QUADRO CONOSCITIVO PROPEDEUTICO ALL AVVIO DEL PROCEDIMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO CONOSCITIVO PROPEDEUTICO ALL AVVIO DEL PROCEDIMENTO"

Transcript

1 P R O V I N C I A D I P I S A DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO Servizio Difesa del Suolo e Protezione Civile U.O. Georisorse Allegato 2 parte integrante e sostanziale della DCP 12 del 12/02/09 Piano Provinciale delle Attività Estrattive, di Recupero delle Aree Escavate e di Riutilizzo di Residui Recuperabili (PAERP) QUADRO CONOSCITIVO PROPEDEUTICO ALL AVVIO DEL PROCEDIMENTO

2 Indice 1. PREMESSA LA PRODUZIONE DI INERTI ED IL FABBISOGNO PROVINCIALE L analisi della produzione di inerti del PRAER... 4 La stima dei fabbisogni di inerti del PRAER Informazioni in possesso delle Amministrazioni comunali e degli operatori del settore LA CONSISTENZA DELLE RISORSE NATURALI Il PRAER ed i relativi elaborati ed allegati cartografici Carta Geologica e Geomorfologica alla scala 1: della Provincia di Pisa LA CONSISTENZA DELLA RISORSA DA RICICLO I VINCOLI CHE RESTRINGONO LA POSSIBILITÀ DI ESTRARRE Piano Territoriale di Coordinamento PTC della Provincia di Pisa Piano di Bacino: PAI del Fiume Arno e Piano Stralcio delle Attività estrattive del fiume Arno- PAI Toscana Costa Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti Altri vincoli territoriali ed ambientali e limitazioni d uso del territorio APPROFONDIMENTI DEL QUADRO CONOSCITIVO DEL PAERP

3 1. PREMESSA Questo documento presenta il quadro conoscitivo dal quale prende le mosse la redazione del PAERP ed è stato redatto dal gruppo di lavoro del piano costituito da personale della U.O. Georisorse della provincia di Pisa per integrarne il Documento di Avvio del Procedimento. Nel seguito verranno presentate le conoscenze di base a partire dalle quali il gruppo di redazione ha predisposto un piano integrativo di acquisizione del quadro conoscitivo necessario alla redazione del piano. Richiamando brevemente l obiettivo principale della pianificazione delle attività estrattive secondo la L.R.T. 78/1998, e cioè il bilanciamento dei volumi di inerti disponibili (da giacimenti naturali come da attività di riciclo) con i fabbisogni dei settori produttivi che dipendono dalle attività estrattive, possiamo concettualmente dividere le conoscenze attuali sulla risorsa litica e sulla potenzialità del suo sfruttamento in quattro capitoli: 1. il fabbisogno 2. la consistenza delle risorse naturali 3. la consistenza della risorsa da riciclo 4. i vincoli che restringono la possibilità di estrarre Il documento procederà quindi secondo questa articolazione per concludersi con l esame delle integrazioni necessarie per redigere il Piano. 2. LA PRODUZIONE DI INERTI ED IL FABBISOGNO PROVINCIALE L approccio alla conoscenza della produzione degli inerti e della definizione del fabbisogno può essere di tipo statistico o di tipo deterministico. La Regione, nella redazione del PRAER ha dovuto ovviamente scegliere l approccio statistico, per mancanza di dati diretti esaustivi, affidabili ed omogenei per tutte le province. Il piano è stato dimensionato sulla base delle conoscenze geologiche disponibili, ereditate principalmente dalla attuazione del PRAE tuttora vigente, e della ricostruzione della serie storica dei quantitativi estratti in Toscana nel periodo , determinati su basi statistiche utilizzando i dati del consumo di energia elettrica del comparto estrattivo, non essendo disponibili per il periodo rilevazioni della produzione reale. Il consumo di energia elettrica, è stato ritenuto quello più attendibile ai fini della definizione delle necessarie stime, in quanto i consumi energetici costituiscono uno dei termometri più utilizzati per la determinazione della congiuntura economica nelle diverse rilevazioni statistiche. E stato pertanto possibile stimare la dinamica di lungo periodo ( ) dell attività estrattiva, riferita ai diversi materiali di cava per l industria delle costruzioni pietrischi, sabbie e ghiaie, leganti (cemento, calce e gesso), argille per laterizi, altre lavorazioni di sostanze minerali non metallifere. I dati statistici basati sui consumi elettrici vanno però presi con qualche cautela in considerazione del fatto che nei siti di cava si sono sviluppate anche attività di prima lavorazione degli inerti medesimi e degli scarti dell edilizia o di sfridi di ornamentali; queste aumentano i consumi di elettricità senza che sia aumentata l estrazione. Nel corso della progettazione del PAERP occorrerà cercare di verificare l approccio statistico contenuto nel PRAER attraverso l analisi di dati diretti reperibili presso coloro che ne sono in possesso (enti pubblici o privati, società e ditte del settore estrattivo o edilizio, privati). 3

4 Inoltre, si procederà alla verifica della validità delle stime dei fabbisogni e della produzione degli inerti indicati nel PRAER per il periodo 2003/2012 con i dati reali che saranno raccolti nella fase di approfondimento del quadro conoscitivo. In tal modo si potrà constatare la correttezza delle previsioni fatte a supporto del piano regionale e del modello di calcolo utilizzato per gli anni 2003/2008, ed in caso di imprecisioni procedere alle necessarie modifiche al fine di garantire l autosufficienza provinciale e la copertura dei fabbisogni L analisi della produzione di inerti del PRAER L analisi dei fabbisogni è quella realizzata a supporto del dimensionamento del PRAER, che è stata stimata sulla base dei consumi di energia elettrica ed incrociata con i dati rilevati dai Comuni relativamente al solo anno 2000, dedotti dagli obblighi informativi sulla produzione annua prevista dalla L.R. 78/98. Nell anno 2000 erano attive in Provincia di Pisa 22 cave per l estrazione di inerti da costruzione e 2 cave per la produzione di ornamentali. La produzione complessiva nello stesso anno di inerti da costruzione era di mc, mentre è di soli 198 mc per il comparto degli ornamentali. La produzione dedotta dal trend dei consumi energetici ricostruito per il periodo rivela una dinamica in costante contrazione per la maggior parte dei materiali estratti nel corso di tutti gli anni 90. Si è dunque estratto di meno rispetto agli anni precedenti in tutto il periodo di attuazione del Piano Regionale delle Attività Estrattive Tale tendenza è avvalorata da una riduzione di quasi un terzo dei consumi di energia che lascia ipotizzare una analoga dinamica della produzione estrattiva di materiali per costruzione della regione nell arco del decennio; se si suppone, come è ragionevole, che la tecnologia possa avere influito sui consumi energetici dei macchinari utilizzati in cava (ipotesi energy saving), riducendoli, tale diminuzione è solo lievemente rallentata nei valori assoluti, ma non ribaltata nella tendenza generale di lungo periodo. I dati sui consumi energetici riportati nel PRAER indicano una situazione ben correlata ai cicli economici, con la scarsità di risorse destinate ad opere pubbliche e con le difficoltà di tutto il settore produttivo fino alla seconda metà del Una simile tendenza rappresenta un riferimento per la costruzione di un modello funzionale di stima delle quantità estratte in cava nel periodo pregresso e di ipotesi futura per il periodo di validità del piano. Entrando nel dettaglio delle valutazioni della produzione delle varie tipologie di materiale ricostruite nel PRAER si ricava quanto segue. Per quanto riguarda gli inerti da costruzione i pietrischi hanno subito una contrazione molto forte pari al 55% in meno rispetto alla produzione stimata agli inizi degli anni 90. Più moderata risulta la tendenza pur sempre in calo dell estrazione delle sabbie e delle ghiaie per le quali la riduzione stimata è stata superiore al 15%. Per quanto riguarda invece il materiale impiegato nella produzione di conglomerati cementizi e bituminosi e di prodotti trasformati dell edilizia (prefabbricati, ecc.), la produzione risulta in forte ascesa durante il periodo in esame. Infine l estrazione di sabbie e ghiaie nel 1999 in Toscana è stimata comunque essere pari a 3,6 milioni di mc rispetto ai 4,2 estratte all inizio del decennio La stima dei fabbisogni di inerti del PRAER Nel PRAER la stima del fabbisogno dei materiali inerti di cava del Settore I è stata determinata tramite una procedura basata sulla domanda di costruzioni relativamente a tutte le 4

5 forme (edilizia residenziale e non, opere pubbliche e recupero edilizio) definita nelle pubblicazioni ISTAT. Le incertezze di una tale determinazione derivano dal fatto che le serie storiche utilizzano unità di misura non sempre identiche (metri cubi di concessioni vuoto per pieno per l attività edilizia e milioni investiti per le opere pubbliche). Per tale motivo è stato necessario ricorrere a coefficienti di conversione delle unità di misura in cui si presentano i dati della domanda stessa, coefficienti che sono stati ricavati dalla bibliografia di settore e che potrebbero però generare approssimazioni sull entità reale del fabbisogno stimato. La stima è stata condotta per i vari componenti del Settore I del PRAE: gli inerti per costruzioni (i pietrischi o anche scarti di lavorazione del ciclo di trattamento, che vanno a trovare utilizzo nei rilevati o riempimenti, nei sottofondi stradali e nelle opere di drenaggio in genere), le sabbie e ghiaie principalmente impiegati nella fabbricazione di conglomerati cementizi e bituminosi, i granulati da frantumazione, destinati alla costruzione di massicciate, i leganti, cioè il cemento, il gesso e la calce, produtti con materiale inerte di vario genere, le argille per la costruzione dei laterizi, i calcari per usi industriali. Sulla base delle rilevazioni effettuate nell anno 2000 il fabbisogno provinciale per gli inerti di pregio per costruzione è stato stimato come da tabella seguente: Fabbisogno di inerti pregiati da costruzione per tipologia di domanda in Provincia di Pisa (m 3 lavorati - anno 2000) Edilizia residenziale Edilizia non residenziale Manutenzione ord. e straord. edilizia residenziale e non OOPP nuove Manutenzione ord. e straord. OOPP Totale Industria Costruzioni Il fabbisogno totale di inerti è invece valutato in m 3 così suddivisi: Fabbisogno totale di inerti per tipologia di domanda in Provincia di Pisa (m 3 lavorati - anno 2000) Edilizia residenziale Edilizia non residenziale Manutenzione ord. e straord. edilizia residenziale e non OOPP nuove Manutenzione ord. e straord. OOPP Totale Industria Costruzioni Sulla base delle valutazioni effettuate è stato predisposto uno schema di previsione dei fabbisogni annui per il periodo di validità del piano per l ambito provinciale di Pisa, sia per quanto riguarda gli inerti di pregio da costruzione, sia per quanto riguarda il fabbisogno totale di inerti. Per gli inerti di pregio da costruzione il PRAER stima un fabbisogno compreso tra mc di materiale lavorato per l anno 2000 e mc per l anno 2012, mentre il fabbisogno totale di inerti è compreso tra per l anno 2000 e mc per l anno La previsione formulata nel PRAER indicherebbe una sostanziale stabilità dei fabbisogni nel lungo periodo. Dopo una prima fase iniziale caratterizzata da una forte domanda nel corso del 2000 ed un successivo rallentamento per i 2-3 anni seguenti, si dovrebbe avere un periodo di costante ripresa della domanda, soprattutto negli anni , che si concretizzerà nella crescita del fabbisogno per la fine del periodo di validità del piano. 5

6 Per la provincia di Pisa viene stimato un surplus di offerta degli inerti di pregio nel periodo iniziale (anno 2004) e successivamente un fabbisogno crescente che comporterebbe per il periodo finale di validità del piano la necessità di autorizzare nuove estrazioni per un totale di mc in più. Per quanto riguarda invece gli inerti non di pregio la provincia di Pisa viene ritenuta essere fortemente deficitaria con un fabbisogno stimato che passa da mc per l anno 2003 a mc per l anno Il bisogno di incremento di produzione rispetto alle quantità stimate per gli inerti non di pregio passa da mc per l anno 2003 a mc in più per l anno Informazioni in possesso delle Amministrazioni comunali e degli operatori del settore La quasi totalità delle informazioni sulla produzione e sul fabbisogno di inerti sono detenute dai comuni nei quali si svolgono attività estrattive. A seguito dell entrata in vigore della L.R. 01/2004 infatti la competenza amministrativa in materia di vincolo idrogeologico è stata trasferita ai comuni. Da quel momento è venuto a mancare alla Provincia un importante elemento di conoscenza almeno per le cave che si trovano in aree a vincolo idrogeologico. La Provincia di Pisa continua ad avere conoscenza dettagliata dell attività estrattiva dei comuni di Pomarance, Castelnuovo Val di Cecina, Fauglia e Montescudaio per i quali, in forza di apposite convenzioni, svolge le operazioni di controllo dell attività estrattiva. Per tutto il resto del territorio provinciale sarà necessario richiedere ai comuni tutte le informazioni in loro possesso relative all attività estrattiva svolta all interno del loro territorio negli anni trascorsi. I comuni dovrebbero aver compilato schede di rilevazione dei quantitativi estratti a partire dall anno 2000 secondo le categorie di utilizzo dei diversi materiali, ai sensi della normativa regionale in materia L.R. 78/98. Questi dati consentiranno di verificare i quantitativi della produzione e della domanda e contestualmente di verificare in proiezione la validità delle previsioni contenute nel PRAER per il periodo di validità del piano. Altro aspetto non meno importante è rappresentato dal confronto con gli operatori del settore, dai titolari di cava ai gestori di impianti di lavorazione, ai rivenditori di materiale inerte, le cui conoscenze rappresentano un elemento imprescindibile da considerare per la definizione dei fabbisogni a livello provinciale che dovranno trovare soddisfacimento nelle previsioni estrattive contenute nel PRAER. Presso i singoli operatori del settore e le associazioni di categoria, dovranno essere ricercati dati sui volumi lavorati presso gli impianti di selezione, sulle domande di acquisto del materiale inerte. 3. LA CONSISTENZA DELLE RISORSE NATURALI Anche in questo caso il PRAER costituisce la base di partenza per la pianificazione che il PAERP deve realizzare. È importante sottolineare comunque che, qualora la verifica del bilancio tra fabbisogno di inerte e disponibilità dai giacimenti previsti dal PRAER risultasse una carenza di materiale 6

7 disponibile, il PAERP può individuare nuove aree. Fondamentale a tale scopo è partire da una cartografia geologica di dettaglio e disponibile in formato vettoriale Il PRAER ed i relativi elaborati ed allegati cartografici Il Piano Regionale delle Attività Estrattive, di Recupero delle aree escavate e di riutilizzo dei residui recuperabili PRAER è suddiviso in due distinti Settori che disciplinano l estrazione di tutti i materiali di cava esistenti nel territorio regionale distinguendoli, come nel precedente PRAE, che sono: a) Settore I - materiali per usi industriali, per costruzioni ed opere civili, così come definiti alla lettera a), comma1, articolo 2 della L.R. 78/1998; b) Settore II - materiali ornamentali, definiti come tali alla lettera b), comma1, articolo 2 della L.R. 78/1998 e materiali storici, cioè quei materiali coltivati per uso ornamentale ed estratti da cave attive fin da tempi storici, la conoscenza delle quali riveste particolare importanza sia per l arte che per l edilizia e per il restauro monumentale, poiché rappresentano siti idonei al reperimento di inerti lapidei da impiegare per la realizzazione di interventi di recupero del patrimonio artistico ed edilizio. Il PRAER è composto per entrambi i Settori dalle seguenti cartografie alla scala 1:25.000: 1. Carta delle Risorse che rappresenta la distribuzione oggettiva dei materiali lapidei oggetto di potenziale interesse estrattivo e di sfruttamento commerciale; 2. Carta dei Giacimenti che rappresenta le aree di risorsa depurate di quei settori soggetti a vincoli o condizionamenti esistenti sul territorio, ostativi all attività estrattiva. Con il termine di risorsa estrattiva si intende l insieme di tutte le formazioni geologiche che possono essere impiegate come materiali litici ornamentali o inerti. Nei fatti è difficile che una formazione geologica presenti caratteristiche chimico-fisico-meccaniche e ornamentali tali da renderla tutta d interesse commerciale, ma poiché la individuazione cartografica delle aree di affioramento delle formazioni geologiche di interesse è facile, avendo a disposizione carte geologiche di scala elevata, i redattori del PRAER hanno usato questo criterio per fornire una prima approssimazione della consistenza per eccesso della risorsa. Una forte scrematura di queste aree è stata fatta individuando solo quelle in aree già interessate da attività estrattive, o per le quali sono state avanzate proposte di inserimento da parte di privati o enti locali. In sintesi l individuazione delle aree di risorsa ha seguito i seguenti criteri: a) Sono riportate tutte le Risorse individuate dal PRAE ai sensi dell ex D.G.R. n. 200/1995 e successive modificazioni approvate dalla Regione. La superficie della Risorsa può riferirsi ad un unica cava attiva o comprendere più cave facenti parte di un unico bacino estrattivo. b) Gli inserimenti delle nuove aree di risorsa, le modifiche e le cancellazioni di quelle esistenti, sono state effettuate sia a seguito dell esame delle richieste pervenute alla Regione Toscana da Amministrazioni locali o da soggetti privati, a seguito dell esame istruttorio condotto dal Nucleo di Valutazione Regionale che ne ha individuato la compatibilità rispetto alle caratteristiche paesaggistico ambientali presenti ed in relazione all analisi dei fabbisogni sia in considerazione delle osservazioni espresse dalle Province e 7

8 da altre Amministrazioni, come descritto nel paragrafo 2.1 Quadro conoscitivo di questa relazione. c) L individuazione e la perimetrazione delle Risorse non tiene necessariamente conto della presenza di vincoli ritenuti ostativi all attività estrattiva o di condizionamenti determinati dall applicazione delle normative vigenti. L individuazione delle Risorse è stata effettuata senza tenere conto della presenza sul territorio di vincoli o prescrizioni derivanti dalla normativa che avrebbero potuto essere condizionanti dell attività estrattiva. Nella carta delle Risorse sono state ricomprese tutte le localizzazioni contenute nel P.R.A.E. vigente, insieme alle successive modifiche apportate, i nuovi inserimenti e le eventuali cancellazioni o modifiche apportate direttamente dalla Regione Toscana o approvate a seguito delle richieste presentate da Amministrazioni locali o da soggetti privati, a conclusione favorevole dell esame istruttorio condotto dal Nucleo di Valutazione Regionale, visto il parere e le osservazioni espresse in merito dalle Province e dai Comuni interessati. La Provincia dovrà procedere alla verifica ed al controllo, per tutte le aree previste, della sussistenza della compatibilità delle previsioni estrattive in rapporto alla presenza di eventuali nuovi vincoli ambientali e territoriali o di limitazioni d uso del suolo che possono essere sopraggiunti successivamente alla approvazione del piano da parte della Regione. Per ciascuna delle risorse individuate è stata redatta una scheda monografica, secondo lo schema tratto dall elaborazione di quelle già impiegate nel P.R.A.E./95, funzionale all individuazione ed alla valutazione delle risorse e dei giacimenti. La scheda fornisce la localizzazione dell area d indagine e le informazioni di carattere morfologico, geologico, giacimentologico, idrogeologico, paesaggistico e ambientale, utili a dare una valutazione della risorsa. Contiene anche indicazioni sulla commercializzazione, le infrastrutture e sulla dotazione dell azienda di macchinari ed impianti. Per la valutazione della risorsa mineraria le informazioni sono state desunte dalla ricerca bibliografica, dall'analisi geologica e dalle indagini di campagna e hanno consentito di effettuare la valutazione delle risorse dei siti estrattivi e di un loro congruo intorno. Sono stati adottati come criteri di valutazione: - nella provincia di pisa l attività estrattiva riguarda prevalentemente il settore i dei materiali inerti per usi industriali e per costruzioni civili, e subordinatamente il settore ii dei materiali ornamentali, riferibile essenzialmente al comparto dell alabastro. Nell ambito del Settore I il nuovo PRAER prevede nel territorio provinciale complessivamente 47 aree di risorsa e 37 aree di giacimento. La superficie complessiva delle previsioni risulta pari a: Risorse Giacimenti 1665,06 ha 1065,31 ha con una differenza percentuale di superficie tra le aree di Risorsa e quelle di Giacimento pari al 36%. Nelle tabelle seguenti sono riportati per ciascun comune della provincia di Pisa le aree di Risorsa e di Giacimento previste nel P.R.A.E.R. approvato dalla Regione Toscana. Per ciascuna area è indicato il codice di riferimento che ne definisce il numero progressivo e la tipologia merceologica del materiale presente, il nome della località dive si trova l area, l estensione planimetrica della previsione, il tipo di materiali estraibili e il quadrante della sezione della cartografia CTR a scala 1: in cui ricade. 8

9 Tav. 1 9

10 10

11 Tav. 2 11

12 Da queste aree è possibile l estrazione delle seguenti tipologie di materiale: 1. sabbie e ghiaie, conglomerati riferibili a depositi alluvionali di fondovalle o a depositi fluvio-lacustri più antichi con siti estrattivi nei comuni di Cascina, Chianni, Fauglia, Guardistallo, Lajatico, Montecatini V.C., Montescudaio, Monopoli Val d Arno, Palaia, Pomarance, S. Miniato e Volterra; 2. argille e limi con siti nei Comuni di Cascina, Castellina M.ma, Montecatini V.C., Fauglia e S. Giuliano T.; 3. arenarie metamorfiche usate come industriali tecnologici. L unico sito estrattivo si trova nel comune di Vicopisano (?); 4. calcari e calcareniti con siti nei Comuni di Casciana T., S. Giuliano T., Monteverdi M.mo e Vecchiano; 5. diaspri con siti nei Comuni di Casciana T. e Castelnuovo V.C.; 6. rocce verdi (serpentine, gabbri e diabase) con siti estrattivi nei comuni di Riparbella, Pomarance, Castelnuovo V.C., Montecatini V.C., S. Luce e Volterra; 7. gessi e alabastri con siti estrattivi ubicati nei comuni di Castellina M.ma, Pomarance, S. Luce, Montecatini V.C. e Volterra. Nell ambito del Settore II il PRAER prevede complessivamente 9 aree di risorsa nel territorio provinciale, ricadenti nei comuni di Montecatini V.d.C., Pomarance, S.Luce e Volterra e 9 aree di giacimento. La superficie complessiva delle previsioni del nuovo P.R.A.E.R. risulta pari a: Risorse m Giacimenti 1334,29 ha 856,8 ha con una differenza percentuale di superficie pari al 35,7%. Da queste aree sarà possibile estrarre i seguenti materiali: 1. alabastro, alabastro bianco, alabastro bardiglio. L attività estrattiva del settore delle pietre ornamentali nella Provincia di Pisa riguarda prevalentemente gli alabastri gessosi la cui estrazione e lavorazione ha origini e tradizioni molto antiche. In passato sono state coltivate e lavorate altre pietre attualmente non più utilizzate, che sono individuate e descritte come materiali storici. Nella tabella seguente sono riportati per ciascun comune della provincia di Pisa le aree di Risorsa previste nel P.R.A.E.R. approvato dalla Regione Toscana relativamente al Settore II degli ornamentali. Per ciascuna area è indicato il codice regionale del comunale di riferimento insieme al numero romano che indica la localizzazione ed al codice di accorpamento formazionale che ne definisce il numero progressivo e la tipologia merceologica del materiale presente, il nome della 12

13 località dove si trova l area, l estensione planimetrica della previsione, il tipo di materiali estraibili e il quadrante della sezione della cartografia CTR a scala 1: in cui ricade. Tav. 3 Tav. 4 Aree di Giacimento in Provincia di Pisa 3.2. Carta Geologica e Geomorfologica alla scala 1: della Provincia di Pisa Le conoscenze geologiche e geomorfologiche del territorio provinciale costituiscono un importante elemento di valutazione della validità delle previsioni estrattive contenute nel PRAER e delle proposte di inserimento di nuove aree o di modifica delle esistenti. Le informazioni 13

14 disponibili sono quelle desumibili dalla bibliografia, dall analisi geologica e dalle indagini geognostiche predisposte a supporto dei Piani strutturali comunali, dei progetti per la realizzazione di interventi pubblici o privati. Oltre a questi dati la Provincia di Pisa ha provveduto ad effettuare in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Terra di Pisa, che ne ha curato la supervisione scientifica, una carta di dettaglio dell assetto geologico e geomorfologico del territorio provinciale. La carta è stata rilevata sul terreno alla scala 1: ed ha consentito di aggiornare lo stato delle conoscenze disponibili relativamente all assetto del territorio. La nuova cartografia rappresenta pertanto una base di dettaglio ed omogenea che copre tutto il territorio provinciale e che consentirà di effettuare una prima valutazione della validità, per tipologia e quantità dei materiali potenzialmente estraibili, delle singole aree di previsione estrattiva individuate dal PRAER e delle eventuali ulteriori proposte di inserimento che potranno essere presentate durante la fase di predisposizione del piano provinciale da soggetti pubblici o da privati. Al fine di quantificare i volumi estraibili dai singoli giacimenti e le caratteristiche litotecniche e merceologiche del materiale, la scala 1:10.00 non è sufficiente, ed occorre procedere ad un rilievo geologico del massimo dettaglio consentito dalle cartografie di base disponibili corredato da sezioni geologiche incrociate che consentano di ricostruire il giacimento nelle tre dimensioni. Con l aiuto inoltre di analisi della fratturazione dell ammasso roccioso sarà possibile effettuare una stima attendibile, qualitativa e quantitativa, della potenzialità del giacimento. 4. LA CONSISTENZA DELLA RISORSA DA RICICLO La situazione Toscana della produzione di rifiuti inerti riutilizzabili e della capacità di trattamento preventivo a riuso, è descritta dai dati resi noti dalla Agenzia Regionale per il Recupero Risorse (ARRR) nella recente indagine Rifiuti inerti da costruzione e demolizione dell aprile 2004 che ha messo a confronto diverse stime delle quantità di scarti da C&D prodotti alla scala provinciale. La stima che viene ritenuta più attendibile quale dato sulla produzione dei rifiuti in Toscana è quella fornita da ANPAR che quantifica tali rifiuti in tonnellate/anno, a fronte della stima di t/anno secondo APAT e di t/anno secondo A.R.R.R.. Il PRAER stima una offerta di materiali inerti derivanti dal recupero degli scarti da costruzione e demolizione e degli scarti della lavorazione dei materiali ornamentali che passa da mc per l anno 2003 a mc per l anno Di questi quantitativi più della metà si stima che deriverà dal recupero degli scarti del settore degli ornamentali, il cui comparto estrattivo in Provincia di Pisa presenta al momento non poche difficoltà di reperimento di materiale di qualità da lavorare. Di tale stima sarà quindi importante effettuare una puntuale verifica della reale consistenza dei quantitativi disponibili recuperabili. Per passare da rifiuto a risorsa questi scarti debbono essere trattati in impianti che possono essere suddivisi in due principali tipologie: 1. Impianti mobili di frantumazione: derivano dai tradizionali impianti di frantumazione degli inerti di cava e sono utilizzati da imprese che fanno scavi e demolizioni e che reimpiegano il frantumato prevalentemente all'interno dello stesso cantiere. Non permettono la separazione dai rifiuti di demolizione delle diverse tipologie di materie estranee (quali carta, 14

15 legno, plastica e ferro) se non effettuata saltuariamente con interventi manuali da parte degli operatori. 2. Impianti fissi di trattamento e riciclaggio: sono costituiti da strutture stazionarie, vengono mossi mediante energia elettrica e devono essere collocati in sito baricentrico rispetto a un potenziale bacino di conferimento. Sono caratterizzati da potenzialità di trattamento superiori a quelle degli impianti mobili, ma si distinguono da questi ultimi principalmente per la differente tipologia dei prodotti ottenuti. Mediante l'impiego di sofisticate tecnologie, è possibile rimuovere in modo automatico la frazione leggera (carta, plastica e legno principalmente) e procedere a una deferrizzazione, arrivando a un grado di purezza in uscita superiore al 90%. Inoltre, l'inerte in ingresso viene sottoposto a un processo di trasformazione in materiali a granulometria differenziata, tale da renderlo poi assimilabile ai migliori inerti naturali. Secondo i dati A.R.R.R la capacità di trattamento degli scarti da C&D degli impianti esistenti in Provincia di Pisa è pari a t/anno. Da questa valutazione sono esclusi gli impianti mobili e gli impianti anche fissi che si limitano alla sola ed esclusiva riduzione volumetrica, senza procedimenti di selezione/raffinazione finalizzati all ottenimento di specifiche di qualità dei prodotti finali. Di tali impianti e della relativa produttività annua se ne dovrà tenere conto nel piano provinciale in quanto sono ritenuti dagli operatori del settore dare un contributo non trascurabile al trattamento ed al recupero degli scarti degli inerti. 5. I VINCOLI CHE RESTRINGONO LA POSSIBILITÀ DI ESTRARRE La pianificazione dell attività estrattiva deve armonizzarsi con la pianificazione territoriale, al fine di consentirne uno sviluppo sostenibile. Nel quadro conoscitivo alla base della redazione del PAERP sta quindi lo strumento principe della pianificazione territoriale a livello provinciale, il PTC, con tutti i suoi contenuti di quadro conoscitivo. Vi si affiancano poi i Piani di bacino, in particolare i Piani di assetto Idrogeologico (PAI), alle norme dei quali il PAERP si deve conformare. Vi sono poi altri piani di settore preesistenti dei quali il PAERP dovrà tenere di conto, in particolare il Piano Provinciale dei Rifiuti ed al Piano Faunistico venatorio della provincia di Pisa. Passiamo quindi in rassegna questi strumenti di pianificazione per delineare i confini all interno dei quali dovrà muoversi la pianificazione del PAERP Piano Territoriale di Coordinamento PTC della Provincia di Pisa Il PTC provinciale è l atto di pianificazione territoriale con il quale la Provincia esercita, un ruolo di coordinamento programmatico e di raccordo tra le politiche territoriali della Regione e la pianificazione urbanistica comunale. Costituisce inoltre il riferimento per l esercizio integrato delle funzioni attribuite alla Provincia in materia di gestione territoriale ed ambientale e per la verifica di conformità di ogni piano provinciale di settore avente rilevanza territoriale. Il PTC, contiene quanto previsto all art.20 comma 2 del D.Lgs n.267/2000 e si fonda pertanto sul principio generale dello sviluppo equilibrato e sostenibile di cui all art.1 c.1 della L.R 1/05.. Fissa 15

16 le norme generali per la tutela e l uso delle risorse del territorio, nel rispetto delle finalità di cui al comma 2 della stessa. Le norme del P.T.C. che si articolano in prescrizioni, direttive, criteri, indirizzi, parametri e salvaguardie sono volte a garantire lo sviluppo sostenibile mediante la tutela dell integrità fisica e dell'identità culturale del territorio e a precisare le trasformazioni, fisiche o funzionali, attivabili o da attivare. Il Piano Territoriale di Coordinamento, persegue come obiettivi generali: 1. la tutela dell integrità fisica ed il superamento delle situazioni di rischio ambientale; 2. la tutela e la valorizzazione dell identità culturale del territorio; 3. lo sviluppo equilibrato, integrato e sostenibile del territorio; 4. il miglioramento della qualità della vita ed il perseguimento di pari opportunità di vita per tutti i cittadini; 5. la valutazione preventiva degli effetti territoriali ed ambientali di ogni atto di governo del territorio e la massima sinergia tra i diversi livelli di pianificazione; 6. l integrazione delle politiche di settore, territoriali, ambientali, culturali, economiche e sociali. Tali obiettivi sono assunti come condizioni di ogni scelta di trasformazione fisica e funzionale. A tale fine promuove, l uso sostenibile delle risorse essenziali, la conoscenza, conservazione, la valorizzazione ed il recupero delle risorse naturali, del paesaggio, il riequilibrio della distribuzione territoriale e l integrazione delle funzioni nel territorio. Il PTC costituisce pertanto un importante elemento di conoscenza del territorio delle previsioni e finalità del quale si dovrà tenere conto, oltre agli aspetti prettamente geologo-tecnici e merceologici, per la valutazione della idoneità delle previsioni estrattive del PAERP e delle eventuali proposte di nuovo inserimento o di modifica delle aree esistenti, al fine di precisare la compatibilità della previsione estrattiva con gli obiettivi e le finalità del PTC provinciale. A tal proposito costituisce un elemento di fondamentale importanza per la elaborazione del PAERP il quadro conoscitivo del PTC in quanto contiene una importante messe di dati relativamente all assetto morfologico, vegetazionale, ed ambientale, nonché antropico ed infrastrutturale del territorio provinciale. Sono infatti elementi del quadro conoscitivo del PTC i seguenti elaborati: a) le Norme Tecniche di Attuazione; b) la Tav. P01 I Sistemi Territoriali della Provincia; c) la Tav. P04 Articolazione del Sistema Infrastruturale della Mobilità e degli interventi; d) la Tav. P06 Il Sistema Ambientale; e) la Tav. P07 Il Territorio Agricolo; f) la Tav. P06 La Vulnerabilità Idrogeologica; g) la Tav. P10 I Sistemi di Paesaggio; h) la Tav. P11 Modalità di Gestione dei l Sistema Vegetazionale; i) la Tav. P12 Le Aree Boscate e i Limiti alle Trasformazioni; 16

17 j) la Tav. P14 I Aree ed Elementi di Rilevanza Ecologica per la definizione della Rete Ecologica Provinciale; k) il Quadro Conoscitivo di base del PTC. Di tali aspetti si dovrà tenere conto in relazione alla valutazione degli impatti indotti dalle previsioni estrattive, della relativa sostenibilità ambientale e della conformità. Aspetti questi che insieme alle norme del PTC rappresentano elementi vincolanti di valutazione nella elaborazione del PAERP al fine di garantire le finalità di sviluppo sostenibile mediante la tutela dell'integrità fisica e dell'identità culturale del territorio Piano di Bacino: PAI del Fiume Arno e Piano Stralcio delle Attività estrattive del fiume Arno- PAI Toscana Costa I giacimenti individuati dal PRAER sono stati ottenuti eliminando dalle aree di risorsa quei settori che fossero vincolati da altri strumenti di pianificazione. Il quadro conoscitivo del PRAER tuttavia risale al 2003, data dopo la quale sono stati approvati i PAI delle tre autorità di bacino che interessano la Provincia di Pisa. Occorre quindi riverificare i perimetri delle aree di giacimenti del PRAER confrontandoli con le norme ad esse applicate dai PAI. Ciò ovviamente sarà necessario anche per le eventuali cave da ripristinare che si volesse inserire nelle previsioni del PAERP. Un esempio di come la normativa dei PAI vincoli l attività estrattiva è riscontrabile nel PAI dell Autorità di Bacino del Fiume Arno le Norme di Attuazione del quale prevedono che: nelle aree a pericolosità idraulica e geomorfologica l attività estrattiva è consentita, nel rispetto di quanto previsto dai Piani regionali per le attività estrattive vigenti e dal Piano di bacino, stralcio relativo alle Attività Estrattive (Fabbisogno materiali litoidi e cave), a condizione che non aumenti la pericolosità delle aree interessate (Art. 18). Inoltre viene previsto che nelle aree P.I.4, P.I.3, P.F.4, P.F.3 e P.F.2 l Autorità di bacino esprime un parere sulla compatibilità dell attività estrattiva con gli interventi di messa in sicurezza previsti dal PAI (Art. 18 Compatibilità delle attività estrattive nelle aree a pericolosità idraulica molto elevata ed elevata e nelle aree a pericolosità da processi geomorfologici di versante). Si dovrà in particolare fare riferimento alle disposizioni contenute nel Piano Stralcio Attività Estrattive del Fiume Arno (PAE), approvato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 marzo 1999 (GU n. 131 del ), che stabilisce specifiche norme per disciplinare la localizzazione delle attività estrattive all interno del bacino dell Arno e per regolamentarne il relativo esercizio. In particolare è fatto espresso divieto di asportazione dei materiali inerti sia in alveo ordinario che nelle aree golenali e nelle aree di naturale esondazione e/o di pertinenza fluviale (art.1), a meno che l attività estrattiva sia svolta all interno delle previsioni del Piano Regionale delle Attività Estrattive, sia finalizzata alla realizzazione di interventi per la riduzione del rischio idraulico o di opere pubbliche (cava di prestito) nel rispetto delle procedure previste dalla L.R n. 75. Sono inoltre indicati specifici indirizzi da considerare nella predisposizione dei piani e dei programmi per la disciplina dell attività estrattiva all interno del territorio del bacino. Viene prescritto l adeguamento ai Piani Stralcio approvati e l analisi della distribuzione delle risorse estrattive a scala regionale da basarsi su una analisi geolitologica. Si dovrà procedere alla valutazione delle potenzialità della singola previsione estrattiva e gli effetti 17

18 indotti sul paesaggio e sull ambiente dalle future attività estrattive nell ambito delle analisi da effettuare a supporto delle proposte di ampliamento o di apertura di nuove aree di cava Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti L obiettivo generale del Piano è quello di definire l assetto industriale per il servizio di gestione dei rifiuti urbani nell ATO, congruente con gli obiettivi della normativa statale e regionale e conforme ai requisiti ed agli standard di servizio richiesti dai Comuni. L aspetto del Piano dei rifiuti che riveste maggiore importanza per il PAERP è certamente quello che riguarda gli impianti di trattamento di inerti provenienti da interventi di demolizione e scavo. Attualmente in Provincia di Pisa è in esercizio un solo impianto di trattamento di rifiuti inerti in loc. Tiro a Segno nel Comune di Cascina, con una capacità produttiva annua pari a m 3, corrispondente a ca. 310 m 3 /giorno, quantitativo che confrontato con la stima di produzione di inerti da riciclo a livello provinciale pari a m3 (c.ca t) ne rappresenta circa l 80%. Già oggi dunque il solo impianto di Tiro a Segno non è in grado di trattare tutti irifiuti inerti prodotti in provincia. Quando poi andrà a regime il sistema di gestione dei rifiuti previsto da Piano Provinciale dei Rifiuti, che comporterà la localizzazione di aree di stoccaggio provvisorio dei rifiuti inerti quanto meno a livello comunale, è ragionevole attendersi che i volumi di inerte da trattare aumeteranno, tanto da richiedere la realizzazione di un altro impianto. La localizzazione di un nuovo centro di trattamento dovrà essere ricercata in un area che risulti strategica per l Alta Val d Era e la Val di Cecina, che attualmente risultano le più penalizzate rispetto ad un ipotetico conferimento all impianto esistente in località Tiro a Segno. In fase di elaborazione del PAERP si dovrà pertanto procedere alla verifica delle previsioni del Piano dei Rifiuti relativamente alla necessità o meno di realizzare nuovi impianti di trattamento inerti. I nuovi impianti dovranno essere ubicati in posizione baricentrica rispetto ai relativi bacini di utenza e dimensionati in relazione a quelli già esistenti gestiti direttamente dalle ditte che operano nel comparto estrattivo e che sono collocati nelle aree di cava (mobili), a servizio della singola attività, o localizzati esternamente e che trattano i materiali provenienti da più aree estrattive. Altro aspetto da valutare è la necessità di realizzare aree di stoccaggio degli inerti così come previsto dalla L.R. 78/98 al fine di consentire una ottimale gestione e rendere fattibile il relativo riutilizzo così come previsto dalla citata legge e indicato nello stesso PRAER al fine di ridurre la pressione sulle risorse naturali non rinnovabili Altri vincoli territoriali ed ambientali e limitazioni d uso del territorio Con la fase di elaborazione del PAERP si dovrà procedere al controllo ed alla verifica della presenza di vincoli ambientali o di limitazioni d uso del territorio sussistenti sulle aree di Risorsa o di Giacimento come descritti all art. 6 della delibera n 200/1995 Piano Regionale delle attività estrattive ai quali devono essere aggiunte le aree di cui al progetto Bioitaly, eseguito in attuazione della direttiva 92/43/CEE detta Habitat e di cui all allegato D della L.R. 6 aprile 2000 n. 56. Per l individuazione dei giacimenti coltivabili si dovrà procedere alla verifica dell eventuale sussistenza di vincoli considerati ostativi o ritenuti tali e di vincoli condizionanti. Secondo quanto stabilito dal PRAER sono considerati vincoli ostativi o ritenuti tali: 18

19 o Aree ricadenti in categoria b, c, d del sistema regionale delle aree protette di cui alla D.C.R. n. 296/88, fino a quando non diversamente normate dai Piani Territoriali di Coordinamento Provinciali o dagli Strumenti Urbanistici Comunali, in attuazione della normativa vigente. o Aree con vincoli ostativi derivanti dall'attuazione della "Legge quadro sulle aree protette" n 394 e della L.R , n 49 "Norme sui parchi, le riserve naturali e le aree naturali protette di interesse locale". o Aree ambito A1 della D.C.R. 230/94 "Vincoli prescrizioni e direttive sul rischio idraulico", ora D.C.R. 12/2000. o Aree di salvaguardia delle opere di captazione delle acque destinate al consumo umano, in attuazione dell art. 21 del D.lgs n 152 e successive modificazioni ed integrazioni. o Zone di salvaguardia assoluta dei Piani di Bacino dell Arno e Toscana Costa. Sono considerati vincoli condizionanti: Aree di cui all Allegato D della L.R n 56 Norme per la conservazione e la tutela degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche -. in base alle quali l utilizzo a fini estrattivi è riferito esclusivamente al prelievo di materiali non reperibili all esterno di tali aree ed è comunque subordinato a specifica relazione di incidenza. Terreni rimboschiti con finanziamento o contributo finanziario pubblico ed aree boscate distrutte o danneggiate dal fuoco, in attuazione della L.R n 39 Legge forestale della Toscana e relativi regolamenti. Aree ricadenti in categoria (a) del Sistema regionale delle aree protette di cui alla D.C.R. 296/88 fino a quando non diversamente normate in attuazione della normativa vigente. Aree soggette alla D.C.R. 230/94 (ambito B), ora D.C.R. 12/2000. Altre zone di salvaguardia dei Piani di Bacino. Aree soggette a vincolo idrogeologico così come determinate ai sensi del regio decreto legge 30 dicembre 1923 n Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani. Aree soggette a vincolo archeologico o storico-monumentale o paesaggistico ai sensi del D.Lgs. 490/1999 ex L. 1497/39 ed ex L. 431/85. Aree soggette a usi civici. Aree carsiche e grotte. Altri condizionamenti introdotti da normative urbanistiche di settore di qualsiasi livello. I vincoli condizionanti devono essere soggetti a valutazione in sede di variante urbanistica. 19

20 6. APPROFONDIMENTI DEL QUADRO CONOSCITIVO DEL PAERP Questi elementi di conoscenza rappresentano una base di partenza certamente importante ma che risulta necessario approfondire. Abbiamo infatti esaminato i limiti del quadro conoscitivo disponibile. È ora necessario passare in esame le conoscenze necessarie per integrarlo e permettere una pianificazione efficace. Da un lato abbiamo visto che le stime regionali dei fabbisogni e della produzione annua sono ricavate attraverso una grandezza indiretta, e cioè il consumo di energia da parte delle aziende del settore. È quindi necessario, nel PAERP verificare con dati di produzione reali, confrontando quelli provenienti dalle aziende con quelli rilevati direttamente dalle amministrazioni comunali. Un aspetto che risulta di fondamentale importanza per la valutazione della validità di tutto il piano e che è stato solo marginalmente affrontato nella documentazione allegata al PRAER è rappresentato dalla reale consistenza delle previsioni estrattive proposte ed in particolare se da queste aree potranno essere estratti i volumi di materiale inerte, per qualità e quantità, necessari al soddisfacimento del fabbisogno provinciale stimato e se la relativa distribuzione spaziale è la più conforme alle aree di principale impiego e di utilizzo finale del materiale inerte. L elaborazione del PAERP deve pertanto precisare ed approfondire il quadro conoscitivo predisposto dalla Regione a supporto del proprio piano. Un quadro conoscitivo adeguato alla predisposizione di un piano con il grado di approfondimento e di dettaglio richiesto, necessita di una completa verifica degli elementi conoscitivi disponibili nel quadro del PAERP. Sulla base delle considerazioni svolte nel precedente paragrafo, di seguito sono indicate le attività di approfondimento che sono ritenute necessarie. a. specificare su base cartografica a scala di maggior dettaglio (Carta Tecnica Regionale 1:10.000) le perimetrazioni delle aree di risorsa e di giacimento contenute nel PRAER su supporto cartografico non aggiornato e a scala 1:25.000; b. ;effettuare rilievi di campagna geologici e geomorfologici di dettaglio su base cartografica a scala 1:5.000/1: o superiore, laddove disponibile, delle aree di risorsa e di giacimento, al fine di ricostruire l assetto stratigrafico-strutturale dei litotipi potenzialmente sfruttabili e di definirne le caratteristiche merceologiche. Elaborare infine sezioni in scala adeguata al fine di procedere alla stima dei volumi potenzialmente estraibili c. effettuare rilievi agronomico-forestali di campagna delle aree di previsione estrattiva al fine di precisarne le caratteristiche vegetazionali e di valutare i possibili impatti prevedibili aggiornare il censimento delle attività estrattive in esercizio, specificandone lo stato di attuazione sulla base delle autorizzazioni rilasciate dai comuni, la tipologia dei materiali estratti, i metodi e le tecniche di coltivazione e di ripristino adottati, nonché le residue potenzialità estrattive in termini volumetrici e temporali; d. aggiornare il censimento delle cave dismesse e abbandonate senza alcun intervento di ripristino e reinserimento ambientale, evidenziando quelle che si trovano in condizioni di degrado ambientale o morfologico e che necessitano di interventi tesi a favorirne il recupero ed il reinserimento nel contesto territoriale circostante; e. precisare le stime dei volumi e la tipologia dei materiali provenienti dallo scarto delle lavorazioni per l estrazione dei materiali inerti, ornamentali e storici, e i materiali diversi dall attività estrattiva provenienti da interventi di demolizione e di scavo a, da sistemazioni 20

21 morfologiche e di aree in frana, da bonifiche agrarie che danno luogo a materiali di risulta, assimilabili agli inerti di cava e potenzialmente recuperabili e riutilizzabili; f. analizzare, definendola, la produzione annua di ciascun settore merceologico verificando inoltre la stima dei fabbisogni contenuta nel PRAER con la reale domanda espressa dai vari comparti economici relativamente al settore degli inerti e degli ornamentali, al fine di verificare la correttezza delle previsioni, di realizzare il bilancio tra produzione e fabbisogno nell ambito dei singoli bacini di utilizzo e la necessità di apportare modifiche o integrazioni. 21

proposta di legge n. 208

proposta di legge n. 208 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 208 a iniziativa del Consigliere Ricci presentata in data 20 dicembre 2007 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 1 DICEMBRE 1997, N. 71

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

Foto: Mina Lacarbonara

Foto: Mina Lacarbonara Foto: Mina Lacarbonara Introduzione Lo sfruttamento e la sempre maggiore sottrazione di suolo dai contesti tipicamente naturali e rurali sta determinando cambiamenti radicali nei paesaggi, nell ambiente,

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A.

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 SARZANESE - VALDERA IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A. SIMONE STEFANI - GEOLOGO GEOLOGIA ECOLOGIA - AMBIENTE COMUNE DI TERRICCIOLA (Provincia di Pisa) VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN

Dettagli

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005

FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005 SERVIZIO 4 - ASSETTO DEL TERRITORIO PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLA TERZA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46 DEL 25.10.2008 RELATIVA ALL ADEGUAMENTO AL P.R.A.E. DELLA

Dettagli

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE COMUNE DI PIAN DI SCÒ PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 AI SENSI AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 OTTOBRE 2011 N. 53/R LUNGARNO GUIDO RENI N. 55 52027 SAN GIOVANNI

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Sintesi non tecnica dei documenti progettuali e di valutazione ambientale pag. 1. Premessa

Sintesi non tecnica dei documenti progettuali e di valutazione ambientale pag. 1. Premessa INDICE Premessa... 1 1. - Ubicazione ed inquadramento territoriale... 2 2. - Riferimenti normativi e analisi dei vincoli presenti... 2 3. - Descrizione del progetto... 2 Sintesi non tecnica dei documenti

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Testo vigente Testo introdotto dalla Variante

Testo vigente Testo introdotto dalla Variante estratto Testo vigente Testo introdotto dalla Variante omissis CAPO 6 : Disposizioni per le attività estrattive Art. 36 Aree per attività estrattive 1. Le attività estrattive sono ammesse esclusivamente

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.)

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) REGIONE MARCHE Giunta Regionale PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) DIRETTIVA PER I CASI IN CUI DALLA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE (articolo 6, comma 2, lettera f) della L.R. 1 dicembre

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE 3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RS E RSP Il Piano regionale dei rifiuti secondo stralcio relativo ai rifiuti speciali anche pericolosi,

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P.

Io sottoscritto/a in qualità di titolare/legale rappresentante (1) della Ditta/Ente (1) con sede legale in Provincia via n C.A.P. APPROVAZIONE PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI SMALTIMENTO O RECUPERO RIFIUTI / VARIANTE SOSTANZIALE IN CORSO DI ESERCIZIO / EVENTUALE AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO D.Lgs 22/97 e ss. mm. e

Dettagli

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti 1 PREMESSA... 2 2 METODO DI COLTIVAZIONE... 3 2.1 Scopertura del giacimento... 3 2.2 Estrazione e carico del calcare... 3 2.3 Trasporto all impianto... 3 2.4 Frantumazione... 3 2.5 Recupero ambientale...

Dettagli

Revisione dei Criteri e direttive per la formazione dei Piani delle Cave Provinciali di cui al Art. 5 comma 1 della L.R. n.14/1998) Relazione tecnica

Revisione dei Criteri e direttive per la formazione dei Piani delle Cave Provinciali di cui al Art. 5 comma 1 della L.R. n.14/1998) Relazione tecnica Revisione dei Criteri e direttive per la formazione dei Piani delle Cave Provinciali di cui al Art. 5 comma 1 della L.R. n.14/1998) Relazione tecnica Dicembre 2009 Sommario 1 Premessa... 3 2 Normativa

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO)

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO) Pratica Edilizia n.... Prot. n.. del.. DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA' Articolo 84, comma 2, L.R. n 1 del 3 gennaio 2005 e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE CHIARIMENTI SUL REGIME NORMATIVO APPLICABILE NELLA FASCIA DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA DAI LIMITI DELL ALVEO AI SENSI DELL ART. 8, C.3 DELLA NORMATIVA-TIPO DEI PIANI

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.)

PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) REGIONE MARCHE Giunta Regionale PIANO REGIONALE ATTIVITA ESTRATTIVE (P.R.A.E.) DIRETTIVA PER LE CAVE DI PRESTITO (articolo 6, comma 2, lettera e) della L.R. 1 dicembre 1997, n. 71) Art. 1 Definizioni e

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Il Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione (PGRE), che costituirà l All. n. 5 o successivi, al provvedimento

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Premesso che il Comune di Radda in Chianti : è dotato di Piano Strutturale adottato con D.C.C. n. 2 del

Dettagli

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI

LE LINEE GUIDA PROVINCIALI LE LINEE GUIDA PROVINCIALI 2) INDICAZIONI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEI MODULI ELABORATO PROGETTUALE (Mod.( A) predisposto dal produttore delle terre e rocce da scavo va presentato all autorità competente

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana

L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana L Operazione Quadro Regionale ECOSIND e la programmazione della Regione Toscana Ambiente e industria L esperienza di Ecosind, focalizzata sullo studio e la sperimentazione di nuove tecnologie e metodologie

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fa +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI CENTRALE FOTOVOLTAICA IN LOCALITÀ PIANETTO IN COMUNE DI MONTESCUDAIO Liste Civiche Insieme per Cambiare Montescudaio e Riparbella 22 giugno 2011 Indice 1 Osservazioni alla Relazione

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

3 INDICAZIONI DEL PPGR PER LA LOCALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO TERMICO

3 INDICAZIONI DEL PPGR PER LA LOCALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO TERMICO Provincia di Torino Microlocalizzazione Impianto di Termovalorizzazione della Zona sud 3 INDICAZIONI DEL PPGR PER LA LOCALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO TERMICO 3.1 IL METODO DI MICROLOCALIZZAZIONE

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO Relazione del Responsabile del Procedimento Ai sensi dell art. 16 della L.R.T. 1/2005 Introduzione e generalità Il procedimento di formazione

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ;

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ; CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE PRODUTTIVA DEGLI AMBITI TERRITORIALI ESTRATTIVI (Art. 11 della L.R. 8 Agosto 1998, N. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fa +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 Spazio riservato al protocollo: Spazio riservato all Ufficio: Il sottoscritto COGNOME E NOME SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 LUOGO

Dettagli

Schema DPCM Emendamenti Osservazioni Regioni. 2 di 19 27/01/16, 18:42

Schema DPCM Emendamenti Osservazioni Regioni. 2 di 19 27/01/16, 18:42 Allegato Osservazioni e proposte di emendamento allo schema di DPCM recante Ricognizione dell offerta esistente e del fabbisogno residuo degli impianti di recupero della frazione organica dei rifiuti urbani

Dettagli

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO

A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY. Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO Associata al sistema Confindustria A.S.A. S.p.A. POTENZIAMENTO DEPURATORE DI ROSIGNANO SOLVAY Comune di Rosignano Marittimo PIANO DI GESTIONE TERRE E ROCCE DI SCAVO ai sensi del D.Lgs 156/06 s.m.i. e della

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10

Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10 Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10 È noto che il turismo oltre a innescare un maggior consumo di risorse (acqua, energia ecc.) genera anche un consistente aumento dei rifiuti. I dati che abbiamo

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata in località Cavallara presso l abitato di S.Giovanni nel Comune di Ostellato.

Dettagli

IL NUOVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DELLE «STRADE VERDI»

IL NUOVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DELLE «STRADE VERDI» STRADE VERDI E AGGREGATI RICICLATI Il nuovo Capitolato per le Costruzioni Stradali 18 Aprile 2013 TORINO IL NUOVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DELLE «STRADE VERDI» Alessandro

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015

AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 1 DEL 20.05.2015 COMITATO ISTITUZIONALE Oggetto: Direttiva 2007/60/CE D.Lgs.49/2010 Valutazione e gestione dei rischi di alluvioni Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del distretto idrografico della Regione Autonoma

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA.

CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA. CITTÁ DI MESSINA VARIANTE PARZIALE PER LA MODIFICA DEL PIANO REGOLATORE GENERALE A SEGUITO DI RICHIESTA DI DECLASSIFICAZIONE A ZONA AGRICOLA. DITTA: SERGI DOMENICO; SERGI MAURO; SERGI SANTI; IANNELLI ANNA

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 Pagina 1 1 PREMESSA... 4 2 PROGRAMMA DI AZIONE PRIMA... 5 2.1 AZIONI

Dettagli

SERVIZIO DIFESA DEL SUOLO U.O. Georisorse

SERVIZIO DIFESA DEL SUOLO U.O. Georisorse Delibera Consiglio Provinciale n 67 del 04/12/2012 - Allegato 12 P R O V I N C I A D I P I S A SERVIZIO DIFESA DEL SUOLO U.O. Georisorse PAERP Piano delle Attività Estrattive, di Recupero delle aree escavate

Dettagli

Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98.

Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98. Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98 Relazione tecnica Dicembre 2009 Sommario 1 Premessa... 3 2 Esigenze Straordinarie...

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO INDICE 1. PREMESSA Pag. 3 2. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLE MICROZONE OMOGENEE IN PROSPETTIVA SISMICA (LIVELLO1) Pag. 4 3. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLA FATTIBILITÀ DELLE SCHEDE DELLA VARIANTE Pag.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE RELAZIONE BILANCIO INERTI

REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE RELAZIONE BILANCIO INERTI REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D AOSTA COMUNE DI OYACE PROGETTO: LAVORI DI REALIZZAZIONE NUOVA AUTORIMESSA INTERRATA VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI, AMPLIAMENTO CENTRALE TERMICA CON CISTERNA DEPOSITO PELLET

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

CRITERI PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO (legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 art. 48 comma 6)

CRITERI PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO (legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 art. 48 comma 6) CRITERI PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO (legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 art. 48 comma 6) 1. Campo di applicazione Il presente atto disciplina la gestione delle Terre e Rocce da Scavo

Dettagli

Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Sommario 1.

Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Sommario 1. Stima del danno ambientale connesso allo smaltimento abusivo di rifiuti da costruzione e demolizione nel Comune di Roma Stefano Cicerani CO.RI.S.E. (Consorzio Riciclaggio Scarti Edili), Roma Paola Di Toppa

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Genova, 28 febbraio 2013 Regione Liguria. Dott. Antonio Biamonte Regione Toscana

Genova, 28 febbraio 2013 Regione Liguria. Dott. Antonio Biamonte Regione Toscana Acquisti verdi e riduzione dei rifiuti: gli aggiornamenti nazionali, regionali e le buone pratiche sul territorio Seminario promosso dal progetto Marittimo RESMAR Azione D Modello di governo delle problematiche

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 CAVA RIMANDOLI 7 COMUNE DI PERGINE VALDARNO (AR) ai sensi del Decreto Legislativo 30 maggio 2008 n 117 Attuazione

Dettagli

COMUNE di MONTECARLO

COMUNE di MONTECARLO S.C.I.A. n : COMUNE di MONTECARLO Provincia di Lucca Spazio riservato all ufficio DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO PER S.C.I.A. RELATIVA A INTERVENTI STRAORDINARI SUGLI IMMOBILI ESISTENTI - L.R. 24/09 Art.79

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli