Immota harmonìa Collana di Musicologia e Storia della musica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Immota harmonìa Collana di Musicologia e Storia della musica"

Transcript

1 Immota harmonìa Collana di Musicologia e Storia della musica 15

2 Direttore Sergio PRODIGO Comitato scientifico Guido BARBIERI Conservatorio di Musica di Trapani Antonio Scontrino Società aquilana dei concerti B. Barattelli Ente musicale Dario DELLA PORTA Conservatorio di Musica di L Aquila Alfredo Casella Alessandro CUSATELLI Conservatorio di Musica di Roma Santa Cecilia Stefano RAGNI Università per stranieri di Perugia Conservatorio di Musica di Perugia Francesco Morlacchi

3 Immota harmonìa Collana di Musicologia e Storia della musica La collana Immota harmonìa accoglie e prevede nelle sue linee programmatiche e nei suoi intendimenti le tre diramazioni e direttive della ricerca musicologica: monografie e biografie, trattatistica e analisi musicale. L argomentazione biografica e monografica spazia naturalmente in tutto l ambito della millenaria storia della musica, mentre la trattatistica s indirizza verso le teorizzazioni tipicizzanti e fondamentali (teorie generali, acustica, organologia, armonia, contrappunto, studio ed evoluzione delle forme); l analisi, infine, comprende riletture e tematiche specifiche secondo intendimenti e campi di indagine molteplici, caratterizzanti e soggettivi.

4

5 Sergio Prodigo La trattatistica musicale nella latinità medievale Prefazione di Claudia Fabrizio

6 Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: febbraio 2014

7 Indice 7 Prefazione 11 Introduzione 17 Capitolo I Da Aristosseno al canto cristiano 1.1. Gli Elementa Harmonica di Aristosseno, La musica nella latinità, Capitolo II Il De Musica di Agostino 2.1. Analisi del De Musica, Cassiodoro e Censorino, Capitolo III Il De Institutione musica di Boezio 3.1. L estetica boeziana, La musica instrumentalis, Schemi e fondamenti teorici della modalità, Capitolo IV La trattatistica fino all anno Mille 4.1. Isidoro di Siviglia, I teorici del VII e VIII secolo, Aureliano di Réôme, Trattatisti anonimi e teorici del IX e X secolo, 106 5

8 6 Indice 121 Capitolo V Guido d Arezzo 5.1. Il Micrologus, Le Regulae Rhythmicae, Il Prologus in Antiphonarium, L Epistola ad Michaelem, Capitolo VI L Ars Antiqua 6.1. La prima fase, La seconda fase: la scuola di Nôtre- Dame, La terza fase: la notazione franconiana, Capitolo VII L Ars Nova 7.1. La bolla Docta Sanctorum, L Ars Nova francese: Johannes de Muris e Philippe de Vitry, Guillaume de Machault, L Ars Nova italiana, Conclusioni 227 Bibliografia 231 Indice dei nomi

9 Prefazione Molteplici si riveleranno ai lettori le ragioni dell operazione condotta da Sergio Prodigo nel libro, di grande impegno, che egli ricava dalla sua dissertazione di laurea magistrale: far luce su un capitolo complesso della storia della musica occidentale, innanzitutto, e al contempo lumeggiare le asperità e le ricchezze della lingua con cui su quella musica si è teorizzato, piegandola alle esigenze di questa teoresi nello sforzo del discorso intellettuale e della definizione tecnica. Il contributo di Sergio Prodigo si consegna dunque al pubblico di studiosi musicologi, essenzialmente, e storici della musica; ma anche medievisti e latinisti all incrocio di campi di studio diversi. Come spesso accade, le zone di convergenza tra territori contigui sono le più feconde, posta la capacità, tutt altro che comune, di far dialogare istanze intellettuali e ripartizioni tradizionali del sapere rispettandone le specificità epistemologiche. Così è nel caso di questo lavoro, che esamina le principali e più dibattute teorie musicali cui il Medioevo ha dato vita, e che si scontra direttamente con i problemi propri di ogni indagine storica: la deformazione prodotta sull osservatore dalla distanza temporale dall oggetto di studio (aberrazione prospettica, nella fattispecie, aumentata e complicata da altre teorie e altre estetiche musicali che hanno soppiantato quelle medievali, e che più direttamente fanno parte della formazione e dei gusti di Prodigo musicologo) e l oggettiva complessità del codice cui sono affidati i contenuti noetici da indagare (e cioè il latino della trattatistica medievale: lingua multiforme e soggetta a variazione interna più di quanto chiunque non addetto ai lavori possa solo lontanamente immaginare). Entrambe queste sfide una sfida che attiene al contenuto e una che concerne la forma sono state raccolte dall autore con un ambizione e uno slancio saggiamente temperati da metodo, dedizione e 7

10 8 Prefazione precisione; di più: tali sfide sono state coscientemente ricercate, in un percorso nel quale lo studioso ha rivelato una sempre ammirevole indipendenza di giudizio e un apprezzabile freschezza di intuizione. Con molta autonomia intellettuale, egli ha scelto e collazionato le opere e i passi; ha distinti le fasi e gli snodi; ha ricostruito i momenti apicali e le tendenze di sfondo, restituendo un immagine vivida della trattatistica musicale nella latinità medievale che sarà di conforto agli studenti e agli studiosi che vorranno orientarsi in un dominio teorico non abbondantemente frequentato. Al tempo stesso, non ha sottovalutato il problema interpretativo-filologico connesso ad un codice il latino scritto nel suo segmento medievale che, lingua di cultura ancora pienamente reattiva e tutt altro che immobile, «non geme d impotenza», per dirla con Kierkegård, di fronte a contenuti di volta in volta difficili, alti e tecnici, ma si piega ad esprimerli con le risorse proprie di ogni semiosi linguistica nelle mani dei suoi utenti. Con la dovuta attenzione a questo codice, l esegesi di Prodigo si discosta talora da quella delle edizioni critiche ed egli propone una personale interpretazione del testo, segnalandosi come originale e aprendosi al dibattito. La musica, un po come il linguaggio, ha la caratteristica di offrirsi a chi la studia da innumerevoli punti di vista. Il suo carattere eteroclito prendo a prestito la dicitura saussuriana relativa alla faculté du language si arricchisce nel Medioevo di una componente religiosa, accanto ad una purtroppo obliata validità pedagogica. Nel Medioevo si scrive di musica non solo per la curiosità scientifica di scoprirne la ratio, ma anche perché la musica è lo specchio terrestre di armonie celesti, e perché tramite la musica la comprensione del mistero dell uomo si accresce. La musica è anche la compagna inscindibile della lirica d amore sacra e profana, almeno sino al divorzio segnato dalla scuola poetica federiciana. Esagerarne l importanza per l uomo medievale poeta, artista, mistico è di fatto impossibile. Poiché ogni passato è una terra straniera, misurare questi fatti, di gran lunga molto più complessi di quanto si possa dire qui, comporta la necessità di comprendere la cornice antropologica e, per dir così, ecologica della prassi musicale antica; per questo compito, che attende gli studiosi più intraprendenti, il lavoro di Prodigo offre sin da ora spunti e materiali non trascurabili. Al contempo, il suo lavoro contribuisce a ricostruire le vicende tutte terrene e concrete di sbagli, incomprensioni, andamenti carsici della terminologia e debiti teorici non sempre immediatamente riconoscibi-

11 Prefazione 9 li, innovazioni e persistenze: fenomeni questi ben noti a chiunque si avventuri sul terreno della storia di una disciplina complessa. Farsi storico di una scienza richiede un abito molto peculiare e da molti sovente frainteso o sottovalutato. E infine, il libro di Sergio Prodigo ha il merito non irrilevante di ricordarci che se, di secoli bui si può parlare per il Medioevo latino, essi lo sono solo perché (ancora) troppo poco illuminati. Claudia Fabrizio docente universitaria di Linguistica e Storia della lingua latina medievale

12 Simone Martini (Vestizione di San Martino, dettaglio dall affresco; Basilica inferiore di Assisi)

13 Introduzione Nell ambito musicale, teoria ed estetica costituirebbero una fibra integrata e radicata nella relativa cultura, anzi sarebbero reciprocamente legate da un determinato codice comunicativo, tale da racchiudere e conglobare sia il momento critico sia l interpretazione artistica. In simile contesto il periodo storico indagato e il repertorio connesso apparirebbero proporzionati al materiale prodotto, poiché, dal barocco fino al Novecento storico e contemporaneo, il patrimonio musicale si è sempre accresciuto in maniera esponenziale e, al tempo stesso, ideologie e correnti di pensiero si sono avvicendate in gran copia e in parallelo con altre arti e discipline: tuttavia, tale ingente retaggio rappresenta solo quattro secoli di una storia musicale che, invece, fino al XVII secolo ha alle spalle quasi duemila anni di tradizione. La proporzione citata sfavorirebbe proprio quel millennio oggetto di indagine, il Medioevo, ma è proprio la trattatistica a colmare tale divario. In effetti, la quantità di opere, espressamente dedicate alla musica come scientia, soprattutto dal IX al XV secolo, è particolarmente elevata 1 : di contro, l assenza di un sistema notazionale organico, almeno fino al IX secolo, e la sua discontinua elaborazione sono alla base di una non rilevante documentazione, limitata alla successiva trascrizione di una pur cospicua tradizione orale, essenzialmente monodica. Solo dal XII secolo, del resto, emergono le prime espressioni di creatività musicale, frutto dell opera di musici che, dalla primigenia manualità, quasi meccanica, del discantus inventano polifonie sempre più complesse e mutano progressivamente le forme sacre e profane in ela- 1 Presso la Jacobs School of Music della Indiana University sono quasi seicento i trattati utilmente inseriti nell archivio elettronico (Thesaurus Musicarum Latinarum): solo poco più di venti vennero scritti dal III al IX secolo, oltre 250, invece, nel XIII e XIV secolo. 11

14 12 Introduzione borate e ricercate architetture polivoche. Le stesse forme, pertanto, assumono sostanza, si evolvono, si ramificano e si differenziano: il repertorio, di conseguenza, s accresce, grazie all opera dei compositori, assurti al simile ruolo artistico di coevi poeti, prosatori, pittori e scultori, pur se il Medioevo ha ormai quasi completato il suo percorso storico. In tale mutato contesto la trattatistica investiga principalmente le regole del comporre, tralascia le implicazioni teoriche o le speculazioni filosofiche e, agli albori del Rinascimento, abbandona finanche la lingua latina. La ricerca musicologica sui vari periodi della storia musicale, dal XVI secolo fino all età contemporanea, può analizzare forme e generi ben definiti attraverso le opere dell ingegno musicale, da Palestrina e Monteverdi a Bach e Händel, da Mozart e Beethoven a Liszt e Brahms, da Schönberg e Stravinskij a Stockhausen e Ligeti; una indagine sul precedente millennio musicale segue generalmente altre direttrici: si concentra sull evoluzione delle prime forme musicali sacre e profane oppure investiga temi specifici, come la notazione, il gregoriano, la prima polifonia, l Ars nova e il contrappunto franco-fiammingo. Nello specifico e nell intento espositivo, tali tematiche abbiamo inteso affrontarle attraverso la lettura dei principali trattati, dai quali far emergere, rilevare e commentare prassi teoriche e concezioni estetiche nel generale contesto della latinità medievale, da Agostino e Boezio a Isidoro di Siviglia, dalla pletora dei teorici del IX-X secolo a Guido d Arezzo, da Vitry a Tinctoris: abbiamo seguito, al riguardo, un preciso, sistematico e razionale ordine espositivo, illustrato di seguito nell articolazione dei sette capitoli costituenti. Il primo capitolo, tuttavia, è stato concepito come una sorta di inevitabile introduzione, poiché era necessario che compendiassimo la teoria musicale greca, attraverso l analisi degli Elementa Harmonica di Aristosseno, ed esponessimo i prodromi e i successivi fondamenti del canto liturgico e della modalità del corpus gregoriano, pervenendo alla stessa esemplificazione dei modi ecclesiastici. Il secondo capitolo è stato dedicato in gran parte al De Musica di Agostino: dalla lettura analitica di alcuni passaggi abbiamo potuto rilevare come i contenuti estetici tendessero a prevalere fortemente nell opera di un filosofo che, tuttavia, teorizza l espressione musicale come scientia bene modulandi. Oltre le finalità didattiche del trattato e la

15 Introduzione 13 ratio numerica come base della stessa interpretazione fenomenologica della musica, abbiamo preferito evidenziare soprattutto quelle considerazioni di natura estetica, che sanciscono la dicotomia fra scienza teoretica e pratica esecutiva. Similmente abbiamo operato in Boezio e nel De Institutione musica, alla cui analisi è stato interamente ascritto il terzo capitolo: tuttavia, da una sintesi del pensiero greco, critica e razionale, il filosofo perviene alla tripartizione della musica in mundana, humana e instrumentalis, ma è a questa ultima che dedica una complessa ricerca teorica, che si concreta nella logicità degli schemi e nella riorganizzazione del sistema modale. Tale aspetto è stato particolarmente approfondito, soprattutto per le successive implicazioni che il suo fraintendimento ha comportato nella definitiva acquisizione delle otto modalità ecclesiastiche. Dopo le due fondamentali opere teoriche, il periodo di interregno, che giunge fino alle soglie del secondo millennio, è stato oggetto di indagine nel quarto capitolo: dalle Etymologiae di Isidoro di Siviglia alla non rilevante trattatistica dei teorici che operano fra il VII e il X (Beda il Venerabile, Alcuino di York, Aureliano di Réôme, Ubaldo di Saint Amand, Remigio di Auxerre, Odone di Cluny, oltre i due fondamentali trattati anonimi, Musica enchiriadis e Alia musica). I contenuti tecnici delle opere abbiamo ritenuto di doverli esaminare accuratamente, al fine di evidenziare da un lato la definitiva consacrazione della musica come scientia fra le arti del Quadrivium e, dall altro, l acquisizione del sistema notazionale alfabetico e la concreta attuazione degli otto modi autentici e plagali, il tutto alla base della progressiva organizzazione e trascrizione del patrimonio musicale liturgico. In tale ambito, sia l evoluzione del sistema notazionale sia le susseguenti acquisizioni teoriche si concretano proprio nell opera di Guido d Arezzo, ampiamente analizzata nel quinto capitolo: i suoi quattro fondamentali scritti, il Micrologus, soprattutto, ma anche le Regulae rhythmicae, il Prologus in Antiphonarium e L Epistola ad Michaelem, abbiamo ritenuto di esporli con lunghe ed esaustive citazioni, ma pur sempre commentate e inserite nel contesto assunto per la relativa analisi, corredata delle necessarie esemplificazioni. Le stesse innovazioni guidoniane abbiamo inteso approfondirle, anche in relazione alle interpretazioni successive del suo pensiero musicale, dalla denominazione delle note all esacordo e alla pratica della solmisazione.

16 14 Introduzione Il mutamento sostanziale della concezione e definizione della musica, da scientia ad ars, e la sua stessa ragione di essere nell ambito della cultura, che gradualmente si affermano dal XII secolo fino agli albori del Rinascimento, hanno costituito la sostanza delle argomentazioni esposte negli ultimi due capitoli, paritariamente suddivisi nella trattazione dell Ars Antiqua e dell Ars Nova, senza eccedere come forse sarebbe stato opportuno in più dettagliate esposizioni, che avrebbero snaturato, tuttavia, gli intenti assunti nella trattazione medesima. Nel sesto abbiamo esposto e analizzato le prime forme di polifonia, suddividendo lo stesso contesto storico-artistico in tre distinte fasi: la prima, di carattere teorico, ne ha mostrato i prodromi e le espressioni iniziali, attraverso le opere di trattatisti come Ermanno il Contratto, Gil de Zamora e Johannes Affligemensis; nella seconda ampio spazio abbiamo voluto dedicarlo alla scuola di Nôtre-Dame, ai modi ritmici, all opera dei primi compositori (Leoninus e Perotinus) e ai trattati dell Anonymous VII e di Johannes Boen, mentre nella terza fase abbiamo esaminato e illustrato la notazione franconiana (assieme ai trattati di Francone di Colonia e di Giacomo da Liegi). A corredo della teoria, abbiamo addotto riproduzioni di manoscritti e la trascrizione in notazione moderna del Viderunt omnes di Perotinus. Nel settimo capitolo rinveniamo inizialmente la disamina e il commento sui contenuti della bolla Docta Sanctorum di Giovanni XXII: di seguito, l Ars Nova francese abbiamo inteso descriverla attraverso le opere teoriche di Johannes de Muris e Philippe de Vitry, riproducendo parzialmente il manoscritto del mottetto Garrit gallus e la sua trascrizione moderna. Analogamente abbiamo operato per l analisi di due lavori di Guillaume de Machault: il Kyrie dalla Messa di Nôtre-Dame e la ballata Sanz cuer m en vois. Per l Ars Nova italiana abbiamo chiosato il trattato di Marchetto da Padova, il Pomerium, e due lavori polifonici di Gherardello da Firenze (la caccia Tosto che l alba) e di Francesco Landino (la ballata Echo la primavera). Infine, nelle conclusioni abbiamo potuto accennare anche alla trattatistica del Quattrocento, con una breve analisi di due opere teoriche di Johannes Tinctoris. Le traduzioni dei passi selezionati e riportati sono originali (nel senso che ne abbiamo curato direttamente le relative versioni, sovente caratterizzate da libere ma necessarie interpretazioni), tranne quelle

17 Introduzione 15 espressamente indicate in nota, per le quali abbiamo utilizzato la traduzione dei curatori dell opera in oggetto 2. Tutte le esemplificazioni musicali e gli schemi tabellari, salvo diversa indicazione (riportata in nota), sono ugualmente originali. 2 I testi dei trattati (oggetto di traduzione originale) sono stati desunti dal Tesaurus Musicarum Latinarum nel sito della già menzionata Jacobs School of Music della Indiana University (tranne le opere di Aristosseno, Boezio, Isidoro di Siviglia, Aureliano di Réôme e Guido d Arezzo). Nelle note, relative alle citazioni, abbiamo riportato il nome dell autore e l anno di pubblicazione (con la sola indicazione degli eventuali capitoli): le altre indicazioni vengono dettagliate nella bibliografia.

18 16 Introduzione Boezio Aristosseno Pitagora (particolari da La Scuola di Atene di Raffaello Sanzio, , Musei Vaticani, Stanza della Segnatura)

19 Capitolo I Da Aristosseno al canto cristiano 1.1. Gli Elementa Harmonica di Aristosseno Nell età ellenistica Aristosseno di Taranto (IV sec. a.c.), appartenente alla scuola peripatetica, pose i fondamenti teorici ed estetici del sistema musicale 3, contrapponendosi recisamente alla tradizione pitagorica 4. L esordio degli Elementa Harmonica (Ἁρμονικῶν Στοιξεῖν) definisce e delimita il campo d azione della ricerca speculativa 5 : Τῆς περὶ μέλους ἐπιστήμης πολυμεροῦς οὔσης καὶ διῃρημένης εἰς πλείους ἰδέας μίαν τινὰ αὐτῶν ὑπολαβεῖν δεῖ τὴν ἁρμονικὴν καλουμένην εῖναι πραγματείαν, τῇ τε τάξει πρώτην οὖσάν ἔχουσάν τε δύναμιν στοικχειώδη. 3 La storia della musica, nel corso della sua più che millenaria evoluzione, è disseminata di antinomie sui diversi piani interpretativi, teorici, pratici, etici ed estetici. Occorre rammentare, tuttavia, come nell antichità greca l arte delle Muse (μουσική τέχνη) designasse l unità di poesia, melodia e azione gestuale. In tale coeso contesto, interpretazioni e speculazioni filosofiche investivano la stessa espressione artistica nel suo complesso: alla condanna platonica dell arte in generale, in quanto mera imitazione della realtà, si giustapponeva una visione più liberale delle discipline afferenti da parte di Aristotele, che ne indicava (ma delimitava) il fine catartico. In Platone l astrazione della musica (nella moderna accezione terminologica) si concretava solo sul piano teorico e si associava al concetto pitagorico di armonia delle sfere, poiché rappresentava l armonia dell anima e quindi dell universo, determinando la secolare frattura tra prassi rappresentativa ed esecutiva e ideazione o intuizione pura. Il pensiero aristotelico, pur derivato da tale dicotomia, scindeva la fruizione (attribuendole valore etico non disgiunto dal beneficio edonistico) dalla stessa prassi, avulsa dall educazione e relegata a mestiere. 4 La concezione pitagorica si fondava principalmente su un razionalismo di carattere matematico: nella conseguente astrazione del contesto musicale i rapporti numerici tra i suoni si estendevano al concetto di armonia dell anima e dell universo. 5 Aristosseno, 1954: I, 3 (la traduzione dei passaggi selezionati è di Rosetta Da Rios). 17

20 18 Capitolo I La scienza della melodia è multiforme e si divide in più parti; una di esse si deve considerare la scienza detta armonica, che è, secondo l ordine, la prima ed ha una funzione elementare. L impostazione in termini aristotelici della trattazione indica l armonia come oggetto fondamentale ed elementare della conoscenza (ἐπιστήμη) teorica della musica, compresa nel più ampio genere della melodia (τό μέλος): entrambi i termini hanno naturalmente assunto significati diversi nella terminologia musicale occidentale 6. Dopo un articolata definizione della stessa melodia 7, Aristosseno ne classifica i tre generi (γένη) in cui si divide il relativo tetracordo 8, il diatonico, il cromatico e l enarmonico: nell esemplificazione susseguente vengono riportati in notazione moderna e nella convenzionale intervallazione mi 4 -si 3. Nel genere diatonico (ossia tensivo, dall aggettivo διάτονος, derivante da διατείνω, tendere) i suoni mobili sono appunto caratterizzati dalla massima tensione, secondo la sequenza tono-tono-semitono; l attribuzione di cromatico indica una sorta di alterazione di colore (χρῶμα) del genere diatonico (secondo la sequenza un tono e mezzo/semitono/semitono). 6 Per armonia dovremmo intendere la disciplina che studia la formazione e la classificazione degli accordi: anticamente, invece, designava sia le diverse tipologie di accordatura della lira greca sia (ma come harmoniai) le difformi denominazioni dei modi in base all unione dei tetracordi nella scalarità di ottava; nel concetto più affine di melodia, che designa oggi una espressione tematica in fieri, erano comprese le parti tonali e ritmiche di una successione di suoni (φθόγγοι) di altezza differente. Per Aristosseno, tuttavia, tale successione era priva di altre determinazioni e implicava esclusivamente la parte tonale della musica: l organizzazione completa e complessa del τὸ μουσικὸν μέλος veniva indicata, come aggiunta, dal termine τέλειον che ne formalizzava la funzione di inventio. 7 Aristosseno operava una fondamentale distinzione tra melodia del linguaggio (λογώδες μέλος) e melodia armonizzata (μουσικὸν μέλος), poiché la prima si avvale del naturale accento delle parole senza discontinuità, mentre la seconda necessita del movimento discontinuo della voce e delle varie combinazioni degli intervalli semplici. 8 Teoricamente tale termine designava la successione di quattro suoni congiunti, ma si riferiva (anche nella pratica esecutiva) alle quattro corde della lira: tra la corda più alta e la più bassa l intervallazione compresa e discendente era di quarta giusta, ma la diversa intonazione delle due corde intermedie determinava la distinzione funzionale dei tre generi.

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

C O M P O S I Z I O N E

C O M P O S I Z I O N E Pagina 1 di 6 scuola di C O M P O S I Z I O N E corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE PROMOZIONE AL 2 ANNO DEL CORSO Lettura

Dettagli

Direttore. Comitato scientifico. Università Ca Foscari di Venezia. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma

Direttore. Comitato scientifico. Università Ca Foscari di Venezia. Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma RIFLESSI 19 Direttore Tiziana MIGLIORE Università Ca Foscari di Venezia Comitato scientifico Paolo FABBRI Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma Silvia BURINI

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA G. NICOLINI di PIACENZA Istituto di Alta Cultura Dipartimento di Teoria e Analisi, Composizione e Direzione STORIA DELLA MUSICA Corso di fascia pre-accademica Esame di certificazione

Dettagli

scuola di V I O L A corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE

scuola di V I O L A corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE Pagina 1 di 5 scuola di V I O L A corso tradizionale PROGRAMMI DEGLI ESAMI DI PROMOZIONE dei CORSI COMPLEMENTARI TEORIA SOLFEGGIO E DETTATO MUSICALE Lettura di un solfeggio parlato, a prima vista, nelle

Dettagli

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 -

TEST D'INGRESSO PER LA VERIFICA DI DEBITI FORMATIVI - sessione autunnale 2014 - MINISTERO DELL ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA CONSERVATORIO DI MUSICA LUCIO CAMPIANI ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Via della Conciliazione 33 46100 Mantova Italia tel. +39 0376 324636 fax +39

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : La consapevolezza ed espressione culturale è la competenza che più contribuisce a costruire l identità sociale e culturale, attraverso la capacità di fruire dei

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio A01 Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I Laboratorio Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

Direttore Tiziana Migliore. Comitato scientifico Paolo Fabbri. Silvia Burini. Jean Marie Klinkenberg. Isabella Pezzini. Università IUAV di Venezia

Direttore Tiziana Migliore. Comitato scientifico Paolo Fabbri. Silvia Burini. Jean Marie Klinkenberg. Isabella Pezzini. Università IUAV di Venezia RIFLESSI 9 Direttore Tiziana Migliore Università IUAV di Venezia Comitato scientifico Paolo Fabbri Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (LUISS) di Roma Silvia Burini Università

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA MUSICA CLASSE PRIMA 1 Ascoltare e discriminare i suoni e i rumori della realtà ambientale dal vivo o registrati. 2 Attribuire significati a segnali sonori

Dettagli

CANTO ESAMI DI AMMISSIONE

CANTO ESAMI DI AMMISSIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA LATINA CANTO CORSI PRE-ACCADEMICI

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva matematica e musica Questo argomento nasce da una riflessione sull oggettiva difficoltà a lavorare nella scuola in modo interdisciplinare.

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

SCUOLA DI MUSICA CORALE E DIREZIONE DI CORO

SCUOLA DI MUSICA CORALE E DIREZIONE DI CORO DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI MUSICA CORALE E DIREZIONE DI CORO DCSL33 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI SECONDO LIVELLO IN DIREZIONE DI CORO E COMPOSIZIONE

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Ascoltare, analizzare e rappresentare fenomeni sonori e linguaggi musicali - Classificare i fenomeni acustici in base ai concetti di silenzio, suono, rumore - Individuare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

Tabella AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO-DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI CONSERVATORI

Tabella AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO-DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI CONSERVATORI Tabella AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO-DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI CONSERVATORI AREE DISCIPLINARI, SETTORI ARTISTICO DISCIPLINARI, DECLARATORIE E CAMPI DISCIPLINARI AREA - DISCIPLINE

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI

OBIETTIVI FORMATIVI PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI OBIETTIVI FORMATIVI DIPARTIMENTO DI TEORIA ANALISI COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI MUSICA CORALE E DIREZIONE DI CORO DCPL33 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DIREZIONE DI CORO E COMPOSIZIONE

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

LABORATORI AFFERENTI AL DIPARTIMENTO DI MUSICA ANTICA - PROGRAMMI (in collaborazione con l Associazione Schola Palatina )

LABORATORI AFFERENTI AL DIPARTIMENTO DI MUSICA ANTICA - PROGRAMMI (in collaborazione con l Associazione Schola Palatina ) LABORATORI AFFERENTI AL DIPARTIMENTO DI MUSICA ANTICA - PROGRAMMI (in collaborazione con l Associazione Schola Palatina ) Junior (per bambini da quattro a sei anni) CLAVICEMBALO E BASSO CONTINUO Musica,

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE

DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE Approvato con DDG 169/013 DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE DCPL15 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN COMPOSIZIONE OBIETTIVI FORMATIVI Al

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

SCUOLA DI ORGANO E COMPOSIZIONE ORGANISTICA

SCUOLA DI ORGANO E COMPOSIZIONE ORGANISTICA 1 SCUOLA DI Esami ministeriali: I Programma degli Esami di Compimento del Periodo Inferiore A) Prove di pianoforte: a) Esecuzione di uno studio estratto a sorte fra i seguenti, del Gradus di Clementi:

Dettagli

LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO

LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO LA LINGUA TEDESCA IN LETTERATURA, TRADUZIONE E INTERPRETAZIONE TEORIE E METODOLOGIE A CONFRONTO 3 Direttori Roberto BERTOZZI Università degli Studi Gabriele d Annunzio di Chieti Pescara Demeter Michael

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

Immota harmonìa Collana di Musicologia e Storia della musica

Immota harmonìa Collana di Musicologia e Storia della musica Immota harmonìa Collana di Musicologia e Storia della musica 5 Direttore Sergio PRODIGO Comitato scientifico Guido BARBIERI Conservatorio di Musica di Trapani Antonio Scontrino Società aquilana dei concerti

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MUSICOLOGIA ORDINAMENTO 509/99 (2 e 3 anno) PIANI DI STUDIO CONSIGLIATI

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MUSICOLOGIA ORDINAMENTO 509/99 (2 e 3 anno) PIANI DI STUDIO CONSIGLIATI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MUSICOLOGIA ORDINAMENTO 509/99 (2 e 3 anno) PIANI DI STUDIO CONSIGLIATI N. B.: Per l anno accademico 2009-20 gli insegnamenti del corso di laurea triennale in Musicologia ordinamento

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin La scuola pitagorica - Storia 1 Gianluigi Bellin December 22, 2010 Storia. Di Pitagora sappiamo che nacque a Samo intorno al 570 ac., che viaggiò molto, anche in Egitto ed a Crotone, nel golfo di Taranto,

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA Tor Vergata FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA MASTER BIENNALE DI PRIMO LIVELLO L ARS NOVA IN EUROPA: STORIA, ANALISI, INTERPRETAZIONE (in collaborazione con il Centro Studi

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola

Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica. Leggere Dante a scuola Classe 4^ Scuola Primaria Don Bosco Classe 5^ Scuola Primaria Madonna di Campagna Dante e l Umbria Nella Divina Commedia Percorsi di lettura, interpretazione, animazione, decodificazione linguistica Leggere

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori, dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte. L alunno esplora diverse

Dettagli

Enzo Raia. Sicurezza nei cantieri edili

Enzo Raia. Sicurezza nei cantieri edili Enzo Raia Sicurezza nei cantieri edili Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 173 Roma (6) 9378165 ISBN 978 88 548 29 8 I diritti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

VIOLINO I I biennio. posturale e di rilassamento. 2. Acquisire le tecniche specifiche.

VIOLINO I I biennio. posturale e di rilassamento. 2. Acquisire le tecniche specifiche. VIOLINO I I biennio OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ABILITÀ CONOSCENZE (REPERTORIO DI RIFERIMENTO) 1. Acquisire tecniche di consapevolezza corporea, Il programma utilizzerà esercizi tecnici, studi

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

ESAMI DI PROMOZIONE CORSI COMPLEMENTARI

ESAMI DI PROMOZIONE CORSI COMPLEMENTARI ESAMI DI PROMOZIONE CORSI COMPLEMENTARI Armonia complementare Prova scritta unica divisa in due parti: a) basso senza numeri con modulazioni, triadi, settime di tutte le specie e none di dominante b) analisi

Dettagli

Immagine di copertina tratta dal web (http://goldmuseumballarat.wordpress.com). L autore si dichiara disponibile a regolare eventuali spettanze, per

Immagine di copertina tratta dal web (http://goldmuseumballarat.wordpress.com). L autore si dichiara disponibile a regolare eventuali spettanze, per A03 Immagine di copertina tratta dal web (http://goldmuseumballarat.wordpress.com). L autore si dichiara disponibile a regolare eventuali spettanze, per gli stralci di alcuni articoli (ed immagini) riportati

Dettagli

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE 8 Direttore Paolo POLIDORI Università degli Studi di Camerino Comitato scientifico Federica CHELI Università degli Studi di Milano Biagina CHIOFALO Università

Dettagli

Liceo Carducci Pisa Liceo Musicale

Liceo Carducci Pisa Liceo Musicale Liceo Carducci Pisa Liceo Musicale ARTISTICO CLASSICO LINGUISTICO I nuovi Licei riforma Gelmini I sei licei: MUSICALE E COREUTICO SCIENTIFICO (opzione SCIENZE APPLICATE) SCIENZE UMANE (opzione ECONOMICO-SOCIALE)

Dettagli

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215 Terra Iberica Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica 9 A10 215 Collana Terra Iberica diretta da Patrizia BOTTA Comitato di redazione Elisabetta VACCARO (Capo Redattore) e Carla BUONOMI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica)

Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica) Proposta Informatica applicata alle discipline umanistiche (ovvero: Informatica umanistica) Da molto tempo, in concomitanza con la diffusione e lo sviluppo dei calcolatori elettronici digitali, l interesse

Dettagli

Obiettivi formativi. Prospettive occupazionali. Ammissione. Prova Finale

Obiettivi formativi. Prospettive occupazionali. Ammissione. Prova Finale DIPARTIMENTO DI DIREZIONE E MUSICA D INSIEME SCUOLA DI MUSICA VOCALE DA CAMERA DCPL35 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN MUSICA VOCALE DA CAMERA Obiettivi formativi Al termine degli studi

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

Programmazione annuale Violoncello

Programmazione annuale Violoncello I.C. Boville Ernica Corso ad indirizzo musicale a.s. 2015/2016 Programmazione annuale Violoncello Docente: Gabriele Bassi CLASSE: II A CLASSE: II B CLASSE: II C 1. Analisi della situazione di partenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011

PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 Istituto Comprensivo SOLARI Albino (BG) Scuola Secondario di I grado Materia: Pianoforte Docente: Maestro Paolo Rinaldi PROGRAMMAZIONE PIANOFORTE anno scolastico 2010/2011 OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

Facoltà di Musicologia

Facoltà di Musicologia Facoltà di Musicologia La nuova riforma universitaria Con l'anno accademico 2009-2010 l Università di Pavia attua il regolamento in materia di autonomia didattica degli atenei stabilito dal decreto n.

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI ANTICHITÀ GRECHE ANTROPOLOGIA CULTURALE ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA ARCHEOLOGIA MEDIEVALE BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

EDA QUADERNI DI ARCHITETTURA

EDA QUADERNI DI ARCHITETTURA EDA QUADERNI DI ARCHITETTURA 1 Direttore Olimpia NIGLIO Kyoto University Comitato scientifico Rubén HERNÁNDEZ MOLINA Universidad Nacional de Colombia Taisuke KURODA Kanto Gakuin University Alberto PARDUCCI

Dettagli

SCUOLA DI COMPOSIZIONE

SCUOLA DI COMPOSIZIONE DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE DCSL1 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI SECONDO LIVELLO IN COMPOSIZIONE Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità

Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità A09 Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità Accreditamento, certificazione ed audit clinico in strutture sanitarie e socio-sanitarie Risoluzioni test prove di esami Copyright

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO

ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO ISTITUTO DI DIRITTO CANONICO SAN PIO X MANUALI 2 COLLANA DIRETTA DAL PROF. ARTURO CATTANEO PÉTER ERDÖ Storia delle Fonti del Diritto Canonico a cura di d. Natalino Bonazza 4 Titolo originale dell opera:

Dettagli

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options A13 Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options L influenza della path dependency sulle potenzialità di sviluppo Prefazione di Antonio Renzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI introduzione del Presidente Silvio Berlusconi e del Ministro Giorgia Meloni 2010: PARTE

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale L ora di Musica Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il corso è indirizzato a musicisti, insegnanti di educazione musicale nella scuola

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA 23 Direttore Rosario DI SAURO Università degli Studi di Roma Tor Vergata Centro Ricerche e Interventi in Psicologia Applicata (Ce- RIPA) di Latina Scuola Internazionale

Dettagli

Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti

Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti Progetto Corso di'improvvisazione Docente Davide Monti Il progetto didattico sull'arte dell'improvvisazione si prefigge di affrontare questo argomento ponendo sullo stesso piano l'approccio storico, le

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Raffaello Giovagnoli Via Ticino 72 00015 Monterotondo (RM) Tel. 069068053 Fax 0690629007

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche Preside della Facoltà di Filosofia: Prof. Roberto Mordacci PRESENTAZIONE La Laurea Magistrale in Scienze

Dettagli