il 40% del In the flusso following totale chapters, diretto continental Germania transport nel flows 2013 from (Figura production 8). L ultima plants to target ipotesi è stata fatta markets within the Rhine, and South-East corridors are investigated. Exports to nonconsiderando l estensione della Germania: non avrebbe senso scaricare in un unico porto tutte le European countries are not part of this research. Additionally, a comparison is made automobili destinate between alla direct Germania. transport by La truck Tabella and multimodal 4 mostra transport il flusso by ship di automobili regarding external lungo gli itinerari selezionati ed costs. il relativo peso totale trasportato nel 2013 (secondo i calcoli fatti durante l analisi svolta). Due dirette possibilità di trasporto diretto (su gomma e su rotaia) e due possibilità di trasporto multimodale (trasporto fluviale come modalità principale) sono state considerate. Per facilitare il confronto si è scelto di trascurare la tratta finale considerando quindi il trasporto dagli stabilimenti produttivi ai porti considerati. Il trasporto multimodale necessita di una tratta iniziale per trasportare le automobili dagli impianti produttivi ai porti selezionati. Le distanze stradali e ferroviarie sono state considerate coincidenti mentre le distanze fluviali sono state calcolate tramite il tool presente su Ecotransit.it. La Tabella 5 e Tabella 6 sintetizzano i risultati ottenuti. 13

14 Figura 8: Localizzazione dei porti e degli impianti considerati. Tabella 4: Numero di nuove automobili trasportate nel 2013 e relativo peso Table 3: Number of passenger cars transported in 2013 and related weight [own table] Country OEM City Model Average weight [t] Number of cars [unit] Table 4: Transport chain data [own table] Tabella 5: Dati relativi agli itinerari [km] Country considerati Total Weight [t] Belgium Netherlands Germany Belgium Netherlands Germany Romania RENAULT SA Colibasi (Pitesti) Dacia Logan 1, Romania RENAULT SA Colibasi (Pitesti) Dacia Sandero 1, Romania RENAULT SA Colibasi (Pitesti) Dacia Duster 1, Romania FORD OF EUROPE Craiova Ford B-Max 1, Hungary SUZUKI Esztergom Swift 1, Hungary SUZUKI Esztergom SX4 1, Hungary SUZUKI Esztergom Splash 1, Hungary SUZUKI Esztergom Fiat Sedici 1, Hungary SUZUKI Esztergom Opel Agila 1, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava VW UP! 0, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Skoda Citigo 0, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Seat Mii 0, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava VW Touareg 2, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Audi Q7 2, Route Number Country OEM City Loading Port Country Loading Port City Pre- Haulage Unloading Port Unloading Port City River Distance between Ports [km] Road Distance Plant- Unloading Port [km] Total weight of PCs transported [t] R1 Romania RENAULT SA Colibasi (Pitesti) Romania Calafat 223 Germany Mainz R2 Romania RENAULT SA Colibasi (Pitesti) Romania Calafat 223 Netherlands Rotterdam R3 Romania FORD OF EUROPE Craiova Romania Calafat 91 Germany Mainz R4 Romania FORD OF EUROPE Craiova Romania Calafat 91 Netherlands Rotterdam R5 Hungary SUZUKI Esztergom Slovakia Sturovo 8 Germany Mainz R6 Hungary SUZUKI Esztergom Slovakia Sturovo 8 Netherlands Rotterdam R7 Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Slovakia Bratislava 22 Germany Mainz R8 Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Slovakia Bratislava 22 Netherlands Rotterdam Table 5: External costs estimation [own table] Total External Costs [ ] Direct Transport Direct Transport Multimodal Transport Route Rail Road Transport Number Electric Transport Pre-Haulage: Road Transport Pre-Haulage: Rail Transport Main Haulage: Inland Waterway Transport Multimodal Transport (Road+IWT) Multimodal Transport (Rail+IWT) 14

