VERBALE N 11/ il prof. Bruno NOTARNICOLA, Preside della II Facoltà di Economia; x

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE N 11/2010. - il prof. Bruno NOTARNICOLA, Preside della II Facoltà di Economia; x"

Transcript

1 S.A ******* Verbale del Senato Accademico, costituito ai sensi dell art. 24 dello Statuto dell Università degli Studi di Bari, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 264 del ed emanato ai sensi della Legge n Seduta straordinaria del Si riunisce alle ore 16,45. VERBALE N 11/2010 P = Presente A = Assente AG = Assente giustificato P A AG - Il Magnifico Rettore, prof. Corrado PETROCELLI, Presidente; - il prof. Augusto GARUCCIO, Pro-Rettore; - il prof. Vito Nicola SAVINO, Preside della Facoltà di Agraria; - il prof. Vittorio DELL ATTI, Preside della Facoltà di Economia; - il prof. Bruno NOTARNICOLA, Preside della II Facoltà di Economia; - il prof. Roberto PERRONE, Preside della Facoltà di Farmacia; - il prof. Mario Giovanni GAROFALO, Preside della Facoltà di Giurisprudenza; - il prof. Antonio Felice URICCHIO, Preside della II Facoltà di Giurisprudenza - la prof.ssa Grazia DISTASO, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia; - il prof. Pasquale GUARAGNELLA, Preside della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere; - il prof. Antonio QUARANTA, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia; - il prof. Canio BUONAVOGLIA, Preside della Facoltà di Medicina Veterinaria; 1

2 S.A P A AG - il prof. Luigi PALMIERI, Preside della Facoltà di Scienze Biotecnologiche; - il prof. Giuseppe ELIA, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione; - il prof. Paolo SPINELLI, Preside della Facoltà di Scienze MM.FF.NN.; - la prof.ssa Silvia ROMANELLI, Preside della II Facoltà di Scienze MM.FF.NN.; - il prof. Ennio TRIGGIANI, Preside della Facoltà di Scienze Politiche; - il prof. Nicola CUFARO PETRONI, in rappresentanza dell area scientifica n. 1 Matematica - Informatica ; - il prof. Vittorio PICCIARELLI, in rappresentanza dell area scientifica n. 2 Fisica; - il prof. Rocco LAVIANO, in rappresentanza dell area scientifica n. 4 Scienze della terra ; - la prof.ssa Grazia Maria LIUZZI, in rappresentanza dell area scientifica n. 5 Scienze Biologiche - il prof. Francesco RESTA, in rappresentanza dell area scientifica n. 6 Scienze mediche ; - la prof.ssa Diana CONTE CAMERINO, in rappresentanza dell area scientifica n. 7 Scienze farmaceutiche e veterinarie ; - il prof. Giuseppe DE MASTRO, in rappresentanza dell area scientifica n. 8 Agraria ; - il prof. Stefano BRONZINI, in rappresentanza dell area scientifica n. 9 Scienze letterarie linguistiche e artistiche ; - il prof. Giuseppe MASTROMARCO, in rappresentanza dell area scientifica n. 10 Scienze dell antichità ; - il prof. Paolo PONZIO, in rappresentanza dell'area scientifica n. 11 "Scienze filosofiche, pedagogiche e psicologiche"; - il prof. Pierdomenico LOGROSCINO, in rappresentanza dell area scientifica n. 12 Scienze giuridiche ; - il prof. Ennio CORVAGLIA, in rappresentanza dell area scientifica n. 13 Scienze storiche, politiche e sociologiche ; - la prof.ssa Angela Stefania BERGANTINO, in rappresentanza dell area scientifica n. 14 Scienze economiche e statistiche ; - il dott. Gianfranco BERARDI, in rappresentanza del personale tecnicoamministrativo; 2

3 S.A il sig. Rocco CAMPOBASSO, in rappresentanza del personale tecnicoamministrativo; - il sig. Guido DE SANTIS, in rappresentanza del personale tecnicoamministrativo; - il sig. Michele BOTTALICO, in rappresentanza degli studenti; - il sig. Giuseppe BELVEDERE, in rappresentanza degli studenti; - il sig. Marco OTTOMANO PALMISANO, in rappresentanza degli studenti; - la sig.ra Laura DE MARZO, in rappresentanza degli studenti; - la sig.ra Claudia VERNA, in rappresentanza degli studenti; - il dott. Giorgio DE SANTIS, Direttore Amministrativo, Segretario. Il Presidente, constatata la validità dell adunanza, dichiara aperta la seduta. P A AG L ordine del giorno è il seguente: Comunicazioni del Rettore III. DIDATTICA, RICERCA, PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO 1. D.M , n. 198 artt. 3 e 6 e DD.MM , n. 263 e , n. 492 Fondo per il sostegno dei giovani : assegnazione borse di studio aggiuntive dottorato di ricerca Esercizio finanziario Dottorato di ricerca XXVI ciclo Anno 2011: adempimenti VI. STRUTTURE DIDATTICHE, DI RICERCA E DI SERVIZIO 3. Proposta di disattivazione dei Centri Interdipartimentali di Ricerca Per la Ricerca in Psicologia e Scienza Cognitiva Per i disturbi d ansia e depressivi Varie ed eventuali Nel corso della seduta alcuni componenti sono entrati nella sala di riunione, altri se ne sono allontanati senza che sia mai venuto a mancare il numero legale ai fini della validità dell'adunanza. 3

4 S.A /saluto SALUTO ALLA SENATRICE CLAUDIA VERNA Il Rettore nel ricordare che, con D.R. n del , la sig.ra Claudia Verna è stata nominata quale rappresentante degli studenti nel Senato Accademico, per lo scorcio del triennio accademico 2008/2011, rivolge alla sig.ra Claudia Verna un caloroso augurio di benvenuto e di buon lavoro in qualità di componente del Senato Accademico. Il Senato Accademico, unanime, si associa. 4

5 S.A /comunic. COMUNICAZIONI DEL RETTORE Il Rettore, preliminarmente, aggiorna in merito al calendario di discussione del Disegno di Legge S-1905 di riforma dell Università, con la ripresa dell esame degli emendamenti in seno alla VII Commissione Cultura prevista per il giorno 18 p.v., per il successivo passaggio della discussione in aula. Egli si sofferma, quindi, sulle recenti notizie di stampa in merito agli stanziamenti ministeriali a favore del sistema universitario, fornendo ulteriori chiarimenti circa l entità dei tagli e l impiego della potenziale somma pari ad un miliardo di euro per il sostegno finanziario non solo del FFO, ma di ulteriori e diverse voci accessorie, quali, in particolare, il fondo per il diritto allo studio, nonchè, per il cofinanziamento, almeno per il primo anno, dei concorsi per professore associato. Egli, come già evidenziato nella precedente occasione, nel far presente che a tutt oggi non è stata diramata alcuna comunicazione ufficiale in merito alla quota del FFO assegnata a questo Ateneo per l anno 2010, sottolinea, comunque, che i parametri di sostenibilità attivati con il piano di rientro 2010/2012 pongono questa Università in una posizione di sufficiente tranquillità. Entra, alle ore 16,55, il Preside Notarnicola. Egli informa, altresì, in merito alla predisposizione da parte del MIUR di linee strategiche di indirizzo per la programmazione triennale, trasmesse alla CRUI per l espressione del relativo parere, illustrandone sommariamente i contenuti, con particolare riguardo all incentivazione delle fusioni e delle federazioni universitarie, nonchè alla possibilità di rimodulare, per alcune realtà, i percorsi curricolari didattici, attraverso un ritorno ai corsi a ciclo unico, in controtendenza con l attuale apparato normativo di riferimento nella materia de qua, rappresentato dal decreto MIUR n. 17 del , di recepimento della nota MIUR prot. n. 160 del Egli, nell evidenziare l indifferibile esigenza di un sistema omogeneo di gestione delle Offerte formative e delle carriere degli studenti nell ambito del sistema universitario federato pugliese, molisano e lucano, invita, a tal fine, i Presidi, in aggiunta alle iniziative 5

6 S.A /comunic. già intraprese dai Rettori delle Università coinvolte, ad attivare contatti con i rispettivi colleghi delle sedi federate, ai fini dell avvio di forme immediate di cooperazione nella materia di che trattasi, anticipando alcuni settori di intervento, quali, in particolare l attivazione presso la sede di Brindisi di corsi di studio in comune con l Università del Salento, nonché la verifica della fattibilità di ripristinare alcuni corsi di laurea delle Facoltà di Scienze della Formazione e di Medicina Veterinaria, non attivati per l a.a. 2010/2011 nell ottica di riorganizzazione, tenuto conto, altresì, delle insistenti richieste in tal senso provenienti dalla comunità universitaria. Interviene il prof. Corvaglia, il quale chiede ed ottiene chiarimenti in merito alla problematica concernente le istruzioni tecniche di inserimento delle pubblicazioni dei docenti tramite l interfaccia riservata del sito del CINECA, rilevando difficoltà con riguardo alle pubblicazioni di grande mole. Il Senato Accademico prende nota. 6

7 S.A /p.1 III. DIDATTICA, RICERCA, PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO D.M , N. 198 ARTT. 3 E 6 E DD.MM , N. 263 E , N. 492 FONDO PER IL SOSTEGNO DEI GIOVANI : ASSEGNAZIONE BORSE DI STUDIO AGGIUNTIVE DOTTORATO DI RICERCA ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 Il Rettore apre il dibattito sulla seguente relazione predisposta dal Dipartimento per la Formazione Post-Laurea e gli Esami di Stato Professionali Area Dottorato di ricerca e Post dottorato Settore I Dottorato di ricerca ed invita il Senato Accademico a pronunciarsi in merito: La Commissione incaricata di formulare una proposta di assegnazione delle borse di studio aggiuntive di cui in epigrafe, si è riunita nei giorni 18 e 20 ottobre Gli esiti delle predette riunioni sono riportati nei Verbali del 18 e del 20 ottobre 2010, il cui testo qui di seguito si riporta: VERBALE DELLA COMMISSIONE INCARICATA DI FORMULARE UNA PROPOSTA DI RIPARTIZIONE DELLE BORSE DI STUDIO AGGIUNTIVE PER I DOTTORATI DI RICERCA DI CUI AL D.M. 23 ottobre 2003, n. 198 artt. 3 e 6 e DD.MM. 9 AGOSTO 2004, N. 263 e 3 novembre 2005, n. 492 FONDO PER IL SOSTEGNO DEI GIOVANI - ESERCIZIO FINANZIARIO Riunione del 18 ottobre 2010 Il giorno 18 ottobre 2010, alle ore 16,00 nel Salone Dorato del Rettorato dell Università degli Studi di Bari Aldo Moro, si è riunita la Commissione di cui in epigrafe. Sono presenti la Prof.ssa Angela Agostiano, delegato del Rettore per il Dottorato di ricerca, i Professori: Maria Grazia Liuzzi, Diana Conte. Alle ore 17,00 entrano i Proff. Saverio Florio e Pierdomenico Logroscino. Sono assenti giustificati i Proff. Nicola Cufaro Petroni e Francesco Resta. Sono assenti i Proff. Giuseppe De Mastro e Vittorio Picciarelli. Inoltre sono presenti per il Settore I dell Area Dottorato di ricerca e Post dottorato la Sig.ra Maria Masiello, con funzioni di Segretario verbalizzante e la Dott.ssa Gisella Introna. Presiede la seduta la Prof.ssa Angela Agostiano che, accertata la validità della seduta, la dichiara aperta alle ore 17,00. In apertura di seduta la Prof.ssa Agostiano ricorda che in data 27 novembre 2009, sono state inviate al MIUR le richieste di finanziamento di borse di studio aggiuntive 7

8 S.A /p.1 per i dottorati di ricerca per il 25 e 26 ciclo, finalizzate ad attività di studio relative ai seguenti ambiti di indagine prioritaria: Salute dell'uomo (studio e trattamento dei tumori e delle malattie degenerative con nuovi approcci derivati dalla conoscenza del genoma umano); Rilancio dell'industria farmaceutica anche attraverso la chimica fine dei composti naturali per nuove applicazioni diagnostiche e nuovi principi attivi; Nuove applicazioni dell'industria biomedicale; Sistemi avanzati di manifattura con impatto non solo nell industria delle macchine utensili, ma su comparti manifatturieri del Made in Italy quali tessile, abbigliamento, meccanica strumentale; Valorizzazione dei prodotti tipici dell agroalimentare e sicurezza alimentare attraverso nuovi sistemi di caratterizzazione e garanzia di qualità; ICT e componentistica elettronica; Risparmio energetico e microgenerazione distribuita. Lo stesso MIUR, con nota del 17 marzo 2010, prot. n.606 ha comunicato che con D.D. del 10 marzo 2010, n. 54, in corso di registrazione, è stato assegnato a questo Ateneo l importo pari ad Euro ,45 relativo al finanziamento, per l anno 2009, di n. 13 borse di studio aggiuntive per i corsi di dottorato di ricerca triennali come risulta dal prospetto (Allegato 1). Nella medesima nota il MIUR per un corretto utilizzo delle borse ha ritenuto necessario sottolineare quanto segue: - se più dottorati, afferenti allo stesso programma strategico di ricerca, siano stati dichiarati ammissibili dal suindicato Comitato, le SS.LL. provvederanno a ripartire le borse assegnate in relazione sia alle eventuali priorità indicate nella domanda trasmessa per via telematica che alle specifiche esigenze di ciascun corso di dottorato; se, per mancanza in graduatoria di dottorandi idonei, non sia possibile attribuire le borse assegnate per il ciclo in corso,l Università provvederà a congelarle e a destinarle allo stesso dottorato, attivato nel ciclo successivo; se dottorandi assegnatari di borsa, decorso un breve periodo, vi abbiano rinunciato,le borse,previa integrazione della quota erogata, sono assegnate a dottorandi idonei, impegnati sulla stessa ricerca e che non godano di altre forme di retribuzione, diversamente,le borse stesse devono essere congelate per gli stessi dottorati, ove attivati nel ciclo successivo. La Prof.ssa Agostiano, nell evidenziare che le borse assegnate sono 13 rispetto a 15 assegnate l anno passato, fa presente che per i seguenti ambiti di indagine prioritaria è stato attribuito un numero di borse inferiore al numero di dottorati dichiarati ammissibili: Per l ambito di indagine prioritaria Salute dell uomo (studio e trattamento dei tumori e delle malattie degenerative con nuovi approcci derivati dalla conoscenza del menoma umano), il MIUR ha attribuito n. 4 borse di studio a fronte di n. 14 dottorati ritenuti ammissibili; 8

9 S.A /p.1 Per l ambito di indagine prioritaria Nuove applicazioni dell industria biomedicale, il MIUR ha assegnato n. 2 borse di studio a fronte di n. 6 dottorati ritenuti ammissibili; Per l ambito di indagine prioritaria Valorizzazione dei prodotti tipici dell agroalimentare e sicurezza alimentare attraverso nuovi sistemi di caratterizzazione e garanzia di qualità, il MIUR ha assegnato n. 5 borse di studio a fronte di n. 13 dottorati ritenuti ammissibili; Per l ambito di indagine prioritario ICT e componentistica elettronica il MIUR ha attribuito n. 1 borsa di studio a fronte di 2 dottorati ritenuti ammissibili; Per l ambito di indagine prioritario Risparmio energetico e microgenerazione distribuita il MIUR ha attribuito n.1 borsa di studio a fronte di 2 dottorati ritenuti ammissibili. La Prof.ssa Agostiano invita i componenti della Commissione a formulare delle ipotesi di ripartizione delle borse di studio. Si apre un ampio e lungo dibattito durante il quale emergono difficoltà riguardo ai criteri da utilizzare per l attribuzione delle predette borse di studio. Al termine la Commissione concorda sull utilizzo di uno dei seguenti criteri: Premiare i dottorati ritenuti ammissibili in più ambiti secondo la priorità indicate nelle proposte di dottorato attribuendo una borsa di studio ciascuno e sorteggiare le rimanenti borse tra gli altri dottorati, ambito per ambito, oppure procedere al sorteggio dei dottorati fra gli ambiti di indagine prioritario. La riunione viene aggiornata al giorno 20 ottobre 2010, ore 12,00 per impegni di alcuni docenti. La seduta viene tolta alle ore 19,00. IL SEGRETARIO VERBALIZZANTE F.to Sig.ra Maria Masiello IL PRESIDENTE F.to Prof.ssa Angela Agostiano VERBALE DELLA COMMISSIONE INCARICATA DI FORMULARE UNA PROPOSTA DI RIPARTIZIONE DELLE BORSE DI STUDIO AGGIUNTIVE PER I DOTTORATI DI RICERCA DI CUI AL D.M. 23 ottobre 2003, n. 198 artt. 3 e 6 e DD.MM. 9 AGOSTO 2004, N. 263 e 3 novembre 2005, n. 492 FONDO PER IL SOSTEGNO DEI GIOVANI - ESERCIZIO FINANZIARIO Riunione del 20 ottobre 2010, ore 12,00 Il giorno 20 ottobre 2010, alle ore 12,00 nella Sala Riunioni della Presidenza della Facoltà di Lettere e Filosofia, II piano, dell Università degli Studi di Bari Aldo Moro, si è riunita la Commissione di cui in epigrafe. 9

10 S.A /p.1 Sono presenti la Prof.ssa Angela Agostiano, delegato del Rettore per il Dottorato di ricerca, i Professori: Nicola Cufaro Petroni, Vittorio Picciarelli, Saverio Florio, Maria Grazia Liuzzi, Francesco Resta, Diana Conte, Giuseppe De Mastro. Risulta assente giustificato il Prof. Pierdomenico Logroscino. Sono presenti per il Settore I dell Area Dottorato di ricerca e Post dottorato la Sig.ra Maria Masiello, con funzioni di Segretario verbalizzante e la Dott.ssa Gisella Introna. Presiede la seduta la Prof.ssa Angela Agostiano che, accertata la validità della seduta, la dichiara aperta alle ore 12,00. La prof.ssa Agostiano ricorda ai presenti che nella riunione del 18 ottobre 2010 la Commissione ha ampiamente discusso sulla opportunità di attribuire ai dottorati ritenuti ammissibili in più ambiti, secondo la priorità indicate nelle proposte, una borsa di studio ciascuno e sorteggiare, per ambito, le rimanenti borse tra gli altri dottorati oppure procedere al sorteggio tra i dottorati dichiarati ammissibili all interno di ciascun ambito. La Commissione, dopo ampio dibattito, all unanimità, propone, di attribuire, in relazione alle priorità indicate nelle proposte trasmesse per via telematica, una borsa di studio ai dottorati che hanno ricevuto da parte del CNVSU l ammissibilità in più ambiti di indagine prioritario e di sorteggiare per ambito le rimanenti borse per gli altri dottorati. Per l ambito di indagine prioritario Salute dell uomo (studio e trattamento dei tumori e delle malattie degenerative con nuovi approcci derivati dalla conoscenza del menoma umano) per il quale sono state attribuite n. 4 borse di studio a fronte di n.14 dottorati ammissibili, le borse di studio vengono assegnate ai seguenti dottorati: n. 1 borsa di studio al dottorato di ricerca in Biochimica, Biologia Molecolare e Bioinformatica XXVI ciclo n. 1 borsa di studio al dottorato di ricerca in Biologia e Biochimica Medica XXVI ciclo n. 1 borsa di studio al dottorato di ricerca in Fisiologia e Biotecnologie cellulari e Molecolari XXVI ciclo n. 1 borsa di studio al dottorato di ricerca in Morfobiologia applicata e citometabolismo dei farmaci XXVI ciclo. Per l ambito di indagine prioritario Nuove applicazioni dell industria biomedicale per il quale sono da attribuire n. 2 borse di studio a fronte di n. 6 dottorati che hanno ottenuto un giudizio positivo dal NVA, i risultati sono i seguenti: n. 1 borsa di studio al dottorato di ricerca in Biotecnologie applicate ai trapianti di organi e tessuti XXVI ciclo; n. 1 borsa di studio al dottorato di ricerca in Scienze Chimiche XXVI ciclo Per l ambito di indagine prioritario Risparmio energetico e microgenerazione distribuita per il quale è da attribuire n. 1 borsa di studio a fronte di n. 2 dottorati 10

11 S.A /p.1 ritenuti ammissibili dal MIUR, la borsa viene assegnata al dottorato in Chimica dei materiali innovativi XXVI ciclo. Per l ambito di indagine prioritario ICT e componentistica elettronica una borsa di studio viene attribuita al dottorato di ricerca in Informatica XXVI ciclo Per l ambito di indagine prioritario Valorizzazione dei prodotti tipici dell agroalimentare e sicurezza alimentare attraverso nuovi sistemi di caratterizzazione e garanzia di qualità per il quale sono da attribuire n. 5 borse di studio a fronte di n. 13 dottorati, una borsa di studio viene assegnata al dottorato di ricerca in Scienze Biochimiche e farmacologiche XXVI ciclo, mentre si procederà al sorteggio per le rimanenti 4 borse tra gli altri dottorati. La Commissione procede al sorteggio delle rimanenti 4 borse di studio. Vengono predisposte e mostrate ai presenti le schede sulle quali sono state riportate le denominazioni dei dottorati valutati positivamente dal CNVSU nel predetto ambito. Quindi si procede al sorteggio. I dottorati sorteggiati sono i seguenti: 1. Agronomia Mediterranea XXVI ciclo 2. Microbiologia, Sanità e chimica degli alimenti XXVI ciclo 3. Miglioramento genetico e patologia delle piante agrarie e forestali XXVI ciclo 4. Protezione delle Colture XXVI ciclo Gli esiti della proposta di assegnazione delle borse di studio sono riportati nell allegato 1 al presente verbale. La seduta è tolta alle ore 13,00. Il Segretario Verbalizzante F.to Sig.ra Maria Masiello Il Presidente F.to Prof..ssa Angela Agostiano presente verbale. Il prospetto allegato con il n. 1 al succitato verbale costituisce l allegato n. 1 al Il Senato Accademico, all unanimità, VISTI VISTE i DD.MM. 23 ottobre 2003, n.198, artt. 3 e 6, 9 agosto 2004, n. 263 e 3 novembre 2005, n. 492 Fondo per il sostegno dei giovani ; le note ministeriali prot. n del 26 ottobre 2009 e prot. n. 606 del 17 marzo 2010; 11

12 S.A /p.1 VISTI i verbali della Commissione incaricata della formulazione di una proposta di ripartizione delle borse di studio aggiuntive per i dottorati di ricerca di cui ai predetti DD.MM. esercizio finanziario 2009 relativi alle riunioni del 18 e 20 ottobre 2010 ed i relativi prospetti, allegati al presente verbale con il n. 1, DELIBERA di approvare la proposta formulata dalla Commissione di cui al succitato verbale del 20 ottobre Il presente dispositivo è approvato seduta stante ed è, pertanto, immediatamente esecutivo. 12

13 S.A /p.2 III. DIDATTICA, RICERCA, PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DOTTORATO DI RICERCA XXVI CICLO ANNO 2011: ADEMPIMENTI Il Rettore apre il dibattito sulla seguente relazione predisposta dal Dipartimento per la Formazione Post-Laurea e gli Esami di Stato Professionali Area Dottorato di ricerca e Post dottorato Settore I Dottorato di ricerca: La Commissione costituita dai Rappresentanti delle 14 Aree Scientifiche, presieduta dalla Prof.ssa Angela Agostiano, con il compito di esaminare le proposte di rinnovo e di nuova istituzione delle Scuole di dottorato pervenute per il XXVI ciclo, nel corso delle riunioni tenutesi, in forma collegiale, nei giorni 27 e 28 ottobre e 3 novembre 2010 (Verbali delle riunioni allegati), ha formulato una proposta di ripartizione di n. 87 borse di studio finanziate da questo Ateneo fra le Scuole di Dottorato. Si riporta qui di seguito la sintesi di quanto scaturito dalle predette riunioni: Una valutazione molto positiva sullo sforzo compiuto dai docenti delle varie aree di questa Università finalizzato alla realizzazione di aggregazioni tematiche e di docenti intorno ad un numero decisamente più contenuto di Scuole, in linea con quanto richiesto dal Ministero e dal Nucleo di Valutazione di Ateneo. Sono state finanziate da Università, da Dipartimenti dell Ateneo barese e/o da Enti pubblici o privati n. 11 borse di studio e precisamente: n. 1 borsa di studio finanziata dal Consorzio Interuniversitario Reattività Chimica e catalisi per la Scuola di dottorato in Scienze chimiche e molecolari, indirizzo Scienze chimiche; n. 1 borsa di studio finanziata dal Dipartimento di Scienze e tecnologie biologiche ed ambientali dell Università del Salento per la Scuola di dottorato in Scienze chimiche e molecolari, indirizzo Sintesi chimica ed enzimatica applicata; n. 2 borse di studio finanziate dall Istituto Nazionale di Fisica Nucleare per la Scuola di dottorato in Fisica; n. 1 borsa di studio finanziata dall Agenzia Spaziale Italiana per la Scuola di dottorato in Fisica; n. 1 borsa di studio finanziata dal Consiglio Nazionale delle ricerche per la Scuola di dottorato in Scienze e tecnologie della pianta e dell ambiente, indirizzo Genetica e biotecnologie vegetali; n. 1 borsa di studio finanziata dal Dipartimento dell Emergenza e dei trapianti di organi per la Scuola di dottorato in Tecnologie innovative nel trapianto e terapie cellulari n. 1 borsa di studio finanziata dal Consiglio per la ricerca e per la sperimentazione in Agricoltura di Roma per la Scuola di dottorato in Scienze della Terra e Dinamica Ambientale, indirizzo di Scienze della Terra; n. 1 borsa di studio finanziata dalla Lombardi Ecologia s.r.l. di Triggiano (BA) per la Scuola di dottorato in Diritto, indirizzo Diritto ed economia dell ambiente; n. 1 borsa di studio finanziata dalla Società Aniplast s.r.l. di Anella Anna di Noicattaro (BA) per la Scuola di dottorato in Diritto, indirizzo Pubblica amministrazione dell economia e delle finanze Governo dell ambiente e del territorio; 13

14 S.A /p.2 n. 1 borsa di studio finanziata dalla Società Lepore Mare srl di Fasano (BR) per la Scuola di Dottorato in Scienze Biomediche, indirizzo Igiene, Sanità Pubblica e Sicurezza alimentare. La Commissione ha proceduto all esame delle proposte delle Scuole di Dottorato sulla base del rispetto dei seguenti parametri: 1. Documentata spendibilità del titolo per lo svolgimento dell attività di ricerca di alta qualificazione presso Università, Enti pubblici o soggetti privati (D.M. 224/99, art.2). A tal fine, per dottorati che abbiano già concluso precedenti cicli, saranno valutati gli esiti occupazionali dei dottori formati, per i dottorati che non abbiano ancora formato dottori, saranno prese in esame dichiarazioni di interesse di soggetti pubblici e privati nei riguardi di tale tipologia di dottori di ricerca; 2. Ampiezza dell aggregazione tematica. Le tematiche scientifiche e le relative denominazioni devono essere sufficientemente ampie e riferirsi al contenuto di un settore scientifico disciplinare o di un aggregazione di più settori congruenti; 3. Coerenza tra competenze scientifiche del Coordinatore e dei docenti presenti nel Collegio e articolazione curricolare di ciascun Dottorato; 4. la presenza di docenti e ricercatori di elevata qualificazione scientifica, in numero non inferiore a trenta, di cui almeno 24 in servizio presso l Università degli Studi di Bari Aldo Moro; tale qualificazione è accertata dal rispetto dei parametri di produttività scientifica, differenziati per Area e per Fascia (Allegato A alle Linee guida in materia di dottorato di ricerca), ispirati agli indicatori proposti dal CUN; 5. Articolazione dei programmi di didattica strutturata comune alla Scuola e di didattica specialistica di ciascun indirizzo. 6. Documentate collaborazioni del Coordinatore e dei Componenti del Collegio dei Docenti con Centri di ricerca nazionali ed internazionali e con Enti pubblici o Soggetti privati; 7. Ruolo dei coordinatori e dei componenti del Collegio dei docenti all interno di progetti di ricerca valutati e finanziati a livello nazionale e internazionale; 8. La presenza all interno del Collegio dei docenti di ricercatori con elevata qualificazione scientifica nelle tematiche del dottorato, provenienti da altre Università italiane e/o straniere; 9. Adeguatezza delle risorse già a disposizione del/dei Dipartimenti proponente/i 10. Misure specifiche atte all accoglienza di studenti stranieri. Dovrà essere chiarito se ed in che modo, in presenza di studenti stranieri saranno messe a punto misure didattiche specifiche quali corsi base di lingua italiana o corsi di insegnamento e seminari in lingua straniera. 11. Dimostrata capacità di attrarre risorse esterne al bilancio dell'università degli Studi di Bari ai fini del finanziamento di borse di studio; 12. Evidenza dell esistenza di sistemi di auto-valutazione Durante l esame delle proposte è stata evidenziata l opportunità che: la Scuola di dottorato in Tecnologie innovative nel trapianto e terapie cellulari si accorpi alla Scuola di dottorato in Scienze del benessere, sistemi di relazione e 14

15 S.A /p.2 ambiente, assumendo la denominazione di Scuola di dottorato in Scienze del Benessere, una denominazione ampia che garantisce la copertura di tutte le competenze che fanno capo alla Scuola stessa; la Scuola di Scienze Pediatriche, perinatali e ginecologiche venga accorpata alla Scuola in Scienze Biomediche e oncologiche, Sanità pubblica e farmacologia clinica assumendo la denominazione di Scuola in Scienze Biomediche, denominazione anch essa sufficientemente ampia ed in grado di connotare efficacemente gli indirizzi in cui la Scuola si articolerebbe. La proposta di attribuzione delle borse alle Scuole è stata definita sulla base della validità della offerta formativa delle singole Scuole, tenendo anche conto dei criteri utilizzati gli anni precedenti che costituiscono il bagaglio storico dei dottorati confluiti come indirizzi nelle varie Scuole, individuando possibilmente criteri di premialità per le Scuole che nascono dalla aggregazione di un consistente numero di docenti appartenenti ad una stessa area scientifica intorno ad un progetto culturale di ampio respiro. Sulla base della valutazione effettuata, la Commissione, unanime, propone la seguente assegnazione delle borse di studio: SCUOLE DI DOTTORATO NUMERO BORSE DI STUDIO 1 INFORMATICA 2 2 MATEMATICA 3 3 FISICA 3 4 SANITA' ANIMALE E ZOONOSI 3 5 SCIENZE FARMACEUTICHE 3 6 BIOSCIENZE E METODOLOGIE PER LA 2 SALUTE 7 DIRITTO 9 8 GENOMICA E PROTEOMICA FUNZIONALE ED 5 APPLICATA 9 MEDICINA E PATOLOGIA SPERIMENTALE E 3 FORENSE 10 SCIENZE CHIMICHE E MOLECOLARI 4 11 SCIENZE DEL BENESSERE 7 12 SCIENZE DEL SUOLO E DEGLI ALIMENTI 2 13 SCIENZE DELL'ANTICHITA' E DEL 5 TARDOANTICO 14 SCIENZE DELLA PIANTA E TECNOLOGIE PER 3 L'AMBIENTE 15 SCIENZE EVOLUZIONISTICHE E AMBIENTALI 3 16 SCIENZE BIOMEDICHE 4 17 STUDI AZIENDALI, ECONOMICI E STATISTICI 7 18 SCIENZE DELLA TERRA E DINAMICA 3 AMBIENTALE 15

16 S.A /p.2 19 SCIENZE LETTERARIE, LINGUISTICHE ED ARTISTICHE 20 SCIENZE UMANE. FILOSOFIE, TEORIE, LINGUAGGI, PROCESSI CULTURALI E FORMATIVI 21 STORIA, SCIENZA, POPOLAZIONE E TERRITORIO La Commissione propone, altresì, la partecipazione di questo Ateneo al consorzio, a titolo gratuito, per i seguenti dottorati: 1. Archeologia e antichità post-classiche (III-XI secc. sede amm.va: Univ. di Roma La Sapienza 2. I Problemi civilistici della persona sedeamm.va. Univ. del Sannio (Benevento) 3. Diritto Commerciale - sede amm.va: Univ. di Catania 4. Economia e direzione delle aziende pubbliche - sede amm.va: Univ. di Salerno. Nel merito della proposta di attribuzione delle borse di studio occorre fare le seguenti precisazioni: la Commissione propone di attribuire 3 borse alla Scuola di Matematica e 2 a quella di Informatica, entrambe giudicate positivamente dal punto di vista della proposta scientifica e della numerosità dei docenti, allo scopo di consentire l attivazione di entrambe le Scuole, potendo la Scuola di Informatica contare sulla borsa aggiuntiva, riveniente dal Fondo Sostegno Giovani. le Scuole di Scienze del suolo e degli alimenti e di Bioscienze e Metodologie per la salute, cui si propone di assegnare 2 borse sono entrambe in grado di essere attivate potendo contare rispettivamente su 1 e 2 borse aggiuntive, rivenienti dal Fondo Sostegno Giovani. Nel complesso la Commissione valuta positivamente l avvio dei processi definiti dalle Linee guida sulla formazione delle Scuole di dottorato, che ha già permesso di realizzare alcuni accorpamenti che hanno avuto una evidente ricaduta ai fini della attivazione delle Scuole con il numero di borse necessarie. Ha anche intravisto interessanti processi in divenire che sicuramente saranno portati a compimento il prossimo anno con la fusione di Scuole di dottorato sia di area che di interarea. Ha inoltre sottolineato come la razionalizzazione dell offerta formativa delle Scuole di dottorato dell Ateneo barese ha registrato anche alcuni primi passi in sinergia con gli Atenei della Federazione del Sistema Universitario Lucano-Molisano-Pugliese che potrebbero tradursi nel prossimo anno nella formazione di Scuole di dottorato tra gli Atenei della Federazione stessa. La Commissione ha comunque evidenziato la difficoltà nel sostenere, con il numero di borse assegnate quest anno, pari al 50% di quelle assegnate negli anni precedenti, quei processi di internazionalizzazione, attivati nei precedenti cicli per 16

17 S.A /p.2 numerosi dottorati, destinando borse di studio a studenti con cittadinanza estera. Tale processo ha consentito di collocare il nostro Ateneo tra quelli che hanno mostrato un impegno e attenzione crescente verso l internazionalizzazione, elemento positivo anche in funzione della valutazione dell attività delle Scuole effettuata in sede ministeriale. Per sostenere e ribadire l impegno già da alcune Scuole mostrato negli anni passati con la attivazione di procedure concorsuali riservate a studenti con cittadinanza estera, la Commissione sostiene con forza la proposta di chiedere al Consiglio di Amministrazione il finanziamento di due borse di studio aggiuntive, rispetto alle 87 già stanziate, finalizzando le stesse alla continuità dell azione intrapresa a favore della internazionalizzazione. Il bando di concorso riporterà anche i posti additivi con borsa di studio rivenienti dall assegnazione ministeriale alla Università di Bari di cui al D.M. 23 ottobre 2003, n.198, artt.3 e 6 e DD.MM. 09 agosto 2004, n. 263 e 03 novembre 2005, n. 492 Fondo per il sostegno dei giovani, E.F.2009, nonché le borse messe a disposizione da altre Università, da Dipartimenti dell Ateneo barese e/o da Enti pubblici o privati. Il Verbale della Commissione, è stato sottoposto al parere del Nucleo di Valutazione di Ateneo (riunione del giorno ) Si fa, altresì, presente che: il Prof. Donato Malerba, Coordinatore della Scuola di dottorato in Informatica, con nota del , ha chiesto, così come previsto nella nota ministeriale prot.n. 715 del 2 aprile 2009, che la borsa di studio riveniente dal Fondo Sostegno Giovani, assegnata per il XXV ciclo (E.F. 2008) e non utilizzata per mancanza di dottorandi, venga destinata per il ciclo successivo (XXVI). la Prof.ssa Emanuela Schingaro, Coordinatrice del dottorato in Scienze della Terra ha chiesto, con note del 02/02/2010 e del 07/06/2010, di bandire un concorso per un posto con borsa di studio riservato a studenti con cittadinanza estera per il XXVI ciclo, utilizzando una borsa di studio resasi disponibile nel XXIV ciclo, in quanto il candidato vincitore ha optato per l iscrizione ad altro corso di dottorato attivato per il XXV ciclo dal Politecnico di Bari. Tale borsa dovrà essere bandita per la Scuola di dottorato in Scienze della Terra e dinamica ambientale, Curriculum Mineralogia Struttura e cristallochimica dei minerali. Il citato Settore I dell Area Formazione Post-Laurea sta predisponendo il bando per i concorsi pubblici, per titoli ed esami, per l ammissione alle Scuole di Dottorato di Ricerca ed ai Corsi di Dottorato di ricerca. XXVI ciclo Anno Si fa rilevare che il Consiglio di Dipartimento di Chimica, nella riunione del 7 giugno 2010, ha approvato una proposta di reclutamento di due ricercatori Marie Curie nell ambito del progetto Gas Sensors on Fleible Substrates for Wireless Applications FleMELL Marie Curie International Training Network FP7-PEOPLE-ITN (7 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell Unione Europea), che vede come coordinatore il Dipartimento di Chimica, sotto la responsabilità scientifica della prof.ssa Luisa Torsi. Nella stessa delibera viene evidenziato che i due ricercatori da reclutare dovranno necessariamente essere di nazionalità diversa da quella italiana e non devono aver risieduto 17

18 S.A /p.2 in Italia per più di dodici mesi nei 3 anni precedenti la data di assunzione. Inoltre sempre come previsto dalla tipologia del progetto in questione i due contratti da affidare ai suddetti ricercatori Marie Curie saranno della durata di 36 mesi. In conformità a quanto richiesto dalla Commissione Europea per la tipologia di progetti di cui FLeSMELL fa parte, è previsto che l istituzione che ospita ricercatori ESR, metta questi ultimi nelle condizioni di seguire un percorso di Dottorato di ricerca nell ambito dell Area Scientifica Disciplinare di interesse del contratto stesso. Pertanto, la Prof.ssa Luisa Torsi chiede che nel bando di concorso delle Scuole di dottorato venga prevista l ammissione in soprannumero, senza borsa di studio, di due posizioni di dottorato riservate a ricercatori che verranno reclutati come ESR nell ambito del predetto progetto per i seguenti indirizzi della Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche e Molecolari: Indirizzo in CHIMICA DEI MATERIALI (Posizione: ESR1: Enhanced sensitivity chemical sensing with OTFTs) Indirizzo in SCIENZE CHIMICHE (Posizione: ESR2: Analytical characterization of bio-functionalized sensing layers). Il Settore I Dottorato di ricerca, nell evidenziare che attualmente è possibile l ammissione in soprannumero nel limite della metà dei posti istituiti con arrotondamento all unità per eccesso, senza fruizione della borsa di studio, dei titolari di assegno di ricerca e dei cittadini etracomunitari che risulteranno idonei, a seguito del superamento delle prove di ammissione, fa presente che, per le vie brevi, da parte di alcuni Coordinatori di dottorato sono pervenute richieste di ammissione in soprannumero anche di dipendenti pubblici. Pertanto, nel bando di concorso si potrebbe prevedere il seguente articolo che viene riformulato come segue: Possono essere ammessi in soprannumero, che non può superare il 50% dei posti ordinari: 1. I titolari di assegno di ricerca che siano risultati idonei, a seguito del superamento delle prove di ammissione ad un corso di dottorato di ricerca, possono chiedere l iscrizione al corso medesimo, in soprannumero, a condizione che il dottorato cui partecipano riguardi la stessa area scientifico-disciplinare della ricerca per la quale sono destinati gli assegni. L ammissione al corso avverrà previa delibera del Collegio dei Docenti del dottorato e del Consiglio del Dipartimento dove si svolge l assegno di ricerca, che devono esprimersi favorevolmente circa la compatibilità nello svolgimento delle due attività. Nel caso in cui l assegnista svolga l attività presso un altro Ateneo, si rende necessaria l autorizzazione dell Università di appartenenza. 2. I cittadini etracomunitari e i dipendenti pubblici che risulteranno idonei, a seguito del superamento delle prove di ammissione, senza fruizione della borsa di studio. 3. Coloro che, pur non avendo presentato domanda al concorso per l ammissione alle Scuole di Dottorato, siano stati selezionati nell ambito delle azioni del 7 Programma 18

19 S.A /p.2 Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell'unione Europea e siano risultati vincitori per lo svolgimento di attività di ricerca del tipo ESR (Early Stage Researcher) nell ambito dell Area Scientifico Disciplinare di interesse della Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche e Molecolari. La procedura di selezione si intende superata in quanto già avvenuta nell'ambito del progetto europeo. Costoro potranno presentare apposita istanza di iscrizione che comunque è subordinata alla preventiva approvazione da parte del Collegio Docenti della Scuola. Si fa presente, altresì, che il Consiglio di Amministrazione, nella riunione del 05 novembre 2010, ha disposto l assegnazione di ulteriori due borse di studio per il dottorato di ricerca riservate all internazionalizzazione. Il Verbale del Nucleo di Valutazione di Ateneo, relativo alla riunione del , costituisce l allegato n. 2 al presente verbale. Al termine dell illustrazione, il Rettore, nel ringraziare la Commissione dei rappresentanti di Area scientifico-disciplinare ed il competente Settore del Dipartimento per la Formazione Post-Laurea e gli Esami di Stato Professionali, per il faticoso e proficuo lavoro posto in essere nella direzione dell aggregazione dei dottorati di ricerca, evidenzia il giudizio ampiamente positivo espresso dal Nucleo di Valutazione di Ateneo, nella succitata riunione del , il quale, tra l altro, ha rilevato con soddisfazione che il numero di Dottorati ai quali sono state destinate n. 2 borse di studio è diminuito. ed è sceso per l anno 2010 a solo n. 3 su 21 Scuole, prendendo atto con soddisfazione che, con delibera del , il Consiglio di Amministrazione ha concesso il finanziamento di due borse di dottorato aggiuntive rispetto alle 87 precedentemente stanziate, portando il numero totale di borse a coincidere con quello previsto dalla Commissione istruttoria del Senato Accademico (89).... Egli invita, quindi, il Senato Accademico a pronunciarsi in merito. Interviene sull argomento di prof. Cufaro Petroni, il quale evidenzia la proposta della Commissione intesa ad attribuire n. 3 borse alla Scuola di Matematica e 2 a quella di Informatica, entrambe giudicate positivamente dal punto di vista della proposta scientifica e della numerosità dei docenti, allo scopo di consentire l attivazione di entrambe le Scuole, potendo la Scuola di Informatica contare su n. 1 borsa aggiuntiva riveniente dal Fondo Sostegno Giovani. Egli evidenzia, altresì, come, per mero errore materiale, nella 19

20 S.A /p.2 Scuola di Dottorato in Matematica, che contempla n. 26 docenti, non figurino n. 5 docenti afferenti al Politecnico di Bari. Il prof. Bronzini, nel fornire precisazioni in ordine alla assegnazione di una borsa di studio aggiuntiva alla Scuola di Dottorato in Scienze letterarie, linguistiche ed artistiche riveniente dal XXV ciclo, rappresenta la difficoltà di costituzione, in alcune realtà, in tempi brevi, dei Consigli Direttivi delle Scuole articolate in indirizzi nella composizione prevista dall art. 6.2 delle Linee guida in materia di dottorato di ricerca Scuole di dottorato. Il Rettore, nel far presente che la problematica evidenziata dal prof. Bronzini è comune ad altri rappresentanti d Area, dopo aver ricordato la previsione del predetto art. art. 6.2 delle linee guida de quibus, approvate da questo Consesso nella riunione del 17 settembre 2010, nella parte in cui prevede che: Il Consiglio Direttivo della Scuola è composto da sei docenti e/o ricercatori di ruolo a tempo pieno, eletti dal Collegio dei docenti della Scuola. Se la Scuola è articolata in indirizzi, il Consiglio direttivo è composto: dai Coordinatori di indirizzo; da due rappresentanti per ogni indirizzo, eletti dal rispettivo Consiglio tra i professori e ricercatori di ruolo a tempo pieno che lo compongono, tenuto conto della ristrettezza dei tempi a disposizione ai fini dell emanazione del Bando di concorso per l ammissione alle Scuole di Dottorato di Ricerca - XXVI ciclo Anno 2011, propone di consentire, nella fase transitoria, nelle more dell avvio delle procedure previste dalle linee guida, che i Consigli Direttivi delle Scuole articolate in indirizzi siano costituiti, ove ritenuto necessario dal coordinatore proponente della Scuola, con i soli coordinatori di indirizzo ove già eletti ovvero con i relativi docenti proponenti di indirizzo. La prof.ssa Bergantino chiede ed ottiene ulteriori chiarimenti in merito alla proposta testè formulata dal Rettore, precisando che il Consiglio Direttivo della Scuola sarà costituito nella composizione prevista dalle linee guida solo dal momento in cui tutti gli indirizzi avranno provveduto all elezione dei coordinatori e dei rappresentanti di indirizzo. Il prof. Picciarelli evidenzia l esigenza di conclusione, in tempi brevi, dei lavori relativi alla formulazione del nuovo Regolamento in materia di dottorato di ricerca. Al termine, il Senato Accademico, all unanimità, 20

21 S.A /p.2 UDITA l illustrazione del Rettore; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Bari Aldo Moro; VISTO il Regolamento Didattico dell'università degli Studi di Bari Aldo Moro emanato con D.R. n del e successive modificazioni; VISTO il D.M. n.224 del ; VISTO il vigente Regolamento di questa Università in materia di dottorato di ricerca; VISTE le Linee guida in materia di dottorato di ricerca Scuole di dottorato, approvate dal Senato Accademico, nella riunione del 17 settembre 2010; VISTE le proposte di istituzione delle Scuole di dottorato pervenute per il XXVI ciclo (anno 2011); VISTA la proposta di ripartizione delle borse di studio di dottorato di ricerca formulata dalla Commissione costituita dai rappresentanti di Area Scientifica; VISTO il parere del Nucleo di Valutazione di Ateneo, espresso nella riunione del 08 novembre 2010; VISTA la richiesta del coordinatore della Scuola di Dottorato in Informatica, prof. Donato Malerba, formulata con nota in data , di messa a concorso per il XXVI ciclo la borsa di studio del Fondo sostegno Giovani non utilizzata per il XXV ciclo; VISTA la richiesta del coordinatore del Dottorato di ricerca in Scienze della Terra, prof.ssa Emanuela Schingaro, formulata con note del e , di indizione di un bando di concorso per n. 1 posto con borsa di studio riservato a studenti con cittadinanza estera per la Scuola di dottorato in Scienze della Terra e dinamica ambientale, Curriculum Mineralogia Struttura e cristallochimica dei minerali, utilizzando n. 1 borsa di studio resasi disponibile nel XXIV ciclo; 21

22 S.A /p.2 VISTA la delibera del Consiglio del Dipartimento di Chimica, adottata nella riunione del ; TENUTO CONTO di quanto rappresentato dal competente Settore I del Dipartimento per la Formazione Post Laurea e gli Esami di Stato Professionali; VISTA la delibera del Consiglio di Amministrazione, adottata nella riunione del 05 novembre 2010, in ordine all attivazione di due ulteriori borse di studio triennali al fine di garantire la continuità dell azione in favore dell internazionalizzazione; SENTITE le precisazioni del prof. Bronzini in ordine alla assegnazione di una borsa di studio aggiuntiva alla Scuola di Dottorato in Scienze letterarie, linguistiche ed artistiche riveniente dal XXV ciclo; SENTITO l orientamento emerso nel corso del dibattito; VISTO l art. 6.2 delle Linee guida in materia di dottorato di ricerca Scuole di dottorato, in ordine alla composizione del Consiglio Direttivo della Scuola (CDS); TENUTO CONTO di quanto evidenziato da alcuni rappresentanti di Area in ordine alla difficoltà di costituzione, in alcune realtà, in tempi brevi, dei Consigli Direttivi delle Scuole articolate in indirizzi nella composizione prevista dal sopra detto art. 6.2 delle linee guida de quibus, DELIBERA di approvare i lavori della Commissione dei Rappresentanti di Area Scientifica, in particolare, la proposta di ripartizione delle borse di studio secondo l ipotesi effettuata dalla medesima Commissione così come riportata nel seguente prospetto nel quale vengono indicati, per ciascuna Scuola di dottorato, il numero totale di borse di studio comprensivo delle borse proposte dall Università di Bari, delle borse finanziate dalle Università partecipanti ai consorzi, delle borse finanziate da soggetti pubblici o privati, nonché, in aggiunta, delle borse di studio rivenienti dall assegnazione ministeriale di cui al D.M. 23 ottobre 2003, n.198, artt. 3 e 6 e DD.MM. 09 agosto 2004, n. 263 e 03 novembre 2005, n. 492 Fondo per il sostegno dei giovani Esercizio Finanziario 2009: 22

23 S.A /p.2 SCUOLE DI DOTTORATO BORSE DI STUDIO dell Univ. Bari Aldo Moro BORSE DI STUDIO dell Univ. del Salento BORSE DI STUDIO finanzia te da soggetti pubblici o privati BORSE DI STUDIO finanziate da Dipartimenti dell Univ. di Bari Aldo Moro BORSE DI STUDIO Fondo Sostegno Giovani 1 INFORMATICA MATEMATICA 3 3 FISICA SANITA' ANIMALE E 3 ZOONOSI 5 SCIENZE FARMACEUTICHE 3 6 BIOSCIENZE E METODOLOGIE PER LA SALUTE DIRITTO GENOMICA E PROTEOMICA 5 3 FUNZIONALE ED APPLICATA 9 MEDICINA E PATOLOGIA SPERIMENTALE E FORENSE 3 10 SCIENZE CHIMICHE E MOLECOLARI 11 SCIENZE DEL BENESSERE SCIENZE DEL SUOLO E DEGLI ALIMENTI SCIENZE DELL'ANTICHITA' E DEL TARDOANTICO 5 14 SCIENZE DELLA PIANTA E TECNOLOGIE PER L'AMBIENTE 15 SCIENZE EVOLUZIONISTICHE 3 E AMBIENTALI 16 SCIENZE BIOMEDICHE STUDI AZIENDALI, 7 ECONOMICI E STATISTICI 18 SCIENZE DELLA TERRA E 3 1 DINAMICA AMBIENTALE 19 SCIENZE LETTERARIE, 9 LINGUISTICHE ED ARTISTICHE 20 SCIENZE UMANE. FILOSOFIE, 3 TEORIE, LINGUAGGI, PROCESSI CULTURALI E FORMATIVI 21 STORIA, SCIENZA, 6 POPOLAZIONE E TERRITORIO TOTALI

24 S.A /p.2 di approvare la partecipazione di questa Università al consorzio, a titolo gratuito, per i seguenti dottorati: o Archeologia e antichità post-classiche (III-XI secc.) sede amm.va: Univ. di Roma La Sapienza o I Problemi civilistici della persona sede amm.va: Univ. del Sannio (Benevento) o Diritto Commerciale - sede amm.va: Univ. di Catania o Economia e direzione delle aziende pubbliche - sede amm.va: Univ. di Salerno; di mettere a concorso: o per la Scuola di Dottorato di ricerca in Informatica (XXVI ciclo), n. 1 borsa di studio del Fondo sostegno Giovani non utilizzata per il XXV ciclo; o per la Scuola di Dottorato in Scienze letterarie, linguistiche ed artistiche, n. 1 borsa di studio riveniente dal XXV ciclo; o per la Scuola di dottorato in Scienze della Terra e dinamica ambientale, Curriculum Mineralogia Struttura e cristallochimica dei minerali, n. 1 posto con borsa di studio riservato a studenti con cittadinanza estera, utilizzando la borsa di studio resasi disponibile nel XXIV ciclo; di autorizzare il Rettore alla stipula delle Convenzioni tra l Università degli Studi di Bari Aldo Moro e le Università sedi consorziate e/o Enti Pubblici o Privati relative ai finanziamenti di borse di studio aggiuntive per le Scuole di Dottorato istituite per il XXVI ciclo; di dare mandato al Rettore e al Direttore Amministrativo di provvedere a tutti gli adempimenti connessi alla emanazione del bando di concorso, per titoli ed esami, per l ammissione alle Scuole di Dottorato di Ricerca - XXVI ciclo Anno 2011, con la seguente formulazione dell articolo relativo all ammissione in soprannumero: Possono essere ammessi in soprannumero, che non può superare il 50% dei posti ordinari: 1. I titolari di assegno di ricerca che siano risultati idonei, a seguito del superamento delle prove di ammissione ad un corso di dottorato di ricerca, possono chiedere l iscrizione al corso medesimo, in soprannumero, a condizione che il dottorato cui partecipano riguardi la stessa area scientificodisciplinare della ricerca per la quale sono destinati gli assegni. L ammissione al corso avverrà previa delibera del Collegio dei Docenti del dottorato e del Consiglio del Dipartimento dove si svolge l assegno di ricerca, che devono esprimersi favorevolmente circa la compatibilità nello svolgimento delle due attività. 24

25 S.A /p.2 Nel caso in cui l assegnista svolga l attività presso un altro Ateneo, si rende necessaria l autorizzazione dell Università di appartenenza. 2. I cittadini etracomunitari e i dipendenti pubblici che risulteranno idonei, a seguito del superamento delle prove di ammissione, senza fruizione della borsa di studio. 3. Coloro che, pur non avendo presentato domanda al concorso per l ammissione alle Scuole di Dottorato, siano stati selezionati nell ambito delle azioni del 7 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico dell'unione Europea e siano risultati vincitori per lo svolgimento di attività di ricerca del tipo ESR (Early Stage Researcher) nell ambito dell Area Scientifico Disciplinare di interesse della Scuola di Dottorato in Scienze Chimiche e Molecolari. La procedura di selezione si intende superata in quanto già avvenuta nell'ambito del progetto europeo. Costoro potranno presentare apposita istanza di iscrizione che comunque è subordinata alla preventiva approvazione da parte del Collegio Docenti della Scuola. di consentire, nella fase transitoria, nelle more dell avvio delle procedure previste dalle linee guida, che i Consigli Direttivi delle Scuole articolate in indirizzi siano costituiti, ove ritenuto necessario dal coordinatore proponente della Scuola, con i soli coordinatori di indirizzo ove già eletti ovvero con i relativi docenti proponenti di indirizzo. Il Consiglio Direttivo della Scuola sarà costituito nella composizione prevista dalle linee guida solo dal momento in cui tutti gli indirizzi avranno provveduto all elezione dei coordinatori e dei rappresentanti di indirizzo; di invitare l apposita Commissione a concludere, in tempi brevi, i lavori relativi alla formulazione del nuovo Regolamento in materia di dottorato di ricerca. esecutivo. Il presente dispositivo è approvato seduta stante ed è, pertanto, immediatamente 25

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE VERBALE n. 38 del 18 dicembre 2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE VERBALE n. 38 del 18 dicembre 2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE VERBALE n. 38 del 18 dicembre 2015 Il giorno 18 dicembre 2015, alle ore 9,00 si è riunito a Bari, presso la Sala Consiglio del Rettorato,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO. VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO VERBALE n. 60 del 28 maggio 2013 Il giorno 28 maggio 2013, alle ore 10,30 si è riunito a Bari, presso la Saletta Riunioni del Nucleo

Dettagli

:o~ 32..t, (f. ?-la-~~okl-i SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 27 OH. 2015. È assente: sig. Luca Lucchetti. ... OMISSIS...

:o~ 32..t, (f. ?-la-~~okl-i SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 27 OH. 2015. È assente: sig. Luca Lucchetti. ... OMISSIS... 27 OH. 2015 Nell'anno duemilaqulndici, addì 27 ottobre alle ore 15.40, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0068366 del 22.10.2015 per l'esame e la

Dettagli

Prot. n. 91178 del 17 novembre 2014. Estratto dal verbale del Senato Accademico. Adunanza del 12 Novembre 2014

Prot. n. 91178 del 17 novembre 2014. Estratto dal verbale del Senato Accademico. Adunanza del 12 Novembre 2014 Prot. n. 91178 del 17 novembre 2014 Estratto dal verbale del Senato Accademico Adunanza del 12 Novembre 2014 L anno duemilaquattordici, addì 12 del mese di novembre, alle ore 9,00, presso la sala delle

Dettagli

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca La formazione del dottore di ricerca, comprensiva

Dettagli

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI 7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI Su invito del Rettore, entra nel luogo della riunione il Sig. Paolo Capuani, Responsabile dell Ufficio Offerta formativa e orientamento in entrata.

Dettagli

TITOLO IV - BORSE E CONTRIBUTI PER L ACCESSO Articolo 15 (Determinazione delle borse e dei contributi)

TITOLO IV - BORSE E CONTRIBUTI PER L ACCESSO Articolo 15 (Determinazione delle borse e dei contributi) REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA E IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA (emanato con decreto rettorale 21 giugno 2012 n. 349) INDICE TITOLO I - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO I. AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI TITOLI ONORIFICI: ESITO LAVORI COMMISSIONE ADEGUAMENTO NORMATIVO Il Senato Accademico,, VISTI gli artt. 111 e 169 del T.U. delle Leggi sull istruzione

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

VERBALE N 01/2011. - il prof. Bruno NOTARNICOLA, Preside della II Facoltà di Economia; x

VERBALE N 01/2011. - il prof. Bruno NOTARNICOLA, Preside della II Facoltà di Economia; x S.A. 18.01.2011 ******* Verbale del Senato Accademico, costituito ai sensi dell art. 24 dello Statuto dell Università degli Studi di Bari, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 264 del 12.11.2005 ed emanato

Dettagli

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica. DECRETO N. 1099 /Prot. N. 22837/I-3 Div. Affari Istituzionali Sez. Pers. Doc. Oggetto: Regolamento interno delle procedure di trasferimento e di mobilita interna dei professori e ricercatori - modifica.

Dettagli

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014 Senato Accademico 21.6.2011 e 19.2.2014 Consiglio di Amministrazione 28.6.2011 e 26.2.2014 Decreto Rettorale 654-2011 del 7.7.2011 e 240-2014 del 3.3.2014 e 1056-2014 del 4.9.2014 Pubblicazione all Albo

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE PER L ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA SUL TURISMO (CIRT) L anno 201X il giorno 15 del mese di dicembre tra: L'Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico STATUTO Art. 1 - Obiettivi e finalità della Scuola di Dottorato 1. La Scuola di Dottorato è una struttura dell Università degli Studi

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina le finalità, l organizzazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE SENATO ACCADEMICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE SENATO ACCADEMICO Verbale n. 11 11 novembre 2014 Pagina n. 1 Il Senato Accademico dell Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, regolarmente convocato, si è riunito oggi, martedì 11 novembre 2014, alle

Dettagli

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P

Qualifica Nome e Cognome Presenze 1 Rettore Luigi Lacchè P 2 Direttore Dip.to Scienze della formazione, dei beni culturali e del Michele Corsi P Oggetto: Budget Dipartimenti per attività didattiche e budget per il finanziamento delle lauree internazionali a.a. 2014/2015 N. o.d.g.: 06.2 S.A. 25/02/2014 Verbale n. 2/2014 UOR: Area per la Didattica,

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PRELIMINARE

VERBALE DELLA RIUNIONE PRELIMINARE VALUTAZIONE COMPARATIVA PER UN POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA CLASSE ACCADEMICA DI SCIENZE SPERIMENTALI - SETTORE DI MEDICINA DELLA SCUOLA SUPERIORE DI STUDI UNIVERSITARI E DI PERFEZIONAMENTO

Dettagli

VERBALE n.1 (seduta preliminare per via telematica)

VERBALE n.1 (seduta preliminare per via telematica) SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E DISCUSSIONE PUBBLICA, PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO, SETTORE CONCORSUALE 10/C1 - SETTORE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO SENATO ACCADEMICO SEDUTA DEL 31 MAGGIO 2011 OMISSIS N. 10 - Modalità attuative delle delibere 18 gennaio 2011 e 5 Aprile 2011 inerenti la "Decadenza dallo status di studente":passaggi ai percorsi formativi

Dettagli

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE N. 240/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2010/2011 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario);

ANNO ACCADEMICO 2010/2011 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario); BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELL AREA SANITARIA (non medici) ADEGUATE AL D.M. N. 176 DEL 1.8.2005 ANNO ACCADEMICO 2010/2011 IL RETTORE VISTO D.P.R.

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE VIII. FINANZA CONTABILITA E BILANCIO PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE Il Consiglio,, VISTE le proprie delibere, assunte nelle riunioni del 29.12.2009 e del 23.03.2010; VISTI

Dettagli

Capo I - PARTE GENERALE

Capo I - PARTE GENERALE Regolamento delle procedure di trasferimento e di mobilità interna dei professori ordinari, dei professori associati e dei ricercatori, ai sensi degli artt. 1, comma II, e 3 della legge 3 luglio 1998,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A.

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE DIPARTIMENTO PROPONENTE RIFERIMENTI DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO DI APPROVAZIONE DELL INIZIATIVA FORMATIVA (indicare, eventualmente,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA REGOLAMENTO IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 99 del 22.10.2003 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 156 del 27.01.2005 Modificato con delibera

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Varese Corso di Laurea in Biotecnologie Sede del corso: Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2002-2003 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. Decreto n. 11397 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca; VISTI gli artt. 24 e 29, comma 11, lettera c) della Legge 30 dicembre 2010,

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE Emanato con DR. Rep. n. 548/2012 prot. n. 22878/XII/1 del 15.11.2015 Art. 1 Composizione 1. Il Dipartimento

Dettagli

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

VERBALE DEL SENATO ACCADEMICO DEL GIORNO 7 MARZO 2011

VERBALE DEL SENATO ACCADEMICO DEL GIORNO 7 MARZO 2011 VERBALE DEL SENATO ACCADEMICO DEL GIORNO 7 MARZO 2011 Il giorno 7 del mese di marzo dell anno 2011, alle ore 17.00, presso la Sala del Consiglio di Palazzo Conventati dell Università degli Studi di Macerata

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario);

ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario); BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELL AREA SANITARIA (non medici) ADEGUATE AL D.M. N. 176 DEL 1.8.2005 ANNO ACCADEMICO 2011/2012 IL RETTORE VISTO D.P.R.

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Verbale n. 04 Adunanza del giorno 29 Marzo 2005

SENATO ACCADEMICO. Verbale n. 04 Adunanza del giorno 29 Marzo 2005 SENATO ACCADEMICO Verbale n. 04 Adunanza del giorno 29 Marzo 2005 Presso la sede del Rettorato in Via Duomo 6 in Vercelli, nell adunanza straordinaria del 29 Marzo 2005, si è riunito il Senato Accademico

Dettagli

VERBALE DELLA GIUNTA DELLA 1ª FACOLTA' DI INGEGNERIA N. 15/11-12 SEDUTA DEL 19 LUGLIO 2012

VERBALE DELLA GIUNTA DELLA 1ª FACOLTA' DI INGEGNERIA N. 15/11-12 SEDUTA DEL 19 LUGLIO 2012 VERBALE DELLA GIUNTA DELLA 1ª FACOLTA' DI INGEGNERIA N. 15/11-12 SEDUTA DEL 19 LUGLIO 2012 Il giorno 19 luglio 2012 si riunisce la Giunta della 1ª Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Bari, presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N.

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. Senato Accademico 28 aprile 2016 Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 Decreto Rettorale 759-2016 del 6 maggio 2016 Pubblicazione all Albo di Ateneo n. 128 del 9 maggio 2016 - Prot. 40568 Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO Emanato con D.R. n. 12096 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo l 8 giugno 2012 In

Dettagli

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI E LA REGIONE PUGLIA

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI E LA REGIONE PUGLIA CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI E LA REGIONE PUGLIA La Regione Puglia (C.F. 80017210727), con sede in Bari in Lungomare Nazario Sauro, 11, rappresentata dal dott.., nato a.( ) il.., nella

Dettagli

Relazione annuale del Nucleo di valutazione sui Dottorati di ricerca - 2009 (DM 224/99)

Relazione annuale del Nucleo di valutazione sui Dottorati di ricerca - 2009 (DM 224/99) UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI SIENA Nucleo di valutazione di Ateneo Relazione annuale del Nucleo di valutazione sui Dottorati di ricerca - 2009 (DM 224/99) Il dottorato di ricerca è stato introdotto nel sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO LINEE GUIDA IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA SCUOLE DI DOTTORATO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO LINEE GUIDA IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA SCUOLE DI DOTTORATO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO LINEE GUIDA IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA SCUOLE DI DOTTORATO 1. AMBITO E FINALITA L Università degli Studi di Bari Aldo Moro promuove l'istituzione di Scuole

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Foggia, 5 gennaio 2012 Prot. n. 174 VII.1 Rep. n. 10/2012 Il PRESIDE la Legge 30 dicembre, n. 240/2010 Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché

Dettagli

IL RETTORE. in particolare l art. 22 Assegni di ricerca della succitata legge;

IL RETTORE. in particolare l art. 22 Assegni di ricerca della succitata legge; REPUBBLICA ITALIANA Università degli Studi di Napoli Parthenope rrrrrrrrrrrrrrr Pos. AG D.R. n. 341 IL RETTORE Vista Visto Considerato la legge 240 del 30 dicembre 2010 orme in materia di organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del Corso di Dottorato di Ricerca Il corso di Dottorato di Ricerca in

Dettagli

Bando per l ammissione al corso di laurea magistrale in Biotecnologie Cellulari e Molecolari. Anno accademico 2016/2017

Bando per l ammissione al corso di laurea magistrale in Biotecnologie Cellulari e Molecolari. Anno accademico 2016/2017 Bando per l ammissione al corso di laurea magistrale in Biotecnologie Cellulari e Molecolari Classe di laurea LM-9 Biotecnologie Mediche, Veterinarie e Farmaceutiche Anno accademico 2016/2017 Scadenze

Dettagli

UFFICIO MODIFICHE DI STATUTO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO IL RETTORE

UFFICIO MODIFICHE DI STATUTO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO IL RETTORE UFFICIO MODIFICHE DI STATUTO REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO IL RETTORE Vista Visto Visto Visto Vista Visto Visti Vista Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell Università e

Dettagli

A.A. 2014/2015 II AVVISO DI VACANZA

A.A. 2014/2015 II AVVISO DI VACANZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO JONICO IN SISTEMI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL MEDITERRANEO: SOCIETÀ, AMBIENTE, CULTURE Prot. n. 557/2014 A.A. 2014/2015 II AVVISO DI VACANZA Vista la

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A Decreto n. 436 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Bari Aldo Moro; VISTO il Decreto Ministeriale 22.10.2004, n. 270, Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l autonomia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI. Art. 1 Oggetto del Regolamento. Titolo I ORDINAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA INTEFACOLTA IN SCIENZE ORGANIZZATIVE E GESTIONALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto di quanto disposto dallo Statuto e dal

Dettagli

RELAZIONE. La Commissione, nominata con decreto rettorale n 1209 del 2.11.2004 e composta dai Signori:

RELAZIONE. La Commissione, nominata con decreto rettorale n 1209 del 2.11.2004 e composta dai Signori: l Università degli Studi di Genova, Facoltà di FARMACI settore scientifico disciplinare CHIM/09- RELAZIONE La Commissione, nominata con decreto rettorale n 1209 del 2.11.2004 e composta dai Signori: Prof.

Dettagli

BOZZA VERBALE DELLA RIUNIONE TELEMATICA DEL 16 GIUGNO 2015

BOZZA VERBALE DELLA RIUNIONE TELEMATICA DEL 16 GIUGNO 2015 il Presidente del Nucleo di Valutazione di Ateneo Prof. Tommaso Minerva BOZZA VERBALE DELLA RIUNIONE TELEMATICA DEL 16 GIUGNO 2015 Via Gramsci, 89/91 71122. Foggia. Italia Telefono +39 0881 338 563/350/348

Dettagli

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Fonte: Decimo rapporto sullo stato del sistema universitario (dicembre 2009) Studenti immatricolati Maturi anno 2007 Immatricolati a.a.

Dettagli

La Commissione, nominata con decreto rettorale n.1432 del21/2/2003.e composta dai Signori:

La Commissione, nominata con decreto rettorale n.1432 del21/2/2003.e composta dai Signori: Procedura di valutazione comparativa per la copertura di n. 1 posto di Ricercatore universitario presso l Università degli Studi di Genova, Facoltà di Medicina e Chirurgia.settore scientifico disciplinare

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 307 del 24/05/2002 D.R. n. 307 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto di questo Politecnico; il Regolamento

Dettagli

12-Classe delle lauree in scienze biologiche Scienze biologiche Nome del corso

12-Classe delle lauree in scienze biologiche Scienze biologiche Nome del corso Università Università degli Studi di GENOVA Classe 12-Classe delle lauree in scienze biologiche Scienze biologiche Nome del corso Modifica di Scienze biologiche Curriculum in biologia cellulare e molecolare

Dettagli

Programma Vinci Bando 2013

Programma Vinci Bando 2013 Programma Vinci Bando 2013 Apertura della procedura di registrazione online: 14/1/2013 Termine per la registrazione online della candidatura: 4/03/2013 (ore 12.00 ) Termine per l invio della documentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI: CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E DI SECONDA FASCIA; DI CHIAMATA DIRETTA DI STUDIOSI STABILMENTE IMPEGNATI ALL ESTERO O DI CHIARA FAMA; DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO

Dettagli

VERBALE N 13/2010. - il prof. Bruno NOTARNICOLA, Preside della II Facoltà di Economia; x

VERBALE N 13/2010. - il prof. Bruno NOTARNICOLA, Preside della II Facoltà di Economia; x S.A. 21.12.2010 ******* Verbale del Senato Accademico, costituito ai sensi dell art. 24 dello Statuto dell Università degli Studi di Bari, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 264 del 12.11.2005 ed emanato

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario);

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 IL RETTORE. la legge 29.12.2000 n. 401 (norme sull organizzazione e sul personale del settore sanitario); BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL PRIMO ANNO DELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE DELL AREA SANITARIA (non medici) ADEGUATE AL D.M. N. 176 DEL 1.8.2005 ANNO ACCADEMICO 2013/2014 VISTO D.P.R. 10.03.1982,

Dettagli

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche Nome del corso TECNICHE ERBORISTICHE

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche Nome del corso TECNICHE ERBORISTICHE Università Università degli Studi di Trieste Classe 24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche Nome del corso TECNICHE ERBORISTICHE Adeguamento di TECNICHE ERBORISTICHE (codice=32658)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro BANDO DI CONCORSO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Concorso nazionale per l assegnazione di n. 70 borse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE PER L ALIMENTAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE SENATO ACCADEMICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE SENATO ACCADEMICO Verbale n. 10 20 ottobre 2014 Pagina n. 1 Il Senato Accademico dell Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, regolarmente convocato, si è riunito oggi, lunedì 20 ottobre 2014, alle ore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Consiglìo di 1 O LUG. 2012 Nell'anno duemiladodici, addì 10 luglio alle ore 15.45, presso l'aula degli Organi Collegiali, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0042450 del 05.07.2012,

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Regolamento di Facoltà Tiitolo I Disposizioni generali Articolo 1 Ambito della disciplina 1. Nell esercizio dell autonomia

Dettagli