Topologie di connessione (rete) (punto a punto, bus lineare, a stella, daisy-chain)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Topologie di connessione (rete) (punto a punto, bus lineare, a stella, daisy-chain)"

Transcript

1 Topologie di connessione (rete) (punto a punto, bus lineare, a stella, daisy-chain) I dispositivi di campo (trasduttori, attuatori, valvole, ) possono essere collegati tra loro e con uno o più sistemi di elaborazione tramite reti di comunicazione digitale. Una rete di calcolatori è un sistema informatico costituito da uno o più calcolatori collegati da un sistema di comunicazione, esistono varie topologie (ovvero disposizioni fisiche dei componenti) di rete, i nodi corrispondono ai calcolatori da collegare. Nel caso di collegamento punto a punto (o a stella) il nodo 1 deve avere un collegamento diretto con 2 e 3, si ha un collegamento da un nodo ad un altro, l elemento importante è il nodo centrale (N0) che è l unità di elaborazione che si interfaccia con questi controlli. Il collegamento a bus lineare è una linea su cui si collegano i nodi, il collegamento può essere fatto in vari modi (elettrico, digitale,..), viene detto bus lineare multidrop (multi derivazione) perché consente di collegare diversi calcolatori attraverso un unica linea. Una variante del precedente può essere il bus lineare con hub, si tratta di una rete in cui l hub svolge una funzione analoga a quella del doppino nel collegamento lineare semplice, prendendo il comando di un nodo e trasmettendolo agli altri nodi, può semplificare il tutto avere un hub rispetto ad un unico filo, soprattutto nel caso i nodi siano molti. Il collegamento daisy-chain è un collegamento tramite cui è possimire passare da un nodo ad un altro semplicemente entrando nel primo nodo, prendendo il comando, uscendo e andando al successivo e cosi via, non è molto usato. ISO/OSI Il modello ISO/OSI è un modello concettuale che organizza le funzioni di un generico sistema di comunicazione su 7 livelli. Il modello definisce le funzioni e le interfacce di ogni livello in modo avulso dall implementazione delle stesse, ma non impone che tutti i livelli e tutte le funzioni siano implementate in ogni specifica realizzazione di rete di comunicazione. In particola,re nelle reti di dimensioni contenute e specializzate per il controllo di processo, per ragioni di semplicità ed efficienza, si implementano soltanto alcuni livelli. I livelli FISICO, COLLEGAMENTO e APPLICAZIONE sono quelli pià utilizzati nelle reti per il controllo di processo. Le funzioni relative a questi livelli sono realizzati in ogni calcolatore (punto o nodo o stazione) collegato alla rete. Il livello fisico (livello 1) si occupa del trasferimento di bit un un canale di comunicazione; il livello di collegamento (livello 2 o data link), utilizzando le informazioni messe a disposizione dal livello fisico, si occupa di realizzare connessioni prive di errori fra i nodi della rete; il livello applicazione definisce i servizi orientati all applicazione vera e propria, mettendo in tal modo a disposizione dell utente opportune funzioni di supporto. Tra due livelli adiacenti c è un interfaccia, la quale definisce primitive e servizi che il livello inferiore offre a quello superiore.

2 Livello (collegamento) fisico Il livello fisico si occupa del trasferimento di bit su un canale di comunicazione, nei suoi aspetti meccanici ed elettrici, la trasmissione di norma è di tipo seriale. Comunemente si incorre, in questo tipo di trasferimento, in varie problematiche tra cui: determinazione di tipo di codifica elettrica del segnale logico e di tipo e funzione di ogni segnale di controllo (per sincronizzare trasmissione e ricezione), stabilire livelli di tensione e corrente e il numeri di conduttori da utilizzare, stabilire tolleranze massime e minime dei tempi di salita, commutazione, ecc, dei segnali elettrici, determinare il tipo di collegamento ed isolamento, inoltre bisogna considerare anche le caratteristiche meccaniche dei connettori, dei cavi, e in generale degli apparati. Mezzi trasmissivi Solitamente si utilizzano 4 tipi di mezzi trasmissivi: - Doppino intrecciato (twisted pair): costituito da una coppia di fili di rame avvolti in una guaina e ritorti, può essere con o senza schermo, tipicamente si usa in telefonia in quanto consente una comunicazione medio-alta (soprattutto su rete locale). - Cavo coassiale: si tratta di un filo centrale in rame ricoperto da guaina e maglia esterna in rame, consente di viaggiare a velocità di comunicazione medio alte (100 Mbps) - Fibra ottica: costituita da una fibra in vetro in grado di trasportare segnali luminosi, consente massima insensibilità ai rumore, velocità molto elevate, ma ha un costo elevato - Wireless (o via radio): si trova in crescita in ambito industriale. Tipo di codifica elettrica I dati binari scambiati tra due calcolatori possono essere trasmessi direttamente sul canale, con una segnalazione in banda base. Si distinguono 4 diverse codifiche: - Non return to zero (NRZ): non impone la transizione ad un livello di riferimento (zero, appunto), risulta essere poco immune da rumore ed è più difficile distinguere la trasmissione di 0 (o 1) dall assenza di trasmissione. - Return to zero (RZ): impone la transizione a zero come riferimento - Manchester: prevede due livelli di segnale e codifica i valori con il segno della transizione dall uno all altro. Il valore 0 è codificato come una transizione positiva del segnale a metà della durata di un bit, viceversa il logico 1. Ogni bit è, quindi, codificato trasmettendo un ciclo del segnale di clock, inalterato quando si trasmette 0, invertito quando si trasmette 1.

3 Direzione di trasmissione La trasmissione può avvenire con le seguenti modalita di direzione: - Simplex: il senso della trasmissione è unico - Half-Duplex: la trasmissione è possibile, alternativamente nei due sensi - Full-Duplex: la trasmissione è possibile, contemporaneamente, nei due sensi. Quasi tutte le apparecchiature attuali sono, a livello fisico, predisposte per la trasmissione a full duplex, tuttavia i protocolli possono limitare la trasmissione alla modalità half duplex. Standard RS232, RS422, RS485 Lo standard EIA RS-232C è uno degli standard più vecchi, ma tutt ora in uso, copre una distanza massima di 15m, con una velocità massima di 20kb/s, utilizza 3 fili: GND (ritorno commune), TXD (trasmissione) e RXD (ricezione). E presente uno schermo per migliorare la protezione contro disturbi elettrici, ha una capacità complessiva minore di 2500 pf, utilizza una connessione punto a punto, con trasmissioni asincrone. Lo standard EIA RS-422 ha una velocità massima di 115 kbit/s per distanze fino a 1200m, che si riduce a 12m a 10 Mbit/s. Utilizza segnali elettrici di trasmissione/ricezione differenziali, più immuni a disturbi di modo comune, è più adatto all ambito industriale; presenta la possibilità di collegare fino a 10 ricevitori. I cavi che utilizza presentano un impedenza caratteristica di 100MOhm, quando un apparato trasmette la ricezione può avvenire, appunto, fino a 10 ricevitori contemporaneamente. Lo standard EIA RS-485 risulta molto diffuso, soprattutto in ambito industriale, presenta le stesse prestazioni del RS-422, ma può connettere fino a 32 trasmettitori e 32 ricevitori. I trasmettitori non sono attivi in alta impedenza (impedenza caratteristica di 120 Ohm) e presenta una tipica architettura multidrop (collegamenti multipli bidirezionali a bus). Si realizza con 2 (trasmissione half-duplex) o 4 fili (trasmissione full-duplex), in particolare è molto comune l utilizzo in half-duplex con protocolli di comunicazione ad interrogazione. Livello data link Questo livello si occupa di realizzare connessioni prive di errori fra coppie di nodi della rete, suddivide i dati che riceve dal livello rete e li organizza in frame, introducendovi informazioni di controllo, come indirizzo del mittente e del destinatario e bit aggiuntivi. Trasmette i frame e verifica la corretta ricezione sulla base dei segnali di acknowledge del destinatario, ripetendo se è il caso la trasmissione. Inoltre ha il potere di decidere chi usa il bus per trasmettere, in ogni momento dando il diritto ad uno ad uno. Le funzioni che svolge sono descritte dagli acronimi: LLC : Logical Link Control, controllo del collegamento logico MAC: Medium Acces Control, controllo di accesso al mezzo fisico

4 Controllo accesso al mezzo fisico (MAC) (CSMA/CD, Token-Bus, Bus Arbiter o Controller) Per il MAC sono stati definiti i seguenti standard alternativi: - CSMA/CD (Carrier Sensing Multiple Access/Collision Detection): è un protocollo di tipo spontaneo, ogni nodo può decidere di trasmettere in qualsiasi momento, trasmissioni contemporanee sono gestite da un meccanismo di collision detection che prevede una logica di ritentativi. Non è in grado di garantire un limite superiore certo al ritardo di risposta, non è quindi ritenuto adatto per le applicazioni in cui deve essere garantito (ovvero, quelle in tempo reale), è utilizzato in Ethernet, la cui velocità è molto elevata, per cui il problema è poco critico - Token-Bus: in ogni istante ha diritto a trasmettere solo un nodo, quello che possiede il token (gettone) ovvero un codice particolare. I nodi si passano in sequenza circolare il token, il quale dà diritto a trasmettere per un tempo massimo stabilito (THT:Take Holding Time), dopo di che va lasciato. Possono esserci stazioni attive (master) e passive (slave): le slave possono trasmettere solo se interrogate da un master; il ritardo di risposta di ogni unità ha un limite superiore, si ha però un tempo d attesa inutile. - Bus Arbiter o Controller: Nelle reti di campo spesso l allocazione del mezzo fisico è realizzata mediante un arbitro del bus (master), cioè, un dispositivo collegato al bus con la funzione di deciderne l allocazione tra i diversi nodi della rete. Modalità di trasmissione Modalità asincrona: l informazione è trasmessa a blocchi preceduti/seguiti da caratteri di inizio e fine blocco (codifiche RZ). I vari USART (Universal Synchronous-Asynchronous Receiver/Transmitter) gestiscono la modalità next/previous scaricando la cpu, hanno un efficienza bassa e un discreto controllo del flusso dei dati. Modalità sincrona: l informazione è trasmessa a blocchi preceduti7seguiti da caratteri di inizio e fine blocco, il frame (trama) viene gestita da USART o da processori dedicati. Si ha un efficienza maggiore della precedenza (bassa con pochi dati utili, numero minimo di byte), risulta adatta per trasmettere quantità elevate di dati al secondo.

5 Controllo del collegamento logico Questo livello prepara frame da trasmettere ed esegue un controllo logico (collegamento virtuale tra i nodi al livello 2). Protocolli diffusamente utilizzati per il collegamento logico sono lo HDLC (High Level Data Link Control), che rappresenta un evoluzione del SDLC (), utilizzato in sistemi di trasmissione dati proprietari e il protocollo Ethernet (molto simile ad HDLC). La loro implementazione è affidata a circuiti integrati dedicati (Asic Application Specific Integrated Circuits) che, insieme a pochi altri elementi delle schede di interfaccia, gestiscono autonomamente la comunicazione, senza necessità di utilizzare l unità di elaborazione centrale del nodo. Ethernet (in particolare 10Base T) Si tratta di un protocollo sviluppato nel 1976 dalla ditta Xerox, si tratta del protocollo più utilizzato nelle applicazioni da ufficio ed è anche di largo utilizzo per applicazioni industriali. Esso copre i livelli 1 e 2 della pila OSI, il mezzo fisico ha subito varie evoluzioni: cavo coassiale spesso (alta velocità, distanze mediopiccole), cavo coassiale sottile (alta velocità, distanza piccola), doppino ritorto per reti con concentratore (hub), ad alta velocità e distanze piccole, fibra ottica (grande velocità e grande distanza). La segnalazione è in banda base con codifica Manchester, mentre la topologia dei collegamenti è varia (bus lineare, stella con hub,..). Per il sottolivello MAC si utilizza il protocollocsma/cd, mentre per il sottolivello LLC si utilizza il frame ethernet II. La connessione avviene in broadcast, ovvero tutti i riceventi ricevono i messaggio trasmesso, bus, cioè il mezzo di trasmissione è unico; non viene, però, confermata la ricezione del messaggio. Si utilizzano due doppini per la trasmissione in full-duplex e ogni trasmissione è limitata in durata (essendo limitata la lunghezza di un messaggio). Si lascia del tempo morto (idle) tra una trasmissione e l altra, per consentire anche ad altri di accedere alla rete. L indirizzo della scheda ethernet è denominato MAC address, è composto da 48 bit: i primi 24 identificano l organizzazione che assegna l indirizzo (Organization Unique Identifiers OUI), gli altri 24 sono associati all organizzazione con il solo vincolo di univocità. Computer collegati ad Ethernet possono inviarsi dati utilizzando protocolli di alto livello (TCP/IP); l interfaccia Ethernet ignora i pacchetti con indirizzo diverso dal proprio (non carica la CPU con questo test). Tramite questo collegamento si ha un architettura a stella con unità Switched hub (Sh), ovvero una suddivisione della rete in segmenti e connessione dei segmenti mediante Sh che scelgono il corretto instradamento dei dati sulla base del MAC address. In questo modo, si hanno bande di comunicazione comprese tra 100 Mbit/s e 1 Gbit/s, riducendo, inoltre, il rischio di collisione tra i dati trasmessi. Importante è che ethernet con TCP/IP permette la visualizzazione dei dati con un browser e server web embedded (ovvero un sistema che fa una cosa sola in modo efficiente ed economico, diverso dal PC general Purpose).

6 ARINC429 E una specifica tra le LRU (Line Repleaceable Unit, unità elettroniche a microprocessori) commerciali definita al fine di permettere intercambiabilità e interoperabilità delle LRU di diversi costruttori. Questo tipo di collegamento viene derivato dal predecessore ARINC 419 (creato nel 1966). Esso definisce: caratteristiche elettriche, caratteristiche dei dati, protocolli, topologia. E installato sulla maggior parte dei velivoli commerciali Airbus e Boeing, data la sua alta affidabilità. Per quanto concerne la tipologia di questo tipo di controllo, si ha una trasmissione unidirezionale, quindi per trasmettere e ricevere si devono usare porte e cavi twistati separati, si utilizzano fondamentalmente topologie di tipo a stella e a bus-drop lineare. Si collegano fino a 20 Ricevitori ad un singolo trasmettente, quindi il guadagno in affidabilità si traduce in un aumento del peso in quanto necessita di molti fili. Per quanto riguarda i cavi, si utilizzano cavi schermati e twistati (da 78 Ohm per il singolo elemento), con codifica bipolare (RZ) e livelli di tensione da 10,0,-10V in uscita al trasmettitore. Si ha un formato di parola a 32 bit, come riportato in figura, i parametri caratteristici sono i seguenti: LABEL: copre i primi 8 bit ed identifica il tipo di dato trasmesso e i parametri ad esso associati SDI: copre i bit 9 e 10 ed è un identificatore della destinazione del comando trasmesso (Source Destination Identifier) Data: copre i bit tra l 11 e il 29, come dice il nome, costituiscono il pacchetto di dati trasmessi con il comando SSM: bit 30-31, indica le informazioni di stato, quali hardware e validità del dato, dipendono dal LABEL P: bit 32, costituisce il bit di parità, ovvero la somma degli 1 e degli 0 all interno della parola, è una sorta di controllo sul comando trasmesso I messaggi inviati tramite questo comando sono per la maggior parte costituiti da una singola parola.

7 MIL-STD1533B Si tratta di una specifica di un bus dati lineare multidrop a 1 Mbit/s di tipo comando/risposta. Specifica operazioni, caratteristiche elettriche (hardware e topologia), struttura e formati delle parole e protocolli di comunicazione, è uno standard per l integrazione delle piattaforme militari. Si ha un architettura federeta, sebbene lo standard è complesso, costoso e molto voluminoso. Utilizza una trasmissione dual redundat, ovvero due percorsi dei dati paralleli, una sorta di bidirezionale. Si utilizza la codifica Manchester II, con tutte le comunicazioni iniziate da bus controller (allocazione bus), inoltre, tutti i nodi (terminali remoti) rispondono al comando del controller. Il MIL utilizza una topologia a Bus lineare (single level), in cui si trovano: - Bus Controller (BC), possono essere presenti anche più BC ma uno solo può essere attivo in ogni momento; decide l allocazione del bus e coordina il trasferimento di tutte le informazioni su di esso (metodo comando/risposta: BC invia il comando ad un RT e questo risponde). - Remote Terminal (RT), fino ad un massimo di 31, ciascuno che può avere fino a un massimo di 31 sottoindirizzi; si tratta di un Embedded RT (sensore con embedded al bus) e uno stand alone RT. - Bus Monitor (BM), si occupa della raccolta dei dati ed è utilizzato per problemi di funzionamento, si tratta di display multifunzione su cui sono presentati i dati messi in funzione, dietro cui si hanno memorie che mappano i pixel singolarmente. Talvolta si utilizzano strutture gerarchiche multilivello, con un bus di livello superiore (global bus) che controlla gli altri. Si ha una linea di trasmissione realizzata con un doppino twistato e schermato e un numero di pezzi (stubs) di interfacciamento. Le linee sono sempre doppie ma i messaggi transitano su una sola decisa dal bus, la lunghezza non è specificata. E possibile avere un accoppiamento diretto, oppure a trasformatore, il quale comporta un migliore isolamento galvanico o una migliore reiezione di modo comune. Come detto in precedenza, si utilizza una codifica di tipo Manchester, con tensioni valide in ingresso ad un RT fino ad un massimo di 14V, devono però essere specificate le distorsioni massime dei segnali. Si hanno velocità molto alte con un sistema di comunicazione in half-duplex in modalità broadcast (tutti ricevono il comando). I messaggi sono costituiti dalle seguenti tipologie: sincronizzazione, dato (16 bit) e parità. - Command Word: si ha sincronizzazione, indirizzo del terminale remoto (5 bit e 31 indirizzi di terminali più broadcast), Bit Trasmettente/Ricevitore: il ricevitore dovrà trasmettere o ricevere, Campo sottoindirizzo/modo: uso specifico per stand alone terminal, infine, un conteggio delle parole (numero parole, data word, che il ricevitore dovrà trasmettere o ricevere). - Data word: è costituita da

8 - Status word: sono trasmesse da ogni terminale remoto in risposta ai comandi e contengono informazioni di stato, errori,.., del terminale remoto o dei messaggi scambiati. E costituita da una sincronizzazione, indirizzo del terminale remoto ed informazioni di errore etc; alcuni comandi (come quelli in broadcast) non prevedono risposta di status. I messaggi sono composti da command e status word e data word, la trasmissione viene sempre decisa da Bus Controller (10 tipi di messaggi). Lo status word viene trasmesso da un terminale remoto in risposta ad ogni comando, l allocazione del bus e il controllo logico del link sono eseguiti con word e messaggi, mentre i terminali remoti verificano la correttezza sintattica di parole e messaggi. AFDX Il protocollo AFDX è stato progettato per utilizzare il collegamento Ethernet su circuiti che abbiano le caratteristiche dell ARINC429, implica delle comunicazioni del tipo point-to-point in cui sono necessarie la conoscenza della banda passante e la ridondanza dei dati. Per cui si realizza con basi quali standard ethernet, IP, UDP (User Datagram Protocol) e velocità di 10 Mbit/s, 100Mbit/s o Gbit/s. Si ha un protocollo ed una struttura tali da assicurare un comportamento deterministico e gestione della ridondanza adeguati, realizzati tramite componenti quali sottosistemi avionici, AFDX edn systems ed interconnessione AFDX, ovvero attraverso switches e collegamenti. Ogni dispositivo è connesso full duplex ad uno switch, il quale ha un buffer per memorizzare più dati ricevuti e da trasmettere, trasmette solo agli end system destinatari o ad un altro switch (in base all indirizzo nel messaggio ricevuto e alla FT che contiene il TX buffer corrispondente ad ogni indirizzo), inoltre, è importante sottolineare che le collisioni sono evitate; ci può essere ritardo per congestione negli switch, che va dimensionato superiormente. Questa struttura consente di avere una velocità di trasmissione superiore agli altri protocolli, una connessione minore, riducendo però il cablaggio e quindi il peso. Il vantaggio principale sta nel fatto che un singolo computer può supportare più sottosistemi avionici simultaneamente, l isolamento tra questi ultimi è raggiunto tramite partizioni di memoria e limitando il tempo di cpu allocato ad ogni partizione. Gli end systems sono identificati utilizzando due quantità da 8 bit ciascuna: un Network ID ed un Equipment ID, utilizzati per formulare l indirizzo MAC. I dati vengono scambiati attraverso porte, esse sono univocamente definite in tutta la rete, identificate da un port ID,

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

I BUS AVIONICI. A cura di Marco MarcoGT. Bus Commerciali

I BUS AVIONICI. A cura di Marco MarcoGT. Bus Commerciali I BUS AVIONICI A cura di Marco MarcoGT In avionica, per le comunicazioni tra i vari apparati a bordo vengono utilizzati dei protocolli, alcuni creati appositamente, altri invece commerciali. E' possibile

Dettagli

Reti di comunicazione (bus dati)

Reti di comunicazione (bus dati) Tecnologie dei sistemi di controllo per l Aeronautical Reti di comunicazione (bus dati) Gianantonio Magnani Molte immagini utilizzate nelle slide sono prese dai tutorial disponibili online sugli standard

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali

Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Reti e problematiche di Rete: Reti geografiche e reti locali Enrico Cavalli - enrico.cavalli@unibg.it Università di Bergamo - Anno Accademico 2008-2009 Reti Locali Reti geografiche e reti locali 2 1 Applicazioni

Dettagli

http://mottatommaso.altervista.org

http://mottatommaso.altervista.org Standard IEEE 802 per reti LAN http://mottatommaso.altervista.org T. Motta Rete locale Rete LAN: rete di computer di dimensione limitata e senza attraversamento di suolo pubblico Sono di diversi tipi:

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Trasmissione dati e reti telematiche

Trasmissione dati e reti telematiche Trasmissione dati e reti telematiche Per trasmissione dati s'intende un sistema di comunicazione che permette di trasferire l'informazione, in forma binaria, tra due terminali, uno trasmittente (Tx) e

Dettagli

I bus di campo nell automazione industriale

I bus di campo nell automazione industriale I bus di campo nell automazione industriale Fabio Giorgi Introduzione Aspetti di comunicazione nell automazione industriale Esempio di cella di lavorazione Passaggio dal controllo centralizzato al controllo

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 1 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Intro: 1 Con il termine rete si indica in modo generico un collegamento fra 2 apparecchiature (sorgente - destinazione)

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Elaborazione e trasmissione delle informazioni Le Reti di Calcolatori Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Reti di Telecomunicazione

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Digitale

Tecniche di Comunicazione Digitale Tecniche di Comunicazione Digitale Sommario Problematiche Generali Comunicazioni Parallele Varianti Trasmissione Isocrona, Asincrona e Sincrona Segnali, codifica e modulazione Gestione degli errori - 2-1

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE

TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE TEORIA ELEMENTARE DELL INFORMAZIONE di Renato Agati INDICE 1 Introduzione 2 La didattica della Teoria elementare dell Informazione 2.1 Prerequisiti, competenze, obiettivi 2.2 Il piano di lavoro 3 La trasmissione

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 22 Martedì 20-05-2014 1 Ethernet Ethernet

Dettagli

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC);

Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in: . delimitazione di trama (effettuata dal sottostrato MAC); Standard Lan Introduzione Nelle reti locali il livello 2 dlla pila OSI è suddiviso in:. strato MAC (Medium Access Control);. strato LLC (Logical Link Control). Le funzioni del livello 2 sono:. delimitazione

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio

Reti di calcolatori. Lezione del 27 maggio Reti di calcolatori Lezione del 27 maggio TPC/IP ed i livelli 1 e 2 TCP/IP architettura di rete focalizzata sull internetworking Mancano i primi 2 livelli Connessione ad Internet: due scenari tipici Connessione

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Architettura dei sistemi avionici

Architettura dei sistemi avionici Architettura dei sistemi avionici Nicola Morganti 6 marzo 2004 Indice 1 Databus 1 2 Le reti 1 2.1 Tecniche di allocazione.......................... 3 2.1.1 Frequency Division Multiplexing................

Dettagli

Controllo distribuito

Controllo distribuito I sistemi complessi di automazione industriale e di controllo di processo richiedono una notevole integrazione tra i vari sottosistemi che li compongono, tanto che li si può definire sistemi di controllo

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Lo Stack TCP/IP: Le Basi

Lo Stack TCP/IP: Le Basi Lo Stack TCP/IP: Le Basi I livelli TCP/IP hanno questa relazione con i livelli di OSI. Lo stack di protocolli TCP/IP implementa un livello network (livello 3) di tipo: packet-switched; connectionless.

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 I mezzi trasmissivi 2 Il doppino 3 Il cavo coassiale 4 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Comunicazione seriale e parallela 7 Trasmissione sincrona e asincrona 9 Trasmissione asincrona

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

La Comunicazione tra Computer e le Reti

La Comunicazione tra Computer e le Reti La Comunicazione tra Computer e le Reti Prof. Vincenzo Auletta 1 Rete di Computer Insieme di computer, opportunamente collegati tra loro, che trasmettono informazioni. Stazione/Nodo: Apparecchio collegato

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo

Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Paragrafo 1: Prerequisiti Definizione di rete Una rete è un insieme di nodi collegati tra loro attraverso un mezzo trasmissivo Lo scopo di una rete Lo scopo di una rete è quello di mettere in condivisione

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria 3 Reti locali.1 Architetture Prof. Filippini 2 Le reti locali (Local Area Networks-LAN) sono reti di telecomunicazione pensate e ottimizzate per

Dettagli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli

Il livello Data-Link e i suoi protocolli Il livello Data-Link e i suoi protocolli Modulo 5 (Integrazione) Livello Data-Link Abbiamo visto che il Livello Data link provvede a: o offrire servizi al livello network con un'interfaccia ben definita;

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet

15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 15. Data link layer: Ethernet e FastEthernet Prof. R. R. Cusani Ethernet

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch)

Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch. Switch di Livello 3 (L3 Switch) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Switch di Livello 2 (L2 Switch) Tecniche di Ethernet Switching Tipologie di Switch Switch di Livello 3 (L3 Switch) Virtual LAN (VLAN) 23.2 Inizialmente

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

Figura 1-1: Topologia delle reti e loro connessione

Figura 1-1: Topologia delle reti e loro connessione 1. Introduzione alle reti La rete è una sorta d infrastruttura, costituita da un insieme di cavi, apparati elettronici e software, che serve a mettere in comunicazione i sistemi informativi o in senso

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB)

Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Standard IEEE 802 Ethernet Truncated Binary Exponential Back-off (TBEB) IEEE 802.3 20.2 Livello di Rete LLC MAC 802.3 802.2 Logical Link Control

Dettagli

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni

Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Modulo 3: Il protocollo Ethernet e sue evoluzioni Parte 4: Fast Ethernet 1 Fast Ethernet Nel 1992 IEEE ha riunito il comitato 802.3 per sviluppare un protocollo a 100 Mbps basato sulla tecnologia Ethernet

Dettagli

Guida all hardware di rete

Guida all hardware di rete !"##$% Guida all hardware di rete ad uso degli Studenti del Corso di RETI DI CALCOLATORI CdL I livello in Ingegneria Informatica Versione 0.5 Autore: Davide Mazza Mantova, li 16/03/2004 GUIDA ALL HARDWARE

Dettagli

Laboratorio di Informatica (Chimica)

Laboratorio di Informatica (Chimica) Laboratorio di Informatica (Chimica) Lezione 03: Le Reti. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@dico.unimi.it Walter Cazzola Lezione

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

LE RETI ARGOMENTI TRATTATI Definizione di rete Classificazione delle reti Apparecchiatura di rete Mezzi trasmissivi Indirizzi IP Http Html DEFINIZIONE DI RETE Una rete di computer è costituita da un insieme

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Tecnologie Informatiche n 6

Tecnologie Informatiche n 6 LE RETI DI COMPUTER Una RETE INFORMATICA è costituita da un insieme di computer collegati tra di loro ed in grado di condividere sia le risorse hardware (periferiche accessibili dai vari computer che formano

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione L'hardware delle reti LAN HUB, Switch, Bridge e Router Domini di Collisione T. Motta Hardware di rete L hardware di rete fondamentale comprende: Hub Repeater Switch Bridge Router Gateway Firewall Modem

Dettagli