15 Hungary SUZUKI Esztergom Swift Splash 1,048 1, Hungary SUZUKI Esztergom SX4 Fiat Sedici 1,263 1, Hungary SUZUKI Esztergom Splash Opel Agila 1,050 1, Hungary Slovakia SUZUKI VOLKSWAGEN AG Esztergom Bratislava Fiat VW UP! Sedici 0,859 1, Hungary Slovakia SUZUKI VOLKSWAGEN AG Esztergom Bratislava Opel Skoda Agila Citigo 0,860 1, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava VW Seat UP! Mii 0,858 0, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Skoda VW Touareg Citigo 2,149 0, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Seat Audi Mii Q7 2,272 0, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava VW Touareg 2, Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Audi Table Q7 4: Transport 2,272chain 224 data [own 89 table] Route Number Country OEM City Despite the river distance always more than 20% longer Table 5: External costs estimation [own table] Tabella 6: Stima Total External dei costi Costs [ ] esterni Table 5: External costs estimation [own table] Malgrado respect to the le direct distanze road fluviali distance for rispetto all the a selected quelle stradali by the differiscano direct rail electric non transport meno del mode. 20% tra loro, il trasporto Despite routes, the multimodale river distance transport always fornisce more the sempre than best solutions 20% la longer miglior in soluzione, waterway in transport termini is di the costi second esterni, best solution in tutti followed i casi. respect terms of to total the direct external road costs. distance For all for the all eight the selected routes Conclusion by the direct rail electric transport mode. Per routes, considered tutti the gli multimodal the otto multimodal tragitti transport combination considerati, is the best of il solutions rail trasporto electric in multimodale The aim che of this combini paper was il trasporto to quantify ferroviario the external costs con quello terms and inland of fluviale total waterway external è sempre transport costs. la is For always miglior all the soluzione best eight solution. routes mentre il generated Conclusion trasporto by su new gomma passenger è sempre cars distribution la soluzione in Europe da considered The direct the road multimodal transport is combination clearly always of rail the electric worst studying The aim of the this potential paper was savings. to quantify After a the general external external costs evitare and solution. inland For per waterway the quanto first transport four riguarda routes is always (R1, i the R2, costi best R3 esterni. and solution. R4), Per i costs generated primi estimation quattro by new passenger tragitti a more cars detailed (R1, distribution R2, analysis R3 in for e Europe R4), four caratterizzati The characterized direct road by da a transport relatively un relativamente is long clearly pre-haulage, always lungo the direct worst pre-haulage, selected studying il trasporto transport the potential diretto routes savings. have su been rotaia After performed. a è general la seconda external To do solution. rail electric For transport the first is four the second routes best (R1, solution R2, R3 and followed R4), this costs a estimation long and deepened a more detailed data collection analysis has for been four miglior soluzione seguita dal trasporto multimodale che combina il trasporto su gomma e fluviale. characterized by the combination by a relatively of road long and pre-haulage, inland the waterway direct performed: selected transport the passenger routes have cars assembly been performed. plants location, To do Per rail transport. electric gli ultimi For transport the quattro last is four the second tragitti routes best (R5, (R5, solution R6, R6, R7 followed and R7 R8), R8) caratterizzato the this a long models and da assembled deepened un relativamente in data each collection plant piccolo and has the prehaulage, by characterized the combination il trasporto by a short of multimodale pre-haulage, road and inland the che multimodal waterway combina il trasporto been car registration performed: su the statistics gomma passenger in ed 2013 cars il trasporto for assembly the selected plants fluviale countries location, è la transport. For combination the last four of routes road (R5, electric R6, R7 and and inland R8), allowed the car to models perform assembled our goal. in Results each plant obtained and reveal, the car as seconda miglior soluzione seguita dal trasporto diretto su rotaia. Confronto economico fra trasporto diretto e intermodale Unloading Port City River Distance between River Ports [km] Distance between Ports [km] Table 4: Transport chain data Pre- [own Unloading table] Loading Port Loading Haulage Port Country Port City [km] Pre- Unloading Country Loading Port Loading Haulage Port Country Port City [km] Country Road Distance Plant- Road Unloading Distance Port [km] Plant- Unloading Port [km] Total weight of PCs transported Total weight [t] of PCs transported [t] Route Unloading Country OEM City Number R1 Romania RENAULT SA Colibasi (Pitesti) Romania Calafat 223 Germany Port Mainz City R2 Romania RENAULT SA Colibasi (Pitesti) Romania Calafat 223 Netherlands Rotterdam R1 R3 Romania FORD RENAULT OF EUROPE SA Colibasi Craiova (Pitesti) Romania Calafat Germany Mainz R2 R4 Romania FORD RENAULT OF EUROPE SA Colibasi Craiova (Pitesti) Romania Calafat Netherlands Rotterdam R3 R5 Romania Hungary FORD SUZUKI OF EUROPE Esztergom Craiova Romania Slovakia Sturovo Calafat 91 8 Germany Mainz R4 R6 Romania Hungary FORD SUZUKI OF EUROPE Esztergom Craiova Romania Slovakia Sturovo Calafat 91 8 Netherlands Rotterdam R5 R7 Hungary Slovakia VOLKSWAGEN SUZUKI AG Esztergom Bratislava Slovakia Bratislava Sturovo 22 8 Germany Mainz R6 R8 Hungary Slovakia VOLKSWAGEN SUZUKI AG Esztergom Bratislava Slovakia Bratislava Sturovo 22 8 Netherlands Rotterdam R7 Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Slovakia Bratislava 22 Germany Mainz R8 Slovakia VOLKSWAGEN AG Bratislava Slovakia Bratislava 22 Netherlands Rotterdam Direct Transport Direct Transport Multimodal Transport Total External Costs [ ] Main Haulage: Pre-Haulage: Route Direct Transport Direct Rail Transport Electric Pre-Haulage: Multimodal Inland Transport Multimodal Multimodal Road Transport Road Transport Transport Number Transport Rail Transport Waterway Transport Main (Road+IWT) (Rail+IWT) Transport Haulage: Pre-Haulage: Multimodal Multimodal Route Rail Electric Pre-Haulage: Inland Road Transport Road Transport Transport Number Transport Rail Transport Waterway R Transport (Road+IWT) (Rail+IWT) Transport R R1 R R2 R R3 R R4 R R5 R R6 R R R characterized by a short pre-haulage, the multimodal transport combination of road electric and inland waterway transport is the second best solution followed expected, registration that, statistics neglecting 2013 the for sea the transport, selected the countries inland allowed to perform our goal. Results obtained reveal, as expected, that, neglecting the sea transport, the inland Si è scelto di confrontare il trasporto diretto effettuato con il trasporto su gomma ed il trasporto intermodale dove la tratta principale è percorsa utilizzando il trasporto fluviale mentre la tratta iniziale e finale su gomma. I parametri utilizzati sono indicati in Tabella 7. Tabella 7: Parametri per il calcolo dei costi 15

16 European Inland Waterway Navigation Conference European September, Inland Waterway 2014, Budapest, Navigation Hungary Conference September, 2014, Budapest, Hungary Direct Transport Multimodal Transport Costs Direct per Transport Truck and personnel per Pre haulage: Multimodal Cost calculation Transport like direct transport by day: 500 euros truck but with an empty return transport from the port Costs per Truck and personnel per Pre haulage: Cost calculation like direct transport by Daily usage: 10 hours (only 9 to the plant day: 500 euros truck but with an empty return transport from the port hours of driving) Handling costs in the port: 25 euros / TEU Daily usage: 10 hours (only 9 to the plant hours Average of driving) driving speed: 65 km/h Handling Main haulage costs vessel: in the port: 0, euros euros per / TEU TEU/km Average Loading driving time: 0,5 speed: hours 65 km/h Main Post haulage: haulage vessel: Cost calculation 0,1368 euros like per direct TEU/km transport by Unloading time: 0,5 hours truck but with an empty return transport from the Loading time: 0,5 hours Post haulage: Cost calculation like direct transport by TEU per Truck: 2 distribution centre to the port Unloading time: 0,5 hours truck but with an empty return transport from the Distance from the port to the distribution centre: 25 km TEU per Truck: 2 distribution centre to the port Distance from the port to the distribution centre: 25 km Table 2: Parameters for the cost calculation [Deutsch, 2013] I risultati relativi al confronto Table 2: Parameters dei costi for the sono cost presentati calculation [Deutsch, in Tabella 2013] 8. Se, per un determinato percorso, The results il trasporto regarding intermodale the cost è economicamente calculation are vantaggioso presented rispetto in the al figure trasporto below. diretto If la cella è colorata The multimodal results di verde; transport regarding caso could contrario the be cost cost la calculation cella efficient è rossa on are a specified presented transport in the route, figure it below. is marked If multimodal in green; otherwise transport it could is marked be cost in red. efficient on a specified transport route, it is marked in green; otherwise Tabella it is 8: marked Confronto in red. economico tra trasporto diretto e intermodale Target Target Markets Markets Production Plants SUZUKI AUDI DAIMLER AG VOLKSWAGEN PSA HYUNDAI Production Plants To/From Hungary Hungary Hungary Slovakia Slovakia Slovakia SUZUKI AUDI DAIMLER AG VOLKSWAGEN PSA HYUNDAI Esztergom Györ Kecskemet Bratislava Trnava Zilina To/From Hungary Hungary Hungary Slovakia Slovakia Slovakia Belgium Esztergom Györ Kecskemet Bratislava Trnava Zilina Port: Antwerp Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Belgium Netherlands Port: Antwerp Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Port: Rotterdam Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Netherlands Germany west Port: Rotterdam Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Port: Duisburg Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Germany west Germany south Port: Duisburg Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Port: Kehlheim Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Direct Direct Germany south Austria Port: Kehlheim Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Direct Direct Port: Linz Multimodal Direct Multimodal Direct Direct Direct Austria Slovakia Port: Linz Multimodal Direct Multimodal Direct Direct Direct Port: Bratislava Direct Direct Direct Direct Direct Direct Slovakia Hungary Port: Bratislava Direct Direct Direct Direct Direct Direct Port: Budapest Direct Direct Direct Direct Direct Direct Hungary Serbia Port: Budapest Direct Direct Direct Direct Direct Direct Port: Belgrade Multimodal Multimodal Direct Multimodal Multimodal Multimodal Serbia Croatia Port: Belgrade Multimodal Multimodal Direct Multimodal Multimodal Multimodal Port: Vukovar Direct Direct Direct Multimodal Direct Direct Croatia Romania Port: Vukovar Direct Direct Direct Multimodal Direct Direct Port: Giurgiu Freeport Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Romania Bulgaria Port: Giurgiu Freeport Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Port: Giurgiu Freeport Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Bulgaria Port: Giurgiu Freeport Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Multimodal Table 3: Costs comparison between direct and multimodal transport [own table] Table 3: Costs comparison between direct and multimodal transport [own table] To be cost efficient, the distance of the main haulage of multimodal transport must Per To essere exceed be economicamente cost a certain efficient, value. the This vantaggioso, distance value of is different il the trasporto main on haulage multimodale every transport of multimodal deve route essere and transport caratterizzato depends must on da un main-haulage exceed the costs a certain for superiore the value. moves ad This una in the determinata value ports is different and distanza: the additional every esempio transport distances la route of distanza the and pre- di depends and 407 posthaulage. costs Suzuki For for example the di moves Esztergom on in the the transport ports (Ungheria) and route the al from additional porto Suzuki di Linz distances Esztergom (Austria) of (HU) the è sufficiente pre- to Linz and (AT), post- per coprire [km] on tra lo stabilimento the questi haulage. the costi. distance For Considerando of example 407 km on is gli the sufficient stabilimenti transport to cover route in Ungheria from these Suzuki costs. e Slovacchia Esztergom i target-markets (HU) to Linz come (AT), Belgio, paesi the Bassi, distance Romania of 407 km e is Bulgaria sufficient sono to cover abbastanza these costs. distanti per poter utilizzare in maniera vantaggiosa In the case il trasporto of the multimodale production plants mentre in il Hungary trasporto and in Germania, Slovakia, Austria, target markets Serbia e like Croatia è In Belgium, the case Netherlands, of production Romania plants and Bulgaria in Hungary are far and enough Slovakia, away target to use markets multimodal like economicamente vantaggioso solo in alcuni casi. Belgium, transport. Netherlands, The cost efficient Romania multimodal and Bulgaria transport are far to target enough markets away to which use multimodal are located transport. closer like The Germany, cost efficient Austria, multimodal Serbia and Croatia transport is to possible target in markets some cases which only. are located Nel closer complesso, like Germany, circa Austria, nuove Serbia autovetture, and Croatia prodotte is possible in Ungheria in some cases o Slovacchia, only. potrebbero essere trasportate tramite trasporto fluviale come main-haulage verso i target-markets lungo l idrovia Reno-Meno-Danubio. Lo stabilimento Volkswagen di Bratislava possiede il potenziale più alto tra gli stabilimenti produttivi in Ungheria e Slovacchia. 16

17 2.3 Analisi di mercato per il calcolo della potenzialità della logistica distributiva fluviale Reno- Meno-Danubio Nell ambito del progetto NEWS è stata condotta un analisi di mercato per quantificare i flussi di autovetture potenzialmente trasportabili lungo l idrovia Reno-Meno-Danubio. Sono stati selezionati 15 impianti e 18 porti (Figura 9, Tabella 9, Tabella 10). Figura 9: Stabilimenti e porti selezionati Tabella 9: Elenco dei porti selezionati 17

18 Port City Country Rhine- Main- Danube kilometer [km] A Port Vidin Vidin Bulgaria 785 B Port Calafat Calafat Romania 793 C Port Belgrade Belgrade Serbia 1168 D Port Vukovar Vukovar Croatia 1335 E Port Budapest Budapest Hungary 1640 F Port Sturovo Sturovo Slovakia 1722 G Port Gyor- Karolyhaza Gyor- Károlyháza Hungary 1794 H Port Bratislava Bratislava Slovakia 1865 I Port Linz Linz Austria 2128 J Port Deggendorf Deggendorf Germany 2283 K Port Regensburg Regensburg Germany 2373 L Port Kelheim Kelheim Germany 2411 M Port Nürnberg/Pegnitz Nürnberg Germany 2511 N Port Mainz Mainz Germany 2964 O Port Niehl II (Cologne) Cologne Germany 3151 P Port Duisburg Duisburg Germany 3236 Q Port Dordrecht Dordrecht Netherlands 3431 R Port Antwerp Gent Belgium 3513 Tabella 10: Elenco degli impianti selezionati OEM City Country Nearest Port Pre- haulage [km] 1 FORD OF EUROPE Craiova Romania B 92 2 FIAT S.p.A. Kragujevac Serbia C DAIMLER AG Kecskemet Hungary E 95 4 SUZUKI Esztergom Hungary F 8 5 VOLKSWAGEN AG Gyor Hungary G 15 6 PSA PEUGEOT CITROËN Trnava Slovakia H 51 7 VOLKSWAGEN AG Bratislava Slovakia H 23 8 BMW GROUP Dingolfing Germany J 47 9 BMW GROUP Munich Germany L BMW GROUP Regensburg Germany K 8 11 VOLKSWAGEN AG Ingolstadt Germany L GENERAL MOTORS EUROPE Rüsselsheim Germany N FORD OF EUROPE Cologne Germany O 0 14 GENERAL MOTORS EUROPE Bochum Germany P VOLVO CAR CORPORATION (GEELY) Gent Belgium R 56 La Figura 10 mostra il numero totale di nuove autovetture immatricolate nelle nazioni selezionate e le nuove autovetture immatricolate provenienti dagli stabilimenti presenti nell area di studio. Tra le 10 nazioni analizzate la Germania che caratterizzata da circa il 70% sia per le auto immatricolate totali che per quelle provenienti dall area di studio. 18

19 Figura 10: Nuove automobili immatricolate. La Figura 11 mostra invece le nuove automobili registrate nel 2013 provenienti dagli impianti dell area studio e la frazione di queste automobili che soddisfano le ipotesi che la distanza tra l impianto e il porto considerato sia maggiore di 400 [km] che le auto prodotte in una determinata nazione non possono essere trasportate lungo i fiumi all interno della stessa nazione anche se la precedente ipotesi fosse soddisfatta. Figura 11: Nuove automobili immatricolate. La Figura 12 mostra il numero totale di automobili prodotte all interno dell area studio e registrate all interno delle nazioni dell area studio facendo una distinzione tra flussi upstream e downstream. Con upstream si identificano tutti quei flussi che abbiamo direzione concorde con quello di una 19

20 nave che parte da Costanza ed è diretta a Rotterdam. Con downstream, invece, si identificano i flussi che abbiamo direzione concorde con quella di una nave che parte da Rotterdam ed è diretta a Costanza. La Figura 12 mostra chiaramente come questi due flussi siano sbilanciati. Figura 12: Flussi upstream e downstream La Figura 12 invece mostra le nazioni degli stabilimenti produttivi delle autovetture prodotte nell area studio che potrebbero essere trasportate lungo i fiumi secondo le assunzioni fatte in precedenza. Da questa figura è possibile capire come il potenziale flusso del trasporto di nuove automobili sia sbilanciato: una grossa quantità di esse è indirizzata verso la Germania mentre il flusso verso le nazioni del basso Danubio non è significativo. Figura 13: Nazioni di origine dei fliussi analizzati e relativa destinazione La figura successiva (fig. 13) mostra invece i flussi divisi per impianti: l impianto Volkswagen a Bratislava risulta essere quello con il maggior potenziale seguito dai tre impianti ungheresi. 20

LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING

LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING Gaeta 0 settembre 008 LOGISTICS NETWORK ALTERNATIVES FOR GLOBAL SOURCING Alessandro Creazza Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo LIUC Centro di Ricerca sulla Logistica Agenda Il

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata

Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata Il trasporto multimodale nell hinterland del porto di Anversa: un analisi comparata Monica Grosso Università di Anversa, Facoltà di Economia applicata TransportNet Marie-Curie fellow Società Italiana degli

Dettagli

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana TEN-T Italian Transport Programme La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana CORRIDOI VERDI NELLA RETE TEN 6-7 Settembre 2011 TRENTO Ministero delleinfrastrututre

Dettagli

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese Dalla FORSU al Biometano D. Mainero Acea Pinerolese Sommario Biometano indirizzi di politica europea evoluzione della normativa tecnica Sviluppo in UE Il quadro normativo italiano Il biometano in rete

Dettagli

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks

HeatReCar. Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks HeatReCar Reduced Energy Consumption by Massive Thermoelectric Waste Heat Recovery in Light Duty Trucks SST.2007.1.1.2 Vehicle/vessel and infrastructure technologies for optimal use of energy Daniela Magnetto,

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna Overview on facilities, policies and strategies for better freight delivery in urban areas Elvezia M. Cepolina Alessandro Farina Marino Lupi Università di Pisa Cenni sulla logistica urbana 1. Introduzione

Dettagli

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004

Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management. Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Delocalizzazione produttiva e sistemi di supply chain management Claudio Sella Area Produzione e Tecnologia 21 maggio 2004 Punti da discutere La delocalizzazione produttiva come elemento della strategia

Dettagli

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Si riporta di seguito la valutazione tecnica dei benefici

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.11.2010 COM(2010) 655 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Monitoraggio delle

Dettagli

RETE AUTOSTRADE MEDITERRANEE: INTERMODALITA E AMBIENTE

RETE AUTOSTRADE MEDITERRANEE: INTERMODALITA E AMBIENTE RETE AUTOSTRADE MEDITERRANEE: INTERMODALITA E AMBIENTE LOGISTICA SOSTENIBILE: NECESSITA OD OPPORTUNITA? Imprese e Pubbliche Amministrazioni a confronto Torino 28 novembre 2005 FABIO CAPOCACCIA Il Programma

Dettagli

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO

Elena Cervasio LRQA Italy. La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Elena Cervasio LRQA Italy La certificazione dell impronta di carbonio secondo la ISO 14067:2013 - il chiusino KIO Motivazioni e Milestone INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE 2 Scenario INNOVAZIONE E

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

METANO E TRASPORTI PER IL GOVERNO DELLA MOBILITÀ. Le politiche UE per il metano/biometano. Michele Ziosi

METANO E TRASPORTI PER IL GOVERNO DELLA MOBILITÀ. Le politiche UE per il metano/biometano. Michele Ziosi METANO E TRASPORTI PER IL GOVERNO DELLA MOBILITÀ Le politiche UE per il metano/biometano Michele Ziosi Delegazione Fiat per l Europa Parma, Centro Congressi Paganini 16 Marzo 2010 Fiat Group Che cosa facciamo

Dettagli

Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success factors

Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success factors Genova, 30 Novembre 2007 LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e privato possono vincere insieme Italog, Gruppo Alpha: Lead Logistics Provider. Innovation, High performances and Sustainability as key success

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Studio sulla Logistica Sostenibile

Studio sulla Logistica Sostenibile Studio sulla Logistica Sostenibile Marino Cavallo, Provincia di Bologna Cristina Gironimi, Provincia di Bologna Seminario Studi e Analisi sulla logistica sostenibile Bologna, 22 Novembre 2011 Progetto

Dettagli

Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea

Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea Le iniziative in corso per una politica di promozione della cantieristica europea Genova Port&ShippingTech 30 novembre 2012 ing. Vincenzo Zezza (PhD) Divisione IX politiche industriali dei settori automotive,

Dettagli

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta WORKSHOP ROMA TRENTUNOMARZODUEMILAQUINDICI ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORIDCII/DUEMILAQUINDICI Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie «Parte II» Antonino Vitetta Obiettivi

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

SOSLog. Eliminare gli sprechi: Carlo Martinetto Iveco - Supply Chain Senior Vice President. Torino 03/12/08

SOSLog. Eliminare gli sprechi: Carlo Martinetto Iveco - Supply Chain Senior Vice President. Torino 03/12/08 SOSLog Modelli originali e sostenibili di distribuzione Eliminare gli sprechi: l approccio sostenibile per una Supply Chain con alte performances Carlo Martinetto Iveco - Supply Chain Senior Vice President

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243

Molle per stampi DIE SPRINGS ISO 10243 Molle per stampi DIE SPRIGS ISO 10243 2 Die springs Molle per stampi Located in Colnago, Milano TIPCOCIMA S.r.l. is a joint-venture between TIPCO Inc., a global supplier of pierce punches and die buttons

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma Reorganisation of the distribution of goods within the urban territory of Parma Presentation By Valeria Battaglia

Dettagli

TRASPORTO INTERMODALE MERCI

TRASPORTO INTERMODALE MERCI TRASPORTO INTERMODALE MERCI Cos èl intermodalità È un SERVIZIO reso attraverso l integrazione fra diverse modalità che induce a considerare il trasporto medesimo non più come somma di attività distinte

Dettagli

Dott.sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì

Dott.sa Francesca Bacchiocchi Responsabile Unità Ambiente Comune di Forlì Verso una distribuzione più sostenibile delle merci nel tessuto urbano della città: presentazione del Progetto europeo SMARTSET 18 Maggio 2013 Camera di Commercio di Forlì-Cesena Sala Zambelli Dott.sa

Dettagli

IL SISTEMA FERROVIARIO: linee in rete, ruolo tecnico, energetico, economico e tecnologico

IL SISTEMA FERROVIARIO: linee in rete, ruolo tecnico, energetico, economico e tecnologico IL SISTEMA FERROVIARIO: linee in rete, ruolo tecnico, energetico, economico e tecnologico prof. ing. Bruno DALLA CHIARA POLITECNICO DI TORINO Ingegneria, Dip. DIATI Trasporti 1 Mercato ed economia nei

Dettagli

LA PARROCCHIA SOGGETTO DI RESPONSABILITÀ PER IL CREATO

LA PARROCCHIA SOGGETTO DI RESPONSABILITÀ PER IL CREATO Claudio G. Ferrari - Presidente Esco Italia SpA - ferrari@escoitalia.eu ESCO ITALIA SPA Seminario di studio LA PARROCCHIA SOGGETTO DI RESPONSABILITÀ PER IL CREATO Roma, 3 marzo 2007 I PROBLEMI NON POSSONO

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

AIR CONDITIONING & HEATING FOR HEAVY-DUTY EQUIPMENT

AIR CONDITIONING & HEATING FOR HEAVY-DUTY EQUIPMENT AIR CONDITIONING & HEATING FOR HEAVY-DUTY EQUIPMENT Company Profile S.E.A. specializes in air conditioning for a wide range of applications, such as construction vehicles, agricultural vehicles, military

Dettagli

Finanzia - Energia Strumenti di finanziamento tradizionali ed innovativi per interventi di efficienza e risparmio energetico nelle imprese

Finanzia - Energia Strumenti di finanziamento tradizionali ed innovativi per interventi di efficienza e risparmio energetico nelle imprese Finanzia - Energia Strumenti di finanziamento tradizionali ed innovativi per interventi di efficienza e risparmio energetico nelle imprese Larofiere Erba, 3-4 Novembre 2009 A passion to perform Indice

Dettagli

CAFE: the Corporate Average Fuel Economic Mandate

CAFE: the Corporate Average Fuel Economic Mandate CAFE: the Corporate Average Fuel Economic Mandate Federico Boffa 1 David Haddock 2 1 University of Macerata 2 Northwestern University September 19, 2013 SIET 2013 - Venezia Boffa Haddock (SIET 2013) CAFE

Dettagli

Marco Polo European Info Day

Marco Polo European Info Day Marco Polo European Info Day Bruxelles, 13 settembre 2011 Si è svolta, presso il Charlemagne Building, la giornata di presentazione dei nuovi bandi finanziati attraverso il programma Marco Polo 1. L obiettivo

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

STEFANO FIORATI Tractor Innovation & Advanced engineering

STEFANO FIORATI Tractor Innovation & Advanced engineering STEFANO FIORATI Tractor Innovation & Advanced engineering CNH Industrial 1 Gruppo I 12 Brand & Macchine per l agricoltura Macchine per il movimento terra Veicoli commerciali Motori e trasmissioni Servizi

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Verona: una porta d accesso dell Europa Nuove prospettive di sviluppo di Area Vasta

Verona: una porta d accesso dell Europa Nuove prospettive di sviluppo di Area Vasta Verona: una porta d accesso dell Europa Nuove prospettive di sviluppo di Area Vasta Zeno D Agostino Responsabile strategie e sviluppo Consorzio ZAI CONVEGNO Il Corridoio Adriatico Baltico ed il Polesine

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Contesto Politiche per il Cambiamento Climatico Riduzione delle emissioni di gas serra anche

Dettagli

Le opportunità del biometano per

Le opportunità del biometano per Key Energy - Rimini, Marco Tassan - Centro Ricerche FIAT - Trento Branch l Biogas come risorsa: oltre oltre la la produzione di di Energia Rinnovabile Rinnovabile Le l autotrazione opportunità del e gli

Dettagli

Green Mobility - un piano d azione per il futuro

Green Mobility - un piano d azione per il futuro Green Mobility - un piano d azione per il futuro Annette Kayser Project Manager, M. Sc. Città di Copenhagen La Regione dell Øresund 2,4 milioni di abitanti nella Regione. ¾ di questi nella parte Danese

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli

03/23/11 Rizzo-Guida all'auto ecologica 1

03/23/11 Rizzo-Guida all'auto ecologica 1 Convegno Euromobility L'auto ecologica: i prodotti di oggi, le idee per il futuro Roberto Rizzo Autore del libro Guida all'auto ecologica 03/23/11 Rizzo-Guida all'auto ecologica 1 Convegno Euromobility

Dettagli

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI

Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Energia ed automotive: la rivoluzione è già in atto. Ing. Luigi Di Matteo Area Professionale Tecnica- ACI Decreto Legislativo 30 maggio 2005, n. 128 Attuazione della direttiva 2003/30/CE relativa alla

Dettagli

GIFT NEWSLETTER n.1. Avete mai inviato un carico di merci da Verona a Budapest?

GIFT NEWSLETTER n.1. Avete mai inviato un carico di merci da Verona a Budapest? GIFT NEWSLETTER n. Avete mai inviato un carico di merci da Verona a Budapest? Pensate sia necessario investire risorse per migliorare le infrastrutture lungo il percorso? Oppure, il sistema va reso più

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t an t i autoveicoli esteri MERCATO EUROPA ALLA 33^ CRESCITA CONSECUTIVA PER IL 2016 L ACEA STIMA UN INCREMENTO DEL

Dettagli

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride.

ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. 5 12 ETA CONSIGLIATA/RECOMMENDED AGE Indica per quale fascia di età è stato pensato il giocattolo. Suggested age group for the ride. UN BAMBINO/ONE CHILD Su questo gioco può salire al massimo un bambino.

Dettagli

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS

electric lifting trolley Dimensioni 220 cm 42 (183) cm 72 cm Portata 175 kg Art. -CEAC041 Carrello elevatore Con rulli Altre VerSIONI OTHER VERSIONS Elevatore elettrico electric lifting trolley 175 kg Art. -CEAC041 Lifting trolley with rolls Il carrello elevatore elettrico viene utilizzato sia per il trasporto delle salme su barelle, sia in abbinamento

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR

Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON Smart Mobility: strategie e principali progetti CNR Vincenzo Antonucci Dipartimento ingegneria, Ict e tecnologie per l'energia e i trasporti Le motivazioni per

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

XIV Convention Nazionale

XIV Convention Nazionale XIV Convention Nazionale LA LOGISTICA ITALIANA, LEVA STRATEGICA PER L ECONOMIA INTERNAZIONALE Riccardo Fuochi, Presidente The International Propeller Club Port of Milan Milano, 23 ottobre 2015 Benvenuti

Dettagli

DEFINIZIONI DI LOGISTICA TRASPORTI FERROVIARI

DEFINIZIONI DI LOGISTICA TRASPORTI FERROVIARI DEFINIZIONI DI LOGISTICA TRASPORTI FERROVIARI 1 Definizione Logistica (una delle tante) La logistica è la disciplina che ha come fine quello di ottimizzare le procedure di acquisizione, produzione e distribuzione

Dettagli

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 6 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento La mobilità è una determinante dello sviluppo e sta diventando una parte fondamentale della vita sociale ed economica. Le società sono sempre

Dettagli

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico

Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Roma, 16-17 febbraio 2006 SESSIONE C Le strategie di intervento: gli attori del successo Le tecnologie ITS per la riduzione dell inquinamento da traffico Ing.

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

presentazione e servizi

presentazione e servizi ITALIANO versione 2 015 Tutti i di ri tti ri servati presentazione e servizi Chi siamo DSF Delivery Freight Solutions SRL offre consulenza e prestazione dei servizi nelle aree acquisti e logistica. La

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY

Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY Meeting di Primavera IN PREPARAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Imprese e lavori per una GREEN ECONOMY I carburanti alternativi nella Direttiva UE "combustibili alternativi", combustibili

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Francesco Zirpoli Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia fzirpoli@unive.it Roma, 4 Aprile 2014 Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA

Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA Francesco Milano Gruppo Casillo ECO-SOSTENIBILITÀ: LA NUOVA FRONTIERA DELLA LOGISTICA 2 Il Gruppo Casillo Sede: Settore: Stabilimenti: Corato (Bari) Trading di cereali e produzione sfarinati per panificazione

Dettagli

Port & Shipping Tech Genova, 5 Novembre 2009

Port & Shipping Tech Genova, 5 Novembre 2009 Il ruolo del trasporto combinato nei nodi portuali, potenzialità alla luce delle politiche a favore della logistica sostenibile Port & Shipping Tech Genova, 5 Novembre 2009 Ing. Enrico Pastori Oggetto

Dettagli

RICOH E L AMBIENTE. Ottobre 2013. TQM/CSR Department

RICOH E L AMBIENTE. Ottobre 2013. TQM/CSR Department RICOH E L AMBIENTE Ottobre 2013 TQM/CSR Department 1 Strategia di sostenibilità Ricoh L approccio delle 3P assicura che il modello di business sia continuamente finalizzato al raggiungimento degli obiettivi

Dettagli

Sportello Matematico per l Industria Italiana. la Matematica a SUPPORTO. delle Imprese

Sportello Matematico per l Industria Italiana. la Matematica a SUPPORTO. delle Imprese la Matematica a SUPPORTO delle Imprese Calcolo SUPPORTARE L INNOVAZIONE ABILITARE il Trasferimento Tecnologico IMPRESA INNOVAZIONE PROBLEM SOLVING BENEFICI TANGIBILI SFIDE E PROBLEMI AZIENDALI 2 SM[i]

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS

ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS ITALIA - IMMATRICOLAZIONI AUTOVETTURE ITALY - NEW CAR REGISTRATIONS dati provvisori/provisional data GIUGNO VAR. % GENNAIO/GIUGNO VAR. % JUNE % CHG. JANUARY/JUNE % CHG. MARCA/MAKE 2011 % 2010 % 11/10 2011

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato, dopo aver letto attentamente, opti per una sola delle due tracce ed affronti la soluzione del tema e di due quesiti tra i quattro proposti nella traccia selezionata.

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione

ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione ISO 50001:2011: Integrazione con ISO 14001:2004 e altri sistemi di gestione Fiona Healy 29 September 2011 Det Norske Veritas DNV è una fondazione internazionale indipendente che dal 1864 opera per la salvaguardia

Dettagli

Seminario Scientifico Innovazione tecnologica per la mobilità ferroviaria Giovedì 6 giugno 2013 ore 9.00

Seminario Scientifico Innovazione tecnologica per la mobilità ferroviaria Giovedì 6 giugno 2013 ore 9.00 Seminario Scientifico Innovazione tecnologica per la mobilità ferroviaria Giovedì 6 giugno 2013 ore 9.00 Gabriele MALAVASI DIPARTIMENTO INGEGNERIA CIVILE EDILE E AMBIENTALE Indice Ore 9.15 Coordina Gabriele

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Milano, 24 giugno 2014 Trenitalia Trenitalia, società del Gruppo Ferrovie

Dettagli

Palermo, 21 luglio 2004

Palermo, 21 luglio 2004 Palermo, 21 luglio 2004 %! " $ %$ $ &!' ( )* +,( ' -+. 2 Le condizioni di contesto: Reti TEN-T / " ("( (!' 1 " 0! " 3 Reti TEN-T Autostrade del Mare % " ' " 0 * + *"2(3 + 4 ' " %!" 4 Corridoi Paneuropei

Dettagli

Le rinnovabili termiche nel mercato della climatizzazione. Milano, 13 maggio 2013 Mario Cirillo

Le rinnovabili termiche nel mercato della climatizzazione. Milano, 13 maggio 2013 Mario Cirillo Le rinnovabili termiche nel mercato della climatizzazione Milano, 13 maggio 2013 Mario Cirillo L opportunità del monitoraggio e il progetto di REFE Il mix tecnologico (e quello energetico) per riscaldamento

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

Uno studio comparativo delle emissioni e del bilancio energetico di varie combinazioni fuel-powertrain per mobilità privata

Uno studio comparativo delle emissioni e del bilancio energetico di varie combinazioni fuel-powertrain per mobilità privata Uno studio comparativo delle emissioni e del bilancio energetico di varie combinazioni fuel-powertrain per mobilità privata Prof. Massimo SANTARELLI, Ing. Marco TORCHIO Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1 Pre Mitel Metodi di programmazione logistica Giulio Gencarelli 01/12/2010 1 Programmazione Definizione delle azioni da realizzare sulla base delle risorse effettivamente disponibili; Quadro di sviluppo

Dettagli

a bassa emissione di anidride carbonica attraverso la tecnologia M2M

a bassa emissione di anidride carbonica attraverso la tecnologia M2M 1 La realizzazione di un economia a bassa emissione di anidride carbonica attraverso la tecnologia M2M Questo è l M2M Comunicazione Machine-to-Machine Comunicazione automatica dei dati tra oggetti come

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica

Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Le azioni di Enel per la sostenibilità energetica Franco Donatini Resp. Rinnovabili Politiche di Ricerca e Sviluppo Enel I&I S.p.A Ravenna, 1 ottobre 2010 Il problema epocale La sfida del cambio climatico

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 2020 OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE DEI TRASPORTI. Brescia, 3 Dicembre 2013 Paolo Bonardi, EURODESK Bruxelles HORIZON 2020 zione di coordinamento e supporto:

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

Test collettivo pre Sanremo 2013 Pre-Sanremo 2013 collective test

Test collettivo pre Sanremo 2013 Pre-Sanremo 2013 collective test B.M.P.&Program&Service&& Via*Valli*36* 55035,*Piazza*al*Serchio*(Lucca)* Italy*** p.i.v.a.*e*c.f.*02200570469* Contacts:* Merlo*Gabriele*+39.348.7773658** fax*+39.0183.8031131** mail:*info@bmp9programservice.com*

Dettagli

Contenuto e scopo presentazione. I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali. Attori. Attori

Contenuto e scopo presentazione. I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali. Attori. Attori Contenuto e scopo presentazione I sistemi di trasporto e le loro problematiche decisionali 24/10/2005 11.31 Contenuto viene descritta la struttura base dei sistemi di trasporto e le problematiche gestionali

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli