MIGRAZIONE POST-NUZIALE DEL TORDO BOTTACCIO (Turdus philomelos):

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MIGRAZIONE POST-NUZIALE DEL TORDO BOTTACCIO (Turdus philomelos):"

Transcript

1 FONDAZIONE EUROPEA IL NIBBIO MIGRAZIONE POST-NUZIALE DEL TORDO BOTTACCIO (Turdus philomelos): 72 ANNI DI DATI ( ) ALL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (COMO) a cura di Silvia Capasso in collaborazione con Paola Magnani

2 Contatti OSSERVATORIO ORNITOLOGICO FEIN via Cascina Perego n. 1, Arosio (CO) Tel Fax Web Site SILVIA CAPASSO Dott.ssa in Scienze Naturali Indice: 1. Introduzione La FEIN e l Osservatorio Ornitologico di Arosio L inanellamento scientifico Scopo del presente report 2. L area di studio e l impianto di cattura 3. La specie: il Tordo bottaccio (Turdus philomelos C.L. Brehm, 1831) Introduzione Geonemia e fenologia Migrazione in Italia Status e minacce 4. Analisi della migrazione del Tordo bottaccio all Osservatorio Ornitologico di Arosio Catture del 2012 Andamento delle catture nel corso dei 72 anni Giorni di massima cattura nel corso dei 72 anni Andamento delle catture per decade Age-ratio Analisi delle ricatture 5. Altre ricerche condotte ad Arosio sul Tordo bottaccio Bibliografia Pagina 2

3 1. INTRODUZIONE La FEIN e l Osservatorio Ornitologico di Arosio La Fondazione Europea Antonio Bana per la ricerca ornitologica sulle migrazioni e per la tutela dell'ambiente - IL NIBBIO (FEIN) - Onlus è stata fondata nel 1988 allo scopo di studiare e di promuovere iniziative atte a contribuire alla conservazione della fauna e degli ambienti naturali. La FEIN gestisce l Osservatorio Ornitologico di Arosio (Como) in Lombardia, dove dal 1977 viene praticata una costante e standardizzata attività di inanellamento a scopo scientifico che ha permesso di inanellare oltre uccelli. Numerosi ad Arosio sono anche i dati antecedenti il 1977; l Osservatorio, infatti, nasce dalla trasformazione di un antico roccolo, di cui si hanno testimonianze storiche già dal 1710; fino al 1957 veniva praticata attività di caccia con le reti, dal 1958 al 1976 è stato praticato l inanellamento, non ancora controllato e coordinato, infine dal 1977 è intrapresa una costante e standardizzata attività di inanellamento a scopo scientifico. Dal 1941 al 2012, cioè per ben 72 anni, l attività di cattura è stata continua e costante (fatta eccezione per l anno 1969 di vuoto legislativo), in particolare nel periodo di migrazione autunnale l impianto, costituito a pieno regime da circa 700 metri di mist-nets, è stato sempre attivo dal 4 agosto al 31 dicembre. Per le attività di ricerca e di studio ai fini ambientali svolte all Osservatorio Ornitologico e per il complesso arboreo di Arosio la FEIN nel 2006 ha ottenuto il riconoscimento EMAS Environmental Management and Audit Scheme (registrazione n. IT ). Il Presidente FEIN, Avv. Giovanni Bana, con Domenico Conti e Walter Sassi (collaboratori dell Osservatorio Ornitologico FEIN), mentre consultano lo storico registro delle catture (foto: Matteo Zanga). Pagina 3

4 L inanellamento scientifico L inanellamento è una tecnica di ricerca basata sul marcaggio individuale degli uccelli e rappresenta un metodo efficace per studiare la biologia e l ecologia delle varie specie. Il primo inanellatore della storia è stato l ornitologo danese H.D. Mortensen, che nel 1889 appose alla zampa di alcuni storni degli anelli metallici da lui costruiti, sui cui aveva impresso un numero progressivo ed il proprio indirizzo postale. Da allora l inanellamento si è notevolmente evoluto ed oggi gli inanellatori, specificatamente preparati ed autorizzati, sono coordinati da un centro nazionale il cui indirizzo è impresso su ciascun anello, insieme ad un codice alfanumerico che identifica il singolo uccello. In Italia le attività sono coordinate dal Centro Nazionale d Inanellamento dell ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), già Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica (INFS), con sede ad Ozzano dell Emilia (BO), mentre a livello europeo l EURING (European Union for Bird Ringing) assicura una collaborazione tra i vari centri nazionali ed una standardizzazione del metodo. Ciascuna ripresa di un uccello inanellato, sia attraverso la sua ricattura ed il successivo rilascio che mediante la segnalazione finale una volta deceduto, fornisce importanti informazioni sui suoi spostamenti. La ricostruzione dei viaggi consente di definire le rotte di migrazione, identificare le aree di sosta, elaborare stime di sopravvivenza e di successo riproduttivo, ecc., fornendo quindi informazioni fondamentali per una corretta gestione. Un importante contributo alla ricerca può essere offerto da chiunque ritrovi un uccello con anello metallico ad una zampa; anche se abbattuto durante l attività venatoria. E sufficiente segnalare il ritrovamento direttamente al Centro Nazionale d Inanellamento dell ISPRA Tavolo di inanellamento dell Osservatorio di Arosio. Sono visibili gli strumenti utilizzati per l inanellamento ed il rilievo di misure biometriche (pinze, righelli, calibro), alcune serie di anelli, le schede per la registrazione delle catture ed un pc per l archiviazione digitale dei dati. Pagina 4

5 Scopo del presente report La proficua attività di cattura che da sempre caratterizza l Osservatorio Ornitologico di Arosio, sia nell attuale funzione di stazione d inanellamento che in quella precedente di roccolo, ha permesso di raccogliere una ricca mole di dati sulla migrazione che avviene attraverso le Prealpi Lombarde. Una delle specie maggiormente inanellate dell Osservatorio è il Tordo bottaccio, uccello da sempre soggetto a forte prelievo venatorio e pertanto di particolare interesse gestionale. Il presente report costituisce un aggiornamento del precedente ( Migrazione post-nuziale del Tordo bottaccio, Turdus philomelos: 71 anni di dati, , all Osservatorio Ornitologico di Arosio ), e intende prospettare un analisi dei dati raccolti su questo Turdide ad Arosio nel periodo , durante un lasso di tempo di oltre settanta anni. Pagina 5

6 2. L AREA DI STUDIO E L IMPIANTO DI CATTURA L Osservatorio Ornitologico di Arosio (45 43 N E) si trova a nord dell abitato dell omonimo Comune, in provincia di Como. Ubicato nella collinosa Brianza, si erge ad un altitudine di 360 metri s.m.l., si estende su una superficie di 12.5 ha ed appartiene al dominio delle Alpi Meridionali o Prealpi. La vegetazione dell Osservatorio è costituita da un complesso arboreo di notevole valore storico-architettonico: gli impianti di cattura sono caratterizzati da corridoi di Carpino bianco (Carpinus betulus) posizionati e potati in modo da creare autentiche architetture verdi, in cui le reti sono nascoste alla vista degli uccelli dal pergolato di fronde. Le specie vegetali presenti nell area sono numerose e molte di esse producono frutti e semi che costituiscono un importante fonte alimentare per l avifauna stanziale e migratoria e pertanto attirano molte specie di uccelli. Sono presenti, ad esempio, il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia), il Biancospino (Crataegus monogyna), il Sambuco (Sambucus nigra), l Amaranto (Amaranthus caudatus). Nella parte immediatamente limitrofa all impianto di cattura si estende un ampio bosco; nel versante occidentale predomina il Castagno (Castanea sativa), mentre in quello orientale è la Robinia (Robinia pseudoacacia) a prevalere. Frammisti a queste specie principali si ritrovano numerose altre essenze, fra cui pini, querce, noccioli. L impianto di cattura, costituito nella sua totalità da circa 700 m di reti verticali di tipo mistnets, è interamente attivo nel periodo di massima migrazione autunnale e parzialmente attivo nel resto dell anno. Per il Tordo bottaccio sono impiegati richiami acustici elettrici, con canto e versi. Pagina 6

7 3. LA SPECIE: IL TORDO BOTTACCIO (Turdus philomelos C.L. Brehm, 1831) Introduzione Il Tordo bottaccio è un Passeriforme appartenente alla famiglia dei Turdidi. Il piumaggio è bruno sulle parti superiori e biancastro con evidente maculatura su quelle inferiori. Non c è dimorfismo sessuale, pertanto il maschio e la femmina ad un esame morfologico e morfometrico risultano indistinguibili. La dieta, prevalentemente insettivora, viene arricchita tra la fine dell estate e l inverno con bacche, frutta ed altri elementi vegetali. L habitat preferenziale per la nidificazione è costituito da boschi montani e collinari di conifere e/o latifoglie; il nido a coppa viene costruito sui rami degli alberi o tra i cespugli. Geonemia e fenologia Specie politipica a distribuzione eurosibirica, è uniformemente distribuita come nidificante in tutte le aree boscate dell Europa centrale e settentrionale, Siberia occidentale ed Asia, mentre nel sud del continente è presente soprattutto sui rilievi; migratrice a medio e corto raggio con popolazioni parzialmente o completamente migratrici, sverna nella parte centro-meridionale dell areale europeo e nella regione mediterranea. In Italia è nidificante sedentaria parziale, migratrice regolare e svernante. Diffusa abbastanza uniformemente sulle Alpi, è invece più scarsa e localizzata sugli Appennini (Brichetti e Fracasso, 2008). In Lombardia il Tordo bottaccio è un migratore regolare, in parte svernante e nidifica sulle Alpi, sulle Prealpi e nella regione alto-collinare dell Oltrepò pavese, ad un altitudine compresa tra i 250 ed i m, con maggiori frequenze tra i ed i metri. Durante l inverno scende di quota andando a svernare nella Pianura Padana (Vigorita e Cucè, 2008). Sul territorio regionale la presenza di questo Turdide in termini di abbondanza relativa è scarsa durante tutto l anno, tranne nel corso della migrazione autunnale tardiva, allorché risulta ovunque molto abbondante (Ferri e Spina, 2006). Pagina 7

8 Migrazione in Italia L'Italia è un crocevia per le rotte migratorie del Tordo bottaccio, con ricatture di uccelli inanellati nella maggior parte del Paleartico occidentale, dalle coste settentrionali del Baltico fino alla Tunisia, dalla costa atlantica del Marocco fino al di là degli Urali. La maggior parte dei dati proviene da paesi quali l Ungheria, la Repubblica Ceca, la Germania, la Svizzera, la Polonia e la Russia. I primi tordi inanellati all'estero sono registrati in Italia nel mese di agosto, ma le alte densità si raggiungono dalla fine di settembre, con picco massimo nel corso della terza decade di ottobre e ancora alti numeri ai primi di novembre (Spina e Volponi, 2008). Status e minacce Turdus philomelos è incluso nell Allegato III della Convenzione di Berna e nell Allegato II/B della recente Direttiva 2009/147/CE, che ha abrogato la storica Direttiva Uccelli 79/409/CEE. Nella IUCN Red List of Threatened Species è valutato a Minor Rischio (Least Concern - LC) e da BirdLife International è classificato come Non-SPEC E. La popolazione nidificante in Italia è stimata in coppie; il trend è ritenuto stabile, con qualche incremento locale con espansione di areale verso quote inferiori (Brichetti e Fracasso, 2008). La popolazione lombarda ha subito un incremento dal 1992 al 2007 e allo stato attuale si stimano circa coppie (Vigorita e Cucè, 2008). In Italia ed in diverse altre nazioni europee, prime fra tutte Francia, Spagna e Grecia, il Tordo bottaccio è soggetto a prelievo venatorio. Nonostante l attuale status favorevole della specie la perdita di habitat resta una possibile causa di minaccia e pertanto va tenuta sotto controllo, similmente persiste l esigenza di una corretta gestione del prelievo. Pagina 8

9 4. ANALISI DELLA MIGRAZIONE DEL TORDO BOTTACCIO ALL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO Turdus philomelos ad Arosio è specie migratrice, abbondante in autunno (da settembre a novembre) e molto più scarsa in primavera (perlopiù in marzo). Non sembra utilizzare l area come punto di ristoro in cui accumulare grasso, ma è uno degli uccelli più catturati della stazione d inanellamento, grazie anche alle peculiari condizioni ambientali, curate da oltre trent anni con le stesse modalità e tecniche gestionali. Le riprese a distanza di qualche ora sono pochissime, indicando che i tordi generalmente non sostano nell area e, dopo la breve interruzione dovuta alle attività d inanellamento, riprendono il volo. Catture del 2012 Nel 2012 sono stati inanellati 1022 tordi, di cui 2 in primavera e 1020 in autunno; il primo è stato catturato il 16 settembre e l ultimo il 20 dicembre. Dei tordi catturati in autunno 738 sono stati individuati come giovani, nati cioè nell anno in corso, 280 sono stati riconosciuti come adulti, nati cioè prima dell anno in corso e 2 sono risultati di età non determinabile. Pertanto l age-ratio, cioè il rapporto giovani/adulti è risultato pari a 2,64, con una percentuale di giovani del 72,5%. Tali valori, sebbene superiori a quelli registrati lo scorso anno (age-ratio e percentuale di giovani nel 2011 furono 1,68 e 62,3%), risultano minori rispetto alla media rilevata all Osservatorio negli ultimi 20 anni (age-ratio: 3,37; percentuale di giovani: 77,1%). Andamento delle catture nel corso dei 72 anni Dal 1941 al 2012 presso l Osservatorio Ornitologico di Arosio sono stati catturati con metodo attivo tordi, in larghissima maggioranza durante la migrazione post-nuziale. Come si può evincere dal grafico (Figura 1), l anno in cui l Osservatorio ha registrato il più alto numero di catture è il 2008 con tordi; per trovare un annata analogamente eccezionale bisogna tornare indietro sino al 1943, quando furono catturati individui. Confrontando i dati inerenti le tre diverse fasi di attività attraversate dall Osservatorio (caccia, inanellamento non coordinato, inanellamento scientifico coordinato) non si rilevano differenze significative o particolari trends; le fluttuazioni registrate in alcuni anni possono rientrare nel normale andamento della fenologia della migrazione in quanto è possibile che da un anno all'altro si verifichino delle grosse variazioni nei passaggi dei migratori. A livello europeo una ricerca condotta sulla dinamiche di popolazione di alcune specie di Turdidi catturate durante la migrazione autunnale nel periodo in diverse stazioni d inanellamento dell Europa settentrionale e centrale (Woźniak, 1997) riporta per il Tordo bottaccio apprezzabili fluttuazioni Pagina 9

10 annuali e trends per la maggior parte negativi nel corso dei 35 anni di studio, soprattutto lungo le coste del Mar Baltico, con qualche tendenza leggermente positiva in alcune stazioni interne tedesche. Trends negativi, soprattutto per i giovani, sono riportati anche in uno studio condotto in Gran Bretagna nel periodo (Peach et al., 1998), che individua come possibile causa del calo la trasformazione delle pratiche agricole. Va sottolineato che a livello regionale le catture di Tordo bottaccio sono costantemente diminuite a partire dalla fine degli anni 80, come illustrato nell Atlante della distribuzione geografica e stagionale degli uccelli inanellati in Lombardia negli anni (Ferri e Spina, 2006), ma le ragioni di tale calo sono individuate dagli autori nel progressivo inutilizzo, a fini di inanellamento, di roccoli e bresciane nel territorio regionale e nell introduzione di tecniche di cattura più standardizzate, che non prevedono l utilizzo di richiami vivi. Pagina 10

11 Numero totale = Figura 1: Numero di catture per anno, Pagina 11

12 Giorni di massima cattura nel corso dei 72 anni In Tabella 1 sono rappresentati i giorni, anno per anno, di massima cattura ed il rispettivo numero di tordi catturati; l andamento dei picchi nel corso dei 72 anni è invece visibile nel grafico di Figura 2. Solo in quattro anni (1958, 1977, 1993 e 2008) il giorno di picco delle catture è avvenuto in settembre. Nel 2012 il numero massimo di catture giornaliere, pari a 115 tordi, è stato registrato il 12 ottobre. La data in cui il picco di catture si è verificato per più volte, cioè per 10 anni, è il 10 ottobre. Dal grafico sembra delinearsi un singolare andamento ciclico delle giornate di picco; sono infatti visibili quattro cicli, in cui giornate di picco precoci (fine settembre-inizio ottobre) o tardive (oltre la metà di ottobre) si ripetono ogni anni circa. ANNO GORNO DI MASSIMA CATTURA NUMERO DI CATTURE ANNO GORNO DI MASSIMA CATTURA NUMERO DI CATTURE ANNO GORNO DI MASSIMA CATTURA NUMERO DI CATTURE / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / / Inattività / / / / / / / / / / / / / Tabella 1: Giorno di massima cattura e rispettivo numero di tordi catturati, (In grassetto: catture superiori a 100; in rosso: picchi in settembre) Pagina 12

13 Giorno di massima cattura 21-ott 20-ott 19-ott 18-ott 17-ott 16-ott 15-ott 14-ott 13-ott 12-ott 11-ott 10-ott 09-ott 08-ott 07-ott 06-ott 05-ott 04-ott 03-ott 02-ott 01-ott 30-set 29-set 28-set 27-set 26-set picco in settembre Anno Figura 2: Giorni di massima cattura, Pagina 13

14 Andamento delle catture per decade La Figura 3 illustra l andamento delle percentuali di catture per decade nel corso della migrazione post-nuziale del periodo (per il quale è disponibile un archivio digitale). Dal grafico si evince un progressivo incremento delle catture dalla seconda decade di settembre fino alla seconda di ottobre, seguito poi da una drastica contrazione. La data mediana, cioè quella in cui è stato catturato il 50% dei tordi, cade l 11 ottobre, mentre il primo e terzo quartile (corrispondenti, rispettivamente, al 25% e 75% delle catture) coincidono con 4 ottobre e 17 ottobre; è quindi tra queste due date che si concentra il massimo dei passaggi. Ritenendo le catture una buona rappresentazione del campione migratorio si può affermare che la migrazione del Tordo bottaccio presso l Osservatorio Ornitologico FEIN di Arosio è, in media, caratterizzata da un passaggio concentrato tra fine settembre e fine ottobre; in novembre il flusso migratorio si riduce progressivamente fino ad arrestarsi quasi del tutto nel corso della seconda decade. Tale andamento è in accordo con quanto rilevato per l intera regione Lombardia nel periodo da Ferri e Spina (2006), che riportano un chiaro picco degli inanellamenti di Tordo bottaccio nelle prime due decadi di ottobre seguito da una diminuzione significativa negli ultimi due mesi dell anno. Figura 3: Percentuale di catture per decade, Pagina 14

15 Age-ratio Per gli ultimi 20 anni ( ), per i quali è disponibile un archivio informatizzato, è stato possibile calcolare l age-ratio, cioè il rapporto giovani/adulti, degli individui catturati durante la migrazione post-nuziale (periodo 1 settembre 20 novembre). Il campione è risultato composto da giovani e adulti, per un totale di individui a cui è stata determinata l età. Il rapporto giovani/adulti risulta essere, pertanto, pari a 3,37, mentre la percentuale di giovani è del 77,1%. Analisi simili, effettuate per uccelli inanellati in autunno sulle Alpi al di sotto dei 700 m s.l.m. (Pedrini et al., 2008) ed in Campania (Scebba, 2006), hanno rivelato percentuali di giovani un po' superiori, pari rispettivamente all 86% (periodo ) e all 83% (periodo ). Ala di un giovane: presenza di grandi copritrici juvenili secondo Svensson (1992) L age-ratio e la percentuale di giovani nelle catture forniscono indicazioni sull andamento della stagione riproduttiva precedente e possono dare interessanti informazioni su eventuali tendenze positive o negative delle popolazioni migranti. Confrontando l age-ratio dei campioni di Arosio delle ultime stagioni autunnali si evincono moderate fluttuazioni annuali (Figura 4). Figura 4. Age-ratio dal 2005 al 2012 durante la migrazione autunnale (01 settembre-20 novembre). Pagina 15

16 Analisi delle ricatture In Tabella 2 si riporta una sintesi delle numerose ricatture, ben 373, di tordi inanellati ad Arosio e ripresi altrove (periodo ). I dati permettono sia di individuare in Francia, Algeria, Spagna e Corsica le principali destinazioni per lo svernamento, sia di confermare per l Italia una rotta migratoria preminente verso sud-ovest attraverso Piemonte e Liguria ed una rotta meno seguita verso sud attraverso Toscana e Lazio (vedi figura a lato). E da segnalare, inoltre, che il 07/10/08 è stata registrata all Osservatorio una ricattura straniera: un tordo con anello H79387 del centro d inanellamento di Sempach (Svizzera), per il quale si attendono tuttora ulteriori informazioni dal centro d inanellamento italiano (ISPRA, ex INFS, Ozzano dell Emilia-BO). LUOGO di ricattura N. ricatture LUOGO di ricattura N. ricatture LUOGO di ricattura N. ricatture Tabella 2: Ricatture di tordi inanellati ad Arosio e ripresi altrove ( ). LUOGO di ricattura N. ricatture FRANCIA 89 GERMANIA 1 ITALIA - LOMBARDIA 119 ITALIA - PIEMONTE 4 ALGERIA 51 GRECIA 1 ITALIA - LIGURIA 15 ITALIA SARDEGNA 3 BALEARI 31 LETTONIA 1 ITALIA - TOSCANA 9 ITALIA - UMBRIA 1 SPAGNA 25 REPUBBLICA CECA 1 ITALIA - LAZIO 4 ITALIA - CAMPANIA 1 CORSICA 11 SVEZIA 1 ITALIA - VENETO 4 ITALIA - CALABRIA 1 Pagina 16

17 5. ALTRE RICERCHE CONDOTTE AD AROSIO SUL TORDO BOTTACCIO Oltre ad una costante attività di inanellamento presso l Osservatorio Ornitologico di Arosio sono state svolte sul Tordo bottaccio anche altre tipologie di ricerca. Nell ottobre del 2000 alcuni ricercatori finlandesi dell Università di Joensuu hanno condotto sul tetto del principale casello dell Osservatorio degli specifici esperimenti sull orientamento e l attività migratoria del Tordo, allo scopo di studiare le direzioni preferenziali di questi migratori notturni prima, durante e dopo il tramonto (Huttunen, 2004). Inoltre da alcuni anni ad Arosio è presente una Stazione Bioacustica dotata di antenna parabolica che consente di registrare automaticamente, dalle 23:00 alle 3:00 del mattino, i richiami emessi dai Turdidi durante il volo migratorio notturno; in particolare vengono registrati i suoni emanati durante la migrazione pre-nuziale e post-nuziale da Tordo bottaccio (Turdus philomelos), Tordo sassello (Turdus iliacus) e Merlo (Turdus merula). Tale attività è il frutto della collaborazione della FEIN con l Institut Méditerranéen du Patrimoine Cynégétique et Faunistique - IMPCF di Nimes, che coordina a livello europeo un progetto di ricerca sulla classificazione dei segnali biologici e in particolare sul riconoscimento dei versi di contatto dei Turdidi. Tutte le stazioni bioacustiche che aderiscono al progetto inviano le registrazioni all'impcf per la decodificazione, al fine di elaborare uno studio comparato sul passaggio notturno dei grandi Turdidi lungo il Bacino del Mediterraneo. Dal 2009, inoltre, è stata avviata una ricerca sulle specie ectoparassite degli uccelli migratori, fra cui il Tordo, grazie alla collaborazione con il Dr. Matteo Montagna (Dip. di Patologia animale, Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria - Fac. Veterinaria, Università degli Studi di Milano). Dal 2005, infine, l Osservatorio FEIN nel periodo autunnale ospita ricercatrici polacche dell equipe del Prof. Prezemyslaw Busse dell Università di Danzica (Bird Migration Research Station, University of Gdansk), che coadiuvano le attività di inanellamento del Tordo e di tutte le altre specie catturate. Pagina 17

18 BIBLIOGRAFIA Andreotti A., Pirrello S., Tomasini S. e Merlo F., I Tordi in Italia. Biologia e conservazione delle specie del genere Turdus. ISPRA, Rapporti 123/2010. Brichetti P. e Fracasso G., Ornitologia italiana. Vol. 5 Turdidae-Cisticolidae. Oasi Alberto Perdisa Editore, Bologna. Ferri A. e Spina F., Atlante della distribuzione geografica e stagionale degli uccelli inanellati in Lombardia negli anni Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica A. Ghigi. Huttunen M.J., Orientation and migratory activity of Song Thrushes (Turdus philomelos) in northern Italy: cage and release experiments under overcast conditions. The Ring 26, 1: Peach W.J., Baillie S.R., Balmer D.E., Long-term changes in the abundance of passerines in Britain and Ireland as measured by constant effort mist-netting. Bird Study 45: Pedrini P., Rossi F., Rizzolli F., Spina F., Le Alpi italiane quale barriera ecologica nel corso della migrazione post-riproduttiva attraverso l Europa: risultati generali della prima fase del Progetto Alpi ( ). Biol. Cons. Fauna 116: Scebba, Tordo bottaccio Turdus philomelos: studio della migrazione autunnale in Campania. Gli Uccelli d Italia XXXI: Spina F. e Volponi S., Atlante della Migrazione degli Uccelli in Italia. 2. Passeriformi. Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Tipografia SCR-Roma. 632 pp. Svensson L., Identification guide to European Passerines. Stockholm. Vigorita V. e Cucè L. (a cura di), La fauna selvatica in Lombardia. Rapporto 2008 su distribuzione, abbondanza e stato di conservazione di uccelli e mammiferi. Regione Lombardia. Woźniak M., Population number dynamics of some Turdidae species, caught in autumn migration in period , at different northern and central European ornithological stations. Ring 19: Pagina 18

MIGRAZIONE POST-NUZIALE DEL TORDO BOTTACCIO (Turdus philomelos):

MIGRAZIONE POST-NUZIALE DEL TORDO BOTTACCIO (Turdus philomelos): FONDAZIONE EUROPEA IL NIBBIO MIGRAZIONE POST-NUZIALE DEL TORDO BOTTACCIO (Turdus philomelos): 69 ANNI DI DATI (1941-2009) ALL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (COMO) OSSERVATORIO ORNITOLOGICO FEIN via

Dettagli

Federazione Italiana della Caccia Ufficio Avifauna Migratoria

Federazione Italiana della Caccia Ufficio Avifauna Migratoria Federazione Italiana della Caccia Ufficio Avifauna Migratoria Dott. Michele Sorrenti Milano, 14 novembre 2010 SITUAZIONE DEMOGRAFICA DELLA POPOLAZIONE DI STORNO (Sturnus vulgaris) IN EUROPA E ITALIA IN

Dettagli

PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA

PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA PROGETTO MONITORAGGIO TURDIDI IN UMBRIA Inanellamento scientifico all'isola Polvese sul Trasimeno RELAZIONE CONCLUSIVA 2 ANNO DI MONITORAGGIO - FEBBRAIO 200 Pag. INDICE Introduzione pag. 0 Materiali e

Dettagli

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO

CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO CONCLUSIONI INDIVIDUAZIONE DELLE DIRETTRICI DI VOLO I diversi approcci utilizzati nell ambito di questa ricerca, hanno permesso di valutare l andamento generale dei movimenti migratori degli uccelli in

Dettagli

I Tordi in Italia. Biologia e conservazione delle specie del genere Turdus RAPPORTI

I Tordi in Italia. Biologia e conservazione delle specie del genere Turdus RAPPORTI I Tordi in Italia Biologia e conservazione delle specie del genere Turdus RAPPORTI 123 / 2010 ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale I Tordi in Italia Biologia e conservazione

Dettagli

PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI. Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU

PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI. Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU PROBLEMI DI CONSERVAZIONE DELLE SPECIE CACCIABILI, UTILIZZATE COME RICHIAMI Marco Gustin - Responsabile Specie Ricerca LIPU QUALE LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SUI RICHIAMI VIVI? La legislazione Nazionale

Dettagli

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI

Silvano Toso. ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI Silvano Toso ISTITUTO SUPERIORE PER LA PROTEZIONE E LA RICERCA AMBIENTALE ed OSSERVATORI FAUNISTICI REGIONALI L Istituto Superiore per Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) è un ente pubblico di ricerca

Dettagli

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. Decreto del Presidente

REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO. Decreto del Presidente REGIONE LAZIO Dipartimento Direzione Regionale DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO AGRICOLTURA Decreto del Presidente DECRETO N. T00276 DEL 7 AGOSTO 2012 Oggetto: Stagione venatoria 2012/2013. Esercizio

Dettagli

TORDO SASSELLO Turdus iliacus. Stato giuridico. Stato di conservazione. Convenzione di Berna. Allegato III. Convenzione di Bonn.

TORDO SASSELLO Turdus iliacus. Stato giuridico. Stato di conservazione. Convenzione di Berna. Allegato III. Convenzione di Bonn. TORDO SASSELLO Turdus iliacus Distribuzione nel Paleartico occidentale Areale di svernamento Areale di presenza stabile Areale di nidificazione Stato giuridico Convenzione di Berna Convenzione di Bonn

Dettagli

75 Congresso dell Unione Zoologica Italiana Bari 22-25 Settembre 2014

75 Congresso dell Unione Zoologica Italiana Bari 22-25 Settembre 2014 75 Congresso dell Unione Zoologica Italiana Bari 22-25 Settembre 2014 ANASAT PROJECT: FOLLOWING FEMALE EUROPEAN TEALS ANAS CRECCA ALONG THE WAY-BACK TO BREEDING GROUNDS Vanni L., Baldaccini N.E., Lenzoni

Dettagli

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI

IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI IL PROGETTO DI CONSERVAZIONE DEL GRIFONE SULLE ALPI ORIENTALI Il grifone (Gyps fulvus) un tempo era presente in tutto il bacino del Mediterraneo e in vari settori delle Alpi e dell Europa centrale. Spostamenti

Dettagli

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011 Allegato B alla Delibera di Comitato Esecutivo n. 21 del 04/04/2011 Capitolato tecnico - Allegato tecnico B DCE n. 20/2011 Monitoraggio delle popolazioni di uccelli nidificanti, svernanti e migratrici

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi

Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi San Vittore di Genga 17 settembre 2010 Progetto di monitoraggio e inanellamento del Merlo acquaiolo nel Parco Naturale Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi Gabriele Angeletti ** Romina Angeli**

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Imbalsamazione Molte specie animali sono state pesantemente colpite per la moda dell'imbalsamazione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA

ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA LA CATTURA DEGLI UCCELLI DA RICHIAMO DALL ENTRATA IN VIGORE DELLA LEGGE N. 157/92 AD OGGI: SINTESI DELL ATTIVITÀ SVOLTA DALLE AMMINISTRAZIONI E VALUTAZIONE DELLE

Dettagli

REGIONE SICILIANA L'ASSESSORE REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA

REGIONE SICILIANA L'ASSESSORE REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA D.A. N. DIPARTIMENTO REGIONALE DELLO SVILUPPO RURALE E TERRITORIALE Servizio 7- U.O. 2 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L'ASSESSORE REGIONALE DELL AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2015, n. 1169. Calendario Venatorio regionale annata 2015/2016.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2015, n. 1169. Calendario Venatorio regionale annata 2015/2016. 25290 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2015, n. 1169 Calendario Venatorio regionale annata 2015/2016. L Assessore alle Risorse Agroalimentari, Fabrizio Nardoni, sulla base dell istruttoria

Dettagli

Uno zigolo che fa primavera, anzi estate!

Uno zigolo che fa primavera, anzi estate! ALI NEL VENTO Ornitologia da campo Uno zigolo che fa primavera, anzi estate! Prima osservazione di zigolo capinero, Emberiza melanocephala, in Trentino GILBERTO VOLCAN (1) & KAROL TABARELLI DE FATIS (2)

Dettagli

MERLO Turdus merula Stato giuridico Convenzione di Berna Convenzione di Bonn Direttiva Uccelli Stato di conservazione SPEC: IUCN Red List Status

MERLO Turdus merula Stato giuridico Convenzione di Berna Convenzione di Bonn Direttiva Uccelli Stato di conservazione SPEC: IUCN Red List Status MERLO Turdus merula Distribuzione nel Paleartico occidentale Areale di svernamento Areale di presenza stabile Areale di nidificazione Stato giuridico Convenzione di Berna Convenzione di Bonn Direttiva

Dettagli

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi

I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Roberto Tinarelli 29.03.2014 - I monitoraggi a medio e lungo termine condotti da AsOER: specie, aree e metodi Un Associazione

Dettagli

La gestione della caccia ai turdidi Riccardo Carradori

La gestione della caccia ai turdidi Riccardo Carradori Biologia Ambientale, 25 (n. 2, 2011) 73 La gestione della caccia ai turdidi Riccardo Carradori Biologo-Faunista; riccardo.carradori@libero.it Riassunto Sono indicati i metodi di caccia e il quadro legislativo

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera

L Avifauna dell Orto Botanico di Brera L Avifauna dell Orto Botanico di Brera 1 Censimento dell Avifauna presente all Orto Botanico Braidense, Milano 7 Novembre 1997 Ottobre 1998 a cura di ANTONIO PERUZ Una coppia di Cinciallegra Parus major

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CATTURA DEGLI UCCELLI A FINI DI RICHIAMO

REGOLAMENTO PER LA CATTURA DEGLI UCCELLI A FINI DI RICHIAMO REGOLAMENTO PER LA CATTURA DEGLI UCCELLI A FINI DI RICHIAMO Art. 1 (Norme generali) 1. L attività di cattura di uccelli finalizzata alla costituzione del patrimonio di richiami vivi è effettuata esclusivamente

Dettagli

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO

6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO 6 ANALISI DELLA DINAMICA - SPECIE DI INTERESSE CONSERVAZIONISTICO Le specie più a rischio non sono oggetto di monitoraggi organici, in mancanza di fondi destinati a questo scopo; gli studi attivati sono

Dettagli

Un anello è per sempre...

Un anello è per sempre... Un anello è per sempre... Quindici anni di inanellamento a scopo scientifico degli uccelli selvatici a Molentargius Sergio Nissardi & Carla Zucca L inanellamento... Consiste nel marcare gli uccelli con

Dettagli

Settembre, andiamo. É tempo di migrare Alcuni concetti generali sulla migrazione

Settembre, andiamo. É tempo di migrare Alcuni concetti generali sulla migrazione 1 2 3 Speciale UCCELLI Settembre, andiamo. É tempo di migrare Alcuni concetti generali sulla migrazione PAOLO PEDRINI Sezione Zoologia dei Vertebrati, Museo Tridentino di Scienze Naturali Fig.1 Difficilmente,

Dettagli

LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI Foto di Gianni Pezzani

LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI Foto di Gianni Pezzani LA MIGRAZIONE DEGLI UCCELLI Foto di Gianni Pezzani Per migrazione s intende quel complesso di spostamenti periodici che si verificano nel corso del ciclo biologico di un animale. La migrazione è una prerogativa

Dettagli

D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici.

D.D.L. concernete Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. TESTO Articolo 1 Finalità 1. La presente legge disciplina

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente

Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente Decreto n 34 / V Regione Autonoma della L Assessore della Difesa dell Ambiente OGGETTO: Azione di protezione delle produzioni ittiche negli stagni dell Oristanese dalla predazione degli uccelli ittiofagi.

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

Studio sulla migrazione autunnale dell Allodola in Campania, autunno 2012 1 Ottobre 10 Novembre III Resoconto

Studio sulla migrazione autunnale dell Allodola in Campania, autunno 2012 1 Ottobre 10 Novembre III Resoconto Gruppo Inanellamento Limicoli (G.I.L., Napoli) in collaborazione con Federazione Italiana della Caccia - Ufficio Avifauna Migratoria Studio sulla migrazione autunnale dell Allodola in Campania, autunno

Dettagli

Studio delle Migrazioni e Inanellamento degli Uccelli

Studio delle Migrazioni e Inanellamento degli Uccelli 18 18 maggio 2008 C.R.A.S. Vanzago Studio delle Migrazioni e Inanellamento degli Uccelli Ruolo dei Centri di Recupero Guido Romagnoli * Stazione Ornitologica Lago BOSCACCIO Al volo Dalla cura Temi trattati:

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE

LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE BOX - LE SPECIE LA LISTA ROSSA EUROPEA SCHEDE La Lista rossa dell Iucn é universalmente riconosciuta come il metodo più autorevole e oggettivo per analizzare il rischio di estinzione di una specie. Sebbene sia stato pensato

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

Un sovrano in carenza di regni

Un sovrano in carenza di regni 103 Speciale UCCELLI Un sovrano in carenza di regni L indagine sullo status del re di quaglie in Trentino FRANCESCA ROSSI Museo Tridentino di Scienze Naturali Fig.1 Primo piano di un maschio adulto di

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000 ABSTRACT LE VACANZE DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2006 Sono 17,8 milioni gli italiani che nel primo semestre 2006 hanno effettuato almeno un periodo di vacanza (35,9% della popolazione). Nel complesso,

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Luogo e data di nascita: Milano, 7 giugno 1964

CURRICULUM VITAE. Luogo e data di nascita: Milano, 7 giugno 1964 Dott. Michele Sorrenti Ricerca e gestione faunistico venatoria Via Agordat 2, 20127 Milano Tel. 348 3110560 fax 02 312511 E mail acma_ricerche@yahoo.com CURRICULUM VITAE Luogo e data di nascita: Milano,

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

17/12/2012. Una sfida e un occasione. Monitoraggio della biodiversità per il 3 Rapporto della Direttiva Habitat. Obiettivo finale.

17/12/2012. Una sfida e un occasione. Monitoraggio della biodiversità per il 3 Rapporto della Direttiva Habitat. Obiettivo finale. Una sfida e un occasione Monitoraggio della biodiversità per il 3 Rapporto della Direttiva Habitat verso un sistema nazionale di monitoraggio, per una conservazione basata sulla conoscenza Piero Genovesi,

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa Silvano Toso Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa L Europa ha conosciuto tutte le tappe della cultura e del diritto della caccia La caccia preistorica

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE

LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE LA CONSERVAZIONE DELLO SCOIATTOLO COMUNE IN ITALIA AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO LIFE+ EC-SQUARE Scopriamo come difendere l ambiente dalle specie introdotte. E capiamo perché farlo è un ottima idea Lo scoiattolo

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITA D INANELLAMENTO NELL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (CO)

RESOCONTO DELL ATTIVITA D INANELLAMENTO NELL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (CO) FONDAZIONE EUROPEA IL NIBBIO - FEIN in collaborazione con GRUPPO INANELLAMENTO LIMICOLI ONLUS (G.I.L., Napoli) RESOCONTO DELL ATTIVITA D INANELLAMENTO NELL OSSERVATORIO ORNITOLOGICO DI AROSIO (CO) 1 gennaio

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ;

- la L.R. 9 aprile 1985, n.16 Individuazione e disciplina del sistema di aree di interesse naturalistico ambientale del Monte Beigua ; DGR n.270 del 25 febbraio 2000 Richiamati: - la direttiva 79/409/CEE concernente la conservazione degli uccelli selvatici, con la quale al paragrafo 2 dell'art. 4. si prevede che gli Stati membri classifichino

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

I risultati del progetto

I risultati del progetto CENTRO CICOGNA BIANCA DI GOITO (MANTOVA) - PARCO DEL MINCIO I risultati del progetto Nel 1990 si osserva nel territorio del Parco del Mincio un tentativo di nidificazione, il primo storicamente noto, a

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010

MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010 PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA MOVIMENTO TURISTICO NELLA PROVINCIA DI CATANIA ANNO 2010 RELAZIONE E ANALISI 1 Progetto e redazione della pubblicazione a cura dell Ufficio Studi e Programmazione per lo

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard

Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard 225 Podarcis sicula (Rafinesque, 1810) Lucertola campestre; Italian wall lizard Podarcis sicula (foto S. Viglietti) Tassonomia e distribuzione generale Specie altamente politipica con un elevata variabilità

Dettagli

RAPPORTO DELLE ATTIVITA

RAPPORTO DELLE ATTIVITA COMITATO ESECUTIVO per le ATTIVITA TECNICO SCIENTIFICHE Amici di Scolopax - onlus RAPPORTO DELLE ATTIVITA STAGIONE 2009/2010 RACCOLTA DELLE ALI: 2192 ITALIA 265 CORRISPONDENTI HANNO INVIATO ALMENO UN CAMPIONE

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

GERMANO REALE Anas platyrhynchos

GERMANO REALE Anas platyrhynchos GERMANO REALE Anas platyrhynchos Distribuzione nel Paleartico occidentale Areale di svernamento Areale di presenza stabile Areale di nidificazione Stato giuridico Convenzione di Berna Convenzione di Bonn

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Ottobre 2015 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti,

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo

Oasi naturalistica del Parco del Roccolo AMICI DEL PARCO DEL ROCCOLO Organizzazione di volontariato - C.F. : 93034320163 Sede Legale: via San Martino 11, 24047 Treviglio (BG). Sede operativa: Parco del Roccolo, Via del Bosco, Treviglio (BG).

Dettagli

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila

Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila Seminario LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA 24-25-26 marzo 2004, Regione Abruzzo, L Aquila MATERIALI PER L INTERPRETAZIONE DEI DATI ZOOLOGICI (VERTEBRATI TETRAPODI TERRESTRI E INVERTEBRATI) NELLE VALUTAZIONI

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 1 Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2012 Risposte Turismo realizza per il terzo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare

Dettagli

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Regione Piemonte Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Relazione illustrativa delle attività di gestione della specie cinghiale: Programmi di ricerca e monitoraggio della specie Attuazione del Piano

Dettagli

LA PROBLEMATICA DELLA CATTURA DI UCCELLI SELVATICI DA UTILIZZARE COME RICHIAMI VIVI NELL AMBITO DELLA NORMATIVA ITALIANA ED EUROPEA. Jacopo G.

LA PROBLEMATICA DELLA CATTURA DI UCCELLI SELVATICI DA UTILIZZARE COME RICHIAMI VIVI NELL AMBITO DELLA NORMATIVA ITALIANA ED EUROPEA. Jacopo G. LA PROBLEMATICA DELLA CATTURA DI UCCELLI SELVATICI DA UTILIZZARE COME RICHIAMI VIVI NELL AMBITO DELLA NORMATIVA ITALIANA ED EUROPEA Jacopo G. Cecere LA LEGGE 157/92 La Legge n. 157 dell 11 febbraio 1992

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016

Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016 Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016 - Comunicato stampa di Assomela Giovedì 06 agosto 2015 La situazione nell Unione Europea Come ogni anno, i produttori di mele europei si sono

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale

Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Osservatorio sui SGSL nel settore di Igiene Ambientale Presentazione del Rapporto di Ricerca Dott.ssa Valentina Albano, Ph.D. valentina.albano@uniroma3.it Bologna, 22 Ottobre 2014 Osservatorio sperimentale

Dettagli