Le politiche della filiera bosco-legno. legno- energia in Regione Liguria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le politiche della filiera bosco-legno. legno- energia in Regione Liguria"

Transcript

1 Regione Liguria Dipartimento Agricoltura, Turismo e Cultura Servizio Politiche della Montagna e della Fauna Selvatica Le politiche della filiera bosco-legno legno- energia in Regione Liguria Dott. Forestale Sabrina Diamanti

2 Principali dati energetici Oltre il 32% dell'energia elettrica prodotta viene esportata in altre regioni. Uso del carbone superiore alla media nazionale. Settori principali consumatori di energia: civile (49%), trasporti (33%), industria (16%);

3 Principali obiettivi del Piano Energetico Ambientale Regionale La Regione Liguria ha un Piano Energetico Ambientale Regionale che delinea la politica energetica fino al Con questo piano sono stati fissati i seguenti obiettivi: aumentare l'efficienza energetica della maggior parte dell'energia settori ad alta intensità con un risparmio totale del 10%; soddisfare la domanda regionale di energia con fonti rinnovabili per il 7%; stabilizzare le emissioni di gas serra ai livelli del 1990.

4 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Boschi della Liguria: quali e quanti? Le fonti della conoscenza: 1. Inventario Forestale Nazionale (1985): ha di bosco 69% della superficie regionale 2. Carta dei popolamenti forestali - SPIRL (2002): ha di bosco 73% della superficie regionale 3. Inventario Nazionale delle Foreste e Serbatoi Forestali di Carbonio - INFC (2006): ha 69.3% della superficie regionale 4. La carta dei Tipi forestali della Liguria (2010): ha 71,5% della superficie regionale

5 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali I dati si discostano leggermente tra le varie fonti (max 5,6%) ma resta il fatto che la Liguria è una regione spiccatamente forestale, ed è la Regione d Italia con la maggiore superficie forestale rispetto alla superficie totale. Inoltre la superficie forestale ligure è in costante aumento a causa dell abbandono di numerose aree rurali. Il dato 2010 (carta dei tipi forestali) risulta essere il più veritiero.

6 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Dati di superficie: dalla Carta dei Tipi Forestali (2010) boschi alti (cerrete, faggete, castagneti e pinete) coprono ha, il 60% circa dell intera superficie regionale e l 84,4% di quella forestale totale arbusteti (collinari,montani, subalpini e macchie termomediterranee) coprono ha, il 5,3% della superficie regionale e il 7,4% di quella forestale. boscaglie pioniere o di invasione, pari a circa ha (4,9% della superficie forestale) formazioni riparie, coprono ha (3,3% della superficie forestale)

7 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Boschi ripari 3,3% Boscaglie pioniere o di invasione 4,9% Boschi alti 84,4% Arbusteti 7,4% Fonte: Carta dei Tipi Forestali (2010)

8 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Macro categoria Superficie (ha) % sulla superficie forestale totale castagneti ,2% orno-ostrieti ,5% faggete ,8% querceti di rovere e roverella ,4% pinete costiere e mediterranee ,8% leccete e sugherete 3,1% pinete montane 2,7% cerrete 2,5% rimboschimenti 1,6% boschi di latifoglie mesofile 1% lariceti 0,4% abetine di abete bianco 0,2%

9 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Il regime di proprietà dei boschi liguri (fonte INFC) è nettamente caratterizzato dalla presenza di proprietà private (87% della superficie forestale totale), così suddivisa: Proprietari delle superfici forestali private in Liguria (INFC 2006). Proprietà private individuali 90% Proprietà private di società, imprese, industrie 90% Altri enti privati 3% Proprietà privata di tipo non noto o non definito 2%

10 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Forma di governo I boschi liguri risultano prevalentemente cedui (fonte INFC). Questa forma di governo riguarda infatti complessivamente il 64% della superficie boscata, in gran parte rappresentata da cedui generalmente matricinati (53%) e per l 11% da cedui composti. Nell ambito del governo a fustaia è molto simile la percentuale di fustaie coetanee (12% del totale della superficie forestale) e disetanee (10%).

11 Gestione Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali La gestione forestale non appare molto attiva, per diverse cause tra cui vanno annoverate principalmente l abbandono delle aree rurali e la difficoltà di accesso e di lavorazione nei soprassuoli: oltre la metà dei territori boscati liguri (61%) si trova su versanti con pendenze maggiori del 40% Il 95% della superficie forestale è potenzialmente disponibile per la raccolta del legno, le foreste liguri sono in media di età avanzata e spesso hanno superato il turno consuetudinario. I dati inventariali dimostrano che il 53% dei cedui è in uno stadio adulto e il 36% è considerato invecchiato. Quindi solo l 11% dei cedui è in una fase giovanile. Anche nelle fustaie si delinea chiaramente questa situazione: il 64% delle stesse è considerato tra il maturo e lo stramaturo.

12 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Caratteristiche dendrometriche I boschi della Liguria appaiono con valori unitari di volume, area basimetrica e incremento corrente più alti rispetto alle altre regioni dell Appennino centro-settentrionale e maggiori della media nazionale. L elevata presenza di necromassa però, che in Liguria raggiunge i valori totali più alti d Italia, testimonia l assenza duratura di una gestione attiva. Dai dati INFC (2009) risulta che il 75,5% della necromassa in Liguria è afferente alla categoria degli alberi morti in piedi. Questo è probabilmente dovuto anche a problematiche fitosanitarie e, in misura minore, di incendi boschivi. Anche la necromassa a terra è, in Liguria, superiore alla media nazionale.

13 Inquadramento e gestione dei boschi liguri: particolarità della selvicoltura e utilizzo delle aree forestali Fattori avversi L INFC indica che la stragrande maggioranza del territorio boscato ligure (85%) non è soggetto a dissesti, anche se occorre ricordare che a causa dell abbandono delle aree rurali da parte dell uomo e, in alcune situazioni, di una connessa eccessiva presenza di fauna selvatica, l innesco di fenomeni erosivi, franosi e alluvionali è sempre più evidente, data la mancanza di manutenzione ordinaria del territorio. I recenti avvenimenti in provincia della Spezia suggeriscono però la necessità di nuove valutazioni.

14 Programma Forestale Regionale Approvato dal Consiglio Regionale nell aprile 2007 Obiettivi a lungo termine. In generale aumento: funzionalità e complessità dei sistemi forestali capacità di ogni formazione forestale a svolgere la funzione principale attribuita capacità dei sistemi forestali ad opporsi i fattori di perturbazione proteggere il suolo, la biodiversità, l'approvvigionamento idrico produzione di legname e prodotti non legnosi migliorare stoccaggio della CO2 atmosferica valore storico e culturale paesaggio del territorio forestale

15 Il PFR Il Programma forestale regionale acquisisce ed attua gli obiettivi del piano d'azione dell'ue foresta. Fornisce diversi livelli di pianificazione: -Scala regionale -Scala comprensoriale -Scala locale Crediamo che il livello comprensoriale sia molto utile per avviare serie e sostenibili filiere bosco-legno-energia, attraverso un approccio partecipativo delle aziende, dei cittadini e delle istituzioni.

16 Il PFR Le politiche regionali concordano su un punto: Il Piano Energetico Ambientale e il Piano Forestale mostrano che la produzione di energia da biomassa forestale rappresenta una scelta per supportare le fonti rinnovabili, ma soprattutto l'occasione per dare un valore aggiunto alla gestione forestale.

17 Secondo il Piano Energetico Ambientale Regionale e le linee guida redatte dai progetti Robinwood la cosa principale è che si realizzino livelli di produzione locale di energia, individuando "distretti energetici", in grado di produrre il carburante necessario e, quindi, sostenere il lavoro e l'area di manutenzione. Questo significa impianti di medie e piccole dimensioni situati in modo diffuso, soprattutto per il riscaldamento L'approccio partecipativo e il coinvolgimento di tutti i soggetti pubblici e privati diventa essenziale per rendere la gestione economica.

18 In realtà, il costo di produzione locale della biomassa forestale determina un prezzo superiore al mercato internazionale. Questo è dovuto a numerosi fattori: orografici e territoriali mancanza di infrastrutture organizzazione delle imprese difficoltà derivanti dalle diverse leggi e piani Si rende necessaria un'ottimizzazione dei costi, utilizzando per l energia solo il legno che non può avere utilizzi più redditizi.

19 a cura di : ats BOSCOENERGIALIGURIA Trasporto medio all utilizzo nell area del progetto 40 km o isocrona 60 minuti In particolare: Costi logistici Trasporto breve all utilizzo locale 5-10 km o isocrona 20 minuti piattaforma boschi e vie d esbosco Casello autostradale Piattaforma per la fornitura di prodotti legnosi: schema logistico di esempio

20 Progetti pilota in Liguria per Riqualificare l attivitl attività forestale e valorizzare il patrimonio boschivo Nel corso del 2008 sono stati definiti 6 progetti pilota, volti alla riqualificazione dell attività forestale e alla valorizzazione del patrimonio boschivo nella Regione Liguria. Sono stati proposti da Enti pubblici e da soggetti privati (come da bando DGR e secondo le indicazioni della l.r. n.16/2005). Obiettivo principale quello di valorizzare la multifunzionalità dei boschi, considerati come importante risorsa naturale a salvaguardia dell ambiente montano, dell assetto idrogeologico del territorio, della ricchezza di diversità biologica nonché una preziosa fonte di energia rinnovabile.

21 Sintesi dei progetti legati alla filiera legno-energia energia Progetto 01: C. M. Valli Stura, Orba e leira - Nuova energia per la montagna ligure Filiere bosco-energia e manutenzione del territorio montano: sinergie tra aree vaste nell Appennino Progetto 03: C.M. Valli Aveto-Graveglia-Sturla - Rivitalizzare la filiera legno locale Interventi di rivitalizzazione, innovazione ed associazionismo per la filiera del legno nelle frazioni delle Valli Aveto, Graveglia e Sturla Progetto 08: C.f. Alta val trebbia - Energia a chilometro zero La prima filiera breve bosco-legnoenergia in Alta Val Trebbia

22

23 Caldaie a Biomasse Legnose La strada intrapresa con la Legge Regionale n 18/99, che ha consentito la realizzazione di tre impianti di teleriscaldamento a cippato a filiera corta, ha dimostrato la fattibilità di tali strutture. Per questo motivo la Regione Liguria, con la D.G.R. 982/10, ha deciso di distribuire oltre Euro non utilizzati, facenti parte di fondi che erano stati stanziati dal Ministero dell Ambiente per promuovere la diffusione dei biocombustibili, affiancandoli a Euro di Fi.L.S.E. S.p.A. destinati a finanziare azioni pilota per la riqualificazione forestale e i Progetti Pilota precedentemente menzionati. Tali progetti riguardano infatti, tra l altro, la realizzazione di impianti alimentati a cippato o con legna a pezzi per la produzione di calore e acqua calda sanitaria con relative reti di teleriscaldamento.

24 Si sottolinea che alcuni dei 6 impianti sono in fase di realizzazione, così come un impianto a chip legnosi composto da caldaia da 30 kw (in modulo integrato con serbatoio del cippato) a servizio dell Asilo di Nè (GE).

25 La Liguria ed i Progetti Europei L amministrazione regionale della Liguria si è avvalsa, in questi ultimi anni, di diverse possibilità offerte dagli strumenti di aiuto per la cooperazione internazionale cofinanziati dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR), presentando o partecipando a progetti sui vari programmi disponibili. Sono quattro quelli tuttora attivi che interessano le foreste e la loro gestione: - ROBINWOODplus gestione forestale, multifunzionalità e partecipazione per lo sviluppo rurale - BIOMASS energia rinnovabile dalle biomasseagroforestali per il territorio - RENERFOR cooperazione per lo sviluppo delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni di gas serra nelle Alpi Occidentali - SYLVAMED Foreste mediterranee per tutti

26 Robinwoodplus L esperienza maturata dalle regioni partner nel corso degli anni e di precedenti esperienze progettuali (Robinwood ) ha consentito di focalizzare l attenzione su alcuni obiettivi specifici, quali l implementazione dell approccio strategico e multidisciplinare da parte dei settori amministrativi coinvolti nella gestione forestale, incrementare la partecipazione dei proprietari forestali alla gestione del patrimonio boschivo anche attraverso forme consortili, il rilancio degli usi tradizionali del legno per supportare le economie rurali e garantire così il presidio del territorio.

27 Robinwoodplus Il progetto, partendo da un analisi delle buone pratiche sviluppate dalle regioni partner, ha individuato alcuni temi forti su cui indirizzare le attività dei sottoprogetti che, attraverso un bando internazionale, sono stati finanziati e che sono partiti nel 2011 per concludersi nell inverno I 5 sottoprogetti individuati concentrano le loro attività, fra gli altri, sui temi dell energia rinnovabile, della gestione forestale sostenibile, della protezione della biodiversità forestale, dell utilizzo dei prodotti legnosi e non legnosi del bosco e del turismo nelle aree forestali.

28 Biomass Il progetto Biomass si rivolge a tutti i soggetti interessati ad organizzare filiere per la fornitura della biomassa, creare gli impianti e utilizzarne l energia o il calore prodotti. L obiettivo principale è la promozione e la gestione delle biomasse forestali e agricole quali fonti energetiche rinnovabili, verificando le effettive opportunità che esse offrono per diminuire i costi energetici, tutelare e valorizzare le risorse naturali, diminuire l utilizzo di combustibili fossili e l inquinamento atmosferico. Il progetto è appena terminato; sono stati concretizzati studi di massima sulla realizzabilità di filiere legno-energia basate sull utilizzo di biomassa forestale, sotto forma di cippato, in centrali termiche per il riscaldamento delle serre.

29 Biomass Inoltre si è provveduto alla redazione di uno strumento di gestione propedeutico alla costruzione di impianti e caldaie, basato sulla definizione di una metodologia standard della stima delle biomasse presenti e necessarie, volto a garantire una corretta organizzazione delle filiere corte e a consentire l omogeneizzazione delle politiche e degli strumenti di coordinamento nell ambito regionale.

30

31

32

33

34

35

36 Renerfor Il progetto affronta problematiche legate alle energie rinnovabili (da acqua e bosco), coinvolgendo gli attori istituzionali dell area geografica di cooperazione Alcotra. In tema di filiera bosco-energia viene affrontata la necessità di una maggiore mobilizzazione della biomassa e l integrazione del suo utilizzo all interno delle politiche energetiche a scala locale; per la produzione idroelettrica, la principale problematica affrontata riguarda la razionalizzazione energetico-ambientale del parco produttivo esistente. L obiettivo generale è migliorare l efficacia ed il coordinamento dell azione pubblica locale per la promozione delle fonti di energia rinnovabili, il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra nell ambito del territorio transfrontaliero Italia-Francia.

37 Renerfor Il progetto si articola in 5 component, sia tecniche che amministrative, ed in particolare Regione Liguria sviluppa le proprie attività nell ambito di due macro-settori: energie rinnovabili e obiettivi europei (entro il 2020, riduzione del 20% delle emissioni di gas serra, aumento dell'efficienza energetica del 20% e raggiungimento della quota del 20% di fonti di energia alternative): attenta valutazione delle potenzialità delle fonti energetiche alternative sul territorio ligure su casi campione, attraverso la realizzazione di uno strumento di pianificazione di supporto ai comuni e realizzazione di analisi economiche in merito alla fattibilità degli impianti; pianificazione forestale attraverso la redazione dei Piani Forestali Territoriali, puntando allo sviluppo della pianificazione territoriale di secondo livello.

38 Conclusioni e problematiche - Coordinare le attività di programmazione a livello provinciale e regionale, soprattutto realizzando un dialogo maggiore tra strutture e dipartimenti che dovrebbero svolgere ruoli complementari e non settoriali (ambiente, energia, agricoltura e foreste) - Creare politiche che facciano comprendere che la produzione di cippato non deve essere intesa come realizzazione di un prodotto, ma deve essere complemento di una filiera complessa che ha risvolti fondamentali nella tutela e valorizzazione del patrimonio agro-forestale - Coinvolgere ed informare chiunque sia coinvolto nella filiera, compreso il cittadino che capisca cosa significa l'utilizzazione forestale: la partecipazione locale alle decisioni e alle azioni di gestione delle risorse forestali può davvero dare risposte concrete alle pressanti esigenze dello sviluppo rurale.

39 - Individuare forme di finanziamento pubblico (attualmente la Regione Liguria ha attivato o sta per riattivare alcune misure del PSR che supportano sia le attività di silvicoltura che l'acquisto di impianti per la produzione di energia da biomasse forestali) - Ostacolare le azioni improvvisate, supportate dall'onda dell'entusiasmo e della moda: la realizzazione di un impianto a biomasse necessita di uno studio preliminare accurato. - Puntare ad una riduzione dei costi di gestione forestale, con ricaduta anche sul prezzo del cippato locale, attualmente non competitivo, formando gli operatori forestali e creando delle forme di associazionismo o consortili tra le imprese o le aziende forestali del territorio. - La realizzazione di un prodotto più competitivo è favorita dall'utilizzazione di boschi assestati che riducono i tempi di lavorazione e garantiscono la produzione di assortimenti di pregio

WORKSHOP ATTIVITA' DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA SUL PROGETTO RENEFOR

WORKSHOP ATTIVITA' DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA SUL PROGETTO RENEFOR WORKSHOP ATTIVITA' DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA SUL PROGETTO RENEFOR Iniziative di cooperazione per lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabili (bosco ed acqua) nelle alpi Occidentali, il risparmio energetico

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Le linee d azione d regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Dott. Elisabetta Gravano Settore Programmazione Forestale Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti 18 maggio 2012 Università degli Studi di Firenze Biomasse agro-forestali e energie alternative La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti Claudio Fagarazzi Filiera biomassa

Dettagli

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE

FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE FILIERA LEGNO-ENERGIA DALLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI BOSCHI DELLE COMUNALIE ENERGIA E TURISMO DALLE FORESTE IN VALTARO CONTESTO TERRITORIALE La Valtaro è situata in provincia di Parma, negli Appennini

Dettagli

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA

Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Filiera del Legno & Energia Distribuita GAMATEC SA Introduzione Il termine filiera legno-energia indica un insieme organizzato di fattori di produzione, trasformazione, trasporto e utilizzazione del legno

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS Finalità del SIF-RS Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana è un progetto finanziato dal POR-Sicilia 2000-2006,

Dettagli

Energia rinnovabile in Campania

Energia rinnovabile in Campania Energia rinnovabile in Campania Le principali fonti di finanziamento delle FER in Campania POR Campania L asse 3 Energia sviluppa azioni finalizzate a: sostenere e/o realizzare impianti per la produzione

Dettagli

Convegno FIPER La filiera del legno e lo sviluppo energie rinnovabili in Trentino arch. Giacomo Carlino

Convegno FIPER La filiera del legno e lo sviluppo energie rinnovabili in Trentino arch. Giacomo Carlino Convegno FIPER La filiera del legno e lo sviluppo energie rinnovabili in Trentino arch. Giacomo Carlino Trento, 27 Marzo 2015 Gli assi portanti dei Piani energetici provinciali Dalle competenze istituzionali

Dettagli

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Maria Luisa Bargossi Servizio Territorio Rurale DG Agricoltura 15 novembre 2010 Bologna Contenuti PSR e agroenergie Dalla politica energetica

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

La politica energetica della Provincia di Torino

La politica energetica della Provincia di Torino La politica energetica della Provincia di Torino il Programma Energetico Provinciale Sommario: La politica energetica provinciale: il quadro delle competenze Il percorso seguito nella definizione del Programma

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte FORLENER 2013 FORESTA_LEGNO_ENERGIA TERRE ALTE E FORESTE: LA STRATEGICA ENERGIA PER L ECONOMIA MONTANA VERCELLI, 27 SETTEMBRE 2013 Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte Mauro

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Direttore generale AIEL Associazione di filiera Associazione di filiera. dal bosco al camino Produzione/distribuzione

Dettagli

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Biomasse forestali tra istituzioni e impresa Roma 18 ottobre 2013 Regione Lazio Dr. Vanessa Gallo FIPER FIPER in

Dettagli

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE

La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE La filiera bosco legno energia: quale sviluppo? OPPORTUNITA E OBIETTIVI PER IL TERRITORIO E PER LE IMPRESE DEL CUNEESE Marco Bussone Uncem Piemonte I boschi in Italia 68% latifoglie e 41,8% cedui Proprietà

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Mauro Bertolino, Ph. D. Settore Politiche Energetiche Direzione

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA ASSE 1 MISURA 121 MISURA 121 M Ammodernamento delle Aziende Agricole in montagna

Dettagli

PIANO D AZIONE ENEPOLIS CONCLUSIONI

PIANO D AZIONE ENEPOLIS CONCLUSIONI PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice CONCLUSIONI Le attività iniziali del progetto sono state realizzate in un arco di tempo di

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia

Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia Italian Biomass Forum Prospettive di sviluppo della bioenergia in Italia Biomasse solide: produzione decentralizzata di elettricità e calore Milano - 21 Giugno 2012 Comitato Termotecnico Italiano PROSPETTIVE:

Dettagli

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 nel rispetto degli obiettivi di Kyoto A solo due anni dalla sua approvazione è

Dettagli

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Marino Berton Direttore Generale Lo sviluppo del settore delle biomasse non può essere

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA ENERGIA, ACQUA, LEGNO: TECNOLOGIE E TUTELA AMBIENTALE NELL'AMBITO DEL PROGETTO STRATEGICO RENERFOR TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE DELLA BIOMASSA LEGNOSA Ing. Roberta ROBERTO UTTS ENEA C.R. Saluggia roberta.roberto@enea.it

Dettagli

per la STORICITA del distretto, documentata dalla presenza di centri di documentazione sulla cultura locale del prodotto e del lavoro

per la STORICITA del distretto, documentata dalla presenza di centri di documentazione sulla cultura locale del prodotto e del lavoro IL DISTRETTO DELLE ENERGIE RINNOVABILI La Regione Veneto, con Deliberazione della Giunta nr. 1373 del 12 maggio 2009, ha approvato il Patto di sviluppo per il Distretto delle Energie Rinnovabili,e ha individuato

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013

Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 Sinnai, 4 marzo 2009 EFFICIENZA ENERGETICA E VALORIZZAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI Opportunità offerte dalla nuova programmazione 2007-2013 «lo Sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni

Dettagli

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive Walter Righini Presidente FIPER CHI SIAMO 86 Centrali di teleriscaldamento a biomassa vergine (di cui 16 cogenerative) 22

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica

Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Aspetti energetici ed economici dell utilizzo di biomasse forestali per la produzione di energia elettrica Giorgio Cavallo Legambiente Friuli Venezia Giulia Sedegliano 11 settembre 2009 Le biomasse forestali

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

Efficienza per pianificare l energia

Efficienza per pianificare l energia Efficienza per pianificare l energia Simona Murroni - Assessorato Industria - Servizio Energia La RAS - Assessorato Industria Servizio Energia Sta redigendo il Piano Energetico Regionale Ambientale di

Dettagli

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l.

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. ESCO ENERGY PALERMO è una società consortile senza scopo di lucro istituita con delibera del Consiglio Provinciale

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini 28 settembre 2007 Ing. Filippo Marini Utilizzo del legno forestale Per poter essere utilizzato in un impianto per la produzione di energia il legno deve essere cippato; ridotto cioè in una forma facilmente

Dettagli

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE

PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE PROSPETTIVE DI SVILUPPO NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI IN ALCUNI PAESI DELL EUROPA CENTRALE E SUD-ORIENTALE SCHEDA PAESE: SLOVENIA Settembre 2009 INDICE Il bilancio energetico ed il ruolo delle

Dettagli

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE

LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE LA RISORSA LEGNO: VALORE SIMBOLO E SEGNO IDENTITARIO PER LA GENTE DELLE MONTAGNE Dal Neolitico al XX secolo le case alpine erano costruite su un fungo di pietra a secco. Tutto il resto, era in legno. Le

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze PROVINCIA DI TORINO Silvio De Nigris denigris@provincia.torino.it Le attività della Provincia di Torino in materia di

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020.

Andando Verso il Nuovo. Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Andando Verso il Nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Toscana 2014 2020. Report - Attività Professionale Periodo di Spesa 2007 2013. Fondo F.E.A.S.R. Codice Fiscale e P.IVA 02035130513 - Via C. Concini

Dettagli

L idea nasce nel 1997 in un contesto di filiera Bosco Legno

L idea nasce nel 1997 in un contesto di filiera Bosco Legno Azioni di Governo Desideriamo presentarvi questi interventi coerenti con il seminario tematico tra i tanti realizzati da RL per queste ragioni metodologiche di approccio Forte e chiaro il bisogno espresso

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

«IL FUTURO DELL ENERGIA PASSA PER I TERRITORI» I Biodistretti di Renovo: Territorio, Energia e Bioeconomia

«IL FUTURO DELL ENERGIA PASSA PER I TERRITORI» I Biodistretti di Renovo: Territorio, Energia e Bioeconomia «IL FUTURO DELL ENERGIA PASSA PER I TERRITORI» I Biodistretti di Renovo: Territorio, Energia e Bioeconomia Dott. STEFANO ARVATI, Presidente Renovo «Le comunità dell energia» Conferenza Internazionale Pesaro,

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2 ALLEGATO n. 2 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Liguria Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi

Dettagli

LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO

LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO un po di numeri In Piemonte la superficie boscata è di 900.000 ettari; I numeri potenziali della

Dettagli

Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia

Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia Scenario Sostenibilità: l Autonomia Energetica dell Alto Tevere Città di Castello, 14 ottobre 2006 Proposte per un Piano Nazionale per le biomasse e la bioenergia Vittorio Bartolelli ITABIA Italian Biomass

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato

Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato Aprire nuovi fronti nel paese per rispondere alla sfida economica, a quella climatica e delle risorse GIANNI SILVESTRINI PRESIDENTE GREEN BUILDING COUNCIL ITALIA,

Dettagli

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO Relazione del Sindaco di Adrara San Rocco al convegno Factor20 Risorse locali per obiettivi globali: le piccole reti

Dettagli

FARRO DELLA GARFAGNANA

FARRO DELLA GARFAGNANA FARRO DELLA GARFAGNANA Progetto Integrato di Filiera: Regione Toscana Decreto Dirigenziale n. 2359 del 26/05/2015 s.m.i. La Cooperativa Agricola Garfagnana Alta Valle del Serchio si propone come promotore

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti

Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Centro Studi e Ricerche sul Nocciolo e Castagno Sicurezza e recupero delle biomasse nel processo di potatura meccanizzata dei noccioleti Prof. Ing. Danilo Monarca monarca@unitus.it Giornata di Studio INNOVAZIONE

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Situazione attuale e potenzialità di sviluppo della filiera

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

Laura Muraglia Responsabile progetti europei RESMAR, Robinwood plus, SylvaMED. Regione Liguria Dipartimento Ambiente

Laura Muraglia Responsabile progetti europei RESMAR, Robinwood plus, SylvaMED. Regione Liguria Dipartimento Ambiente Opportunità dall Europa per l economia locale Laura Muraglia Responsabile progetti europei RESMAR, Robinwood plus, SylvaMED Regione Liguria Dipartimento Ambiente Genova, 27 Marzo 2013 COME SVILUPPARE UNA

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL, Sedi in L Aquila ed Avezzano, attuali 9 soci fondatori LA FILIERA DELLE BIOMASSE

ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL, Sedi in L Aquila ed Avezzano, attuali 9 soci fondatori LA FILIERA DELLE BIOMASSE ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL, Sedi in L Aquila ed Avezzano, attuali 9 soci fondatori LA FILIERA DELLE BIOMASSE ENERGIA E TERRITORIO SOCIETA CONSORTILE A RL CHI E ENERGIA E TERRITORIO (ET)

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

IL DISTRETTO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

IL DISTRETTO DELLE ENERGIE RINNOVABILI IL DISTRETTO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Luigino Boito Rappresentante del Distretto Il Distretto delle Energie Rinnovabili Riferimento normativo Legge Regionale N 8 /2003 Disciplina delle aggregazioni di

Dettagli

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE

INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE Il progetto FIERA-EXPO ECOAPPENNINO Stefano Semenzato Direttore progetto CISA INNANZITUTTO VI INVITO A PARTECIPARE venerdi-sabato-domenica 28-29-30 settembre 2007 Porretta Terme prima fiera-expò delle

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo

Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020. La cooperazione al cuore del Mediterraneo Presentazione del Programma di Cooperazione Italia-Francia Marittimo 2014-2020 La cooperazione al cuore del Mediterraneo Carta d identità Chi? 5 regioni di Francia e Italia: PACA, Corsica, Liguria, Toscana,

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : il SISTEMA AGROALIMENTARE come RISORSA per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA VERSO Gennaio 2014 A cura di: Fondazione Cogeme Onlus Federazione Provinciale Coldiretti

Dettagli

Politica energetica e ruolo delle aziende

Politica energetica e ruolo delle aziende Politica energetica e ruolo delle aziende Giovanni Bernasconi TicinoEnergia e SPAAS Manno, 27 novembre 2013 Evoluzione consumi in Ticino 1950-2012 2 2 Bilancio energetico 2012 Struttura Consumo totale:

Dettagli

Un distretto delle energie rinnovabili sull Appennino Bolognese. Stefano Semenzato direttore CISA (Centro innovazione sostenibilità ambientale)

Un distretto delle energie rinnovabili sull Appennino Bolognese. Stefano Semenzato direttore CISA (Centro innovazione sostenibilità ambientale) Un distretto delle energie rinnovabili sull Appennino Bolognese Stefano Semenzato direttore CISA (Centro innovazione sostenibilità ambientale) CISA è una società consortile nata nel 2005. I soci sono:

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica

Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica dr. Sergio Finato Assessore all Ambiente e Territorio del Comune di Cavalese Tesero, sabato 21 luglio 2012 1 LE BIOMASSE LEGNOSE

Dettagli

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 GIOCO A SQUADRE Si guadagna 1 punto rispondendo correttamente alla propria domanda Si perde 1 punto rispondendo in modo errato alla propria domanda Sono concessi

Dettagli