ELEMENTI DI CONTROLLO DELL ENERGIA IDRAULICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DI CONTROLLO DELL ENERGIA IDRAULICA"

Transcript

1 ELEMENTI DI CONTROLLO DELL ENERGIA IDRAULICA In un circuito idraulico oltre ai due componenti fondamentali che realizzano la conversione dell energia meccanica in energia idraulica e viceversa (pompa e motore), è richiesta la presenza di componenti che svolgano l azione di controllo. Per esigenze di esercizio dei circuiti è quindi necessario intervenire sulle grandezze idrauliche fondamentali (pressione e portata del fluido), nonché sulla direzione del flusso. Gli elementi preposti a svolgere questa funzione sono denominate valvole e possono essere raggruppate in tre categorie principali: - valvole direzionali Valvole per il controllo della direzione - valvole di portata Valvole per il controllo della portata - valvole di pressione Valvole per il controllo della pressione VALVOLE DIREZIONALI Sono valvole che permettono di realizzare e modificare il collegamento fra 2 o più rami del circuito per mezzo di un segnale di controllo esterno che può essere di diversa natura (meccanica, elettrica, pneumatica o idraulica). Le valvole direzionali vengono classificate in base al numero delle connessioni che realizzano con il circuito e al numero delle posizioni che può assumere il distributore. La rappresentazione simbologica di tali valvole prevede un numero di riquadri pari al numero delle posizioni che essa può assumere, ed indica le vie o connessioni con il circuito mediante le lettere A, B, P e T (figura 1). Figura 1 Rappresentazione grafica di valvole a due e tre posizioni La figura 1c indica, in modo semplificato ed ancora incompleto una valvola direzionale 4/2 ovvero una valvola avente 4 vie e 2 posizioni. La figura 2a integra la rappresentazione precedente della valvola 4/2 perché indica, mediante delle frecce, la modalità di connessione prevista con i rami del circuito per ognuna delle posizioni che assume l otturatore della valvola. In figura 2b invece è rappresentato lo schema simbologico di una valvola 4/3 a centri chiusi, ovvero di una valvola caratterizzata da una posizione centrale di riposo dell otturatore che realizza la chiusura completa di tutti i lati del circuito. Esistono tuttavia delle differenti realizzazioni per le valvole 4/3 che differiscono esclusivamente per il collegamento che viene realizzato nella posizione di riposo. La figura 2c ad esempio è previsto l isolamento della sola linea indicata con P e la connessione fra le restanti linee A, B e T. I nomi assegnati alle quattro Figura 2 Valvola con 4 vie e 2 e 3 posizioni. connessioni identificano: con P la 35

2 linea del circuito alimentata dalla pompa, con T quella diretta verso il serbatoio e con A e B quelle connesse con gli estremi dell attuatore (figura 3b). Figura 3a Figura 3b Figura 3c La rappresentazione simbologica completa delle valvole direzionali deve indicare anche il tipo di azionamento utilizzato. In figura 3a sono indicate le diverse soluzioni previste per l azionamento: manuale mediante un pulsante o una leva, meccanico tramite punteria a rullo o barra dentata, pilotaggio mediante una linea in pressione o elettrico tramite solenoide. La figura 3b rappresenta pertanto una valvola 4/2 ad azionamento manuale a pulsante e ritorno a molla, impiegata per controllare il movimento di un cilindro a doppio effetto differenziale, mentre in figura 3c è raffigurata una elettrovalvola 4/3 combinata avente la linea in pressione posta a scarico quando la valvola è in condizioni di riposo. Da notare che la normativa sulla rappresentazione dei circuiti oleodinamici prevede di rappresentare le valvole sempre nella posizione di riposo. Figura 4 Elementi otturatori delle valvole 36

3 L organo otturatore delle valvole direzionali è generalmente costituito da un distributore a cassetto con movimento lineare. Tuttavia sono possibili delle configurazioni in cui il distributore è dotato di un movimento di tipo rotativo. Gli otturatori delle valvole possono essere anche del tipo a ghigliottina, a sfera, conici a disco e del tipo ugello-deviatore (flappernozzle) come rappresentato in figura 4. Valvole a due vie La figura 5a mostra una valvola a due vie, due posizioni (2/2), normalmente chiusa, azionabile manualmente mediante un pulsante, con molla di richiamo ed otturatore a sfera. Poiché le valvole sono rappresentate nella loro posizione di riposo, quando vengono azionate la nuova configurazione può essere determinata immaginando di traslare il contorno della valvola, nella direzione imposta dall'azionamento, rispetto alle connessioni esterne. Ad esempio in figura 5b due valvole pneumatiche aventi questa tipologia costruttiva, possono essere impiegate per controllare un attuatore pneumatico a semplice effetto. Le due valvole devono però essere azionate contemporaneamente per mettere in pressione il cilindro eseguendo la fase di spinta, mentre quando vengono rilasciate consentono lo scarico del cilindro e il riposizionamento del pistone. Nel controllo sequenziale della direzione del flusso queste valvole causano una piccola caduta di pressione in quanto il loro compito è quello di dirigere il flusso nelle diverse direzioni ma non di produrre eccessive perdite con la laminazione del flusso. Figura 5a Valvola 2/2 Figura 5b Applicazione con 2 valvole 2/2 Valvole a tre vie Le valvole a tre vie sono caratterizzate da tre connessioni con l esterno (figura 6). Una sola valvola a tre vie e due posizioni (3/2) può essere usata, per sostituire le due valvole 2/2 del circuito precedente di figura 5b utilizzate per azionare un cilindro a semplice effetto. La figura 6 mostra una valvola a tre vie e due posizioni (3/2), azionata meccanicamente, con molla di richiamo e distributore a cassetto nelle due posizioni che essa può assumere. La presenza dei rilievi a disco sul distributore a cassetto permette non solo la facile commutazione delle linee, ma assicura anche il bilanciamento statico delle forze di pressione in modo automatico che si manifestano al momento dell azionamento esterno della valvola. Figura 6 Valvola 3/2 37

4 Valvola a quattro e cinque vie La valvola a quattro vie sostanzialmente combina la funzione di due valvole a tre vie, alimentando un lato del cilindro e ponendo a scarico l altro lato e viceversa. In figura 7a è rappresentata una valvola 4/3 a centri chiusi, mentre in figura 7b viene indicato il simbolo grafico corrispondente. In questo caso il cassetto distributore richiede quattro rilievi per assicurare il bilanciamento statico delle pressioni in entrambe le posizioni operative. Alcune di queste valvole benché abbiano 5 vie interne hanno solo quattro connessioni esterne. Infatti due vie dirette verso lo scarico possono essere collegate fra loro internamente e connesse con l esterno con un unica apertura sul corpo valvola (figura 7a). Utilizzando un unica valvola a quattro o cinque vie è possibile controllare un cilindro a doppio effetto. Quando la valvola a quattro o cinque vie si sposta tra le sue posizioni estreme essa passa attraverso la posizione centrale che può determinare diversi comportamenti della valvola in base alla tipologia di costruzione della valvola stessa. Figura 7 Valvola 4/3 valvola a ricoprimento negativo Nelle valvole a ricoprimento negativo il profilo del distributore a cassetto è realizzato in modo che la sua larghezza sia inferiore a quella delle luci di connessione con il circuito. In questa posizione il fluido proveniente dalla pompa può defluire verso il serbatoio ad una pressione relativamente bassa eliminando la generazione di calore causata dalla valvola di relief quando viene usata una pompa a portata costante e la valvola in posizione centrale di riposo realizza invece la chiusura totale delle connessioni. valvola a ricoprimento positivo Quando invece la valvola nella sua posizione centrale presenta tutte le linee chiuse, il distributore è caratterizzato da una larghezza dei rilievi superiore a quella delle aperture. Questa caratteristica permette di bloccare il carico in qualsiasi posizione desiderata anche se la chiusura contemporanea della linea in pressione determina l intervento della valvola di relief. valvola accoppiata (tandem centre valve) Questo tipo di valvola combina i vantaggi delle valvole a ricoprimento positivo con quelle delle valvole a ricoprimento negativo. In questo caso infatti, quando la valvola è in posizione centrale, la pompa è posta a scarico col serbatoio rendendo così minime le perdite e la generazione di calore, ma le aperture connesse con il cilindro sono chiuse per cui il carico rimane bloccato nella sua posizione. 38

5 Ricoprimento nullo ε=0 ε<0 Ricoprimento negativo ε<0 Figura 8 Caratteristiche costruttive dei distributori a cassetto ε>0 Ricoprimento positivo ε>0 Elettrovalvola a due stadi Le valvole a due stadi sono sostanzialmente due valvole direzionali riunite in un unico corpo valvola. Il sistema di comando dell elettrovalvola, costituito dal solenoide agisce su una piccola valvola direzionale (valvola pilota) che impiega il fluido del sistema idraulico per pilotare la valvola principale. Questo tipo di configurazione a due stadi si rende necessaria nelle valvole di grandi dimensioni che operano nei sistemi ad alta pressione perché le forze richieste per l azionamento diretto del distributore non sarebbero generabili dal solenoide. Nella valvola a due stadi invece il solenoide fornisce la forza sufficiente per l azionamento dello stadio pilota, di piccole dimensioni, che tramite le linee di pilotaggio comandano la valvola principale. Figura 9 Elettrovalvola a due stadi con stadio pilota e valvola principale Esistono altre valvole che possono essere utilizzate per il controllo della direzione anche se non rientrano nella precedente classificazione e sono: - la valvola di logica (shuttle valve) - la valvola di non ritorno o valvola di ritegno (non-return valve) La valvola di tipo logico, rappresentata in figura 10, presenta tre connessioni con il circuito di cui due sono in ingresso e la terza è invece in uscita. La valvola opera in modo che la linea che assume il valore di pressione più elevato viene connessa con l uscita mentre l altra linea è 39

6 bloccata e non interferisce con la prima. Tale valvola agisce pertanto come un elemento logico di tipo OR in quanto permette il flusso della sola linea che possiede la pressione più elevata. A A p 2 > p 1 p 1 > p 2 p 1 p 2 p 1 p 2 A p 1 p 2 Figura 10 Schema semplificato e simbologica di una valvola logica La valvola di non ritorno, schematicamente rappresentata in figura 11, invece si inserisce nel circuito e viene utilizzata per permettere il passaggio del fluido in una sola direzione. Nella valvola rappresentata in figura 11a il flusso transita liberamente da sinistra verso destra in quanto l'otturatore viene sollevato dalla sua sede per effetto della forza di pressione del fluido. Quando invece il flusso si inverte la pressione presente sul lato destro risulta superiore a quello presente sul lato di sinistra della valvola ed allora l otturatore viene forzato sulla sua sede impedendo il passaggio del fluido. valvola di ritegno pilotata in apertura linea di pilotaggio valvola di ritegno pilotata in chiusura Figura 11a Valvola di non ritorno semplice linea di pilotaggio Figura 11b Valvole di ritegno pilotate Inoltre,sono state sviluppate alcune varianti della valvola di non ritorno semplice. Una di queste, comunemente utilizzata, è la valvola di non ritorno pilotata (pilot check valve). In figura 11b è rappresentata una valvola di non ritorno pilotata in apertura (pilot-to-open check valve) che si comporta come una normale valvola di non ritorno ma se la pressione di pilotaggio è sufficiente a permetterne l apertura, il passaggio del flusso può avvenire in entrambe le direzioni. E possibile impiegare anche la soluzione che pilota la chiusura anziché l apertura della valvola (figura 11b). VALVOLE PER IL CONTROLLO DELLA PORTATA In molte applicazioni è necessario regolare e controllare la velocità del carico sia che si utilizzi un cilindro oppure un motore idraulico. Nelle applicazioni in cui si utilizzano i cilindri a doppio effetto si opera in modo che la corsa di lavoro, che normalmente è quella di spinta, 40

7 ovvero di fuoriuscita dello stelo, risulti più lenta della fase di tiro che corrisponde alla corsa di rientro dello stelo per il recupero della posizione di inizio ciclo. La velocità del pistone può essere controllata variando la portata di fluido inviata al cilindro utilizzando una valvola per il controllo della portata. Il controllo accurato della velocità di un cilindro pneumatico è in genere più difficile da ottenere a causa della comprimibilità dell aria. La più semplice valvola di regolazione della portata è lo strozzatore bidireziomale con otturatore a spillo rappresentata in figura 12 che realizza la variazione della portata in entrambe le direzioni in seguito alla modifica della sezione di passaggio attraverso l'otturatore a spillo. In molti sistemi tuttavia è desiderabile regolare la portata in una sola direzione e questo si può ottenere disponendo una valvola di non ritorno in parallelo con lo strozzatore che è sempre l'elemento di regolazione. Normalmente entrambi gli elementi sono Figura 12 Valvola a spillo bidirezionale combinati in un unico corpo valvola come rappresentato in figura 13. Quando il fluido fluisce attraverso la valvola da sinistra verso destra si opera la regolazione della portata tramite la posizione assunta dallo spillo dello strozzatore. Quando il flusso avviene invece in senso opposto, ovvero da destra verso sinistra, la forza di pressione esercitata sulla superficie utile dell'otturatore mobile a disco permette il passaggio libero del fluido evitando l'attrraversamento dello strozzatore. Nei sistemi pneumatici la velocità dell attuatore viene controllata installando le valvole di controllo della portata sulla linea di scarico in modo che il cilindro forzi l aria attraverso la valvola. In questo modo si ottengono le migliori condizioni per ottimizzare la caduta di pressione attraverso la valvola. Questo modo di operare è noto come controllo della portata allo scarico meter-out control e ha il vantaggio di controllare i carichi trascinati. In figura 13b è rappresentato un cilindro in cui viene controllata la fase di spinta del cilindro (movimento da sinistra verso destra del pistone) mentre risulta libera la corsa di tiro che avviene in maniera rapida e non controllata. Sfortunatamente le valvole regolatrici della portata come i semplici strozzatori presentano l'inconveniente di far variare la portata volumetrica non solo in seguito alla regolazione della sezione di passaggio della valvola ma anche per effetto della variazione del carico che si desidera controllare. Figura 13a Valvola regolatrice di portata unidirezionale Figura 13b Regolazione meter-out control 41

8 La portata attraverso uno strozzatore si valuta con la medesima relazione che esprime la portata attraverso un diaframma. La relazione che esprime la portata volumetrica attraverso il componente può essere pertanto espressa nella seguente forma: p Q = AvC d in cui oltre alla sezione di passaggio della valvola A v compare anche il ρ coefficiente di scarico C d che tiene conto sia dell effetto di contrazione della vena e sia della riduzione della velocità in seguito alle perdite. Poiché le variazioni del carico esterno determinano, a parità di pressione di alimentazione, la variazione della pressione a valle della valvola, allora cambia anche il p attraverso la valvola e conseguentemente si modificano la portata di fluido e la velocità di spostamento del carico stesso. Per superare questa difficoltà sono state progettate delle valvole regolatrici di portata compensate in pressione (figura 14). In figura 14, dove è rappresentata una valvola regolatrice di portata compensata in pressione, si osserva che se la pressione p varia, allora l otturatore mobile si muove in modo da determinare la compensazione di tale cambiamento, ristabilendo la stessa caduta di pressione attraverso l orifizio realizzato dall otturatore a spillo. Per esempio, in seguito ad una riduzione del carico, la pressione p diminuisce, l otturatore mobile si sposta verso il basso riducendo la portata Q 1 e quindi anche la pressione P 1. In tal modo la Figura 14 Valvola regolatrice di portata compensata in pressione caduta di pressione attraverso lo spillo si mantiene costante al variare del carico. VALVOLE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE Nel gruppo delle valvole di pressione rientrano sia le valvole per il controllo della pressione, sia le valvole controllate dalla pressione. Valvola di Relief La più nota valvola dio pressione è la valvola di relief che è una valvola di sicurezza usata per proteggere il circuito idraulico dai sovraccarichi di pressione. Infatti senza questa valvola la pressione nel circuito potrebbe crescere fino a raggiungere valori così elevati da causare la rottura dei componenti, bloccare la pompa e il motore elettrico che la aziona. La figura 15 mostra una valvola di relief a comando diretto. Si può osservare che se la pressione supera il valore di chiusura della valvola determinato dal carico sulla molla, l otturatore si solleva connettendo il circuito con il serbatoio. Figura 15 Valvola di relief 42

9 La pressione alla quale la valvola inizia ad aprirsi dipende dal precarico della molla e differirà dalla pressione per la quale si ha lo scarico totale del sistema. Tale differenza sarà tanto maggiore quanto più rigida sarà la molla e determinerà una curva caratteristica della valvola non perfettamente verticale (figura 16). Inoltre se la valvola di relief pur trovandosi con l otturatore completamente aperto non è in grado di scaricare tutta la portata fornita dalla pompa per quel valore di pressione massima, si determinerà comunque l aumento della pressione secondo il noto andamento parabolico tipico delle valvole regolatrici di portata (figura 16). Q Andamento teorico Andamento reale in regolazione Andamento reale completa apertura p Figura 16 Curva caratteristica della valvola di relief Se però si utilizzano delle molle dotate di una elevata elasticità (bassa rigidezza), si possono determinano delle caratteristiche della valvola più ripide. Queste hanno però lo svantaggio che possono risentire facilmente degli effetti indotti dalle forze perturbatrici che nascono dall azione di impulso dei getti fluidi e che provocano l instabilità della valvola. Figura 17 Valvola di relief a 2 stadi Tale inconveniente può essere quasi completamente superato dalla valvola di relief a due stadi mostrata in figura 17 che presenta una caratteristica praticamente verticale. Nella configurazione a due stadi si permette alla pressione vigente sul sistema di agire sulla valvola pilota grazie al foro passante presente sull otturatore principale. Quando la pressione nel sistema raggiunge il valore di taratura della molla della valvola pilota il suo otturatore si solleva dalla sede consentendo al fluido di scaricarsi verso il serbatoio. Questo comporta la rapida caduta della pressione a valle del foro dell'otturatore principale che quindi si solleva completamente liberando la luce in pressione verso il serbatoio. Valvola di scarico La valvola di scarico consente lo scarico rapido dell olio alla pressione atmosferica nel momento in cui la pressione, in un punto prestabilito del sistema, ha raggiunto il valore di 43

10 taratura della valvola prefissato con il precarico della molla. In figura 18 è rappresentata una valvola di questo tipo insieme al simbolo identificativo mentre la figura 19 mostra l utilizzo di questa valvola in un circuito con pompa doppia. Questa valvola si differenzia da quella di relief perché il suo pilotaggio è indiretto in quanto risente della pressione prelevata esternamente alla valvola e non direttamente dall'interno della valvola stessa. Nel circuito di figura 19 si verifica che inizialmente entrambe le pompe operando a portata costante inviano il fluido al sistema, ma quando sulla linea viene raggiunto il livello di pressione massimo da attivare la valvola di scarico, quest ultima si apre e scarica verso il serbatoio la portata elaborata dalla pompa B. Figura 18 Valvola di scarico Figura 19 Impiego della valvola di scarico Questo intervento consente di eliminare la perdita di energia che si sarebbe verificata se il flusso creato dalla pompa B fosse stato scaricato direttamente attraverso la valvola di relief ad una pressione prossima a quella massima di lavoro del sistema. Valvola riduttrice di pressione Questo tipo di valvola permette di stabilire differenti pressioni massime di lavoro in punti differenti di un circuito idraulico. La figura 20 rappresenta questo tipo di valvola. La pressione presente sulla bocca di uscita della valvola, agisce sul lato sinistro del cursore mediante la linea di pilotaggio. Pertanto un aumento della pressione sulla linea d uscita, che risulti superiore al valore impostato con il carico della molla, sposta il cursore verso destra riducendo la portata e quindi anche la pressione all'uscita della valvola. Figura 20 Valvola riduttrice di pressione 44

11 Se venisse ancora una volta usata una valvola di relief al posto della valvola riduttrice di pressione essa impedirebbe l aumento di pressione sull intero circuito. Infatti, la valvola di relief, al raggiungimento del valore di pressione di intervento, connette la linea in pressione con il serbatoio, provocando la riduzione drastica della pressione su tutto il circuito. Inoltre la valvola riduttrice di pressione risulta normalmente aperta mentre quella di relief è normalmente chiusa. Valvola di sequenza Nei circuiti in cui sono presenti più cilindri è spesso necessario azionarli secondo una ben definita sequenza. Se ad esempio si desidera eseguire prima la fase di spinta di un solo cilindro e successivamente quello del secondo, tale risultato si può ottenere con una valvola di sequenza (figura 21). Questa valvola di pressione risulta normalmente chiusa e si apre solo quando la pressione in ingresso alla valvola ha raggiunto il valore di taratura preimpostato con l azione di precarico sulla molla. La figura 22 mostra un circuito idraulico nel quale la valvola direzionale V1 viene azionata in modo da alimentare il cilindro 1 per eseguire la fase di spinta, ed ottenere il bloccaggio del pezzo. Quando il cilindro 1 è giunto a fine corsa, la pressione nella linea tende a salire fino a raggiungere il valore di azionamento della valvola di sequenza che determina così l inizio della fase di spinta del cilindro 2. Questo azionamento potrebbe costituire il comando per il taglio del pezzo. Quando la valvola V1 assume la posizione opposta, entrambi i cilindri si ritraggono ed il fluido in uscita dal cilindro 2 bypassa la valvola di sequenza attraverso la valvola di non ritorno. Figura 21 Valvola di sequenza Figura 22 Applicazione della valvola di sequenza VALVOLE A POSIZIONAMENTO CONTINUO Le elettrovalvole finora presentate possono assumere solamente due stati: attuata o non attuata nel senso che lo stato assunto dal solenoide può determinare la chiusura e la completa apertura del distributore della valvola ma non permette alcuna posizione intermedia. Fra le valvole a posizionamento continuo rientrano sia le valvole proporzionali sia le servovalvole. Le servovalvole sono simili alle elettrovalvole in quanto sono controllate elettricamente ma si differenziarono per il fatto che sono in grado di assumere precise posizioni intermedie fra la posizione di completa apertura e quella di totale chiusura del distributore. Questo modo di operare permette non solo di controllare la direzione del flusso ma anche di regolarne la portata ed eventualmente anche la pressione a valle attraverso le perdite di carico indotte dall otturatore. 45

12 Le servovalvole vengono spesso utilizzate nei servosistemi con un dispositivo di controllo a ciclo chiuso capace di rendere il segnale di uscita uguale a quello desiderato, mentre le valvole proporzionali vengono preferibilmente utilizzate nei sistemi con controllo a ciclo aperto. Occorre tuttavia sottolineare che oggi non esiste più una differenza netta fra le valvole proporzionali e le servovalvole perché vengono entrambe utilizzate come componenti per il controllo della posizione, della velocità e dell accelerazione. Le servovalvole per il controllo della portata sono distributori a posizionamento continuo in cui il legame tra la corrente di eccitazione del solenoide e la portata regolata è lineare. I modelli più diffusi sono del tipo a due stadi in cui nel primo stadio un segnale elettrico di bassa potenza (max. 50 mw) viene convertito in un segnale di pressione che pilota il distributore a posizionamento continuo del secondo stadio. La posizione del distributore determina, attraverso la luce di passaggio lasciata libera dagli spigoli pilotanti, la portata attraverso la servovalvola (figura 23). Figura 23 Servovalvola e valvola proporzionale La valvola con otturatore a cassetto, quando si trova in posizione di riposo, può risultare a luci aperte oppure chiuse. Benché questo tipo di valvola appaia costruttivamente semplice e risultando il tipo di servovalvola più diffuso, è in realtà di difficile realizzazione per le strette tolleranze richieste. I distributori a cassetto sono realizzati in modo da ottenere delle camere anulari tramite variazioni simmetriche del diametro dell otturatore che permettono di bilanciare le forze di pressione che si vengono a sviluppare su di esso. Questo costituisce un fattore importante soprattutto nei sistemi ad elevata pressione. Il differente comportamento della valvola, quando il distributore si trova nella posizione centrale di riposo, può essere facilmente realizzato variando l entità del gioco con la sede della valvola. Tale comportamento è stato messo in evidenza quando sono state esaminate le elettrovalvole il cui distributore a cassetto poteva assumere le tre differenti configurazioni di figura 8: ricoprimento negativo che determina la condizione di valvola aperta; ricoprimento positivo che comporta la chiusura completa della valvola; ricoprimento nullo pone la valvola in posizione critica con gioco nullo In seguito alle strette tolleranze richieste da questo tipo di valvole è necessario che il fluido sia ben filtrato per evitare che piccole particelle metalliche causino l inceppamento del distributore e la parziale ostruzione dei meati determinando il choking del flusso. Per ovviare a questo inconveniente si utilizzano dei distributori del tipo a getto (jet pipe) e del tipo ugello con deflettore (flapper-nozzle). 46

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI Un esame sistematico dei circuiti completi, anche se limitato a pochi tipi di macchine e di attrezzature, sarebbe estremamente complesso e vasto. Il raggiungimento del

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Simbologia pneumatica

Simbologia pneumatica Simbologia pneumatica Fonte/Sorgente di pressione E l alimentazione/alimentatore di ogni circuito pneumatico. È generalmente costituito da un compressore che comprime l aria all interno di un serbatoio.

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Appunti sui circuiti pneumatici - attuatori

Appunti sui circuiti pneumatici - attuatori Circuiti pneumatici Non sempre il comando mediante motori elettrici risulta il più adatto a risolvere tutte le esigenze dell'automazione, in particolare per quanto riguarda la semplicità e l'economicità

Dettagli

III LE VALVOLE (PARTE I)

III LE VALVOLE (PARTE I) Tecnologie Chimiche Industriali classe III LE VALVOLE (PARTE I) Carroli Filippo a.s.200.2008/2009 IN QUESTA PUNTATA CLASSIFICAZIONE DELLE VALVOLE VALVOLE DI INTERCETTAZIONE CON MASCHIO TRONCO CONICO VALVOLE

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Esistono due categorie di amplificatori di potenza

Esistono due categorie di amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Amplificatore di potenza Segnale fornito dai regolatori è un segnale a bassa potenza non compatibile con le esigenze della movimentazione Si interpone uno stadio di amplificazione

Dettagli

Valvole. Valvole di controllo della direzione (distributori) Caratteristiche costruttive: a cassetto ad otturatore (a sfera) (a pattino)

Valvole. Valvole di controllo della direzione (distributori) Caratteristiche costruttive: a cassetto ad otturatore (a sfera) (a pattino) Valvole Valvole di controllo della direzione (distributori) Caratteristiche funzionali: numero bocche numero posizioni tipo di azionamento Caratteristiche costruttive: a cassetto ad otturatore (a sfera)

Dettagli

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1 Impianto pneumatico La finalità di tale impianto è quella di fornire ad una serie di utenze aria a pressione e temperatura controllate. Queste sono raggiungibili con una rete di distribuzione, composta

Dettagli

Valvole di regolazione

Valvole di regolazione Valvole di Regolazione Valvole di regolazione Sono attuatori che servono a modulare la portata di fluido (liquido o gassoso) nei circuiti idraulici Diffusissime nel controllo di processo industriale (es:

Dettagli

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX

Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX www.atos.com Tabella E0-6/I Elettrovalvole a sicurezza intrinseca a comando on/off - a norme ATEX corpo cursore solenoide a sicurezza intrinseca connettore elettrico comando manuale -06/6 Valvole on/off

Dettagli

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh 1 IDRAULICA Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO F S S PsxSxh h F p = pressione p = p = Ps S h/s = Ps h Ps = peso specifico S h = profondità P=0 P=Psxh h Andamento della pressione

Dettagli

TCA S.p.A. Soluzioni per le cesoie 2003/001

TCA S.p.A. Soluzioni per le cesoie 2003/001 La tecnologia delle valvole a cartuccia permette di concentrare qualsiasi numero di funzioni di controllo oleodinamiche in un solo blocco, dalla singola valvola per il controllo della discesa, al blocco

Dettagli

Il Sistema Common Rail

Il Sistema Common Rail Il Sistema Common Rail 1. Caratteristiche del sistema di iniezione Common Rail Il sistema di iniezione Common Rail (figura 1) consente di regolare elettronicamente la quantità di combustibile iniettata,

Dettagli

Compressori Corso base

Compressori Corso base Compressori Funzione I compressori hanno la funzione di produrre la necessaria portata di aria compressa in un automezzo per alimentare tutti gli utilizzatori d'aria compressa. I compressori WABCO sono

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

Serie T488 Valvole "TECNO-ECO" G 1/8" 3/2

Serie T488 Valvole TECNO-ECO G 1/8 3/2 Serie T488 1 Serie T488 Valvole "TECNO-ECO" G 1/8" 3/2 Pneumatio - Molla 3/2 T488..11.1 26 3 4. 2 3.2 Peso gr. 7 Pressione minima di 2, bar 3/2 Serie Valvole Pneumatio T488 "TECNO-ECO" - Molla G 1/8" -

Dettagli

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita.

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. COMANDI PER CICLI Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. Tipologie di comandi per cicli: 1. MANUALI o ARBITRARI : ogni azione della sequenza

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI

BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI BANCO PROVA AUTOMATICO PER POMPE VOLUMETRICHE ACQUA FINO A 30 KW POMPE PER IRRORAZIONE POMPE PER IDROPULITRICI Caratteristiche generali Banco prova per pompe volumetriche acqua a pistoni Prova di pompe

Dettagli

Soluzioni oleodinamiche per argani

Soluzioni oleodinamiche per argani Soluzioni oleodinamiche per argani La tecnologia delle valvole a cartuccia permette di concentrare numerose funzioni di controllo oleodinamico in un unico blocco, offrendo garanzie di elevata funzionalità,

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Attuatori Pneumatici Attuatori per la movimentazione Tre tipologie principali: Elettrici Elettromagnetici Piezoelettrici Elettrostatici Pneumatici Idraulici Attuatori per la movimentazione Attuatori per

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

Impianto idraulico. Impianto idraulico AZIONAMENTO DI SISTEMI

Impianto idraulico. Impianto idraulico AZIONAMENTO DI SISTEMI Impianto idraulico 1 Impianto idraulico AZIONAMENTO DI SISTEMI 2 Caratteristiche positive Elevato rapporto potenza/peso Elevata accuratezza nel controllo Bassa inerzia, elevata risposta in frequenza Elevato

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

ITALIA srl SERIE 300. Valvole idrauliche a due camere di controllo

ITALIA srl SERIE 300. Valvole idrauliche a due camere di controllo ITAIA srl SEIE 300 Valvole idraulice a due camere di controllo SEIE 300 Valvole idraulice a due camere di controllo a serie 300 della società DOOT è la più innovativa tra le valvole di controllo ed è stata

Dettagli

Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Impianti e Sistemi Aerospaziali CALCOLO D IMPIANTO IDRAULICO

Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Impianti e Sistemi Aerospaziali CALCOLO D IMPIANTO IDRAULICO Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Impianti e Sistemi Aerospaziali CALCOLO D IMPIANTO IDRAULICO 1 1. Premessa La presente relazione riporta il calcolo della rigidezza del comando

Dettagli

PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA PRODUZIONE E TRATTAMENTO DELL ARIA COMPRESSA 1. Generazione dell'aria compressa L uso della pneumatica nei processi di produzione è così diffuso che attualmente non esistono più stabilimenti che non abbiano

Dettagli

Valvole di sicurezza dirette, pilotate o a cartuccia

Valvole di sicurezza dirette, pilotate o a cartuccia www.atos.com Tabella E110-15/I Valvole di sicurezza dirette, pilotate o a cartuccia con microinterruttori meccanici o sensori induttivi di prossimità in accordo a EN 92, EN 201, EN 22, EN 93, EN 1222 DPHI-271*/FI

Dettagli

CILINDRI DI BLOCCAGGIO SEMPLICE EFFETTO RITORNO A MOLLA CON CORPO ESTERNO FILETTATO - SERIE 14 E 18 Pag. 01

CILINDRI DI BLOCCAGGIO SEMPLICE EFFETTO RITORNO A MOLLA CON CORPO ESTERNO FILETTATO - SERIE 14 E 18 Pag. 01 CATALOGO INDICE CILINDRI DI BLOCCAGGIO SEMPLICE EFFETTO RITORNO A MOLLA CON CORPO ESTERNO FILETTATO - SERIE 14 E 18 Pag. 01 CILINDRI DI BLOCCAGGIO SEMPLICE EFFETTO RITORNO A MOLLA CON CORPO ESTERNO LISCIO

Dettagli

-10 +45 C aria filtrata 50 μm, con o senza lubrificazione sistema spola 10 bar G/18 6,5 G1/4 8,5

-10 +45 C aria filtrata 50 μm, con o senza lubrificazione sistema spola 10 bar G/18 6,5 G1/4 8,5 CL/CM Distributori UNIVERSAL G1/8 - CARATTERISTICHE Temperatura ambiente Fluido Sistema di commutazione Pressione Max Connessioni Diametro nominale (mm) Portata nominale (Nl/min) Corpo valvola Guarnizioni

Dettagli

REGOLAZIONE DEGLI IMPIANTI IDROELETTRICI

REGOLAZIONE DEGLI IMPIANTI IDROELETTRICI La regolazione della frequenza costituisce una prerogativa fondamentale per la qualità dell esercizio di una rete elettrica. Le utenze elettriche richiedono che frequenza e tensione assumano precisi valori

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Capitolo 1 CIRCUITI PNEUMATICI

Capitolo 1 CIRCUITI PNEUMATICI Capitolo CIRCUITI PNEUMATICI. Circuiti elementari. Schemi funzionali e schemi topografici.3 Circuiti per cicli semiautomatici ed automatici.4 Struttura di un circuito pneumatico.5 Funzioni tempo.6 Funzioni

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO.

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO. 3 00/ ID DFP POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le pompe DFP sono pompe a palette a cilindrata fissa, realizzate in quattro diverse grandezze, divise a loro volta in cinque dimensioni

Dettagli

Poltrona odontoiatrica Elevance

Poltrona odontoiatrica Elevance Poltrona odontoiatrica Elevance Numeri di modello: 153810 Manuale di servizio Lingua di origine: inglese PER LʼUSO ESCLUSIVO DA PARTE DEI TECNICI SPECIALIZZATI MIDMARK 004-0752-07 (Revisione: 23/07/13)

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

ISTRUZIONI BASE E NORME DI SICUREZZA PER TUTTI I TIPI DI CENTRALE OLEODINAMICA SEA

ISTRUZIONI BASE E NORME DI SICUREZZA PER TUTTI I TIPI DI CENTRALE OLEODINAMICA SEA ISTRUZIONI BASE E NORME DI SICUREZZA PER TUTTI I TIPI DI CENTRALE OLEODINAMICA SEA Questo documento è di proprietà della SEA S.r.l., può essere riprodotto e divulgato ma solo integralmente con loghi e

Dettagli

FIELDBUS CM CLEVER MULTIMACH DISTRIBUTORI

FIELDBUS CM CLEVER MULTIMACH DISTRIBUTORI FIELDBUS CM CLEVER MULTIMACH 1 INTRODUZIONE INTRODUZIONE DATI TECNICI GENERALI Connessioni bocche valvole Attacco alimentazione piloti sul terminale tipo 1-11 Numero massimo piloti Numero massimo valvole

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

Serie PF51G per controllo on-off Valvole pneumatiche a pistone in bronzo

Serie PF51G per controllo on-off Valvole pneumatiche a pistone in bronzo Pagina 1 di 8 TI-P373-14 CH Ed. 3 IT - 2010 Descrizione Le valvole in bronzo per controllo on/off della serie PF51G sono del tipo a due vie ad attuazione pneumatica, progettate per l utilizzo con un ampia

Dettagli

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA Quando il motore è fermo, bisogna fornire dall'esterno l'energia necessaria per le prime compressioni, onde portare l'aria ad una temperatura sufficiente

Dettagli

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895

esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 esercitazioni di Disegno di Macchine Anno Accademico 2013-2014 Prof. Alessandro Tasora tasora@ied.unipr.it tel. 051 90 5895 NOTE: Svolgere le esercitazioni su fogli A3 lisci, preferibilmente tipo cartoncino.

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Dati tecnici Pressione (bar) : max. 10 Temperatura ( C) : max. 200 Volume campione (ml) : 150 / 250 / 500 / 1000

Dati tecnici Pressione (bar) : max. 10 Temperatura ( C) : max. 200 Volume campione (ml) : 150 / 250 / 500 / 1000 NEOTECHA Dispositivo di campionamento sicuro e affidabile, in grado di soddisfare le esigenze del settore chimico e farmaceutico. Caratteristiche Estrazione di campioni rappresentativi da reattori in condizioni

Dettagli

VALVOLE A FARFALLA SERIE 1-2512

VALVOLE A FARFALLA SERIE 1-2512 VALVOLE A FARFALLA SERIE 1-2512 VALVOLE A FARFALLA SERIE 1-2512 Le valvole PARCOL serie 1-2512 sono provviste di un otturatore a disco di tipo "swing through" opportunamente profilato per ridurre le coppie

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 10 V GN 10 serie 1X pressione d esercizio max. 210 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94

Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 10 V GN 10 serie 1X pressione d esercizio max. 210 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94 RI 26 864/05.02 Sostituisce: 2.95 Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 0 V GN 0 serie X pressione d esercizio max. 20 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94 tipo ZDRK 0 VP5-X/ Sommario Caratteristiche

Dettagli

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO

17/10/2013. calda alimentati a biomassa SOLIDO 1 1 1 Questa presentazione illustra i principali elementi contenuti nella legislazione e nelle norme tecniche di volta in volta richiamate Questa presentazione ma non sostituisce gli atti richiamati e

Dettagli

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE STAGE LIBERTY 1 : NOZIONI DI MONTAGGIO E DI REGOLAZIONE DI UN IMPIANTO OLEODINAMICO Regole di controllo di montaggio e precauzioni preliminari,

Dettagli

Oleodinamica e Pneumatica. Obiettivi del Corso

Oleodinamica e Pneumatica. Obiettivi del Corso Obiettivi del Corso Fornire gli strumenti di base necessari per una corretta progettazione e per un uso razionale dei sistemi a fluido. Acquisire i principi di funzionamento dei principali componenti utilizzati

Dettagli

CETOP RACCOMANDAZIONE RE 2000/01 QUALIFICHE RELATIVE AL SETTORE DELLA POTENZA FLUIDA

CETOP RACCOMANDAZIONE RE 2000/01 QUALIFICHE RELATIVE AL SETTORE DELLA POTENZA FLUIDA CETOP RACCOMANDAZIONE RE 2000/01 QUALIFICHE RELATIVE AL SETTORE DELLA POTENZA FLUIDA 1. INTRODUZIONE 1.1 Cosa è il CETOP? 1.2 Proposta di Formazione 1.3 L obiettivo 1.4 Cosa sono le QUALIFICHE BASATE SULLA

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Serie 3755 Amplificatore di portata pneumatico Tipo 3755

Serie 3755 Amplificatore di portata pneumatico Tipo 3755 Serie 3755 Amplificatore di portata pneumatico Tipo 3755 Applicazione L amplificatore di portata viene utilizzato in combinazione con i posizionatori per aumentare la velocità di regolazione degli attuatori

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

VALVOLE DI REGOLAZIONE

VALVOLE DI REGOLAZIONE VALVOLE DI REGOLAZIONE DIMENSIONAMENTO E SCELTA INTRODUZIONE Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire indicazioni, suggerimenti e formule per una corretta scelta delle valvole di controllo per processi

Dettagli

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI IPSIA A. PONTI GALLARATE anno scolastico 2002/2003 BLOCCO TEMATICO: MACCHINE ELETTRICHE MAC01 MAC02 MAC03 MAC04 MAC05 MAC06 MAC07

Dettagli

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA

BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI. SCUOLA SUPERIORE DI INGEGNERIA The post-graduate School of Advanced Engineering Studies. SpA BONIFICA ACUSTICA: SILENZIATORI Silenziamento lungo i condotti o tramite silenziatori dissipativi I canali rettangolari costruiti con lamiera metallica presentano una bassa attenuazione sonora dell ordine

Dettagli

VALVOLE ISO 5599/1 SERIE SAFE AIR

VALVOLE ISO 5599/1 SERIE SAFE AIR Partendo da una serie di valvole robusta ed affidabile come quelle a norma ISO 5599/1, sono state aggiunte alcune caratteristiche peculiari quali la presenza di un sistema di diagnostica dello stato della

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Serie RS. Valvole rotative a tre vie per sistemi di controllo della temperatura

Serie RS. Valvole rotative a tre vie per sistemi di controllo della temperatura Serie RS Valvole rotative a tre vie per sistemi di controllo della temperatura s e r i e R S Serie RS Valvola rotativa a tre vie per sistemi di controllo della temperatura Valvola miscelatrice e deviatrice

Dettagli

MANUALE. per la regolazione del carburatore

MANUALE. per la regolazione del carburatore MANUALE per la regolazione del carburatore VHSH 30 INTRODUZIONE Il carburatore e il Kart Il carburatore VHSH 30 è stato studiato espressamente per l applicazione Kartistica grazie all esperienza maturata

Dettagli

Valvole con solenoidi antideflagranti a comando on/off e proporzionale - a norme UL

Valvole con solenoidi antideflagranti a comando on/off e proporzionale - a norme UL www.atos.com Tabella E125-10/I Valvole con solenoidi antideflagranti a comando on/off e proporzionale - a norme UL DLHZ-T-040 corpo valvola solenoide antideflagrante trasduttore antideflagrante (solo per

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

Livellamento Automatico per Piattaforme Aeree e Sistemi Idrauliche

Livellamento Automatico per Piattaforme Aeree e Sistemi Idrauliche Comanda in modo Proporzionale il cilindro idraulico di livellamento della navicella delle piattaforme aeree (Ponti sviluppabili), nel corso delle manovre di salita e discesa. CARATTERISTICHE TECNICHE:

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

GIUNTI IDRAULICI PER AVVIAMENTO A RIEMPIMENTO COSTANTE

GIUNTI IDRAULICI PER AVVIAMENTO A RIEMPIMENTO COSTANTE GIUNTI IDRAULICI PER AVVIAMENTO A RIEMPIMENTO COSTANTE VANTAGGI DEL GIUNTO IDRAULICO Facilitare l avviamento Accelerazione graduale senza urti Protezione da sovraccarichi parziali o totali Assorbire le

Dettagli

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione

GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione GAMMA DEI PRODOTTI Elementi e sistemi per la tecnica di produzione Tecnica di bloccaggio Cilindri idraulici Generatori di pressione idraulici Centraline di bloccaggio e industriali Tecnica dei montaggi

Dettagli

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC)

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Ugello per macchine con serranda a bullone tipo BHP a comando pneumatico o idraulico serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Meccanismo valvola:

Dettagli

IMPIANTO IDRAULICO. Gli attuatori possono essere applicati a parti che richiedono movimento traslatorio o rotatorio.

IMPIANTO IDRAULICO. Gli attuatori possono essere applicati a parti che richiedono movimento traslatorio o rotatorio. IMPIANTO IDRAULICO Missione dell impianto La missione dell impianto idraulico è quella di trasferire a determinate utenze energia idraulica che appositi attuatori convertiranno poi in energia meccanica.

Dettagli

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I

IMPIANTI ELE L TT T R T IC I I IMPIANTI ELETTRICI 1 CORRENTE ELETTRICA La corrente alternata è caratterizzata da cariche elettriche in moto variabile nel tempo sia in intensità che in direzione. Normalmente la corrente elettrica viene

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

Sistema di controllo per iniezione sequenziale, montato su carrello

Sistema di controllo per iniezione sequenziale, montato su carrello Sistema di controllo per iniezione sequenziale, montato su carrello Componenti: "Sequentia" SE802E + Minicentrale oleodinamica F014/0050 F014/0050-IT Rev.0-15/12/2014 Pg. 1/5 Minicentrale oleodinamica

Dettagli

Il software KISSsys associa l analisi

Il software KISSsys associa l analisi Ingranaggi in 3D Potenzialità, caratteristiche e applicazioni di KISSsys, un software destinato alla progettazione di trasmissioni a ingranaggi. In particolare, si presentano esperienze e prestazioni analizzando

Dettagli

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA ST.01.01.00 GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA Art. 2170 Gruppo di rilancio completo di: - Valvola miscelatrice con servocomando a 3 punti - Circolatore a tre velocità - Valvole d intercettazione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

II, secondo MIL 26485 max. 0.6 mm 2 19 di cui 16 per solenoidi, 2 comuni, 1 terra

II, secondo MIL 26485 max. 0.6 mm 2 19 di cui 16 per solenoidi, 2 comuni, 1 terra CONNESSIONE MULTIPLA Le valvole Mach 1 possono essere montate su basi complete di connessione sia pneumatica che elettrica. I contatti elettrici delle singole valvole vengono collegati, mediante un circuito

Dettagli

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore Approfondimento Macchinari ausiliari per il funzionamento di un Riteniamo utile una breve analisi dei macchinari ausiliari necessari per il corretto funzionamento del, e delle loro principali caratteristiche

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

MONITORAGGIO ASSESTIMETRICO

MONITORAGGIO ASSESTIMETRICO ESSEBI S.r.l MONITORAGGIO ASSESTIMETRICO Tipologie di assestimetri Installazione Esecuzione ed elaborazione delle misure 30 aprile 2003 V.le Giulio Agricola, 130 00174 Roma tel. 06-71.00.152 06-710.75.339

Dettagli

Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1

Impianto idraulico. Capitolo 4 4.1 Capitolo 4 Impianto idraulico 4.1 4.1 Introduzione L'impianto idraulico è un impianto che consente la distribuzione di energia ed il suo controllo attraverso un fluido incomprimibile. Nell'impianto è necessaria

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min 1 50/110 ID DD ELEROVALVOLA DI COMMUAZIONE IN CORRENE CONINUA - SERIE 50 IN CORRENE ALERNAA - SERIE 62 VERSIONE MODULARE ISO 01-05 (CEOP 05) p max 280 bar Q max l/min PIANO DI POSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENO

Dettagli

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI LINEE GUIDA PER IL MONTAGGIO GPL INIEZIONE SEQUENZIALE IN FASE GASSOSA AUTOMOBILI TRASFORMABILI AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE ASPIRATO AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE TURBO AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Avviamento dei motori a combustione interna

Avviamento dei motori a combustione interna Avviamento dei motori a combustione interna Generalità...1 Avviamento dei motori a combustione interna...2 Caratteristiche dei motori di avviamento...3 Meccanismi di ingranamento automatico...5 Ingranamento

Dettagli

TARATURE VALVOLE: il martinetto

TARATURE VALVOLE: il martinetto TARATURE VALVOLE: il martinetto Riferimento al DECRETO 329/04 La verifica di funzionalità degli accessori di sicurezza può essere effettuata con prove a banco o con simulazioni, se non si va ad intaccare

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli