vostro animo al Suono Sacro perché guidi e illumini il nostro cammino», recitò con solennità. «Posso iniziare, nobile Signore?», chiese, fissandolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "vostro animo al Suono Sacro perché guidi e illumini il nostro cammino», recitò con solennità. «Posso iniziare, nobile Signore?», chiese, fissandolo"

Transcript

1 8 Il dono «Non è necessario!», disse Mazdraan, raggelando con uno sguardo autoritario il capo della scorta che aveva tentato di accompagnarlo fino al Santuario. Detestava essere seguito passo passo notte e giorno! Gli sembrava d'essere ritornato ragazzo, quando suo padre, per essere certo che non gli saltasse più in mente di fuggire dalla Casa dell'armonia, gli aveva messo alle costole due guardie. Mazdraan s'incamminò sul ponte scrutando la riva dell'isola: Tyrnahan e la neofita erano già là. L'anziano Magh rimirava con sguardo assorto l'altra sponda del fiume: sembrava concentrarsi per raccogliere la sua forza in vista dello scontro. Mazdraan si lasciò sfuggire un sorriso crudele: Tyrnahan ignorava che l'armonia non gli sarebbe servita a nulla questa volta. Affrettò il passo, percorrendo velocemente l'ultimo tratto del ponte: come sempre il piacere della sfida lo eccitava a tal punto da scatenare in lui un parossismo simile a quello sessuale e non vedeva l'ora che giungesse l'attimo cruciale. «Che il Suono Sacro ti illumini, Magh», esordì, chinando leggermente il capo in segno di rispetto. «Ti ringrazio per aver mantenuto fede alla tua parola», aggiunse sorridente. Tyrnahan annuì rivolgendogli un'occhiata carica di sarcasmo. «Tu devi essere Fahryon, la neofita che ha soccorso la mia compagna e aiutato mia figlia a venire al mondo. Desidero ringraziarti per tutto ciò che hai fatto per lei e per Xhanys», mormorò dolcemente. Mentre indugiava a osservare i tratti delicati della neofita, le prese la mano stringendola fra le sue. Fahryon, incantata dal sorriso seducente e dalla vellutata voce di Mazdraan, balbettò alcune parole incoerenti, così intimidita da non comprendere una sola parola di ciò che le stava dicendo; ma alla fine incrociandone lo sguardo gelido, trasalì lasciandosi sfuggire un'esclamazione di stupore. Era proprio lui: il fantasma che da giorni turbava i suoi sonni. Mazdraan la fissò inarcando appena il sopracciglio, ma continuò a sorridere come se non fosse successo nulla. «Vogliamo entrare?», chiese poi gentilmente a Tyrnahan. Il Magh, dopo aver fatto segno alla nutrice di affidare la bambina a Fahryon, varcò la soglia della cappella. Un raggio di sole vi penetrava dalla feritoia della parete esterna, colpendo il centro della piccola vasca e Tyrnahan si sistemò in modo che la luce si riflettesse sulla sua pietra di luna. «Fahryon mettiti alla mia sinistra, leggermente in diagonale e tu, nobile Signore, alla mia destra. Durante il rito, fate in modo di rimanere sempre all'interno dell'ottagono, il sacro simbolo che esprime l'equilibrio degli opposti, quell'armonia di cui noi abbiamo bisogno per udire la Vibrazione del Suono Sacro del Mondo. Aprite i vostri cuori, svegliate la vostra mente e affidate il

2 vostro animo al Suono Sacro perché guidi e illumini il nostro cammino», recitò con solennità. «Posso iniziare, nobile Signore?», chiese, fissandolo fieramente. «Quando desideri, Magh», gli rispose Mazdraan con un sorriso squisito, ma smentito dall'espressione glaciale dei suoi occhi. Fahryon li guardò turbata. Tyrnahan aveva posto in lei tutta la sua fiducia, ma non le pareva affatto d'avere la forza necessaria per aiutarlo nel rito d'imposizione del nome. Anzi, se avesse potuto, sarebbe scappata via talmente quella tensione la terrorizzava. Era così forte da essere palpabile, poteva stringerla nelle sue mani, ma incombeva anche sul suo cuore e, serrandolo in una morsa, la soffocava. Vide la pietra di luna al centro dell'uroburo del Magh brillare e il suo orecchio fu colpito dal suono che sembrò materializzarsi intorno alla sua figura, guizzare e saettare attorno a lui per unirsi alla sua voce, che s'innalzava vibrante e sonora sotto la volta della cappella, e poi scomparire in un lampo. La sua Armonia lo avvolse in una trama di suoni puri e luminosi, protendendosi poi verso di lei in un abbraccio. «Canta, Fahryon!», la esortò. «Lascia che la tua voce si libri nelle sacre sillabe dell'inno e abbandonati senza timore al Suono Sacro. Scaccia i timori e i pensieri dalla tua mente, libera il tuo cuore dal peso delle fatiche umane e il tuo animo percepirà il Suono che non è mai stato emesso ma che è. La Sua Vibrazione scorre dentro di te e attorno a te e, risuonando in unione con essa, sveglierai la tua Armonia, giungendo al confine ultimo della Sua manifestazione. Davanti a te si dischiude il cammino della Conoscenza del Mistero della Sua Legge: è un cammino arduo, perché ognuno di noi ha i suoi mostri da combattere e da vincere, ma è dentro te stessa che dovrai guardare per trovare il mezzo di sconfiggerli. «Io... io non... non ti capisco, Magh,...», balbettò Fahryon. «Non ha importanza ora, figliola, capirai. Tu celebrerai il rito d'imposizione del nome da sola e non occuparti di niente altro. Qualsiasi cosa succeda, non distrarti dal rito, Fahryon, ricorda che me lo hai giurato. Io... io devo...», sussultò sentendo una strana pressione sulla sua mente. «Non scordarlo mai,... È là dove tutto ha avuto inizio che troverai le risposte. Che il Suono Sacro protegga e illumini i tuoi passi, Fahryon», aggiunse staccandosi precipitosamente da lei. A Tyrnahan pareva che, poco per volta, una nebbia s'infiltrasse nella sua mente, oscurando la sua capacità di vedere, percepire, pensare e, nel medesimo tempo, un bagliore sinistro tagliava a tratti l'oscurità della sua mente offuscata, accecandolo e confondendolo ancora di più. Stava cadendo in preda all'affanno come un neofita alle prima armi quando, per allontanare il senso di oppressione al petto e di paura che lo stava invadendo, sarebbe bastato concentrarsi sull'inno e sulla sua voce; eppure, più si sforzava e più perdeva il controllo della sua Armonia, mentre il timbro risuonava sempre più debole, appannato e sordo. A un tratto, la voce gli si spezzò in gola in un rantolo che lo soffocò. Pervaso dalla disperazione, si arrese con un grido lamentoso all'inquietante e insopportabile

3 rumore che gli faceva scoppiare la mente e, barcollando, si ritrasse inconsciamente dall'ottagono. Non poteva più invocare il Suono Sacro del Mondo e non ne sentiva più la presenza! Il Suono Sacro lo aveva abbandonato! «Siamo finalmente tu ed io, Tyrnahan», esordì la voce di Mazdraan in tono compiaciuto e scanzonato. «Non è una condizione piacevole, vero? Eppure, non dipende che da te migliorarla o farla cessare del tutto: rispondi alle mie domande e questo tormento cesserà all'istante», aggiunse, allentando la pressione per lasciarlo parlare. «Perché fai tutto questo, Mazdraan? Cosa speri di ottenere?», domandò Tyrnahan. «Non ti è sufficiente sapere cosa ti ha detto Xhanys?», ribatté con finto stupore Mazdraan. «O forse ciò che hai visto tu stesso nella visione che hai avuto con la ragazza, non era abbastanza eloquente?». «Xhanys sosteneva che tu vuoi il potere assoluto sul Suono Sacro», rispose Tyrnahan. «Che cosa potrei desiderare d'altro? Ho tutto ciò che desidero e che il mio rango può offrirmi», disse Mazdraan con una sfumatura di tedio nella voce. «Perciò, perché non impegnarmi nella ricerca proibita da Sahrjym per raggiungere ciò che ogni uomo in fondo al suo cuore vuole: il potere sugli altri, sul Mondo, sul Tempo, ma non quello apparente e volubile della sovranità, ma quello assoluto che si può ottenere andando oltre alla Legge del Suono Sacro». «Sei un pazzo se speri di riuscirci», affermò Tyrnahan con veemenza. «Davvero? È per questo che tu ora sei in balia del mio potere, totalmente incapace di reagire?», domandò sarcastico Mazdraan. Tyrnahan si lasciò sfuggire un lamento di dolore mentre si piegava in due: il suo stomaco, come se fosse stato colpito da un pugno, si contorse e in bocca salì l'aspro gusto della bile. Sollevando nuovamente il capo, chiuse istintivamente gli occhi per ripararsi dal bagliore che proveniva dal medaglione di Mazdraan, ma poi si costrinse a riaprirli per osservarlo con attenzione: nessun raggio di sole colpiva il cristallo al centro del medaglione, eppure scintillava di una luce maligna che sembrava inghiottire in una pulsante voragine oscura e silenziosa la sua Armonia. Tyrnahan tentò ancora di concentrarsi, ma lo sforzo lo lasciò più prostrato di prima. «Non puoi né fare né dire nulla: m'appartieni e io posso fare di te ciò che desidero», mormorò ancora Mazdraan. «Tu non puoi nemmeno immaginare quale intensa sensazione di soddisfazione e piacere io provi nel saperti completamente in mio potere! Non avrei mai sperato di potermi prendere questa rivincita sull'uomo che aveva tentato d'allontanarmi dall'ordine accusandomi di non avere né la rettitudine morale, né l'integrità spirituale, né l'attitudine mentale per portare la veste di Magh e l'uroburo. Averti privato dell'affetto di Xhanys è già stata una vittoria, ma averti nelle mie mani è il coronamento del cammino

4 che ho intrapreso per affrancarmi dai mortificanti anni trascorsi alla Casa dell'armonia!». «È quel cristallo a generare la Malia?», biascicò Tyrnahan tentando di concentrarsi per non perdere quel poco di lucidità che ancora gli rimaneva. «Ti tenterebbe possederne uno uguale?», domandò Mazdraan con fatua curiosità. «Non cercare di distrarmi con le tue ironiche osservazioni: sono caduto nel tuo tranello ieri ma sperare di condurre quel gioco con me due volte è un insulto alla mia intelligenza e... anche alla tua, non credi?», rispose Tyrnahan con fierezza. «La mia Armonia è attirata dalla pietra, quindi te ne servi o per alimentare o per creare la Malia», dedusse. «Hai perfettamente intuito la verità», confermò Mazdraan sorridendo. «Acquisendo l'armonia degli altri, la mia Malia si rafforza e diventa più potente. Una volta che mi fossi stancato di Xhanis, avrei preso anche la sua ma, purtroppo, la sua Armonia si è ricongiunta al Suono Sacro. Un vero peccato, perché mi sarebbe stata sicuramente utile», osservò con rammarico. «Come puoi...», fremette Tyrnahan furente con voce soffocata dall'indignazione e dal dolore, «... come puoi parlare con questo tono di disprezzo e indifferenza della donna che ti ha amato al punto da sacrificare tutto per diventare la tua compagna, la madre di tua figlia?», esplose sdegnato. «Xhanys mi ha fornito il mezzo per coronare il mio piano», rispose Mazdraan con sincerità, osservando con soddisfazione l'effetto devastante che quella frase avrebbe prodotto sul suo avversario. «Ora che sai la verità, la tua sete di sapere è soddisfatta?», chiese con una sfumatura melliflua nella voce. «No, la mia sete di sapere non è soddisfatta», disse Tyrnahan aggrappandosi freneticamente a quel pensiero per non mettersi ad urlare in preda al dolore. «Come hai potuto trasformare la tua Armonia in Malia? Dove hai trovato i canti che ti hanno permesso questo cambiamento? E come funziona la Malia?», domandò. «Oh, in quanto a questo non si tratta affatto di misteriosi inni sacri o formule segrete rinvenute chissà come», rispose Mazdraan con sufficienza. «È la volontà dell'uomo ad animare il cristallo e a determinare la natura della magia. Mi è stato sufficiente volerlo e il cristallo mi ha obbedito, compiendo l'incantesimo che io volevo. Non è poi così complicato, ti pare?», concluse con uno sbuffo d'impazienza. «Allora, cosa cerchi ancora? Che cosa manca alla tua Malia?». Tyrnahan sviava continuamente il discorso, come se cercasse di prendere tempo, osservò Mazdraan diffidente. L'anziano Magh non era uno sprovveduto e sapeva benissimo che il duello fra loro due non si sarebbe certo risolto in un semplice confronto verbale: perché allora poneva tutte quelle domande?

5 «Perché non vuoi rispondermi? «, insistette il Magh per vincerne la reticenza. «Come tu stesso hai detto, sono completamente inerme e non potrei andare a raccontarlo a nessuno». «Su questo non c'è alcun dubbio!», esclamò Mazdraan divertito ma al tempo stesso stuzzicato dall'interesse di Tyrnahan. «Davvero non riesci ad immaginare cosa mi manca?», chiese in un tono pungente. «La visione di Xhanys non era abbastanza eloquente? E la tua? Vorresti farmi credere che non sei riuscito a decifrare una visione? Proprio tu? Il Magh più dotato di tutto il regno?», lo punzecchiò. Tyrnahan però tacque imperterrito per non dargli la conferma d'avere avuto una visione sul futuro di sua figlia. Inoltre, sapeva che Mazdraan non avrebbe resistito al piacere di giocare con lui: la lotta gli piaceva troppo. «D'accordo: accontenterò la tua curiosità, in fondo ne hai anche diritto», gli concesse, infatti, Mazdraan, elargendogli un sorriso scanzonato. «La risposta che cerchi viene da lontano, dal tempo di Sahrjym per essere esatti. Il Grande Re nelle cronache del regno si «scordò» di menzionare il Cristallo che lui aveva trovato e grazie al quale aveva portato la Sintonia nel mondo. Una parte di quel particolare e unico Cristallo che gli apparteneva mi è stata amorevolmente donata: solo che ha un «piccolo difetto» e, così com'è, il suo potere è incompleto». «Il cristallo di Sahrjym?!», mormorò incredulo Tyrnahan, annientato da quella rivelazione. «Qual è il «piccolo difetto» del cristallo, Mazdraan? Perché il cristallo del Grande Re ha un difetto? E la bambina? Cosa c'entra lei in tutto questo? Che cosa rende così speciale la bambina di Xhanys?», domandò affannosamente. «Ah! Quante bizzarre curiosità nutri, saggio maestro!», sogghignò Mazdraan, mentre una leggera sfumatura ironica incrinava appena la sua voce affascinante. «No, dimmi,... perché?», balbettò Tyrnahan. «Perché t interessa quella bambina?», insistette ancora. «Quello è un mio piccolo segreto e, a proposito di segreti... io mi sono mostrato gentile e comprensivo, compiacendo la tua curiosità e giocando al tuo gioco, Tyrnahan; tu ora soddisfa la mia», celiò Mazdraan con grazia. «Voglio sapere cos'è successo alla locanda: questa bambina è veramente mia figlia?», domandò. Tutto a un tratto l'elegante tono faceto era scomparso, cancellato da un soffio di fredda determinazione. «Preferisci che sia la tua neofita a dirmi la verità, Tyrnahan? Credi che potrebbe reggere un simile scontro?», domandò beffardo. «Tu, piuttosto, sei sicuro che quella non sia tua figlia?», ribatté Tyrnahan battagliero. «Dimentichi che Fahryon in questo momento sta celebrando il rito d'imposizione del nome e qualsiasi cosa succederà a lei, di riflesso colpirà anche la piccola che è legata dall'armonia alla celebrante del rito. È per questa ragione che gliela ho affidata. Tu hai assolutamente bisogno della bambina ma se

6 Fahryon tenesse in braccio la tua vera figlia, tutto ciò per cui hai lottato fino ad ora sarebbe vano». L'ira di Mazdraan traboccò e Tyrnahan, soffocato dagli spasmi del dolore e attanagliato dal terrore, boccheggiò. Il cuore, che poco prima sembrava in procinto di fermarsi, prese a battere in maniera incontrollata. «Quanto e cosa sei disposto a rischiare per obbligarmi a parlare?», aggiunse. La sua voce, vibrante di sfida mista a trionfo, morì in gemito di sofferenza, mentre la furia del suo nemico si riverberava con smisurata violenza in tutte le parti del suo corpo. «Sei un vecchio testardo, Tyrnahan, ma se tu mi dicessi la verità, questo finirebbe all'istante e non dovresti avere nemmeno timore per Fahryon: giuro che non le farò assolutamente nulla», insinuò Mazdraan. «Tu puoi salvare Fahryon», mormorò con voce sempre più suadente. «Fahryon...», ripeté Tyrnahan, ammaliato da quell illusione. «Non puoi preferire questa sofferenza, la morte pur di mantenere il tuo stupido segreto», aggiunse Mazdraan mentre Tyrnahan, vinto e soffocato da un'ondata di nero Silenzio, si afflosciava a terra. «Sarei persino disposto a rinunciare alla tua Armonia, se tu mi rivelassi la verità. Non sono poi così irragionevole», gli fece notare in tono conciliante. «Via, Tyrnahan! In fondo la mia offerta è generosa: la vita di voi due, la tua magia in cambio solo di una piccola conferma. La vita di Fahryon e la tua Armonia», sussurrò accattivante. «Tu non manterrai mai la tua promessa, Mazdraan! Non potresti», si ribellò Tyrnahan, dibattendosi sfinito nell'acqua. «Tu hai già compiuto liberamente la tua scelta e seguirai il cammino che hai tracciato per te. Lascia che io segua il mio: ho consacrato la mia intera vita all'armonia e non mi allontanerò dal cammino della Conoscenza». Dove l'avevano portato le sue scelte e il suo cammino? Aveva tentato di allinearsi alla volontà del Suono Sacro in ogni istante della sua vita, grato del dono che gli era stato fatto, ma consapevole che era per servirlo e non per nutrire la sua personale ambizione. Eppure, si sentiva sconfitto, come se Mazdraan, impadronendosi della sua Armonia, gli avesse portato via tutto ciò in cui aveva sempre creduto, tutto ciò in cui aveva sempre sperato, tutto ciò per cui aveva sempre lottato. Lui, però, non voleva morire così, travolto da quello spaventoso Silenzio, perso nell'oscurità e imprigionato per sempre in quella condizione aberrante, in cui l'anelito a quella parte di sé che aveva perso, non si sarebbe mai placato. Voleva ancora un'ultima volta unirsi al Suono Sacro del Mondo, abbandonarsi alla Sua Vibrazione, sentirla scorrere libera in lui, provare l'ebbrezza della comunione con quei suoni brillanti, cangianti e luminosi! A quella vibrante protesta, una debole vibrazione armoniosa prese corpo in lui, stagliandosi sul buio baratro di sofferenza. A un tratto, la sua pena parve attenuarsi, trovando un istante di sollievo in quel vago suono che, tremante e incerto, aveva brillato nel suo cuore illuminando fuggevolmente il suo animo. Il

7 Silenzio e l'oscurità all'improvviso sembrarono essersi fatti meno minacciosamente presenti nella sua mente. Si sentiva meno oppresso e in lui rinasceva un barlume di lucidità e di volontà, constatò Tyrnahan appigliandosi, come un naufrago, a quella minuscola fonte melodiosa che sentiva sgorgare in lui e crescere sempre di più. La Malia lo aveva indotto a credere di non potere più percepire il Suono Sacro del Mondo, spezzando l'equilibrio del suo corpo e del suo animo! Ora sentiva di nuovo la Sua Vibrazione scorrere in lui e, poco per volta, liberarlo dalle spire della Malia. A una a una, le sensazioni di gioia e d'esaltazione che aveva sempre provato durante l'unione con il Suono Sacro, tornarono alla luce nella sua coscienza. Il respiro poco per volta ridivenne ampio e regolare mentre la sua voce echeggiava di nuovo potente e sicura, risplendente di metallici riflessi di bronzo. La pietra di luna fiammeggiò e, vibrando in accordo con lui, richiamò la sua Armonia imprigionata nel cristallo di Mazdraan. La furia di Mazdraan, però, tornò a premere implacabile contro lo scudo della sua Armonia e Tyrnahan si rese conto che non avrebbe mai potuto contrastare il potere del cristallo di Sahrjym, volto alla Malia. Gemette disperato: non voleva che Mazdraan, impadronendosi della sua Armonia, diventasse più potente ancora. La sua Armonia... la sua Armonia era per Fahryon! Quello era il significato delle ultime parole di Xhanys: il suo compito non era fronteggiare Mazdraan, ma proteggere Fahryon e offrirle il mezzo per compiere il suo cammino. La ragazza rappresentava la possibilità di un futuro, in cui le sue speranze, i suoi sogni, tutto ciò per cui lui si era battuto per tutta la vita, si sarebbero potuti realizzare. Allora, Tyrnahan protese la sua Armonia alla ricerca dell'unione con quella di Fahryon che, sentendosi lambire da quel tocco familiare, vi si affidò felice. Il Suono Sacro li avvolse, creando nell'aria luminose note risplendenti che formarono un ottagono, mentre una melodia ineffabile scaturiva dalla concordanza armoniosa degli opposti, equilibrio di Suono e Silenzio, Luce e Oscurità. Tyrnahan indugiò, abbandonandosi commosso per alcuni istanti alla dolcezza e alla bellezza di quella sensazione di comunione che lo ripagava di tutte le sofferenze patite, aggrappandosi alla voce di lei per trovare il coraggio di compiere il passo che sapeva essere necessario e poi, di colpo, smise di cantare per troncare ogni legame che lo teneva unito alla sua Armonia e a Fahryon. Sconvolto dal repentino senso di mutilazione che si era impadronito di lui, rimase immobile e boccheggiante alcuni istanti. Poi, alzò lo sguardo verso Mazdraan, pronto ad affrontare la conclusione del suo cammino. «Ecco, Mazdraan. Non era questo che aspettavi con impazienza? Sapevo che venendo qua sarei dovuto morire, ma ora so che non sarà inutile e sono pronto ad affrontare la conclusione del mio cammino», affermò con fierezza. «È la tua scelta, Tyrnahan, il tuo cammino e tu andrai in eterno alla ricerca dell'equilibrio di quel Suono e di quel Silenzio che non potrai mai udire e provare», rispose glaciale Mazdraan, mentre la Malia prorompeva dal Cristallo.

8 A un tratto, l'immagine di Fahryon e il ricordo del calore della loro unione si dissolsero dentro di lui, cancellati dallo sguardo glaciale del suo nemico. Un agghiacciante Silenzio e una profonda Oscurità scoppiarono in un boato, privando la mente di Tyrnahan d ogni facoltà, soffocando il suo cuore nella disperazione più assoluta e gettando il suo animo nell'assenza di ogni percezione. Travolto, cadde a terra, sollevando spruzzi dall'acqua della vasca, ma sempre confidando che il Suono Sacro anche quella volta avrebbe accolto la sua preghiera e l'uroburo, il simbolo che rappresentava il mistero della Sua Legge, l'avrebbe protetto dalla Malia. Il Tempo per lui si stava arrestando, era l'ora per lui d'abbandonare la continuità del divenire, di lasciare la sua condizione umana per annullarsi nel Mistero del perfetto equilibrio del Suono Sacro, racchiuso nell'uroburo. In risposta al suo ultimo appello, la pietra di luna brillò ancora, vibrando debolmente prima di sgretolarsi, trasformandosi in una polvere sottile che l'aria lievemente sollevò: il Suono Sacro la prese plasmandola in un lucente ottagono di suoni che prese fuoco, ricadendo poi in una cascata luminosa nella vasca sacra e infine il flusso dell'acqua della sorgente la trascinò con sé. Un'espressione d'ineffabile felicità comparve sul volto di Tyrnahan: il Suono Sacro lo sciolse dalle catene del Silenzio e dell'oscurità e la sua mente si spense lentamente nella creatrice vibrazione luminosa del Suono Sacro del Mondo, aprendosi al mistero della Conoscenza della Sua eterna Legge.

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia. Corso di Psichiatria. Massimo Piccirilli Facoltà di Medicina e Chirurgia Università di Perugia Corso di Psichiatria Massimo Piccirilli Psichiatria branca della medicina che tratta della prevenzione, diagnosi e cura delle malattie mentali E difficile

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Voci dall infinito. richiami per l Anima

Voci dall infinito. richiami per l Anima Voci dall infinito richiami per l Anima Copertina di Rocco Vassallo. Disegni di Mario G. Galleano. Mario Giovanni Galleano VOCI DALL INFINITO richiami per l Anima www.booksprintedizioni.it Copyright 2013

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Parola della Grazia Worship Team Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Ti servirai di me ( 2006 Giovanni Di Sano & Marta Cascio) Verse Sol#Min Si5 Fa#5 Mi Mio Signore Mio Salvatore Fatti Conoscere Sol#Min

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti

Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti Il giardino segreto Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti Titolo originale: The Secret Garden Traduzione di Angela Restelli Fondelli 1956 Fratelli Fabbri Editori, Milano 2000 RCS Libri S.p.A., Milano

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli