Intranet 2.0: far evolvere comunicazione e spazi di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intranet 2.0: far evolvere comunicazione e spazi di lavoro"

Transcript

1 Intranet 2.0: far evolvere e spazi di lavoro Giuseppe Lisena, Emanuele Scotti Intranet, Social Intranet, Digital Workspace. Il termine Intranet contrapposto a Internet e a Extranet fu coniato nella prima metà degli anni 90 per indicare spazi di Web ristretti ai dipendenti di un organizzazione. on il passare del tempo e con l evoluzione del ruolo della omunicazione interna nelle logiche organizzative, la Intranet è passata dall essere uno degli strumenti di alla piattaforma di convergenza e integrazione in grado di svolgere funzioni strategiche sempre più rilevanti. I termini essenziali di questo percorso evolutivo sono tracciati qui di seguito: Strumento di : la Intranet è il website per i dipendenti, utile per fornire all azienda uno strumento unico e veloce per diramare informazioni, per costruire identità, per rafforzare valori e prospettive Applicazioni self-service: nella Intranet compaiono strumenti di lavoro o applicazioni individuali legate ai processi di business Groupware: a cavallo del 2000 fanno la loro apparizione ambienti di gestione di progetti (calendari, project management, forum, ecc.) e repository strutturati per la gestione di documenti Social Intranet: negli ultimi 5 anni l introduzione di funzionalità collaborative come tagging, wiki, blog e forum hanno trasformato la natura delle intranet. La componente relazionale è diventata man mano sempre più strategica, le logiche dei social network (activity stream, microblogging, user profiles, ecc.) hanno ulteriormente spostato il focus verso una maggiore socializzazione dei contenuti e dei processi Digital Workspace: un ulteriore passo evolutivo a cui stiamo assistendo e cui assisteremo sempre di più è l integrazione delle intranet con i portali esterni all azienda, per parlare e interagire con partner e clienti. Si progettano, infatti, digital workplace in cui coesistono spazi riservati e spazi aperti che, anche grazie alle social application, amplificano la capacità di e creazione di valore dell azienda.

2 Figura 1 Evoluzione della Intranet EVOLUZIONE DELLA INTRANET Social Intranet Internal / External Workplace Groupware Self-service omunicazione 1990s 2000s 2010s omponenti e trend recenti Il Digital Workplace Trends 2012 è la ricerca annuale sulle Intranet condotta da Jane connell su più di 450 organizzazioni europee e nordamericane. Per quanto riguarda gli obiettivi delle organizzazioni da perseguire attraverso la propria rete aziendale si distinguono: il miglioramento della verso i propri dipendenti, la diffusione e crescita degli ambienti collaborativi l attivazione di strumenti di customer service meno perseguiti, invece, sono il supporto nel decision making e la gestione dei processi online. Se guardiamo ai servizi mobile, in particolare, scopriamo come le aziende con rete di vendita complesse stiano investendo per migliorare la collaborazione tra le risorse sul campo e rendere più facile l accesso agli esperti. Un altro fenomeno da sottolineare è la tendenza crescente a gestire le politiche digitali attraverso un unico gruppo di specialisti (consulenti e professional) e manager che affronti la gestione e l evoluzione degli spazi interni ed esterni. Il medesimo gruppo manageriale (digital board) cura la progettazione delle intranet ma anche quella dei portali verso partner e clienti; la user experience, le competenze tecnologiche e di web tendono a fondersi tra interno ed esterno. ambiano gli oggetti e gli obiettivi della ma non le dinamiche d interazione; e soprattutto gli utenti aziendali, essendo a loro volta consumatori e fruitori di altri portali esterni, riconoscono le stesse logiche di navigazione e partecipazione all interno della propria intranet. Le aspettative sulle intranet del futuro sono un altro aspetto interessante della ricerca della connell: intranet costruite sempre più intorno alle persone in tutte le fasi del processo: nel design (coprogettando contenuti e servizi più adeguati al contesto specifico), nell esperienza d uso (introducendo capacità di personalizzare la navigazione e i servizi), nella gestione (con una governance distribuita) servizi di ricerca delle informazioni potenziati, sistemi intelligenti di categorizzazione dei contenuti, basati anche sugli input degli utenti servizi evoluti per i team di lavoro che più facilmente possono realizzare attività, accedere agli esperti ed essere sempre più connessi (social networking, social tagging, location awareness, ecc.) una maggiore rilevanza della user experience nella progettazione della navigazione. Il modello di riferimento Le esigenze che una intranet deve soddisfare possono essere racchiuse in quattro fondamentali dimensioni: omunicazione, ontenuti, ollaborazione, (figura 2). Tutte le operazioni possono essere ricondotte a queste dimensioni sapendo che ci confrontiamo con contesti organizzativi diversi in cui queste aree sono variamente contemplate e curate. Se pensiamo, ad esempio, a una intranet con dieci anni di storia siamo di fronte a un ambiente in cui la e i contenuti sono predominanti e difficilmente vedremo la stessa cura dedicata alla gestione delle attività di business e della collaborazione. Anche oggi ci capita di analizzare contesti in cui, pur contemplando tutte e

3 Figura 2 Intranet 1.0 e 2.0 INTRANET 2.0: FAR EVOLVERE OUNIAZIONE E SPAZI DI LAVORO x147mm.pdf 1 01/05/ quattro le dimensioni, le intranet sono organizzate partendo dai contenuti e da un flusso di informazione azienda-utente. Non sono contesti tecnologicamente obsoleti, ma la stratificazione dei contenuti nel tempo può generare mostri d informazione in cui è arduo trovare i contenuti e le risposte utili al lavoro quotidiano. Se alle funzioni classiche di e repository dei contenuti si aggiungono spazi di collaborazione in cui gli utenti possono lavorare e condividere esperienze, conoscenze e soluzioni, la intranet assume un nuovo ruolo; essa diventa a tutti gli effetti un business tool. Quanto più sarà forte il legame tra l ambiente digitale e le pratiche di lavoro quotidiano, tanto più questo strumento sarà percepito come utile, e quindi utilizzato. Una intranet può avere caratteristiche diverse e obiettivi diversi a seconda del contesto organizzativo e del mercato in cui opera. Osserviamo intranet in settori diversi e con un vario numero di utenti da gestire: chi punta sui contenuti, chi sulla collaborazione, chi cura solo la, chi solo i servizi. Riportiamo tre tipologie di intranet osservate (figura 3), che abbiamo classificato con un etichetta assegnata in base alla loro tendenza a curare in modo diverso le dimensioni fondamentali: orporate Portal: la Intranet è l immagine e il riferimento informativo aziendale. Forte enfasi sulle valenze di (Identità, Valori, Storia, Offerta, Articolazione organizzativa) e di repository documentale Social Enterprise: la Intranet è il luogo in cui si SOIAL INTRANET LOGIHE DI PARTEIPAZIONE DIGITAL WORPLAE Intranet 1.0 omunicazione Strumenti di per condividere vision, identità e informazioni ontenuti Repository e ricerca dei contenuti aziendali e professionali Intranet 2.0 ollaborazione Ambiente per svolgere tutte le operazioni che richiedono interazione Applicazioni self-service e servizi end-to-end integrano le applicazioni di business e le attività collaborative emergenti Self-service: in cui l utente singolo è il centro della e dei servizi. Siamo di fronte a un portale di servizio che supporta e informa il dipendente. Figura 3 Tipologie di Intranet Radar 141x122mm.pdf 1 04/05/ attività contenuti attività contenuti attività contenuti collaborazione collaborazione collaborazione Social Enterprise orporate Portal Self-service

4 Il caso di costruzione di una Intranet Il contesto. Guardiamo adesso il processo di costruzione o ri-costruzione di una intranet. Di seguito le fasi, le risorse e le competenze necessarie per affrontare un progetto in modo completo e condiviso con gli utenti. Il caso a cui ci riferiamo è un progetto realizzato presso un organizzazione di circa utenti, composta da 25 diversi gruppi aziendali. Il percorso di progettazione e realizzazione ha coinvolto più di 60 utenti provenienti dalle diverse funzioni aziendali che hanno contribuito alla realizzazione del portale aziendale. 55 incontri di raccolta dei requisiti e co-design delle soluzioni grafiche e informatiche. 6 mesi il tempo di rilascio della piattaforma dal momento di definizione della strategia. Il modello Opennowledge prevede 4 fasi principali (figura 4) per condurre un progetto di costruzione o redesign della intranet. In ognuna delle fasi si realizzano attività e deliverables. della nostra intranet e seguirne l evoluzione nel tempo. Per allargare l orizzonte riportiamo alcuni esempi di obiettivi strategici indicati da diversi manager in progetti che abbiamo gestito: integrazione culturale e operativa, knowledge management, engagement e clima, efficienza e semplificazione dei processi, riduzione dei tempi di ricerca delle informazioni, visibilità sui progetti e sulle attività, gestione integrata delle applicazioni, valorizzazione delle famiglie professionali e del know how. Fase 2: o-design e implementazione appatura dei flussi di informazione (content inventory) e coinvolgimento degli utenti attraverso analisi dei social network, survey, workshop per l organizzazione dei contenuti e dei percorsi di navigazione, sviluppo IT Fase 1: Strategia e Analisi oinvolgimento dei manager attraverso interviste e workshop, redazione di un documento di sintesi per la programmazione della intranet e linee guida per la governance ission e focus della intranet, obiettivi e PI, ruoli e responsabilità di progetto odello di governance (ruoli e responsabilità), inventario, alberatura e categorizzazione dei contenuti, wireframes delle pagine, piano di sviluppo delle funzionalità, look&feel, piattaforma implementata e configurata onoscenza dell organizzazione e della cultura aziendale, web design, software development, web content management necessarie onoscenza dei macro-processi, vision Il primo passo è la definizione degli obiettivi aziendali: nella nostra esperienza non sono mai gli stessi, in quanto ogni organizzazione ha le proprie esigenze di breve, medio e lungo termine; l imperativo è guardare oltre le normali funzioni di una intranet e pretendere che essa divenga uno strumento per il proprio business e che migliori i risultati dei gruppi di lavoro. on il management descriviamo una intranet in coerenza con la vision aziendale e, contestualmente, definiamo gli insiemi di utenti per i quali dobbiamo progettare i servizi, disegnare gli spazi, fornire gli strumenti di collaborazione. Perciò questo è anche il momento di definire degli indicatori di perfomance, quantitativi e qualitativi, con cui misurare il successo Abbiamo raccolto le indicazioni dal management per costruire una intranet con specifici obiettivi e che soddisfi i propri utenti. Il disegno della intranet necessita a questo punto dei seguenti elementi fondamentali: inventario dei contenuti esistenti (content inventory) e sviluppo dei contenuti nuovi (testi, immagini, video): architettura dell informazione coerente e riconoscibile da tutti; una governance degli spazi e dei contenuti che definisca i processi di pubblicazione e di collaborazione ; una user experience capace di facilitare la navigazione. Anziché chiedersi in astratto di cosa hanno bisogno i nostri utenti, è molto più semplice e produttivo coinvolgerli nel processo sin da questa fase di disegno. É la

5 Figura Fasi 4 141x40mm.pdf 1 01/05/ Fasi di un progetto di costruzione della Intranet INTRANET 2.0: FAR EVOLVERE OUNIAZIONE E SPAZI DI LAVORO Strategia e Analisi o-design e implementazione Lancio e coltivazione Risultati pratica del co-design: facilitati da metodologie veloci e collaborative, è con gli utenti che si definiscono i contenuti e le priorità, le categorie e il linguaggio corrente all interno dell organizzazione, gli strumenti e le funzionalità più adeguate al raggiungimento degli obiettivi di business. Questa fase, che può sembrare complessa poiché richiede coinvolgimento e impegno di altri interlocutori è invece fondamentale non solo per l esattezza con cui si raccolgono le informazioni minimizzando il rischio di costruire spazi non riconosciuti (né popolati) dagli utenti, ma soprattutto perché uno spazio co-creato con gli utenti è uno spazio più fertile. hi coinvolgere? Se l obiettivo è soddisfare gruppi di utenti, community, funzioni aziendali, sarà importante scegliere un rappresentante da ognuno di questi insiemi per costruire un gruppo di champions, un team che riporti esigenze, contenuti e punti di vista del proprio gruppo di riferimento (in alcuni casi questi gruppi trasversali alle organizzazioni continuano a condividere best practice per il miglioramento e rappresentano i veri ambassadors al momento di promuovere l utilizzo dei nuovi strumenti). Può rivelarsi utile in questa fase di design lo strumento della Organizational Network Analysis, una fotografia organizzativa che mostra, al di là delle segnalazioni dei manager, quali sono le reali connessioni tra le persone e quali risorse detengono posizioni di riferimento all interno dell ecosistema aziendale su specifici temi e processi. La scelta della piattaforma tecnologica passa attraverso un analisi approfondita dei requisiti specifici definiti in questa fase; sulla lista dei requisiti si applica il processo di software selection: copertura delle funzionalità, peso di ciascuna funzionalità o area, valutazioni del Total ost of Ownership. olto rilevanti nella scelta - oltre alla copertura delle funzionalità dal lato utente e lato amministratore - anche caratteristiche generali della soluzione che impattano sulla flessibilità, sulla capacità di ricostruire i processi di governance definiti, sulla integrabilità con altri ambienti e tool, sulla scalabilità, sulla gestione multilingua, ecc. Una griglia di confronto tra le tecnologie in esame è uno strumento utile a raggiungere in tempi ragionevoli una scelta della piattaforma su cui implementare e far evolvere la intranet. Questa griglia, oltre a segnalare la copertura delle funzionalità, definisce un punteggio di qualità delle macro-funzioni basato su alcuni criteri importanti per l azienda, che si aggiungono al criterio di convenienza economica. Scelta la tecnologia, si avviano le attività d implementazione, stima delle componenti hardware e delle risorse necessarie allo sviluppo ad hoc e alla configurazione di partenza. Le competenze specifiche e la documentazione tecnica relativa alla piattaforma scelta diventano fondamentali per una migliore ottimizzazione dei costi durante le future fasi di sviluppo. Questi elementi più tecnici sono condivisi tra le figure preposte allo sviluppo (interne ed esterne) allo scopo di costituire da subito un gruppo persone IT competenti sulle logiche ma anche sulle modalità di progettazione e implementazione informatica. Tutto è implementato curando i meccanismi di navigazione e la customizzazione grafica, raccogliendo costantemente i feedback dagli utenti fin dalle prime fasi di test. Fase 3: Soft launch oinvolgimento di uno o più gruppi pilota per la creazione di Business ase, ommunity management alendario dei rilasci e dei lanci della intranet per i diversi gruppi aziendali, Report delle attività dei gruppi pilota, Elenco dei miglioramenti da realizzare prima della fase di lancio, Assistenza agli utenti onoscenza dello strumento informatico, Software development, ommunity management Prima di concentrarsi sul Go-Live il momento di rilascio e su tutta l organizzazione del

6 lancio del nuovo ambiente bisogna testare l ambiente: il modo migliore è definire un gruppo pilota che ha il doppio compito di verificare e migliorare le funzioni, ma anche interagire con i contenuti. In questa fase pilot è fondamentale monitorare l operato degli utenti in un periodo sufficientemente lungo da verificare quanto e come un singolo gruppo (team di progetto, una funzione aziendale, una community o altro insieme di utenti) produce e valorizza i contenuti, sceglie i percorsi di navigazione, ridisegna i processi di lavoro con l aiuto degli strumenti collaborativi. Si costruisce, documentando questa prima esperienza pilota, un business case utile nella fase di promozione e divulgazione delle potenzialità della intranet. Il fattore di successo di questo momento preparatorio è la capacità di stimolare gli utenti che si trovano in un ambiente virtuale nuovo, orientarli e introdurli a nuovi modi di lavorare coinvolgendoli in prima persona nel miglioramento della intranet. Un buon manuale di community management può servire in questa operazione di stimolo e ingaggio degli utenti. ondividere le best practice, le difficoltà e le modalità operative di questo ingaggio tornerà utile a tutti i gruppi aziendali nel momento del lancio e nel corso del primo periodo di lancio. Fase 4: Lancio e coltivazione Definizione dei messaggi e dei contenuti di per la promozione della intranet, Redazione palinsesto e organizzazione redazionale, onitoraggio dei PI, Raccolta dei feedback, ommunity management Piano di, ontenuti di promozione, Palinsesto news e contenuti per il lancio, Strumenti e spazi collaborativi per l organizzazione redazionale, Reporting, Assistenza agli utenti Web writing, arketing, omunicazione, ommunity management Se abbiamo lavorato coinvolgendo gli utenti, la notizia del nuovo ambiente non arriverà come una sorpresa; è importante che tutti, a partire dai manager, sentano la intranet come un loro strumento di lavoro, e ciò implica la scelta di alcuni messaggi chiave da passare agli utenti per introdurli al nuovo modo di acquisire le informazioni e lavorare con più produttività. In questa fase di promozione sono stati monitorati i comportamenti e gli interessi verso i contenuti: non solo l accesso all informazione è aumentato ma anche gli spazi di collaborazione sono sempre più richiesti dalle varie funzioni aziendali; il percorso è solo all inizio, ma ci sono ritorni sull efficienza operativa in quanto si rilevano, tra i vari fenomeni di efficientamento, una diminuzione dei costi di coordinamento tra i gruppi di lavoro e una considerevole diminuzione del numero di mail per la e la gestione dei progetti. Il profilo personale inoltre, e il costante aggiornamento delle informazioni relative agli utenti della intranet, ha diminuito i tempi per reperire i contatti relativi ai diversi territori e unità organizzative. Il risultato maggiore, al di là dei singoli indicatori, è l alto livello di coinvolgimento di tutte le persone come nello schema in figura 5: ognuno ha un ruolo e una collocazione attivi nell ecosistema della intranet aziendale. Utilizzo strategico delle componenti social. Nel caso che abbiamo qui raccontato non ci sono elementi tecnologici di ultimissima generazione e anche le funzionalità sociali utilizzate all interno dell azienda sono state introdotte con gradualità, sempre seguendo le richieste dei gruppi di lavoro. Il fattore di novità è consistito sicuramente nell aver coinvolto gli utenti nella co-creazione degli spazi e aver seguito le loro priorità e intuizioni per organizzare e disegnare l ambiente di navigazione. Anche senza sfruttare al massimo le potenzialità collaborative delle piattaforme informatiche social, questo progetto è stato impostato con modalità partecipative nel tentativo di socializzare al massimo il processo di costruzione dello spazio digitale e dei suoi contenuti. PI di una Social Intranet. Dagli obiettivi ai risultati, puntiamo a rendere tangibile il vantaggio che queste esperienze di riconfigurazione delle intranet stanno generando per le aziende che sono state e sono pronte a questo investimento. Per ognuno degli obiettivi possiamo definire degli indicatori e procedere alla costruzione di un vero modello di ROI per le Social Intranet. Di seguito 6 indicatori per ogni direttrice della intranet.

7 Figura 5 Ecosistema di una Intranet Ecosistema 141x75mm.pdf 1 01/05/ INTRANET 2.0: FAR EVOLVERE OUNIAZIONE E SPAZI DI LAVORO Sponsor omitato Guida Redazione entrale Redazioni Locali Responsabili forum / FAQ Responsabili ommunity Utenti ontent provider Direzione Sistemi Informativi Per la gestione del knowlegde aziendale è importante misurare: 1. Tempo impiegato per la ricerca delle informazioni. 2. Qualità delle informazioni (chiarezza e livello di dettaglio). 3. Numero di accessi e frequenza verso le pagine di contenuti e i file di dettaglio. 4. Numero dei contributi da parte degli utenti (nuovi contenuti, commenti e revisioni). 5. Livello di aggiornamento dei documenti. 6. Trasversalità degli accessi da parte dei gruppi di utenti. Per la gestione delle ommunity è importante misurare: 1. Numero degli utenti attivi (crescita/decrescita). 2. Numero degli utenti contributori. 3. Numero dei contenuti generati in collaborazione. 4. Numero delle interazioni sui topic della community (forum, blog, wiki, ecc.). 5. Qualità dei contenuti e delle soluzioni emerse dall interazione dei membri della community. 6. Livelli di soddisfazione alla partecipazione dei membri della community. Per la re-ingegnerizzazione dei processi è importante misurare 1. Tempi e costi di organizzazioni per le riunioni e i momenti di condivisione. 2. Tempi per la definizione delle decisioni. 3. osti di attivazione delle risorse coinvolte nel processo. 4. Tempo complessivo delle attività, con e senza strumenti di collaborazione. 5. Qualità delle decisioni, dei prodotti e servizi al termine del processo. 6. Risparmio/guadagno di risorse complessive al termine del processo di lavoro. Per la generazione e gestione delle idee è importante misurare: 1. Numero di utenti attivi e contributori dell innovazione aziendale. 2. Numero di idee e soluzioni generate. 3. Numero delle interazioni rispetto alle idee proposte (commenti, voti, segnalazioni, ecc.) 4. Tempi di emersione delle idee migliori e delle persone capaci di generare innovazione all interno dell azienda. 5. Tempi di realizzazione delle idee valutate positivamente dal management. 6. Risparmio/guadagno di risorse/tempo a fronte dell implementazione delle idee divenute progetti. A questi obiettivi e ai loro indicatori puntuali si possono aggiungere altri due vantaggi che varrebbe la pena misurare al termine di un progetto di adozione di una Social Intranet: 1. l identità aziendale generata da un processo di partecipazione alla costruzione della intranet, la vicinanza delle persone con i valori e il management che ne è artefice/promotore. 2. Il time to market inteso come la capacità di scambiare informazioni più velocemente per essere sempre più reattivi alle richieste dei propri clienti. Un ulteriore considerazione da fare, per chi vuole valutare il ROI di una Social Intranet, è l interdipendenza dell investimento sulla intranet con quello sui portali esterni; le aziende si orientano sempre più ad utilizzare non solo la medesima tecnologia, ma anche delle medesime competenze di sviluppo e di collaborazione.

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS

LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS BUSINESS PROFILE LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS Omnia Group è costituito da un complesso di aziende operanti nei settori della consulenza e dell erogazione di servizi informatici. L azienda è caratterizzata

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli