Il palinsesto paesaggio e la cultura progettuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il palinsesto paesaggio e la cultura progettuale"

Transcript

1 Università Iuav di Venezia Area di ricerca Il progetto di paesaggio Unità di ricerca Il palinsesto paesaggio e la cultura progettuale Convegno Il palinsesto paesaggio e la cultura progettuale 1/12/2009 _ Ex Cotonificio _ Venezia

2

3 AREA DI RICERCA I L PROGETTO DI PAESAGGIO SCUOLA DOTTORATO IUAV UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA - DOTTORATO D I RICERCA IN ARCHITETTURA TEORIE E PROGETTO BIENNALE DEL PAESAGGIO DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

4 4 Il progetto di paesaggio Renato Bocchi Il progetto di paesaggio e il progetto di architettura relazionato col paesaggio sono principalmente progetti di relazioni, architetture di relazioni. L aspetto relazionale del progetto di paesaggio, insieme con la centralità dei fattori tempo e movimento, conferiscono una spiccata specificità a questo campo di ricerca progettuale, accentuando i valori contestuali sia in senso geografico sia in senso storico-culturale (di rapporto con i luoghi e con le identità territoriali), quelli di variabilità temporale (i mutamenti stagionali, le relazioni con le condizioni climatiche), quelli di dinamismo e cinematismo (le spazialità lette secondo i movimenti dell osservatore-fruitore). La nuova definizione di paesaggio data dalla Convenzione Europea del Paesaggio chiede di rivedere il bagaglio operativo della progettazione paesistica alla luce della nuova immagine assunta dai territori. La fortuna conosciuta in questi anni dal termine paesaggio si lega ad un problema identitario e soprattutto di percezione, intesa come lettura da parte di chi vive ed attraversa i territori del vissuto delle realtà territoriali. Per leggere, capire e di conseguenza progettare il paesaggio è necessario cercare tra le pieghe del sapere, accogliere sguardi trasversali che ragionano nel campo dell arte o delle scienze per costruire una epistemologia del fenomeno-paesaggio Il palinsesto si declina in questo senso, come superficie attiva in grado di accogliere programmazioni temporanee e dinamiche, per promuovere quella diversificazione che da sempre rappresenta il senso di urbanità ma anche il senso del paesaggio. Perciò la ricerca non rinuncia a guardare ai materiali del pensiero filosofico e dell arte, con l obiettivo finale di affrontare il tema del disegno del territorio sul piano del progetto culturale. Il carattere relazionale e la centralità dei fattori tempo e movimento nel progetto di paesaggio che affondano le proprie radici nella sto-

5 5 ria dell arte dei giardini, del progetto di spazio pubblico e della landscape architecture, a partire dalle esperienze della tradizione orientale fino alle esperienze del pittoresco settecentesco connettono la stessa ricerca architettonica e artistica in questo settore a un filone di interessi strettamente legato al pensiero estetico-filosofico e scientifico, rintracciabile soprattutto nel campo della fenomenologia della percezione, della topologia e delle altre geometrie non-euclidee, delle esperienze architettoniche, artistiche, coreografiche e cinematografiche legate allo spazialismo, alla sensorialità, all apticità. Questo tema generale di ricerca trova possibilità di estrinsecazione e di verifica in alcuni campi applicativi trasversali all attuale struttura disciplinare delle tre facoltà dell Iuav (architettura, design e arti, pianificazione) quali: a) le ricerche sulla gnoseologia del paesaggio, ovvero sul rapporto fra paesaggio e categorie del sapere e sugli archetipi del territorio; b) le ricerche sulla narratività del progetto di paesaggio, nei rapporti con l eredità culturale profonda dei territori; c) le ricerche sulla percezione aptica dello spazio e del paesaggio, nei rapporti arte-architettura e nei loro risvolti nel campo della rappresentazione; d) le ricerche sul rapporto fra arte paesaggio e progetto, anche in relazione al suo ruolo di catalizzazione sociale. Il seminario in questione costituisce il primo terreno di confronto delle varie componenti di ricercatori confluite nell Unità di Ricerca Iuav denominata Il palinsesto-paesaggio e la cultura progettuale, che prelude a un più vasto convegno internazionale su questi temi in preparazione per il prossimo anno.

6 6

7 7 Prima sessione Gli archetipi culturali nel progetto di paesaggio Anna Marson Archetipi di territorio e progetto di paesaggio Renato Rizzi Gnoseologia del paesaggio: sapere e paesaggio Agostino De Rosa Geografie Parallele. Percorsi rituali nelle immagini del paesaggio Mariaia Cunico Alla ricerca del fascino del giardino Pier Luigi Cervellati paesaggio / ambiente / territorio Progetto Video Agostino De Rosa & Imago rerum team, regia e animazioni digitali Maria Pia De Vito, Maurizio Giri e Michele Rabbia, soundtrack La musica delle sfere nella luce: il Roden Crater project di James Turrell

8 8 Anna Marson Archetipi di territorio e progetto di paesaggio Anna Marson La maggior parte dei processi di urbanizzazione contemporanea ha prodotto e continua a produrre esiti di elevata uniformità e mediocrità, per ciò che attiene alle strutture e ai caratteri degli insediamenti, in modo indipendente dai luoghi fisici, dalle culture sociali, dai patrimoni storici che ne configurano il contesto. L urbanistica moderna e contemporanea, intesa come disciplina finalizzata alla razionalizzazione della crescita, appare dunque obsoleta sia per la (scarsa) capacità di governo dei risultati, sia per i modelli di insediamento proposti, che anche quando realizzano le previsioni dei piani raramente configurano ambienti che sceglieremo come luoghi per vivere. Il successo riscontrato di recente dal tema del paesaggio può essere interpretato come mossa laterale rispetto alla crescente ostilità politica nei confronti dell urbanistica, ma anche come ricerca di nuove manifestazioni di quegli archetipi, o tipi originari, capaci di dar senso e durata al nostro costruire e abitare luoghi. Cosa significa per l urbanistica cogliere la sfida del paesaggio? Se consideriamo il paesaggio un modo specifico di guardare al territorio, anziché una realtà, questo punto di vista ci aiuta a mettere a fuoco almeno tre passaggi: 1. la consapevolezza della necessità di esplicitare e saper comunicare il progetto di territorio proposto (a fronte di piani che in gran parte dei casi sono progetti impliciti di ottimizzazione funzionalista di alcune poste in gioco); 2. riscoprire e far scoprire la dimensione emozionale, l esperienza del sacro dei luoghi, la forma come dimensione necessaria anche alla interazione sociale; 3. la capacità di narrare riti e promuovere culture, anziché proporre norme più o meno puntualmente disattese. Tutto ciò significa altresì fare i conti con la fine di un idea semplicistica, universale e lineare, di progresso. Il paesaggio diventa tale quando è osservato come paesaggio: non è dunque questione di sola materialità, ma di rapporto tra questa e la dimensione soggettiva dell esperienza e della riflessione. Esso nasce dal senso di perdita, e dalla ricerca di compensarla con la ricostruzione di un patrimonio materiale e

9 Archetipi di territorio e progetto di paesaggio 9 simbolico, di luoghi e loro immagini capaci di controbilanciare l imperfezione del mondo. Per l urbanistica e la pianificazione del territorio si tratta d un cambiamento di prospettiva consistente. Anna Marson. Urbanista, insegna Pianificazione all Università IUAV di Venezia. Tra le pubblicazioni Archetipi di territorio (2008) e Barba Zuchòn Town. Una urbanista alle prese col Nordest (2001). Gli interessi di ricerca più recenti sono orientati al "progetto di territorio".

10 10 Renato Rizzi Gnoseologia del paesaggio: sapere e paesaggio Renato Rizzi La parola paesaggio, come ormai ogni altra parola, non può essere oggetto di studio o di analisi indipendentemente dal sapere. Ovvero, non si può affrontare tale termine senza interrogare il sapere nel quale siamo completamente immersi. Paradossalmente invece riteniamo che si possa affrontare qualsiasi tema generale, come il paesaggio, senza considerare le categorie generali o fondamentali (epistemiche) di appartenenza. Ingenuamente, invece, crediamo che il sapere -in sé- appartenga a strane categorie concettuali del tutto inutili o ininfluenti, quindi non così importanti da essere interrogate. Mentre di nuovo usiamo le parole (paesaggio) come se esse fossero indipendenti, separate da quelle categorie epistemiche del sapere al quale le nostre stesse parole appartengono e dipendono. Le parole sono il riflesso del sapere. Portano con sé ed in sé i contenuti ed i significati del sapere. Per Benjamin sarebbero il veicolo che connette l estremo del theologico-simbolico all altro estremo opposto del reale-effettuale. La parola paesaggio, allora, si posizionerebbe come medio tra il «noi» e il «sapere», quella condizione invalicabile che riflette il sapere nel reale e il reale nel sapere. Infatti, la parola paesaggio produce significati radicalmente diversi, anzi opposti, se inscritta nell orizzonte del paradigma nichilista (tecnico-scientifico) piuttosto che nel paradigma theologico (metafisicoontologico). Per questa ragione logica il sapere deve espandersi fino agli estremi della conoscenza o del pensiero: tra ciò che possiamo ancora considerare sacrale e reale. L ambito disgiuntivo del pragmatismo funzionale materialista non può essere isolato dall ambito unitivo del theologico-simbolico per una ragione indiscutibile quanto innegabile. Il piano dell estetico (e non dell estetica) è la condizione inviolabile e intangibile che lega e unisce (in ogni caso) l ambito disgiuntivo con l ambito unitivo. Immanenzatrascendenza; fisico-metafisico; spirituale-reale; simbolo-segno, ecc sono condizioni coappartenenti in ogni cosa, in ogni ente. Non si può dunque sottrarre la parola paesaggio al dualismo impli-

11 Gnoseologia del paesaggio: sapere e paesaggio 11 cito di queste opposizioni se non si vuole perdere la sua intima e irriducibile autenticità ormai avvilita se non distrutta dalla nostra inconsapevolezza. Renato Rizzi. Professore di progettazione all IUAV. Attualmente impegnato nella realizzazione del teatro Elisabettiano a Danzica. Ultima pubblicazione, La muraglia ebraica: l impero eisenmaniano, Mimesis 2009.

12 12 Agostino De Rosa Geografie Parallele. Percorsi rituali nelle immagini del paesaggio Agostino De Rosa Il ritratto anamorfico del romito San Francesco di Paola raccolto in preghiera, conservato presso il complesso conventuale della SS. Trinità dei Monti (Roma), e attribuito ad Emmanuel Maignan, mostra come attraverso il complesso rincorrersi di linee e grafismi dall aspetto apparentemente incomprensibile, sia stato possibile nascondere l immagine violentemente deformata di un paesaggio, fisico e interiore. L affresco, durante l attraversamento del corridoio subisce infatti una radicale trasformazione dal momento che il corpo del venerabile Santo, avvolto nel suo saio e posto sotto un protettivo albero di ulivo, si tramuta alchemicamente, le linee che ne definiscono i contorni dilatandosi e i vari segni e campiture, originariamente riconducibili a parti del personaggio, distribuendosi sulla parete, fino a divenire profili orografici del paesaggio calabrese. Il dinamismo implicito nei due livelli fruitivi dell immagine quello obliquo e quello frontale da luogo ad una vera e propria katastrophé scopica, sia in termini geometrici che metaforici, dal momento che la posizione stanziale dell osservatore, tipicamente rinascimentale, viene in quest opera profondamente violata ed effranta. Accostata all affresco gemello, eseguito nello stesso complesso dal Minimo Jean-François Nicéron e raffigurante San Giovanni Evangelista che scrive l'apocalisse nell isola di Patmo, l opera sciorina un periplo fisico e simbolico, squadernando un vero e proprio teatro della memoria: a chi sappia leggere i segreti criptati nelle figure affrescate rette e oblique -, appare chiaro il passaggio dall epoca dell origine (Alpha) dissimulato dal doppio ritratto del fondatore dell Ordine dei Minimi (San Francesco di Paola), a quello della storia, nell astrolabio che, attraverso il ciclo diurno del Sole secolarizza lo spazio, incardinando così, attraverso il riflesso errante della sorgente luminosa, il vuoto al luogo. Il viaggio si conclude quando l osservatore oramai un corpo divenuto solo organo onniveggente diviene testimone del tempo del Regno escatologico (Omeg o nuova Alphaa), attraverso le rivelazioni dell affresco ritraente, in simultanea, sia San Giovanni che gli episodi dell Apocalisse.

13 Geografie parallele. Percorsi rituali nelle immagini del paesaggio 13 Agostino De Rosa (Bari 1963), architetto, professore ordinario, insegna presso l Università Iuav di Venezia. Coordina il gruppo di ricerca Imago rerum, con il quale collabora con alcuni artisti internazionali legati al mondo della land art e della sonic environmental art, quali James Turrell e John Luther Adams.

14 14 Mariapia Cunico Alla ricerca del fascino del giardino Mariapia Cunico La nostra epoca sta perdendo il senso e il valore dei confini tra le cose, tra gli eventi, tra civiltà, tra le persone, in una totale sparizione della figura del recinto. Ma forse proprio partendo dall inconscia fascinazione che il luogo recintato ha in ciascuno di noi, si può capire ad esempio il motivo dell interesse costante e crescente per la figura del giardino. 1- L idea permanente e immanente in ciascuno di noi è quella del recinto del giardino come archetipo, forma preesistente e primitiva di un pensiero. Questa idea del giardino non può essere disgiunta dall idea del mito primordiale, dalla nostalgia connaturata all uomo, per quei luoghi recintati, i paradisi appunto, fecondi di piante e felici di bellezze. Paradisi in cui è riflessa l immagine della divinità. Un esempio fra i tanti è quello della figura del giardino del Mediterraneo, che si è tramandata nei secoli rimanendo un icona pressoché invariata e costante, dagli aranceti di Pantelleria agli agrumeti del Marocco, luoghi recintati e coltivati dove la presenza dell acqua riprende e continua la memoria dei giardini del mito. 2 - Il giardino come racconto di eventi naturali ma anche di memorie passate e presenti. L arte del giardino come arte del racconto, racconto in cui si intrecciano tempi diversi, racconto senza fine, simbolo della natura e della sua mutevolezza, della sua inesorabile adattabilità. Nel rapporto tra progettista e giardino deve essere considerata ineluttabile questa continua mutevolezza e imprevedibilità che fa sì che il racconto esca della consuetudine del racconto letterario o musicale per definirsi come opera aperta. 3 - Il giardino come archetipo della relazione fra uomo e natura nelle diverse fasi storiche. Il rapporto tra uomo e natura ha prodotto giardini con determinati e precisi caratteri, legati allo stile, alla cultura, all architettura, al pensiero. Come tali i giardini esprimono le diverse concezioni del mondo e della relazione tra uomo e natura. Ogni giardino realizzato è libro, luogo di lettura del mondo passato che l ha sotteso come del mondo presente, opera fragile ma immortale.

15 Alla ricerca del fascino del giardino 15 Mariapia Cunico, è docente di Architettura del Paesaggio all IUAV, responsabile scientifico di Master, Corsi di progettazione paesaggistica e restauro del giardino storico presso Università italiane e straniere. Tra i suoi più recenti lavori: restauro del Parco delle Terme a Levico Terme,del Giardino di Villa Badoer a Fratta Polesine, del Giardino della memoria nel cimitero di San Michele a Venezia.

16 16 Pier Luigi Cervellati paesaggio / ambiente / territorio Pier Luigi Cervellati Per la corte costituzionale (sentenza n. 367 del 2007) paesaggio, territorio e ambiente sono equivalenti. Il legante multi disciplinare che unisce l approccio progettuale alla sentenza della Corte è stato cosi sintetizzato Il paesaggio come forma del territorio e aspetto visivo dell'ambiente. La nozione di paesaggio si connette all ambiente tramite il territorio. Il paesaggio indica la "morfologia del territorio", concerne l'"ambiente nel suo aspetto visivo": l'oggetto della sua tutela non è costituito dalle "bellezze naturali", come si pensava (e si supponeva di vincolare) ma dall insieme delle cose, beni materiali e loro composizioni" che insistono su un territorio e ne determinano la conformazione storico-geografica oltre a quella morfologica. Rimane ugualmente un dubbio, che cos è il paesaggio? Un fatto estetico? E il territorio? L ambiente era considerato fino a pochi decenni fa, appartenente alla sfera social letteraria. Geografi e costituzionalisti, storici e urbanisti, filosofi e ambientalisti, hanno discettato e cavillato sul autentico significato di queste categorie. Non sarà una sentenza o un decreto a indirizzare i paesaggisti. A migliorare l ambiente e a offrire soluzioni per il territorio. I tecnici, coloro che adesso sono definiti paesaggisti, o progettisti del paesaggio -(neanche fossero Dio)- hanno ignorato da sempre storie umane, forme, concretezza del territorio. La tutela tramite vincolo paesaggistico non ha salvaguardato il territorio. Tanto meno l ambiente antropico o naturale. Ci vuole un piano, così si pensa, teso a promuovere un assetto condiviso- del territorio in cui il paesaggio diventi protagonista dell assetto stesso. Un piano che si potrebbe definire in termini maggiormente appropriati piano paesistico del territorio. In definitiva: non c è un piano, un progetto, una strategia, per il paesaggio. Ci può essere semmai un contributo per l assetto del territorio. Con molti limiti.

17 paesaggio / ambiente / territorio 17 Pier Luigi Cervellati, per molti anni è stato professore ordinario di urbanistica e pianificazione, occupandosi di città (storiche e moderne) e di ambiente ("naturale", "antropico",ecc.). Oggi si occupa di territorio / ambiente /paesaggio (che sono a suo parere quasi la stessa cosa).

18 18 Agostino De Rosa & Imago rerum team La musica delle sfere nella luce: il Roden Crater project di James Turrell Agostino De Rosa & Imago rerum team, regia e animazioni digitali Maria Pia De Vito, Maurizio Giri e Michele Rabbia, soundtrack Il Roden Crater project, situato in un remoto angolo nel Painted Desert (Arizona) è un land-formed work al quale l artista statunitense James Turrell (Los Angeles, 1943) lavora da più di trent anni. L intento del progettista è quello di trasformare un cono di ceneri estinto, generato da secoli di attività geologica, in un opera d arte a scala paesaggistica capace di intessere, per mezzo della luce, declinata in tutte le sue possibili manifestazioni fisiche e metafisiche, un fitto dialogo con l ambiente naturale che la circonda, sia a quota terrestre che celeste. Proprio dalla constatazione dei lunghi tempi previsti per il completamento del Roden Crater project è nata l idea, maturata nel 2002 presso l Università Iuav di Venezia e da me coordinata scientificamente, di realizzare un modello digitale interattivo dell intero complesso, grazie al quale fosse possibile descrivere e documentare criticamente sia dal punto di vista figurativo che tecnico-scientifico il ruolo che la luce, l ombra e la lettura dei fenomeni celesti svolgono e svolgeranno nella definizione degli spazi architettonici progettati da James Turrell. I risultati di questa ricerca, condotti attraverso uno stretto contatto tra l équipe veneziana e l artista californiano, hanno costituito il nucleo di una serie di mostre (Aula Gino Valle dell Università IUAV di Venezia, ottobre 2007; Galleria e collezione Panza di Biumo, Varese, giugno-agosto 2008; Palazzo Riso, Museo d'arte Contemporanea della Sicilia, Palermo luglio 2009; e prossimamente, Lannan Foundation, Santa Fe, NM, USA, 2010 e Museo Solomon R. Guggenheim, New York 2012) e dei relativi cataloghi, in cui sono state (e saranno in futuro) esposte, oltre alle ricostruzioni digitali di ciascuna singola installazione, soprattutto gli inediti metodi combinatori dei così tanti saperi coinvolti nell opera di Turrell, definendo i ruoli che il progetto e la sua rappresentazione geometrica giocano all interno di ambienti che si situano al confine tra architettura tout-court, progettazione paesistico-ambientale e archeo-astronomia. Le ambienze sonore del video che accompagna le mostre sono state curate da un team di musicisti, provenienti dall area dell improvvisazione jazz e da quella della musica contemporanea ed elettro-acustica

19 La musica delle sfere nella luce: il Roden Crater project di James Turrell 19 (Maria Pia De Vito, Maurizio Giri e Michele Rabbia), che hanno scritto e improvvisato la colonna sonora di un video digitale, prodotto da Imago rerum-iuav, suggestivo dei futuri scenari - terrestri e celesti - visibili nel sito. Didascalie: Fig. 1 Veduta da sud ovest del Roden Crater, Arizona. Fig. 2 Interno dell Alpha tunnel. Fig. 3 L Alpha Space (East Portal) visto dall ultimo tratto dell Alpha Tunnel. Fig. 4 Alpha Space (East Portal). Roden Crater, Arizona. Fotografie: Agostino De Rosa

20 20 Agostino De Rosa & Imago rerum team Didascalie: Fig. 5 Veduta della copertura dell Alpha Space (East Portal). Roden Crater, Arizona. Fig. 6 Veduta interna dell Eye of the Crater. Roden Crater, Arizona. Fotografie: Agostino De Rosa Imago rerum è un collettivo creativo, afferente all Università Iuav di Venezia, composto da docenti, ricercatori e cultori delle discipline della Rappresntazione, sviluppate nelle loro possibili intersezioni con l arte e la musica contemporanea. Impiegando in modo inedito le tecnologie digitali, il team ha fin ora curato due esposizioni: Geometrie segrete. L architettura e le sue ombre (Venezia 2004; catalogo edito dal il Poligrafo, Padova), e Geometrie di luce. Il Roden Crater project di James Turrell (Venezia 2007; catalogo edito da Electa/Mondadori). Quest ultima mostra sarà ripresentata, in forma ampliata, presso il Guggenheim Museum di New York (sulla costa orientale americana) e presso il Los Angeles County Museum (su quella occidentale) per le due antologica sull artista americano previste per l anno 2010.

21 titolo 21

22 22

23 23 Seconda sessione La narratività nel progetto di paesaggio Luigi Latini Giardino misura del paesaggio. Vita del suolo e delle forme vegetali in uno spazio raccolto Renato Bocchi Le strutture narrative e il progetto di paesaggio. Tracce per un racconto Piero Ostilio Rossi Il giardino come narrazione Alan Johnston Visual Thinking: Drawing a Shadow Progetti video Dottorato di ricerca in Architettura. Teorie e progetto dell Università di Roma La Sapienza Racconti per la Ninfa Egeria. Un giardino letterario nel Parco dell Appia Antica Emanuele Garbin Il parco dell Ariosto e del Boiardo. Progetti di paesaggio sulle tracce di Orlando

24 24 Luigi Latini Giardino misura del paesaggio. Vita del suolo e delle forme vegetali in uno spazio raccolto Luigi Latini Si può usare la parola giardino per alludere all esperienza tangibile di un luogo che esprime, in una dimensione esteticamente raccolta, la misura e il significato di un paesaggio all interno del quale si vive. La dimensione palpabile che il giardino contiene può dunque offrire un punto di partenza utile e trasparente per maturare una percezione estesa, meno cerebrale e meno estetizzante di un paesaggio che riconosciamo come parte della nostra esistenza. La costruzione tradizionale di un giardino ha spesso generato la messa a punto di figure che alludono al paesaggio in forma di rappresentazione analogica, di richiamo alle sue componenti simboliche, di celebrazione in forma scenica, ad esempio, di un ideale sociale o di un programma ideologico. L esperienza del moderno, nel secolo scorso ha introdotto benefiche forme di semplificazione nel fare giardini e per questo una sottile, inedita vena di rispetto per il paesaggio che non è stata sempre compresa. La ricerca di un processo di sintesi formale, di semplificazione degli elementi narrativi ha indotto in questo modo giardinieri e paesaggisti a un meditato esercizio di lettura dei luoghi attraversati, dei paesaggi visti, dei cambiamenti sociali che si è dovuto interpretare. Diciamo che in certi giardini moderni si capisce dove siamo nella misura in cui si gode della dimensione spaziale e sensoriale del giardino, senza dover contemplare niente, tanto meno decifrare qualcosa di preciso. Ci sono stati facitori di giardini che hanno ragionato su questo procedimento, con l arte di manipolare le forme vegetali o la pratica di tracciamento del suolo dedotte sia dalle forme di coltivazione agricola che dalle tecniche di cura delle piante. Attraverso l uso moderno di pratiche apparentemente rigide come, ad esempio, l ars topiaria, il giardino assume un articolazione spaziale e una dimensione sensoriale che nella sua sperimentazione diretta, poco si discosta da quella di muoversi liberamente nel paesaggio del quale si sperimentano qui in anticipo misure e sostanza. Questo processo può essere studiato seguendo il doppio registro dello sguardo alle opere realizzate e dell indagine sull esperienza vis-

25 Giardino misura del paesaggio 25 suta di figure che incarnano un attitudine progettuale nella quale un ricco patrimonio di conoscenze converge su forme di semplificazione che esprimono un percezione estesa di paesaggi nei quali l uomo costruisce un ambiente di vita raccolto. Tra queste figure vengono prese ad esempio il fiorentino Pietro Porcinai, i danesi Gudmund Nyeland Brandt e Carl Theodor Sørensen, il californiano Thomas Church e il giapponese Mirei Shigemori. Didascalia: Firenze, Villa Il Roseto, particolare del giardino pensile. Pietro Porcinai, (fotografia di Luigi Latini) Luigi Latini (San Miniato, 1956) è docente di Architettura del paesaggio presso l IUAV e presso il Master in paesaggistica dell Università di Firenze. Ha lavorato presso la Fondazione Benetton Studi Ricerche, di cui è attualmente consulente scientifico. È autore di numerosi saggi su giardino e paesaggio.

26 26 Renato Bocchi Le strutture narrative e il progetto di paesaggio. Tracce per un racconto Renato Bocchi 1. Il paesaggio come racconto Vorrei istituire un parallelismo tra architettura e narratività, in cui l architettura sarebbe per lo spazio ciò che il racconto è per il tempo, vale a dire un operazione configurante ; un parallelismo tra costruire, vale a dire edificare nello spazio, e raccontare, cioè intrecciare nel tempo (Paul Ricoeur). C è un io in movimento che descrive un paesaggio in movimento, e ogni elemento del paesaggio è carico di una sua temporalità Una descrizione di paesaggio, essendo carica di temporalità, è sempre racconto (Italo Calvino). 2. Il paesaggio come palinsesto Il linguaggio con cui è scritto il mondo quotidiano è come un mosaico di linguaggi, come un muro pieno di graffiti, carico di scritte tracciate l una addosso all altra, un palinsesto la cui pergamena è stata grattata e riscritta più volte, un collage di Schwitters, una stratificazione d alfabeti, di citazioni eterogenee, di termini gergali, di scattanti caratteri come appaiono sul video di un computer (Italo Calvino). La costruzione di esperienze immersive nello spazio da parte di Cristina Iglesias avviene attraverso una struttura sequenziale fortemente narrativa, che costruisce itinerari sensoriali sull onda di canovacci o sceneggiature letterarie - nella fattispecie, la riproduzione geroglifica di un testo descrittivo di paesaggi contemporanei di J.G.Ballard, dal suo libro Crystal World, nella texture intrecciata di fili di ferro che vela e rende vibranti gli sguardi e i giochi di luce ed ombra nei suoi Suspended Corridors: sono palinsesti multipli di paesaggio, tracciati da diaframmi bidimensionali, tessili, dotati di una propria trama decorativa e di potenza calligrafica. 3. Architettura come spazio mentale, racconto come immagine mentale. L architettura è spazio mentale costruito - diceva il mio vecchio amico, l architetto Keijo Petäjä : un aforisma semplice e complesso

27 Le strutture narrative e il progetto di paesaggio 27 Didascalia: Cristina Iglesias, Suspended Corridor

28 28 Renato Bocchi come un haiku, questo riferito da Juhani Pallasmaa. Vale a dire: l architettura come luogo che esprime e incarna un esperienza spaziale e di vita. Lo spazio mentale, per Pallasmaa, non può materializzarsi se non in forme corporee, per il tramite dei sensi, e di quella sintesi dei sensi che è nell apticità. E per mezzo del tatto che apprendiamo lo spazio, trasformando il contatto in un interfaccia di comunicazione. In quanto interazione sensoriale, l aptico è legato anche alla cinestesia, ossia all abilità del nostro corpo di percepire il movimento nello spazio (Giuliana Bruno). La corporeità, la materia dell architettura in un accezione fenomenologica, sulla scia di Merleau-Ponty è nell immersione vissuta dentro l esperienza spaziale, è nel cristallizzarsi di uno spazio mentale, è nell inverarsi - attraverso le capacità percettive totalizzanti dell apticità - del significato mentale, di idee, presente nelle cose. In ciò l architettura, come il paesaggio, è concetto profondamente umanistico: Tutti i paesaggi e tutti gli edificî sono mondi condensati, rappresentazioni microcosmiche (Juhani Pallasmaa). L opera di architettura come chora è una materia-spazio, domanda una sintesi delle immaginazioni materiali e spaziali (Alberto Perez- Gomez). Per converso: alla base di un racconto c è spesso un immagine mentale. L unica cosa di cui ero certo mi riferisco alle mie storie fantastiche era che all origine d ogni mio racconto c era un immagine visuale (Italo Calvino). Il metodo seguito da Calvino in questi testi è fondato principalmente sulla analogia e sulla metafora, che sono figure tipiche del pensiero visivo, ma anche di quello visionario (Marco Belpoliti). 4. Lo spazio cinematico e l architettura peripatetica Poiché l esperienza umana di qualsiasi spazio, di qualsiasi luogo, è in continuo divenire, è facile derivare che l architettura e il paesaggio sono universi spazio-temporali fondati sul cinematismo, non certo sulla staticità prospettica, e sulla topologia, non certo sulla geometria eucli-

29 Le strutture narrative e il progetto di paesaggio 29 dea; universi nient affatto immobili o congelati, ma piuttosto universi da esperire in movimento e dentro il tempo, in cui l uomo-utente-fruitore ha un posto privilegiato. Di qui l interesse per la lettura cinematica degli spazi, delle sequenze percettive, delle geometrie emozionali, che meglio d ogni altra arte il cinema incarna. Di qui anche l interesse per i rapporti architetturaletteratura, per le capacità introspettive e narrative dei fenomeni spazio-temporali messe in campo dalla letteratura. Nelle letture e interpretazioni del cinema o della letteratura condotte per sequenze di immagini o per descrizioni narrative ed emozionali si ritrova l essenza della materia architettonico-spaziale. E così che l Orlando Furioso dell Ariosto, con la sua struttura narrativa ipertestuale e la sua evocazione di immagini fantastiche, può essere traccia, idea-guida, canovaccio, di un progetto di paesaggio: forse. Renato Bocchi (Trento, 1949) è professore ordinario di Composizione architettonica e urbana all Iuav. Studia principalmente il rapporto tra architettura, città e paesaggio. Il suo ultimo libro, in corso di stampa nella collana Spazio paesaggio architettura che dirige presso Gangemi, Roma, si intitola: Progettare lo spazio e il movimento.

30 30 Piero Ostilio Rossi Il giardino come narrazione Piero Ostilio Rossi Con l attivazione del 24 ciclo, Il Dottorato di ricerca in Architettura. Teorie e progetto della Sapienza ha ampliato l offerta dei suoi curricula con l introduzione di un profilo formativo indirizzato allo studio teorico e sperimentale dell architettura del paesaggio in contesti urbani e territoriali. All interno di questo profilo, il seminario Arte, natura e architettura. Un approccio multidisciplinare al tema del Paesaggio ha assunto un ruolo d indirizzo formativo, con l obiettivo di introdurre il tema dell architettura del paesaggio nella sua complessità e nelle sue componenti: teoriche, metodologiche, strumentali e sperimentali. Per questo il seminario si è articolato in tre sezioni: una introduttiva, una operativa e una progettuale; le prima e la terza si sono svolte a Roma, la seconda in Valsugana, con base nel Centro di Studi Alpino dell Università della Tuscia a Pieve Tesino. Al Seminario hanno preso parte 17 dottorandi (del primo e del secondo anno di Corso), 4 dei quali stranieri. Il seminario si è concluso con un workshop sul tema di un giardino letterario alla sorgente della Ninfa Egeria nella Valle della Caffarella uno dei luoghi più suggestivi del Parco dell Appia Antica - che è stato scelto, più che per la sua vocazione ad essere modificato, perché ci è sembrato capace di mettere in gioco simultaneamente molti dei temi con i quali il progetto di paesaggio tradizionalmente si confronta: una vegetazione ricca ed articolata in differenti elementi morfolologici, il sistema delle acque, la geometria dei tracciati, le variazioni orografiche, le memorie del passato. Scopo del workshop, quello di saggiare, in forma scritta e disegnata, le capacità di trasferire sul piano evocativo - uno dei possibili registri del progetto di paesaggio - figure, temi o immagini tratte da un esercizio di lettura mirato a fornire stimoli e impulsi alla fase d avvio del processo creativo. Ciascuno dei dottorandi ha scelto il testo letterario su cui costruire il progetto di giardino e la porzione di sito ad esso dedicata. I progetti ruotano prevalentemente intorno al tema del giardino come narrazione attraverso un processo di concettualizzazione che dall interpretazione del testo letterario definisce temi e figure morfogene-

31 Il giardino come narrazione 31

32 32 Piero Ostilio Rossi tiche, in grado di essere trasferite nell impianto figurativo del giardino. Altri lavori giocano sul dispositivo della messa in scena dell opera, altri ancora rimandano invece alle trame delle singole opere ricostruendole attraverso una sequenza di quadri e di scene. I testi scelti sono i seguenti: Narciso e Boccadoro di Hermann Hesse, 1930 (Francesca Barone); Orlando di Virginia Woolf, 1928 (Giuditta Benedetti); Al di là dello specchio di Lewis Carrol, 1865 (Daniele Carfagna); Il guardiano di greggi di Fernando Pessoa, 1957 (Lucia De Vincenti); I fiori blu di Raymond Queneau, 1965 (Carlo Gamboni); Fedra di Ghiannis Ritsos, 1970 (Antonino Di Raimo); Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, 1595 (Valentina Donà); Un mundo para Julius di Alfredo Bryce Echenique, 1970 (Cristina Dreifuss, Perù); I limoni di Eugenio Montale, 1925 (Anna Esposito); Se una notte d inverno un viaggiatore di Italo Calvino, 1979 (Zhai Fei, Cina); Taglia e cuci di Marjane Satrapi, 2003 (Roberto Filippetti); Il giardino dei Finzi Contini di Giorgio Bassani, 1962 (Raffaella Gatti); Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, 1595 (Alessia Maggio); Siddharta di Hermann Hesse, 1922 (Marco Marrocchi); Il giardino dei sentieri che si biforcano di Jorge Luis Borges, 1944 (Paolo Rodorigo); Tre poesie di J.M.R. Molana, F. Farrokhzad e M.A. Sales (Majid Shahbazi, Iran); Fondazione e Impero di Isaac Asimov, 1952 (Belula Tecle, Eritrea). Piero Ostilio Rossi. Ordinario di Composizione architettonica e urbana nella Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni dell Università di Roma La Sapienza, è Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Architettura. Teoria e progetto. Dal 2004 fa parte, su designazione del Sindaco di Roma, del Comitato scientifico della Casa dell Architettura.

33 Alan Johnston 33 Visual Thinking: Drawing a Shadow Alan Johnston This is a green world, with animals comparatively few and small, and all dependent on the leaves. By leaves we live. Some people have strange ideas that they live by money. They think energy is generated by the circulation of coins. Whereas the world is mainly a vast leaf colony, growing on and forming a leafy soil, not a mere mineral mass: and we live not by the jingling of our coins, but by the fullness of our harvests. Patrick Geddes This is my first visit to Venice; I hope that does not shock too much of the audience. But my closest interest in this once ancient republic was finding a great and sympathetic spirit in the city s 20th Century Visual Thinker, Carlo Scarpa. Scarpa a son of the city as I am of Edinburgh he had, as I do a deep interest in Japan. An interest grounded, as for me, in this the native place. The place where in my case Patrick Geddes built on and led a sense of what is deeply and profoundly local. It has led to looking at similarities despite distance, looking at the patterns of people, at the forms created, built and continued. Yet the travel and wandering in Askesis which you may have noted from my list of global activities in peregrination brought me to a particular context in Japan, looking on a Visual Thinking where a familiar geometric sense of form which has a fundamental tactile nature. A kind of living geometry incipient in the landscape itself. Finding through the great American artist and scholar the work of Sesshu, the artist and landscaper, where manipulation of The Void provoked a lasting and intriguing involvement in a Tactile Vision, a form of anti form, or as Charles Esche has described, Alan Johnston s work is, at times, almost invisible but almost is not invisible at all. At a time when our lives are saturated by commodified images, looking at a simple drawing that relies so much on what we, as viewers bring to it, becomes a test not just of our perception but of our whole system of value. What we see how we see it and even whether we register it all are consciously determined a mirror of our private self in a way and a measure of our understanding of order, space and

34 34 Alan Johnston structure. It is the economical way in which this act of self awareness is achieved that make Johnston s work so extraordinary and effective. Yet in this as a parallel there has been a deep fascination for forms that at first seem hidden in fact placeless. With this has come an interest in the East as a way finding the place of self, and is closely reflected in an observation of the American writer John Barth when describing the Odyssean notion of the nature of place and travel. There s no mystery in Oedipus the King, that quintessential Western Drama. East has so far been East; West. But, as the mythic model demonstrates, it is one voyage after all, and its philosophical hemispheres impinge at two interesting places. One is down there at Axis Mundi, where as Odysseus tells his shipmates, on that, Wine Dark Sea, East and West mean Nothing. John Barth. Mystery and Tragedy. The Twin Motions of Ritual Heroism

35 Visual Thinking: Drawing a Shadow 35 Alan Johnston is an Edinburgh-based artist and Professor at the Edinburgh College of Art, Edinburgh, Scotland. He is specially interested in the ways in which spatial depth is experienced and marked out, and mindful of the fact that this depends as much upon our perception of the voids between objects as our perception of objects themselves; for his recent work, see:

36 36 Dottorato di ricerca Università di Roma La Sapienza Racconti per la Ninfa Egeria. Un giardino letterario nel Parco dell Appia Antica Dottorato di ricerca in Architettura. Teorie e progetto dell Università di Roma La Sapienza Il video presenta una sequenza di immagini tratte dai progetti elaborati dai dottorandi che hanno partecipato nel 2008 al Seminario Arte, natura e architettura. Un approccio multidisciplinare al tema del Paesaggio. Il workshop conclusivo proponeva il tema del giardino letterario da collocarsi in una radura compresa tra la sorgente della Ninfa Egeria e il fiume Almone, nella Valle della Caffarella. Diversi sono stati gli atteggiamenti nello stabilire un rapporto tra l opera letteraria e il progetto del giardino. Alcuni sono riferibili a temi e figure evocative del testo: il tema del recinto come sintesi della separazione o il senso del dramma dell amore nell immagine di un drappo in movimento. Altri invece, stimolati dalla conformazione dell area, indagano il tema del doppio: il rapporto maschile/femminile; la ragione contrapposta ai sensi; il terreno arido e il labirinto vegetale; la coesistenza conflittuale tra diversi gruppi sociali; il bosco come incantesimo e la radura come salvezza. Un secondo gruppo di progetti è costruito sull idea di mettere in scena l opera letteraria: la tensione tra il bisogno di ordine e la incapacità di comprendere un mondo estraneo; i differenti racconti intorno alla storia di un luogo; i giardini tematici come stanze per raccontare; il giardino di frammenti, dieci inizi per altrettante storie; la figura del labirinto e la necessità del ritorno; il tema dell acqua e la figurazione quadripartita; la dimensione del sogno e della realtà; l attraversamento, la confidenza, l evocazione e i riferimenti allo spazio urbano; il tema del viaggio come percorso esistenziale. Un ultimo progetto infine gioca sul registro dell allusione alla trama dell opera attraverso il sentiero che si fa narrazione degli eventi. Video a cura di Francesca Romana Castelli (QART Laboratorio per lo studio di Roma contemporanea) e realizzazione di Rosalba Belibani, Luca Fabbri, Alessandro Santamaria Ferraro, Marco Donato (LaMA Laboratorio Multimediale di Architettura) del DiAR Dipartimento di Architettura della Università di Roma La Sapienza (w3.uniroma1.it/diar).

37 Racconti per la Ninfa Egeria. Un giardino letterario nel Parco dell Appia Antica 37

38 38 Emanuele Garbin Il parco dell Ariosto e del Boiardo. Progetti di paesaggio sulle tracce di Orlando Video di Emanuele Garbin, Silvia Bortolato, Federica Crestani, Filippo De Francesco, con la collaborazione di Carlo Ferro LAR. Elaborati del Laboratorio di Paesaggio 1. La possibilità della sorpresa e della meraviglia sembra aver abbandonato da tempo il paesaggio contemporaneo, tanto quello reale quanto quello che ci sforziamo di immaginare per l immediato futuro. L attesa di un apparizione imprevista è una disposizione ormai ingiustificabile nell esplorazione di un bosco vero o di una sua mappa. La perfetta consapevolezza della propria posizione e della misura del proprio intorno ha reso ogni tragitto troppo piccolo per la dismisura e la paura, ha colmato ogni abisso e la rimozione di ogni rischio spaziale è talmente compiuta da non poter essere più percepita, né tantomeno lamentata. Ad una contrazione dei margini d incertezza negli itinerari reali, meno il risultato di una colonizzazione che di un omologazione dei sistemi di coordinate ideali, corrisponde una analoga riduzione dell incertezza e dello spessore del tratto grafico che riproduce il nuovo mondo, prodotto da processi che si caratterizzano per la totale determinabilità dei risultati. Il rimpianto per la perdita del senso e del segno della meraviglia ci può portare ad interrogazioni radicali, magari alla scoperta di una condizione e un destino disperanti. È anche vero che l avventura inizia spesso in spazi angustissimi, aprendo radure in fessure microscopiche. Quando ingrandiamo molte volte un immagine digitale scopriamo quanto frustrante e vicino sia il limite della misura di un pixel. Quando sprofondiamo nelle parti scure di una foto o di una scansione tocchiamo rapidamente il fondo della percentuale nulla di colore. Il pixel e l azzeramento delle componenti cromatiche di solito ci respingono verso la superficie delle forme e dei colori riconoscibili. Nulla però ci impedisce davvero di trattenerci a contemplare, forse un po stupidamente, quelle distribuzioni indecifrabili di quadrati neri, appena più chiari, appena più colorati, e di immaginare cosa nasconde la barriera di quella griglia e di quella soglia luminosa. In questa condizione di stupita attesa si sosta di fronte alle scacchiere policrome o ai paesaggi

39 Il parco dell Ariosto e del Boiardo 39 perennemente sfuocati di Gerhard Richter, come davanti alle linee e alle fessure verticali di Barnett Newmann, veri e propri paesaggi totali. Si può allora provare ad immaginare, proprio a partire dall esercizio particolare del ritratto di un paesaggio, delle strategie o degli stratagemmi grafici che recuperino nel tratto digitale quello spessore di indeterminatezza in cui si trattiene una folla di forme potenziali. Nei margini confusi di questi bordi si può ancora celare l immagine riflessa di una meraviglia interiore capace di proiettarsi nel mondo reale.

40 40 Emanuele Garbin

41 41 Emanuele Garbin, architetto, svolge attività di ricerca nel campo della teoria e dei metodi della rappresentazione grafica presso l università IUAV di Venezia, dove insegna dal I suoi studi più recenti riguardano principalmente il tema dell autenticità e della materia delle simulazioni nell architettura e nelle arti figurative. Con Malvina Borgherini ha fondato nel 2007 il Me.La, il laboratorio multimediale dello IUAV.

42 42

43 43 Terza sessione Arte e paesaggio: per il sociale Cristina Barbiani The process is the purpose : Anna e Lawrence Halprin Sara Marini Architetture in fieri Michela Pasquali Eterogeneità e temporaneità nei nuovi giardini urbani Progetto video LIVING DEVICES LAB, Giulia Marabini, Chiara Buffa LIVING DEVICES: Coltivare il paesaggio fluviale. Strategie creative per una rigenerazione ecologica Emanuele Braga / Balletto Civile LANDESCAPE

44 44 Cristina Barbiani The process is the purpose : Anna e Lawrence Halprin Cristina Barbiani Fin dagli anni Cinquanta Anna e Lawrence Haprin lavorano all ideazione di nuove pratiche analitiche del paesaggio e alla creazione di strumenti per la gestione della creatività. Attraverso i progetti dei giardini da vivere e non solo da contemplare, che invitavano il visitatore a calpestare l erba, ma anche attraverso gli studi sul corpo, la natura e la forma, si andava costituendo una nuova idea di spazio. Tecniche di percezione cinestetica, passeggiate sensibili o i taking part workshops rompono decisamente i canoni tradizionali della ricerca e dell analisi del territorio. Sconfinando nella modalità della pratica performativa, la città e il paesaggio naturale vengono osservati attraverso strumenti appartenenti ad altre discipline. Gli Halprin si scambiano gli strumenti del mestiere, alterano i ruoli, principalmente con lo scopo di esaminare e decostruire il processo creativo. L idea di usare il corpo e le tecniche sperimentali di notazione per il movimento, come strumenti per la lettura del paesaggio, nasce quindi da una volontà precisa: è il tentativo di ricondurre l attenzione verso una concezione dello spazio di tipo sensibile, a partire da risorse come la capacità percettiva del corpo, il riconoscimento delle pratiche d uso fino alla concezione di modelli per la gestione della creatività collettiva. La forma è il risultato di un processo, che nasce non solo da ragioni interne all oggetto stesso, ma anche come equilibrio con il soggetto che la percepisce e la vive. Anche il tempo e il movimento entrano a far parte della rappresentazione, in quanto componenti essenziali di un modo nuovo di guardare lo spazio non più oggettivo e statico, ma soggettivo e dinamico. Stiamo andando verso un esistenza cinetica spazio-temporale, verso una consapevolezza delle forze e delle loro relazioni reciproche che definiscono l intera esistenza, per le quali non abbiamo conoscenze e non abbiamo ancora la terminologia esatta per parlarne aveva scritto Moholy Nagy nel suo libro Vision in motion prefigurando e in qualche modo determinando molti studi e ricerche a lui successive. I progetti maturi di Lawrence Halprin traducono queste premesse in operazioni spettacolari che trasformano lo spazio in luoghi di natura performativa in cui la presenza delle persone diventa un elemento essenziale e imprescindibile.

45 The process is the purpose : Anna e Lawrence Halprin 45 Didascalia: Ira Keller Fountain, Portland, ( ). Lawrence Halprin. Foto della fontana dall'alto Cristina Barbiani è laureata in Architettura e in Progettazione e Produzione delle Arti Visive, presso l Università Iuav di Venezia. Si occupa di relazioni fra architettura, paesaggio e arti performative. Nel 2003 è stata visiting student presso la New York University e nel 2006 presso l MIT di Boston. Nel 2009 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Storia dell Architettura e della Città, Scienze delle arti, Restauro presso la Scuola di Studi Avanzati in Venezia con una tesi su Anna e Lawrence Halprin. Dal 2004 collabora con la Facoltà di Design e Arti dell Università Iuav di Venezia.

46 46 Sara Marini Architetture in fieri Sara Marini Echi del nuovo senso di paesaggio fissato dalla Convenzione Europea risuonano in modelli progettuali e strategie relazionali in grado di risignificare il concetto di spazio pubblico. Strati di un attenzione che riemerge a sostenere il ruolo di connettore del paesaggio in dialoghi intermittenti tra architettura e territorio. Nel 1985 alla terza Mostra Internazionale di Architettura di Venezia le tre macchine presentate da Daniel Libeskind sottolineano la possibilità per l architettura di farsi ingranaggio capace di restituire il senso dei luoghi, delle trasformazioni che li attraversano e di porre in essere la partecipazione di coloro che attivano i dispositivi e che assistono al loro movimento. Il valore del paesaggio come sistema operazionale si traduce in architettura in disponibilità di accoglienza: The Weather Project, allestito da Olafur Eliasson nel 2003, investe lo spazio ospitante della Tate Modern componendo un nuovo paesaggio dichiaratamente artificiale che proietta i visitatori in una dimensione altra, modificandone i comportamenti. L architettura sperimenta la possibilità che il proprio ventre non venga terminato ma, lasciato come spazio in attesa, come ad esempio nel Palais de Tokyo di Lacaton e Vassal, si renda disponibile ad accogliere nuove finite identità. Proprio all interno di questo spazio museale l installazione Abandon di Tony Matelli evidenzia come, oltre alle scenografie dell arte, significate dalle reazioni dello spettatore, un ulteriore elemento vivo, il verde incolto che sopraggiunge in seguito all abbandono, possa colonizzare l architettura. Anche lo spazio privato non è esente da occupazioni spontanee. La presenza del verde non è più un accessorio al quale attribuire uno spazio determinato ma ingloba la casa stessa, come testimoniano le sperimentazioni degli R&Sie (n) in Francia e di Fujimori in Giappone: un invasione vegetale preordinata che sposta l orologio biologico della casa, la colloca in un tempo a venire, mette in cortocircuito quelli che sono i limiti tra le proprietà e lo spazio condiviso, li rende ambigui. Il risultato di questi intrecci tra dispositivo progettuale e scene effimere o in naturale evoluzione è una totale interazione con il fruitore. Gli edifici pubblici oggi mettono in esercizio questa possibilità di trasformazione continua, a restituire un senso del luogo fluttuante: la stratificazione costruita e

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine

COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine COMPETENZE DISCIPLINARI Arte e immagine AL TERMINE DEL PRIMO BIENNIO COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE L alunno è in grado di L alunno conosce Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Il Progetto educativo e formativo del Liceo Artistico G. de Chirico è finalizzato alla crescita globale

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Davide Papotti Università degli Studi di Parma Dipartimento ALEF - Antichistica Lingue Educazione Filosofia Quattro domande Il viaggio e la sua narrazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

POLO ARTISTICO. LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico. Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI

POLO ARTISTICO. LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico. Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI POLO ARTISTICO LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI Il Liceo Artistico, Musicale e Coreutico Misticoni Bellisario è organizzato operativamente in due sedi: V. Bellisario

Dettagli

CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO

CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO ISTITUTO COMPRENSIVO OSSI-FLORINAS CURRICOLO DELL AMBITO STORICO - GEOGRAFICO L itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando tre gradi di scuola caratterizzati ciascuno da una specifica

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

Costruire il margine:

Costruire il margine: Costruire il margine: un nuovo approdo per l isola di Manhattan Relatore: Prof. ssa Guya Bertelli Correlatore: Prof. Juan Carlos Dall Asta Laureandi: Mattia Fornara 750322 Paolo Nordi 751911 POLITECNICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Roma, Auditorium Parco della Musica, 20.21.22 maggio 2011

Roma, Auditorium Parco della Musica, 20.21.22 maggio 2011 Paesaggio, giardinaggio, design e architettura si incontrano per individuare e proporre soluzioni pratiche ed estetiche in linea con le più avanzate esigenze ecologiche. Roma, Auditorium Parco della Musica,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1:

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1: Università degli Studi "G. d'annunzio" Chieti. Facoltà di Architettura di Pescara Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico in Architettura DSSARR - Dipartimento di Scienze, Storia dell'architettura,

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

I giardini sensibili alla Casa Masaccio Compagnia TPO-Teatro Fabbrichino. Compagnia TPO. Comune di San Giovanni Valdarno Alla c.

I giardini sensibili alla Casa Masaccio Compagnia TPO-Teatro Fabbrichino. Compagnia TPO. Comune di San Giovanni Valdarno Alla c. Comune di San Giovanni Valdarno Alla c.a di Fausto Forte I giardini sensibili alla Casa Masaccio Compagnia TPO-Teatro Fabbrichino Compagnia TPO associazione culturale via targetti 10/8 59100 Prato (PO)

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015.

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015. Orto Botanico di Catania Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali Università degli Studi di Catania Via A. Longo, 19 95125 Catania tel. 095-430902; e-mail: orto.scuola@yahoo.it L ORTO

Dettagli

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano COMUNICAZIONE E DIDATTICA DELL ARTE Accademia di Belle Arti di Brera - Milano La Scuola di Didattica dell arte dell Accademia di Brera risponde ad un vuoto formativo sulle culture del contemporaneo e dei

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE SCUOLA DELL'INFANZIA ABILITA' CONOSCENZE COMPETENZE COMPITO AUTENTICO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA La Geografia studia i rapporti delle società umane tra loro e con il pianeta che le ospita. È disciplina di cerniera per eccellenza, poiché consente di mettere in relazione temi economici, giuridici,

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

University Press. Morlacchi Editore

University Press. Morlacchi Editore University Press Morlacchi Editore Ornella Bovi - Enrico Bocciolesi Dall arte al cervello Profili di un percorso interpretativo fra sinestesie ed emozioni Morlacchi Editore Prima edizione: 2010 Ristampe

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA TITOLO: TEMPO CAMBIA COLORE UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA DATI IDENTIFICATIVI TIPOLOGIA DELL UA: Pluridisciplinare ANNO SCOLASTICO:2012/2013 DESTINATARI: alunni di classe prima di Porticino DOCENTI COINVOLTI:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose

MOA.TODAY. Interattività per menti curiose Interattività per menti curiose About Us Dove siamo Metodologia Servizi Space sharing Progetti 2 ABOUT US Design interattivo per menti curiose Siamo creatori appassionati dell arte multimediale, di idee

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA sensazioni ed emozioni; rappresentare e la realtà percepita; 2. Sperimentare strumenti e tecniche diverse per realizzare prodotti grafici, plastici,

Dettagli

Le novità 2014 per CoachMag

Le novità 2014 per CoachMag Le novità 2014 per CoachMag Credits Direttore editoriale: Natascia Pane direttore@coachmag.it - tel. +39 340 5279723 Editore: LA CASE Books, Los Angeles, CA 90093, USA. www.lacasebooks.com Fondatrice:

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore Periodo Settembre - Novembre 2013 AFRODITE le rose dell amore Avviarsi comprendere /Comprendere/Pot

Dettagli

PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri

PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri PRODURRE E SCAMBIARE VALORE TERRITORIALE Dalla città diffusa allo scenario della forma urbis et agri A cura di - Alinea, Firenze, 2009 Il Laboratorio del Parco Agricolo Sud Milano tra produzioni di qualità

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015 Maria Ausiliatrice - Luino DI ITALIANO Si fa riferimento al PROFILO IN USCITA della classe. Ascolto e parlato Interagire in modo collaborativo negli scambi comunicativi rispettando i turni di intervento

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE SEMINARIO Per i docenti e dirigenti scolastici delle scuole statali della provincia di Torino Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione Una bussola

Dettagli

REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO ALLEGATO E PROTEZIONE DEI GIARDINI STORICI CARTA DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO ALLEGATO E PROTEZIONE DEI GIARDINI STORICI CARTA DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO ALLEGATO E PROTEZIONE DEI GIARDINI STORICI CARTA DI FIRENZE CARTA DEI GIARDINI STORICI DETTA "CARTA DI FIRENZE" Riunito a Firenze il 21 maggio 1981, il Comitato

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

3-Organizzazione didattica 1

3-Organizzazione didattica 1 Unità di apprendimento n.1 1-dati identificativi Titolo: SIAMO FATTI COSI Materia : Scienze Docenti impegnati nello sviluppo dell UDA: tutti i docenti di scienze Tempi di sviluppo: Ottobre / Novembre/Dicembre

Dettagli

Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012

Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012 02/12/2014 1 GEOGRAFIA Insegnare geografia nella scuola dell infanzia e nella scuola primaria Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012 02/12/2014

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli