Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide"

Transcript

1 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Daniel Macpherson Lana Brindley Athene Chan

2 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Daniel Macpherso n Red Hat Engineering Co ntent Services m Lana Brindley Red Hat Engineering Co ntent Services m Athene Chan Red Hat Engineering Co ntent Services m

3 Nota Legale Copyright 2012 Red Hat, Inc. T his document is licensed by Red Hat under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License. If you distribute this document, or a modified version of it, you must provide attribution to Red Hat, Inc. and provide a link to the original. If the document is modified, all Red Hat trademarks must be removed. Red Hat, as the licensor of this document, waives the right to enforce, and agrees not to assert, Section 4d of CC-BY-SA to the fullest extent permitted by applicable law. Red Hat, Red Hat Enterprise Linux, the Shadowman logo, JBoss, MetaMatrix, Fedora, the Infinity Logo, and RHCE are trademarks of Red Hat, Inc., registered in the United States and other countries. Linux is the registered trademark of Linus Torvalds in the United States and other countries. Java is a registered trademark of Oracle and/or its affiliates. XFS is a trademark of Silicon Graphics International Corp. or its subsidiaries in the United States and/or other countries. MySQL is a registered trademark of MySQL AB in the United States, the European Union and other countries. Node.js is an official trademark of Joyent. Red Hat Software Collections is not formally related to or endorsed by the official Joyent Node.js open source or commercial project. T he OpenStack Word Mark and OpenStack Logo are either registered trademarks/service marks or trademarks/service marks of the OpenStack Foundation, in the United States and other countries and are used with the OpenStack Foundation's permission. We are not affiliated with, endorsed or sponsored by the OpenStack Foundation, or the OpenStack community. All other trademarks are the property of their respective owners. Sommario Benvenuti alla Red Hat Network Satellite Installation Guide.

4 Indice Indice. Prefazione Informazioni su questa guida 5 2. A chi è rivolto 5 3. Convenzioni del documento Convenzioni tipografiche Convenzioni del documento Note ed avvertimenti 7 4. Come ottenere assistenza ed inviare commenti Avete bisogno di aiuto? Inviateci i vostri commenti! 8. Capitolo Introduzione Red Hat Network Satellite Panoramica del sistema T ermini da comprendere Sommario delle fasi 12. Capitolo Requisiti Requisiti software Requisiti del database stand-alone Requisiti hardware x86_64 per installazioni del database stand-alone Requisiti hardware s/390 per installazioni del database stand-alone Requisiti del database per installazioni del database stand-alone Requisiti database Embedded Requisiti hardware x86_64 per installazioni del database Embedded Requisiti hardware s/390 per installazioni del database Embedded Requisiti aggiuntivi Firewall Politica di SELinux Soluzione Proxy DMZ T empi sincronizzati del sistema Impostazione lingua del sistema e Locale Fully Qualified Domain Name (FQDN) Domain Name Service (DNS) funzionante Certificato di Entitlement Account di Red Hat Network Backup delle informazioni di login ISO del contenuto del canale Accesso al servizio Documentazione aggiuntiva 23. Capitolo Esempio di... tipologie T opologia di Satellite singolo T ipologia di Satellite Multipli Orizzontali T opologia di Satellite-Proxy verticali 25. Capitolo Installazione Prerequisiti Sistema operativo di base Montaggio del dispositivo di installazione Come ottenere un Entitlement Certificate Pre-installazione Opzioni per lo script dell'installer 28 1

5 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Installazione del Red Hat Network Satellite Server automatizzata Installazione dietro un Proxy HT T P: Pre-configurazione 4.3. Processo con script dell'installer Esecuzione dello script dell'installer Configurazione del database Configurazione iniziale Configurazione dell'entitlement Certificate Configurazione certificato CA 4.4. Post-installazione Installazione dietro ad un Proxy HT T P: Post-configurazione Creazione di un utente amministrativo Finalizzazione configurazione Configurazione generale Certificato Bootstrap Organizzazioni Riavvia Ricompilazione di Cobbler Configurazione di Message T ransfer Agent (MT A) Sendmail Postfix Installazione di MySQL per il Monitoring Capitolo Entitlement Red Hat Network Satellite Activate Attivazione di satellite con un nuovo certificato di entitlement Scadenza del Certificato di entitlement di Satellite 45. Capitolo Contenuto e.. sincronizzazione Red Hat Network Satellite Synchronization T ool Sincronizzazione con il dispositivo locale Preparazione ad un processo d'importazione dal Media Locale Importare da un dispositivo locale Sincronizzazione attraverso l'esportazione di satellite Come eseguire una esportazione Come spostare il contenuto di Red Hat Network Satellite Exporter Esecuzione di un processo di importazione Sincronizzazione con Red Hat Network 54. Capitolo Sincronizzazione Inter-Satellite Modelli consigliati per una sincronizzazione Inter-Satellite Configurazione del server master di Red Hat Network Satellite Configurazione dei server slave di Red Hat Network Satellite Come usare la sincronizzazione Inter-Satellite Sincronizzazione tra il server di staging di sviluppo ed un Satellite di produzione Sincronizzazione bidirezionale Sincronizzazione in base all'organizzazione 58. Capitolo Aggiornamenti Requisiti di aggiornamento Aggiornare satellite 60. Capitolo Gestione Gestione di Satellite con rhn-satellite Aggiornamento di Satellite Come eseguire il backup di Satellite 64 2

6 Indice 9.4. Utilizzo di RHN DB Control Opzioni DB Control Backup del database Verifica del backup Ripristino del database 9.5. Clonazione di Satellite con Embedded DB 9.6. Creazione di un Satellite ridondante con database Stand-Alone 9.7. Modifica dell'hostname di Satellite 9.8. Esecuzione di compiti specifici di Satellite Come cancellare gli utenti Configurazione ricerca Satellite 9.9. Automazione della sincronizzazione Implementazione dell'autenticazione PAM Esecuzione di Push per i client Capitolo T. roubleshooting Installazione ed aggiornamento Servizi Connettività Registrazione e riporto Errori 83. Esempio di.. file.... di.. configurazione di... Red.... Hat.... Network Satellite Cronologia di... revisione

7 4 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide

8 Prefazione Prefazione Descrizione di Red Hat Network Satellite. 1. Informazioni su questa guida Questa guida contiene le informazioni relative all'installazione di Red Hat Network Satellite ed include informazioni sull'installazione iniziale, configurazione, entitlement, gestione e sincronizzazione dei pacchetti. 2. A chi è rivolto Questa guida è rivolta agli amministratori di sistema i quali dovranno gestire gli aggiornamenti per i sistemi presenti su una rete interna. 3. Convenzioni del documento Questo manuale utilizza numerose convenzioni per evidenziare parole e frasi, ponendo attenzione su informazioni specifiche. Nelle edizioni PDF e cartacea questo manuale utilizza caratteri presenti nel set Font Liberation. Il set Font Liberation viene anche utilizzato nelle edizioni HT ML se il set stesso è stato installato sul vostro sistema. In caso contrario, verranno mostrati caratteri alternativi ma equivalenti. Da notare: Red Hat Enterprise Linux 5 e versioni più recenti, includono per default il set Font Liberation Convenzioni tipografiche Vengono utilizzate quattro convenzioni tipografiche per richiamare l'attenzione su parole e frasi specifiche. Queste convenzioni, e le circostanze alle quali vengono applicate, sono le seguenti. Neretto m onospazio Usato per evidenziare l'input del sistema, incluso i comandi della shell, i nomi dei file ed i percorsi. Utilizzato anche per evidenziare tasti e combinazione di tasti. Per esempio: Per visualizzare i contenuti del file m y_next_bestselling_novel nella vostra directory di lavoro corrente, inserire il comando cat m y_next_bestselling_novel al prompt della shell e premere Invio per eseguire il comando. Quanto sopra riportato include il nome del file, un comando della shell ed un tasto, il tutto riportato in neretto monospazio e distinguibile grazie al contesto. Le combinazioni si distinguono dai tasti singoli tramite l'uso del segno più, il quale viene usato per creare una combinazione di tasti. Per esempio: Premere Invio per eseguire il comando. Premere Ctrl+Alt+F2 per usare un terminale virtuale. Il primo esempio evidenzia il tasto specifico singolo da premere. Il secondo riporta una combinazione di tasti: un insieme di tre tasti premuti contemporaneamente. Se si discute del codice sorgente, i nomi della classe, i metodi, le funzioni i nomi della variabile ed i valori ritornati indicati all'interno di un paragrafo, essi verranno indicati come sopra, e cioè in neretto m onospazio. Per esempio: 5

9 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Le classi relative ad un file includono filesystem per file system, file per file, e dir per directory. Ogni classe possiede il proprio set associato di permessi. Proportional Bold Ciò denota le parole e le frasi incontrate su di un sistema, incluso i nomi delle applicazioni; il testo delle caselle di dialogo; i pulsanti etichettati; le caselle e le etichette per pulsanti di selezione, titoli del menu e dei sottomenu. Per esempio: Selezionare Sistema Preferenze Mouse dalla barra del menu principale per lanciare Preferenze del Mouse. Nella scheda Pulsanti, fate clic sulla casella di dialogo m ouse per m ancini, e successivamente fate clic su Chiudi per cambiare il pulsante primario del mouse da sinistra a destra (rendendo così il mouse idoneo per un utilizzo con la mano sinistra). Per inserire un carattere speciale in un file gedit selezionare Applicazioni Accessori Mappa del carattere dalla barra del menu principale. Selezionare successivamente Cerca Trova dal menu Mappa del carattere, digitare il nome desiderato nel campo Cerca e selezionare Successivo. Il carattere desiderato sarà evidenziato nella T abella dei caratteri. Eseguire un doppio clic sul carattere per poterlo posizionare nel campo T esto da copiare e successivamente fare clic sul pulsante Copia. Ritornare sul documento e selezionare Modifica Incolla dalla barra del menu di gedit. Il testo sopra riportato include i nomi delle applicazioni; nomi ed oggetti del menu per l'intero sistema; nomi del menu specifici alle applicazioni; e pulsanti e testo trovati all'interno di una interfaccia GUI, tutti presentati in neretto proporzionale e distinguibili dal contesto. Corsivo neretto monospazio o Corsivo neretto proporzionale Sia se si tratta di neretto monospazio o neretto proporzionale, l'aggiunta del carattere corsivo indica un testo variabile o sostituibile. Il carattere corsivo denota un testo che non viene inserito letteralmente, o visualizzato che varia a seconda delle circostanze. Per esempio: Per collegarsi ad una macchina remota utilizzando ssh, digitare ssh domain.name al prompt della shell. Se la macchina remota è exam ple.com ed il nome utente sulla macchina interessata è john, digitare ssh exam ple.com. Il comando m ount -o rem ount file-system rimonta il file system indicato. Per esempio, per rimontare il file system /home, il comando è mount -o remount /home. Per visualizzare la versione di un pacchetto attualmente installato, utilizzare il comando rpm -q package. Esso ritornerà il seguente risultato: package-version-release. Da notare le parole in corsivo grassetto - username, domain.name, file-system, package, version e release. Ogni parola funge da segnaposto, sia esso un testo inserito per emettere un comando o mostrato dal sistema. Oltre all'utilizzo normale per la presentazione di un titolo, il carattere Corsivo denota il primo utilizzo di un termine nuovo ed importante. Per esempio: Publican è un sistema di pubblicazione per DocBook Convenzioni del documento Gli elenchi originati dal codice sorgente e l'output del terminale vengono evidenziati rispetto al testo 6

10 Prefazione circostante. L'output inviato ad un terminale è impostato su tondo m onospazio e così presentato: books Desktop documentation drafts mss photos stuff svn books_tests Desktop1 downloads images notes scripts svgs Gli elenchi del codice sorgente sono impostati in tondo m onospazio ma vengono presentati ed evidenziati nel modo seguente: static int kvm_vm_ioctl_deassign_device(struct kvm * kvm, struct kvm_assigned_pci_dev * assigned_dev) { int r = 0; struct kvm_assigned_dev_kernel * match; mutex_lock(&kvm->lock); match = kvm_find_assigned_dev(&kvm->arch.assigned_dev_head, assigned_dev->assigned_dev_id); if (!match) { printk(kern_info "%s: device hasn't been assigned before, " "so cannot be deassigned\n", func ); r = -EINVAL; goto out; } kvm_deassign_device(kvm, match); kvm_free_assigned_device(kvm, match); out: } mutex_unlock(&kvm->lock); return r; 3.3. Note ed avvertimenti E per finire, tre stili vengono usati per richiamare l'attenzione su informazioni che in caso contrario potrebbero essere ignorate. Nota Una nota è un suggerimento o un approccio alternativo per il compito da svolgere. Non dovrebbe verificarsi alcuna conseguenza negativa se la nota viene ignorata, ma al tempo stesso potreste non usufruire di qualche trucco in grado di facilitarvi il compito. Importante Le caselle 'importante' riportano informazioni che potrebbero passare facilmente inosservate: modifiche alla configurazione applicabili solo alla sessione corrente, o servizi i quali necessitano di un riavvio prima di applicare un aggiornamento. Ignorare queste caselle non causa alcuna perdita di dati ma potrebbe causare irritazione e frustrazione da parte dell'utente. 7

11 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Avvertimento Un Avvertimento non dovrebbe essere ignorato. Se ignorato, potrebbe verificarsi una perdita di dati. 4. Come ottenere assistenza ed inviare commenti 4.1. Avete bisogno di aiuto? Se avete incontrato delle difficoltà con una procedura descritta in questa documentazione visitate il Portale clienti di Red Hat su Attraverso il portale clienti potrete: andare alla ricerca attraverso un knowledgebase degli articoli di supporto tecnico relativi ai prodotti di Red Hat inviare una richiesta di supporto al Red Hat Global Support Services (GSS). accedere alla documentazione di un altro prodotto Red Hat presenta un gran numero di mailing list elettroniche per la discussione sulle tecnologie e sul software di Red Hat. È possibile trovare un elenco di liste pubbliche disponibili su https://www.redhat.com/mailman/listinfo. Fate clic sul nome della lista desiderata per eseguire la registrazione ad accedere ai relativi archivi Inviateci i vostri commenti! Se individuate degli errori di battitura in questo manuale, o se pensate di poter contribuire al suo miglioramento, contattateci subito! Inviate i vostri suggerimenti tramite Bugzilla: sul componente Red Hat Network Satellite. Quando inviate un bug report assicuratevi di indicare l'identificatore del manuale: Documentation_Installation_Guide Se inviate un commento per contribuire al miglioramento della guida, cercate di essere il più specifici possibile. Se avete individuato un errore, indicate il numero della sezione e alcune righe di testo, in modo da agevolare la ricerca dell'errore. 8

12 Capitolo 1. Introduzione Capitolo 1. Introduzione Questa guida fornisce le informazioni necessarie per una installazione completa di un server Red Hat Network Satellite. Ciò include l'installazione, la configurazione, il collegamento a Red Hat Network, la gestione della sottoscrizione e la sincronizzazione del contenuto Red Hat Network Satellite Red Hat Network è l'ambiente di supporto al livello di sistema e rappresenta la gestione dei sistemi Red Hat o di una rete di sistemi. Red Hat Network racchiude gli strumenti, i servizi ed i repositori delle informazioni necessarie per massimizzare l'affidabilità, la sicurezza e la prestazione dei sistemi. Gli amministratori utilizzano Red Hat Network per registrare i profili software e hardware, conosciuti anche come profili del sistema, dei propri sistemi client. Quando un sistema client richiede gli aggiornamenti dei pacchetti, solo i pacchetti applicabili al client vengono ritornati da Red Hat Network, in base al profilo software archiviato sui server di Red Hat Network. Red Hat Network Satellite permette alle organizzazioni di utilizzare tutti i benefici di Red Hat Network senza il bisogno di fornire un accesso internet pubblico ai rispettivi server o ad altri sistemi client. Gli utenti di Red Hat Network Satellite potranno altresì: Mantenere una privacy ed un controllo completo per la gestione dei pacchetti e del server all'interno della propria rete; Archiviare i profili del sistema su un server satellite, il quale esegue un collegamento al sito web di Red Hat Network tramite un web server locale; e Eseguire i compiti di gestione dei pacchetti, incluso gli errata update, attraverso la rete dell'area locale. Ciò conferisce agli utenti di Red Hat Network una maggiore flessibilità e potenza nel mantenimento dei server in uno stato sicuro e aggiornato. Sono disponibili due tipi di Red Hat Network Satellite: Database Stand-Alone Con database standalone su di una macchina separata e Database Embedded Con un database embedded installato sulla stessa macchina di Satellite. Questa guida descrive l'installazione di entrambi i tipi di Satellite. Anche se la funzionalità di entrambi i Red Hat Network Satellite risulta essere molto simile, sono presenti alcune differenze. Le suddette differenze sono marginali ai soli requisiti hardware, alle fasi di installazione, e alle attività di gestione, ma possono fare la loro comparsa anche durante la fase di troubleshooting. Questa guida identifica le distinzioni tra i tipi di Satellite, marcando le rispettive istruzioni con Database Stand-Alone o Database Embedded Panoramica del sistema Satellite è costituito dai seguenti componenti: Database Funzioni satellite che utilizzano due tipi di database: Database Stand-Alone esso può essere il database esistente dell'organizzazione o preferibilmente una macchina separata. Satellite supporta Oracle Database 11g Release 2, Edizioni Standard o Enterprise. Database Embedded il database presenta anche Satellite e viene installato sulla stessa 9

13 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide macchina Satellite durante il processo di installazione. Il database incluso è Oracle Database 10g Release 2. Satellite Core Il sistema principale e punto di ingresso per Red Hat Update Agent eseguiti sui sistemi client. Satellite include anche un server Apache HTTP in grado di servire le richieste XML-RPC. Interfaccia web di Satellite Una interfaccia utente per un sistema avanzato, gruppo di sistemi, utente, e gestione del canale. L'organizzazione configura l'accesso all'interfaccia web di Satellite dalla rete dell'area locale solo o da internet o rete dell'area locale stessa. La versione di Satellite del sito web di Red Hat Network permette di avere un controllo completo sui sistemi client, gruppi di sistemi ed utenti. Repositorio RPM repositorio del pacchetto per i pacchetti RPM di Red Hat e per i pacchetti RPM personalizzati identificati dall'organizzazione. Strumenti di gestione: È possibile usare gli strumenti di gestione di satellite per sincronizzare il repositorio del pacchetto ed il database con Red Hat Network. Satellite include altresì gli strumenti di gestione per: Sincronizzazione del database e del filesystem; Iimportazione dell'rpm personalizzato e del repositorio; Gestione del canale (basato sul web) Gestione dell'errata (basato sul Web) Gestione dell'utente (basato sul web) Raggruppamento del sistema e del sistema client (basato sul web) Red Hat Update Agent Il Red Hat Update Agent presente sui sistemi client deve essere riconfigurato in modo da recuperare gli aggiornamenti dal Satellite interno dell'organizzazione e non dai server Red Hat Network centrali. Dopo la suddetta riconfigurazione i sistemi client potranno recuperare localmente gli aggiornamenti utilizzando il Red Hat Update Agent. Amministratori di sistema potranno programmare le azioni attraverso l'interfaccia web di Satellite. Importante Red Hat consiglia che i client collegati al Satellite abbiano eseguito l'ultimissimo aggiornamento di Red Hat Enterprise Linux in modo da avere un collegamento corretto. Quando un client richiede gli aggiornamenti il Satellite interno dell'organizzazione interroga il suo database, autentica il sistema client, identifica i pacchetti aggiornati disponibili per il sistema client e ritorna gli RPM richiesti al sistema client stesso. A seconda delle preferenze del client il pacchetto potrebbe essere installato. Se i pacchetti vengono installati il sistema client invia un profilo del pacchetto 10

14 Capitolo 1. Introduzione aggiornato al database presente sul Satellite; i suddetti pacchetti verranno rimossi dall'elenco dei pacchetti scaduti per il client. Satellite può essere utilizzato insieme ad un Red Hat Network Proxy Server in modo da conferire all'organizzazione un Red Hat Network efficiente. Ad esempio, una organizzazione può posizionare Satellite in un luogo sicuro, ed i sistemi Red Hat con un accesso di rete locale saranno in grado di effettuare il collegamento. Altri uffici remoti possono avere installazioni Red Hat Network Proxy Server in grado di eseguire un collegamento al Satellite. Le diverse posizioni presenti all'interno dell'organizzazione devono essere collegate tra loro 'networked', esse possono essere reti private che non necessitano, per i sistemi in questione, di un collegamento internet. Per maggiori informazioni consultate la Red Hat Network Proxy Server Installation Guide. Figura 1.1. Utilizzo di Satellite e Red Hat Network Proxy Server 1.3. Termini da comprendere Prima di affrontare Red Hat Network Satellite è importante avere una certa familiarità con i seguenti termini di Red Hat Network: Canale Un canale rappresenta un elenco di pacchetti software. Sono presenti due tipi di canali: i canali di base ed i canali figlio. Un canale di base consiste in un elenco di pacchetti basati su di una specifica architettura e versione di Red Hat. Un canale figlio è un canale associato con un canale di base ma contenente pacchetti aggiuntivi. Amministratore dell'organizzazione Un Amministratore dell'organizzazione è un ruolo che detiene il livello più alto di controllo su un account Red Hat Network di una organizzazione. I membri con questo ruolo possono aggiungere e rimuovere altri utenti, sistemi, e gruppi dall'organizzazione. Una organizzazione di Red Hat Network deve avere almeno un Amministratore dell'organizzazione. 11

15 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Amministratore del canale L'Amministratore del canale è un ruolo che permette di avere un accesso completo alle capacità di gestione del canale stesso. Gli utenti con questo ruolo sono in grado di creare nuovi canali, assegnare pacchetti ai canali interessati, clonare nuovi canali o cancellare i canali non più utili. Questo ruolo può essere assegnato da un Amministratore dell'organizzazione attraverso la scheda Utenti del sito web di Red Hat Network. Certificate Authority Un certificate authority distribuisce le firme digitali agli utenti come parte dell'infrastruttura della chiave pubblica per la comunicazione e l'autenticazione cifrata. Red Hat Update Agent Il Red Hat Update Agent è una applicazione client di Red Hat Network, la quale permette agli utenti di recuperare ed installare pacchetti nuovi o aggiornati per il sistema client sul quale viene eseguita l'applicazione. Traceback Un traceback non è altro che una descrizione dettagliata di "cosa non ha funzionato correttamente", utile per il troubleshooting di Red Hat Network Satellite. I T raceback vengono generati automaticamente quando si verifica un errore critico e viengono inviati agli individui interessati presenti nel file di configurazione di RHN Satellite. Per una spiegazione più dettagliata di questi termini consultate la Red Hat Network Reference Guide Sommario delle fasi L'implementazione di un Red Hat Network Satellite efficiente richiede molto di più di una installazione software e di un database. I sistemi client devono essere configurati in modo da utilizzare Satellite. È consigliata la creazione di canali personalizzati per i pacchetti personalizzati. Poichè questi compiti vanno oltre l'installazione di base essi vengono affrontati in dettaglio su altre guide e su Red Hat Network Satellite Installation Guide. Per un elenco completo di documenti tecnici necessari, consultate il Capitolo 2, Requisiti. Per questo motivo questa sezione desidera fornire un elenco definitivo di tutte le fasi necessarie e consigliate, partendo dal processo di valutazione fino ad affrontare l'impiego del pacchetto personalizzato. Le suddette fasi devono essere eseguite con un ordine simile al seguente: 1. Come ottenere satellite a. Dopo un processo di valutazione, contattate il vostro responsabile alle vendite di Red Hat in modo da poter acquistare Red Hat Network Satellite. b. Il rappresentante di Red Hat invierà il Red Hat Network Entitlement Certificate e le informazioni per il log in di Red Hat Network. c. Eseguite il login sul sito web di Red Hat Network (rhn.redhat.com) e scaricate le ISO di distribuzione per Red Hat Enterprise Linux 5 o 6 e Red Hat Network Satellite. Le suddette distribuzioni sono disponibili sulla scheda Downloads delle rispettive pagine Inform azioni del canale. Per informazioni consultate la Red Hat Network Reference Guide. 12

16 Capitolo 1. Introduzione d. All'interno del sito web di Red Hat Network scaricate le ISO del canale del contenuto servite dal vostro Satellite, disponibili anche tramite la scheda Downloads della pagina Inform azioni del canale di Satellite. Le suddette ISO differiscono da quelle di distribuzione affrontate precedentemente poichè esse contengono i metadati necessari a Satellite per analizzare e servire i pacchetti. 2. Preparazione di satellite a. Controllare i requisiti software. Consultare Sezione 2.1, «Requisiti software». b. Se installate un Database Stand-Alone controllate che l'hardware soddisfi i requisiti in Sezione 2.2, «Requisiti del database stand-alone» e creare l'istanza del satabase usando quanto riportato in Sezione 2.2.3, «Requisiti del database per installazioni del database stand-alone». c. Se installate un Database Embedded, controllate che l'hardware soddisfi i requisiti Sezione 2.3, «Requisiti database Embedded». 3. Installazione di satellite a. Installare Red Hat Enterprise Linux sulla macchina usata come Satellite. b. Controllare qualsiasi fase pre-installazione prima di installare Red Hat Network Satellite. c. Montare il dispositivo di installazione di Red Hat Network Satellite ed eseguire lo script. d. Seguire i prompt come indicato nelle istruzioni per l'installazione. e. Aprire l'hostname di Satellite in un browser web e creare il primo account. Esso risulterà essere l'account dell'amministratore di satellite (riferito anche come Amministratore dell'organizzazione). f. Finalizzare satellite con qualsiasi processo post-installazione. 4. Utilizzo iniziale a. Utilizzate il Red Hat Network Satellite Synchronization T ool per importare i canali ed i pacchetti associati all'interno di Satellite. b. Registrate una macchina in grado di rappresentare ogni tipo di distribuzione o canale (Red Hat Enterprise Linux 5 o 6), su Satellite. c. Copiare (usando scp) i file di configurazione di rhn_register dalla directory /etc/sysconfig/rhn/ di ogni macchina individualmente nella directory /pub/ su Satellite. rhn-org-trusted-ssl-cert-*.noarch.rpm sarà già presente. d. Scaricate e installate da Satellite i file di configurazione e rhn-org-trusted-ssl-cert- *.noarch.rpm sui sistemi client restanti dello stesso tipo di distribuzione. Ripetete questa fase e quella precedente fino a quando tutte le distribuzioni sono state completate. e. Attraverso il sito web di Satellite create una Chiave di attivazione per ogni distribuzione idonea al canale di base appropriato. A questo punto i gruppi del sistema ed i canali figlio possono essere predefiniti. f. Eseguite successivamente la Chiave di attivazione dalla linea di comando (rhnreg_ks) di ogni sistema client. Notate che questa fase può essere programmata in modo da poter registrare e riconfigurare tutti i sistemi client in una distribuzione. g. Annotare tutti i nomi utenti più importanti, le password ed altre informazioni di login, e conservarle in diversi luoghi sicuri. h. Adesso che Satellite è stato popolato con i canali ed i pacchetti standard di Red Hat e tutti i client risultano essere collegati, iniziate a creare e servire i canali personalizzati ed i pacchetti. Una volta sviluppati gli RPM personalizzati potrete importarli all'interno di Satellite utilizzando Red Hat Network Push e aggiungere i canali personalizzati per poterli conservare attraverso il sito web di Satellite. Per maggiori informazioni consultate la Red Hat Network Channel Management Guide. 13

17 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Capitolo 2. Requisiti Questo capitolo contiene tutti i requisiti per una installazione di Red Hat Network Satellite. Ciò include le modifiche per le installazioni del Database Stand-Alone e per il Database Embedded Requisiti software È necessario avere i seguenti componenti per poter eseguire una installazione: Sistema operativo di base Red Hat Network Satellite è supportato con Red Hat Enterprise Linux 5 e 6. Il sistema oeprativo può essere installato tramite disco, immagine ISO locale, kickstart o qualsiasi altro metodo supportato da Red Hat. Le installazioni di Red Hat Enterprise Linux devono fornire il gruppo di Base con nessuna altra modifica dell'insieme di pacchetti e senza configurazione di terze parti o software non direttamente necessari per una funzionalità diretta del server. Questa limitazione include qualsiasi altro software di sicurezza non-red Hat. Se i suddetti software sono necessari per la vostra infrastruttura installate e verificate prima il funzionamento completo di Satellite e successivamente eseguite un backup del sistema prima di aggiungere qualsiasi software non-red Hat. Durante l'installazione di un nuovo Red Hat Network Satellite è consigliato l'installazione dell'ultimissimo aggiornamento di Red Hat Enterprise Linux. Satellite può essere installato su Red Hat Enterprise Linux 5 o 6 in qualsiasi ambiente virtualizzato supportato da Red Hat, incluso Xen, KVM, e VMware. Altresì il supporto funzionale per ambienti virtualizzati non è sempre uguale alle prestazioni per una esecuzione su hardware fisici, per questo motivo selezionate attentamente il vostro ambiente virtualizzato preferito ed eventuali linee guida per la regolazione consigliata. Se installate Red Hat Enterprise Linux 5 o 6 utilizzando il CD o l'immagine ISO, non sarà necessario selezionare alcun gruppo di pacchetti, selezionate solo l'installazione di base. Se desiderate installare uno dei sistemi operativi sopra indicati tramite kickstart, selezionate il gruppo di Base. Importante Ogni prodotto Satellite acquistato include una istanza supportata di Red Hat Enterprise Linux Server. Satellite deve essere installato su una nuova installazione di Enterprise Linux dove risulta essere la sola applicazione e servizio forniti dal sistema operativo. L'uso del sistema operativo Red Hat Enterprise Linux incluso con Satellite per eseguire altri demoni, applicazioni o servizi all'interno del vostro ambiente non è supportato. Importante Il sistema operativo di base di Satellite deve essere registrato al Red Hat Network Classic tramite il Red Hat Network Client. L'installazione del satellite fallirà se eseguite una registrazione del sistema con Red Hat Subscription Manager. 14 Disco d'installazione di Satellite o ISO Contiene il Satellite Installer. T utti i pacchetti necessari per supportare il Programma

18 Capitolo 2. Requisiti vengono installati automaticamente e non necessitano di alcun intervento aggiuntivo da parte dell'utente. Importante Oltre ai Base sono necessari alcuni pacchetti aggiuntivi per installare Red Hat Network Satellite. Il Satellite installer chiederà se desiderate installare i pacchetti elencati o se desiderate scaricare i file da Red Hat Network. Se il vostro sistema non è registrato con Red Hat Network, allora sarà necessario avere un dispositivo d'installazione di Red Hat Enterprise Linux durante il processo d'installazione di Satellite per poter installare i suddetti pacchetti. I file necessari per l'installazione di Satellite sono elencati nel file rhelrpm s posizionati nella directory updates sull'immagine ISO per l'installazione di Satellite. Assicurarsi che il sistema host Satellite sia sottoscritto al canale Red Hat Enterprise Linux Opzionale per risolvere le dipendenze del pacchetto durante il processo di installazione. Contenuto del canale Tutti i pacchetti software e i dati esportati per tutti i canali di Red Hat aventi diritto. Tale contenuto può essere caricato direttamente su Satellite dopo aver eseguito una installazione utilizzando Red Hat Network Satellite Synchronization T ool Requisiti del database stand-alone La versione del Database Stand-Alone di Red Hat Network Satellite richiede alcune considerazioni hardware. Questa sezione specifica i suddetti requisiti per una installazione del server Red Hat Network Satellite e per il collegamento ad un database esterno Requisiti hardware x86_64 per installazioni del database stand-alone. La seguente tabella mostra le configurazioni hardware consigliate e necessarie per la piattaforma x86_64 per un server Satellite che utilizza un database stand-alone: T abella 2.1. Requisiti hardware di Satellite Database Stand-Alone Necessari Intel Core processor, 2.4GHz, 512K cache o equivalente Consigliati 2 GB di memoria 8 GB di memoria 5 GB di storage per installazioni di base di Red Hat Enterprise Linux Intel multi-core processor, 2.4GHz dual processor, 512K cache o equivalente Un minimo di 30 GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili al momento dell'installazione Un SAN esterno per backup più affidabili Requisiti hardware s/390 per installazioni del database stand-alone Per la piattaforma principale s/390 la seguente tabella mostra i requisiti e le configurazioni consigliate 15

19 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide per le installazioni di Red Hat Network Satellite con un database standalone. T abella 2.2. Requisiti hardware di Satellite Database Stand-Alone per piattaforme s/390 Necessari 1 IFL, in una configurazione LPAR o condiviso attraverso z/vm Consigliati 2 GB di memoria 8 GB di memoria 2+ IFLs su z9 o versioni più recenti, 1+ IFL su z10 1 GB swap su ECKD DASD 512 MB swap su VDISK + 1 GB swap su ECKD DASD 1xMod3 ECKD DASD o 2 GB FCP SCSI LUN per una installazione del sistema operativo [a] è necessaria la p resenza d i z/vm p er il kickstart/p ro visio ning d ei g uest. 1xMod9 ECKD DASD o 2 GB multipathed FCP SCSI LUN per una installazione Red Hat Enterprise Linux Un minimo di 30 GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili al momento dell'installazione z/vm 5.3 o versione più recente VSWIT CH o Hipersocket LAN per connessioni molto veloci con i guest [a] Requisiti del database per installazioni del database stand-alone Red Hat supporta le installazioni sul database stand-alone con Oracle Database 10g Release 2 Edizione Standard e Enterprise Edition o Oracle 11g. Assicuratevi che il Database Stand-Alone non venga eseguito sullo stesso server di Red Hat Network Satellite. Importante La migrazione da un database embedded ad uno esterno non è attualmente supportato. Per la maggior parte delle installazioni è consigliato un singolo tablespace di 12 GB, altresì è importante sottolineare che per numerosi clienti potrebbe essere sufficiente un tablespace più piccolo. Per poter valutare nel miglior modo le problematiche riguardanti la dimensione è necessaria la consulenza di un Oracle database administrator (DBA) con molta esperienza. Per poter determinare la dimensione più idonea per il database è consigliabile utilizzare la seguente formula: 250 KiB per sistema client 500 KiB per canale, più 230 KiB per pacchetto nel canale (un canale con 5000 pacchetti avrà bisogno di 1.1 Gib) Per esempio, un Red Hat Network Satellite contenente quattro canali asserviti a 10,000 sistemi avrà bisogno di 2.5 GiB per i propri client e 11GiB per i propri canali. Se è necessario stabilire dei canali personalizzati per la prova e l'utilizzo dei pacchetti, essi devono essere inclusi in questa formula. Ricordate che le esigenze dello storage del database potrebbero aumentare rapidamente in base ai seguenti fattori: Al numero dei pacchetti pubblici di Red Hat importati (generalmente: 5000) 16

20 Capitolo 2. Requisiti Al numero dei pacchetti privati da gestire (generalmente: 500) Al numero di sistemi da gestire (generalmente: 1000) Al numero di pacchetti installati sul sistema medio (generalmente: 500) È possibile essere generosi durante il processo di stima della dimensione del database, ma è importante considerare che la misura è in grado di influire sul tempo necessario per eseguire i backup e durante l'aggiunta del carico ad altre risorse del sistema. Se il database risulta essere condiviso, il proprio hardware e lo spazio in questione sono interamente dipendenti dall'entità che utilizza il database stesso. Altresì, le dimensioni del blocco devono essere di almeno 8 KB, per una installazione corretta di Red Hat Network Satellite. Il database di Oracle dovrebbe avere un utente assegnato a Red Hat Network Satellite con un accesso completo a DDL e DML al tablespace predefinito dell'utente in questione. Al momento dell'installazione l'utente avrà bisogno delle informazioni standard di collegamento per il database. I livelli d'accesso precisi richiesti dall'utente di Oracle sono i seguenti: ALT ER SESSION CREAT E SEQUENCE CREAT E SYNONYM CREATE TABLE CREATE VIEW CREAT E PROCEDURE CREATE TRIGGER CREATE TYPE CREAT E SESSION Riquisiti aggiuntivi del database includono: Security Identifier (SID) Porta di attesa Nome utente Set caratteri UT F-8 Due suggerimenti utili per il tablespace predefinito dell'utente includono: Dimensione Estesa Uniforme Gestione automatizzata spazio del segmento Importante Assicuratevi che l'impostazione NLS/charset sia impostata su "UT F8" se usate un database esterno e non 'AL32UT F8' o altri caratteri. Utilizzando set di caratteri diversi potreste generare un errore. La struttura del disco sulla macchina del database è indipendente dal Satellite e interamente a discrezione dell'utente. 17

21 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide 2.3. Requisiti database Embedded La versione del Database Embedded di Red Hat Network Satellite presenta alcuni requisiti hardware. Questa sezione riporta i suddetti requisiti per l'installazione del server di Red Hat Network Satellite con il database incluso Requisiti hardware x86_64 per installazioni del database Embedded La seguente tabella mostra le configurazioni hardware consigliate e quelle necessarie per la piattaforma x86_64 per un server satellite che utilizza un database embedded: T abella 2.3. Requisiti hardware di satellite per il database Embedded Necessari Intel Core processor, 2.4GHz, 512K cache o equivalente Consigliati 2 GB di memoria 8 GB di memoria 5 GB di storage per installazioni di base di Red Hat Enterprise Linux Intel multi-core processor, 2.4GHz dual processor, 512K cache o equivalente Un minimo di 30 GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili al momento dell'installazione Un SAN esterno per backup più affidabili 12 GB di storage per il repositorio del database nella partizione /rhnsat (solo storage locale) Una unità SCSI collegata ad un RAID livello 5 (fortemente consigliata) Partizione separata (o meglio, un set separato di dischi fisici) per l'archiviazione dei backup, per tale scopo può essere usata qualsiasi directory specificabile al momento del backup Requisiti hardware s/390 per installazioni del database Embedded Per la piattaforma del mainframe s/390 la seguente tabella mostra le configurazioni consigliate e quelle necessarie per le installazioni di Red Hat Network Satellite con database embedded. 18

22 Capitolo 2. Requisiti T abella 2.4. Requisiti hardware di satellite per il database Embedded per la piattaforma s/390 Necessari 1 IFL, in una configurazione LPAR o condiviso attraverso z/vm Consigliati 2 GB di memoria 8 GB di memoria 2+ IFLs su z9 o versioni più recenti, 1+ IFL su z10 1 GB swap su ECKD DASD 512 MB swap su VDISK + 1 GB swap su ECKD DASD 1xMod3 ECKD DASD o 2 GB FCP SCSI LUN per una installazione del sistema operativo Circa 12 GB di spazio su disco per database embedded [a] è necessaria la p resenza d i z/vm p er il kickstart/p ro visio ning d ei g uest. 1xMod9 ECKD DASD o 2 GB multipathed FCP SCSI LUN per una installazione Red Hat Enterprise Linux Un minimo di 30 GB di storage per canale software (incluso i canali figlio e di base), in /var/satellite/, configurabili al momento dell'installazione z/vm 5.3 o versione più recente VSWIT CH o Hipersocket LAN per connessioni molto veloci con i guest [a] 2.4. Requisiti aggiuntivi Con Red Hat Network Satellite è necessario fare delle considerazioni aggiuntive prima del processo di installazione. Soddisfare i suddetti requisiti prima di iniziare il processo di installazione di Satellite Firewall L'intero Satellite deve essere protetto da un firewall se si utilizza internet. T utte le porte non necessarie devono essere isolate tramite l'utilizzo del firewall. I sistemi client si collegano al Satellite attraverso le porte 80, 443 e 4545 (se il Monitoring è abilitato). In aggiunta, se desiderate abilitare l'inoltro delle azioni dal Satellite ai sistemi client, come descritto in Sezione 9.11, «Esecuzione di Push per i client», è necessario abilitare i collegamenti in entrata attraverso la porta Per finire, se Satellite eseguirà l'inoltro su di un Red Hat Network Proxy Server è necessario abilitare i collegamenti in entrata sulla porta

23 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Tabella 2.5. Porte da aprire su Satellite Porta Protocollo Direzione Motivo 67 T CP/UDP In entrata Aprire questa porta per configurare il sistema Satellite come server DHCP per sistemi che richiedono gli indirizzi IP. 69 T CP/UDP In entrata Aprire questa porta per configurare Satellite come server PXE e permettere una installazione e reinstallazione dei sistemi abilitati ad un avvio PXE. 80 T CP In uscita Satellite utilizza questa porta per raggiungere Red Hat Network. 80 T CP In entrata Le richieste client e Web UI arrivano attraverso http. 443 T CP In entrata Le richieste client e WebUI arrivano tramite https. 443 T CP In uscita Red Hat Network Satellite utilizza questa porta per raggiungere Red Hat Network (a meno che non viene eseguito in modalità scollegato per Satellite) 4545 TCP In ingresso e In uscita Se il Monitoring è stato abilitato ed i probe sono stati configurati per i sistemi registrati, Red Hat Network Satellite Monitoring esegue i collegamenti su rhnm d in esecuzione sul sistema client T CP In entrata Se desiderate inoltrare le azioni ai sistemi client TCP In ingresso e In uscita Se inoltrate le azioni per o per mezzo di un Red Hat Network Proxy Server Politica di SELinux Red Hat Network Satellite supporta l'opzione 'targeted' della politica di SELinux in modalità enforcing o permissive su Red Hat Enterprise Linux 5 e 6. SELinux è un insieme di politiche software sicure che implementano un controllo dell'accesso obbligatorio per Red Hat Enterprise Linux ed altri sistemi operativi. Gli utenti saranno in grado di utilizzare la modalità enforcing o perm issive di SELinux con l'opzione targeted durante l'installazione del Proxy o Satellite Soluzione Proxy DMZ Se il server di Satellite non è in modalità scollegata sarà necessario inizializzare le connessioni in uscita sulle porte 80 e 443 per il servizio di Red Hat Network (RHN) Hosted (rhn.redhat.com, xm lrpc.rhn.redhat.com, e satellite.rhn.redhat.com). Per assicurare un corretto funzionamento del sistema non limitare l'accesso agli host ed alle porte in questione, a tale scopo sarà possibile usare un proxy https o http tramite il comando satellite-sync --http-proxy. Il server di Satellite deve abilitare i collegamenti in ingresso sulle porte 80 e 443 dai sistemi client e da qualsiasi server Red Hat Network Proxy connesso al Satellite, incluso qualsiasi sistema che accede alla Web UI di Satellite. Le richieste della WebUI e dei client utilizzano http o https. La funzione di monitoraggio di Red Hat Network necessita di collegamenti in uscita per sistemi client abilitati al monitoring sulla porta Se il monitoring è abilitato ed i probe sono stati configurati per la registrazione dei sistemi, Red Hat Network Satellite Monitoring esegue i collegamenti su rhnm d in esecuzione sul sistema client. La funzione di inoltro di Red Hat Network ha bisogno di entrambi i collegamenti in uscita ed in ingresso sulla porta 5269 per e da ogni server Red Hat Network Proxy registrato con la funzione Red Hat 20

24 Capitolo 2. Requisiti Network push abilitata. Usato per comunicazioni reciproche tra il servizio jabberd sul Satellite e sul Proxy. Altresì, abilitare i collegamenti in ingresso sulla porta 5222 dai sistemi client direttamente registrati con Satellite. Questo è utilizzato per comunicazioni a senso unico (dal client al server) tra il servizio osad sui sistemi client ed il servizio jabberd sul Satellite Tempi sincronizzati del sistema Grande importanza viene data alla sensibilità del tempo di sincronizzazione durante un collegamento ad un web server che esegue un SSL (Secure Sockets Layer); infatti è molto importante che le impostazioni del client e del server siano molto simili tra loro per evitare che il certificato SSL non scada prima o durante il suo utilizzo. Per questo motivo Red Hat stabilisce che sia Satellite che tutti i sistemi client, utilizzino il Network T ime Protocol (NT P). T ali requisiti sono anche validi per macchine database separate presenti con Red Hat Network Satellite con un Database Stand-Alone, il quale a sua volta deve essere impostato sullo stesso fuso orario di Satellite Impostazione lingua del sistema e Locale È necessario impostare correttamente la codifica UT F-8 per la lingua ed il locale presenti sul sistema Red Hat Network Satellite tramite il file /etc/sysconfig/i18n. L'impostazione di LANG nel file deve avere il seguente formato: LANG="[language_TERRITORY].UTF-8" launguage e T ERRIT ORY vengono inseriti utilizzando un codice a due lettere. Per esempio se la lingua è Inglese e la vostra posizione è negli Stati Uniti impostate LANG su en_us.ut F Fully Qualified Domain Name (FQDN) Il sistema sul quale verrà installato Red Hat Network Satellite deve essere in grado di risolvere il proprio FQDN. In caso contrario i cookie non funzioneranno in modo corretto sul sito web. Importante È importante che l'hostname per Satellite non contenga lettere maiuscole. Un hostname che contiene lettere maiuscole può causare il fallimento di jabberd. Se in qualsiasi momento sarà necessario modificare l'hostname di Satellite consultate Sezione 9.7, «Modifica dell'hostname di Satellite» Domain Name Service (DNS) funzionante Assicurarsi che tutti i client siano in grado risolvere il nome del dominio di Red Hat Network Satellite. Tutti i sistemi, sia server che client, hanno bisogno di un collegamento ad un server DNS in funzione nell'ambiente dell'utente Certificato di Entitlement L'utente riceverà tramite da un rappresentante alle vendite un certificato di entitlement firmato per i servizi forniti da Red Hat attraverso Red Hat Network Satellite. T ale certificato sarà richiesto durante il processo di installazione. Se non siete in possesso di un Entitlement Certificate al momento dell'installazione contattate il Red Hat Global Support Services: https://www.redhat.com/apps/support/ 21

25 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Account di Red Hat Network Gli utenti che si collegheranno ai server centrali di Red Hat Network per ricevere gli aggiornamenti incrementali, avranno bisogno di un account esterno con Red Hat Network. Il suddetto account dovrà essere impostato al momento dell'acquisto del prodotto tramite il rappresentante alle vendite. Avvertenza Non registrare il Red Hat Network Satellite ai seguenti canali figlio disponibili su Red Hat Network Hosted: Red Hat Developer Suite Red Hat Application Server Red Hat Extras Canali del prodotto di JBoss La sottoscrizione a questi canali e l'aggiornamento di Satellite potrebbero installare versioni più recenti ed incompatibili di componenti software critici generando errori Backup delle informazioni di login È obbligatorio che gli utenti mantengano traccia di tutte le informazioni di login primarie. Per Red Hat Network Satellite ciò include i nomi utente e le password per l'account per l'amministratore dell'organizzazione su rhn.redhat.com, informazioni sull'account dell'amministratore primario presente sullo stesso Satellite, informazioni sulla generazione del certificato SSL, e le informazioni sul collegamento al database (il quale richiede anche un SID o un nome del servizio di rete). Red Hat consiglia vivamente che le suddette informazioni siano copiate su due floppy disk separati, stampate su carta, e conservate in un luogo sicuro ISO del contenuto del canale Non è necessario avere un collegamento internet per Red Hat Network Satellite in esecuzione con ambienti scollegati. Questa funzione utilizza le ISO del contenuto del canale scaricabili su un sistema separato per sincronizzare Satellite con i server centrali di Red Hat Network. T utti gli altri Red Hat Network Satellite devono essere sincronizzati direttamente attraverso internet. Nota Se state eseguendo un Satellite non collegato il quale non risulta essere registrato con il Red Hat Network Hosted, il programma d'installazione ritornerà un elenco di pacchetti aggiuntivi da installare, oltre base, con una sua successiva uscita. Questo comportamento vi permetterà di installare questi pacchetti. A tal proposito potreste usare l'immagine ISO d'installazione o un DVD per creare un repositorio per quei pacchetti aggiuntivi e successivamente rieseguire il programma d'installazione di Satellite Accesso al servizio Nessun componente del sistema deve essere direttamente disponibile in modo pubblico. Nessun utente, ad eccezione degli amministratori di rete, deve aver accesso a queste macchine tramite l'utilizzo di una shell. T utti i servizi non necessari dovrebbero essere disabilitati tramite ntsysv o chkconfig. 22

26 Capitolo 2. Requisiti Abilitare i seguenti servizi. jabberd oracle (per installazioni del Database Embedded) tomcat5 (per installazioni su Red Hat Enterprise Linux 5) tomcat6 (per installazioni su Red Hat Enterprise Linux 6) httpd osa-dispatcher Monitoring MonitoringScout rhn-search cobblerd taskomatic Se Satellite serve i sistemi con un entitlement di Monitoring e se desiderate accettare tramite emal le notifiche di allerta, configurate sendmail o postfix in modo da gestire correttamente la corrispondenza in ingresso Documentazione aggiuntiva La seguente documentazione supplementare assiste gli utenti ad eseguire ulteriori compiti di configurazione: 1. La Red Hat Network Client Configuration Guide Questa guida spiega come configurare i sistemi serviti da un Red Hat Network Proxy Server o Red Hat Network Satellite (tale processo molto probabilmente richiederà anche l'utilizzo della Red Hat Network Reference Guide, la quale contiene le fasi necessarie per la registrazione e l'aggiornamento dei sistemi.) 2. La Red Hat Network Channel Management Guide Questa guida identifica in dettaglio i metodi consigliati per la creazione dei pacchetti personalizzati, dei canali personalizzati e come gestire gli Errata privati. 3. La Red Hat Network Reference Guide La suddetta guida descrive come creare gli account di Red Hat Network, registrare ed aggiornare i sistemi e utilizzare il sito web di Red Hat Network al massimo delle proprie potenzialità. Questa guida molto probabilmente vi sarà molto utile durante il processo di installazione e di configurazione del sistema. 23

27 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Capitolo 3. Esempio di tipologie Red Hat Network Satellite può essere configurato in diversi modi. Selezionate un solo metodo a seconda dei seguenti fattori: Il numero totale di sistemi client da servire da parte di Red Hat Network Satellite. Il numero massimo di client attualmente previsti per la connessione a Red Hat Network Satellite. Il numero di pacchetti personalizzati e di canali da servire da parte di Red Hat Network Satellite. Il numero di Red Hat Network Satellite utilizzati all'interno di un ambiente dell'utente. Il numero di server del Red Hat Network Proxy usati nell'ambiente dell'utente. Il resto del capitolo descrive le configurazioni possibili, spiegandone anche i loro benefici Topologia di Satellite singolo La configurazione più semplice è quella di un Red Hat Network Satellite singolo per servire l'intera rete. T ale configurazione risulta idonea per servire un gruppo, di grandezza media, di client e di rete. Lo svantagio nell'uso di un solo Red Hat Network Satellite è rappresentato dalle prestazioni. Infatti con questa configurazione le prestazioni non saranno ottimali poichè il numero di client che richiedono i pacchetti è maggiore. Figura 3.1. T opologia di Satellite singolo 3.2. Tipologia di Satellite Multipli Orizzontali Per reti molto grandi potrebbe essere necessario implementare un metodo più ramificato, come ad esempio una configurazione con Red Hat Network Satellite multipli orizzontali, bilanciando così il carico rappresentato dalle richieste dei client. È possibile sincronizzare il contenuto tra Red Hat Network Satellite utilizzando i comandi rhn- 24

28 Capitolo 3. Esempio di tipologie satellite-exporter e satellite-sync -m. Alternativamente la funzione Inter-Satellite Sync 2 può essere usata per tale scopo. Uno degli svantaggi di una struttura orizzontale, è rappresentato dal bisogno di una manutenzione aggiuntiva. Figura 3.2. T ipologia di Satellite Multipli Orizzontali 3.3. Topologia di Satellite-Proxy verticali Un metodo alternativo per poter bilanciare il carico, è rappresentato dall'implementazione di una serie di server Red Hat Network Proxy posizionati sotto un Red Hat Network Satellite. Le suddette Proxy si collegano al Satellite per gli RPM provenienti da Red Hat Network e per i pacchetti personalizzati creati in modo locale. In questo modo le Proxy si comportano come client di Satellite. In questa configurazione verticale, i canali e gli RPM vengono creati solo sul Red Hat Network Satellite. In questo modo le Proxy ereditano e successivamente servono i pacchetti da una posizione centrale. Per informazioni consultate la Red Hat Network Satellite Channel Management Guide. In modo simile creare i certificati SSL Proxy client di Satellite, impostandoli in modo da servire i sistemi 25

29 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide client. Questo processo viene descritto all'interno della Red Hat Network Satellite Client Configuration Guide. Figura 3.3. T opologia di Satellite-Proxy verticali 26

30 Capitolo 4. Installazione Capitolo 4. Installazione Questo capitolo descrive la fase iniziale dell'installazione di Red Hat Network Satellite. T ale processo necessita dei prerequisiti elencati nel Capitolo 2, Requisiti. Se invece desiderate eseguire un aggiornamento ad una versione più recente di Red Hat Network Satellite, contattate il vostro rappresentante Red Hat per assistenza Prerequisiti La seguente sezione riporta i prerequisiti per una installazione di Red Hat Network Satellite Sistema operativo di base È possibile eseguire Red Hat Network Satellite sia su Red Hat Enterprise Linux 5 che su Red Hat Enterprise Linux 6. Come prima cosa installare il sistema operativo, sia usando un disco che una immagine ISO o tramite kickstart. Durante o dopo il processo di installazione del sistema operativo assicurarsi di: Assegnare spazio sufficiente alle partizioni per l'archiviazione dei dati. La posizione predefinita per i pacchetti del canale è /var/satellite/. Per Red Hat Network Satellite con Database Embedded gli RPM del database RPM devono trovarsi nella partizione /opt/, mentre il database stesso si trova in /rhnsat/. Abilitate il Network T ime Protocol (NT P) sul Satellite e sul database separato, se esistente, e selezionare il fuso orario appropriato. T utti i sistemi client dovrebbero già eseguire il demone ntpd, ed essere impostati sul fuso orario corretto. È fortemente consigliato montare in modo locale la partizione /hom e/. Eseguire la registrazione con Red Hat Network Classic. Una volta completata l'installazione del sistema operativo di base eseguire il seguente comando per registrare il sistema: # rhn_register Montaggio del dispositivo di installazione La seguente sezione descrive il processo per il montaggio dell'immagine ISO o CD contenente il dispositivo di installazione per Red Hat Network Satellite. Procedura 4.1. Montaggio da un CD 1. Eseguire il log in nella macchina come utente root. 2. Inserire il CD di Red Hat Network Satellite Server contenente i file di installazione. 3. Red Hat Enterprise Linux potrà eseguire un montaggio automatico del CD. In tal caso il CD verrà montato nella directory /m edia/cdrom/. Se Red Hat Enterprise Linux non esegue il montaggio automatico, montare manualmente il CD nella directory /m edia/cdrom/ con il seguente comando: # mkdir /media/cdrom # mount /dev/cdrom /media/cdrom Procedura 4.2. Montaggio da una immagine ISO 1. Eseguire il log in nella macchina come utente root. 2. Scaricare l'immagine ISO dal sito web di Red Hat Network. 27

31 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide 3. Montare l'immagine ISO dalla sua directory usando il comando: # mkdir /media/cdrom # mount -o loop iso_filename /media/cdrom Il dispositivo di installazione verrà montato in /m edia/cdrom/. Usare questa posizione per accedere allo script di installazione di Red Hat Network Satellite Come ottenere un Entitlement Certificate Red Hat Network Satellite ha bisogno di una copia del Red Hat Network Entitlement Certificate per poterlo attivare. Questo Entitlement Certificate viene incluso con la sottoscrizione al Red Hat Network Satellite e sarà disponibile sul Portale Clienti di Red Hat. Scaricare l'entitlement Certificate dal Portale clienti di Red Hat e copiarlo sul file system del server di Satellite in qualsiasi directory. Il programma di installazione chiederà di specificare la sua posizione. Importante Assicurarsi che l'account di Red Hat Network abbia gli entitlement necessari per eseguire l'installazione Pre-installazione Per utilizzare le seguenti istruzioni montare il dispositivo di installazione di Red Hat Network Satellite in /m edia/cdrom/. Il dispositivo di installazione contiene lo script dell'installer install.pl. Questa sezione riporta le considerazioni utili prima di eseguire lo script dell'installer Opzioni per lo script dell'installer La tabella di seguito riportata presenta le varie opzioni disponibili per lo script dell'installer install.pl: 28

32 Capitolo 4. Installazione T abella 4.1. Opzioni d'installazione Opzione --help --answer-file=<filename> --non-interactive --re-register --clear-db --disconnected --clear-db --skip-system-version-test --skip-selinux-test --skip-fqdn-test --skip-db-install --skip-db-diskspace-check --skip-db-population --skip-gpg-key-im port --skip-ssl-cert-generation --run-updater Uso Visualizza questo messaggio d'aiuto Indica la posizione di un file di risposta da utilizzare per rispondere alle domande durante un processo d'installazione. Per un suo utilizzo solo con --answer-file. Se --answerfile non fornisce una risposta adeguata, esce invece di interrogare l'utente. Registra il sistema con Red Hat Network anche se lo stesso è stato precedentemente registrato. Installa satellite con un database stand-alone Installa Satellite in modalità scollegata Cancella qualsiasi schema database pre-esistente prima di iniziare l'installazione. T ale procedurà distruggerà qualsiasi dato presente all'interno del database di Satellite, ricreando uno schema di Satellite vuoto. Non esegue alcun test della versione di Red Hat Enterprise Linux prima di iniziare l'installazione. Non esegue il controllo per assicurarsi che SELINUX è disabilitato. Non verifica se il sistema possiede un hostname valido. Red Hat Network Satellite richiede l'impostazione corretta dell'hostname durante l'installazione. Utilizzando la suddetta opzione ne può risultare in un server di Satellite non perfettamente funzionale. Non installa il database embedded. Questa opzione può essere utile se state installando nuovamente satellite, e non desiderate cancellare i contenuti del vostro database. Non esegue alcun controllo per assicurarsi dell'esistenza di spazio libero sul disco sufficiente per installare il database embedded. Non popola lo schema del database. Non importa la chiave GPG di Red Hat. Non genera i certificati SSL per il Satellite. Se il sistema è registrato non chiedere di installare i pacchetti necessari di Red Hat Network Installazione del Red Hat Network Satellite Server automatizzata L'installer di Red Hat Network Satellite fornisce l'opzione per l'utilizzo di un file di risposta. Questo file contiene risposte pre-determinate ad alcune, o tutte, le domande dell'installer. L'installer utilizza il file di risposta senza alcuna interazione dell'utente; questa impostazione può essere utile in situazioni dove Satellite richiede una installazione automatizzata. Per un esempio dei file di risposta visualizzare il file answers.txt disponibile nella directory install/ del CD o ISO. Seguite le fasi di seguito riportate per eseguire un processo d'installazione automatizzato con un file di risposta: 29

33 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Procedura 4.3. Installazione con un file di risposta 1. Copiate l'esempio del file answers.txt su /tm p/answers.txt # cp answers.txt /tmp/answers.txt 2. Modificate il file ed aggiungete le opzioni desiderate della vostra organizzazione. 3. Quando il file di risposta è pronto, utilizzate l'opzione --answer-file quando inizierete il processo d'installazione dalla linea di comando: #./install.pl --answer-file=/tmp/answers.txt Il Programma di installazione di Red Hat Network andrà alla ricerca di risposte all'interno del file. Per qualsiasi opzione non completa all'interno del file il programma d'installazione richiederà all'utente di inserire le informazioni mancanti Installazione dietro un Proxy HTTP: Pre-configurazione A causa del tipo di utilizzo di rhn.conf da parte di Red Hat Network Satellite per il controllo delle proprie impostazioni del collegamento non sarà possibile aggiungere le opzioni al file in questione prima di installare Red Hat Network Satellite. Se la rete risulta essere dietro un proxy HTTP, non sarà possibile attivare Red Hat Network Satellite al momento dell'installazione. Una soluzione a questo problema è di eseguire prima una installazione in modalità scollegata di Red Hat Network Satellite e successivamente usare un metodo collegato dopo il completamento dell'installazione. Di seguito viene riportato il metodo attraverso il quale è possibile creare una installazione in modalità collegata di Red Hat Network Satellite dietro un proxy HTTP: Procedura 4.4. Installazione di Satellite dietro un Proxy HT T P - Pre-configurazione 1. Completare una installazione minima di Red Hat Enterprise Linux 5 o Configurare il sistema in modo da collegarsi a Red Hat Network dientro il proxy HTTP. Modificare il file nel modo seguente /etc/sysconfig/rhn/up2date.conf: enableproxy=1 enableproxyauth=1 httpproxy=<http-proxy-fqdn> proxyuser=<proxy-username> proxypassword=<proxy-password> 3. Registrare il sistema con Red Hat Network. 4. Iniziare l'installazione di Red Hat Network Satellite con opzione scollegato:./install.pl --disconnected 4.3. Processo con script dell'installer Per utilizzare le seguenti istruzioni montare il dispositivo di installazione di Red Hat Network Satellite in /m edia/cdrom/. Il dispositivo di installazione contiene lo script dell'installer install.pl. Questa sezione guida l'utente attraverso il processo di installazione usando lo script dell'installer Esecuzione dello script dell'installer La seguente procedura avvia il processo di installazione. Eseguire questa procedura come utente root. 30

34 Capitolo 4. Installazione Avvertimento Gli utenti dovranno tener presente che il Red Hat Network Satellite Installation Program è in grado di aggiornare il kernel insieme a pacchetti richiesti. Procedura 4.5. Esecuzione dello script dell'installer 1. Eseguire lo script con l'opzione per l'installazione con il Database Embedded o con il Database Stand-Alone. a. Database Embedded - Dalla directory /m edia/cdrom/, inserire il seguente comando per avviare il Red Hat Network Satellite Installation Program: #./install.pl b. Database Stand-Alone -\ndalla directory /m edia/cdrom/, inserite il seguente comando per poter avviare il Red Hat Network Satellite Installation Program: #./install.pl --external-db 2. Lo script passa attraverso un controllo dei suoi prerequisiti. Il suddetto controllo assicura che tutti i prerequisiti presenti nel Capitolo 2, Requisiti, vengano soddisfatti prima di iniziare il processo d'installazione vero e proprio. * Starting the Red Hat Network Satellite installer. * Performing pre-install checks. * Pre-install checks complete. Beginning installation. 3. A questo punto Satellite verrà registrato con Red Hat Network Class e tutti i pacchetti necessari risulteranno installati ed aggiornati. * RHN Registration * Installing updates. * Installing RHN packages. La sezione successiva imposta il database per l'installazione Configurazione del database La fase successiva è rappresentata dalla creazione e popolazione del database iniziale. Questa fase può richiedere svariati minuti. Se desiderate controllare i progressi del processo d'installazione utilizzate tail tramite una finestra separata per controllare il file /var/log/rhn/install_db.log. Database Embedded Se state eseguendo una installazione di Red Hat Network Satellite con un Database Embedded, questo processo sarà automatico. ** Database: Setting up database connection for Oracle backend. ** Database: Testing database connection. ** Database: Populating database. *** Progress: ###### 31

35 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Database stand-alone Se state eseguendo una installazione di Red Hat Network Satellite con un Database Stand-Alone, l'installer richiederà l'inserimento delle informazioni sul collegamento al database stand-alone. ** Database: Setting up database connection for Oracle backend. Database service name (SID)? orcl Database hostname [localhost]? Username? satuser Password? ******** ** Database: Testing database connection. ** Database: Populating database. *** Progress: ###### Una volta completata l'installazione del database, Satellite continuerà con la configurazione Configurazione iniziale Lo script dell'installer esegue alcuni compiti di configurazione di base nell'ambiente Satellite. Successivamente il Red Hat Network Satellite Installer scaricherà ed installerà la chiave GPG di Red Hat Network impostando la directory /root/.gnupg/ se necessario. * Setting up environment and users. ** GPG: Initializing GPG and importing key. ** GPG: Creating /root/.gnupg directory Importante Durante l'esecuzione del Red Hat Network Satellite Installation Program in modalità offline la chiave GPG di Red Hat Network non verrà ne scaricata e ne installata automaticamente causando il fallimento dell'installazione. Per importare la chiave manualmente usare questo comando dal dispositivo del sistema operativo di base: # rpm --import /media/rhel/rpm-gpg-key-redhat-release Al prompt, inserite l'indirizzo attraverso il quale desiderate ricevere le notifiche provenienti dal Satellite. È consigliato scegliere un indirizzo generale invece di un indirizzo specifico personale poichè verranno recapitate numerose notifiche . You must enter an address. Admin Address? example.com * Performing initial configuration Configurazione dell'entitlement Certificate Per poter attivare Satellite sarà necessario fornire la posizione del vostro Certificato di Satellite. 32

36 Capitolo 4. Installazione Configurazione certificato CA Nella fase successiva create un certificato CA per Satellite per un accesso SSL. Per fare questo sarà necessario rispondere ad alcune domande. Certificato CA Inserite una password per il certificato. Organizzazione Inserite il nome della vostra organizzazione Unità organizzazione Inserire il nome del dipartimento presente all'interno della vostra organizzazione. Indirizzo Inserite un indirizzo da associare con questo certificato, come ad esempio l'indirizzo dell'amministratore inserito nelle fasi sopra riportate. Città Inserire la città dove risiede Satellite. Stato Inserite lo stato nel quale si trova Satellite. Nazione Inserite il nome della nazione nella quale risiede Satellite. Il codice della nazione deve essere esclusivamente composto da due lettere, in caso contrario il certificato fallirà. Digitare? per visualizzare un elenco dei codici delle nazioni. Una volta generato il certificato CA lo script dell'installer esegue una configurazione finale riavviando i servizi associati. * Final configuration. * Restarting services. Installation complete. Visit https://your-satellite.example.com to create the satellite administrator account. L'installazione di Red Hat Network Satellite è ora terminata Post-installazione Le seguenti sezioni forniscono alcune considerazioni post installazione Installazione dietro ad un Proxy HTTP: Post-configurazione Una volta completata l'installazione modificare le impostazioni nel file /etc/rhn/rhn.conf: 33

37 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide server.satellite.http_proxy = <http-proxy-fqdn> server.satellite.http_proxy_username = <proxy-username> server.satellite.http_proxy_password = <proxy-password> disconnected=0 Aggiornare il file /etc/rhn/rhn.conf in modo da includere il parametro genitore satellite.rhn.redhat.com: server.satellite.rhn_parent = satellite.rhn.redhat.com Nota Alternativamente se state utilizzando l'interfaccia web di Red Hat Network Satellite eseguite una registrazione come Administratore. Andate su Ammin Configurazione di Red Hat Network Satellite Generale. Qui inserire le impostazioni del Proxy HT T P e disattivare l'opzione Red Hat Network Satellite scollegato. Riavviare il servizio di Satellite: service rhn-satellite restart Riattivare Satellite come Satellite collegato: rhn-satellite-activate --rhn-cert=<path-to-cert> A questo punto dovreste avere un Red Hat Network Satellite collegato operativo dietro un proxy HTTP Creazione di un utente amministrativo Seguite le informazioni che appariranno sulla scheramata e visitate l'fqdn del vostro Satellite tramite un web browser. Create un account per l'amministratore di satellite - anche riferito come Amministratore dell'organizzazione - e successivamente selezionate il pulsante Crea Login per procedere alla schermata successiva, ovvero la schermata Il tuo RHN. 34

38 Capitolo 4. Installazione Figura 4.1. Creazione Account Amministrtore Finalizzazione configurazione Una casella di testo blu apparirà nella parte alte della schermata, indicando che sarà ora possibile personalizzare la configurazione di Satellite e del suo comportamento. Per fare questo fate clic sul testo in grassetto clicca qui. 35

39 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Figura 4.2. Prompt finale di configurazione Configurazione generale La pagina Configurazione Satellite - Configurazione Generale vi permette di alterare le impostazioni di base di Satellite, come ad esempio l'indirizzo dell'amministratore e l'abilitazione del processo di Monitoring. 36

40 Capitolo 4. Installazione Figura 4.3. Configurazione generale Certificato La pagina Configurazione di Red Hat Network Satellite - Certificato permette di caricare un nuovo certificato Satellite. Per identificare il percorso del cartificato fate clic su Cerca, andate alla ricerca del file e una volta trovato selezionatelo. Per inserire i suoi contenuti aprite il vostro certificato in un editor di testo, copiate tutte le linee ed inseritele direttamente all'interno di un campo di testo molto grande presente nella parte bassa. Red Hat consiglia l'utilizzo del file locator in quanto esso risulta essere meno propenso ad errori. Per continuare fate clic su Convalida certificato. Se ricevete alcuni errori relativi al DNS, assicuratevi che il vostro Satellite sia configurato correttamente. 37

41 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Figura 4.4. Certificato Bootstrap La pagina Configurazione Red Hat Network Satellite - Bootstrap permette di creare uno script bootstrap in grado di ridirezionare i sistemi client dai server di Red Hat Network centrali su Satellite. Questo script, da posizionare all'interno della directory /var/www/htm l/pub/bootstrap/ di Satellite, riduce sensibilmente lo sforzo richiesto per riconfigurare tutti i sistemi, i quali per default, ottengono i pacchetti dai server Red Hat Network centrali. I campi in questione vengono popolati con valori provenienti da fasi di installazione precedenti. Assicuratevi che queste informazioni siano accurate. Le caselle offrono la possibilità di includere i contenuti interni di security SSL e GNU Privacy Guard (GPG), entrambi consigliati. In aggiunta è possibile abilitare l'accettazione del comando remoto e la gestione remota della configurazione dei sistemi, designati a ricevere il processo di bootstrap. Entrambi questi processi risultano essere molto utili per il completamento della configurazione del client. Per finire, se state utilizzando un server proxy HT T P, completate i campi interessati. Una volta terminato fate clic su Genera lo script di Bootstrap. A questo punto verrà visualizzata la pagina Installazione com pleta. 38

42 Capitolo 4. Installazione Figura 4.5. Bootstrap Organizzazioni La pagina Configurazione Red Hat Network Satellite - Organizzazioni presenta le opzioni di configurazione per raggruppamenti logici di sistemi, canali software, sottoscrizioni ed entitlement. Un Red Hat Network Satellite è in grado di gestire organizzazioni multiple ognuna delle quali con un amministratore dell'organizzazione individuale. 39

43 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Figura 4.6. Organizzazioni Riavvia La pagina Configurazione Red Hat Network Satellite - Riavvio riporta la fase finale per la configurazione di Satellite. Fate clic sul pulsante Riavvia per riavviare Satellite e per poter incorporare tutte le opzioni di configurazione aggiunte sulle schermate precedenti. Da notare che tale processo richiederà circa quattro o cinque minuti prima di terminare. 4 0

44 Capitolo 4. Installazione Figura 4.7. Riavvia Una volta riavviato Satellite, il messaggio di conto alla rovescia scomparirà. A questo punto sarete in grado di poter utilizzare il vostro Satellite Ricompilazione di Cobbler La pagina Configurazione Red Hat Network Satellite - Cobbler riporta le opzioni per ricompilare o aggiornare il contenuto di Cobbler se modificato esternamente al Satellite. 4 1

45 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Figura 4.8. Cobbler Configurazione di Message Transfer Agent (MTA) Se utilizzate Satellite per servire sistemi con entitlement di Monitoring e se desiderate essere informati tramite di tutte le notifiche di allerta da voi ricevute, è necessario configurare Message T ransfer Agent (MT A) in modo da gestire adeguatamente tutta la posta in entrata. T ale impostazione è richiesta dalla modalità di ridirezionamento delle , la quale permette di notificare agli utenti tutti gli eventi relativi al Monitoring tramite una sola Sendmail Per configurare correttamente sendmail eseguire i seguenti comandi come utente root. 1. Creare un link simbolico e permettere a sendmail di eseguire l'enqueuer di notifica con il seguente comando: # ln -s /usr/bin/ack_enqueuer.pl /etc/smrsh/. 2. Successivamente, modificate il file /etc/aliases sul server di posta e aggiungete la seguente riga: rogerthat01: /etc/smrsh/ack_enqueuer.pl 3. Moificate poi il file /etc/m ail/sendm ail.m c e cambiate: "DAEMON_OPTIONS(`Port=smtp,Addr= , Name=MTA')dnl" in: 4 2

46 Capitolo 4. Installazione "DAEMON_OPTIONS(`Port=smtp, Name=MTA')dnl" 4. Processare l'alias con il seguente comando: # newaliases 5. Per finire, aggiornate il pacchetto sendm ail-cf: # yum update sendmail-cf 6. Riavvia sendmail: # service sendmail restart Postfix Per configurare correttamente postfix eseguire il seguente comando come utente root. 1. Creare un link simbolico e permettere a postfix di eseguire l'enqueuer di notifica con il seguente comando: # ln -s /usr/bin/ack_enqueuer.pl /etc/smrsh/. 2. Successivamente, modificate il file /etc/aliases sul server di posta e aggiungete la seguente riga: rogerthat01: /etc/smrsh/ack_enqueuer.pl 3. Controllare la presenza della seguente riga nel file /etc/postfix/m ain.cf e modificare: inet_interfaces = all 4. Processare l'alias con il seguente comando: # newaliases 5. Riavvia sendmail: # service postfix restart Installazione di MySQL per il Monitoring Questa sezione è applicabile solo se utilizzate Satellite per servire sistemi con un entitlement di Monitoring e se desiderate eseguire i probe MySQL nei confronti dei sistemi stessi. Consultate l'appendice relativa ai Probe della Red Hat Network Satellite Reference Guide, per un elenco completo dei probe disponibili. Se desiderate eseguire i probe MySQL, registrate Satellite a canale Red Hat Enterprise Linux, ed installate il pacchetto mysql-server attraverso il sito web di Red Hat Network o con il comando yum. Altri due pacchetti verranno scaricati durante questa operazione. Essi sono necessari per l'installazione e l'esecuzione del pacchetto m ysql-server. Una volta terminato, il vostro Satellite verrà utilizzato per riprogrammare i probe MySQL. 4 3

47 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Capitolo 5. Entitlement Red Hat Network Satellite rende disponibili tutti i servizi per mezzo di entitlement. È possibile acquistare gli entitlement necessari tramite Red Hat Network. Per Red Hat Network Satellite gli entitlement vengono resi disponibili tramite contratto ed implementati al momento dell'installazione. T utti i canali pubblici vengono resi automaticamente disponibili mentre quelli privati sono determinati dal Red Hat Network Entitlement Certificate. Il Certificate dell'entitlement presenta un set esatto di entitlement attribuiti alla vostra organizzazione. Red Hat si riserva il diritto di confrontare in qualsiasi momento, i contenuti del Red Hat Network Entitlement Certificate in questione, con le impostazioni dell'entitlement del database, in modo da assicurare la conformità con i termini del contratto dell'utente con Red Hat. Il Satellite Installer Program esegue le fasi riportate in questa sezione durante l'installazione iniziale. Come risultato gli utenti non avranno il bisogno di eseguire le fesi di questa sezione se non viene importato un nuovo Certificato, ad esempio un certificato che rifletta un aumento del numero di entitlement Red Hat Network Satellite Activate Per Satellite scollegati o per utenti che desiderano lavorare in modo locale, Red Hat fornisce un tool della linea di comando per la gestione del vostro Red Hat Network Entitlement Certificate e per l'attivazione di Satellite utilizzando lo stesso certificato: Red Hat Network Satellite Activate (rhnsatellite-activate). T ale processo viene incluso con l'installazione di Satellite come parte del pachetto spacewalk-backend-tools. Il tool rhn-satellite-activate offre un numero di opzioni della linea di comando per l'attivazione di un Satellite utilizzando il proprio Red Hat Network Entitlement Certificate: T abella 5.1. Opzioni di Red Hat Network Entitlement Certificate Opzione -h, --help --sanity-only --disconnected --rhn-cert=/path/to/cert --system id=/path/to/systemid --no-ssl Descrizione Visualizza la schermata di aiuto con un elenco di opzioni. Conferma la correttezza del cerificato. Non attiva il Satellite nè in modo locale nè in modo remoto. Attiva in modo remoto ma non su server Red Hat Network remoti. Carica nuovi certificati e attiva il Satellite basato su altre opzioni passate (se presenti). Solo come prova - Fornisce un ID alternaivo del sistema a seconda del percorso e del file. Se non specificato, viene utilizzato il default del sistema. Solo come prova - Disabilita SSL. Per usare queste opzioni inserire l'opzione ed il valore appropriato, se necessario, dopo il comando rhn-satellite-activate Attivazione di satellite con un nuovo certificato di entitlement Usare le opzioni presenti in T abella 5.1, «Opzioni di Red Hat Network Entitlement Certificate» per eseguire i seguenti compiti nell'ordine riportato: 4 4

48 Capitolo 5. Entitlement eseguire i seguenti compiti nell'ordine riportato: 1. Convalidare la correttezza del Red Hat Network Entitlement Certificate (o la sua utilità). 2. Attivare Satellite in modo locale inserendo il Red Hat Network Entitlement Certificate all'inteno del database locale. 3. Attivare Satllite in modo remoto inserendo il Red Hat Network Entitlement Certificate all'interno del database Red Hat Network (remoto) centrale. T ale processo viene eseguito durante una attivazione locale, ma potrebbe aver bisogno di una fase secondaria se scegliete l'opzione -- disconnected. Ecco qualche esempio in grado di visualizzare l'utilizzo del tool e delle opzioni relative. Solo per convalidare la correttezza del Red Hat Network Entitlement Certificate: rhn-satellite-activate --sanity-only --rhn-cert=/path/to/demo.cert Per convalidare un Red Hat Network Entitlement Certificate e per popolare il database locale: rhn-satellite-activate --disconnected --rhn-cert=/path/to/demo.cert Per convalidare un Red Hat Network Entitlement Certificate e per popolare sia il database di Red Hat Network che quello locale: rhn-satellite-activate --rhn-cert=/path/to/demo.cert Una volta eseguito questo comando finale Satellite sarà in esecuzione ed in grado di servire localmente i pacchetti eseguendo una sincronizzazione con i server di Red Hat Network centrali. Per maggiori informazioni consultate il Capitolo 6, Contenuto e sincronizzazione Scadenza del Certificato di entitlement di Satellite I Certificati di Satellite scadono alle 11:59:59 PM nel giorno riportato all'interno del campo scade del certificato, ed i nuovi certificati vengono attivati alle 12:00:00 AM del giorno riportato all'interno del campo em esso. È stato implementato un 'grace period' standard di sette (7) giorni che intercorre dalla data di scadenza del certificato di Satellite, ed il periodo entro il quale il certificato stesso diventa inattivo. T ale periodo viene utilizzato dagli utenti interessati per contattare il Red Hat Support ed ottenere un nuovo certificato. Durante il grace period si può verificare quanto segue: Satellite rimane inattivo. Qualsiasi utente che esegue un login su Satellite sarà in grado di visualizzare un banner sulla rispettiva pagina Panoram ica il quale indica la scadenza del certificato di Satellite. Una volta al giorno per sette giorni alla settimana, l'amministratore di Satellite riceve una notifica tramite riguardante la scadenza del certificato. Una volta terminato il grace period, Satellite diventa non disponibile: gli utenti non saranno in grado di eseguire un login sul web UI, e tutti i tool relativi al client presenteranno il messaggio Certificato Scaduto. Per finire l'amministratore di Satellite riceve una notifica giornaliera tramite riguardante la scadenza del certificato. 4 5

49 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Capitolo 6. Contenuto e sincronizzazione Il server di Red Hat Network Satellite è ora installato. A questo punto sarà necessario fornire i pacchetti ed i canali da servire ai sistemi client. Questo capitolo affronta il metodo attraverso il quale importare e aggiornare il contenuto. Soddisfare i seguenti requisiti prima di eseguire una sincronizzazione di Red Hat Network Satellite: L'installazione di Red Hat Network Satellite deve essere stata eseguita con successo. Le ISO del contenuto del canale di Red Hat Network oppure i dati di Red Hat Network Satellite Exporter devono essere disponibili, oppure Satellite deve essere in grado di accedere ad internet e al sito web di Red Hat Network Red Hat Network Satellite Synchronization Tool Il Red Hat Network Satellite Synchronization T ool (satellite-sync) permette a Red Hat Network Satellite di aggiornare i metadati del proprio database ed i pacchetti RPM con sorgenti diversi. Importante L'esecuzione di satellite-sync consente di importare una quantità molto elevata di dati in modo particolare su server Satellite appena installati. Se il database presenta alcune problematiche relative alle prestazioni dopo uno scambio di una quantità molto elevata di dati è consigliato ottenere informazioni relative al database stesso. A tale scopo consultare la Sezione 9.4, «Utilizzo di RHN DB Control» per maggiori informazioni. Per poter eseguire Red Hat Network Satellite Synchronization T ool eseguire il seguente comando come utente root: satellite-sync Il Red Hat Network Satellite Synchronization T ool funziona in modo incrementale. Per poter ottenere le informazioni sull'errata, esso deve prima conoscere il contenuto dei pacchetti. Per poter aggiornare i pacchetti il tool deve prima identificare il canale associato. Per questo il Red Hat Network Satellite Synchronization T ool esegue le proprie azioni nel seguente ordine: 1. channel-fam ilies Importazione/sincronizzazione dei dati (architettura) della famiglia del canale. 2. channels Importazione/sincronizzazione dei dati del canale. 3. rpm s Importazione/sincronizzazione degli RPM. 4. packages Importazione/sincronizzazione dei dati completi del pacchetto per gli RPM che sono stati ripresi con successo. 5. errata Importazione/sincronizzazione delle informazioni Errata. Ognuna di queste fasi può essere inizializzata in modo individuale a scopo di prova, ottenendo così l'effetto di forzare il tool ad arrestarsi quando la fase risulta essere terminata. Tutte le fasi che lo precedono dovranno essere eseguite. Per questo motivo invocando la fase rpm s verranno eseguite prima ed in modo automatico le fasi channels e channel-fam ilies. Per iniziare una fase individuale utilizzare --step nel modo seguente: 4 6

50 Capitolo 6. Contenuto e sincronizzazione # satellite-sync --step=rpms In aggiunta a --step, il Red Hat Network Satellite Synchronization Tool è in grado di offrire altre opzioni della linea di comando. Per poterle utilizzare, inserite l'opzione insieme al valore appropriato dopo il comando satellite-sync, al momento del lancio del processo di importazione/sincronizzazione. 4 7

51 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide T abella 6.1. Opzioni satellite-sync Opzione -h, --help -d=, --db=db Descrizione Mostra questo elenco di opzioni ed esci. Include la sringa alternata di colleamento del database: nome -m =, --m ount-point=mount_point Importa/sinc dal media locale montato sul Satellite. Da utilizzare in ambienti chiusi (come ad esempio gli ambienti creati durante le installazioni di tipo disconnesse). --list-channels Elenca tutti i canali disponibili ed esci. -c CHANNEL, --channel=channel_label Processa solo i dati per questo canale. Canali multipli possono essere inclusi ripetendo l'opzione. Se non viene specificato alcun canale tutti i canali presenti sul Satellite verranno ricaricati -p, --print-configuration --no-ssl --step=step_name --no-rpm s --no-packages --no-errata --no-kickstarts --force-all-packages --debug-level=level_number -- --traceback-m ail=traceback_mail -s=, --server=server --http-proxy=http_proxy --http-proxy-usernam e=proxy_username 4 8 Stampa la configurazione corrente ed esci. Non consigliabile - Disabilita SSL. Esegue il processo di sincronizzazione solo nei confronti di fasi specifiche. Generalmente viene utilizzato durante i test. Non riprende gli RPM attuali. Non processa i dati completi del pacchetto. Non processa le informazioni sull'errata. Non processa i dati di kickstart (solo provisioning). Processa forzatamente tutti i dati del pacchetto senza eseguire un processo di diff. Annulla la quantità di messaggi inviati ai file di log, e generati sul set della schermata in /etc/rhn/rhn.conf, 0-6 (2 è il default). Invia un riporto tramite , di ciò che è stato importato/sincronizzato, al destinatario designato di traceback. Direziona l'output di sinc (da --em ail) a questo indirizzo . Include l'hostname di un server alternativo al quale collegarsi, per il processo di sincronozzazione. Aggiunge un server proxy HT T P alternativo, sotto forma di hostname:port. Include il nome utente per il server proxy HT T P alternativo.

52 Capitolo 6. Contenuto e sincronizzazione --http-proxy-password=proxy_password --ca-cert=ca_cert --system id=system_id --batch-size=batch_size HT T P alternativo. Include la password per il server proxy HT T P alternativo. Utilizza un certificato SSL CA alternativo, includendo il percorso completo ed il filename. Solo per debugging - Include il percorso per l'id del sistema digitale alternativo. Solo per il debugging - Imposta una misura massima di batch, espressa in percentuale, per il processo di importazione del database/xml. Consultate la pagina man di satellite-sync per maggiori informazioni Sincronizzazione con il dispositivo locale Anche se è possibile eseguire l'importazione direttamente dal sito web di Red Hat Network tale operazione dovrebbe essere eseguita solo se le ISO del contenuto del canale non risultano essere disponibili. Per popolare un canale attraverso internet è necessario un periodo di tempo molto elevato. Per questo motivo, Red Hat consiglia di utilizzare le ISO, se disponibili, per un processo iniziale di importazione Preparazione ad un processo d'importazione dal Media Locale Le ISO del contenuto del canale sono una raccolta speciale che contiene sia i dump XML dei metadati che i pacchetti. Le immagini ISO possono essere scaricate dal sito web di Red Hat su una macchina collegata ad Internet e successivamente trasferita sul Satellite. Procedura 6.1. Ottenere le ISO del contenuto del canale 1. Registrazione sulla Interfaccia Utente del web 2. Selezionare Canali nella barra di navigazione superiore. 3. Selezionare il canale del Red Hat Network Satellite. Assicurtevi di selezionare il canale desiderato che corrisponde alla vostra versione di Satellite. 4. Selezionare Downloads e seguire le istruzioni presenti sulla pagina per ottenere le ISO disponibili in base alla versione di Red Hat Enterprise Linux. 5. Se non siete in grado di visualizzare le ISO desiderate assicuratevi di aver caricato il Red Hat Network Entitlement Certificate sul Red Hat Network; il certificato deve identificare correttamente i canali di destinazione desiderati. La procedura successiva monta le ISO del contenuto del canale e copia i contenuti in una directory del repositorio temporanea. Procedura 6.2. Come montare e copiare le ISO del contenuto del canale 1. Eseguite il login come utenti root. 2. Create una directory in /m nt per conservare i file, utilizzando il seguente comando: # mkdir /mnt/import/ 3. Montare il file ISO usando il seguente comando: 4 9

53 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide # mount [iso_filename] /mnt/import -o loop 4. Create una directory target per i file, come ad esempio: # mkdir /var/rhn-sat-import/ 5. Questo esempio di comando presume che l'amministratore desideri copiare i contenuti di ISO (montato su /m nt/im port/) in /var/rhn-sat-im port/: # cp -ruv /mnt/import/* /var/rhn-sat-import/ 6. Successivamente smontare /m nt/im port in preparazione per il CD o l'iso successivo: # umount /mnt/import 7. Ripetete queste fasi per ogni ISO del contenuto del canale di ogni canale da importare Importare da un dispositivo locale Il seguente processo presume che nella fase precedente l'utente abbia copiato tutti i dati su /var/rhnsat-im port. 1. Elencare i canali disponibili da importare # satellite-sync --list-channels --mount-point /var/rhn-sat-import 2. Iniziare il processo di importazione di un canale specifico usando una etichetta presente nell'elenco precedente. # satellite-sync -c [channel-label] --mount-point /var/rhn-sat-import Nota Il processo di importazione dei dati di un pacchetto può richiedere fino a due ore per un singolo canale. Eseguire la registrare dei sistemi ai canali quando gli stessi risultano essere disponibili sull'interfaccia web di Red Hat Network Satellite. Nessun pacchetto è necessario per la registrazione ma è importante ricordare che non è possibile recuperare gli aggiornamenti dal Satellite fino quando il canale non è completamente popolato. 3. Ripetere questa fase per ogni canale o includerli tutti all'interno di un comando, passando l'etichetta di ogni canale preceduta da un flag -c aggiuntivo nel modo seguente: # satellite-sync -c [channel-label-1] -c [channel-label-2] --mount-point /var/rhn-sat-import Dopo aver eseguito il comando il canale dovrebbe risultare completamente popolato. T utti i pacchetti dovrebbero trovarsi al di fuori del repositorio, per una verifica usare il seguente comando: # cd /var/rhn-sat-import/; ls -alr grep rpm Se tutti gli RPM sono stati installati e spostati nelle loro posizioni permanenti, allora il contenggio 50

54 Capitolo 6. Contenuto e sincronizzazione dovrebbe essere zero e l'amministratore potrà rimuovere in modo sicuro il repositorio /var/rhn-satimport/ temporaneo Sincronizzazione attraverso l'esportazione di satellite Lo strumento Red Hat Network Satellite Exporter (rhn-satellite-exporter) esegue l'esportazione del contenuto di Satellite in un formato XML. Il contenuto verrà importato da un utente in un satellite identico ma diverso. Esportare il contenuto in una directory desiderata con l'opzione -d, spostare la directory in un altro satellite ed usare Red Hat Network Satellite Synchronization T ool per importare i contenuti. Questa operazione esegue la sincronizzazione dei due satellite. Red Hat Network Satellite Exporter fornisce il seguente contenuto: Famiglia del canale Architetture Metadata del canale Blacklist RPM Metadata RPM Errata Kickstart Per eseguire una esportazione Red Hat Network Satellite Exporter soddisfare i seguenti requisiti: L'installazione di Satellite sarà stata eseguita con successo. Per poter contenere i contenuti esportati è necessario avere sufficiente spazio su disco all'interno della directory specificata nell'opzione --dir Come eseguire una esportazione Configurare Satellite in modo da poter essere duplicato in un altro Satellite o effettuare un backup in una soluzione di storage. Eseguire il comando come utente root. # rhn-satellite-exporter --dir=/var/rhn-sat-export --no-errata Una volta terminato, la directory di esportazione potrà essere rimossa su di un altro Satellite o all'interno di una soluzione di storage utilizzando rsync o scp -r. Red Hat Network Satellite Exporter ha a disposizione numerose opzioni della linea di comando. Per il loro utilizzo inserire l'opzione ed il valore appropriato dopo il comando rhn-satellite-exporter. 51

55 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide T abella 6.2. Opzioni per il Red Hat Network Satellite Exporter Opzione -d, --dir= -cchannel_label, -- channel=channel_label --list-channels --list-steps Descrizione Posiziona le informazioni esportate all'interno di questa directory. Processa i dati solo per questo canale specifico (specificato dall'etichetta). NOT A BENE: *l'etichetta* del canale NON corrisponde al *nome* del canale. Elenca tutti i canali disponibili ed esci. Elenca tutte le fasi seguite da rhn-satelliteexporter durante un processo di esportazione dei dati. Esse possono essere usate come valore per --step. -p --print-configuration Stampa la configurazione ed esci. --print-report --no-rpm s --no-packages --no-errata --no-kickstarts --debug-level=level_number --start-date=st ART_DAT E --end-date=end_dat E --m ake-isos=make_isos -- --traceback-m ail= --db=db --hard-links Stampa un riporto sul terminale quando il processo di esportazione è stato completato. Non riprende gli RPM attuali. Non esporta alcun metadata RPM. Non processa le informazioni sull'errata. Non processa i dati di kickstart (solo provisioning). Annulla la quantità di messaggi inviati ai file di log, e generati sul set della schermata in /etc/rhn/rhn.conf, 0-6 (2 è il default). Questa opzione confronta il limite della data iniziale da voi impostato con le ultime date modificate. Il suo formato deve essere in YYYYMMDDHH24MISS (per esempio, ) Questa opzione confronta il limite della data finale da voi impostato con le ultime date modificate. Il suo formato deve essere in YYYYMMDDHH24MISS (per esempio, ) Create una directory ISO per il dump del canale chiamata satellite-isos (per esempio, -- m ake-isos=cd o dvd Invia un riporto tramite su ciò che è stato esportato insieme agli errori che si sono verificati. Indirizzo alternativo per -- . Include la sringa alternata di colleamento del database: nome Esportate l'rpm ed i file kickstart con link hard sui file originali. Selezionare i contenuti, ad esempio RPM, errata o kickstart che desiderate esportare usando le opzioni della linea di comando. 52

56 Capitolo 6. Contenuto e sincronizzazione L'ammontare di tempo necessario a rhn-satellite-exporter per esportare i dati, dipende dal numero e dalla dimensione dei canali da esportare. Utilizzando le opzioni --no-packages, --nokickstarts, --no-errata, e --no-rpm s, sarete in grado di ridurre il tempo necessario a rhnsatellite-exporter per essere eseguito, inoltre viene impedito l'esportazione di informazioni utili. Per questo motivo, le suddette opzioni dovrebbero essere usate solo se siete sicuri di non aver bisogno dei contenuti da loro esclusi. In aggiunta, è necessario utilizzare le opzioni corrispondenti per satellite-sync durante l'importazione dei dati. Per esempio, se utilizzate --no-kickstarts con rhn-satellite-exporter sarà necessario specificare l'opzione --no-kickstarts durante l'importazione dei dati. Durante l'esportazione di un canale di base di Red Hat Network assicuratevi di esportare il canale degli strumenti appropriati associato con il canale di base in questione. Il suddetto canale contiene i pacchetti auto-kickstart i quali installano i pacchetti per il kickstart di una macchina per mezzo di Satellite Come spostare il contenuto di Red Hat Network Satellite Exporter Con la seguente procedura è possibile copiare i dati di Red Hat Network Satellite Exporter sul sistema locale per il processo di importazione. Procedura 6.3. Come spostare il contenuto esportato 1. Eseguite il login come utenti root. 2. Creare una directory di destinazione per i file come ad esempio: # mkdir /var/rhn-sat-import/ 3. Rendete i dati disponibili sulla macchina locale all'interno della directory creata seguendo la fase precedente. T ale processo può essere eseguito copiando direttamente i dati, oppure montando i dati stessi da un'altra macchina usando NFS. Sarà più facile copiare i dati all'interno di una nuova directory con un comando simile al seguente: # scp -r storage.example.com:/var/rhn-sat-export/* /var/rhn-sat-import Quando i dati risultano essere disponibili sarà possibile eseguire il processo d'importazione Esecuzione di un processo di importazione Il seguente processo presume che nella fase precedente l'utente abbia copiato tutti i dati su /var/rhnsat-im port. 1. Elencare i canali disponibili per l'importazione con il comando: # satellite-sync --list-channels --mount-point /var/rhn-sat-import 2. Iniziare il processo di importazione di un canale specifico usando una etichetta del canale presente nell'elenco precedente. Eseguire il seguente comando: # satellite-sync -c [channel-label] --mount-point /var/rhn-sat-import 53

57 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Nota Il processo di importazione dei dati del pacchetto può richiedere fino a due ore per canale. Potrete iniziare la registrazione dei sistemi sui canali appena gli stessi appaiono nel sito web di Red Hat Network Satellite. Nessun pacchetto sarà necessario per la registrazione, anche se gli aggiornamenti non possono essere recuperati da Satellite fino a quando il canale non viene completamente popolato. Ripetere questa fase per ogni canale, oppure includerli tutti all'interno di un comando singolo passando ogni etichetta preceduta da un flag -c aggiuntiva: # satellite-sync -c channel-label-1 -c channel-label-2 -mount-point /var/rhn-sat-import 3. Il canale sarà completamente popolato. Verificare che tutti i pacchetti siano stati spostati esternamente al repositorio con il seguente comando: # cd /var/rhn-sat-import/; ls -alr grep rpm Il conteggio risulterà essere zero se tutti gli RPM sono stati installati e spostati sulle rispettive posizioni permanenti. Rimuovere il repositorio temporaneo /var/rhn-sat-im port/: # rm -rf /var/rhn-sat-import 6.4. Sincronizzazione con Red Hat Network Il comando satellite-sync esegue anche la sincronizzazione di un Red Hat Network Satellite collegato con Red Hat Network. T ale procedura aggiorna i metadati del database ed i pacchetti RPM dei server di Red Hat Network. Procedura 6.4. Sincronizzazione con Red Hat Network 1. Elencare i canali disponibili sul Red Hat Network Satellite collegato usando il comando --listchannels. # satellite-sync --list-channels 2. Eseguire la sincronizzazione con un canale Red Hat Network usando l'opzione -c. # satellite-sync -c [channel-label] Per ulteriori opzioni di satellite-sync consultare Sezione 6.1, «Red Hat Network Satellite Synchronization T ool». 54

58 Capitolo 7. Sincronizzazione Inter-Satellite Capitolo 7. Sincronizzazione Inter-Satellite Red Hat Network Satellite 5.5 supporta la sicronizzazione tra due Satellite. Il processo di sincronizzazione permette agli amministratori di semplificare il processo di coordinamento del contenuto da un Red Hat Network Satellite 'sorgente' ad un altro. Di seguito sono riportati i requisiti di base: Un minimo di due server Red Hat Network Satellite (versione 5.3 o più recenti); Almeno un Red Hat Network Satellite popolato con almeno un canale e Un certificato Master Red Hat Network Satellite SSL disponibile su ogni Red Hat Network Satellite slave per un collegamento sicuro Modelli consigliati per una sincronizzazione Inter-Satellite Una sincronizzazione Inter-Satellite fornisce le funzioni per la sincronizzazione del contenuto tra due o più Satellite. Di seguito sono riportati alcuni degli utilizzi tipici i quali saranno d'ausilio per determinare il modo attraverso il quale potrete ottenere il massimo dei benefici nel vostro ambiente. Figura 7.1. Staging Satellite In questo esempio lo Stage Satellite viene usato per preparare il contenuto ed eseguire il lavoro di quality assurance (QA) per assicurare l'idoneità dei pacchetti per un loro utilizzo di produzione. Dopo l'approvazione del contenuto alla fase di produzione, il Production Satellite sincronizzerà il contenuto dallo Stage Satellite. Figura 7.2. Master Server e slave peer che includono il proprio contenuto personalizzato 55

59 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide In questo esempio il Satellite master è il canale di sviluppo dal quale viene distribuito il contenuto a tutti gli slave di produzione. Alcuni Satellite slave presentano un contenuto aggiuntivo il quale non è presente nei canali del master. Questi pacchetti vengono conservati, ma tutte le modifiche del Satellite master sono sincronizzate con il Satellite slave. Figura 7.3. I Satellite slave vengono conservati esattamente come il Satellite master In questo esempio il Satellite master (per esempio un rivenditore software o hardware) fornisce i dati ai propri clienti. Queste modifiche sono regolarmente sincronizzate con i Satellite slave Configurazione del server master di Red Hat Network Satellite Per utilizzare la sincronizzazione inter-satellite è necessario prima installarla. Assicuratevi che /etc/rhn/rhn.conf contenga la seguente riga: disable_iss=0 Nello stesso file è presente la variabile: allowed_iss_slaves= Per impostazione predefinita nessun Satellite slave viene specificato per la sincronizzazione dal master server, per cui sarà necessario inserire l'hostname di ogni server di Satellite slave separato da virgole. Per esempio: allowed_iss_slaves=slave1.satellite.example.org,slave2.satellite.example.org Una volta terminata la configurazione del file rhn.conf riavviate il servizio httpd tramite il seguente comando: service httpd restart 7.3. Configurazione dei server slave di Red Hat Network Satellite 56

60 Capitolo 7. Sincronizzazione Inter-Satellite Per configurare i server slave di Red Hat Network Satellite per una sincronizzazione Inter-Satellite assicuratevi di avere un certificato ORG-SSL dal vostro server master Red Hat Network Satellite in modo da poter trasferire in maniera sicura il vostro contenuto. È possibile eseguire il download attraverso http dalla directory /pub/ di qualsiasi Satellite. Il file è chiamato RHN-ORG-T RUST ED-SSL-CERT, ma può essere rinominato e posizionato in qualsiasi posizione sul Satellite slave come ad esempio la directory /usr/share/rhn/. Per informazioni sulla configurazione SSL per un utilizzo con Red Hat Network Satellite consultate il capitolo 3, "Infrastruttura SSL" nella Red Hat Network Satellite Client Configuration Guide Una volta posizionato il certificato SSL sul server slave sarà possibile visualizzare un elenco di canali disponibili per il processo di sincronizzazione dal server master di Satellite eseguendo il seguente comando (sostituendo m aster.satellite.exam ple.com con l'hostname del server master di Satellite): satellite-sync --iss-parent=master.satellite.example.com --cacert=/usr/share/rhn/rhn-org-trusted-ssl-cert --list-channels Questo comando elenca entrambi i canali Red Hat Network Hosted insieme a qualsiasi canale personalizzato disponibile sul server master di Satellite Come usare la sincronizzazione Inter-Satellite Ora che la sincronizzazione Inter-Satellite è stata configurata sarà possibile usarla per sincronizzare i canali dal Satellite master ai server slave. Sui server slave configurate l'hostname del vostro Master server ed il percorso del file del certificato SSL nelle seguenti righe del file /etc/rhn/rhn.conf: iss_parent iss_ca_chain = master.satellite.domain.com = /usr/share/rhn/rhn-org-trusted-ssl-cert Successivamente eseguite il comando satellite-sync: # satellite-sync -c your-channel Nota Qualsiasi opzione della linea di comando per satellite-sync sovrascriverà qualsiasi impostazione predefinita o personalizzata nel file /etc/rhn/rhn.conf Sincronizzazione tra il server di staging di sviluppo ed un Satellite di produzione Si potrebbero verificare alcune situazioni nelle quali un amministratore desidera sincronizzare i dati da un server di staging con canali personalizzati pronti per un loro utilizzo, con un Satellite server di produzione. Per esempio, un server di Satellite usato per la produzione normalmente esegue la sincronizzazione direttamente dai server del Red Hat Network Hosted in modo da ottenere gli aggiornamenti del contenuto, talvolta potrà eseguire una sincronizzazione delle informazioni di produzione da un server di sviluppo di Red Hat Network Satellite. 57

61 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Figura 7.4. Sincronizzazione da Red Hat Network Hosted ed un server di staging di Satellite Normalmente l'amministratore esegue: satellite-sync -c your-channel Questo comando esegue i download direttamente dai dati di rhn_parent (generalmente Red Hat Network Hosted, rhn.redhat.com). Successivamente per eseguire la sincronizzazione dall'indirizzo del server Satellite di staging l'amministratore esegue: satellite-sync --iss-parent=staging-satellite.example.com -c custom-channel Sincronizzazione bidirezionale Gli amministratori possono configurare un ambiente nel quale due server Red Hat Network Satellite si comportano tra di loro come se fossero master. Per esempio, i Satellite A e B possono eseguire la sincronizzazione del contenuto tra di loro. Figura 7.5. Sincronizzazione bidirezionale Entrambi i Satellite avranno bisogno di condividere i certificati SSL, successivamente impostate l'opzione iss_parent nel file /etc/rhn/rhn.conf del Satellite A, in modo da indicare l'hostname del Satellite B e fare la stessa cosa per il Satellite B in modo da indicare il Satellite A come iss_parent Sincronizzazione in base all'organizzazione Lo strumento satellite-sync offre la possibilità di importare il contenuto ad una organizzazione specifica. È possibile eseguire questa operazione in modo locale o tramite una sincronizzazione remota da un hosted o altro tipo di satellite. L'obiettivo di una sincronizzazione Satellite è quello di importare il contenuto in base all'orgid. Questo processo è indicato principalmente per due tipi di utenti. Il primo si riferisce alle MultiOrg scollegate, dove 58

62 Capitolo 7. Sincronizzazione Inter-Satellite l'origine principale del contenuto per l'utente deriva dai channel dump oppure tramite un processo di esportazione da satellite collegati con un successivo processo di importazione al Satellite. L'utente ospita i canali personalizzati di satellite scollegati. Se si desidera esportare un canale personalizzato dai satellite collegati sarà necessario eseguire una procedura di sincronizzazione dell'organizzazione. Il secondo caso è rappresentato da un utente satellite Multi-Org collegato. È possibile usare questi nuovi flag per spostare il contenuto tra le diverse organizzazioni. La sincronizzazione in base alla organizzazione presenta alcune regole da seguire per preservare l'integrità dell'organizzazione che genera il contenuto. Se il contenuto sorgente appartiene ad una organizzazione di base (qualsiasi contenuto di Red Hat) verrà impostata come impostazione predefinita l'organizzazione di base anche se avete specificato una organizzazione di destinazione. Così facendo il contenuto resterà sempre sotto quella organizzazione di base privilegiata. Se si specifica una organizzazione sulla linea di comando, tale organizzazione verrà presa come riferimento e usata per il processo di importazione del contenuto. Se non viene spacificata alcuna organizzazione l'impostazione predefinita sarà org 1. Di seguito sono riportati tre esempi nei quali vengono usati gli ID dell'organizzazione (orgid) per la sincronizzazione tra i Satellite: Esempio 7.1. Importazione contenuto dal master allo slave satellite. # satellite-sync --parent-sat=master.satellite.domain.com -c channel-name -- orgid=2 Esempio 7.2. Importazione del contenuto da un processo dump esportato di una specifica org # satellite-sync -m /dump -c channel-name --orgid=2 Esempio 7.3. Importazione del contenuto da un Red Hat Network Hosted # satellite-sync -c channel-name 59

63 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Capitolo 8. Aggiornamenti Questo capitolo affronta il metodo attraverso il quale è possibile eseguire un aggiornamento di un Red Hat Network Satellite pre-esistente ad una versione 5.5. Soddisfare i requisiti elencati in Sezione 8.1, «Requisiti di aggiornamento» prima di eseguire la procedura di aggiornamento Requisiti di aggiornamento Per eseguire un aggiornamento da una versione di Satellite ad un'altra assicuratevi di avere un: Certificato Satellite aggiornato; Pacchetto per la documentazione di aggiornamento di Satellite (rhn-upgrade); ISO per una nuova installazione; La seguente procedura affronta come soddisfare i requisiti sopra riportati. Procedura 8.1. Preparazione per un aggiornamento di Satellite 1. Ottenere un certificato satellite a. Ottenere un certificato Satellite dal Portale clienti di Red Hat https://access.redhat.com/home in Sottoscrizioni. b. Salvare questo certificato sul server di Satellite. 2. Ottenere il pacchetto per la documentazione di aggiornamento di Satellite (rhnupgrade) a. Assicurarsi che Satellite sia registrato al canale di Red Hat Network Satellite. b. Installare il pacchetto rhn-upgrade con il seguente comando: # yum install rhn-upgrade Questo pacchetto installa gli script e un set completo di istruzioni per un processo di aggiornamento del Satellite all'interno della directory /etc/sysconfig/rhn/satelliteupgrade. 3. Come ottenere una ISO di installazione a. Acquisire una Red Hat Network Satellite 5.5 ISO dal Portale clienti di Red Hat su https://access.redhat.com/home in Downloads. b. Scaricare la ISO sul server di Satellite Aggiornare satellite Una volta soddisfatti i requisiti necessari seguire la procedura successiva per l'aggiornamento. Importante Di seguito viene riportata una procedura di aggiornamento di base per il Satellite dalla versione 5.4 a 5.5. Per istruzioni complete consultare il file /etc/sysconfig/rhn/satelliteupgrade/readme nel pacchetto rhn-upgrade. Procedura 8.2. Aggiornare un Satellite 1. Montare l'iso come riportato in Sezione 4.1.2, «Montaggio del dispositivo di installazione» 60

64 Capitolo 8. Aggiornamenti 2. Andare sull'iso montata ed eseguire il programma di installazione usando l'opzione --upgrade. # cd /mount/cdrom #./install.pl --upgrade Importante Usare le opzioni aggiuntive se il Red Hat Network Satellite è disconnesso o si utilizza un Database Stand-Alone. Per maggiori informazioni consultare Sezione 4.2.1, «Opzioni per lo script dell'installer». 3. Disabilitare tutti i servizi presenti sul server di Satellite: # /usr/sbin/rhn-satellite stop Importante La fase successiva eseguirà un aggiornamento dello schema del database. Assicuratevi che il database sia in esecuzione sul Database Stand-Alone. Se utilizzate un Database Embedded, usate il seguente comando: # service oracle start 4. Aggiornate il database con spacewalk-schem a-upgrade: # /usr/bin/spacewalk-schema-upgrade Importante È consigliato eseguire il back up del database prima di iniziare il processo di aggiornamento. 5. Attivare Satellite. Se utilizzate un satellite collegato: # rhn-satellite-activate --rhn-cert [PATH-TO-NEW-CERT] --ignore-versionmismatch Se scollegato eseguire: # rhn-satellite-activate --rhn-cert [PATH-TO-NEW-CERT] --disconnected -- ignore-version-mismatch 6. Ricompilare gli indici di ricerca con il seguente comando: # service rhn-search cleanindex Con il comando sopra riportato viene eseguita la rimozione degli indici di ricerca di rhn-search 61

65 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide e successivamente il riavvio del servizio. 7. Abilitare il Monitoring e Monitoring Scout. Per abilitare il monitoring senza abilitare il Monitoring Scout eseguire il seguente comando: # /usr/share/spacewalk/setup/upgrade/rhn-enable-monitoring.pl Per abilitare il monitoring ed il Monitoring Scout eseguire il seguente comando: # /usr/share/spacewalk/setup/upgrade/rhn-enable-monitoring.pl --enable-scout 8. Riavviare i servizi di satellite: # /usr/sbin/rhn-satellite restart Il processo di aggiornamento è completato e satellite è pronto all'uso. 62

66 Capitolo 9. Gestione Capitolo 9. Gestione Per fornire ai propri utenti i benefici completi dei propri servizi Red Hat Network Satellite avrà bisogno di manutenzione. Questo capitolo affronta le procedure necessarie per poter eseguire funzioni amministrative particolari e applicare patch al vostro Red Hat Network Satellite Gestione di Satellite con rhn-satellite Poichè Red Hat Network Satellite coniste in una moltitudine di componenti individuali, Red Hat è in grado di fornire uno strumento della linea di comando che permette di arrestare, inziare, o recuperare lo stato di diversi servizi con un ordine corretto: rhn-satellite. Questo strumento accetta tutti i comandi tipici: /usr/sbin/rhn-satellite start /usr/sbin/rhn-satellite stop /usr/sbin/rhn-satellite restart /usr/sbin/rhn-satellite reload /usr/sbin/rhn-satellite enable /usr/sbin/rhn-satellite disable /usr/sbin/rhn-satellite status Utilizzate rhn-satellite per arrestare o per lanciare il vostro Red Hat Network Satellite e per ripristinare contenporaneamente tutti i messaggi riguardanti lo stato provenienti da tutti i servizi relativi Aggiornamento di Satellite Se un aggiornamento critico per Red Hat Network Satellite risulta disponibile esso verrà rilasciato sotto forma di un Erratum. Per i sistemi Red Hat Network Satellite collegati ad internet, il modo migliore per applicare gli Errata Update, è quello di utilizzare Red Hat Update Agent tramite Red Hat Network. Poichè Red Hat Network Satellite è registrato a Red Hat Network, l'utente sarà in grado di eseguire yum update su Red Hat Network Satellite oppure utilizzare il sito web su https://rhn.redhat.com per applicare gli aggiornamenti. Importante Gli RPM di Apache non sono in grado di riavviare, previa installazione, il servizio httpd. Per questo motivo dopo aver eseguito un aggiornamento completo di un Red Hat Network Satellite Server ad esempio con il comando yum update molto probabilmente Apache fallirà. Per evitare questo problema assicuratevi di riavviare il servizio httpd dopo averlo aggiornato. Per i sistemi Red Hat Network Satellite non collegati ad internet i pacchetti stessi potranno essere ripresi utilizzando un account utente su https://rhn.redhat.com. Successivamente essi potranno essere applicati manualmente dall'utente stesso, in accordo alle istruzioni presenti all'interno dell'errata Advisory. 63

67 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Avvertenza È molto importante leggere le Errata Advisory necessarie per l'utilizzo di alcune fasi aggiuntive di configurazione per poter applicare alcuni aggiornamenti specifici di Red Hat Network Satellite, in special modo se essi riguardano il database. In questi casi, l'advisory conterrà delle informazioni specifiche e dettagliate sulle fasi necessarie. Se invece di installare nuovi pacchetti Satellite, state cercando di aggiornare il Red Hat Network Entitlement Certificate del server, ad esempio per aumentare il proprio numero dei sistemi client, consultate Capitolo 5, Entitlement per maggiori informazioni Come eseguire il backup di Satellite Per poter eseguire un backup di Red Hat Network Satellite è possibile seguire diverse modalità. Indipendentemente dal metodo scelto è necessario eseguire un backup anche del database associato. Per il Database stand-alone consultare l'amministratore del database della vostra organizzazione. Per Database Embedded fate riferimento alla Sezione 9.4, «Utilizzo di RHN DB Control» per una descrizione completa di questo processo e per le opzioni disponibili. Ecco un elenco minimo di file e directory consigliato da Red Hat da salvare: /rhnsat/ - solo per Database Embedded (non eseguite il back up quando il database risulta essere in esecuzione - consultate Sezione 9.4.2, «Backup del database») /etc/sysconfig/rhn/ /etc/rhn/ /etc/sudoers /etc/tnsnam es.ora /var/www/htm l/pub/ /var/satellite/redhat/1 - RPM personalizzati /root/.gnupg/ /root/ssl-build/ /etc/dhcp.conf /etc/httpd /tftpboot/ /var/lib/cobbler/ /var/lib/rhn/kickstarts/ /var/www/cobbler /var/lib/nocpulse/ Se possibile, eseguite il backup anche di /var/satellite/, In presenza di un errore tale precauzione eviterà di eseguire un download molto lento. Poichè /var/satellite/ (ed in modo specifico /var/satellite/redhat/null/) è principalmente un duplicato del repositorio RPM di Red Hat, esso potrà essere rigenerato con satellite-sync. Red Hat consiglia il backup dell'intero albero di /var/satellite/. Per satellite scollegati eseguire il back up di /var/satellite/. L'esecuzione del backup di questi file e delle directory richiede una reinstallazione degli RPM ISO di Red Hat Network Satellite ed una nuova registrazione di Satellite. Altresì, i pacchetti di Red Hat dovranno essere sincronizzati nuovamente utilizzando il tool satellite-sync. Per finire installare nuovamente il 64

68 Capitolo 9. Gestione seguente file: /root/ssl-build/rhn-org-httpd-ssl-key-pair-machine_name-ver-rel.noarch.rpm Un metodo diverso potrebbe essere l'esecuzione del backup dei file e delle directory in questione, ma installare nuovamente Red Hat Network Satellite senza registrarlo una seconda volta. Durante l'installazione cancellate o saltate la registrazione a Red Hat Network e la sezione riguardante la creazione del certificato SSL. Il metodo finale e più completo, è quello di eseguire il backup dell'intera macchina. T ale processo consente di risparmiare tempo, evitando il download e la reinstallazione, ma necessita di uno spazio del disco aggiuntivo e di un periodo entro il quale è possibile eseguire il backup. Importante Senza considerare il metodo di backup utilizzato, durante il ripristino di Satellite da un backup è necessario eseguire il comando di seguito riportato, per programmare la ricreazione degli indici di ricerca nel successivo avvio del servizio rhn-search. /etc/init.d/rhn-search cleanindex 9.4. Utilizzo di RHN DB Control Il Red Hat Network Satellite con un Database Embedded ha bisogno di una utilità per la gestione del database in questione. A questo scopo Red Hat fornisce uno strumento idoneo: RHN DB Control. Questa utilità della linea di comando permette di eseguire la creazione, la verifica, ed il ripristino dei backup in modo da ottenere lo stato del database e la possibilità di riavviarlo quando necessario. Per poter invocare RHN DB Control è necessario essere un utente oracle. Per iniziare, assumete lo stato di utente oracle ed emettete il comando: su - oracle Successivamente emettete il seguente comando: db-control option Opzioni DB Control RHN DB Control offre numerose opzioni della linea di comando. Per poterle utilizzare inserite come utente oracle l'opzione ed il valore appropriato, se necessario, dopo il comando db-control. 65

69 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Tabella 9.1. Opzioni DB Control di RHN Opzione help backup DIRNAME exam ine DIRNAME extend gather-stats PCT report report-stats restore DIRNAME start shrink-segm ents status stop tablesizes verify DIRNAME Descrizione Elenca queste opzioni di db-control con informazioni aggiuntive. Esegue i backup del database sulla directory specificata. Esamina i contenuti di una directory di backup. Ritorna il timestamp della creazione di backup ed esegue un riporto sul suo contenuto. Aumenta il Red Hat Network Oracle tablespace Raccoglie le statistiche relative agli oggetti del database di Red Hat Network Oracle. PCT è la percentuale di righe da stimare (il valore predefinito è 15%). Esegue i riporti sull'utilizzo attuale dello spazio del database. Riporta i segmenti con statistiche vuote o invariate. Ripristina il database, cinservato in DIRNAME, da un backup. Per poter eseguire questo comando in modo corretto, è necessario arrestare il database. Avvia l'istanza del database. T ale azione può essere eseguita emettendo, come utente root, il comando service oracle start. Riduce i segmenti del database di Red Hat Network Oracle con una quantità di spazio libero molto elevata. Mostra lo stato corrente del database, "running" o "offline". Arresta l'istanza del database. T ale azione può essere eseguita emettendo, come utente root, il comando service oracle stop. Mostra lo space report per ogni tabella Verifica i contenuti del backup presenti in DIRNAME. Questo comando esegue un controllo di ogni file presente nel backup. Nota Bene Le statistiche del database rappresentano una raccolta di dati che descrivono in dettaglio il database e gli oggetti nel suo interno. Le suddette statistiche vengono usate dagli ottimizzatori dell'interrogazione per scegliere il piano di esecuzione migliore per ogni istruzione. Poichè gli oggetti presenti all'interno del database possono essere modificati in qualsiasi momento, le statistiche devono essere aggiornate regolarmente in modo da descrivere accuratamente i suddetti oggetti. Le statistiche sono gestite automaticamente da Oracle. T uttavia se il vostro database presenta alcune problematiche relative alla prestazione dopo aver modificato una quantità significativa di dati, allora considerate una raccolta manuale dei dati. 66

70 Capitolo 9. Gestione Nota Bene Dopo aver cancellato un quantità molto grande di dati utilizzate segm ent-shrink per riottenere lo spazio frammentato disponibile, presente in un segmento del database di Oracle. I benefici di segm ent-shrink sono una raccolta di dati più compatta, la quale permette un miglior utilizzo della cache e l'utilizzo di un numero minore di blocchi sul quale eseguire una scansione in full table scan. T ale caratteristica permette di avere una maggiore prestazione. La funzione 'segment shrink' funziona solo su Oracle Database 10g Release 2 appena creati e presenti su Red Hat Network Satellite Server A causa delle diverse impostazioni predefinite del database in Oracle Database 9i, questa funzione non è operativa sui database aggiornati delle precedenti release di Red Hat Network Satellite Server Backup del database Red Hat consiglia l'esecuzione notturna dei backup del database Embedded e spostare la directory risultante su un altro sistema tramite NFS, SCP,FT P ecc. Preferibilemente questo sistema di backup deve risiedere all'esterno. Per eseguire un backup arrestate il database ed i servizi relativi emettendo il seguente comando come utente root: /usr/sbin/rhn-satellite stop Successivamente assumete lo stato di utente oracle, ed emettete il comando in modo da inizializzare il backup: db-control backup DIRNAME I file di backup verranno conservati nella directory specificata. Da notare che esso risulterà essere un backup cold; Il database deve essere arrestato prima di eseguire questo comando. Il suddetto processo richiederà diversi minuti. Il primo backup sarà indicativo della durata dei successivi backup. Una volta completato il processo di backup, ritornate nella modalità utente root, e riavviate il database ed i servizi relativi con il seguente comando: /usr/sbin/rhn-satellite start Successivamente è necessario copiare il backup in questione su un altro sistema utilizzando rsync, oppure utilizzando un'altra utility di trasferimento del file. Red Hat consiglia la programmazione di un processo automatico di backup utilizzando cron job. Per esempio, eseguite un backup del sistema alle 3:00 del mattino e successivamente copiate il backup su un repositorio separato (partizione, disco o sistema) alle 6:00 del mattino Verifica del backup L'esecuzione del backup di un database Embedded risulta essere utile solo se siete in grado di garantire l'integrità del bakup risultante. RHN DB Control fornisce due metodi per la revisione dei backup, uno molto breve e l'altro molto più dettagliato. Per eseguire un controllo più veloce del timestamp di backup e determinare la mancanza, o meno, di alcuni file emettere il seguente comando come utente oracle: db-control examine DIRNAME Per eseguire una revisione più completa, incluso il controllo di ogni file presente all'interno del backup, 67

71 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide emettete questo comando come utente oracle: db-control verify DIRNAME Ripristino del database RHN DB Control rende il ripristino del database Embedded un processo molto semplice. Come nel caso dei processi di creazione dei backup è necessario arrestare il database insieme ai servizi relativi, emettendo prima i seguenti comandi come utente root seguendo l'ordine riportato: /usr/sbin/rhn-satellite stop Successivamente assumete lo stato di utente oracle ed emettete questo comando, inclusa la directory che contiene il backup, in modo da poter iniziare il processo di ripristino: db-control restore DIRNAME Tale processo non solo è in grado di ripristinare il database Embedded ma verifica anche i contenuti della directory di backup utilizzando i checksum. Una volta completato il ripristino ritornate alla modalità utente root e riavviate il database insieme ai servizi relativi con il seguente comando: /usr/sbin/rhn-satellite start 9.5. Clonazione di Satellite con Embedded DB È possibile limitare l'outage causato dall'hardware o da altri errori clonando interamente Satellite con il database Embedded. La macchina secondaria di Satellite può essere preparata all'uso se quella primaria fallisce. Per poter clonare Satellite eseguire i seguenti compiti: 1. Installate RHN Satellite con Database Embedded (ed una instalazione di base di Red Hat Enterprise Linux) su una macchina separata, saltando la fase di generazione del certificato SSL. 2. Eseguite un backup giornaliero del database del Satellite primario utilizzando i comandi descritti nella Sezione 9.4.2, «Backup del database». Se tale procedura viene seguita scrupolosamente, verranno persi solo i dati interessati al momento dell'errore. 3. Stabilite un meccanismo per copiare il backup sul Satellite secondario e mantenete questi repositori sincronizzati utilizzando un programma di trasferimento dei file come ad esempio rsync. Se utilizzate SAN, allora non sarà necessario copiare il backup. 4. Utilizzate l'opzione restore di RHN DB Control per importare i dati duplicati. 5. Se il Satellite primario fallisce trasferire il pacchetto RPM della coppia di chiavi SSL in /root/sslbuild dal Satellite primario a quello secondario ed installate il pacchetto. Ciò assicura che i client Red Hat Network potranno eseguire l'autenticazione ed il collegamento sicuro con il Satellite secondario. 6. Modificate il DNS in modo da indicare la nuova macchina, oppure per configurare in modo corretto il load balancer Creazione di un Satellite ridondante con database Stand- Alone Restando con l'opzione di clonazione disponibile per il Satellite con Database Embedded è possibile limitare le cadute di tensione sui Satellite con Database Stand-Alone creando Satellite ridondanti. Diversamente dalla clonazione di un Satellite con Database Embedded i Satellite ridondanti con 68

72 Diversamente dalla clonazione di un Satellite con Database Embedded i Satellite ridondanti con Database Stand-Alone possono essere eseguiti sia come attivi o sia con uno stato di standby. T ale scelta dipende dalla tipologia della vostra rete e risulta essere indipendente dalle fasi di seguito riportate. Procedura 9.1. Creazione di un Satellite ridondante con Database Stand-Alone 1. Predisporre il Database Stand-Alone per il processo di failover utilizzando i consigli di Oracle per la creazione di un database fault-tolerant. Consultate il vostro amministratore del database. 2. Installate Red Hat Network Satellite con un Database Stand-Alone su una macchina separata saltando la configurazione del database, lo schema del database, il Certificato SSL e le fasi per la generazione dello script di bootstrap. Includere lo stesso Red Hat Network account e le informazioni di collegamento del database fornito durante l'installazione iniziale di Satelite e registrare il nuovo Satellite. Per maggiori informazioni consultare Sezione 4.3, «Processo con script dell'installer». Se il certificato SSL originale non prende in considerazione la soluzione high-availability una nuova soluzione potrebbe essere creata ora con un valore più appropriato relativo al Nome comune (consultare 3.2. Strumento di gestione SSL di RHN nella Red Hat Network Satellite Client Configuration Guide). In questo caso è possibile generare un nuovo script di bootstrap in grado di catturare questo nuovo valore. Controllare che il valore del Nome comune rappresenti la soluzione Satellite combinata e non l'hostname di una singola macchina. 3. Dopo l'installazione, copiate i seguenti file dal Satellite primario a quello secondario: /etc/rhn/rhn.conf /etc/tnsnam es.ora /var/www/rhns/server/secret/rhnsecret.py 4. \tcopiare ed installare gli RPM del certificato SSL del server dal Satellite primario a quello secondario. Se durante l'installazione del Satellite avete generato un nuovo certificato SSL in modo da includere un nuovo valore del Nome comune, copiate gli RPM del certificato SSL dal Satellite secondario a quello primario e ridistribuite il certificato del client. Se avete anche creato uno script di bootstrap, potrete utilizzarlo per eseguire una installazione del certificato sui sistemi client. 5. Se non avete creato un nuovo script di bootstrap, copiate i contenuti di /var/www/htm l/pub/bootstrap/ dal Satellite primario a quello secondario. Se invece ne avete creato uno nuovo, copiate i contenuti della directory in questione sul Satellite primario. 6. Abilitate Red Hat Network T ask Engine sul Satellite secondario utilizzando il seguente comando: /sbin/service taskomatic stop Capitolo 9. Gestione Potrete usare degli script personalizzati o altri mezzi in modo da stabilire un avvio/failover automatico di Red Hat Network T ask Engine sul Satellite secondario. Indipendentemente da questo esso dovrà essere avviato dopo un failover. 7. Condividere i dati del pacchetto del canale (per default posizionati su /var/satellite) tra i Satellite, attraverso alcuni tipi di dispositivi di storage presenti all'interno della rete. T ale procedura elimina la duplicazione dei dati, assicurando una conservazione costante dei dati stessi su ogni Satellite. 8. Condividere i dati della cache (per default posizionati su /var/cache/rhn) tra i Satellite, attraverso alcuni tipi di dispositivi di storage presenti all'interno della rete. T ale procedura elimina la duplicazione dei dati, assicurando una conservazione costante dei dati stessi su ogni Satellite. 9. Rendete disponibili i vari Satellite presenti sulla rete, attraverso un Nome comune ed un metodo idoneo alla vostra infrastruttura. Le opzioni includono il DNS round-robin, un load balancer di rete 69

73 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide ed una impostazione inversa di proxy Modifica dell'hostname di Satellite Se è necessario modificare l'hostname o l'indirizzo IP del server di Satellite, il pacchetto spacewalkutils contiene lo script di spacewalk-hostnam e-renam e. Per usare lo script spacewalk-hostnam e-renam e assicurarsi prima di conoscere la frase d'accesso per SSL CA eseguendo il seguente comando: openssl rsa -in path/rhn-org-private-ssl-key Successivamente inserire la frase d'accesso quando richiesto. spacewalk-hostnam e-renam e ha bisogno di un argomento obbligatorio, l'indirizzo IP del server Satellite, senza tenere in considerazione i possibili cambiamenti dell'indirizzo IP con l'hostname. L'utilizzo di spacewalk-hostnam e-renam e è il seguente: spacewalk-hostname-rename <ip address> [ --ssl-country=<country> --sslstate=<state>\ --ssl-org=<organization/company> --ssl-orgunit=<department> --ssl- =< address> --ssl-ca-password=<password>] Se avete la necessità di generare un nuovo certificato SSL, tutte le informazioni necessarie verranno richieste in modalità interattiva a meno che non passate sulla linea di comando le opzioni necessarie (come nell'esempio sopra riportato). Se l'hostname del sistema non è stato modificato la rigenerazione di un nuovo certificato del server SSL non sarà necessaria. T uttavia se viene specificata almeno una opzione SSL, spacewalk-hostnam e-renam e genererà un certificato. Per maggiori informazioni sull'utilizzo di spacewalk-hostnam e-renam e consultate la seguente voce del Red Hat Knowledgebase: https://access.redhat.com/kb/docs/doc Esecuzione di compiti specifici di Satellite L'utilizzo di Red Hat Network Satellite risulta essere molto simile alla versione host di Red Hat Network. Per questo motivo è necessario consultare la Red Hat Network Reference Guide in modo da ottenere informazioni dettagliate sui compiti standard, come ad esempio la modifica dei Profili del sistema e l'aggiornamento dei pacchetti. I compiti relativi alla gestione dei canali personalizzati e degli Errata, vengono affrontati all'interno della Red Hat Network Channel Management Guide. Questa sezione affronta solo i compiti disponibili agli utenti di Satellite Come cancellare gli utenti A causa dell'ambiente isolato nel quale operano i Red Hat Network Satellite è stato garantito agli utenti di Satellite la possibilità di cancellare altri utenti. Per poter accedere a questa funzionalità fate clic su Utenti sulla barra di navigazione superiore del sito web di RHNRed Hat Network. All'interno dell'elenco risultante degli utenti, fate clic sul nome dell'utente da rimuovere. T ale azione vi porterà sulla pagina Inform azioni utente. Fate clic sul link cancella utente nell'angolo in alto a destra della pagina. 70

74 Capitolo 9. Gestione Figura 9.1. Cancellazione utente Verrà visualizzata una pagina di conferma speigando che la rimozione sarà permanente. Per continuare, fate clic sul pulsante Cancella utente nell'angolo in basso a destra della pagina. Nota Bene Il ruolo di Amministratore dell'organizzazione deve essere rimosso dal profilo utente prima di cancellare l'utente dal Red Hat Network Satellite. Se non eseguite tale procedimento l'operazione di cancellazione non verrà eseguita. Il ruolo di Amministratore dell'organizzazione può essere rimosso da qualsiasi Amministratore dell'organizzazione (sempre che il ruolo in questione non risulti essere l'unico all'interno dell'organizzazione), facendo clic su Utenti, e successivamente controllando la tabelladettagli. 71

75 Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Figura 9.2. Conferma cancellazione dell'utente Per la gestione degli utenti sono presenti numerose opzioni. Le istruzioni necessarie per tale scopo, sono disponibili all'interno del capitolo Sito web di RHN della Red Hat Network Reference Guide Configurazione ricerca Satellite Gli amministratori di Satellite potranno configurare determinate opzioni di ricerca per personalizzarne i risultati soddisfando così i requisiti di ottimizzazione. I risultati di ricerca di Red Hat Network Satellite possono essere personalizzati tramite il file /etc/rhn/search.rhn-search.conf. Il seguente elenco definisce la configurazione di ricerca ed i valori predefiniti in parentesi. search.index_work_dir Specifica dove sono archiviati gli indici Lucene (/usr/share/rhn/search/indexes) search.rpc_handlers Elenco saparato da punti e vergole delle classi per azioni sottoforma di gestori per le chiamate XMLRPC. (filename>index:com.redhat.satellite.search.rpc.handlers.indexhandler, db:com.redhat.satellite.search.rpc.handlers.databasehandler, admin:com.redhat.satellite.search.rpc.handlers.adminhandler) search.max_hits_returned Numero massimo di risultati che verranno ritornati per l'interrogazione (500) 72

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright 2010 Red Hat,

Dettagli

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Fedora 14 Immagini live di Fedora Come utilizzare una immagine live di Fedora Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Copyright 2010 Red Hat, Inc. and others. The text of and illustrations in this

Dettagli

Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1

Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1 Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1 Sarah Chua Lana Brindley Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation

Dettagli

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0 Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0: Guida all installazione Copyright 2001-2005 Red Hat, Inc. Red Hat, Inc. 1801Varsity Drive RaleighNC 27606-2072USA Telefono: +1 919 754

Dettagli

Red Hat Subscription Asset Manager 1.2 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager - Beta Release Edizione 3

Red Hat Subscription Asset Manager 1.2 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager - Beta Release Edizione 3 Red Hat Subscription Asset Manager 1.2 Installation Guide Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager - Beta Release Edizione 3 Sarah Chua Lana Brindley Red Hat Subscription Asset Manager

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 2

Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 2 Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation Guide Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 2 Sarah Chua Lana Brindley Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 7 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Guida all'installazione 5.1

Guida all'installazione 5.1 RHN Proxy Server 5.1.1 Guida all'installazione 5.1 ISBN: Publication date: RHN Proxy Server 5.1.1 RHN Proxy Server 5.1.1: Guida all'installazione Copyright 2008 Red Hat, Inc. Copyright 2008 Red Hat, Inc.

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo

Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Articolo di spiegazione FileMaker Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo Pagina 1 Replica di un ambiente di autenticazione esterna per lo sviluppo La sfida Replicare un ambiente

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida

VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida VERITAS Backup Exec 9.1 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N109548 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica senza

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate di seguito per installare una nuova versione di SUSE Linux Enterprise 11.

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.5 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

StorageTek Tape Analytics

StorageTek Tape Analytics StorageTek Tape Analytics Guida per la sicurezza Release 2.1 E60950-01 Gennaio 2015 StorageTek Tape Analytics Guida per la sicurezza E60950-01 copyright 2012-2015, Oracle e/o relative consociate. Tutti

Dettagli

Guida per l'amministratore. CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6

Guida per l'amministratore. CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Objectif Lune Inc. 2030 Pie-IX, Suite 500 Montréal, QC, Canada,

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate

Dettagli

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server

Dettagli

Monitor Wall 4.0. Manuale d'installazione ed operativo

Monitor Wall 4.0. Manuale d'installazione ed operativo Monitor Wall 4.0 it Manuale d'installazione ed operativo Monitor Wall 4.0 Sommario it 3 Sommario 1 Introduzione 4 1.1 Informazioni sul manuale 4 1.2 Convenzioni utilizzate nel manuale 4 1.3 Requisiti

Dettagli

Windows SteadyState?

Windows SteadyState? Domande tecniche frequenti relative a Windows SteadyState Domande di carattere generale È possibile installare Windows SteadyState su un computer a 64 bit? Windows SteadyState è stato progettato per funzionare

Dettagli

Guida introduttiva di F-Secure PSB

Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Indice generale 3 Sommario Capitolo 1: Introduzione...5 Capitolo 2: Guida introduttiva...7 Creazione di un nuovo account...8 Come

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 5 Installation Guide

Red Hat Enterprise Linux 5 Installation Guide Red Hat Enterprise Linux 5 Installation Guide for Red Hat Enterprise Linux 5.0 Edizione 5.0 Landmann Red Hat Enterprise Linux 5 Installation Guide for Red Hat Enterprise Linux 5.0 Edizione 5.0 Landmann

Dettagli

Guida introduttiva. Symantec AntiVirus. Informazioni su Symantec AntiVirus. Per iniziare

Guida introduttiva. Symantec AntiVirus. Informazioni su Symantec AntiVirus. Per iniziare Guida introduttiva AntiVirus Informazioni su AntiVirus AntiVirus fornisce una protezione scalabile in ambienti con più piattaforme per le workstation e i server di rete. Questo software consente di stabilire

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server Load Balancer Add-On per Red Hat Enterprise Linux Edizione 6 Landmann Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server Load Balancer

Dettagli

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso RICOH TotalFlow Print Manager Guida rapida alle Istruzioni per l'uso Guida rapida Version 3.0.0 Per le informazioni non presenti in questo manuale, fare riferimento alla Guida del prodotto in uso. Leggere

Dettagli

Guida di installazione e. configurazione. BlackBerry Enterprise Server Express for IBM Lotus Domino. Versione: 5.0 Service Pack: 4

Guida di installazione e. configurazione. BlackBerry Enterprise Server Express for IBM Lotus Domino. Versione: 5.0 Service Pack: 4 BlackBerry Enterprise Server Express for IBM Lotus Domino Versione: 5.0 Service Pack: 4 Guida di installazione e configurazione Pubblicato: 18/12/2012 SWD-20121218151510254 Indice 1 Panoramica: BlackBerry

Dettagli

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Informazioni generali Tramite questa guida, gli utenti possono aggiornare il firmware degli SSD client Crucial installati in un ambiente

Dettagli

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc.

Note legali. Marchi di fabbrica. 2013 KYOCERA Document Solutions Inc. Note legali È proibita la riproduzione, parziale o totale, non autorizzata di questa Guida. Le informazioni contenute in questa guida sono soggette a modifiche senza preavviso. Si declina ogni responsabilità

Dettagli

> Gestione Invalidi Civili <

> Gestione Invalidi Civili < > Gestione Invalidi Civili < GUIDA RAPIDA ALL'UTILIZZO DEL PRODOTTO (rev. 1.3) INSTALLAZIONE, ATTIVAZIONE E CONFIGURAZIONE INIZIALE ESECUZIONE DEL SOFTWARE INSERIMENTO ANAGRAFICA RICERCA ANAGRAFICA INSERIMENTO

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Server. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Server Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli

Symantec Network Access Control Guida introduttiva

Symantec Network Access Control Guida introduttiva Symantec Network Access Control Guida introduttiva Symantec Network Access Control Guida introduttiva Il software descritto nel presente manuale viene fornito in conformità a un contratto di licenza e

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration

Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration Guida per l'amministratore LVM Edizione 1 Landmann Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration Guida per l'amministratore

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute Inc. 2010.

Dettagli

Kaspersky Administration Kit 8.0 GUIDA AL DEPLOYMENT

Kaspersky Administration Kit 8.0 GUIDA AL DEPLOYMENT Kaspersky Administration Kit 8.0 GUIDA AL DEPLOYMENT V E R S I O N E D E L L ' A P P L I C A Z I O N E : 8. 0 C F 1 Gentile utente, Grazie per aver scelto il nostro prodotto. Ci auguriamo che questa documentazione

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli

Guida introduttiva. Symantec Client Security. Informazioni su Symantec Client Security. Per iniziare

Guida introduttiva. Symantec Client Security. Informazioni su Symantec Client Security. Per iniziare Guida introduttiva Symantec Client Security Copyright 2006 Symantec Corporation. Tutti i diritti riservati. Stampato nella Repubblica d'irlanda. Symantec, il logo Symantec logo, LiveUpdate, Norton AntiVirus,

Dettagli

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform Versione 1.0 gennaio 2011 Xerox Phaser 3635MFP 2011 Xerox Corporation. XEROX e XEROX and Design sono marchi di Xerox Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Questo documento è soggetto a modifiche

Dettagli

Fedora 17. For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https:// fedoraproject.org/wiki/legal:trademark_guidelines.

Fedora 17. For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https:// fedoraproject.org/wiki/legal:trademark_guidelines. Fedora 17 Scaricare e installare Fedora 17 sulla maggior parte dei computer fissi e portatili Red Hat Engineering Content Services Fedora Documentation Project A cura di Rüdiger Landmann e Jack Reed Copyright

Dettagli

Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION. Versione 7.6

Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION. Versione 7.6 Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION Versione 7.6 Objectif Lune Inc. 2030 Pie-IX, Suite 500 Montréal, QC, Canada, H1V 2C8 +1 (514) 875-5863

Dettagli

Manuale d uso Mercurio

Manuale d uso Mercurio Manuale d uso Mercurio SOMMARIO Pagina Capitolo 1 Caratteristiche e Funzionamento Capitolo 2 Vantaggi 3 3 Capitolo 3 Cosa Occorre Capitolo 4 Prerequisiti Hardware e Software Prerequisiti hardware Prerequisiti

Dettagli

Caratteristiche generali

Caratteristiche generali Caratteristiche generali Tecnologie utilizzate Requisiti software/hardware Modalità di installazione del database del PSDR INSTALLAZIONE PSDR Installazione on-line Installazione off-line Primo avvio Riservatezza

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux Update 5 Manuale d'installazione Sommario 1 Prima dell'installazione... 3 1.1 Componenti di Acronis Backup & Recovery 10... 3 1.1.1 Agente per Linux... 3 1.1.2

Dettagli

Prima di installare Mac OS X

Prima di installare Mac OS X Prima di installare Mac OS X Leggi il seguente documento prima di installare Mac OS X. Tale documento fornisce informazioni importanti sui computer supportati, sui requisiti del sistema e sull installazione

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount:

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount: Capitolo 16. NFS (Network File System) L'NFS permette di condividere file tra computer in rete come se fossero sul disco fisso locale del client. Red Hat Linux può essere sia un server che un client NFS,

Dettagli

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Domande e risposte Il presente documento contiene domande e risposte relative all'utilizzo del software

Dettagli

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint

BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint BlackBerry Social Networking Application Proxy per ambienti Microsoft SharePoint Versione: 2.0 Guida di installazione e configurazione Pubblicato: 2011-12-08 SWDT1177102-1864151-1208024337-004 Indice 1

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida Copyright Axis Communications AB Aprile 2005 Rev. 1.0 Numero parte 23794 1 Indice Informazioni sulle normative............................. 3 AXIS Camera

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 R3 Guida rapida all'installazione 20047221 Il software descritto in questo manuale viene fornito in base a un contratto di licenza e può essere utilizzato in conformità con i

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7

Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Aggiornamento da Windows XP a Windows 7 Se si aggiorna il PC da Windows XP a Windows 7 è necessario eseguire un'installazione personalizzata che non conserva programmi, file o impostazioni. Per questo

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.1 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854

Il tuo manuale d'uso. KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0 http://it.yourpdfguides.com/dref/3704854 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di KAPERSKY ADMINISTRATION KIT 6.0. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

Introduzione a VMware Fusion

Introduzione a VMware Fusion Introduzione a VMware Fusion VMware Fusion per Mac OS X 2008 2012 IT-000933-01 2 Introduzione a VMware Fusion È possibile consultare la documentazione tecnica più aggiornata sul sito Web di VMware all'indirizzo:

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster Configurazione e gestione di High Availability Add-On Red Hat Engineering Content Services Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster

Dettagli

Shavlik Protect. Guida di aggiornamento

Shavlik Protect. Guida di aggiornamento Shavlik Protect Guida di aggiornamento Copyright e marchi commerciali Copyright Copyright 2009 2014 LANDESK Software, Inc. Tutti i diritti riservati. Questo prodotto è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

9243057 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation

9243057 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation 9243057 Edizione 1 IT Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation VPN Client Manuale d'uso 9243057 Edizione 1 Copyright 2005 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto

Dettagli

FileMaker Pro 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Pro 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Pro 11 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007 2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

VERITAS Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers

VERITAS Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers VERITAS Backup Exec TM 10.0 for Windows Servers Manuale di installazione rapida N134418 Dichiarazione di non responsabilità Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono soggette a modifica

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9300 http://it.yourpdfguides.com/dref/381729

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9300 http://it.yourpdfguides.com/dref/381729 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni, specifiche,

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control versione 9 Sophos Anti-Virus per Mac OS X, versione 7 Data documento: ottobre 2009 Sommario

Dettagli

Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway. Versione 5.6

Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway. Versione 5.6 Manuale utente di Avigilon Control Center Gateway Versione 5.6 2006-2015 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo quando espressamente concesso per iscritto, nessuna licenza viene concessa

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9500 COMMUNICATOR http://it.yourpdfguides.com/dref/381850

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9500 COMMUNICATOR http://it.yourpdfguides.com/dref/381850 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di NOKIA 9500 COMMUNICATOR. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni

> P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni > P o w e r D R E A M < Catalogazione Sogni Guida rapida all utilizzo del software (rev. 1.4 - lunedì 29 ottobre 2012) INSTALLAZIONE, ATTIVAZIONE E CONFIGURAZIONE INIZIALE ESECUZIONE DEL SOFTWARE DATI

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista DNNCenter Installazione standard di DotNetNuke 5 per Windows Vista Copyright OPSI Srl www.opsi.it Pag. 1 of 28 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. Pre-requisiti... 3 2. DOWNLOAD DOTNETNUKE... 4 2.1. Download

Dettagli

ROUTER WIRELESS A BANDA LARGA 11N 300MBPS

ROUTER WIRELESS A BANDA LARGA 11N 300MBPS ROUTER WIRELESS A BANDA LARGA 11N 300MBPS Guida all'installazione rapida DN-70591 INTRODUZIONE DN-70591 è un dispositivo combinato wireless/cablato progettato in modo specifico per i requisiti di rete

Dettagli

AssetCenterTM Versione 3.51

AssetCenterTM Versione 3.51 AssetCenterTM Versione 3.51 Addendum 07 novembre 2000 ITEM ACT-3.51-IT-00795 Addendum - Italian Peregrine Systems, Inc., 1999-2000. Tutti i diritti riservati. Runtime Sybase SQL Anywhere : Sybase, Inc.

Dettagli

Archiviazione Email con Kerio Connect

Archiviazione Email con Kerio Connect Archiviazione Email con Kerio Connect Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di Kerio Connect (ex Kerio MailServer). Si presume che si disponga già

Dettagli

Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata

Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata Sophos Enterprise Console Guida di avvio avanzata Per installazioni distribuite Versione prodotto: 5.2 Data documento: marzo 2015 Sommario 1 Informazioni sulla guida...4 2 Pianificare l'installazione...5

Dettagli

Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix. Versione 1.0

Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix. Versione 1.0 Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix Versione 1.0 Guida all'installazione di Backup Exec Cloud Storage per Nirvanix Il software descritto in questo manuale viene fornito in

Dettagli

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione

Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Dell SupportAssist per PC e tablet Guida alla distribuzione Messaggi di N.B., Attenzione e Avvertenza N.B.: Un messaggio di N.B. indica informazioni importanti che contribuiscono a migliorare l'utilizzo

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli