1. Introduzione. Fig

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Introduzione. Fig. 1.1-1"

Transcript

1 . Itroduzioe. Evoluzioe Storica delle Reti di Telecomuicazioe I meo di quarata ai l evoluzioe tecologica ha portato drastici cambiameti al modo ed alla facilità co cui la gete può scambiare iformazioi, grazie alla rivoluzioe avutasi el campo delle reti di telecomuicazioi e del computer techology. egli ai 6 i calcolatori erao molto costosi e solo grosse orgaizzazioi potevao permettersi il lusso di possedere uo. La poteza di calcolo messa a disposizioe da questi calcolatori (gradi quato u paio di armadi), veiva usata sottopoedo al sistema dei processi batch (job) tramite delle schede forate. L iterazioe uomocomputer (HCI - Huma Computer Iteractio) era praticamete ulla. I Fig..- è riportato uo schema che rappreseta il computig eviromet di quegli ai. Stampate Memoria Secodaria (Dispositivi a astro magetico) Posto Operatore (telescrivete) Uità cetrale di Elaborazioe (CPU) Lettore di schede Sala Calcolatore Fig..- Il primo passo verso la codivisioe delle risorse di calcolo è stato compiuto itoro agli ai 7. I questi ai il costo di u calcolatore veiva ammortizzato da più orgaizzazioi, che quidi avevao la ecessità di codividere la risorsa di calcolo. L accesso alla risorsa avveiva secodo ua politica di tipo time-sharig. Lo schema utilizzato allora è riportato i Fig..-2, dalla quale si possoo otare i termiali usati per accedere al calcolatore. Questi termiali comuicavao co l elaboratore cetrale, tramite delle liee dati dedicate ed aalogiche. La coversioe digitale-aalogico veiva affidata a dei modem (MOdulatore DEModulatore ). U altro passo avati fu quello di disaccoppiare i moduli relativi alla gestioe della comuicazioe dall elaboratore, racchiudedo le loro fuzioalità i u Frot-Ed processor. Da questo mometo i poi le fuzioalità di comuicazioe sarao sempre separate dalle fuzioalità elaborative. -

2 Rete Telefoica Pubblica Fig..-2 Per sfruttare meglio le costose liee di comuicazioe, vee itrodotto il multiplexig di più termiali su ua sigola liea. I geerale il multiplexig era gestito da uo dei segueti dispositivi (vedi Fig..-3) : Multiplatore di Termiali Calcolatore Remoto Cluster Cotroller Il multiplatore di termiale può operare i due modi differeti : Multiplexig Determiistico : Ogi termiale collegato ha riservato staticamete u itervallo di tempo per iviare dati, a prescidere dal fatto che esso abbia o meo la ecessità di spedire qualche cosa. Multiplexig Statistico : I questo caso viee assegato u itervallo di tempo per spedire i dati solo a chi e ha effettivamete bisogo, elimiado gli sprechi itrodotti dal Multiplexig Determiistico. Il Cluster Cotroller eseguiva il pollig dei termiali ad esso coessi, metre il Calcolatore Remoto assegava la liea ai termiali secodo ua determiata politica di schedulig. La topologia che veiva fuori da tale sceario era ua stella avete cetro el calcolatore codiviso tra i vari termiali. Ua svolta ella filosofia della comuicazioe si ebbe co l avveto di ARPAET, ata du progetto del DoD (Uited States Departemet Of Defece), la quale propose come alterativa alla topologia stellare si ora utilizzata ua topologia magliata, basata sul packet switchig piuttosto del tradizioale circuit switchig. -2

3 Multiplexer di Termiali Elaboratore Cetrale Calcolatore di Iterfaccia Calcolatore Remoto Sistema Cetrale di Comuicazioe Cluster Cotroller Modem Rete Telefoica Pubblica Termiale Fig..-3 A metà degli ai 8 si pesò di costruire u uovo tipo di rete pubblica, iteramete digitale, utilizzabile sia per il trasferimeto vocale che per il trasferimeto dati. Iizia a farsi avati il cocetto di ISD (Itegrated Service Digital etworks) che mette a disposizioe due caali dati a 64kbps e u caale di cotrollo a 6 kbps (vedi Fig..-4). -3

4 TE TE ISD TE TE TE etwork Termiatio Equipmet ISD Itegrated Service Digital etwork Fig..-4 Attualmete, u grade sforzo si sta facedo per permettere il trasferimeto di iformazioi multimediali sulla rete, le quali richiedoo u alto bit rate. Per questo motivo si stao sviluppado le reti B-ISD (Broadbad ISD), i cui è itrodotto u uovo paradigma sia per la trasmissioe che per lo switchig coosciuto come ATM (Asychroous trasfer mode). Soo già dispoibili delle ATM LA (Local Area etwork) metre si stao sviluppado delle ATM WA (Wide Area etwork) capaci di itercoettere le varie LA. Soo ache i via di sviluppo delle ATM MA (Metropolita Area etwork) che permettao l itercoessioe sia di ATM LA che di Data-oly LA i ua stessa città (vedi Fig..-5). Per adesso si hao a disposizioe solo delle Isole Broadbad collegate ad Iteret, all itero delle quali soo dispoibili i servizi a larga bada. -4

5 Data-oly LA ATM LA ATM MA ATM WA ATM MA ATM LA Data-oly LA Data Oly Workstatio / Server Multimedia Workstatio / Server Fig..-5 L ultima sfida tecologica (ultima i seso temporale) riguarda la comuicazioe wireless (seza cavo), tramite la quale è possibile comuicare co chiuque, i qualuque posto ed i qualsiasi ora. La ricerca si sta duque orietado verso delle reti wireless a larga bada per il trasferimeto di applicazioi multimediali. -5

6 2. etwork Orgaizatio 2. Cocetto di Protocollo Due etità che desiderao cooperare, hao la ecessità di cocordare u isieme di regole su come portare avati la comuicazioe stessa. L isieme delle regole usate per cooperare viee i geere defiita protocollo. U protocollo è u isieme di regole sitattiche e sematiche cocordate tra due o più processi idipedeti al fie di cooperare. Ua rappresetazioe semplificato del collegameto che si istaura tra due iterlocutori, A e B, è mostrata i Fig T A 2 M M B T Fig. 2.-: Modello semplificato del collegameto tra due iterlocutori A e B. I figura soo evideziati due puti associati alle porte utilizzate dai due iterlocutori per comuicare, rispettivamete, co il modo estero (porta T) e co la peer etity (porta M). La codizioe ecessaria e sufficiete affiché due iterlocutori, A e B, possao realizzare u protocollo è che :. Il dizioario dei messaggi i igresso dell iterlocutore A sia icluso el dizioario dei messaggi di B, e viceversa. 2. L isieme di regole e di codifiche dei messaggi co cui l uo si comporta i corrispodeza di messaggi i igresso sia compatibile co le regole seguite dall altro. I due iterlocutori comuicao scambiado messaggi (la cui sitassi e sematica è defiita dal protocollo) tramite la porta M, metre iteragiscoo co il modo estero foredo ua serie di servizi mediate la porta T. Gli iterlocutori di Fig. 2- vegoo i geere detti protocol etity o protocol machie, essi possoo essere rappresetati da ua Fiite State Machie (FSM). 2-

7 2.2 Architetture di Rete Il pricipio che si è seguito ella progettazioe delle reti di comuicazioe, è stato quello della decomposizioe dei servizi i servizi più semplici, ioltre oostate siao possibili differeti architetture, la maggior parte delle reti fao riferimeto ad u architettura a livelli (Fig ). L orgaizzazioe dei servizi i servizi più semplici è detta etwork Architecture. Si defiisce etwork Architecture u isieme di livelli e protocolli. Ogi livello risolve u certo umero di problemi, e forisce ai livelli superiori u set be defiito di servizi, ascodedo i dettagli di come il servizio è effettivamete implemetato. Ciò cosete di sostituire, i modo del tutto trasparete, l implemetazioe di u dato livello co u altra che implemeta la stessa iterfaccia. Il livello di tale architettura rappreseta u iterlocutore che comuica co la sua peer etity tramite il protocollo del livello. Tra ogi coppia di livelli adiaceti ed (-) vi è u iterfaccia che defiisce l isieme dei servizi messi a disposizioe dal livello (-) al livello superiore. I realtà essu dato è spedito direttamete dalla protocol etity di livello su u calcolatore alla peer etity su di u altro calcolatore, ifatti, ogi livello passa i dati e delle iformazioi di cotrollo al livello immediatamete sottostate, fiche o si sia raggiuto il livello più basso. oostate ciò le protocol etity hao la sesazioe di comuicare direttamete come mostrato i Fig della liee trattegiate. Prima di proseguire, è importate efatizzare sulla differeza dei cocetti relativi ai protocolli ed ai servizi. U servizio è u isieme di primitive che ogi livello forisce al livello superiore, esso defiisce cosa u livello può fare ma o come esso effettivamete è implemetato. U protocollo, è ivece u isieme di regole che govera la comuicazioe tra due peer etity. Le etity usao il protocollo per implemetare i servizi foriti dall iterfaccia. I u aalogia co i liguaggi di programmazioe si potrebbe pesare che u servizio è come u oggetto, il quale defiisce i metodi tramite cui iteragire, ma o specifica come essi soo effettivamete implemetati. Metre u protocollo rappreseta i u certo seso l implemetazioe del metodo, e proprio per questo o è visibile a chi usa l oggetto. 2-2

8 Layer 5 Layer 5 Protocol Layer 5 Layer 4-5 Iterface Layer 4 Layer 4 Protocol Layer 4 Layer 3-4 Iterface Layer 3 Layer 3 Protocol Layer 3 Layer 2-3 Iterface Layer 2 Layer 2 Protocol Layer 2 Layer -2 Iterface Layer Layer Protocol Layer Physical Medium Fig : Architettura di ua rete a cique livelli. 2-3

9 Cosideriamo l architettura di rete mostrata i Fig e vediamo di capire co u esempio come due processi attivi al livello 5 possao scambiarsi messaggi. Layer 5 M Layer 5 Protocol M Layer 5 Layer 4-5 Iterface Layer 4 H M Layer 4 Protocol H M Layer 4 Layer 3-4 Iterface Layer 3 H M Layer 3 Protocol H M Layer 3 Layer 2-3 Iterface Layer 2 H M T Layer 2 Protocol H M T Layer 2 Layer -2 Iterface Layer Layer Protocol.... Layer Physical Medium Fig : Flusso effettivo dei messaggi i u sistema a livelli. Suppoiamo che il processo attivo al livello 5 geeri u messaggio m di protocollo da spedire all iterlocutore di livello pari. Il messaggio i questioe verrà passato dal livello 5 al livello 4, sfruttado i servizi messi a disposizioe dell iterfaccia 4-5. Il livello 4 aggiuge u header (rappresetato co ua H i Fig. 2-3) al messaggio passatogli dal livello 5. L header cotiee i geere iformazioi di cotrollo che servoo a gestire il protocollo. Fatto ciò il livello 4 passa il messaggio risultate al livello 3, il quale come il livello precedete gli aggiuge u header. Ifie a differeza degli altri, il livello 2 aggiuge al messaggio passatogli sia u header che u trailer e passa il tutto al livello che fisicamete si preoccupa di spedire il messaggio. A questo puto (se tutto va bee) il messaggio arriverà al livello dell host di destiazioe, il quale passera quato ricevuto al livello superiore che rimuoverà l header ed il trailer e passera la rimaete porzioe al livello superiore, e cosi via. I sostaza all host ricevete ogi layer si preoccuperà di elimiare l header che il peer level aveva itrodotto e passare quidi il risultato al layer superiore. È importate osservare i Fig. 2-3, le frecce (colorate i rosso) che rappresetare il flusso dei messaggi del caso preso i cosiderazioe, u altra cosa da otare è che le peer etity hao effettivamete la sesazioe che la comuicazioe stia avveedo i orizzotale, come mostrato dalle liee tratteggiate. 2-4

10 2.3 Geeralità sui Servizi 2.3. U po di termiologia Abbiamo si ora visto che ell architettura a livelli, ogi layer forisce allo strato soprastate u certo umero di servizi, ioltre i servizi foriti all iterfaccia tra due geerici livelli soo poteziati, secodo uo schema a valore aggiuto, ma mao che si sale di livello. I geerale si defiisce (+)-Service User l etità di livello (+) che usa i servizi messi a disposizioe del livello (), metre -Service Povider l etità distribuita costituita dall etità di livello e dal service provider di livello (-) (vedi Fig. 2.3-). ()-Etity (+)-Service User ()-Etity -Service Provider ()-Etity () Level Protocol ()-Etity (-)-Service Provider Fig : Modello dell architettura a valore aggiuto. 2-5

11 I servizi messi a disposizioe dal -Service Provider soo accessibili tramite gli Service Access Poits (-SAPs). Ogi SAP ha u idirizzo che lo idetifica i modo uivoco. Il livello (+) richiede u servizio al livello, passado ua (+)-SDU tramite u -SAP (vedi i Fig ). La (+)-SDU passata al livello sottostate è costituita dalla (+)-PDU da spedire alla peer etity, e viee icapsulata, isieme ad altre iformazioi aggiutive, i ua ()-PDU. (+) PDU (+Level () SDU () PCI () Level () PCI () SDU () PDU PDU : Protocol Data Uit SDU : Service Data Uit PCI : Protocol Cotrol Iformatio Fig Classificazioe dei Servizi I servizi che u livello offre possoo essere distiti elle segueti categorie: Servizi Coectio Orieted Servizi Coectioless L utilizzo di u servizio coectio orieted prevede tre step, ()Coectio Establishmet, (2)Data Trasfer, (3)Coectio Release. Ua coessioe si comporta come u tubo all itero del quale immettere i messaggi da spedire, questi ultimi soo ricevuti dal destiatario ello stesso ordie co cui soo stati immessi. Questi servizi ecessitao di u Three-Party Agreemet fra local user, remote user e service provider. Per certi versi i servizi coectio orieted soo simili al sistema telefoico, ei quali per parlare a qualcuo, bisoga prima istaurare ua coessioe digitado il umero telefoico del chiamato. Ua volta che la coessioe è stata istaurata possiamo parlare quato vogliamo, ed ifie la coessioe viee chiusa riaggaciado la coretta. I servizi coectioless a differeza di quelli coectio orieted, richiedoo u Two Party Agreemet fra service user e service provider. I tal caso si ha la trasmissioe di uità dati fra loro idipedeti, seza la ecessità di istaurare u coessioe. Questo tipo di servizi è aalogo a quello forito del servizio postale per la spedizioe delle lettere. 2-6

12 2.3.3 Classificazioe degli Elemeti di Servizio Formalmete u servizio è specificato da u isieme di primitive tramite cui i service user possoo accedere al servizio. Le primitive di servizio possoo essere classificate elle quattro classi mostrate i Tabella Tabella 2.3-:Classificazioe delle primitive di servizio Primitiva Request Idicatio Respose Cofirm Sigificato U etità vuole che il servizio faccia qualcosa U etità deve essere iformata su qualche eveto U etità vuole rispodere ad u eveto U etità dev essere iformata sulla sua richiesta I servizi soo i geere classificati i tre categorie : Cofirmed o-cofirmed Provider Iitiated I servizi cofermati (Cofirmed Services) soo costituiti da tutte le primitive preseti ella Tabella 2.3-, è quidi presete ua Request, ua Idicatio, ua Respose ed ua Cofirm. Metre i servizi o cofermati soo costituiti dalle sole primitive di Request e Cofirm. el caso dei servizi Provider Iitiated, è presete solo la primitiva di Idicatio. I Fig , Fig , Fig soo riportati i diagrammi temporali dei servizi sopra descritti. User A Service Provider User B User A Service Provider User B Request Idicatio Request Respoce Idicatio Cofirm Time Time Fig : Diagramma temporale delle primitive di u servizio Cofirmed. Fig : Diagramma temporale delle primitive di u servizio o-cofirmed. 2-7

13 User A Service Provider User B Idicatio Idicatio Time Fig : Diagramma temporale delle primitive di u servizio Provider- Iitiated 2-8

14 3. Modelli di riferimeto Agli iizi degli ai 7 le case produttrici di hardware e software di reti orietavao i loro prodotti verso specifiche macchie (prodotte spesso dalla casa stessa) rededo praticamete impossibile la comuicazioe di sistemi diversi. Per questa ragioe, questi sistemi vegoo classificati come closed system. A metà degli ai 7 l Iteratioal Stadards Orgaizatio (ISO) avviò u processo di stadardizzazioe propoedo u modello di riferimeto chiamato Ope System Itercoectio referece model (OSI referece model) il cui obiettivo era quello di permettere la comuicazioe tra processi applicativi resideti su computer di case costruttrici diverse che rispettavao u dato isieme di regole stadard. 3. OSI Referece Model L architettura scelta per l OSI è aturalmete orgaizzata i livelli, oguo dei quali svolge dei be determiati compiti. Tali livelli vegoo suddivisi i due categorie, i base alle fuzioi svolte: etwork depeded fuctio applicatio orieted fuctio Questo porta alla defiizioe di tre ambieti operativi: etwork Eviromet OSI Eviromet Real System Eviromet Il primo (etwork Eviromet) si occupa dei protocolli e degli stadard relativi ai differeti tipi di sottorete. L OSI Eviromet racchiude il etwork Eviromet e si occupa dei protocolli e degli stadard per la comuicazioe di sistemi aperti. Ifie il Real System Eviromet è costruito sull OSI Eviromet e rappreseta i processi utete che ecessitao la comuicazioe co sistemi remoti. Quato detto è riassuto schematicamete i Fig Il modello OSI è composto da 7 livelli; i pricipi che hao portato a questa scelta soo:. Deve essere aggiuto u livello solo se è ecessario iserire u uovo livello di astrazioe. 2. Ogi livello deve eseguire delle particolari e be determiate fuzioi. 3. Le fuzioi defiite ei vari livelli devoo essere scelte teedo i cosiderazioe che tale modello dovrebbe essere alla base della defiizioe di protocolli stadard iterazioali. 4. I cofii fra i vari livelli devoo essere scelti i modo da miimizzare lo scambio di iformazioi attraverso le iterfacce. 5. Il umero di livelli deve essere abbastaza alto i modo da o mischiare assieme (ello stesso livello) fuzioi che o hao ulla i comue, e deve essere sufficietemete basso da o appesatire troppo l architettura stessa. 3-

15 Computer A Computer B AP AP Applicatio - orieted fuctio Applicatio - orieted fuctio etwork - depeded fuctio etwork - depeded fuctio Data etwork etwork Eviromet OSI Eviromet Real System Evirimet Fig. 3.- Bisoga sottolieare che l OSI Referece Model o è u architettura di rete perché o specifica esattamete i servizi e i protocolli da usare i ogi livello. Essa semplicamete dice cosa ogi livello deve fare. Comuque l ISO ha prodotto degli stadard per oguo di tali livelli, ma essi o fao parte del modello OSI. Come si può otare dalla Fig i primi tre livelli dell architettura OSI (Physical, Data Lik e etwork layer) fao parte del etwork Eviromet e soo preseti egli evetuali odi itermedi che coettoo il Computer A al Computer B. Il loro compito è strettamete legato co la Data etwork usata per coettere i vari odi della rete. I livelli superiori (Trasport, Sessio, Presetatio e Applicatio Layer) fao parte dell OSI Eviromet e vegoo detti Applicatio Orieted. Il loro compito è quello di permettere l iterazioe fra due processi utete che si trovao su computer diversi. Tali livelli soo ed-to-ed cioè essi o soo preseti ei odi itermedi ella rete di comuicazioe. Bisoga comuque precisare che il Trasport Layer o è u livello Applicatio Orieted, besì esso maschera ai livelli superiori (Applicatio Orieted) i dettagli dei livelli sottostati (etwork Depeded). ella Fig soo riportati i 7 livelli dell architettura OSI co le fuzioalità svolte da oguo di essi. Adesso aalizzeremo più i dettaglio tali livelli (Layer) partedo dal Physical Layer (livello ) fio ad arrivare all Applicatio Layer (livello7). Adrew S. Taebaum - Computer etwork Third Editio - Pretice Hall. 3-2

16 Computer A AP Computer B AP Applicatio Layer Presetatio Layer Sessio Layer Trasport Layer etwork Layer Data Lik Layer Physical Layer Applicatio Layer Presetatio Layer Sessio Layer Trasport Layer etwork Layer Data Lik Layer Physical Layer Data etwork etwork Eviromet OSI Eviromet Real System Evirimet Fig

17 Ed-user applicatio process Ed-user applicatio process Distribuited iformatio services File File trasfer, trasfer, access access ad ad maagemet, maagemet, documet documet ad ad message message iterchage, iterchage, job trasfer ad maipulatio job trasfer ad maipulatio Applicatio layer System-idepeded message iterchage service Trasfer sytax egotiatio, Trasfer sytax egotiatio, data data represetatio represetatio trasformatios trasformatios Dialog ad sychroizatio Dialog ad sychroizatio cotrol cotrol for for applicatio applicatio etities etities Presetatio layer Sessio layer etwork-idepeded message iterchage service Ed-to-ed Ed-to-ed message message trasfer trasfer (coectio (coectio mamagemet, mamagemet, error error cotrol, cotrol, frafmetatio,flow cotrol) frafmetatio,flow cotrol) etwork routig, addressig, etwork routig, addressig, call call set-up, set-up, ad ad clearig clearig Data lik cotrol Data lik cotrol (framig, (framig, data data trasparecy, trasparecy, error error cotrol) cotrol) Mechaical ad electrical Mechaical ad electrical etwork etwork iterface iterface defiitios defiitios Trasport layer etwork layer Data Lik layer Physical layer Physical coectio to etwork termiatio equipmet Data Data Commuicatio Commuicatio etwork etwork Fig

18 3.. Physical Layer Lo scopo primario di tale livello è la defiizioe delle iterfacce meccaiche ed elettriche, i base al mezzo trasmissivo che sta sotto di esso. Ad esempio bisoga specificare che tipo di coettore usare, il sigificato di ogi pi del coettore, che forma d oda è assegata al bit e quale al bit ecc. Al di sopra di tale livello, si avrà quidi a disposizioe u servizio per il trasferimeto di bit Data Lik Layer Il compito pricipale del livello di Data Lik (DLL - Data Lik Layer) è quello di mettere a disposizioe del etwork Layer u caale di comuicazioe affidabile e privo di errori. otiamo come questo livello, sfruttado quato forito dal Physical layer (e cioè la possibilità di trasferire bit su u mezzo trasmissivo) realizza, tramite il protocollo di Data Lik, ua comuicazioe affidabile. Tale servizio sarà messo a disposizioe al livello superiore. Aalizziamo adesso come, il livello Data Lik riesce a realizzare ua comuicazioe affidabile. Esso spezzetta i dati proveieti dal etwork layer i delle data Frame (la cui lughezza può variare dalle cetiaia alle migliaia di byte) li spedisce i maiera sequeziale e cotrolla le ackowledgemet frame spedite dal ricevete. Il Data Lik layer deve ache prevedere che la liea di comuicazioe potrebbe distruggere o modificare il coteuto delle frame a causa di disturbi elettromagetici, quidi deve supportare dei meccaismi di ritrasmissioe delle frame perse o corrotte. D altro cato potrebbe ache accadere che al ricevete arrivi più volte la stessa frame (se viee persa ua ackowledgemet frame) quidi bisoga prevedere dei meccaismi per il ricooscimeto di pacchetti duplicati. U altra importate fuzioe svolta da questo livello è il flow cotrol per impedire ad u trasmettitore molto veloce di iodare di frame u ricevete più leto che, esauriti i buffer i cui memorizzare i dati i igresso, sarebbe costretto a scartare delle frame ricevute correttamete (sprecado quidi le risorse di rete iutilmete). Il Data Lik layer deve ache risolvere le problematiche riguardati l accesso al mezzo fisico, el caso di reti co caale comue. I particolare questo compito è svolto da u sottolivello del DLL detto MAC Medium Access Cotrol etwork Layer Il etwork Layer (L) svolge u importate compito che è quello del routig. Il DLL mette a disposizioe u caale di comuicazioe affidabile per iviare dati tra computer collegati co u lik fisico. Il L deve quidi risolvere il problema di trovare u percorso per far giugere i dati all HOST di destiazioe. Ovviamete i semplici reti di tipo broadcast (reti i cui tutti i odi collegati ricevoo il dato trasmesso, e solo il destiatario del messaggio processa il messaggio stesso) questa fuzioalità o è presete. Il etwork layer ioltre si occupa del set-up della coessioe prima del trasferimeto dei dati e del rilascio della stessa alla fie della comuicazioe. Ifie, è compito del etwork Layer gestire l iteretworkig cioè, se u pacchetto deve attraversare reti di tipo diverso (per adare dalla sorgete alla destiazioe) potrebbero isorgere alcui problemi, quali l idirizzameto e la lughezza dei messaggi. 3-5

19 3..4 Trasport Layer Il Trasport Layer (TL) è il primo livello Ed-to-Ed, cioè esso o è presete ei odi itermedi della rete, quidi, si deve far carico di tutte le problematiche relative al trasferimeto dei dati dalla sorgete alla destiazioe. Ad esempio se la tecica di trasferimeto dei dati ella rete è di tipo datagram, quado si dovrà ricostruire il messaggio, el odo destiazioe, bisogerà effettuare opportui cotrolli per ripristiare il messaggio origiale. A livello superiore si avrà duque a disposizioe u caale di comuicazioe affidabile. Le fuzioi svolte da tale layer soo quidi frammetazioe, cotrollo d errore e cotrollo di flusso Ed-to-Ed. Solitamete, il livello di trasporto crea ua uova coessioe di rete (livello sottostate) per ogi richiesta di coessioe di trasporto effettuata dal Sessio layer. el caso i cui vega richiesto u throughput (quatità di dati al secodo da trasferire) elevato per ua particolare coessioe di trasporto, i corrispodeza di essa potrebbero essere aperte due coessioi di rete. Aalogamete se vi soo due o più coessioi di trasporto che richiedoo u basso throughput, esse possoo essere mappate i u uica coessioe di rete. Per cocludere, il livello di trasporto fuge u po da livellatore; i base alla qualità del servizio (QOS - quality of service) messa a disposizioe dal etwork layer, esso ha 5 classi di servizio (classes of services). La classe provvede solo le fuzioalità base per creare ua coessioe e trasferire dati, metre la classe 4 provvede ua coessioe affidabile e prevede delle procedure per il flow cotrol Sessio Layer oostate co il Trasport Layer vegoo esaurite le problematiche del trasferimeto affidabile dell iformazioe, i servizi fio ad ora a disposizioe o permettoo a due qualuque processi applicativi di colloquiare. Il Sessio Layer (SL) permette di orgaizzare e sicroizzare il dialogo delle etità di livello superiore. Ifatti el caso i cui la comuicazioe può avveire secodo la tecica half-duplex (etrambe le etità possoo trasmettere ma i modo alterato) è ecessario, tramite u sistema a toke, permettere la trasmissioe solo all etità che possiede il toke. Devoo ioltre essere previsti dei meccaismi di richiesta del toke. U altra utile fuzioe svolta da tale livello è la sicroizzazioe. I caso di crash, solo i dati trasferiti dopo l ultimo puto di sicroizzazioe dovrao essere ritrasferiti Presetatio Layer Tale livello si occupa della sitassi e della sematica delle iformazioi da trasferire. Il livello di presetazioe egozia ua sitassi di trasferimeto da usare per il colloquio. Se tale sitassi è differete da quella locale, allora dovrà effettuare ua coversioe prima di trasmettere (o ricevere) i dati. Tale comportameto è molto simile a quello che succede quado due persoe voglioo dialogare. Se ua di esse parla solo l italiao metre l altra solo il giappoese, sarà ecessario il ricorso a degli iterpreti. Tali iterpreti potrebbero ad esempio tradurre rispettivamete l italiao i iglese e il giappoese i iglese (e viceversa) e redere duque possibile il colloquio. Bisoga però otare che è ecessario u liguaggio uiversalmete compreso che permetta l accordo sul 3-6

20 liguaggio di trasferimeto (ell esempio precedete il liguaggio di trasferimeto era l iglese). U altra fuzioe svolta dal presetatio layer è il criptaggio dei dati Applicatio Layer oostate si ha già co il Presetatio Layer ua ligua comue co la quale colloquiare, affiché il dialogo sia costruttivo è ecessario che u uiverso del discorso comue. Cotiuado l esempio precedete dei due iterlocutori (italiao e giappoese), se l italiao è u cooscitore dell arte modera metre il giappoese è u scieziato esperto di esperimeti ucleari, sarà difficile che il dialogo fra i due iterlocutori sia costruttivo. L Applicatio layer è il livello più alto dell architettura OSI, e il suo compito è duque quello di mettere a disposizioe dei programmi utete u isieme di fuzioalità che, a causa dell eorme diversità tra di esse, vegoo raggruppate i etità dette ASE (Applicatio Service Elemet). Il vataggio di tale approccio è che i programmatori di applicazioi possoo ivocare direttamete il servizio forito dell'ase, o avedo così la ecessità di crearsi proprie routies per risolvere i problemi più comui. Il livello applicativo è duque formato da tati blocchi fuzioali (ASE) oguo dei quali mette a disposizioe delle particolari fuzioalità. L accesso ai servizi a disposizioe dell applicazioe avviee tramite u opportuo isieme di primitive, che soo supportati dal sistema operativo locale. Tali primitive soo simili alle chiamate di sistema e scateao delle particolari procedure che usao il sottosistema di comuicazioe come se fosse u dispositivo locale, rededo il tutto trasparete all utete Trasmissioe dei Dati I Fig. 3.- è mostrato come avviee il trasferimeto dei dai el modello di riferimeto OSI. Come si vede esso rispecchia esattamete il pricipio che sta alla base delle architetture a valore aggiuto. Ifatti u geerico livello icapsula el campo dati della -PDU la SDU passata attraverso la SAP dal livello +, ed aggiuge u header. Da osservare che il DLL oltre ad aggiugere u header, che precede il campo dati, aggiuge u trailer, accodato al dato. Essi servoo a delimitare esattamete il campo dati della frame stessa. L idea di base è duque quella che, oostate l effettivo flusso dei dati avviee i maiera verticale, ogi livello è programmato come se il flusso dati fosse orizzotale. 3-7

21 3-8 Applicatio layer Presetatio layer Sessio layer Trasport layer etwork layer Data lik layer Physical layer etwork layer Data lik layer Physical layer Applicatio layer Presetatio layer Sessio layer Trasport layer etwork layer Data lik layer Physical layer DATA DATA AH DATA PH DATA SH DATA TH DATA H DATA DH DT Bits Sedig Process Receivig Process Fig. 3.-

22 3.2 TCP/IP Referece Model Cosideriamo adesso il modello di riferimeto di ARPAET e del successore ITERET. Iiziamo col dire che ARPAET fu u progetto sposorizzato dal DoD (U.S. Departmet of Defese) e fu sviluppato da varie uiversità americae. Gli obiettivi che si volevao raggiugere erao la possibilità di itercoettere più reti e la robustezza itesa come la capacità di fuzioameto ache i caso di guasto di odi itermedi. Iiziaroo duque ad essere realizzati questi protocolli, i quali raggiusero be presto u alto grado di efficieza e di popolarità a causa del fatto che erao dispoibili a costo ullo. Iiziò così quello che poi vee chiamato TCP/IP Referece Model. OSI TCP/IP Applicatio Presetatio Applicatio Sessio Trasport etwork Data Lik Physical Trasport Iteret Host-to-etwork Fig Iteret Layer I due obiettivi prima itrodotti hao portato alla scelta di ua rete a commutazioe di pacchetto di tipo coectioless. Ifatti co tale architettura è semplice far comuicare reti locali sia coectioorieted che coectioless. Ioltre si ha u alto grado di robustezza i caso di guasto di u odo itermedio poiché ogi pacchetto verrà istradato idipedetemete dagli altri. Il compito dell Iteret Layer è quello di permettere la spedizioe di pacchetti i ogi rete e i u qualsiasi odo di destiazioe. otiamo duque ua forte aalogia co il etwork Layer dell architettura OSI. Dato che la comuicazioe è di tipo coectioless l ordie di arrivo dei pacchetti potrebbe differire dall ordie co cui soo stati spediti, per cui, sarà compito del livello superiore il riordio del messaggio (se esso è ecessario). Il protocollo associato a tale livello è detto Iteret Protocol (IP) Trasport Layer Il Trasport layer è il livello immediatamete superiore all Iteret Layer. Le fuzioalità svolte soo simili al TL dell architettura OSI, i particolare soo stati sviluppati due protocolli: il TCP ( 3-9

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Un modello di interazione tra CPU e dispositivi di I/O

Un modello di interazione tra CPU e dispositivi di I/O Idice lezioe: Richiami e otazioi: Abbiamo visto: sistema moolitico (I + E + O) dividiamo I e O da E, e affidiamo loro ua CPU replichiamo gli I e gli O per parallelizzare sigolarmete gli I e O Parallelizzazioe

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

VAIO-Link Guida Cliente

VAIO-Link Guida Cliente VAIO-Lik Guida Cliete "Cosideriamo ogi sigola domada del cliete co la massima attezioe e il dovuto rispetto e facciamo del ostro meglio perché il cliete abbia u'ottima impressioe del cetro di assisteza

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

Navigazione tramite numeri e divertimento

Navigazione tramite numeri e divertimento 60 Chapter 6 Navigazioe tramite umeri e divertimeto Vladimir Georgiev Itroduzioe La ovità pricipale el ostro approccio e l avviciameto del lavoro dei ostri Lab ai problemi della vita reale tramite la parte

Dettagli

3.1 Il principio di inclusione-esclusione

3.1 Il principio di inclusione-esclusione Capitolo 3 Calcolo combiatorio 3.1 Il pricipio di iclusioe-esclusioe Il calcolo combiatorio prede i cosiderazioe degli isiemi fiiti particolari e e cota il umero di elemeti. Questo può dar luogo ad iteressati

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO Bollettio E708 rev0 7/06/0 INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER SERIE - CARATTERISTICHE Tesioe di alimetazioe: 90 40vac Frequeza di alimetazioe: 40 70 Hz Assorbimeto massimo: 40W Temperatura di fuzioameto:

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis Modifica del regolameto della Cassa pesioe Novartis Agli assicurati della Cassa pesioe Novartis Il Cosiglio di fodazioe della Cassa pesioe Novartis ha emaato importati modifiche del cocetto e delle prestazioi

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

3. Progetto di reti di comunicazione

3. Progetto di reti di comunicazione 3. Progetto di reti di comuicazioe 66 ROC-00/01 Capitolo 3 3. 1 Alberi di costo miimo e alberi di costo miimo co capacità Come acceato el paragrafo 2.1.2, i questo corso affroteremo solo due aspetti del

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

TESEO 7 Enterprise Resource Planning

TESEO 7 Enterprise Resource Planning TESEO 7 Eterprise Resource Plaig Zucchetti Cetro Sistemi SpA Cosa è TESEO è la risposta di Zucchetti Cetro Sistemi alla richiesta di u ERP i liea co le uove esigeze che ogi azieda oggi si trova ad avere:

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55 La Norma CEI 0-21, la uova regola tecica di coessioe BT Per quato riguarda gli impiati elettrici, oltre alle prescrizioi della Norma CEI 64-8 e successive variati, occorre teere i cosiderazioe u ulteriore

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64

cerchiamo di convincerci che ha senso sommare infiniti numeri! INSIEME INFINITO non INSIEME ILLIMITATO maggiorante limitato B 1/4 + 1/16 + 1/64 By Luca Torchio Prima di defiire i modo rigoroso ua somma di ifiiti umeri, che tra l altro i matematici chiamao Serie, cerchiamo di covicerci che ha seso sommare ifiiti umeri! La cosa, i effetti, fa u

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale: dalle Fuzioi ai Processi, aspetti iovativi ed aspetti progettuali Uiversità di L Aquila, 14 maggio 2004 Ig. Nicola Pace I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale Uiversità

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto Sommario Metodologie di progetto Massimo Violate troduzioe Progetto a Livello Porte Logiche Progetto a Livello Registri Progetto a Livello Sistema. troduzioe U sistema è ua collezioe di oggetti, compoeti,

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Equazioni e contrazioni: un punto fisso //

Equazioni e contrazioni: un punto fisso // * 010 Equazioi e cotrazioi: u puto fisso // Nicola Chiriao Docete al Liceo Scietifico L. Siciliai di Catazaro [Nicola Chiriao] Nicola Chiriao è docete di Matematica e Fisica al Liceo Scietifico Siciliai

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA SOMMARIO: 1. Itroduzioe. - 2. Asimmetria. - 3. Grafico a scatola (box plot). - 4. Curtosi. - Questioario. 1. INTRODUZIONE Dopo aver aalizzato gli idici di posizioe

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di Soluzioe del tema di Iformatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Sessioe ordiaria Esame di Stato 2011 Tema di Iformatica - Progetto: Mercurio Soluzioe proposta da: Co il termie Web 2.0 si

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy.

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy. Presetazioe Covezioe Corpo Volotari Garibaldii e Blu Eergy Srl per la promozioe delle Eergie Riovabili Le pricipali caratteristiche del progetto www.blu-eergy.it Diamo il ostro cotributo Blu Eergy e il

Dettagli

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione

Le onde elettromagnetiche. Origine e natura, spettro delle onde e.m., la polarizzazione Le ode elettromagetiche Origie e atura, spettro delle ode e.m., la polarizzazioe Origie e atura delle ode elettromagetiche: Ua carica elettrica che oscilla geera u campo elettrico E che oscilla e a questo

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi iformativi Aziedali Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi iformativi Aziedali CAPITOLO IV base e warehouse Sommario Modelli dei dati Modello relazioale DBMS La progettazioe di

Dettagli

Il valore della Fatturazione Elettronica: i risultati dell Osservatorio del Politecnico di Milano

Il valore della Fatturazione Elettronica: i risultati dell Osservatorio del Politecnico di Milano www.osservatori.et Il valore della Fatturazioe Elettroica: i risultati dell Osservatorio del Politecico di Milao CBI2, Fattura Elettroica e Fiacial Value Chai: dalla teoria alla pratica Roma 20 ovembre

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory Demad-Side Maagemet i a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based o Bayesia Game Theory Matteo Sola e Giorgio M. Vitetta Dipartimeto di Igegeria Ezo Ferrari Uiversità degli Studi di Modea e Reggio

Dettagli

Probabilità e Statistica I

Probabilità e Statistica I Probabilità e Statistica I Elvira Di Nardo (Dipartimeto di Matematica) Uiversità degli Studi della Basilicata e-mail:diardo@uibas.it http://www.uibas.it/uteti/diardo/home.html Tel:097/05890 Prerequisiti:

Dettagli

Crypt ALaRM. Profilo di Crypt ALaRM. Marzo 2011 Pag. 1

Crypt ALaRM. Profilo di Crypt ALaRM. Marzo 2011 Pag. 1 Crypt LaRM Profilo di Crypt LaRM Marzo 2011 Pag. 1 Crypt LaRM Crypt LaRM asce el 2006 come spi-off ufficiale dell Uiversità degli studi di Roma Tor Vergata ed è ua società giovae specializzata ello sviluppo

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Foto Foto estera estera scambiatore i i fuzioe fuzioe 20/01/2006 Pagia 1 Iformazioi geerali Impiato dedicato al recupero calore a valle del filtro a maiche.

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa regioe puglia il lavoro e l iovazioe PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa Regioe Puglia cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi

Dettagli

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI OLUMI DI INASO PER L INARIANZA IDRAULICA 1. Premessa I queste brevi ote si preseta il metodo semplificato delle piogge illustradoe l implemetazioe i u foglio di calcolo

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

PageScope Enterprise Suite. End to End Printing Administration. Solutions PageScope Enterprise Suite

PageScope Enterprise Suite. End to End Printing Administration. Solutions PageScope Enterprise Suite Eterprise Suite Ed to Ed Pritig Admiistratio Solutios Eterprise Suite Eterprise Suite Gestioe cetralizzata, flessibilità co efficieza assoluta. Nel modo degli affari di oggi, il tempo ha u ruolo esseziale.

Dettagli

Capitolo 2 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

Capitolo 2 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (Note didattiche) Bruo Chiadotto Fabrizio Cipollii Capitolo CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Il calcolo delle probabilità, ato el cotesto dei giochi d azzardo si è sviluppato

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE

STATISTICA 1 parte 2/2 STATISTICA INFERENZIALE STATISTICA parte / U test statistico è ua regola di decisioe Effettuare u test statistico sigifica verificare IPOTESI sui parametri. STATISTICA INFERENZIALE STIMA PUNTUALE STIMA PER INTERVALLI TEST PARAMETRICI

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli