L aumento della pressione promozionale è accompagnato da una dinamica negativa delle vendite a rete costante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L aumento della pressione promozionale è accompagnato da una dinamica negativa delle vendite a rete costante"

Transcript

1

2 LA RIDUZIONE DELL EFFICACIA DEGLI INVESTIMENTI PROMOZIONALI (Drivers e possibili soluzioni) Gianpiero Lugli Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia

3 L aumento della pressione promozionale è accompagnato da una dinamica negativa delle vendite a rete costante Pressione Promozionale Vendite a Rete Costante 27 26, , , , ,3 25,9 26,4-0,68-0,72-0, Fonte: Vendite Rete Costante Nielsen Like4Like10000 Pressione Promozionale Nielsen Trade*Mis 0-0,1-0,2-0,3-0,4-0,5-0,6-0,7-0,8-0,

4 L aumento della pressione promozionale è accompagnato dall impoverimento del carrello (mix delle marche) Introduzione Forte spinta sui primi prezzi Il discount si espande Inizio battaglia sui prezzi Fonte: Nielsen Trade*Mis Impennata delle promo La marca privata cresce a ritmi molto sostenuti -4-

5 L aumento della pressione promozionale è contrassegnato dalla riduzione del gap tra Ipere Super GAP pressione promozionale Iper(>4500 mq) e Super ( mq) , ,9 Fonte: Nielsen Trade*Mis Anno

6 L aumento della pressione promozionale ha interessato tutte le categorie, ma le Aree merceologiche più promozionate registrano performance più deludenti FRESCO Trend % Vendite Valore PETS FOOD CONFEZIONATO FREDDO CURA PERSONA BEVANDE CURA CASA Fonte: Nielsen Trade*Mis Iper+Super Prodotti Peso Imposto Intensità Promozionale - 6-

7 Le possibili spiegazioni della riduzione della efficacia della promozione E probabile che sia iniziata la fase dei rendimenti decrescenti della promozione a volantino per effetto: dell assuefazione del consumatore per uno strumento continuativo che appare sostanzialmente indifferenziato tra insegne, territori e periodi dell aumento della frequenza e dell estensione di categoria/marca della promozione, che ha finito per vanificare l effetto scarsità e la propensione ad anticipare gli acquisti - 7-

8 Come fronteggiare la riduzione della efficacia della promozione? La domanda di promozione resta tuttavia molto alta in quanto il desiderio di risparmio soddisfatto dalla promozione è un sentimento forte, cognitivamente determinato e presente in tutta la clientela, ben oltre il segmento dei cacciatori di sconti - 8-

9 Come fronteggiare la riduzione della efficacia della promozione? Per fronteggiare i rendimenti decrescenti della promo non conviene ridurre gli investimenti e passare all EDLP La nuova crescita del discount non è il riflesso di un aumento delle preferenze per l EDLP, bensì: dell aumento dello scarto tra prezzi a scaffale di ipersuper ed prezzi del discount, in quanto una parte della promo è finanziata con l aumento del prezzo di listino dellaprogressiva estensione degli assortimenti, che ha reso più difficile e faticosa la spesa. (F1) - 9-

10 F.1 Il nuovo slancio del discount 8,4 4,7 1 0,4 0,9-0,6-2,1-1,3 Fonte: Nielsen Like4Like1000 Totale Fatturato - 10-

11 Come fronteggiare la riduzione della efficacia della promozione? Il volantino non può più essere solo uno strumento di raccolta di contributi dell industria, perché le esigenze promozionali di IDM-GDO sono diverse Per fronteggiare i rendimenti decrescenti della promo non conviene ridurre gli investimenti o passare all EDLP, ma occorre alzare l asticella della saturazione migliorando la qualità della manovra - 11-

12 Il volantino ideale dovrebbe avere. Un numero di pagine non elevato, unitamente ad una frequenza di pubblicazione pari alla frequenza di acquisto Un ridotto numero di prodotti per pagina Un framingdel prezzo scontato e l impiego di font in grado di stimolare la mente cognitiva Una prevalenza di brand idonei alla creazione di traffico Un mix di temi promozionali rilevanti per il target Un mix di categorie che minimizza la sostituibilità ed enfatizza la complementarietà nella funzione d uso - 12-

13 La distanza del volantino reale dal volantino ideale Troppi prodotti per pagina (13-14 in media nell iper e nel super) L affollamento riduce l attenzione e il ricordo della promo (fmriper scoprire la numerica ottimale) Troppe pagine e frequenza eccessiva (F2-3) - 13-

14 F2 -I parametri strutturali dei volantini promozionali continuativi Valori medi Anno 2011 Parametri SUPER <1000 SUPER IPER IPER IPER >8000 DISCOUNT C&C NUMERO MEDIO PAGINE NUMERO PRODOTTI PER VOLANTINO NUMEORO PRODOTTI PER PAGINA % PRODOTTI LCC SUL TOTALE % PRODOTTI A MARCA PRIVATA SUL TOTALE ,5 10,9 10,3 10,1 9,3 22,3 3,9 Fonte: Nielsen - 14-

15 F3 -Numero di uscite annuali dei volantini promozionali continuativi Valori medi Anno 2011 USCITE ANNUE ANNO DISCOUNT IPER SUPER Fonte: Nielsen - 15-

16 La distanza del volantino reale dal volantino ideale Mancanza di framingdel prezzo scontato: altissima incidenza dei prezzi scontati senza indicare il prezzo pieno come ancora valutativa L assenza di frame dello sconto non attiva la corteccia prefrontale (fmri per la percezione del risparmio) (F4) - 16-

17 F4 Incidenza delle promo a volantino senza l ancora del prezzo pieno % 3 X 2 % Taglio Prezzo % Fidelity % Sottocosto % Non dichiarata 65,5 67,6 65,5 63,6 64,8 63,0 2,1 1,8 1,7 15,8 14,2 15,6 1,7 1,7 1,7 13,7 14,3 16,2 20,4 22,2 22,0 25,8 27,7 27,3 2,4 2,6 2,8 2 SEM SEM SEM 2011 Super 2,5 2,8 2,2 2 SEM SEM SEM 2011 Iper Fonte: Nielsen

18 La distanza del volantino reale dal volantino ideale Categorie non vocate alla creazione di traffico (v. Luceri) Marche non adatte alla creazione di traffico (F5-6) - 18-

19 F5 -La pressione promozionale delle PL è in crescita, pur subendo una battuta d arresto nel 2011 Delta 2011 vs ,4% 22,7% 24,4% 25,9% 26,4% +4 Totale Grocery Private Label 7,3 6,8 15,9% 15,1% 6,6 17,8% 6,8 7,2 19,1% 19,2% +4, Fonte: Nielsen Trade*Mis Iper + Super+ Libero Servizio - 19-

20 F.6 Incidenza delle tipologie di marche nel volantino promozionale Valori medi Anno 2011 Fonte: Nielsen - 20-

21 La distanza del volantino reale dal volantino ideale Carente differenziazione del volantino per obiettivo di marketing (traffico, fidelizzazione, up-selling) e tipologia di promozione (cut price, mxn, in&out,...), segmenti di clientela (alto-medio-basso spendenti) Nessuna ottimizzazione del mix di categorie, marche, temi promozionali (v. Centonze) - 21-

22 Possibile evoluzione del ruolo di marketing del volantino Da mezzo per la creazione di traffico a catalogo per la compilazione della lista della spesa e la facilitazione dell acquisto in un contesto assortimentale troppo esteso L aumento del numero di pagine e dei prodotti per pagina, l assenza di frame dello sconto ela distribuzione del volantino all entrata del punto vendita sono indicatori della trasformazione del volantino in catalogo (F.8) - 22-

23 F8 Evoluzione del volantino da strumento promozionale a catalogo ITALIA FRANCIA SPAGNA Carrefour Planet 24pp 88pp 72pp Carrefour Market 16pp 28pp Carrefour Iper 24pp 28pp Auchan 24pp 45pp 64pp Simply Market 28pp 36pp - 23-

24 Possibile evoluzione del ruolo di marketing del volantino Da mezzo per la creazione di traffico a strumento per la fidelizzazione della clientela: Offrendo prodotti con sconti riservati ai titolari della carta commerciale Indicando i prodotti il cui acquisto dà diritto ad un maggior numero di punti Canalizzando la promo anche attraverso nuovi media, che consentono una personalizzazione dei contenuti (v. Ziliani) Aumentando la rilevanza dei contenuti attraverso il prosumerismo promozionale (Tesco, AHOLD) - 24-

25 Prosumerismo di Tesco nella promo on line Una delle prime applicazioni di F-retailng è quella lanciata da Tesco a fine settembre 2011 col logo: The Big Price Drop Ai clienti Tesco è stata offerta la possibilità di votare, in un paniere di referenze di marca commerciale, fino a 5 prodotti dei quali vorrebbero una riduzione di prezzo. Le categorie più votate entrano a far parte dell'offerta Price Drop - 25-

26 AHOLD Albert Heijn to introduce personalised special offers (Planet Retail, 03 January 2012) Grocery retailer Ahold s Dutch Albert Heijn operation is about to introduce personalised special offers called Mijn Bonus ( My Bonus ). Every fourth week, loyalty card holders will receive an overview of discounted products they buy regularly or that complement the items they have purchased to date. To identify the items, Albert Heijn will make use of the data it collects through its loyalty cards. Customers will not need coupons to get the discount it will be granted automatically at the checkout when they use their loyalty card. The retailer is to introduce the service in stages. The first shoppers will be able to make use of it as of spring this year. The launch of Mijn Bonus follows Ahold s six pillars strategy it presented last autumn when it announced it wanted to make better use of its loyalty scheme in the Netherlands and follow the example of its US stores

27 Il futuro possibile del volantino Utilizzo dei dati loyalty per migliorare la distribuzione geografica e la rilevanza della promozione Tracciabilità del volantino per garantire all insegna le copie stampate e consegnate Incentivazione della restituzione del volantino a punto vendita riconoscendo punti e/o coupon aggiuntivi sui prodotti inseriti a volantino Differenziazione a seconda dell obiettivo di marketing (traffico, fidelizzazione, up-selling, catalogo) Segmentazione del volantino per tipologia di promozione Migrazione sui nuovi media attraverso la digitalizzazione e la conseguente personalizzazione dei contenuti - 27-

28

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Quale percorso per migliorare la performance del volantino? Gianpiero Lugli Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Menopubblicitàepiùpromozione(dal26,4al27,4)

Dettagli

#volantino13 + 39 339 5288754

#volantino13 + 39 339 5288754 PROMOZIONI EFFICACI? LE NUOVE FRONTIERE DEL VOLANTINO #volantino13 + 39 339 5288754 PROMOZIONI OFFERTA DI CONVENIENZA E NUOVE TENDENZE DI CONSUMO Romolo de Camillis Promozioni Efficaci, Parma 19 Aprile

Dettagli

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione

I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione I dati loyalty a supporto del volantino e i nuovi media di veicolazione della promozione Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma Convegno Promozioni efficaci? Il volantino: istruzioni

Dettagli

TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto. Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio. Università di Parma Facoltà di Economia

TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto. Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio. Università di Parma Facoltà di Economia TROPPA SCELTA?! Attrazione e repulsione delle alternative di acquisto Gianpiero Lugli Giorgio Santambrogio Università di Parma Facoltà di Economia IL VALORE DI POTER SCEGLIERE La possibilità di scegliere

Dettagli

Promozioni e Consumatori tra carta e digitale

Promozioni e Consumatori tra carta e digitale Promozioni e Consumatori tra carta e digitale Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Dipartimento di Economia - Università di Parma Convegno Università di Parma-Nielsen, 19 aprile 2013 L anno scorso ci

Dettagli

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006

FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 FORUM COLDIRETTI Cernobbio 20-21 ottobre 2006 Il PRODOTTO arriva al CONSUMATORE attraverso la DISTRIBUZIONE La DISTRIBUZIONE è il più potente selettore di offerte e il parametro di questa selezione è la

Dettagli

Il rilancio del discount

Il rilancio del discount Il rilancio del discount Cristina Farina Parma, 7 maggio 2012 cristina.farina@nielsen.com Agenda Fotografia del canale e contesto di riferimento Andamenti del Discount Il Discount e le famiglie italiane

Dettagli

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 Le nuove tendenze del largo consumo Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 La fiducia dei consumatori Più risparmio Italiani preoccupati 25% ha paura di perdere il lavoro

Dettagli

WHITE PAPER. Un canale in evoluzione. Le nuove strategie del Discount

WHITE PAPER. Un canale in evoluzione. Le nuove strategie del Discount Un canale in evoluzione Luglio 2015 L ingresso in Italia e l evoluzione negli anni In Italia, i discount sono apparsi negli anni 80 ma il primo ingresso significativo nel paese fu quello di Lidl che il

Dettagli

Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015. Gianmaria Marzoli Retail Solutions

Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015. Gianmaria Marzoli Retail Solutions Luciedombreneltrend di crescitadellamarca commerciale Obiettivo 22% nel 2015 Gianmaria Marzoli Retail Solutions 16 gennaio 2014 10 anni di MARCA Per VALORE DELLE VENDITE 3,6 miliardi di 9,7 miliardi di

Dettagli

Il servizio, grazie al dettaglio merceologico più raffinato degli indici di categoria, consente:

Il servizio, grazie al dettaglio merceologico più raffinato degli indici di categoria, consente: Top Trade di IRI Informazioni di mercato a supporto della crescita Introduzione In un contesto di mercato in trasformazione la capacità di leggere le potenzialità di ciascun punto di vendita all interno

Dettagli

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza CONVEGNO SUL MICROMARKETING UNIVERSITA DI PARMA - 21 OTTOBRE 2011 Finiper: la storia 1974 Marco Brunelli apre il primo ipermercato italiano a Montebello della

Dettagli

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 Marco Pedroni Presidente Coop Italia Milano,5 Settembre 2013 I numeri di Coop 2012 Cooperative 109 Punti vendita 1.467 di cui Iper 103 MQ Area Vendita

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

L innovazione della fidelity nel mondo retail

L innovazione della fidelity nel mondo retail Relatore: Vincenzo Tondolo L innovazione della fidelity nel mondo retail Panoramica sul mondo fidelity Come funziona A chi si rivolge Quali strumenti sono in circolazione Differenze tra i vari sistemi

Dettagli

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech

La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Claudio Lattanzi La gestione operativa della promozionalità omnichannel, la soluzione Di.Tech Bologna, 23 giugno 2015 Perché siamo qui oggi a parlare di couponing? Per due principali motivi! 1. Innanzi

Dettagli

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club

L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club L'utilizzo dell e-mail e mobile marketing nella Grande Distribuzione - Il caso GS-SpesAmica Club Salvatore Pane Milano, 30 settembre 2004 Carrefour Mondo: 10.270 pdv in 30 nazioni Dati aggiornati al 31/03/2004

Dettagli

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico

Andamento dei mercati di Largo Consumo alla luce deil attuale contesto economico 1 Largo Consumo: le aspettative e i risultati Il Largo Consumo subisce i contraccolpi di una situazione recessiva: le nostre previsioni sono orientate verso una negatività dei volumi acquistati, in media

Dettagli

La comunicazione del prezzo nelle insegne della distribuzione grocery. Orientamenti strategici, finalità e strumenti operativi.

La comunicazione del prezzo nelle insegne della distribuzione grocery. Orientamenti strategici, finalità e strumenti operativi. La comunicazione del prezzo nelle insegne della distribuzione grocery. Orientamenti strategici, finalità e strumenti operativi. di Maria Grazia Cardinali Introduzione In questi ultimi tempi il perdurare

Dettagli

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING

PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING PROMOMERCHANDISING COMPLEMENTARE IPOTESI DI PROFICUA METODOLOGIA AL SERVIZIO DEL RETAILING Definizione di PMC (Promo Merchandising Complementare) Disciplina su cui convergono operazioni finalizzate a valorizzare

Dettagli

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA

La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea La fidelizzazione della clientela nei punti vendita della GDA Dicembre 2007 Introduzione La presente indagine monografica è stata condotta

Dettagli

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico

WHITE PAPER. Fattori critici per un successo sostenibile. Il Largo Consumo nell attuale contesto economico Fattori critici per un successo sostenibile Giugno 2014 Lo scenario macroeconomico Gli indicatori economici recenti segnalano che l economia italiana è ancora in difficoltà. Il trend tendenziale del PIL

Dettagli

Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices. Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International

Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices. Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International Multichannel Retail Tendenze, Benefici, Best Practices Milano, 29 Marzo 2011 Ivano Ortis Direttore, IDC Retail Insights - International Agenda Il paradigma omni-channel visione o realtà? Errori da evitare

Dettagli

Oltre al Price Optimization, la digitalizzazione del processo di formulazione prezzi

Oltre al Price Optimization, la digitalizzazione del processo di formulazione prezzi Oltre al Price Optimization, la digitalizzazione del processo di formulazione prezzi Indice Chi è SAIT Il processo di pricing da analogico verso il digitale Progetto Price Optimization in SAIT: Obiettivi

Dettagli

INFORMAZIONI SINTETICHE RAPPORTO ANNUALE MARCA MATERIALE UTILIZZABILE SOLO PER ARTICOLI PUBBLICATI A SUPPORTO DELLA MANIFESTAZIONE

INFORMAZIONI SINTETICHE RAPPORTO ANNUALE MARCA MATERIALE UTILIZZABILE SOLO PER ARTICOLI PUBBLICATI A SUPPORTO DELLA MANIFESTAZIONE INFORMAZIONI SINTETICHE RAPPORTO ANNUALE MARCA MATERIALE UTILIZZABILE SOLO PER ARTICOLI PUBBLICATI A SUPPORTO DELLA MANIFESTAZIONE Adem Lab Università di Parma 2 Presentazione I principali risultati del

Dettagli

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma TEMI DELLA LEZIONE I. L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE II.IL QUADRO

Dettagli

Mission Target di utenza La proposta Commerciale Focus servizi

Mission Target di utenza La proposta Commerciale Focus servizi Mission Target di utenza La proposta Commerciale Focus servizi Mission M&CS 4you Si prefigge di generare valore aggiunto ed economie di scala dal target di riferimento, nel territorio nazionale ed internazionale,

Dettagli

Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi

Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi Programmazione o impulso? Come cambia il comportamento d acquisto in tempo di crisi Maria Grazia Cardinali Crescere con la Fedeltà in Tempo di Crisi 25 ottobre 2013 COME CAMBIA IL COMPORTAMENTO D ACQUISTO

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Customer Loyalty nell ecommerce

Customer Loyalty nell ecommerce Customer Loyalty nell ecommerce Come fidelizzare la clientela e incentivare gli acquisti Premessa Molto spesso quanto ci si occupa di ecommerce (o di vendita in un senso più ampio) si tende a concentrare

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

QUANDO IL LARGO CONSUMO SI FA STRETTO

QUANDO IL LARGO CONSUMO SI FA STRETTO QUANDO IL LARGO CONSUMO SI FA STRETTO Giovanni Fantasia Milano, 19 novembre 2014 IN ITALIA, NONOSTANTE DEBOLI SEGNALI DI RIPRESA DELLA FIDUCIA, PERMANE IL GAP VS L EUROPA Evoluzione dell indice di fiducia

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

The Last Mile Media. Drive-to-store e decisione d acquisto

The Last Mile Media. Drive-to-store e decisione d acquisto The Last Mile Media Drive-to-store e decisione d acquisto PROMO Lo scenario: Mobile & Acquisti in negozio Il trend: Internet sposta acquisti in negozio 6X l e-commerce Nel 2014 Internet negli USA condiziona

Dettagli

La socializzazione degli acquisti Una nuova leva di sviluppo della brand loyalty

La socializzazione degli acquisti Una nuova leva di sviluppo della brand loyalty La socializzazione degli acquisti Una nuova leva di sviluppo della brand loyalty Gianpiero Lugli Università di Parma Giorgio Santambrogio Direttore Generale Interdis Fidelizzazione e congiuntura La recessione

Dettagli

Lo scenario del Loyalty Marketing. Retail e Industria a confronto

Lo scenario del Loyalty Marketing. Retail e Industria a confronto Lo scenario del Loyalty Marketing Retail e Industria a confronto Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma Relazione presentata al XII convegno dell Osservatorio, Venerdì 26 ottobre 2012

Dettagli

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore

Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Come sta cambiando il consumatore Montelupo Fiorentino, 20 marzo 2014 Una nuova prospettiva di marketing: dai segmenti di consumo ai meeting - points

Dettagli

I negozi Specializzati attraggono più consumatori

I negozi Specializzati attraggono più consumatori Autori: Ambra Bellia e Marco Raimondi- SymphonyIRI 1 Introduzione e macro analisi del comparto Nonostante il contesto economico difficoltoso, secondo una indagine congiunturale proposta dal Centro Studi

Dettagli

LO SCENARIO DEL LOYALTY MARKETING

LO SCENARIO DEL LOYALTY MARKETING XIII Convegno dell Osservatorio Fedeltà CRESCERE CON LA FEDELTÀ IN TEMPO DI CRISI 25 ottobre 2013 LO SCENARIO DEL LOYALTY MARKETING Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma CRESCERE CON

Dettagli

La passione degli italiani per gli animali da compagnia

La passione degli italiani per gli animali da compagnia Paolo Garro Business Insights Director 1 Introduzione Nelle case degli italiani gli animali da compagnia non sono una presenza rara: in circa una su tre è presente almeno un cane o un gatto, senza contare

Dettagli

Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica. Alberto dal sasso

Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica. Alberto dal sasso Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica Alberto dal sasso Agenda I consumi Il mercato del libro nel 2011 L inizio debole del 2012 1 IPERMERCATI 0,9 SUPERMERCATI 0,5 SUPERETTES

Dettagli

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi Evento organizzato da: In collaborazione con: LE FINALITÀ CONOSCITIVE DEL CONTRIBUTO DI NOMISMA PER L OSSERVATORIO

Dettagli

[ WHITE PAPER ] NEL PERIODO NATALIZIO 2009 Studio Europeo. IRI ITALIA Via dei Missaglia 97 20142 -Milano

[ WHITE PAPER ] NEL PERIODO NATALIZIO 2009 Studio Europeo. IRI ITALIA Via dei Missaglia 97 20142 -Milano [ WHITE PAPER ] [ THE 2009 IL CONSUMATORE ] HOLIDAY CONSUMER Studio Europeo IRI ITALIA Via dei Missaglia 97 20142 -Milano INSIGHTS Gli acquisti diventano più personali applicare innovazione nel merchandising

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014 Seminario Distribuzione Moderna Urbino 15 dicembre 2014 agenda La Distribuzione Moderna Il sistema Conad Lo scenario generale e le evoluzioni in corso Le ultime tendenze La Distribuzione Moderna La Distribuzione

Dettagli

Lo scenario internazionale del loyalty marketing

Lo scenario internazionale del loyalty marketing Lo scenario internazionale del loyalty marketing Cristina Ziliani Osservatorio Fedeltà Università di Parma XI Convegno Il Futuro del Micromarketing Parma, 21 ottobre 2011 Fonti e metodologia L Osservatorio

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it CRM & micromarketing per la creazione di fedeltà e valore I Mktg-L12 CRM "Il CRM

Dettagli

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business 46 L evoluzione della marca commerciale è guidata da una sempre più sofisticata diversificazione, realizzata in base

Dettagli

Massimiliano Retta Via Sansovino, 4 20135 Milano +39.02.3674.3908 info@maxi- time.com

Massimiliano Retta Via Sansovino, 4 20135 Milano +39.02.3674.3908 info@maxi- time.com Massimiliano Retta Via Sansovino, 4 20135 Milano +39.02.3674.3908 info@maxi- time.com Milano, 5 maggio 2014 INNOVAZIONE DIGITALE PER IL CANALE FERRAMENTA COME AUMENTARE Ø volumi delle vendite Ø valore

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni LA STORIA // IL NETWORK // SERVIZI DI STAMPA // DIRECT MARKETING

Dettagli

Anfov. Osservatorio Mobile VAS. 14 marzo 2007

Anfov. Osservatorio Mobile VAS. 14 marzo 2007 Anfov Osservatorio Mobile VAS 14 marzo 2007 Executive Summary Il settore Telecom e il concetto di MVNO MVNO: un opportunità di business Executive Summary Il mercato Telecom presenta segnali tipici di saturazione,

Dettagli

A personalized rule-based and cross-devices solution for Adaptive Retail. Andrea Pini CEO Inera S.r.l.

A personalized rule-based and cross-devices solution for Adaptive Retail. Andrea Pini CEO Inera S.r.l. A personalized rule-based and cross-devices solution for Adaptive Retail Andrea Pini CEO Inera S.r.l. Analisi del mercato Il 75% degli italiani fa showrooming: ricerca in negozio e acquista online, ma

Dettagli

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE Cristina Botter CHI SIAMO Trade Business è testata leader del commercio moderno, letto dai protagonisti dell'industria

Dettagli

Le promozioni fedeltà in Italia:

Le promozioni fedeltà in Italia: Il Futuro del Micromarketing Creare fedeltà attraverso la partnership VI edizione Le promozioni fedeltà in Italia: efficacia dei cataloghi e orientamenti strategici Cristina Ziliani e Chiara D Onofrio

Dettagli

La marca commerciale. Un equilibrio fra qualità e valore SPECIAL REPORT

La marca commerciale. Un equilibrio fra qualità e valore SPECIAL REPORT La marca commerciale Un equilibrio fra qualità e valore NOVEMBRE 2013 Introduzione pag. 2 Executive Summary pag. 3 Dagli Insights all Azione pag. 6 I retailer riducono il gap di prezzo page. 8 Private

Dettagli

Soluzione per supermercati e catene commerciali

Soluzione per supermercati e catene commerciali Soluzione per supermercati e catene commerciali Il front-end collabora con l ecosistema IT Store Easy è la soluzione multicanale che ottimizza tutte le attività legate alla gestione di supermercati e GDO,

Dettagli

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini

Editoriale. lpsos Retail Solutions. di Carlo Oldrini lpsos Retail Solutions The Retail mix Research Specialists Newsletter Marzo 2014 Editoriale In questo secondo numero Ipsos Retail Solutions approfondisce un tema ampiamente dibattuto ma sul quale vi sono

Dettagli

we have mobile solutions for your business

we have mobile solutions for your business we have mobile solutions for your business > THE DIGITAL TIME Proponiamo soluzioni mobile innovative per le aziende che desiderano una presenza importante nel settore del Digital & Mobile Marketing. Le

Dettagli

La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni.

La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni. La gestione delle relazioni: quando il CRM interpreta collection, loyalty program e promozioni. Sara Fusco Presidente F.P.E. Srl Milano, 14 maggio 2010 KIDS. GENERAZIONE 0-12 MILANO, 14-15 MAGGIO 2010

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

Osservatorio Loyalty e Fidelizzazione nel Retail Edizione 2011

Osservatorio Loyalty e Fidelizzazione nel Retail Edizione 2011 Osservatorio Loyalty e Fidelizzazione nel Retail Edizione 2011 Nel corso degli ultimi vent anni, sempre più aziende hanno imboccato la strada del relationship marketing. Riconoscendone l importanza, molti

Dettagli

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela

LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela LOYALTY PROGRAM il sistema integrato al CRM per incentivare la clientela ABI CRM 2005 Roma, 14 dicembre 2005 Il Gruppo Banca CR Firenze Cassa di Risparmio di Firenze Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia

Dettagli

condividere immagini e informazioni di prodotto non è mai stato così facile powered by INDICOD-ECR

condividere immagini e informazioni di prodotto non è mai stato così facile powered by INDICOD-ECR condividere immagini e informazioni di prodotto non è mai stato così facile powered by INDICOD-ECR A cosa serve Immagino: Immagino è il servizio web che semplifica i processi di scambio tra produttori

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Obiettivi della lezione. Le tipologie di e-commerce E-commerce in Europa e in Italia Dinamiche emergenti

Obiettivi della lezione. Le tipologie di e-commerce E-commerce in Europa e in Italia Dinamiche emergenti E-Commerce Obiettivi della lezione Le tipologie di e-commerce E-commerce in Europa e in Italia Dinamiche emergenti Ecommerce Business to Consumer Il Business to Consumer (B2C) si è focalizzato sulla razionalizzazione

Dettagli

M 3 P. Multimodal Mobile Marketing Platform. twitter.com/liberologico

M 3 P. Multimodal Mobile Marketing Platform. twitter.com/liberologico M 3 P Multimodal Mobile Marketing Platform Executive Summary 2 Liberologico Il contesto Perché il mobile marketing M 3 P - Multimodal Mobile Marketing Platform Esempi di campagne Liberologico profile 3

Dettagli

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD

LA NOSTRA CATEGORIA FOOD MELTIN BOX GDOWeek THINKTANK Contest 2014 Progetto di Trade Marketing e Category Management Gruppo Foodastic Martina Ascoli, Anna Frassanito, Lara Mazzoleni, Giulia Moretto, Silvia Travaglini LA NOSTRA

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

FOCUS. www.wikabu.com

FOCUS. www.wikabu.com FOCUS WIKABU: l innovativa app mobile che consente agli utenti di scoprire dove acquistare i prodotti visti in pubblicità (cartacea, cartellonistica e digitale). Il servizio mira a soddisfare sia il bisogno

Dettagli

LA POP-UP STORE EXPERIENCE IN AEROPORTO

LA POP-UP STORE EXPERIENCE IN AEROPORTO LA POP-UP STORE EXPERIENCE IN AEROPORTO 16 Giugno 2015 1. Chi siamo 2. Il business retail 3. La tendenza pop-up nel settore 4. Case history 1 GRUPPO SEA IL GRUPPO SEA Gestisce e sviluppa gli aeroporti

Dettagli

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Quali particolarità per il Distributore? Il ciclo economico Produzione

Dettagli

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare agroalimentare Perché è così difficile fare una buona logistica? Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management

SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management SDG SAP Forum: Il carrello Analytico per il Retail Management People Process Performance Svelare il vero valore dei «dark data» 10% Use Analytics Today Missing new insights Not utilizing all the information

Dettagli

Roberta Minazzi. Dipartimento di Diritto, Economia e Culture Università degli Studi dell Insubria roberta.minazzi@uninsubria.it

Roberta Minazzi. Dipartimento di Diritto, Economia e Culture Università degli Studi dell Insubria roberta.minazzi@uninsubria.it Roberta Minazzi Dipartimento di Diritto, Economia e Culture Università degli Studi dell Insubria roberta.minazzi@uninsubria.it Quale direzione per lo sviluppo locale? 2 Quali saranno i consumatori del

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

INNOVATIVE RETAIL L innovazione al servizio della distribuzione orientata al cliente

INNOVATIVE RETAIL L innovazione al servizio della distribuzione orientata al cliente INNOVATIVE RETAIL L innovazione al servizio della distribuzione orientata al cliente DESIGN CONOSCENZA DEL CLIENTE (Fonte Osservatorio Mobile Politecnico Milano) GEOREFERENZIAZIONE MULTICANALITà (Fonte

Dettagli

sanfaustino the solution network BUSINESS COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

sanfaustino the solution network BUSINESS COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA GRUPPO sanfaustino the solution network BUSINESS COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni GRUPPO sanfaustino

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Vincenzo Tassinari 1. Le tendenze della distribuzione moderna Le imprese commerciali, negli ultimi anni, hanno attraversato un processo

Dettagli

Innovare l esperienza d acquisto con MySi. Milano, 21 aprile 2015

Innovare l esperienza d acquisto con MySi. Milano, 21 aprile 2015 Ora più che My. Innovare l esperienza d acquisto con MySi. Milano, 21 aprile 2015 1 Dalla gestione dei pagamenti ad una nuova esperienza d acquisto La visione di CartaSi ed alcune delle iniziative chiave

Dettagli

In-Store Communication: come aumentare la visibilità sul punto vendita! www.aladino-net.com. pag.

In-Store Communication: come aumentare la visibilità sul punto vendita! www.aladino-net.com. pag. 1 Le marche cercano quotidianamente visibilità, per poter essere immediatamente riconoscibili dal proprio consumatore nel momento in cui sta per compiere l atto d acquisto. Le leve su cui agire per raggiungere

Dettagli

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Risk mangement trough structured products Origination Department Axpo Italia SpA From market risk to customer s risks RISK: The chance that an investment s actual return will be different

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

USABILITÀ E DESIGN DEL FLUSSO DI ACQUISTO ONLINE (MINIMIZZARE L ABBANDONO DEL CARRELLO E OTTIMIZZARE PERCORSI DI SCELTA E PAGAMENTO) Elena Antognazza

USABILITÀ E DESIGN DEL FLUSSO DI ACQUISTO ONLINE (MINIMIZZARE L ABBANDONO DEL CARRELLO E OTTIMIZZARE PERCORSI DI SCELTA E PAGAMENTO) Elena Antognazza 1 USABILITÀ E DESIGN DEL FLUSSO DI ACQUISTO ONLINE (MINIMIZZARE L ABBANDONO DEL CARRELLO E OTTIMIZZARE PERCORSI DI SCELTA E PAGAMENTO) Elena Antognazza Agenda 2 State of the art KPI Flussi e ostacoli Ottimizzazioni

Dettagli

SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI

SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI Dossier di Tiziana C. Aquilani e Lu.Ca. L ANALISI DI SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI 1 L ANALISI DI DEI QUATTRO PANIERI FOOD -BRAND LEADER, PRIVATE LABEL, PRIMI PREZZI E - DAL

Dettagli

Sostenibilità e servizi in farmacia

Sostenibilità e servizi in farmacia Milano, 22 Aprile 2013 Università Commerciale L. Bocconi Stefano Casati Andrea Misticoni Michele Popolo Angelica Vallarino Gancia Agenda 1 2 3 4 Introduzione Analisi e Market Overview Linee di sviluppo

Dettagli

La formazione degli assortimenti commerciali. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

La formazione degli assortimenti commerciali. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La formazione degli assortimenti commerciali Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La funzione degli acquisti nelle aziende commerciali L efficiente svolgimento della funzione acquisti

Dettagli

E-COUPONING: L ESPERIENZA DI DISTRIBUZIONE EFFICACE E REDEMPTION SICURA. Milano, 22 Aprile 2015

E-COUPONING: L ESPERIENZA DI DISTRIBUZIONE EFFICACE E REDEMPTION SICURA. Milano, 22 Aprile 2015 E-COUPONING: DISTRIBUZIONE EFFICACE E REDEMPTION SICURA L ESPERIENZA DI Milano, 22 Aprile 2015 CHI SIAMO 5 BUSINESS UNIT DISTRIBUZIONE RACCOLTA 1 DIGITALE 2 IN-STORE REPORTING & INSIGHT 3 DIRECT MARKETING

Dettagli

Camera di Commercio Italiana per la Svizzera fondata nel 1909. ALIMENTARE, FORMAGGI, PARMIGIANO REGGIANO: il mercato svizzero

Camera di Commercio Italiana per la Svizzera fondata nel 1909. ALIMENTARE, FORMAGGI, PARMIGIANO REGGIANO: il mercato svizzero ALIMENTARE, FORMAGGI, PARMIGIANO REGGIANO: il mercato svizzero Reggio Emilia, 11.07.2007 RELAZIONI ECONOMICHE CON L ESTERO E MADE IN ITALY Sesto mercato target per il Made in Italy /11/07 (Mln ) 4000 3000

Dettagli

Contributo per l assistenza all infanzia

Contributo per l assistenza all infanzia ITALIAN Contributo per l assistenza all infanzia Il governo australiano mette a disposizione una serie di indennità e servizi per contribuire ai costi che le famiglie sostengono per l assistenza dei figli

Dettagli

MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE

MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE SALES & MARKETING CHANNELS MANAGEMENT MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE 21 MARZO 2014 MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE INDICE LEZIONE Evoluzione della missione

Dettagli

PwC MarketVision I Soft Drink in Italia

PwC MarketVision I Soft Drink in Italia www.pwc.com/it PwC MarketVision I Soft Drink in Italia Marzo 2011 AVVISO Importanti informazioni destinate a qualsivoglia soggetto che non sia stato autorizzato da PricewaterhouseCoopers Advisory SpA ad

Dettagli

Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti

Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti Case history gestione del CRM il caso di un azienda di trasporti Obiettivo Carta fedeltà Carta sconto Abbonamenti Reclami Database integrato Vendite Produzione Magazzino/logistica/ consegne/fatturazioni

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DELLA CLIENTELA PER STILI DI ACQUISTO Silvia Bellini e Cristina Ziliani 1

LA SEGMENTAZIONE DELLA CLIENTELA PER STILI DI ACQUISTO Silvia Bellini e Cristina Ziliani 1 LA SEGMENTAZIONE DELLA CLIENTELA PER STILI DI ACQUISTO Silvia Bellini e Cristina Ziliani 1 Introduzione L obiettivo del presente lavoro è quello di fornire un contributo alla ricerca nell ambito dell analisi

Dettagli

L E-COMMERCE E LA MULTICANALITÀ, UN'OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO PER LE IMPRESE E IL PAESE Roberto Liscia Presidente Netcomm

L E-COMMERCE E LA MULTICANALITÀ, UN'OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO PER LE IMPRESE E IL PAESE Roberto Liscia Presidente Netcomm INTERNET DAYS L E-COMMERCE E LA MULTICANALITÀ, UN'OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO PER LE IMPRESE E IL PAESE Roberto Liscia Presidente Netcomm L ENERGIA DIGITALE Sigillo Netcomm Il Consorzio Netcomm promuove

Dettagli

Infoclip SRL. Marketing & Promotion. www.infoclip.it

Infoclip SRL. Marketing & Promotion. www.infoclip.it Infoclip SRL Marketing & Promotion www.infoclip.it Maggio 2008 La nostra missione La Missione nostra missione Organizzare campagne di vendita, promozione e comunicazione aziendali verso il target giovanile-studentesco

Dettagli

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1

Powerpoint Templates TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE. Powerpoint Templates. Page 1 TRADE MARKETING RELAZIONI DI FILIERA E STRATEGIE COMMERCIALI Powerpoint Templates Page 1 MATERIALE CONSULTATO Daniele Fornari Trade marketing-relazioni di filiera e strategie commerciali Egea 2009. Consultazioni

Dettagli