Contaminazioni organiche nelle forme dell effimero: il Padiglione Breda di Luciano Baldessari alla XXX Triennale di Milano del 1952

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contaminazioni organiche nelle forme dell effimero: il Padiglione Breda di Luciano Baldessari alla XXX Triennale di Milano del 1952"

Transcript

1 Gabriella Curti Contaminazioni organiche nelle forme dell effimero: il Padiglione Breda di Luciano Baldessari alla XXX Triennale di Milano del Cfr. L. Hilberseimer, Mies Van Der Rohe, Chicago 1956, I trad. it. Milano La forma, quindi, come costituzione ed obiettivo ultimo è sempre stata considerata nella sua generalità al fine d'essere evocativa. Il mutare delle forme è legato al mutare di ciò che le rende necessarie A. Monestiroli, Le forme e il tempo in L.Hilberseimer, Mies Van Der Rohe, cit., p L.Hilberseimer, Mies Van Der Rohe, cit., p. 18. Premessa Quando Mies van der Rohe, negli anni Venti, dichiarava che compito dell arte è mettere ordine al caos esistente l architettura rispondeva ancora ai requisiti di funzionalità ai quali fortemente mirava. Se molto semplicemente è stato da più parti affermato che i protagonisti del Movimento Moderno considerarono in primo luogo la funzione delle forme architettoniche, si deve sottolineare che, in particolare, per Mies conoscere la funzione equivaleva a definirne il valore 1. Al valore, quindi, veniva data possibilmente una forma chiara mediante la quale poterne estrinsecare il significato. Il valore dell architettura discendeva anche dal valore dato alla personale cultura dell abitare. Così è stato per il Padiglione di Barcellona, per le case Tugendhat e Farnsworth, avendo costruito i luoghi in cui esprimere i valori dell istituzione e dell abitare e avendo indagato, sostanzialmente, su due elementi costitutivi: il recinto e il tetto. Inoltre, avendo ragionato sulla priorità del cosa costruire, stabilirne la modalità ha significato ricercare sulle forme semplici. Esprimere il valore attraverso la forma 2 divenne una necessità anche se sembra che molti l abbiano sottovalutata. Nel 1926, in Die form, scrisse: «La forma come fine sfocia inevitabilmente nel formalismo ( ) Noi non giudichiamo tanto il risultato quanto il processo creativo. È proprio questo che indica se la forma è stata trovata partendo dalla vita o per se stessa. ( ) La vita è per noi ciò che decide» 3. Il disegno per una genesi della forma simbolica Se il contesto generale in cui collocare la nostra vita civile era la natura, Mies, Le Corbusier, May, Hilberseimer, Ginsburg, per la progettazione della 120

2 GABRIELLA CURTI 4 L. Hilberseimer, Mies Van Der Rohe, cit., p L.Hilberseimer, Mies Van Der Rohe, cit., p P. Portoghesi, Natura e architettura, Milano 1999, p.12. casa, studiarono sia il rapporto con il suolo, e dunque con il luogo, sia il rapporto con il paesaggio. Si è trattato, conseguentemente, di considerare l architettura come natura artificiale. Da questa considerazione, analogamente, è derivata l attenzione spasmodica al simbolismo della natura. Gli elementi simbolici rinvenibili negli elementi naturali costituirono, il più delle volte, gli archetipi dei numerosi e diversi elementi architettonici. Ma dovendo considerare nella costruzione, ad esempio, le forme delle costruzioni in ferro seppure queste siano state già ritenute forme tecniche in forme architettoniche riteneva di poterle valutare oggettivamente perché erano più facilmente riconoscibili, private com erano da ogni mediazione estetica. Appare evidente, inoltre, che nel «rapporto fra i materiali e le leggi della natura Mies era portato già a considerare le forme tecniche molto vicine alle forme naturali e lui stesso, adottandole, le pose a confronto con la natura stessa» 4. «Chiarezza costruttiva portata fino alla sua espressione esatta. Questo è ciò che chiamo architettura» 5. Da ciò l architettura come imitazione simbolica e il disegno come genesi della forma simbolica. Vale la pena di ricordare in questa occasione uno tra gli esempi più noti ed emblematici, l imitazione del corpo umano nella composizione architettonica della chiesa rinascimentale, così com era simbolicamente espressa nel disegno di Francesco di Giorgio Martini per la pianta dell edificio a croce latina. L essenzialità espressa dal corpo umano, rivelazione appunto dell unità nella molteplicità lo ha reso più semplicemente il simbolo per eccellenza ed è con il simbolo che «una realtà si esprime in una realtà diversa» 6. Essendo l architettura il risultato del processo di modificazione e trasformazione operato dall uomo, essa 121

3 1.1 LA DIMENSIONE FIGURATIVA 7 ivi, p ivi, p.34. Portoghesi insiste particolarmente sulla imitazione simbolica della natura ed aggiunge l'analogia tra simbolismo naturale e simbolismo architettonico, e quindi la capacità di fare dell'architettura una continuazione-estensione della natura, siano fondamentali per il pieno dispiegamento delle potenzialità antropologiche dell'architettura stessa. (ivi, p. 42). diviene parte integrante della natura. Come, dunque, non assimilare il processo di costruzione artificiale attuato dall uomo a quello di trasformazione e modificazione compiuto dagli animali. Ed allora ecco che nidi, tane, dighe ma anche caverne, grotte, cunicoli sono esempi straordinariamente efficaci per la trasformazione compiuta mediante l architettura, un artificiosa rimodellazione del territorio e della città laddove «la scoperta dell ordine che si annida nel caos, nell inesauribile complessità della struttura generata dall autorganizzazione della materia, dovrebbe condurre l architettura a riprendere contatto con la natura» 7. Come in natura l equilibrio difficilmente raggiungibile è il pretesto per ottenere numerose trasformazioni della materia il più delle volte inaspettate, così in arte e in architettura il difficile equilibrio tra simmetria e a-simmetria può essere matrice delle differenziazioni di cui Leon Battista Alberti scrisse nel De Re Aedificatoria. Proprio il legame con la natura determina la varietà e quindi la differenza. «Il funzionalismo architettonico aveva sposato con entusiasmo il Funzionalismo biologico che spiegava la forma come conseguenza meccanica di un certo funzionamento; ma le nuove conquiste della biologia offrono oggi prezioso aiuto per una restituzione al mondo dell architettura di motivazioni più profonde e complesse di quelle meramente funzionalistiche, che di rado si rivelano esaustive» 8. «Il processo dell imitazione simbolica consente di approfondire anche l antinomia tra organicità e astrazione». Anche John Ruskin era affascinato da «quanto accomuna la bellezza delle cose artificiali a quella della natura» tant è che egli prefigurò uno degli esempi della matematica dei frattali «costruendo il profilo geometrico di un albero sulla base del triangolo equilatero». 122

4 GABRIELLA CURTI 9 Cfr. M. Tafuri, F. Dal Co, Architettura Contemporanea/II, Milano 1979, pp È proprio nel suggerimento di Ruskin che invita alla interpretazione astratta delle forme naturali più che alla imitazione vera e propria che sembra riferirsi l attività dei maestri sopraccitati. Ciò induce a considerare, inoltre, che volendo avviare un processo di armonizzazione dell architettura con la natura allora ogni operazione è sicuramente tesa ad una analisi conoscitiva e interpretativa, preludio dell invenzione e del disegno. Contaminazioni organiche nell architettura Le Corbusier, con un dipinto del 1949, prefigurò quello che Tafuri definì il magico incontro dell artificiale e dell organico. Infatti, non si può non considerare il superamento compiuto negli anni Cinquanta del puro dato funzionale registrato dalla ricerca tecnologica in virtù di una ricerca del Valore 9. L antropomorfismo subentra al formalismo e gli spazi avvolgenti di cavità organiche si sostituiscono alla linearità ed alla purezza delle forme razionaliste. D altronde è fatale che se le forme dell architettura si contaminano con quelle della natura si ottiene una trasfigurazione del modello tipologico. È l operazione compiuta anche da Luciano Baldessari che si accingeva a rompere gli schemi del Razionalismo italiano ed a sovvertire qualsiasi regola o formula tipologica nel settore dell effimero. Così, dopo aver progettato e realizzato il Padiglione per la Stampa (sempre alla Triennale di Milano) nel 1933, rivolgendosi ad uno schema sostanzialmente lineare e rigido seppure rielaborando le più consuete classificazioni tipologiche, con i Padiglioni per la Finanziaria Breda Baldessari sperimentò ardite invenzioni plastiche, dichiarando di avere rotto i confini tra architettura e scultura. In queste singolari espressioni, preludio alle molteplici esperienze dell architettura contempo- 123

5 1.1 LA DIMENSIONE FIGURATIVA 10 P. Portoghesi, Natura e architettura, cit., Il vaso, il pozzo, la cavità, pp ivi, p.175. ranea, Baldessari propose una forma tra naturale e artificiale, la coclea. La còclea è la parte interna dell orecchio destinata alla funzione uditiva che ha forma elicoidale, dunque suggerisce la cavità, così come la cavità della mano che avvolge, contiene e racchiude oppure protegge e separa un dentro da un fuori 10. Prendendo spunto dalle concavità dell organo dell udito e da quelle dei gasteropodi pensò di svolgere un segno continuo che si raccordava con la coclea sviluppandosi in una forma ibrida, che sfugge ad ogni possibile classificazione. Baldessari usava spesso, e soprattutto per la progettazione dei padiglioni espositivi, il modello in cartone, testando le modalità di snervamento della carta al fine di attuarne la modellazione desiderata. Analogamente si deve considerare che una certa sensibilità plastica si può sviluppare nel lavorare l argilla umida, ad esempio, e che questa stessa sensibilità ha suggerito sia la costruzione dell architettura, sia la realizzazione dell oggetto d uso quotidiano. Si può riflettere allora sull opportunità di impastare la terra anche con l impiego di tecnologie autonome per realizzare forme che spesso ridiventano nuovamente materia senza forma. Si deve ricordare che proprio la realizzazione dell anfora ha indicato ad un altro maestro dei primi anni del Novecento, Frank Loyd Wright, il valore di un archetipo, il pozzo, un altra cavità, quindi, che scavata nella terra consente di raggiungere l acqua, prelevarla, preservarla, ed ha suggerito, quindi, anche la costruzione della Chiesa dell Annunciazione, del 1956, «laddove nido e volta celeste vi appaiono specchiati e riuniti come le valve di una conchiglia» 11. La cavità, ovvero la superficie curva, suggerisce sempre e comunque il raccoglimento, la protezione, la conservazione. Numerosi sono i rimandi agli elementi naturali o a parti costitutive del 124

6 GABRIELLA CURTI 12 Ibidem 13 I. Cinti, Luciano Baldessari architetto, Bologna territorio. Superfici curve individuabili nei sistemi montuosi che salvaguardano aree e siti, che catturano il vento, che delimitano porzioni di suolo. Come la cavea del teatro greco e il ninfeo dell impianto termale romano che esprime ancor più la necessità primordiale del rifugiarsi nella terra, dunque la grotta, la caverna. E il passaggio da questi agli spazi architettonici è diretto, l abside è la concavità frontale che racchiude immagini della divinità e dunque costituisce «meta finale, specchio dell infinito, spazio sacrificale della consacrazione eucaristica» 12. Contaminazioni versus trasfigurazioni: schizzi d ideazione formale e tecnica del Padiglione Breda Baldessari era appena rientrato dagli Stati Uniti quando agli inizi degli anni Cinquanta si accinse a progettare i Padiglioni espositivi per la Società Italiana Ernesto Breda, prima, e la Finanziaria Ernesto Breda, poi. Il padiglione progettato nel 1952 appare all epoca straordinariamente audace anche se Italo Cinti scrisse: «Con il Padiglione Breda 1952, siamo alle origini del classicismo greco, nella condizione apollinea più perfetta, e però in uno stato inventivo nuovo, modernissimo, che aggiunge alla sublimazione della forma l espressività di un contenuto cosmico» 13 e Agnoldomenico Pica «Baldessari, nella architettura pubblicitaria e nelle esposizioni, ha fornito la testimonianza di una fantasia plastica che può stabilire un legame fra il concitato mondo di un Boccioni e il conturbante clima attuale, il ritmo sincopato del Padiglione Sidercomit con quello infinitesimale della coclea Breda introducono nella architettura italiana un concetto di spazio-tempo che potrebbe essere l equivalente plastico della musica più attuale.» Ma nel descrivere quella gigantesca scultura 125

7 1.1 LA DIMENSIONE FIGURATIVA Luciano Baldessari, Padiglione per la Finanziaria Breda, XXX Triennale di Milano, Schizzi di progetto a matita e ad inchiostro. Archivio Mosca Baldessari, Milano. 126

8 GABRIELLA CURTI Baldessari che la trovava esaltante liricamente il nostro mondo affermò la sua intenzione di smentire il peso della materia. Oggi forse la prima espressione può apparire enfatica ma la seconda di singolare adeguatezza. Si consideri allora non soltanto l aspetto puramente formale per capire le peculiarità e le potenzialità della struttura. In primo luogo emerge che: la percezione dello spazio è molteplice, lo spazio architettonico è variamente percepibile da vari punti di sosta attorno all oggetto ed al suo interno. L individuo scorre liberamente al suo interno anche se secondo un percorso guidato da linee curve disegnate sul pavimento proprio per suggerirne la dinamicità ed il movimento in un flusso continuo. Cosa che peraltro è indispensabile in uno spazio espositivo, proprio per facilitare la visione dei prodotti in mostra. Ai suggerimenti del mondo naturale Baldessari fece ricorso non solo nel processo di 127

9 1.1 LA DIMENSIONE FIGURATIVA 14 Il graticcio metallico, denominato Stauss, consisteva in una maglia metallica quadrata. Ogni quadratino di cm 2 per lato, aveva un piccolo elemento in laterizio ad ogni vertice. 15 Definita un'arpa di cemento per cui entrando in una caverna illuminata da un raggio di sole, sembrano trattenere la luce ed esprimere l'attesa del suono, P. Portoghesi, Natura e architettura, cit., p Theodore A.Cook in P. Portoghesi, Natura e architettura, cit., p invenzione e costruzione della forma ma anche per la parte tecnica, da lì prese spunto, infatti, per impiegare un graticcio metallico 14, alla stregua di una sottile membrana. Si pensi a quella della tensostruttura, del corpo animale di una diatomea, che pure è una microscopica alga, e a molte realizzazioni sottomarine di animali anfibi per mezzo delle alghe, appunto, a nidi di varia formazione, ed alle tele di ragno, alle quali oggi appare scontato fare riferimento quando si osserva, ad esempio, il ponte di Siviglia di Santiago Calatrava 15. Questi sono esempi paradigmatici laddove non conta soltanto l imitazione della struttura ma soprattutto l armonia che si realizza nella spazialità architettonica ed anche la ricchezza complessiva di questa. La coclea appartiene all orecchio umano, ma lo sviluppo elicoidale del condotto uditivo è l elemento cardine. Lo si vide anche nel Civic Auditorium Garden of Eden di Wright (1957) così come nel Museo Guggenheim di New York e sembra facilmente rintracciabile nello sviluppo dello spazio del Padiglione per la Breda. La forma, tuttavia, riconduce all archetipo della spirale, definita anche la curva della vita 16. La spirale è una immagine suggestiva: «come concetto visivo consiste nel fatto che è una forma in crescita continua e non occupa mai lo stesso spazio così da non essere soltanto una spiegazione del passato ma anche una profezia del futuro». E la spirale o forma elicoidale con il suo sviluppo tridimensionale non è forse paragonabile alla conchiglia? Il Padiglione del 1952 consisteva, dunque, in una enorme conchiglia, la coclea sostenuta da un sistema di quaranta travi reticolari, le costole, disposte nello spazio con una calcolata inclinazione e raggiungeva l altezza di 18 metri da terra; un nastro vi si contrapponeva e vi si appoggiava per sottolineare il percorso dei visitatori. Baldessari impiegò il bian- 128

10 GABRIELLA CURTI 17 Vittorio Fagone, Baldessari. Progetti e scenografie, Milano 1982, p ivi, p.134. co, il grigio e il nero per evidenziare gli elementi e le parti, affiancate ad una distesa d acqua racchiusa nella superficie limitrofa e precisamente delimitata. «Il padiglione Breda alla Fiera di Milano del 1952 approfondisce la ricerca di un organismo plastico nel quale il progetto stabilisce punti di vista, salienze, percorsi reali e proiezioni dell immaginazione» 17. Così Vittorio Fagone che esprime il suo punto di vista, soffermandosi essenzialmente sul percorso nastriforme e sullo svolgimento topologico verso l interno o l esterno della struttura, sul nucleo visivo, formativo, plastico, comunicativo della grande coclea centrale. Ed è certamente questo il segno che connota il padiglione espositivo che in questa occasione emerge soprattutto per la qualità plastica del nucleo centrale. La coclea attrae lo spettatore, lo avvolge e lo porta al suo interno. Le latomie siracusane non costituiscono un riferimento ma un precedente imprescindibile per una lettura della complessa configurazione formale di questa struttura. La famosa grotta detta Orecchio di Dionisio era scavata nella pietra e servì per trattenere numerose persone al suo interno. Baldessari disegna questo edificio consapevole di voler superare i confini della geometria euclidea e ritrovando nella complessità delle forme paraboliche come in quelle delle iperboli e delle concoidi la sintesi fra le arti maggiori. Con questa geniale invenzione, quindi, intese attuare il superamento della equazione razionalista forma uguale funzione per suggerire la continuità, la fluidità, già mediante i suoi schizzi nei quali alla potenzialità del tratto corrisponde l espressione di un autentica volontà di possesso dello spazio. Dichiarò: «ho rotto i limiti fra scultura e architettura, abbandonato gli assi ortogonali classici dell architettura per la bellezza delle parabole, delle iperboli, delle concoidi» 18. Nelle intenzioni dell autore, inoltre, 129

11 ATTI_IBRIDAZIONI_par LA :14 Pagina 116 DIMENSIONE FIGURATIVA Luciano Baldessari, Padiglione per la Finanziaria Breda, XXX Triennale di Milano, 1952 (Archivio Mosca Baldessari, Milano). 130

12 GABRIELLA CURTI manifestate nei numerosi schizzi da lui stesso elaborati, si trova la necessità di utilizzare la flessibilità del nastro non solo nel compiere due giri, rispettivamente a sinistra e a destra della coclea con soluzione di continuità ma nel costituire, peraltro, un segno di delimitazione, di conformazione, di chiusura. Ciò che interessa maggiormente fare rilevare in questa sede è il procedimento ideativo dell autore. Baldessari non tenta di riprodurre il condotto uditivo o la forma della chiocciola, della conchiglia, piuttosto esprime con un gesto istintivo la forza della sua idea. Nonostante gli affascinanti ragionamenti sulle matrici formali e teoriche ciò che colpisce particolarmente è la tecnica degli appunti grafici, chiara matrice dell idea e manifestazione concettuale dello spunto inventivo. Come del resto era accaduto spesso per i precedenti esempi e per tutto il percorso progettuale di Luciano Baldessari, laddove appunto non si era quasi mai davanti ad una scontata riproduzione di schemi tipologici reiterati, ma si poteva leggere in ogni suo appunto grafico la matrice dell idea che subito poteva tradurre in disegni esecutivi e modelli analogici perfettamente rispondenti alle forme tratteggiate nello schizzo. Gli schizzi delineano perfettamente la forma futura. Gli schizzi ad inchiostro sono particolarmente elaborati e contengono numerose annotazioni per il desiderio di trasmettere immediatamente l idea anche ai tecnici esecutori e, senza ripensamenti e tentennamenti, suggerire la concreta fattibilità dell opera. Infine, appare importantissimo un commento ad ognuno dei suoi schizzi poiché Baldessari per questo progetto non elaborò, infatti, disegni architettonici o tecnico-esecutivi ad eccezione di un solo disegno della sezione trasversale della coclea e, ovviamente, del disegno della pianta. Anche in questo caso molto 131

13 1.1 LA DIMENSIONE FIGURATIVA singolare ha dato ascolto all impulso categorico della intuizione e del suo estro inventivo, affidandosi alla traccia di poche linee strutturali individuabili negli schizzi e facendo sì che vi corrispondesse l equivalente realizzazione tecnica. Il primo dei cinque schizzi qui presentati contiene numerosi segni che indicano qualcosa che avvolga, un nastro per l appunto, e la parola luce ripetuta più volte al disopra dei tratti di penna ad inchiostro. Si tratta, probabilmente di annotazioni significative riguardo alla necessità di inserire concretamente il gioco delle luci sulla superficie della coclea. Il secondo mostra già dei suggerimenti di carattere tecnico, infatti mentre permane il gesto grafico del nastro che nello svolgersi compie una curva con un raggio piuttosto ampio, un secondo schizzo disegnato sullo stesso foglio indica gli elementi trasversali di sostegno. Entrambi gli schizzi sono indirizzati all ingegnere Grisotti che è stato appunto coinvolto per la realizzazione tecnica della struttura. Il terzo è uno schizzo prospettico con il quale Baldessari immagina una struttura molto alta che fronteggi una parete costruita esistente e prefigura, su una porzione di superficie antistante il padiglione, l inserimento della superficie acquatica. I due ultimi mostrano la coclea nella sua forma definitiva. In questi disegni Baldessari mostra un entusiasmo che traspare dal segno grafico così forte e deciso. Scrisse, infatti, «Per l architetto il disegno è l espressione simbolica dell emozione concepita». «Erano puri fatti plastici aperte forme modellanti un iperbolico spazio mediante la stessa visuale dinamica a cui si offrivano, così grandi, così sproporzionate all uomo, quando l uomo incantato le guardava passando e vi si lasciava attrarre, entrando docilmente nel loro gioco, camminando sul filo fantastico di un bianco itinerario funzionalmente giustificato dal 132

14 GABRIELLA CURTI Luciano Baldessari, Padiglione per la Finanziaria Breda, XXX Triennale di Milano, Schizzi di progetto a matita e ad inchiostro. Archivio Mosca Baldessari, Milano. 19 G. Veronesi, Luciano Baldessari, architetto, Trento Si veda, inoltre, G.Curti, Luciano Baldessari ( ). Il disegno di architettura tra regola e trasgressione, in «Controspazio» n.1/1997, pp succedersi di scritte pubblicitarie lungo il percorso simbolico.» Così scrisse Giulia Veronesi, nel valutare anche l aspetto dimensionale di questo e degli altri padiglioni realizzati dal 1951 al 1955 per le Triennali di Milano 19. Ma per comprendere le intenzioni dell autore in proposito, vale la pena ricordare, per concludere, un altra delle sue più significative affermazioni: «Godo rasentare il pericolo dell attuazione»

6.7 Le Corbusier: il segreto della forma

6.7 Le Corbusier: il segreto della forma 6.7 Le Corbusier: il segreto della forma L apporto notevole dato Le Corbusier alla storia dell architettura è stato, a ben vedere, pari a quello dato alla storia della rappresentazione. Le migliaia di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee indice 1. 2. 3. 4. introduzione MoMenti di definizione del progetto 1.1 1.2 1.3 Dall idea al progetto: fasi Dell iter progettuale MetoDi Di rappresentazione l immagine Dell idea 1870-1969 2.1 2.2 3.1 3.2

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Proposte LABORATORI DI ARTE per la scuola primaria anno 2015-16

Proposte LABORATORI DI ARTE per la scuola primaria anno 2015-16 Proposte LABORATORI DI ARTE per la scuola primaria anno 2015-16 Associazione associazionepianoterra.it I laboratori di piano-terra nascono dalla volontà di avvicinare i bambini al mondo dell espressione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO INCIDENDO Incidendo è un progetto didattico rivolto alle classi della Scuola Primaria. Si propone di avvicinare il bambino al mondo dell incisione, tecnica artistica che ha radici lontane nel tempo ma

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid

Centro culturale a Villanueva de la Cañada, Madrid Progetti Carmen Murua Schizzo di studio. Nella pagina a fianco: particolare del fronte d ingresso (ovest). Il piccolo paese di Villanueva de la Cañada si trova nei dintorni di Madrid, inserito nel paesaggio

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze

ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria. PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria. Competenze Abilità Conoscenze ARTE E IMMAGINE Competenze Scuola Primaria PRIMO BIENNIO - Classe Prima e Seconda Scuola Primaria Competenze Abilità Conoscenze Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi

N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi N. 4 I ludi geometrici di Leonardo da Vinci Un gioco per avvicinarsi al concetto di area franco ghione, daniele pasquazi Tra i molteplici interessi scientifici di Leonardo non dobbiamo dimenticare la matematica.

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

Strumenti necessari per il disegno

Strumenti necessari per il disegno Capitolo 9 Strumenti necessari per il disegno Sarebbe sbagliato ridurre il campo del disegno in genere, e quindi anche del disegno in rilievo, alla sola riproduzione degli oggetti che abbiamo intorno.

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli

Andrea Pagano, Laura Tedeschini Lalli 3.5 Il toro 3.5.1 Modelli di toro Modelli di carta Esempio 3.5.1 Toro 1 Il modello di toro finito che ciascuno può costruire è ottenuto incollando a due a due i lati opposti di un foglio rettangolare.

Dettagli

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ORGANICISMO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 26. L ORGANICISMO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 26. L ORGANICISMO L ARCHITETTURA ORGANICA In apparente contrasto con l architettura funzionalista, l architettura organica è legata indissolubilmente al nome dell architetto americano Frank Lloyd Wright

Dettagli

Corso di Fondamenti di Architettura degli Interni Concetti chiave e Opere

Corso di Fondamenti di Architettura degli Interni Concetti chiave e Opere ARTE BELLO ARCHITETTURA ARCHITETTURA DEGLI INTERNI RAPPORTO FRA L ARCHITETTURA E LE ALTRE ARTI SPAZIO ARCHITETTONICO STANZA ELEMENTI DI CIRCOSCRIZIONE SPAZIALE ATTREZZATURE FORMA CARATTERISTICHE DELLA

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI PROGETTAZIONE ED ARTI APPLICATE SCUOLA DI SCENOGRAFIA corso di scenografia prof. Alessandro Zicoschi egr. Direttore prof.ssa Giovanna Cassese a seguito

Dettagli

Padiglione di Barcellona 1929

Padiglione di Barcellona 1929 Mies van der Rohe Ludwig Mies van der Rohe è il padre dell'estetica architettonica contemporanea. Se Le Corbusier incarna l'anima più poetica del Movimento Moderno, l'architetto tedesco ne rappresenta

Dettagli

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO

TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO TITOLO OPERA: ESPLOSIONE DI MATERIA AUTORE: MATTEO LEONARDI CLASSE: V ^D LICEO ARTISTICO EGO BIANCHI CUNEO La composizione materica ad alto rilievo è una rielaborazione in chiave geometrica di un esplosione

Dettagli

La progettazione grafica può essere esemplificata in due categorie di elaborati grafici:

La progettazione grafica può essere esemplificata in due categorie di elaborati grafici: La progettazione grafica può essere esemplificata in due categorie di elaborati grafici: Il progetto di massima È redatto dal progettista, spesso a mano libera ed integrato da appunti. Non è in una fase

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

la rappresentazione dell architettura

la rappresentazione dell architettura la rappresentazione dell architettura Il disegno per il rilievo 150 Lo schizzo a mano libera Lo schizzo a mano libera costituisce un momento fondamentale del disegno di architettura, sia come strumento

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 LEGGERE E COMPRENDERE IMMAGINI DI DIVERSO TIPO - Le relazioni spaziali - Le differenze di forma

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

PROSPETTIVA MONDIALISTICA. Mappa Concettuale. AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali)

PROSPETTIVA MONDIALISTICA. Mappa Concettuale. AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali) AMBIENTE: Cinque diavoletti di Sarah Dyer PROSPETTIVA MONDIALISTICA Unità di Lavoro: Ambiente Scuola dell Infanzia 5 anni Mappa Concettuale AMBIENTE = PLURALITA DI ELEMENTI (artificiali e naturali) in

Dettagli

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze Modello matematico VS modello numerico IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Capitelli hatoriani di Abu Fedah, dalla Description de

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Prof. M. C. Cassanmagnago Prof. V. Cazzaniga Prof. P. Cinelli Prof. R. Colombo Prof. E. Galimberti SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: Laboratorio della Scenografia

Dettagli

Un ponte sospeso tra la matematica e Gaudì

Un ponte sospeso tra la matematica e Gaudì Un ponte sospeso tra la matematica e Gaudì Antoni Gaudì fu un originale architetto spagnolo vissuto tra la seconda metà dell Ottocento e il primo quarto del XX secolo. Realizzò molte delle sue opere sfruttando

Dettagli

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION MUMAC Il museo della macchina per caffè espresso, viene inaugurato nel 2012 in occasione del centenario dalla nascita del La Cimbali al fine di diffondere la conoscenza della storia e dell evoluzione delle

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

Scintille di suono laboratorio multimediale

Scintille di suono laboratorio multimediale Scintille di suono laboratorio multimediale progetto per la Scuola dell'infanzia 5 anni percorso di scoperta ed esperienza con le qualità del suono e del movimento Struttura dell attività didattica Date

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione La musica come passione, arte, linguaggio, emozione Da una tradizione secolare nel settore della costruzione degli strumenti musicali e della lavorazione dei metalli in terra di Toscana, scaturisce: Pistoia

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA. ARTE E IMMAGINE Classe I

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA. ARTE E IMMAGINE Classe I ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Classe I 1) Riconoscere nella realtà e nella rappresentazione le relazioni spaziali (vicinanza, sopra, sotto, destra,

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE Giacomo e Pio Manzù BERGAMO TABELLA DEI MINIMI DISCIPLINARI TRIENNIO RIFORMA DISCIPLINE PROGETTUALI INDIRIZZO DESIGN

LICEO ARTISTICO STATALE Giacomo e Pio Manzù BERGAMO TABELLA DEI MINIMI DISCIPLINARI TRIENNIO RIFORMA DISCIPLINE PROGETTUALI INDIRIZZO DESIGN DISCIPLINE PROGETTUALI CLASSE TERZA Riepilogo dei metodi proiettivi del disegno tecnico: - Proiezioni cilindriche proiezioni ortogonali (metodo di Monge) assonometrie oblique e ortogonali - Proiezioni

Dettagli

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo:

PSICOLOGIA. La ricerca nelle scienze sociali. Le tecniche di rilevazione dei dati. L'osservazione. il testo: il testo: 01 Le tecniche di rilevazione dei dati Le principali tecniche di raccolta dei dati si dividono in: tecniche descrittive: il ricercatore osserva ciò che sta studiando. Sono tecniche descrittive

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

QUADERNO 1. PROGETTIAMO UN GIARDINO con Progettare per l @griturismo. Progettare per l @griturismo

QUADERNO 1. PROGETTIAMO UN GIARDINO con Progettare per l @griturismo. Progettare per l @griturismo QUADERNO 1 > con QUADERNO 1 PROGETTIAMO UN GIARDINO con a cura di : via dei Serragli / 101 50124 / FIRENZE in collaborazione con: CASALTA s.a.s. design e layout: Claudia Mezzapesa Il materiale e le informazioni

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

testo di Giorgia Calò

testo di Giorgia Calò G I A N P A O L O R A B I T O C I T T À S I L E N T E testo di Giorgia Calò 15 aprile - 14 maggio 2011 I L S O L E A R T E C O N T E M P O R A N E A VOLUME XXIV Città silente Giorgia Calò Il lavoro di

Dettagli

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito TEATRO E NARRAZIONE AREABAMBINI GIALLA Via degli Armeni, 5 Tel 0573-32640 LINEE GUIDA E OBIETTIVI EDUCATIVI Tutti gli itinerari condividono il presupposto che per il bambino ogni esperienza è frutto di

Dettagli

Dal manifesto delle esigenze abitative dei bambini emergevano 10 indicazioni per la realizzazione delle abitazioni. La casa deve essere:

Dal manifesto delle esigenze abitative dei bambini emergevano 10 indicazioni per la realizzazione delle abitazioni. La casa deve essere: L intervento è stato realizzato a Correggio piccola città di circa 23.000 abitanti che eccelle per la molteplicità di politiche sviluppate nei confronti dei bambini. La ricerca ha indagato con molta cura

Dettagli

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1

Elementi di statistica. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Elementi di statistica Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 1 Statistica La statistica si può definire come: l insieme dei metodi

Dettagli

Out into that dark sea : perché avventurarsi nelle arti performative contemporanee

Out into that dark sea : perché avventurarsi nelle arti performative contemporanee Out into that dark sea : perché avventurarsi nelle arti performative contemporanee Silvia Bottiroli Università Bocconi Santarcangelo Festival Internazionale del Teatro in Piazza 1. Il teatro è un azione,

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE:

MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: MATEMATICA COMPETENZE CHIAVE: Competenza matematica, Comunicazione nella madrelingua, Imparare ad imparare, Competenze sociali e civiche, Spirito d iniziativa e imprenditorialità. Traguardi per lo sviluppo

Dettagli

Una Milano da abbracciare

Una Milano da abbracciare MUNLAB SPAZIO PERMANENTE BRUNO MUNARI LABORATORI SECONDO IL METODO BRUNO MUNARI PER LE SCUOLE Per stimolare la memoria visiva e la ricerca delle intenzioni creative prima regola da osservare è l osservazione

Dettagli

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere

STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere Introduzione STRUTTURA STRUTTURA: qualcosa che ha il compito di riportare i carichi al suolo e di sorreggere l'intera costruzione. Per gli edifici di civile abitazione (residenziali), nei casi usuali

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CONTENUTI (Conoscenze) ABILITA (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE 1. IL MESSAGGIO VISIVO Guardare immagini, forme e oggetti dell ambiente utilizzando

Dettagli

4. Linee guida per la formazione nei progetti di Servizio Civile Regionale di Garanzia Giovani

4. Linee guida per la formazione nei progetti di Servizio Civile Regionale di Garanzia Giovani 4. Linee guida per la formazione nei progetti di Servizio Civile Regionale di Garanzia Giovani (Approvate con dal DDPF n. 4/OSV/2014) I progetti di SCR devono prevedere al loro interno due percorsi formativi:

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA

FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA FORMARE COMPETENZE CON LA MATEMATICA marcata esigenza di promuovere nella formazione scolastica vere e proprie competenze e non solo conoscenze e abilità. Sembrerebbe che il valore educativo della matematica

Dettagli

linee guida all uso del logo IGC introduzione P i a c e n z a, 1 G e n n a i o 2 0 1 0

linee guida all uso del logo IGC introduzione P i a c e n z a, 1 G e n n a i o 2 0 1 0 1 introduzione Questo abstract contiene le linee guida fondamentali per l utilizzo del marchio ITALIAN GOSPEL CHOIR e delle sue applicazioni. Il marchio rappresenta, di fatto, l identità della Nazionale

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

IN-COSTANTE RILEVANZA

IN-COSTANTE RILEVANZA MARCO FERRI IN-COSTANTE RILEVANZA a cura di Monica Morotti testo di Vittoria Broggini Morotti Arte Contemporanea Piazza Monte Grappa 9 [centro storico] Daverio, Varese T +39 0332 947123 C. +39 335 6348880

Dettagli

PROVA INVALSI Scuola Secondaria di I grado Classe Prima

PROVA INVALSI Scuola Secondaria di I grado Classe Prima SNV 2010-2011; SNV 2011-2012; SNV 2012-2013 SPAZIO E FIGURE SNV 2011 10 quesiti su 29 (12 item di cui 6 a risposta aperta) SNV 2012 11 quesiti su 30 (13 item di cui 2 a risposta aperta) SNV 2013 9 quesiti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività Alla fine delle attività si è pensato di far produrre un questionario agli utenti che avevano partecipato al programma, per due motivi: 1. Ricavare

Dettagli

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre

ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre ARCHITETTURA E LUCE La luce è l origine di tutto: dal momento in cui colpisce la superficie delle cose ne delinea i profili e producendo le ombre dietro gli oggetti, ne coglie la profondità. La luce, nella

Dettagli

IC DANTE-GALIANI. Via Dante, 9 71013 San Giovanni Rotondo (FG) ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

IC DANTE-GALIANI. Via Dante, 9 71013 San Giovanni Rotondo (FG) ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA C.M. FGIC84500N IC DANTE-GALIANI Via Dante, 9 71013 San Giovanni Rotondo (FG) C.F. 83002380711 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Nuclei tematici Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE

SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE SCULTURA - CORSO TRADIZIONALE I corsi proposti nel nostro centro hanno l obiettivo di formare o consolidare le competenze artistiche e professionalità qualificate, che attraverso l acqusizione sia delle

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA DOMESTICA. Osservazioni sulle proprietà elastiche dei materiali

LABORATORIO DI FISICA DOMESTICA. Osservazioni sulle proprietà elastiche dei materiali LABORATORIO DI FISICA DOMESTICA Osservazioni sulle proprietà elastiche dei materiali percorso proposto per una prima superiore Percorso proposto: uno dei tanti possibili Osservazione di fenomeni riproducibili

Dettagli

LICEO ARTISTICO INDIRIZZO ARTI FIGURATIVE

LICEO ARTISTICO INDIRIZZO ARTI FIGURATIVE LICEO ARTISTICO INDIRIZZO ARTI FIGURATIVE Indirizzo Arti figurative Gli studenti, a conclusione percorso di studio, dovranno: aver approfondito la conoscenza degli elementi costitutivi la forma grafica,

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono:

Gli elementi base costitutivi dell immagine grafica di exa comprendono: L immagine coordinata 01 Gli elementi base costitutivi dell immagine coordinata di exa engineering s.r.l. costituiscono l identità dell azienda, l immagine grafica con cui essa comunica con l esterno e

Dettagli

Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo

Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo Tecniche grafiche per il disegno a mano libera il segno espressivo Tecnica a tratto o di solo contorno textures e trattamenti di campo chiaroscuro acquerello Alcuni suggerimenti utili.. Una corretta postura

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli