Intranet 2.0: far evolvere comunicazione e spazi di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intranet 2.0: far evolvere comunicazione e spazi di lavoro"

Transcript

1 Intranet 2.0: far evolvere e spazi di lavoro Giuseppe Lisena, Emanuele Scotti Intranet, Social Intranet, Digital Workspace. Il termine Intranet contrapposto a Internet e a Extranet fu coniato nella prima metà degli anni 90 per indicare spazi di Web ristretti ai dipendenti di un organizzazione. on il passare del tempo e con l evoluzione del ruolo della omunicazione interna nelle logiche organizzative, la Intranet è passata dall essere uno degli strumenti di alla piattaforma di convergenza e integrazione in grado di svolgere funzioni strategiche sempre più rilevanti. I termini essenziali di questo percorso evolutivo sono tracciati qui di seguito: Strumento di : la Intranet è il website per i dipendenti, utile per fornire all azienda uno strumento unico e veloce per diramare informazioni, per costruire identità, per rafforzare valori e prospettive Applicazioni self-service: nella Intranet compaiono strumenti di lavoro o applicazioni individuali legate ai processi di business Groupware: a cavallo del 2000 fanno la loro apparizione ambienti di gestione di progetti (calendari, project management, forum, ecc.) e repository strutturati per la gestione di documenti Social Intranet: negli ultimi 5 anni l introduzione di funzionalità collaborative come tagging, wiki, blog e forum hanno trasformato la natura delle intranet. La componente relazionale è diventata man mano sempre più strategica, le logiche dei social network (activity stream, microblogging, user profiles, ecc.) hanno ulteriormente spostato il focus verso una maggiore socializzazione dei contenuti e dei processi Digital Workspace: un ulteriore passo evolutivo a cui stiamo assistendo e cui assisteremo sempre di più è l integrazione delle intranet con i portali esterni all azienda, per parlare e interagire con partner e clienti. Si progettano, infatti, digital workplace in cui coesistono spazi riservati e spazi aperti che, anche grazie alle social application, amplificano la capacità di e creazione di valore dell azienda.

2 Figura 1 Evoluzione della Intranet EVOLUZIONE DELLA INTRANET Social Intranet Internal / External Workplace Groupware Self-service omunicazione 1990s 2000s 2010s omponenti e trend recenti Il Digital Workplace Trends 2012 è la ricerca annuale sulle Intranet condotta da Jane connell su più di 450 organizzazioni europee e nordamericane. Per quanto riguarda gli obiettivi delle organizzazioni da perseguire attraverso la propria rete aziendale si distinguono: il miglioramento della verso i propri dipendenti, la diffusione e crescita degli ambienti collaborativi l attivazione di strumenti di customer service meno perseguiti, invece, sono il supporto nel decision making e la gestione dei processi online. Se guardiamo ai servizi mobile, in particolare, scopriamo come le aziende con rete di vendita complesse stiano investendo per migliorare la collaborazione tra le risorse sul campo e rendere più facile l accesso agli esperti. Un altro fenomeno da sottolineare è la tendenza crescente a gestire le politiche digitali attraverso un unico gruppo di specialisti (consulenti e professional) e manager che affronti la gestione e l evoluzione degli spazi interni ed esterni. Il medesimo gruppo manageriale (digital board) cura la progettazione delle intranet ma anche quella dei portali verso partner e clienti; la user experience, le competenze tecnologiche e di web tendono a fondersi tra interno ed esterno. ambiano gli oggetti e gli obiettivi della ma non le dinamiche d interazione; e soprattutto gli utenti aziendali, essendo a loro volta consumatori e fruitori di altri portali esterni, riconoscono le stesse logiche di navigazione e partecipazione all interno della propria intranet. Le aspettative sulle intranet del futuro sono un altro aspetto interessante della ricerca della connell: intranet costruite sempre più intorno alle persone in tutte le fasi del processo: nel design (coprogettando contenuti e servizi più adeguati al contesto specifico), nell esperienza d uso (introducendo capacità di personalizzare la navigazione e i servizi), nella gestione (con una governance distribuita) servizi di ricerca delle informazioni potenziati, sistemi intelligenti di categorizzazione dei contenuti, basati anche sugli input degli utenti servizi evoluti per i team di lavoro che più facilmente possono realizzare attività, accedere agli esperti ed essere sempre più connessi (social networking, social tagging, location awareness, ecc.) una maggiore rilevanza della user experience nella progettazione della navigazione. Il modello di riferimento Le esigenze che una intranet deve soddisfare possono essere racchiuse in quattro fondamentali dimensioni: omunicazione, ontenuti, ollaborazione, (figura 2). Tutte le operazioni possono essere ricondotte a queste dimensioni sapendo che ci confrontiamo con contesti organizzativi diversi in cui queste aree sono variamente contemplate e curate. Se pensiamo, ad esempio, a una intranet con dieci anni di storia siamo di fronte a un ambiente in cui la e i contenuti sono predominanti e difficilmente vedremo la stessa cura dedicata alla gestione delle attività di business e della collaborazione. Anche oggi ci capita di analizzare contesti in cui, pur contemplando tutte e

3 Figura 2 Intranet 1.0 e 2.0 INTRANET 2.0: FAR EVOLVERE OUNIAZIONE E SPAZI DI LAVORO x147mm.pdf 1 01/05/ quattro le dimensioni, le intranet sono organizzate partendo dai contenuti e da un flusso di informazione azienda-utente. Non sono contesti tecnologicamente obsoleti, ma la stratificazione dei contenuti nel tempo può generare mostri d informazione in cui è arduo trovare i contenuti e le risposte utili al lavoro quotidiano. Se alle funzioni classiche di e repository dei contenuti si aggiungono spazi di collaborazione in cui gli utenti possono lavorare e condividere esperienze, conoscenze e soluzioni, la intranet assume un nuovo ruolo; essa diventa a tutti gli effetti un business tool. Quanto più sarà forte il legame tra l ambiente digitale e le pratiche di lavoro quotidiano, tanto più questo strumento sarà percepito come utile, e quindi utilizzato. Una intranet può avere caratteristiche diverse e obiettivi diversi a seconda del contesto organizzativo e del mercato in cui opera. Osserviamo intranet in settori diversi e con un vario numero di utenti da gestire: chi punta sui contenuti, chi sulla collaborazione, chi cura solo la, chi solo i servizi. Riportiamo tre tipologie di intranet osservate (figura 3), che abbiamo classificato con un etichetta assegnata in base alla loro tendenza a curare in modo diverso le dimensioni fondamentali: orporate Portal: la Intranet è l immagine e il riferimento informativo aziendale. Forte enfasi sulle valenze di (Identità, Valori, Storia, Offerta, Articolazione organizzativa) e di repository documentale Social Enterprise: la Intranet è il luogo in cui si SOIAL INTRANET LOGIHE DI PARTEIPAZIONE DIGITAL WORPLAE Intranet 1.0 omunicazione Strumenti di per condividere vision, identità e informazioni ontenuti Repository e ricerca dei contenuti aziendali e professionali Intranet 2.0 ollaborazione Ambiente per svolgere tutte le operazioni che richiedono interazione Applicazioni self-service e servizi end-to-end integrano le applicazioni di business e le attività collaborative emergenti Self-service: in cui l utente singolo è il centro della e dei servizi. Siamo di fronte a un portale di servizio che supporta e informa il dipendente. Figura 3 Tipologie di Intranet Radar 141x122mm.pdf 1 04/05/ attività contenuti attività contenuti attività contenuti collaborazione collaborazione collaborazione Social Enterprise orporate Portal Self-service

4 Il caso di costruzione di una Intranet Il contesto. Guardiamo adesso il processo di costruzione o ri-costruzione di una intranet. Di seguito le fasi, le risorse e le competenze necessarie per affrontare un progetto in modo completo e condiviso con gli utenti. Il caso a cui ci riferiamo è un progetto realizzato presso un organizzazione di circa utenti, composta da 25 diversi gruppi aziendali. Il percorso di progettazione e realizzazione ha coinvolto più di 60 utenti provenienti dalle diverse funzioni aziendali che hanno contribuito alla realizzazione del portale aziendale. 55 incontri di raccolta dei requisiti e co-design delle soluzioni grafiche e informatiche. 6 mesi il tempo di rilascio della piattaforma dal momento di definizione della strategia. Il modello Opennowledge prevede 4 fasi principali (figura 4) per condurre un progetto di costruzione o redesign della intranet. In ognuna delle fasi si realizzano attività e deliverables. della nostra intranet e seguirne l evoluzione nel tempo. Per allargare l orizzonte riportiamo alcuni esempi di obiettivi strategici indicati da diversi manager in progetti che abbiamo gestito: integrazione culturale e operativa, knowledge management, engagement e clima, efficienza e semplificazione dei processi, riduzione dei tempi di ricerca delle informazioni, visibilità sui progetti e sulle attività, gestione integrata delle applicazioni, valorizzazione delle famiglie professionali e del know how. Fase 2: o-design e implementazione appatura dei flussi di informazione (content inventory) e coinvolgimento degli utenti attraverso analisi dei social network, survey, workshop per l organizzazione dei contenuti e dei percorsi di navigazione, sviluppo IT Fase 1: Strategia e Analisi oinvolgimento dei manager attraverso interviste e workshop, redazione di un documento di sintesi per la programmazione della intranet e linee guida per la governance ission e focus della intranet, obiettivi e PI, ruoli e responsabilità di progetto odello di governance (ruoli e responsabilità), inventario, alberatura e categorizzazione dei contenuti, wireframes delle pagine, piano di sviluppo delle funzionalità, look&feel, piattaforma implementata e configurata onoscenza dell organizzazione e della cultura aziendale, web design, software development, web content management necessarie onoscenza dei macro-processi, vision Il primo passo è la definizione degli obiettivi aziendali: nella nostra esperienza non sono mai gli stessi, in quanto ogni organizzazione ha le proprie esigenze di breve, medio e lungo termine; l imperativo è guardare oltre le normali funzioni di una intranet e pretendere che essa divenga uno strumento per il proprio business e che migliori i risultati dei gruppi di lavoro. on il management descriviamo una intranet in coerenza con la vision aziendale e, contestualmente, definiamo gli insiemi di utenti per i quali dobbiamo progettare i servizi, disegnare gli spazi, fornire gli strumenti di collaborazione. Perciò questo è anche il momento di definire degli indicatori di perfomance, quantitativi e qualitativi, con cui misurare il successo Abbiamo raccolto le indicazioni dal management per costruire una intranet con specifici obiettivi e che soddisfi i propri utenti. Il disegno della intranet necessita a questo punto dei seguenti elementi fondamentali: inventario dei contenuti esistenti (content inventory) e sviluppo dei contenuti nuovi (testi, immagini, video): architettura dell informazione coerente e riconoscibile da tutti; una governance degli spazi e dei contenuti che definisca i processi di pubblicazione e di collaborazione ; una user experience capace di facilitare la navigazione. Anziché chiedersi in astratto di cosa hanno bisogno i nostri utenti, è molto più semplice e produttivo coinvolgerli nel processo sin da questa fase di disegno. É la

5 Figura Fasi 4 141x40mm.pdf 1 01/05/ Fasi di un progetto di costruzione della Intranet INTRANET 2.0: FAR EVOLVERE OUNIAZIONE E SPAZI DI LAVORO Strategia e Analisi o-design e implementazione Lancio e coltivazione Risultati pratica del co-design: facilitati da metodologie veloci e collaborative, è con gli utenti che si definiscono i contenuti e le priorità, le categorie e il linguaggio corrente all interno dell organizzazione, gli strumenti e le funzionalità più adeguate al raggiungimento degli obiettivi di business. Questa fase, che può sembrare complessa poiché richiede coinvolgimento e impegno di altri interlocutori è invece fondamentale non solo per l esattezza con cui si raccolgono le informazioni minimizzando il rischio di costruire spazi non riconosciuti (né popolati) dagli utenti, ma soprattutto perché uno spazio co-creato con gli utenti è uno spazio più fertile. hi coinvolgere? Se l obiettivo è soddisfare gruppi di utenti, community, funzioni aziendali, sarà importante scegliere un rappresentante da ognuno di questi insiemi per costruire un gruppo di champions, un team che riporti esigenze, contenuti e punti di vista del proprio gruppo di riferimento (in alcuni casi questi gruppi trasversali alle organizzazioni continuano a condividere best practice per il miglioramento e rappresentano i veri ambassadors al momento di promuovere l utilizzo dei nuovi strumenti). Può rivelarsi utile in questa fase di design lo strumento della Organizational Network Analysis, una fotografia organizzativa che mostra, al di là delle segnalazioni dei manager, quali sono le reali connessioni tra le persone e quali risorse detengono posizioni di riferimento all interno dell ecosistema aziendale su specifici temi e processi. La scelta della piattaforma tecnologica passa attraverso un analisi approfondita dei requisiti specifici definiti in questa fase; sulla lista dei requisiti si applica il processo di software selection: copertura delle funzionalità, peso di ciascuna funzionalità o area, valutazioni del Total ost of Ownership. olto rilevanti nella scelta - oltre alla copertura delle funzionalità dal lato utente e lato amministratore - anche caratteristiche generali della soluzione che impattano sulla flessibilità, sulla capacità di ricostruire i processi di governance definiti, sulla integrabilità con altri ambienti e tool, sulla scalabilità, sulla gestione multilingua, ecc. Una griglia di confronto tra le tecnologie in esame è uno strumento utile a raggiungere in tempi ragionevoli una scelta della piattaforma su cui implementare e far evolvere la intranet. Questa griglia, oltre a segnalare la copertura delle funzionalità, definisce un punteggio di qualità delle macro-funzioni basato su alcuni criteri importanti per l azienda, che si aggiungono al criterio di convenienza economica. Scelta la tecnologia, si avviano le attività d implementazione, stima delle componenti hardware e delle risorse necessarie allo sviluppo ad hoc e alla configurazione di partenza. Le competenze specifiche e la documentazione tecnica relativa alla piattaforma scelta diventano fondamentali per una migliore ottimizzazione dei costi durante le future fasi di sviluppo. Questi elementi più tecnici sono condivisi tra le figure preposte allo sviluppo (interne ed esterne) allo scopo di costituire da subito un gruppo persone IT competenti sulle logiche ma anche sulle modalità di progettazione e implementazione informatica. Tutto è implementato curando i meccanismi di navigazione e la customizzazione grafica, raccogliendo costantemente i feedback dagli utenti fin dalle prime fasi di test. Fase 3: Soft launch oinvolgimento di uno o più gruppi pilota per la creazione di Business ase, ommunity management alendario dei rilasci e dei lanci della intranet per i diversi gruppi aziendali, Report delle attività dei gruppi pilota, Elenco dei miglioramenti da realizzare prima della fase di lancio, Assistenza agli utenti onoscenza dello strumento informatico, Software development, ommunity management Prima di concentrarsi sul Go-Live il momento di rilascio e su tutta l organizzazione del

6 lancio del nuovo ambiente bisogna testare l ambiente: il modo migliore è definire un gruppo pilota che ha il doppio compito di verificare e migliorare le funzioni, ma anche interagire con i contenuti. In questa fase pilot è fondamentale monitorare l operato degli utenti in un periodo sufficientemente lungo da verificare quanto e come un singolo gruppo (team di progetto, una funzione aziendale, una community o altro insieme di utenti) produce e valorizza i contenuti, sceglie i percorsi di navigazione, ridisegna i processi di lavoro con l aiuto degli strumenti collaborativi. Si costruisce, documentando questa prima esperienza pilota, un business case utile nella fase di promozione e divulgazione delle potenzialità della intranet. Il fattore di successo di questo momento preparatorio è la capacità di stimolare gli utenti che si trovano in un ambiente virtuale nuovo, orientarli e introdurli a nuovi modi di lavorare coinvolgendoli in prima persona nel miglioramento della intranet. Un buon manuale di community management può servire in questa operazione di stimolo e ingaggio degli utenti. ondividere le best practice, le difficoltà e le modalità operative di questo ingaggio tornerà utile a tutti i gruppi aziendali nel momento del lancio e nel corso del primo periodo di lancio. Fase 4: Lancio e coltivazione Definizione dei messaggi e dei contenuti di per la promozione della intranet, Redazione palinsesto e organizzazione redazionale, onitoraggio dei PI, Raccolta dei feedback, ommunity management Piano di, ontenuti di promozione, Palinsesto news e contenuti per il lancio, Strumenti e spazi collaborativi per l organizzazione redazionale, Reporting, Assistenza agli utenti Web writing, arketing, omunicazione, ommunity management Se abbiamo lavorato coinvolgendo gli utenti, la notizia del nuovo ambiente non arriverà come una sorpresa; è importante che tutti, a partire dai manager, sentano la intranet come un loro strumento di lavoro, e ciò implica la scelta di alcuni messaggi chiave da passare agli utenti per introdurli al nuovo modo di acquisire le informazioni e lavorare con più produttività. In questa fase di promozione sono stati monitorati i comportamenti e gli interessi verso i contenuti: non solo l accesso all informazione è aumentato ma anche gli spazi di collaborazione sono sempre più richiesti dalle varie funzioni aziendali; il percorso è solo all inizio, ma ci sono ritorni sull efficienza operativa in quanto si rilevano, tra i vari fenomeni di efficientamento, una diminuzione dei costi di coordinamento tra i gruppi di lavoro e una considerevole diminuzione del numero di mail per la e la gestione dei progetti. Il profilo personale inoltre, e il costante aggiornamento delle informazioni relative agli utenti della intranet, ha diminuito i tempi per reperire i contatti relativi ai diversi territori e unità organizzative. Il risultato maggiore, al di là dei singoli indicatori, è l alto livello di coinvolgimento di tutte le persone come nello schema in figura 5: ognuno ha un ruolo e una collocazione attivi nell ecosistema della intranet aziendale. Utilizzo strategico delle componenti social. Nel caso che abbiamo qui raccontato non ci sono elementi tecnologici di ultimissima generazione e anche le funzionalità sociali utilizzate all interno dell azienda sono state introdotte con gradualità, sempre seguendo le richieste dei gruppi di lavoro. Il fattore di novità è consistito sicuramente nell aver coinvolto gli utenti nella co-creazione degli spazi e aver seguito le loro priorità e intuizioni per organizzare e disegnare l ambiente di navigazione. Anche senza sfruttare al massimo le potenzialità collaborative delle piattaforme informatiche social, questo progetto è stato impostato con modalità partecipative nel tentativo di socializzare al massimo il processo di costruzione dello spazio digitale e dei suoi contenuti. PI di una Social Intranet. Dagli obiettivi ai risultati, puntiamo a rendere tangibile il vantaggio che queste esperienze di riconfigurazione delle intranet stanno generando per le aziende che sono state e sono pronte a questo investimento. Per ognuno degli obiettivi possiamo definire degli indicatori e procedere alla costruzione di un vero modello di ROI per le Social Intranet. Di seguito 6 indicatori per ogni direttrice della intranet.

7 Figura 5 Ecosistema di una Intranet Ecosistema 141x75mm.pdf 1 01/05/ INTRANET 2.0: FAR EVOLVERE OUNIAZIONE E SPAZI DI LAVORO Sponsor omitato Guida Redazione entrale Redazioni Locali Responsabili forum / FAQ Responsabili ommunity Utenti ontent provider Direzione Sistemi Informativi Per la gestione del knowlegde aziendale è importante misurare: 1. Tempo impiegato per la ricerca delle informazioni. 2. Qualità delle informazioni (chiarezza e livello di dettaglio). 3. Numero di accessi e frequenza verso le pagine di contenuti e i file di dettaglio. 4. Numero dei contributi da parte degli utenti (nuovi contenuti, commenti e revisioni). 5. Livello di aggiornamento dei documenti. 6. Trasversalità degli accessi da parte dei gruppi di utenti. Per la gestione delle ommunity è importante misurare: 1. Numero degli utenti attivi (crescita/decrescita). 2. Numero degli utenti contributori. 3. Numero dei contenuti generati in collaborazione. 4. Numero delle interazioni sui topic della community (forum, blog, wiki, ecc.). 5. Qualità dei contenuti e delle soluzioni emerse dall interazione dei membri della community. 6. Livelli di soddisfazione alla partecipazione dei membri della community. Per la re-ingegnerizzazione dei processi è importante misurare 1. Tempi e costi di organizzazioni per le riunioni e i momenti di condivisione. 2. Tempi per la definizione delle decisioni. 3. osti di attivazione delle risorse coinvolte nel processo. 4. Tempo complessivo delle attività, con e senza strumenti di collaborazione. 5. Qualità delle decisioni, dei prodotti e servizi al termine del processo. 6. Risparmio/guadagno di risorse complessive al termine del processo di lavoro. Per la generazione e gestione delle idee è importante misurare: 1. Numero di utenti attivi e contributori dell innovazione aziendale. 2. Numero di idee e soluzioni generate. 3. Numero delle interazioni rispetto alle idee proposte (commenti, voti, segnalazioni, ecc.) 4. Tempi di emersione delle idee migliori e delle persone capaci di generare innovazione all interno dell azienda. 5. Tempi di realizzazione delle idee valutate positivamente dal management. 6. Risparmio/guadagno di risorse/tempo a fronte dell implementazione delle idee divenute progetti. A questi obiettivi e ai loro indicatori puntuali si possono aggiungere altri due vantaggi che varrebbe la pena misurare al termine di un progetto di adozione di una Social Intranet: 1. l identità aziendale generata da un processo di partecipazione alla costruzione della intranet, la vicinanza delle persone con i valori e il management che ne è artefice/promotore. 2. Il time to market inteso come la capacità di scambiare informazioni più velocemente per essere sempre più reattivi alle richieste dei propri clienti. Un ulteriore considerazione da fare, per chi vuole valutare il ROI di una Social Intranet, è l interdipendenza dell investimento sulla intranet con quello sui portali esterni; le aziende si orientano sempre più ad utilizzare non solo la medesima tecnologia, ma anche delle medesime competenze di sviluppo e di collaborazione.

La piattaforma di Enterprise Social Network per le organizzazioni

La piattaforma di Enterprise Social Network per le organizzazioni La piattaforma di Enterprise Social Network per le organizzazioni Il nuovo modo di collaborare in azienda Teammee è una piattaforma per la gestione collaborativa avanzata di informazioni, persone, eventi,

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Un #SocialHR per la #socialorg

Un #SocialHR per la #socialorg Un #SocialHR per la #socialorg 2 3 4 5 6 7 8 CHE COS E LA SOCIAL ORGANIZATION? GUARDIAMOLA CON GLI OCCHI DEL (social)hr CHE COS E LA SOCIAL Un nuovo modo di fare impresa che consente a un vasto numero

Dettagli

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2)

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) Nel precedente approfondimento è stata evidenziata l'importanza di definire un'architettura per un percorso di blended e-learning (bl-el): questo

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Socializzare la conoscenza comunità online

Socializzare la conoscenza comunità online Socializzare la conoscenza 14 dicembre 2012 Le fasi del processo Socializzazione (da conoscenza tacita a tacita, in persone diverse che interagiscono) Esteriorizzazione o esternalizzazione (da conoscenza

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS

DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS 1 DALL E-LEARNING AL SOCIAL LEARNING: il caso dell intranet di Gruppo Coin - OVS Cristina Cocchetto (Direzione Risorse Umane Formazione, Sviluppo Manageriale e Comunicazione Interna) Bruno Cocchi / (Direzione

Dettagli

Scheda di Benchmark per intranet

Scheda di Benchmark per intranet Scheda di Benchmark per intranet 1. L organizzazione e la intranet 2. Contenuti 3. Design e architettura 4. Funzionalità 5. Nascita e processo di sviluppo 6. Gestione della redazione e processo di publishing

Dettagli

Andrea Grippa Reti Intranet

Andrea Grippa Reti Intranet Andrea Grippa Reti Intranet Piccola guida per la comprensione dell evoluzione di alcuni modelli e delle loro applicazioni Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Conoscere, condividere, cambiare

Conoscere, condividere, cambiare Conoscere, condividere, cambiare Idee per una intranet 2.0 alla biblioteca di Milano Bicocca Bonaria Biancu e Ilaria Moroni I siti web negli archivi e nelle biblioteche A.I.B. e A.N.A.I. Sezione Friuli

Dettagli

La BI secondo Information Builders

La BI secondo Information Builders Page 1 of 6 Data Manager Online Pubblicata su Data Manager Online (http://www.datamanager.it) Home > La BI secondo Information Builders La BI secondo Information Builders La BI secondo Information Builders

Dettagli

Enterprise 2.0: un nuovo paradigma di sviluppo organizzativo

Enterprise 2.0: un nuovo paradigma di sviluppo organizzativo Enterprise 2.0: un nuovo paradigma di sviluppo organizzativo Emanuele Scotti, Partner e Co-Founder emanuele.scotti@open-knowledge.it Milano, 9 dicembre 2008 Il lavoro è cambiato Frederick Taylor (1856-1915)

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Ottobre 2014. Sincronizzando. di Telecom Italia

GRUPPO TELECOM ITALIA. Ottobre 2014. Sincronizzando. di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Ottobre 2014 Sincronizzando di Telecom Italia 2009: le assumption di progetto Tradizione Telecom Italia e le sue aziende originarie (Stipel, Olivetti, Sip, Italcable.) vantano sin

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Il social network. dei professionisti della salute

Il social network. dei professionisti della salute Il social network dei professionisti della salute Chi è Sanitanova Sanitanova è un azienda leader nel panorama italiano nella formazione, consulenza e progettazione di modelli organizzativi, da sempre

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Formalizzare i processi aziendali per

Formalizzare i processi aziendali per Formalizzare i processi aziendali per accrescere l efficacia l dei controlli Bankadati S.I. Gruppo Creval La comunicazione finanziaria Sondrio, 9 marzo 2010 LA GESTIONE PER PROCESSI IN CREVAL La gestione

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

NEXTVALUE 2014. Presentazione

NEXTVALUE 2014. Presentazione NEXTVALUE 2014 Presentazione NEXTVALUE 2014 CALENDARIO ATTIVITA E-commerce in Italia. Aziende e Operatori a confronto. End-user Computing in Italia. What s next. Information Security Management in Italia.

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Gestione Crediti. verso. PA e SSN

Gestione Crediti. verso. PA e SSN Gestione Crediti verso PA e SSN Credit Management Sei ottimi motivi per terziarizzare la gestione dei crediti 6 Per concentrarsi sul core business 1 Per alleggerire i costi fissi 5 Per massimizzare il

Dettagli

ITALIAONLINE La vostra web agency. Soluzioni di comunicazione digitale

ITALIAONLINE La vostra web agency. Soluzioni di comunicazione digitale ITALIAONLINE La vostra web agency Soluzioni di comunicazione digitale La company Dati Audiweb media primo semestre 2014 Properties Advertising sales agencies Web agency I due principali portali nazionali,

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

Tecnologie dell informazione e controllo

Tecnologie dell informazione e controllo Tecnologie dell informazione e controllo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA CORSO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE FEDERICO CANELLA Utilizzo dell ICT nell impresa 2 Wood floring International (legno esotico)

Dettagli

Enterprise Social Network. Creare community aziendali

Enterprise Social Network. Creare community aziendali Enterprise Social Network Creare community aziendali COLLABORATION 2.0 CHE COSA È NU+ è la soluzione Yooplus di collaboration finalizzata a creare le condizioni per sviluppare una elevata capacità di team

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 1 Sommario L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 2 L azienda 3 Profilo La Società Essematica nasce nel 1987 da un team di specialisti e ricercatori informatici che, aggregando le esperienze maturate

Dettagli

La piattaforma web per il social Learning

La piattaforma web per il social Learning La piattaforma web per il social Learning SOCIAL LEARNING La collaborazione si trasforma in competitività aziendale Perché il social learning? Le regole del business stanno cambiando Nel passato il concetto

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti.

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti. 11 15 Giugno 2012 T&CW La mission La settimana della formazione e della consulenza è un evento collettivo, con cadenza annuale, diffuso su tutto il territorio di Roma e del Lazio. L idea nasce dall esigenza

Dettagli

PEOPLE HAVE THE POWER

PEOPLE HAVE THE POWER PEOPLE HAVE THE POWER La conoscenza parte dai colleghi Patrizio Regis Head of Group Internal Communications 21 Maggio 2015 IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE INTERNA IN UNICREDIT Oltre alle attività più "classiche"

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Il focus sul cliente che fa la differenza

Il focus sul cliente che fa la differenza CASE STUDY Il focus sul cliente che fa la differenza MARINI SPA MIGLIORA L ATTENZIONE AL CLIENTE E AUMENTA LE VENDITE GRAZIE A SUGARCRM Migliorare la relazione con il cliente attraverso una gestione più

Dettagli

Definizione di enterprise 2.0

Definizione di enterprise 2.0 L enterprise 2.0 Definizione di enterprise 2.0 Piattaforme sociali Canali e piattaforme Modalità emergente Sware enterprise Social sware Piattaforme - emergenza Definizione di McAfee tecnocentrica Mcafee

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa da CIO Survey 2013 NetConsulting 2013 1 CIO Survey 2013: Executive Summary Tanti gli spunti che emergono dall edizione 2013 della CIO Survey, realizzata

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

Cloud Service Broker

Cloud Service Broker Cloud Service Broker La nostra missione Easycloud.it è un Cloud Service Broker fondato nel 2012, che ha partnership commerciali con i principali operatori del settore. La nostra missione: aiutare le imprese

Dettagli

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale

Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Corso di Informatica per la Gestione Aziendale Anno Accademico: 2008/2009 4 parte DOCENTI: Prof.ssa Cecilia Rossignoli Dott. Gianluca Geremia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale

Dettagli

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8 EXPO MILANO 201 5 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alime entaree 1 di 8 1. PREMESSA Lo Sviluppo Sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org)

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) White paper APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) APRE è un ente privato di ricerca non profit sostenuto da oltre cento Soci Sostenitori e Ordinari provenienti da Università e Organizzazioni private

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET

LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET LA PROPOSTA DI SERVIZI DI RICERCA, ADVISORY & CONSULENZA per il GO-TO- MARKET Ezio Viola Co-Founder e General Manager The Innovation Group Elena Vaciago Research Manager The InnovationGroup 18 Dicembre

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO

DIGITAL TRANSFORMATION. Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO DIGITAL TRANSFORMATION Trasformazione del business nell era digitale: Sfide e Opportunità per i CIO AL VOSTRO FIANCO NELLA DIGITAL TRANSFORMATION Le nuove tecnologie, tra cui il cloud computing, i social

Dettagli

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI I motori di ricerca non sono più solamente lo strumento per arrivare ai siti web, ma sono anche e sempre più il principale strumento di accesso alle informazioni

Dettagli

Marco Camisani Calzolari (Impresa 4.0)

Marco Camisani Calzolari (Impresa 4.0) AREE d INTERVENTO Un'ampia visione del marketing delle relazioni, trasforma le tecnologie digitali in una potente leva di innovazione del modello di business Il marketing relazionale, in contrapposizione

Dettagli

Open Opportunity. L'azienda 100% Open

Open Opportunity. L'azienda 100% Open Open Opportunity L'azienda 100% Open un caso reale di integrazione di ADempiere e di implementazione di un'infrastruttura IT completamente Open Source La realtà di intervento L'azienda Caratteristiche

Dettagli

La società Volocom. Trasformare le informazioni in conoscenza. Conoscere per agire

La società Volocom. Trasformare le informazioni in conoscenza. Conoscere per agire La società Volocom Trasformare le informazioni in conoscenza 2 La società Volo.com dal 2001 è uno dei leader nei settori del Knowledge Management e nella gestione delle informazioni per la rassegna stampa

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

Convegno APB. Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa?

Convegno APB. Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa? Convegno APB Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa? Milano, 4 Aprile 2006 Roberto Perego Partner - esolutions Europe Agenda

Dettagli

Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social media management Social Media Strategy 2 Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social Media: Le attività ed i loro impatti DI COSA STIAMO PARLANDO? Ricapitolando I social media:

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Offerta di sponsorizzazione

Offerta di sponsorizzazione Offerta di sponsorizzazione Assintel Report: un successo consolidato che si rinnova Assintel Report è, alla sua ottava edizione, punto di riferimento autorevole per l intera community dell Information

Dettagli

INFIN. Una suite con caratteristiche uniche

INFIN. Una suite con caratteristiche uniche I N F I N I T Y P R O J E C T HR Una suite con caratteristiche uniche INFIN Web based Base dati unica Service Oriented Architecture Workflow Employee Self Services Business Intelligence HR Zucchetti è

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria La suite a supporto dell Associazione di Categoria che si rinnova Afea srl Via Montefiorino / 8 05100 / Terni Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.206311 www.afea.eu info@afea.eu L evoluzione delle associazioni

Dettagli

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Enrico Bertoldo Marketing Director Stefano Marongiu Customer Segment Manager Andrej Crnjaric Social Media Specialist 2009 Amadeus IT Group SA

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP 14 ottobre 2013 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 RELATORI: GIAMPAOLO AZZONI - TONI MUZI FALCONI Indice degli argomenti

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Fondamenti di Knowledge e Business Process Management Giovanni Marrè Amministratore Delegato, it Consult Business Process Management input Competenze individuali Fattori Tecnologici PROCESSO Competenze

Dettagli

Challenge Network Gamification

Challenge Network Gamification Challenge Network Gamification Gamification - Premessa L introduzione di concetti come: punti, livelli e sfide all interno di un percorso formativo, incoraggia gli utenti ad investire il proprio tempo,

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014)

AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014) AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014) Team di esperti per la realizzazione di attività di affiancamento nell ambito dell iniziativa progettuale A SCUOLA

Dettagli

OVS GRUPPO COIN SOCIAL LEARNING E SOCIAL INTRANET

OVS GRUPPO COIN SOCIAL LEARNING E SOCIAL INTRANET 1 OVS GRUPPO COIN SOCIAL LEARNING E SOCIAL INTRANET Sonia Covi (Office Automation & Collaboration Manager - Direzione ICT) Udine, 23 febbraio 2015 2 Gruppo Coin in pillole Dati a bilancio 2013 Leader nel

Dettagli

RIDISEGNARE I SERVIZI DI CONSULENZA SULLE NECESSITÀ DELLA RETE: IL CASO DZ BANK.

RIDISEGNARE I SERVIZI DI CONSULENZA SULLE NECESSITÀ DELLA RETE: IL CASO DZ BANK. RIDISEGNARE I SERVIZI DI CONSULENZA SULLE NECESSITÀ DELLA RETE: IL CASO DZ BANK. Marc Ahrens, AD vwd group Italia Convegno Azienda Banca- AIPB Milano, 30 Maggio 2012 CHI SIAMO vwd group: un player europeo

Dettagli

Search Engine Optimization (SEO) up-grade ottobre 2013

Search Engine Optimization (SEO) up-grade ottobre 2013 marketing highlights Search Engine Optimization (SEO) up-grade ottobre 2013 A cura di: dott. Fabio Pinello dott. Dario Valentino La Search Engine Optimization (SEO) individua le attività da mettere in

Dettagli

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Paolo Bianchetti bianchetti@scuoladirobotica.it Convegno Robotica: dalla scuola all azienda ITIS A. OMAR Novara, 10 Marzo 2006 Costruttivismo

Dettagli

Retail Technology Enhanced Learning

Retail Technology Enhanced Learning Manuela Martini Ingegnere Gestionale, manager esperto di Business Process Re-engineering, Manuela ha gestito progetti nazionali ed internazionali finalizzati all'informatizzazione dei processi organizzativi

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Workshop Portale e Sistemi Informativi Edizione 2015 Sala Rossa e Sala Principi D Acaja, Palazzo del Rettorato 26 e 27 febbraio

Workshop Portale e Sistemi Informativi Edizione 2015 Sala Rossa e Sala Principi D Acaja, Palazzo del Rettorato 26 e 27 febbraio Workshop Portale e Sistemi Informativi Edizione 2015 Sala Rossa e Sala Principi D Acaja, Palazzo del Rettorato 26 e 27 febbraio Piattaforma CampusNet Cosa consente di fare? CampusNet: è un sistema applicativo

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

Tecnologie e sistemi per la business integration. www.xdatanet.com

Tecnologie e sistemi per la business integration. www.xdatanet.com Tecnologie e sistemi per la business integration www.xdatanet.com X DataNet, X costruttori DataNet, costruttori di softwaredi software Costruiamo Costruiamo soluzioni tecnologiche soluzioni tecnologiche

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

Web & Social Big Data Monitoring and Analysis. www.web-live.it

Web & Social Big Data Monitoring and Analysis. www.web-live.it Web & Social Big Data Monitoring and Analysis www.web-live.it 1 Ascolto e analisi del web e dei social Le 7 buone ragioni 1. Valutare e misurare l efficacia della propria comunicazione 2. Scoprire le tendenze

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli