ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009"

Transcript

1 ANALISI DEI DATI IVA ANNO D IMPOSTA 2009

2 IVA In questo paragrafo vengono esposti i dati sintetici che riguardano le dichiarazioni Iva presentate con il modello Unico 2010 e quelle inviate in forma autonoma (eccetto quelle di soggetti domiciliati e residenti all'estero e privi di stabile organizzazione). A partire dall anno d imposta 2009 è stato introdotto il modello IVA BASE/2010 1, una versione semplificata del modello di dichiarazione annuale Iva, che può essere utilizzato dai contribuenti che presentano la dichiarazione Iva con il modello Unico. Tale modello è stato utilizzato da circa soggetti (pari all 1,2% del totale contribuenti Iva) e sono prevalentemente persone fisiche. Inoltre le nuove disposizioni in materia di compensazione orizzontale dei crediti IVA contenute nel D.L. 78/2009, hanno previsto la possibilità di compensare crediti Iva superiori a euro a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale o dell istanza di compensazione dell IVA trimestrale. Per l applicazione di tale disposizione è stato necessario consentire ai contribuenti che intendono utilizzare il credito Iva in compensazione, di non comprendere la dichiarazione Iva annuale nel modello Unico. Pertanto le dichiarazioni Iva presentate in via autonoma nel 2010 (a.i. 2009) sono state circa con notevole incremento rispetto alle circa dell'anno precedente. Numero di contribuenti e tipo di soggetto Sono circa i contribuenti che hanno presentato la dichiarazione IVA per l anno d imposta Dai dati disponibili attraverso la navigazione dinamica alla voce IVA si rileva un complessivo decremento della numerosità dei contribuenti (-1,62%) rispetto all anno precedente, dovuto principalmente alla mancata presentazione della dichiarazione da parte dei soggetti in regime dei minimi 2, la cui adesione nel 2009 è in crescita del 23,8% rispetto all anno precedente. Il calo dei contribuenti appare evidente tra le persone fisiche (-3,91%), tra le società si conferma la contrazione delle società di persone e la crescita costante delle società di capitali, andamento riportato nel grafico 1 in cui, peraltro, si nota la sovrapponibilità delle società nelle due annualità 2008 e Il modello semplificato può essere utilizzato dai tutti i soggetti IVA (persone fisiche e non) che nel corso del 2009 non hanno applicato gli specifici criteri dettati dai regimi speciali IVA, non hanno effettuato operazioni con l estero, acquisti e importazioni senza l applicazione dell imposta avvalendosi dell istituto del plafond e non hanno partecipato a operazioni straordinarie o trasformazioni sostanziali soggettive. 2 Tale regime è stato utilizzato nel 2009 da circa soggetti.

3 Dal grafico 1A è importante rilevare la contrazione delle società di capitali nelle classi di volume d affari più elevate ed un incremento nelle classi più basse (fino a euro), probabile effetto della crisi economica che nel 2009 manifesta appieno i suoi effetti con un calo del 3% del Pil nominale e del 5% del Pil reale, mentre per le persone fisiche si ha una generale contrazione in tutte le classi. GRAF. 1 - DISTRIBUZIONE DEL NUMERO CONTRIBUENTI PER CLASSI DI VOLUME D'AFFARI ditte individuali 2008 società 2008 ditte individuali 2009 società fno a zero da 0 a da a da a da a da a da a da a da a da a da a da a oltre GRAF. 1A - VARIAZIONE PERCENTUALE DEL NUMERO DI CONTRIBUENTI PER CLASSI DI VOLUME D'AFFARI ,00 10,00 0,00-10,00-20,00-30,00-40,00 fno a zero da 0 a da a da a da a da a da a da a da a da a da a da a oltre ditte individuali società -50,00-60,00-70,00 Il 93,96% dei contribuenti Iva è in regime normale ed è preponderante il numero delle ditte individuali (59,31%).

4 Analisi delle principali grandezze Nel presente paragrafo si analizzano le principali grandezze Iva rispetto alle seguenti variabili di classificazione: volume d'affari, tipo soggetto, attività economica e territorio. Dall analisi dimensionale si evidenzia come l'1,09% dei contribuenti (con volume d'affari oltre euro) detenga circa il 68% del totale del volume d'affari. Dal grafico 2, che rappresenta le quote percentuali delle principali grandezze Iva per tipo soggetto, si evince che l 83% del volume d affari complessivo proviene dalle società di capitali. GRAF. 2 - PRINCIPALI GRANDEZZE IVA PER TIPO SOGGETTO 90,00% 80,00% 82,57% 76,35% 70,00% 60,00% 59,31% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 8,57% 13,69% 18,64% 8,14% 9,61% 21,03% 1,01% 0,72% 0,35% 0,00% Ditte individuali Societa' di persone Societa' di capitali Enti non commerciali % CONTRIBUENTI % VOLUME D'AFFARI % IVA DI COMPETENZA

5 Dal confronto con l anno precedente emerge che sia il volume d affari complessivo dichiarato (pari a miliardi di euro) che gli acquisti ed importazioni (pari a miliardi di euro) hanno subito una forte contrazione rispettivamente dell 11,86% e del 14,01%, determinando una riduzione del valore aggiunto fiscale del 3,12% in linea con l andamento economico negativo. L iva di competenza, intesa come saldo tra imposta dovuta e imposta a credito, mostra invece un incremento del 3,83%, effetto della maggiore contrazione degli acquisti rispetto alle cessioni. Tale fenomeno è prevalente nelle società di capitali, dove la forte contrazione degli acquisti è presumibilmente attribuibile alle minori aspettative di vendita, vista la fase congiunturale negativa, e quindi all utilizzo delle rimanenze di magazzino. Le considerazioni sopra menzionate sono evidenziate nel grafico 2A. GRAF. 2A VARIAZIONE PERCENTUALE DELLE PRINCIPALI GRANDEZZE IVA PER TIPO SOGGETTO ,00 6,00 4,00 2,00 0,00-2,00-4,00-6,00-8,00-10,00-12,00-14,00 6,31% 4,35% 0,40% -0,82% -2,11% -2,58% -4,05% -4,41% -3,42% -9,18% -12,01% -12,18% Ditte individuali Societa' di persone Societa' di capitali Enti non commerciali %CONTRIBUENTI % VOLUME D'AFFARI % IVA DI COMPETENZA

6 Relativamente alle 21 sezioni di attività economica sono interessanti alcune considerazioni: - il ``Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli'' è il settore più rappresentativo della platea di contribuenti (25% - grafico 2B) e detiene la quota maggiore sia del volume d affari (29%) che dell iva di competenza (33%); - dal confronto con l anno precedente emerge che la forte riduzione del volume d affari (-400 miliardi di euro) è attribuibile per il 70% a due settori: Attività manifatturiere (-205 miliardi di euro) ed il ``Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli'' (- 81 miliardi di euro); - l'iva di competenza di alcuni settori economici risulta negativa e pertanto ci sono delle sezioni di attività a credito come nel 2008: `Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione', ``Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria'', ``Agricoltura, silvicoltura e pesca.

7 IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO 2010 (anno d'imposta 2009) GRAF. 2B - NUMERO DI CONTRIBUENTI PER SEZIONI DI ATTIVITA' Agricoltura, silvicoltura e pesca Estrazione di minerali da cave e miniere Attivita' manifatturiere Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata Fornitura di acqua; reti fognarie, attivita' gestione rifiuti e risanamento Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli Trasporto e magazzinaggio Attivita' dei servizi di alloggio e di ristorazione Servizi di informazione e comunicazione Attivita' finanziarie e assicurative Attivita' immobiliari Attivita' professionali, scientifiche e tecniche Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria Istruzione Sanita' e assistenza sociale Attivita' artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento Altre attivita' di servizi Attivita' di famiglie e convivenze Organizzazioni ed organismi extraterritoriali Attivita' non classificabile Dal punto di vista territoriale, per regione e per area geografica, si osserva come il nord-ovest copra il 38,35% del volume d'affari complessivo e produca il 43,62% dell'iva di competenza, mentre l'incidenza di coloro che dichiarano imposta è minore nel sud e nelle isole con appena il 9,11%. Dal confronto con l anno precedente emerge che il nord-ovest ha subito un decremento del volume d affari (-14,19%) maggiore rispetto al dato nazionale (-11,86%).

8 Liquidazione dell imposta annuale Come già anticipato nell ambito delle principali grandezze, il saldo tra Imposta dovuta e Imposta a credito (Iva di competenza o Iva annuale), mostra un incremento del 3,83% rispetto al Una corretta interpretazione di tale risultato, richiede un attenta analisi sia del minuendo che del sottraendo che concorrono alla determinazione della variabile. Ciò comporta, sostanzialmente, l esame delle principali componenti della liquidazione dell imposta. Versamenti dichiarati Le operazioni di liquidazione dell imposta vengono effettuate mensilmente o trimestralmente e poi annualmente all atto della presentazione della dichiarazione annuale. Dalla liquidazione può risultare un credito o un versamento che deve essere effettuato in un unica soluzione entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione. La somma dei versamenti periodici, degli acconti e del saldo fornisce l ammontare dei versamenti totali. Confrontando il totale dei versamenti effettuati nel 2008 e nel 2009 si osserva che l ammontare è diminuito del 3,47% passando dai circa 104 miliardi ai 101 miliardi di euro. Crediti dichiarati Si ha un credito ogni qualvolta la differenza tra Iva a debito e Iva detraibile risulta negativa. Confrontando il Totale Iva a credito nel 2009 e nel 2008 si rileva come tale variabile si sia fortemente contratta (-13,88%) passando dai circa 50 miliardi ai 43 miliardi di euro. Con riferimento al credito da computare in detrazione e/o in compensazione nell anno successivo l ammontare complessivo è risultato pari a milioni; mentre il credito richiesto a rimborso è stato pari a milioni ripartito in milioni come rimborso annuale e milioni come rimborso infrannuale ; i rimborsi infrannuali non vengono contabilizzati nel Totale Iva a credito risultante dalla dichiarazione, in quanto parte integrante della liquidazione d imposta.

9 Confrontando le due variabili con il 2008 si nota che: l importo da Computare in compensazione e/o in detrazione nell anno successivo ha subito un decremento del 14,17% (da a milioni), i rimborsi annuali dell 11,80% (da a milioni). Tali rilevanti riduzioni si ritengono possano essere giustificate da diversi fattori, tra i quali si segnalano: la crisi economica ed il conseguente clima di sfiducia che ha generato un importante contrazione degli acquisti con un maggior utilizzo delle rimanenze di magazzino; la forte diminuzione degli investimenti fissi lordi (-12,1% in termini reali) che ha determinato una brusca frenata nella crescita dello stock di capitale netto in termini reali 3 ; la marcata diminuzione delle importazioni, in linea con la caduta degli scambi internazionali; la rinnovata attività di contrasto al fenomeno delle indebite compensazioni, perseguita, oltre che con interventi specifici, in occasione dell ordinaria attività di controllo sostanziale, mediante il riscontro dell esistenza dei crediti utilizzati nei modelli unificati di pagamento per compensare i debiti di imposta e contributivi. Ciò è avvenuto in particolare con l introduzione di nuove regole per compensare nel modello F24 i crediti Iva vantati dalle imprese e dai lavoratori autonomi 4, introdotte dal D. L. 78/2009 (cosiddetta manovra estiva ) in vigore a partire dal 01/01/ Fonte Istat Statistiche in breve - Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale ed ammortamenti. 4 In estrema sintesi: o il credito Iva per le compensazioni di importo complessivo superiore a , diviene utilizzabile soltanto dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione da cui emerge tale credito; o il credito Iva utilizzabile per le compensazioni di importo complessivo superiore a , diviene utilizzabile soltanto previa richiesta di un Visto di conformità ai soggetti abilitati al rilascio che accertino e attestino l esistenza di detto credito. Anche tale credito è in ogni caso utilizzabile soltanto dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione; o l inammissibilità dell istituto del ravvedimento operoso, nonché le riduzioni delle sanzioni per indebite compensazioni (sono applicate le sanzioni piene ).

10 I successivi grafici, relativi all ammontare del Credito da computare in compensazione e/o in detrazione nell anno successivo, mostrano le variazioni percentuali rispetto all anno precedente e la composizione percentuale 2009 per le seguenti variabili di classificazione: tipo soggetto, volume d affari, macro settori di attività economica e area geografica. Nel complesso le esposizioni grafiche consentono di evidenziare alcuni aspetti. Oltre il 75% di tale ammontare è prodotto dalle Società di capitali, prevalentemente di grandi dimensioni. I settori dove maggiormente si è riscontrata una contrazione sono quelli dell industria 5 (-20,98%) e delle costruzioni (-13,87%) infine si riscontra come l area geografica del centro Italia risulta essere quella che risente in misura minore del fenomeno della contrazione dei crediti (-8,13% rispetto al -14,17% nazionale). 5 Il settore maggiormente colpito dalla congiuntura sfavorevole appare quello industriale, nel quale, infatti, lo stock di capitale netto registra una diminuzione dello 0,5 per cento rispetto all anno precedente (fonte Istat)

11 GRAF. 3 CREDITO IVA 2009 DA UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE E/O DETRAZIONE NELL ANNO SUCCESSIVO 0,00-0,02-0,04-0,06 VARIAZIONE % RISPETTO ALL'ANNO PRECEDENTE PER TIPO SOGGETTO Ditte individuali Societa' di persone Societa' di capitali Enti non commerciali -3,89% COMPOSIZIONE % DELL'AMMONTARE DEL CREDITO 2009 PER TIPO SOGGETTO Societa' di capitali; 76,24% -0,08-0,10-0,12-11,85% Societa' di persone; 10,99% Ditte individuali; 10,55% Enti non commerciali; 2,22% -0,14-0,16-14,19% -14,74%

12 GRAF. 3A CREDITO IVA 2009 DA UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE E/O DETRAZIONE NELL ANNO SUCCESSIVO 0,00-0,05-0,10 VARIAZIONE % RISPETTO ALL'ANNO PRECEDENTE PER CLASSI DI VOLUME D'AFFARI fino a zero da 0 a da a oltre ,01% -5,49% COMPOSIZIONE % DELL'AMMONTARE DEL CREDITO 2009 PER CLASSI DI VOLUME D'AFFARI da a ; 17,56% -0,15-12,93% da 0 a ; 20,44% oltre ; 49,97% -0,20-20,12% fino a zero; 12,04% -0,25 classi di volume d'affari in euro

13 GRAF. 3B CREDITO IVA 2009 DA UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE E/O DETRAZIONE NELL ANNO SUCCESSIVO VARIAZIONE % RISPETTO ALL'ANNO PRECEDENTE PER MACRO SETTORI DI ATTIVITA' COMPOSIZIONE % DELL'AMMONTARE DEL CREDITO 2009 PER MACRO SETTORI DI ATTIVITA' 0,00-0,05-0,10 AGRICOLTURA -3,32% INDUSTRIA COSTRUZIONI COMMERCIO,TRASPORTI E COMUNICAZIONI CREDITO E ALTRI SERVIZI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COSTRUZIONI; 20,08% COMMERCIO, TRASPORTI E COMUNICAZIONI; 26,68% -0,15-0,20-13,87% -11,00% -11,60% -12,90% INDUSTRIA; 24,49% AGRICOLTURA; 3,68% PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ; 3,24% CREDITO E ALTRI SERVIZI ; 21,83% -20,98% -0,25

14 GRAF. 3C CREDITO IVA 2009 DA UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE E/O DETRAZIONE NELL ANNO SUCCESSIVO VARIAZIONE % RISPETTO ALL'ANNO PRECEDENTE PER AREA GEOGRAFICA COMPOSIZIONE % DELL'AMMONTARE DEL CREDITO 2009 PER AREA GEOGRAFICA 0,00 nord ovest nord est centro sud isole -0,05 nord est; 20,62% centro; 24,29% -0,10-8,13% -0,15-16,39% -11,25% -12,29% nord ovest; 33,90% isole; 5,89% sud; 15,30% -0,20-19,34% -0,25

15 Iva per cassa L art. 7 del D.L. n. 185/2008 ha introdotto la possibilità di versare l Iva al momento dell incasso delle fatture ed esercitare il diritto alla detrazione del tributo assolto sugli acquisti al momento del pagamento, generalizzando, sia pure con alcune differenze, il meccanismo dell esigibilità differita previsto per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate nei confronti dello Stato e degli altri Enti pubblici. In base a tale meccanismo le fatture devono essere emesse e registrate nei termini ordinari, invece il tributo deve essere contabilizzato a debito solo nel momento in cui avviene l incasso del corrispettivo. Analogamente il differimento riguarda anche gli acquisti e, pertanto, il diritto alla detrazione dell Iva assolta può essere esercitato al momento del pagamento delle fatture. Tuttavia, diversamente da quanto previsto per le prestazioni effettuate nei confronti dello Stato o altri Enti pubblici, il tributo diviene comunque esigibile, indipendentemente dal pagamento del corrispettivo, decorso un anno dall effettuazione dell operazione. La dichiarazione IVA 2010, relativa all anno d imposta 2009, prevede un apposito campo in cui evidenziare le operazioni disciplinate dall art. 7 del D.L. n. 185/2008: più precisamente sono riportate solo quelle per le quali il pagamento risulta differito all anno successivo. I contribuenti che hanno compilato tale campo sono circa per un imponibile di circa 650 milioni di euro.

16 Operazioni imponibili nei confronti di consumatori finali e di soggetti titolari di partita Iva La compilazione del quadro VT consente di avere informazioni sulla ripartizione delle operazioni imponibili tra operazioni effettuate verso consumatori finali e/o quelle effettuate verso soggetti Iva. Si ricorda che dal 2006 è obbligatoria la ripartizione territoriale delle operazioni imponibili effettuate nei confronti dei consumatori finali. Anche nel 2009 continua la diminuzione dei soggetti che compilano il quadro VT (-2,42%), attribuibile principalmente alla mancata presentazione della dichiarazione da parte dei nuovi soggetti che hanno aderito al regime dei minimi. Il successivo grafico riporta sia la composizione percentuale del numero di soggetti per tipologia di operazioni (verso consumatori finali, verso soggetti Iva e vendite miste) e la composizione percentuale dell'ammontare delle cessioni imponibili suddiviso tra quelle verso consumatori finali e soggetti Iva.

17 GRAF. 4 - TOTALE DICHIARAZIONI CON OPERAZIONI IMPONIBILI DA QUADRO VT COMPOSIZIONE PERCENTUALE DEL NUMERO DI SOGGETTI IN BASE ALLE OPERAZIONI EFFETTUATE VERSO CONSUMATORI FINALI E/O SOGGETTI IVA esclusivamente verso soggetti IVA 43,34% Vendite miste 39,44% esclusivamente verso consumatori finali 17,22% COMPOSIZIONE PERCENTUALE DELL'AMMONTARE DELLE OPERAZIONI IMPONIBILI Verso consumatori finali 21,38% Verso soggetti IVA 78,62%

18 Dal confronto con l anno precedente emerge una contrazione dell 1,20% delle operazioni imponibili verso consumatori finali e di circa l 11% verso soggetti Iva. L analisi per macro settori di attività evidenzia che nel settore industria si è verificata la maggiore contrazione delle operazioni verso soggetti iva, mentre nel settore costruzioni si è verificato la maggiore contrazione delle operazioni verso consumatori finali. Il settore della pubblica amministrazione, invece, presenta una crescita sia delle operazioni verso consumatori finali (+20,06%) che verso soggetti iva (+7,69%). 6 GRAF. 5 - VARIAZIONE PERCENTUALE DELLE CESSIONI IMPONIBILI VERSO CONSUMATORI FINALI E SOGGETTI IVA PER MACRO SETTORE ,00 20,00 20,05 15,00 10,00 6,39% 7,69 5,00 0,00-5,00 AGRICOLTURA INDUSTRIA COSTRUZIONI COMMERCIO,TRASPORTI E COMUNICAZIONI CREDITO E ALTRI SERVIZI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE -10,00-15,00-20,00-8,12% -3,48% -4,74% -0,48% -10,13% -9,81% -14,05% -2,53-5,68 CESSIONI A CONSUMATORI FINALI CESSIONI A SOGGETTI IVA 6 Tale andamento è in linea con quanto riportato nel Rapporto Annuale Istat 2009 al paragrafo Il diverso impatto della crisi sui settori produttivi : gli impulsi recessivi si sono concentrati nel settore delle costruzioni e in quello manifatturiero, al cui interno hanno maggiormente sofferto i comparti più esposti alla contrazione della domanda estera, soprattutto quello dei beni di investimento. Anche alcuni settori dei servizi connessi all attività delle imprese hanno risentito della recessione in maniera acuta, mentre sono rimasti relativamente poco coinvolti dalla crisi quelli attivati dalla domanda delle famiglie e del settore pubblico.

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

FORMAZIONE Formazione, in arrivo due milioni di euro Corriere della Sera pag. 33 del 01/06/2016

FORMAZIONE Formazione, in arrivo due milioni di euro Corriere della Sera pag. 33 del 01/06/2016 mercoledì 1 giugno 2016 FORMAZIONE Formazione, in arrivo due milioni di euro Corriere della Sera pag. 33 del 01/06/2016 PROFESSIONE Professionisti, tengono i ricavi Italia Oggi pag. 32 del 01/06/2016 Professionisti,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE 3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE L analisi in chiave congiunturale della demografia delle imprese deve essere presa con cautela: le decisioni relative all avvio o alla cessazione di un attività

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Questionario Merito Creditizio Cliente

Questionario Merito Creditizio Cliente Questionario Merito Creditizio Cliente COGNOME NOME CODICE FISCALE DATA DI NASCITA LUOGO DI RESIDENZA INDIRIZZO TIPO DOCUMENTO NUMERO DOCUMENTO DATA RILASCIO DOCUMENTO DATA SCADENZA DOCUMENTO RECAPITO

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 01: aggiornamento al 31/0/01 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE 17 giugno 2015 I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE A partire dalla data odierna l Istat arricchisce gli indicatori del lavoro nelle imprese con la diffusione degli indici, generale e settoriali,

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1

Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga. 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga 31 marzo 2012 Istanze di accesso 1 Nota introduttiva Il primo trimestre del 2012 registra 1563 domande di accesso alla Cassa

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

ACCONTO IVA SCHEMA DI SINTESI. Versamento IVA per il mese di dicembre dell'anno precedente. x 88% = Al lordo dell'acconto IVA versato lo scorso anno.

ACCONTO IVA SCHEMA DI SINTESI. Versamento IVA per il mese di dicembre dell'anno precedente. x 88% = Al lordo dell'acconto IVA versato lo scorso anno. SOMMARIO TO SCHEMA DI SINTESI GENERALITÀ SCRITTURE CONTABILI METODI POSSIBILI PRINCIPALI ESCLUSIONI ESEMPI DI SCOMPUTO DELL ACCON APPENDICE SUL METODO ALTERNA TIVO ESEMPI DI COMPILAZIONE MOD. F2 RAVVEDIMENTO

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/.

COMUNICATO STAMPA. - Reddito complessivo dichiarato. prodotte dall Istat e disponibili sul sito http://www.istat.it/. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1

COMUNICATO STAMPA. locazione, assoggettati a tassazione sostitutiva (cedolare secca). Si segnala che in questa definizione non rientrano 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2012, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti.

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti. Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 giugno 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 giugno 2013,

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 aprile 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 aprile 2013,

Dettagli

4. Lavoro e previdenza

4. Lavoro e previdenza 4. Lavoro e previdenza L economia dell area pratese è strettamente legata all andamento del settore tessile/abbigliamento, come dimostra il fatto che le aziende di questo settore costituiscono il circa

Dettagli

Serie storiche di indicatori economici congiunturali

Serie storiche di indicatori economici congiunturali Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Dicembre 2015 Serie storiche di indicatori economici congiunturali In questo rapporto si

Dettagli

I SERVIZI AL LAVORO DEI CENTRI PER L IMPIEGO: PRESELEZIONE E INCONTRO DOMANDA - OFFERTA NEL PRIMO SEMESTRE 2011. (a cura di Donata Orlati)

I SERVIZI AL LAVORO DEI CENTRI PER L IMPIEGO: PRESELEZIONE E INCONTRO DOMANDA - OFFERTA NEL PRIMO SEMESTRE 2011. (a cura di Donata Orlati) I SERVIZI AL LAVORO DEI CENTRI PER L IMPIEGO: PRESELEZIONE E INCONTRO DOMANDA - OFFERTA NEL PRIMO SEMESTRE 2011 (a cura di Donata Orlati) I Centri per l Impiego provinciali, nell ambito dei servizi al

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 29.08.2013, 9:15 4 Economia N. 0352-1309-30 Conti economici nazionali della Svizzera nel 2012 Nel 2012

Dettagli

Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente

Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente Fiscalità di vantaggio per le piccole e micro imprese del Sulcis Iglesiente Aggiornamento al 15 ottobre 2015 Sintesi dell intervento L applicazione del regime fiscale e contributivo di Zona Franca Urbana

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Glossario Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Forze di lavoro: comprendono le persone occupate e quelle in cerca di occupazione. Occupati: comprendono le persone

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

Acconto Iva al 27 dicembre 2013

Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero 237/2013 Pagina 1 di 10 Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero : 237/2013 Gruppo : IVA Oggetto : ACCONTO IVA Norme e prassi : ART. 6, LEGGE N. 405/90; RISOLUZIONE AGENZIA ENTRATE N. 157/2004. Sintesi

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI L aliquota IVA al % e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L ALIQUOTA IVA AL % E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOVITÀ: L art., comma -bis, D.L. n. 8/0, c.d. Manovra di Ferragosto ha aumentato

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Analisi statistiche Enti Non Commerciali Anno d imposta 2004

Analisi statistiche Enti Non Commerciali Anno d imposta 2004 Analisi statistiche Enti Non Commerciali Anno d imposta 2004 - La natura degli enti non commerciali - Le attività - Gli enti non commerciali e l IRES - Una visione d insieme La natura giuridica degli enti

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 1. Introduzione... 11 2. L Iva Principali fonti normative... 11 3. Campo di applicazione... 12 3.1 Presupposto oggettivo Cessioni di beni... 13 3.2

Dettagli

RESIDENZA DOMICILIO (se diverso dalla residenza)

RESIDENZA DOMICILIO (se diverso dalla residenza) Cognome Nome Sesso Data di nascita Comune di nascita Provincia di nascita Codice fiscale Condizione occupazionale (selezionare una tipologia) n Inoccupato (in cerca di prima occupazione) n Occupato (compreso

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

TAX CREDIT E TERRITORI Film Commission training. Italian Film Commissions Torino, 15 dicembre 2012

TAX CREDIT E TERRITORI Film Commission training. Italian Film Commissions Torino, 15 dicembre 2012 TAX CREDIT E TERRITORI Film Commission training Italian Film Commissions Torino, 5 dicembre 202 Le agevolazioni fiscali in Italia: Percorso normativo 2007 Introduzione Legge Finanziaria 2008 24 dicembre

Dettagli

DICHIARAZIONE IVA 2010

DICHIARAZIONE IVA 2010 SOMMARIO FILMATO VideoFisco 20.01.2010 Info al n. 0376-775130 SINTESI DEGLI ADEMPIMENTI CASI PARTICOLARI NOVITÀ NELLA COMPILAZIONE DEL MODELLO DICHIARAZIONE IVA 2010 Provv. Ag. Entrate 15.01.2010 - D.P.R.

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Il Punto sull Iva Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Premessa Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate di data 15 gennaio 2010

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O Baschi 27 novembre 2012 VERSAMENTO DELL IVA DOPO LA RISCOSSIONE DEL CORRISPETTIVO (Art. 32 bis D.L. 83/2012 Decreto Min. Economia del 11 ottobre 2012 Provvedimento Direttore Agenzia Entrate n. 165764/2012

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica I trimestre 2016 (gennaio-marzo 2016)

COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica I trimestre 2016 (gennaio-marzo 2016) 10 maggio 2016 COMUNICATO STAMPA Bollettino di statistica I trimestre 2016 (gennaio-marzo 2016) L Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica comunica la sintesi dei principali aggiornamenti dei

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Struttura e dimensione delle imprese Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anno 2008

Struttura e dimensione delle imprese Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anno 2008 3 giugno 2010 Struttura e dimensione delle imprese Archivio Statistico delle Imprese Attive (Asia) Anno 2008 Direzione Centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Piemonte. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Piemonte Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

CHIUSURA IVA ANNO D'IMPOSTA 2013

CHIUSURA IVA ANNO D'IMPOSTA 2013 SCHEDA INFORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA CHIUSURA IVA ANNO D'IMPOSTA 2013 DOCUMENTI DA ALLEGARE: CHIUSURA ANNUALE IVA ANNO 2013 COMPRENSIVA DI RIEPILOGHI (ACQUISTI, VENDITE, CORRISPETTIVI)

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente descrittiva e non esaustiva dei contenuti dell avviso

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

ANALISI DEI DATI IRPEF ANNO D IMPOSTA 2011

ANALISI DEI DATI IRPEF ANNO D IMPOSTA 2011 ANALISI DEI DATI IRPEF ANNO D IMPOSTA 2011 Persone fisiche Persone fisiche titolari di partita Iva* Società di persone* * in allestimento Persone fisiche Indice Premessa Numero di contribuenti e tipo di

Dettagli

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007

Misure globali della progressività, dell incidenza e della redistribuzione dell imposta Irpef a.i. 2001-2007 Ministero Dell Economia e delle Finanze Dipartimento delle Finanze Direzione Studi e Ricerche Economico Fiscali Statistiche Fiscali Approfondimenti febbraio 2010 Misure globali della progressività, dell

Dettagli

CINEMA E INDUSTRIA. Capitali Privati e Benefici Fiscali

CINEMA E INDUSTRIA. Capitali Privati e Benefici Fiscali CINEMA E INDUSTRIA Capitali Privati e Benefici Fiscali LA FILIERA CINEMATOGRAFICA SVILUPPO PRODUZIONE PROMOZIONE DISTRIBUZIONE PRE PRODUZIONE PRODUZIONE (RIPRESE) POST PRODUZIONE ITALIA SALA H.E. TV ALTRE

Dettagli

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S

G P P N D R 7 1 P 1 4 L 7 2 7 S G P P N D R P L S MODELLO IVA 0 Periodo d imposta 0 QUADRO VE DETERMINAZIONE DEL VOLUME D AFFARI E DELLA IMPOSTA RELATIVA ALLE OPERAZIONI IMPONIBILI Sez. - Conferimenti di prodotti agricoli e cessioni

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

L ACCONTO IVA 2015 METODI PER LA DETERMINAZIONE ACCONTO IVA 2015 STORICO PREVISIONALE OPERAZIONI EFFETTUATE METODO STORICO

L ACCONTO IVA 2015 METODI PER LA DETERMINAZIONE ACCONTO IVA 2015 STORICO PREVISIONALE OPERAZIONI EFFETTUATE METODO STORICO L ACCONTO IVA 2015 Come noto, nel mese di dicembre scade il versamento dell acconto IVA, relativamente: al mese di dicembre, per i contribuenti mensili; al quarto trimestre, per i contribuenti trimestrali

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli