Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 7 - A. Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale"

Transcript

1 Lezione 7 - A Analisi dei Requisiti per il Caso di Studio di un Azienda Portuale

2 Caso di Studio: Azienda Portuale Analisi dei Requisiti

3 Metodologia di Progetto Comprende la creazione di tre modelli rappresentati mediante l utilizzo di diagrammi (es.: UML): Modello di Business Modello Progettuale Modello Realizzativo

4 Modello di Business Descrizione dello scenario Analisi dei requisiti Individuazione delle risorse Attori ed Entità presenti nel sistema Individuazione dei processi rilevanti Cosa fa il sistema? Costruzione di un glossario Eliminare ambiguità ed evidenziare sinonimie/omonimie

5 Descrizione dello Scenario/1 L azienda dispone di un numero limitato di banchine. Servizi fondamentali offerti dall azienda sono dunque quelli di carico\scarico dei container e custodia degli stessi sulla base di prenotazioni obbligatorie. Le prenotazioni servono all azienda per gestire al meglio la vasta area di parcheggio di cui dispone e una più efficiente possibile gestione delle banchine. Ogni operazione di carico e scarico è accompagnata da un attento stoccaggio, sia per prenotare opportunamente le banchine necessarie, sia per gestire l area di parcheggio. L azienda può trattare varie tipologie di navi e container, suddivisibili per grandezza, nonché per l esigenza o meno di particolari trattamenti (refrigerazione, materiali pericolosi o altro). L azienda fornisce servizi aggiuntivi (previa prenotazione) richieste dalle navi in transito nel porto, quali rifornimento di benzina o riparazioni meccaniche da parte di operai specializzati.

6 Descrizione dello Scenario/2 L azienda può, in caso di traffico eccessivo (banchine o piazzole esaurite), dirottare le navi (quando ciò è possibile) che richiedono prenotazioni su altri porti, comunicando gli estremi dei porti stessi. L azienda cerca (nei limiti dettati dalle altre prenotazioni) di garantire che una nave sconosciuta, ovvero non prenotata,oppure in situazione di emergenza, che si presenti per operazioni di carico\scarico, sia ugualmente servita (ovviamente la priorità o i tempi di attesa possono essere più o meno lunghi in questo caso, come è ovvio). I pagamenti avvengono sulla base di contratti stabiliti nel tempo, oppure per singole sedute di carico\scarico. Le cifre dipendono dalle operazioni standard di ormeggio e carico (o scarico), più i tempi di sosta dei container nell area (variabili in base alla tipologia e ai servizi richiesti per ogni container). L azienda si impegna per garantire che la merce sia custodita e trattata al meglio, ma si riserva la possibilità di applicare pesanti sanzioni morose se non vengono rispettati i termini di tempo per la sosta dei container. L azienda dispone di tutti i mezzi e le professionalità per raggiungere i propri obiettivi.

7 Attori

8 Processi/Attività per Ciascun Attore/1 Addetto Prenotazioni: accoglie le richieste da parte delle navi (le quali possono avvenire per fax, telefono o vhf (onde radio), richiede i dati relativi alla nave, ed ai container (nr, tipologie, richieste di trattamenti speciali).richiede il tempo di sosta dei container e registra gli estremi della società prelevatrice. Verifica la disponibilità per il giorno e l ora richiesti per l arrivo ed offre un preventivo al cliente, quindi in caso di disponibilità registra la prenotazione. In caso di indisponibilità contatta (ove possibile per il cliente) il porto più vicino. Verifica le disponibilità immediate anche per quelle navi che si presentano senza prenotazione. Operaio di Banchina: lavora presso le banchine, collabora nello spostamento dei carrelli e con il gruista nelle operazioni di carico\scarico, anche sulla nave. Esegue gli eventuali servizi aggiuntivi richiesti dal cliente, quali rifornimento di benzina, scarico rifiuti, riparazioni meccaniche. Operaio Specializzato Gru: il suo ruolo è determinante nelle operazioni di carico e scarico, guida le gru nei pressi delle banchine per spostare i container da carrelli a nave (carico) o da nave a carrelli (scarico) o nei pressi dell area parcheggio per spostare i container da piazzola a carrelli (carico) o viceversa (scarico).

9 Processi/Attività per Ciascun Attore/2 Operaio Trasporti: si occupa della guida dei carrelli elevatori adatti al trasporto dei container da area parcheggio a banchine(per il carico) o da banchine ad area parcheggio (scarico),garantisce la presenza del giusto numero e della giusta tipologia di carrelli in corrispondenza delle banchine (per velocizzare al max le operazioni di scarico carico è opportuno che tutti i carrelli del giusto tipo, siano già pronti presso l area parcheggio o presso le banchine). Riceve ordini in base alle prenotazioni del giorno dal coordinatore. Operaio di Molo: segnala l arrivo delle navi, apre il porto per le navi (se ciò è possibile, altrimenti mette le navi in attesa), si occupa di guidare le navi in ingresso verso la banchina corrispondente, effettua le operazioni di attracco in collaborazione con gli operai di banchina, si sposta su barche dell azienda, guida le navi nell uscita dal porto. Addetto Custodia: lavora giorno e notte per garantire la custodia dei container (anche nelle fasi di carico e scarico), turni prestabiliti gestiscono l alternanza, è responsabile anche di servizi speciali per i container (attacco sistema refrigerante, o cura per container con materiale pericoloso), in caso di emergenze segnala l allarme.

10 Processi/Attività per Ciascun Attore/3 Addetto Stoccaggio: interviene in tutte le operazioni di carico\scarico per suddividere i container sui carrelli opportuni (carico), oppure quando questi raggiungono l area di parcheggio guida lo smistamento dei container nelle piazzole corrispondenti (scarico). Coordinatore: organizza e velocizza le attività di carico\scarico, emana gli ordini agli operai (in tempo) per preparare il giusto numero di carrelli presso le banchine o l area di parcheggio. Il suo ruolo è determinante per la pianificazione del lavoro dell azienda. Responsabile Acquisto Strumentazioni: si occupa dell acquisto delle infrastrutture del porto, cercando di adeguare tali acquisti verso strutture sempre più moderne efficaci e sicure per gli addetti ai lavori. Gestori Contratti e Contabilità: il suo ruolo è importante per la gestione dei contratti, della tipologia di contratti, e per la gestione del bilancio dell azienda. Si occupa anche dell applicazioni delle morosità in caso di ritardi di ricarico che possono portare a situazioni difficili per l azienda (soprattutto se questa aveva già pianificato di riutilizzare le area occupate, cosa molto probabile).

11 Processi/Attività per Ciascun Attore/4 Responsabile Monitoraggio e Manutenzione Strumentazione: il suo ruolo è determinante per lo sviluppo dell azienda, che per sua natura richiede attente e periodiche attività di monitoraggio e controllo per garantire l efficienza del servizio, ma soprattutto la sicurezza dei lavoratori. Può decidere per la proposta di ammodernamenti (estensione del numero delle banchine, delle gru, ecc..) o di interventi di manutenzione. Può anche effettuare servizi straordinari in casi di emergenza;

12 Schema Attori

13 Schema Dati di Massima

14 Processi Primari/1 1. Gestione prenotazione arrivi 2. Gestione movimenti in porto 3. Carico\scarico e stoccaggio (Gestione area di parcheggio e coordinamento) 4. Fatturazione

15 1. Gestione Prenotazione Arrivi prelievo informazioni cliente (anche richiesta di contratto) elaborazione informazioni Processi Primari/2 contatto porto alternativo (se non c è disponibilità) aggiornamento archivio prenotazioni (se c è disponibilità) ed eventualmente archivio contratti (se si è stipulato un contratto) 2. Gestione Movimenti in Porto: verifica prenotazione richiesta apertura porto aggiunta nave in attesa (se non è possibile entrare subito in porto, per ritardi nelle attività o altri tipi di problemi,di sicurezza o altro) contatto porto alternativo (se non c è disponibilità immediata per navi non prenotate) servizi aggiuntivi (se richiesti e prenotati): rifornimento, scarico rifiuti o riparazioni meccaniche carico\scarico container

16 3. Carico\Scarico, Stoccaggio, Custodia Container Preparazione carrelli elevatori (nei pressi della banchina o dell area parcheggio) Movimento gru semovente Processi Primari/3 Carico\scarico container dai carrelli o sui carrelli (nei pressi della banchina o dell area parcheggio) Trasporto carrelli (da area parcheggio ad banchine per il carico, viceversa per lo scarico) Stoccaggio container in ingresso o uscita dall area parcheggio o in ingresso all area banchine Attivazione servizi speciali per container (dopo scaricati) nell area parcheggio Custodia e supervisione (anche nelle fasi di carico/scarico) 4. Fatturazione (per singola attività di carico\scarico) Valutazione servizi area porto Valutazione area container (in termini di tempo di custodia e ed eventuali servizi speciali richiesti per i container). La tariffa è soggetta (come già sottolineato) a morosità in questa fase se si riscontrano ritardi rispetto ai tempi comunicati in fase di prenotazione. Aggiornamento archivi al termine dei servizi (fatture, prenotazioni, banchine prenotate, piazzole container coinvolti)

17 Processi di Supporto Questi processi non contribuiscono direttamente all attività dell azienda portuale, ma sono comunque fondamentali,come è stato già sottolineato, per ragioni di efficienza, flessibilità e performance. 1. Gestione Risorse Umane, Contabilità e Amministrazione 2. Monitoraggio e Manutenzione Strumentazione 3. Acquisizione Risorse

18 Glossario dei Termini/1 Termine Descrizione Sinonimi Termini Collegati

19 Glossario dei Termini/2 Termine Descrizione Sinonimi Termini Collegati

20 Modello Progettuale Con il modello progettuale si passa ad analizzare COME deve essere il nuovo flusso dei processi così come richiesto dal cliente, come questi saranno automatizzati per rendere più efficiente le operazioni cruciali che intervengono sul valore aggiunto dell impresa. L analisi ha inizio individuando gli attori abilitati ad accedere al sistema, descriveremo lo schema dati e le viste che si appoggiano su di esso e ovviamente le funzioni da realizzare. L approccio è stato incrementale: nuovi attori hanno apportato nuove funzioni, nuove viste, nuove modifiche sullo schema dati.

21 Attori del Sistema e loro Ruoli/1

22 Attori del Sistema e loro Ruoli/2

23 Attori del Sistema e loro Ruoli/3

24 Schema Dati/1 Definiti gli attori e i terminali sui quali operano passiamo all analisi dello schema dati, ovvero delle classi che compongono il nostro sistema informativo, le relazioni tra le classi stesse e successivamente anche lo schema viste, ovvero quei gruppi di tabelle dello schema dati che vengono utilizzate dai gruppi funzionali per modificare, aggiornare, consultare i dati.

25 Schema Dati/2 Lo schema dati

26 Schema Dati/3 Navi: la classe modella le navi coinvolte nelle operazioni di carico/scarico, una nave infatti può essere di carico o scarico in un particolare momento. Una stessa nave può essere presente più volte, legate ad operazioni di carico o scarico diverse nel tempo. Per semplicità sceglieremo di trattare come chiave primaria di una nave il suo nome, pensando che una nave che si presenta ad un porto è riconoscibile da questo! In realtà potrebbero esserci navi con lo stesso nome legate a prenotazioni diverse, il problema poteva essere risolto rilasciando alle navi in fase di prenotazione un codice da dover poi dichiarare all'ingresso nel porto (per verificare la prenotazione), ma per semplificare le cose abbiamo tralasciato questo aspetto. Le navi presentano tipologie diverse in termini di dimensioni. Clienti: la classe modella le compagnie che contattano la nostra azienda per prenotare i servizi richiesti,dietro il cliente possono esserci più navi di carico o scarico (minimo 2 massimo *),il cliente può prenotare una singola sessione di scarico/carico che coinvolga due sole navi, oppure può fare più prenotazioni per più coppie (in questo caso stipula un contratto). La gestione del database (come risulta dallo schema) è stata incentrata per semplicità sul principio: una nave lascia, un altra nave prende, situazioni diverse possono comunque adattarsi a questo schema dati ma non sono state successivamente tenute in considerazione in fase realizzativa. Contratti: la classe modella le tipologie di contratto disponibili per il cliente (un contratto è inteso come una successione di più prenotazioni singole che si protraggono nel tempo a prezzi più vantaggiosi)

27 Schema Dati/4 Container: la classe modella i container coinvolte nelle operazioni di carico scarico, si distinguono per tipologia, contenuto,dimensioni ecc. Multe: la classe modella le multe, una multa è associata (se presente) ad una prenotazione e può essere dettata da vari motivi, prevalentemente per ritiro in ritardo dei container. NaviInAttesa: la classe modella le navi che per varie esigenze (traffico, indisponibilità strutture, ecc) sono costrette a restare in attesa (fuori o dentro il porto) in fase di ingresso o uscita. Fatture: la classe modella le fatture: una fattura può essere legata ad una sola prenotazione o a diverse prenotazioni (in questo caso diventa una fattura da contratto), la fattura memorizza le tariffe dei vari servizi richiesti, in più potrebbe avere l importo della multa se la prenotazione corrispondente risulta essere multata. Prenotazioni: la classe centrale del sistema, modella le prenotazioni, una prenotazione è associata ad una coppia di navi (carico/scarico), una coppia di banchine (banchina di scarico/banchina di carico),potrebbe essere associata ad una multa (se viene multata), possiede una lista di carrelli (per le operazioni che richiede in fase di carico e scarico), la lista dei container coinvolti e infine la lista di servizi aggiuntivi per le navi in porto (ove richiesti).

28 Schema Dati/5 Coppie_Carrello/Prenotazione: è una classe associativa che lega la lista di carrelli alla prenotazione evitando di lasciare una relazione di tipo n ad n che in fase di realizzazione (pensando ad access) non è comunque realizzabile. L associazione presenterà alcuni attributi, in particolare un carrello presente nella lista potrà essere di carico o di scarico (se lo stesso carrello è presente più volte legato ad una stessa prenotazione esso dovrà necessariamente essere una volta di carico e una volta di scarico!). Un altro attributo rilevante dovrà essere il tempo di utilizzo di un carrello legato ad una prenotazione. Carrelli: la classe modella i carrelli trasportatori ed elevatori, utili sulle banchine e nell area parcheggio per muovere i Container (tipicamente un carrello può portare un solo container). Coppie_Container/NrPiazzola: è una classe associativa simile a quella già descritta per i carrelli, non ha però attributi, si limita ad associare una prenotazione alla lista di container coinvolti nella stessa. Trattamenti_Speciali_Container: la classe modella i trattamenti speciali per un container: trattamento refrigerante o materiale pericoloso ad es. ; un solo tipo di trattamento può essere associato ad un container. NrPiazzola: la classe modella la singola piazzola (intesa come piccolo riquadro in una scacchiera), un container può ricoprire una o più piazzole (ovviamente contigue)

29 Schema Dati/6 PiazzolaContainer: la classe è modellata come aggregato di piazzole (una PiazzolaContainer è un insieme di NrPiazzola), rappresenta una fetta della scacchiera complessiva che è tutta l area parcheggio. Una PiazzolaContainer può possedere hangar e strutture per servizi speciali per i container. Gru: la classe modella le Gru: ogni banchina e ogni PiazzolaContainer possiedono una e una sola Gru per muovere i container dai carrelli o sui carrelli. Banchine: la classe modella le banchine presenti nel porto. Ogni banchina è predisposta per fornire i servizi aggiuntivi richiesti in porto dalle navi e può accogliere predeterminate tipologie di navi. Coppie_Servizio_Aggiuntivo/Prenotazione: l ennesima classe associativa che lega una prenotazione questa volta ad un pacchetto di servizi aggiuntivi. Anche in questo caso saranno necessari attributi per identificare se il pacchetto legato alla prenotazione è relativo alla nave di carico o di scarico per quella prenotazione. Servizi_Aggiuntivi: la classe modella pacchetti di servizi aggiuntivi (ad es rifornimento + riparazione meccanica, solo rifornimento, solo riparazione, ecc), per questo la tabella Coppie_Servizio_Aggiuntivo/Prenotazione è legata tramite una relazione 0..* -> 1. Banca_Dati_Login: la classe modella i dati degli utenti abilitati ad accede al sistema dai propri terminali (gli attori visti prima). Un attore non si registra al sistema ma viene abilitato all accesso dal sistemista che interviene su questa classe. La classe è slegata da ogni altra perché rappresenta un database a parte (quello degli attori).

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche.

Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche. Testo Esercizio Si consideri un agenzia che opera come biglietteria ferroviaria, aerea e navale, accettando diversi modi di pagamento. Si identifichino le principali entità coinvolte illustrando le gerarchie

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Magazziniere (operatore di magazzino)

Magazziniere (operatore di magazzino) identificativo scheda: 30-007 stato scheda: Validata Descrizione sintetica Il magazziniere esegue autonomamente, entro le scadenze prescritte, le attività di ingresso, controllo, stoccaggio e movimentazione

Dettagli

Universita di Pisa. Sistema di back end di un porto

Universita di Pisa. Sistema di back end di un porto Universita di Pisa Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica per la Gestione d Azienda Progetto di Tecnologie Informatiche per la Gestione Aziendale Sistema di back end di un porto

Dettagli

Funzioni di Trasferimento Movimenti

Funzioni di Trasferimento Movimenti Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Trasferimento Movimenti Airone Funzione di Trasferimento Movimenti pag. 1 Indice INTRODUZIONE... 3 FUNZIONE DI TRASFERIMENTO MOVIMENTI... 3 Configurazione dell applicazione...4

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti

La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti La manutenzione come elemento di garanzia della sicurezza di macchine e impianti Alessandro Mazzeranghi, Rossano Rossetti MECQ S.r.l. Quanto è importante la manutenzione negli ambienti di lavoro? E cosa

Dettagli

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE 1 AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli e visualizzazione

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

Progetto Campo Base. Università degli Studi di L Aquila. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Corso di Sistemi Informativi

Progetto Campo Base. Università degli Studi di L Aquila. Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Corso di Sistemi Informativi Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Corso di Sistemi Informativi Prof. Gaetanino Paolone Dott. Ottavio Pascale a.a.2003-2004 Progetto Campo

Dettagli

Logistica e Magazzino

Logistica e Magazzino Logistica e Magazzino Docente: Luigi Gaibani Il magazzino Contenitore delle merci Contenitore organizzato I costi del magazzino IL Magazzino Strumento per il miglioramento del servizio al cliente Attenti

Dettagli

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO?

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE Domanda di beni che l azienda utilizza a scopo interno oppure

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

ALLEGATO 1 SERVIZIO DI MOVIMENTAZIONE MERCI RITIRO - MAGAZZINO - SPEDIZIONE. Investment and Trading Forum, 23-24 maggio 2013 Palacongressi di Rimini

ALLEGATO 1 SERVIZIO DI MOVIMENTAZIONE MERCI RITIRO - MAGAZZINO - SPEDIZIONE. Investment and Trading Forum, 23-24 maggio 2013 Palacongressi di Rimini ALLEGATO 1 SERVIZIO DI MOVIMENTAZIONE MERCI RITIRO - MAGAZZINO - SPEDIZIONE Investment and Trading Forum, 23-24 maggio 2013 Palacongressi di Rimini INFORMAZIONI GENERALI Palaservip/Mail-Boxes é il fornitore

Dettagli

ORGANICI, EFFICIENZA E PRODUTTIVITÀ NELLA GDO

ORGANICI, EFFICIENZA E PRODUTTIVITÀ NELLA GDO ORGANICI, EFFICIENZA E PRODUTTIVITÀ NELLA GDO LA METODOLOGIA DI ANALISI Le possibili aree di esplorazione Per individuare soluzioni nuove, cioè quelle soluzioni che le normali prassi di lavoro nei punti

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

Soluzioni integrate per la gestione del magazzino

Soluzioni integrate per la gestione del magazzino Soluzioni integrate per la gestione del magazzino whsystem Light è la versione di whsystem dedicata alla gestione di magazzini convenzionali. Questa variante prevede un modulo aggiuntivo progettato per

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PMIS Port Management Information System

PMIS Port Management Information System PMIS Port Management Information System Architettura VTSL 2 Il sistema VTS Nella maggior parte delle installazioni il VTS è limitato ad un area portuale o ad una ben definita area di transito Il VTS italiano

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA COSA FARE PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA COSA FARE PRIMA DI INIZIARE L ATTIVITÀ A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO SALUTE E SICUREZZA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORGANIZZA IL TUO LUOGO DI LAVORO... 3 SCOPRI A QUALE CLASSE DI RISCHIO APPARTIENE

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli

Tecnologia. www.mbm.it

Tecnologia. www.mbm.it Il portale SCM permette di comunicare con il mondo esterno all azienda, in particolare con fornitori e lavoranti esterni, fornendo strumenti e metodologie per un trasferimento veloce e sicuro delle informazioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

GEMMA GEMMA ONLINE GEMMA PLUS

GEMMA GEMMA ONLINE GEMMA PLUS GEMMA GEMMA ONLINE GEMMA PLUS Semplificare e velocizzare la gestione delle manutenzioni di mezzi ed impianti antincendio, attraverso un sistema informativo che supporta e guida l attività del personale

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI

LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI LOCALIZZAZIONE E COORDINAMENTO DEI PADRONCINI Esigenza Numerose aziende che operano nel settore della logistica e dei trasporti in conto terzi, nonché le aziende di produzione, che hanno la necessità di

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

LogiTrack OTG. LogiTrack Gestione logistica controllo ordine spedizioni. OTG Informatica srl info@otg.it

LogiTrack OTG. LogiTrack Gestione logistica controllo ordine spedizioni. OTG Informatica srl info@otg.it LogiTrack OTG LogiTrack Gestione logistica controllo ordine spedizioni OTG Informatica srl info@otg.it 1 Sommario Sommario... 1 LOGITRACK Controllo Ordini e Spedizioni... 2 ORDITRACK... 2 Vista Ordini...

Dettagli

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere.

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere. UML e i Casi d USO I casi d uso specificano una sequenza di azioni che producono un risultato visibile agli attori del sistema. Essi nascono per fornire descrizioni delle capacità del sistema. I casi d

Dettagli

La soluzione informatica carrelli elevatori web nasce per risolvere e gestire le problematiche legate al settore carrelli elevatori.

La soluzione informatica carrelli elevatori web nasce per risolvere e gestire le problematiche legate al settore carrelli elevatori. COS È La soluzione informatica carrelli elevatori web nasce per risolvere e gestire le problematiche legate al settore carrelli elevatori. Il sistema consente di vendere noleggiare manutenere riparare

Dettagli

Guida ai servizi www.popvi.it

Guida ai servizi www.popvi.it istruzioni ok 16-03-2000 12:56 Pagina 1 Guida ai servizi www.popvi.it istruzioni ok 16-03-2000 12:56 Pagina 2 LA TUA BANCA AL TELEFONO Gentile Cliente, la ringraziamo per aver scelto di aderire a Prontotime,

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - MAGAZZINIERE MULETTISTA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

MAG-Net è il pacchetto di gestione del magazzino pensato, progettato e realizzato interamente da ARSINFORM.

MAG-Net è il pacchetto di gestione del magazzino pensato, progettato e realizzato interamente da ARSINFORM. MAG-Net è il pacchetto di gestione del magazzino pensato, progettato e realizzato interamente da ARSINFORM. MAG-Net è l applicativo che si occupa della gestione di magazzini automatizzati o informatizzati.

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

RENT. Insieme per un risultato unico

RENT. Insieme per un risultato unico RENT Insieme per un risultato unico Soluzione integrata per il mondo del Noleggio Marzo 2012 Scenari di Applicazione NAV RENTAL è la soluzione software per la gestione completa della aziende di noleggio

Dettagli

510.624. Ordinanza sulla geologia nazionale (OGN) Sezione 1: Disposizioni generali. del 21 maggio 2008 (Stato 1 luglio 2008)

510.624. Ordinanza sulla geologia nazionale (OGN) Sezione 1: Disposizioni generali. del 21 maggio 2008 (Stato 1 luglio 2008) Ordinanza sulla geologia nazionale (OGN) 510.624 del 21 maggio 2008 (Stato 1 luglio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 5, 6, 9 capoverso 2, 12 capoverso 2, 15 capoverso 3, 19 capoverso

Dettagli

9.1 [5.00\ 25] Commesse e cantieri: costi a carico della commessa

9.1 [5.00\ 25] Commesse e cantieri: costi a carico della commessa Bollettino 5.00-335 9 VERTICALI 9.1 [5.00\ 25] Commesse e cantieri: costi a carico della commessa Con l attuale release è ora possibile rilevare in modo più dettagliato i costi a carico della commessa

Dettagli

Quali informazioni posso comunicare o ricevere?

Quali informazioni posso comunicare o ricevere? I n f o W E B A cosa serve InfoWEB? InfoWEB è una soluzione completamente web che, presentandosi con l aspetto di un sito internet, permette di distribuire tutte le informazioni di presenza volute, e non

Dettagli

Pannelli per Gestione Avanzata Ordini

Pannelli per Gestione Avanzata Ordini Linea Verticali Pannelli per Gestione Avanzata Ordini pag.1 Software personalizzato Linea Verticali Pannelli per Gestione Avanzata Ordini Linea Verticali Pannelli per Gestione Avanzata Ordini pag.2 Gestione

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

Livorno, 5 Luglio 2012

Livorno, 5 Luglio 2012 La Gestione delle merci pericolose Le risorse umane come variabile necessaria alla pianificazione, gestione, organizzazione e movimentazione delle merci pericolose nei porti Livorno, 5 Luglio 2012 Merci

Dettagli

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Funzioni di Esportazione Importazione 1 Indice AIRONE GESTIONE RIFIUTI... 1 FUNZIONI DI ESPORTAZIONE E IMPORTAZIONE... 1 INDICE...

Dettagli

Che differenza c è tra una richiesta XML ed una domanda XML? (pag. 4)

Che differenza c è tra una richiesta XML ed una domanda XML? (pag. 4) FAQ INVIO DOMANDE CIGO CON FLUSSO XML Cosa serve per inviare una domanda CIGO con il flusso XML? (pag. 2) Come si prepara una domanda in formato XML? (pag. 3) Che differenza c è tra una richiesta XML ed

Dettagli

DOCUMENTAZIONE APPLICATIVA

DOCUMENTAZIONE APPLICATIVA Gestione resi cliente. Descrizione generale della procedura. Premessa : è sconsigliato utilizzare la prassi usata nel precedente gestionale che prevedeva, a fronte di un reso, di modificare direttamente

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Sequenza di processo

Dettagli

XEDI TRASMISSIONI Come semplificare i processi di Dichiarazione in ambito doganale

XEDI TRASMISSIONI Come semplificare i processi di Dichiarazione in ambito doganale XEDI TRASMISSIONI Come semplificare i processi di Dichiarazione in ambito doganale C A RATTERISTICHE GENE R A L I : XEDI è un sistema costituito da diversi software/ tecnologie che dialogano e cooperano

Dettagli

ORA IN VERSIONE 64 BIT!!! OFFICINA. Caratteristiche principali

ORA IN VERSIONE 64 BIT!!! OFFICINA. Caratteristiche principali ORA IN VERSIONE 64 BIT!!! OFFICINA Caratteristiche principali Il programma consente la gestione, in forma completa, di un attività di autoriparazione. E prevista la gestione della commessa di riparazione,

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

ACQUISIZIONE DATI DI PRODUZIONE SISTEMA PDA

ACQUISIZIONE DATI DI PRODUZIONE SISTEMA PDA PRIMA FASE UTENTE: Ufficio tecnico MODULO: Stesura ciclo di Lavorazione ACQUISIZIONE DATI DI PRODUZIONE SISTEMA PDA NC S.r.l. www.n-c.it 0362-931294 sales@n-c.it Il Pacchetto PDA è il nuovo prodotto NC,

Dettagli

Gestione di un call-center per la segnalazione guasti telefonici

Gestione di un call-center per la segnalazione guasti telefonici Con riferimento ai seguenti requisiti si disegni il relativo DFD. Gestione di un call-center per la segnalazione guasti telefonici Le funzioni di gestione di un call-center per la segnalazione guasti riguardano

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

leggeri, No leggi o spe veico ciali RENT pesa nt i,

leggeri, No leggi o spe veico ciali RENT pesa nt i, RENT Noleggio veicoli pesanti, leggeri, speciali Ottobre 2011 Scenari di Applicazione Sateltrack RENT è un software di Gestione Flotta avanzato e integrato con la tecnologia GPS, costruito per servire

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F. Variazioni mensili al cartellino presenze. Versione 6.1. JOBTIME Work Flow

SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F. Variazioni mensili al cartellino presenze. Versione 6.1. JOBTIME Work Flow SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E W F Variazioni mensili al cartellino presenze Versione 6.1 SCHEDA PRODOTTO PAG. 2 INTRODUZIONE Il mercato degli applicativi informatici si sta consolidando sempre più

Dettagli

Progettazione concettuale

Progettazione concettuale Progettazione concettuale Strategie top-down A partire da uno schema che descrive le specifiche mediante pochi concetti molto astratti, si produce uno schema concettuale mediante raffinamenti successivi

Dettagli

Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo. SoftRail Sistema integrato per rotabili

Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo. SoftRail Sistema integrato per rotabili Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo SoftRail Sistema integrato per rotabili SoftRail è il sistema più completo per la gestione dei rotabili. Questi software integrati sono stati sviluppati

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2 Esempio 1: CarMatch CarMatch è una società di franchising fondata con lo scopo di promuovere il car sharing CarMatch fornisce un servizio per i potenziali condivisori di automobili cercando di abbinare

Dettagli

GESTIONE STRUTTURE SPORTIVE

GESTIONE STRUTTURE SPORTIVE GESTIONE STRUTTURE SPORTIVE K.I.W.A. è il sistema integrato software e hardware che semplifica la gestione operativa e permette una migliore organizzazione delle risorse, ottimizzando tutte le attività

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2016.0.3

Dettagli

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento

WP2. del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni. TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento WP2 Continuità dei servizi ITS per la gestione del traffico e delle merci nei corridoi di trasporto europei e nelle conurbazioni TPZ, Mizar, ASPI, UniSalento Indice Stato dei lavori Metodologia Contenuti

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Raggruppamenti Conti Movimenti

Raggruppamenti Conti Movimenti ESERCITAZIONE PIANO DEI CONTI Vogliamo creare un programma che ci permetta di gestire, in un DB, il Piano dei conti di un azienda. Nel corso della gestione d esercizio, si potranno registrare gli articoli

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE

Manuale d uso. UTILIZZO delle PROCEDURE Manuale d uso UTILIZZO delle PROCEDURE Versione 1.0 Maint manager è sviluppato da ISI per Sommario. Manuale utente...1 Sommario...2 Gestione della manutenzione:...3 Richieste di servizio...3 Dichiarazione

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

03. Il Modello Gestionale per Processi

03. Il Modello Gestionale per Processi 03. Il Modello Gestionale per Processi Gli aspetti strutturali (vale a dire l organigramma e la descrizione delle funzioni, ruoli e responsabilità) da soli non bastano per gestire la performance; l organigramma

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Processo di gestione dei visitatori con automezzo

Processo di gestione dei visitatori con automezzo Processo di gestione dei visitatori con automezzo La logica della rete aziendale per condividere i dati e per far risparmiare tempo Alla luce di quanto analizzato e degli effettivi bisogni dell azienda

Dettagli

Servizio Operazioni Tecniche Fuori Sede

Servizio Operazioni Tecniche Fuori Sede Servizio Operazioni Tecniche Fuori Sede Il nuovo processo 1/4 Inserimento domanda da parte dell ente/agenzia Il soggetto (ente/agenzia) interessato a richiedere una operazione tecnica fuori sede accede,

Dettagli

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale

Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Focus di pratica professionale di Cristina Aprile Le nuove procedure Entratel per l assistenza fiscale Premessa Con circolare n.30/e del 25 giugno 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti

Dettagli

1 Programmazione didattica

1 Programmazione didattica TURISTICO ALBERGHIERO RISTORAZIONE 1 Programmazione didattica PIANO DELLE ATTIVITÀ CLASSE PRIMA Conoscere le principali tecniche di comunicazione e accoglienza al front office. Finalità educative Gli argomenti

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE

PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE Ingegneria Clinica PROCEDURA GENERALE PER LA MANUTENZIONE CORRETTIVA DELLE APPARECCHIATURE MEDICALI E DELLE ATTREZZATURE SANITARIE ACCESSORIE 05/06/2014 Pag. 2 di 13 INDICE 1) Diagrammi di flusso... 2)

Dettagli

06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43. 3Oltre le tabelle

06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43. 3Oltre le tabelle 06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43 3Oltre le tabelle Chiave primaria Progettare le tabelle di un database Relazioni Join Creare le relazioni Modificare una relazione Eliminare una o tutte le relazioni

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

19. OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

19. OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Denominazione della figura 19. OPERATORE DEI SISTEMI E DEI SERVIZI LOGISTICI Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 4.1 Impiegati di ufficio. 4.1.3.1 Personale

Dettagli

BDCC : Guida rapida all utilizzo

BDCC : Guida rapida all utilizzo BDCC : Guida rapida all utilizzo 1 Sommario 1. Funzionamento del sistema... 3 1.1 Cos è e cosa contiene la BDCC... 3 1.2 Meccanismi di funzionamento della BDCC... 3 1.3 Organizzazione di contenuti all

Dettagli

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo

Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo Mappare e pesare le posizioni Valutare le prestazioni Analizzare il grado di copertura del ruolo LA METODOLOGIA La metodologia OD&M per valutare le risorse umane La metodologia OD&M per valutare le risorse

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Direttore tecnico di agenzia di viaggio

Direttore tecnico di agenzia di viaggio identificativo scheda: 16-031 stato scheda: Validata Descrizione sintetica E la figura professionale che sovrintende le attività dell agenzia di viaggio dalle fasi di progettazione e strategia a quelle

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA PIATTAFORMA CLEXi

AGGIORNAMENTO DELLA PIATTAFORMA CLEXi AGGIORNAMENTO DELLA PIATTAFORMA CLEXi Aggiornamento del 1.12.2015, versione 1.9.1 Sommario In breve, cosa cambia...2 L aggiornamento per gli account CLEXi già attivi...2 L aggiornamento per chi attiva

Dettagli

Contact Center Manuale CC_Contact Center

Contact Center Manuale CC_Contact Center Contact Center Manuale CC_Contact Center Revisione del 05/11/2008 INDICE 1. FUNZIONALITÀ DEL MODULO CONTACT CENTER... 3 1.1 Modalità di interfaccia con il Contact Center... 3 Livelli di servizio... 4 1.2

Dettagli