COMUNE DI SPILIMBERGO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SPILIMBERGO"

Transcript

1 COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n.20 del

2 TITOLO I GENERALITA ART.1 ENTE GESTORE DELL ACQUEDOTTO E NORME PER LA FORNITURA 1. Il servizio di distribuzione dell acqua potabile nel territorio del Comune di Spilimbergo viene effettuato dal Comune stesso. La fornitura dell acqua è disciplinata dalle norme e disposizioni del presente regolamento. 2. Il Comune potrà con modalità e condizioni da pattuirsi fornire acqua anche ad altri Comuni limitrofi, compatibilmente alle disponibilità idriche. 3. Qualora lo ritenga più conveniente sotto il profilo economico e funzionale, il Comune può affidare il Servizio in concessione in una delle forme di cui al D.Lgs , n. 267 e successive modifiche ed integrazioni. ART. 2 SISTEMA DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA 1. La fornitura d acqua è di norma effettuata a deflusso libero misurato da contatore nei limiti delle disponibilità e delle possibilità tecniche di erogazione, in relazione ai quantitativi richiesti. 2. Sono ammesse forniture a forfait, senza contatore, solo per le bocche da incendio. 1. Le forniture si distinguono in: a) forniture per uso pubblico; b) forniture per uso privato. ART.3 TIPO DI FORNITURA 2. Esse vengono regolate dalle norme del presente regolamento. ART. 4 DIVIETO DI RIVENDITA DELL ACQUA 1. E fatto assoluto divieto di rivendita dell acqua. 2

3 TITOLO II FORNITURE PER USO PUBBLICO ART. 5 IMPIANTI PER USO PUBBLICO 1. Sono considerati per usi pubblici: a) le fontanine pubbliche; b) le bocche di innaffiamento di strade e giardini pubblici; c) gli impianti destinati al lavaggio delle fognature; d) le bocche da incendio installate sul suolo pubblico. ART. 6 INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER USO PUBBLICO E MISURAZIONE DELL ACQUA 1. L installazione degli impianti di cui al presente articolo viene eseguita su richiesta ed a spese del Comune o degli Enti preposti ai rispettivi servizi. 2. Per gli usi di cui alle lettere a), b), c) l acqua viene misurata con contatore o, limitatamente al caso c), con lenti idrometriche; per gli usi di cui alla lettera d) l erogazione è a deflusso libero. 1. E fatto divieto: ART. 7 PRELIEVI ABUSIVI a) di prelevare acqua dalle fontanine pubbliche per usi diversi dall alimentazione, dai servizi igienici e dagli altri ordinari impieghi domestici, e comunque applicando alla bocca delle fontanine cannelle di gomma o di altro materiale equivalente; b) di prelevare acqua dalle bocche di innaffiamento stradale dei pubblici giardini, nonché di lavaggio delle fognature, se non dalle persone a ciò autorizzate e per gli usi cui sono destinate; c) di prelevare acqua dalle bocche antincendio se non per spegnimento di incendi. Il prelievo per uso antincendio è consentito anche dagli impianti elencati alle precedenti lettere a) e b). 3

4 TITOLO III FORNITURE AD USO PRIVATO CAPO I - NORME GENERALI 1. Le forniture ad uso privato, come descritte al successivo art.25, si distinguono in: a) uso domestico, b) uso produttivo, c) uso temporaneo, d) uso antincendio. ART. 8 DIRITTO ALLA FORNITURA 1. Nelle strade e piazze già canalizzate il Comune, entro i limiti del quantitativo d acqua dallo stesso riconosciuta disponibile e sempre che condizioni tecniche non vi si oppongano, è tenuto alla concessione d acqua per uso domestico e per altri usi ed ha diritto di esigere dal richiedente i contributi per il costo delle condotte, l allacciamento e l eventuale riapertura delle prese, di cui all Allegato A) del presente regolamento. ART. 9 FORNITURE SU STRADE NON CANALIZZATE 1. Per le strade non canalizzate il Comune può accogliere le richieste quando da parte dei richiedenti sia corrisposto un contributo nella spesa di costruzione della tubazione stradale. L entità e le modalità di pagamento dei contributi saranno determinate dal Comune secondo le particolarità del caso. ART. 10 NORME PER LE FORNITURE 1. Negli edifici costruiti dopo l entrata in vigore del presente regolamento gli impianti di distribuzione interna dell acqua dovranno essere predisposti in modo da consentire l allacciamento separato di ogni singola unità abitativa o immobiliare. 2. Solo nei casi in cui, a giudizio del Comune non sia tecnicamente possibile la suddivisione interna per utente negli stabili già esistenti alla data di entrata in vigore del presente regolamento, la fornitura verrà effettuata all Amministrazione del condominio che ne risponde ai sensi di legge. 3. Nel caso di stabile, già esistente alla data di entrata in vigore del presente regolamento, con due o più unità abitative o immobiliari per le quali non sia prescritta la costituzione dell amministrazione in condominio, il Comune può ugualmente concedere che gli stabili stessi siano serviti da una sola derivazione, semprechè i proprietari stipulino un unico contratto e rispondano solidalmente per tutto quanto concerne i rapporti contrattuali. 4. In particolari casi, a giudizio insindacabile del Comune, per ragioni tecniche, può farsi luogo a più utenze e nel numero che verrà stabilito dal Comune stesso. 5. Ordinariamente le utenze devono essere tante quanti sono gli usi distinti da tariffe diverse. ART. 11 RIPARTIZIONE DELL IMPORTO DELLE BOLLETTE FRA I VARI UTENTI DI UNA STESSA DERIVAZIONE 1. Il proprietario di un edificio suddiviso in più unità immobiliari ma servito da una sola derivazione non potrà esigere nel rivalersi verso i vari utenti, oltre all importo della bolletta, di un ulteriore somma superiore al 5% rispetto all importo indicato in bolletta. 2. Tale norma si applica anche nel caso in cui il servizio di pagamento e di rivalsa nei confronti 4

5 dei vari utenti sia affidato a soggetto diverso dal proprietario. 3. Qualora il proprietario dell edificio o il soggetto di cui al precedente comma, siano sorpresi per due volte consecutive a ripetere la riscossione, da uno o più utenti della stessa derivazione, di importi superiori a quelli di cui al precedente comma, il Comune provvederà all applicazione della sanzione amministrativa di cui all art. 44 del presente regolamento. ART. 12 DOMANDA DI FORNITURA 1. La domanda di fornitura d acqua deve essere presentata da chiunque occupi o conduca a qualunque titolo unità immobiliari, a qualsiasi uso adibite, utilizzando l apposito modulo predisposto dal Comune e deve essere firmata dal richiedente o dal suo legale rappresentante. 2. Alla richiesta fatta dal locatario o dal detentore diverso dal proprietario, deve essere allegata una esplicita dichiarazione del proprietario stesso, ovvero un autocertificazione dell utente che attesti l ottenuta autorizzazione del proprietario alla presentazione della domanda e all esecuzione dei lavori inerenti la derivazione. 3. Nel caso di costruzioni nuove e/o ristrutturate non potranno essere accolte domande di somministrazione di acqua da destinare ad edifici privi di concessione o autorizzazione edilizia. ART. 13 CONTRATTO DI FORNITURA 1. Il contratto di fornitura d acqua sarà redatto su apposito modulo predisposto dal Comune e dovrà essere sottoscritto dall Utente e dal Funzionario preposto prima dell inizio dell erogazione e dopo che il primo avrà provveduto al pagamento delle somme dovute a titolo di spese e diritti di allacciamento. 2. Le erogazioni all utente si intendono effettuabili quando sono ultimate e pronte tutte le opere di presa e allacciamento, fatti salvi i diritti di terzi, e posto in opera il contatore. 3. Tutte le spese, imposte e tasse inerenti al contratto di fornitura sono a carico dell utente il quale deve pagarle all atto della firma. ART. 14 DECORRENZA E DURATA DEL CONTRATTO 1. I termini contrattuali decorrono dal primo o dal quindici del mese, se le opere di presa, allacciamento e posa in opera del contatore risultano ultimate rispettivamente entro la prima o la seconda metà dello stesso mese. 2. La durata del contratto di fornitura è a tempo indeterminato, salvo disdetta da parte dell utente con preavviso minimo di 30 giorni dalla scadenza del contratto, mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento. 3. La disdetta non dispensa l utente dall obbligo di pagare gli arretrati eventualmente dovuti, il volume minimo impegnato e le eventuali eccedenze rispetto al minimo. 4. Si ha cessazione del contratto anche senza preavviso solo quando altri abbiano sottoscritto un nuovo contratto per la medesima concessione. 5. In caso di cessazione del contratto per causa di forza maggiore, deve essere data tempestiva comunicazione. ART. 15 VOLTURA DELL UTENZA 1. L utente subentrante dovrà darne tempestiva comunicazione al Comune e presentare domanda di somministrazione, nei termini e con le modalità di cui al precedente articolo In difetto potrà essere chiamato a rispondere dei consumi eventualmente insoluti dell utente cessato. 5

6 3. Saranno a carico dell utente subentrante le spese che il Comune dovrà sostenere per eventuali opere di revisione della presa o altre che si ritenessero necessarie. 4. Chi occupa locali in subaffitto non potrà ottenere la fornitura dell acqua a proprio nome. ART. 16 DIRITTO DI RIFIUTO O DI REVOCA DELLE FORNITURE 1. Nel caso di forniture per usi diversi da quello domestico è in facoltà del Comune di rifiutare o revocare in qualsiasi tempo la fornitura ove si verifichino condizioni eccezionali di erogazione o di servizio o sorgano altri gravi motivi che spetta al Comune stesso valutare insindacabilmente. ART. 17 RISOLUZIONE DI DIRITTO DELLE CONCESSIONI 1. Il contratto di fornitura verrà revocato di diritto, quando l utente moroso non provveda al pagamento entro trenta giorni dal ricevimento della diffida scritta del Comune. 2. S intende pure analogamente revocata nei casi di cui agli artt. 4, 23, 33, 40 e 43 del presente regolamento. ART. 18 NORME PER L ESECUZIONE DELLE PRESE 1. Spetta al Comune di determinare il diametro della presa e di scegliere il luogo per la derivazione della presa stessa. Qualsiasi lavoro di costruzione, riparazione o manutenzione di qualsiasi conduttura ed apparecchio su suolo pubblico o comunque fino all apparecchio misuratore è eseguito esclusivamente dal Comune, direttamente o per mezzo degli installatori da esso autorizzati. ART. 19 PROPRIETÀ DELLE CONDOTTE 1. Le condotte stradali, anche se costruite con contributo a fondo perduto dagli utenti e le derivazioni trasversali, anche se costruite a spese degli utenti, fino al contatore posto al limite della proprietà privata e comunque fino al limite della stessa, appartengono al Comune. 2. Sono invece di proprietà dell utente le condotte poste a valle del contatore, e se questo è posto all interno della proprietà privata, la proprietà delle condotte si estende fino al limite della proprietà privata. ART. 20 MANUTENZIONE DELLE CONDOTTE 1. Tutte le manutenzioni e riparazioni sulle derivazioni dalla presa stradale fino all apparecchio misuratore compreso, spettano esclusivamente al Comune e sono pertanto vietate agli utenti od a chiunque altro sotto pena del pagamento dei danni, salva ogni riserva di esperire ogni altra azione a norma di legge da parte del Comune. 2. Nel caso in cui il contatore fosse posto all interno della proprietà privata, la manutenzione e riparazione del tratto di derivazione dal suolo pubblico al contatore sono eseguite a cura del Comune, con addebito delle relative spese all utente. ART. 21 PORTATA GARANTITA 1. Gli impegni di fornitura si intendono riferiti alla bocca d uscita del misuratore. 2. Il Comune ha facoltà di inserire nella derivazione un limitatore di portata commisurato al contratto di fornitura. 6

7 ART. 22 INTERRUZIONE DEL SERVIZIO 1. Il Comune non assume responsabilità alcuna per eventuali interruzioni di erogazione o per diminuzioni di pressione dovute a causa di forza maggiore o a necessità di lavori. 2. Pertanto le utenze che per loro natura richiedono una assoluta continuità di servizio dovranno provvedere all installazione di un adeguato impianto di riserva rispondente ai requisiti di cui ai successivi articoli. 3. Eventuali interventi di purificazione e addolcimento dell acqua potabile utilizzata per particolari usi, dovranno essere eseguite a cura e spese dell interessato. 4. Per sopperire ai fabbisogni di emergenza nell eventualità di incidenti, il Comune avrà comunque la facoltà di sospendere l erogazione dell acqua ai privati, previe opportune informazioni all utenza. ART. 23 PRELIEVI ABUSIVI 1. Il prelievo di acqua per usi diversi da quelli previsti nel contratto di fornitura è vietato ed è perseguito a norma di legge e comporta l applicazione delle sanzioni di cui al presente regolamento, oltre alla revoca di diritto del contratto medesimo. 2. E vietata la cessione d uso dell acqua a terzi, senza esplicita autorizzazione del Comune. ART. 24 BOCCHE ANTINCENDIO PRIVATE 1. Per l alimentazione di bocche da incendio viene stipulato un apposito contratto sempre distinto da quello relativo ad altri usi; restano pure distinte le relative prese di alimentazione, le quali non possono in alcun modo essere destinate ad utilizzazioni diverse. 2. Il Comune provvede alla costruzione della derivazione sino al limite della proprietà privata. 3. L utente deve fornire al Comune lo schema d installazione delle bocche da incendio, provvedendo altresì al tempestivo aggiornamento dello schema in caso di variazione. 4. In caso d inadempimento il Comune ha diritto di applicare all utente, a titolo di penale, per ogni bocca d incendio effettivamente installata, il doppio della tariffa ordinaria per la durata di un anno. 5. Agli apparecchi di manovra per le bocche da incendio viene applicato dal comune uno speciale sigillo. 6. L utente ha diritto di servirsi della bocca da incendio esclusivamente in caso di incendio e limitatamente alle operazioni relative allo spegnimento. 7. Quando si sia fatto uso di una bocca da incendio, l utente deve darne comunicazione al comune entro le 24 ore, affinché questi possa provvedere alla risuggellatura. 8. Il Comune non assume responsabilità alcuna circa la pressione dell acqua e la portata al momento dell uso. 7

8 CAPO II: TARIFFE PER TIPI DI UTENZA ART. 25 TIPI DI UTENZA 1. Ai fini dell applicazione delle tariffe di vendita al consumo sono definiti i seguenti usi: a) Uso domestico - si considera destinata ad uso domestico l acqua utilizzata per l alimentazione, per i servizi igienici e per gli altri ordinari impieghi domestici compreso l innaffiamento dei piccoli giardini privati; b) Uso produttivo - si considera destinata ad uso produttivo l acqua utilizzata per attività industriali, commerciali, artigianali, agricole e di servizi aventi carattere duraturo; c) Uso temporaneo - si considera destinata ad usi temporanei l acqua utilizzata per impieghi a carattere occasionale e comunque di durata inferiore all anno; d) Uso antincendio - si considera utilizzata ad uso antincendio l acqua utilizzata per idranti e bocche antincendio. ART. 26 TARIFFE PER UTENZE AD USO DOMESTICO 1. Per l uso domestico i consumi sono scaglionati in tre fasce di tariffa: - Tariffa agevolata - Tariffa base - Eccedenza 2. Ad ogni singola unità di utenza viene applicata una quota fissa il cui ammontare varia in funzione del consumo accertato a carico dell unità medesima. 3. La struttura tariffaria di vendita dell acqua per uso domestico, compresa la quota fissa, è indicata nella tabella di cui all Allegato B) del presente regolamento. ART. 27 TARIFFE PER UTENZE AD USO PRODUTTIVO 1. I consumi sono scaglionati in un quantitativo minimo impegnato, indicato, sotto la sua esclusiva responsabilità, dall utente all atto della stipula del contratto di fornitura d acqua. 2. I consumi oltre tale valore vengono considerati eccedenza. 3. Per consumo minimo contrattuale deve intendersi quello di cui all Allegato B) del presente regolamento. 4. Il quantitativo contrattualmente impegnato è fatturato anche se non consumato. ART.28 RIDUZIONI TARIFFARIE PER UTENZE AD USO PRODUTTIVO 1. Per le utenze relative ad Enti pubblici, Associazioni politiche. Religiose, culturali, sportive, ricreative, non aventi scopo di lucro, la tariffa per usi produttivi è ridotta del 30%. 2. Per le utenze ad uso allevamento di animali, la tariffa per usi produttivi è ridotta del 50%. ART. 29 FORNITURE AD USO PROMISCUO 1. Con riferimento alla diversa classificazione di utilizzazione di cui all art. 25 del presente regolamento, quando l acqua debba servire a diversi usi, soggetti a differenti tariffe e il Comune non ritenga opportuno installare alimentazioni distinte per i predetti usi, regolandoli con altrettanti contratti di fornitura, e sempreché non si tratti di forniture temporanee, può essere stipulato un unico contratto ad uso promiscuo. In tal caso viene installato un solo apparecchio misuratore su di un unica presa e vengono convenuti tra il Comune e l utente le tariffe e gli scaglioni dell uso prevalente. 8

9 ART. 30 TARIFFE PER BOCCHE ANTINCENDIO PRIVATE 1. Per ciascuna bocca antincendio l utente deve versare un canone stabilito in funzione del numero delle bocche installate e della loro tipologia. 2. Le misure dei canoni per i vari tipi di bocche antincendio sono fissate nell allegato B) del presente regolamento. 9

10 CAPO III : APPARECCHI MISURATORI, IMPIANTI INTERNI ART. 31 APPARECCHI DI MISURA 1. Il tipo e il calibro degli apparecchi di misura dell acqua sono stabiliti dal Comune in relazione alla natura della concessione e del minimo contrattuale impegnato, se dovuto. 2. Il Comune ha la facoltà di cambiare l apparecchio misuratore quando lo ritenga necessario, senza obbligo di preavviso nei confronti dell utente; nel caso di variazioni di calibro il Comune si riserva di addebitare all utente le spese relative, al netto di eventuale recupero. 3. Gli apparecchi sono di proprietà del Comune: gli utenti ne sono i consegnatari, e sono pertanto responsabili di qualunque manomissione o danno ad essi arrecato anche da terzi o da ignoti. ART. 32 POSIZIONE E CUSTODIA DEGLI APPARECCHI DI MISURA 1. Gli apparecchi di misura sono collocati nel luogo più idoneo stabilito dal Comune e di facile accesso agli agenti dello stesso. A valle del contatore vengono collocati inoltre, a cura del Comune ed a spese dell utente, una valvola di ritegno e un rubinetto d arresto munito di scarico. 2. Di norma, tali apparecchi vengono collocati in apposito pozzetto esterno allo stabile ed al limite della proprietà, secondo criteri di razionalità e sicurezza, al fine di consentire il libero accesso in qualsiasi tempo al personale del Comune. 3. Ove non fosse possibile collocare il contatore all esterno dello stabile, e soltanto in questo caso, lo stesso potrà essere ubicato all interno della proprietà privata, nel posto più accessibile. 4. Il Comune ha facoltà di imporre il cambiamento di posto del contatore a spese dell utente, qualora il contatore stesso per modifiche ambientali venga a trovarsi in luogo poco adatto alle verifiche ed alla conservazione dell apparecchio e può altresì provvedere a spese proprie negli altri casi. 5. tutti gli apparecchi misuratori sono provvisti di apposito sigillo di garanzia apposto dal Comune. 6. L utente ha l obbligo di mantenere accessibili, sgombri e puliti i pozzetti e le nicchie dei contatori., assumendosi le relative operazioni di manutenzione. 7. La manomissione dei sigilli e qualunque altra operazione destinata a turbare il regolare funzionamento dell apparecchio misuratore, possono dare luogo all apposizione dei limitatori di portata e alla revoca del contratto di fornitura. ART. 33 GUASTI AGLI APPARECCHI 1. L utente deve provvedere a riparare dal gelo e dalle manomissioni il contatore e gli accessori, essendo egli responsabile dei danni e dei guasti che avvenissero per qualsiasi causa. 2. Nel caso di guasti l utente ha l obbligo di darne immediata comunicazione al Comune per la tempestiva riparazione o sostituzione. ART. 34 VERBALI DI POSA, RIMOZIONE E SOSTITUZIONE DEL CONTATORE 1. All atto della messa in opera dell apparecchio misuratore viene redatto un verbale di posa, sottoscritto dall utente, su modulo a stampa predisposto dal Comune, nel quale sono menzionati il tipo dell apparecchio, la caratteristica, il numero di matricola ed il consumo registrato dal misuratore stesso. 10

11 2. Gli apparecchi misuratori non possono essere rimossi o spostati se non per disposizione del Comune ed esclusivamente per mezzo dei suoi dipendenti o incaricati. 3. All atto della rimozione e della sostituzione degli apparecchi di misura, vengono stesi su appositi moduli, predisposti dal Comune, i relativi verbali firmati dall utente e dagli incaricati del Comune medesimo. Tali verbali, oltre ai dati di cui al comma precedente devono indicare il motivo della sostituzione o rimozione e le eventuali irregolarità riscontrate.una copia del verbale deve essere consegnata all utente. ART. 35 LETTURA DEI MISURATORI 1. La lettura degli apparecchi di misura viene eseguita dal Comune o suoi incaricati con periodicità semestrale e comunque almeno una volta all anno. 2. Gli incaricati rilasciano agli utenti copia delle risultanze, come da stampato appositamente predisposto, in modo che questi siano subito edotti e possano verificare personalmente il relativo consumo. 3. Qualora per motivi non imputabili all Amministrazione, nel corso di un intero anno, non sia possibile procedere alla lettura periodica del contatore è fatto obbligo all utente, sotto la propria personale responsabilità, di far pervenire all Ufficio acquedotto l autolettura dei propri consumi, utilizzando apposito modulo, nel rispetto dei termini in esso indicati. 4. Il Comune ha comunque la facoltà di far eseguire, quando lo ritenga opportuno letture supplementari a sua discrezione. ART. 36 IRREGOLARE FUNZIONAMENTO DEL CONTATORE 1. Qualora sia stata riscontrata irregolarità di funzionamento del contatore, il consumo dell acqua, per tutto il periodo per il quale possa ritenersi dubbio il funzionamento dell apparecchio e fino alla sostituzione di esso, è valutato in misura eguale a quello del corrispondente consumo medio dei due anni precedenti, ed in mancanza, in base alla media dei consumi dei periodi più prossimi a quello di dubbio funzionamento. 2. Nei casi di manomissione del contatore, o quando manchi ogni elemento di riferimento al consumo precedente, il consumo è determinato dal Comune su accertamenti tecnici insindacabili. ART. 37 VERIFICA DEI MISURATORI A RICHIESTA DELL UTENTE 1. Quando un utente ritenga erronee le indicazioni del contatore, il Comune dispone opportune verifiche. 2. Se queste confermano l inconveniente lamentato dall utente, le spese delle prove e delle riparazioni sono a carico del Comune, il quale disporrà il rimborso di eventuali errate esazioni, limitatamente al periodo immediatamente precedente a quello in cui ha luogo l accertamento. 3. Se invece la verifica comprova l esattezza del contatore entro il limiti di tolleranza del 5% in più o in meno, fra un decimo e un quarto della portata caratteristica, il Comune addebita le spese di verifica. ART. 38 NORME PER COLLEGAMENTO IMPIANTI ED IMPIANTI DI POMPAGGIO 1. L impianto interno dovrà essere elettricamente isolato dalla rete stradale con apposito giunto isolante e non potrà essere utilizzato come presa di terra per il collegamento di apparecchi elettrici. 2. Le installazioni per l eventuale sollevamento dell acqua nell interno degli edifici, devono essere 11

12 realizzate in maniera che sia impedito il ritorno di rete dell acqua pompata, anche nel caso di guasto alle relative apparecchiature. 3. E vietato in ogni caso l inserimento diretto delle pompe sulle condotte derivate da quelle stradali. 4. Gli schemi di impianto di pompaggio da adottarsi debbono essere sottoposti all esame del Comune, il quale può prescrivere eventuali modifiche. ART. 39 PERDITE, DANNI, RESPONSABILITÀ 1. Ogni utente risponde della buona costruzione e manutenzione degli impianti interni. 2. Nessun abbuono sul consumo dell acqua è comunque ammesso per eventuali dispersioni o perdite degli impianti stessi dopo il contatore, da qualunque causa prodotte, né il Comune può direttamente o indirettamente essere chiamato a rispondere dei danni che potessero derivare dagli impianti interni. ART. 40 VIGILANZA 1. Il Comune ha diritto di far ispezionare dai suoi dipendenti gli impianti e gli apparecchi destinati alla distribuzione dell acqua nell interno della proprietà privata. 2. I dipendenti e/o incaricati, muniti di tessera di riconoscimento, hanno pertanto la facoltà di accedere nella proprietà privata, sia per le periodiche verifiche di consumo, sia per accertare alterazioni e guasti nelle condutture e negli apparecchi misuratori, e comunque per assicurarsi della regolarità dell impianto e del servizio sia in generale sia in rapporto al presente regolamento e ai patti contrattuali. 3. In caso di opposizione o di ostacolo, il Comune si riserva il diritto di installare un limitatore di portata e di revocare il contratto di fornitura fino a che le verifiche abbiano potuto aver luogo e sia stata accertata la perfetta regolarità dell esercizio, senza che ciò possa dar diritto a richiesta di compensi od indennizzi di sorta, da parte dell utente. 12

13 CAPO IV : ACCERTAMENTO DEI CONSUMI, PAGAMENTI ART. 41 ACCERTAMENTO DEI CONSUMI 1. L acqua viene pagata in ragione del consumo rilevato dal contatore, determinato come differenza tra il consumo segnato dal medesimo nell arco temporale di due letture consecutive, rapportato al periodo di fatturazione. 2. All utente di uso non domestico è fatto obbligo del pagamento del volume minimo contrattualmente stabilito, che sarà rapportato al periodo di fatturazione. Tale minimo è dovuto anche nel caso in cui per assenza, per sfitti o per altri motivi, l utente non usufruisca dell acqua. 3. Ai consumi eccedenti, determinati con le modalità di cui al precedente comma 1, sono applicate le tariffe di eccedenza di cui all Allegato B) del presente regolamento. 4. Il Comune provvederà alla fatturazione dei consumi e degli altri addebiti previsti a carico dell utente (spese contrattuali, IVA) con periodicità da esso stabilite. 5. Con l ultima bolletta, all atto della cessazione del rapporto di utenza sarà fatturato: - Per l uso domestico, il consumo ordinario e l eventuale consumo eccedente la tariffa base rapportato al corrispondente periodo finale di fatturazione; - Per gli usi produttivi il minimo contrattuale e l eventuale consumo eccedente detto minimo, rapportati al corrispondente periodo finale di fatturazione; - ogni altra pendenza esistente per qualsiasi titolo. 6. Qualora nel corso dell intero anno non sia stata possibile la rilevazione dei consumi, il Comune si riserva la facoltà di procedere alla fatturazione di un consumo presunto calcolato sulla base di quello accertato nell anno precedente, salvo conguaglio da effettuarsi con la prima fatturazione utile. 7. In condizioni di particolare emergenza il Comune, dietro preavviso, si riserva la facoltà di ridurre e/o di sospendere le erogazioni concesse per usi non esclusivamente domestici. 8. Il Comune si riserva la facoltà di modificare, in qualsiasi momento, le modalità di fornitura, dando congruo preavviso all utente. 9. Agli effetti della determinazione dei consumi è considerato soltanto l intero di mc. rilevato dalla lettura del contatore. Vengono quindi trascurate le frazioni di metro cubo. ART. 42 ACCERTAMENTO DELLE ECCEDENZE 1. Per le utenze ad uso domestico sono considerati eccedenze i consumi superiori a quelli che rientrano nella fascia di tariffa base. Ad essi si applica la corrispondente tariffa d eccedenza. 2. Per gli usi diversi da quello domestico, le eccedenze del consumo dell acqua sono determinate come differenza tra il consumo rapportato al periodo di fatturazione ed il consumo minimo garantito per il periodo corrispondente. Non possono effettuarsi compensazioni tra le eccedenze positive e le eccedenze negative rispetto al minimo contrattuale nei diversi intervalli di lettura. ART. 43 PAGAMENTI 1. L utente dovrà effettuare il pagamento della fattura entro il termine di scadenza sulla stessa indicato e secondo le modalità stabilite dal Comune. 2. A carico dell utente moroso che non avesse provveduto al pagamento entro la data di scadenza indicata sulla bolletta e/o fattura, saranno applicate con lettera di sollecito e/o ingiunzione, notificata ai sensi di legge, le seguenti maggiorazioni ed interessi moratori: 13

14 - 5% dell importo insoluto per un ritardo fino a 30 giorni; - 10% dell importo insoluto per un ritardo da 31 giorni fino a 180 giorni; - 30% dell importo insoluto per un ritardo superiore a 180 giorni; oltre al recupero delle spese postali. 3. Trascorsi inutilmente 20 giorni dalla data di ricezione della lettera di sollecito e/o ingiunzione, il Comune potrà procedere alla tempestiva installazione di un limitatore di portata e alla revoca del contratto di fornitura. 4. In caso di contestazione sull importo fatturato, l utente potrà presentare reclamo al Comune, ma sarà comunque tenuto ad effettuare il pagamento integrale della bolletta, salvo sospensione della riscossione, dovuta ad emissione palesemente errata. 5. I rimborsi eventualmente dovuti dovranno essere liquidati entro 90 giorni dalla presentazione della relativa richiesta. 6. Qualora, per comprovate necessità finanziarie da indicare nella relativa richiesta, l utente non fosse in grado di assolvere al pagamento della fattura entro i termini in essa indicati, il Comune può concedere il pagamento dilazionato, con addebito degli interessi di legge, per un periodo non superiore a sei mesi. 7. Fanno carico all utente tutti gli oneri per imposte, tasse, contributi, canoni, comunque relativi alla somministrazione dell acqua. 8. Il Comune si riserva la facoltà di esercitare l azione legale che riterrà più opportuna per il recupero di qualsiasi suo credito nei confronti degli utenti inadempienti. 14

15 CAPO V - SANZIONI, DISPOSIZIONI VARIE, FINALI E TRANSITORIE ART. 44 SANZIONI AMMINISTRATIVE 1. Fatta salva l applicazione delle sanzioni civili, penali e amministrative previste dalle leggi statali e regionali, le infrazioni al presente regolamento, comportano l applicazione delle seguenti sanzioni amministrative: 1. Divieto di rivendita dell acqua (art. 4) da. 258,00 a 500,00= oltre al recupero del costo dell acqua rivenduta, il cui quantitativo verrà determinato insindacabilmente dal Comune. 2. Prelievi abusivi e manomissione di pubbliche utenze (artt. 7, 23 e 24) da 258,00 a 500,00= oltre al recupero del costo dell acqua abusivamente prelevata il cui quantitativo verrà determinato insindacabilmente dal Comune. 3.Mancata segnalazione di subentro e comunicazione di ampliamento della concessione (art.15) da 52,00 a 155,00= oltre all eventuale recupero di canoni, eccedenze e didiritti accessori. 4. Violazione di cui all art.11 nella rivalsa sui consumi da 52,00 a 155,00= 5. Interventi abusivi su prese di diramazione e manomissione condotte da 258,00 a 500,00= 6. Manomissione contatori e sigilli, mancata segnalazione di guasti, installazione, sostituzione e rimozione di contatori (art. 32, 33) da 258,00 a 500,00= 7. Mancata comunicazione dell autolettura (art.35) da. 52,00 a 155,00= ART. 45 IDENTIFICAZIONE DEI DIPENDENTI 1. I dipendenti del Comune o suoi incaricati sono muniti di tessera di riconoscimento che devono esibire nell espletamento delle loro funzioni ricomprese nel presente regolamento. ART. 46 RINVIO A LEGGI E REGOLAMENTI 1 Per quanto non espressamente previsto nel presente regolamento, si applicano le norme, civili, penali ed amministrative previste dalla legislazione vigente, dalla Statuto del Comune e dai vigenti regolamenti comunali. ART. 47 ENTRATA IN VIGORE 1. Le norme di cui al presente regolamento, divenuto esecutivo ai sensi di legge, hanno effetto dal 1.gennaio ART. 48 NORME TRANSITORIE 1 Fino all entrata in vigore del nuovo sistema tariffario di cui alla Legge 5 gennaio 1994, n.36 e successive modifiche ed integrazioni, le tariffe di cui all allegata Tabella B) determinate dalla Giunta comunale entro i termini di legge, avranno decorrenza 1 gennaio

16 ALLEGATO A) TABELLA CANONI CONCESSORI E DIRITTI DI ALLACCIAMENTO 1. CONCESSIONI USO DOMESTICO O ALTRI USI, CONCESSIONI SPECIALI, GETTI ORNAMENTALI, POSA IDRANTI A) Utenze nel Comune: Per diramazioni superiori a 2 i diritti di allacciamento verranno determinati su preventivo di spesa. a.- per ogni prima nuova concessione, sostituzione allacciamenti vecchi o insufficienti 1).per lunghezza dalla rete principale fino a 3 ml: - per diramazioni fino a 1 e 1/2 - per diramazioni di 2 2) per lunghezza dalla rete principale fino a 6 ml: - per diramazioni fino a 1 e 1/2 - per diramazioni di 2 3) per lunghezza della rete principale oltre 6.01 ml: - per diramazioni fino a 1 e 1/2 /ml - per diramazioni di 2 /ml Per diramazioni superiori a 2 i diritti di allacciamento verranno determinati su preventivo di spesa. b.- per successive concessioni nello stesso fabbricato o per riapertura concessioni cessate, senza necessità di intervento sulla rete idrica comunale: B) Utenze fuori Comune a.- per ogni prima nuova concessione, sostituzione allacciamenti vecchi o insufficienti 1).per lunghezza dalla rete principale fino a 3 ml: - per diramazioni fino a 1 e 1/2 - per diramazioni di 2 2) per lunghezza dalla rete principale fino a 6 ml: - per diramazioni fino a 1 e 1/2 - per diramazioni di 2 3) per lunghezza della rete principale oltre 6.01 ml: - per diramazioni fino a 1 e 1/2 /ml - per diramazioni di 2 /ml Per diramazioni superiori a 2 i diritti di allacciamento verranno determinati su preventivo di spesa. b.- per successive concessioni nello stesso fabbricato o per riapertura concessioni cessate, senza necessità di intervento sulla rete idrica comunale: 2. CONCESSIONE D USO CIVICO ACQUEDOTTO PER BOCCHE INCENDIO E IDRANTI - Diritto fisso 1 bocca - Diritto fisso ogni per successiva bocca 3. CONCESSIONI SPECIALI TEMPORANEE PER CANTIERI EDILI O DI LAVORO, CAMPI MILITARI, CIRCHI O SPETTACOLI VIAGGIANTI, MANIFESTAZIONI CULTURALI, RICREATIVE, POLITICHE, SPORTIVE, ECC. Diritto fisso 16

17 SOMMARIO TITOLO I - GENERALITA Art. 1 - Ente gestore dell acquedotto e norme per la fornitura Art. 2 - Sistema di distribuzione dell acqua Art. 3 - Tipo di fornitura Art. 4 - Divieto di rivendita dell acqua TITOLO II - FORNITURE PER USO PUBBLICO Art. 5 - Impianti per uso pubblico Art. 6 - Installazione degli impianti per uso pubblico e misurazione dell acqua Art. 7 - Prelievi abusivi TITOLO III - FORNITURE PER USO PRIVATO CAPO I - NORME GENERALI Art. 8 - Diritto alla fornitura Art. 9 - Forniture su strade non canalizzate Art.10 - Norme per le forniture Art.11 - Ripartizione dell importo delle bollette fra i vari utenti di una stessa derivazione Art.12 - Domanda di fornitura Art.13 - Contratto di fornitura Art.14 - Decorrenza e durata del contratto Art.15 - Voltura dell utenza Art.16 - Diritto di rifiuto o di revoca delle forniture Art.17 - Risoluzione di diritto delle concessioni Art.18 - Norme per l esecuzione delle prese Art.19 - Proprietà delle condotte Art.20 - Manutenzione delle condotte Art.21 - Portata garantita Art.22 - Interruzione del servizio Art.23 - Prelievi abusivi Art.24 - Bocche antincendio private CAPO II TARIFFE PER TIPI DI UTENZA Art.25 - Tipi di utenza Art.26 - Tariffe per utenze ad uso domestico Art.27 - Tariffe per utenze ad uso produttivo Art.28 Riduzioni tariffarie per utenze ad uso produttivo Art.29 - Forniture ad uso promiscuo Art.30 - Tariffe per bocche antincendio private CAPO III - APPARECCHI MISURATORI, IMPIANTI INTERNI Art.31 - Apparecchi di misura Art.32 - Posizione e custodia degli apparecchi di misura Art.33 - Guasti agli apparecchi Art.34 - Verbali di posa, rimozione e sostituzione del contatore Art.35 - Lettura dei misuratori Art.36 - Irregolare funzionamento del contatore Art.37 - Verifica dei misuratori a richiesta dell utente Art.38 - Norme per collegamento impianti ed impianti di pompaggio Art.39 - Perdite, danni, responsabilità Art.40 - Vigilanza CAPO IV - ACCERTAMENTO DEI CONSUMI, PAGAMENTI Art.41 - Accertamento dei consumi Art.42 - Accertamento eccedenze Art.43 - Pagamenti CAPO V - SANZIONI AMMINISTRATIVE- DISPOSIZIONI VARIE, TRANSITORIE E FINALI Art.45 - Sanzioni amministrative Art.46 - Identificazione dei dipendenti Art.47 - Rinvio a Leggi e Regolamenti Art.48 - Entrata in vigore Art.49 - Norme transitorie ALLEGATO A) - Tabella canoni concessori e diritti di allacciamento ALLEGATO B) - Tariffe acquedotto 17

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n.

CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. approvato con delib. del Commissario Straordinario n. CITTA DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L USO E LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE approvato con delib. del Commissario Straordinario n.723 del 25/10/1984 TITOLO I GESTIONE DELL ACQUEDOTTO E SISTEMA DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE

COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE COMUNE DI VESSALICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI ACQUEDOTTO COMUNALE Adottato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 9 del 25 maggio 2010 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI PINZANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE ************************* DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Il servizio della distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Gestione del Servizio Il servizio di distribuzione dell acqua potabile è affidato dal

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO

PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO Allegato A alla deliberazione n. 246/2006 PROCEDURA PER L UNIFICAZIONE DEI COSTI DI ALLACCIAMENTO ALL ACQUEDOTTO 1. Premessa La presente procedura definisce i criteri e le metodologie per la determinazione

Dettagli

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014

Allegato B. Ufficio Provinciale di Ambito Territoriale Ottimale di Bergamo 16/01/2014 2013 Rev. 03 16/01/2014 Metodo tariffario transitorio ai sensi della deliberazione n 585/2012 dell AEEG Definito in conformità alla delibera n. 2 del 04.12.2013 della Conferenza dei Comuni dell Ambito

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ed. ANNO 2016 Oggetto ed applicabilità Il presente listino prezzi verrà applicato in maniera imparziale sul territorio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI FORNITURA DELL ACQUA POTABILE TESTO APPROVATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 95 DEL 29/10/1984 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. 67 DEL 02/06/1989 TESTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI LENO REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 35 del 12.07.2007 CAPO PRIMO: GENERALITA...4 Art. 1: Limiti per la distribuzione...4

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE

ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE ASPEM S.p.A. Servizio Acquedotto AXA Agenzia Sviluppo & Trading ESTRATTO CONDIZIONI DAL 1 GENNAIO 2014 POLIZZA COPERTURA ASSICURATIVA DEI RISCHI DI PERDITE OCCULTE DI ACQUA POTABILE CONTRAENTE: ASPEM S.p.A.

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas L allacciamento alla rete elettrica per le utenze in bassa e media tensione Allacciamento e attivazione Altre prestazioni L allacciamento è la connessione dell impianto di utenza alla rete di distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI CAVALLASCA CAP 22020 Via Imbonati, 1 (CO) TEL. 031 210455 - FAX 031 536439 Provincia di Como N. Part. Iva 00516340130 REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE Approvazione: Deliberazione

Dettagli

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione Allacciamento alla rete elettrica L allacciamento è la connessione

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE-

DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- DISTRIBUZIONE GAS -LISTINO PREZZI PRESTAZIONI ACCESORIE- Agosto 2014 OGGETTO E APPLICABILITA Oggetto Sulla base di quanto previsto dal Codice di Rete tipo per la distribuzione del gas naturale, il presente

Dettagli

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE COMUNE DI ACRI REGOLAMENTO PER L'USO E LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA POTABILE TITOLO I RETE DI DISTRIBUZIONE Art. 1 I. Il servizio pubblico della distribuzione dell acqua potabile è gestito direttamente

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO

CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA POTABILE DITTA BUCARO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI FORNITURA ACQUA USO IDRO-POTABILE PER UTENZE EXTRAURBANE ART. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO 1. Con il presente contratto

Dettagli

Comune di CASTELBIANCO

Comune di CASTELBIANCO Comune di CASTELBIANCO REGOLAMENTO ACQUEDOTTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 6 del 6 Giugno 2003 INDICE Art 1. Fornitura dell acqua. Art 2. Domanda di fornitura Art 3. Modalità per

Dettagli

REGOLAMENTO. per la distribuzione del Gas Metano e condizioni generali per la fornitura. IMPREGEST srl. Via Monte Rosa (Pal.

REGOLAMENTO. per la distribuzione del Gas Metano e condizioni generali per la fornitura. IMPREGEST srl. Via Monte Rosa (Pal. COMUNE DI B E R N A L D A Provincia di Matera Allegato alla deliberazione di C.C. n. 60 del 13-07-91 IMPREGEST srl Via Monte Rosa (Pal.C) POLICORO (MT) REGOLAMENTO per la distribuzione del Gas Metano e

Dettagli

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA.

COMUNE DI FONTE NUOVA (Provincia di Roma) REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO n. 10 DEL 25.02.2002 REGOLAMENTO SOMMINISTRAZIONE IDRICA Articolo 1 Distribuzione dell acqua e uso Il Comune somministra acqua nel suo

Dettagli

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua)

LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) LISTINO LAVORI SERVIZIO IDRICO ( Acqua) PREZZI STANDARD NON COMPRESI NELLA TARIFFA GESTORE DEL SII : Marche Multiservizi S.p.A. Via dei Canonici,144 60122 PESARO (PU) C.F., P. IVA N IVA 02059030417 Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Servizio Idrico Integrato

Servizio Idrico Integrato Servizio Idrico Integrato Regolamento fondo fughe acqua Giugno 2014 Indice Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione... 3 Art. 2 - Validità del Regolamento... 3 Art. 3 - Costituzione del fondo e modalità

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OGGIONA CON SANTO STEFANO PROVINCIA DI VARESE C.A.P.21040 - C.F. e P.IVA 00309390128 - Tel. 0331/214961 - Fax 216460 e-mail tributi@comune.oggionaconsantostefano.va.it www.comune.oggionaconsantostefano.va.it

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Regolamento per la distribuzione dell acqua potabile

Regolamento per la distribuzione dell acqua potabile Regolamento per la distribuzione dell acqua potabile 1 INDICE TITOLO I GENERALITA... 3 Art. 1 - Gestore del servizio... 3 Art. 2 - Criteri e limiti dell erogazione del servizio... 3 Art. 3 - Modalità di

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE

ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE ELENCO PREZZI STANDARD ALLEGATO ALLA BOZZA DI CONVENZIONE DEFINIZIONI CLIENTE FINALE Persona fisica o giuridica che acquista gas naturale per uso proprio CODICE DI RETE codice contenente regole e modalità

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE E GESTIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA CORSO LUIGI RAZZA N. 2 89014 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SERVIZI TECNICI COMUNE DI OPPIDO MAMERTINA UFFICIO TECNICO Tel. Ufficio Tecnico: 0966/879108 Centralino: 0966/879111

Dettagli

Contratto di servizio per utenze raggruppate

Contratto di servizio per utenze raggruppate PGQ -7-02-70 Contratto di servizio per utenze raggruppate Art. 1 Oggetto e finalità Il presente contratto disciplina, in attuazione dell art. 50 del Regolamento del Servizio Idrico Integrato e della Direttiva

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

Servizio Politiche Energetiche

Servizio Politiche Energetiche Servizio Politiche Energetiche FUNZIONI DEL SERVIZIO Controlli impianti termici 1. Sensibilizzazione utenti E l attività di diffusione presso i cittadini delle informazioni (tramite avvisi pubblici affissi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE 1 I N D ICE Art. 1 Fornitura dell acqua Art. 2 Nuovi allacciamenti su strade prive di rete Art. 3 Ampliamenti di tubazioni

Dettagli

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE

LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE LISTINO PRESTAZIONI ACCESSORIE ANNO 2015 A.S.GA S.r.l. Via Roma 36 20083 GAGGIANO (MI) 1. Oggetto Il presente listino prezzi è relativo alle prestazioni accessorie offerte da A.S.GA S.r.l. relativamente

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE PREMESSA Il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona fornisce il servizio idrico (acqua potabile e industriale) alle aziende insediate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua. Sommario

Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua. Sommario Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua Sommario Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17 Art. 18 Art.

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

PARTE I : Distribuzione e fornitura dell acqua potabile

PARTE I : Distribuzione e fornitura dell acqua potabile PARTE I : Distribuzione e fornitura dell acqua potabile INDICE NORME GENERALI Art. 1 Soggetto gestore ed ambito di efficacia Art. 2 Obbligatorietà del regolamento Art. 3 Definizioni Art. 4 Servizio di

Dettagli

TARIFFARIO LUINO N. 3

TARIFFARIO LUINO N. 3 COMUNE DI LUINO TARIFFARIO LUINO N. 3 SERVIZIO ACQUEDOTTO Allegato al regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 15/3/2002 Adeguamento tariffe approvato con deliberazione

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTO PREZZI: DICEMBRE 2011 DECORRENZA APPLICAZIONE 15 LUGLIO 2012 1 INDICE GENERALE DEFINIZIONI 3

Dettagli

COMUNE DI TRAPANI Regolamento Servizio Idrico Integrato Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 10 del 29.1.07

COMUNE DI TRAPANI Regolamento Servizio Idrico Integrato Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 10 del 29.1.07 COMUNE DI TRAPANI Regolamento Servizio Idrico Integrato Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 10 del 29.1.07 INDICE NORME GENERALI Art. 1 Ente gestore e norme per la fornitura dell acqua Art. 2

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza)

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) REGOLAMENTO SERVIZIO ILLUMINAZIONE LOCULI CIMITERIALI APPLICAZIONE E RISCOSSIONE DEI CANONI DELLE LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 04 ADOTTATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

Comune di Mazara del Vallo COMUNE DI MAZARA DEL VALLO. Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua potabile

Comune di Mazara del Vallo COMUNE DI MAZARA DEL VALLO. Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua potabile COMUNE DI MAZARA DEL VALLO Regolamento per la distribuzione e fornitura dell acqua potabile Approvato con delibera Consiliare n. 41 del 03/04/2003, esecutiva il 05/05/2003 1 INDICE NORME GENERALI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL UTENZA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL UTENZA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Pescara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL UTENZA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N.16 DEL 05.08.2005 NORME E CONDIZIONIPER LA DISTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO (PROVINCIA DI CASERTA) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. Art. 1 Ente Gestore. Art.

COMUNE DI LUSCIANO (PROVINCIA DI CASERTA) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE. Art. 1 Ente Gestore. Art. COMUNE DI LUSCIANO (PROVINCIA DI CASERTA) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Art. 1 Ente Gestore Il Comune di Lusciano gestisce in economia il servizio acquedotto; Art. 2

Dettagli

ASPM SORESINA SERVIZI

ASPM SORESINA SERVIZI ELENCO PRESTAZIONI Il documento descrive le prestazioni tecniche eseguibili dal Distributore su specifica richiesta del Venditore. Le richieste devono essere formalizzate con la compilazione dell apposita

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE COMUNE DI RIGNANO GARGANICO Provincia di Foggia REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiliare n. 45 del 30.11.2013-1

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 24 del 01.08.2013-1 - COMUNE DI USMATE VELATE (Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro *********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 36 del 28/11/2014

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

Dettagli

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE Tra le sottoscritte parti: CASALE SPORTIVA SRL, con sede in Mirandola (MO), Via Giovanni Pico, 51, p. iva

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO Comune di Spresiano (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO - Delibera C.C. n 14 del 28.05.1998: Adozione nuovo Regolamento comunale per la gestione dell Acquedotto

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE. Premessa. Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE Premessa Il Comune di Palermo è proprietario di un immobile sito in Palermo Via pervenuto al Comune di Palermo giusta confisca ex L. 575/65 e succ. mod. ed integr. in pregiudizio

Dettagli

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A.

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A. EROGASMET S.P.A. CARTA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA TRAMITE RETE 1 Indice Indice... 2 PRESENTAZIONE... 3 1 PREMESSA... 3 2 PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 2.1 Eguaglianza ed imparzialità di trattamento...

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 -

- IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - - IN VIGORE DAL 01 OTTOBRE 2011 - Pagina 1 di 8 info@ SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI A SERVIZIO DEL PUNTO DI RICONSEGNA Tutte le attività descritte sono svolte da personale interno della

Dettagli

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI Provincia di Pavia Via Cavour, 18 27039 Sannazzaro de Burgondi c.f. 00409830189 email: info@comune.sannazzarodeburgondi.pv.it REGOLAMENTO GAS COMUNE DI SANNAZZARO DE BURGONDI

Dettagli

INDICE. Parte I Servizio Acquedotto

INDICE. Parte I Servizio Acquedotto INDICE Parte I Servizio Acquedotto Art. 1. Ente gestore e norme per la fornitura dell acqua 7 Art. 2. Obbligatorietà del Regolamento 7 Art. 3. Definizioni 7 Art. 4. Modalità di fornitura 8 Art. 5. Tipo

Dettagli

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ACQUA POTABILE DEL PUBBLICO ACQUEDOTTO ANNO 2001 Versione modificata con la Delibera del Consiglio Comunale Numero

Dettagli

Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE

Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE Allegato A) alla deliberazione del Comitato Istituzionale prot. n. 1051/23 di verbale del 17.11.2014 REGOLAMENTO FONDO PER PERDITE IDRICHE OCCULTE INDICE Art. 1 premesse pag. 3 Art. 2 definizione di perdita

Dettagli

Regolamento acquedotto

Regolamento acquedotto Regolamento acquedotto APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 61/1997 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 57/1998 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 26/1999 MODIFICATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46/2004 MODIFICATO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA DI PRODOTTI ACQUISTI MEZZI & SERVIZI DI PIAGGIO & C. SPA Le presenti condizioni generali di fornitura regoleranno i rapporti intercorrenti tra: Piaggio & C. S.p.A., con

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

COMUNE DI SCI LLA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

COMUNE DI SCI LLA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI SCI LLA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Deliberato dal Consiglio Comunale con deliberazione N. 5 del 6/3/1967 ed approvato dalla G.P.A. nella

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Via Pietrapiana n. 53 FIRENZE AVVISO PUBBLICO per la concessione di spazi dei locali destinati alla somministrazione di alimenti e bevande posti all interno del Nuovo Palazzo

Dettagli

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni

Regolamento per la somministrazione dell acqua potabile nel Comune di Saronno. SARONNO SERVIZI Società per Azioni SARONNO SERVIZI Società per Azioni Concessionaria del servizio di gestione dell acquedotto Comunale di Saronno (Delibera di Consiglio Comunale n 155 del 30 novembre 1998 Regolamento per la somministrazione

Dettagli