BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE"

Transcript

1 Venerdì 23 Aprile 2004 Auditorium di Palazzo Montani-Antaldi BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE MASSIMO BIANCONI DIRETTORE GENERALE DI BANCA DELLE MARCHE 1

2 Contenuti del documento BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Contesto di riferimento Contenuti dell accordo: le principali novità Possibili impatti sul rapporto Banca-Impresa Conclusioni - Piccole e Medie Imprese (PMI) - Small Business (Other Retail) 2

3 Contesto di riferimento Il primo Accordo di Basilea Il Comitato di Basilea Il primo Accordo sul Capitale (1988) Il Comitato di Basilea, costituito nel 1974, ha il compito di promuovere la cooperazione Il Comitato di Basilea introdusse nel 1988 il concetto di Adeguatezza Patrimoniale delle Banche: delle Banche Centrali dei Paesi del G-10* allo scopo di definire i regolamenti comuni necessari per assicurare la stabilità del Patrimonio di Vigilanza Attività Ponderate per il Rischio 8% sistema creditizio. Non possedendo autorità sovranazionale, gli accordi raggiunti vanno recepiti nelle varie legislazioni nazionali. Iter: Accordo Direttiva Europea Legge I mezzi propri di ciascuna Banca sono proporzionali rispetto al volume ed alla rischiosità degli impieghi ( attività a rischio ). La rischiosità degli impieghi viene riflessa in differenti coefficienti di ponderazione: in particolare, i finanziamenti senza garanzie alle imprese sono sempre ponderati al 100% e quindi richiedono la disponibilità di almeno 8 euro di capitale per ogni 100 euro prestati. * Tra gli altri Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti. 3

4 Contesto di riferimento I coefficienti di ponderazione delle principali linee di credito Alcuni Esempi Di Ponderazione 0% per le attività di rischio verso il governo italiano (es. Ministeri, SACE, Cassa Depositi e Prestiti, etc.), i governi e le banche centrali dei Paesi più industrializzati e le Istituzioni dell Unione Europea 20% per le attività di rischio verso gli enti pubblici italiani territoriali (Comuni, Province, Regioni) e non territoriali (es. INPS, ASL), le banche ordinarie e le banche multilaterali di sviluppo (BERS, BEI, etc.) 50% per i crediti ipotecari concessi per l acquisto di immobili di tipo residenziale 50% 100% per le attività di rischio verso il settore privato, per le partecipazioni, le attività subordinate e gli strumenti ibridi di patrimonializzazione non dedotti dal patrimonio di vigilanza 4

5 Contesto di riferimento Il primo Accordo di Basilea: pregi e limiti Pregi di Basilea 1 Limiti di Basilea 1 Bassa sensibilità al rischio La vigilanza bancaria passa da limiti al fare alla fissazione di requisiti patrimoniali, basati su una regola semplice e di immediata applicabilità: si contribuisce così al rafforzamento della solidità patrimoniale del sistema creditizio globale (sono oltre 100 i Paesi che hanno aderito a Basilea 1). La quantità di capitale assorbito è scarsamente sensibile rispetto al rischio di credito delle controparti: l 8% di accantonamento può essere eccessivo per un impresa poco rischiosa ed insufficiente per un azienda giudicata rischiosa. Limitato riconoscimento agli strumenti di mitigazione del rischio (es. garanzie reali e personali, derivati su crediti) Il sistema di ponderazione delle attività bancarie ha Ruolo fondamentale di stimolo alla crescita della capitalizzazione delle banche manifestato gravi rigidità di fronte ad un industria finanziari in rapida evoluzione Valutazione del rischio ancora troppo semplicistica 5

6 Contesto di riferimento Basilea 2: obiettivi e struttura del Nuovo Accordo sul Capitale Obiettivi: migliorare la stabilità del sistema finanziario (obiettivo condiviso ed ampliato rispetto alla prima versione) definire i requisiti patrimoniali delle banche, basandosi su una misurazione più accurata e completa dei rischi BASILEA 2 PRIMO PILASTRO SECONDO PILASTRO TERZO PILASTRO Requisiti Patrimoniali Minimi Attività di vigilanza delle Banche Centrali Rilascio del Testo definitivo dell Accordo : Fine 1 semestre 2004 Entrata in vigore : Fine 2006 Disciplina di mercato e sulla trasparenza 6

7 Contenuti del documento BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Contesto di riferimento Contenuti dell accordo: le principali novità Possibili impatti sul rapporto Banca-Impresa - Piccole e Medie Imprese (PMI) - Small Business (Other Retail) Conclusioni 7

8 Contenuti dell accordo: le principali novità Cosa cambia e Cosa resta nel rapporto Banca-Impresa Cosa Cambia OPZIONI REGOLAMENTARI PER IL CALCOLO DEI REQUISITI MINIMI DI CAPITALE Le banche saranno diverse tra loro IL RATING Vengono introdotte metodologie più sofisticate per la valutazione del rischio di credito LA NUOVA DEFINIZIONE DI INSOLVENZA Cosa Resta Patrimonio di Vigilanza Attività Ponderate per il Rischio 8% Il coefficiente di adeguatezza patrimoniale delle banche continua ad essere applicato ai fini di vigilanza. Fatte salve le modalità di calcolo del numeratore ovvero del Patrimonio di Vigilanza, Basilea 2 inciderà profondamente sul denominatore del rapporto, modificando il sistema di ponderazione sinora adottato. 8

9 Contenuti dell accordo: le principali novità Opzioni regolamentari per il calcolo dei requisiti minimi di capitale Viene concessa alle Banche la possibilità di adottare metodologie di valutazione del rischio dal grado di complessità crescente, laddove l adozione delle soluzioni più sofisticate comporterà benefici in termini di minore assorbimento di capitale ALTERNATIVE POSSIBILI PER LE BANCHE APPROCCIO STANDARD APPROCCIO BASATO SUI RATING INTERNI Standard Adozione per Banche Medio-Piccole Coefficienti di ponderazione basati su rating esterni Controparti unrated: coefficiente in vigore (8%) Ampliamento delle tecniche di mitigazione del rischio Nel futuro: Possibilità di realizzare modelli di rating interni per segmenti di clientela ritenuti più significativi (soluzione di scalabilità graduale) Vista la scarsità di rating oggi disponibili sulle imprese italiane, è prevedibile una migrazione progressiva verso soluzioni di rating interno Rating Interni Adozione per Banche Maggiori Coefficienti di ponderazione basati su rating interni Validazione dei modelli da parte di Banca d Italia Calcolo del patrimonio assorbito per ciascun portafoglio di clientela ovvero: Stati e AAPP Corporate (fatturato > 50 mln ) PMI (fatturato compreso tra 5 e 50 mln ) Small Business (aziende con fatturato < 5 mln ) Banche Operazioni specialistiche (es. Project Finance) Partecipazioni azionarie 9

10 Contenuti dell accordo: le principali novità Le variabili determinanti il Rischio di Credito Prima di introdurre la definizione di Rating, vengono di seguito presentate le 4 variabili determinanti il Rischio di Credito: RISCHIO DI CREDITO PD - Probability of Default Probabilità di insolvenza x LGD Loss Given Default Perdita effettiva post recupero x EAD Exposure at Default Esposizione al momento dell insolvenza x M Maturity Scadenza residua E la probabilità di insolvenza della controparte risultante dal modello di rating. La capacità previsiva del modello copre un orizzonte temporale di 12 mesi. E la percentuale di perdita effettiva sul credito, ovvero il costo dell insolvenza al netto della porzione recuperata. Dipende dalla forma tecnica del credito, nonché dalla forza delle garanzie acquisite a supporto dell erogazione. E l esposizione (outstanding) al rischio riscontrata al momento dell insolvenza. Dipende dalle forme di rimborso fissate al momento dell erogazione del credito (linee revolving, crediti di firma, prodotti derivati, etc.) E la scadenza residua delle esposizioni in essere. Il suo effetto sul rischio di credito è consistente ed è crescente dai 12 mesi sino ai 5 anni, restando poi stabile su scadenze più lunghe. 10

11 Contenuti dell accordo: le principali novità Il Rating: la valutazione del rischio di credito DEFINIZIONE DI RATING: GIUDIZIO SINTETICO CHE CONSENTE DI QUANTIFICARE IL RISCHIO DI CREDITO DI UNA CONTROPARTE ATTRAVERSO L ANALISI CONGIUNTA DI VARIABILI FINANZIARIE E NON Il Rating rappresenta la novità di maggior rilievo dell Accordo perché la sua introduzione produrrà riflessi a cascata sull assorbimento di capitale, sulle politiche di credito e di pricing delle Banche nei confronti della clientela. ANALISI SETTORIALE E COMPETITIVA ANALISI DI BILANCIO ANALISI ANDAMENTALE GIUDIZIO DI RATING ANALISI QUALITATIVA (Es. qualità del management, storia dell azienda e del gruppo di appartenenza) VALUTAZIONE SOGGETTIVA DEL RELATIONSHIP MANAGER DATI COMPORTAMENTALI (Es. esistenza pregiudizievoli) 11

12 Contenuti dell accordo: le principali novità Il Rating: la valutazione del rischio di credito Il Rating consentirà di ottenere una più stretta correlazione tra la rischiosità dell impresa affidata ed il capitale necessario alla banca per coprire il rischio. 60,0% 50,0% Rating medio delle PMI italiane ed europee 40,0% Basilea 2 30,0% 20,0% Attuale assorbimento (8%) 10,0% 0,0% AAA AA+ AA AA- A+ A A- BBB+ BBB BBB- BB+ BB BB- B+ B B- CCC Al crescere della rischiosità del cliente corrisponderà, a parità di linea di credito, un maggiore capitale assorbito e di conseguenza un aumento del tasso di interesse richiesto al cliente per garantire un adeguata remunerazione 12

13 Contenuti dell accordo: le principali novità La nuova definizione di insolvenza La definizione di insolvenza (default) si basa sull indipendente o concomitante verificarsi di 2 condizioni: Soggettiva, che si fonda sulla valutazione della Banca sull incapacità del debitore di adempiere in pieno alle proprie obbligazioni contrattuali (simile ad oggi) Oggettiva, in base al quale i crediti scaduti da oltre 90 giorni configurano il verificarsi dell insolvenza N.B. Alle banche italiane è stato concesso di applicare il limite di 180 giorni per un periodo di transizione di 5 anni EFFETTI: Sarà necessario modificare progressivamente le abitudini di pagamento uniformandosi sull obiettivo 90 giorni Profondi cambiamenti indotti sulla gestione del circolante e quindi sulla gestione finanziaria di clienti e fornitori 13

14 Contenuti del documento BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Contesto di riferimento Contenuti dell accordo: le principali novità Possibili impatti sul rapporto Banca-Impresa - Piccole e Medie Imprese (PMI) - Small Business (Other Retail) Conclusioni 14

15 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Basilea 2 Classificazione delle imprese e PMI FATTURATO DELL IMPRESA 50 milioni di euro Compreso tra 5 e 50 milioni di euro < 5 milioni di euro con Esposizione vs Banca 1 milione di euro TIPOLOGIA DI PORTAFOGLIO CORPORATE PMI OTHER RETAIL (Small Business) TRATTAMENTO Vengono valutate individualmente tramite rating esterni ovvero rating derivanti da modelli interni Vengono valutate individualmente tramite rating derivanti da modelli interni * * non esistono oggi rating esterni su PMI Vengono assimilate a debitori Retail: ciò comporta una gestione delle posizioni in massa e una valutazione di rating non più individuale. In mancanza di rating l assorbimento è fisso all 8% In mancanza di rating l assorbimento è fisso all 8% Il coefficiente standard di ponderazione passa dal 100% di Basilea 1 al 75% 15

16 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Rialzo dei tassi: minaccia concreta o ingiustificato allarmismo? La prima versione del nuovo Accordo di Basilea (gennaio 2001) risultava estremamente penalizzante nei confronti delle PMI (fatturato compreso tra i 5 e i 50 mln ), che venivano equiparate a posizioni Corporate (fatturato 50 mln ). Dal momento che le PMI sono mediamente caratterizzate da una probabilità di insolvenza più elevata rispetto ad un azienda Corporate, questa proposta avrebbe comportato: un rischio di riduzione del credito alle PMI e di parallelo innalzamento dei tassi per le PMI effetti distorsivi sulle economie europee e più marcatamente su Italia e Germania dove la diffusione di PMI è maggiore un eccessiva penalizzazione delle PMI, che sebbene più rischiose come aziende singole, a livello aggregato generano un rischio complessivo minore delle Corporate (grazie alla possibilità di diversificare e frammentare le esposizioni, alla ridotta incidenza sul rischio sistematico ed alla loro flessibilità operativa maggiore a fronte di rallentamenti economici) Tale pericolo è stato scongiurato dall ultima bozza di Accordo, nel quale si prevede che Le PMI siano soggette a requisiti patrimoniali inferiori fino al 20% rispetto al rischio Corporate ( Corporate con Sconto ) 16

17 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Rialzo dei tassi: minaccia concreta o ingiustificato allarmismo? Gli ultimi studi di impatto promossi dal Comitato di Basilea fugano i timori di razionamento del credito e innalzamento dei tassi a danno delle PMI: le nuove regole hanno infatti portato ad una sensibile riduzione dei requisiti patrimoniali richiesti e quindi potranno determinare tassi mediamente inferiori. Attuale (8%) Gennaio 2001 Aprile 2003 Aprile 2003 PMI BASILEA 2 Gennaio 2001 Effetto della revisione Attuale Assorbimento (8%) BASILEA 2 Aprile 2003 Livello medio delle PMI italiane ed europee 17

18 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Rialzo dei tassi: minaccia concreta o ingiustificato allarmismo? Una Serie di Evidenze per sfatare inutili Leggende Da uno studio promosso da Prometeia su imprese, 3 imprese su 4 avranno riduzioni o parità di capitale assorbito e solo 1 su 4 avrà potenziali penalizzazioni I prezzi teorici del credito calcolati secondo Basilea 2 sono inferiori o uguali a quelli già oggi praticati fino al livello BB- (stima Banca d Italia): in questo senso, uno studio Unioncamere /Moody s su un campione di società mostra come oltre l 80% delle PMI esaminate abbia ottenuto un rating uguale o superiore a BB- (ottobre 2003) Laddove sono stati affinati i modelli di rating (es. Sanpaolo IMI, Unicredito) il credito alle PMI è cresciuto e non diminuito rispetto al totale degli impieghi 18

19 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Sintesi degli effetti oggi prevedibili sulle PMI Il rapporto Banca-impresa sarà maggiormente orientato alla trasparenza reciproca: sarà interesse comune di Banca ed Impresa affidata fornire ed ottenere informazioni per una corretta valutazione del rischio Il Rating diverrà variabile strategica per regolare l accesso al credito ed il costo relativo: le imprese con buon rating vedranno migliorare le condizioni di accesso al credito, le aziende più rischiose subiranno restrizioni creditizie ovvero pagheranno tassi più elevati Verrà enfatizzato il ruolo consulenziale delle banche a favore delle imprese: agli imprenditori si richiederanno strategie d impresa coerenti e trasparenti sia sul piano industriale sia sul piano finanziario; alle banche si richiederanno maggiore trasparenza nella valutazione di rating e maggiore coinvolgimento in termini di consulenza, sviluppo di servizi e di soluzioni innovative I Confidi potranno giocare un ruolo determinante per l ottenimento di tassi più favorevoli, a condizione che intraprendano alcune azioni correttive per migliorare la qualità delle garanzie rilasciate (es. Basilea 2 richiede, nell approccio Internal Rating Foundation, un rating del Confidi almeno pari ad A-, mentre oggi nessun consorzio supera il livello BBB+): in questa direzione, la visione dei Confidi quali Banche di Garanzia ed il processo di aggregazione e ristrutturazione in atto potranno contribuire ad elevare la qualità e la forza degli impegni assunti. 19

20 Contenuti del documento BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Contesto di riferimento Contenuti dell accordo: le principali novità Possibili impatti sul rapporto Banca-Impresa - Piccole e Medie Imprese (PMI) - Small Business (Other Retail) Conclusioni 20

21 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Basilea 2 Classificazione delle imprese e Other Retail FATTURATO DELL IMPRESA 50 milioni di euro Compreso tra 5 e 50 milioni di euro < 5 milioni di euro con Esposizione vs Banca 1 milione di euro TIPOLOGIA DI PORTAFOGLIO CORPORATE PMI OTHER RETAIL (Small Business) TRATTAMENTO Vengono valutate individualmente tramite rating esterni ovvero rating derivanti da modelli interni Vengono valutate individualmente tramite rating derivanti da modelli interni * * non esistono oggi rating esterni su PMI Vengono assimilate a debitori Retail: ciò comporta una gestione delle posizioni in massa e una valutazione di rating non più individuale. In mancanza di rating l assorbimento è fisso all 8% In mancanza di rating l assorbimento è fisso all 8% Il coefficiente standard di ponderazione passa dal 100% di Basilea 1 al 75% 21

22 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Le imprese rientranti nel segmento Other Retail Rientrano nel portafoglio Other Retail le imprese con: fatturato inferiore ai 5 milioni di euro esposizione verso la singola Banca inferiore ad 1 milione di euro Su tali tipologie di imprese spesso le informazioni disponibili (bilancio anzitutto) sono insufficienti per formulare un giudizio di rating sulla singola controparte Il frazionamento degli importi e la numerosità delle controparti ha indotto il Comitato di Basilea a riconoscere la minore rischiosità di tale portafoglio e quindi a ridurre il coefficiente di ponderazione dal 100% al 75%: l assorbimento di capitale passerà quindi dall 8% al 6% Le imprese Other Retail vengono quindi assimilate a debitori Retail: ciò comporta una gestione delle posizioni in massa e una valutazione di rating non più individuale, ma susseguente ad aggregazioni in classi omogenee di rischio sofferto (es. area geografica, settore di attività, qualità del management, etc.). Le banche potranno scegliere tra coefficiente di ponderazione standard (75%) e Approccio Internal Rating Avanzato: quest ultimo potrà comportare ulteriori benefici in termini di minor assorbimento di capitale. 22

23 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Le imprese della Regione Marche: addetti e ricavi presumibili I risultati dell 8 Censimento sull Industria e Servizi della nostra Regione* mostrano con tutta evidenza le piccole dimensioni del tessuto imprenditoriale marchigiano, laddove oltre il 50% delle imprese dichiara un solo addetto. Meno di 10 addetti Tra 10 e 49 addetti Oltre 50 addetti TOTALE IMPRESE CENSITE NELLE MARCHE: % 1% 94% Il 94% delle imprese occupa meno di 10 addetti, dimensione cui corrispondono statisticamente ricavi inferiori ai 5 milioni di euro (Stima Eurisko). * Fonte: ISTAT - 16 marzo 2004 (censimento dell ottobre 2001) 23

24 Possibili impatti sul rapporto Banca - Impresa Le imprese della Regione Marche: l esposizione media Le rilevazioni di Centrale dei Rischi sulla Regione Marche* mostrano come oltre il 96% dei soggetti segnalati presentino un utilizzato medio per cassa inferiore a 1 milione di euro. La combinazione dei dati ISTAT su addetti e ricavi delle imprese marchigiane con le rilevazioni Banca d Italia sull utilizzato medio segnalato a Centrale dei Rischi portano alla seguente conclusione: Una ampissima maggioranza di imprese marchigiane rientrerà nella fattispecie Other Retail con forti vantaggi in termini di minor assorbimento di capitale per le banche Infatti L esposizione totale della Regione Marche segnalata a Centrale dei Rischi ammonta a 19,8 miliardi di euro. Assumendo per ipotesi che tali finanziamenti per cassa non siano assistiti da garanzia, il coefficiente di ponderazione attuale (8%) comporterebbe un assorbimento di capitale per 1,6 miliardi di euro, mentre il nuovo coefficiente standard fissato per il portafoglio Other Retail da Basilea 2 determinerebbe un consumo di capitale per 1,2 miliardi richiesti, con un risparmio di circa 400 milioni di euro Il timore di Credit Crunch e di innalzamento dei tassi sulle aziende marchigiane appare ingiustificato * Fonte: Bollettino Statistico Banca d Italia Dati al 30 settembre

25 Contenuti del documento BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Contesto di riferimento Contenuti dell accordo: le principali novità Possibili impatti sul rapporto Banca-Impresa Conclusioni 25

26 Conclusioni Banche Suggerimenti operativi: quando muoversi e cosa fare Il Nuovo Accordo sul Capitale entrerà in vigore a fine Sin d ora Basilea 2 non è un corpo estraneo alle logiche bancarie: infatti, per alcuni grandi Gruppi Basilea 2 è già una realtà, molti altri si stanno attrezzando perchè per poter utilizzare gli approcci più avanzati (e più vantaggiosi per la banca in termini di minore assorbimento di capitale) serve dimostrare alla Banca d Italia i risultati di 3 anni di utilizzo dei modelli. Imprese Dal momento che Basilea 2 premierà le aziende migliori, occorrerà impostare in tempi brevi una strategia finalizzata a migliorare il proprio rating. In questo senso, sarà fondamentale individuare di concerto con le Banche le aree di intervento prioritario e definirne ii relativi valori obiettivo: la Funzione Finanza assumerà pertanto un ruolo centrale nella vita aziendale, importante almeno tanto quanto quella commerciale, organizzativa etecnologica. Nella realtà italiana, le principali Aree di valutazione sulle quali incidere sono: Livello di Capitalizzazione dell impresa (es. rapporto tra mezzi propri e capitale investito) Redditività e Capacità di autofinanziamento (es. ROI, Cash Flow Operativo) Indice di Copertura degli interessi passivi Funzionamento del Capitale Circolante Dati andamentali Scenario competitivo (es. Principali concorrenti, previsioni sul settore di appartenenza) Dati qualitativi (es. Qualità del management, storia della società, reputazione degli azionisti) 26

27 Conclusioni BASILEA 2 TRASPARENZA CAMBIAMENTO DEL RAPPORTO BANCA- IMPRESA LE IMPRESE POTRANNO ESSERE I PRIMI CONSULENTI DELLE BANCHE NELLA SPIEGAZIONE DEI PROPRI OBIETTIVI E PIANI INDUSTRIALI LE BANCHE POTRANNO ESSERE I PRIMI CONSULENTI DELLE IMPRESE IN MATERIA DI FINANZA AZIENDALE NON PIU DIFFIDENTI, MA CONFIDENTI! 27

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con Regione Liguria Vademecum BASILEA 2 In collaborazione con BASILEA2: RISCHIO O OPPORTUNITÀ IL NUOVO ACCORDO DI BASILEA SUL CAPITALE A GARANZIA DELLA SOLVIBILITÀ DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE I TRE

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

Basilea 2. Sistema dei rating interni

Basilea 2. Sistema dei rating interni Basilea 2 Sistema dei rating interni Banca Popolare di Novara S.p.A. Domenico De Angelis Amministratore Delegato Fabrizio Marchetti Vice Direttore Generale Bruno Pezzoni Vice Direttore Generale 22 novembre

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Juan Lopez Funzione Studi - FEDERCASSE Battipaglia, 17 maggio 2006 Indice della presentazione Il Credito Cooperativo L approccio

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

INTRODUZIONE A BASILEA 2 -NOTA OPERATIVA E METODOLOGICA- Guida Informativa per le PMI

INTRODUZIONE A BASILEA 2 -NOTA OPERATIVA E METODOLOGICA- Guida Informativa per le PMI INTRODUZIONE A BASILEA 2 -NOTA OPERATIVA E METODOLOGICA- Guida Informativa per le PMI Novembre 2007 1 1. PREMESSA Una recente indagine commissionata dal Crif all Università Cattolica di Milano dimostra

Dettagli

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 Comunicazione di Simona Caselli Direttore commerciale e sviluppo CCFS www.ccfs.it caselli@ccfs.it Il contesto di riferimento

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano Basilea 2 1 Prof. Michele Rutigliano BIS II INDICE - Il Comitato di Basilea - La proposta di Nuovo Accordo sul Capitale - Rischio e Capitale di vigilanza - I tre pilastri - Rischio di credito - Rischio

Dettagli

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II

Il processo di concessione del credito dopo Basilea II Commissione Regionale del Piemonte Ordine dei Dottori Commercialisti di Ivrea Pinerolo -Torino L OPPORTUNITA DI BASILEA. Il Dottore Commercialista tra Banca e Impresa Il processo di concessione del credito

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

Le implicazioni sul processo del credito

Le implicazioni sul processo del credito SETTEMBRE 2006 BASILEA 2 E LE SUE IMPLICAZIONI 9 Le implicazioni sul processo del credito Passiamo qui ad analizzare alcuni degli elementi principali della variazione nei rapporti banca-impresa alla luce

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 BASILEA 2 Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 CHE COSA E E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI

Dettagli

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO Premesse e principi generali La nuova regolamentazione sull adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate Basilea fa il bis Entro giugno del 2004 verranno stabilite le nuove regole sul delicato rapporto tra banche e imprese Marcello Bianchi 10 Prende il via da questo numero una serie di articoli che hanno

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa prof. Stefano Caselli Università Bocconi Brescia, 10 ottobre 2006 Prof. Stefano Caselli - 10 ottobre 2006 1 I temi in agenda L inevitabile

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Un nuovo rapporto impresa/banca

Un nuovo rapporto impresa/banca Basilea 2: sfide e opportunità Un nuovo rapporto impresa/banca Cremona 19/12/06 Agenda Il rapporto Banca - Impresa Intesa Basilea Uno strumento di dialogo Basilea 2 in pratica Le principali aree di impatto

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Il sostegno della BEI e del FEI alle imprese Anna Fusari 26 settembre 2013 La Banca europea per gli investimenti La Banca per i finanziamenti a lungo

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea In questa fase di difficile congiuntura economica, l accesso al credito da parte del mondo produttivo è un tema di grande attualità

Dettagli