ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MONTEFELTRO SASSOCORVARO (PU) A.S. 2009/2010 I A IPSS e IV A Liceo scientifico. Lontani da dove?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MONTEFELTRO SASSOCORVARO (PU) A.S. 2009/2010 I A IPSS e IV A Liceo scientifico. Lontani da dove?"

Transcript

1 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MONTEFELTRO SASSOCORVARO (PU) A.S. 2009/2010 I A IPSS e IV A Liceo scientifico Lontani da dove? 1

2 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO MONTEFELTRO SASSOCORVARO (PU) Classe I A IPSS Anno scolastico 2009/2010 LONTANI DA DOVE? 2 3

3 LE SCELTE L adesione al progetto provinciale Lontani da dove? nasce dalla consapevolezza della necessità di costruire un futuro di condivisione e di vera integrazione tra gli uomini. Da subito gli alunni delle due classi hanno manifestato interesse per il progetto e si sono intrapresi i due percorsi, che, se pur tra loro molto diversi, avevano il medesimo scopo ed hanno perseguito lo stesso comune obiettivo. Le due classi sono tra loro estremamente differenti: la classe dell IPSS è una prima costituita da ventiquattro alunne, di cui dodici provenienti da altri paesi (Europa dell est, Africa), l età anagrafica rispecchia il loro vissuto: convivono insieme quattordicenni e ragazze ormai maggiorenni; la classe del Liceo Scientifico è una quarta ed è pertanto composta da ragazzi grandi e, ad eccezione di una sola alunna, italiani. Tale diversità è stata dirimente nella progettazione dei percorsi e delle attività, ma è per noi importante sottolineare come proprio questa differenza di esperienze, di vissuti e di sensibilità, sia stata significativa e preziosa. Noi pensiamo, infatti, che l intercultura non sia una materia d insegnamento a sé stante, ma un occasione irrinunciabile per arricchire l offerta formativa, una chance per una scuola che lavora per l uguaglianza delle opportunità. L immagine di una società in cui la trasmissione culturale tenga conto di una dimensione sovraterritoriale e multietnica, porta alla necessità di attivare processi educativi che valorizzino i fenomeni di metissage e di contaminazione culturale. La pedagogia interculturale che la scuola intende seguire con questo progetto, prevede di lavorare nel segno dell interazione e dell integrazione. Parole chiave di questo processo di integrazione sono: 4 5

4 accoglienza, come attenzione e ascolto dei bisogni, dei diritti, della voce degli immigrati; stabilizzazione come accettazione della convivenza di più culture (quella propria e quella del nuovo contesto), di due lingue (la propria e la nuova), di due psicologie (ciò che si è stati e ciò che è necessario essere); formazione, come canale per imparare a convivere nella complessità della propria condizione e come superamento dell incertezza e dell insicurezza. In questo contesto Accogliere vuol dire: assumere un atteggiamento di serenità e di calma di fronte a situazioni di totale non comunicabilità adottare e promuovere atteggiamenti di ascolto e apertura, ma anche di rispetto dei tempi del SILENZIO per non incorrere in fraintendimenti dare il tempo necessario alla famiglia e all alunno di capire e adattarsi alle nuove regole mettere in gioco tutte le possibilità non verbali della comunicazione stabilire spazi di negoziazione sugli aspetti della vita quotidiana prevedere e organizzare dispositivi per dare risposte qualificate ai problemi didattici essere disponibili a modificare il percorso didattico in relazione ai bisogni FINALITA Pensare una politica dell accoglienza coerente con i compiti evolutivi propri dell adolescenza; rispondere all urgenza della scolarizzazione orientata ad un progetto di vita per l integrazione socio-culturale e professionale degli alunni stranieri; studiare un approccio interculturale che si rivolga alla totalità della classe e sappia rileggere l evento presenza dell alunno straniero come uno stimolo, una risorsa, una sfida culturale che partendo dal riconoscimento e dalla valorizzazione delle differenze, si cimenti in un percorso di cittadinanza del mondo intesa come nuova dimensione della convivenza democratica; proporre non solo la conoscenza delle culture altre (conoscere non basta per apprezzare) ma favorire l incontro, il dialogo fra culture, in presenza e non di immigrati; mirare a far apprezzare le differenze, facendo leva sul cognitivo. La differenza culturale favorisce scontri: occorre trovare interpretazioni condivise, individuare orizzonti comuni per realizzare comportamenti prosociali e favorire la coesione sociale; stimolare la relazione costruttiva con l alterità; ampliare e consolidare la conoscenza e acquisire gli strumenti culturali necessari alla formazione di una cittadinanza consapevole e libera da pregiudizi e stereotipi, nell ottica del superamento dell eurocentrismo e dell etnocentrismo; sviluppare la capacità democratica di interazione e partecipazione, nel riconoscimento dell altro e nella condivisione; costruire una nuova Paideia che unisca identità e differenza, nel reciproco rispetto e nella reciproca e sinergica azione, capace di coniugare locale e globale, universale e relativo. 6 7

5 OBIETTIVI Riflettere su come vediamo noi gli altri e su come gli altri ci vedono. Analizzare, conoscere e valutare gli stereotipi che caratterizzano il nostro modo di vedere gli altri. Scoprire i pregiudizi che ci guidano nella valutazione delle persone, degli eventi e delle culture. Considerare lo shock culturale nella transizione dalla cultura di partenza a quella di accoglienza. Sviluppare e rinforzare l identità dell alunno, individuale, collettiva, sociale e nazionale, considerati in un continuo divenire. Attivare elementi di disponibilità ad una cultura della solidarietà. Imparare a risolvere i problemi insieme accettando le diverse soluzioni. Imparare a convivere con l incertezza. I PROTAGONISTI Dirigenti Scolastici: Ottaviani Guerrino a. s. 2009/2010 e Marinai Anna Maria a. s. 2010/2011 Ufficio Cooperazione internazionale e nazionale, politiche migratorie della Provincia di Pesaro-Urbino Docenti: Mandrelli Anna Grazia, Schiavi Donatella, Ugoccioni Susanna Alunni della classe IA IPSS e IV A Liceo Scientifico Tecnico di Laboratorio: Ugolini Luigi METODOLOGIA E STRATEGIE Metodo narrativo È forse questo il metodo più caldo e accogliente e democratico per fare intercultura. Tutti, infatti, hanno qualcosa da narrare, se però qualcuno è disposto ad ascoltare. Senza l ascolto dell altro non si dà interculturalità. Se l interculturalità è un movimento di reciprocità, allora non basta parlare all altro, né parlare dell altro, ma occorre ascoltare l altro. L obiettivo della pedagogia narrativa non è tanto quello di aumentare il volume dei materiali narrativi nella scuola, quanto piuttosto quello di dare un impianto narrativo al percorso educativo. In questo modo la narrazione non è più intesa soltanto come oggetto (il contenuto) dell educazione ma come un suo nuovo e originale principio epistemico (educare narrando). Metodo comparativo Si tratta di mettere a confronto due o più narrazioni o sguardi o versioni su uno stesso oggetto. Ciò che è importante sul piano educativo è l allargamento della visione attraverso l utilizzazione di una nuova risorsa. In questo modo si esce da un impostazione unilaterale e unidimensionale dell educazione, evitando di far credere che esista una sola riproduzione vera e fedele di una determinata realtà. Il metodo comparativo è dunque, potenzialmente, una via per educare alla complessità e al pluralismo, alla relatività e al confronto. Metodo decostruttivo Quando culture diverse si incontrano/scontrano, si collocano il più delle volte in rapporto asimmetrico. Bisogna mettersi fuori da un ideologia della neutralità. Sicché non basta il riconoscimento formale dell uguaglianza, in termini di valore e di civiltà, poiché 8 9

6 rimangono da risolvere i rapporti di forza tra le stesse culture e i soggetti che ne sono portatori. Che fare, allora, affinché il dialogo interculturale sia veramente una relazione di reciprocità? Una delle risposte possibili è quella che passa attraverso la pratica della decostruzione dei pregiudizi, degli stereotipi, dei luoghi comuni, delle immagini deformanti, delle categorie linguistiche etnocentriche, ecc. La decostruzione va dunque intesa come promozione della capacità di mettersi in questione, di rivisitare e rivedere le proprie idee. Si tratta di un processo di revisione, di relativizzazione, di storicizzazione, di decentramento delle proprie categorie concettuali. Metodo del decentramento o dei punti di vista Educare al confronto interculturale significa innanzitutto far crescere la capacità di decentrarsi dal proprio punto di vista, imparando a considerare il proprio modo di pensare non come l unico possibile o l unico legittimo ma, uno fra molti. Il decentramento contiene in sé un antidoto all intolleranza e al razzismo. È un tirocinio democratico, un allenamento per imparare ad accettare la parzialità della propria verità, mai totalizzante, mai assoluta, mai definitiva. Il riconoscimento del debito culturale Eccoci ad un metodo un po particolare, ma molto importante ai fini dell educazione interculturale: si tratta di portare l alunno a riconoscere il debito culturale che la sua cultura di appartenenza ha nei confronti di altre culture. Infatti tante realtà culturali (parole, utensili, prodotti alimentari, piante, animali, simboli, riti, ecc.) che oggi sono considerati come parte essenziale della mia cultura, una volta non mi appartenevano. Poi, attraverso gli scambi culturali, le mescolanze, le contaminazioni, le ibridazioni, i prestiti ecc. sono diventati elementi incorporati anche dalla mia cultura a tal punto e così profondamente che oggi forse lo abbiamo dimenticato. A questo serve il riconoscimento del debito culturale. Il metodo dell azione o pedagogia dei gesti L educazione interculturale oltre alle conoscenze e agli atteggiamenti deve saper valorizzare anche i gesti, le azioni, i comportamenti, ossia la via pragmatica dell educazione alla cittadinanza attiva. La via ludica Attraverso la via ludica all interculturalità si valorizza il coinvolgimento diretto, il mettersi in gioco mediante simulazioni, giochi di ruolo, danze, spettacoli teatrali, drammatizzazioni, ecc Ovviamente ci sono tante altre buone pratiche per fare intercultura, si può partire valorizzando ciò che i curricoli disciplinari e i libri di testo già contengono, rendendo più visibili, in definitiva, gli indicatori dell interculturalità nella strumentazione didattica ordinaria. FASI DEL PROGETTO CLASSE I A IPSS AZIONE 1: Accoglienza Giornate dell accoglienza: ci presentiamo, conosciamo la scuola e il suo territorio, giochiamo insieme. AZIONE 2: Alfabetizzazione Costruire la competenza fonologica. Riteniamo che le conoscenze relative alla competenza fonologica e a quella comunicativa della lingua debbano precedere le esercitazioni morfo-sintattiche, alle quali verrà dato spazio in un secondo momento, quando si avvertirà che l alunno avrà familiarizzato con la lingua

7 AZIONE 3: Chi siamo Presentazione da parte delle alunne nella propria lingua madre. Giochi di ruolo utilizzando la lingua madre delle alunne straniere, lingue (Arabo, bulgaro, macedone, albanese) che sono state insegnate alle compagne di nazionalità italiana. Racconto, orale e scritto, della propria storia di immigrata. Racconto, orale e scritto, dell esperienza del vivere in una classe multietnica. Racconto della propria storia di immigrati da parte dei genitori delle ragazze di I IPSS di nazionalità non italiana. AZIONE 4: Nei laboratori Elaborazione dei testi. Elaborazione delle immagini. FASI DEL PROGETTO CLASSE IV A LICEO AZIONE 1: Presentazione e sensibilizzazione al progetto AZIONE 2: Individuazione di conoscenti e congiunti, italiani e stranieri, che hanno vissuto l esperienza della emigrazione. AZIONE 7: Progettazione e realizzazione di un sito Web Offline con risorse multimediali (immagini, video, audio, testi scritti). Contenuto del Sito Home page con presentazione del progetto sezione News con contributi dall attualità sezione con contributi multimediali(testi di canzoni, traduzioni, video, riadattamento di brani musicali da parte degli studenti) sezione dati statistici con relativa presentazione e problematizzazione interviste effettuate dagli studenti ad immigrati in Italia testimonianze di emigrati italiani raccolte dagli studenti sezione Voci e riflessioni poesie blog contenente post pubblicati dalla docente di filosofia Donatella Schiavi sulla piattaforma Moodle della scuola ispirati a riflessioni ed affermazioni di diversi intellettuali del presente e del passato: i filosofi I. Kant, J. Habermas, E. Morin, J. Rawls, M. Bovero, Amartya Sen AZIONE 3: Redazione di questionari da parte degli alunni AZIONE 4: Effettuazione delle interviste con riprese video ed allestimento delle presentazioni multimediali AZIONE 5: Ricerca materiale statistico AZIONE 6: Scelta e presentazione dei temi di riflessione e degli approfondimenti, poesie, canzoni 12 13

8 A Kengah, una gabbiana dalle piume color argento, piaceva particolarmente osservare le bandiere delle navi, perché sapeva che ognuna rappresentava un modo di parlare, di chiamare le stesse cose con parole diverse. Com è difficile per gli umani. Noi gabbiani, invece, stridiamo nello stesso modo in tutto il mondo commentò una volta Kengah con un compagno di volo. Proprio così. E la cosa più straordinaria è che ogni tanto riescono anche a capirsi stridette l altro. Nota introduttiva Ogni intuizione nasce da un percorso interiore compiuto, interrotto o rimandato. Ogni intuizione, quando incontra dei volti e delle storie, diviene prassi didattica e desiderio di scrittura. Ogni prassi didattica vive di passato, di presente e di futuro collocandosi, contemporaneamente, in un percorso temporale diacronico e sincronico. Così questo lavoro: è ciò che arriva da un intuizione e da un incontro. Raccontarlo, dopo averlo vissuto, è ancora una volta riappropriarsene mostrandone tutte le potenzialità anche quelle inespresse. Il desiderio è che la lettura provochi nel lettore moti d anima inattesi e nuovi. Prof.ssa Anna Grazia Mandrelli tratto da Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare di Luis Sepúlveda 14 15

9 Caro diario, oggi per caso, ho ritrovato vecchie cartoline e poster della mia terra Le guardo quanto tempo è passato! Quante cose sono cambiate da quel lontano giorno in cui sono partita Era il 19 aprile del 2007, fu un giorno molto triste perché non potevo più stare vicino ai miei nonni e a tutte le persone care. Da una parte ero felice perché volevo conoscere l Italia e le persone che già vivevano in Italia, ma guardavo attentamente i miei nonni come piangevano, mi si spezzava il cuore ma non potevo fare niente perché i miei genitori avevano bisogno di lavorare in Italia perché nel nostro paese il salario è molto più basso. Sono arrivata in Italia di sabato, era il 20 aprile del 2007, sono scesa dal pulmino e mi sono fermata per guardare intorno, per vedere com era diversa l Italia dalla Romania, in realtà nulla era diverso, io mi immaginavo tutt altro, in Romania le case hanno soltanto un piano, io pensavo che in Italia ci fossero solo ville ma non era cosi. La prima parola italiana che ho sentito è stato il buongiorno del nostro padrone di casa, lui ci guardava attentamente, io non conoscevo la lingua italiana, sapevo soltanto dire Buongiorno e Ciao. All inizio ho avuto difficoltà nel parlare una lingua che non conoscevo e questo può capirlo solo chi ha provato questa esperienza sulla sua pelle. All inizio provavo vergogna nell andare a scuola ma dopo 2 settimane mi sono fatta coraggio e ho deciso di incontrare le persone che volevo vedere da tanto tempo. Finalmente il primo giorno di scuola arrivò, sono andata a scuola alla fine di Aprile, era tardi, ma volevo conoscere un può di più come stavano le cose in realtà. In segreteria c era una donna gentile, si chiama Carla, era la segretaria, mi fece conoscere Mirella, che mi avrebbe aiutato ad imparare la lingua italiana. Poverina mi spiegava sempre se non capivo qualcosa, era sempre vicino a me. Quando Mirella andava a potenziamento io rimanevo in classe con la prof di Italiano, mi ha aiutato tanto, la prima cosa che ho imparato è stata l alfabeto, vicino alle lettere mi faceva un disegno per farmi carpire quello che significava quella parola e quando e come si usava. All inizio era difficile, non capivo niente, e i miei compagni, quando parlavo io, non capivano niente. A casa prendevo il dizionario per trovare le parole che non conoscevo, piangevo, era difficile essere straniero, non capire niente a scuola nel mio paese ero brava, qui. In 3 mesi parlavo in italiano e l ho studiato per tutta l estate. Tutti i ragazzi erano fuori a giocare e io sui libri o alla televisione per imparare questa lingua! In classe ho poi incontrato tante amiche straniere come me e ho potuto aiutarle anche perché sapevo quello che provavano. E stato difficile imparare l Italiano anche perché quando parlavo male la lingua tante persone mi ridevano in faccia e questa cosa mi faceva molto male, ma con l aiuto delle persone che mi volevano bene passava tutto. Ho imparato una cosa molto importane dai miei vecchi prof: loro mi dicevano che quando qualche compagno mi offendeva non dovevo sempre rispondere, così avrebbe smesso prima. Qualche volta funzionava! Ora sono passati 3 anni e sono molto contenta di essere riuscita a conoscere l Italia e la sua lingua. Bobonea Dorina Gabriela 16 17

10 Mi chiamo Stefania ho 14 anni, frequento una classe con tante ragazze straniere. La mia classe è una classe multietnica, viverci è un po come fare il giro del mondo senza avere i bagagli dietro! Non mancano, come in tutte le classi, bisbigli, battibecchi, litigate... poi però facciamo pace. Per me l incontro tra persone di culture diverse è un occasione di crescita, di confronto, un privilegio e non un peso. Bianca Maria Simoncini Il primo giorno di scuola, appena sono entrata, mi sono guardata intorno e mi sono detta: questa è una classe con solo ragazze straniere? Quasi, quasi avevo paura, non so il perché pensavo di essere l unica italiana, invece, poi, ho scoperto di non essere sola. Se devo dire la verità, è la prima volta che sono in una classe con ragazze straniere: né alle elementari, né alle medie ho avuto compagne straniere. Per me è un esperienza nuova! Alcune delle mie compagne straniere dimostrano di non stare sempre bene in questa classe forse perché non conoscono ancora la lingua italiana. Penso che le ragazze straniere dovrebbero essere aiutate molto nell imparare la nostra lingua, tante difficoltà sparirebbero. Conosco tanti ragazzi e ragazze italiani che prendono in giro i compagni stranieri che puzza! dicono, oppure, con tono aggressivo, perché sei in Italia?. Per me l incontro tra persone straniere, in certi casi, può essere difficile ma poi diventa sempre un occasione di crescita. Stefania Murgia 18 19

11 Io vivo in una classe multietnica e ne sono felice. Nelle precedenti scuole che ho frequentato la maggior parte dei miei compagni era italiana; io ero l unica straniera. Provengo, infatti, dall Argentina, anche se sono arrivata in Italia all età di un mese.mi sento italiana a tutti gli effetti. Molte persone pensano che gli immigrati portino solo disagio sociale e rubino il lavoro agli italiani, io non penso assolutamente che sia così. L Italia è un paese con un tasso di natalità basso, senza persone straniere l Italia diventerebbe un paese formato esclusivamente da persone anziane. Grazie agli stranieri c è più lavoro e l Italia va avanti. E vero, c è sempre qualche persona che ruba o spaccia droga ecc.., ma non sono solo stranieri, ci sono anche gli italiani. Secondo me l Italia sta diventando un paese un po razzista. Spesso al telegiornale sento che molte persone vengono discriminate perché hanno la pelle di un altro colore, ma non è giusto essere picchiati o derisi per questo, non è giusto essere guardati in modo diverso. Molte persone vengono in Italia perché nel loro paese non c è lavoro, vengono qua con la speranza di un futuro migliore per i loro figli. Non è giusto cacciarli via e riportarli indietro. Devono però essere in regola e non vivere come clandestini, senza alcun documento o lavorare in nero. Molti vengono qui addirittura con il gommone rischiando la propria vita e quella dei loro figli affidandosi alla sorte. Al telegiornale ho sentito parlare di un uomo indiano che è stato aggredito da un italiano mentre aspettava la corriera. Lui ha cercato di chiedere aiuto ai passanti, ma nessuno gli ha prestato soccorso, nessuno ha mosso un dito. Per fortuna, alla fine, una donna si è avvicinata e lo ha portato al pronto soccorso.la legge italiana non l ha tutelato, l uomo che l ha accoltellato è riuscito a scappare e nessuno l ha fermato. Ci vuole più giustizia, ci vogliono leggi più severe. Molti delinquenti di altri paesi vengono in Italia, perché sanno che da noi le leggi non sono dure, nei loro paesi non è così! Sono contenta di essere in una classe dove non sei giudicato perché provieni da un altro paese e dove non ci sono episodi di bullismo. Sono orgogliosa di frequentare questa classe perché posso accrescere la mia cultura e allargare i miei orizzonti. Sofia Romeri 20 21

12 Era il 2002, era tanto tempo che non vedevo mio padre... e finalmente il giorno più bello della mia vita era arrivato perché di nuovo la famiglia si riuniva. Io ero felice di venire qua, anche perché mio padre mi aveva detto che c erano alcuni miei amici che mi volevano già tanto bene. Il giorno della partenza ho visto tante persone che piangevano, mia sorella aveva 2 anni, appena vedeva mia madre piangere iniziava a piangere anche lei, io non capivo il perché. Poi ad ottobre ho iniziato la 2ª elementare, all inizio sono stata accolta molto bene poi, in 3ª elementare mi prendevano in giro. In seconda non sapevo parlare in italiano e utilizzavo sempre i segni. A poco a poco, la mia maestra di sostegno, Luana, mi ha insegnato l italiano e ho iniziato a dire parole nuove: gomma, matita, temperino ecc così, al posto dei segni, anche per poter andare al bagno, dicevo solo bagno. Una volta in classe abbiamo fatto il gioco del silenzio e toccava a me, io invece di dire un testo in italiano ne ho detto uno in albanese, tutti sono rimasti a bocca aperta perché non avevano capito cosa avevo detto, dopo un po ci siamo messi a ridere e abbiamo continuato il gioco fino alla fine. Solo adesso ho capito cosa vuol dire avere nostalgia del proprio paese, delle proprie tradizioni, ho lasciato amici che non vedrò più, è una cosa bruttissima, l ho capito solo quando sono andata in Albania e sono ripartita per tornare in Italia, ci siamo salutati piangendo, ho provato lo stesso dolore che ha provato mia madre. Ho una busta piena delle mie vecchie foto con i miei genitori, amici e parenti. Mio padre è partito quando io ero neonata, mia madre mi raccontava che mio padre mi ha salutato piangendo, mi disse che era partito per trovare lavoro. Quando poi, dopo tanto tempo tornò, io pensai, fra me e me, ma chi è questo? Sarà uno zio che non ho mai visto, ma perché non me lo hanno presentato prima? Mia madre mi chiese chi è lui?. Lei lo sapeva ma voleva che lo indovinassi, io risposi è mio zio. Mio padre, piangendo di gioia, mi abbracciò e mi disse che non era mio zio ma mio padre. Io ho voluto pensarci per un po di giorni e alla fine mi sono convinta e mi sono detta si, questo è mio padre. Eralda Mehmeti 22 23

13 Sono partita il 29 di Luglio del 2007 insieme a mio babbo e a mia sorella. Io pensavo che tutto sarebbe stato bello e tranquillo, credevo anche che gli italiani fossero bravi, intelligenti, gentili con tutti gli stranieri che vengono in Italia solo per un pezzo di pane, per il Lavoro. Ecco qua che anche noi facevamo parte di quel mucchio di stranieri partiti per il pane. Era bello vedere la terra italiana, i suoi colori, le case. Lungo la strada in pulman pensavo solo a mia mamma, non la vedevo da 4 mesi circa. Quando l ho vista l ho abbracciata così forte che lei non riusciva a respirare, mi era mancata moltissimo. Mi sentivo strana, non sapevo dov ero, era così diverso. Dopo 3,4 mesi non riuscivo ancora a capire dov ero, l atmosfera era molto diversa Con il tempo ha cominciato a mancarmi il mio paese, la Bulgaria, e la mia città: Etropole, gli amici e i parenti che avevo lasciato, mi mancavano le mie amiche, la mia scuola, l allegria delle giornate d estate nella mia terra. Petya Georgieva Petrova Era il 29 Luglio del 2007 quando sono salita sulla Corriera per venire in Italia. Ero molto felice perché potevo vedere la mia mamma dopo 2 mesi, mi mancava un sacco. Poi andavo a conoscere un altro paese, un altra nazione, diverse persone. Per me era tutto un altro mondo. Quando sono arrivata con mia sorella e mio babbo siamo andati a casa di mia zia, lei ci aspettava insieme con mia cugina, ci siamo salutati. Per strada tutto quello che vedevo mi piaceva molto.dopo un po di tempo mi sono ricordata delle persone care che avevo lasciato nel mio paese, mi sono ricordata del giorno della partenza, di come tutti piangevano e mi sono ricordata dei nostri balli, e dei giochi in estate: era la mia infanzia, il periodo più bello della mia vita. Ancora oggi, quando ci penso, mi mancano questi giorni di allegria. Adesso sono in Italia da 2 anni. Nel 2008, in Agosto, sono andata in Bulgaria in vacanza, ho rivisto tutti, però nulla era uguale a prima, tutto era cambiato.quando sono in Italia posso dire che questo è il luogo dove sono cresciuta, dove ho incontrato persone a me care,.. ma il mio paese resta, per me, il luogo più bello. Mi manca il mio paese ma qui, in Italia, ho la possibilità di studiare, qui voglio rimanere per realizzare i miei sogni, e andare avanti. Io dico così: sempre avanti e mai indietro. Ivalina Georgieva Petrova 24 25

14 Caro diario, sono da tre anni in Italia. Era il 21 Maggio quando ho lasciato il mio paese, il Benin, la mia mamma, mia sorella, mio fratello e miei nonni per raggiungere mio padre in Italia. Quel giorno per me è stato molto doloroso, ho lasciato tutto, soprattutto la mamma che è la persona che amo più di ogni cosa al mondo. Erano le 23,30, dovevo prepararmi per andare all aeroporto, mia mamma era molto triste ma calma, mia nonna invece piangeva. Alle 24,00 eravamo già all aeroporto, io parlavo con la mamma quando mi chiamarono, era ora di andare via, vedevo mia madre che stava per piangere tornai indietro ad abbracciarla, mi disse: Bambina mia, prenditi cura di te e ricordarti di me. Io le risposi: Anche tu mamma. Quando salii in aereo non facevo altro che pensare a come sarebbe stata l Italia se potevo essere felice con mio padre. Il 22 Maggio 2006 arrivai finalmente a Roma alle 11,00. All aeroporto vidi mio padre, non lo vedevo da 4 anni ma in quel momento non ero per niente contenta di vederlo. Nessuno mi aveva obbligata a lasciare mia madre un giorno senza di lei e già mi mancava. Mio babbo mi chiedeva se ero felice di vederlo, io non rispondevo, poi mi sono messa a piangere. A casa di mio padre non parlavo con nessuno, ero diventata antipatica, mio padre mi comprava i giocattoli ma la mia nostalgia non passava. Dopo 15 giorni cominciai a ridere e per mio padre questo fu una grande gioia. Justine Dhadho L immigrazione è ormai un dibattito aperto, io che vivo le mie mattinate di scuola in una classe multietnica posso affermare questo: da una parte è un esperienza molto bella perché si conoscono altre lingue, altre religioni, altre tradizioni e altri mondi. Dall altra parte è faticoso perché non è facile comprendersi partendo da mondi anche molto diversi. Ci sono molti pregiudizi sugli stranieri: si dice che gli stranieri rubano, violentano e uccidono... ma sono le stesse brutte azioni che anche gli italiani commettono! Dunque cosa c entra la nazionalità? Secondo me l incontro tra persone di culture diverse è un occasione di crescita molto importante, un occasione da non perdere anche se difficile. Alice Alessandroni 26 27

15 Il 3 gennaio del 2006 è stato un giorno brutto e bello: brutto perchè dovevo andare via, lasciare tutta la mia famiglia, i miei amici, la mia scuola, la mia infanzia bello perchè stavo finalmente per fare una nuova esperienza: incontrare nuove persone, una nuova cultura, una nuova lingua. Quella mattina, quando mi sono alzata, avevo un ansia grandissima, mal di testa, mal di pancia, nausea. Mia mamma faceva le valigie e mi sono messa ad aiutarla, poi sono andata dai miei nonni, ho passato qualche ora con loro, poi sono arrivati gli altri parenti e gli amici. Sono andata in camera con le mie amiche e le mie cugine, abbiamo giocato, parlato, lì mi sono dimenticata che dovevo partire, mi sono divertita un sacco fino a che mia mamma è entrata in camera e mi ha detto che dovevamo andare. Io pensavo che stesse scherzando invece è arrivato anche mio babbo a dirmi la stessa cosa, io non sapevo cosa fare mi è girata la testa, non sentivo le gambe mia cugina mi ha abbracciata e mi ha detto che sarei ritornata, che non andavo via per sempre. Così ho cominciato a salutare tutti, mi dispiaceva molto per i miei nonni perché mi hanno cresciuta loro, mio babbo era già in Italia. Quando ho salutato i miei nonni mi sono messa a piangere con loro, sono salita in macchina piangendo e ho pianto molto fino a che non mi sono addormentata. Mi sono svegliata la mattina dopo verso le 5:00 e ho chiesto a mio babbo se eravamo arrivati. Lui mi ha risposto che mancava ancora un ora per entrare in Italia. Da quel momento mi sono messa a guardare fuori dal finestrino perchè avevo voglia di vedere l Italia ma poi ho finito per non accorgermi del confine, avevo la testa per aria, pensavo a cosa avrei fatto appena arrivata, a cosa indossare per uscire Un ora dopo mia sorella mi ha detto: Ti sei accorta? Siamo già in Italia!. Dopo ho visto e ho vissuto l Italia così ho dimenticato il pianto. Adesso quando vado nel mio paese non vedo l ora di ritornare in Italia. Alma Mehmed 28 29

16 Il primo giorno di scuola, quando ho visto che in classe c erano più stranieri che italiani, mi sono messa le mani nei capelli. Ero abituata alle medie: quando arrivava un ragazzo straniero che non sapeva la lingua italiana finivamo per rimanere indietro con il programma così mi sono detta: E adesso? Pensavo che fosse uno svantaggio trovarsi in una classe multietnica, ma dopo pochi giorni di scuola ho cambiato idea: penso che frequentare una classe così sia un grosso vantaggio, un privilegio, possiamo partecipare a progetti che di certo una classe di tutti italiani non avrebbe permesso. Io mi ricordo di quando, in seconda media, è arrivata una ragazza che adesso è in classe con me, lei non sapeva per niente l italiano, la prendevamo in giro in quei momenti sembrava la cosa giusta da fare, quando però l anno dopo, lei ha cambiato scuola, abbiamo capito di aver sbagliato, esagerato ma ormai non si poteva tornare più indietro. Io appena l ho vista entrare, il primo giorno di scuola superiore, ho pensato che lei non mi avrebbe mai più parlato per come l avevo trattata invece no, siamo molto amiche. Io non sono d accordo con chi afferma che gli immigrati portano solo disagi sociali e rubano il lavoro agli italiani, perché il lavoro non lo rubano, anzi fanno i lavori più duri, quelli che gli italiani evitano, cioè lavorare tutta la notte per fare il pane ecc E non è assolutamente vero che portano disagi, no, posso davvero testimoniare il contrario. Rossi Giorgia 30 31

17 Io penso che vivere metà giornata, tutti i giorni, in una classe multietnica sia un privilegio, perché oltre ad imparare le materie di scuola, si imparano a conoscere anche altre culture. Ora che faccio questa esperienza posso dire che è falso tutto ciò che sentiamo dire sugli stranieri, un affermazione come la seguente gli immigrati rubano il lavoro agli italiani è falsa, se non ci fossero loro che ci aiutano facendo i turni extra al lavoro, se non ci fossero le badanti con i nostri anziani, noi saremmo un paese molto più arretrato e povero Penso anche che sia giusto affermare che gli immigrati, per vivere nel nostro paese, devono accettare la nostra Costituzione e i valori della nostra civiltà soprattutto per quanto riguarda il ruolo delle donne e i loro diritti; rispettare le donne è fondamentale, un mondo senza donne è un mondo senza bambini e senza bambini non ci sarebbero più uomini e la razza umana si estinguerebbe. Altre affermazioni, divenute per me non vere, sono queste: le persone vanno aiutate a rimanere nel loro paese nessuna emigrazione perché siamo troppo diversi e convivere insieme non è possibile niente di più falso: proprio perchè siamo diversi dovremmo cercare di imparare gli uni dagli altri e migliorare così, a vicenda. Linda Ribiscini 32 33

18 Vi voglio parlare della mia classe, cioè delle mie compagne. Devo dire che il primo giorno di scuola, appena entrata in classe ho detto: ma qui siamo tutti stranieri! Mi sembra di vivere in un altro mondo! Col passare del tempo ho capito che era una classe speciale perché multietnica. In questa classe ci sono ragazze che provengono dall Argentina, dalla Macedonia, dalla Romania, dal Senegal, dal Benin e dalla Bulgaria. Io mi trovo benissimo, penso che siamo molto fortunate ad avere una classe multietnica, così le ragazze straniere possono cercare di imparare l italiano, mentre noi possiamo cercare di imparare parole di lingue diverse. Secondo me questa è un occasione per crescere. Caterina Barbanera Nella mia classe ci sono tante ragazze di culture diverse e poche italiane. La prima volta che ho saputo che c erano tanti stranieri ho avuto un po di timore. L impatto non è stato facile perché non sapevo come comportarmi L inizio è stato difficile,anche perché sono un po timida. primi giorni non ci parlavamo tanto, ma poi conoscendoci meglio, ci siamo sciolte. Ora parliamo di tutto e di più, è veramente interessante parlare con queste nuove amiche. In questa classe, a volte, è difficile starci dentro perché, come in tutte le classi, c è sempre qualche discussione e non è semplice calmare queste amiche perché sono molto impulsive, forse perché temono di non farsi capire bene! L incontro tra culture diverse rimane comunque una crescita, da queste mie amiche ho imparato tanto: come si vive nel loro paese, le difficoltà quotidiane che hanno, la sofferenza provata nel lasciare i loro parenti, i loro amici per venire in Italia. È molto ovvio dire che scegliendo di vivere in Italia gli stranieri devono rispettare la nostra costituzione e i valori in essa espressi, per molti di loro è difficile perché le culture sono, a volte molto, molto diverse.. Mainardi Sara 34 35

19 Secondo me non è vero che gli stranieri portano via il lavoro agli italiani, perchè i lavori fatti dagli stranieri, di solito, sono molto faticosi e gli italiani non vorrebbero mai farli. In Italia ci sono stranieri cattivi e buoni ma ci sono anche italiani cattivi e buoni; con questo voglio dire che l essere buoni o cattivi non c entra nulla con la nazionalità. Quando gli stranieri vengono in Italia imparano delle cose ma, se lo straniero viene accolto bene, anche l italiano può imparare qualcosa da lui. Secondo me, gli stranieri che meritano di stare in Italia sono quelli con la testa a posto, cioè coloro che cercano lavoro, non rubano, non danno fastidio a nessuno, hanno una casa, insomma brave persone. Secondo me, uno straniero immigrato in Italia deve rispettare tutte le leggi, deve rispettare le donne, la Costituzione. Gli stranieri e gli Italiani sono diversi come cultura, ma convivere insieme è possibile. Noi, in classe, siamo 23 ragazze; 14 straniere e 9 ragazze italiane, stiamo bene insieme e, ancora, non ci sono divisioni. Secondo me, più cose si imparano più la nostra mente diventa ricca. E bello imparare cose da tutti. Farije Ziberi Era martedì 30 dicembre del La mattina quando ci siamo svegliati, siamo andati a casa della nonna per fare colazione insieme. Quel giorno io non feci colazione perché ero triste. La nonna mi diceva di stare tranquilla, tutto sarebbe andato bene. Dopo la colazione sono andata a casa della mia migliore amica perché lei mi aveva chiesto di accompagnarla, voleva andare in un negozio di scarpe. Appena siamo entrati nel negozio, abbiamo visto due paia di scarpe nere col tacco: lei mi disse che voleva comprarle anche per me... costavano tanto, non aveva neppure tutti i soldi! In tasca io avevo proprio la cifra che mancava, quei soldi me li avevano dati i parenti, erano miei... così decisi di spenderli: abbiamo preso le scarpe e siamo ritornate a casa. Avevamo le stesse scarpe. Verso le 19,30, tutta la mia famiglia si è riunita a casa mia, tutti parlavano della mia partenza, io sono diventata triste perché capivo che dovevo lasciare la mia scuola, i miei amici, la mia casa Sapevo però di rivedere i miei genitori. Io e mia sorella dovevamo partire. Tutti i parenti sono rimasti a cenare con noi, abbiamo preparato la carne con la verdura e le patatine. Quando abbiamo finito di mangiare, abbiamo preparato i bagagli, tutti parlavano con me, tutti mi consigliavano su come dovevo comportarmi una volta arrivata in Italia, tutti mi dicevano che l Italia era un bel paese. Poi arrivò l autista che doveva portarci all aeroporto, solo allora ho capito e mi sono messa a piangere; la mia amica, quella delle scarpe, mi diceva di promettere di chiamarla tutti i giorni. Quando siamo arrivati all aeroporto ho visto tanti viaggiatori: alcuni piangevano, altri erano contenti. Poi il nostro aereo è partito, dentro era bellissimo, io mi sono messa a dormire per non far parlare il mio cuore. Quello è stato il giorno più triste e faticoso. Quando sono arrivata a Milano sono rimasta a bocca aperta, perché era tutto bellissimo, ma, soprattutto, perché ho rivisto i miei genitori e questo ha fatto sparire tutte le mie paure. Yacine Seck 36 37

20 Il primo giorno di scuola, appena entrata in classe, avevo già notato le diverse culture presenti il mio primo pensiero è stato Wow, tante ragazze di diverse origini, ne sono rimasta affascinata. Mi è bastato sentire i cognomi di ognuna di loro, per arrivare alla conclusione che in classe avevo il mondo. Penso che vivere in una classe multietnica sia una vera fortuna. Io che da tempo venivo criticata o emarginata per la mia provenienza, ritrovavo ora tante ragazze uguali a me, ognuna di loro ha una storia, un avventura. Nel corso della mia crescita ho imparato a non giudicare nessuno, accetto le mie amiche con grande ammirazione. Nella nostra classe, nonostante le diverse culture, stiamo imparando a rispettarci nelle differenze, non solo etniche, ma anche di età, senza pregiudizi o emarginazioni, almeno questo è il mio punto di vista. Quando parlo con le altre ragazze cerco di mantenere un linguaggio comprensibile e gentile, infatti già dal primo giorno di scuola, ho cercato di socializzare con tutte. Alcune ragazze tendono a isolarsi o ad avvilirsi se un compito o un esercizio è riuscito male, io cerco di conquistare il loro affetto con piccoli gesti, il mio compito non riguarda solo l ambito scolastico, ma anche i loro piccoli problemi di famiglia: amore, amicizia; mi piace dare consigli e accettare anche le critiche perché mi aiutano ogni volta a riflettere sulle mie azioni. Riguardo ai diversi compiti che ci sono stati assegnati dalla prof. di italiano, trovo molto interessante l idea di imparare alcune frasi e parole della lingua dell amica vicina, secondo me è stato un modo per farci avvicinare alla nostra compagna. Non considero affatto un peso avere persone di culture diverse nella classe, anzi, mi sembra sciocco pensarlo, ormai bisogna capire che l immigrazione è un valore importante, arricchisce tutti. Per quanto riguarda me, italiana ma figlia di genitori argentini mi sarebbe piaciuto essere argentina e dire a voce alta sono fiera di essere straniera..! Ma questo non è possibile, ormai sono nata qua! Natalia Romeri 38 39

21 Era il 12 aprile del 2007, ero molto triste, avevo paura di partire, non volevo lasciare il mio paese era come lasciare un pezzo del mio cuore, non volevo che arrivasse l ora della partenza. Prima di partire sono andata a salutare tutti i miei amici, mi sentivo come vuota, pensavo alle difficoltà che mi aspettavano, avevo paura di non essere accettata dai ragazzi a scuola, avevo paura di essere presa in giro. Poi arrivò l ora di partire, era una sera molto fredda, prima di salire in taxi ho salutato i miei nonni e quando li ho visti piangere, sono stata tentata di lasciare partire mia mamma da sola, ma questo non era più possibile. Sono salita in macchina e non smettevo di guardare la casa di mia nonna. Siamo arrivate alla stazione, abbiamo preso il treno che ci doveva portare nella città da cui partire per l Italia. Nel treno mi sono addormentata piangendo. Siamo arrivate alla stazione dove il pulman ci aspettava, sono salita nel pulman, pensavo a quanto era triste lasciare il paese, ma poi pensavo che da quel momento non ci sarebbe stato più bisogno di dividere il pane in quattro pezzi per farlo bastare forse tutto il giorno. La mia situazione era infatti molto difficile, per questo dovevo superare tutto, così non si poteva andare avanti. Quando sono arrivata in Italia, sapevo già che il paese mi sarebbe piaciuto. Io pensavo da subito al primo giorno di scuola. Quando sono entrata in classe, tutti i ragazzi mi guardavano in modo strano, in presenza dei prof. i ragazzi facevano vedere che mi volevano aiutare, ma, quando i prof non c erano mi prendevano in giro. Quando tornavo a casa, piangevo sempre e dicevo non ne posso più. Mia mamma mi diceva di non pensare alle loro parole ma io non ci riuscivo. Poi, piano piano, ho cominciato anche io a parlare e così, quando i miei compagni hanno visto che capivo, hanno smesso di prendermi in giro. Io adesso, quando vedo che qualcuno prende in giro una persona che non sa parlare la lingua, capisco subito la difficoltà, perché mi ricordo di quello che ho passato quando sono arrivata. Ora questo paese mi piace e penso di stare per sempre qui, perché penso che qui potrò avere un futuro migliore rispetto a ciò che mi sarebbe potuto accadere in Romania, dove nulla cambia, anzi la situazione sta peggiorando. Qui i miei genitori hanno uno stipendio; a volte, riusciamo anche a mettere via un po di denaro in futuro vorrei che ai miei figli non mancasse nulla perché a me sono mancate tante cose quando ero nel mio paese. Vorrei terminare questa scuola e poi andare a lavorare e aiutare i miei genitori. So che qui è possibile avere quello che voglio e qui non dobbiamo più spezzare il pane in quattro, sperando che basti. Hanu Silviana Florentina 40 41

22 Vivere in una classe così è come viaggiare in posti diversi senza muoversi perché ho il mondo in una piccola classe. A volte ci sono delle incomprensioni ma poi si risolve tutto risolviamo ogni cosa cercando di chiarirci senza offendere chi abbiamo davanti. Ci può essere chi pensa di non essere ancora accettata perché non conosce bene la lingua italiana, ma per noi non è un problema perché tutti insieme possiamo farcela. E molto raro trovare una classe così, sono stata molto fortunata e spero che in futuro nulla cambi. Marilena Di Stefano Io vengo dal Sud, dalla Sicilia, ho vissuto sulla mia pelle la storia di una difficile integrazione, a scuola piangevo spesso perché non mi sentivo accettata, le compagne ridevano di me,molto spesso stavo zitta Qui mi sento a casa, per la prima volta non sono straniera a casa mia. Alampi Maria Teresa 42 43

23 ISTITUTO STATALE OMNICOMPRENSIVO MONTEFELTRO SASSOCORVARO (PU) UFFICIO COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E NAZIONALE POLITICHE MIGRATORIE PROVINCIA DI PESARO-URBINO Classi IA IPSS e IV A Liceo Scientifico Anni Scolastici 2009/2010, 2010/2011 Lontani da dove? Laboratorio di scrittura Laboratorio di Storia dell Arte ed Espressioni grafiche I testi e le illustrazioni del testo sono state realizzati dalle alunne della classe I IPSS nell ambito del Laboratorio di scrittura e del Laboratorio di Storia dell Arte ed Espressioni grafiche Il progetto è stato coordinato dalle proff.sse Anna Grazia Mandrelli e Susanna Ugoccioni Il sito web presentato nel CD allegato è stato realizzato dagli alunni della classe IV A Liceo coordinati dalla prof.ssa Schiavi Donatella Il progetto grafico del volume e del sito web sono stati ideati, curati e realizzati dalla prof.ssa Ugoccioni Susanna 44 45

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Scuola dell infanzia Pariani Malcesine Responsabile del progetto insegnante De Santis Maria Pia Premessa La scuola è un laboratorio di vita

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO)

Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato. Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Alice in viaggio nel magico mondo del volontariato Classe 3 E Scuola Secondaria di Primo Grado G. Galilei Casalecchio di Reno (BO) Il paese delle meraviglie 26 febbraio 2015 OFFICINE MINGANTI 1 fiera interattiva

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti Classi terze A e B Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli - Sale di Gussago (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti A.S. 2013/2014 Ho sentito che il 20 novembre

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa

DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa DIRITTO ALLA CULTURA Presentazione dei risultati di 20 Future Workshop (a cura di Cecilia Cappelli) Premessa L esperienza dei laboratori della partecipazione democratica è partita a febbraio e si è conclusa

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

LA CASA DI NONNA ITALIA

LA CASA DI NONNA ITALIA dai 9 anni SERIE BLU scuola primaria LA CASA DI NONNA ITALIA UN RACCONTO SULLA COSTITUZIONE AUTORE: P. Valente SCHEDE DIDATTICHE: P. Valente ILLUSTRAZIONI: M. Bizzi PAGINE: 128 PREZZO: 7,50 ISBN: 978-88-472-1409-5

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

La lettura come approccio alla lingua 2. Narnia in English

La lettura come approccio alla lingua 2. Narnia in English La lettura come approccio alla lingua 2 Narnia in English Esperienza didattica in L2 di Piera Donna classe IV primaria G. Rodari, Firenze a.s. 2012-2013 Questo è il racconto di una esperienza didattica

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello TITOLO: IO SONO IO Il presupposto da cui siamo partite non è tanto quello di considerare gli alunni tutti uguali, ma di affrontare la classe considerando gli alunni come essere unici, ponendosi nell ottica

Dettagli