Sabrina Mazzara Il marketing territoriale. Aspetti linguistici e teorici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sabrina Mazzara Il marketing territoriale. Aspetti linguistici e teorici"

Transcript

1 A10

2

3 Sabrina Mazzara Il marketing territoriale Aspetti linguistici e teorici

4 Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: novembre 2013

5 Indice 7 Introduzione 9 Capitolo I Il marketing territoriale 1.1. Elementi fondamentali di marketing territoriale, Nascita e diffusione del marketing territoriale, Marketing territoriale: partizioni, Marketing e contesto territoriale. La città come mercato: limiti, La dimensione territoriale del marketing, Territorio e scelte localizzative: la competizione tra territori., I fattori chiave nella scelta degli investitori stranieri. Premessa, I fattori di localizzazione, I fattori di localizzazione. Un approccio pluralista, Le funzioni generali del marketing territoriale, L identificazione dell offerta territoriale, L analisi delle offerte territoriali concorrenti, L individuazione della domanda territoriale, La domanda interna, Capitolo II Esempi di marketing territoriale: la città di Sheffield e il caso del Galles 2.1. La Rivoluzione Industriale nel Regno Unito: effetti sul territorio, Capitolo III Nuovi sistemi di produzione 3.1. La reazione regionale alla grande crisi, La novità delle agenzie di sviluppo, Il Galles e la WDA: i risvolti socio economici, Investimenti dall estero per superare la crisi di fine Novecento, La WDA: struttura e attività promozionale, La città di Sheffield, dall acciaio al commercio, Glossario di Marketing territoriale 141 Glossario di Marketing 5

6 6 Indice 189 Conclusioni 195 Bibliografia 233 Sitografia

7 Introduzione Il marketing territoriale è solo una delle possibili vie che i policy makers territoriali possono intraprendere per attuare lo sviluppo del territorio in chiave economica. Nato come specificazione della disciplina del marketing aziendale, che postulava la traslazione delle tecniche di marketing ad un area geografica di riferimento, il marketing territoriale si è via via affermato come disciplina a sé stante, dotata di una autonomia concettuale ed interpretativa sempre maggiore, che è stata causa ed effetto della crescente diffusione delle azioni di pianificazione territoriale, scaturenti dalle necessità di risultare vincenti in contesti di competitività tra territori geografici. Il presente lavoro intende dimostrare come l applicazione delle tecniche proprie del marketing management alla pianificazione territoriale sia necessario presupposto per raggiungere, tra gli altri, l obiettivo di attrarre nuove imprese, attività economiche, residenti, turisti, lavoratori sul territorio e/o di valorizzare l insieme delle risorse (economiche, finanziarie, umane ed ambientali) possedute, ponendo come parametro di valutazione la soddisfazione dei clienti dell impresa territorio, ovvero stakeholders e target markets. In altre parole, proponendo di attuare una nuova forma di pianificazione strategica, il marketing applicato al territorio sottolinea quanto sia importante possedere una visione globale del contesto in cui agire. In questo modo si fa riferimento, non più alla globalità esaustiva delle politiche di pianificazione territoriale tradizionali che accorpa in un unico progetto linee generali di lungo periodo e norme particolari, previsioni e strumenti attuativi, vincolando le trasformazioni future ad un contesto passato, ma, alla proposta di applicare un forte programma di trasformazione in cui siano chiaramente definiti finalità, obiettivi, settori ed aree in cui si rende necessario intervenire Il presente lavoro intende fornire in primo luogo un succinto inquadramento storico e sistematico della disciplina del marketing territoriale tramite brevi cenni storici e, soprattutto, un glossario di termini 7

8 8 Il marketing territoriale tecnici posto in appendice che si palesa di estrema utilità per una miglior comprensione delle tesi proposte. In proposito, si rileva che il marketing territoriale, come ogni altro filone di marketing, è emerso e si è sviluppato in sede accademica come una disciplina di matrice pratica, a seguito dell osservazione di prassi diffuse che hanno visto come attori e promotori dapprima i territori dell Europa coloniale e degli Stati Uniti d America a partire dalla metà del XIX secolo e poi, dopo alterne fortune e a seguito di un lungo periodo di pausa successivo al secondo dopoguerra, in tutti i Paesi industrializzati del mondo, declinandosi in specificazioni affatto differenti che hanno portato ad una elaborazione teorica ed interpretativa sempre più precisa e raffinata. In secondo luogo, il presente lavoro intende ricostruire con dovizia di fonti bibliografiche e riferimenti ad esperienze concrete i frutti attuali dell intenso lavoro ermeneutico dei commentatori, proponendo un attenta analisi dei principi fondamentali del marketing territoriale, delle sue molteplici partizioni della disciplina e delle relazioni tra queste, del contesto di riferimento in cui le politiche territoriali vanno ad esplicarsi, i soggetti attori e destinatari delle strategie utilizzate e delle tecniche migliori da utilizzare in rapporto alla tipologia di obiettivi previamente individuati, che si intende raggiungere. Infine, ci si propone di calare le affermazioni teoriche sopra richiamate e documentate in un contesto concreto, che possa realmente evidenziare i punti di forza e le criticità di una delle molteplici applicazioni pratiche della disciplina del marketing territoriale, procedendo all esame di un esperienza concreta, posta in essere nel Regno Unito ( segnatamente, in Inghilterra e in Galles), da cui capire, mediante l analisi delle azioni intraprese e dei risultati conseguiti, quali suggerimenti utili possono essere accettati e quali errori possono essere evitati per raggiungere appieno l obiettivo finale della valorizzazione e dell accrescimento della competitività interna ed esterna del territorio di riferimento.

9 Capitolo I Il marketing territoriale 1.1. Elementi fondamentali di marketing territoriale Nato negli Stati Uniti d America negli anni Settanta, e sempre più diffuso nel mondo nel breve volgere di pochi anni, il marketing territoriale (o marketing urbano, o selling the city, secondo la dicitura anglosassone), può essere definito, in linea generale, come il complesso delle filosofie di intervento generalizzato della politica territoriale urbana e delle pratiche di pianificazione territoriale. Fornire una definizione più specifica e soprattutto univoca di marketing territoriale risulta tuttavia oltremodo problematico, sia perché i commentatori si sono orientati su accezioni e definizioni più o meno estese di tale nozione, sia perché spesso il risultato pratico delle operazioni si presenta nella traduzione operativa di tali definizioni teoriche spesso quanto mai sostanzialmente divergente rispetto alle suddette elaborazioni, e anche perché l ambito di operatività, le prerogative, i limiti e le criticità del city marketing, ben definiti nelle ipotesi applicative statunitensi, hanno invece trovato significati ampi e diversificati ed interpretazioni eterogenee e divergenti dalle esperienze maturate in Europa. La dottrina, pressoché unanime 1, ha individuato l origine comune delle diverse esperienze di marketing territoriale nell estensione, variamente configurata al contesto territoriale, delle tecniche elaborate e portate all eccellenza nell ambito del marketing di matrice aziendale, che ha infatti subito nel corso degli anni una rilevante evoluzione, modificando i propri caratteri originali, secondo una linea direttrice che, partendo dall originaria impostazione marcatamente operativa, ovvero indirizzata all utilizzo dei metodi e degli 1. ASHWORTH, C.J. & VOOGD, H. (1990) Selling the City: Marketing Approaches in Public Sector Urban Planning,. London, Belhaven Press.ASHWORTH G. J. e VOOGD H., Marketing the city. Concepts, processes and Dutch application, Town Planning Review, n. 59, 1988; 9

10 10 Il marketing territoriale strumenti più adatti per migliorare la gestione commerciale, ha sempre più privilegiato la dimensione strategica della messa a punto di valori che vanno ad incidere, non solo e non tanto sulla struttura commerciale aziendale, quanto sulla vera e propria mission dell azienda. In tale linea di interpretazione, la definizione di marketing che sembra del tutto condivisibile è quella presentata nel 1985 dall American Marketing Association 2, che ha definito in linea generale il marketing come il processo di pianificazione e realizzazione delle attività di concepimento, di attribuzione del prezzo, di promozione e distribuzione di idee, beni e servizi destinati a creare scambi allo scopo di soddisfare il raggiungimento di obiettivi di individui e di organizzazioni. Detta definizione fornisce alcuni elementi fondamentali che, ancora prima del passaggio all estensione di tali tecniche sull ambiente urbano e territoriale, si pongono come utile ausilio per la ricostruzione della complessità, della problematicità e delle implicazioni politiche conseguenti all applicazione di una filosofia di marketing in contesti differenti da quello per cui tale politica è stata concepita. In primo luogo, l esplicito richiamo alla natura processuale implica necessariamente la previsione di diversi soggetti in posizione dialogica: in altre parole, nessuna politica di marketing è concepibile in termini di pianificazione normativa proveniente da un unico soggetto e dallo stesso predisposta, ma deve essere concepita come un sistema di retroazioni, determinate da fattori molteplici e diversificati, come ad esempio dalle risposte del mercato e dalle conseguenti riflessioni in termini di modifiche della proposta iniziale, che implicano un indispensabile fattore di dinamicità, cioè un continuo reciproco adattamento di almeno due soggetti 3. La connessione stabilita tra concepimento e realizzazione delle strategie di pianificazione lascia intravedere la necessità di un attuazione pratica e di un controllo continuo, prerogativa del tutto necessaria per garantire la reale efficacia delle politiche di marketing, in quanto è pacifico, ad esempio, come una politica fondata soltanto sull immagine non sia concepibile in termini di efficacia se non che seguita da 2. Tale definizione è stata riportata da W.J. STANTON e R.VARALDO in Marketing,1989, p ASHWORTH G. J. e VOOGD H., Marketing the city. Concepts, processes and Dutch application, Town Planning Review, n. 59, 1988;

11 I. Il marketing territoriale 11 politiche di prodotto. Punto centrale della definizione di marketing è tuttavia rappresentato dall eterogeneità dei soggetti ma soprattutto degli oggetti dell attività, tra i quali posizione predominante è senz altro da attribuire alle idee: il marketing ha infatti un contenuto altamente immateriale che si traduce, però, in entità materiali, poiché le idee possono avere un prezzo, possono essere promosse e diffuse in vari modi e soprattutto perché nascono fondamentalmente da un interpretazione di necessità che una fascia sociale esprime in maniera latente o comunque al cui soddisfacimento aspira, e che, di conseguenza, sono esprimibili nelle soddisfazioni di bisogni, ovvero si riscontrano nei comportamenti di acquisto e quindi di riproduzione, trasmissione e ulteriore modifica dei valori incorporati nel comportamento stesso 4. In questo senso è possibile il collegamento ed il feedback, nell ambito dello schema valori idea valori, al modo in cui funziona il circuito, cioè lo scambio fra due o più unità sociali. Proseguendo nel ragionamento, si rileva come alcuni autori 5 ritengano necessaria la sussistenza di certi presupposti al fine di consentire la realizzazione del processo di scambio di valori connessi ad un prodotto, un servizio o un idea: secondo tali autori, è necessario che un unità sociale (il soggetto attivo di marketing) si aspetti una specifica risposta da un altra unità sociale (il soggetto passivo), in riferimento ai valori oggetto di scambio che possono assumere qualsiasi natura ed il cui scambio non implica necessariamente una contropartita economica. Questa risposta deve avere un carattere probabilistico ovvero costituire un atto volontario e non obbligato, inoltre le azioni intraprese dal soggetto attivo devono essere concepite e finalizzate a suscitare la risposta specifica auspicata da questi. Tale contesto di riferimento porta necessariamente all evidenza un ulteriore elemento indispensabile per meglio comprendere la filosofia del marketing, che è costituito dalla finalizzazione delle azioni al soddisfacimento degli obiettivi di individui o di organizzazioni, ovvero degli attori del processo di scambio. In via di sintesi, dunque, si può concludere che gli elementi fondamentali per definizione del marketing sono la natura processuale e strategica, l eterogeneità dei prodotti e lo scambio che 4. BAGNASCO A., Comunità: definizione, in Parole chiave, n. 1, 1992, pp W.J. STANTON e R.VARALDO, Marketing, 1989, p W.J. STANTON e R.VARALDO, Marketing, 1989, p.39

12 12 Il marketing territoriale essi subiscono in itinere 6. La definizione sopra ricostruita, pur possedendo una propria coerenza logica ed operativa, in riferimento allo scambio sui mercati di beni e servizi tra imprese, con finalità economiche, e consumatori appare viceversa alquanto meno soddisfacente per la trattazione di casi al di fuori di questa logica e che investono ambiti che appartengono alla sfera delle scienze sociologiche piuttosto che al campo delle scienze economiche e aziendali 7. Tale definizione si riferisce al cosiddetto marketing sociale, o pubblico, ossia a quella forma di marketing attuato da Enti ed Organizzazioni no profit (aziende municipalizzate, istituti universitari particolari) al fine di stimolare e conservare l accettabilità delle prestazioni o forniture di beni e servizi da essi apprestate Nascita e diffusione del marketing territoriale Preliminarmente, è sicuramente opportuno fornire alcune informazioni in ordine alla nascita e allo sviluppo del fenomeno del city marketing e alle motivazioni sottese alla diffusione di una disciplina scientifica che, nata in versione del tutto pionieristica negli Stati Uniti d America, a metà degli anni Settanta, negli ultimi due decenni è stata protagonista di un notevole fermento, non solo a livello teorico, in termini di sistematizzazione organica della disciplina, ma soprattutto a livello pratico, con la conseguente declinazione in forme del tutto diverse a seconda dei contesti in cui le singole esperienze sono state realizzate. In sostanziale analogia ad ogni specificazione della disciplina del marketing, il marketing territoriale è dapprima emerso e, poi si è svi- 6. Bassetti P., Città: nuove forme di governo per essere competitive, Impresa & Stato, n. 27, settembre 1994; 7. Tale definizione, riportata da W.J. STANTON e R.VARALDO, op.cit., è contenuta in M. PARADISO, Marketing e territorio, Problematiche di competitività e coesione nei processi di territorializzazione, Edizioni Scientifiche Italiane, Pubblicazioni della Facoltà di Economia, Sezione Economica, Università degli Studi Del Sannio, 1999,6. 8. BATTEN D., Network Cities: flexible urban configurations for the XXIst century, in Colloquio Internazionale Ville, Entreprises et Societè a la veille du XXIe siècle, IFRESI Università di Lille, Lille, marzo 1994.

13 I. Il marketing territoriale 13 luppato in sede accademica, come una disciplina di matrice pratica 9, fondata sull osservazione di prassi ripetute, ideate, progettate, promosse, sostenute e realizzate dagli attori di un determinato territorio di riferimento. Sotto il profilo della ricostruzione storica, le prime azioni, che sarebbero poi state definite dai commentatori 10, come azioni di marketing territoriale possono essere individuate nell Europa delle Colonie, quando i mezzi di informazione della carta stampata, predominanti nel panorama mediatico dell epoca, contenevano inserzioni pubblicitarie relative ai territori da poco conquistati, o quando rinomate località turistiche promuovevano la loro immagine. In maniera non dissimile, negli Stati Uniti d America verso la metà dell Ottocento molte municipalità iniziarono a svolgere una intensa attività di comunicazione e di promozione del proprio territorio, al fine, sia di attrarre nuovi investimenti da parte di terzi, sia di stimolare il trasferimento della residenza di soggetti provenienti da altre realtà, finanche da altri Stati, tanto che già a partire dai primi decenni del Novecento il giovane Stato Americano provvedette ad istituire apposite Agenzie pubbliche per la promozione delle singole realtà. Infine, politiche di attrazione di investimenti, pur se allo stato ancora embrionale, vennero attuate anche da alcune città del Canada e della Gran Bretagna, che si era maggiormente interessata a politiche di marketing essenzialmente turistico. In Europa 11, dopo la scomparsa di tali azioni promozionali, a causa dei due conflitti mondiali e del periodo delle dittature, a partire dal secondo dopoguerra si affermarono ben presto politiche di pianificazione territoriale del tutto estranee al marketing, ritenuto spesso inadeguato ad ottenere risultati soddisfacenti. Negli anni Ottanta, tuttavia, la crisi del settore manifatturiero e l avvento di nuovi scenari economici, indusse ben presto alcune realtà territoriali europee a ricorrere nuovamente a strumenti e politiche di marketing, con particolare riguardo ai nuovi mezzi di comunicazione di massa: in Europa, particolarmente in Gran Bretagna, in Francia e in Olanda il marketing territoriale ha vissuto una grande stagione negli ultimi due 9. Baker, M. J., Macmillan dictionary of marketing and advertising, Terza Ed., London, Macmillan, M., FOLEY B., JUDD D. (a cura di), Regenerating the cities. The UK crisis and the USA experience, Manchester, Manchester University Press, 1987, pp BERRY B.J., Comparative geography of the global economy: cultures,corporations, and the nation state, in Economic Geography, n. 1, 1989, pp

14 14 Il marketing territoriale decenni del ventesimo secolo, divenendo uno strumento di pianificazione territoriale particolarmente incisivo e diffuso e suscitando un conseguente interesse accademico in materia. In Italia le politiche del territorio sono approdate quando fenomeni, quali la riforma della Pubblica Amministrazione, l integrazione europea, la globalizzazione, hanno reso necessario modificare, e di molto, l approccio di gestione del territorio. Gli autori 12 che si sono occupati dell analisi del fenomeno del marketing territoriale hanno individuato una pluralità di concause della nascita e dello sviluppo di questa nuova disciplina. Per alcuni 13 il quadro di riferimento in cui è sorto e si è sviluppato il marketing territoriale delle città è da rinvenirsi nel complesso di nuovi obiettivi e di nuove aspettative cui le Autorità deputate alla pianificazione pubblica, nel nuovo clima economico e politico, pur in un generalizzato calo di risorse ad essa destinate, sono state chiamate a rispondere a partire dagli anni Ottanta 14. In particolare, la necessità di conciliare il raggiungimento di nuovi obiettivi emergenti con l inevitabile contrazione di risorse finanziarie, destinate alla realizzazione concreta dello stesso, hanno indotto, se non costretto, le Pubbliche Amministrazioni, a tutti i livelli, a ricorrere, in misura sempre più rilevante, a prassi e tecniche di impronta tipicamente manageriale, e quindi ad utilizzare, in maniera sempre più massiva, gli strumenti del marketing, considerato una funzione principe ed indispensabile, in situazioni di mercato concorrenziale e competitivo. Altri autori 15 ritrovano nella transizione ad una società ad alta intensità di conoscenza e nell integrazione politica europea le cause principali della sempre crescente deconcentrazione spaziale, la cui gestione individua nel mercato un riferimento ed un orientamento imprescindibile; per altri 16 la crisi del manifatturiero 12. CAMAGNI R., Urban marketing as an instrument of competition between cities, in AVE G., CORSICO F. (a cura di), Atti della Conferenza internazionale Marketing Urbano, Torino, Torino Incontra, 1994, pp ASHWORTH G. J. e VOOGD H., Marketing the city. Concepts, processes and Dutch application, Town Planning Review, n. 59, 1988; 14. CAMAGNI, R. P., Il marketing urbano come strumento di competizione tra città, in Sviluppo e Organizzazione, n. 132, VAN DEN BERG, L., Urban policy and market orientation, Euricur, Erasmus University Rotterdam, n. 4, PADDISON, R., City marketing, image reconstruction and urban regeneration, in Urban Studies, Vol. 30, n.2, 1993,

15 I. Il marketing territoriale 15 che ha colpito gran parte dell Europa rappresenta la causa principale che ha originato lo sviluppo del marketing territoriale, ritenuto lo strumento ideale in grado di rigenerare l economia locale mediante l attuazione di investimenti esogeni. Secondo l autore, a partire dagli anni ottanta, l Europa ha assistito ad una sempre maggiore diffusione di situazioni di crisi dell industria primaria, che ha indotto le singole realtà locali a stimolare la crescita della competizione territoriale 17, con una conseguente scarsità di risorse presenti nelle città, costrette quindi a contendersi l attrazione di un numero sostanzialmente non infinito, anzi, limitato, di residenti e di turisti e di insediamenti aziendali nel proprio territorio. In altre parole, la concorrenza territoriale, che è stata fin dall inizio considerata la causa primaria della nascita e dello sviluppo del marketing territoriale dalla dottrina prevalente, ha dunque determinato la necessità di mettere a punto nuovi strumenti di gestione, tra cui il marketing e la comunicazione, che hanno assunto sin dall inizio un ruolo centrale. Sotto altro profilo, utilizzando l efficace espressione di places in trouble, alcuni interpreti 18 hanno individuato alcuni fattori interni ed esterni ai territori stessi che rendono necessario l utilizzo del marketing. Relativamente ai fattori interni, per detti autori, la causa principale è rappresentata dal ciclo di vita di una città, che vede naturalmente alternare periodi di crescita (city growth dynamic) a periodi di declino (city decay dynamic); le cause esterne, invece, sono da ricercarsi nel repentino cambiamento tecnologico, nella competizione globale e nei cambiamenti verificatesi entro i livelli di potere politico, non solo entro i confini statali. Altra parte della dottrina 19 ritiene che i motivi di affermazione del marketing territoriale siano riconducibili a cinque scenari che si sono affermati nella nostra epoca: la globalizzazione, che ha determinato un aumento dell interdipendenza delle aree geo economiche, l integrazione europea, il declino sociale ed ambientale, la concorrenza tra zone urbane e la particolare attenzione allo 17. DUFFY, H., Competitive cities succeeding in the global economy, in London Spon, 1995 SAS- SEN C., Le città nell economia globale, Bologna, ii Mulino, 1997, JENSEN BUTLER, C., SHACHAR, A., VAN WEESEP, J., European cities in competition, Aldershot, Avebury, KOTLER, P., HAIDER, D. H., E REIN I., Marketing Places: attracting investment, industry and tourism to cities, states, and nations, New York, The Free Press, VAN DEN BERG, L., BRAMEZZA, I., E VAN DER MEER, J., Gestione e marketing della città: l esperienza olandese, in Impresa e Stato, n. 27,1994

16 16 Il marketing territoriale sviluppo economico. Altri commentatori 20 rilevano invece due livelli di competizione territoriale in Europa: quella interurbana, inevitabilmente aggravata dal processo irreversibile dell integrazione europea, e quella intraurbana, dovuta all aumento del numero delle funzioni che la singola città è chiamata a svolgere. Secondo tali commentatori, il city marketing avrebbe tutte le capacità e le potenzialità per rispondere, contemporaneamente ed in maniera adeguata, ad entrambe le tipologie di conflitto, in forza della sua caratteristica precipua di approccio integrato. Altri interpreti 21 individuano nella concorrenza tra territori la causa prima che ha indotto le Amministrazioni territoriali ad adottare sempre più spesso strategie di marketing urbano. Secondo questi autori, l eccesso di competizione tra aree geografiche deriva da cause esterne (globalizzazione, terziarizzazione, integrazione economica e monetaria; interconnessione delle reti di comunicazione) e interne, riconducibili essenzialmente al new public management 22 e alle modifiche da esso apportate alla logica di gestione dei territori e delle Pubbliche Amministrazioni. Altri 23 indicano nel new public management e nella public governance le concause del diffondersi del marketing territoriale all interno della Pubblica Amministrazione, e considerano questo come strumento volto a generare e favorire lo sviluppo economico a livello locale, sottolineando altresì il nuovo ruolo e la mutata consapevolezza della collettività moderna, che diviene così autrice e corresponsabile di un armonico e coordinato sviluppo della propria area di appartenenza. Le cause sopra analiticamente elencate, siano esse di natura interna che di natura esterna, di fatto modificano lo scenario di mercato cui i territori devono far fronte; di conseguenza, la necessità di applicazione del marketing territoriale trova la sua ragion d essere, non solo e non tanto, nella inevitabile competizione tra territori, quanto piuttosto nella necessità di rispondere in modo tempestivo ed adeguato ai trends del 20. KRANTZ, M., E SCHATZL, L., Marketing the city, IN JENSEN BUTLER, C., SHACHAR, A., VAN WEESEP, J., European cities in competition, Aldershot, Avebury, VALDANI E., ANCARANI, F., Strategie di marketing del territorio. Generare valore per le imprese e i territori nell economia della conoscenza, Egea, Milano, MENEGUZZO, M., Dal new public management alla public governance: il pendolo della ricerca sull amministrazione pubblica, in Azienda Pubblica, n. 3, STORLAZZI, A., Management pubblico e gestione del territorio in ottica di marketing, in Economia e diritto del terziario, n. 2, 1997

17 I. Il marketing territoriale 17 mercato, tra i quali certamente la componente competitiva costituisce una variabile indipendente, determinante e significativa anche se non l unica. Altri Autori 24 concordano con tale interpretazione, rilevando che l adozione delle strategie di marketing, da parte delle principali città olandesi, è avvenuta allorché queste si sono adeguate alla modifica delle relazioni di mercato e che, se da un lato la competizione globale spiega e motiva il ricorso al marketing territoriale esterno, dall altro, la motivazione della competizione concorrenziale non giustifica il ricorso a simili strumenti nel caso del marketing territoriale di tipo interno, dove l accento sul mercato è oltremodo significativo. Alcuni autori 25 hanno portato, a sostegno delle proprie tesi, un confronto tra esperienze di marketing territoriali in Stati diversi ma assimilabili per caratteristiche economiche, sociali, storiche e culturali. Infatti, nell ambito di un confronto tra la situazione francese e quella italiana, è stato rilevato che nel territorio italiano si registra una certa assenza di competizione, mentre questa viene invece considerata come condizione preliminare per l applicazione e la diffusione del marketing territoriale nell esperienza francese, portata a confronto. Ne conviene che per l autore sarebbe, quindi, necessario individuare chiaramente poste in gioco, ovvero obiettivi, tali da determinare un mercato competitivo tra le città, anche se nella realtà dei fatti, la presunta carenza o scarsità della competizione tra territori o della percezione concorrenziale in Italia non ha pregiudicato il ricorso al marketing territoriale. In altre parole, la consapevolezza dei cambiamenti di mercato e delle necessità di governare i mutevoli e continui disequilibri territoriali, nonché la diffusione del new public management, costruiscono cause altrettanto significative, che hanno indotto le amministrazioni, pur con tempistiche e modalità del tutto differenti, ad adottare strategie di marketing. Con specifico riguardo all esperienza territoriale italiana, parte della dottrina 26 ha individuato la centralità del ruolo che spetta 24. VAN DEN BERG, L., E VAN DER MEER, J., Urban marketing in the Netherlands. An overview of its results, in AVE E CORSICO, op. cit., 1994; 25. CASELLA A., Marketing della città: premesse alla definizione e applicazione di una nuova disciplina, in Commercio, n. 60, CAVALLONE M. COLLEONI L., Il marketing degli enti locali: Criticità, strategie, operatività. Franco Angeli, Milano (1999); FERRARI S., Marketing dei distretti, Alcune riflessioni sulle applicazioni del marketing territoriale ai sistemi locali di imprese, in Sinergie, n. 52, 2000, pp

18 18 Il marketing territoriale al marketing, a seguito della mutata concezione del territorio 27 : per alcuni è da ritenersi, infatti, ormai superata la tradizionale concezione del territorio come entità da gestire soltanto negli aspetti materiali e fisici ma il territorio diventa interfaccia fisica e metafisica fondamentale all interno dei processi di sviluppo locale, viene riconosciuta cioè, l applicazione del marketing, come il passaggio necessario per adeguate politiche di governo delle risorse intangibile di un area locale. Questo riconoscimento prima, e il crescente peso assunto dalle variabili immateriali, che connotano univocamente un territorio, costituiscono, quindi, un ulteriore giustificazione per l adozione di un approccio marketing oriented Marketing territoriale: partizioni In dottrina, la metafora che identifica il territorio come impresa, ha consentito di estendere il marketing su di esso. Tale similitudine, tra le condotte d impresa e quelle dei territori, ha avviato una trasposizione di contenuti e di pratiche manageriali, determinando tuttavia una scarsa attenzione in ambito scientifico allo sviluppo di una autonomia disciplinare propria del marketing territoriale. In particolare, il background teorico di riferimento è stato individuato, pertanto, in altri filoni di ricerca del marketing quali il marketing delle organizzazioni no profit 28, il marketing industriale 29, il marketing dei servizi 30, il mar- 27. VESCI, M., Il governo del territorio: approccio sistemico vitale e strumenti operativi, Padova, Cedam, ASHWORTH G. J. e VOOGD H., Marketing the city. Concepts, processes and Dutch application, Town Planning Review, n. 59, 1988; KRANTZ, M., E SCHATZL, L., Marketing the city, IN JENSEN BUTLER, C., SHACHAR, A., VAN WEESEP, J., European cities in competition, Aldershot, Avebury, 1997; CAROLI M.G., Il Marketing territoriale, ed. Franco Angeli, Milano, 2002; CER- COLA R., Economia neoindustriale e marketing territoriale, in Sviluppo e Organizzazione, nr. 172, 1999, pp CAROLI M.G., Il Marketing territoriale, ed. Franco Angeli, Milano, PAOLI M., Marketing d area per l attrazione di investimenti esogeni, Milano, Guerini, BELLINI N. (a cura di), Il marketing territoriale: Sfide per l Italia nella nuova economia; (2000) introduzione di Riccardo Varaldo, Franco Angeli, Milano; VESCI, M., Il governo del territorio: approccio sistemico vitale e strumenti operativi, Padova, Cedam, CAROLI M.G., Il marketing territoriale, Milano, F. Angeli, 1999.

19 I. Il marketing territoriale 19 keting sociale 31, il marketing relazionale 32 e il concetto di marketable image 33. Al marketing delle organizzazioni no profit si ricorre quando la natura degli obiettivi, che un territorio si prefigge, rende questi di norma estranei alla massimizzazione del profitto. Tali obiettivi, laddove finalizzati al benessere diffuso di un area geografica, rientrano nell ambito disciplinare del marketing sociale, il quale si propone di indurre nel target individuato lo sviluppo di attitudini e comportamenti etici e di rilevanza collettiva nel lungo termine. Il marketing industriale costituisce un ulteriore riferimento teorico di sicura rilevanza ai fini dell analisi: l attrazione di investimenti prevede, infatti, il ricorso a strategie e politiche tipiche del mercato tra aziende. In questo settore, la scelta di localizzazione è, infatti, frutto di decisioni tipiche del comportamento d acquisto, poste in essere dall acquirente industriale, il quale si trova di fronte alla necessità di valutare la complessità e l elevato valore del prodotto, la frequente irreversibilità della decisione e l elevata interdipendenza tra i contraenti nel corso del processo negoziale, spesso di lungo periodo. Il marketing dei servizi costituisce un utile piattaforma teorica nelle ipotesi in cui l obiettivo sia rappresentato dalla gestione dei servizi di pubblica utilità per i cittadini e per i turisti 34. Tale disciplina specifica trova la sua ragione d essere anche a seguito della diffusione delle agenzie di sviluppo locale, considerate come la massima espressione di organismi dediti al servizio delle imprese da attrarre e/o insediate in una località 35. Un filone particolarmente fertile è senz altro costituito dal marketing relazionale, vero e proprio paradigma di marketing 36 ; secondo i commentatori che attribuiscono 31. ASHWORTH G. J. e VOOGD H., Marketing the city. Concepts, processes and Dutch application, Town Planning Review, n. 59, 1988; PADDISON, R., City marketing, image reconstruction and urban regeneration, in Urban Studies, Vol. 30, n.2, 1993, CAROLI M.G., Il marketing territoriale, Milano, F. Angeli, CAROLI M.G., Il marketing territoriale, Milano, F. Angeli, 1999; VESCI, M., Il governo del territorio: approccio sistemico vitale e strumenti operativi, Padova, Cedam, ASHWORTH G. J. e VOOGD H., Marketing the city. Concepts, processes and Dutch application, Town Planning Review, n. 59, CARDINALE B., Barriere geografiche e mobilità in Italia, Milano, F. Angeli, CARDINALE B., Nuove prospettive di localizzazione: le opportunità del marketing territoriale, in Atti del Congresso Geografico Italiano, Roma, BERRY B.J., Comparative geography of the global economy: cultures,corporations, and the nation state, in Economic Geography, n. 1, 1989, pp. 1 18Berry, 1983; HANKINSON, G., Location

20 20 Il marketing territoriale prevalenza a questo filone interpretativo, infatti, la dimensione relazionale nel caso del territorio assume una rilevanza elevata, fino a costituirne vero e proprio punto di forza e vantaggio competitivo. L offerta territoriale ha, infatti, natura sistemica: il valore territoriale, o capitale sociale territoriale, risulta dalla sommatoria di fattori tangibili ed intangibili, di componenti ambientali, infrastrutturali ed antropiche, tra loro interdipendenti e pertinenti a differenti stakeholders ed attori locali 37, con la conseguenza che l individuazione e la gestione di simili relazioni costituiscono, quindi, la sfida principale per il marketing del territorio. Infine, nell attuale sistema economico, la diffusione capillare dell ICT coinvolge inevitabilmente i territori, che, pertanto, dovranno far riferimento anche alle strategie e alle politiche di internet marketing 38. La riconduzione del marketing territoriale a filoni di marketing già consolidati, a livello di comunità accademica, se da un lato, ha sicuramente il privilegio di inquadrare il marketing territoriale all interno della più ampia famiglia del marketing, al fine di conferire ad esso autorevolezza e legittimazione scientifica, dall altro sembra voler eludere lo sforzo scientifico finalizzato alla definizione di un impianto concettuale di esclusiva pertinenza del marketing territoriale stesso. La ricerca di connessioni con riferimenti teorici consolidati sembra prevalere sull indagine e sulla descrizione di ciò che differenzia e qualifica l analisi interpretativa e, di conseguenza, la tipologia di strumenti di marketing richiesti dal territorio ed efficaci per lo stesso, dal momento che il riferimento concettuale al marketing varia sensibilmente a seconda della concezione del territorio e del target con cui lo stesso interagisce, dando così la possibilità di un analisi Branding A Study of the branding practice of 12 English Cities. In Journal of Brand Management, 2002, Vol. 9 No. 2, pp ; GROONROSS, C., From marketing mix to relationship marketing: towards a paradigm shift in marketing, in Management Decision, 32 (2), 1994 MORGAN, R. M., e HUNT, S. D., The commitment trust theory of relationship marketing, in Journal of Marketing, n. 58, 1994; PECK, H., PAYNE, A., CHRISTOPHER, M., CLARK, M., Relationship marketing: strategy and implementation, Oxford, Butterworth Heinemann, 1999; EGAN, J., Relationship Marketing, Harlow, Financial Times Prentice Hall, 2001; 37. COSTABILE M., LANZA A., Il Marketing dei contesti territoriali: il potenziale di differenziazione del capitale sociale, in E. VALDANI e F. ANCARANI, Strategie di Marketing del territorio, Milano, EGEA, 1999; VESCI, M., Il governo del territorio: approccio sistemico vitale e strumenti operativi, Padova, Cedam, PREMAZZI, K., Cyber marketing territoriale: l attivazione di un sito web per la valorizzazione del territorio, in Micro & Macro Marketing, n. 2, 2001,

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO?

IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Liuc Papers, n. 214, Serie Economia e Istituzioni 21, marzo 2008 IL MARKETING TERRITORIALE: UNA LEVA PER LO SVILUPPO? Sergio Zucchetti Indice Premessa pag. 1 Introduzione pag. 4 1. Sviluppo storico del

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli