II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO"

Transcript

1 PARTE PRIMA II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO 1. Classificazione Fonti di produzione del diritto ecclesiastico: fonti di provenienza unilaterale statale: norme che lo Stato emana direttamente e autonomamente per disciplinare un certo aspetto del fenomeno religioso; fonti di provenienza bilaterale statale e confessionale: norme emanate unilateralmente dallo Stato in attuazione di accordi stipulati con soggetti rappresentanti delle varie confessioni religiose, ai quali viene data esecuzione con un atto avente di volta in volta differente natura giuridica (legge, regolamento, etc.). 2. Fonti di provenienza unilaterale statale Fonti di provenienza unilaterale statale sono: norme costituzionali legge ordinaria leggi regionali regolamenti e circolari 2.1 Costituzione Norme costituzionali che prendono in considerazione il fenomeno religioso: art. 2 Cost.: riconosce i diritti inviolabili dell uomo sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità; art. 3 Cost.: sancisce il principio di uguaglianza formale tra tutti i cittadini senza distinzioni in base alla religione professata; art. 7 Cost.: statuisce che lo Stato e la Chiesa sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani, ponendo il principio di laicità e dispone, altresì, che i loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi, consacrando il principio pattizio; art. 8 Cost.: si occupa dei rapporti fra lo Stato e le confessioni religiose diverse dalla cattolica; artt Cost.: garantiscono rispettivamente il diritto di riunione ed il diritto di associazione; art. 19 Cost.: accorda a tutti la libertà religiosa; 10

2 II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO art. 20 Cost.: statuisce il divieto di trattamento sfavorevole per gli enti ecclesiastici; art. 33 Cost.: tutela la libertà di insegnamento, ivi compreso quello in materia religiosa; art. 117, comma 2, lett. c) Cost.: dispone la legislazione esclusiva dello Stato in materia di rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose. 2.2 Leggi ordinarie dello Stato Norme statali che disciplinano il fenomeno religioso: l. n del 1929: sulla regolamentazione dei cd. culti ammessi, attuato con regolamento approvato con d.r. n. 289 del 1930; artt. 402 ss. c.p.: relativi a reati contro il sentimento religioso; art. 724 c.p.: sulla contravvenzione che punisce la bestemmia; art. 629 c.c.: relativo alle disposizioni patrimoniali a favore dell anima; art. 831 c.c.: sui beni ecclesiastici ed edifici di culto; l. n. 669 del 1967: sull estensione dell assicurazione contro le malattie ai ministri di culto; l. n. 903 del 1973: in ordine alla previdenza sociale relativa ai ministri di culto; l. n. 300 del 1970: il cd. Statuto dei lavoratori; l. n. 898 del 1970: sul divorzio; l. n. 151 del 1975: di riforma del diritto di famiglia; l. n. 194 del 1978, sull interruzione di gravidanza; l. n. 266 del 1991: sul volontariato; l. n. 651 del 1996: per le misure urgenti in occasione del Giubileo del 2000; l. n. 127 del 1997: di semplificazione amministrativa ed in particolare di abrogazione delle disposizioni che prevedono autorizzazioni per gli acquisiti degli enti ecclesiastici; d.l. n. 460 del 199:, sulla normativa tributaria degli enti non commerciali; l. n. 230 del 1998: sull obiezione di coscienza; l. n. 62 del 2000: sulla parità scolastica; l. n. 42 del 2004: codice dei beni culturali e ambientali; 11

3 PARTE PRIMA l. n. 85 del 2006: di riforma dei reati di opinione. 2.3 Fonti regionali e secondarie Fonti regionali e secondarie: leggi regionali - disciplinano i rapporti Stato-Chiesa indirettamente in virtù della previsione di cui all art. 117, comma 3, Cost., che demanda alla competenza concorrente tra Stato e regioni alcune materie rientranti nell interesse delle confessioni religiose e degli enti ecclesiastici (istruzione e formazione, tutela della salute, ordinamento sportivo, valorizzazione dei beni culturali e ambientali, promozione ed organizzazione di attività culturali); regolamenti - atti formalmente amministrativi ma sostanzialmente normativi, in quanto dotati di astrattezza, generalità e innovatività. Molte norme di natura regolamentare sono emanate con d.p.r. ( d.p.r. n. 751 del 1985, d.p.r. n. 121 del 2004, d.p.r. n. 305 del 2004 e d.p.r. n. 39 del 2006 sull ora di religione; d.p.r. n. 421 del 1999, sull assistenza religiosa alle forze di Polizia; d.p.r. n. 78 del 2005 di approvazione dell intesa su beni ed attività culturali tra il Ministero dei Beni culturali ed ambientali e la CEI); circolari - norme interne alla P.A. emanate per provvedere ad esigenze organizzative (circolare n del 1926 del Ministero di Grazia e Giustizia, sulla restituzione del crocifisso nelle aule giudiziarie; circolare del 10 giugno 1926 del Ministero della Pubblica Istruzione, sull obbligo del crocifisso nelle scuole di ogni ordine e grado); scambio di note diplomatiche - comunicazione ufficiale reciproca fra lo Stato italiano e la Santa Sede con cui si raggiungono intese attuative o modificative del Concordato. 3. Fonti di provenienza unilaterale confessionale Nozione >> Parte della dottrina (D AVACK) propone una tripartizione delle fonti di produzione del diritto ecclesiastico, aggiungendo alle suddette categorie le fonti di provenienza unilaterale confessionale, ossia le norme prodotte direttamente dai vari ordinamenti giuridici confessionali (diritto canonico per la Chiesa cattolica), per regolamentare i 12

4 II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO loro rapporti interni, alle quali lo Stato conferisce valore giuridico ed efficacia civile nella misura in cui vengono richiamate, attraverso un rinvio formale o materiale, da una norma dello stato. 4. Fonti di provenienza bilaterale Fonti bilaterali: Accordo di natura bilaterale con la Chiesa cattolica: ad esso fa seguito un atto unilaterale dello stato che gli conferisce efficacia nella forma della legge d esecuzione (c.d. ordine d esecuzione). Intesa raggiunta con un altra confessione religiosa: ad essa fa seguito la legge di approvazione. 4.1 Accordo di Villa Madama Principi sui quali si basa il nuovo Concordato: sovranità e indipendenza della Chiesa rispetto allo Stato, seppur nel proprio ordine, e collaborazione con le autorità statali per la promozione dell uomo ed il bene della nazione (art. 1); libertà per la Chiesa Cattolica di svolgere la sua missione pastorale, educativa, caritativa, di evangelizzazione e santificazione (art. 2.1) libertà di organizzazione, di esercizio pubblico del culto, di esercizio del magistero, del ministero pastorale e della giurisdizione in materia ecclesiastica (art. 2.1); libertà di comunicazione tra Santa Sede, Conferenza Episcopale Italiana, regionale, vescovi, clero e fedeli, libertà di pubblicazione di atti e documenti relativi alla missione della Chiesa (art. 2.2); libertà di riunione e manifestazione del pensiero per i cattolici e per le loro associazioni ed organizzazioni (art. 2.3); libertà di determinazione delle circoscrizioni diocesane e parrocchiali (art. 3.1); libertà per la nomina dei titolari di uffici ecclesiastici, salvo comunicazione alle autorità civili (art. 3.2.); riconoscimento di immunità ed esenzioni per gli ecclesiastici dinanzi al servizio militare (art. 4.1) ed il riconoscimento del segreto professionale per il ministro di culto relativamente a fatti conosciuti per ragione del proprio ministero ai sensi dell art. 200 c.p.p. (art. 4.4); 13

5 PARTE PRIMA attribuzione di garanzie e privilegi relativi agli edifici di culto (art. 5); riconoscimento di effetti civili alle festività religiose (art. 6); rinvio a futuri accordi per la materia dei beni e degli enti ecclesiastici e del loro trattamento tributario (art. 7); riconoscimento agli effetti civili del matrimonio religioso e delle sentenze di nullità pronunciate dal tribunale ecclesiastico (art. 8), con il superamento della riserva di giurisdizione ecclesiastica sulle cause di nullità del matrimonio di cui all art. 34 comma 4 del Concordato; riconoscimento del diritto per la chiesa Cattolica di istituire scuole e di insegnare la religione cattolica nelle scuole pubbliche (art. 9), con il superamento del principio di obbligatorietà dell insegnamento religioso di cui all art. 36 del Concordato del 1929; esclusiva dipendenza di Università, seminari, accademie, collegi ed istituti per ecclesiastici dall autorità ecclesiastica (art. 10); riconoscimento dell assistenza spirituale ai cattolici operanti nelle forze armate, nelle carceri e negli ospedali (art. 11); collaborazione tra Stato e Santa Sede per la tutela del patrimonio storico ed artistico ed alla conservazione ed uso dei beni culturali di proprietà ecclesiastica (art. 12). Quali sono gli obiettivi del nuovo Concordato? L Accordo di Villa Madama del 1984 (c.d. nuovo Concordato) costituisce la risposta alle istanze di laicità e di libertà sorte in seguito all approvazione della Costituzione repubblicana, la quale poneva la necessità del superamento della visione confessionista dello Stato che aveva caratterizzato i Patti Lateranensi del La Relazione all Accordo ne esprime chiaramente gli obiettivi, che consistono nel raggiungimento di una dimensione statale sostanzialmente aconfessionista in cui possano trovare soddisfazione scelte responsabili e consapevoli dei cittadini in campo religioso. Pertanto i patti in questione vennero qualificati come Accordo di libertà, nell ottica dell affermazione della neutralità dello Stato dinanzi al fenomeno religioso. Provvedimenti attuativi del nuovo Concordato: l. n. 222 del da collegare al d.p.r. n. 33 del 1987 di esecuzione, sugli enti e beni ecclesiastici, nonché sul sostentamento del clero cattolico; d.p.r. n. 751 del sull insegnamento della religio- 14

6 II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO ne cattolica nelle scuole pubbliche; d.p.r. n. 175 del sul riconoscimento dei titoli accademici pontifici; d.p.r. n. 571 del in merito alla tutela dei beni culturali di interesse religioso; d.p.r. n. 421 del in ordine all assistenza spirituale cattolica al personale della Polizia di Stato; d.p.r. n. 189 del sulla conservazione e la consultazione degli archivi di interesse storico; d.p.r. n. 121 del in tema di insegnamento della religione cattolica nelle scuole dell infanzia; d.p.r. n. 78 del sulla tutela dei beni culturali di interesse religioso in attuazione della nuova intesa intervenuta fra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana. Qual è la natura giuridica dei provvedimenti attuativi del nuovo Concordato? Sono fonti atipiche nelle quali si riscontra una riserva rinforzata di legge, in quanto, pur essendo leggi ordinarie, per la loro modifica o abrogazione occorre un accordo con la Santa Sede o un procedimento di revisione costituzionale. 4.2 Recepimento delle Intese con confessioni religiose diverse dalla cattolica Leggi di approvazione delle Intese: l. n. 449 del 1984: che riproduce l Intesa fra Stato e Chiese rappresentate dalla Tavola Valdese l. n. 516 e 517 del 1988: riproducenti rispettivamente le Intese con l Unione Italiana delle Chiese Avventiste del settimo giorno e con le Assemblee di Dio in Italia l. n. 101 del 1989: che riproduce l Intesa con le Comunità ebraiche l. n. 116 del 1995: sull Intesa con l Unione Cristiana E- vangelica Battista d Italia l. n. 520 del 1995: sull Intesa con la Chiesa Evangelica Luterana d Italia l. n. 126 del 2012: sull Intesa con la Sacra Arcidiocesi ortodossa d Italia ed Esarcato per l Europa meridionale l. n. 127 del 2012: sull Intesa con la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni l. n. 128 del 2012: sull Intesa con la Chiesa apostolica in 15

7 PARTE PRIMA Italia l. n. 245/2012: sull Intesa con l Unione Buddista italiana l. n. 246/2012: sull Intesa con l Unione Induista italiana. Qual è la natura giuridica delle leggi di approvazione delle Intese? L art. 8, comma 3, Cost. sancisce il principio pattizio quale principio regolatore dei rapporti tra lo Stato italiano e le confessioni religiose diverse dalla cattolica. Tale articolo prevede, quindi, l emanazione di leggi di approvazione delle Intese che lo Stato stipula con le varie confessioni religiose, le quali vengono considerate fonti atipiche rinforzate. 5. Fonti sovranazionali Fonti sovranazionali: fonti di diritto internazionale fonti di diritto dell Unione Europea 5.1 Fonti di diritto internazionale Fonti di diritto internazionale: Trattato di pace del 10 febbraio del 1947: al cui art. 15 è contenuta una norma di tutela delle minoranze religiose; Dichiarazione universale dei diritti dell uomo: che all art. 18 riconosce ad ogni essere umano il diritto di manifestare liberamente, sia in forma individuale che collettiva, il proprio pensiero e la propria appartenenza religiosa; Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo: riconosce, all art.9, il diritto di ogni persona alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione, comprendente la libertà di cambiare religione o credo, di manifestarla collettivamente, in pubblico o in privato, mediante il culto, l insegnamento, le pratiche o l osservanza dei riti. 16

8 II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO 5.2 Fonti di diritto dell Unione europea Fonti di diritto dell Unione europea: Carta dei diritti fondamentali dell Unione Europea: riconosce la libertà di pensiero, di coscienza e religione, la libertà di manifestazione delle proprie credenze religiose, sia in forma privata che in forma pubblica, il diritto all obiezione di coscienza (art. 10), il divieto di discriminazioni fondate su motivi religiosi (art. 21) ed il rispetto per la diversità religiosa (art. 22); Trattato sul funzionamento dell Unione Europea: al cui art. 16 si dispone che l UE si impegna a rispettare ed a non pregiudicare lo status previsto nelle legislazioni nazionali per le Chiese, le Associazioni e le comunità religiose, riconoscendone l identità e mantenendo con esse un dialogo aperto, trasparente e regolare. 17

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO IX Presentazione... VII PARTE PRIMA DIRITTO ECCLESIASTICO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO Sezione I Il diritto ecclesiastico 1. Il concetto di diritto ecclesiastico... 5 2.

Dettagli

IL DIRITTO IN SCHEMI. diretti da Roberto GAROFOLI

IL DIRITTO IN SCHEMI. diretti da Roberto GAROFOLI IL DIRITTO IN SCHEMI diretti da Roberto GAROFOLI propone: IL DIRITTO IN SCHEMI : - DIRITTO COSTITUZIONALE E PUBBLICO - DIRITTO PRIVATO/DIRITTO CIVILE - DIRITTO PENALE - DIRITTO PROCESSUALE CIVILE - DIRITTO

Dettagli

I Compendi per l Università. diretti da Roberto GAROFOLI

I Compendi per l Università. diretti da Roberto GAROFOLI I Compendi per l Università diretti da Roberto GAROFOLI propone: I COMPENDI PER L UNIVERSITÀ : - DIRITTO COSTITUZIONALE - ISTITUZIONI DI DIRITTO ROMANO - DIRITTO PRIVATO - DIRITTO PENALE - DIRITTO PROCESSUALE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 gennaio 1996

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 gennaio 1996 615 INDICE PRESENTAZIONE di Giuliano Amato................................ Pag. 3 PREMESSA: ASPETTI DELLA POLITICA RELIGIOSA DEGLI ULTIMI QUINDICI ANNI di FrancescoMargiotta Broglio....................................»

Dettagli

Indice. Parte I. Profili sistematici

Indice. Parte I. Profili sistematici Indice Presentazione alla prima edizione [XV] Presentazione alla terza edizione [XVII] Capitolo 1 Elementi introduttivi di Giuseppe Casuscelli Parte I Profili sistematici 1. Il diritto ecclesiastico italiano:

Dettagli

Provvedimenti emanati in materia di Culti

Provvedimenti emanati in materia di Culti Cod. ISTAT INT 00034 AREA: Popolazione e Società Settore di interesse: Famiglie e comportamenti sociali Provvedimenti emanati in materia di Culti Titolare: Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione.

Dettagli

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche NOTIZIARIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA a cura della Segreteria Generale ANNO 46 - NUMERO 3 30 GIUGNO 2012 Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il 28 Giugno

Dettagli

LEGGE DELLA REPUBBLICA LITUANA SULLE COMUNITA RELIGIOSE

LEGGE DELLA REPUBBLICA LITUANA SULLE COMUNITA RELIGIOSE LEGGE DELLA REPUBBLICA LITUANA SULLE COMUNITA RELIGIOSE Promulgata il 4.1\0.95 con due succ mod. 2.7.97 art 10 legge e stato ampliato altra mod 11.5.2000 art 14. versione attuale della legge con le mod

Dettagli

1. Premesse normative

1. Premesse normative Capitolo 6 GLI ENTI ECCLESIASTICI So m m a r i o: 1. Premesse normative 2. Requisiti principali 3. La procedura per il riconoscimento dell ente ecclesiastico 4. Obblighi ed adempimenti successivi al riconoscimento

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUINTO GLI ENTI ECCLESIASTICI Sommario: 1. Le fonti. - 2. Nozione di ente ecclesiastico. - 3. Presupposti per il riconoscimento dell ente ecclesiastico. - 4. Il procedimento di riconoscimento.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 16 dicembre 1985, n. 751 Esecuzione dell'intesa tra l'autorità scolastica italiana e la Conferenza episcopale italiana per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche. IL PRESIDENTE

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO

CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO CAPITOLO I LA COSTITUZIONE ITALIANA E IL FENOMENO RELIGIOSO GUIDA Sezione I. IL DIRITTO ECCLESIASTICO 1. Il concetto di diritto ecclesiastico 2. L evoluzione storica Sezione II A) LE FONTI DEL DIRITTO

Dettagli

L IRC nella scuola italiana: coordinate di riferimento

L IRC nella scuola italiana: coordinate di riferimento UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CORSO BIENNALE DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE CON INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICO CORSO DIDATTICA DELLA RELIGIONE CATTOLICA IN PROSPETTIVA INTERCULTURALE

Dettagli

Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa

Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa Dpr 16-12-1985, n. 751/Dpr 23-6-1990, n. 202 - Intesa tra il Ministero della Pubblica Istruzione e lo Conferenza Episcopale Italiana circa l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Dettagli

Diritto Ecclesiastico. Indice. 1 Le fonti ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Diritto Ecclesiastico. Indice. 1 Le fonti ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO ECCLESIASTICO LEZIONE V GLI ENTI ECCLESIASTICI PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Le fonti -----------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 4 febbraio 2005, n. 78 - Esecuzione dell'intesa tra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza episcopale italiana, firmata

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Normativa concordataria DAL TESTO DI REVISIONE DEL CONCORDATO Art. 1 La Repubblica italiana e la Santa Sede riaffermano che lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno

Dettagli

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca quale autorità statale che sovraintende al sistema educativo di istruzione

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Guido Fubini (avvocato in Torino, già direttore della Rassegna Mensile di Israel) Sulla proposta di legge per la libertà religiosa * SOMMARIO: 1. Introduzione - 2. Premessa 3. E qui affrontiamo l epoca

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 9 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 9 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 9 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 Costituzione della Repubblica italiana 1. Delib.ne Assemblea Costituente 22 dicembre 1947. Costituzione della Repubblica Italiana...»

Dettagli

che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto

che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto Il quesito riguarda la corretta applicazione della imposta di bollo sui conti correnti bancari, che verrebbe posta a carico delle parrocchie in contrasto con l esenzione prevista dal Decreto Legislativo

Dettagli

Indice analitico. I numeri si riferiscono ai paragrafi dell Istruzione

Indice analitico. I numeri si riferiscono ai paragrafi dell Istruzione Indice analitico I numeri si riferiscono ai paragrafi dell Istruzione Alienazione: di beni culturali: 73; di beni dell istituto diocesano per il sostentamento del clero: 94; requisiti per la liceità: 64;

Dettagli

VIII Indice ã 88-08- 6165

VIII Indice ã 88-08- 6165 Indice 1 Capitolo 1 Considerazioni introduttive 1 1. Il diritto ecclesiastico e la scienza giuridica 2 2. Le fonti di cognizione del diritto ecclesiastico 3 3. Le fonti di produzione del diritto ecclesiastico

Dettagli

MANUALI BREVI d Autore. diretti da Roberto GAROFOLI

MANUALI BREVI d Autore. diretti da Roberto GAROFOLI MANUALI BREVI d Autore diretti da Roberto GAROFOLI Fabio FRANCESCHI Melinda NARDELLA Manuale di DIRITTO ECCLESIASTICO Aggiornato a: - Convenzione 1 aprile 2015 tra la Santa Sede e il governo della Repubblica

Dettagli

INTESA E RICONOSCIMENTO GIURIDICO: PREMESSE PER OPERARE IN AMBITO CIVILE

INTESA E RICONOSCIMENTO GIURIDICO: PREMESSE PER OPERARE IN AMBITO CIVILE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Gli enti religiosi nell ordinamento italiano: implicazioni giuridiche e fiscali INTESA E RICONOSCIMENTO GIURIDICO: PREMESSE PER OPERARE IN AMBITO CIVILE Dott. Matteo Zagaria

Dettagli

VERSO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE?? Sebastiano Miele - AISEC www.sebastianomiele.it - www.aisec.it

VERSO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE?? Sebastiano Miele - AISEC www.sebastianomiele.it - www.aisec.it VERSO IL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE?? Sebastiano Miele - AISEC www.sebastianomiele.it - www.aisec.it COSTITUZIONE E SERVIZIO CIVILE Articolo 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili

Dettagli

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci

Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci Accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Ceca sul regolamento dei rapporti reciproci La Santa Sede e la Repubblica Ceca partendo dalle tradizioni secolari della comune storia della Chiesa cattolica e

Dettagli

Hospice Nido SCUOLA DELL INFANZIA

Hospice Nido SCUOLA DELL INFANZIA Nel nome del Padre, Figlio e dello Spirito Santo, la Parrocchia di San Pancrazio Martire in Gorlago, nell adempimento del proprio apostolato da tempo gestisce una Casa di riposo (Rsa), un Hospice per malati

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana;

- È coordinatore dell Osservatorio giuridico-legislativo della Conferenza episcopale italiana; VENERANDO MARANO CURRICULUM - È professore ordinario di Diritto ecclesiastico presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Foggia, dove è titolare degli insegnamenti di Diritto ecclesiastico,

Dettagli

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa

La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa La Chiesa Cattolica per la libertà religiosa Ordinario di Diritto Canonico nella Università Cattolica di Milano e Direttore del Centro Studi sugli enti ecclesiastici e gli altri enti senza fini di lucro.

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE

RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE RISTRUTTURAZIONE DEI SETTORI PASTORALI AFFIDATI ALLA RESPONSABILITÀ DI UN VICARIO EPISCOPALE Cancelleria Arcivescovile Prot. 2082 Tit. 1 Fasc. 8 Anno 2005 C A R L O C A F F A R R A PER GRAZIA DI DIO E

Dettagli

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1.1 La situazione dei docenti di religione 1.1.1 Contesto normativo Con l approvazione della Legge 18 luglio 2003, n. 186, si è conclusa una vicenda

Dettagli

ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 2015 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica

ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 2015 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 2015 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica Cod. ISTAT INT 00034 Settore di interesse: POPOLAZIONE E FAMIGLIA; CONDIZIONI DI VITA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo - Deliberazione n. 1352 del 6 agosto 2009 Azioni regionali per l'infanzia, l'adolescenza e le responsabilita' familiari.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag.

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag. INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA Il matrimonio civile. Origini e principi pag. 1. Il matrimonio come fondamento della famiglia. Evoluzione storica, disciplina costituzionale e principi

Dettagli

L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA

L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Ufficio Studi e Rapporti Istituzionali USG 2 L ESERCIZIO DELLA LIBERTÀ RELIGIOSA IN ITALIA Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Il Card. Camillo Ruini, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e l On. Giuliano

Dettagli

Corso di Diritto Ecclesiastico Prof. Giovanni Cimbalo Enti Ecclesiasici

Corso di Diritto Ecclesiastico Prof. Giovanni Cimbalo Enti Ecclesiasici Corso di Diritto Ecclesiastico Prof. Giovanni Cimbalo Enti Ecclesiasici A.A. 2010/2011 Art. 7 Concordato 1984 Art. 7-1. La Repubblica italiana, richiamandosi al principio enunciato dall'art. 20 della Costituzione,

Dettagli

OGGETTO: Imposte sui redditi. XX. Art. 6, comma 1, lettera c), del DPR n. 601 del 1973.

OGGETTO: Imposte sui redditi. XX. Art. 6, comma 1, lettera c), del DPR n. 601 del 1973. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE 91/E Roma, 19 luglio 2005 OGGETTO: Imposte sui redditi. XX. Art. 6, comma 1, lettera c), del DPR n. 601 del 1973. Con la nota sopra evidenziata codesta

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato

Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato Decreto ministeriale 08 ottobre 2004 Assistenza spirituale al personale della Polizia di Stato VISTO l articolo 69 della legge 1 aprile 1981, n. 121, concernente l assistenza religiosa al personale della

Dettagli

1.Natura giuridica e caratteri peculiari generali dell'istituto...2 2. Matrimonio celebrato dinanzi al ministro del culto acattolico: procedimento ed

1.Natura giuridica e caratteri peculiari generali dell'istituto...2 2. Matrimonio celebrato dinanzi al ministro del culto acattolico: procedimento ed 1.Natura giuridica e caratteri peculiari generali dell'istituto...2 2. Matrimonio celebrato dinanzi al ministro del culto acattolico: procedimento ed efficacia...11 3. Il matrimonio acattolico tra costituzione,

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini

Costituzione della Repubblica Italiana. Diritti e doveri dei cittadini Costituzione della Repubblica Italiana Diritti e doveri dei cittadini Art. 2 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

Ufficio IV - Gestione del personale della scuola Prot. n.1761 Bologna, 18/02/2015

Ufficio IV - Gestione del personale della scuola Prot. n.1761 Bologna, 18/02/2015 Prot. n.1761 Bologna, 18/02/2015 - Ai Dirigenti degli Uffici di Ambito Territoriale dell Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia Romagna e p c. - Ai Direttori delle Ragionerie Territoriali dello Stato

Dettagli

L ATTIVITÀ DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. L attività di sostentamento del clero cattolico: profili finanziari e tributari

L ATTIVITÀ DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. L attività di sostentamento del clero cattolico: profili finanziari e tributari L ATTIVITÀ DEGLI ENTI ECCLESIASTICI ATTIVITÀ ISTITUZIONALE E ATTIVITÀ STRUMENTALE L attività di sostentamento del clero cattolico: profili finanziari e tributari FONTI E SOGGETTI COINVOLTI NEL SOSTENTAMENTO

Dettagli

Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione *

Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione * Il cammino degli ISSR: verifiche e prospettive Roma, 9 marzo 2010 Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione * Mons. Mauro Rivella, Sottosegretario

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi

I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi I rapporti tra ordinamento interno e CEDU Dott. Francesco Vittorio Rinaldi 1. Il rango della CEDU nell ordinamento interno. Il tema dei rapporti tra CEDU e ordinamento interno e dunque, del rango della

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 I RAPPORTI PATRIMONIALI: IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÁ DI RELIGIONE E DI CULTO 1. I MEZZI PER L ATTIVITÀ DI RELIGIONE E DI CULTO Le entrate di diritto privato. I mezzi patrimoniali per le attività di

Dettagli

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA

La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA La Santa Sede PAPA FRANCESCO STATUTO DEL DICASTERO PER I LAICI, LA FAMIGLIA E LA VITA Art 1 Il Dicastero è competente in quelle materie che sono di pertinenza della Sede Apostolica per la promozione della

Dettagli

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Conferenza Episcopale Italiana 3 Convegno Nazionale degli Economi Diocesani L Istruzione in materia amministrativa 2005 AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Rag. PATRIZIA CLEMENTI, Tributarista

Dettagli

Corso A.De Gasperi, 274/a - 70125 BARI. 080/5288416 080/5288415-080/5690230 posta elettronica: scuola@odegitria.bari.it

Corso A.De Gasperi, 274/a - 70125 BARI. 080/5288416 080/5288415-080/5690230 posta elettronica: scuola@odegitria.bari.it Corso A.De Gasperi, 274/a - 70125 BARI 080/5288416 080/5288415-080/5690230 posta elettronica: scuola@odegitria.bari.it Decreto arcivescovile 28/14/d.a.g. Del 4 giugno 2014 2 3 PREMESSA 1. PREMESSA 1.a

Dettagli

Statuto della Chiesa di Cristo di Milano

Statuto della Chiesa di Cristo di Milano Statuto della Chiesa di Cristo di Milano Art. 1. La Chiesa di Cristo di Milano si ricollega nello spirito e nella dottrina alle chiese di Cristo americane (U.S.A. Church of Christ) la cui entità numerica

Dettagli

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14 Art. 2 4 modulo I DIRITTI Prima parte Cost. artt. 1-54 = Costituzione dei diritti La Repubblica riconosce (giusnaturalismo: i diritti preesistono allo Stato) Tesi aperta e tesi chiusa Tesi intermedia accolta

Dettagli

INDICE. Costituzione della Repubblica italiana (Artt. 1 54)...» 15

INDICE. Costituzione della Repubblica italiana (Artt. 1 54)...» 15 INDICE Costituzione della Repubblica italiana (Artt. 1 54)...» 15 Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali...» 20 PARTE I NORMATIVA CODICISTICA 1. R.D.

Dettagli

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI

I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI I CODICI IN TASCA diretti da R. GAROFOLI CODICE PENALE e leggi complementari con il coordinamento di Chiara INGENITO e Luigi Edoardo FIORANI INDICE SISTEMATICO VI Premessa INDICE SISTEMATICO COSTITUZIONE

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Parte Prima Il diritto ecclesiastico e i suoi principi 1 Quali sono i principali modelli di atteggiamento che storicamente gli Stati hanno assunto nei confronti del fenomeno religioso? L ordinamento statale,

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità

STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità Articolo 1 NATURA E SEDE 1. La Fondazione di religione e di culto S.I.C.A.R.

Dettagli

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006

DIOCESI DI PATTI PER L ANNO 2006 DIOCESI DI PATTI RENDICONTO RELATIVO ALLA EROGAZIONE DELLE SOMME ATTRIBUITE ALLA DIOCESI DALLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA EX ART. 47 DELLA LEGGE 222/1985 PER L ANNO 2006 EROGAZIONE DELLE SOMME DERIVANTI

Dettagli

CODICI RAGIONATI diretti da R. GAROFOLI EDITIO MINOR

CODICI RAGIONATI diretti da R. GAROFOLI EDITIO MINOR CODICI RAGIONATI diretti da R. GAROFOLI EDITIO MINOR Roberto GAROFOLI CODICE PENALE RAGIONATO aggiornato a - D.L. 23 dicembre 2013, n. 146 (Misure in tema di tutela dei diritti fondamentali dei detenuti)

Dettagli

Annotazione nell atto di matrimonio della scelta del regime applicabile ai rapporti patrimoniali tra i coniugi

Annotazione nell atto di matrimonio della scelta del regime applicabile ai rapporti patrimoniali tra i coniugi Annotazione nell atto di matrimonio della scelta del regime applicabe ai rapporti patrimoniali tra i coniugi La scelta del regime patrimoniale rientra fra le dichiarazioni che possono essere annotate nell

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 134 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SPINI, AMICI, BENZONI, CHIAROMONTE, CHITI, CIALENTE, CORDONI, CRISCI, DATO, GIANNI FARINA,

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani, Nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani La Presidenza della CEI, nella riunione del 13 giugno 2012, ha approvato il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag.

Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. INDICE 1. NORME DI CARATTERE GENERALE Costituzione della Repubblica Italiana, deliberazione Assemblea Costituente 22 dicembre 1947 entrata in vigore il 1 gennaio 1948. pag. 15 1.1. Normativa internazionale

Dettagli

Storia e valori del servizio civile

Storia e valori del servizio civile Storia e valori del servizio civile Il servizio civile nazionale rappresenta l ultimo passaggio in Italia del lungo viaggio durato oltre 50 anni dall obiezione di coscienza al servizio militare Il dovere

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO

MANUALE DELLA QUALITA NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. INDICE 02.0 SCOPO 02.1 RESPONSABILITÀ 02.2 Pagina 1 di 6

Dettagli

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee

A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio Legislativo del Ministro per le Politiche Europee L attuazione della normativa europea (Il modello statale di adeguamento dell ordinamento interno alla normativa europea. La legge comunitaria annuale). A cura di Stefania Vitucci Vice Capo dell Ufficio

Dettagli

Indice. 1 Generalità, libertà di organizzazione e limiti costituzionali: art. 8 comma 2 Cost. -------- 3

Indice. 1 Generalità, libertà di organizzazione e limiti costituzionali: art. 8 comma 2 Cost. -------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO ECCLESIASTICO LEZIONE IX LE CONFESSIONI RELIGIOSE DIVERSE DALLA CATTOLICA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Generalità, libertà di organizzazione e limiti costituzionali: art. 8

Dettagli

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 SCHEDA N. 17 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI

Dettagli

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca di concerto con Il Ministro dell economia e delle Finanze e con il Il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione VISTO il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia

Dettagli

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina)

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) I dati riportati nel libro si riferiscono alla data del 31 dicembre 2008 Quadro di sintesi della struttura organizzativa:

Dettagli

Capitolo 8 Il patrimonio ecclesiastico

Capitolo 8 Il patrimonio ecclesiastico Edizioni Simone - Vol. 32/1 Compendio di diritto ecclesiastico Capitolo 8 Il patrimonio ecclesiastico Sommario 1. Nozione di patrimonio ecclesiastico. - 2. Disciplina dei beni patrimoniali ecclesiastici.

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 LE PERSONE GIURIDICHE: GLI ENTI DELLE CONFESSIONI RELIGIOSE 1. DEFINIZIONE E QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Nell ordinamento italiano di diritto privato la personalità giuridica è attribuita agli enti

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Lavoro, Previdenza Sociale Indagine conoscitiva sullo stato di attuazione della disciplina in materia di diritto al lavoro delle persone disabili Audizione Associazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

La cittadinanza italiana

La cittadinanza italiana La cittadinanza italiana fonti normative L. 5 febbraio 1992, n.91 (nuove norme sulla cittadinanza) DPR 12 ottobre 1993,n.572 (regolamento di esecuzione l.91/1992) leggi complementari L. 13 giugno 1912,n.555

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ (Ai sensi degli artt. 54 del D.Lgs 28 agosto 2000 n. 274 e 2 del D.M. 26 marzo 2001) Premesso che, a norma dell art. 54 del D. L.vo 274 del

Dettagli

ACCORDO. Articolo 1. Articolo 2

ACCORDO. Articolo 1. Articolo 2 ACCORDO fra la Santa Sede e la Repubblica di Ungheria sul finanziamento delle attività di servizio pubblico e di altre prettamente religiose ( della vita di fede ) svolte in Ungheria dalla Chiesa Cattolica,

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 9 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 9 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 INDICE SOMMARIO Presentazione... pag. 9 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 Costituzione della repubblica italiana 1. Delib.ne Assemblea Costituente 22 dicembre 1947. Costituzione della Repubblica Italiana...»

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Legge 23 agosto 1988, n.400, art. "Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri"

Legge 23 agosto 1988, n.400, art. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri NORMATIVA NAZIONALE Principi fondamentali Costituzione della Repubblica Italiana, art. 3 Costituzione della Repubblica Italiana, art. 37 Costituzione della Repubblica Italiana, art. 51 Legge Costituzionale

Dettagli

Intesa tra il Governo della Repubblica e la Tavola valdese in attuazione dell articolo 8, comma terzo, della Costituzione

Intesa tra il Governo della Repubblica e la Tavola valdese in attuazione dell articolo 8, comma terzo, della Costituzione 1 Intesa tra il Governo della Repubblica e la Tavola valdese in attuazione dell articolo 8, comma terzo, della Costituzione N O T A L impostazione dei rapporti tra le chiese valdesi e lo Stato (sabaudo

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO

IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 LE NOVITA INTRODOTTE COL TESTO UNICO NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.Lgs. 81/08 Prima del D.Lgs 626/94 il lavoratore era visto come un soggetto passivo destinatario delle misure

Dettagli