Reattori chimici Generalità e tipologie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reattori chimici 6.3. 6.3.1 Generalità e tipologie"

Transcript

1 6.3 Reattor chmc 6.3. Generaltà e tpoloe Le reazon che ruardano l ndustra chmca, petrolchmca e petrolfera sono condotte n donee apparecchature, dette reattor. Tal reattor s presentano n una tpoloa artcolata per poter fronteare stuazon operatve estremamente dversfcate, sa per la natura delle spece chmche convolte (reaent e prodott della reazone), che per le condzon fsche alle qual operano. In enerale, un reattore chmco deve assolvere ad almeno tre funzon: consentre l tempo d permanenza necessaro a reaent perché s compa la reazone chmca; attuare lo scambo d calore necessaro; portare n ntmo contatto le fas present per aevolare la reazone. S passa così da reattor contnu d rand dmenson, come quell n cu sono condotte le reazon d crackn cataltco tpche del settore petrolfero, a dspostv d dmensone modesta, come reattor dscontnu atat n cu sono condotte le reazon tpche della chmca fne e secondara. Esstono noltre reattor per le applcazon sofstcate dell ndustra mcroelettronca o d dmensone mcroscopca (mcroreattor), l cu mpeo è stato studato per nstallazon d tpo bomedco o per produzon n stu d sostanze estremamente tossche o percolose. Possono noltre essere annoverat fra reattor sa la marmtta cataltca sa brucator, cataltc e non, mpeat nella produzone d enera. Nella classfcazone de reattor va tenuto conto del numero d fas present all nterno del reattore stesso, della presenza o meno d sstem d atazone e della modaltà d funzonamento (reattore contnuo, semcontnuo o dscontnuo). S rcorda ancora che ran parte de reattor chmc è corredata da apparecchature d scambo termco, qual camce esterne o serpentn ntern percors da un opportuno fludo che opera da vettore termco, per consentre sa la forntura sa la sottrazone d calore. Esemp de dvers tp d reattore sono llustrat n f., mentre n tab., per reattor pù comun, sono rportate le tpoloe d reazone n ess condotte e le modaltà d funzonamento soltamente mpeate; l esemp menzonat llustrano che fattor che prncpalmente nfluenzano la scelta del tpo d reattore sono: l numero delle fas convolte nella reazone e qund la necesstà o meno d provvedere a opportun sstem d atazone; l ottenmento e l mantenmento della temperatura e della pressone ottmal d reazone; nfne, la scala della produzone che spesso condzona la modaltà d eserczo contnua o dscontnua. Con rfermento alle fas present, reattor pù semplc sono reattor omoene, ne qual è presente una unca fase assosa o lquda, soltamente assoettata ad atazone per evtare la presenza d zone stanant. La conduzone della reazone può essere dscontnua, carcando la mscela de reaent nel reattore e aspettando che l processo s compa, o contnua, facendo flure nel reattore una corrente contenente reaent ed estraendone un altra contenente prodott della reazone. Caratterstc esemp d reattore omoeneo sono quell d crackn termco e quell d polmerzzazone n soluzone. Pù compless sono reattor eteroene, n cu reaent, prodott e l eventuale catalzzatore possono essere present n fas dverse. Un prmo esempo c vene offerto da reattor fludo-soldo (as-soldo o lqudo-soldo), ne qual venono condotte le reazon cataltche eteroenee. Un altro classco esempo è quello del reattore a svluppo tubolare che permette un accurato controllo della temperatura n quanto dotato d un elevata superfce esterna per lo scambo termco; nfatt, molto spesso è realzzato n confurazone a fasco tubero, ossa medante l unone n parallelo d un ran numero d reattor, n cascuno de qual flusce una frazone della portata d almentazone. Un secondo esempo è quello de reattor aerosol, mpeat nell ndustra de nuov materal, dove partcelle solde sono sntetzzate a partre da reaent n fase assosa. Ancora pù compless sono reattor as-lqudo o lqudolqudo, n cu reaent prncpal sono dstrbut n due fas, tra loro nmmscbl ma fra le qual deve essere realzzato un ntmo contatto n modo da aevolare l corso della reazone. Esstono anche reattor multfase del tpo as-lqudo-soldo, d cu un classco esempo è costtuto dal reattore trckle-bed mpeato per condurre le reazon d droenazone o d ossdazone cataltca d reaent lqud. Le reazon convolent reaent assos sono sovente condotte n reattor tubolar che soltamente operano n reme turbolento; se s mpea un catalzzatore soldo, esso forma un letto d partcelle, eneralmente d forma clndrca o sferca. Se le caratterstche meccanche del catalzzatore lo consentono e se è necessaro uno scambo termco effcace per l controllo accurato della temperatura d reazone, possono essere mpeat anche reattor a letto moble; l esempo pù mpor- VOLUME V / STRUMENTI 35

2 ASPETTI PROCESSISTICI prodott della combustone prodott D reneratore reattore d crackn A B E rscaldatore C ara d combustone nresso drocarbur l l l l preforma/taret l l l l famma brucatore multuello precursore G H I J K H 2 O 2 n H 2 Cl catodo 2 anodo c (d) d out O 2 H 2 elettrolta NaOH NaCl a b L M N O f.. Esemp d reattor chmc: A, reattore a tno atato; B, reattore tubolare omoeneo; C, reattore tubolare eteroeneo; D, reattore eteroeneo multtubolare; E, reattore as-soldo a letto fludo;, combnazone d reattor a letto fludo per l processo d flud catalytc crackn del drocarbur; G, reattore as-lqudo a bolle; H, reattore as-lqudo ar-lft; I, reattore as-lqudo (o lqudo-lqudo) atato multstado; J, reattore as-lqudo-soldo trckle-bed; K, reattore aerosol; L, reattore per deposzon d flm sottl; M, pla a combustble; N, cella elettrochmca; O, reattore a membrana. Le lettere a e b ndcano reaent; c e d, prodott;, la fase assosa; l, la fase lquda. tante è costtuto da reattor a letto fludzzato, ne qual la veloctà della fase assosa n contatto con le partcelle cataltche d pccole dmenson è n rado d mantenere n moto le partcelle stesse, realzzando così un elevato rado d atazone e d mscelazone. In funzone delle caratterstche fludodnamche del letto, s dstnuono: lett flud bollent (dove l moto del sstema bfase rcorda quello d un lqudo all ebollzone); lett flud trascnat (dove as trascnano nel loro moto tutte le partcelle del letto); e nfne lett flud soffat (dove le partcelle del letto sono trascnate ad alta 352 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

3 REATTORI CHIMICI tab.. Esemp d applcazone de dvers tp d reattore al varare della reazone chmca che deve essere effettuata, con ndcazone delle tpoloe d estone pù comunemente mpeate Tpo d reattore Caratterstche Gestone Esempo d reazone chmca Tno atato Multfase atato Multfase a colonna a bolle Brucator Tubolare omoeneo Tubolare eteroeneo Multfase tubolare Trfase (trckle-bed) Reattore a letto fludo lessbltà d operazone, buona mscelazone de reaent Buona mscelazone tra le fas, buon controllo termco Possbltà d nserre stad d separazone, possbltà d operazon n equcorrente o n controcorrente Bass temp d contatto, elevate temperature Tempo d resdenza ben defnto, buon controllo della temperatura Tempo d resdenza ben defnto, buon controllo della temperatura, elevata superfce d contatto fludo-catalzzatore Elevata area nterfaccale, tempo d resdenza ben defnto, lmtate retrocrcolazon Elevata area nterfaccale, possbltà d operazon n equ- e n controcorrente Elevata mscelazone de reaent e controllo termco D, S, C Reazon oranche d chmca fne o farmaceutca, produzone d melammna, produzone d ntrocompost oranc, solfonazone del benzene, reazon d esterfcazone, saponfcazone, ecc. C, S Polmerzzazon n sospensone o emulsone, clorurazon oranche d aromatc, ossdazon oranche (p-xlene ad acdo tereftalco, acetlene ad acetaldede, ccloesano a ccloesanone e acdo adpco) C, S Ossdazone d etlbenzene, cumene, sobutano a droperossd, ossclorurazone del propene a cloropropanolo, assorbmento d ossd ntros o d andrde solforca per la produzone del acd ntrco e solforco, produzone della ftalmmde C C Combustone d H 2 S a SO 2, produzone d carbon black, produzone dell acetlene, assfcazon ad alta pressone per la produzone d as d sntes Crackn termco del drocarbur, vsbreakn, delayed cockn (reazone endotermca), reazon d clorurazone del metano, del propene e del butadene, polmerzzazone dell etlene a LLDPE, Lnear Low Densty PolyEthylene (reazon esotermche) C Sntes cataltche eteroenee (NH 3, CH 3 OH, strene, ecc.), reazon d reformn del drocarbur (platformn, hydrocrackn, ecc.), dedroenazone dell etlbenzene a strene C Clorurazon oranche, ossdazon oranche, produzone d adpontrle da acdo adpco e ammonaca, produzone d ntroanlne, ossdazone dell etlene ad acetaldede C, S Idroenazon cataltche d compost oranc lqud C Reazon d arrostmento d mneral, reazon d clorols d drocarbur clorurat, clorurazone del metano, crackn cataltco del drocarbur, cokn del ol pesant, produzone d melammna da urea fusa C, estone contnua; D, estone dscontnua; S, estone semcontnua veloctà dal as n una porzone ben defnta del reattore e lascate po rcadere n una attua zona d calma). Le reazon n fase lquda sono condotte prncpalmente n reattor atat a forma d tno. L atazone è fornta meccancamente tramte atator a elca o a pale, n funzone del tpo d crcolazone fluda che s vuole realzzare nel reattore. L atazone è necessara sa per realzzare un effcace contatto del fludo con le superfc preposte allo scambo termco (e quest esenza è valda anche per sstem omoene), sa per arantre una buona dspersone tra le fas present ne sstem eteroene con conseuente loro ntmo contatto. Se è presente un catalzzatore soldo, esso può essere contenuto n opportun cestell convenentemente dspost per consentre che l lqudo lambsca le partcelle cataltche; ne reattor slurry tale catalzzatore può essere presente come sospensone nella fase lquda stessa. I reattor a tno atato possono operare n modo dscontnuo (reattor batch) o contnuo. Come à vsto, le reazon convolent una fase assosa e una lquda oppure due fas lqude debbono essere condotte n reattor n rado d arantre un effcace contatto tra le due fas medante opportun atator. Talora s rcorre anche a mscelator statc costtut da opportun corp d rempmento ne cu canal scorrono n controcorrente (per la dfferenza d denstà) le due fas che debbono essere poste n contatto. I reattor che mpeano mscelator statc sono caratterzzat da un forte svluppo vertcale per esaltare l atazone ndotta dalla dfferenza d denstà esstente tra le due fas: la fase d mnor denstà è almentata dal basso e raccolta n testa, VOLUME V / STRUMENTI 353

4 ASPETTI PROCESSISTICI mentre l altra seue l cammno nverso. Per reattor as-lqudo questa confurazone è detta colonne a bolle; ne esstono dverse confurazon studate per aumentare l atazone e l conseuente contatto tra le fas senza rcorrere all ntroduzone d atator meccanc. L esempo pù mportante è rappresentato dal reattore ar-lft, n cu s sfrutta la dfferenza d denstà tra due porzon del reattore tra loro connesse per nnescare un vortcoso moto d crcolazone naturale. Per termnare questa rassena, è mportante menzonare anche alcun reattor atpc mpeat per applcazon specal. Il prmo è la marmtta cataltca, ovvero un tpco reattore cataltco eteroeneo nel quale as d scarco d un autovettura sono mess n contatto con un catalzzatore l cu elemento attvo è un metallo noble, soltamente platno, supportato su d una matrce ceramca, eneralmente con una struttura monoltca a ndo d ape. All nterno d questo reattore s realzzano l ossdazone del monossdo d carbono a bossdo d carbono e la rduzone del ossd d azoto ad azoto elementare; l ossdante per la reazone d ossdazone è costtuto dall osseno ancora presente ne as d scarco, mentre rducent per la reazone d rduzone sono costtut dalle tracce d drocarbur ncombust ancora present. La scelta dell mpeo d strutture monoltche consente d rdurre le pere d carco e d realzzare effcent scamb termc. Ulteror mportant reattor eteroene sono reattor boloc, ne qual l enzm che catalzzano l processo fermentatvo sono supportat da opportune matrc solde. In quest ambto, le applcazon pù nnovatve sono rappresentate da que boreattor dove colone cellular selezonate sono fatte prolferare all nterno d una matrce polmerca bocompatble. I reattor elettrochmc sono caratterzzat dalla presenza d due elettrod a dverso potenzale tra qual flusce una corrente elettrca trasportata dal on contenut nella soluzone elettroltca che l bana entramb. In questo modo è possble condurre mportant process ndustral basat su reazon d ossdorduzone, per esempo l processo cloro-soda, utlzzando enera elettrca anzché termca. A reattor elettrochmc s possono equparare anche le celle a combustble a membrana polmerca, nelle qual vene condotta una reazone d combustone, convolente droeno (o metanolo) e osseno, almentando due as su due elettrod separat da una membrana scambatrce d on così da poter ottenere la enerazone d enera elettrca. Entramb tp d reattor s possono far rentrare anche nella cateora de reattor a membrana, ne qual una membrana sempermeable consente d separare uno de prodott della reazone drettamente dall ambente d reazone contrbuendo così a un mloramento della selettvtà de process n oco. Attualmente, la lmtazone all applcazone estesa d quest reattor è rappresentata dalla dsponbltà d effcac membrane. Partcolare mportanza è attrbuta nfne a reattor n uso nella mcroelettronca, n cu venono realzzat process d deposzone chmca da fase vapore; quest reattor, operant n condzon dscontnue e a elevate temperature, consentono d realzzare condzon d processo assa controllate, n modo da poter ottenere tolleranze molto contenute sa sullo spessore che sulla morfoloa crstallna del semconduttore depostato Proettazone e smulazone d reattor La potenzaltà d un mpanto chmco e l suo rendmento rspetto a reaent mpeat dpendono dalle dmenson de reattor present e dalla loro modaltà d conduzone. Inoltre, n molt cas, l costo del reattore ncde n modo rlevante sul costo lobale dell mpanto. Pertanto l corretto dmensonamento de reattor è un prerequsto fondamentale per la realzzazone d mpant economcamente convenent. La proettazone de reattor, un tempo laramente effettuata per va sememprca, è o realzzata rcorrendo a opportun modell matematc, basat sulle equazon d conservazone della matera, dell enera e della quanttà d moto, e che ne smulano l funzonamento. Le formulazon analtche che rendono possble la descrzone delle prncpal caratterstche e prestazon de reattor devono qund tener conto non solo delle caratterstche cnetche della reazone chmca, ma anche d tutt l aspett fludodnamc che condzonano l trasporto e la dstrbuzone de reaent all nterno del reattore stesso. Le condzon d funzonamento d un reattore, ove sano mportant sa fenomen d trasporto sa quell chmc, sono dette macrocnetche. Tale descrzone rsulta eneralmente molto complessa; percò, sovente s analzzano reattor prma n condzon dealzzate, n cu l aspett fludodnamc sono schematzzat n termn semplc e l comportamento è uncamente dpendente dalle reazon chmche. Queste condzon sono dette mcrocnetche; n quest ottca, reattor possono essere rappresentat tramte due schem lmte (reattor deal): quello del sstema perfettamente mscelato e quello del sstema perfettamente sereato. Nel prmo caso, all nterno del reattore sono assent radent d composzone e qund quest ultma è unforme n tutto l suo volume; nel secondo caso, la concentrazone de reaent evolve nel volume del reattore e qund la presenza del radente d concentrazone ne costtusce l elemento caratterzzante. È qund evdente che la prma schematzzazone lmte s presta per rappresentare reattor atat mentre la seconda s adatta a quell tubolar. Dato che l comportamento reale d un reattore è ntermedo tra quello delle due schematzzazon sopra descrtte, è charo l motvo per cu lo studo d queste ultme costtusce un buon nzo per poter po passare a trattazon pù complesse. Una volta esamnat reattor deal, s può passare all esame d quell real rmuovendo le semplfcazon ntrodotte, sno a fornre una panoramca de metod d proettazone sempre pù roros, passando dall anals della funzone d dstrbuzone de temp d resdenza del fludo all nterno del reattore alla smulazone dretta del campo d moto tramte le equazon d Naver-Stokes. Modell d reattor deal soterm Come accennato, lo studo de reattor vene soltamente affrontato n prma stanza tramte due modell deal, ne qual s assume che le condzon fludodnamche non nfluenzno l comportamento del sstema reaente. Cò s traduce nel consderare un volume perfettamente mscelato per reattor atat e un volume perfettamente sereato per reattor a svluppo tubolare. Nella prma cateora rentrano reattor atat contnu (CSTR, Contnuous Strred Tank Reactor) e quell dscontnu (reattor batch), mentre della seconda fanno parte reattor con flusso a pstone (PR, Plu low Reactor). In tutta la trattazone seuente s farà rfermento alla seuente scrttura compatta delle reazon chmche: [] ν j = A = 0 j,, NR dove A e n j ndcano, rspettvamente, l -esma spece chmca e l suo coeffcente stechometrco nella reazone j-esma. 354 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

5 REATTORI CHIMICI Soltamente s assumono postv coeffcent de prodott della reazone e neatv quell de reaent. Pertanto, se s ndca con r j la veloctà della j-esma reazone, l termne d produzone specfca dell -esma spece chmca rsulterà espresso da: [2] NR R= νjrj j= ove R è la veloctà d produzone specfca dell -esma spece reaente. Reattore dscontnuo deale (batch) Questo reattore, llustrato n f. 2 A, è la dervazone, su scala pù rande, del pallone d laboratoro: esso vene fatto funzonare effettuando nzalmente la carca de reaent ed effettuando lo scarco de prodott al termne della reazone. Il reattore dscontnuo è qund l dspostvo pù adeuato per le pccole produzon, soltamente molto varate nell arco dell anno. Essendo, nella sua schematzzazone deale, un sstema perfettamente mscelato, la concentrazone de reaent è la stessa n on suo punto e qund al suo nterno non esstono radent d concentrazone. Il blanco d matera d un reattore dscontnuo ha la forma: d [3] ( VC RV R ) =,, R dove V R e C sono rspettvamente l volume occupato da reaent e la concentrazone dell -esma spece reaente, espressa su base molare. Con un equazone come la precedente, per on componente presente nel sstema n esame, esstono equazon dfferenzal ordnare d blanco, a cascuna delle qual deve essere assocata la relatva condzone nzale ndcante l valore della concentrazone presente al tempo t 0: C C 0. Se l corso della reazone non altera sensblmente la denstà molare della mscela reaente, l volume V R occupato da reaent nel reattore può essere consderato costante e qund può essere elmnato da entramb membr dell equazone [3]. Questa condzone è ben verfcata ne sstem a elevata dluzone e, ovvamente, n quell n cu la reazone non altera l numero d mol present nel sstema. Se cò non s verfca, occorre conoscere la varazone della denstà molare al varare della composzone del sstema r~ f(c) e scrvere un ulterore equazone la cu nterazone fornsca la varazone nel tempo del volume d reazone: d [4] ( V ρ V R R )= R = Le varazon d denstà sono pù marcate nelle reazon n fase assosa che non n quelle n fase lquda. Per sstem n fase assosa la denstà vene soltamente valutata da un equazone d stato del tpo r~ p/zrt, essendo Z(T,p) l fattore d compressbltà sotermo. La soluzone del sstema d equazon [3-4] s può ottenere per va analtca solo se le cnetche delle reazon n oco sono semplc, altrment è necessaro effettuare un nterazone numerca. Reattore contnuo atato deale Questo reattore (CSTR) s presta a rappresentare modell d reattor atat contnu, dove esstono un almentazone contnua de reaent e un contemporaneo prelevo contnuo de prodott. Soltamente reattor atat contnu venono condott mantenendo l volume d reazone costante, condzone faclmente realzzable medante un controllo d lvello, facendo così rcadere l effett della eventuale varazone d denstà della mscela reaente sulla portata volumetrca uscente dal reattore. Tale reattore è schematzzato n f. 2 B nseme alla sua strumentazone prncpale, comprendente controll d temperatura e pressone, d portata e d lvello; anche n questo caso s assume la perfetta mscelazone e pertanto all nterno del reattore non esstono radent né d concentrazone né d temperatura: cò mplca che la composzone e la temperatura de prelev sono uual a quelle esstent al suo nterno. In prma approssmazone, un reattore contnuo può essere consderato perfettamente mscelato quando l tempo d mescolamento de reaent è molto pù basso del tempo d permanenza all nterno del reattore (t mx t permanenza ). Il blanco d matera d un CSTR n condzon dnamche può essere scrtto come seue (cascuna equazone, untamente alla corrspondente condzone nzale C C 0 per t 0, deve essere scrtta per cascun componente presente nel sstema n esame): [5] d VC QC QC RV R ( ) = +,, R f. 2. Illustrazone schematca de reattor deal nseme alla loro strumentazone prncpale: A, reattore dscontnuo perfettamente mscelato; B, reattore contnuo perfettamente mscelato; C, reattore tubolare a flusso a pstone. TC, ndcatore-controllore d temperatura; QRC, restratore-controllore d portata; LC, controllore d lvello; tmer, temporzzatore d apertura e/o chusura delle valvole. tmer A QRC n TC n fludo vettore termco fludo vettore termco QRC LC TC B almentazone e scarco contnu out TC fludo vettore termco out C almentazone e scarco contnu superfce d controllo sezone WR VOLUME V / STRUMENTI mol/t (V) V V dv (V dv) 355

6 ASPETTI PROCESSISTICI dove Q, V R, C e R sono rspettvamente la portata volumetrca, l volume occupato da reaent, la concentrazone e la veloctà d produzone specfca dell -esma spece reaente, espressa su base molare; l apce dentfca le randezze relatve alla corrente d almentazone. Soltamente, lo studo d quest reattor vene effettuato n condzon stazonare, per cu le equazon d blanco s rducono a equazon alebrche, n enere non lnear. In tutt reattor contnu, e qund anche per l CSTR, s defnsce tempo d resdenza (o tempo d contatto), l rapporto tra volume d reazone e portata volumetrca d almentazone: VR [6] τ R = Q t R rappresenta l tempo medo d permanenza de reaent all nterno del reattore. S not che la portata volumetrca d uscta può essere dversa da quella d almentazone se per effetto delle reazon chmche ha luoo una varazone del numero d mol e conseuentemente della denstà molare del fludo. Se quest ultma può essere consderata costante (r~ r~ ), anche la portata volumetrca rsulta costante. Qualora cò non s verfch, analoamente a quanto accade per l reattore dscontnuo, occorre dsporre d un equazone che esprma la varazone della denstà molare al varare della composzone del sstema (r~ f(c)) e scrvere un ulterore equazone d blanco d matera totale che fornsca la varazone della portata uscente dal reattore rspetto a quella entrante: [7] dove s è ndcato con Q/Q l rapporto tra le portate volumetrche uscente ed entrante. È mportante notare che se l blanco d matera fosse stato scrtto su base massca anzché molare, n condzon stazonare, l equazone [7] sarebbe stata nutle n quanto valor della portata massca n nresso sono sempre uual a quell n uscta. Per completare l anals e ustfcare l esame de CSTR uncamente n condzon stazonare è utle esamnarne, almeno una volta, l comportamento dnamco. S consder pertanto un CSTR, nzalmente contenente una concentrazone CA 0 del reaente A, nel quale avvena una reazone rreversble A B che seua una cnetca del prm ordne (r kc A ) e dove s alment uncamente l reaente A. In queste condzon s verfca la costanza delle portate volumetrche dato che non s ha varazone del numero d mol, per cu l equazone d blanco della spece A può essere scrtta come seue: CA [8] CA CA τrkca= τ R t la cu nterazone analtca fornsce [9] r Φr + τ R = 0 ( ) 0 ( + kτr) t/ τr A A A A C = C C C e R = dove C A CA /( kt R ) è l valore asntotco della concentrazone, rappresentatvo della soluzone n condzon stazonare. S può dmostrare che, nelle potes consderate, ndpendentemente dal valore della concentrazone nzale, l tempo d raunmento della soluzone stazonara è sempre lo stesso. Per ncso, tale tempo è par a crca tre volte l tempo medo d resdenza de reaent nel reattore. Reattore contnuo a flusso a pstone deale Il reattore contnuo a flusso a pstone (PR) deale costtusce un modello d reattore tubolare contnuo; tale reattore è schematzzato n f. 2 C nseme alla sua strumentazone prncpale. Esso è un modello d reattore perfettamente sereato, dato che al suo nterno esstono radent d composzone tra nresso e uscta; cò snfca che n on sezone del reattore s osserva una varazone della composzone del sstema rspetto alla sezone precedente e a quella successva. Pertanto, nella schematzzazone tpca de reattor deal, la composzone del fludo è omoenea n on sezone del reattore, mentre essa vara contnuamente luno la sua coordnata prncpale d svluppo. Per scrvere le equazon d blanco d un PR è allora necessaro rferrs a un volume d reattore nfntesmo, par all area W della sezone moltplcata per la lunhezza nfntesma dz, ossa dv Wdz. Il blanco d matera può essere scrtto come seue: ( QC ) C [0] + R =,, V t Onuna delle equazon s rfersce a un componente presente nel sstema n esame e necessta sa d una condzone al contorno, esprmente le condzon d nresso (C C per V 0), sa d una condzone nzale, esprmente l proflo d composzone luno tutto l reattore C (V) C 0 (V) per t 0. Introducendo l rapporto tra l valore locale della portata e quello d almentazone ( Q/Q ), e l tempo d resdenza (t V/Q ), l equazone d blanco d matera può essere rscrtta nella forma: ( ΦC ) C [] + R =,, τ t Anche lo studo de PR vene soltamente effettuato n condzon stazonare ( C / t 0); n tal condzon l sstema d equazon dfferenzal alle dervate parzal [] s rduce al seuente sstema d equazon dfferenzal ordnare: d( Φ C ) [2] = R,, Come per l CSTR, se la reazone non altera snfcatvamente l numero d mol present nel fludo e conseuentemente la sua denstà molare può essere consderata costante, ovvero r~ r~ (t) cost, anche la portata volumetrca rsulta costante e qund. Qualora cò non s verfch, occorre dsporre d un equazone che esprma la varazone della denstà molare al varare della composzone del sstema (r~ f(c)) e scrvere un ulterore equazone che fornsca la varazone della portata uscente dal reattore rspetto a quella entrante: ( ) = = Φ r [3] R τ È mportante notare che se l blanco fosse stato scrtto su base massca anzché molare, n condzon stazonare, quest equazone sarebbe nutle, n quanto valor della portata massca s mantenono sempre costant luno l reattore. S not che, nel caso a denstà costante, l equazone [2] ha esattamente la stessa forma dell equazone [3] ottenuta per reattor dscontnu. Cò snfca che, a partà d reazone consderata e d condzon al contorno (e/o nzal), l PR deale presenta un proflo d concentrazone al suo nterno che ha lo stesso andamento nel tempo dell analoo reattore dscontnuo deale. S può qund affermare che l proflo d composzone nello spazo (dentfcato dal tempo d resdenza) per l PR è 356 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

7 REATTORI CHIMICI dentco a quello nel tempo del reattore dscontnuo. È mportante sottolneare però che benché l tempo d resdenza abba le dmenson d un tempo, esso non è altro che un modo convenente per dentfcare l volume d reazone rcorrendo a una equvalenza spazo-temporale d tpo cnematco. Confronto tra le prestazon de reattor contnu deal La descrzone delle dverse tpoloe d reattor evdenza che soltamente dspostv d atazone sono necessar per ottenere una corretta mscelazone delle fas present e che qund la scelta del tpo d reattore può prescndere da fattor leat all effcaca d utlzzazone del volume. È comunque utle effettuare un confronto tra due tp d reattore contnuo (atato e sereato) n quest termn; per ottenere un semplce confronto, è possble rferrs allora a un sstema reaente operante n condzon dlute dove abbano luoo due semplc reazon n sere, convolent tre dverse spece chmche del tpo A r B e B r 2 C. Se s consderano due semplc cnetche rreversbl del prm ordne per le due reazon (r k C A, r 2 k 2 C B ), è possble arrvare faclmente a una soluzone analtca delle equazon d blanco e ottenere così l evoluzone delle concentrazon uscent n funzone del tempo d resdenza per entrambe le tpoloe d reattor. Il confronto tra due andament è llustrato n f. 3, n cu sono rportat, n funzone del tempo d resdenza, l andament d tre parametr d merto mpeat nell anals delle prestazon de reattor, e coè la conversone del reaente prncpale x A C A /CA, la resa nell ntermedo h B C B /C A e la selettvtà tra due prodott C B /(C B C C ); dalla fura s vede che l reattore tubolare è caratterzzato da una mlore utlzzazone del volume d reazone rspetto al reattore atato, producendo, a partà d tempo d resdenza, una concentrazone uscente del reaente A nferore. La dfferenza d comportamento è trascurable per bass temp d resdenza, mentre dventa sensble per quell maor: nfatt, mentre n un reattore atato tutt reaent sono caratterzzat dallo stesso tempo d resdenza, n un reattore tubolare cò è vero solo per reaent almentat, mentre tutte le altre spece presentano temp d resdenza nferor. Confurazon d reattor deal Uno de vanta della schematzzazone medante reattor deal è che una loro combnazone è n rado d descrvere un qualsvola reattore reale, purché tale combnazone rproduca la dstrbuzone de temp d resdenza del reattore reale (v. oltre). Sono pertanto d nteresse combnazon d reattor come CSTR seuto da un PR e una battera d CSTR; dal esemp ctat appare evdente che la combnazone d reattor ruarda sempre quell contnu. In aunta a tale aspetto, sempre nell ambto de reattor deal, sono possbl delle confurazon leermente modfcate rspetto alle tre analzzate precedentemente (batch, CSTR e PR); s tratta d confurazon semcontnue, come l reattore sembatch, o d confurazon con rcclo come l PR con rcrcolazone esterna. Queste confurazon consentono d coprre stuazon ntermede che s presentano sovente nella pratca ndustrale e d laboratoro. Reattore semcontnuo deale (sembatch) Il reattore semcontnuo, llustrato n f. 4 A, è un reattore le cu caratterstche sono ntermede tra quelle de reattor dscontnuo e contnuo atato; s tratta nfatt d un reattore dscontnuo, n quanto sprovvsto d una corrente d uscta contnua, ma comunque dotato d un almentazone contnua de reaent. Nell ndustra chmca, questa confurazone è molto pù dffusa d quella del reattore dscontnuo puro, n quanto sovente è necessaro almentare uno o pù reaent anche durante l corso della reazone; n termn d reattor deal, è ancora un reattore dscontnuo perfettamente atato. In lnea d prncpo qund l mpeo del reattore semcontnuo è molto pù smle a quello del reattore dscontnuo che non a quello del CSTR. È facle dervare le equazon d blanco d matera d tale sstema seuendo quanto svluppato precedentemente per reattor dscontnu, tenendo conto che n questo caso è presente una corrente fluda entrante: d [4] ( VC QC RV R ) = +,, R con V R, Q, C, C e R rspettvamente volume occupato da reaent, portata volumetrca d almentazone, concentrazone dell -esma spece nella corrente d almentazone, concentrazone e veloctà d produzone specfca dell -esma spece reaente, espressa su base molare. Pertanto, la scrttura delle equazon d blanco per quest reattor conduce alla scrttura d equazon dfferenzal ordnare, che debbono essere corredate della corrspondente condzone nzale (C C0 per t 0). f. 3. Confronto tra le prestazon d CSTR e PR relatvamente a due reazon n sere, entrambe rreversbl del prm ordne (k 0,5 h, k 2 0,7 h ). conversone-resa-selettvtà,0 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 0,2 0, S reattore CSTR reattore CSTR reattore CSTR reattore PR reattore PR reattore PR h 0 0 0,5,0,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0 tempo d resdenza (h) x VOLUME V / STRUMENTI 357

8 ASPETTI PROCESSISTICI QRC n (0) () (2) tmer TC LC fludo vettore termco B n Q C () C (2) out (3) Q out A C C C(0) C (out) C(2) R C(2) f. 4. Illustrazone schematca d confurazon d reattor deal untamente alla loro strumentazone prncpale: A, reattore semcontnuo perfettamente mscelato; B, battera d reattor contnu perfettamente mscelat; C, reattore tubolare a flusso a pstone con retromscelazone esterna. A meno che non s consderno reattor operant n fase assosa mantenut a volume costante, è dffcle che, n lnea d prncpo, l volume d reazone possa essere consderato costante. Pertanto, alle precedent equazon d blanco per le snole spece deve essere aunta (untamente all equazone d stato (r~ f(c)) che fornsce la varazone della denstà molare al varare della composzone chmca) l equazone d blanco d matera totale che descrve l evoluzone del volume del sstema: d [5] V Q ( r V R R ) = r + R = Un caso semplfcato nteressante è quello de sstem operant n condzon dlute; n tal sstem la denstà molare del fludo può essere consderata costante e par a quella del solvente; noltre, l numero d mol total present nel sstema è crca uuale a quello d mol del solvente, dato l suo laro eccesso. In queste condzon, la varazone del numero d mol present nel sstema dovuta alla reazone chmca può essere trascurata senza commettere ross error; pertanto l equazone d blanco materale totale dventa: dvr [6] = Q L equazone [6] è nterable analtcamente e fornsce l evoluzone del volume del sstema tramte la semplce relazone V R VR 0 Q t. Essa può essere sosttuta nell equazone d blanco d matera per la snola spece, ottenendo un espressone del blanco d matera della snola spece che, n modo autocompatble, fornsce la sua evoluzone temporale: dc [7] ( V 0 + Q t Q C C RV R ) = ( ) +,, R L nterazone analtca delle equazon dfferenzal [7] è sovente mpossble, nel qual caso s rcorre all nterazone numerca. Battera d reattor d tpo CSTR Molto spesso è necessaro operare con reattor contnu ben mscelat. Questo accade, per esempo, onqualvolta sa necessaro mscelare reaent present n fas dverse. Una confurazone mpantstca frequentemente mpeata è quella con un certo numero d quest reattor colleat n sere (battera), come llustrato n f. 4 B. Anche a causa della necesstà d mnmzzare le scorte d maazzno de pezz d rcambo, reattor della battera sono eneralmente dentc. Solo nel caso d process molto specfc, ove sa necessaro realzzare partcolar prestazon d processo, la battera vene realzzata con reattor d volume dverso. Per studare le prestazon d questa confurazone mpantstca, per semplctà d trattazone e senza pera d eneraltà, è possble analzzare l caso n cu s oper n condzon dlute; cò consente d consderare la portata volumetrca uscente dal reattore uuale a quella entrante. L anals d questo sstema è semplce n quanto è suffcente scrvere le equazon d blanco d matera per tutte le spece e per tutt reattor, blanc che possono essere eneralzzat nell espressone: [8] ( k ) ( k ) ( k) ( k ) Q C Q C + V R = 0 k k,,, k,, N dove l ndce k ndca l reattore al quale s fa rfermento. Per cnetche semplc, l sstema delle equazon alebrche [8] è rsolvble analtcamente e fornsce l evoluzone della composzone del sstema procedendo da un reattore a un altro. Per verfcare l peculare comportamento d nseme d una battera composta da N reattor dentc s può consderare, per esempo, una semplce cnetca del prm ordne rreversble (r kc A ) relatva alla reazone A B condotta n condzon dlute. In questo semplce caso, la concentrazone uscente dall ultmo reattore della battera è data da: ( 0) ( N ) CA [9] CA = ( N + kτ / N ) dove con t s è ndcato l tempo totale d resdenza nel sstema battera, calcolato con rfermento al valore lobale d volume d reattore (t V R,tot /Q ). Se s spne l valore del frazonamento de volum al suo estremo, ossa se s consdera una battera costtuta da un numero nfnto d CSTR d volume conseuentemente nfntesmo, applcando l equazone [9] s ottene l seuente rsultato: ( 0) ( N ) CA ( ) [20] lmca = lm N CA exp( N N ( + k / N) = 0 τ kτ ) ossa una battera d nfnt CSTR è equvalente a un PR. 358 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

9 REATTORI CHIMICI Nella pratca ndustrale, n realtà, raramente s realzzano battere d reattor con pù d 4 o 5 element: nfatt, à a questo lvello d partzone s raunono prestazon comparabl con quelle del reattore tubolare. PR con rcclo esterno Realzzare un reattore perfettamente atato (ossa un reattore che n on suo punto present la medesma composzone chmca) non è d facle attuazone. Un modo per realzzare un perfetto CSTR, almeno n scala d laboratoro, è quello d costrure un reattore tubolare (PR) con retromscelazone esterna, rappresentato schematcamente n f. 4 C. S not la presenza d un nodo d mscelazone (almentazone rcclo) e d un nodo d partzone (nel quale la portata uscente dal reattore tubolare è rpartta tra l uscta vera e propra e l rcrcolo n almentazone). È mportante sottolneare che un nodo d partzone non altera la composzone delle corrent flude che lo nteressano, n quanto rpartsce uncamente la corrente prncpale n due corrent secondare; nvece, un nodo d mscelazone modfca anche le composzon oltre che le portate: nfatt, la corrente che esce dal nodo ha una portata che è la somma d quelle entrant e una composzone che è la meda pesata delle composzon delle corrent d almentazone con peso determnato dalle portate d almentazone. Per studare le prestazon d questa confurazone, per semplctà d trattazone e senza pera d eneraltà, è possble analzzare l caso n cu s opera n condzon dlute. L anals d questo sstema è semplce, n quanto è suffcente scrvere le equazon d blanco d matera per tutte le spece relatvamente al reattore tubolare e al nodo d almentazone: dc () [2] = R C ( τ = 0) = C,, R dτ R ( 2) ( ) [22] QC + RC = ( Q+ R) C Per cnetche semplc, qual quella d prm ordne rreversble (r kc A ), relatva alla reazone A B, l sstema delle equazon dfferenzal [2] è rsolvble analtcamente e fornsce l evoluzone della composzone del sstema procedendo luno l reattore. Interando analtcamente l equazone d blanco d matera per l reaente A e combnandola con l blanco al nodo [22], s ottene drettamente l valore della composzone uscente dal reattore a partre da quella entrante n funzone del rapporto d rcclo f R/Q e del tempo d resdenza calcolato rspetto alla portata entrante nel sstema t R V R /Q: ( 0) kτr /( + ϕ) ( 2) CA e [23] CA = k R/( ) + τ + ϕ ϕ ϕe È facle dmostrare che al crescere del rapporto d rcrcolazone f le prestazon del reattore dmnuscono (cresce l valore della concentrazone uscente C (2) A ). Per valor tendent a nfnto (f ), la [23] deenera nell espressone tpca d un CSTR: C (2) A C (0) A /( kt R ). Nella pratca non è necessaro un rapporto d rcrcolazone nfnto: bastano nfatt valor compres tra 50 e 00 per ottenere le prestazon d un reattore a perfetto mescolamento. Qualora s consderno però cnetche complesse, valor ndcat possono subre varazon snfcatve e qund è bene verfcare la bontà dell approssmazone esattamente sul caso n esame. Modell d reattor deal non soterm Raramente le reazon chmche sono esent da effett termc. Pertanto nello studo de reattor chmc è necessaro prevedere, oltre alle equazon d blanco d matera, anche quella d blanco d enera. Quest ultma equazone fornsce l evoluzone della temperatura del sstema n funzone dell evolvere della reazone e della quanttà d calore scambato con l ambente esterno tramte flud che costtuscono vettor termc; la scrttura de blanc d enera sarà qu svluppata con rfermento a reattor deal precedentemente esamnat, essendo semplce l estensone d tale equazone a reattor pù compless. Il blanco d enera d un reattore chmco comprende l contrbuto dovuto al contenuto eneretco delle spece n oco nella reazone (tenendo conto sa della rottura e della formazone de leam chmc durante la reazone, sa dell almentazone e della sottrazone d reaent tramte le corrent entrant e uscent), quello dovuto al calore scambato con l ambente e quello dovuto alle dsspazon vscose. Generalmente quest ultmo contrbuto è percentualmente poco mportante a meno che non s consderno sstem a elevata vscostà, tpc, per esempo, d alcun reattor d polmerzzazone. Reattore dscontnuo L enera nterna U del fludo contenuto nel reattore può varare nel tempo uncamente per l enera scambata per untà d tempo con l ambente esterno, sotto forma sa d calore Q. sa d lavoro meccanco W. (quest ultma componente è soltamente trascurable): du [24] = Q + W La potenza termca Q. scambata con l ambente esterno, nulla solo n caso d funzonamento adabatco del reattore, dpende dalla dfferenza fra la temperatura T all nterno del reattore T e la temperatura T e del fludo vettore termco, dalla superfce d scambo dsponble nel reattore S R e dal coeffcente lobale d trasfermento d enera U, che tene conto d tutte le resstenze nel trasfermento d calore: [25] Q= SRU( T Te) Operatvamente, è utle evdenzare drettamente la temperatura del sstema e contrbut dovut alle reazon chmche n essere; per far cò è suffcente esprmere l enera nterna n funzone della composzone del sstema, U V R C (DŨ 0 T T 0 c V, dt ), e sostture nella [24] l espressone d blanco d matera [3]: NR dt [26] V Cc V r U S U R = V, R j( R, j)+ R ( T Te)+ W = j= dove s è ndcata con DŨ R, j la varazone d enera nterna molare (alla temperatura T) assocata alla j-esma reazone chmca. Inoltre, per compattezza, soltamente s ndca con r c V, mx la somma de prodott delle concentrazon dell -esma spece chmca per la sua capactà termca a volume costante. Reattore contnuo perfettamente mscelato L approcco llustrato per l reattore dscontnuo può essere mmedatamente esteso al reattore contnuo perfettamente atato, con l accortezza d ntrodurre ne termn d blanco contrbut entalpc alle corrent entrante H e uscente H dal reattore: du [27] = Q r H Qr H + SRU( T Te) + W Anche n questo caso, operatvamente, è utle evdenzare drettamente la temperatura del sstema e contrbut dovut alle VOLUME V / STRUMENTI 359

10 ASPETTI PROCESSISTICI reazon chmche n essere. Per far cò è suffcente esprmere l entalpa molare della corrente n funzone della composzone del sstema, H C (DŨ 0 T T 0 c p, dt ), e sostture nella [27] l espressone d blanco d matera [5]; n condzon stazonare s ottene: [28] p, T Q C c dt = = T NR V r H 0 = R + SU j R, j ( T T)+ W R e j= ( ) dove s è ndcata con DH 0 R, j la varazone d entalpa molare standard assocata alla j-esma reazone chmca. Inoltre, per compattezza, soltamente s ndca con r c V, mx (T T ) la somma de prodott delle concentrazon dell -esma spece chmca per l nterale della sua capactà termca a pressone costante tra le temperature della corrente entrante e uscente.. Q (d). Q ex (a) (b). Q en (c) T Reattore contnuo tubolare Per la scrttura dell equazone d blanco d enera d un reattore tubolare occorre far rfermento a un volume nfntesmo anzché all ntero volume del reattore: ( r U ) [29] = ( QH r ) + au R ( T Te) t V dove a R ndca la superfce d scambo termco per untà d volume d reattore (che n un reattore tubolare concde con l rapporto tra permetro e sezone del condotto). S not che non sono present termn d dsspazone d potenza dovut a dspostv meccanc, n quanto assent ne reattor tubolar. Per ottenere l espressone dell evoluzone della temperatura, s seue la procedura precedentemente descrtta, che n condzon stazonare fornsce: NR dt [30] Qr c r H a U T T pmx, = j( R j R e dv, ) 0 + ( ) j= avendo ndcato con r c p, mx C c p, Effett termc: molteplctà d stat stazonar e runaway In un reattore chmco, l calore assorbto, o enerato, dalle reazon chmche è fornto, o sottratto, medante uno scambatore d calore. In condzon stazonare due fluss termc debbono equvalers per poter mantenere costante l valore della temperatura del sstema reaente. Questa osservazone è alla base d un mportante fenomeno tpco de reattor contnu atat, per evdenzare l quale è suffcente rferrs alle equazon [28] e [5], n cu, per semplctà, s consdera un unca reazone con cnetca del prm ordne rreversble condotta n condzon dlute. Tenendo conto che la costante cnetca d una reazone assume eneralmente la forma d Arrhenus k k 0 e E/RT, dove k 0 ed E sono, rspettvamente, l fattore d frequenza e l enera d attvazone della reazone, due contrbut d potenza termca enerata e smaltta sono dat da: 0 E/ RT 0 [3] 0 ke C ( H ) R Q = r H V = V en R R 0 E/ RT R + τ ke [32] Q = Q r c, ( T T ) + S U ( T T ) ex p mx R e Come llustrato n f. 5, la curva della potenza termca enerata n funzone della temperatura presenta la tpca forma a S, mentre la curva d quella smaltta ha un andamento pressoché lneare. Seue che le ntersezon tra la [3] e la [32] costtuscono possbl condzon d funzonamento del reattore. S f. 5. Andamento della curva della potenza termca enerata e d quella smaltta n un CSTR. Anals della molteplctà del stat d funzonamento stazonaro: a, funzonamento spento; b, funzonamento nstable; c, funzonamento acceso; d, ntersezone unca. può noltre osservare che l numero delle ntersezon vara al varare dell nclnazone della retta del calore smaltto: sono qund possbl o tre ntersezon o una sola ntersezone. Nel prmo caso qund l reattore contnuo atato presenta una molteplctà d stat stazonar. L anals d stabltà del stat d funzonamento dà luoo a un problema al autovalor, la cu anals travalca però l scop della presente trattazone. In defntva, tale anals stablsce che solo l funzonamento spento (punto a n f. 5) e quello acceso (punto c n f. 5) sono stat d funzonamento stable del reattore, mentre quello ntermedo (punto b n f. 5) rsulta nstable e qund on pccola perturbazone ndotta nel reattore provoca una mrazone verso uno del altr due stat d funzonamento. Un altro nteressante effetto, con percolose conseuenze n termn d scurezza, è costtuto dal comportamento futvo (runaway) del reattore. Tale comportamento è tpco delle reazon esotermche ed è ndpendente dal tpo d reattore consderato: se una perturbazone nel funzonamento mpedsce l controllo termco, ossa provoca o un aumento d temperatura o una dmnuzone della capactà d smaltmento d calore (andamento esponenzale della curva del calore enerato), l sstema non è pù n rado d reare alla perturbazone e s verfca una pera d controllo delle condzon d funzonamento che provoca repentn aument della temperatura, con conseuente formazone d sottoprodott ndesderat o d altrettanto subtane e percolos aument d pressone. Un semplce crtero d anals delle condzon futve è stato proposto da Nkolaj Nkolaevč Semënov, tramte la defnzone d un numero admensonale y, dato dal rapporto tra l calore enerato nel volume d reazone alla temperatura del fludo e la veloctà d smaltmento per puro raffreddamento d tpo newtonano, ossa per scambo termco d tpo convettvo con una parete a temperatura costante: 0 E/ RT n ( H) ke ( C ) S V U T R R [33] ψ = ( ) 360 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

11 REATTORI CHIMICI tab. 2. Rappresentazone schematca delle stuazon lmte d macro- e mcromscelazone al varare della forma della funzone d dstrbuzone de temp d resdenza nel reattore rado d mscelazone macro Se l numero d Semënov è nferore al valore crtco y cr e, l reattore presenta un comportamento stable, altrment s nstaurano le condzon futve. Il vantao del numero d Semënov è la sua semplctà, benché o sano dsponbl crter pù sofstcat per la valutazone del rscho. Modell d reattor real (non deal) Nella pratca è dffcle ottenere le condzon d perfetta mscelazone o d perfetta sereazone e qund l comportamento reale de reattor chmc è sostanzalmente ntermedo tra quell delle due stuazon lmte. Gl effett d mscelazone ne reattor sono spesso dvs nel contrbuto d due meccansm dstnt: la mcromscelazone, che determna l rado d contatto tra le spece a lvello molecolare a causa delle fluttuazon turbolente local della veloctà del fludo, e la macromscelazone, che è nvece l rsultato de dfferent cammn e fluss d corto crcuto (by-pass) o della presenza d zone d stanazone all nterno del reattore. I due contrbut sono tra loro ndpendent e qund a uno stato d macromscelazone non ne corrsponde uno equvalente d mcromscelazone, anche se esste una mutua nfluenza. Un modo effcace per studare tale stuazone è basato sulla funzone d dstrbuzone de temp d resdenza (t), che tene conto della non unformtà del flusso e l cu prodotto per, (t), esprme la frazone d fludo l cu tempo d resdenza è compreso tra t e t ; la funzone (t) deve essere normalzzata n modo che rsult: mcro orma della funzone d dstrbuzone de temp d resdenza 0 0 radno 0 esponenzale esponenzale 0 radno [34] ( τ ) dτ= 0 D conseuenza l tempo d resdenza medo de reaent all nterno del reattore è dato da: [35] = τr τ( τ) dτ 0 Nota la funzone d dstrbuzone de temp d resdenza, l comportamento del reattore reale può essere smulato consderando un nseme d reattor cascuno de qual sa assocato a uno specfco tempo d resdenza così da rprodurre la funzone (t). All atto pratco, la (t) può essere ottenuta rcorrendo all nezone nel reattore d una sostanza traccante, la cu concentrazone nel reattore possa essere determnata n on stante. Per un reattore contnuo perfettamente atato, a seuto d una perturbazone a radno delle condzon d nresso, la funzone d dstrbuzone de temp d resdenza ha andamento esponenzale asntotco, (t) step CSTR e t/t R, mentre per un reattore a flusso a pstone ha andamento a radno centrato sul valore del tempo d resdenza medo; l comportamento d un reattore reale è pertanto ntermedo a quello de due reattor deal lmte. Uno schema delle confurazon possbl d macro- e mcromscelazone n funzone della funzone d dstrbuzone de temp d resdenza è rportato n tab. 2, dove con 0 s è ndcata la stuazone perfettamente sereata e con quella perfettamente mscelata. La dstrbuzone de temp d resdenza nflusce sulla conversone de reaent che vene realzzata nel reattore. Il valore medo della conversone x può essere calcolato come: d( τ ) [36] ξ = ξ( τ) d( τ) = ξ( τ) dτ dτ 0 0 Per cnetche semplc del prm ordne, sosttuendo l espressone della conversone e della funzone d dstrbuzone de temp d resdenza, l nterale [36] fornsce esattamente le soluzon trovate per reattor deal. Questa è però una peculartà delle cnetche del prm ordne nelle qual la conversone dpende solo dal tempo d reazone e non dal rado d mscelazone. Per ordn d reazone dfferent dall untà s ottenono nvece rsultat dscordant e qund le prestazon del reattore reale s dscostano da quelle deal. Alcun esemp sono llustrat n f. 6 dove, per talun snfcatv ordn d reazone e rad d mscelazone del reattore, sono rportat valor med della conversone n uscta al varare del tempo medo d resdenza, reso admensonale rspetto alla costante cnetca d pseudoprm ordne. S dmostra che per conoscere le real prestazon d quest sstem è necessaro stablrne correttamente l comportamento fludodnamco, tenendo conto sa de fenomen d macrocrcolazone del fludo sa d quell mcroscopc d mescolamento dovut alla turbolenza del sstema. Come sarà esamnato n dettalo pù avant, o questo problema vene affrontato rcorrendo a smulazon rorose de reattor basate sulla fludodnamca computazonale. f. 6. Andamento schematco della conversone meda n uscta dal reattore n funzone del tempo d resdenza admensonale per cnque confurazon caratterzzate da dfferent combnazon d ordn d reazone e d rad d mscelazone. x rado d mscelazone ordne d reazone perfettamente mscelato 0,5 2 sereato 0,5 3 perfettamente mscelato o sereato 4 sereato 2 5 perfettamente mscelato 2 t R k(c A ) n VOLUME V / STRUMENTI 36

12 ASPETTI PROCESSISTICI Esstono però due approcc pù semplc d quello appena ctato che consentono d descrvere l comportamento d un reattore reale. Il prmo nasce dall osservazone che una battera d reattor CSTR è n rado d reolare le sue prestazon tra quelle del snolo reattore CSTR (reattore perfettamente atato) e quelle del reattore PR (reattore perfettamente sereato); d conseuenza, è possble modellzzare l comportamento d un reattore reale consderando l suo volume suddvso n un opportuno numero d reattor CSTR deal, l cu numero rproduca la funzone d dstrbuzone de temp d resdenza. Il secondo approcco nvece mutua l comportamento del reattore reale da quello del reattore PR, ntroducendo però effett dspersv dovut alle dffuson local de reaent così da alterarne la perfetta sereazone; n tal caso s parla d modell a dspersone assale, per qual le equazon d blanco assumono la forma: C [37] = + u C 2 C DL, + R 2 t z z dove con z, u e D L, sono ndcat, rspettvamente, la coordnata assale del reattore, la veloctà meda del fludo nel condotto (denomnata soltamente veloctà superfcale) e l coeffcente d dspersone assale; quest ultmo, che ha le dmenson d un coeffcente d dffusone, tene conto della dspersone del fronte d concentrazone dovuta sa al aspett meramente dffusv (radente d concentrazone) sa alle devazon del proflo d veloctà da quello dealzzato, costante nella sezone. L ntroduzone delle condzon d dspersone nsersce una varazone nelle condzon al contorno per l equazone d blanco d matera [37] rspetto a quelle della [0]. Infatt, le condzon relatve alla sezone d nresso e d uscta dal reattore assumono le forme seuent: [38a] uc C D C ( ) = L, z 0 [38b] 0 = D C L, z L Mentre la seconda ndca semplcemente un proflo d concentrazone completamente svluppato n uscta, la prma mostra l esstenza d una dscontnutà del valore della concentrazone de reaent n corrspondenza della sezone d nresso, dovuta appunto al effett d dspersone che s manfestano all nterno del reattore. Queste condzon al contorno sono soltamente ndcate come condzon d Dankwerts, anche se esse sono state formulate per la prma volta da Irvn Lanmur. Occorre puntualzzare l fatto che entramb l approcc llustrat (battera d reattor CSTR e reattore con dspersone assale) sono n rado d rprodurre un comportamento qualsvola d reattore, tanto che è possble passare da un tpo d descrzone all altro rcavando, per esempo, l numero de reattor n una battera dal valore del coeffcente d dspersone assale, o vceversa, tramte opportune correlazon. Soltamente la scelta tra le due schematzzazon è basata sulla complesstà d calcolo (a favore della battera) o sull aderenza del modello alla realtà (un modello a dspersone raffura apparentemente melo l comportamento d un reattore tubolare che non quello d un reattore atato). Per rprodurre l funzonamento reale d un reattore sono sovente consderate anche combnazon d reattor pù complesse, come quelle llustrate a ttolo d esempo n f. 7. Modell d reattor eteroene Sono stat fn qu consderat uncamente reattor monofasc. Come à vsto, nella realtà, l caso d reattor ne qual reaent sano dstrbut tra pù d una fase è assa frequente. Esemp classc sono l reattore cataltco eteroeneo, reattor as-lqudo e quell lqudo-lqudo. Sono frequent anche reattor trfasc as-lqudo-soldo. In tutt reattor eteroene s realzza la dspersone d una fase all nterno d un altra. Per la corretta defnzone del reattore è qund necessaro stablre quale sa la fase contnua e quale la fase dspersa. Ne reattor cataltc eteroene, le partcelle d catalzzatore costtuscono la fase dspersa mentre la fase fluda è quella contnua. Ne reattor as-lqudo sono possbl due confurazon lmte: nella prma, pù frequente, la fase lquda costtusce quella contnua mentre le bolle d as sono la fase dspersa (reattor a bolle, dotat o meno d atazone esterna); nel secondo caso, meno frequente, la fase lquda è dspersa nella fase assosa (reattor spray, n cu s spruzzano occe d lqudo all nterno della fase assosa). In tutt reattor eteroene l trasfermento d matera e d calore tra le fas oca un ruolo mportante nel defnrne le prestazon. Nel seuto dfferent modell d reattore omoeneo saranno modfcat così da rappresentare l sstema eteroeneo. f. 7. Schematzzazone delle combnazon d reattor deal adottate pù frequentemente per rprodurre l comportamento de reattor real. A, PR volume morto; B, CSTR volume morto; C, CSTR by-pass; D, CSTR volume morto by-pass; E, PR CSTR. A B C D E 362 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

13 REATTORI CHIMICI Reattor cataltc eteroene Ne reattor cataltc eteroene le reazon hanno luoo all nterno della partcella cataltca; n quest ambto, è pertanto pù convenente rferre la veloctà d reazone all untà d massa d catalzzatore che all untà d volume. Inoltre, la partcella cataltca, a causa delle resstenze nterne al trasporto d matera, presenta soltamente l proflo d concentrazone d f. 8 A che provoca qund una dfferente veloctà d reazone al suo nterno rspetto alla sua superfce. Tutto cò è tradotto dal fattore d effcenza h, l cu mpeo consente d omettere l modello d partcella durante la rsoluzone delle equazon d blanco nerent l reattore. Pertanto, prma d esamnare come s modfcano le equazon precedentemente svluppate per reattor omoene, è utle studare l comportamento d una snola partcella cataltca per arrvare a defnre una relazone funzonale che ne esprma l fattore d effcenza relatvamente a una specfca reazone chmca. Per quanto ruarda l effcenza de catalzzator, s rcorda che la veloctà d una reazone cataltca è nfluenzata, oltre che dalla natura chmca della reazone, anche da fenomen fsc d trasporto d matera e d calore. Come llustrato n f. 8 B, component la mscela fluda, prma d reare, debbono dffondere dal cuore della mscela alla superfce della partcella e po all nterno della stessa tramte la rete d por presente; l cammno nverso deve essere po percorso da prodott della reazone. A causa de process dffusv ntrapartcellar e del conseuente consumo de reaent dovuto alla reazone chmca, all nterno della partcella s nstaura un proflo d concentrazone l cu valore medo può dfferre anche notevolmente da quello esstente n corrspondenza della sua superfce. Il concetto d effcenza d una partcella cataltca ha lo scopo qund d rdurre a un unca relazone funzonale l suo comportamento lobale, per effetto combnato sa del event chmc che avvenono al suo nterno sa de fenomen d trasporto d matera ntrapartcellar. Pertanto, l effcenza del catalzzatore h ndca l rapporto fra la veloctà d reazone osservata e quella che s avrebbe se nella partcella fossero assent fenomen d tpo dffusvo e qund tutta la reazone avesse luoo alla concentrazone superfcale. S può dmostrare che l effcenza dpende da un parametro admensonale, detto modulo d Thele: [39] φ = V p k eff Sp D dove, V p, S p, D eff e k sono, rspettvamente, l volume e la superfce esterna della partcella cataltca, l coeffcente d dffusone effcace de reaent n partcella e la costante cnetca d pseudo-prm ordne (k r rˆs/c s ). Ne reattor CSTR e PR eteroene, alla luce d quanto sopra, la veloctà d produzone dell -esmo componente per effetto delle reazon è fornta dall espressone seuente, dove la veloctà d reazone è calcolata alla concentrazone corrspondente alla superfce esterna della partcella cataltca e tutte le resstenze al trasporto dffusvo ntrapartcellare sono computate tramte l fattore d effcenza h: [40] R NR = ν r η s, k sk, k k= Per convertre tale contrbuto n quello specfco all untà d volume del reattore è necessaro moltplcarlo per la denstà versata del catalzzatore rˆs( e), dove rˆs ed e sono, rspettvamente, la denstà della partcella cataltca e l rado d vuoto del letto: [4] R = rˆ s( ε) Rs, Il blanco d matera d un reattore CSTR, nel cu nterno avvenano delle reazon cataltche e dove l catalzzatore sa dsperso unformemente nel suo volume, è drettamente rcavable n condzon stazonare, sosttuendo l equazone [4] nell equazone [5]: [42] QC QC+ Rs, rˆ s( ε) VR= 0 Anche per l reattore tubolare è suffcente sostture l equazone [4] nella [0], ottenendo, n condzon stazonare: dqc ( ) [43] = R ˆ s, rs( ε) dv L equazone [43] può essere eneralzzata analoamente alla [37] per ncludere contrbut della dspersone assale; n questo caso, dovranno essere usate opportune correlazon d stma del coeffcente d dspersone assale valde per lett mpaccat anzché quelle per tub vuot. Reattore as-lqudo Nella smulazone de reattor as-lqudo, oltre alla cnetca della reazone chmca, è mportante descrvere correttamente la quanttà d matera scambata attraverso l nterfase; per tale descrzone è necessaro conoscere due fattor: l flusso d matera tra le fas e l estensone dell nterfase. Soltamente solo alcun de prodott d reazone e de reaent sono dstrbut tra le due fas, mentre nella strarande maoranza de process la reazone chmca avvene n fase lquda. Se la reazone è partcolarmente veloce, essa s localzza all nterno del flm nterfasco, ma eneralmente cò avvene pù ne process d assorbmento (per esempo, nell assorbmento d CO 2 n soluzon alcalne) che n ver e propr process volt allo svolmento d una reazone chmca, qual per esempo un ossdazone, un droenazone o una aloenazone. Generalmente l espressone del flusso s ottene applcando la teora del doppo flm, n base alla quale s assume che le resstenze al trasfermento d matera sano localzzate sa nel flm lqudo sa n quello assoso, assumendo noltre che f. 8. A, andamento tpco della concentrazone C del reaente -esmo nternamente a una partcella cataltca assunta sferca (r è la coordnata radale e C S la concentrazone n corrspondenza della superfce esterna); B, schematzzazone de fenomen d natura chmca e fsca che avvenono all nterno d una partcella cataltca (stad, 2, 6 e 7 d natura fsca e stad 3, 4 e 5 d natura chmca). A C C s r - dffusone esterna de reaent 2- dffusone de reaent ne por 3- adsorbmento de reaent 4- reazone superfcale 5- desorbmento de prodott 6- dffusone de prodott ne por 7- dffusone esterna de prodott B VOLUME V / STRUMENTI 363

14 ASPETTI PROCESSISTICI le concentrazon n corrspondenza dell nterfase sano n equlbro termodnamco. Pertanto, sotto tal condzon, l espressone del flusso d matera tra le fas assume la forma: e [44] J = k( CG, KC, L) dove ke e K sono, rspettvamente, l coeffcente lobale d trasfermento d matera e la costante d equlbro d rpartzone. La costante d equlbro d rpartzone assume la forma K H /p per le spece supercrtche e K p 0 /p per quelle subcrtche, essendo rspettvamente H, e p 0 la costante d Henry, l coeffcente d attvtà e la tensone d vapore della spece consderata. Il coeffcente lobale d scambo d matera, n accordo con la teora del doppo flm, assume qund la seuente espressone: K [45] = + e k kg, EkL, dove k G, e k L, sono appunto coeffcent d scambo d matera relatv alle due fas n contatto ed E è l fattore d esaltazone che tene conto del effett delle reazon veloc sul trasfermento d matera; detto fattore può essere stmato rcorrendo a correlazon basate sul modulo d Hatta M H Dkr C LB4 /kl, dove D è l coeffcente d dffusone n fase lquda della spece mrante, k r è la costante d veloctà d reazone tra la spece assosa e l reaente B n fase lquda, e nfne k L, è l coeffcente d trasfermento d matera n fase lquda. Nel caso lmte n cu l reaente n fase lquda sa n laro eccesso rspetto a quello trasferto dalla fase assosa, la reazone può essere consderata d pseudoprm ordne e conseuentemente l fattore d esaltazone può essere stmato come E=M H /tanhm H. Per la stma de coeffcent d trasfermento d matera, così come del valore dell area nterfacale per untà d volume d reattore sono dsponbl molte correlazon, per le qual s rmanda al cap Nel reattore as-lqudo perfettamente mscelato, se per le due fas (assosa e lquda) n contatto è possble assumere una perfetta mscelazone, lo schema d rfermento per le equazon d blanco d matera è quello rportato d seuto; tale formulazone s adatta sa a confurazon semcontnue (del tpo fase assosa almentata e scarcata n contnuo e fase lquda dscontnua) sa a confurazon d almentazone contnua per entrambe le fas; noltre, soltamente s assume trascurable l accumulo d matera n fase assosa rspetto a quello n fase lquda a causa dell elevata dfferenza d denstà tra le due fas (rapporto crca /.000); l blanco d matera lobale per la fase lquda assume allora la forma seuente: d r V ( L L) [46] = VL + a J Q r Q r s L L L L = dove rˆl, V L, a s, J sono, rspettvamente, la denstà molare della fase lquda, l volume occupato dalla fase lquda nel reattore, l area nterfacale specfca (al volume lqudo) e l flusso d matera molare tra le fas. Il blanco per la snola spece assume nvece la forma: d( C V L, L ) [47] = RV JV L + a L + Q C s L L, Q L C L, dove C L,, R e Q L sono, rspettvamente, la concentrazone molare della spece consderata n fase lquda, la sua veloctà d produzone nel volume lqudo per effetto delle reazon chmche (v. l equazone [2]) e la portata volumetrca della fase lquda. Se, per potes, non hanno luoo reazon chmche n fase assosa, l blanco materale dell -esma spece chmca n fase assosa può essere scrtto come seue: dvc G G, [48] a JV L Q C s G G, Q G C G, dove C G,, V G, e Q G sono, rspettvamente, la concentrazone molare della spece n fase assosa, l volume della fase assosa dspersa nella matrce lquda e la portata volumetrca della fase assosa; conseuentemente, l blanco d matera lobale per la fase assosa, necessaro per calcolare l valore della portata d as uscente dal reattore, è fornto dalla seuente relazone, dove s è assunto trascurable l accumulo d matera n fase assosa e dove r G ndca la denstà molare della fase assosa: [49] ( ) = + Q r = Q r av J G G G G s L = Per completare la descrzone del modello, è necessaro stablre l volume delle due fas contenute nel reattore o melo l volume d fase assosa dspersa all nterno della fase lquda. Tale quanttà vene soltamente espressa medante l rapporto e (hold-up), tra l volume della fase assosa e l volume totale: VG [50] ε = VG+ VL Il valore d hold-up è nfluenzato dal reme fludodnamco presente nel reattore ed è sostanzalmente determnato dalla veloctà d rsalta delle bolle d as all nterno della massa lquda; qund, tanto pù elevata è la veloctà superfcale della fase assosa (u G Q G /W R ) rspetto alla veloctà d rsalta naturale delle bolle (u T G ), tanto maore sarà l valore d e; soltamente sono dsponbl correlazon sememprche per la sua stma n dverse confurazon d reattore, n funzone delle propretà fsche de flud n contatto, delle loro portate volumetrche e della sezone W R del reattore. Nel reattore as-lqudo sereato, sovente, per descrvere l comportamento d entrambe le fas o d una sola d esse, s fa rfermento a un modello a dspersone assale; pertanto, nelle stesse potes eneral adottate per analzzare l sstema mscelato e n condzon stazonare, l equazone d blanco d matera per la snola spece e quella lobale s rducono a: du ( L r L) [5] = ( ε) R + as J dz = = duc [52] D dc 2 ( L L, ) L, = ( ε) L, + ( ε) R+ a J 2 s dz dz duc [53] D dc 2 ( G G, ) G, = ε G, aj 2 s dz dz du ( G r G) [54] = as J dz = dove u L, u G, e, D L, e D G, sono, rspettvamente, le veloctà superfcal per la fase lquda e assosa, l hold-up locale e due coeffcent d dspersone assale per le due fas. Le equazon precedent, essendo relatve a una descrzone con dspersone assale, debbono essere assocate a condzon al contorno tpo Danckwerts analohe alle [38]. Reattor a letto fludo e reattor n sospensone Quest reattor presentano caratterstche che sono ntermede tra quelle de due reattor eteroene (as-soldo e aslqudo) snora esamnat; nfatt, mentre la reazone avvene per nterazone tra reaent present n fase assosa e partcelle solde (cataltche e non), quest ultme sono però lbere d muovers all nterno del reattore; pertanto anche la fase solda 364 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

15 REATTORI CHIMICI presenta un comportamento smle a un fludo. Infatt, se la veloctà del fludo che transta attraverso un letto d partcelle solde eccede un valore lmte, detto veloctà d mnma fludzzazone, la massa solda s mette n movmento con modaltà sml a quelle d un lqudo. Soltamente l atazone ottenuta è tale da poterne assmlare l comportamento a quello d un sstema ben mscelato. La fase assosa che attraversa un letto fludzzato, noltre, per valor elevat d veloctà provoca la formazone d corrent d by-pass sml a quelle tpche della rsalta d bolle attraverso un lqudo. S parla n tal caso d lett flud rbollent. Da quanto detto sopra appare qund charo che le formulazon rcavate per reattor as-lqudo possono essere faclmente estese a quest sstem. Se l fludo che attraversa la massa solda è un lqudo, s vene a creare nel sstema una sospensone solda, sovente mantenuta n atazone tramte dspostv meccanc; per quest sstem s parla allora d reattor n sospensone o slurry. Per entramb sstem è opportuno dsporre d correlazon d stma delle veloctà d fludzzazone e delle portate d by-pass n funzone delle caratterstche chmco-fsche delle due fas n contatto. Nuove tendenze nella smulazone de reattor Lo svluppo delle capactà d calcolo e l contemporaneo aumento dell affdabltà de proramm d fludodnamca computazonale hanno aperto nuove possbltà nella smulazone e conseuentemente nella proettazone de reattor chmc. È o possble, nfatt, smulare n toto l comportamento d un reattore, aunendo alle equazon d blanco d matera e d enera, scrtte n forma dfferenzale, le equazon atte a descrvere l evoluzone del moto de flud al suo nterno. Dato che, nella strarande maoranza de cas, reattor chmc operano n reme turbolento, è necessaro completare le equazon del moto con le equazon del modello d turbolenza, tramte le qual è possble stmare parametr d trasporto convolt nelle equazon d blanco, qual per esempo la dffusvtà delle spece e la vscostà del fludo. Soltamente, nella smulazone de reattor chmc, le equazon del modello sono scrtte adottando l punto d vsta eulerano, anche se per qualche sstema partcolare ove s vola tener conto della traettora d bolle o d partcolato sono usat anche approcc d tpo msto eulerano-laranano. Per fornre un esempo snfcatvo dell uso della fludodnamca computazonale reattva nella smulazone d reattor chmc, s può consderare un caso complesso come quello d un reattore as-lqudo nella confurazone ar-lft, ossa un reattore nel quale l moto del fludo è ndotto da radent d denstà provocat da dfferent contenut d as nelle dverse zone del reattore stesso. Pertanto, assumendo l punto d vsta eulerano per le due fas present, per cascuna d esse è allora necessaro scrvere l equazone d contnutà: ( re a a) [55] + ( re u a a a) = 0 t e le tre equazon d Naver-Stokes, una per cascuna componente della veloctà del fludo, [56] ( ) a a a + ( re uu ) ( t ) = a a a a a re u t N p = e P + re + a a a D ab b= dove con e a, u a, t a, P e D ab sono state ndcate, rspettvamente, la frazone volumetrca, l vettore veloctà e l tensore del sforz vscos per l fludo a, la pressone del sstema e la forza d attrto tra le fas. Quest ultma è stmable dalla dfferenza delle due veloctà tramte un coeffcente d attrto C ab : [57] D = C u u αβαββα ( ) S osserv che, per cascuna fase, è necessara anche un equazone d stato per descrverne la denstà n funzone delle condzon chmco-fsche local, r a r a (T a,p a ). Occorre po mporre l vncolo: [58] relatvamente alla frazone volumetrca delle fas present. Come detto n precedenza, dato che quest reattor operano n reme turbolento, debbono essere aunte le equazon del modello d turbolenza; uno de modell pù comunemente usat è l modello k-e, le cu equazon sono state omesse per brevtà (v. cap. 4.2). La procedura numerca d rsoluzone assume not, come prmo tentatvo, la veloctà della fase lquda, la pressone e valor d hold-up local; l alortmo rsolve qund le equazon d Naver-Stokes per entrambe le fas e fornsce così un valore aornato della veloctà de flud e del valore del hold-up. Quest valor sono po mpeat nella successva terazone come nuov valor d partenza, fno a che la procedura non une a converenza. Naturalmente, ne reattor chmc, non s è nteressat uncamente alla fludodnamca e qund occorre aunere le equazon d blanco d matera per la snola spece e quella d blanco d enera: [59] [60] N p ε α α= = C α t + C = D C R α r α C p α ( ) + u α α α α α T T k T t + u = ( ) + α α Tα α ( ) NR r H jα j ) + j= + ( U T T S α αβ α β αβ dove U ab e S ab sono l coeffcente d scambo termco tra le fas e la superfce dell nterfacca tra le fas specfca all untà d volume. Medante questo tpo d smulazone è possble conoscere con rande dettalo valor local d composzone chmca nonché tutt parametr d carattere fludodnamco del sstema anche n reattor d eometra complessa; s ottenono così nformazon sulle macrosereazon e su volum mort eventualmente present. È possble noltre verfcare la presenza d zone ove possano aver luoo mportant accumul d sottoprodott che possano avere effett deleter sa sulla scurezza del sstema che sulle prestazon d conversone, resa e selettvtà. La fludodnamca computazonale consente noltre d dmensonare correttamente sstem d dspersone meccanca (qual l atator) e d studare mod d nezone de reaent effcac per ottenere condzon l pù possble sml a quelle deal; nella f. 9 sono rportate la smulazone del campo d moto n un reattore atato per la presenza d due atator a pale nclnate e la vsualzzazone della dspersone d un reaente causata da una sua nezone n prossmtà dell atatore. Appare qund charo che al orno d o quest approcc dettalat rvestono sempre maore mportanza nel proettare reattor chmc con caratterstche e prestazon pù VOLUME V / STRUMENTI 365

16 ASPETTI PROCESSISTICI Ganetto A., Slveston P.L. (eed by) (986) Multphase chemcal reactors: theory, desn, scale-up, Washnton (D.C.), Hemsphere. Metcalfe I.S. (997) Chemcal reacton enneern: a frst course, Oxford, Oxford Unversty Press. Varma A. et al. (999) Parametrc senstvty n chemcal systems, Cambrde, Cambrde Unversty Press. Westerterp K.R., Wjnaarden R.J. (992) Prncples of chemcal reacton enneern, n: Ulmann s encyclopeda of ndustral chemstry, Wenhem, VCH, , v.b4: Prncples of chemcal enneern and plant desn. A f. 9. Esempo d smulazone fludodnamca n un reattore atato condotta medante codc d fludodnamca computazonale. A, campo d moto; B, dspersone d un reaente nettato n prossmtà dell atatore. evolute. Lo svluppo de mezz d calcolo sta pratcamente rendendo d mnore mportanza l approcc ntermed, per cu s può prevedere che l evoluzone de metod d proettazone de reattor chmc s radcalzz sull mpeo d modell semplc basat su concett d perfetto mscelamento o d flusso a pstone, oppure d modell dettalat basat sulla fludodnamca computazonale reattva, l cu scopo ultmo è quello d proettare correttamente reattor e rendere l loro comportamento l pù possble smle a quello de reattor deal. Numer admensonal della reattorstca È buona pratca n nenera, una volta scrtte le equazon d blanco, sa d matera sa d enera, relatve al rettore n esame, porre tutte le randezze n forma admensonale. Così facendo s evdenzano de raruppament d varabl ( numer admensonal), l cu scopo è quello d porre n relazone un fenomeno (reattvo, dffusvo o convettvo) rspetto a un altro, evdenzandone così l mportanza relatva e suerendo possbl semplfcazon: un equazone posta correttamente n forma admensonale, rducendo tutt termn a valor sml n ordne d randezza, rende pù aevole la soluzone numerca del modello. I numer admensonal che pù spesso s ncontrano nella pratca nenerstca de reattor chmc sono rassunt n tab. 3, untamente alla loro defnzone e al loro snfcato fsco. Bblorafa enerale Butt J.B. (980) Reacton knetcs and reactor desn, Enlewood Clffs (NJ)-London, Prentce-Hall. Carberry J.J., Varma A. (986) (eed by) Chemcal reacton and reactor enneern, New York, Marcel Dekker. Carrà S. (994) Reattore chmco, n: Encclopeda talana d scenze, lettere ed art. Appendce V, , Roma, Isttuto della Encclopeda Italana, , 5v.; v.iv, Carrà S., Morbdell M. (983) Chmca fsca applcata. Prncp d termodnamca e cnetca chmca e loro ruolo nella teora del reattore chmco, Mlano, Hoepl. Deckwer W.-D. (992) Bubble columns, Chchester, John Wley. roment G.., Bschoff K.B. (990) Chemcal reactor analyss and desn, Chchester, John Wley. B Elenco de smbol a R a s C ab C c V, c p, D D L, D ab E E (t) H H J K k 0 k c K L M H N NR p p 0 Q Q. R R R r j S ab S R T t U U U ab superfce d scambo termco per untà d volume superfce nterfasca specfca per untà d volume lqudo coeffcente d attrto concentrazone molare della spece -esma capactà termca a volume costante per la spece -esma capactà termca a pressone costante per la spece -esma coeffcente d dffusone della spece -esma coeffcente d dspersone assale per la spece -esma forza d attrto tra le fas enera d attvazone fattore d esaltazone funzone d dstrbuzone de temp d resdenza entalpa costante d Henry della spece -esma nel solvente consderato flusso molare d matera nterfasco costante d veloctà d reazone fattore d frequenza per la costante d veloctà d reazone coeffcente lmnare d scambo d matera per la spece -esma costante d equlbro d rpartzone tra le fas lunhezza del reattore modulo d Hatta numero d reattor n battera d CSTR numero d spece chmche numero d reazon chmche pressone tensone d vapore della spece -esma portata volumetrca potenza termca scambata con l ambente portata volumetrca rcrcolata costante unversale de as veloctà specfca d produzone molare della spece -esma veloctà della j-esma reazone chmca superfce nterfasca specfca all untà d volume superfce d scambo termco temperatura termodnamca tempo enera nterna coeffcente lobale d scambo termco coeffcente d scambo termco nterfasco 366 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

17 REATTORI CHIMICI tab. 3. Numer admensonal tpc della reattorstca Numero d Defnzone Snfcato fsco Damkoler RL Da = tempo d resdenza 33 Cu tempo caratterstco d reazone Grashof r 2 2 T LT Gr = β 2 µ forze d Archmede 333 forze vscose Knudsen λ lbero cammno medo Kn = 33 L lunhezza caratterstca Péclet Pe = ReSc = ul D trasfermento d matera per convezone trasfermento d matera per dffusone Pranl Pr = µcp k T dffusvtà quanttà d moto dffusvtà termca Rayleh Ra = GrPr forze d Archmede forze vscose Reynolds Schm Re = rul µ Sc = µ r D forze d nerza forze vscose dffusvtà quanttà d moto dffusvtà materale Thele φ = V S p p k ' D eff tempo caratterstco d dffusone ntrapartcellare tempo caratterstco d reazone Hatta M H = DkC r LB k L, tempo caratterstco d dffusone nel flm tempo caratterstco d reazone Semënov ψ = 0 E/ RT n ( H) ke ( C ) veloctà d enerazone del calore SUT veloctà d smaltmento del calore Sherwood V kd c Sh = D trasporto d matera convettvo trasporto d matera dffusvo u veloctà superfcale del fludo u vettore veloctà del fludo ug T veloctà termnale d rsalta delle bolle V volume d reattore W. potenza meccanca scambata con l ambente z coordnata assale del reattore Z fattore d compressbltà sotermo Lettere reche coeffcente d attvtà DŨ 0 varazone d enera nterna molare standard d formazone per la spece -esma DH 0 varazone d entalpa molare standard d formazone per la spece -esma DŨ 0 R,j varazone d enera nterna molare standard assocata alla j-esma reazone chmca DH R,j varazone d entalpa molare standard assocata alla j-esma reazone chmca e rado d vuoto del letto h resa nel prodotto h effcenza del catalzzatore n j coeffcente stechometrco per la spece nella reazone j x conversone del reaente r denstà molare / modulo d Thele rapporto tra portate volumetrche (uscta/almentazone) f rapporto volumetrco d rcrcolazone (portata rcrcolata/portata almentata) selettvtà tra prodott della reazone t tempo d resdenza VOLUME V / STRUMENTI 367

18 ASPETTI PROCESSISTICI t a tensore del sforz vscos per la enerca fase y numero d Semënov W sezone del reattore Apc condzon d almentazone 0 condzon nzal randezza molare e randezza effcace Pedc R reattore L fase lquda G S e mx p fase assosa fase solda fludo esterno vettore termco propretà d mscela partcella Maurzo Mas Dpartmento d Chmca, Materal e Inenera chmca Gulo Natta Poltecnco d Mlano Mlano, Itala 368 EICLOPEDIA DEGLI IDROCARBURI

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI

CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI Cenn sulle macchne seuenzal CAPITOLO IV CENNI SULLE MACCHINE SEQUENZIALI 4.) La macchna seuenzale. Una macchna seuenzale o macchna a stat fnt M e' un automatsmo deale a n ngress e m uscte defnto da: )

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

Variabili statistiche - Sommario

Variabili statistiche - Sommario Varabl statstche - Sommaro Defnzon prelmnar Statstca descrttva Msure della tendenza centrale e della dspersone d un campone Introduzone La varable statstca rappresenta rsultat d un anals effettuata su

Dettagli

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca

MODELLI DI SISTEMI. Principi di modellistica. Considerazioni energetiche. manca ONTOI UTOMTII Ingegnera della Gestone Industrale e della Integrazone d Impresa http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/ontrollutomatcgestonale.htm MODEI DI SISTEMI Ing. ug Bagott Tel. 05 0939903

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 5 REGRESSIONE LINEARE Matematca e statstca: da dat a modell alle scelte www.dma.unge/pls_statstca Responsabl scentfc M.P. Rogantn e E. Sasso (Dpartmento d Matematca Unverstà d Genova) STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. REGRESSIONE

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari

Capitolo 3 Covarianza, correlazione, bestfit lineari e non lineari Captolo 3 Covaranza, correlazone, bestft lnear e non lnear ) Covaranza e correlazone Ad un problema s assoca spesso pù d una varable quanttatva (es.: d una persona possamo determnare peso e altezza, oppure

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

Analisi dei flussi 182

Analisi dei flussi 182 Programmazone e Controllo Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Anals de fluss 82 Programmazone e Controllo Teora delle

Dettagli

Gassificazione di biomasse in acqua supercritica: Modellazione termodinamica

Gassificazione di biomasse in acqua supercritica: Modellazione termodinamica Agenza azonale per le uove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Gassfcazone d bomasse n acqua supercrtca: Modellazone termodnamca Massmo Mglor, Grolamo Gordano

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione

Capitolo 6 Risultati pag. 468. a) Osmannoro. b) Case Passerini c) Ponte di Maccione Captolo 6 Rsultat pag. 468 a) Osmannoro b) Case Passern c) Ponte d Maccone Fgura 6.189. Confronto termovalorzzatore-sorgent dffuse per l PM 10. Il contrbuto del termovalorzzatore alle concentrazon d PM

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Sapienza Università di Roma

Sapienza Università di Roma Sapenza Unverstà d Roma Dottorato n Energetca XXV Cclo a.a. 2011/2012 Svluppo d un modello d smulazone per mpant d gassfcazone a bomassa Dottoranda Docente tutor C. De Sants Prof. A. Navglo INDICE Indce...

Dettagli

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA

TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER L ACQUA TORRI DI RAFFREDDAMENTO PER ACQUA Premessa II funzonamento degl mpant chmc rchede generalmente gross quanttatv d acqua: questa, oltre ad essere utlzzata drettamente n alcune lavorazon, come lavagg, dssoluzon,

Dettagli

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte

Lavoro, Energia e stabilità dell equilibrio II parte Lavoro, Energa e stabltà dell equlbro II parte orze conservatve e non conservatve Il concetto d Energa potenzale s aanca per mportanza a quello d Energa cnetca, perché c permette d passare dallo studo

Dettagli

Questo è il secondo di una serie di articoli, di

Questo è il secondo di una serie di articoli, di DENTRO LA SCATOLA Rubrca a cura d Fabo A. Schreber Il Consglo Scentfco della rvsta ha pensato d attuare un nzatva culturalmente utle presentando n ogn numero d Mondo Dgtale un argomento fondante per l

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

Amplificatori operazionali

Amplificatori operazionali mplfcator operazonal Parte www.e.ng.unbo.t/pers/mastr/attca.htm (ersone el 9-5-0) mplfcatore operazonale L amplfcatore operazonale è un sposto, normalmente realzzato come crcuto ntegrato, otato tre termnal

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Antonio Licciulli, Antonio Greco Corso di scienza e ingegneria dei materiali. Microstrutture, equilibrio e diagrammi di fase

Antonio Licciulli, Antonio Greco Corso di scienza e ingegneria dei materiali. Microstrutture, equilibrio e diagrammi di fase Antono Lccull, Antono Greco Corso d scenza e ngegnera de materal Mcrostrutture, equlbro e dagramm d fase 1 Fase Fase d un sstema è una parte d esso nella quale la composzone (natura e concentrazone delle

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

9.6 Struttura quaternaria

9.6 Struttura quaternaria 9.6 Struttura quaternara L'ultmo lvello strutturale é la struttura quaternara. Non per tutte le protene è defnble una struttura quaternara. Infatt l esstenza d una struttura quaternara é condzonata alla

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA

7. TERMODINAMICA RICHIAMI DI TEORIA 7. ERMODINMI RIHIMI DI EORI Introduzone ermodnamca: è lo studo delle trasformazon dell energa da un sstema all altro e da una forma all altra. Sstema termodnamco: è una defnta e dentfcable quanttà d matera

Dettagli

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo

{ 1, 2,..., n} Elementi di teoria dei giochi. Giovanni Di Bartolomeo Università degli Studi di Teramo Element d teora de goch Govann D Bartolomeo Unverstà degl Stud d Teramo 1. Descrzone d un goco Un generco goco, Γ, che s svolge n un unco perodo, può essere descrtto da una Γ= NSP,,. Ess sono: trpla d

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

La taratura degli strumenti di misura

La taratura degli strumenti di misura La taratura degl strument d msura L mportanza dell operazone d taratura nasce dall esgenza d rendere l rsultato d una msura rferble a campon nazonal od nternazonal del msurando n questone affnché pù msure

Dettagli

Calibrazione. Lo strumento idealizzato

Calibrazione. Lo strumento idealizzato Calbrazone Come possamo fdarc d uno strumento? Abbamo bsogno d dentfcare l suo funzonamento n condzon controllate. L dentfcazone deve essere razonalmente organzzata e condvsa n termn procedural: s tratta

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

Luciano Battaia. Versione del 22 febbraio L.Battaia. Condensatori e resistenze

Luciano Battaia. Versione del 22 febbraio L.Battaia. Condensatori e resistenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle, con partcolare rguardo a collegament n sere e parallelo. Il target prncpale è costtuto

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

7 Verifiche di stabilità

7 Verifiche di stabilità 7 Verfche d stabltà 7.1 Generaltà Note tutte le azon agent sul manufatto, vanno effettuate le verfche d stabltà dell opera d sostegno. Le azon da consderare sono fornte dalla spnta del terrapeno a monte,

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Marcella Mulno Modell d base per la poltca economca Corso d Poltca economca a.a. 22-23 Captolo 2 Modello - e poltche scal e monetare In questo captolo rchamamo brevemente l modello macroeconomco a prezz

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

Programmazione e Controllo della Produzione. Analisi dei flussi

Programmazione e Controllo della Produzione. Analisi dei flussi Programmazone e Controllo della Produzone Anals de fluss Clent SERVIZIO Uscta Quanto al massmo produce l mo sstema produttvo? Quanto al massmo produce la ma macchna? Lo rsolvo con la smulazone? Sarebbe

Dettagli

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura

Norma UNI CEI ENV 13005: Guida all'espressione dell'incertezza di misura orma UI CEI EV 3005: Guda all'espressone dell'ncertezza d msura L obettvo d una msurazone è quello d determnare l valore del msurando, n altre parole della grandezza da msurare. In generale, però, l rsultato

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL

STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL STATISTICA DESCRITTIVA CON EXCEL Corso d CPS - II parte: Statstca Laurea n Informatca Sstem e Ret 2004-2005 1 Obettv della lezone Introduzone all uso d EXCEL Statstca descrttva Utlzzo dello strumento:

Dettagli

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015)

Prova di verifica n.0 Elettronica I (26/2/2015) Proa d erfca n.0 lettronca I (26/2/2015) OUT he hfe + L OUT - Fgura 1 Con rfermento alla rete elettrca d Fg.1, determnare: OUT / OUT / la resstenza sta dal generatore ( V ) la resstenza sta dall uscta

Dettagli

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio Calcolo della potenza e dell energa necessara per la clmatzzazone d un edfco Rcambo d ara Ø dsperson Rcambo d ara φ φ dsperson + φ rcambo d'ara φ dsperson ΣUS (t nt t est ) φ rcambo d'ara Σn V ρ ara c

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

Elettricità e circuiti

Elettricità e circuiti Elettrctà e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà Effetto termco della corrente esstenze n sere e n parallelo Legg d Krchoff P. Maestro Elettrctà e crcut

Dettagli

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE

Capitolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE Captolo 33 TRASPORTO IN PRESSIONE 1 INTRODUZIONE I sstem d condotte n pressone destnat all'approvvgonamento drco comprendono: - gl acquedott estern, che adducono l'acqua dalle font d'almentazone alle zone

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

Aritmetica e architetture

Aritmetica e architetture Unverstà degl stud d Parma Dpartmento d Ingegnera dell Informazone Poltecnco d Mlano Artmetca e archtetture Sommator Rpple Carry e CLA Bozza da completare del 7 nov 03 La rappresentazone de numer Rappresentazone

Dettagli

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE

SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE SU UNA CLASSE DI EQUAZIONI CONSERVATIVE ED IPERBOLICHE COMPLETAMENTE ECCEZIONALI E COMPATIBILI CON UNA LEGGE DI CONSERVAZIONE SUPPLEMENTARE GIOVANNI CRUPI, ANDREA DONATO SUMMARY. We characterze a set of

Dettagli

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti

Analisi e confronto tra metodi di regolarizzazione diretti per la risoluzione di problemi discreti mal-posti UNIVERSIA DEGLI SUDI DI CAGLIARI Facoltà d Ingegnera Elettronca Corso d Calcolo Numerco 1 A.A. 00/003 Anals e confronto tra metod d regolarzzazone drett per la rsoluzone d prolem dscret mal-post Docente:

Dettagli

6.1. Moody s KMV Credit Portfolio Manager

6.1. Moody s KMV Credit Portfolio Manager 6.. Moody s MV Credt Portfolo Manager 6... La struttura del modello L mpanto d Moody s MV (MMV) è costtuto dal modello d Merton e da un approcco d tpo fattorale per la stma delle correlazon. Attualmente,

Dettagli

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale

Economie di scala, concorrenza imperfetta e commercio internazionale Sanna-Randacco Lezone n. 14 Econome d scala, concorrenza mperfetta e commerco nternazonale Non v è vantaggo comparato (e qund non v è commerco nter-ndustrale). S vuole dmostrare che la struttura d mercato

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA

PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA PARTE II LA CIRCOLAZIONE IDRICA La acque d precptazone atmosferca che gungono al suolo scorrono n superfce o penetrano n profondtà dando orgne alla crcolazone, la quale subsce l nfluenza d molt fattor

Dettagli

Introduzione 2. Problema. I sali presenti nell acqua (all estrazione) causano problemi di corrosione. Soluzione

Introduzione 2. Problema. I sali presenti nell acqua (all estrazione) causano problemi di corrosione. Soluzione Introduzone 2 Problema I sal present nell acqua (all estrazone) causano problem d corrosone Soluzone Separazone delle fas (acquosa ed organca) Estrazone petrolo Fase gassosa Fase lquda (acqua + grezzo)

Dettagli

Analisi del moto pre e post urto del veicolo

Analisi del moto pre e post urto del veicolo Captolo Anals del moto pre e post urto del vecolo 3.1 Moto rettlneo p. xx 3.1.1 Accelerazone unforme p. xx 3.1. Dstanza per l arresto del vecolo ed evtabltà p. xx 3.1.3 Dagramm veloctà-tempo e dstanza

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia Unverstà degl Stud d Urbno Facoltà d Economa Lezon d Statstca Descrttva svolte durante la prma parte del corso d corso d Statstca / Statstca I A.A. 004/05 a cura d: F. Bartolucc Lez. 8/0/04 Statstca descrttva

Dettagli

Il pendolo di torsione

Il pendolo di torsione Unverstà degl Stud d Catana Facoltà d Scenze MM.FF.NN. Corso d aurea n FISICA esna d ABORAORIO DI FISICA I Il pendolo d torsone (sezone costante) Moreno Bonaventura Anno Accademco 005/06 Introduzone. I

Dettagli

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard

Corso di Statistica (canale P-Z) A.A. 2009/10 Prof.ssa P. Vicard Corso d Statstca (canale P-Z) A.A. 2009/0 Prof.ssa P. Vcard VALORI MEDI Introduzone Con le dstrbuzon e le rappresentazon grafche abbamo effettuato le prme sntes de dat. E propro osservando degl stogramm

Dettagli

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm.

Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE. Prof. Dario Amodio d.amodio@univpm.it. Ing. Gianluca Chiappini g.chiappini@univpm. Corso AFFIDABILITÀ DELLE COSTRUZIONI MECCANICHE Prof. Daro Amodo d.amodo@unvpm.t Ing. Ganluca Chappn g.chappn@unvpm.t http://www.dpmec.unvpm.t/costruzone/home.htm (Ddattca/Dspense) Testo d rfermento: Stefano

Dettagli

ORIGINE DELL ATTIVITÀ OTTICA

ORIGINE DELL ATTIVITÀ OTTICA ORIGINE DELL ATTIVITÀ OTTICA Rccardo Zanas Dpartmento d Chmca, Unverstà dsalerno 1 a Scuola Estva Nazonale d Spettroscope Chroottche Potenza, 28 Gugno - 1 Luglo 2004 24 gugno 2004 1 1 Potere rotatoro Per

Dettagli

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica

Fotogrammetria. O centro di presa. fig.1 Geometria della presa fotogrammetrica Fotogrammetra Scopo della fotogrammetra è la determnazone delle poszon d punt nello spazo fsco a partre dalla msura delle poszon de punt corrspondent su un mmagne fotografca. Ovvamente, affnché questo

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

Turbomacchine. Un ulteriore classificazione avviene in base alle modalità con cui l energia viene scambiata:

Turbomacchine. Un ulteriore classificazione avviene in base alle modalità con cui l energia viene scambiata: 1/11 a) Classfcazone delle macchne draulche b) Element costtutv d una turbomacchna c) Trangol d veloctà d) Turbomacchna radale e) Turbomacchna assale f) Esempo d calcolo Turbomacchne S defnsce come macchna

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

2. Le soluzioni elettrolitiche

2. Le soluzioni elettrolitiche . Le soluzon elettroltche Classfcazone degl elettrolt: 1) soluzon elettroltche ) solvent onc: a) sal fus b) lqud onc 3) elettrolt sold Struttura del solvente Interazone one/solvente Interazone one/one

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 -

PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE. (Metodo delle Osservazioni Indirette) - 1 - PROCEDURA INFORMATIZZATA PER LA COMPENSAZIONE DELLE RETI DI LIVELLAZIONE (Metodo delle Osservazon Indrette) - - SPECIFICHE DI CALCOLO Procedura software per la compensazone d una rete d lvellazone collegata

Dettagli

AZIENDA PROFILO AZIENDALE. UFFICIO TECNICO ED UNITÀ PRODUTTIVE.

AZIENDA PROFILO AZIENDALE. UFFICIO TECNICO ED UNITÀ PRODUTTIVE. AZIENDA PROFILO AZIENDALE. 3S Saldature Specal Segrate Srl vene costtuta nel 1970. Sn dalle sue orgn, la Socetà s dedca alla progettazone e produzone d component ed apparecchature che trovano larga applcazone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli