IL GALLO E LA CURA COLLANA DI STORIA DELLA MEDICINA STORIA DELLE PROFESSIONI SANITARIE E SCIENZE UMANE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GALLO E LA CURA COLLANA DI STORIA DELLA MEDICINA STORIA DELLE PROFESSIONI SANITARIE E SCIENZE UMANE"

Transcript

1 IL GALLO E LA CURA COLLANA DI STORIA DELLA MEDICINA STORIA DELLE PROFESSIONI SANITARIE E SCIENZE UMANE 1

2 Direttore Alessandro PORRO Università degli Studi di Brescia Comitato scientifico Carlo CRISTINI Università degli Studi di Brescia Antonia Francesca FRANCHINI Università degli Studi di Milano Bruno FALCONI Università degli Studi di Brescia Lorenzo LORUSSO Azienda Ospedaliera Mellino Mellini, Chiari

3 IL GALLO E LA CURA COLLANA DI STORIA DELLA MEDICINA STORIA DELLE PROFESSIONI SANITARIE E SCIENZE UMANE La Collana intende proporsi come un luogo d incontro della medicina, delle professioni sanitarie, delle attività che vedono nella storia e nelle scienze umane un occasione di riflessione sulle varie tematiche della salute e sulla complessità del mondo sanitario attuale. Il gallo vuole ricordare i contenuti, le peculiarità, le attribuzioni della medicina fin dall antichità, mentre la cura testimonia l altrettanto antica dimensione terapeutico assistenziale, che accomuna le professioni non mediche a quella medica. Verranno accolti volumi di Storia della medicina, di Storia delle professioni sanitarie e di Scienze umane, nonché contributi disciplinari ed interdisciplinari, relativamente ai suddetti campi di interesse e attività.

4

5 Giovanni Ceccarelli Medici, malati, malattie e farmaci nella storia dell arte Prefazione di Jolanda Nigro Covre

6 L autore e l editore restano a disposizione degli eventuali aventi diritto sulle immagini contenute all interno del volume. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: febbraio 2013

7 Indice 9 Prefazione 11 Premessa 15 Capitolo I La visita del dottore 25 Capitolo II Poliomelite 33 Capitolo III La cataratta di Monet 49 Capitolo IV Altri casi di cataratta 59 Capitolo V La vaccinazione 67 Capitolo VI Malattia di Alzheimer, ictus, cerebropatie 77 Capitolo VII Morfina e assenzio: due droghe ottocentesche 91 Capitolo VIII Endocrinologia e malattie del metabolismo 8.1. Gotta, Irsutismo e ipertricosi, Capitolo IX Gozzo, tireopatie, acromegalia 7

8 8 Indice 117 Capitolo X Quando le diagnosi sfuggono 125 Capitolo XI Nanismo acondroplasico 139 Capitolo XII Lebbra 145 Capitolo XIII Cardiologia 155 Capitolo XIV Frida Kahlo, una pittrice per il senso della sofferenza 165 Capitolo XV L arte vede, la medicina (a volte) interpreta: il segno di Babinski 173 Capitolo XVI Medico: impara l arte (tua)! 189 Capitolo XVII Illumin(are) l immenso 203 Capitolo XVIII Chirurgia 213 Capitolo XIX Un po di ostetricia: la nascita 227 Capitolo XX Pediatria 241 Capitolo XXI Prima l uovo o la gallina? 253 Bibliografia

9 Prefazione L arte teme la scienza, perché potrebbe detronizzarla. Talora la combatte, talaltra la imita o stabilisce con essa una competizione, ma la teme. La scienza non teme l arte, perché non le potrà mai nuocere. L uomo non può fare a meno né della scienza né dell arte, ma senza la scienza è perduto, senza l arte, semplicemente, si rattrista. Senza la medicina, che della scienza si nutre, può morire; senza l arte, sopravvive, ma si sente meno umano. L artista malato cerca il medico per non morire. Il medico cerca l artista malato, o il soggetto malato da lui creato, per capire di più sulla propria disciplina e su quella dell artista. Perché mai un pediatra in pensione, felice padre e felice nonno, che è anche uno storico dell arte mancato (e questo si legge bene tra le righe), scrive tante riflessioni tra la medicina e l arte e, da ultimo, un libro come questo? Si potrebbe dire che molte nozioni sulla storia della medicina vengono qui completate o corrette; e che molte informazioni sfuggite agli storici dell arte vengono qui a completare la ricostruzione filologica di molte opere, di temi iconografici e di motivazioni degli artisti. Ma non sono le nozioni che interessano il nostro Ceccarelli, sebbene ce ne fornisca numerose e perfettamente documentate. Se ho introdotto questa mia (inutile, ma affettuosa) pagina con un pensiero sull abbraccio arte scienza, è perché questo libro mi sembra concretizzare il miraggio di figurare l immagine dell uomo completo, completo di cultura scientifica e artistica, ampiezza storica, sensibilità, riflessione, creatività, libertà di giudizio. Una completezza che negli studi in cui sono immersa si è in gran parte perduta. Il sussiego con cui i colleghi del sapere scientifico ci trattano, nonché l inconsapevole boria con cui noi umanisti ci difendiamo ritenendoci superiori e intoccabili, sono un inequivocabile segno di questa perdita, che è una delle caratteristiche della società dall inizio della rivoluzione industriale. Il fascino del libro di Ceccarelli, al di là degli argomenti trattati (non sosterò sull incanto,ad esempio, delle pagine dedicate a Monet e 9

10 10 Prefazione alla vista offuscata, alle droghe, al tema della lezione di anatomia o all iconografia della natività), sta nel non porsi un obiettivo univoco, una surplus di interpretazione in chiave di analisi clinica o storico artistica, ma piuttosto nel movimento ondulatorio tra i due tipi di analisi. Quando avverte di essere sul punto di divenire dogmatico, l Autore si smonta con una sottile ironia. La (consapevole) modestia è la sua forza. Quando il lettore teme di essere immerso in un discorso terribilmente tecnico, ecco che subentra a distrarlo un linguaggio ricco di riferimenti contemporanei e di locuzioni popolari. Ed una prosa, last but not least, che rende questo saggio godibile come una raccolta di novelle. Jolanda Nigro Covre Professore Ordinario di Storia dell Arte Contemporanea, Università La Sapienza Per anni ho creduto di insegnare l arte del Novecento a Gianni Ceccarelli, vergognandomi non poco quando lo vedevo presentarsi agli esami, lui, più maturo di me, al di là della scrivania; e di recente gli ho chiesto di insegnarmi il segreto della sua instancabile e allegra superattività: dubito che imparerò.

11 Premessa In un articolo pubblicato abbastanza recentemente su una rivista per medici di famiglia australiani (Hocker 2008) si legge: Parecchi degli studenti che si iscrivono alla Facoltà di Medical Humanities dell Università di Sidney sono medici pratici o anche clinici. Alcuni sono laureati che, arrivati alla pensione o quasi, vogliono ora che ne hanno il tempo esplorare e conoscere la storia, gli aspetti umanistici e artistici di quella che è stata la loro professione, della quale fino a quel momento hanno visto prevalentemente il lato tecnico. Altri vogliono elaborare un particolare progetto; altri ancora si iscrivono per i loro personali interessi storici, morali o, ancora, artistici che ritengono di aver trascurato e che ora desiderano affrontare. Altri, infine, vengono con lo scopo di ottenere un arricchimento personale e professionale, che pensano possa essere loro utile anche nello svolgimento del loro lavoro. Quando, arrivato a settantacinque anni, mi sono iscritto al Corso di laurea in studi storico artistici di quella stessa Università ( La Sapienza di Roma) nella quale avevo conseguito, magna cum laude come allora si diceva, esattamente cinquantuno anni prima la mia laurea in Medicina e Chirurgia ero, senza che allora lo sapessi, nella stessa situazione di qualcuno dei miei più anziani colleghi australiani. Studiare e praticare con coscienza la Medicina sotto le diverse forme possibili, e sono oggi tante implica un tempo pieno mentale che non ammette deroghe; ma proprio per questo, una volta abbandonati, per necessità e ancora per coscienza, gli interessi medici che ho avuto da quando avevo sedici anni (e sono stati parecchi, dalla farmacologia a alla pediatria alla industria dei farmaci alla bioetica) ho voluto con umiltà e coinvolgimento colmare o almeno tentare di farlo per lo meno in parte le tante mie lacune in campo artistico e umanistico. In un mio vecchio libro di Patologia Medica (Rasario 1953) era scritto che alcuni aspetti della Medicina e in specie la terapia hanno caratteri artistici. Forse questo oggi è meno vero di un 11

12 12 Premessa tempo, dal momento che la Medicina oggi fa di tutto per essere considerata una Scienza, abbandonando quasi ogni aspetto creativo e intuitivo: basta pensare alla Evidence Based Medicine, la Medicina basata sulle prove, che da parecchi anni (Cochrane 1972; EBM working group 1992) costituisce e vuole e forse deve costituire la base dell atto medico. Ma almeno a volte questo tipo di Medicina, con i suoi protocolli standard e le sue guide lines (http://www.sbbl.it/ web/links/lineeguidamedicina), perde (Fitzpatrick 2004; Fitzpatrick 2008) quel carattere di umanità e di simpatia che era proprio della buona Medicina del tempo dei miei primi studi e che mi portò allora come si dice a fare il medico. Ricordo che quando andavo, tanti anni fa, ad ascoltare le lezioni negli Istituti biologici nella Città Universitaria ogni tanto mi prendeva la voglia di deviare verso la facoltà di Lettere che gli ordinamenti di un tempo a me, maturato in uno dei pochissimi licei scientifici allora esistenti, interdicevano. Ora, tanti anni dopo, ho potuto e ho voluto soddisfare quella mia curiosità e forse anche quel mio lontano represso desiderio. Nel corso di questa nuova esperienza, ormai anch essa terminata, mi è venuto il ghiribizzo come scrive la collega australiana di elaborare un mio particolare progetto, magari e certamente non originale, ma che ha se non altro, credo perché a me così pare, una certa originalità nello svolgimento. Osservare un quadro, a volte, mostra a un medico una malattia, alla quale magari il pittore, dipingendo l opera, non ha proprio pensato; e fa nascere in lui nel medico una serie di ricordi, osservazioni, esperienze non del tutto inappropriati. Qui di seguito ho raccolto alcuni dipinti e alcune malattie ad essi collegati. Ho unito allora ormai quasi al termine della stessa due delle tante passioni della mia vita: la storia delle Medicina e l osservazione (solo l osservazione: non sono capace di disegnare neanche un bicchiere) della pittura. Questo piccolo lavoro è dedicato alla memoria di mia moglie Vandina, che mi ha lasciato da quasi trent anni solo o quasi: penso che il termine esatto sarebbe solo dentro sulle vie del mondo, ma che ne sono certo ne sorriderebbe, vedendolo e (forse) leggendolo, dicendo poi che «si tratta di una delle tante follie di quel pazzo di mio marito». Ai miei figli, ai loro coniugi e ai miei nipoti il libretto vuole ricordare una

13 Premessa 13 persona che, come dice Cyrano de Bergerac, ha cercato di non abbassare mai dinanzi a nessuno il proprio pennacchio, per piccolo e modesto che fosse. Giovanni Ceccarelli estate 2012

14

15 Capitolo I La visita del dottore Non esiste vera medicina, si potrebbe dire, senza il rapporto che si instaura tra il malato e il medico; nel famoso Canone della medicina del medico arabo, ma vissuto in Persia nel X secolo, Ibn Sina (Avicenna) alcune delle illustrazioni (Avicenna, 1593) concernono proprio questo iniziale atto medico (fig. 1.1). «Un intera biblioteca in onore del Medico non saprebbe offrire un quadro migliore del rapporto tra questi e il malato di quanto è racchiuso e mostrato in questo dipinto». Questo é il commento apparso su un importante rivista di medicina (Banks, 1892) pochi anni dopo che Luke Fildes (poi Sir Luke) aveva esposto il suo The Doctor (fig. 1.2) nella Tate Gallery. Sulla genesi del quadro circolano molte versioni: secondo una di queste, Fildes, che aveva perduto i genitori ed era stato allevato dalla nonna una femminista ante litteram che gli aveva trasmesso il suo amore per i poveri e i diseredati avrebbe dipinto il quadro dopo la morte, avvenuta la mattina di Natale del 1877, di suo figlio Philip, che era stato assistito fino all ultimo con il massimo possibile di attenzione e partecipazione dal suo medico, un tale dottor Murray. Un altra versione fa risalire il dipinto a una idea della Regina Vittoria per onorare il suo medico personale, Sir James Clark, che era stato mandato ad assistere il figliolo di una delle ancelle di Sua Maestà al castello di Balmoral; come che sia, Fildes in realtà ottenne la commissione per il quadro da Sir Henri Tate, l industriale delle zollette di zucchero e mecenate, che glielo pagò ben tremila sterline (Moore, 2008). Fildes ricostruì nel suo studio a Londra un ambiente simile a quello in cui si suppone avvenire il fatto mostrato, tanto che ancora qualche anno dopo, nel 1890, su una rivista («The Graphic») che aveva ospitato i primi lavori di Fildes, apparve una illustrazione di un altro pittore, Richard Cleaver, che riporta Fildes mentre dipinge il 15

16 16 Medici, malati, malattie e farmaci nella storia dell arte suo quadro (fig. 1.3) con sullo sfondo proprio l ambiente ricostruito. Su «The Graphic» Fildes da giovane si era occupato di pubblicare, tra le altre, il suo Homeless and hungry (fig. 1.4) che lo aveva fatto segnalare a Dickens per il quale aveva poi illustrato l ultimo suo racconto: Il mistero di Edwin Drood. Il dipinto di Fildes è stato indagato molte volte (Bordin e Polo D Ambrosio, 2009; Vigué e Ricketts, 2008, Aris 2002) come esempio quasi insuperabile del tipo di medicina che si attuava alla fine del XIX secolo: un medico vestito alla moda vittoriana è accanto al giaciglio di una bambina evidentemente figlia di poverissimi lavoratori; il materasso è posto su due sedie accostate, in mancanza di un vero letto; l ambiente denuncia il massimo di povertà possibile. Al centro del quadro, la figura, seduta e pensierosa del medico intento a scrutare ogni minimo segno sulla piccola inferma, domina la scena. Dietro, la figura del povero padre, che ha posto il suo braccio sulla spalla della madre, si perde quasi nell oscurità di fondo. La luce che promana dal lume a petrolio colpisce sia il volto assorto del medico sia quello della bambina malata, suggerendo che non tutto è forse perduto. Siamo con ogni probabilità in quello che i vecchi testi di medicina definivano il momento della crisi, specie nelle infezioni e in particolare nelle infezioni polmonari; un tempo che è quasi un crinale, dal quale può discendere sia la guarigione sia l esito fatale. Nessuno, in quel tempo, può fare (specie al tempo del quadro) quasi nulla: il medico se non cercare di cogliere qualche segno in un senso o nell altro; il padre se non affidarsi con la sua speranza all esperto cui ha delegato tutta la sua povera autorità; la madre, nel suo stereotipico ruolo femminile che accetta e invoca l aiuto di uno degli uomini presenti. Tutto è molto ben catturato e descritto, potremmo dire, dal pittore: la fronte aggrottata del medico, la sua mano sinistra che tormenta la barba, la sua forse inutile ma calma autorità (un autorità, tra l altro, che in questo caso non deriva, come diceva Maurice Blanchot, «da quel sentirsi re e regina» proprio a volte dei medici (Rowland Smith, 2010) ma, al contrario, dalla coscienza della propria pochezza e del proprio limite). L elemento più importante del quadro di Fildes tuttavia è proprio, credo, nella presenza del medico accanto alla malata e alla sua famiglia in un momento critico della malattia. In realtà, da un punto di vista propriamente medico la presenza del dottore nel momento colto dal quadro è inutile; e ci si può domandare perché il medico sia allora

17 I. La visita del dottore 17 ancora lì. Oggi nella visione molto economicista della medicina che si è affermata si potrebbe pensare che in quella situazione il medico sarebbe più utile altrove, o che almeno potrebbe esserlo. Perché allora sta lì, accanto alla malatina? In un articolo apparso su un altro giornale medico una quarantina di anni fa (Arnason, 1977) l autore, un sociologo, cambiava la scena del dipinto di Fildes: la sedia del dottore è vuota e i due sconvolti genitori si aggrappano a una cornetta del telefono, che, quarant anni dopo, possiamo a nostra volta cambiare con un cellulare. Forse, questo mutamento di scena fa allora comprendere cosa, in una medicina che in realtà poco poteva fare, faceva il dottore ; e per poco che fosse, quel pochissimo è forse migliore di quello che oggi ci viene a volte offerto. Il quadro di Fildes deve aver influenzato il giovanissimo Picasso, che a sedici anni, nel 1897, dipinge a sua volta Scienza e carità (oggi al museo Picasso di Barcellona) (fig. 1.5), premiato alla sua comparsa con una menzione onorifica, come aveva auspicato il padre del pittore, José Ruiz Blasco. Qui l atteggiamento del medico che sta prendendo il polso a una donna inferma, distesa su un povero lettuccio è abbastanza simile a quello di Fildes, ma i personaggi di contorno sono diversi. L assistenza alla malata è figurativamente resa da una suora, che porta il grande cappellone bianco che era tipico delle suore di S. Camillo de Lellis il santo infermiere (Spinelli, 2007) e ha in braccio un bambino, presumibilmente il figlio della malata. Il giovane pittore si fa portatore di una delle istanze del momento, specie nella cattolica Spagna di quegli anni alle prese con le novità che la coinvolgono: la necessità che sia la scienza che i fattori umani si uniscano per la salvezza degli uomini e delle donne. La presenza della suora che affianca il medico nel compito di assistere la malata rinforzava, specie nella società in cui il giovanissimo Picasso viveva ancora a fianco del padre, i valori morali che, non meno di quelli tecnici e scientifici, erano ritenuti essenziali per una guarigione completa. Picasso qui si mantiene ancora nell ambito delle correnti pittoriche realiste che erano presenti nel suo Paese, costruendo il dipinto secondo canoni ancora piuttosto accademici (per esempio nell uso dei colori impiegati, varianti dell ocra), ma aggiungendovi effetti luministici, ad esempio sulle pareti dell ambiente (su cui risalta, sopra il letto dell inferma, una immagine sacra, come era abituale non solo in Spagna), che risentono delle novità impressioniste. La tradizione (Vigué e Ricketts, 2008)

18 18 Medici, malati, malattie e farmaci nella storia dell arte vuole che il padre di Pablo (che come è noto era anch egli pittore, mentre lo zio era medico) abbia posato come modello per la figura del dottore e che la malata fosse una mendicante che chiedeva l elemosina in una viuzza accanto allo studio del pittore; questi le avrebbe offerto dieci pesetas per ogni seduta e avrebbe aggiunto dei dolcetti per il bambino. A pochi anni prima del dipinto di Picasso e a pochi anni dopo quello di Fildes risale un altro quadro (fig. 1.6: Monja y enferma, 1893), questo di un pittore catalano Antoni Casanova y Estorach più noto per le sue opere storiche; anche qui l assistenza al malato è svolta da una suora, come è stato abituale negli ospedali fino a non moltissimi anni fa. E sempre una suora cappellona assiste, nel dipinto (fig. 1.7) di Théobald Chartran (un francese ottocentesco, che era famoso per i suoi ritratti di personaggi illustri, ritratti che apparivano su «Vanity Fair»; non sempre erano apprezzati, tanto che quello che fece al Presidente degli Stati Uniti Theodore Roosvelt venne da questi confinato nella stanza più buia della Casa Bianca, prima di essere definitivamente distrutto e sostituito da un lavoro di Sargent) alla visita medica attuata dal famoso Laennec, l inventore (Laennec 1819) della auscultazione mediata (nel dipinto il medico ha in mano uno dei primi stetoscopi, costituito da un legno cavo). L assistenza al malato però non è solo compito delle suore: il pittore olandese Lourens Tadema, più noto come Sir Lawrence Alma Tadema, dipinge (fig. 1.8) al posto della suora una vecchina che, nella stanza accanto a quella dove una giovane ammalata si alza dal suo letto per cercare di capire se è stata lasciata sola, passa il suo tempo china su alcune carte da leggere. La visita del medico è spesso anche la visita al medico. In questo ambito si può citare almeno un dipinto: La sala d attesa del medico del russo Vladimir Makowski (fig. 1.9), vissuto nella seconda metà del XIX secolo, in cui l ambiente in cui la famigliola seduta sul divano attende di essere chiamata dal dottore per la visita al bambino il cui atteggiamento è reso magnificamente, dal rilassamento con cui si abbandona in braccio alla mamma alla tensione dello sguardo verso qualcosa che ha richiamato la sua attenzione è reso in tutta la sua sontuosità, dal parquet al tappeto alla pianta al quadro sulla parete e alla specchiera; per alcuni (Aris, 2002) la figura al centro molto russa, col robone che gli scende fino ai piedi e la barba bianca sarebbe

19 . La visita del dottore quella del medico, evidentemente uscito da suo studio per parlare con la signora cui ora si rivolge e alla quale sta spiegando, causandole una certa angoscia, quanto ha rilevato durante la visita al giovane che è rimasto sulla soglia e che potrebbe essere, oltre che il vero paziente, anche il figlio della donna. Per altri (Vigué e Ricketts, ) si tratterebbe, più correttamente anche secondo me (non è credibile che il medico parli della malattia in presenza di altre persone e per di più in una sala d aspetto), di un sacerdote o comunque di un anziano che ha accompagnato la donna e che le sta rivolgendo parole di conforto, dal momento che la sorpresa e l ansia della signora sono evidenti. Figura.. La visita medica, dal Canone della medicina di Avicenna, X secolo.

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto

Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto Collana di Psicologia a cura di Paolo Moderato e Francesco Rovetto Antonella Montano, direttrice dell Istituto A.T. Beck di Roma (www.istitutobeck.it), antropologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale,

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si

Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si Emergency Lunedì io e la mia classe siamo andati nell'aula Magna della nostra scuola. C'erano due persone; la prima persona che abbiamo incontrato si chiama Francesca, era molto simpatica; la seconda invece

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA 23 Direttore Rosario DI SAURO Università degli Studi di Roma Tor Vergata Centro Ricerche e Interventi in Psicologia Applicata (Ce- RIPA) di Latina Scuola Internazionale

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone

Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone Il mio ictus, confine di due vite: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone Franco Groppali IL MIO ICTUS, CONFINE di due VITE: Come l ho sconfitto e trasformato da ictus a coccolone autobiografia

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio A01 Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I Laboratorio Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA IN MEDICINA ESTETICA

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA IN MEDICINA ESTETICA ALBERTO MASSIRONE ROBERTO FAVERO LA DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA IN MEDICINA ESTETICA Massi_00 Pagine iniziali.indd I 18/09/2014 15.59.38 Tutti i diritti sono riservati È VIETATA PER LEGGE LA RIPRODUZIONE

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

L accompagnamento del morente in RSA

L accompagnamento del morente in RSA Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita L accompagnamento del morente Massimo Petrini Centro di Promozione e Sviluppo dell Assistenza Geriatrica Facoltà di Medicina e Chirurgia A.Gemelli

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Obiettivi Formativi del Corso di Diploma

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

Questionario Insegnante-Alunno

Questionario Insegnante-Alunno Questionario Insegnante-Alunno A cura di Silvia Spaziani (TPRI: The Teacher Pupil Relationship Inventory): modulo per lo studente di G. T. Barrett- Lennard Introduzione Godfrey T. Barrett-Lennard Ph.D.,

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa in preparazione all Incontro Mondiale delle Famiglie di Milano 2012 L IDEA - I più piccoli sono sempre i primi a gioire e sempre pronti

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

BeLL Questionario. www.bell-project.eu

BeLL Questionario. www.bell-project.eu Q BeLL Questionario www.bell-project.eu Gentile corsista, L obiettivo di questa indagine è raccogliere informazioni sulla sua esperienza di apprendimento in età adulta. Siamo interessati in particolare

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna. Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009

L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna. Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati Gorgonzola, 2009 1 La morte nella società moderna Poche

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli