Resana L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI COSMETICI. Dr. Nicola Lorenzetto Assistenza tecnico-scientifica cosmesi 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Resana 19-10-2007 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI COSMETICI. Dr. Nicola Lorenzetto Assistenza tecnico-scientifica cosmesi 1"

Transcript

1 Resana L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI COSMETICI Dr. Nicola Lorenzetto Assistenza tecnico-scientifica cosmesi 1

2 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI COSMETICI HA COME SCOPO: informare correttamente il consumatore impedire un uso improprio del prodotto 2

3 Art. 7, legge 713/86 I prodotti cosmetici devono essere fabbricati, manipolati, confezionati e venduti in modo tale da non causare danni alla salute umana se applicati nelle normali o ragionevolmente prevedibili condizioni d'uso, tenuto conto in particolare della presentazione del prodotto, dell'etichettatura, delle eventuali istruzioni per l'uso e l'eliminazione, nonchè di qualsiasi altre indicazione o informazione da parte del produttore o del suo mandatario o di ogni altro responsabile della commercializzazione di questi prodotti sul mercato comunitario. 3

4 La normativa di riferimento è l art. 8 legge 713/86, commi

5 DISPOSIZIONI GENERALI Le indicazioni devono essere: indelebili facilmente leggibili e visibili disposte sul contenitore a diretto contatto con il prodotto e sull imballaggio secondario 5

6 a) Il nome o la ragione sociale e la sede legale del produttore o del responsabile dell immissione in commercio E l azienda che si assume tutte le responsabilità per quel prodotto, reperibile in caso di necessità alle autorità competenti. 6

7 PER I PRODOTTI FABBRICATI ALL INTERNO DELLA UE, IL RESPONSABILE PUÒ ESSERE: Il produttore, inteso come chi svolge le operazioni finali, ivi compreso il confezionamento Il distributore del prodotto PER I PRODOTTI FABBRICATI IN UN PAESE EXTRA-UE, IL RESPONSABILE COINCIDE CON: L importatore stabilito all interno della comunità europea 7

8 L indicazione comprende il nome o la ragione sociale dell azienda, con possibilità di abbreviazione, e la sede legale, senza riferimenti a via e numero civico Es.: Red Italiana S.p.A Resana (Tv) Red It. RESANA Non è ammesso, in sostituzione, il numero di registrazione al Registro delle imprese. 8

9 b) Il contenuto nominale Tutti i prodotti devono recare l indicazione del contenuto nominale riferito al momento del confezionamento. Si devono utilizzare le misure legali del sistema metrico (g o ml). I prodotti contrassegnati con la lettera e sono considerati preimballaggi CEE Altezza di almeno 3 mm, forma grafica conforme al DM 5 agosto

10 In base alla normativa sul preconfezionamento, DPR 391/80, le tolleranze ammesse sono le seguenti: 10

11 In base alla normativa sul preconfezionamento, DPR 391/80, le tolleranze ammesse sono le seguenti: 11

12 SONO ESCLUSI DALL OBBLIGO DI INDICARE IL CONTENUTO NETTO NOMINALE: i prodotti di contenuto inferiore a 5 g o 5 ml; i campioni gratuiti; le confezioni monodose; 12

13 c) La data di durata minima Tutti i prodotti cosmetici devono recare la data di durata minima, qualora questa sia inferiore ai 30 mesi. Se superiore ai 30 mesi, deve invece essere indicato il cosiddetto periodo postapertura (PaO). Entrambe devono essere determinate dal produttore. 13

14 LA DURATA MINIMA Corrisponde al periodo entro il quale il prodotto, se conservato nelle opportune condizioni, continua a mantenere la sua efficacia, e, soprattutto, non causa danni alla salute umana. Deve essere usata soltanto la dicitura (in italiano) da usare preferibilmente entro seguita da mese e anno, oppure giorno mese e anno. 14

15 IL PERIODO POST-APERTURA Si intende il periodo durante il quale il prodotto, una volta aperto, può essere utilizzato senza effetti nocivi per il consumatore. Non vengono considerate quindi le performance del cosmetico. Il simbolo da utilizzare per indicare il PaO (Period after Opening), è quello riportato in allegato VI-bis: Non ci sono indicazioni riguardo la grandezza del simbolo, ma devono essere mantenute le proporzioni 15

16 CASI PARTICOLARI: Sotto la responsabilità di chi immette il prodotto in commercio, possono essere esclusi dall indicazione del PaO quei cosmetici che per loro natura presentano un rischio di alterazione non significativo: prodotti in confezioni che assicurano protezione specifica al contenuto ed impediscono qualsiasi contaminazione (es. aerosol) prodotti per loro natura ostili alla crescita di microrganismi (es. ad alto contenuto alcolico) prodotti monodose 16

17 d) Precauzioni particolari per l impiego Si tratta di quelle avvertenze previste per determinati ingredienti inseriti negli allegati III e V, oltre a tutte le precauzioni particolari ritenute dal fabbricante opportune per un migliore utilizzo del prodotto. Devono essere scritte in italiano. Per impossibilità pratica è consentito riportarle su un foglietto di istruzioni, fascetta o cartellino allegati. 17

18 INDICAZIONI PREVISTE DAGLI ALLEGATI Devono essere riportate esattamente come indicato sotto la colonna modalità d impiego e avvertenze Il disolfuro di selenio può essere utilizzato soltanto negli shampi antiforfora, < 1%, con l avvertenza in etichetta contiene disolfuro di selenio. Evitare il contatto con gli occhi e la pelle lesa. Allegato III, n

19 PRECAUZIONI PARTICOLARI Tutto ciò che viene ritenuto opportuno per scongiurare un uso improprio del prodotto che potrebbe essere dovuto a una carenza di informazioni. Es.: La Raccomandazione 2006/647/CE suggerisce specifiche avvertenze da riportare sui prodotti solari: non rimanere esposti al sole troppo a lungo anche se si utilizza un prodotto per la protezione solare ; Tenere i bambini e i neonati lontano dalla luce diretta del sole ; Un esposizione eccessiva al sole costituisce un grave rischio per la salute ; 19

20 PRECAUZIONI PARTICOLARI Si suggeriscono inoltre le seguenti istruzioni d uso: Applicare il prodotto per la protezione solare prima dell esposizione ; Riapplicare con frequenza per mantenere la protezione, soprattutto dopo aver traspirato o dopo essersi bagnati o asciugati. Si ricorda a tal proposito la campagna del Ministero della Salute, come disposto dalla 2006/647/CE, volta a stimolare una corretta esposizione al sole per ridurre i rischi per la salute derivanti da un eccessivo assorbimento di raggi UV, in collaborazione con Unipro. 20

21 Va ricordato che la corretta redazione delle informazioni di sicurezza e delle istruzioni d uso è molto importante ai fini di rendere il prodotto sicuro. Bisogna prevedere anche gli usi impropri ragionevolmente prevedibili. 21

22 e) Il numero del lotto di fabbricazione Tutti i prodotti devono riportare il lotto di fabbricazione come sigla numerica, alfabetica o alfanumerica. Ciascuna azienda può scegliere il tipo di codifica che ritiene più opportuna. In caso si impossibilità pratica dovuta alle ridotte dimensioni del prodotto cosmetico, il numero di lotto può figurare anche soltanto nell imballaggio secondario. 22

23 f) Il paese d origine Per i prodotti fabbricati in paesi non membri dell Unione europea è obbligatorio riportare il paese d origine. 23

24 g) La funzione del prodotto Deve essere indicata la funzione del prodotto, salvo se risulta dalla presentazione dello stesso. E espressamente richiesto l utilizzo della lingua italiana. Denominazioni generiche come lozione, latte devono essere accompagnate dallo specifico campo di applicazione 24

25 h) L elenco degli ingredienti Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione europea, indipendentemente dalla tipologia di prodotto e dal modo in cui essi vengono commercializzati, devono riportare in etichetta l elenco degli ingredienti, nell ordine decrescente di peso al momento dell incorporazione, preceduto dal termine Ingredienti o Ingredients, secondo la denominazione INCI. 25

26 L ORDINE DI DICITURA Gli ingredienti presenti in concentrazioni < 1% posso essere riportati in ordine sparso dopo quelli > 1%. I coloranti (all. IV) possono essere indicati in ordine sparso dopo tutti gli altri ingredienti. In confezioni composite di prodotti da trucco, compresi quelli per unghie o per capelli, possono figurare in un elenco comune, preceduti da può contenere e +/-. Le materie prime utilizzate allo scopo di profumare o aromatizzare si indicano con i termini profumo o parfum o aroma. Se tali sostanze figurano nell allegato III vanno indicate indipendentemente dalla funzione (es. le 26 sostanze aromatizzanti allergeniche ) 26

27 IL SISTEMA DI NOMENCLATURA Gli ingredienti devono essere dichiarati con la nomenclatura comune prevista dall inventario europeo degli ingredienti cosmetici, INCI, di cui alla direttiva 96/335/CE. L inventario è in continuo aggiornamento Decisione 2006/257/CE Riferimento utile: l International Cosmetic Ingredient Dictionary, FDA, giunto alla XI edizione aggiornata al Il Colipa dovrebbe completare entro l anno una nuova proposta di aggiornamento. 27

28 Decisione 2006/257/CE Ingredienti di origine botanica: genere + specie (in latino) e la parte della pianta utilizzata (in inglese) e il tipo di preparazione (in inglese), se pertinenti: Derivati biologici: per gli ingredienti di origine animale si utilizzano gli stessi principi. es.: 28

29 DOVE APPORRE L ELENCO? L indicazione degli ingredienti può essere riportata anche solo sull imballaggio secondario del prodotto. In caso di impossibilità pratica, per le dimensioni o la forma dell imballaggio, è possibile rimandare al foglio di istruzioni, o a una fascetta o un cartellino, mediante dicitura in italiano o apposito simbolo In casi di impossibilità pratica, per sapone o perle da bagno, è possibile far figurare l elenco in un avviso posto vicino al contenitore principale di vendita. 29

30 PRODOTTI SOLARI La raccomandazione 2006/647/CE suggerisce di esprimere i valori di SPF in questo modo: 6 o 10 = bassa; 15 o 20 o 25 = media; 30 o 50 = alta; 50+ = molto alta Valore e categoria possono essere riportate con pari importanza. Si suggerisce un rapporto UVA/UVB = 1/3 Il simbolo contraddistingue i prodotti che garantiscono questa protezione minima UVA 30

31 PRODOTTI SOLARI Cosa NON bisogna riportare: Una protezione del 100% dei raggi UV. Es.: schermo totale o protezione totale. Il fatto che non sia necessario riapplicare il prodotto. Es.: prevenzione per tutto il giorno. La Raccomandazione 2006/647/CE costituisce il primo documento normativo in materia, anche se erano già state emanate diverse Linee Guida Colipa. Non ci sono termini attuativi, ma si ritiene che a partire dal 2008 sarà di fatto in vigore. 31

32 NUOVE DISPOSIZIONI EUROPEE Direttiva 2007/53/CE del 29 agosto: composti fluorurati Introduce l obbligo di inserire un avvertenza specifica per l uso, da parte di bambini di età fino a sei anni, di dentifrici contenenti una quantità di fluoro compresa fra 1000 e 1500 ppm. (composti fluorurati già normati all. 3 es.: Fluoruro di magnesio, Monofluorofosfato di sodio). E resa obbligatoria la seguente avvertenza: Bambini fino a 6 anni: utilizzare una piccola quantità di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per ridurre al minimo l ingerimento. In caso di assunzione di fluoruro da altre fonti consultare il dentista o il medico. Tale disposizione va applicata entro il 19 gennaio

33 NUOVE DISPOSIZIONI EUROPEE Direttiva 2007/17/CE del 22 marzo: conservanti Nuove disposizioni per i conservanti, dopo i pareri in merito del SCCP (Comitato Scientifico dei Prodotti di Consumo). Il segno (+) consente di utilizzare la sostanza a concentrazioni maggiori, per scopi specifici risultanti dalla presentazione del prodotto: es. deodorante nei saponi, antiforfora negli shampoo. Viene soppresso per tutta una serie di conservanti, tra cui: TRICLOSAN, IMIDAZOLIDINILUREA, 2- FENOSSIETANOLO, BRONOPOL 33

34 NUOVE DISPOSIZIONI EUROPEE Per altri conservanti si stabiliscono usi specifici a determinate concentrazioni, e vengono quindi inseriti in all. III. I prodotti commercializzati in Europa dovranno essere conformi entro il 23 giugno

35 NUOVE DISPOSIZIONI EUROPEE Direttiva 2007/54/CE: coloranti per capelli Nell ambito della strategia concordata nel 2003 tra Commissione, Stati membri, industria e consumatori, per una completa rivalutazione dei 268 coloranti per capelli utilizzati, saranno inserite nell allegato II tutte quelle sostanze per le quali non verrà fornita adeguata documentazione, o che verranno ritenute non sicure da parte dell SCCP (Comitato Scientifico per i Prodotti di Consumo). La nuova direttiva vieta l utilizzo di 85 coloranti per capelli, 14 dei quali inseriti in allegato III parte 2. 35

36 Coloranti per capelli: In ambito europeo si sta valutando di introdurre indicazioni precise in etichetta, valide per tutti i prodotti. Tra queste, che i coloranti per capelli non devono essere usati dai bambini (da riportare in evidenza). Inoltre, è in corso una consultazione pubblica per valutare rischi e benefici del test di sensibilità (da eseguire di norma 48 ore prima dell applicazione). 36

37 NUOVE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE DL 2 agosto 2007, n. 145: pubblicità ingannevole che recepisce la Direttiva 2005/29/CE Vengono ampliati i poteri dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM): l avvio dei provvedimenti potrà avvenire d ufficio, quando l autorità venga autonomamente a conoscenza di una possibile violazione delle regole in materia di pubblicità ingannevole, non solo quindi a seguito di denuncia; Tra i poteri d indagine è previsto quello di disporre ispezioni al fine di controllare i documenti aziendali pertinenti all istruttoria e di prenderne copia, anche avvalendosi della collaborazione degli organi di stato. 37

38 NUOVE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nota anche come Autorità Antitrust, è una "Autorità indipendente" istituita nel Essa ha anche competenze in materia di pubblicità ingannevole e di pubblicità comparativa. L'Autorità è un organo collegiale, un organo, cioè, formato da più persone, che prendono le decisioni votando a maggioranza. Dall entrata in vigore del DL 215/2005 l AGCM si è occupata di 385 casi di pubblicità ingannevole, riscontrando 344 violazioni, ed ha comminato sanzioni per un totale di euro. Di queste, 35 casi per oltre euro riguardano pubblicità ingannevole di prodotti dimagranti, integratori alimentari e pseudo-farmaci. 38

39 NUOVE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE Legge 713/86, art. 9: E vietato usare nell etichettatura, nella presentazione alla vendita e nella pubblicità dei prodotti cosmetici testi, denominazioni, marchi, immagini e altri segni figurativi o meno, che attribuiscano a tali prodotti caratteristiche non previste dall art. 1. La legge italiana applica in maniera particolarmente restrittiva la Direttiva cosmetici. Claim tipo: Snellente Rivitalizzante Cellulite KO Sono stati considerati ingannevoli dal giurì. 39

40 ESEMPI DI ETICHETTATURA NON CONFORME: Food-imitation Non è difficile trovare prodotti cosmetici presentati in maniera tale da evocare caratteristiche di aspetto e/o di aroma alimentare: Es.: Bagnoschiuma allo yogurt, Crema corpo alla fragola. Ci sono stati diversi casi di ritiro dal mercato tramite il sistema di allerta rapido RAPEX sussiste il rischio che possano essere confusi davvero per prodotti alimentari, soprattutto da parte dei bambini, con rischio di soffocamento, ostruzione del tratto digestivo, intossicazione. 40

41 ESEMPI DI ETICHETTATURA NON CONFORME: Food-imitation Esiste uno specifico Decreto Legislativo in merito, il DL 25 gennaio 1992 n. 73, che vieta espressamente la circolazione di prodotti che: pur non essendo prodotti alimentari, hanno forma, odore, aspetto, imballaggio, etichettatura, volume o dimensioni tali da far prevedere che i consumatori, soprattutto i bambini, li possano confondere con prodotti alimentari e pertanto li portino alla bocca, li succhino o li ingeriscano con conseguente rischio di soffocamento, intossicazione, perforazione od ostruzione del tubo digerente. 41

42 ESEMPI DI ETICHETTATURA NON CONFORME: Food-imitation Non esiste una radicale impossibilità a commercializzare prodotti cosmetici che evochino per talune caratteristiche i prodotti alimentari. Bisogna evitare il concorso di più elementi che imitano il prodotto alimentare: contenitore, forma, odore, aspetto, consistenza. E necessario inoltre riportare in etichetta chiari riferimenti sulla natura cosmetica del prodotto, evitando equivoci terminologici che possano favorire il rischio di confusione. 42

43 43

44 44

45 45

46 GRAZIE DELLA CORTESE ATTENZIONE 46

I COSMETICI E LA NORMATIVA EUROPEA: REGOLE DI ETICHETTATURA

I COSMETICI E LA NORMATIVA EUROPEA: REGOLE DI ETICHETTATURA Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Giornata informativa destinata agli operatori nelle attività di Acconciatore, Estetista, Tatuatore, Piercing e Trucco Permanente

Dettagli

I cosmetici e la normativa europea: ingredienti ammessi e non, regole di etichettatura

I cosmetici e la normativa europea: ingredienti ammessi e non, regole di etichettatura I cosmetici e la normativa europea: ingredienti ammessi e non, regole di etichettatura Dott. ssa Elena Ugazio Università di Torino Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco PRODOTTI PER LA SALUTE

Dettagli

Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle

Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle normali e prevedibili condizioni d uso Tutti gli ingredienti

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE Racc. 22 settembre 2006, n. 2006/647/CE (1). sull efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni (1) Pubblicata nella G.U.U.E. 26 settembre

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 26.9.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 265/39 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 22 settembre 2006 sull efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni [notificata

Dettagli

Q uando fai la spesa e sullo scaffale

Q uando fai la spesa e sullo scaffale L etichettatura L etichettatura I PRODOTTI PRECONFEZIONATI Q uando fai la spesa e sullo scaffale trovi confezioni di pasta, detersivi, tonno, shampoo, bottiglie di vino, olio, acqua etc., stai comprando

Dettagli

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA.

LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. LA COMMERCIALIZZAZIONE E L ETICHETTATURA DEGLI OLI DI OLIVA IN ITALIA E NELL UNIONE EUROPEA. 1. COMMERCIALIZZAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA Confezioni Il prodotto può essere venduto all utenza finale in imballaggi

Dettagli

ISS - Roma 20 Giugno 2013 R. Porrà

ISS - Roma 20 Giugno 2013 R. Porrà I prodotti cosmetici messi a disposizione sul mercato sono sicuri per la salute umana se utilizzati in condizioni d uso normali o ragionevolmente prevedibili.. Chi garantisce la sicurezza dei prodotti???

Dettagli

CONVEGNO TECNICO BOLOGNA -COSMOPROF Bologna, 8 marzo 2013. AVV. SONIA SELLETTI - Studio Legale Astolfi e Associati - Milano

CONVEGNO TECNICO BOLOGNA -COSMOPROF Bologna, 8 marzo 2013. AVV. SONIA SELLETTI - Studio Legale Astolfi e Associati - Milano UNIPRO CONVEGNO TECNICO BOLOGNA -COSMOPROF Bologna, 8 marzo 2013 Avv. Sonia Selletti Studio Legale Astolfi e Associati, Milano L ambito della tutela Il bene tutelato dal Regolamento è la salute umana (sicurezza

Dettagli

DEFINIZIONI INDISPENSABILI

DEFINIZIONI INDISPENSABILI 1 DEFINIZIONI INDISPENSABILI Preimballaggio Per imballaggio preconfezionato, o preimballaggio, si intende l insieme del prodotto e dell imballaggio nel quale è confezionato. Possiamo affermare quindi che

Dettagli

Etichettatura, rintracciabilità e dichiarazione di conformità. Definizioni :

Etichettatura, rintracciabilità e dichiarazione di conformità. Definizioni : Definizioni : Etichettatura, rintracciabilità e Con il termine «materiali a contatto con gli alimenti» vengono definiti tutti quei materiali e quegli oggetti che possono entrare in diretto contatto con

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione OGGETTO: CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 134 Operativa Attività Produttive. D.lgs 11 Aprile 2011 n. 54 recante Attuazione

Dettagli

PREIMBALLAGGI. La normativa e i controlli delle Camere di Commercio. Preimballaggi Verona 5 marzo 2014

PREIMBALLAGGI. La normativa e i controlli delle Camere di Commercio. Preimballaggi Verona 5 marzo 2014 Preimballaggi Verona 5 marzo 2014 La normativa e i controlli delle Camere di Commercio IL CONTESTO NORMATIVO STORICO CEE LIQUIDI ALIMENTARI direttiva 75/106/CEE precondizionamento in volume di alcuni liquidi

Dettagli

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg 31976L0211 Direttiva 76/211/CEE del Consiglio, del 20 gennaio 1976, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative al precondizionamento in massa o in volume di alcuni prodotti in

Dettagli

Etichettatura: partita o lotto

Etichettatura: partita o lotto Etichettatura: partita o lotto Articolo 118 Applicabilità delle regole orizzontali Salvo ove altrimenti disposto dal presente regolamento, all etichettatura e alla presentazione si applicano la direttiva

Dettagli

LA DISCIPLINA METROLOGICA. Venezia, 27.02.2004

LA DISCIPLINA METROLOGICA. Venezia, 27.02.2004 LA DISCIPLINA METROLOGICA Venezia, 27.02.2004 IL D.P.R. 391 del 26/05/1980 RIFERIMENTI NORMATIVI La legge base è il D.P.R. n 391 del 26/05/1980 Introduce in Italia norme analoghe a quelle in vigore in

Dettagli

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007 DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO Brescia, 17 Dicembre 2007 Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n.ro 206, ovvero Codice del Consumo Rapporto tra professionista

Dettagli

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015

Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Circolare N. 43 del 20 Marzo 2015 Etichettature alimentari- le sanzioni sugli errori dopo le modifiche del regolamento UE n. 1169/2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

Dir. Resp.: Virman Cusenza

Dir. Resp.: Virman Cusenza Lettori: 1.229.000 Diffusione: 189.861 23-GIU-2013 Dir. Resp.: Virman Cusenza da pag. 9 Lettori: 1.229.000 Diffusione: 189.861 Dir. Resp.: Virman Cusenza 23-GIU-2013 da pag. 9 Lettori: 621.000 Diffusione:

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele

Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele Etichettatura del miele e dei prodotti alimentari contenenti miele 22 maggio 2015 Basovizza Incontro informativo con gli apicoltori Dott. A. Fiordelisi Veterinario ufficiale A.A.S. n.1 Triestina Etichettatura

Dettagli

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013 L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI 1 Normativa di riferimento Reg. (CE) 27 settembre 2011, n. 1007/2011 Decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo) Legge 883 del

Dettagli

ATS DET IL PAO NEI PRODOTTI COSMETICI: PROTOCOLLI DI ANALISI

ATS DET IL PAO NEI PRODOTTI COSMETICI: PROTOCOLLI DI ANALISI Documento Informativo nr. 106 Data di emissione: 26-1-2004 Revisione n. 0 Allegati: 0 ATS DET IL PAO NEI PRODOTTI COSMETICI: PROTOCOLLI DI ANALISI Riferimenti interni: dr.ssa Tiziana Rea - Resp. ATS Non

Dettagli

L educazione dei consumatori ad una corretta esposizione al sole : la Raccomandazione della Commissione UE

L educazione dei consumatori ad una corretta esposizione al sole : la Raccomandazione della Commissione UE L educazione dei consumatori ad una corretta esposizione al sole : la Raccomandazione della Commissione UE Marcella Marletta Direttore ufficio cosmetici-dgfdm Ministero della Salute CAMPAGNA SUI SOLARI

Dettagli

REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it

REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it REGOLAMENTO COSMETICO E PROFUMI Dr. Giulio Pirotta neogiul@tin.it LEGISLAZIONI DI RIFERIMENTO Regolamento 1223/2009/CE Cosmetici Regolamento 1907/2006/CE REACH Regolamento 1272/2008/CE CLP Regolamento

Dettagli

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994

Prodotti da forno particolare attenzione al pane e ad alcuni prodotti dolciari della tradizione DM del 20 dicembre 1994 Prodotti da forno Oltre alle norme di carattere generale sull etichettatura, esistono diverse norme nazionali che regolamentano il settore dei prodotti da forno; la legislazione italiana presta particolare

Dettagli

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO:

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: Prodotti COSMETICI GUIDA PRATICA PER IL CONSUMATORE GENNAIO 2010 Premessa... 3 1. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 4 2. Principi generali

Dettagli

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE Con il Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 dell 8 ottobre 2005 Supplemento ordinario n. 162, è

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

Gazzetta ufficiale n. L 247 del 21/09/2007 pag. 0017-0020

Gazzetta ufficiale n. L 247 del 21/09/2007 pag. 0017-0020 Avviso legale importante Direttiva 2007/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 settembre 2007, che reca disposizioni sulle quantità nominali dei prodotti preconfezionati, abroga le direttive

Dettagli

Le etichette alimentari

Le etichette alimentari Le etichette alimentari Le etichette riportate sulle confezioni dei prodotti alimentari aiutano a compiere una scelta informata su ciò che consumeremo L etichettatura dei prodotti alimentari destinati

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2003R1830 IT 11.12.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1830/2003 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

L etichettatura dei prodotti alimentari. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino L etichettatura dei prodotti alimentari Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Milano, 6 marzo 2015 ETICHETTATURA qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale,

Dettagli

CHE COSA C È SULL ETICHETTA

CHE COSA C È SULL ETICHETTA GIOCATTOLI Per giocattolo si intende qualsiasi prodotto concepito o espressamente destinato ad essere utilizzato a fini di gioco da minori di 14 anni. I giocattoli devono essere fabbricati a regola d arte

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti. RISOLUZIONE N. 210/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 novembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Dettagli

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura

Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Corso di formazione sugli additivi alimentari 23 gennaio 2013 I edizione 24 gennaio 2013 II edizione Benevento Additivi alimentari: aspetti normativi e criticità della etichettatura Antonella Semeraro

Dettagli

DETERSIVO IN POLVERE pl 6/7sc SCHEDA DI SICUREZZA

DETERSIVO IN POLVERE pl 6/7sc SCHEDA DI SICUREZZA DETERSIVO IN POLVERE pl 6/7sc SCHEDA DI SICUREZZA 01. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' pag. 1/4 Nome commerciale Detersivo in polvere per lavatrice con scaglie di sapone. Impieghi Detersivo

Dettagli

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Moncalieri, 23 maggio 2010 Cibo nel pacco e cibo pacco FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Dr.ssa Stefania Gelati Stazione Sperimentale per l Industria delle Conserve Alimentari Parma CONTENITORE PRIMARIO:

Dettagli

ETICHETTATURA DEL MIELE

ETICHETTATURA DEL MIELE L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative

Dettagli

DOCUMENTO PER FACILITARE LA COMPRENSIONE E L ATTUAZIONE DELL ETICHETTATURA NEI PRODOTTI BIOLOGICI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA

DOCUMENTO PER FACILITARE LA COMPRENSIONE E L ATTUAZIONE DELL ETICHETTATURA NEI PRODOTTI BIOLOGICI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Via Piave, 14 00187 Roma Italia Tel. +39 0645437485 Fax +39 0645437469 P.I. 02097571208 C.F. 02138600487 www.aiab.it aiab@aiab.it DOCUMENTO PER FACILITARE LA COMPRENSIONE E L ATTUAZIONE DELL ETICHETTATURA

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014

Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari. Graziella Lasi. Bologna, 03 ottobre 2014 Bologna, 03 ottobre 2014 Le principali novità nell etichettatura del latte e dei derivati lattiero-caseari Graziella Lasi Resp. Consumer Care, Leg.Alimentare, Nutr, Com. medico-scient. Gruppo GRANAROLO

Dettagli

SCHEDA 3 I giocattoli

SCHEDA 3 I giocattoli SCHEDA 3 I giocattoli Normativa di riferimento La normativa di riferimento in materia di giocattoli è molto articolata, poiché consta di leggi nazionali, decreti ministeriali, circolari e direttive CEE.

Dettagli

Venerdì 24 aprile 2015

Venerdì 24 aprile 2015 Venerdì 24 aprile 2015 LUCIANO BOANINI LEZIONE del 24,04,2015 Aggiornamento 2015.2 NORMATIVA SULLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DIFESA DEL CONSUMATORE Tutte le tabelle, il materiale didattico

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE LA LEGISLAZIONE COSMETOLOGICA

MINISTERO DELLA SALUTE LA LEGISLAZIONE COSMETOLOGICA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE SFIDE E OPPORTUNITÀ PER UNA NUOVA VISIONE OLISTICA DELLA SALUTE E DEL BENESSERE PSICOFISICO E SOCIALE DELLA PERSONA MINISTERO DELLA SALUTE LA LEGISLAZIONE COSMETOLOGICA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

Fonti normative: L. 26 novembre 1973, n. 883; D.P.R. 30 aprile 1976, n. 515 (regol. attuativo); Direttiva CEE 96/74; D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 194.

Fonti normative: L. 26 novembre 1973, n. 883; D.P.R. 30 aprile 1976, n. 515 (regol. attuativo); Direttiva CEE 96/74; D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 194. PRODOTTI TESSILI Fonti normative: L. 26 novembre 1973, n. 883; D.P.R. 30 aprile 1976, n. 515 (regol. attuativo); Direttiva CEE 96/74; D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 194. Campo di applicazione: S intendono prodotti

Dettagli

Scheda identificativa dei prodotti in legno

Scheda identificativa dei prodotti in legno Scheda identificativa dei prodotti in legno Legge 10.04.1991 n. 126 Decreto Ministeriale 8.02.1997 n. 101 Circolare Ministeriale 3.08.2004 n. 1 1 Ambito di applicazione ed entrata in vigore la legge 126/1991

Dettagli

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo

Etichettatura. Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Sezione 3 Etichettatura e presentazione nel settore vitivinicolo Articolo 117 reg. 1308/13 Definizione Ai fini della presente sezione si intende per: a) etichettatura, i termini, le diciture, i marchi

Dettagli

Indicazioni obbligatorie di legge sugli apparecchi elettrici ed elettronici

Indicazioni obbligatorie di legge sugli apparecchi elettrici ed elettronici Indicazioni obbligatorie di legge sugli apparecchi elettrici ed elettronici Avv. Maurizio Iorio Martedì 16 giugno 2015 Convegno organizzato da ANDEC Confcommercio Codice del Consumo e normativa specifica

Dettagli

D.L. 3-7-1976 n. 451

D.L. 3-7-1976 n. 451 D.L. 3-7-1976 n. 451 Attuazione delle direttive del consiglio delle Comunità europee n. 75/106/CEE relativa al precondizionamento in volume di alcuni liquidi in imballaggi preconfezionati e n. 75/107 relativa

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI

SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI SICUREZZA DEI PRODOTTI DETERGENTI Ai sensi del Reg. (CE) 1907/2006 e Reg. (CE) 453/2010 SCHEDA SICUREZZA DENOMINAZIONE PRODOTTO: DET. PIATTI LIMONE FLEUR. ML. 1250 CODICE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 503. Disciplina della produzione, commercializzazione e consumo di prodotti erboristici

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 503. Disciplina della produzione, commercializzazione e consumo di prodotti erboristici Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 503 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore MASSIDDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 13 MAGGIO 2008 Disciplina della produzione, commercializzazione e consumo

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food

E. Monica Russo. Integratori alimentari e novel food E. Monica Russo Integratori alimentari e novel food enza.russo@lab-to.camcom.it Isernia, 2 aprile 2014 1 MINISTERO DELLA SALUTE www.salute.gov.it TEMI E PROFESSIONI ALIMENTI ALIMENTI PARTICOLARI integratori

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

sui prodotti cosmetici Argan Cosmetic di EJBABDI KHADIJA Contrada San Salvatore n 72 Ostuni BR cap 72017 Italia. e- mail: info@argancosmetic.

sui prodotti cosmetici Argan Cosmetic di EJBABDI KHADIJA Contrada San Salvatore n 72 Ostuni BR cap 72017 Italia. e- mail: info@argancosmetic. Leggi e norme di riferimento: - Legge 713/86 e s.m.i. - Regolamento (CE) n.1223/2009 del 30/11/2009 del parlamento Europeo sui prodotti cosmetici Ragione sociale e indirizzo dell azienda responsabile:

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

GESTIONE DEI PRODOTTI

GESTIONE DEI PRODOTTI Gestione dei prodotti biologici ed etichettatura G [ GESTIONE DEI PRODOTTI ] BIOLOGICI ED ETICHETTATURA E L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Il testo principale sull etichettatura, la presentazione

Dettagli

Preambolo. Considerato che risulta così completato il procedimento previsto dalla legge di delega;

Preambolo. Considerato che risulta così completato il procedimento previsto dalla legge di delega; Decreto del Presidente della Repubblica 23 agosto 1982, n. 871 (in Gazz. Uff., 26 novembre, n. 326). Attuazione della direttiva (CEE) n. 80/232 relativa alle gamme di quantità nominali e capacità nominali

Dettagli

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni:

I prodotti alimentari preconfezionati destinati al consumatore devono riportare le seguenti indicazioni: ETICHETTATURA Decr. L.vo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari Finalità a) non indurre in errore

Dettagli

Presentazione delle informazioni obbligatorie

Presentazione delle informazioni obbligatorie Le principali novità sul Regolamento (UE) 1169/2011 e raffronto tra la normativa nazionale e la normativa Ue Prof.ssa Erica Varese Dipartimento di Scienze Merceologiche Università degli Studi di Torino

Dettagli

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 Marcella Cabiddu, Ignazio Ibba, Danilo Muggianu Contribuire ad assicurare un livello elevato di

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it

NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI. Francesco Aversano. www.avvocatoaversano.it NUOVE INFORMAZIONI ALIMENTARI Campobasso 27 aprile OTAM Francesco Aversano www.avvocatoaversano.it ETICHETTATURA PRESENTAZIONE PUBBLICITA INFORMAZIONI REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DISR

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DISR DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DISR Roma, 15 novembre 2013 Etichettatura del miele Etichettatura l insieme delle

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

Scheda dati di sicurezza Conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1

Scheda dati di sicurezza Conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Definizione del prodotto: Uso previsto: Elementi identificatori della società/impresa: Responsabile della scheda di sicurezza Numero

Dettagli

Bologna 10 maggio 2013. Possibili spunti di riflessione

Bologna 10 maggio 2013. Possibili spunti di riflessione Bologna 10 maggio 2013 Possibili spunti di riflessione Cosmetici Regolamento (CE) 1223/2009 Il 22 dicembre 2009, nella Gazzetta Ufficiale dell Unione europea, è stato pubblicato il nuovo regolamento sui

Dettagli

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009

L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI. TORINO 26 maggio 2009 L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI TORINO 26 maggio 2009 A cosa serve l etichettatura? l l insieme di tutte le indicazioni fornite all acquirente, necessarie al fine di consentire l acquisto con piena

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.C. - Appendice Settore Cosmesi

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.C. - Appendice Settore Cosmesi Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.C. - Appendice Settore Cosmesi Pagina 1 di 5 APPENDICE SETTORE COSMESI 1 - Obiettivo Il presente documento

Dettagli

Illustrazione 1 1 report nazionale (prima parte) sulla data di scadenza nelle etichette dei prodotti alimentari

Illustrazione 1 1 report nazionale (prima parte) sulla data di scadenza nelle etichette dei prodotti alimentari VISIBILITA E INDIVIDUAZIONE DELLA DATA DI SCADENZA NELL ETICHETTA ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI: FATTORE DI SICUREZZA PER LA SALUTE DEI CONSUMATORI Federconsumatori Nazionale Novembre 2007 Illustrazione

Dettagli

Etichettatura del Miele

Etichettatura del Miele Workshop Ricerca applicata in Apicoltura per la tutela dell Ambiente e la Valorizzazione delle Produzioni Etichettatura del Miele Sulmona 18 Ottobre 2013 Dr. Carlo Ferrari - ASL Roma G Etichettatura l

Dettagli

Corrado Salvini. Il Cosmetico. Leggere l etichetta alla luce della nuova legge cosmetica

Corrado Salvini. Il Cosmetico. Leggere l etichetta alla luce della nuova legge cosmetica Corrado Salvini Il Cosmetico Leggere l etichetta alla luce della nuova legge cosmetica REGOLAMENTO (CE) n. 1223/2009 Ai bambini che sorridono col cuore Introduzione Alla luce del nuovo regolamento Europeo

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) DIRETTIVE

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) DIRETTIVE 30.6.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 170/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/48/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING 13 maggio 2015 - mercoledì Dr. Mario Esposito Tecnico

Dettagli

Vecchia Direttiva e nuovo Regolamento sui cosmetici: che cosa cambia?

Vecchia Direttiva e nuovo Regolamento sui cosmetici: che cosa cambia? Cosmoprof 2009 Forum Tecnico-regolamentare Bologna, 3 aprile 2009 Vecchia Direttiva e nuovo Regolamento sui cosmetici: che cosa cambia? Marcella Marletta Min. Lavoro, Salute e Politiche Sociali DGMDM Luigi

Dettagli

Normativa vecchia e nuova a confronto

Normativa vecchia e nuova a confronto Normativa vecchia e nuova a confronto D.Lgs. 25-2-2000 n. 84 D.Lgs. 6-9-2005 n. 206 Capo III - Particolari modalità di informazione Sezione I - Indicazione dei prezzi per unità di misura 1. Definizioni

Dettagli

Indagine sul fenomeno della contraffazione dei prodotti cosmetici

Indagine sul fenomeno della contraffazione dei prodotti cosmetici Indagine sul fenomeno della contraffazione dei prodotti cosmetici a cura del della Camera di commercio di Torino 1 Il campione di indagine nuclei famigliari indagati per tipologia di famiglia 41,5% Totale

Dettagli

Etichettatura degli additivi

Etichettatura degli additivi LABORATORIO CHIMICO CAMERA COMMERCIO TORINO Etichettatura degli additivi Laura Bersani Novara 7 dicembre 2011 laura.bersani@lab-to.camcom.it Miglioratori alimentari (food improvement agents package) Reg

Dettagli

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali

La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali CSI 9 febbraio 2012 La disciplina dei MOCA (Materiali ed Oggetti a Contatto con gli Alimenti): profili generali M R Milana Istituto Superiore di Sanità- Roma MOCA : Quali materiali e oggetti? Tutti i materiali

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. Data di emissione della scheda : 08/06/2012 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del

Dettagli

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi Roma, 23 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Protocollo: 59658/RU Rif.: Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi All Ufficio centrale antifrode Sede e, p.c. Al Ministero

Dettagli

MATERIALE ELETTRICO A BASSA TENSIONE. mg 09.09 1

MATERIALE ELETTRICO A BASSA TENSIONE. mg 09.09 1 MATERIALE ELETTRICO A BASSA TENSIONE mg 09.09 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO legge 791/77 (bassa tensione) decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo) artt. 102, 103 (sicurezza prodotti

Dettagli

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI 1 SCHEDA DESCRITTIVA 1.1 DENOMINAZIONE DI VENDITA E una conserva alimentare costituita da peperoni grigliati, in vaschetta da 1900g con trattamento termico di pastorizzazione.

Dettagli

Controllo Tutela Risparmio Sicurezza CTRL

Controllo Tutela Risparmio Sicurezza CTRL CONTROLLO STATISTICO DEI PRODOTTI A PESO FISSO Controllo Tutela Risparmio Sicurezza CTRL 4 valori per il Peso Fisso Controllo per la precisa pesatura di ogni singola confezione di prodotto Tutela perché

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI

IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI : LA NORMATIVA DELL UNIONE EUROPEA E NAZIONALE IL CONTROLLO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI E LA VERIFICA DELL'ETICHETTATURA Novara 30 Gennaio 2013 ASL NO NOVARA SERVIZIO D IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE

Dettagli

SCHEDA TECNICA PELUCHE

SCHEDA TECNICA PELUCHE SCHEDA TECNICA PELUCHE 1 Categoria prodotto: GIOCATTOLI 2 Sottocategoria prodotto: PELUCHE 3 Immagine prodotto: 4 5 6 7 Descrizione prodotto e destinazione d uso: Riferimenti Direttive comunitarie applicabili:

Dettagli

4. La disciplina in tema di etichettatura

4. La disciplina in tema di etichettatura 4. La disciplina in tema di etichettatura L esigenza di tutela nel campo dell alimentazione ha trovato conferma anche nella disciplina normativa del c.d. controllo ufficiale dei prodotti alimentari realizzato

Dettagli

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento?

Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? PROGETTO AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE: BIODIVERSITÀ, CULTURA, AMBIENTE, INNOVAZIONE, SICUREZZA Ricette, calorie e valori nutrizionali: come nasce l etichetta nutrizionale di un alimento? Milena Casali Istituto

Dettagli

Principi generali della normativa nazionale e comunitaria sui materiali e oggetti a contatto con alimenti

Principi generali della normativa nazionale e comunitaria sui materiali e oggetti a contatto con alimenti Principi generali della normativa nazionale e comunitaria sui materiali e oggetti a contatto con alimenti Elvira Cecere Ministero della Salute Direzione Generale per l igiene e la Sicurezza degli Alimenti

Dettagli

Legge 18 ottobre 1977, n. 791.

Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità europee (n 73/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere

Dettagli

COSMETICI CHE COSA C È SULL ETICHETTA

COSMETICI CHE COSA C È SULL ETICHETTA COSMETICI I prodotti cosmetici sono tutte quelle sostanze e preparazioni, diverse dai medicinali, destinate ad essere applicate sulle superfici esterne del corpo umano, oppure sui denti e sulle mucose

Dettagli

La contraffazione dei cosmetici

La contraffazione dei cosmetici disp_cosmetici 27-06-2012 17:48 Pagina 1 La contraffazione dei cosmetici Vademecum per il consumatore Conoscere il problema per affrontarlo meglio disp_cosmetici 27-06-2012 17:48 Pagina 2 Cosmetici: cosa

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014)

CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014) CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014) 1. PREMESSA Il presente capitolato disciplina: - la fornitura

Dettagli

PASTA LAVAMANI Profilo tecnico e di sicurezza Rev n 16 Data ultima revisione 16/02/10

PASTA LAVAMANI Profilo tecnico e di sicurezza Rev n 16 Data ultima revisione 16/02/10 1.IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Nome commerciale : PASTA LAVAMANI Codice commerciale: 01 Descrizione prodotto: Detergente in pasta composto da tensioattivi di origine naturale. Tipo di prodotto

Dettagli

La marcatura CE secondo CPR

La marcatura CE secondo CPR 118 33- La marcatura CE deve essere l unica marcatura che attesta che il prodotto da costruzione è conforme alla prestaarch. Mario Sanvito La marcatura CE secondo CPR Il Regolamento n. 305/2011 che entra

Dettagli