Reti multimediali. Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti multimediali. Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down"

Transcript

1 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia Internet Architettura, principali protocolli e linee evolutive Nicola Blefari Melazzi Mc Graw -Hill

2 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta? Applicazioni multimediali: contenuti audio e video ( applicazioni continue ) QoS Le reti forniscono alle applicazioni un livello di prestazioni adeguato per un corretto funzionamento dell applicazione.

3 Reti multimediali Applicazioni multimediali di rete Streaming memorizzati Utilizzo ottimale del servizio best-effort: la telefonia Internet Protocolli per applicazioni interattive in tempo reale: RTP, RTCP, SIP Reti per la distribuzione di contenuti multimediali Oltre il best-effort Scheduling e sorveglianza Servizi intergrati e servizi differenziati MPLS

4 Applicazioni multimediali di rete Classi di applicazioni multimediali: 1) Streaming audio e video memorizzato. 2) Streaming audio e video in diretta. 3) Audio e video interattivi in tempo reale. Jitter: termine con il quale si indica la variabilità dei ritardi subita dai pacchetti dello stesso flusso. Caratteristiche fondamentali Sensibili al ritardo: Ritardo end-to-end Jitter Ma tolleranti alla perdita: perdite occasionali causano solo marginali interferenze. In antitesi con i dati: lunghi ritardi possono risultare fastidiosi ma la completezza e l integrità dei dati trasferiti risultano di fondamentale importanza.

5 Streaming audio e video memorizzato Streaming: Il contenuto multimediale è memorizzato sul server. Viene trasmesso al client. Streaming: il client può iniziare la riproduzione di una parte del file prima di averlo interamente scaricato. La riproduzione del file multimediale procede in sincronia con i tempi di registrazione originali.

6 Streaming audio e video memorizzato 1. video registrato 2. video inviato rete invio 3. Video ricevuti, riprodotti dal cliente. tempo streaming: in questo momento, il client può iniziare la riproduzione di una parte del file audio/video prima di averlo interamente scaricato.

7 Streaming audio e video memorizzato: interattività Funzionalità simili a quelle di un videoregistratore: il cliente può mettere in pausa, mandare avanti o indietro il video 10 sec ritardo iniziale OK 1-2 sec prima che il comando abbia effetto OK Spesso usato RTSP

8 Streaming audio e video in diretta Esempi: Programmi radiofonici in Internet. Eventi sportivi in diretta. Streaming Buffer di riproduzione (playout buffer). È tollerato un ritardo di una decina di secondi prima che avvenga la riproduzione. È necessaria la continuità della riproduzione. Interattività Non è possibile usare l avanzamento rapido. Riavvolgimento e pausa sì!

9 Audio e video interattivi in tempo reale applicazioni: telefonia Internet, video conferenze Requisiti del ritardo end-to-end: audio: < 150 msec buono, < 400 msec accettabile Comprende i ritardi a livello di applicazione (pacchettizzazione) e il ritardo di rete Ritardi superiori risultano frustranti, o impediscono addirittura la conversazione Inizializzazione della sessione Come fa il chiamante ad allertare indirizzo IP, numero di porta, algoritmi di codifica?

10 Ostacoli alla multimedialità in Internet TCP/UDP/IP: servizio best-effort Non offre garanzie sulla consegna, né sul ritardo?????? Ma non abbiamo detto che le applicazioni multimediali richiedono QoS e adeguati livelli di performance????? Oggi le applicazioni multimediali in Internet utilizzano tecniche a livello di applicazione per mitigare (quanto possibile) i ritardi e le eventuali perdite.

11 Evoluzione di Internet verso un miglior supporto alle applicazioni multimediali Filosofia di intergrazione dei servizi: Cambiamenti radicali, per fornire alle applicazioni la possibilità di prenotare larghezza di banda. Software nuovi e più complessi in host e router. Filosofia del laissez-faire Nessun cambiamento radicale. Più larghezza di banda quando necessario. Reti per la distribuzione dei contenuti Filosofia di differenziazione dei servizi: Piccoli interventi, limitati ai livelli di rete e di trasporto Suddivisione dei datagrammi in due classi di servizio Qual è la vostra opinione?

12 Compressione audio Campioni di segnali analogici a tasso costante: telefono: campioni al secondo CD musicali: campioni al secondo Ogni campione è quantizzato es., 2 8 =256 valori possibili di quantizzazione. Tutti i valori di quantizzazione sono rapprentati con lo stesso numero di bit. 8 bit per 256 valori. Esempio: campioni/sec, 256 valori di quantizzazione --> bps Questo segnale digitale può essere riconvertito in un segnale analogico per la riproduzione: possibile perdita di qualità. Alcuni esempi: CD: Mbps MP3: 96, 128, 160 kbps Telefonia Internet: 5,3-13 kbps

13 Compressione video Un video è una sequenza d immagini, solitamente mostrate a un tasso costante: es. 24 immagini/sec Un immagine digitale consiste in una sequenza di pixel. Ogni pixel è codificato da una serie di bit. Due tipi di ridondanza: Spaziale. Temporale. Esempi: MPEG 1 (CD-ROM) 1,5 Mbps MPEG2 (DVD) 3-6 Mbps MPEG4 (spesso usata in Internet < 1 Mbps)

14 Reti multimediali Applicazioni multimediali di rete Streaming memorizzati Utilizzo ottimale del servizio best-effort: la telefonia Internet Protocolli per applicazioni interattive in tempo reale: RTP, RTCP, SIP Reti per la distribuzione di contenuti multimediali Oltre il best-effort Scheduling e sorveglianza Servizi intergrati e servizi differenziati MPLS

15 Streaming memorizzati Tecniche di streaming a livello di applicazione per ottimizzare il servizio best effort: buffering lato client utilizzo di UDP Media Player Rimozione del jitter Decompressione Correzione degli errori Interfaccia in cui appaiono pulsanti e cursori interattivi.

16 Accesso ad audio e video tramite server web Audio o video sono contenuti in un unico file. Il file viene trasferito tramite un messaggio HTTP: ricevuto per intero dal client il media player riproduce il file.

17 Accesso ad audio e video tramite server web Il browser ottiene un metafile. Il browser lancia il media player e passa il metafile. Il media player contatta direttamente il server. Il server invia il file audio/video al media player. Uso di HTTP TCP

18 Invio di contenuti multimediali da server di streaming Questa architettura evita l uso del protocollo HTTP tra server e media player. Si può anche utilizzare UDP invece che TCP.

19 UDP UDP o TCP? Il server invia a un tasso appropriato per il cliente In genere: tasso di invio = tasso di codifica = tasso costante quindi, tasso di riempimento = tasso costante - perdita di pacchetti Il media player ritarda la riproduzione di 2-5 secondi per eliminare l eventuale jitter indotto dalla rete. TCP Il server immette, il più velocemente possibile, il video nella socket TCP. Il tasso di riempimento fluttua nel tempo a causa del controllo della congestione di TCP. Maggiore ritardo di riproduzione HTTP/TCP passano più facilmente attraverso i firewall

20 Protocollo di streaming in tempo reale: RTSP HTTP Non prevede contenuti multimediali. Non è previsto il comando di avanzamento rapido ecc. RTSP: RFC 2326 Protocollo di streaming in tempo reale. Usato per il controllo della riproduzione: pausa, fermo immagine, ricerca in avanti e all indietro, avanzamento rapido ecc. Cosa non può fare: Non definisce gli schemi di compressione audio e video. Non prescrive il modo (UDP o TCP) in cui i dati sono trasportati. Non pone limiti a come il media player memorizza i file.

21 RTSP: protocollo fuori banda FTP utilizza il concetto di fuori banda: Un file viene trasferito su una connessione TCP. Le informazioni di controllo (cambio di directory, cancellazione/rinomina di file, ecc.) sono trasferite su un altra connessione TCP. I canali in banda e i canali fuori banda utilizzano un numero di porta diverso. Anche i messaggi RTSP sono inviati fuori banda : I messaggi di controllo RTSP usano un numero di porta diverso dal flusso multimediale: fuori banda Porta 554 Il flusso dei contenuti multimediali è considerato in banda.

22 RTSP: esempio Scenario: Il browser richiede a un server web un file. Il browser lancia il media player. Per consentire il controllo della riproduzione, media player e server si scambiano informazioni impiegando RTSP.

23 Metafile - esempio <title>twister</title> <session> </session> <group language=en lipsync> <switch> <track type=audio e="pcmu/8000/1" src = "rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi"> <track type=audio e="dvi4/16000/2" pt="90 DVI4/8000/1" src="rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/hifi"> </switch> <track type="video/jpeg" </group> src="rtsp://video.example.com/twister/video">

24 Iterazioni tra client e server con RTSP

25 Esempio di una sessione RTSP C: SETUP rtsp://audio.example.com/twister/audio RTSP/1.0 Cseq=1; Transport: rtp/udp; compression; port=3056; mode=play S: RTSP/ OK Cseq=1 Session 4231 C: PLAY rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi RTSP/1.0 Cseq=2; Session: 4231 Range: npt=0- S: RTSP/ OK Cseq=2 Session 4231 C: PAUSE rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi RTSP/1.0 Cseq=3; Session: 4231 Range: npt=37 S: RTSP/ OK Cseq=3; Session 4231 C: TEARDOWN rtsp://audio.example.com/twister/audio.en/lofi RTSP/1.0 Cseq=4; Session: 4231 S: RTSP/ OK Cseq=4; Session 4231

26 Reti multimediali Applicazioni multimediali di rete Streaming memorizzati Utilizzo ottimale del servizio best-effort: la telefonia Internet Protocolli per applicazioni interattive in tempo reale: RTP, RTCP, SIP Reti per la distribuzione di contenuti multimediali Oltre il best-effort Scheduling e sorveglianza Servizi intergrati e servizi differenziati MPLS

27 Applicazioni interattive in tempo reale Telefonia da PC a PC Fornita da servizi di messaggeria istantanea Vediamo ora il caso di un applicazione di telefonia Internet. Telefonia da PC a telefono Dialpad Net2phone Videoconferenze con webcam.

28 Telefonia Internet Introduciamo la telefonia Internet con un esempio: In una normale conversazione si alternano periodi di parlato e di silenzio : 64 kbps durante il periodo di parlato. L applicazione genera pacchetti solo nella fase di parlato. Genera un flusso di byte/s. Ogni 20 ms li riunisce in blocchi da 160 byte. Ciascun blocco ha un intestazione a livello di applicazione. Il blocco e l intestazione sono incapsulati in un segmento UDP. Quindi, durante la fase di emissione, ogni 20 ms viene inviato un segmento UDP.

29 Telefonia Internet: perdita dei pacchetti e ritardo Perdita a causa della rete: è possibile quando un buffer è pieno e non può ricevere il datagramma IP che, in questo caso, viene scartato e non arriverà mai a destinazione. Perdita per ritardo: quando i datagrammi IP arrivano con molto ritardo: Diversi tipi di ritardo: di trasmissione, di elaborazione, di accodamento nei router, di propagazione e di elaborazione nei terminali lungo un collegamento. Ritardo massimo tollerato: 400 ms. Ritardo tollerato: a seconda di come la voce è codificata e trasmessa, e di come la perdita è mascherata in ricezione, tassi di ritardo compresi fra 1% e 10% possono essere tollerati.

30 Jitter di pacchetto trasmissione video con tasso costante Ritardo di rete variabile (jitter) Ricezione buffered data riproduzione del video a tasso costante Ritardo di riproduzione tempo

31 Ritardo di riproduzione fisso Il ricevente tenta di riprodurre ciascun blocco esattamente q millisecondi dopo che è stato generato. Se un blocco è contrassegnato da un tempo di generazione t, il ricevente lo riproduce dopo un intervallo t + q. Se il blocco non è arrivato in tempo utile, lo scarta e lo considera perso. Qual è la migliore scelta per q? q elevato: diminuisce la perdita dei pacchetti q basso: la qualità è migliore (ma se q è inferiore a 400 ms molti pacchetti mancherebbero il tempo programmato per la riproduzione a causa del jitter)

32 Ritardo di riproduzione fisso Il trasmittente genera pacchetti a intervalli regolari, supponiamo ogni 20 ms. Il primo pacchetto è ricevuto al tempo r. Il primo istante di riproduzione inizia al tempo p. Il secondo istante di riproduzione inizia al tempo p. packets packets generated packets received loss playout schedule p' - r playout schedule p - r time r p p'

33 Ritardo di riproduzione adattativo Obiettivo: ritardo di riproduzione minimo con il vincolo che la perdita sia al di sotto dei pochi punti percentuali. Approccio: regolare il ritardo di riproduzione: Stimare il ritardo della rete e regolare il ritardo di riproduzione con l inizio di ciascun periodo di attività vocale. Le pause dei trasmittenti vengono compresse o prolungate. Il trasmittente genera pacchetti a intervalli regolari, ogni 20 ms. t i = istante in cui il primo pacchetto è generato. r i = istante in cui il pacchetto i è ricevuto. p i = istante in cui il pacchetto i è riprodotto. r i - t i = ritardo di rete end-to-end dell i-esimo pacchetto. d i = stima del valore medio del ritardo alla ricezione dell i-esimo pacchetto. Questa stima è ricavata dalle marcature temporali come segue: d i ( 1 u) di 1 u( ri ti ) dove u è una costante (es., u = 0,01).

34 Ritardo di riproduzione adattativo V i, = stima della deviazione media dal ritardo medio stimato: v i ( 1 u) vi 1 u ri ti di Le stime di d i e v i sono calcolate per ogni pacchetto ricevuto, sebbene possano essere utilizzate solo per determinare il punto di riproduzione del primo pacchetto. Se i è il primo pacchetto di un periodo di attività, il suo istante di riproduzione è dato da: dove K è una costante positiva. p i t i d i Kv Il punto di riproduzione per ogni pacchetto successivo è calcolato come lo spostamento dal momento in cui è riprodotto il primo pacchetto. i

35 Recupero dei pacchetti perduti Correzione dell errore in avanti (FEC) Il ricevente deve attendere di aver ricevuto l intero gruppo di pacchetti prima di poter iniziarne la riproduzione. Conseguenze: Aumento della banda necessaria; ritardo di riproduzione.

36 Recupero dei pacchetti perduti Interallacciamento Può migliorare la qualità con cui si percepisce uno stream audio Non richiede l aumento di larghezza di banda dello stream Incrementa la latenza, limitando così il suo utilizzo per applicazioni interattive come la telefonia Buone prestazioni nello streaming audio memorizzato

37 Reti multimediali Applicazioni multimediali di rete Streaming memorizzati Utilizzo ottimale del servizio best-effort: la telefonia Internet Protocolli per applicazioni interattive in tempo reale: RTP, RTCP, SIP Reti per la distribuzione di contenuti multimediali Oltre il best-effort Scheduling e sorveglianza Servizi intergrati e servizi differenziati MPLS

38 Protocolli per applicazioni interattive in tempo reale RTP specifica la struttura di un pacchetto standardizzata per i campi dati audio/video. RFC 1889 Il pacchetto RTP include: Il tipo di carico utile Il numero di sequenza La marcatura temporale RTP opera sugli endsystem. I pacchetti RTP sono incapsulati in un segmento UDP. Interoperabilità: le applicazioni che incorporano RTP possono interagire con altri software di rete multimediali, anche se utilizzano prodotti sviluppati da differenti aziende.

39 RTP e QoS RTP non offre alcun meccanismo che assicuri la consegna in tempo dei dati o fornisca altre garanzie in termini di QoS L incapsulamento RTP è visibile solo al sistema terminale, non dai router intermedi.

40 RTP utilizza UDP Le librerie RTP forniscono un interfaccia a livello di trasporto che estende UDP: 32 bit V P X Source port # Destination port # Lenght C C Checksum (opt.) M PType Sequence number Timestamp Synchronization source (SSRC) identifier Possible header extension UDP header 8 B RTP header 12 B Payload

41 Intestazione dei pacchetti RTP V P X CC M PT Sequence Number Timestamp SSRC CSRC_1

42 Intestazione dei pacchetti RTP version (V) = (2 bit) Indica la versione del protocollo RTP; Padding (P) = (1 bit) Indica che nella parte dati esistono dei byte di riempimento, che non fanno parte dei dati; Extension (X) = (1 bit) Indica la presenza di un extension header; Dipende dal profilo o dall applicazione. CSRC count (CC) = (1 bit) Numero di campi CSRC presenti nell intestazione; Marker (M) = (1 bit) Il suo uso dipende dal profilo della sessione in corso; Il profilo definisce i codec utilizzati, mappati nel payload type (PT).

43 Intestazione dei pacchetti RTP PT - Tipo di carico (7 bit). Indica la codifica impiegata. Se il trasmittente decide di variare la codifica durante una sessione, per aumentare la qualità audio o per diminuire la frequenza trasmissiva del flusso RTP, può informare il ricevente del cambiamento attraverso questo campo. Codice 0 PCM legge, 64 kbps Codice 3 GSM, 13 kbps Codice 7 LPC, 2,4 kbps Codice 26 JPEG Codice 31 H.261 Codice 33 Video MPEG 2 Numero di sequenza (16 bit). Il numero di sequenza è incrementato di un unità per ogni pacchetto inviato, e può essere utilizzato dal ricevente per rilevare le perdite e ricostruire la sequenza dei pacchetti. All inizio della sessione viene estratto in modo casuale: minimizza la probabilità di avere pacchetti di connessioni vecchie ancora in rete con lo stesso numero di sequenza.

44 Intestazione dei pacchetti RTP Marcatura temporale (32 bit). Riporta l istante del campionamento del primo byte nel pacchetto dati: Serve per eliminare il jitter dei pacchetti introdotto nella rete e per fornire la riproduzione sincronizzata al receiver; Il primo timestamp inviato nello stream RTP viene estratto in modo casuale; Nel caso dell audio, l orologio è incrementato di un unità a ogni campionamento (per esempio, ogni 125 ms per un campionamento a 8 KHz). Se l applicazione audio genera blocchi costituiti da 160 campioni, allora la marcatura temporale cresce di 160 per pacchetto RTP quando la sorgente è attiva. La marcatura temporale è incrementata a tasso costante anche se la sorgente è inattiva. Identificatore della sorgente di sincronizzazione, SSRC (32 bit). Identificativo della sorgente che ha creato il contenuto del payload. E un numero scelto a caso dalla sorgente quando inizia un nuovo stream. Contributing source (CSRC) = fino a 15 campi da 32 bit ciascuno - Campi opzionali; - Contengono gli SSRC delle vere sorgenti del flusso.

45 Intestazione dei pacchetti RTP Defined by profile Lenght header extension.. header extension Un meccanismo di estensione è previsto per le implementazioni individuali per sperimentare nuove funzioni payload-format indipendenti, che richiedono informazioni aggiuntive da inserire nell'header del pacchetto RTP; lenght : lunghezza dell estensione dell intestazione espressa in word da 4 byte.

46 Protocollo di controllo di RTP (RTCP) RTP control protocol (RFC 1889). Funziona insieme a RTP. Ogni partecipante di una sessione RTP trasmette periodicamente pacchetti di controllo RTCP a tutti gli altri partecipanti. Ogni pacchetto RTCP contiene i rapporti dei trasmittenti e/o riceventi Che comunicano statistiche utili all applicazione. Le statistiche includono il numero dei pacchetti spediti, di quelli persi e il jitter. Queste informazioni possono essere utilizzate per controllare le prestazioni Es., i trasmittenti potrebbero utilizzarle per modificare la loro frequenza trasmissiva.

47 RTCP (continua) - I pacchetti RTCP sono trasferiti tra i vari partecipanti a una sessione RTP utilizzando IP multicast. Per ogni sessione RTP esiste un indirizzo multicast utilizzato da tutti i pacchetti RTP e RTCP. - I pacchetti RTP e RTCP sono distinguibili dai loro numeri di porta (quello di RTCP è dato dal numero di porta RTP più uno). - Per limitare il traffico, ogni partecipante riduce il suo traffico RTCP quando il numero dei partecipanti aumenta.

48 Pacchetti RTCP Il ricevente genera un rapporto di ricezione: L identificatore SSRC del flusso RTP, la frazione di pacchetti persi, l ultimo numero di sequenza ricevuto e il jitter negli arrivi. Il trasmittente invia pacchetti di rapporto: L identificatore SSRC del flusso RTP, la marcatura temporale e l ora effettiva di generazione dei pacchetti più recenti, il numero dei pacchetti inviati e il numero dei byte inviati nel flusso. Il trasmittente crea anche pacchetti di descrizione della sorgente: Indirizzo , nome del trasmittente e informazioni sull applicazione che ha generato il flusso e il suo identificatore SSRC. Questi pacchetti forniscono una correlazione fra SSRC e il nome dell utente/host.

49 Pacchetti RTCP SR (Sender Report): - inviato da tutte le sorgenti attive a tutti i partecipanti; - trasporta statistiche di spedizione effettuate dai partecipanti che trasmettono dati RTP; - riassume la quantità di informazione appena inviata; - contiene: a) Timestamp assoluto (NTP) all istante di invio; b) Timestamp relativo al flusso RTP in corso; c) Quantità di dati inviati dall inizio della sessione; - Numero totale di pacchetti RTP inviati; - Numero totale di byte inviati.

50 Pacchetti RTCP RR (Receiver Report): - inviato da tutte le sorgenti passive a tutti i partecipanti; - trasporta statistiche di ricezione di un partecipanti che riceve dati RTP; - informa i mittenti della qualità della ricezione; - è inviato ad ogni sorgente da cui si è ricevuto un SR; - contiene: a) Indicazione della sorgente ascoltata; b) Timestamp dell ultimo SR ricevuto; c) Ritardo dalla ricezione dell ultimo SR; d) Numero di sequenza più alto ricevuto dalla sorgente; e) Numero di pacchetti RTP della connessione persi; f) Frazione di pacchetti RTP della connessione persi; g) Stima del jitter dei pacchetti RTP della connessione.

51 Pacchetti RTCP SDES (Source Descriptor): - contiene elementi di descrizione dei partecipanti; - descrive la sorgente mediante identificativo unico; - è usato dalle sorgenti e dai ricevitori per presentarsi ; - può contenere: a) CNAME: identificativo dell utente b) NAME: nome della persona che usa l applicazione; c) ; d) PHONE; e) LOC: indicazione geografica dell utente; f) TOOL: applicazione che sta usando RTP; g) NOTE. BYE: - indica la disconnessione di un partecipante o termine della sessione APP: application-specific - indica che un partecipante vuole lasciare la sessione

52 pacchetto RTCP Encription prefix 32 bit SR o RR Additional RRs SDES (CNAME) APP BYE

53 Sincronizzazione dei flussi RTCP può essere utilizzato per sincronizzare i flussi delle sessioni RTP. Consideriamo un applicazione di videoconferenza per la quale ciascun trasmittente genera due flussi RTP indipendenti. Le marcature temporali in questi pacchetti sono legate agli orologi di campionamento audio e video. E non all ora effettiva, cioè al tempo reale. I rapporti RTCP del trasmittente contengono: La marcatura temporale del più recente pacchetto RTP. L ora effettiva di creazione. I riceventi possono utilizzare questa corrispondenza per sincronizzare la riproduzione di audio e video.

54 Problema!!! Scalabilità di RTCP sessione RTP con un sender e un gran numero di receiver; ciascuno dei receiver genera pacchetti RTCP; la velocità di trasmissione aggregata dei pacchetti può superare di molto la velocità di invio dei pacchetti RTP del sender. la quantità di traffico RTP inviato nell albero multicast non varia all aumentare del numero dei receiver; la quantità di traffico RTCP cresce linearmente con il numero dei receiver. Risoluzione: RTCP modifica la velocità a cui i partecipanti inviano i pacchetti alla sessione.

55 Scalabilità di RTCP RTCP cerca di limitare il traffico al 5% della larghezza di banda della sessione. Esempio: Se il trasmittente sta inviando un video a 2 Mbps, il 5% corrisponde a 100 Kbps. Il protocollo ripartisce quindi equamente il 75% del tasso ridotto tra i riceventi e assegna il restante 25% al trasmittente. Il tasso ridotto è equamente ripartito tra i riceventi: Dati R riceventi, ciascuno di essi può trasmettere a una frequenza di 75/R kbps. La frequenza del mittente sarà di 25 kbps. I partecipanti determinano il periodo di trasmissione del pacchetto RTCP calcolandone dinamicamente la dimensione media e dividendola per il tasso di trasmissione assegnato.

56 Scalabilità di RTCP Un partecipante (sender o receiver) determina il periodo di trasmissione del pacchetto RTCP calcolando dinamicamente la dimensione media del pacchetto RTCP e dividendola per la velocità che gli è stata allocata. Ts = numero sender (dim. media pacchetto RTCP) 0.25 x 0.05 x larghezza banda sessione Tr = numero receiver (dim. media pacchetto RTCP) 0.75 x 0.05 x larghezza banda sessione

57 SIP SIP: Session Initiation Protocol Definito in ambito IETF SIP, visione a lungo termine Tutte le telefonate e le video conferenze passano attraverso Internet. Le persone sono identificate dal loro nome o dall indirizzo , piuttosto che dal loro numero di telefono.

58 Servizi offerti da SIP Impostazione della chiamata Fornisce i meccanismi che consentono al chiamante di connettersi al ricevente. Fornisce i meccanismi che consentono ai partecipanti di accordarsi sulle codifiche dei media. Fornisce i meccanismi che permettono di terminare le chiamate. Determinazione dell attuale indirizzo IP del ricevente. Gestione della chiamata, fornisce procedure che permettono di: aggiungere nuovi flussi di media. cambiare la codifica durante la chiamata invitare nuovi partecipanti trasferire o mettere in attesa.

59 Chiamata verso un indirizzo IP noto Alice INVITE c=in IP m=audio RTP/AVP 0 port 5060 port OK c=in IP m=audio RTP/AVP 3 ACK port Bob Bob's terminal rings Alice invia un messaggio INVITE a Bob che comprende le indicazioni del suo numero di porta, del suo indirizzo IP. Vuole ricevere l audio codificato nel formato AVP 0 (PCM codificato con legge ). Bob invia un messaggio di risposta che comprende, oltre alla stringa 200 OK, anche le indicazioni del suo indirizzo IP e le preferenze di codifica (GSM). port GSM Law audio port i messaggi SIP possono essere inviati sia con TCP sia con UDP. Qui sono inviati con RTP/UDP Di default, il numero di porta di SIP è time time

60 Esempio di un messaggio SIP INVITE SIP/2.0 Via: SIP/2.0/UDP From: To: Call-ID: Content-Type: application/sdp Content-Length: 885 c=in IP m=audio RTP/AVP 0 Qui non si usa l indirizzo IP di Bob, ma il suo indirizzo SIP Alice invia e riceve messaggi SIP usando il numero di porta di default Note: Assomiglia ai messaggi HTTP. sdp = session description protocol RFC 2327 Call-ID è unico per ogni chiamata.

61 Traduzione dei nomi e localizzazione degli utenti Il chiamante ha solo il nome o l indirizzo e- mail del destinatario. Ha bisogno di conoscere l indirizzo IP dell attuale host del destinatario: L utente si sposta Protocollo DHCP L utente ha differenti dispositivi IP (PC, PDA, ) I risultati si basano su: momento della giornata (al lavoro, a casa) chiamante (non si desidera che il capo ci rintracci a casa) status del ricevente (le chiamate vengono dirottate su una segreteria telefonica se il destinatario sta già parlando con qualcuno) Servizi forniti dai server SIP: Server di registrazione SIP. Server proxy SIP.

62 Server di registrazione SIP Un utente (Bob) è associato a un server di registrazione SIP al quale l applicazione, quando viene lanciata, invia un messaggio di registrazione. Il server di registrazione di Bob memorizza il suo attuale indirizzo IP. Messaggio di registrazione: REGISTER sip:domain.com SIP/2.0 Via: SIP/2.0/UDP From: To: Expires: 3600 Messagi di refresh ogni 3600 secondi

63 Esempio Procedura seguita da per avviare una sessione vocale IP con (1) Jim invia un messaggio INVITE al proxy SIP di umass. (2) Questo fa una ricerca e quindi rilancia il Messaggio al server di registrazione. (3) dato che non è presente nel server di upenn, SIP proxy umass.edu 1 8 SIP client SIP registrar upenn.edu SIP registrar eurecom.fr SIP client quest ultimo invia una risposta di ri-direzione. (4) Il proxy umass trasmette un INVITE al server di registrazione SIP di eurecom (5) che conosce l indirizzo e rilancia l INVITE al terminale , su cui gira il client SIP di Keith. (6-8) viene inviata una risposta SIP verso il client SIP (9) I media vengono scambiati direttamente tra i due client. Nota: il messaggio di riscontro SIP non è mostrato

64 Confronto con H.323 H.323 è un altro protocollo di trasmissione in tempo reale, interattivo. H.323 è una famiglia completa di protocolli integrati verticalmente per le conferenze multimediali: segnalazione, registrazione, controllo di ammissione, trasporto e codec. SIP è un componente monolitico. Lavora con RTP, ma non lo richiede. Può essere combinato con altri protocolli e servizi. H.323 è di origine ITU (telefonia). SIP è di origine IETF e adotta molti concetti del Web, di DNS e della posta elettronica in Internet. SIP adotta il principio KISS: keep it simple stupid, fallo in modo semplice, stupido.

65 Reti multimediali Applicazioni multimediali di rete Streaming memorizzati Utilizzo ottimale del servizio best-effort: la telefonia Internet Protocolli per applicazioni interattive in tempo reale: RTP, RTCP, SIP Reti per la distribuzione di contenuti multimediali Oltre il best-effort Scheduling e sorveglianza Servizi intergrati e servizi differenziati MPLS

66 Reti per la distribuzione dei contenuti (CDN) Distribuzione di contenuti: Distribuzione in tempo reale di flussi di file di notevoli dimensioni (es., video) da un singolo server di origine. Soluzione: replicare il contenuto a centinaia di server attraverso Internet: Il contenuto viene prima caricato nel server CDN. La CDN replica i contenuti nei server CDN La CDN fornisce un meccanismo per cui il contenuto richiesto da un client viene fornito dal server CDN che può farglielo pervenire nel modo migliore. Server CDN in Sud America Server di origine in Nord America Nodo di distribuzione CDN Server CDN in Europa Server CDN in Asia

67 Reti per la distribuzione dei contenuti (CDN) Distribuzione di contenuti: I fornitori di servizi come CNN distribuiscono i contenuti attraverso una CDN (es., Akamai). Ogni volta che un fornitore modifica un oggetto, provvederà a inoltrare la versione aggiornata al nodo CDN, il quale lo replica immediatamente e lo distribuisce ai server CDN. Server di origine in Nord America Nodo di distribuzione CDN Server CDN in Europa

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved Pearson

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

Trasporto traffico multimediale in Internet

Trasporto traffico multimediale in Internet Trasporto traffico multimediale in Internet Andrea BIANCO Andrea.Bianco@polito.it http://www.telematica.polito.it/ MULTIMEDIA IN INTERNET - 1 Tassonomia delle applicazioni Due classi (dal punto di vista

Dettagli

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

Trasporto traffico multimediale in Internet

Trasporto traffico multimediale in Internet Trasporto traffico multimediale in Internet Andrea BIANCO Andrea.Bianco@polito.it http://www.telematica.polito.it/ MULTIMEDIA IN INTERNET - 1 Tassonomia delle applicazioni Due classi (dal punto di vista

Dettagli

Differentiated Service

Differentiated Service Marco Listanti i Differentiated Service Architecture t (Diffserv) Differentiated Service (Diffserv) (1) La prima motivazione dell architettura Dff Diffserv è di tipoeconomico Applicazione di un principio

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati Prof. Raffaele Bolla dist IP-QoS!

Dettagli

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il classico servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, connectionless, best effort Il servizio di trasferimento non

Dettagli

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.3 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.4 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Trasferimento di informazioni multimediali in Internet

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati IP-QoS L IETF ha proposto due

Dettagli

DiffServ- Differentiated Services

DiffServ- Differentiated Services Differentiated Services: Introduzione 2 DiffServ- Differentiated Services Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Proposta dall IETF nella RFC 2474/75 (12/98) Approccio basato

Dettagli

QoS a livello Network

QoS a livello Network p.1 QoS a livello Network Paolo Campegiani campegiani@ing.uniroma2.it http://www.ce.uniroma2.it p.2 IP: un protocollo best effort Il protocollo IP é un protocollo best effort: non c é garanzia che i pacchetti

Dettagli

Architetture software per la QoS

Architetture software per la QoS Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 Architetture software per la QoS Perché software? Le soluzioni hardware

Dettagli

Distribuzione di contenuti multimediali

Distribuzione di contenuti multimediali PARTE 13 Distribuzione di contenuti multimediali Parte 13 Modulo 1: Introduzione Contenuti multimediali La definizione di multimediale è molto arbitraria Tipicamente, si intende la combinazione di più

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS)

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS) Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e su IP 1.1 Introduzione alle QoS su IP Prof. Raffaele Bolla dist! Due possibili QdS: Misurata sul traffico generato dal servizio (traffico

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

Architetture per la QoS in Internet

Architetture per la QoS in Internet Marco Listanti Architetture per la QoS in Internet Integrated Service Architecture (Intserv) Architettura Integrated Service (Intserv) (1) Ha lo scopo i fornire il supporto di servizi a qualità garantita

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI

Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI RTP Real Time Transport Protocol e RTCP, RTP Control Protocol Maria Luisa MERANI 1 PREMESSA Dal momento che le applicazioni real-time (o near realtime) dovrebbero fare la parte del leone sulla Internet

Dettagli

Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità. Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media )

Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità. Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media ) Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media ) 1 Applicazioni Multimediali Tipicamente sensibili a ritardi ed alle variazioni

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 (materiale tratto dalle lezioni del prof. J. C. De Martin

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Servizi integrati su Internet

Servizi integrati su Internet Servizi integrati su Internet L architettura Integrated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IntServ - 1 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

Introduzione alla telefonia su IP

Introduzione alla telefonia su IP Introduzione alla telefonia su IP Mario Baldi Synchrodyne Networks, Inc. baldi@synchrodyne.com Pietro Nicoletti Studio Reti, s.a.s. p.nicol@inrete.it IPtelIntro_i - 1 Copyright: si veda nota a pag. Nota

Dettagli

Qualità di Servizio (QoS) in Internet

Qualità di Servizio (QoS) in Internet Marco Listanti Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, p connectionless, best effort Non è adatto alle applicazioni

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Reti di Calcolatori. MPLS Simon Pietro Romano spromano@unina.it Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II

Reti di Calcolatori. MPLS Simon Pietro Romano spromano@unina.it Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Reti di Calcolatori MPLS Simon Pietro Romano spromano@unina.it Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Slide a cura di Vittorio Manetti vittorio.manetti@unina.it 26/05/2009

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Protocollo RTP/RTCP. di Sebastiano Vascon 788442. A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo

Protocollo RTP/RTCP. di Sebastiano Vascon 788442. A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo Protocollo RTP/RTCP di Sebastiano Vascon 788442 A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo Comunicazione Real-Time Definiremo Real-Time una comunicazione tra due o più host nella quale

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ 1 IP: caratteristiche (1) Semplice protocollo di tipo Datagram I pacchetti viaggiano su percorsi diversi

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Qualità di servizio e telefonia in Internet

Qualità di servizio e telefonia in Internet Qualità di servizio e telefonia in Internet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino Voce su IP Il flusso vocale Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#9 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet Applicazioni Real-Time in Internet 1 Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione Kurose_0_Kurose_0 14/03/13 11:49 Pagina V Prefazione all edizione italiana Prefazione XIII XV Capitolo 1 Reti di calcolatori e Internet 1 1.1 Che cos è Internet? 2 1.1.1 Gli ingranaggi di Internet 2 1.1.2

Dettagli

Servizi differenziati su Internet

Servizi differenziati su Internet Servizi differenziati su Internet L architettura Differentiated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi DiffServ - 1 DiffServ - 2 Nota di

Dettagli

Internet e Reti di Calcolatori

Internet e Reti di Calcolatori Internet e Reti di Calcolatori Sommario cosa è Internet cosa è un protocollo? network edge network core rete di accesso, mezzi fisici prestazioni: loss (perdita), delay (ritardo) strati di un protocollo

Dettagli

MPLS. Definizioni. MPLS: motivazioni. Motivazioni

MPLS. Definizioni. MPLS: motivazioni. Motivazioni Definizioni MPLS Introduzione L MPLS (MultiProtocol Label Switching) è uno standard sviluppato dall IETF per infrastrutture di backbone MultiProtocol significa che è in grado di operare con qualunque protocollo

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Corso TECNICO DI RETE

Corso TECNICO DI RETE Corso TECNICO DI RETE MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri sarneri@ttc-progetti.it ANDREA SARNERI - CORSO CESCOT 2010 1 Lezione 12 Voip La digitalizzazione del segnale

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.

MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario. MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi MPLS - 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

Multi-Protocol Label Switching (MPLS)

Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Davide Quaglia a.a. 2009/2010 1 Sommario Introduzione Forwarding equivalence classes Multi-Protocol Label Switching

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 Quesiti-verifica2-08-con-soluzioni-v1.doc Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 1 Si consideri il segmento di rete ATM mostrato in figura in cui i nodi A, B, E e F sono commutatori

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Stefano Paris, Antonio Capone, Flaminio Borgonovo, Paolo Giacomazzi

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment IL DIMENSIONAMENTO SU LAN Soluzione IPTel (PBX virtuali) Gateway con rete PSTN ISDN/PSTN IP Eth. phones Call manager (gatekeeper) Server H.323

Dettagli

Introduzione (parte III)

Introduzione (parte III) Introduzione (parte III) Argomenti della lezione Ripasso degli argomenti del primo corso: il livello di trasporto, il meccanismo di controllo delle congestioni e le applicazioni Il livello di trasporto

Dettagli

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano TECNOLOGIA VoIP INTRODUZIONE In questo documento verranno trattati i caratteri principali della tecnologia

Dettagli

VideoStreaming su IP

VideoStreaming su IP VideoStreaming su IP Anno Accademico 2007/2008 Agenda Principi di video Streaming Come prevenire gli errori e come mascherarli Appendice Come si realizza la codifica/decodifca Protocollidirete Overview

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso Corso di Laboratorio di Multimedialità Anno Accademico 2002-2003 Docente: Claudio Sacchi PARTE 1: INTRODUZIONE AL CORSO E RIEPILOGO DEI CONCETTI DI BASE Contenuti Programma del corso ed articolazione delle

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 4 1 ESERCIZI RIEPILOGATIVI 2 Esercizio 1 Token Bucket + Leaky Bucket Un Token Bucket con capacità del buffer dei token pari a q TB,MAX =500 kb, rate di picco p

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli