Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale-

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale-"

Transcript

1 Intervento del 19/11/2013 -Vesto Naturale e Solidale-

2 La calzatura: i materiali La pelle (leather) Il tessile (textile) PVC (polivinilcloruro) EVA foam Gomme (Rubber) Poliuretano (PU - Polyurethane) TPU ( poliuretano termoplastico ) Adesivi Materiali sintetici Materiali metallici (Nickel) Materiali stampati Materiali cellulosici Legno (Wood)

3 La calzatura: i componenti Esempio calzatura uomo modello derby e sneakers

4 La calzatura: i componenti Calzatura donna

5 La calzatura: la criticità delle sostanze Classificazione derivante dalla norma UNI CEN ISO/TR critical substances category 1: sostanze sicuramente dannose per l uomo Regolamentate dal REACH critical substances category 2: sostanze potenzialmente dannose per l uomo Regolamentate a livello nazionale critical substances category 3: sostanze potenzialmente dannose per l ambiente Regolamentate da certificazioni volontarie (Ecolabel) critical substances category 4: sostanze altamente sospette per l uomo Nessuna regolamentazione al momento critical substances category 5: sostanze sospette per l uomo Nessuna regolamentazione al momento

6 La calzatura: le sostanze categoria 1 Gli Azocoloranti o coloranti azoici: regolamentate dalla direttiva 2002/61/CE (regolamento Reach) 22 ammine aromatiche limite < 30 mg/kg

7 La calzatura: le sostanze categoria 1 Composti organostannici: nello specifico il tributilstagno (TBT) e il trifenilstagno (TPT) sono sostanze biocidi utilizzati per preservare la carta, tessuti e vernici antialga per il settore nautico. Non posso essere utilizzati dal 1 luglio 2010 senza informativa al consumatore se la concentrazione è maggiore del 0,1% peso (1000 mg/kg), Invece, gli organostannici come il dibutistagno (DBT) e il dioctilstagno (DOT), sono tossici e si possono trovare nella produzione di polimeri. Non posso essere utilizzati dal 1 gennaio 2012 senza informativa al consumatore se la concentrazione è maggiore del 0,1% peso (1000 mg/kg),

8 La calzatura: le sostanze categoria 1 Cadmio: metallo pesante (Cd)divieto di uso dal regolamento REACH in quantità superiore a 100 mg/kg nel materiale polimerico (colorare e stabilizzare i prodotti finiti). Elenco di alcuni polimeri: Cloruro di polivinile (PVC) Poliuretano (PUR) Polietilene a bassa densità (LDPE) Acetato di cellulosa (CA) Acetobutirrato di cellulosa (CAB)

9 La calzatura: le sostanze categoria 1 Dimetilfumarato - DMFU: utilizzato come agente antimuffa, vietato dalla commisioone europea del 17 marzo 2009 con regolamento del 2009/251/CE limite 0,1 mg/kg

10 La calzatura: le sostanze categoria 1 Ftalati: Sono utilizzati nel mondo dell'industria come plastificanti nel PVC per rendere il materiale maneggevole e soffice. Prima era sostanza limitata solo per i prodotto di puericultura invece con regolamento REACH i limiti si sono ristretti a 6 Ftalati e prodotti destinati a bambini fino a 12 anni limite di 1000 mg/kg (DEHP DPB- BBP). Per i bambini al di sotto dei 36 mesi rimane il limite di 1000 mg/kg (0,1%) (DINP, DIDP e DNOP)

11 La calzatura: le sostanze categoria 1 Ritardanti di fiamma bromurati: sostanze utilizzate per ridurre o eliminare il propagarsi della fiamma. Utilizzati nel campo tessile. Regolamento REACH: sostanze vietate che non possono essere immesse sul mercato: policlorobifenili (PCB) e pololibromodifenileteri (PBDE) TetraBDE, PentaBDE, EsaBDE, EptaBDE

12 La calzatura: le sostanze categoria 1 Perfluoroottano-sulfonati (PFOS): composti chimici utilizzati nell'industria come rivestimento per l'idrorepellenza e antimacchia per tessuti. Non possono essere prodotti e messi sul mercato.

13 La calzatura: le sostanze categoria 1 Clorofenoli:il pentaclorofenolo (PCP): sostanza chimica della famiglia degli organoalogenati ritenuta pericolosa sia per l'uomo sia per l'ambiante. Viene utilizzato come fungicida nell'industria tessile e battericida nella concia delle pelli. Il PCP secondo il regolamento Reach non è ammesso nelle concentrazioni pari e superiori allo 0,1% in massa (1000 mg/kg).

14 La calzatura: le sostanze categoria 1 Nonilfenili (NP) e gli Alchifenoli etossilati (APEO): sostanza chimiche utilizzate per svariati scopi (trattamento tessile e pellame). Secondo il regolamento Reach non sono ammessi nelle concentrazioni pari e superiori allo 0,1% in massa (1000 mg/kg).

15 La calzatura: le sostanze chimiche Tabelle derivanti dalla norma UNI CEN ISO/TR 16178

16 La calzatura: le sostanze chimiche

17 La calzatura: le sostanze chimiche

18 La calzatura: le sostanze chimiche

19 La calzatura: LE NORME, REGOLAMENTI E CERTIFICAZIONI Le norme (ISO/EN/UNI/BS ecc.) Regolamento REACH(dall'acronimo"Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals" - Il Regolamento (CE) n. 1907/2006 concernente la registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche (REACH) e l'istituzione dell'agenzia europea per le sostanze chimiche. Certificazioni Ecolabel:l'Ecolabel UE (Regolamento CE n. 66/2010) è il marchio dell'unione europeadi qualità ecologica che premia i prodotti e i servizi migliori dal punto di vista ambientale, che possono così diversificarsi dai concorrenti presenti sul mercato, mantenendo comunque elevati standard prestazionali. Infatti, l'etichetta attesta che il prodotto o il servizio ha un ridotto impatto ambientale nel suo intero ciclo di vita. OEKO-TEX STANDARD /11/13

20 Conclusioni Soltanto un consumatore consapevole può cambiare le regole del mercato, chiedendo sempre più prodotti che tutelano la salute dell uomo e l ambiente. Il regolamento europeo (REACH), a piccoli passi, sta indirizzando il mercato verso questa direzione.

Laboratori Chelab. Test chimici sui prodotti tessili. Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food

Laboratori Chelab. Test chimici sui prodotti tessili. Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food Laboratori Chelab Test chimici sui prodotti tessili Dr. Andrea Boscolo Viceresponsabile ATS non food & Laboratorio Test Prestazionali non-food 1 TEST CHIMICI: PERCHE? I capi di abbigliamento e gli accessori

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 276/2010 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 276/2010 DELLA COMMISSIONE 1.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 86/7 REGOLAMENTO (UE) N. 276/2010 DELLA COMMISSIONE del 31 marzo 2010 recante modifica del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

CARTELLA COLORI TRATTAMENTI GALVANICI

CARTELLA COLORI TRATTAMENTI GALVANICI VIA MOLINA 10-21100 VARESE - ITALIA TEL. +39 0332 334250 / 0332 334188 FAX +39 0332 332725 info@ambrosettisrl.com www.ambrosettisrl.com SU BASE NICHEL Nichel industriale Nichel lux Oro industriale Oro

Dettagli

GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI

GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI GIOCATTOLI ED OGGETTI PER L INFANZIA: FTALATI ED ALTRI CONTAMINANTI Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna IL QUADRO NORMATIVO NORME UNI

Dettagli

Rapporto di prova n. 16RA05608

Rapporto di prova n. 16RA05608 Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. Piazza S. Anna, 2 Busto Arsizio (VA) Tel. 0331 696711 Fax 0331 680056 email info@centrocot.it web www.centrocot.it C.F. e P.IVA 01724710122 LAB N 0033 Rapporto

Dettagli

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS CAMPAGNA DI ANALISI => PERCHE Verifica della situazione del mercato rispetto ai

Dettagli

Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle

Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle Regolamenti REACH e CLP: Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle 24 ottobre 2014 Auditorium ASL Monza e Brianza Antonietta Covone - Referente REACH ASL Monza e Brianza 1 FINALITÀ DEL DOCUMENTO

Dettagli

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Rischi per la sicurezza in Sono riconducibili a ambito tessile 1 Rischio fisico/meccanico: soffocamento, strangolamento,

Dettagli

Come impostare e gestire un piano di sostituzione di un sostanza estremamente preoccupante (SVHC)

Come impostare e gestire un piano di sostituzione di un sostanza estremamente preoccupante (SVHC) Come impostare e gestire un piano di sostituzione di un sostanza estremamente preoccupante (SVHC) 24 Aprile 2009 AUTORIZZAZIONE Scopo: garantire il controllo o la sostituzione delle sostanze di high concern.

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 757/2010 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 757/2010 DELLA COMMISSIONE 25.8.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 223/29 REGOLAMENTO (UE) N. 757/2010 DELLA COMMISSIONE del 24 agosto 2010 recante modifica del regolamento (CE) n. 850/2004 del Parlamento europeo e del

Dettagli

Sostanze pericolose o presunte tali

Sostanze pericolose o presunte tali S.Croce S/A, 29 marzo 2011 Sostanze soggette a restrizione: obbligo o richiesta del cliente? Gruppo UNIC-Conciaricerca Sostanze pericolose o presunte tali E normale che possano essere presenti? Sostanze

Dettagli

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE

I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE I PRINCIPALI ASPETTI DEL REGOLAMENTO REACH CHE INTERESSANO GLI UTILIZZATORI A VALLE 1. Chi utilizza sostanze e preparati pericolosi continuerà a ricevere schede di sicurezza che potranno essere corredate,

Dettagli

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE Le sfide del tessile europeo: pratiche e politiche Museo del Tessuto di Prato - Via Santa Chiara, 24 Prato 29 th March 2012 Prodotti tessili e della filiera moda: la sicurezza

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011 Il mercato degli acquisti verdi della pubblica amministrazione nell ambito dei manufatti in legno I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO Bologna, 30 Novembre 2011 Patrizia Bianconi I progetti regionali

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO. del documento. Criteri ambientali minimi per l acquisto di prodotti tessili. (documento di background prodotti tessili)

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO. del documento. Criteri ambientali minimi per l acquisto di prodotti tessili. (documento di background prodotti tessili) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO del documento Criteri ambientali minimi per l acquisto di prodotti tessili (documento di background prodotti tessili) Aprile 2010 Rev. del 13/05/2010 Pagina 1 di 20 INDICE

Dettagli

Informazione al cliente

Informazione al cliente Informazione al cliente OEKO-TEX Standard 100 criteri di prova: Nuovi limiti nel 2016 Zurigo (mh) All'inizio dell'anno, l'associazione OEKO-TEX ha, come sempre, aggiornati i criteri di prova applicabili

Dettagli

Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti Napoli

Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti Napoli MNITRAGGI DELLE SSTANZE ESTREMAMENTE PRECCUPANTI NEL CUI ALLA LUCE DELLE NUVE LINEE GUIDA DETTATE DAL REGLAMENT REACH G. Calvanese, B. Naviglio, D. Caracciolo, C. lorio Stazione Sperimentale per l Industria

Dettagli

Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo

Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo Linee guida per la valutazione dell idoneità al contatto con alimenti del packaging realizzato con materiale proveniente da riciclo INDICE Prefazione 19 Premessa 21 Scopo 29 Campo di applicazione 29 Destinatari

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. 18 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.

RASSEGNA STAMPA. 18 Febbraio 2011. A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio. RASSEGNA STAMPA A cura dell Ufficio Stampa - tel. 0957594853 fax 0957592061 e- mail ufficiostampagaribaldi@virgilio.it LA SICILIA LA SICILIA Pagina 5 LA SICILIA Pagina 8 LA SICILIA Pagina 30 LA SICILIA

Dettagli

Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013

Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013 Comunicato stampa LAV 19 febbraio 2013 PELLICCE PER BAMBINI CON SOSTANZE TOSSICHE E POSSIBILI CANCEROGENI: TEST DI LABORATORIO COMMISSIONATI DALLA LAV (www.lav.it) SU ALCUNI CAPI DI 5 GRANDI MARCHE IN

Dettagli

Eco Tessili. I tuoi capi sicuri dalla fabbrica al consumatore

Eco Tessili. I tuoi capi sicuri dalla fabbrica al consumatore Eco Tessili I tuoi capi sicuri dalla fabbrica al consumatore Le tue sfide In quanto importatori o produttori di tessile e calzature, la vostra sfida è far sì che le sostanze chimiche nocive siano eliminate

Dettagli

Agenti chimici: il regolamento CLP

Agenti chimici: il regolamento CLP Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del RSPP e dell Unità Organizzativa a Supporto del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO Associazione Tessile e Salute LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE Como 24 novembre 2015 Cos è l Associazione Tessile e Salute Associazione

Dettagli

ECOLABEL PER CALZATURE

ECOLABEL PER CALZATURE ECOLABEL PER CALZATURE MANUALE TECNICO ISPRA per ulteriori informazioni: ISPRA- Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Servizio per le Certificazioni Ambientali- Settore Ecolabel

Dettagli

SCELTA DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CLASSE III CAT a.s. 2014-2015 L1 1 CONCETTO DI QUALITA Un edificio è di qualità se risponde agli scopi per i quali è stato costruito. Passato: Presente: Il riferimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEI REQUISITI AMBIENTALI E SOCIALI NEGLI ACQUISTI DI PRODOTTI TESSILI

LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEI REQUISITI AMBIENTALI E SOCIALI NEGLI ACQUISTI DI PRODOTTI TESSILI PROGETTO A.P.E. Finanziato dalla Provincia di Torino Area Sviluppo Sostenibile e Pianificazione Ambientale LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEI REQUISITI AMBIENTALI E SOCIALI NEGLI ACQUISTI DI PRODOTTI TESSILI

Dettagli

your preferred partner

your preferred partner Textile standards your preferred partner INDICE DEI CONTENUTI KIIAN DIGITAL (PAG. 2) REGOLAMENTI, DIRETTIVE, NORME E MARCHI VOLONTARI: CONOSCERE IL SIGNIFICATO (PAG. 3) PERCHÉ CERTIFICARE I PROPRI PRODOTTI

Dettagli

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Eva Pietrantonio Fulvio D Orsi Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Come cambia la regolamentazione delle sostanze pericolose dalla direttiva 67/548/CEE al Regolamento 1907/2006

Dettagli

NOBILITAZIONE E FINISSAGGIO

NOBILITAZIONE E FINISSAGGIO Tessuti e Finissaggi Giovanna Baglio Responsabile Laboratorio Tessile di Como Via Castelnuovo 3 22100 Como Tel. 031 3312120 Fax. 031 3312180 www.textilecomo.com mailbox@textilecomo.com NOBILITAZIONE E

Dettagli

NEWS. PARCHI GIOCO, n 1/2012

NEWS. PARCHI GIOCO, n 1/2012 NEWS PARCHI GIOCO, n 1/2012 INDICE 1. 2. 3. 4. 5. 6. IL FITNESS NELLE AREE VERDI REVISIONE DELLA SERIE DI NORME EN 1176-n GIOCHI GONFIABILI: NECESSARIO CERTIFICATO DI REAZIONE AL FUOCO Attrezzature da

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 3.6.2014 L 164/73 Gruppo di sostanze Ambito delle restrizioni e/o delle deroghe Limiti di concentrazione (se del caso) Valutazione e verifica b) Solventi Applicabilità: Tutti i prodotti. Classificazioni

Dettagli

Etichettatura e Sicurezza delle calzature. Treviso, 29 ottobre 2012

Etichettatura e Sicurezza delle calzature. Treviso, 29 ottobre 2012 Etichettatura e Sicurezza delle calzature Treviso, 29 ottobre 2012 1 Esistono due assiomi fondamentali e incontrovertibili A) Tutti i prodotti che circolano sul mercato devono essere correttamente etichettati

Dettagli

TUBI PER ASPIRAZIONE TRUCIOLI

TUBI PER ASPIRAZIONE TRUCIOLI TUBI PER ASPIRAZIONE TRUCIOLI Tipo Standard VULCANO PU Z R Idoneo al trasporto di alimenti secchi secondo regolamenti e Direttive CE* Colore: trasparente con spirale in acciaio ramato Temperatura d'impiego:

Dettagli

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ;

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ; Allegato A ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE TOSCANA E ISTITUTO TECNICO STATALE TULLIO BUZZI per il supporto e lo sviluppo di progetti nell ambito del sostegno locale del distretto pratese. La Regione

Dettagli

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it il Regolamento REACH Regolamento (CE) 1907/2006 Registration, Evaluation,

Dettagli

No. riferimento. Paese notificante. Prodotto Rischio Misure adottate dal paese notificante

No. riferimento. Paese notificante. Prodotto Rischio Misure adottate dal paese notificante No. riferimento Paese notificante Prodotto Rischio Misure adottate dal paese notificante 14 0547/12 Regno Unito Prodotto: Lampeggiante anatra "Love Duck" toy Marca: Star e Rose modello: Codice a barre

Dettagli

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2.

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2. Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0 - Protocollo - INDICE Il Consorzio PolieCo 2 Scopo del Protocollo 2 Definizioni 3 1 Marchio base/marchio Base Mix (KM0 KM0 MIX) 3 2 Marchio Oro (KM0

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

Prodotto Rischio Misure adottate dal paese notificante. Paese notificante. N. riferime nto

Prodotto Rischio Misure adottate dal paese notificante. Paese notificante. N. riferime nto N. riferime nto Paese notificante Prodotto Rischio adottate dal paese notificante 10 A12/00 93/13 Paesi Bassi prodotto: aereo giocattolo Marca: Li Feng Nome: aereo modello: No. 136 Sconosciuto Paese di

Dettagli

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI PRODOTTI TESSILI. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI PRODOTTI TESSILI. Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione Ovvero Piano d Azione Nazionale sul Green Public Procurement (PANGPP) CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER

Dettagli

Schede dei singoli campioni analizzati

Schede dei singoli campioni analizzati Schede dei singoli campioni analizzati Campione N.1 Il Gufo giaccone piuma - (rapporto di prova 13/01431) IL GUFO codice GIACCONE PIUMA Mod. A12GM027EC100/100 18 mesi costo 250,00 MURMASKY (Cane procione)

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del Mare Direzione Generale Valutazioni Ambientali

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del Mare Direzione Generale Valutazioni Ambientali Direzione Generale Valutazioni Ambientali ALLEGATO 1 Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione ovvero Piano d Azione Nazionale sul Green Public

Dettagli

Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle. Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza

Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle. Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza Regolamenti REACH e CLP Istruzioni Operative per gli Utilizzatori a Valle 1 Antonietta Covone - Dirigente Chimico - ASL Monza e Brianza FINALITÀ DEL DOCUMENTO Illustrare i principali adempimenti REACH/CLP

Dettagli

Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali

Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali Filiera Moda: la «sicurezza chimica» ed il controllo qualità approcci nazionali ed internazionali Istituto Superiore di Sanità Roma 15 aprile 2013 Giuseppe Bartolini - Riccardo Dall Anese Introduzione

Dettagli

Presentazione REACH & CLP

Presentazione REACH & CLP Presentazione REACH & CLP In breve Anno 2011 Azienda con sistema gestione qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Nr 50 100 9099 REACH Il REACH Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals è il

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20)

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20) CONNESSIONE E CAVI Scelta dei tipi di cavi, sigle di designazione e comportamento al fuoco Marco Fontana (Membro CEI Comitato Tecnico 20) 1 Per quanto riguarda le connessioni, cioè la rete di collegamento

Dettagli

Infortuni Il prodotto

Infortuni Il prodotto N. riferimento Paese notificante Prodotto Rischio Misure adottate dal paese notificante 6 A/1808/ Paesi Bassi di prodotto: Pesce giocattolo Marca: Animal Nome: Sconosciuto Tipo / Pesci Numero di lotto

Dettagli

Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente

Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente Le infinite vite della plastica. MedeaAmbiente Al principio La plastica ha una storia antica. Prima che comparisse, l uomo ha utilizzato dei polimeri naturali, reperibili in natura, come il guscio della

Dettagli

Partecipante. Nome. Cognome. Email

Partecipante. Nome. Cognome. Email Più informazioni per offrire una migliore consulenza Siete pregati di inviare il formulario compilato in ogni sua parte all indirizzo di posta o al numero di fax indicati. Categoria Tessuti per la casa

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 5.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 65/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive 92/58/CEE,

Dettagli

NASTRI TRASPORTATORI COPERTURE IN PVC - POLIURETANO

NASTRI TRASPORTATORI COPERTURE IN PVC - POLIURETANO COPERTURE IN PVC - POLIURETANO COPERTURE IN PVC - POLIURETANO I nastri trasportatori trovano impiego in tutte le attività industriali all interno dei cicli di produzione e delle fasi di trasporto. La UCIESSE

Dettagli

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini Attenzione agli ftalati Difendiamo i nostri bambini Luglio 2012 Cosa sono gli ftalati DINP DEHP DNOP DIDP BBP DBP ftalato di diisononile ftalato di bis(2-etilesile) ftalato di diottile ftalato di diisodecile

Dettagli

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti RIFIUTI E AMBIENTE: LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio (di materia)

Dettagli

ECOLABEL PER PRODOTTI VERNICIANTI PER INTERNI

ECOLABEL PER PRODOTTI VERNICIANTI PER INTERNI ECOLABEL PER PRODOTTI VERNICIANTI MANUALE TECNICO APAT per ulteriori informazioni: APAT- Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici Servizio per le certificazioni ambientali settore

Dettagli

Moldex3D: Libreria dei materiali e un mini-glossario

Moldex3D: Libreria dei materiali e un mini-glossario Moldex3D: Libreria dei materiali e un mini-glossario La disponibilità di materiali nella libreria materiali di un software di simulazione come Moldex3D è una cosa importante, ma ancor più importante è

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

La giornata della Sostenibilità

La giornata della Sostenibilità www.casbot.com Innovation experience Sostenibilità Sociale Sostenibilità di Prodotto La giornata della Sostenibilità Innovation experience Driver fondamentale per l innovazione Scopri le opportunità per

Dettagli

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Dipinto inizio 900 artista sconosciuto Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Seminario regionale Firenze venerdì 9 novembre 2012 1 NORMATIVA SPECIFICA D.Lgs.194/95 che recepiva la direttiva

Dettagli

La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2

La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2 PELLET DAY I mercati del pellet, gli aspetti tecnici e filiere alternative, gli incentivi La nuova normativa tecnica del pellet UNI EN ISO 17225-2 Giuseppe Toscano Laboratorio Biomasse Università Politecnica

Dettagli

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System

FUCHS per GHS. Globally Harmonized System FUCHS per GHS Globally Harmonized System GHS Globally Harmonized System Lo sviluppo del Globally Harmonized System sulla classificazione ed etichettatura dei composti chimici, o GHS è stato intrapreso

Dettagli

RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA

RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA RICHIESTA DI INFORMAZIONI IN RELAZIONE ALLA VISITA ISPETTIVA PER L OTTEMPERANZA ALLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) 1907/2006 CONCERNENTE LA REGISTRAZIONE, VALUTAZIONE, AUTORIZZAZIONE E RESTRIZIONE

Dettagli

Cromo (III) estraibile dai pellami: fattori incidenti e metodologie per il contenimento

Cromo (III) estraibile dai pellami: fattori incidenti e metodologie per il contenimento Cromo (III) estraibile dai pellami: fattori incidenti e metodologie per il contenimento La quantità di Cromo (III) estraibile può rappresentare, nel prossimo futuro, una nuova sfida che le aziende conciarie

Dettagli

SOSTANZE CHIMICHE NEI MATERIALI TESSILI : VERIFICA E STANDARDIZZAZIONE DEI METODI ANALITICI..

SOSTANZE CHIMICHE NEI MATERIALI TESSILI : VERIFICA E STANDARDIZZAZIONE DEI METODI ANALITICI.. SOSTANZE CHIMICHE NEI MATERIALI TESSILI : VERIFICA E STANDARDIZZAZIONE DEI METODI ANALITICI.. Riccardo Innocenti CNR/ ISMAC sez. di Biella INTRODUZIONE A partire dalla fine degli anni 80 le informazioni

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

AREA SERVIZI E AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO RELAZIONE TECNICO -ILLUSTRATIVA

AREA SERVIZI E AFFARI GENERALI SERVIZIO AMMINISTRATIVO RELAZIONE TECNICO -ILLUSTRATIVA COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia Piazza Biagio Marin, 4 - cap 34073 Codice Fiscale e Partita IVA 00064240310 tel. 0431 898248 - fax 0431 85212 E-MAIL: servizi.amministrativi@comunegrado.it AREA SERVIZI

Dettagli

Informazione al cliente. Dichiarazione Ambientale

Informazione al cliente. Dichiarazione Ambientale Informazione al cliente Dichiarazione Ambientale 0 Telecom Italia è attiva nella promozione di azioni tese a migliorare l efficienza ambientale delle proprie attività. In questo ambito, Telecom Italia

Dettagli

Impatto Ambientale del Cotone. Teresa Narciso

Impatto Ambientale del Cotone. Teresa Narciso Impatto Ambientale del Cotone Teresa Narciso Introduzione Il cotone è conosciuto come un tessuto dai mille usi poiché con esso si ottiene una fibra con la quale si realizzano tessuti per abiti, rivestimenti

Dettagli

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore Associazione Tessile e Salute Cosa regola il mercato globale? In merito ai rischi per la salute del consumatore, il mercato tessile globale

Dettagli

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE Il corso illustra i principali metodi di lavorazione della pelle e le caratteristiche merceologiche degli innumerevoli articoli.

Dettagli

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE Nella valutazione dei criteri di qualità per la merce posta in vendita nella Festa della Befana in Piazza Navona, i punteggi, genericamente indicati nell avviso

Dettagli

41 CONVEGNO NAZIONALE AICC 22 Giugno 2013, San Miniato (PI) CUOIO : REQUISITI LEGISLATIVI, NORMAZIONE TECNICA E CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI

41 CONVEGNO NAZIONALE AICC 22 Giugno 2013, San Miniato (PI) CUOIO : REQUISITI LEGISLATIVI, NORMAZIONE TECNICA E CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI 41 CONVEGNO NAZIONALE AICC 22 Giugno 2013, San Miniato (PI) CUOIO : REQUISITI LEGISLATIVI, NORMAZIONE TECNICA E CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI 1 Requisiti eco-tossicologici dei cuoi In linea generale si

Dettagli

CODICI E SIMBOLI DELLE TIPOLOGIE DI MATERIALI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Per rendere più chiaro ed immediato riconoscere quali rifiuti possono essere riciclati ed in che modo vanno raccolti in maniera

Dettagli

-AIM MAGAZINE- Dal mondo della tecnologia

-AIM MAGAZINE- Dal mondo della tecnologia Dal mondo della tecnologia Plastificanti monomerici e polimerici: il caso del PVC nel settore medicale e nel food packaging. Limitazioni, criticità e possibili scenari futuri G. Boschello, P. Molon, S.

Dettagli

I materiali cellulosici: aspetti tecnici e novita legislative. Roberta Feliciani

I materiali cellulosici: aspetti tecnici e novita legislative. Roberta Feliciani I materiali cellulosici: aspetti tecnici e novita legislative Roberta Feliciani CARTA E CARTONE norme di carattere generale: DPR 777 e DL 108 norme specifiche: D.M.21.3.73 e successivi aggiornamenti CARTA

Dettagli

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma Università Carlo Cattaneo - LIUC 7 Giugno 2010 Ing. E. Moroni Organismo Notificato n.0066 I.C.E.P.I S.p.A. Via P. Belizzi

Dettagli

REQUISITI ECOTOSSICOLOGICI DEI PRODOTTI TESSILI PARAMETRI NORMATIVE METODI ANALITICI

REQUISITI ECOTOSSICOLOGICI DEI PRODOTTI TESSILI PARAMETRI NORMATIVE METODI ANALITICI REQUISITI ECOTOSSICOLOGICI DEI PRODOTTI TESSILI PARAMETRI NORMATIVE METODI ANALITICI 1. Determinazione del ph dell estratto acquoso La determinazione del ph (indice di acidità, basicità o neutralità dell

Dettagli

La sicurezza chimica. dei materiali utilizzati. nel settore legno-arredo

La sicurezza chimica. dei materiali utilizzati. nel settore legno-arredo La sicurezza chimica dei materiali utilizzati nel settore legno-arredo Franco Bulian Sommario Termini Come un prodotto può essere pericoloso Esempi di problematiche legate alla sicurezza chimica dei prodotti

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

RESTRIZIONI. relative alla fabbricazione, all immissione sul mercato e all uso di talune sostanze e preparati pericolosi.

RESTRIZIONI. relative alla fabbricazione, all immissione sul mercato e all uso di talune sostanze e preparati pericolosi. RESTRIZIONI REACH CLP relative alla fabbricazione, all immissione sul mercato e all uso di talune sostanze e preparati pericolosi. CONFINDUSTRIA LECCO 04 DIC 2012 Dott. Chim. Mario Nasello Laboratorio

Dettagli

Nota informativa sulle misure previste per la sostanza antimuffa dimetilfumarato (DMF) 1.

Nota informativa sulle misure previste per la sostanza antimuffa dimetilfumarato (DMF) 1. Roma, 22 aprile 2009 Protocollo: 56686 / RU Rif.: Allegati: OGGETTO: Nota informativa sulle misure previste per la sostanza antimuffa dimetilfumarato (DMF) 1. Premessa Per una organica ricognizione delle

Dettagli

Ministero della Salute. Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015

Ministero della Salute. Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015 Ministero della Salute Piano nazionale delle attività di controllo sui prodotti chimici Anno 2015 13 febbraio 2015 PIANO NAZIONALE DELLE ATTIVITÀ DI CONTROLLO SULL APPLICAZIONE DEI REGOLAMENTI (CE) N.

Dettagli

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA

REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA REACH: IL REGOLAMENTO CHE RIVOLUZIONERA LA CHIMICA EUROPEA PREMESSA Il nuovo regolamento sulla chimica europea, denominato REACH (Reg. n. 1907/2006) è entrato in vigore il 1 giugno 2007 anche se la prima

Dettagli

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle.

Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Aggiornamento delle etichette e delle schede di sicurezza per i produttori di sostanze e a cascata per tutti gli utilizzatori a valle. Salve,Dottore/ssa il mese di dicembre vede l entrata in vigore del

Dettagli

La riduzione dei rifiuti all acquisto

La riduzione dei rifiuti all acquisto Provincia di Varese La riduzione dei rifiuti all acquisto Provincia di Varese Ciclo di Serate di Ecologia Domestica I rifiuti in Italia Una persona produce ogni giorno più di 1,5 kg di rifiuti urbani (media

Dettagli

Analisi del livello di riciclabilità di imballaggi cellulosici

Analisi del livello di riciclabilità di imballaggi cellulosici INNOVHUB - STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione Carta Analisi del livello di riciclabilità di imballaggi cellulosici Daniele Bussini-Milano -30 Gennaio 2013 1 UNI EN 13430-2005 UNI EN 13430-2005:

Dettagli

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili Relazione sull attuazione della direttiva 1999/1/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili (redatta ai sensi dell articolo 11 della direttiva 1999/1/CE secondo il formato stabilito

Dettagli

Cliccando appare il seguente testo e indice di sottocapitoli, cliccando su ognuno di essi compaiono i relativi testi di seguito presentati:

Cliccando appare il seguente testo e indice di sottocapitoli, cliccando su ognuno di essi compaiono i relativi testi di seguito presentati: Testi per sito assovernici IL PUNTO SULLE NORME DI SETTORE Cliccando appare il seguente testo e indice di sottocapitoli, cliccando su ognuno di essi compaiono i relativi testi di seguito presentati: Assovernici,

Dettagli

CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione

CERTIFICAZIONE ROHS. aggiunta nella sezione tipi di certificazione LaCertificazione CERTIFICAZIONE ROHS aggiunta nella sezione tipi di certificazione In un contesto dove l'evoluzione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche presenta una crescita esponenziale,

Dettagli

Programma. La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo

Programma. La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo Programma La formaldeide: caratteristiche e pericolosità (cenni) Impieghi della formaldeide nel settore legno-arredo L emissione di formaldeide dai prodotti del settore legnoarredo Metodi di prova per

Dettagli

CERTIFICAZIONE DEI BIOCOMBUSTIBILI: PROBLEMATICHE E MODALITA ORGANIZZATIVE

CERTIFICAZIONE DEI BIOCOMBUSTIBILI: PROBLEMATICHE E MODALITA ORGANIZZATIVE Torna all indice Convegno Progetto Fuoco Le problematiche di impiego Verona, 19 marzo 2004 CERTIFICAZIONE DEI BIOCOMBUSTIBILI: PROBLEMATICHE E MODALITA ORGANIZZATIVE Davide Pettenella Dipart.. Territorio

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee

Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee Ordine degli Ingegneri della provincia di Brescia Commissione Industriale Organizza un: Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee presso la sede dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

ECO-GUIDA AI PRODOTTI ELETTRONICI VERDI 16ma EDIZIONE Ottobre 2010

ECO-GUIDA AI PRODOTTI ELETTRONICI VERDI 16ma EDIZIONE Ottobre 2010 ECO-GUIDA AI PRODOTTI ELETTRONICI VERDI 16ma EDIZIONE Ottobre 2010 1. Nokia 7,5/10 Nokia rimane al primo posto con lo stesso punteggio della versione precedente. La sua migliore performance è sul piano

Dettagli

CONVEGNO AICC AREA TOSCANA

CONVEGNO AICC AREA TOSCANA CONVEGNO AICC AREA TOSCANA Associazione Tessile e Salute LA VIA ITALIANA ALLA MODA SOSTENIBILE San Miniato 27 maggio 2016 Cos è l Associazione Tessile e Salute Associazione nazionale nata nel 2001 per

Dettagli

Classificazione e analisi dei rifiuti

Classificazione e analisi dei rifiuti Classificazione e analisi dei rifiuti Esempi pratici e Modifiche introdotte dal Regolamento 1357/2014 1 Argomenti trattati Definizioni Responsabilità e soggetti coinvolti Il processo di caratterizzazione

Dettagli

Edilizia sostenibile (bio-edilizia)

Edilizia sostenibile (bio-edilizia) Edilizia sostenibile (bio-edilizia) - L.R. 4/07 - L.R. 14/09 LINEE GUIDA - IL PROTOCOLLO ITACA - IL PREZZARIO - IL CAPITOLATO SPECIALE - Ing. Stefano Talato Dirigente Osservatorio Regionale Appalti 05/05/2011

Dettagli

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING

NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro NORME SULLA CONFORMITA DELLE SOSTANZE IMPIEGATE TATUAGGI E PIERCING 13 maggio 2015 - mercoledì Dr. Mario Esposito Tecnico

Dettagli

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità Arredi per ufficio 6 - Criteri di 1. Oggetto dell iniziativa La presente iniziativa è finalizzata ad offrire alle ubbliche Amministrazioni sia la fornitura di arredi e complementi a ridotto impatto, sia

Dettagli