Come è cambiata la posizione della Sardegna negli ultimi anni (primo anno di rilevazione 2000)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come è cambiata la posizione della Sardegna negli ultimi anni (primo anno di rilevazione 2000)"

Transcript

1 (primo di rilevazione 2000) ASSE I - RISORSE NATURALI di rilevazione Italia Centro Nord Irregolarità nella distribuzione dell'acqua Raccolta differenziata dei rifiuti urbani Quantità di frazione umida trattata in impianti di compostaggio per la produzione di compost di qualità Interruzioni del servizio elettrico Energia prodotta da fonti rinnovabili Intensità energetica dell'industria (Nuova serie) Rifiuti urbani raccolti Rifiuti urbani smaltiti in discarica per abitante Consumi di energia elettrica coperti da fonti rinnovabili Consumi di energia elettrica coperti da fonti rinnovabili (escluso idrico) Mezzogiorno ASSE II - RISORSE CULTURALI Indice di domanda culturale (media per istituto) Grado di promozione dell'offerta culturale Grado di partecipazione del pubblico agli spettacoli teatrali e musicali Grado di diffusione degli spettacoli teatrali e musicali Incidenza della spesa per ricreazione e cultura (Nuova serie) Volume di lavoro impiegato nel settore ricreazione e cultura (Nuova serie) ASSE III - RISORSE UMANE Tasso di disoccupazione giovanile Tasso di disoccupazione Tasso di occupazione Incidenza della disoccupazione di lunga durata Tasso di disoccupazione di lunga durata Incidenza della disoccupazione femminile di lunga durata Tasso di disoccupazione giovanile femminile Differenza tra tasso di occupazione maschile e femminile Differenza tra tasso di attività maschile e femminile Occupati che partecipano ad attività formative e di istruzione (nuova serie) Indice di povertà regionale (popolazione) Indice di povertà regionale (famiglie) Livello di istruzione della popolazione anni (nuova serie) Tasso di partecipazione nell'istruzione secondaria superiore (a) (b) Tasso di abbandono alla fine del secondo delle scuole secondarie superiori Tasso di abbandono alla fine del primo delle scuole secondarie superiori Laureati in scienza e tecnologia Addetti alla Ricerca e Sviluppo Incidenza della spesa pubblica in Ricerca e Sviluppo (Nuova serie) (a) Incidenza della spesa delle imprese in Ricerca e Sviluppo (Nuova serie) (a) Adulti che partecipano all'apprendimento permanente Tasso di scolarizzazione superiore (vecchia serie) Tasso di scolarizzazione superiore (nuova serie) Nostre elaborazioni su fonte ISTAT

2 (primo di rilevazione 2000) di rilevazione Italia Centro Nord Giovani che abbandonano prematuramente gli studi Livello di istruzione della popolazione adulta (vecchia serie) Livello di istruzione della popolazione adulta (nuova serie) ASSE IV - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO Produttività del lavoro in agricoltura (Nuova serie) (a) Produttività dei terreni agricoli (a) Peso dell'export del settore agroalimentare (Nuova serie) (a) Produttività del lavoro nell'industria alimentare (Nuova serie) (a) Produttività del lavoro nell'artigianato Produttività del lavoro nell'industria in senso stretto (Nuova serie) (a) Produttività del lavoro nell'industria manifatturiera (Nuova serie) (a) Produttività del lavoro nel commercio (Nuova serie) Produttività del lavoro nel turismo (Nuova serie) (a) Produttività del lavoro nelle PMI Imprese che h introdotto innovazioni di prodotto e/o di processo Mezzogiorno Spesa media regionale per innovazione delle imprese Incidenza della certificazione ambientale Investimenti diretti della regione all'estero (Nuova serie) (a) Indice di intensità creditizia (Nuova serie) (a) Rischio dei finanziamenti Turismo nei mesi non estivi Investimenti diretti netti dall'estero in Italia sul Pil ASSE V - CITTA' Difficoltà delle famiglie nel raggiungere negozi alimentari e/o mercati Difficoltà delle famiglie nel raggiungere i supermercati Utilizzo di mezzi pubblici di trasporto Trasporto pubblico locale nelle città Indice di attrattività delle università Indice di attrattività dei servizi ospedalieri 2004 Diffusione del servizio di asilo nido 2004 Presa in carico degli anziani per il servizio di assistenza domiciliare integrata Incidenza del costo dell'adi sul totale della spesa sanitaria ASSE VI - RETI E NODI DI SERVIZIO Indice di criminalità diffusa (1) Indice di criminalità violenta Indice del traffico merci su ferrovia Tonnellate di merci in ingresso ed in uscita su strada (a) sul totale delle modalità Indice del traffico merci su strada Tonnellate di merci in ingresso ed in uscita in navigazione di cabotaggio (a) sul totale delle modalità Indice del traffico delle merci in navigazione di cabotaggio Indice del traffico aereo (a) Nostre elaborazioni su fonte ISTAT

3 ASSE I - RISORSE NATURALI Irregolarità nella distribuzione dell'acqua 47,38 42,71 31,29 31,83. 29,15 27,02 14,98 14,04 8,32 9,82 28,60 22,75 Raccolta differenziata dei rifiuti urbani 1,72 2,12 2,78 3,77 5,34 9,91 14,44 24,30 20,27 31,80 2,43 8,74 Quantità di frazione umida trattata in impianti di compostaggio per la produzione di compost di qualità 0,19 0,26 0,80 1,37 4,55 18,28 20,48 23,12 29,09 8,14 2,62 Interruzioni del servizio elettrico 6,51 7,04 3,74 4,59 3,92 3,91 3,59 2,42 2,79 1,76 5,16 3,73 Energia prodotta da fonti rinnovabili 1,45 2,24 1,68 3,56 4,36 6,89 6,92 19,14 16,93 24,90 20,63 5,19 9,15 Intensità energetica dell'industria (Nuova serie) 326,16 279,43 255,69 331,23 198,40 135,43 139,07 117,47 123,44 219,16 213,47 Rifiuti urbani raccolti 483,46 503,82 509,83 519,21 533,23 529,51 508,56 540,49 535,86 564,61 460,29 496,50 Rifiuti urbani smaltiti in discarica per abitante 370,81 435,27 384,43 389,63 338,35 310,35 304,34 263,77 399,01 395,30 Consumi di energia elettrica coperti da fonti rinnovabili 1,32 2,10 1,69 3,47 4,30 6,65 6,87 16,01 14,55 20,30 16,67 4,61 9,05 Consumi di energia elettrica coperti da fonti rinnovabili (escluso idrico) 0,56 0,66 1,14 1,57 2,06 3,37 4,66 2,24 4,25 2,73 4,08 0,92 4,68 ASSE II - RISORSE CULTURALI Indice di domanda culturale (media per istituto) 33,25 27,54 26,68 23,16 20,88 24,47 29,52 76,63 86,23 81,37 100,41 68,87 59,61 Grado di promozione dell'offerta culturale 140,44 141,04 116,65 105,71 103,49 120,21 107,63 187,07 178,07 221,54 192,95 145,18 143,92 Grado di partecipazione del pubblico agli spettacoli teatrali e musicali 4,03 4,00 4,87 4,38 4,38 4,74 7,43 7,86 12,23 10,13 15,82 3,84 5,63 Grado di diffusione degli spettacoli teatrali e musicali 40,91 36,86 37,63 37,92 37,44 38,87 39,30 50,85 55,05 63,46 66,71 28,57 33,61 Incidenza della spesa per ricreazione e cultura (Nuova serie) 6,25 6,11 6,11 6,10 6,22 6,03 7,34 7,24 7,77 7,64 6,24 6,17 Volume di lavoro impiegato nel settore ricreazione e cultura (Nuova serie) 1,22 1,29 1,24 1,25 1,25 1,17 1,39 1,36 1,47 1,46 1,17 1,09 ASSE III - RISORSE UMANE Tasso di disoccupazione giovanile 35,50 29,82 28,82 34,16 35,46 32,62 31,03 27,01 21,60 15,81 14,36 44,70 34,27 Tasso di disoccupazione 15,66 13,86 13,54 13,86 13,90 12,93 10,82 10,15 6,79 5,96 4,43 18,87 12,24 Tasso di occupazione 49,24 51,13 51,88 51,22 51,20 51,43 52,27 54,78 58,41 60,68 64,97 44,38 46,59 Incidenza della disoccupazione di lunga durata 61,23 58,36 52,55 55,15 49,98 53,56 52,43 49,65 49,68 37,16 40,26 57,84 57,59 Tasso di disoccupazione di lunga durata 9,59 8,09 7,12 7,65 6,96 6,94 5,67 5,04 3,37 2,21 1,79 10,91 7,05 Incidenza della disoccupazione femminile di lunga durata 61,03 62,21 54,87 58,46 53,34 57,49 56,04 48,84 51,25 36,55 42,57 58,38 60,11 Tasso di disoccupazione giovanile femminile 38,89 33,58 31,12 39,79 39,60 38,61 39,01 31,87 25,26 19,81 17,25 53,61 40,50 Differenza tra tasso di occupazione maschile e femminile 31,36 29,56 28,80 29,03 26,70 28,62 27,99 25,96 24,20 22,07 20,13 32,46 31,20 Differenza tra tasso di attività maschile e femminile 30,25 28,92 27,52 27,83 26,68 27,74 27,66 25,14 23,82 20,65 19,15 32,84 31,98 Occupati che partecipano ad attività formative e di istruzione (vecchia serie) 4,88 4,30 3,56 4,34 4,66 5,41 2,79

4 Occupati che partecipano ad attività formative e di istruzione (nuova serie) 6,11 4,92 5,61 6,08 6,60 4,77 Indice di povertà regionale (popolazione) ,28 14,63 17,88 17,95 19,45 12,42 12,91 6,13 6,20 23,57 25,16 Indice di povertà regionale (famiglie) 17,12 13,08 15,40 15,88 16,85 11,03 11,13 5,51 5,70 22,44 22,56 Livello di istruzione della popolazione anni (vecchia serie) 92,71 92,55 95,19 95,86 95,59 96,29 94,76 Livello di istruzione della popolazione anni (nuova serie) 97,05 96,89 96,74 98,01 98,32 97,62 Tasso di partecipazione nell'istruzione secondaria superiore (a) (b) 93,23 96,45 96,22 96,57 97,40 98,01 87,40 92,40 89,55 92,29 84,82 92,54 Tasso di abbandono alla fine del secondo delle scuole secondarie superiori 5,37 8,14 5,91 5,33 4,32 3,70 2,76 3,01 1,73 4,54 4,07 Tasso di abbandono alla fine del primo delle scuole secondarie superiori 15,84 16,37 11,55 12,24 7,88-11,65 10,87 11,03 9,24 12,40 12,93 Laureati in scienza e tecnologia 3,95 4,90 5,45 6,19 7,33 6,69 6,98 5,69 12,20 6,89 14,82 3,83 8,37 Addetti alla Ricerca e Sviluppo 1,49 1,59 1,64 1,64 1,60 1,69 2,64 2,99 3,34 3,69 1,39 1,72 Incidenza della spesa pubblica in Ricerca e Sviluppo (Nuova serie) (a) 0,60 0,61 0,64 0,63 0,61 0,53 0,52 0,52 0,51 0,51 0,55 0,54 Incidenza della spesa delle imprese in Ricerca e Sviluppo (Nuova serie) (a) 0,06 0,05 0,05 0,05 0,03 0,04 0,52 0,55 0,62 0,65 0,21 0,24 Adulti che partecipano all'apprendimento permanente 6,33 5,62 5,78 6,09 6,66 5,95 6,73 5,46 6,85 5,87 7,22 4,69 6,15 Tasso di scolarizzazione superiore (vecchia serie) 56,73 56,06 57,74 61,32 67,31 71,10 70,76 74,08 62,55 67,08 Tasso di scolarizzazione superiore (nuova serie) 59,81 56,73 62,16 72,33 74,80 75,83 78,78 67,71 69,48 Giovani che abbandonano prematuramente gli studi 30,11 33,19 28,26 22,93 20,59 19,33 16,80 27,73 25,50 Livello di istruzione della popolazione adulta (vecchia serie) 65,68 63,54 62,81 58,95 57,99 53,58 55,56 51,30 62,68 57,98 Livello di istruzione della popolazione adulta (nuova serie) 61,42 60,65 58,64 51,87 49,16 48,84 45,74 57,67 55,71 ASSE IV - SISTEMI LOCALI DI SVILUPPO Produttività del lavoro in agricoltura (Nuova serie) (a) 15,06 15,77 15,22 15,21 17,74 17,22-19,86 22,43 22,39 25,06 16,79 19,31 Produttività dei terreni agricoli (a) 0,84 0,85 0,77 0,72 0,80 0,78 0,75 2,15 2,11 2,38 2,36 1,86 1,82 Peso dell'export del settore agroalimentare (Nuova serie) (a) 0,61 0,67 0,60 0,58 0,45 0,43-1,42 1,45 1,48 1,55 1,24 1,12 Produttività del lavoro nell'industria alimentare (Nuova serie) (a) 42,35 42,13 42,68 38,22 32,19 30,72-47,94 41,69 52,42 45,98 37,13 31,58 Produttività del lavoro nell'artigianato 18,18 19,76 19,49 17,86 17, ,19 23,16 22,79 25,01 14,87 16,74

5 Produttività del lavoro nell'industria in senso stretto (Nuova serie) (a) 48,41 46,73 48,20 45,82 44,73 45,19-49,00 47,39 50,35 49,04 42,29 39,33 Produttività del lavoro nell'industria manifatturiera (Nuova serie) (a) 39,38 38,52 37,41 35,68 32,58 32,74-45,49 43,03 47,26 45,12 37,10 33,30 Produttività del lavoro nel commercio (Nuova serie) 33,02 34,64 31,41 32,25 32,92 33,20-39,63 39,84 42,36 43,09 32,85 31,36 Produttività del lavoro nel turismo (Nuova serie) (a) 30,78 28,28 25,08 27,86 24,55 24,55-32,24 27,12 33,22 27,87 29,04 24,75 Produttività del lavoro nelle PMI 24,03 24,62 21,88 22,18 25, ,52 31,47 31,66 33,77 22,22 24,22 Imprese che h introdotto innovazioni di prodotto e/o di processo 20,76 30,88 30,68 32,86 32,89 20,35 21,64 Spesa media regionale per innovazione delle imprese 1,22 3,55 3,73 3,75 4,01 2,03 2,01 Incidenza della certificazione ambientale 2,74 3,40 5,01 5,95 8,36 10,05 9,12 2,06 7,71 1,89 7,14 2,89 9,34 Investimenti diretti della regione all'estero (Nuova serie) (a) - 0,05 2,35-0,05 0,02-0,02 0,00-0,94 1,10 1,14 1,25 0,05 0,16 Indice di intensità creditizia (Nuova serie) (a) 30,96 30,02 30,17 30,69 30,86 31,35-43,17 49,80 48,44 56,59 26,77 28,50 Rischio dei finanziamenti 4,69 3,17 1,79 1,88 1,56 1,35 1,89 1,69 1,22 1,53 1,12 2,89 1,95 Turismo nei mesi non estivi 0,95 1,03 1,11 1,07 1,15 1,05-2,24 2,39 2,93 3,14 1,01 1,02 Investimenti diretti netti dall'estero in Italia sul Pil 1,61 0,06 0,10 0,08 0,05 0,07-1,22 1,12 1,12 0,77 0,21 0,05 ASSE V - CITTA' Difficoltà delle famiglie nel raggiungere negozi alimentari e/o mercati 14,72 17,35 16,14 14,60-13,40 14,66 20,59 21,26 19,93 21,66 21,94 20,44 Difficoltà delle famiglie nel raggiungere i supermercati 23,35 29,04 27,02 26,98-24,12 25,70 31,43 30,91 30,75 30,68 32,82 31,39 Utilizzo di mezzi pubblici di trasporto 19,11 20,78 14,26 18,71-15,19 15,70 19,72 18,67 19,29 18,48 20,71 19,10 Trasporto pubblico locale nelle città 93,55 94,28 94,76 96,34 95,23 95,86-161,46 163,40 174,99 173,17 140,49 148,18 Indice di attrattività delle università - 19,81-18,95-19,63-22,68-22,31-24,90-12,69 10,88-22,85-18,69 Indice di attrattività dei servizi ospedalieri 7,90 5,20 4,73 4,52 4, ,89 6,84 4,99 5,22 10,72 9,84 Diffusione del servizio di asilo nido 14,85 39,24 47,62 21,08 Presa in carico degli anziani per il servizio di assistenza domiciliare integrata - 0,52 0,63 0,56 0,72 1,09-2,03 2,91 2,53 3,52 0,93 1,56 Incidenza del costo dell'adi sul totale della spesa sanitaria 0,23 0,26 0,34 0,43 0,55-1,06 1,06 0,98 1,23 1,25 0,77 ASSE VI - RETI E NODI DI SERVIZIO Indice di criminalità diffusa (1) 21,52 18,33 17,48 17,10 16,28 14,58-24,59 25,66 27,75 29,91 19,01 17,91 Indice di criminalità violenta 12,99 12,07 11,85 12,39 14,91 14,47-13,05 18,92 12,06 17,35 14,81 21,78 Indice del traffico merci su ferrovia 24,77 18,25 15,64 15,43 15,40 16,16-50,99 47,11 67,54 61,30 21,72 21,22 Tonnellate di merci in ingresso ed in uscita su strada (a) sul totale delle modalità 76,31 76,02 78,55 72,99 69,77 68,53-93,07 93,22 95,27 95,87 83,91 80,30

6 Indice del traffico merci su strada 17,83 16,37 20,25 15,50 13,34 12,84-20,62 24,91 26,66 32,92 9,94 10,30 Tonnellate di merci in ingresso ed in uscita in navigazione di cabotaggio (a) sul totale delle modalità 22,63 23,13 20,85 26,29 29,43 30,61-4,73 5,08 2,32 2,35 14,26 18,04 Indice del traffico delle merci in navigazione di cabotaggio 528,72 498,13 537,47 558,31 562,72 573,54-104,72 135,76 64,89 80,55 169,00 231,43 Indice del traffico aereo (a) 234, ,18 262,64 287,94 288,07 299,83-158,00 191,39 197,97 234,04 85,22 113,60

ELENCO DEI NUOVI INDICATORI

ELENCO DEI NUOVI INDICATORI ELENCO DEI NUOVI INDICATORI Elenco dei dati e degli indicatori nuovi e aggiornati suddivisi per argomento e tema con l indicazione dell ultimo anno disponibile: DATI E INDICATORI NUOVI Ambiente e Territorio

Dettagli

Donne in Italia e nel Sud. Statistiche in breve

Donne in Italia e nel Sud. Statistiche in breve Donne in Italia e nel Sud Statistiche in breve DEMOGRAFIA 1. numero medio di figli per donna (199 11) 2. speranza di vita alla nascita (6 11) 3. speranza di vita a 6 anni (6 11) LAVORO 4. tasso occupazione

Dettagli

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Aprile 26 I Numeri del Sud segnalano le disparità esistenti

Dettagli

TAVOLE DI OSSERVAZIONE

TAVOLE DI OSSERVAZIONE Presidenza della Giunta TAVOLE DI OSSERVAZIONE Tavole di osservazione Le tabelle di seguito contengono per ciascun obiettivo una prima batteria di indicatori di descrizione e di osservazione dell evoluzione

Dettagli

2.2 Obiettivi di Servizio. Elena CATTE

2.2 Obiettivi di Servizio. Elena CATTE 2.2 Obiettivi di Servizio Elena CATTE 3 1. Progetti realizzati col POR FESR 2. Miglioramento del valore degli indicatori 3. Programmazione della premialità Progetti realizzati 4 col POR FESR Istruzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 INDICATORI DI CONTESTO Novembre 2007 1/26 Indice 1. ALLEGATO I - INDICATORI

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 RAPPORTO

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA

COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA COMUNE DI GIUGLIANO IN CAMPANIA DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA Riiepiillogo iinterventii Struttura strategica SEZIONE I: Inquadramento strategico Interventi ASSE Obiettivo specifico

Dettagli

Dimensione economica. Certificazioni ambientali: ISO 14001 (N di certificazioni ISO 14001 ogni 1.000 imprese attive) Imprese responsabili

Dimensione economica. Certificazioni ambientali: ISO 14001 (N di certificazioni ISO 14001 ogni 1.000 imprese attive) Imprese responsabili Dimensione economica Imprese responsabili Imprese certificate Certificazioni ambientali: ISO 14001 (N di certificazioni ISO 14001 ogni 1.000 imprese attive) Assolvimento funzione creditizia Rapporto impieghi/depositi

Dettagli

Umbria. Figura 1. Popolazione residente in Umbria. (livelli e quote, periodo 1980-2011) (saldi su popolazione, periodo 1991-2011) 20,0 1,6 15,0

Umbria. Figura 1. Popolazione residente in Umbria. (livelli e quote, periodo 1980-2011) (saldi su popolazione, periodo 1991-2011) 20,0 1,6 15,0 9 giugno 2012 Umbria Dinamiche demografiche La popolazione residente in Umbria, in crescita nell ultimo decennio, ha raggiunto 909 mila abitanti nel (1,5 per cento della popolazione italiana; 2,3 per cento

Dettagli

Friuli Venezia Giulia

Friuli Venezia Giulia 11 maggio 2012 Friuli Venezia Giulia Aspetti demografici La popolazione residente, dopo una lunga fase di decrescita, è tornata ad aumentare a partire dal 2000, per raggiungere nel 2011 un valore di circa

Dettagli

Previdenza e welfare nazionale e locale. Chiara Saraceno Honorary Fellow Collegio Carlo Alberto

Previdenza e welfare nazionale e locale. Chiara Saraceno Honorary Fellow Collegio Carlo Alberto Previdenza e welfare nazionale e locale Chiara Saraceno Honorary Fellow Collegio Carlo Alberto Aumenta occupazione femminile e materna, ma paese rimane poco amichevole L Italia rimane uno dei pochi paesi

Dettagli

OBIETTIVI DI SERVIZIO NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Oriana Cuccu Francesca Matalucci Unità di Valutazione degli investimenti pubblici

OBIETTIVI DI SERVIZIO NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Oriana Cuccu Francesca Matalucci Unità di Valutazione degli investimenti pubblici OBIETTIVI DI SERVIZIO NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Oriana Cuccu Francesca Matalucci Unità di Valutazione degli investimenti pubblici Rapporto Rifiuti Urbani 2009 Roma, 28 aprile 2010 COSA SONO GLI

Dettagli

Come si vive in Trentino?

Come si vive in Trentino? Come si vive in Trentino? Il QUARS, la qualità sociale e ambientale dello sviluppo nella Provincia di Trento Duccio Zola campagna Sbilanciamoci! Trento, 24 giugno 2008 La struttura del rapporto Il QUARS,

Dettagli

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO CAPITOLO INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO SOTTOCAPITOLO CODICE TAVOLA DESCRIZIONE TAVOLA delle a livello. Iscrizioni/cancellazioni/stock di registrate/stock di attive

Dettagli

Focus I giovani e il mercato del lavoro

Focus I giovani e il mercato del lavoro Focus I giovani e il mercato del lavoro Per trovare lavoro conviene proseguire gli studi dopo il diploma Nel 2008 77 giovani (25-34 anni) su 100 lavorano o cercano un lavoro (tasso di attività); al sono

Dettagli

www.idescat.cat Cifre della Catalogna Generalitat de Catalunya Governo della Catalogna

www.idescat.cat Cifre della Catalogna Generalitat de Catalunya Governo della Catalogna www.idescat.cat Cifre della Generalitat de Catalunya Governo della POPOLAZIONE Popolazione (1.000) (1) 7 479 46 704 505 730 uomini 49,3 49,3 48,8 donne 51,0 50,8 51,2 Struttura () 0-14 anni 15,9 15,2 15,6

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

STATO LEGGERO IMPRESA PESANTE?

STATO LEGGERO IMPRESA PESANTE? STATO LEGGERO IMPRESA PESANTE? 10 marzo 2004 Dott. Enzo Damin Direttore Risorse Umane Luxottica Group Spa 1 Siamo di fronte a una nuova strategia sociale? E 2 DATI SULLA POPOLAZIONE POPOLAZIONE: 57.5m

Dettagli

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 Provincia di SALERNO BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO 2014 DEFINITIVE DELL'ANNO

Dettagli

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA E CREAZIONE DI PROTOTIPI INNOVATIVI 1 EUROPA

Dettagli

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi

Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi Contabilità Analitica per Missione Programma D.Lgs. 118/2011 Costi 01 Servizi istituzionali, generali e di gestione 01 Organi istituzionali Beni e servizi costo: 157.246,06 Beni e servizi costo: 16.519.667,82

Dettagli

Il Benessere Equo Sostenibile. nella Provincia di CREMONA. Mara Pesaro. Sala Mercanti, 21 ottobre

Il Benessere Equo Sostenibile. nella Provincia di CREMONA. Mara Pesaro. Sala Mercanti, 21 ottobre Il Benessere Equo Sostenibile nella Provincia di CREMONA Mara Pesaro Sala Mercanti, 21 ottobre Prima realizzazione 88 indicatori per 11 dimensioni per 21 province aderenti, le rispettive regioni e l Italia

Dettagli

PROSPETTO DELLE SPESE DI BILANCIO PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI SPESE CORRENTI - PREVISIONI DI COMPETENZA Esercizio finanziario 2013

PROSPETTO DELLE SPESE DI BILANCIO PER MISSIONI, PROGRAMMI E MACROAGGREGATI SPESE CORRENTI - PREVISIONI DI COMPETENZA Esercizio finanziario 2013 SPESE CORRENTI - PREVISIONI DI COMPETENZA Redditi da lavoro dipendente Imposte e tasse a carico Acquisto di beni e servizi Trasferimenti Trasferimenti di tributi Fondi perequativi Interessi passivi redditi

Dettagli

1. LA SITUAZIONE REGIONALE

1. LA SITUAZIONE REGIONALE REGIONE SICILIANA Scheda Progettuale per la rilevazione del fabbisogno di Assistenza Tecnica per la redazione del Piano d Azione Obiettivi di servizio 2007-2013 Gennaio 2008 1. LA SITUAZIONE REGIONALE

Dettagli

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005 Luglio 2005 Il territorio, l'ambiente e il clima e : Indice Il territorio L'ambiente e la climatologia Il profilo demografico della popolazione La popolazione residente e le famiglie Il movimento naturale

Dettagli

Indice delle tavole. Territorio e Ambiente

Indice delle tavole. Territorio e Ambiente Indice delle tavole Territorio e Ambiente 1. 1 Classificazione del territorio regionale sulla base di immagini satellitari 1. 2 Superficie territoriale secondo il grado di sismicità Anni 1996-1. 3 Andamento

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Micaela Fanelli Regione Molise

Micaela Fanelli Regione Molise Forum della PA - Roma, 14 maggio 2008 Gli obiettivi di servizio per i cittadini delle Regioni del Mezzogiorno nel Quadro Strategico Nazionale 2007-2013. Il meccanismo Micaela Fanelli Regione Molise Scaletta

Dettagli

Indice delle tavole. Capitolo 1. Territorio e Ambiente

Indice delle tavole. Capitolo 1. Territorio e Ambiente Indice delle tavole Capitolo 1. Territorio e Ambiente 1. 1 Superficie territoriale per zona altimetrica e regione 1. 2 Classificazione del territorio per grado di sismicità, numero comuni, superficie,

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

Indicatore multidimensionale. dell innovazione, sviluppo e coesione sociale: il posizionamento dell Umbria

Indicatore multidimensionale. dell innovazione, sviluppo e coesione sociale: il posizionamento dell Umbria Indicatore multidimensionale dell innovazione, sviluppo e coesione sociale: il posizionamento dell I S T R U Z I O N E L N A M B I E N T E V O O S V I L U P P O R A O Z S S I C U R E Z Z A O L N Q U A

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Aggiornamento dell indicatore multidimensionale dell innovazione, sviluppo e coesione sociale Sintesi dei risultati (febbraio 2014)

Aggiornamento dell indicatore multidimensionale dell innovazione, sviluppo e coesione sociale Sintesi dei risultati (febbraio 2014) Aggiornamento dell indicatore multidimensionale dell innovazione, sviluppo e coesione sociale Sintesi dei risultati (febbraio 2014) Misurare quanto è 'sviluppato' un paese può essere estremamente difficile.

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Venezia ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI Tav 1.1 - Riepilogo delle imprese registrate e attive per divisione di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei quattro trimestri 2011. Iscrizioni

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2016-2018

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2016-2018 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2016-2018 DISEGNO DI LEGGE DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO 2016-2018 Art. 1 Bilancio

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Programma Operativo Regionale Regione Campania

Programma Operativo Regionale Regione Campania UNIONE EUROPEA Programma Operativo Regionale Regione Campania FESR 2007-2013 N. CCI2007IT161PO009 10 Agosto 2007 INDICE 1. ANALISI DI CONTESTO ------------------------------------------------------------------------------6

Dettagli

La nuova sede inaugurata il 30 novembre 2012 e dedicata al vescovo Eugenio Corecco

La nuova sede inaugurata il 30 novembre 2012 e dedicata al vescovo Eugenio Corecco CATISHOP.CH Via Ceresio 48 Lugano-Pregassona Tel. + 41 (0)91 923.85.49 Fax + 41 (0)91 922.01.77 e-mail: occupazione@caritas-ticino.ch Responsabile d area: Daniela Noris Orari d apertura: LU-VE 10.00-12.00

Dettagli

Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo

Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo 12 gennaio 2010 Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo In un ottica di integrazione, l Istituto nazionale di statistica offre un quadro d insieme dei diversi aspetti economici,

Dettagli

Numeri del Sud 1. Novità 2. Il punto su A. Obiettivi di servizio B. Indicatori con target QSN Temi per le politiche regionali

Numeri del Sud 1. Novità 2. Il punto su A. Obiettivi di servizio B. Indicatori con target QSN Temi per le politiche regionali Numeri del Sud Bollettino statistico Indicatori delle politiche per lo sviluppo Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici e della Direzione generale per la politica

Dettagli

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia 9 maggio 2005 Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale

Dettagli

1. REDDITO MINIMO GARANTITO

1. REDDITO MINIMO GARANTITO 1. REDDITO MINIMO GARANTITO 28% delle famiglie pugliesi vivono in condizioni di povertà relativa La Puglia è al quartultimo posto per reddito medio in Italia Fonte: Dati Svimez 2012 e ISTAT 2013 2. DIRITTO

Dettagli

FONDI EUROPEI 2014-2020

FONDI EUROPEI 2014-2020 FONDI EUROPEI 2014-2020 UNGHERIA Redatto da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Desk Fondi Strutturali Budapest, marzo 2015 1

Dettagli

Le attività umane. Mondadori Education

Le attività umane. Mondadori Education Le attività umane L economia di uno Stato comprende le risorse naturali e le attività lavorative praticate dai suoi cittadini. L economia è divisa in tre settori: primario, secondario, terziario. Il settore

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

Le opportunità economiche del riciclo

Le opportunità economiche del riciclo Le opportunità economiche del riciclo Duccio Bianchi Presidente ASM Pavia coordinatore ricerca End Waste della Fondazione Symbola L Italia, leader europeo nell economia del riciclo L Italia è uno dei leader

Dettagli

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province

Unione regionale delle province del Veneto Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province Unione regionale delle province del Il federalismo e il ruolo e l immagine delle province PARTE PRIMA Il ruolo di coordinamento della Provincia Secondo Lei quanto è importante che la sua Provincia abbia

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI PROGRAMMA DI GEOGRAFIA

LICEO SCIENTIFICO E. FERMI PROGRAMMA DI GEOGRAFIA LICEO SCIENTIFICO E. FERMI PROGRAMMA DI GEOGRAFIA CLASSE I L ANNO SCOLASTICO 2008-2009 Nord e sud Italia: - Il tenore di vita; - La disoccupazione; - La povertà; - La qualità di vita; La condizione della

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Osservatorio infrastrutture, trasporti e ambiente della Regione Lazio Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Dossier conclusivo Maggio 2008 Il presente

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE PARTE I : ENTRATA

BILANCIO PLURIENNALE PARTE I : ENTRATA BILANCIO PLURIENNALE PARTE I : ENTRATA BILANCIO PLURIENNALE 2011-201 Pag. 1 / 20 201012 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2011-201 Avanzo di amministrazione di cui: VINCOLATO FINANZIAMENTO INVESTIMENTI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna stampa. Roma 30 settembre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna stampa. Roma 30 settembre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna stampa Roma 30 settembre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università scuola24.ilsole24ore.com Italia ancora indietro in abbandoni, disoccupazione

Dettagli

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale 1.1.1 Imprese registrate

Dettagli

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020

Sintesi dell Accordo di Partenariato con la Croazia 2014-2020 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sezione per la promozione degli scambi dell Ambasciata d Italia Sintesi dell Accordo di Partenariato con la

Dettagli

OPERAZIONI DI SOSPENSIONE DEI FINANZIAMENTI ( PUNTO 2.A DELL ACCORDO)

OPERAZIONI DI SOSPENSIONE DEI FINANZIAMENTI ( PUNTO 2.A DELL ACCORDO) Allegato B Strumenti finanziari assistiti da agevolazione pubblica cui si applica l accodo per Nuove misure per il credito alle PMI firmato dal Ministero dell Economia e delle Finanze, dal Ministero dello

Dettagli

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014 Relazione sull andamento dell economiaeconomia pisana nel 2013 Pierfrancesco Pacini Pisa, 30 giugno g 2014 Economia internazionale Andamento del PIL nel 2013 (variazioni i i % a valori costanti) Fonte:

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE Pagina di 7 DI PREVISIONE ENTRATE TIPOLOGIA DEFINITIVE 06 07 Fondo pluriennale vincolato per spese correnti previsioni di competenza Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale Utilizzo avanzo

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE Allegato deliberazione Consiglio comunale n. 17 / 2015 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO ANAGRAFE PUBBLICA DEI RIFIUTI Approvato con deliberazione Consiglio comunale n. 17 del 9 marzo 2015 1 Art.

Dettagli

Tabella 1 SWOT Crescita intelligente

Tabella 1 SWOT Crescita intelligente Tabella 1 SWOT Crescita intelligente Forze Debolezze Opportunità Minacce F1) Tenuta del sistema economico provinciale a fronte della crisi fra il 2007 e il 2011 D1) Bassa intensità della spesa pubblica

Dettagli

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese.

Questa lettera aperta vuole informare sulla grave situazione economica dei Comuni e che potrà riversarsi direttamente sui cittadini e le imprese. I COMUNI RISPARMIANO, MA LE AMMINISTRAZIONI CENTRALI SPENDONO. TAGLIARE ANCORA VUOL DIRE TOGLIERE 6 MILIARDI DI EURO ALLE IMPRESE E MOLTI SERVIZI AI CITTADINI. I Comuni sono oggetto di una ingiusta campagna

Dettagli

Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione

Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione Regione Emilia-Romagna Assessorato Politiche Sociali Unioncamere Emilia-Romagna Bologna, 8 ottobre 2013 Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione da Paolino

Dettagli

GLOSSARIO Salute 1 e 2 - Speranza di vita alla nascita: esprime il numero medio di anni che un bambino/a che nasce in un certo anno di calendario può aspettarsi di vivere. Fonte: Istat, Indagine sui decessi

Dettagli

EFFICIENZA E ATTRATTIVITÀ DEL MERCATO IMMOBILIARE. Le principali tendenze del mercato immobiliare italiano e il ruolo degli investitori internazionali

EFFICIENZA E ATTRATTIVITÀ DEL MERCATO IMMOBILIARE. Le principali tendenze del mercato immobiliare italiano e il ruolo degli investitori internazionali EFFICIENZA E ATTRATTIVITÀ DEL MERCATO IMMOBILIARE Le principali tendenze del mercato immobiliare italiano e il ruolo degli investitori internazionali Milano, 28 ottobre 215 Numero indice (21 = 1) Milano,

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE Regione Calabria ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE (Art. 11 e allegato 4/1 decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) CON FUNZIONE

Dettagli

Smart Working ovvero lavoro intelligente senza vincoli spaziali e temporali. E il nuovo modello organizzativo

Smart Working ovvero lavoro intelligente senza vincoli spaziali e temporali. E il nuovo modello organizzativo Febbraio 2014/1 ICT NOTE a cura dell Osservatorio del Polo di Innovazione ICT Calabria Scenari SMART WORKING: modelli di lavoro Intelligenti e Agili INDICE Scenari: SMART WORKING: modelli di lavoro Intelligenti

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI - ANNO 1 Indice delle tavole statistiche A) Spesa a livello regionale per interventi e servizi sociali dei comuni singoli e associati Tavola

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Napoli ha l obiettivo di sintetizzare le

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

La gestione dei rifiuti nell isola d Elba - criticità tecniche ed economiche. Andrea Sbandati Direttore Cispel Toscana Confservizi

La gestione dei rifiuti nell isola d Elba - criticità tecniche ed economiche. Andrea Sbandati Direttore Cispel Toscana Confservizi La gestione dei rifiuti nell isola d Elba - criticità tecniche ed economiche Andrea Sbandati Direttore Cispel Toscana Confservizi La gestione dei rifiuti in un isola turistica La gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

Attuazione del Programma di Governo

Attuazione del Programma di Governo Attuazione del Programma di Governo 17 maggio-17 novembre 2006 Sei mesi di Governo dell Italia Una pubblica amministrazione di qualità Modernizzazione ed efficienza delle amministrazioni pubbliche Tempi

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese

INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese INFRASTRUTTURE VERDI E ATTIVITÀ PRODUTTIVE innovazione, green networks e nuova domanda di lavoro nel mondo delle imprese Domenico Mauriello Responsabile Centro Studi Unioncamere LE INFRASTRUTTURE VERDI:

Dettagli

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza. Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 ORIENTAMENTO PROFESSIONALE E POST-DIPLOMA: incontri con i laureati e i mestieri della conoscenza Centro per l Impiego di Empoli, maggio 2012 IL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA -1 Alcune definizioni: 2 Tasso

Dettagli

1 FONDO DI ROTAZIONE PER LE PMI. Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% per l'innovazione di prodotto e processo.

1 FONDO DI ROTAZIONE PER LE PMI. Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% per l'innovazione di prodotto e processo. 1 FONDO DI ROTAZIONE PER LE PMI. Finanziamento a tasso agevolato fino al 100% per l'innovazione di prodotto e processo. SETTORI DI ATTIVITÀ: Industria, Servizi/No Profit SPESE FINANZIATE: Attrezzature

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE

FONDAZIONE CARIPARMA. Espr.it. la comunità genera nuovo welfare. Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE FONDAZIONE CARIPARMA Espr.it la comunità genera nuovo welfare Alcuni dati sulla provincia di Parma EDUCAZIONE E ISTRUZIONE 1 Scuole per l infanzia Servizi educativi per la prima infanzia Indice di copertura

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010)

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) 20 ottobre 2010 Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla quattordicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

P.R.I.N. 2008-2010 Progetto di Territorio Coordinatore Nazionale: Alberto Magnaghi

P.R.I.N. 2008-2010 Progetto di Territorio Coordinatore Nazionale: Alberto Magnaghi Consumi e utilizzo di suolo agricolo: alcuni dati per riflettere uso del suolo in Sicilia: la Superficie Agricola Utilizzata in Sicilia èdi 1.250.703 ettari 63,5% territorio agricolo 23,8% ambienti naturali

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Capitolo 19 - AMBIENTE

Capitolo 19 - AMBIENTE Capitolo 19 - AMBIENTE Tab. 19.1 - Consumi di energia elettrica per settore di attività economica (milioni di kwh). Anno 2013 2013 Province e regioni Agricoltura Industria Terziario* Domestico Totale Torino

Dettagli

7. Le infrastrutture

7. Le infrastrutture 77 le infrastrutture 7. Le infrastrutture 7.1 LA SPESA PUBBLICA NEL MEZZOGIORNO Alcune recenti analisi e valutazioni strutturali (1) hanno evidenziato che a partire dal 2000 gli investimenti fissi lordi

Dettagli

La classifica delle regioni italiane... 4. I ranking indicatore per indicatore... 13

La classifica delle regioni italiane... 4. I ranking indicatore per indicatore... 13 GREEN ITALIA? INDICE DI GREEN ECONOMY E CLASSIFICA DELLE REGIONI ITALIANE SETTEMBRE 2010 SOMMARIO Introduzione... 1 L indice di Green Economy (IGE)... 2 La classifica delle regioni italiane... 4 I ranking

Dettagli

Economia, occupazione e qualità della vita nella provincia di Vercelli Un confronto con la situazione piemontese e nazionale

Economia, occupazione e qualità della vita nella provincia di Vercelli Un confronto con la situazione piemontese e nazionale PROVINCIA DI VERCELLI Ufficio Studi e Statistica, Controllo di Gestione Economia, occupazione e qualità della vita nella provincia di Vercelli Un confronto con la situazione piemontese e nazionale Gennaio

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

CONSULTA LE STATISTICHE

CONSULTA LE STATISTICHE CONSULTA LE STATISTICHE LISTA DEGLI INDICATORI DICEMBRE 2011 AMBIENTE E TERRITORIO Elenco dei nuovi indicatori e di quelli aggiornati suddivisi per tema con l indicazione del territorio minimo di riferimento

Dettagli

TAB 3.1 Consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per i capoluoghi di provincia

TAB 3.1 Consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per i capoluoghi di provincia TAB 3.1 Consumo di gas metano per uso domestico e per riscaldamento per i capoluoghi di provincia Anni 2000 2006 (Mc per abitante) COMUNI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 L'Aquila 463,3 558,6 511,9 583,7

Dettagli

La formazione delle competenze per lo sviluppo della Toscana

La formazione delle competenze per lo sviluppo della Toscana La formazione delle competenze per lo sviluppo della Toscana Il confronto nazionale e internazionale Enrico Conti Aula Magna PIN Polo Universitario Città di Prato 12 dicembre 2014 FSE Investiamo nel vostro

Dettagli

Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi

Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi Lo scenario italiano di prevenzione e riciclo alla luce della direttiva europea Duccio Bianchi Economia circolare al 100% Spreco Zero e Rifiuti zero da visioni utopiche e radicali si sono trasformate in

Dettagli

Programma Operativo Regionale Sicilia 2007-2013 Decisione CE C (..) REGIONE SICILIANA. Fondi strutturali Regolamento (CE) n.

Programma Operativo Regionale Sicilia 2007-2013 Decisione CE C (..) REGIONE SICILIANA. Fondi strutturali Regolamento (CE) n. UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REGIONE SICILIANA Fondi strutturali Regolamento (CE) n. 1083 del 2006 Quadro Strategico Nazionale per le regioni italiane dell obiettivo Convergenza

Dettagli