Dichiarazione Ambientale THALES ITALIA S.p.A. Business Domain Defence

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione Ambientale 2012. THALES ITALIA S.p.A. Business Domain Defence"

Transcript

1 Dichiarazione Ambientale 2012 THALES ITALIA S.p.A. Business Domain Defence 1/67 Dichiarazione Ambientale Ed

2 INDICE I II II.1. II.2. II.3. II.3.1 II.3.2 II.3.3 III III.1. III.2. III.3. III.4. III.4.1 III.5. III.5.1 III.5.2 III.5.3 III.5.4 III.6. III.7. III.7.1 III.8. IV IV.1. IV.2. IV.3. IV.3.1 IV.3.2 IV.3.3 IV.4. IV.4.1 IV.4.2 IV.4.3 IV.4.4 IV.4.5 IV.4.6 IV.4.7 IV.5. IV.5.1 IV.5.2 IV.5.3 IV.5.4 LA DICHIARAZIONE AMBIENTALE INTRODUZIONE Infrastrutture Certificazioni Assetto societario Thales Group SA Thales Italia S.p.A. Thales BUSINESS DEFENCE DOMAIN NOTIZIE DEL SITO Dati anagrafici Inquadramento territoriale Storia del sito Descrizione del sito Caratteristiche geologiche ed idrogeologiche Sevizi di stabilimento Energia elettrica Gas GPL Approvvigionamento idrico Servizi ausiliari Descrizione dei processi Processo produttivo Prodotti della Thales Servizi di manutenzione della Thales DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Generalità Politica della Qualità, dell Ambiente e della Sicurezza Pianificazione Aspetti ambientali Prescrizioni legali Obiettivi, traguardi e programmi Attuazione e funzionamento Risorse, ruoli, responsabilità e autorità Competenza, formazione e consapevolezza Comunicazione Documentazione Controllo dei documenti Controllo operativo Preparazione e risposta alle emergenze Verifica Sorveglianza e misurazione Valutazione del rispetto delle prescrizioni Non conformità, azioni correttive e azioni preventive Controllo delle registrazioni 2/67 Dichiarazione Ambientale Ed

3 IV.5.5 IV.5.6 V V.1. V.1.1 V.1.2 V.2. V.2.1 V.2.2 V.3. V.4. V.5. VI Audit Riesame della Direzione ANALISI AMBIENTALE Aspetti ambientali diretti Condizioni operativi normali, anomale, di emergenza Analisi degli indici ambientali diretti Aspetti ambientali indiretti Condizioni operative normali, anomale, di emergenza Analisi degli indici ambientali indiretti Aspetti ambientali delle attività presso i clienti Aspetti ambientali delle attività presso gli uffici di Roma Aspetti e impatti ambientali programmati ASPETTI E IMPATTI AMBIENTALI MISURATI VI.1. Uso di energia, combustibili ed acqua VI.2. Scarichi acque reflue e meteoriche VI.3. Emissioni in atmosfera VI.4. Produzione rifiuti VI.5. Rumore negli ambienti di lavoro VI.6. Rumore immesso in ambiente esterno VI.7. Contaminazione del suolo e sottosuolo VI.8. Sostanze chimiche VI.9. Agenti chimici aerodispersi in ambienti di lavoro VI.10. Campi elettromagnetici VI.11. Radiazioni ionizzanti VI.12. Produzione di anidride carbonica VI.12.1 Generalità VI.12.2 Riassunto emissioni CO 2 anno 2010 VI.12.3 Andamento emissioni anno 2007, 2008, 2009 e 2010 VI.13. Amianto VI.14. PCB VI.15. Sostanze lesive dell ozono atmosferico VI.16. Direttiva RoHS VI.17. REACH VII OBIETTIVI E PROGRAMMI AMBIENTALI VII.1. COMMENTI E CONCLUSIONI ANNO 2010 VII.2. GLI OBIETTIVI ED I PROGRAMMI DI MIGLIORAMENTO VIII IX X XI XII AUTORIZZAZIONI PIANO DI SORVEGLIANZA PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI GLOSSARIO TERMINI E DEFINIZIONI (SGA ED EMAS) 3/67 Dichiarazione Ambientale Ed

4 I LA DICHIARAZIONE AMBIENTALE La presente Dichiarazione Ambientale è stata redatta dal Responsabile delle Normative e Leggi Ambientali (Environment Officier) in collaborazione con il Responsabile delle Normative di Qualità e Audit ed approvata dal Direttore di Dominio. È la quarta stesura e riporta i dati ambientali e gli stati autorizzativi aggiornati alla data del 31 Dicembre La prossima revisione sarà effettuata a Luglio Il Verificatore Ambientale accreditato che ha convalidato la presente Dichiarazione Ambientale ai sensi del Regolamento CE n.1221/2009 EMAS III è: Lloyd s Register Quality Assurance Italia s.r.l. Via Luigi Cadorna, VIMODRONE (MI) Accreditamento n. IT-V-0010 del La diffusione esterna della presente Dichiarazione avviene o attraverso il sito oppure in forma cartacea a chi ne facesse richiesta. Per la consultazione interna è disponibile nel sito intranet della Thales Italia S.p.A. Tutti i documenti richiamati nella presente Dichiarazione sono archiviati presso la THALES e a disposizione degli organi di controllo. L organizzazione si impegna con frequenza almeno annuale a sottoporre a convalida da parte del LRQA s.r.l. gli aggiornamenti della Dichiarazione Ambientale. Per informazioni rivolgersi: Direttore del Dominio Difesa ing. Gianfranco FERRO via Enrico MATTEI, CHIETI (CH) Tel.: Fax: Responsabile Facility Management, Environment, Health & Safety sig. Pietro IAFOLLA via Enrico MATTEI, CHIETI (CH) Tel.: Fax: /67 Dichiarazione Ambientale Ed

5 II INTRODUZIONE II.1. INFRASTRUTTURE Il Dominio TIT-BDD è disposto su una sede a Chieti che si estende su una superficie di circa m2, di cui m2 coperti, e si compone di n. 2 fabbricati (padiglioni) denominati P2 e P3. La funzione Strategia, Marketing & Vendite è dislocata in un edificio multipiano sulla via Morgagni, condiviso con gli altri Domini della Thales Italia S.p.A. La sede di Chieti è collegata con l ufficio di Roma mediante rete geografica (WAN); su tale rete transitano sia la fonia che i dati ed ad essa è connessa una rete locale (LAN). CHIETI II.2. CERTIFICAZIONI La Thales Italia S.p.A. Business Domain Defence, ha ottenuto: NATO AQAP-2110/160 con l attestato di riconoscimento n del 7 Agosto 2008 rilasciato da TELEDIFE con scadenza 7 Agosto 2011; ISO 9001:2008 con il certificato n. LRC /QMS del 31 Luglio 2010 rilasciato da LRQA con scadenza 30 Luglio 2013; ISO 14001:2004 con il certificato n. LRC /EMS del 30 Luglio 2010 rilasciato da LRQA con scadenza 30 Luglio 2013; EMAS con certificato di registrazione n. IT del 30 Marzo 2009 rilasciato dal Comitato Ecolabel Ecoaudit con scadenza 5 Novembre /67 Dichiarazione Ambientale Ed

6 II.3. ASSETTO SOCIETARIO II.3.1 THALES GROUP SA Il gruppo Thales SA, a cui Thales Italia S.p.A. riporta, con circa 13 miliardi di euro di fatturato e dipendenti è un leader mondiale nei mercati di aeronautica, spazio, difesa, sicurezza e trasporti. L obiettivo del gruppo è quello di rispondere ai bisogni dei clienti attraverso una combinazione di eccellenza tecnologica e presenza a livello internazionale. Thales è una multinazionale particolarmente aperta alla cooperazione e alla partnership ed è presente in 50 paesi con una filosofia imprenditoriale che attribuisce ampia autonomia alle diverse units nazionali. Il gruppo Thales è organizzato secondo una struttura matriciale a due dimensioni costituita da Divisioni e Paesi secondo il seguente schema: Paesi Orientati ai Clienti Progetti Programmi Soddisfazione dei clienti 3 zone geografiche Divisioni Orientati ai Mercati Strategia Politica di prodotto Organizzazione industriale 7 divisioni Sistemi C4I di difesa & sicurezza Operazioni aeree Avionica Spazio Sistemi di missione di difesa Difesa terrestre Sistemi di trasporto Area A Area B Franc I Paesi sono responsabili dell'attuazione della strategia globale e della politica della divisione in linea con gli obiettivi di redditività del Gruppo a breve termine. Il loro mandato include anche la gestione del rapporto commerciale con la clientela locale e, nei paesi in cui sono presenti una o più filiali locali, dell order intake, dei ricavi e degli specifici risultati entro i limiti delle loro competenze. Le divisioni sono responsabili della definizione della strategia globale di mercato e dello sviluppo del business per il proprio dominio di attività in linea con gli obiettivi di profitto a lungo termine fissati dalla Corporate. Le Divisioni del gruppo sono 7 e sono divise in: 4 Divisioni duali (difesa e civile) Sistemi C4I di difesa e sicurezza Avionica Spazio Operazioni Aeree 2 divisioni difesa Sistemi di missione di difesa Difesa terrestre 1 divisione civile Sistemi di trasporto I Paesi sono divisi in 3 Zone Geografiche sono ripartite come segue: 6/67 Dichiarazione Ambientale Ed

7 Francia Zona geografica A Zona Geografica B La Thales Italia si trova all interno della Zona Geografica B e copre diverse Business Lines facenti capo alle 7 divisioni del gruppo. ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLA THALES GROUP STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLA THALES GROUP 7/67 Dichiarazione Ambientale Ed

8 II.3.2 THALES ITALIA S.P.A. La Thales Italia è organizzata in Business Domain e Funzioni Centrali ed è gestita da un Chief Executive Officier (CEO) a cui riportano direttamente sia i Business Domain che le Funzioni Centrali. I 6 Business Domain e le Funzioni Centrali che fanno parte della Thales Italia S.p.A sono riportati di seguito: Business Domain : Air Operations, Defence, Security & Transportation, Avionics, Microwave & Imaging Subsystems, Critical Information Systems. Funzioni Centrali : Key Account Executive Militare e Civile, Human Resources & Communications, Legal & Contracts, Finance, Operations, Quality, Internal Audit. Le attività della THALES ITALIA S.p.A. hanno base in: Gorgonzola(MI): Air Operations, Critical Information Systems and Security & Transportation Sesto Fiorentino(FI): Security & Transportation Vergiate(VA): Avionics Chieti: Defence Roma: uffici Commerciali SCHEMA DELL ORGANIZZAZIONE THALES ITALIA S.p.A. 8/67 Dichiarazione Ambientale Ed

9 II.3.3 THALES BUSINESS DEFENCE DOMAIN TIT-DBD è inquadrata all interno della Divisione Sistemi C4I di difesa e sicurezza (DSC) e opera nella Business Line Radio Communication Product (RCP). TIT-DBD rappresenta la soluzione migliore per: presentare ai clienti delle Forze Armate un unità che incoraggi ed accresca la loro fiducia; rispondere meglio alle nuove richieste delle Forze Armate legate alla rivoluzione delle tecnologie dell informazione in senso lato; rinforzare le sinergie delle attività industriali e migliorare la competitività applicando i principi base del Quality Management. SCHEMA DELL ORGANIZZAZIONE DEL DEFENCE BUSINESS DOMAIN III NOTIZIE DEL SITO III.1. DATI ANAGRAFICI Ragione Sociale: THALES ITALIA S.p.A. Sede legale: Via Provinciale Lucchese, SESTO FIORENTINO(FI) Amministratore Delegato: Paolo SALVATO Sito di Chieti: Business Defence Domain Ubicazione del sito: Via Enrico Mattei, CHIETI (CH) Direttore del Dominio: Gianfranco FERRO Responsabile FM,HSE del sito: Pietro IAFOLLA Dipendenti del sito di Chieti: 119 Codice ATECO: Fabbricazione di altri apparecchi elettrici ed elettronici per Telecomunicazioni (ex ATECOFIN). Codice NACE: Fabbricazione di apparecchiature per le comunicazioni Responsabile di riferimento: Pietro IAFOLLA 9/67 Dichiarazione Ambientale Ed

10 III.2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE Coordinate geografiche: ,65 N ,53 E Il sito si trova in Abruzzo, nel territorio del Comune di Chieti, nella zona industriale del consorzio per lo Sviluppo Industriale dell Area Chieti - Pescara. Il sito si trova a qualche chilometro dal casello autostradale dell Autostrada A25 Pescara - Roma, uscita Chieti e a pochi chilometri dal casello autostradale dell Autostrada A14 Bologna Bari, uscita Pescara Ovest Chieti. III.3. STORIA DEL SITO L insediamento industriale di Chieti fu creato dalla Telettra S.p.A. nel 1973 e fu esplicitamente destinato alla ricerca, produzione e vendita di apparecchiature e sistemi destinati ai Clienti Difesa; lo stabilimento fu, pertanto, dotato sin da subito di laboratori di R&S, che in breve tempo divennero il punto di riferimento per l intera Società per l innovazione nel campo militare (pur con la possibilità di applicazioni nel campo civile). Nel 1976 la Telettra fu acquisita dal Gruppo Fiat, nel cui ambito lo stabilimento continuò ad operare con la sua missione originale e fu ampliato: la originale costruzione, denominata P1, venne ampliata e si aggiunse il capannone industriale denominato P2 e una mensa (anno 1986). Nel 1990 alcune Società del Gruppo Fiat fondarono la Società Consortile per Azioni ELASIS, alla quale fu affidata la gestione di tutta la R&S svolta dal Gruppo nel Mezzogiorno. Telettra S.p.A. fu naturalmente tra i soci fondatori e conferì alla nuova Società Consortile i suoi Centri di Ricerca localizzati a Bari, Chieti e Rieti-Cittaducale. Subito dopo la sua creazione ELASIS iniziò a costruire nel comprensorio Telettra di Chieti Scalo una sua palazzina distinta dai capannoni denominata P3. In tale Palazzina, di circa m 2, trovò la sua sede l attuale Centro di Ricerca, che opera nei campi specifici delle reti radio ad alta sopravvivenza in ambiente ostile, in generale per la protezione civile ed in particolare per la difesa, al quale Centro venne affidato un Progetto di Ricerca, nel cui ambito vennero progettati e sviluppati Sistemi radio ed apparati in banda HF, l estensione mobile in banda VHF della rete tattica dell Esercito e Ponti radio per utilizzo militare e civile. 10/67 Dichiarazione Ambientale Ed

11 Nel 1991 Telettra S.p.A. fu ceduta dal Gruppo Fiat ad Alcatel e, fondendosi con l esistente Alcatel FACE, mutò il suo nome in Alcatel Italia S.p.A., società che subentrò alla precedente nella compagine azionaria di ELASIS S.C.p.A. e lasciò al Centro di ricerca di Chieti Scalo la sua missione, conferendole, inoltre, le poche attività di ricerca svolte da FACE Standard nel campo militare, tanto che tra il 1990 ed il 1992 il numero degli addetti del Centro si raddoppiò dagli originali 72 (conferiti da Telettra) sino a 153. Arrivò, poi, il 1998 e, il 1 Maggio Alcatel Italia S.p.A. cedette il ramo di azienda relativo alle attività della Difesa, gestite nello Stabilimento di Chieti Scalo e negli uffici di Roma, alla consociata Alcatel Air Navigation System S.p.A., che in data 1 Luglio venne, poi, ceduta a Thomson CSF e successivamente scissa nelle due Società indipendenti denominate Thales Communications S.p.A. e Thales ATM S.p.A. (con sede a Gorgonzola). Nel 2001 venne fondata la Thales Italia S.p.A., società organizzata in Divisioni, nella quale conferirono tutte le attività Thales in Italia. Nel 2010 la Thales Italia S.p.A. si è organizzata in Domini. III.4. DESCRIZIONE DEL SITO L Unità Operativa di Chieti è ubicata in un area industriale situata all interno del Consorzio per lo Sviluppo Industriale dell area Chieti - Pescara, tra via Erasmo Piaggio e viale Abruzzo (Chieti Scalo). I siti industriali limitrofi sono i seguenti: WTS Serbatoi Comec Innovative s.r.l. Selex Elsag S.p.A. HST Italia S.p.A. Vista aerea del sito di Chieti 11/67 Dichiarazione Ambientale Ed

12 III.4.1 CARATTERISTICHE GEOLOGICHE ED IDROGEOLOGICHE L Unità Produttiva sorge in un area poco distante dal fiume Pescara. L area ove sorge il sito ubicata nell ambito della pianura alluvionale, alla destra idrografica del fiume Pescara. Andamento delle isoiete (in mm) nel bacino idrografico del fiume Pescara. 1. Pluviometri; 2. Pluvio-termometri; 3. Limite del bacino idrografico; 4. Isoiete annue L energia elettrica viene prelevata dalla rete ENEL Distribuzione alla tensione di V attraverso una cabina di trasformazione situata in via Erasmo Piaggio, 71. L energia elettrica viene distribuita all interno del sito alla tensione di 380 V. La potenza disponibile è di 500 kw. La società che attualmente fornisce l Energia Elettrica è l Energetic Source in regime di libero mercato. III.5. SERVIZI DI STABILIMENTO III.5.1 ENERGIA ELETTRICA 12/67 Dichiarazione Ambientale Ed

13 III.5.2 GAS GPL Nel sito viene utilizzato gas GPL stoccato in un serbatoio da l. Il GPL viene prima trasformato in fase gassosa in un vaporizzatore elettrico e quindi inviato alla centrale termica. La società che attualmente fornisce il GPL è la BUTANGAS. III.5.3 APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Acqua potabile L acqua potabile viene prelevata dall acquedotto comunale. Il punto di prelievo è localizzato in via Erasmo Piaggio, 71; Acqua di pozzo Nel sito è presente un pozzo di emunzione di acqua utilizzata per gli scarichi dei servizi igienici e per il sistema antincendio. Per il pozzo è ancora in corso una pratica autorizzativa con la Regione e la Provincia di Chieti. La Provincia di Chieti ha sollecitato il parere dell Autorità di bacino Regionale Bacino idrografico Fiume Pescara del Assessorato ai Lavori Pubblici della Regione Abruzzo ad esprimere il parere positivo non solo per la Thales ma anche per altre aziende della zona come la DECO, la WTS. Il sollecito è stato inviato dalla Provincia di Chieti con lettera prot. n del 19 Dicembre Il pozzo è stato sistemato mediante una struttura completamente interrata (realizzata sulla verticale del pozzo stesso) consistente in un locale al quale si accede, per mezzo di scala in ferro alla marinara, tramite botola posta a livello del piano di campagna. Per quanto concerne lo scarico delle acque, che hanno le caratteristiche tipiche dell acqua usata a fini igienici, viene utilizzato il sistema fognario interno che le recapita in quello comunale. 13/67 Dichiarazione Ambientale Ed

14 III.5.4 SERVIZI AUSILIARI Centrale termica La centrale termica del sito è della ECOFLAM modello DUOMAX PN1500 4F con due generatori di calore della potenza termica complessiva nominale di 1.596,40 kw. Distribuisce acqua calda ai gruppi trattamento aria dei due padiglioni. Per la conduzione della centrale è stato nominato un terzo responsabile. Gruppi frigo Gruppi frigo condizionamento ambienti di lavoro: Padiglione P2: gruppo frigo delle ANTONI modello ASC 150 CC da 124 kw Padiglione P3: gruppo frigo della MCQUAY modello ALRHC214 da 923 kw Sala macchine IT della RC modello MAXIMO.A.STD.Z.2.G2 da 43 kw Aria compressa Viene prodotta da un compressore BALMA mod. VISS 1010 da 0,95 m 3 /min di aria resa alla pressione di 10 bar. L impianto è dotato di un separatore acqua-olio e di un serbatoio di accumulo. Viene distribuita nei vari reparti per mezzo di una rete dedicata. Gruppo elettrogeno Il gruppo elettrogeno è costituito da un motore IVECO tipo 8061 e da un generatore elettrico della AUSONIA tipo M7B250SB/4 da 110 kva. Il gruppo elettrogeno alimenta il gruppo di continuità. Gruppo di continuità UPS 120 kva 3F ALAMO 9 della EMERSON SICE S.p.A.. Il gruppo di continuità garantisce l alimentazione della sala macchine dell IT, delle luci di emergenza e del sistema di antintrusione. 14/67 Dichiarazione Ambientale Ed

15 III.6. DESCRIZIONE DEI PROCESSI Le attività della THALES si svolgono nei padiglioni denominati P2 e P3. Nel padiglione P3 vi si svolgono la quasi totalità delle le attività mentre nel Padiglione P2, a seguito di una riorganizzazione aziendale, sono rimasti magazzini e un area ove, quando richiesto, vengono assemblate grosse unità tipo shelter o telai ingombranti. Nel grafico sono schematizzati i processi aziendali, i rifiuti e le emissioni associati. La Thales, già da parecchi anni, ha delegato a fornitori esterni la realizzazione delle componenti di base dei prodotti. I componenti di base sono le piastre a circuito stampato, la meccanica e la componentistica elettronica. Il reparto Produzione assembla solo componenti con tiratura estremamente ridotta che sarebbe antieconomico realizzare all esterno. L azienda ha conservato all interno, per la Produzione, solo le attività di collaudo sia degli apparati che dei sistemi. III.7. PROCESSO PRODUTTIVO MGAZZINO GENERALE Nel Magazzino Generale convergono tutte le materie prime e i semilavorati provenienti dall esterno. PRODUZIONE 15/67 Dichiarazione Ambientale Ed

16 Il reparto è diviso in tre differenti settori distinti in funzione della tipologia di prodotto del processo produttivo. a. montaggio gruppi I gruppi con tecnologia SMT (Surface Mounting Technology) vengono assemblati nella quasi totalità all esterno presso fornitori omologati. Solo esemplari prototipici vengono assemblati all interno e i componenti elettronici, siano essi ad inserzione che a montaggio superficiale, vengono montati sui circuiti stampati manualmente. Per la saldatura dei componenti sui gruppi vengono utilizzati microsaldatori elettrici e leghe stagno piombo. Le postazioni di saldatura sono dotate di aspiratore locale che filtra i vapori e i gas di saldatura. L utilizzo del piombo nelle saldature è permesso dal D. Lgs. 151/05 (direttiva RoHS) come meglio specificato nel Capitolo VI.16. b. montaggio apparati I gruppi montati dal reparto del punto a) o da fornitori esterni, le parti meccaniche e i cablaggi vengono assemblati con l impiego di attrezzature meccaniche e microsaldatori elettrici per leghe di stagno piombo. c. collaudo gruppi, apparati e sistemi Il collaudo dei gruppi viene eseguito o con attrezzature dedicate, progettate e fatte realizzare dall Ingegneria Prodotto e con strumentazione elettronica. PROCESSI DI SUPPORTO Sono tutti quei processi che concorrono alla realizzazione del prodotto per il Cliente: Progettazione, intesa come l insieme di attività necessarie per la ricerca applicata e sviluppo di nuovi prodotti, comprese anche le attività di ingegneria di progetto meccanica ed elettrica, volta anche a mantenere basso l impatto ambientale dei prodotti; Servizi di Stabilimento; Uffici (attività commerciali, amministrative, ecc.). MAGAZZINO PRODOTTI FINITI Nel Magazzino Prodotti Finiti convergono tutti gli apparati o e sistemi prima della spedizione al Cliente. III.7.1 PRODOTTI DELLA THALES Il mercato TIT-BDD orientato principalmente al settore Difesa è costituito per circa l 80% da Clienti italiani (Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare, Guardia di Finanza, Carabinieri) e per circa il 20% da Clienti esteri (NATO, Royal Navy, Esercito Tedesco, ecc.), con i seguenti maggiori prodotti: radiodisturbatori tattici; analisi e archiviazione dei segnali intercettati; automazione delle attività di ricerca, intercettazione e "Direction Finding"; pacchetti software di analisi dei segnali; supervisione di reti tattiche e infrastrutturali; sistemi integrati di comunicazioni tattiche; comunicazioni navali; automazione e controllo di reti di comunicazione HF; telecomunicazioni per trasmissione dati in gamma HF; ricevitori e trasmettitori HF/VHF; ricetrasmettitori HF/VHF fissi e veicolari; ponti radio a piccola e media capacità per impieghi fissi e trasportabili; terminali telefonici a standard EUROCOM; accesso radio monocanale alla Rete Tattica; 16/67 Dichiarazione Ambientale Ed

17 apparati wireless nella gamma UHF; visori notturni; sistemi CBRN. Gli apparati in gamma HF sono stati venduti anche a Clienti civili (Protezione Civile, Ministero Poste, Marina Mercantile). I nuovi prodotti progettati da TIT-BDD possono essere identificati in 2 categorie: Progetti Customer Funded (CF) - riconducibili a contratti acquisiti; Progetti Self Funded o Private Venture (PV) - riconducibili a ricerche di mercato. 17/67 Dichiarazione Ambientale Ed

18 III.8. SERVIZI DI MANUTENZIONE DELLA THALES La Thales effettua presso il Cliente Ministero della Difesa il servizio di manutenzione di installazioni fisse di Ponti Radio. Sono essenzialmente attività di manutenzione assicurativa; il personale Thales, su chiamata del Cliente, si reca nei siti indicati e analizza il guasto. Se non riesce a riparare il guasto sul posto, preleva l apparato o la parte di apparato interessata e lo porta nella sede di Chieti. Per questa ragioni è stato valutato che non esistono aspetti ambientali significativi. 18/67 Dichiarazione Ambientale Ed

19 IV DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IV.1. GENERALITÀ Il Dominio Difesa, già da qualche anno, ha deciso di adottare un Sistema di Gestione integrato Qualità ed Ambiente al fine di misurare, monitorare e migliorare, per quanto attiene agli aspetti ambientali, la prevenzione e la riduzione degli impatti ambientali delle attività svolte nel sito di Chieti. Oltre alla certificazione ISO 14001, il Dominio Difesa ha anche ottenuto la registrazione EMAS del sito di Chieti. IV.2. POLITICA DELLA QUALITÀ, DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA Il documento Politica per la Qualità, l Ambiente e la Sicurezza emesso dal CEO che va correlato al documento emesso dal gruppo e disponibile sul sito Qui di seguito la Politica della Qualità, dell Ambiente e della Sicurezza della sede di Chieti. 19/67 Dichiarazione Ambientale Ed

20 Rapporti con la Thales SA Ogni anno, per mezzo del sistema gestionale Chorus 2.0, vengono trasmessi alla sede centrale di Parigi i dati ambientali del sito. I dati della sede, aggregati con quelli di tutti i siti Thales del mondo, vengono raccolti in un rapporto (Environment Report). Detto rapporto è un documento pubblico consultabile nel sito della Thales (www.thalesgroup.com ) ed è allegato al bilancio economico. La Thales Group ogni anno indica gli obiettivi ambientali della Corporate. 20/67 Dichiarazione Ambientale Ed

21 IV.3. PIANIFICAZIONE IV.3.1 ASPETTI AMBIENTALI Generalità L'analisi ambientale si prefigge lo scopo di fornire un quadro completo degli aspetti ambientali del sito utilizzando una metodologia che permette di identificare e valutare gli impatti ambientali individuati e fornire il bilancio delle risorse utilizzate(materie prime, prodotti finiti, energia, risorse idriche, ecc..). Identificazione degli aspetti ambientali Gli aspetti ambientali della Thales sono stati individuati analizzando il processo produttivo determinando gli aspetti diretti ed indiretti che hanno o possono avere impatti significativi. Gli aspetti ambientali sono stati divisi in Diretti ed Indiretti. Gli aspetti ambientali Diretti, cioè quegli aspetti direttamente correlati all attività della Thales, sono: scarichi idrici; rifiuti; contaminazione del terreno; utilizzo di risorse (acqua, energia elettrica); rumore verso l ambiente circostante; campi elettromagnetici; sostanze lesive dell ozono/gas effetto serra. Gli aspetti ambientali Indiretti, cioè quegli aspetti non direttamente correlati all attività della Thales, sono: comportamenti ambientali degli appaltatori, dei subappaltatori; comportamenti ambientali dei fornitori; attività del personale Thales nei siti dei Clienti; attività del personale Thales Commerciale di Roma; effetto sull ambiente dovuto allo smaltimento dei rifiuti; Valutazione degli impatti e aspetti ambientali Dopo aver esaminato il processo produttivo del sito, ed aver individuato gli aspetti Diretti e Indiretti, si classifica la significatività degli aspetti ambientali. Per la valutazione della significatività si procede nel seguente modo: individuazione del criterio di valutazione e di classificazione degli aspetti ambientali; individuazione di fattori di valutazione e del relativo valore; elaborazione di tabelle di sintesi contenenti la classificazione degli aspetti ambientali significativi in condizioni normali, anomali e di emergenza. La valutazione degli espetti e impatti ambientali è stata effettuata secondo i criteri definiti nella procedura HSE-ITA-IT Rapporto analisi ambientale Da tale valutazione è scaturito che gli aspetti e gli impatti ambientali significativi sono: utilizzo di risorse energetiche sostanze lesive dell ozono/gas effetto serra. IV.3.2 PRESCRIZIONI LEGALI E disponibile e viene periodicamente aggiornata, una tabella excel THALES-Normativa Ambiente e sicurezza applicabile. E il registro delle prescrizioni legali in materia di ambiente, sicurezza e di salute sui luogo di lavoro. Contiene tutte le leggi, regolamenti nazionali, della comunità europea, regionali e comunali. 21/67 Dichiarazione Ambientale Ed

22 Nella tabella sono evidenziate le leggi nazionali, regionali e comunali applicabili al sito. L aggiornamento viene curato dal Responsabile HSE che si informa grazie all iscrizione a organizzazioni di categoria, con abbonamenti a riviste e siti internet specializzati su ambiente e sicurezza e con l ausilio, quando necessario, di consulenze esterne. Sempre a cura del Responsabile HSE è la trasmissione delle informazioni al Datore di Lavoro e ai Dirigenti e l attivazione delle procedure sia interne che esterne per l adeguamento alle nuove prescrizioni. La trasmissione avviene, normalmente, attraverso un report trimestrale IV.3.3 OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI La Direzione definisce periodicamente gli obiettivi e i traguardi per la Qualità, l Ambiente e la Sicurezza con indicatori prestazionali oggettivamente misurabili. Detti obiettivi e traguardi sono coerenti sia con la politica della Thales Group che con la politica del Dominio. Il Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale coordina la raccolta dei dati necessari per l elaborazione delle suddette informazioni, e li sottopone in fase di Riesame della Direzione. Le risorse necessarie, i tempi e le responsabilità per raggiungere gli obiettivi vengono indicati dalla Direzione nel Piano di Miglioramento. Gli obiettivi e i traguardi vengono inseriti nel budget ambientale e discussi annualmente in fase di Riesame della Direzione. IV.4. ATTUAZIONE E FUNZIONAMENTO IV.4.1 RISORSE, RUOLI, RESPONSABILITÀ E AUTORITÀ L organizzazione per la gestione dell ambiente è formata da personale della Funzione Facility Management. Il personale della funzione Qualità si occupa essenzialmente degli aspetti metodologici mentre il personale della funzione Facility Management si occupa più degli aspetti operativi. Il personale direttamente coinvolto ha ricevuto una formazione mirata ed ha le competenze specifiche necessarie. Le risorse finanziare necessarie alla gestione dell ambiente vengono messe a disposizione dalla Direzione nel budget del Facility Management. Quando non vi sono le competenze interne necessarie, ad esempio per misurazioni e rilevi, si fa ricorso ad apporti esterni di specialisti o consulenti. Il ricorso a competenze interne è favorito dalla direzione perché anche questo è un veicolo per la diffusione della politica ambientale. Ad esempio il responsabile del laboratorio prove elettromagnetiche ha seguito, su sollecitazione del Responsabile delle Normative Ambientali, un corso specialistico sulle misurazioni delle radiazioni non ionizzanti. Organigramma aziendale per l ambiente 22/67 Dichiarazione Ambientale Ed

Dichiarazione Ambientale 2014. THALES ITALIA S.p.A. Defence Management Domain

Dichiarazione Ambientale 2014. THALES ITALIA S.p.A. Defence Management Domain Dichiarazione Ambientale 2014 THALES ITALIA S.p.A. Defence Management Domain 1/37 Dichiarazione Ambientale Ed. 08 03.07.2015 INDICE I II II.1. II.2. II.3. II.3.1 II.3.2 II.3.3 III LA DICHIARAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Verifica della conformità normativa 2

Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2 Per una corretta gestione della sicurezza è necessario predisporre (vedi allegato 2.A.) e archiviare l apposita documentazione. 2.1 Elenco documentazione Certificato

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI?

QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? Sicurezza, Igiene del Lavoro, Problematiche Ambientali QUALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEGLI STUDI MEDICI PROFESSIONALI? una guida pratica per verificare la completezza degli obblighi di

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001?

IS0 50001. Che cosa apporta la ISO 50001? La ISO 14001 già esiste: perché, quindi, optare per la ISO 50001? IS0 50001 INFORMAZIONI UTILI VOLTE A UNA PREPARAZIONE OTTIMALE PER L OTTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE Che cosa apporta la ISO 50001? La certificazione di un sistema di gestione dell energia secondo la

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DITTA

SCHEDA INFORMATIVA DITTA Al Comune di SUAP NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE ATTIVITA' RAPPRESENTANTE LEGALE Tel Cell Fax P. IVA e mail Modulistica predisposta dalla ASL 4 Chiavarese Dipartimento

Dettagli

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa

ALLEGATI. Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2.A. Verifica della conformità normativa Si riporta di seguito uno schema relativo ad alcuni dei principali adempimenti legati all applicazione del D.Lgs. 626/94 e

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. "Chiavarese" Via G.B.

SCHEDA INFORMATIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale. Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI. Chiavarese Via G.B. Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Via G.B. Ghio 9 16043 CHIAVARI "Chiavarese" Via G.B. Ghio 9 NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI SCHEDA INFORMATIVA DITTA SEDE LEGALE SEDE

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 6 1 06.02.2014 Rev. Generale 0 01.10.2013 CEPAS srl Presidente Comitato

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI Premessa Il presente documento contiene l elenco esemplificativo della documentazione aziendale, eventualmente

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 1 ALLA A.S.P. DI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Per il tramite del SUAP del Comune di SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Ditta

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AZIENDA USL RIETI ALLEGATO 3 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SCHEDA INFORMATIVA PARERE NIP SCHEDA INFORMATIVA NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI D DITTA (ragione sociale) legale rappresentante (me,cogme, titolarità)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Pavia, 25/01/2006 Prot. n. 2892 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 14-2006 Allegati n. 1 Ai Direttori/Responsabili Strutture universitarie Ai Dirigenti Ai Direttori dei Centri: - CNR Sezioni ospitate - INFN

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

Sintec & Partners S.r.l.

Sintec & Partners S.r.l. Qualità Ambiente Sicurezza sul lavoro Sicurezza nei cantieri Privacy Software engineering Prevenzione incendi Rumore, impatto acustico Formazione Progettazione Marcatura CE Haccp Qualità UNI EN ISO 9001:2000

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

9 SICUREZZA INDUSTRIALE

9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9.1 Gestione dell impianto La Sedamyl si è dotata di un sistema di gestione della sicurezza, ai sensi del D.L. 81/2008 conforme alla normativa OMSAS(18001). Insieme al sistema di

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA FONTEBRANDA SIENA

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Modello di DVR rischio incendio e piani emergenza (cod. 300.06) DIMOSTRATIVO MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Modello di documento

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Numero di protocollo COMUNE DI REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, PRESENTAZIONE DI D.I.A., AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI AL SERVIZIO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Nella tabella sono riportati i principali riferimenti normativi vigenti alla data del 1/7/2014, fatte salve

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98)

Note: quadro a MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE ( art.6 D.P.R. 447/98) REGIONE TOSCANA Dipartimento della Salute e Politiche di Solidarietà Servizio Sanitario Nazionale Regione Toscana AZIENDA U.S.L.N 1 DI MASSA E CARRARA Gruppo Operativo Nuovi Insediamenti Produttivi Via

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi

trasporto di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali pericolosi e non pericolosi PRESENTAZIONE SI.ECO. è la Società che fornisce servizi di consulenza specialistica qualitativamente elevati ad Enti Pubblici ed Aziende private nel settore della gestione del territorio, dell ambiente

Dettagli

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale

Manuale Sicurezza Duemilauno Agenzia Sociale Sorveglianza e misurazioni del SG S&SL Indice: 1.0 Scopo e Generalità 2.0 Identificazione delle aree/attività soggette al monitoraggio 3.0 Pianificazione ed esecuzione dei monitoraggi e delle misurazioni

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI AMBIENTI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

IL VOSTRO PROSSIMO CONSULENTE MULTIUSO

IL VOSTRO PROSSIMO CONSULENTE MULTIUSO IL VOSTRO PROSSIMO CONSULENTE MULTIUSO LA sicurezza sul lavoro comprende tutte le misure di prevenzione e protezione che devono essere adottate dal datore di lavoro e dai lavoratori stessi, AL FINE NON

Dettagli

Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it

Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it Riferimento: Profilo.docx Revisione: A/10.03.2014 pag. 1 di 5 Profilo Aziendale

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy

Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Nota informativa Verifica di Fase 1 presso gli uffici LRQA Italy Premessa La verifica di Stage 1 deve di norma essere effettuata presso la sede del Cliente. Eccezionalmente, purchè si verifichino e siano

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI CENNI SULLA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED IL PIANO DI EMERGENZA DOCUMENTI DA PREDISPORRE E CONSERVARE Relatore: Ing.

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.2006 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014

Identificazione del Installazione IPPC. Tipo di installazione Esistente soggetta ad A.I.A. ai sensi del Dlgs. 46/2014 Identificazione del Installazione IPPC Ragione sociale Sede Legale Sede Operativa F.LLI SANTINI SRL Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Via Giotto n. 4/a 39100 Bolzano Tipo di installazione Esistente soggetta

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO INDICE ART. 1. PREMESSA... 2 ART. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA... 2 ART. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO... 2 ART. 4. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 ART. 5. REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI...

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE

MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE AZIENDA U.S.L. 12 Viareggio Dipartimento di Prevenzione Gruppo di Lavoro Nuovi Insediamenti Produttivi MODULO DI PROCEDIMENTO MEDIANTE AUTOCERTIFICAZIONE (art. 19 Legge 241/90 s.m.i.) QUADRO A Il Modulo

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento.

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. Requisiti location Decreto Interministeriale del 22 luglio 2014 Sicurezza nel Montaggio/Smontaggio Palchi Requisiti

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR. Prot. 0002378/C14 Bari, 09/11/2009 AVVISO PUBBLICO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA SCUOLA PASCOLI FSE - FESR SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. PASCOLI Via N. Pizzoli n. 58 70123 Bari Tel./Fax 0805214555 Fax 0805721764 e-mail: bamm02700r@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F.

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. Sommario SOMMARIO Prefazione... IX Nota sugli autori... XI Capitolo 1 GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. 1.1 Norme fondamentali di prevenzione incendi...

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà

SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà SICUREZZA, AMBIENTE, QUALItà L IMPRESA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE Perchè scegliere di rispettare il proprio business e affidarsi a I NOSTRI SERVIZI SICUREZZA SUL LAVORO FORMAZIONE H.A.C.C.P. AMBIENTE B.ETHIC

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

TER AMBIENTE AL SERVIZIO DELLA TUA AZIENDA

TER AMBIENTE AL SERVIZIO DELLA TUA AZIENDA TER AMBIENTE AL SERVIZIO DELLA TUA AZIENDA TER AMBIENTE CONFCOMMERCIO VENEZIA Chi siamo: società di servizi di Confcommercio Unione Venezia costituita nel 1995 con lo scopo di erogare Servizi di: - Consulenza

Dettagli