Raccolta e Riciclo del vetro. Risultati 2010 / Sintesi Programma Specifico di Prevenzione 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta e Riciclo del vetro. Risultati 2010 / Sintesi Programma Specifico di Prevenzione 2011"

Transcript

1 Raccolta e Riciclo del vetro. Risultati 2010 / Sintesi Programma Specifico di Prevenzione 2011

2 Una crescita costante grazie al contributo di tutti i cittadini

3 Premessa Il CoReVe nasce il , in ottemperanza del Decreto Legislativo 22/97 ss.mm.ii. Il CoReVe non ha fini di lucro ed è costituito allo scopo di raggiungere gli obiettivi di riciclaggio e di recupero dei rifiuti di imballaggio in vetro generati sul territorio nazionale, ruolo confermatogli anche dalle successive modifiche ed integrazioni normative. Al CoReVe aderiscono i produttori di vetro cavo meccanico per imballaggio e gli importatori, sia imbottigliatori sia grossisti: il 95% della quota di partecipazione al Consorzio è assegnata ai produttori, il rimanente 5% agli importatori. Il Consorzio razionalizza, organizza, gestisce e promuove il ritiro dei rifiuti di imballaggio in vetro provenienti dalla raccolta differenziata effettuata dal servizio pubblico, si occupa dell informazione diretta al cittadino e del riciclaggio e recupero dei rifiuti in vetro. Predispone inoltre il Programma Specifico di Prevenzione che trasmette annualmente al CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) e all Osservatorio Nazionale Rifiuti per l elaborazione delle linee guida da seguire. Il presente documento rappresenta la sintesi dei risultati conseguiti dal momento in cui il CoReVe ha mosso i primi passi fino ad oggi. Giampaolo Caccini

4 Un origine lontana La scoperta del vetro si perde nella notte dei tempi. Probabilmente tutto avvenne in Siria, nel III millennio a.c., ma molte altre civiltà del passato hanno dato il loro contributo allo sviluppo delle lavorazioni di questa straordinaria materia. Anche in epoca romana, inoltre, si praticava il riciclo del vetro. Lo testimonia il ritrovamento, avvenuto nel 1986 nella Laguna di Grado, di una nave romana affondata anni fa, la Julia Felix. Diretta con tutta probabilità ad Aquileia, il maggior centro romano della regione, al suo interno vennero ritrovate, oltre al carico di anfore, una serie di botti contenenti frammenti e cocci di vasi, coppe, oggetti di vetro, sicuramente raccolti per un nuovo uso. Una scoperta straordinaria che fa comprendere da quanti secoli sia ritenuto utile questo materiale e come il suo recupero sia da sempre un attività importante per l uomo. Una vera e propria industria vetraria viene fatta comunque risalire al I sec. d.c., diffusasi rapidamente in tutto il bacino del Mediterraneo. In Italia è nota la storia millenaria dell arte vetraria veneziana. E a Venezia infatti che risale la data ufficiale della nascita del vetro moderno. Nel 1291, per evitare i ripetuti incendi, le vetrerie vengono spostate sull isola di Murano e viene fondata la prima corporazione dei phiolieri e verieri de Muran. Aveva inizio una storia fatta di vetro, fuoco e artigiani straordinari che renderanno l arte vetraria italiana famosa in tutto il mondo.

5 Il vetro amico dell ambiente 2 3 Con il percorso di riciclo il vetro torna a vivere in nuovi contenitori pronti per essere riutilizzati dalle aziende che producono succhi, acqua, olio, marmellate ecc..., rientrando nelle nostre case con la spesa di tutti i giorni. In Italia, più di tre bottiglie su quattro vengono prodotte utilizzando esclusivamente vetro riciclato, offrendo così alla collettività importanti vantaggi: risparmio di materie prime necessarie per la produzione del vetro, riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di CO 2, riduzione della massa dei rifiuti solidi urbani e dei costi per il loro smaltimento. Inoltre il vetro garantisce la completa assenza di cessioni, il non assorbimento di odori e sapori, la resistenza alle alte temperature di lavaggio dei vuoti, la robustezza necessaria a ripetuti riempimenti e la possibilità di essere riciclato all infinito ottenendo nuovi prodotti con le stesse identiche caratteristiche qualitative del prodotto originato con le materie prime tradizionali. La sua inerzia chimica lo rende una barriera perfetta alla contaminazione e fa del vetro un sicuro alleato del consumatore dal punto di vista igienico-sanitario. Non tutti sanno da cosa è composto il vetro. La miscela vetrosa è prevalentemente formata da silice (sabbia di cava), soda e carbonati (azione stabilizzante affinante e fondente). Il rottame di vetro è introdotto in percentuale che va dal 10% del peso dell impasto fino alla totale sostituzione delle altre materie prime. È l unico materiale esistente il cui riciclo, praticabile all infinito, non necessita di alcun reintegro di materie prime vergini.

6 Le vetrerie e il riciclo In Italia esistono 33 impianti di produzione di vetro cavo. Strutture con un elevato contenuto tecnologico che ogni anno riescono a riciclare sempre maggiori quantità di rottame di vetro. La lavorazione industriale del vetro cavo si basa su una sequenza di passaggi il cui obiettivo finale è la creazione di un nuovo contenitore. Dopo un iniziale percorso di valorizzazione in idonei impianti di recupero e trattamento, il rottame proveniente dalla raccolta differenziata diventa pronto al forno e inizia il suo percorso verso la trasformazione in un nuovo prodotto in vetro. Il processo prevede una prima fase di fusione della miscela di materie prime e rottame di vetro a 1.200/1.500 C, per ottenere l affinamento dei vari elementi coinvolti ed eliminare la formazione di bolle gassose che impediscono la perfetta omogeneizzazione della massa. Una volta raggiunta la viscosità ideale, si passa alla fase di formatura, in cui l oggetto da realizzare viene tagliato e modellato secondo progetto. Quando la sagomatura è completata si procede alla solidificazione attraverso operazioni di raffreddamento controllato. Sintetizzando, è possibile quindi identificare le principali fasi della produzione del vetro in: fusione, affinaggio, formatura, raffreddamento, controllo e confezionamento. Nuove composizioni, colorazioni, sistemi di formatura, alleggerimenti dei contenitori in vetro, sono oggi in fase avanzata di sperimentazione. Fra scienza e tecnologia, sono gli sforzi compiuti dalle vetrerie per garantire al consumatore un prodotto in vetro sempre migliore, nel pieno rispetto dell ambiente.

7 Riciclo: risultati 2010, previsioni 2011

8 Uscita del rottame pronto al forno dagli impianti di trattamento, impiegato dalle vetrerie per produrre nuovo vetro in sostituzione delle meterie prime tradizionali.

9 Nel 2010 la quantità di rifiuti d imballaggio in vetro riciclata è cresciuta rispetto al 2009 dell 8% passando da Kt a Kt. Il tasso di riciclo ha superato il 68%. I risultati sono stati ampiamente superiori rispetto all obiettivo a suo tempo fissato dal D.lgs. 152/06 pari al 60%. Obiettivo di riciclo 2010 RICICLO EDILIZIA t. 0,6% 6 7 Nell ultimo anno, il riciclo dei rifiuti di imballaggio in vetro provenienti dalla raccolta nazionale ha raggiunto il quantitativo di t. A questo risultato ha concorso l utilizzo della sabbia di vetro ottenuta dal recupero secondario dei cascami dei lettori ottici di cernita degli inerti diversi dal vetro (ceramiche, porcellane, pietre, etc.) e delle frazioni fini. L impiego della sabbia di vetro, nei settori industriali anche diversi da quello vetrario, è leggermente cresciuto. RICICLO VETRERIA t. 66,9% RICICLO ALTRA IND t. 0,8% SMALTIMENTO t. 31,7% t. (+ 6,7%) Totale = 68,3% (2009 = 66%) t. (+ 4,25%)

10 I rifiuti d imballaggio raccolti in modo differenziato seguono due percorsi distinti verso le successive fasi di trattamento e riciclo: costituito dai quantitativi gestiti dal CoReVe mediante le convenzioni, cioè i contratti con i comuni e le aziende di raccolta. misura preponderante dai quantitativi di rottame di vetro pronto al forno di cui le vetrerie (Riciclatori) si approvvigionano direttamente dal mercato, al quale si aggiunge l utilizzo della sabbia di vetro, ottenuta dal recupero degli scarti, da parte dell industria della ceramica. Nel caso in cui CoReVe disponga di dati relativi al rottame di vetro pronto al forno, è possibile effettuare solo una stima del dato originario di raccolta, sommando alle quantità note di pronto al forno gli scarti, che si ritengono persi con le operazioni di selezione. Nel 2010 la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio in vetro è diminuita dello 0,7% su base annua, passando da t. del 2009 a t. Raccolta 2010 Totale t. CENTRO 292 Kt. NORD 942 Kt. SUD 350 Kt.

11 Un trend di crescita costante ha premiato l attività svolta da CoReVe. In oltre dieci anni di attività, infatti, il tasso di riciclo è passato dall iniziale 39% del 1998 al 68,3% registrato a fine Nel periodo considerato, a fronte di una crescita dell immesso al consumo del 13%, le quantità di imballaggi riciclati sono cresciute del 99%. Serie storica dei risultati di riciclo dei rifiuti di imballaggio in vetro nel periodo * Kt Tasso di riciclo Vetro smaltito Immesso al consumo* Riciclo*

12 I rifiuti d imballaggio avviati a riciclo rivenienti dalla raccolta differenziata nazionale provengono, come visto, da due differenti canali: Riciclo per tipologie e sistema di gestione Et vere la antisi officient is voluptae molorer convenzioni ferferspero che il CoReVe, dolorerione assieme alle aziende vetrarie consorziate velenihici doluptis voluptam inctor (Riciclatori), sottoscrive con i Comuni susaero interessati cone o con cum i loro quaesed gestori ene maximag delegati. naturem dus, omnimagnis volende bissum iusandusam andit dal cosiddetto mercato, cui ci si odi dolupta tatenis sequatem est, riferisce, sia per i quantitativi dei sundit quali le plit aziende esseque vetrarie nes molum riciclatrici el maximaiossed consorziate si approvvigionano quam, ut maximo magnate spontaneamente, ctionescid acquistandoli que dollati dalle nvenitas aziende di eture trattamento presed molupta. del vetro, sia per i quantitativi che, dal 2008, trovano utilizzo in settori diversi da quelli vetrari. Totale t. PRONTO AL FORNO (PAF) GESTIONE INDIPENDENTE t. 23% ALTRE TIPOLOGIE DI RICILO GESTIONE INDIPENDENTE t. 2% PRONTO AL FORNO (PAF) GESTIONE CONSORTILE t. 75%

13 Gli obiettivi di riciclo (60%) fissati al 2008 dalle norme vigenti (D.lgs. 152/06) per i rifiuti di imballaggio in vetro sono stati ampiamente superati. Per il successivo biennio le previsioni di riciclo, sulla base dei dati disponibili, stabiliscono un trend riportato nella figura della pagina a fianco. Programma raggiungimento obiettivi Totale t. 682 Totale t. 704 Totale t ,3% 67,6% 68,3% Quantitativi smaltiti in discarica Quantitativi riciclati

14 Gli stabilimenti vetrari sono complessivamente 33 dei quali 22 ubicati al Nord, 5 nel Centro e 6 dislocati nel Mezzogiorno. Le aziende riciclatrici del comparto vetro cavo meccanico (contenitori) assicurano l assorbimento del 98% dei quantitativi recuperati attraverso la raccolta differenziata. Qui affianco ne riportiamo l elenco. Aziende di riciclo Emilia Romagna Parma Fidenza (PR) Friuli Venezia Giulia S. Vito al tagliamento (PN) Villotta Di Chions (PN) Liguria Carcare (SV) Dego (SV) Altare (SV) Lombardia Origgio (VA) Corsico (MI) Abbiategrasso (MI) Trezzano Sul Naviglio (MI) Sesto S. Giovanni (MI) Villa Poma (MN) Piemonte Asti (AT) Trentino Alto Adige Mezzocorona (TN) Pergine Valsugana (TN) Lazio Aprilia (LT) Toscana Pescia (PT) Empoli (FI) Umbria Piegaro (PG) San Gemini (TR) Abruzzo Montorio al Vomano (TE) Campania Ottaviano (NA) Puglia Bari Gioia del Colle (BA) Castellana Grotte (BA) Sicilia Marsala (TP) Veneto Lonigo (VI) Gazzo Veronese (VR) Bergantino (RO) Ormelle (TV) San Polo Di Piave (TV) Fossalta Di Portogruaro (VE)

15 Per la produzione di 100 kg. di vetro sono necessari circa 117 kg. di materie prime vergini. Con il riciclo si attua un percorso virtuoso, con riduzione del consumo di risorse naturali e minor attività estrattiva. Una montagna di materie prime risparmiate. Risparmio di materie prime. Si è ridotta l estrazione di materie prime tradizionali (sabbia, soda, carbonati, etc.) per circa tonnellate, superiore al volume sviluppato dalla piramide egizia più importante, quella di Cheope, alta ben 137 metri. Risparmi di materie prime in relazione ai flussi di riciclo Una dimensione pari a metri cubi % 10% 25% 57% *t Riciclo interno* Riciclo imballaggi* Vetro piano* Importazioni*

16 L uso del rottame di vetro consente anche un risparmio diretto della quantità di energia necessaria per la fusione e per l approvigionamento (indiretto) delle materie prime tradizionali (sabbia, soda, calcare). L aggiunta di solo il 10% di rottame di vetro produce indicativamente un risparmio del 2,5% dei consumi di energia di fusione necessaria alla produzione. Risparmi di energia in relazione ai flussi di riciclo 8% 10% 25% Risparmio di energia. Si è recuperata una quantità di energia pari a MWh tale da permettere il funzionamento di lavatrici di Classe A, per un anno (media dei consumi in Europa, fonte EU) TEP** equivalenti a Barili di petrolio risparmiati 57% *TEP Riciclo interno* Riciclo imballaggi* Vetro piano* Importazioni*

17 In merito alle emissioni di gas ad effetto serra, l uso del rottame di vetro permette anche una consistente riduzione di CO 2. Nel 2010 è stata equivalente a t. di CO 2 in meno immesse nell aria. Tale valore è dato dalla somma dei risparmi diretti (legati alla produzione di vetro) ed indiretti (legati alla produzione delle materie prime tradizionali). Nella tabella seguente è riportata la serie storica dei risparmi diretti di CO 2. Risparmi di CO 2 in relazione ai flussi di riciclo % 10% 25% Risparmio di gas ad effetto serra. Si è evitata l emissione in atmosfera di tonnellate di CO 2 equivalenti, corrispondenti a quelle derivanti dalla circolazione di auto Euro 5 per un anno. (piccole utilitarie con percorrenza media di km) ton. CO 2 equivalenti all effetto serra dovuto alla circolazione di auto euro 5 57% *t.co Riciclo interno* Riciclo imballaggi* Vetro piano* Importazioni*

18 Nei forni della vetreria si chiude e si apre l infinito ciclo del vetro. Qui il rottame di vetro viene avviato allo stesso processo produttivo già utilizzato nel ciclo precedente. Il vetro fuso arriva alle macchine dove, tramite la soffiatura in appositi stampi, ritorna ad essere un nuovo contenitore in vetro. Viene venduto alle aziende alimentari, riempito con diversi prodotti e inviato alla rete di vendita. Vino, olio, liquori, passate, birre, succhi di frutta, bibite, verdure, ritornano sugli scaffali. E tutto ricomincia.

19 La Gestione del Consorzio: Cosa fa CoReVe

20 Il CoReVe gestisce complessivamente il ritiro dei rifiuti di imballaggio in vetro raccolti in modo differenziato in Comuni (circa il 73% dei comuni italiani), con un incremento del 5,4% rispetto al La popolazione coinvolta è di oltre abitanti, corrispondente a quasi l 82% della popolazione italiana. Rispetto all anno precedente, nel corso del 2010 si sono aggiunti 300 nuovi Comuni per una popolazione corrispondente ad oltre 4 milioni di abitanti, con un incremento pari a circa il 9% della popolazione servita, il cui ritiro e avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio raccolti è gestito direttamente dal CoReVe. Comuni e popolazione % sul totale dei comuni t % della popolazione italiana t COMUNI ABITANTI / % +9% Comuni convenzionati in più nel 2010 Comuni convenzionati nel 2009

21 Il CoReVe sottoscrive due tipi di convenzioni con i Comuni o loro Gestori delegati. Andamento dei ritiri nel 2010 rispetto al 2009, per tipologia di convenzione Il primo tipo di convenzione prevede la consegna da parte del Comune o gestore delegato del vetro grezzo per come proviene dalla raccolta differenziata (secondo le vari tipologie di servizio: monomateriale, cioè del solo vetro, di vetro e metallo oppure preselezionato dopo la raccolta multimateriale ). Tale vetro viene affidato dalle vetrerie riciclatrici alle aziende di trattamento del vetro che lo trasformano in vetro pronto al forno. Gli scarti generati nel corso delle attività di trattamento sono desunti dalle registrazioni documentali e sono stimati in t, corrispondenti al 9,35 % dei quantitativi raccolti t t Quantitativi di vetro ritirati in più da CoReVe nel 2010 Quantitativi di vetro ritirati da CoReVe nel t Il secondo tipo di convenzione viene stipulata esclusivamente con Gestori delegati che sono anche aziende di trattamento del vetro. In questi casi il materiale consegnato è già vetro pronto al forno, cioè al netto degli scarti derivanti dalle operazioni di valorizzazione TOTALE GREZZO PAF % +6% +18%

22 Sulla base dei quantitativi provenienti dalla raccolta differenziata dei Comuni, ritirati direttamente da CoReVe e avviati al riciclo, è possibile rappresentare le rese, ovvero la media dei quantitativi raccolti e recuperati da ogni abitante per singola regione. Rese per regione VALDAOSTA 46 Kg/ab PIEMONTE 34 Kg/ab LIGURIA 21 Kg/ab UMBRIA 14 Kg/ab SARDEGNA 49 Kg/ab LOMBARDIA 40 Kg/ab TOSCANA 12 Kg/ab LAZIO 13 Kg/ab CAMPANIA 19 Kg/ab TRENTINO 49 Kg/ab FRIULI VENEZIA GIULIA 31 Kg/ab EMILIA ROMAGNA 32 Kg/ab ABRUZZO 12 Kg/ab VENETO 38 Kg/ab MARCHE 24 Kg/ab MOLISE 7 Kg/ab PUGLIA 7 Kg/ab BASILICATA 5 Kg/ab da 0 a 5 Kg/ab da 5 a 10 Kg/ab da 10 a 15 Kg/ab da 15 a 20 Kg/ab da 20 a 25 Kg/ab da 25 a 30 Kg/ab da 30 a 35 Kg/ab Oltre 35 Kg/ab Media nazionale 24 Kg/ab SICILIA 4 Kg/ab CALABRIA 4 Kg/ab

23 Complessivamente, nel 2010, il CoReVe attraverso le convenzioni ha ritirato tonnellate, suddivise come riportato nel grafico. La documentazione agli atti del CoReVe attestante l ammontare di tali quantitativi è costituita dalle fatture quietanzate emesse dai Comuni o dai gestori delegati all indirizzo di CoReVe e dai Documenti di Trasporto (DDT) che certificano la consegna in vetreria delle materie prime secondarie (rottame pronto al forno ) provenienti dal trattamento e valorizzazione dei quantitativi consegnati dai comuni o loro gestori delegati attraverso le convenzioni. Stima quantitativi riciclati in vetreria (paf) per tipologia di Gestione, anni 2009 e t PARI AL 76% t Quantitativi gestiti in più da CoReVe e riciclati in vetreria nel 2010 Quantitativi gestiti da CoReVe e riciclati in vetreria nel PARI AL 24% (ERA IL 29%) t TOTALE GESTIONE CONSORTILE GESTIONE INDIPENDENTE +7% +15% -14%

24 Il materiale proveniente dalla raccolta differenziata arriva nei centri di trattamento dove il vetro viene separato dai corpi estranei come rifiuti organici, porcellana, ceramica, metalli, plastica, carta. Le fasi sono diverse e vanno da una cernita manuale alla separazione meccanizzata con macchine selezionatrici specifiche, come i lettori ottici. Alla fine si ottiene la materia prima seconda adatta al riciclo in vetreria: il rottame di vetro pronto al forno.

25 La qualità: Un obiettivo primario

26 Il ritiro dei rifiuti di imballaggio in vetro provenienti dai Comuni o dai loro Gestori delegati convenzionati avviene attraverso il riconoscimento di un corrispettivo economico volto a sostenere i costi della raccolta differenziata. Più il vetro è di qualità, più alto è il corrispettivo riconosciuto da CoReVe ai Comuni, quindi più bassi gli oneri per i Cittadini, minori i costi per la sua valorizzazione (trattamento) e maggiori i risultati finali di riciclo. Le fasce qualitative sono tre, variano in funzione del tenore di frazioni estranee (inquinanti) presenti nel rottame e vengono assegnate attraverso apposite verifiche analitiche. A queste, va aggiunta un fascia d eccellenza che per impurità inferiori all 1%, in peso, dà diritto al corrispettivo più alto in assoluto: 37,57 /t. Per la raccolta del vetro separato per colore è previsto un ulteriore premio economico da sommare ai precedenti (10 /t.). Il materiale che non rispetta i requisiti minimi per il successivo trattamento e riciclo (non conforme) invece non viene ritirato. Convenzioni per il ritiro del vetro raccolto. Fasce qualitative - ripartizione in base alle tonnellate FASCIA 2 20% FASCIA 3 4% NON CONFORME 1% FASCIA 1 47% ECCELLENZA 28%

27 Per quanto riguarda i Comuni e/o i Gestori delegati convenzionati con CoReVe nella figura a fianco sono riportati, con aggregazione nazionale e suddivisione per macroaree geografiche, rispettivamente: la resa di raccolta (in Kg) per ciascun abitante servito (in verde), i corrispettivi riconosciuti (in blu) per ciascun abitante (espressi in euro) e la percentuale di popolazione convenzionata con CoReVe sul totale degli abitanti. Gestione consortile: rese e corrispettivi per abitante convenzionato, % popolazione convenzionata sul totale abitanti /ab. 1,2 0, ,9 12, Kg/ab ,72 0,48 81% 82% 87% 77% 20 0,24 0,70 1,16 0,43 0, ITALIA (TOTALE) NORD CENTRO SUD 0 euro/abitante convenzionato popolazione convenzioni sul totale reso quantità annue (in Kg) da ciascun abitante convenzionato con CoReVe

28 Per quanto riguarda i Comuni e/o i Gestori delegati convenzionati con CoReVe nella figura a fianco sono riportati, con suddivisione e rappresentazione per macro-aree geografiche, i corrispettivi medi riconosciuti per ciascuna tonnellata ritirata (in euro) e avviata a recupero e successivo riciclo. Corrispettivo medio nelle diverse aree geografiche NORD euro/ton 32,0 CENTRO euro/ton 29,1 SUD euro/ton 29,1

29 Per i Comuni e/o i Gestori delegati che hanno sottoscritto convenzioni per il ritiro del materiale raccolto con CoReVe, nella figura a fianco sono riportati, con aggregazione nazionale e suddivisione per macroaree geografiche, i corrispettivi riconosciuti (in euro) per i rifiuti di imballaggio in vetro (in t.) avviati al riciclo attraverso la gestione diretta del Consorzio. Il gettito versato nelle casse comunali a livello nazionale ha complessivamente raggiunto e superato i 36 milioni di euro. Dal momento che l entità dei contributi è proporzionale alla qualità e alla quantità del vetro raccolto in modo differenziato, ad oggi, la maggior parte delle somme versate da CoReVe (71%) sono state riconosciute al Nord, a cui segue il sud (16%) ed infine il Centro (12%). Corrispettivo per area geografica anno 2010 SUD euro 16% CENTRO euro 12% NORD euro 71% Totale euro

30 Ultimate le lavorazioni di fusione e raffreddamento in vetreria, i nuovi contenitori sono pronti per essere consegnati alle aziende imbottigliatrici. Riportate a nuova vita, bottiglie, ampolle, vasetti sono pronti per ritornare nell uso quotidiano. Il circuito virtuoso del processo di riutilizzo del vetro è così compiuto.

31 Lampadine, tubi al neon, vetri di finestre e mobili, fari di autovetture, oggetti in cristallo, pyrex, ceramiche e porcellane, tutti questi materiali possono sembrare erroneamente amici del vetro da imballaggio, perché a esso simili o assimilabili, ma in realtà sono materiali contaminanti, veri e propri nemici del suo riciclo, che vanno a inquinare una raccolta del vetro solitamente di buona qualità. Introducendo infatti elementi dannosi come questi, si vanificano gli sforzi dei cittadini e il virtuoso percorso generato con il loro impegno. In linea di massima, ecco come comportarsi: se si detengono piccoli quantitativi di tali materiali è bene gettarli con il rifiuto indifferenziato mentre, per quantitativi più importanti, bisognerebbe conferirli presso le isole ecologiche comunali. È però sempre importante fare riferimento al proprio comune per conoscere l esatta destinazione di questi rifiuti, perchè possono variare a seconda del sistema di smaltimento adottato localmente. I falsi amici Lampadine Specchi Vetri delle finestre, finestrini di automobili, vetri per fari e fanali Confezioni in vetro dei farmaci usati Tubi al neon Tubi del televisore e schermi tv, computer, monitor Oggetti di cristallo (bicchieri, lampadari, centrotavola, etc.) Oggetti in ceramica e porcellana Contenitori in vetroceramica (pyrex, etc.) Pietre, sassi e inerti

32 Differenziare: si può fare di più. Le ricerche di mercato promosse da CoReVe Raccolta differenziata: tutti la invocano, tutti la vogliono, ma quanti la sanno fare realmente? E cosa ne pensano gli italiani? Abbiamo un sistema efficiente? Quale è la percezione del proprio ruolo nella filiera del riciclo? A queste e altre domande hanno dato risposta le due ricerche Gli Italiani, la raccolta differenziata e il vetro e I Comuni italiani, le aziende che raccolgono i rifiuti e svolgono la raccolta differenziata, promosse da CoReVe e realizzate da AstraRicerche. Nella prima ricerca, attraverso interviste online, rivolte a un campione rappresentativo della popolazione italiana tra i 18 e i 70 anni (pari ad un universo di oltre 41 milioni di persone), è stato tracciato il quadro della raccolta differenziata dei rifiuti domestici in generale e del vetro in particolare; mentre, nella seconda ricerca, agli stessi quesiti, hanno risposto Amministratori e Manager delle Aziende che svolgono il servizio. I risultati tra i Cittadini Il tema dell importanza della qualità della raccolta differenziata, soprattutto riguardo al vetro, è ben presente tra gli italiani intervistati (72%), che se ne occupano personalmente nel 97% dei casi. I cittadini, infatti, si sentono responsabilizzati in prima persona rispetto al buon funzionamento del sistema del riciclo, prima ancora dei comuni e degli altri attori della filiera: per il 75% del campione, il contributo che i nuclei familiari offrono all industria del riciclo degli imballaggi va ben oltre il 60%. Una responsabilità che gli italiani chiedono sia però ricompensata con la predisposizione di un sistema di incentivi, da erogare alle famiglie più virtuose nell effettuare la raccolta differenziata. Lo chiede con forza il 76% degli intervistati. Gli intervistati lamentano anche un deficit informativo: se il 59% degli italiani ha dimostrato infatti di avere le idee poco chiare inserendo nella raccolta differenziata del vetro anche materiali non idonei, come lampadine o oggetti in cristallo - cioè i falsi amici il 72% del campione ha individuato nella carenza di informazioni chiare sui criteri di separazione un importante ostacolo alla raccolta efficace. Per il 66% degli intervistati è necessaria inoltre una maggiore uniformità nei sistemi vigenti a livello comunale, che potrebbe tradursi in una maggiore incisività e qualità della raccolta.

33 Il confronto con gli Amministratori Il confronto arriva dai dati della seconda ricerca, rivolta a Manager e Amministratori, dove si capisce però perché in Italia di strada ce ne sia ancora parecchia da fare. Ed è vero che le responsabilità maggiori non sono certo dei cittadini, che partecipano e si impegnano al meglio, pur lamentando una serie di significative lacune informative. Chi ha il compito istituzionale di informare i cittadini, organizzare e promuovere la raccolta, in effetti, ha qualche mancanza di troppo. Anche ad amministratori e manager del settore è stato chiesto quali materiali buttare e quali non nel contenitore del vetro: emerge incredibilmente che gli addetti ai lavori compirebbero errori persino grossolani nel conferimento dei rifiuti. Anche per i cittadini, la rilevanza degli errori era elevata, ma in questo caso però stupisce la mancanza di consapevolezza da parte di chi per professione e per ruolo si occupa (o si dovrebbe occupare), quotidianamente, di raccolta differenziata. Ancor più sorprendente, in negativo, è che il 12% dei manager interpellati risponde candidamente di non sapere : il loro compito è gestire la raccolta differenziata, è quindi decisamente grave che non siano informati su norme e direttive che li riguardano. Dove la raccolta è meno sviluppata (Centro e Sud) le responsabilità maggiori, secondo amministratori e manager, sono per lo più dovute alla scarsa collaborazione dei cittadini (56% Sud; 36% Centro) e/o a responsabilità di altre istituzioni (37% Sud; 23% Centro). Il 28% degli amministratori dichiara anche di non sapere che, a livello europeo, è stata emanata una direttiva specifica sul tema della raccolta differenziata di qualità. Per una volta le risposte geografiche ribaltano i luoghi comuni: al Nord la percentuale dei non lo sapevo (33%) è superiore a quella fatta segnare al Sud. Verrebbe da dire che gli amministratori del sud conoscono la teoria...ma non la applicano. Gli italiani fanno dunque la differenza, nel bene e nel male, quindi si può e si deve fare di più.

34 Fare comunicazione: un impegno di CoReVe C è Vetro e Vetro. Impara la differenza. Fai la differenziata. È questo il claim della campagna nazionale di sensibilizzazione sulla qualità, promossa da CoReVe, a partire dal Allo scopo di pubblicizzare le buone pratiche e con l intento preciso di correggere i comportamenti errati più comuni, la campagna ha animato il territorio italiano con una serie di iniziative, pensate proprio per informare i cittadini, gli amministratori e gli addetti ai lavori, ma anche per coinvolgere il mondo della comunicazione e dei media circa le differenze tra ciò che è vetro da imballaggio, adatto ad essere raccolto e poi riciclato nella produzione di nuovi contenitori e ciò che, falso amico, di fatto ne vanifica il corretto recupero (lampade e lampadine, ceramiche e porcellane, schermi televisivi, specchi, etc.) e ne impedisce il successivo riciclo. La campagna, oltre alla diffusione di materiali informativi a ciò dedicati e al ricorso a strumenti di divulgazione più tradizionali (media), ha visto anche il coinvolgimento diretto dei giornalisti radio televisivi e della carta stampata interessati attraverso veri e propri tour guidati nel mondo e negli impianti di trattamento e riciclo, allo scopo di far comprendere anche a loro come la qualità della raccolta differenziata sia l elemento indispensabile per garantire il successivo riciclo del materiale. La campagna C è Vetro e Vetro è stata caratterizzata anche dall istituzione di due riconoscimenti speciali per i comuni italiani più virtuosi: quelli che hanno già raggiunto traguardi qualitativi d eccellenza (CoReVe Green Award) e quelli che sono sulla buona strada per farlo (CoReVe Blue Award), dando il giusto risalto all efficacia del sistema di raccolta differenziata implementato e l impegno e la sensibilità dimostrate da tutti, amministratori, cittadini e aziende di servizio. Viva la radio! C è Vetro e Vetro è anche on air: per coniugare intrattenimento e informazione e raggiungere il maggior numero di persone possibile, i messaggi di sostenibilità della campagna di CoReVe hanno viaggiato anche attraverso l etere, grazie alla partnership con alcune tra le trasmissioni radiofoniche più seguite in Italia.

35 Design: Achilli Ghizzardi Associati

36 via Sardegna 19, Milano T F

Una crescita costante grazie al contributo di tutti i cittadini

Una crescita costante grazie al contributo di tutti i cittadini 2 13 Raccolta e Riciclo del vetro. Risultati 2012 / Sintesi Programma Specifico di Prevenzione 2013 Una crescita costante grazie al contributo di tutti i cittadini Premessa Il CoReVe nasce il 23.10.1997,

Dettagli

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro Relatore:

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

1 2 3 4 5 AMBIENTE Vetro, la filiera che resiste alla crisi di Monica Rubino Cresce al 68,1% il tasso di riciclo del vetro e aumenta del 6% la raccolta differenziata degli imballaggiin aumento dell 1,77%

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO CAPITOLO 3 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 221 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 3.1 LE FONTI DEI DATI La principale fonte di informazioni sul ciclo degli imballaggi

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria.

anche operatori del recupero ed associazioni della filiera cartaria. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi 3 Premessa Per assicurare il riciclo degli imballaggi, in Italia è operativo un sistema consortile costituito da sei Consorzi di filiera, uno per

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita (battaglia vinta contro i sacchetti di plastica non compostabile);

Dettagli

OSSERVATORIO EDISON CHANGE THE MUSIC

OSSERVATORIO EDISON CHANGE THE MUSIC OSSERVATORIO EDISON CHANGE THE MUSIC Cambia l energia Ufficio Stampa Edison Stefano Amoroso Responsabile Media Relations Tel 02 6222 7276 Cell 340 2838136 stefanoamoroso@edisonit Elena Distaso Tel 02 6222

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 CIRCA 14% IN MENO I RIFIUTI URBANI SMALTITI IN DISCARICA Presentato il Rapporto ISPRA sui Rifiuti

Dettagli

TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA QUADRO DI RIFERIMENTO

TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA QUADRO DI RIFERIMENTO TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA OBIETTIVO LA DECISIONE VERITAS VUOLE STRUTTURARE UN PROCESSO DI VERIFICA E VALIDAZIONE DELLA QUALITA E DELL AVVIO A RECUPERARE DEL

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche

IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI. Preparato per: Assobioplastiche IL MERCATO ITALIANO DEI POLIMERI COMPOSTABILI Preparato per: Assobioplastiche Plastic Consult Le due anime aziendali Dal 1979 Consulenza e business intelligence nel settore petrolchimico / materie plastiche

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Milano, 3 marzo 2011 Nobody s Unpredictable

Milano, 3 marzo 2011 Nobody s Unpredictable L atteggiamento degli italiani nei confronti del recupero e riciclaggio degli elettrodomestici Milano, 3 marzo 2011 Nobody s Unpredictable METODOLOGIA E CAMPIONE Indice della presentazione 1) SCENARIO:

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

Comunicato Stampa. L obiettivo è di migliorare ulteriormente la qualità della raccolta.

Comunicato Stampa. L obiettivo è di migliorare ulteriormente la qualità della raccolta. Vinci, 5/06/2012 Comunicato Stampa Coreve, Publiambiente e Revet lanciano a Vinci una nuova campagna sul vetro. L obiettivo è di migliorare ulteriormente la qualità della raccolta. Non farti tentare. Metti

Dettagli

5 Vetro. 5.1 Andamento del settore a livello nazionale. Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero

5 Vetro. 5.1 Andamento del settore a livello nazionale. Parte 2 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del riciclo e recupero 5.1 Andamento del settore a livello nazionale 5.1.1 La filiera del recupero degli imballaggi in vetro Il riciclo del vetro consente di ottenere importanti risparmi energetici: ogni 10% di sostituzione

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

3.3. Recupero delle frazioni secche riciclabili

3.3. Recupero delle frazioni secche riciclabili 3.3. Recupero delle frazioni secche riciclabili Tutti i comuni del Veneto in misura diversa hanno attivato nel proprio territorio la raccolta di carta, vetro, plastica e metalli. La raccolta differenziata

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia La Raccolta Differenziata in Italia Rosanna Laraia Andamento della produzione RU, anni 2001-2013 34.000 32.000 29.408,9 29.594,7 29.863,7 30.03,8 29.93,5 31.150,0 31.386,2 31.63,0 32.510,5 32.541,8 32.467,2

Dettagli

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Il sistema Conai. Raccolta e riciclo dei rifiuti di imballaggio nella regione Emilia Romagna Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Bologna, 5 febbraio 2010 Il sistema Conai I risultati del quinquennio

Dettagli

Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» LA SITUAZIONE ITALIANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» LA SITUAZIONE ITALIANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» GREEN JOBS Formazione e Orientamento La disciplina italiana della gestione dei rifiuti è oggi contenuta principalmente nel codice dell ambiente (Decreto Legislativo

Dettagli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli Giugno 215 Il sistema ufficiale Secondo l ultimo Rapporto sui Rifiuti Urbani pubblicato dall ISPRA, nel 213 sono state

Dettagli

Tabella 4.1. Immesso al consumo d imballaggi in vetro (kton e %) 2008/2012. 2008 2009 2010 2011 2012 Variazione % 2012/2011

Tabella 4.1. Immesso al consumo d imballaggi in vetro (kton e %) 2008/2012. 2008 2009 2010 2011 2012 Variazione % 2012/2011 4.1 Andamento del settore a livello nazionale 4.1.1 L immesso al consumo La filiera del vetro registra una contrazione del 2,4% rispetto al 2011, ascrivibile all andamento in calo registrato per i consumi

Dettagli

La seconda vita della Scatoletta

La seconda vita della Scatoletta La seconda vita della Scatoletta Quello dello smaltimento dei rifiuti è uno dei problemi più grandi che il nostro pianeta sembra dover affrontare nei prossimi decenni. I rifiuti oggi vengono smaltiti in

Dettagli

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi Riferimenti normativi: D.Lgs

Dettagli

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti per Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati e Legambiente FORUM RIFIUTI conferenza nazionale REPORT Milano, 19 Giugno 2014 Disegno di ricerca La ricerca è stata condotta

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl

Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio N. Registro I-000492 Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl Giuseppina Carnimeo Consorzio Imballaggi Alluminio Bergamo, 31 maggio 2012 Il Consorzio

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Seminario sulla raccolta differenziata e sulla qualità dei materiali La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Porto S. Elpidio,

Dettagli

Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio

Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio Raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone risorsa per il territorio Dora Rigoni Comieco Area Riciclo e Recupero Pordenone, 25 novembre 2008 0 PRODUTTORI E UTILIZZATORI: IL SISTEMA CONSORTILE

Dettagli

Vetro. 4.1 Andamento del settore a livello nazionale. Parte 3 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del recupero

Vetro. 4.1 Andamento del settore a livello nazionale. Parte 3 Approfondimenti settoriali dedicati alle singole filiere del recupero .1 Andamento del settore a livello nazionale.1.1 La filiera del recupero degli imballaggi in vetro Il riciclo del vetro consente di ottenere importanti risparmi energetici, poiché, a parità di vetro prodotto,

Dettagli

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia del trasporto dei rifiuti, mentre sarebbe interessante studiarne l impatto dal punto di vista economico ambientale. Tutti i rifiuti che vengono prodotti, del resto, sono oggetto di operazioni di trasporto,

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Festival della Soft Economy - Symbola Università degli Studi di Camerino 25 Giugno 2014 L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Andrea Zaghi Responsabile

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD

Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD San Costanzo (PU), 15 aprile 2014 Il ruolo di Conai nella filiera del riciclo Qualità delle RD Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio CONAI è il sistema privato per la gestione degli imballaggi

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero!

Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! Rifiuto = Valore Obiettivo discarica zero! La gestione dei rifiuti di imballaggio in Italia Valter Facciotto Direttore CONAI Università LIUC, 15 novembre 2011 Lo scenario nazionale di produzione dei rifiuti

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive; Visto il decreto legislativo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti sono un prodotto inevitabile della società dei consumi e del nostro stile di vita

Dettagli

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili R Come si arriva a chiudere il ciclo minimizzando incenerimento e discarica: raccolte

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica Bologna, 16 Ottobre 2007 Rilegno la mission e il sistema consortile LA

Dettagli

Raccolta domiciliare porta a porta

Raccolta domiciliare porta a porta Città di Sasso Marconi Raccolta domiciliare porta a porta Sasso Marconi, novembre 2007 Il continuo aumento della quantità di rifiuti prodotti ci sta ponendo urgenti problemi di gestione e di smaltimento

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 870 MILA UNITÀ, OLTRE 9 MILA IN PIÙ NELL ULTIMA SETTIMANA Roma, 20 Novembre 2015 I giovani presi in carico sono 537.671. A più di 228 mila è stata proposta almeno una misura. Crescere in Digitale: oltre 35.100 gli iscritti a dieci settimane dal lancio I GIOVANI

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Rapporto Cave 2014. I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano.

Rapporto Cave 2014. I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano. Rapporto Cave 2014 I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano. La fotografia della situazione Sono 5.592 le cave attive

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGENE URBANA IN ITALIA

VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGENE URBANA IN ITALIA CAPITOLO 6 VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA IN ITALIA ELABORAZIONI DELLE DICHIARAZIONI MUD 6.1 PREMESSA Il capitolo riporta la valutazione dei costi di gestione dei servizi

Dettagli

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente Qualità dell aria e cambiamento climatico: le sfide di fronte a noi Stakeholder meeting 2014 Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente M A R I O B O F F I D i p a r t i m e n t

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

Consorzio CiAl. Gennaro Galdo Ufficio Comunicazione. Asti, 26 giugno 2014

Consorzio CiAl. Gennaro Galdo Ufficio Comunicazione. Asti, 26 giugno 2014 Consorzio CiAl Gennaro Galdo Ufficio Comunicazione Asti, 26 giugno 2014 Responsabilità dei Produttori I produttori costituiscono i consorzi di materiale per il recupero e il riciclaggio Vetro Alluminio

Dettagli

Cosa succede alla nostra raccolta differenziata?? Informazioni su: Quanto viene raccolto in città Dove va a finire Con che modalità viene gestito

Cosa succede alla nostra raccolta differenziata?? Informazioni su: Quanto viene raccolto in città Dove va a finire Con che modalità viene gestito Cosa succede alla nostra raccolta differenziata?? Informazioni su: Quanto viene raccolto in città Dove va a finire Con che modalità viene gestito RAFFRONTO CON ALTRE REALTA 2 RACCOLTA DIFFERENZIATA A BOLOGNA

Dettagli

Il sistema di gestione dei RAEE in Italia Fabrizio D Amico, Direttore Generale

Il sistema di gestione dei RAEE in Italia Fabrizio D Amico, Direttore Generale Il sistema di gestione dei RAEE in Italia e Fabrizio D Amico, Direttore Generale Federchimica, Milano 19 ottobre 2010 Una complessa normativa di riferimento... La normativa RAEE La normativa sui rifiuti

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Comune di Campodoro (PD)

Comune di Campodoro (PD) Comune di Campodoro (PD) Analisi della congruità economica del costo del servizio per la gestione dei rifiuti urbani nel Comune di Campodoro (PD) a supporto della relazione di cui all art. 34 comma 20

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS

ACCORDO DI PROGRAMMA tra. REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS ACCORDO DI PROGRAMMA tra REGIONE AUTONOMA SARDEGNA e CRCCS La Regione Autonoma della Sardegna, in persona dell Assessore della Difesa dell Ambiente, prof.ssa Donatella Emma Ignazia Spano (di seguito REGIONE

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

1 - IL CONTESTO EUROPEO

1 - IL CONTESTO EUROPEO 1 - IL CONTESTO EUROPEO La produzione dei rifiuti urbani in Europa Secondo le informazioni più aggiornate fornite da Eurostat, integrate con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2013 nell UE

Dettagli