LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA."

Transcript

1 LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri dipendenti dalle Amministrazioni pubbliche ed è ottenuta sommando alle retribuzioni lorde (comprensive dei contributi a carico del lavoratore) i contributi sociali (effettivi, figurativi e contribuzione aggiuntiva). Nelle pagine seguenti verrà esposta brevemente una rappresentazione della spesa per redditi in un contesto europeo, prendendo a riferimento, oltre alla media complessiva dei 27 paesi dell eurozona, anche i principali Stati con economie paragonabili a quella italiana: Germania, Francia, Regno Unito e Spagna. 1. LA SPESA PER REDDITI. La tabella 1.1 ed il grafico 1.1 illustrano l andamento, a partire dal 2008, del valore assoluto della spesa per redditi da lavoro dipendente nel pubblico impiego, mentre nella Tabella 1.2 e nel grafico 1.2, le stesse informazioni sono state rappresentate in termini di variazione percentuale annua. I dati fino al 2012 sono di consuntivo, mentre il periodo indica valori previsionali 1. Tabella 1.1 Spesa per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche. Valori in miliardi di euro Francia 246,98 254,16 259,42 262,73 267,71 273,23 280,39 288,21 Germania 182,60 190,95 195,73 199,45 203,82 208,93 215,22 221,70 Italia 169,67 171,05 172,00 168,62 165,88 164,24 162,97 164,78 Regno Unito 198,72 183,07 196,75 193,55 208,88 196,72 197,93 198,59 Spagna 118,51 125,71 125,66 123,63 115,21 115,90 114,28 112,57 Media UE 113,87 114,58 118,53 118,78 120,76 120,83 122,34 124,42 Fonte: European Commission - General Goverment Data Ottobre Grafico 1.1 Andamento spesa per redditi. Valori in miliardi di euro Fonte: European Commission - General Goverment Data Ottobre La serie dei dati riferita al Regno Unito è influenzata dall andamento del tasso di cambio della sterlina inglese rispetto all euro. La media UE è riferita anche ai seguenti paesi: Belgio, Danimarca, Olanda, Polonia e Svezia. Ministero dell economia e delle finanze 1

2 LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. Tabella Variazione annua in percentuale della spesa per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche Francia 2,5 2,9 2,1 1,3 1,9 2,1 2,6 2,8 Germania 2,5 4,6 2,5 1,9 2,2 2,5 3,0 3,0 Italia 3,4 0,8 0,6-2,0-1,6-1,0-0,8 1,1 Regno Unito 2,6 3,1 3,5-0,5 0,8-1,2 0,1 0,3 Spagna 9,9 6,1 0,0-1,6-6,8 0,6-1,4-1,5 EU 27 2,1 0,7 2,6-0,1 1,2 0,1 1,1 1,6 Fonte: European Commission - General Goverment Data Ottobre Grafico 1.2 Andamento variazione percentuale Fonte: European Commission - General Goverment Data Ottobre Francia Germania Italia Regno Unito Spagna EU 27 Nel periodo in Italia la spesa per redditi 2 è diminuita di circa 4 miliardi di euro (-2,2% circa) mentre, se estendiamo il confronto in termini previsionali sino al 2015, la riduzione della spesa si incrementa a circa 5 miliardi di euro (-3% circa). Tale risultato è dovuto agli effetti di risparmio prodotti dalle disposizioni di contenimento della spesa pubblica introdotte già a partire dal 2008 ed intensificate nel corso del 2010 con il decreto legge 78/ Di seguito si elencano sinteticamente i maggiori provvedimenti relativi al pubblico impiego: blocco rinnovi contrattuali per il periodo ; introduzione di un limite alla retribuzione individuale pari a quanto percepito nel 2010; proroga delle limitazioni assunzionali (turn over); riduzione delle dotazioni organiche del comparto scuola; limite alla crescita dei fondi per la contrattazione integrativa e riduzione degli stessi in base 2 I dati contenuti nel presente studio, utilizzati in ambito europeo, si differenziano rispetto a quelli rilevati nel conto annuale e pubblicati nel sito (art. 60, dlgs 165/2001) a causa della non perfettamente coincidente numerosità di Amministrazioni considerate e di una differente composizione degli oneri riflessi. 3 Le misure di contenimento della spesa per redditi previste dal d.l. 78/2010 sono state prorogare sino al 31 dicembre 2014 per effetto del D.P.R. 122/2013, emanato in applicazione dell articolo 16, comma 1, del dl 98/ Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato

3 al numero del personale cessato; riconoscimento solo ai fini giuridici delle progressioni di carriera comunque denominate; mancato riconoscimento degli anni 2010, 2011, 2012 e 2013, al personale del comparto scuola, in relazione all attribuzione delle progressioni economiche 4. Pertanto, dall analisi dei dati emerge che l Italia ha messo in campo delle misure efficaci di contenimento della spesa per redditi, aventi prevalentemente carattere strutturale e tra le quali, in particolare, rientra quella relativa al blocco dei rinnovi contrattuali per il periodo , nonché le limitazioni alle assunzioni di personale (turn over). Analizzando i dati della spesa per redditi rispetto ai paesi europei presi in esame, si può anzitutto osservare come l Italia, nel 2012, faccia registrare un livello di spesa assai più contenuto rispetto alla Germania (-23% circa), Gran Bretagna (-26%) e Francia (-61%) e più elevato solo rispetto alla Spagna (+30%) 5. Per quanto riguarda l analisi del periodo , si può sinteticamente rappresentare quanto segue: Spagna: dopo gli incrementi registrati negli anni 2008 e 2009, nel 2011 la spesa per redditi segna un decremento (-1,6%), con un brusco calo nel 2012 (-6,8%), per poi riprendere a crescere nel 2013 a livello previsionale e nuovamente ad abbassarsi nel 2014 e 2015; Regno Unito: la spesa per redditi, ancorché influenzata dal tasso di cambio 6, dopo gli incrementi registrati fino al 2010, nel periodo , non subisce modifiche significative; Germania/Francia: in questi due paesi, la spesa per redditi continua il suo trend crescente, mettendo in risalto il limitato impatto che la crisi economico finanziaria degli ultimi anni ha avuto sulle rispettive finanze pubbliche. Da quanto sopra esposto è possibile concludere che le misure di contenimento della spesa per redditi adottate dall Italia a decorrere dal 2008 hanno consentito di ottenere un miglioramento dei saldi di finanza pubblica con effetti graduali nel tempo e per larga parte strutturali. 4 Gli anni 2010 e 2011 sono stati successivamente riconosciuti, coprendo i relativi oneri attingendo in parte dalle economie conseguite per effetto della riduzione delle dotazioni organiche ed in parte utilizzando i fondi per il trattamento accessorio. 5 In merito, si rimanda alle pagine seguenti per una comparazione rispetto alla popolazione residente. 6 La spesa per redditi espressa in sterline è la seguente: 158,2 163,1 168, ,4 167,3 167,5 168,1 Ministero dell economia e delle finanze 3

4 LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. 2. LA SPESA PER REDDITI IN RELAZIONE AL PIL Nelle tabelle seguenti viene analizzato, sempre con riferimento al periodo , il rapporto tra spesa per redditi e PIL, al fine di contestualizzare l impatto della grandezza in esame con il livello di ricchezza prodotto dalla nazione. Il PIL a prezzi di mercato è indicato nella tabella 2.1, il PIL pro-capite nella tabella 2.2, la variazione percentuale del PIL nella tabella 2.3 ed il rapporto tra spesa per redditi e PIL nella tabella 2.4. Tabella PIL a prezzi di mercato Valori in miliardi di euro. Francia Germania Italia Regno Unito - Euro Regno Unito - sterlina Spagna EU Fonte: European Commission - General Goverment Data Ottobre 2013 e AMECO macro-economic database European Commission's Directorate General for Economic and Financial Affairs (DG ECFIN) aggiornato al 5 novembre Tabella Rapporto tra PIL a prezzi di mercato 2005 e popolazione residente euro Francia Germania Italia Regno Unito - Euro Regno Unito - sterlina Spagna EU Fonte: Elaborazione su dati Ameco. Tabella Variazione annua in percentuale del PIL a prezzi di mercato 2005 Francia -0,1-3,1 1,7 2,0 0,0 0,2 0,9 1,7 Germania 1,1-5,1 4,0 3,3 0,7 0,5 1,7 1,9 Italia -1,2-5,5 1,7 0,5-2,5-1,8 0,7 1,2 Regno Unito - Euro -14,6-15,2 5,6-0,1 7,2-3,4 2,7 2,3 Regno Unito - sterlina -0,8-5,2 1,7 1,1 0,1 1,3 2,2 2,4 Spagna 0,9-3,8-0,2 0,1-1,6-1,3 0,5 1,7 EU 27 1,1-5,1 4,0 3,3 0,7 0,5 1,7 1,9 Fonte: Elaborazione su dati Ameco. 4 Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato

5 Tabella Spesa per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche in percentuale del PIL a prezzi di mercato Fonte: Elaborazione su dati Ameco. Francia 13,7 14,6 14,6 14,5 14,8 15,1 15,3 15,5 Germania 7,6 8,4 8,2 8,1 8,2 8,4 8,5 8,6 Italia 11,5 12,3 12,1 11,8 11,9 12,0 11,9 11,9 Regno Unito - Euro 11,8 12,8 13,0 12,8 12,9 12,6 12,3 12,1 Regno Unito - sterlina 14,8 14,3 15,2 14,7 15,9 14,8 14,5 14,2 Spagna 12,0 13,2 13,3 13,0 12,3 12,6 12,3 12,0 EU 27 11,1 11,8 11,8 11,6 11,8 11,8 11,8 11,7 Le tabelle da 2.1 a 2.3 ci consentono di prendere atto delle grandezze considerate, con particolare riferimento all entità ed alla variazione del PIL. In merito, Francia e Germania presentano, ad eccezione del dato relativo all anno 2009, un andamento del PIL in crescita, con valori assoluti nonché medi pro capite più elevati rispetto agli altri paesi oggetto di esame. Di contro, sia in Italia che in Spagna, negli anni 2012 e 2013, si riscontra una diminuzione del PIL rispetto agli anni precedenti. La tabella 2.4 rappresenta invece l ammontare delle risorse complessive che ogni paese destina alle spese per redditi del pubblico impiego. L andamento nel tempo di tale rapporto è la sintesi della dinamica delle due componenti (spesa per redditi e PIL) che non sono necessariamente correlate fra loro. Ad esempio, mantenendo costante la spesa per redditi, la crescita del PIL consente di ottenere un rapporto tra i due valori più virtuoso, mentre una decrescita dello stesso indicatore determina un incremento del rapporto. Allo stesso tempo, valori molto elevati di PIL, come nel caso della Germania, consentono di ottenere valori del rapporto in questione più contenuti e difficili da raggiungere da paesi con PIL più bassi. Ciò in quanto, a parità di popolazione, l impiego di personale pubblico non può scendere sotto determinate soglie senza compromettere la qualità dei servizi offerti (scuola, sanità, sicurezza, ). Come si evince dalla tabella in esame, l Italia mostra un rapporto spesa per redditi sul PIL in linea con la media europea. Anche dall analisi di questo indicatore traspare l effetto delle misure di contenimento della spesa per redditi avviate dall Italia a partire dal Infatti, mentre sino al 2009/2010 la percentuale si incrementa rispetto al 2008, anche per effetto dei benefici economici riconosciuti per il rinnovo dei contratti di lavoro (ultimo biennio economico ), dal 2011 si osserva una flessione nonostante il PIL (denominatore del rapporto) abbia un andamento tendenzialmente costante con un calo negli anni 2012 e In tal senso, anche i recenti Ministero dell economia e delle finanze 5

6 LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. provvedimenti sul pubblico impiego, da ultimo il già richiamato D.P.R. 122/2013, nel prorogare le misure di contenimento della spesa sino al 31 dicembre 2013 hanno contribuito a determinare una diminuzione del rapporto in questione anche per il periodo Un andamento simile a quello italiano si registra solo nel caso della Spagna ed in parte anche nel Regno Unito. Per la Germania e la Francia, invece, il rapporto tra spesa per redditi e PIL si mantiene sostanzialmente costante nell intero periodo, segno che, a fronte di un incremento della ricchezza prodotta dal paese, la spesa per redditi è aumentata in pari proporzione. 3. RAPPORTO TRA SPESA PRIMARIA PER REDDITO DA LAVORO E PIL. Un ulteriore approfondimento può essere condotto considerando il rapporto tra le componenti della spesa primaria per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche ed il PIL 7. Di seguito vengono riportate le tabelle 3.1 e 3.2, rispettivamente per gli anni 2010 e Tabella Spesa primaria per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche e Divisioni Cofog: incidenza percentuale sul PIL anno 2010 Servizi generali Difesa Ordine pubblico e sicurezza Affari economici Protezione dell'ambiente Abitazioni e assetto del territorio Italia 1,5 0,9 1,5 0,5 0,1 0,2 2,5 0,2 3,4 0,4 11,2 Regno Unito 0,8 0,9 1,5 0,4 0,2 0,1 3,6 0,3 2,8 0,9 11,5 Spagna 1,2 0,6 1,7 0,8 0,1 0,1 2,9 0,5 3,3 0,6 11,8 Fonte: La spesa pubblica in Europa RGS 2013 Italia 1,4 0,9 1,5 0,4 0,1 0,2 2,4 0,2 3,2 0,3 10,6 Regno Unito 0,8 0,9 1,5 0,3 0,2 0,1 3,6 0,3 2,8 0,9 11,4 Spagna 1,2 0,6 1,7 0,8 0,1 0,1 2,8 0,4 3,3 0,6 11,6 Fonte: La spesa pubblica in Europa RGS 2013 Sanità Attività ricreative, culturali e di culto Istruzione Protezione sociale Totale spesa primaria Francia 1,8 0,9 1,2 0,6 0,2 0,4 2,3 0,5 4,1 1,3 13,3 Germania 1,4 0,5 1,1 0,6 0,1 0,1 0,4 0,3 2,5 0,9 7,9 Tabella Spesa primaria per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche e Divisioni Cofog: incidenza percentuale sul PIL anno 2011 Ordine pubblico e Protezione Abitazioni e assetto Attività ricreative, Servizi generali Difesa Affari economici Sanità Istruzione Protezione sociale Totale spesa primaria sicurezza dell'ambiente del territorio culturali e di culto Francia 1,8 0,9 1,2 0,6 0,2 0,4 2,3 0,5 4,0 1,3 13,2 Germania 1,4 0,5 1,1 0,6 0,1 0,1 0,4 0,3 2,5 0,8 7,8 I risultati che emergono da questo confronto sono in linea con quanto sinora osservato, ovvero una riduzione della spesa primaria per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche per l Italia nel 2011 rispetto al 2010 (dal 11,2% del PIL al 10,6%). I settori maggiormente colpiti dal taglio sono l istruzione (passata dal 3,4% al 3,2% del PIL), la sanità (dal 2,5% al 2,4% del PIL) e la 7 I dati indicati nelle tabelle 3.1 e 3.2 sono tratti dal documento La spesa pubblica in Europa a cura della RGS, Ispettorato Generale del Bilancio, pubblicato nell aprile del 2013, nel quale viene presenta una serie di analisi sulla spesa pubblica europea, anni , secondo la classificazione COFOG (Classification Of Function Of Government). I redditi da lavoro dipendente consistono nella remunerazione complessiva in danaro o in natura pagata dalle A.P. ai propri dipendenti; comprendono i contributi sociali effettivi e figurativi. 6 Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato

7 protezione sociale (dallo 0,4% allo 0,3% del PIL). Per gli altri paesi, invece, nel periodo considerato, la riduzione della spesa in esame rispetto al PIL, pur presente, non ha raggiunto il livello conseguito dall Italia (Germania dal 7,9% al 7,8%, Francia dal 13,3% al 13,2%, Regno Unito dal 11,5% al 11,4% e Spagna dal 11,8% al 11,6%). 4. LA SPESA PER REDDITI IN RELAZIONE ALLA POPOLAZIONE RESIDENTE ED AL NUMERO DEGLI OCCUPATI. Un ulteriore indicatore significativo ai fini della presente analisi è rappresentato dal rapporto tra la spesa per redditi e la popolazione residente (tabella 4.1) e tra la predetta spesa ed il numero degli occupati nella Pubblica Amministrazione (tabella 4.2). Tabella Rapporto tra spesa per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche e popolazione residente. Valori in euro Francia Germania Italia Regno Unito Spagna EU Fonte: Elaborazione su dati Eurostat Ameco Dall analisi dei dati emerge che l Italia si attesta su valori: in linea con Germania e Spagna oltre che con la media dei 27 paesi dell EU; inferiori rispetto a quelli di Francia e Regno Unito. Sempre con riferimento al dato dell Italia, la riduzione della spesa per redditi si ripercuote anche nel dato medio rispetto alla popolazione residente, con una riduzione costante a partire dal Facendo invece riferimento al rapporto tra spesa per redditi ed occupati nella Pubblica amministrazione (tabella ), ad eccezione del Regno Unito il cui valore risente anche delle variazioni del tasso di cambio, l Italia risulta in linea con gli altri paesi europei. 8 I dati fonte OCSE Laborsta - Ilostat, sono disponibili solo fino al Ministero dell economia e delle finanze 7

8 LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. Tabella 4.2 Spesa per redditi delle amministrazioni pubbliche procapite (per numero di occupati). Dati lordo Stato in migliaia di euro Francia Germania Italia Regno Unito Spagna Fonte: Elaborazione su dati Eurostat Ameco e OCSE Laborsta - Ilostat INSEE. Nella tabella 4.3 sono riportati il totale degli occupati nelle amministrazioni pubbliche. In linea con quanto rappresentato nel paragrafo precedente, emerge che l Italia, in valore assoluto, possiede un numero di occupati di gran lunga inferiore rispetto agli altri paesi, ad eccezione della Spagna. Con riferimento al 2010, il numero dei pubblici dipendenti italiani è circa l 80% rispetto ai colleghi tedeschi, il 63% rispetto ai francesi ed il 60% rispetto agli inglesi. Tabella Occupati nelle amministrazioni pubbliche. Valori in migliaia Francia Germania Italia Regno Unito Spagna Fonte: OCSE Laborsta - Ilostat INSEE Nella tabella 4.4 è indicato il rapporto tra gli occupati nelle pubbliche amministrazioni ed il totale degli occupati pubblici e privati. Tale rapporto è inversamente correlato al tasso di disoccupazione. Sul parametro in esame la Germania è il paese che risulta caratterizzato dal rapporto più contenuto, indice di un livello più elevato di occupazione. Nel periodo considerato i valori di riferimento non subiscono variazioni significative e l Italia si colloca intorno ai valori medi ed in linea con la Spagna. Tabella Rapporto tra occupati nelle amministrazioni pubbliche sul totale degli occupati in percentuale Francia Germania Italia Regno Unito Spagna Fonte: Elaborazione su dati OCSE - Eurostat-Ameco 8 Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato

9 Nella tabella 4.5 si illustra il rapporto tra gli occupati nel pubblico impiego sul totale della popolazione residente. Per l Italia, a differenza degli altri paesi oggetto di indagine, si assiste ad un calo nel triennio considerato. Tabella Rapporto tra occupati nelle amministrazioni pubbliche sul totale dei residenti in percentuale Francia 8,1 8,5 8,5 Germania 5,3 5,4 5,4 Italia 6,1 6,0 5,9 Regno Unito 9,2 9,3 9,2 Spagna 6,1 6,3 6,5 Fonte: Elaborazione su dati OCSE - Eurostat-Ameco 5. LA SPESA PER REDDITI IN RELAZIONE ALLA SPESA CORRENTE. Vediamo ora come si pone la spesa per redditi in rapporto a quella corrente che rappresenta la principale voce di spesa del bilancio dello Stato. Nella tabella 5.1 è riportato il valore della spesa corrente costituito dalla spesa per i dipendenti pubblici, dalle spese legate al funzionamento della macchina statale (affitti, acquisti, manutenzioni, mutui, etc.) e dalle spese riconducibili alle prestazioni sociali (sanità, previdenza e assistenza). In Italia si passa da 766 miliardi del 2008 a 793 nel 2012 fino ad arrivare ad un valore di previsione, per l anno 2015, pari a 816 miliardi. Germania, Francia e Regno Unito sono i paesi con la spesa più elevata, mentre la Spagna è il paese che registra la spesa più bassa. La spesa complessiva dell Italia tra il 2008 e il 2012 è aumentata del 3,5%, per un valore assoluto corrispondente a 27 miliardi di euro ed è previsto che un incremento anche nel triennio successivo. Tabella Totale spesa corrente delle amministrazioni pubbliche. Valori in miliardi di euro Francia Germania Italia Regno Unito Spagna EU Fonte: Eurostat Ameco. Nella tabella 5.2 è rappresentato il rapporto tra spesa per redditi e spesa corrente (al netto della spesa per interessi). In tutti i paesi considerati, ad eccezione della Germania, nell arco temporale considerato, il predetto rapporto tende a diminuire. Ministero dell economia e delle finanze 9

10 LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. Tabella Quota della spesa per redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche sul totale della spesa corrente al netto degli interessi. Valori percentuali Francia Germania Italia Regno Unito Spagna EU Fonte: elaborazioni su dati Eurostat Ameco. 6. CONCLUSIONI. Alla luce dell analisi sintetica condotta è possibile affermare che in Italia la spesa per redditi del personale della pubblica amministrazione si colloca su valori in linea con la media europea ed è generalmente più contenuta rispetto a quella evidenziata dai principali paesi dell Unione Europea. Ciò sia per quanto attiene al suo valore assoluto, sia nella comparazione dei principali parametri analizzati (rapporto con PIL, con la popolazione residente, con la spesa corrente, ). In particolare, dai dati emerge che l Italia ha risposto alla difficile situazione economica internazionale degli ultimi anni, anche attraverso una progressiva riduzione della spesa in esame, attuando interventi prevalentemente strutturali quali il blocco della contrattazione e la limitazione al turn over di personale. Tra i paesi considerati, solo la Spagna ha posto in essere misure altrettanto incisive sui redditi del personale pubblico, mentre Germania, Francia e Gran Bretagna, seppur con alcune differenze, non hanno modificato in modo altrettanto significativo le proprie politiche dei redditi nei confronti del personale della pubblica amministrazione. 10 Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ;

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ; RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONTO ANNUALE RELATIVA AGLI ANDAMENTI DELLA SPESA PENSIONISTICA E DELLE RELATIVE ENTRATE CONTRIBUTIVE PER I DIPENDENTI PUBBLICI 1 1. L articolo 65 del decreto legislativo n. 29/1993,

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ;

Bilanci consuntivi INPDAP e, dal 2012, Bilanci consuntivi INPS 2 ; Nucleo di Valutazione della Spesa pensionistica (NVSP) 3 ; RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONTO ANNUALE RELATIVA AGLI ANDAMENTI DELLA SPESA PENSIONISTICA E DELLE RELATIVE ENTRATE CONTRIBUTIVE PER I DIPENDENTI PUBBLICI 1 1. L articolo 65 del decreto legislativo n. 29/1993,

Dettagli

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO LO STATO DELLA RICERCA II.3.1 - IL DIMENSIONAMENTO DELLA RICERCA IN ITALIA E NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE: RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Giugno 2013 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 54 Agosto 2013 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali

Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali Rapporto sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti della Regione Siciliana e degli enti regionali Area della dirigenza Settembre 2007 Rapporto previsto dall art. 46, comma 3 del D.Lgs 30 marzo 2001 n.165

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE FONDO TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO E PERSONALE ELEVATE PROFESSIONALITA ANNO 2015 1. FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Ottobre 2015 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 82 Dicembre 2015 SOMMARIO Premessa 3 Entrate tributarie 3 Imposta sul valore aggiunto

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Luglio 2012 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 43 Settembre 2012 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

Estratto dal Rapporto ABI 2013 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria

Estratto dal Rapporto ABI 2013 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria Estratto dal Rapporto ABI 2013 sul Mercato del Lavoro nell Industria Finanziaria Lavoro e competitività esterna: retribuzioni e costo del lavoro per posizioni lavorative Pagina 1 di 17 Capitolo 10 LAVORO

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014

Febbraio, 2015. Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

LAVORO IN CORSO. Attuazione del Jobs Act: innovazione e futuro ANTONIO MISIANI DEPUTATO PD COMMISSIONE BILANCIO CAMERA 21 NOVEMBRE 2015

LAVORO IN CORSO. Attuazione del Jobs Act: innovazione e futuro ANTONIO MISIANI DEPUTATO PD COMMISSIONE BILANCIO CAMERA 21 NOVEMBRE 2015 LAVORO IN CORSO Attuazione del Jobs Act: innovazione e futuro ANTONIO MISIANI DEPUTATO PD COMMISSIONE BILANCIO CAMERA 21 NOVEMBRE 2015 Il Jobs Act e la modernizzazione del mondo del lavoro Il Jobs Act

Dettagli

La spesa pubblica in Europa. anni 2000-2013

La spesa pubblica in Europa. anni 2000-2013 La spesa pubblica in Europa anni 2000-2013 Roma, giugno 2014 INDICE Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I metodi... 3 1.1. - Il quadro di riferimento per le statistiche di finanza pubblica... 3 1.2. - Le categorie

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

Le carte (revolving) e i consumatori

Le carte (revolving) e i consumatori Le carte (revolving) e i consumatori Prof. Umberto Filotto Segretario Generale Assofin Roma, 28 novembre 2008 Trend carte revolving verso credito al consumo dati di flusso - Fonte: Assofin Nel contesto

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

UNIVERSITÀ E RICERCA

UNIVERSITÀ E RICERCA UNIVERSITÀ E RICERCA PILASTRI SU CUI FONDARE LO SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO DEL PAESE L istruzione universitaria arreca non solo benefici individuali Per i giovani che la frequentano: oltre all acquisizione

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2

Indice; p. 1. Introduzione; p. 2. Evoluzione del mercato libero dell energia elettrica e del gas dalla liberalizzazione: p. 2 Mercato libero dell energia elettrica e del gas: evoluzione dalla liberalizzazione, passaggi dal servizio di Maggior Tutela e confronto con altri Paesi europei. Indice: Indice; p. 1 Introduzione; p. 2

Dettagli

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA Per le vendite al dettaglio complessive in Europa durante il periodo natalizio si prevede un aumento

Dettagli

La Regione Toscana per gli infermieri

La Regione Toscana per gli infermieri Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità www.regione.toscana.it La Regione Toscana per gli infermieri Dati sugli di studio e sugli studenti frequentanti i corso di laurea per infermieri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011

L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011 Approfondimento annuale numero 1/12 L accesso al credito delle imprese agricole nel 2011 Introduzione Nel 2011 il contributo del settore primario al valore aggiunto nazionale è stato del 2%, mentre quello

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Capitolo 3 DATI A CONFRONTO

Capitolo 3 DATI A CONFRONTO Capitolo 3 DATI A CONFRONTO Indice Sintesi introduttiva... 207 Tavola 3.1 - Quadro di sintesi (anno 2005)... 208 Organizzazione... 209 Tavola 3.2 - Sede centrale: strutture dirigenziali di primo livello

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i D. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà dell 8,5% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Novembre 2015 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 83 Gennaio 2016 SOMMARIO Premessa 3 Entrate tributarie 3 Imposta sul valore aggiunto

Dettagli

SECONDA RACCOLTA DI DATI SUL RAPPORTO TRA ROMA E LE PROVINCE. Roma continua a migliorare e le province continuano ad arretrare.

SECONDA RACCOLTA DI DATI SUL RAPPORTO TRA ROMA E LE PROVINCE. Roma continua a migliorare e le province continuano ad arretrare. SECONDA RACCOLTA DI DATI SUL RAPPORTO TRA ROMA E LE PROVINCE continua a migliorare e le province continuano ad arretrare. CAMERA DI COMMERCIO DI FROSINONE OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FROSINONE

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? L indebitamento delle famiglie italiane Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia 1 Risparmi e debiti delle famiglie

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

FONDO PENSIONE per il PERSONALE delle AZIENDE del GRUPPO UNICREDITO ITALIANO

FONDO PENSIONE per il PERSONALE delle AZIENDE del GRUPPO UNICREDITO ITALIANO FONDO PENSIONE per il PERSONALE delle AZIENDE del GRUPPO UNICREDITO ITALIANO Comunicato Stampa A cura del Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo UniCredito

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio V Monitoraggio dei prezzi

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio V Monitoraggio dei prezzi Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio V Monitoraggio dei prezzi LA DINAMICA DELLE TARIFFE DEI TRASPORTI FERROVIARI 1 luglio Indice Premessa...

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti.

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. 1 ANGRISANI: Grazie, Presidente. Innanzi tutto vorrei rivolgere un saluto all Assemblea dei Delegati,

Dettagli

La regolazione delle reti elettriche in Italia

La regolazione delle reti elettriche in Italia La regolazione delle reti elettriche in Italia IEFE UNIVERSITA BOCCONI PROGETTO DI RICERCA PROMOSSO DA ANIE RAPPORTO FINALE, GIUGNO 2014 Michele Polo (IEFE, Dipartimento di Economia e eni Chair in Energy

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta

I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta I beneficiari dei finanziamenti europei a gestione diretta Anni 2009, 2010, 2011 Studio a cura di Matteo Lazzarini con la collaborazione di Isabella Pellegrino Camera di Commercio Belgo-Italiana Avenue

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006

Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006 n. 2 Settembre 2006 Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006 Indice 1. Roma e le altre metropoli europee: Pil e potere d acquisto pag. 2 2. Popolazione: popolazione residente e movimento migratorio pag.

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie

In merito al DDL che prevede la partecipazione del capitale nelle farmacie Legge annuale per il mercato e la Concorrenza (A.S. 2085) Audizione presso la X Commissione Industria, Commercio, Turismo Senato della Repubblica Roma, 12 novembre 2015 La Distribuzione Intermedia Farmaceutica

Dettagli