COLLEGIO INGEGNERI FERROVIARI ITALIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLEGIO INGEGNERI FERROVIARI ITALIANI"

Transcript

1 COLLEGIO INGEGNERI FERROVIARI ITALIANI con il Patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero delle Attività Produttive, della Regione Campania, della Provincia e del Comune di Napoli MOSTRA CONVE NO

2 COLLEGIO INGEGNERI FERROVIARI ITALIANI con il Patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero delle Attività Produttive, della Regione Campania, della Provincia e del Comune di Napoli MOSTRA CONVEGNO RICERCA E SVILUPPO NEI SISTEMI FERROVIARI Volume I MOSTRA D'OLTREMARE Piazzale Tecchio, 52 Napoli 9 e 10 Maggio 2003

3 /1 Convegno "RICERCA E SVILUPPO NEI SISTEMI FERROVIARI", promosso dal C.I.F.!. con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Ministero delle Attività Produttive, della Regione Campania, della Provincia e del Comune di Napoli, ha lo scopo di fare il punto sul sistema europeo della gestione del traffico e delle nuove tecnologie del trasporto., Il continuo sviluppo della tecnologia impone, anche al nostro Sodalizio, appuntamenti di aggiornamento, in cui la vitalità della nostra organizzazione è fonte di idee per tutto il trasporto italiano. In questo quadro il Convegno di Napoli sarà l'occasione di un incontro di molte esperienze dell'ingegneria applicata. Le relazioni che sono pervenute dai vari operatori del settore, studiosi ed esperti dell'industria, delle Università e delle Società di Trasporto, sono state numerose e di elevata qualità ed anche se non è stato possibile accettarle tutte, da quelle ammesse, emergeranno sicuramente aiuti preziosi per il miglioramento del servizio ferroviario. Nel ringraziare tutti coloro che hanno fatto pervenire il loro contributo, il Comitato Scientifico ed i Responsabili dell'organizzazione che tanto hanno operato per il buon esito del Convegno, si invita alla massima partecipazione, in modo da consentire proficui contributi tra i tecnici interessati. Per l'organizzazione dell'accoglienza dei congressisti e dei loro accompagnatori, si ringrazia la Direzione delle Società: Ferrovie dello Stato S.p.A., Ansaldo-Breda S.p.A., Lucchini Sidermeccanica S.p.A, Circumvesuviana S.r.l. e SEPSA S.p.A.. Al Convegno è associata una Mostra che permetterà di evidenziare, per le Industrie che vi parteciperanno, attraverso un'esposizione di nuove tecnologie e progetti, i progressi dei vari settori produttivi. IL PRESIDENTE Emilio Maestrini 3

4 INDICE SEZIONE 1: IL SISTEMA EUROPEO DI GESTIONE DEL TRAFFICO ERTMS/ETC5 Pago F. FAVO 11 "ERTMS/ETCS sulla tratta AV Roma-Napoli Integrazione tra le Specifiche Europee e i vincoli nazionali" Bibliografia 505 P. PETRUCCIOLI, D. RUSSO 19 "Il nuovo approccio alla condotta consentito dal sistema ERTMS il punto di vista dell'utilizzatore di bordo" P. MASINI, G. PULIATTI, P. PETRUCCIOLI, G. ROATTINO 25 "Il primo attrezzaggio pilota del sistema ERTMS sulla locomotiva E402B e sull'etr500p e la sperimentazione sulla nuova linea Alta Velocità Roma-Napoli" G. COCCI, P. PRESCIANI, M. VIOLANI, R. CHELI, A. AMORE, M. RICm, L. PUGI...31 "La sperimentazione nei sistemi di controllo della circolazione: il banco di simulazione per la verifica delle prestazioni dei sistemi odometrici" Bibliografia 505 F. SENESI 41 "Omologazione del Sottosistema di Terra ERTMS/ETCS Livello 2 per linea AV Roma-Napoli" Bibliografia 505 F. FAVO, N. FILIPPINI 51 "Sotto sistema di Bordo di ERTMS -Integrazione STM di SCMT" Bibliografia 505 G. BONAFÉ - F. FAVO, N. FILIPPINI, D. GRIFONI, P. PETRUCCIOLI "Sotto sistema di Bordo di ERTMS -Interfaccia operatore e interfaccia con il materiale rotabile" 57 Bibliografia 505 Interoperabilità M. MALVEZZI, S. PAPINI, R. CHELI, P. PRESCIANI 65 "Analisi probalistica delle prestazioni frenanti dei treni per la determinazione dei coefficienti di sicurezza da utilizzare nei modelli di frenatura dei sistemi ATC" Bibliografia 506 A. ALEI, M. GUARASCIO, M. MONTEBELLO 73 "Criteri di impostazione dell'esercizio dei diversi sistemi europei e loro interoperabilità" P. PRESCIANI, G. BONACCI, A. DE ROSA, M. MALVEZZI, S. PAPINI 87 "Definizione di un modello generale di frenatura, conforme alla normativa UIC, per il calcolo delle curve di controllo velocità di sistemi ATP e ATC" Bibliografia 506 R. CHELI, G. MANCINI, R. ROBERTI, G. DIANA, F CHELI 95 "Effetti del vento trasversale sul materiale rotabile" S. ANDRONICO, G. BONATO, R. CHELI, P. MUGNETTI 113 "European DIstributed Power Control" 5

5 M. MALVEZZI, B. ALLOTTA, A. RINDI, G. COCCI, P. PRESCIANI 119 "] sistemi di controllo della circolazione: sviluppo e validazione degli algoritmi di odometria" Bibliografia 506 L. BATTISTELLI, E. MARINO, D. PROTO, G. IACOMINO, M. MELE 129 "Controllo del processo di integrazione nei sistemi di trasporto ad elevato contenuto tecnologico" V. MASTRODONATO, G. TOLOMEO 141 "Interoperabilità Italia - Francia per l'ammissione della E402B su rete SNCF e BB36000 su rete FS" G. BOCCASSI, M. BRECCIAROLI 147 "L'SCC, il sistema di controllo della circolazione tra tradizione ed innovazione, nove mesi dopo le prime attivazioni" Bibliografia 507 G. MANCINI, A. CORBIZI, A. CERA, F. TROMBINI 155 "L'applicazione delle nuove norme europee alla progettazione delle ruote ferroviarie " R. BOZZO, G. COSULICH, A. DERITO, V. RECAGNO, S. SAVIO 167 "La gestione delle flotte dei carri come elemento di competitività su scala europea" Bibliografia 506 F. CAROTI 173 "Tecnologie innovative per l'accesso alla infrastruttura ferroviaria nazionale" SEZIONE 2: RICERCA E SVILUPPO NELL'INFRASTRUTTURA Infrastruttura e energia P. ZORZAN 181 "Nuova apparecchiatura di regolazione automatica della linea di contatto "Tensorex" dispositivo di tensionatura senza contrappesi" F. DI MAJO, M. CAVAGNARO, V. DELLE SITE 191 "Competitività e possibilità di sviluppo di un sistema di trasporto con sostentamento e guida su magneti permanenti operanti in opposizione" Bibliografia 507 A. BRACCIALI, C. DEL PRETE, A. PEZZATI 199 "Diagnostica e monitoraggio delle rotaie ferroviarie" Bibliografia 507 G. ACAMPORA 205 "Il SJM. Sistema Informativo della Manutenzione in Circumvesuviana" E. CASAGRANDE.215 "Integrazione di apparecchiature di misura per la diagnosi della linea" L. LECCE, G. MANNARA Previsione, misura, riduzione ed utilizzo a fini diagnostici delle vibrazioni e del rumore connessi al passaggio dei treni: alcune considerazioni ed applicazioni" Bibliografia 508 S. COSMI, A. FUMI, V. SALVATORI "L'introduzione dell'automazione alla base di una gestione moderna, economica ed efficace delle SSEferroviarie" Bibliografia

6 F. CIPOLLONE, A. FUMI 241 "Nuova generazione di sistemi di telecontrollo per gli impianti di trazione elettrica ferroviaria" Bibliografia 508 E. CINIERI, S. COSMI,A. FUMI, V. SALVATORI, C. ZAPPACOSTA 251 "Nuovi sistemi digitali per migliorare la protezione delle linee di contatto a 3 kvcc" Bibliografia 509 M. STORCm, A. BARBAROSSA 263 "Sistema di armamento massivo" "R. CATALINI, S. PACCIANI, M. PAGLIARI 279 "Sistema di Rilevamento del Carico Dinamico (RICAD) trasmesso alla traversa dai treni in transito sul binario" A. D'ANIELLO.287 "Sistema innovativo di infissione di monoliti in c.a. per la realizzazione di attraversamenti inferiori sotto esercizio" R. DALLARA, F. CATOZZI.297 "Sistemi di misura dell'usura e della geometria della linea di contatto" G. DELL'ACQUA "Tecniche di schedulazione lineare per la programmazione dei lavori ferroviari " Bibliografia Comando e controllo G. MALAVASI,A.PERESSO, G. PETRILLI, P. RIVOLI.319 "Campi di applicazione, requisiti e automazione delle procedure di analisi della capacità di circolazione degli impianti ferroviari " Bibliografia, 509 G. RIDOLFI "Il processo CENELEC di Valutazione della sicurezza applicato al Sistema Controllo Marcia Treno" Bibliografia 510 B. COSTA, E. FEDELI "Interferenza elettromagnetica della linea AV 25 kvca sugli Impianti di segnalamento tradizionali: analisi del fenomeno e provvedimenti protettivi" E. FEDELI, E. MARZILLI, C. ANSALDO.349 "La compatibilità tra il contenuto armonico della corrente di trazione e gli impianti di segnalamento di RF/: stato dell'arte e prospettive" G. BAVA, E. CAIAZZO, G. GATTUSO, R. pmozzi, P. SPOSITO.357 "La tecnologia wireless applicata alle attività di manutenzione in Circumvesuviana" P. GENOVESI, G. MARGARITA, G. MALAVASI, P. RAZIONALE, S. RICCI.365 "Metodologia di valutazione del rischio nei sistemi ferroviari sulla base dei regolamenti di circolazione e degli inconvenienti d'esercizio" S. IMPASTATO "Metodologie quantitative per la valutazione della sicurezza: un caso di studio" Bibliografia G. MALAVASI, S. RICCI, C. SPELLUCCI, F. SENESI.383 "Simulazione di sistemi di segnalamento di linea mediante modello a reti di Petri" Bibliografia 510 7

7 R. FRATINI, S. ROSINI "Sistemi di Controllo della Marcia del Treno: una necessaria interpretazione del segnalamento e dei dati di infrastruttura di terra. Sistemi di Controllo della Marcia - ATP: gestione dei rallentamenti" Bibliografia G. LIONETTI,A. BRACCIALI 401 "Sistemi innovativi di manovra per Deviatoi Ferroviari e Mass Transit" Bibliografia 511 G. BONAFÈ, M. RICCIARDI, S. ROSINI.409 "Gli stati e i modi operativi del Sistema di Controllo Marcia Treno, i criteri di gestione dei modelli treno per sistemi ATP e ATC, la valutazione funzionale del Sistema di Controllo Marcia Treno" M. GALAVERNA, G. SCIUTTO "Vantaggi della banalizzazione di linee ferroviarie: un modello analitico di valutazione" Bibliografia F. LAMBARDI, F. FAVO.429 "Integrazione sul Materiale Rotabile dei Sistemi SCMT, DIS e Vigilante" F. SENESI "Omologazione del Sottosistema di Terra del Sistema Controllo Marcia Treno" Bibliografia G. FADIN, C. IAPICCA 441 "Sistema informativo di condotta. Un equipaggiamento innovativo a bordo locomotiva per l'analisi e la prevenzione di incidenti" Bibliografia 511 G. CASINI, F. LAMBARDI, F. FAVO 447 "L'attrezzaggio rotabili con SCMT - Le teste di serie" G. B. PALMERINI 453 "Applicazione dei sistemi satellitari di navigazione alla regolazione del traffico ferroviario" Bibliografia 511 SEZIONE 3: NUOVA TECNOLOGIA PER L'INTEGRAZIONE TARIFFARIA P. RULLO 463 "Integrazione tariffaria e sistemi di controllo accessi in Circumvesuviana" A. SANNINO "Bigliettazione Elettronica come Strumento di Sviluppo dell'integrazione Tariffaria".473 D.PASCHINA 479 "Internet e le opportunità di servizio per i Clienti di Trenitalia Divisione Cargo" E. FRATTINI, G. LEANO, M. MANCINI.485 "L'evoluzione della tecnologia Contact-Less rende possibile l'utilizzo di un unico titolo di viaggio per molteplici servizi e diversi operatori nel trasporto pubblico realizzando una vera integrazione tariffaria" B. ANGIUS 495 "Sistemi Innovativi per l'informazione al pubblico" A. D'ANGELO 499 "Una piattaforma integrata di bigliettazione-per utenti, operatori ed enti" 8

8 SISTEMA INFORMATIVO DI CONDOTTA UN EQUIPAGGIAMENTO INNOVATIVO A BORDO LOCOMOTIVA PER L'ANALISI E LA PREVENZIONE DI INCIDENTI *G. Fadin, **c. Iapicca *FAR Systems SpA **ANSALDOBREDA Sommario Gli incidentiferroviari, accaduti negli ultimi anni in Europa, hanno reso sempre più urgente l'applicazione di tecnologie innovative al fine di eseguire un analisi sufficientemente adeguata e dettagliata e, conseguentemente, di poter prevenire incidenti futuri. Le tecniche ben note nel campo aeronautico, sposate alle moderne tecnologie informatiche e telematiche, permettono di fornire gli strumenti adatti per una migliore e più approfondita comprensione del comportamento del guidatore e del veicolo ferroviario in caso di incidente. Questa memoria descrive il nuovo approccio applicato alle locomotive italiane con lo scopo di eseguire la raccolta e la registrazione dati da utilizzarsi sia a fini legali in caso di incidente sia a fini preventivi di futuri possibili incidenti. Quest'ultimo aspetto si ottiene con la raccolta di una vasta quantità di dati da elaborare al calcolatore per eseguire l'individuazione dei rischi condotta e dei rischi di guasto. La conoscenza dei primi porta al miglioramento del comportamento di condotta della locomotiva da parte del personale di macchina mentre la conoscenza dei secondi porta ad interventi preventivi di manutenzione e quindi a veicoli sempre più efficienti e sicuri. Per ottenere tutto ciò, la tecnologia dei registratori di eventi, le cosiddette scatole nere, è stata unita alle tecnologie informatiche di acquisizione ed elaborazione di "basi di dati" e telematiche per la trasmissione di tali dati in tempo "quasi reale", da bordo a terra. Negli ultimi anni si sono verificati incidenti, sia in Italia che in Europa, che per numero e conseguenze ai passeggeri sono stati considerati particolarmente gravi e hanno fortemente spinto verso la ricerca di nuove e più moderne metodologie di analisi e prevenzione degli stessi. Basti pensare all'incidente del pendolino avvenuto a Piacenza e all'incidente del treno veloce ICE avvenuto a Eschede in Germania. Al fine di intervenire nei riguardi delle istanze di sicurezza sono possibili due approcci che si differenziano per natura e obbiettivi: utilizzazione di equipaggiamenti di sicurezza attiva, quali ad esempio il sistema vigilante comunemente detto "uomo morto"; utilizzazione di equipaggiamenti di registrazione della condotta del treno, quali ad esempio il registratore di eventi comunemente detto "scatola nera". Questa memoria descrive il secondo approccio e ha l'obiettivo di fornire al lettore le conoscenze relative ai requisiti di architettura dell'equipaggiamento, alle sue prestazioni ai benefici che porta nella direzione dell'analisi e prevenzione degli incidenti. Inoltre vengono descritti gli aspetti legali relativi alla norma AIPA che prescrive i requisiti a cui devono sottostare i dati e gli archivi elettronici per poter essere considerati documenti validi al fine della "firma digitale". Tale approccio è stato adottato da TRENITA LIA, la società del gruppo delle Ferrovie dello Stato che ha la responsabilità del materiale rotabile e dell'esercizio dello stesso. 2. L'APPROCCIO La registrazione, ai fini legali, di grandezze relative alla condotta del treno (quali velocità, spazio, data e ora, posizione delle leve del banco di manovra) fornisce utili e preziosi elementi di analisi e valutazione al perito che viene incaricato dal giudice in caso di incidente. Tuttavia tali registrazioni, essendo limitate nel tempo e nello spazio nell'intorno dell'evento di incidente, non danno un contributo per la prevenzione di futuri incidenti di natura simile e ancor meno di quelli di natura diversa e, probabilmente non nota. L'innovazione dell'approccio qui presentato consiste in: acquisizione di tutti i parametri di condotta e di un numero molto elevato di altri parametri disponibili a bordo locomotiva che descrivono il comportamento della stessa durante l'esercizio; registrazione dei dati suddetti in una prima memoria a breve termine (sono garantite almeno lo ore di registrazione) ma con alta capacità di sopravvi- 441

9 venza all'incidente, tale memoria è detta Memoria Legale o scatola nera vera e propria; registrazione dei dati suddetti in una seconda memoria a lungo termine (sono garantite almeno 200 ore di registrazione) con bassa capacità di sopravvivenza all'incidente ma leggibile in tempo reale e trasferibile da bordo a terra tramite connessione radio; utilizzazione della tecnologia Smart Card per 1'apposizione della fmna digitale sui dati registrati da parte del personale di macchina che guida la locomotiva. I dati trasmessi a terra vengono inviati ad un calcolatore centrale e qui elaborati per ricavare statistiche, verifiche di condotta del treno e di efficienza del veicolo ai fini della manutenzione sia preventivi che correttivi. Questo approccio comporta ovviamente la necessità di scaricare dal treno e trattare a terra un enorme quantità di dati; per questo motivo un collegamento ad alta velocità viene richiesto tra treno e terra. Inoltre, essendo i dati a tutti gli effetti "documenti legali" firmati digitalmente si richiede che la rete di trasmissione dai siti periferici(ove avviene la scarica da treno a terra) al sito centrale sia dotata di tutti i livelli di sicurezza richiesti per l'integrità e la riservatezza dei dati stessi. 3. ARCIDTETTURA DEL SISTEMA La figura 1 descrive l'architettura del sistema che è suddiviso in due sottosistemi: sottosistema di bordo sottosistema di terra Le caratteristiche principali di questi due sottosistemi sono descritte qui di seguito. 3.1 Sottosistema di Bordo Il sistema di bordo è costituito da due unità distinte e che eseguono compiti diversi: il registratore di eventi il computer di comunicazione. Il registratore di eventi svolge i seguenti compiti: Acquisisce a cadenza costante e registra tutti gli eventi ed i parametri di funzionamento del veicolo che sono specificati da una Tabella di Acquisizione che è programmabile ed è memorizzata, come i dati stessi, nella Memoria Legale (scatola nera), Trasmette al computer di comunicazione le stesse informazioni che ha memorizzato nella memoria legale Elabora le informazioni di velocita e le presenta al personale di macchina sugli indicatori di velocita sicuri (tali indicatori sono detti sicuri poiché sono in grado di diagnosticare l'errore di visualizzazione causato dall'indice che non ha la posizione corretta sulla scala) Le informazioni di data e ora e coordinate spaziali sono ricavati da un ricevitore che acquisisce le informazioni dal noto sistema satellitare GPS. Grazie alla tecnologia GPS, la data e l'ora sono sempre esatte ed il passaggio da ora solare a ora legale e viceversa avvengono automaticamente senza intervento umano. Per sopperire alla mancanza di segnale GPS in galleria, il registratore di eventi è dotato di un orologio al quarzo che viene auto-., STS Desk Top IEEE IEEE Radio DSSS Sa1sore Velocità Sensore Velocità Event Recorder Unità Tochimetrica dati PCUCLO. Radio DSSS Ingressit'Usc ile MV8 Equipaggi am ento di Bordo Figura 1: Architettura del sistema 442

10 maticamente sincronizzato con l'ora del GPS. Il computer di comunicazione svolge i seguenti compiti: Memorizza nella memoria di transito i dati ricevuti dal registratore di eventi ed organizza tali informazioni in file che vengono fumati digitalmente con la chiave privata del personale di macchina (tale chiave è presente nella smart card del personale di macchina stesso). Ogni file memorizzato corrisponde ad un viaggio effettuato dal personale di macchina. Rilettura dei files memorizzati e trasmissione automatica a terra quando il sistema di bordo entra in copertura radio con il cosiddetto "radio base" (l'equivalente di una cella di ricezione dei sistemi telefonici GSM) Gestione del terminale remoto per l'identificazione del personale di macchina tramite smart card. Il sistema ha le seguenti capacita di memorizzazione garantite: 10 ore per la memoria legale 200 ore per la memoria di transito i dati appena riportati sono garantiti nel caso di acquisizione di 128 eventi con cadenza ogni due secondi, poiché in realtà gli eventi sono meno frequenti si hanno capacità di memorizzazione per tempi ben più lunghi. Come già detto ogni evento è registrato secondo una tabella di configurazione dell'acquisizione che è programmabilein merito ai criteri applicabili che sono: registrazione all'accensione dell'apparecchiatura registrazione alla partenza e all'arresto del treno registrazione ogni 60 secondi registrazione al cambiamento del dato registrazione al superamento di una soglia prestabilita Poiché i criteri di acquisizione adottati per ogni evento e parametro sono necessari all'interpretazione dei dati in caso di incidente, la tabella di acquisizione è memorizzata nella scatola nera assieme ai dati stessi ed ad ulteriori dati di identificazione della scatola nera stessa e della locomotiva su cui è montata. 5. LA MEMORIA LEGALE La memoria legale, cioè la scatola nera propriamente detta, è una memoria allo elettronica stato solido racchiusa in un contenitore molto speciale. Il contenitore infatti è in grado di garantire che la memoria sopravviva alle seguenti condizioni estreme: temperatura di 700 C per 5 minuti ad una potenza di fuoco pari a 150 kwatt/mq. Accelerazione di 100 G per una durata di lo millisec e una forza di impatto paria 20kN sui tre assi e sulla diagonale Campo magnetico generato da un flusso di corrente di 64KA con una variazione di 107 Ns. Inoltre deve resistere alla penetrazione di ogni tipo di fluido inquinante e di gas prodotto dalla combustione. La figura 2 riporta una foto reale della scatola nera che, per onore di cronaca, e di colore arancione essendo questo più individuabile tra i relitti in caso di incidente. Figura 2 - Memoria Legale 443

11 6. IL CALCOLATORE DI COMUNICAZIO NE A BORDO Il computer di comunicazione è costituito da un PC appositamente progettato per il campo ferroviario ed opera con un sistema operativo in grado di: Ripartire automaticamente senza intervento umano in caso di malfunzionamento che non colpisca tutte le risorse Il disco rigido (hard disk) è di tipo a stato solido, quindi privo di parti meccaniche rotanti, in modo da sopportare con estrema affidabilità le vibrazioni e gli urti presenti su una locomotiva. Il sistema operativo (in questo caso dato l'ambiente ostile non è adottabile un sistema Microsoft) è in grado di gestire un interfaccia di comunicazione radio secondo lo IEEE (WLAN) con il classico protocollo per comunicazioni internet, cioè il protocollo TCP-IP. Il collegamento radio a terra è effettuato ad una velocità di Il Mbit/sec che scalano automaticamente a 5 oppure 2 oppure 1 Mbit/sec in presenza di disturbi o errori di trasmissione. All'arrivo delle locomotiva presso l'area (in genere un deposito od una stazione) dove è presente la copertura radio, il sistema di bordo si connette automaticamente con il sistema di terra, da quel momento in poi, fmo a quando la locomotiva è sotto copertura radio, il sistema di bordo è a tutti gli effetti connesso alla rete internet di TRENITALIA. 7. SICUREZZA E INTEGRITA DEI DATI La norma AlFA (si veda il riferimento [2]) ha dato attuazione ai decreti legislativi che in Italia hanno recepito le direttive della Unione Europea in fatto di sicurezza della produzione, trasferimento, elaborazione e memorizzazione di dati elettronici. Il problema principale consiste, nel caso specifico, nell'assicurare che i dati trasmessi da bordo veicolo alla stazione "radio base" siano quelli corrispondenti ai dati acquisiti a bordo, cioè che non sia possibile alcuna alterazione dovuta a fatti accidentali (quali disturbi di trasmissione o perdita di collegamento) e a fatti volontari ( quali azioni di pirateria informatica o vandalismo). In conclusione dati, ricevuti dal "radio base", devono essere integri e autenticati. Per ottenere quanto detto vengono utilizzate le moderne tecnologie di: identificazione personale tramite codice PIN e Smart Card firma digitale dei dati tramite chiave privata e crittografia Le due tecnologie suddette, unite a raffinate tecniche di trasmissione dati che utilizzano codici di ridondanza, garantiscono che i dati ricevuti a terra sono privi di errori e alterazioni e sono legalmente attribuibili al personale di macchina che è inequivocabilmente identificato. L'uso della smart card personale per ogni macchinista ha permesso di introdurre un'ulteriore novità che va nella direzione della sicurezza. Tale novità consiste nella patente di conduzione del treno. La smart card quindi contiene ulteriori informazioni registrate al suo interno che riportano il livello di abilitazione alla conduzione del treno da parte del macchinista a cui la smart card appartiene. 8. CONNESSIONE RADIO DI TIPO WLAN La connessione radio tra bordo e terra è realizzata utilizzando la norma internazionale IEEE che specifica le modalità di trasmissione dati chiamata DSSS, Direct Sequence Spread Spectrum, si veda il riferimento [1]. La tecnica di trasmissione DSSS è stata scelta poiché è una tecnica di trasmissione molto robusta e immune nei riguardi dei disturbi elettromagnetici e si integra perfettamente con la tecnologia INTER NET. Ciò rende più sicura la connessione tra locomotiva e "radio base", grazie a DSSS e più facile quella tra "radio base" e calcolatore centrale, grazie a INTERNET. Il "radio base" deve coprire un area (usualmente localizzata nei depositi e nei pressi delle stazioni) che sia sufficientemente grande per ospitare più treni che scaricano dati contemporaneamente e in movimento. Per ottenere ciò possono essere richiesti "radio base" dotati di più di un punto di accesso o cella (cioè stazioni dotate di antenna ricevente e trasmittente); come per il sistema telefonico GSM tali celle devono essere in grado di svolgere funzioni di: trasferimento della connessione del veicolo associato da una cella all'altra man mano che il veicolo si muove, al fine di garantire la massima copertura ricezione con cancellazione degli echi dovuti a riflessioni e rimbalzi del segnale cancellazione degli effetti Doppler dovuti al fatto che i veicoli sono in movimento Tutto ciò è egregiamente effettuato dalla tecnologia DSSS che garantisce una connessione INTER NET stabile e sicura per tutto il tempo di scaricamento dei dati. 444

12 9. CONCLUSIONI TI sistema, qui presentato, costituisce un nuovo approccio per accrescere la sicurezza dell'esercizio ferroviario e per applicare tecniche di analisi degli incidenti, al fine della comprensione e prevenzione futura degli stessi. Tale sistema è stato già installato su circa un decimo della flotta di locomotive di TRENITALIA e, in capo a due anni, sarà installato su un totale di 2400 locomotive sia passeggeri che merci. Attraverso una ulteriore investigazione, con tecniche matematiche e statistiche, sull'enorme quantità di dati che il sistema fornirà, sarà possibile sviluppare nuovi modelli di gestione del traffico e di condotta del treno al fme di ottenere un esercizio ferroviario sempre più efficiente e, contemporaneamente, più sicuro. train l, locom""., carrozl"!11:1i!_=- 1---=, _= =_=_= _=_=_c=htlc';'9_1o!'99~.. _.~. L~~~9._!±QJ""'J~~Q.~8..:6:!7,i~C;>!±f.'_~'L:Hfj.';i1~~-'il"= =_.=-."---'1 Ir- -'c""a"'-rr'-'o"=zz...e"'- Rete Locale di Bordo (INTRANET). " L------;I""I:lB")-===::-; -=-=:::r -=-=--=-=-"fj"l= ~.,.-fllu comunicazione wireless..-.ì '(-.-.1=:. ~'TI.!!!1n1c!!lZlon.!.l!-...!...~ _. _. _. _. - ~. ì ~ "'-. -"'".;.... s istèmj..~i comuhicazione -- Uni"Ìe(rotab iii Intertaccia " "~\ ~I)L.. - /.' / (nl "' ~. ~~ -_.... Retè G.~ografjca..... ~..._..-.. INTERNET installazioni fisse 445

13 COLLEGIO INGEGNERI FERROVIARI ITALIANI Via Giolitti, ROMA Tel. 06/ Fax 06/ INTERNET: In copertina - sullo sfondo: In sovrapposizione - dall'alto: - interno della vecchia stazione di Napoli - Piazza Garibaldi - fanale anteriore per locomotive a vapore; - salaa.c.s. di Roma Termini; - ETR 500; - Piazza del Plebiscito - Napoli.

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma DIREZIONE COMUNICAZIONE DI MERCATO Telefono 06.44104402 Fax 06.44103726 www.rfi.it dircomu@rfi.it Stampa GRAFICA ROMANA srl - ROMA 12/2004-3.000

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard ia Descrizione dell' Errore operatore di H1.1.1 - HL.23 F1 Alimentazione sistemi di ) H1.3.1 H2.1.1 Dati sulla alità e configurazione delle apparecchiature di (ERTMS e non) non corretti HL.20 Errore dell'evc

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette.

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette. Gestione Gas Metano Introduzione Il bisogno di rispondere in maniera più efficace ed efficiente alle esigenze degli utenti, al continuo cambiamento delle normative e all incessante rinnovamento tecnologico

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 ANDAMENTO DELLA SICUREZZA DELLE FERROVIE NELL ANNO 2013 Indice 1. Scopo e ambito di applicazione... 4 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 2.1. Dotazione organica e riduzione della

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania.

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania. LQuesto orologio indica con il terminale più corto della lancetta dei secondi, il livello di ricezione e il risultato di ricezione. Lancetta dei secondi Lancetta dei minuti Lancetta delle ore Pulsante

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli