LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE"

Transcript

1 LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

2 SSOMMARIO 1 GENERALITÀ REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DEGLI ANIMALI ESENZIONE DALLA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA CONTROLLI SUGLI ANIMALI DA SPOSTARE DALLE AZIENDE DI ORIGINE VERSO I CENTRI GENETICI ANIMALI RESIDENTI IN PROVINCE INDENNI ANIMALI RESIDENTI IN PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE NELLE QUALI SIA STATA EVIDENZIATA ASSENZA DI ATTIVITÀ DI CULICOIDI ADULTI DA ALMENO 28 GIORNI ANIMALI RESIDENTI IN PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE (AD ESCLUSIONE DEI TERRITORI CON INFEZIONE IN ATTO) Animali appartenenti ad aziende stanziali Animali appartenenti ad aziende transumanti o monticanti ANIMALI RESIDENTI IN TERRITORI CON INFEZIONE IN ATTO ANIMALI STABULATI IN STALLE DI QUARANTENA O IN STRUTTURE/LOCALI DI ISOLAMENTO CONTROLLI SU ANIMALI INTRODOTTI NEI CENTRI GENETICI E MISURE DA ADOTTARE IN CASO DI POSITIVITÀ SIEROLOGICA ANIMALI INTRODOTTI DA PROVINCE INDENNI ANIMALI INTRODOTTI DA PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE NELLE QUALI SIA STATA EVIDENZIATA ASSENZA DI ATTIVITÀ DI CULICOIDI ADULTI DA ALMENO 28 GIORNI ANIMALI INTRODOTTI DA PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE (AD ESCLUSIONE DEI TERRITORI CON INFEZIONE IN ATTO) CONTROLLI SU ANIMALI INTRODOTTI DA STALLE DI QUARANTENA O STRUTTURE/LOCALI DI ISOLAMENTO SPOSTAMENTO DEGLI ANIMALI DAI CENTRI GENETICI E DAI CENTRI DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE CONTROLLI DA EFFETTUARE NEI CENTRI DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITÀ MISURE DA ADOTTARE IN CASO DI POSITIVITÀ SIEROLOGICA VIGILANZA DEL SERVIZIO VETERINARIO DELLE AZIENDE USL...9 GENERALITÀ Le presenti linee guida sono state dettate allo scopo di garantire che le attività di sorveglianza e di vigilanza per la Febbre catarrale degli ovini sui riproduttori, nonché sul seme, gli ovuli e gli embrioni prodotti dai Centri genetici e dai Centri di Fecondazione artificiali siano gestite in modo omogeneo, organico e controllato su tutto il territorio nazionale. I Centri Genetici ed i Centri di Fecondazione Artificiale che devono operare con animali delle specie bovina, ovina e caprina provenienti da zone di restrizione per la febbre catarrale degli ovini debbono darne comunicazione scritta al Servizio veterinario dell Azienda USL competente per territorio. La comunicazione sarà effettuata un'unica volta ed avrà valore di dichiarazione di impegno a seguire le disposizioni contenute nelle presenti linee guida. 1 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE I Centri Genetici ed i Centri di Fecondazione Artificiale che intendono ricevere animali provenienti da zone di restrizione per la febbre catarrale degli ovini, devono:

3 essere dotati di strutture di ricovero (stalle di quarantena o strutture/locali di isolamento) per gli animali in selezione conformi a quanto previsto nell allegato III della nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405; essere autorizzati ad operare quali stalle di quarantena o locali/strutture di isolamento dal Servizio Veterinario Regionale. Le modalità di richiesta e di rilascio dell autorizzazione sono indicate nell allegato III della nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405 In alternativa, i Centri genetici ed i Centri di Fecondazione artificiale possono acquisire e mantenere una condizione equivalente a quella di stalla di quarantena, o struttura/locale di isolamento, purché dimostrino l assenza 1 della presenza di Culicoidi adulti, attraverso un continuo monitoraggio entomologico dell azienda, nei locali o negli spazi dove gli animali sono ricoverati. Il monitoraggio dovrà prevedere: un controllo entomologico settimanale che dovrà iniziare 2 settimane prima dell entrata degli animali sino a tutto il periodo di funzionamento della struttura. Il posizionamento delle trappole dovrà essere effettuato dal referente dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per territorio, che fornirà tutte le istruzioni per la corretta esecuzione delle catture. Il prelievo dei campioni di insetti catturati dovrà essere effettuato dai Servizi Veterinari, che ne cureranno l invio al Centro di Referenza per le Malattie Esotiche. Il controllo entomologico dovrà essere effettuato secondo le modalità indicate nella Procedura di gestione delle attività di cattura di insetti disponibile presso il Centro di referenza nazionale per le malattie esotiche e gli Istituti Zooprofilattici sperimentali competenti per territorio. un controllo settimanale della temperatura. da effettuare in concomitanza al controllo entomologico, con un termometro in grado di registrare le massime e le minime. L azienda garantirà che nel pomeriggio (ore ) il termometro sia azzerato e posizionato fino la mattina successiva, al momento della raccolta della cattura il Servizio veterinario registrerà le temperature minima e massima sulle scheda di accompagnamento dei campioni (SBT06) e sul registro dell azienda. La condizione equivalente a quella di stalla di quarantena, o struttura/locale di isolamento dovrà essere certificata dal Servizio Veterinario competente. I Centri Genetici ed i Centri di Fecondazione Artificiale ubicati in zone non soggette a restrizione, che non siano autorizzati ad operare quali stalle o strutture/locali di isolamento o nei quali non sia stata dimostrata l assenza di Culicoidi adulti, potranno operare con animali provenienti da zone di restrizione per la febbre catarrale degli ovini solo nel caso in cui gli animali provengano da stalle o strutture/locali di isolamento autorizzate e siano rispettate le condizioni di cui all allegato II della nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/ REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DEGLI ANIMALI 3.1 ESENZIONE DALLA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA Nei Centri genetici e nei Centri di Fecondazione artificiale possono essere introdotti solo animali non sottoposti a vaccinazione. 1 Per la definizione di assenza di Culicoidi adulti si rimanda alla nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405 ddel 6 Dicembre 2001

4 I Centri Genetici ed i Centri di Fecondazione Artificiale, anche se residenti in territori sottoposti a vaccinazione obbligatoria, sono esentati dalla vaccinazione. I Centri devono trasmettere al Servizio Veterinario Regionale la domanda di esenzione, indicando: il codice identificativo e denominazione dell allevamento, la sua ubicazione completa di coordinate geografiche, il numero totale di animali presenti, le condizioni di stabulazione. Le aziende che forniscono animali ai Centri Genetici possono fare domanda di esenzione dalla vaccinazione obbligatoria dei vitelli fino a 4 mesi di età. La domanda dovrà essere presentata al Servizio Veterinario Regionale dai Centri Genetici e dai Centri di Fecondazione Artificiale, che garantiranno l effettiva appartenenza delle aziende al circuito di alimentazione dei Centri. Nella domanda, oltre alle informazioni indicate per la domanda di esenzione dei Centri Genetici e dei Centri di Fecondazione Artificiale, dovrà essere indicato il numero degli animali per il quali si richiese l esenzione ed il codice identificativo di ciascun animale. Il Servizio Veterinario Regionale, sulla base del numero di aziende che hanno fatto richiesta, del numero di animali da esentare e della situazione epidemiologica del territorio ove sono ubicate le aziende, può concedere o negare l esenzione dalla vaccinazione. Copia dell elenco delle aziende alle quali è stata concessa l esenzione viene inviato mensilmente al Ministero della salute e al CESME. Le aziende che forniscono animali ai Centri Genetici ed ai Centri di Fecondazione Artificiale possono inoltre richiedere al Servizio Veterinario Regionale e territoriale, l autorizzazione ad entrare a far parte delle aziende sentinella previste dal Piano nazionale di sorveglianza sierologica. Il Servizio Veterinario Regionale, sulla base del numero di richieste e dell ubicazione delle aziende, può concedere, sentito il Ministero della Salute, tale autorizzazione o provvede all organizzazione di un circuito di aziende sentinella parallelo a quello già previsto dal Piano nazionale di sorveglianza sierologica. Il Servizio Veterinario territoriale e Regionale, ciascuno per le proprie competenze garantirà che le nuove aziende sentinella che entrano nel Piano nazionale o il circuito di aziende sentinella parallelo rispettino le condizioni stabilite dal Piano nazionale di sorveglianza sierologica. 3.2 CONTROLLI SUGLI ANIMALI DA SPOSTARE DALLE AZIENDE DI ORIGINE VERSO I CENTRI GENETICI Tutti i controlli devono essere effettuati a cura del Servizio Veterinario competente per territorio. Gli animali dovranno essere ricoverati, immediatamente dopo il loro arrivo, nelle stalle di quarantena o nelle strutture/locali di isolamento, di cui all allegato III della nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405, al fine di impedire qualunque contatto tra i capi introdotti ed i vettori dell infezione eventualmente presenti ANIMALI RESIDENTI IN PROVINCE INDENNI Non sono necessari controlli specifici.

5 3.2.2 ANIMALI RESIDENTI IN PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE NELLE QUALI SIA STATA EVIDENZIATA L ASSENZA DI ATTIVITÀ DI CULICOIDI ADULTI DA ALMENO 28 GIORNI È consentito lo spostamento di animali da province soggette a restrizione nei quali sia stata evidenziata l assenza di attività di Culicoidi adulti 2 verso i Centri Genetici alle seguenti condizioni: Il prelievo deve essere eseguito 14 giorni prima della partenza su tutti gli animali oggetto di spostamento ed i campioni devono essere sottoposti ad esame sierologico (ELISA) con esito negativo; la partenza avvenga prima della ripresa dell attività dei Culicoidi adulti l assenza di attività dei Culicoidi adulti deve essere comprovata da catture settimanali per tutto il periodo indicato in Figura 1. In caso di esito positivo all esame sierologico, nessun animale dell azienda potrà essere introdotto nei Centri e l azienda dovrà essere sottoposta agli accertamenti previsti per legge atti a chiarirne la situazione sanitaria. Qualora il viaggio dall azienda di origine al Centro Genetico, preveda l attraversamento di Province soggette a restrizione in cui non sia stata esclusa l attività dei Culicoidi adulti, l animale dovrà attraversare tali territori in orari compresi dalle ore 8.00 alle ore Qualora il trasporto debba protrarsi oltre i limiti temporali indicati, gli animali ed i mezzi adibiti al trasporto devono essere sottoposti individualmente ad un trattamento con piretroidi. Sulla documentazione di scorta degli animali deve essere aggiunta la seguente dizione: «trattamento insetticida con (nome del prodotto) il (data) alle (ora) in conformità alla decisione 2001/783/CE». 2 L elenco aggiornato delle province nelle quali è dimostrata l assenza di attività di Culicoidi adulti (note della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n.600.6/bt/3563, n.600.6/bt/3682 e succ.) è disponibile su

6 Figura 1 PRELIEVO PARTENZA DEGLI ANIMALI GIORNI CATTURE ANIMALI RESIDENTI IN PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE (AD ESCLUSIONE DEI TERRITORI CON INFEZIONE IN ATTO) Animali appartenenti ad aziende stanziali È consentito lo spostamento di animali alle seguenti condizioni: il prelievo deve essere eseguito 3 giorni prima della partenza su tutti gli animali oggetto di spostamento e su un campione rappresentativo dell effettivo dell azienda (vedi tabella 1); i campioni devono essere sottoposti ad esame sierologico (ELISA) e l esito esito negativo; il prelievo deve essere eseguito 3 giorni prima della partenza su tutti gli animali da vita delle specie recettive alla febbre catarrale degli ovini introdotti in azienda negli ultimi 100 giorni; i campioni devono essere sottoposti ad esame sierologico (ELISA) e l esito esito negativo Animali appartenenti ad aziende transumanti o monticanti È consentito lo spostamento di animali alle seguenti condizioni: esame sierologico (ELISA) con esito negativo su tutti gli animali dell azienda 3 giorni prima della partenza. In caso anche di un solo esito positivo, nessun animale dell azienda, sia essa stanziale che transumante, potrà essere introdotto nei Centri e l azienda dovrà essere sottoposta agli accertamenti previsti per legge atti a chiarirne la situazione sanitaria. Qualora il viaggio dall azienda di origine al Centro Genetico, preveda l attraversamento di Province soggette a restrizione in cui non sia stata esclusa l attività dei Culicoidi adulti, l animale dovrà attraversare tali territori in orari compresi dalle ore 8.00 alle ore Qualora il trasporto debba protrarsi oltre i limiti temporali indicati, gli animali ed i mezzi adibiti al trasporto devono essere sottoposti individualmente ad un trattamento con piretroidi. Sulla documentazione di scorta degli animali deve essere aggiunta la seguente dizione: «trattamento insetticida con (nome del prodotto) il (data) alle (ora) in conformità alla decisione 2001/783/CE».

7 3.2.4 ANIMALI RESIDENTI IN TERRITORI CON INFEZIONE IN ATTO In conformità alla nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405 del 6 dicembre 2001, punto E.1. l introduzione nei Centri Genetici di animali provenienti da territori con infezione in atto è vietata ANIMALI STABULATI IN STALLE DI QUARANTENA O IN STRUTTURE/LOCALI DI ISOLAMENTO In deroga ai punti precedenti, è possibile introdurre animali provenienti da stalle di quarantena o strutture/locali di isolamento autorizzate, indipendentemente dallo stato sanitario del territorio in cui la stalla di quarantena o la struttura/ locale di isolamento si trova, a condizione che siano rispettate le condizioni di cui all allegato II della nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405 del 6 dicembre Qualora il viaggio dall azienda di origine al Centro Genetico, preveda l attraversamento di Province soggette a restrizione in cui non sia stata esclusa l attività dei Culicoidi adulti, l animale dovrà attraversare tali territori in orari compresi dalle ore 8.00 alle ore Qualora il trasporto debba protrarsi oltre i limiti temporali indicati, gli animali ed i mezzi adibiti al trasporto devono essere sottoposti individualmente ad un trattamento con piretroidi. Sulla documentazione di scorta degli animali deve essere aggiunta la seguente dizione: «trattamento insetticida con (nome del prodotto) il (data) alle (ora) in conformità alla decisione 2001/783/CE». 3.3 CONTROLLI SU ANIMALI INTRODOTTI NEI CENTRI GENETICI Tutti i controlli devono essere effettuati a cura del Servizio Veterinario competente per territorio ANIMALI INTRODOTTI DA PROVINCE INDENNI Non sono necessari controlli specifici ANIMALI INTRODOTTI DA PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE NELLE QUALI SIA STATA EVIDENZIATA L ASSENZA DI ATTIVITÀ DI CULICOIDI ADULTI DA ALMENO 28 GIORNI Tutti gli animali introdotti devono essere sottoposti ad un controllo sierologico (ELISA) dopo 21 giorni dall ingresso ANIMALI INTRODOTTI DA PROVINCE SOGGETTE A RESTRIZIONE (AD ESCLUSIONE DEI TERRITORI CON INFEZIONE IN ATTO) Tutti gli animali introdotti devono essere sottoposti ad un controllo sierologico (ELISA) dopo 21 giorni dall ingresso CONTROLLI SU ANIMALI INTRODOTTI DA STALLE DI QUARANTENA O STRUTTURE/LOCALI DI ISOLAMENTO Tutti gli animali introdotti devono essere sottoposti ad un controllo sierologico (ELISA) dopo 21 giorni dall ingresso.

8 3.3.5 SPOSTAMENTO DEGLI ANIMALI DAI CENTRI GENETICI E DAI CENTRI DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE I Centri genetici ed i Centri di fecondazione artificiale autorizzati come stalle di quarantena o strutture/locali di isolamento e situati in territori sottoposti a restrizione possono spostare gli animali verso tutto il territorio nazionale secondo le modalità indicate ai punti A.2 ed E delle disposizioni per lo spostamento degli animali contenute nella nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405 del 6 dicembre Gli animali da spostare, con l eccezione di quelli destinati direttamente al macello, devono essere sottoposti a prelievo di sangue 14 giorni prima della partenza e il controllo sierologico (ELISA) risultare negativo 3.4 CONTROLLI DA EFFETTUARE NEI CENTRI DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE I Centri di Fecondazione Artificiale utilizzano riproduttori provenienti esclusivamente da Centri Genetici che rispondono ai requisiti stabiliti delle presenti linee guida. N alternativa quando i Centri di Fecondazione Artificiale devono introdurre direttamente animali provenienti da aziende site in territori soggetti a restrizione devono attenersi alle stesse condizioni stabilite per i Centri Genetici ai punti 3.2 e 3.3. Quando il viaggio dal Centro Genetico al Centro di Fecondazione Artificiale prevede l attraversamento di Province soggette a restrizione in cui non sia stata esclusa l attività dei Culicoidi adulti, gli animali dovranno attraversare tali territori in orari compresi dalle ore 8.00 alle ore Qualora il trasporto debba protrarsi oltre i limiti temporali indicati, gli animali ed i mezzi adibiti al trasporto devono essere sottoposti individualmente ad un trattamento con piretroidi. Sulla documentazione di scorta degli animali deve essere aggiunta la seguente dizione: «trattamento insetticida con (nome del prodotto) il (data) alle (ora) in conformità alla decisione 2001/783/CE». I Centri di Fecondazione Artificiale che si trovano in Province soggette a restrizione devono essere autorizzate quali stalle di quarantena, strutture/locali di isolamento con le stesse modalità descritte al punto 2. I Centri di Fecondazione Artificiale autorizzati quali stalle di quarantena, strutture/locali di isolamento possono non sottoporre gli animali donatori ad alcun controllo sierologico, qualora gli animali permangano nel Centro di Fecondazione Artificiale per un periodo superiore o uguale a 100 giorni. I Centri di Fecondazione Artificiale NON autorizzati quali stalle di quarantena, strutture/locali di isolamento o nei quali gli animali permangono per un periodo inferiore ai 100 giorni, dovranno sottoporre gli animali donatori ad un controllo sierologico (ELISA) con esito negativo ogni 60 giorni per tutto il periodo della raccolta del seme e ad un controllo sierologica (ELISA) con esito negativo tra 28 e 60 giorni dopo l ultima raccolta. Tutti i controlli devono essere effettuati a cura del Servizio Veterinario competente per territorio. 3.5 REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITÀ Le attività eseguite nei Centri Genetici, nei Centri di Fecondazione Artificiale e nelle aziende che forniscono animali ai Centri devono essere documentate, nonché rese disponibili per qualunque verifica da parte dell Autorità sanitaria competente.

9 In particolare, le informazioni relative ai controlli diagnostici effettuati sugli animali, complete di data di controllo, identificativo dell animale esaminato ed esito del controllo, devono essere registrate in modo cronologico in un apposito registro. Le informazioni relative ai controlli entomologici, complete di data della cattura, temperatura minima e massima rilevata, numero di Culicoides spp e di C. imicola rilevati, devono, anch esse, essere riportate in un apposito registro. Per la registrazione delle attività effettuate secondo le presenti linee-guida, potrà essere utilizzato il registro previsto alla Legge 15/1/91 n.30 che disciplina la riproduzione animale, e successive modifiche. 3 MISURE DA ADOTTARE IN CASO DI POSITIVITÀ SIEROLOGICA Le misure in caso di positività devono essere adottate sia nei centri Genetici che nei centri di fecondazione artificiale. Quando un animale risulta positivo all esame sierologico (ELISA) e la positività è confermata dal Centro di Referenza Nazionale per le Malattie Esotiche, i Servizi veterinari competenti per territorio, oltre ad adottare tutte le misure previste dalle disposizioni vigenti al fine di verificare le cause della positività, dovranno effettuare anche i seguenti controlli: catture sistematiche di insetti. La frequenza delle catture e il posizionamento delle trappole devono essere concordate con il CESME, in collaborazione con l Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per territorio; catture sistematiche di insetti. nelle aziende di provenienza (punti e 3.1.3) o di stabulazione (punti 3.1.5) degli animali. La frequenza delle catture e il posizionamento delle trappole devono essere concordate con il CESME, in collaborazione con l Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per territorio prelievo di campioni di sangue sia con che senza anticoagulante su tutti gli animali presenti nelle stalle di quarantena o nelle strutture/locali di isolamento dei Centri prelievo di campioni di sangue sia con che senza anticoagulante su tutti gli animali delle aziende di provenienza degli animali. Se la positività viene confermata su animali provenienti da province indenni, oltre all applicazione delle misure e l esecuzione dei controlli su elencati, dovranno avvertire il Ministero della Salute, il CESME, il Servizi Veterinario Regionale ed i Servizi Veterinari locali dei territori di provenienza degli animali. In tutti i casi l autorizzazione delle stalle di quarantena o delle strutture/locali di quarantena dei Centri genetici che hanno introdotto gli animali e delle aziende di partenza dovrà essere immediatamente sospesa, in attesa di chiarire la situazione epidemiologica. 4 VIGILANZA DEL SERVIZIO VETERINARIO DELLE AZIENDE USL Il Servizio Veterinario Regionale e delle Aziende USL, ciascuno per le proprie competenze, deve garantire la corretta applicazione delle presenti linee guida da parte dei Centri Genetici, dei Centri di Fecondazione Artificiale e delle aziende che forniscono loro animali. Deve inoltre assicurare l esecuzione, nei tempi e nei modi previsti dalle presenti linee guida, delle seguenti attività:

10 tutte le attività connesse al rilascio di autorizzazione delle stalle di quarantena o delle strutture/locali di isolamento così come previsto all allegato III della nota della Direzione Generale della Sanità Pubblica Veterinaria, Alimenti e Nutrizione n /BT/3405 del 6 dicembre 2001; tutte le attività connesse al rilascio dell esenzione dalla vaccinazione obbligatoria; tutte le attività connesse all inserimento delle aziende tra quelle sentinella del Piano Nazionale di sorveglianza o all organizzazione di un circuito di aziende sentinella parallelo a quello già previsto dal Piano nazionale di sorveglianza sierologia; l invio degli elenchi delle stalle di quarantena o delle strutture/locali di isolamento autorizzate al Ministero della Salute ed al CESME, completo di il codice identificativo e denominazione dell allevamento, la sua ubicazione completa di coordinate geografiche, il numero totale di animali presenti, le condizioni di stabulazione; prelievo dei campioni di sangue dagli animali; esecuzione delle catture di Culicoides, in collaborazione con il referente per l esecuzione del Piano Entomologico dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per territorio; vigilanza continua sui Centri Genetici e di Fecondazione Artificiale che introducono animali provenienti da zone soggette a restrizione secondo le presenti linee guida. Dovranno inoltre effettuare almeno ogni 60 giorni una visita in tali aziende. L esito della visita dovrà essere registrato sul registro aziendale. Nel corso delle visite dovranno essere verificate: l identità e l origine degli animali introdotti con particolare riferimento al rispetto della normativa sull identificazione e registrazione degli animali; la precisa e puntuale registrazione dei controlli diagnostici e dei relativi esiti nel registro appositamente predisposto; la precisa e puntuale registrazione dei controlli entomologici e dei relativi esiti nel registro appositamente predisposto; il mantenimento dei requisiti di stalla di quarantena o di struttura/locale di isolamento o di assenza di Culicoidi adulti. Al termine della visita il veterinario ufficiale dovrà controfirmare il registro, indicando la data e l esito (favorevole o non favorevole) del controllo stesso, indicando, in caso di esito non favorevole, le irregolarità rilevate. Qualora le irregolarità rilevate sulle strutture o sui controlli siano tali da indicare che i requisiti richiesti non sono mantenuti, il Veterinario Ufficiale procede alla revoca della autorizzazione e ne dà comunicazione al Ministero della Salute. Il rilascio della certificazione sanitaria necessaria per la movimentazione di animali delle specie recettive da e per i Centri Genetici e di Fecondazione Artificiale, nonché quella utile alla commercializzazione del seme proveniente da tali animali.

11 Tabella 1 Numero di animali da esaminare per ciascuna azienda. NUMERO CAPI PRESENTI NUMERO DI CAPI DA PRELEVARE fino a 10 tutti da 21 a da 24 a da 30 a da 35 a da 40 a da 45 a da 50 a da 60 a da 80 a da 100 a da 130 a >=200 27

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 289/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 289/2008 DELLA COMMISSIONE 1.4.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 89/3 REGOLAMENTO (CE) N. 289/2008 DELLA COMMISSIONE del 31 marzo 2008 che modifica il regolamento (CE) n. 1266/2007 relativo alle misure di applicazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 12 DEL 25 MARZO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 29 dicembre 2007 - Deliberazione N. 2313 - Area Generale di Coordinamento N. 20 -

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE 27.10.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 283/37 REGOLAMENTO (CE) N. 1266/2007 DELLA COMMISSIONE del 26 ottobre 2007 relativo alle misure di applicazione della direttiva 2000/75/CE del Consiglio

Dettagli

Situazione epidemiologica

Situazione epidemiologica IN ITALIA NEL 009 N. 4 0 febbraio 00 Situazione epidemiologica I focolai confermati ad oggi sono 6 di cui con sintomi clinici (Tabella e Figura ). I casi clinicamente manifesti negli equidi sono 7 con

Dettagli

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014

Allegato 1 alla deliberazione della Giunta regionale n. 15 in data 10/01/2014 LA GIUNTA REGIONALE - richiamata la legge regionale 13 febbraio 2012, n. 4 recante Disposizioni per l eradicazione della malattia virale rinotracheite bovina infettiva (BHV-1) nel territorio della regione,

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 5302 del 16/04/2014 Proposta: DPG/2014/5718 del 16/04/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole zanzare,

Dettagli

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

Aspetti dell infezione rilevanti per il controllo. REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica Malattia virale che colpisce il bovino causata da un herpesvirus (BHV 1 ), si manifesta con sintomi respiratori (Rinotracheite infettiva

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 293/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.11.2005 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 8 novembre 2005 relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia

Dettagli

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE

DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE ALLEGATO A DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA UNIONALE E NAZIONALE IN MATERIA DI RIPRODUZIONE ANIMALE 1.STRUTTURE/ATTIVITA DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE OPERANTI IN AMBITO NAZIONALE 1.1

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI All Ufficio S.U.A.P. del COMUNE DI PONZA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI DETENZIONE ANIMALI, VENDITA PICCOLI ANIMALI, TOILETTE PER CANI E GATTI ai sensi dell art. 19 L. 241/90 e D.P.R. 8

Dettagli

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica La febbre catarrale degli ovini o bluetongue è una malattia virale delle pecore, che si diffonde attraverso la puntura di insetti. Minuscole

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 20.7.2002 L 192/27 DIRETTIVA 2002/60/CE DEL CONSIGLIO del 27 giugno 2002 recante disposizioni specifiche per la lotta contro la peste suina africana e recante modifica della direttiva 92/119/CEE per quanto

Dettagli

Ordinanza sulle epizoozie

Ordinanza sulle epizoozie Ordinanza sulle epizoozie (OFE) Modifica del 23 novembre 2005 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 27 giugno 1995 1 sulle epizoozie è modificata come segue: Sostituzione di termini

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 17/07/2014

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 17/07/2014 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO

ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO ALLEGATO 2 ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUIDI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda deve essere compilata in ogni sua parte in maniera chiara e leggibile e deve essere datata e firmata dal veterinario

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

INDAGINE EPIDEMIOLOGIA PER MALATTIE VESCICOLARI

INDAGINE EPIDEMIOLOGIA PER MALATTIE VESCICOLARI INDAGINE EPIDEMIOLOGIA PER MALATTIE VESCICOLARI La malattia è stata diagnosticata/sospettata in seguito a: 1. ANAGRAFE DELL AZIENDA SOSPETTO CLINICO/ANATOMO-PATOLOGICO SIEROPOSITIVITA ISOLAMENTO VIRALE

Dettagli

Normativa in ambito acquacoltura

Normativa in ambito acquacoltura SALVAGUARDIA DELLE RISORSE ITTICHE: ASPETTI SANITARI E NORMATIVI PER UNA CORRETTA GESTIONE Normativa vigente in materia di immissioni: acque pubbliche, laghetti di pesca sportiva aspetti sanitari Chiara

Dettagli

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( )

Dati identificativi del richiedente: Cognome e nome o Ragione sociale Codice Fiscale P.IVA data di nascita / / Comune di nascita ( ) ALLEGATO 1 MODELLO 1 codice 52 06 09 - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli - PEC: dg06.uod09@pec.regione.campania.it Oggetto: Richiesta autorizzazione a gestire una stazione di monta naturale

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 155/48 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 22.6.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18 giugno 2010 recante misure di protezione nei confronti dell anemia infettiva equina in Romania [notificata con

Dettagli

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA

S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale. Tecnici Veterinari SATA S.A.T.A. Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale Tecnici Veterinari SATA Direttive della Normativa Comunitaria creazione di una base normativa

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

ELENCO DELLE PRESTAZIONI

ELENCO DELLE PRESTAZIONI TARIFFARIO PER LE PRESTAZIONI DI IGIENE E SANITA' PUBBLICA VETERINARIA RELATIVE ALLE FUNZIONI ELENCATE DALLA L.R. 23 AGOSTO 1983 N 25, ESPLETATI, A FAVORE DI ENTI E PRIVATI DALL'AREA DI SANITA' PUBBLICA

Dettagli

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST

CONTROLLO UFFICIALE RACCOLTA E PRODUZIONE EMBRIONI CHECK LIST Pag. 1 di 11 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

Corpo messaggio: null

Corpo messaggio: null Oggetto : Piano di gestione degli allevamenti di bovini iscritti ai Libri genealogici (LG) delle 5 razze Italiane da carne finalizzato al risanamento dal virus responsabile della rinotracheite infettiva

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. ++39/0541/343030 - telefax ++39/0541/345540 pag.1/7 REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Contenuti Capitolo

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

10 settembre 2012, n. 8

10 settembre 2012, n. 8 10 settembre 2012, n. 8 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla mortalità negli uccelli selvatici

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 5.5.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 118/39 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 2 maggio 2005 relativa a talune misure di protezione della salute animale contro la peste suina africana in Sardegna,

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

Macellazione domiciliare di suini e ovi-caprini per uso familiare.

Macellazione domiciliare di suini e ovi-caprini per uso familiare. Prot n 56470 2013 Pisa 22 ottobre 2013 A SINDACI dei comuni Zona Pisana Zona Valdera Zona Alta Val di Cecina Oggetto: Macellazione domiciliare di suini e ovi-caprini per uso familiare. IL RESPONSABILE

Dettagli

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin

Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Patrizia Rossi & Silvia Tramontin Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate - Istituto Superiore di Sanità - Roma Dipartimento Laboratori di prova per la sicurezza degli alimenti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO REGIONALE PLURIENNALE INTEGRATO DI SANITÀ ANIMALE MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ PIANIFICATE

PIANO DI CONTROLLO REGIONALE PLURIENNALE INTEGRATO DI SANITÀ ANIMALE MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ PIANIFICATE PIANO DI CONTROLLO REGIONALE PLURIENNALE INTEGRATO DI SANITÀ ANIMALE MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ PIANIFICATE PREMESSE Il presente Manuale intende offrire una quadro dettagliato delle procedure operative

Dettagli

Saluti a tutti. Silvio Marelli.

Saluti a tutti. Silvio Marelli. Le seguenti normative che vedrete in allegato regolano la movimentazione di alcune specie animali compresi i cani all'interno della comunità europea, specificando i casi in cui il numero è superiore o

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA

Dettagli

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE

Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Provincia di Como DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER L ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATICA A SCOPO ALIMENTARE, ORNAMENTALE E AMATORIALE Art. 1 Finalità La Provincia di Como con le presenti disposizioni disciplina

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 29 marzo 2010, n. 57 Attuazione della direttiva 2008/73/CE che semplifica le procedure di redazione degli elenchi e di diffusione dell'informazione in campo veterinario e zootecnico.

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- Sede Legale: Via Bianchi, 9 25124 Brescia

Dettagli

COMMITTENTE Responsabile Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Regione Emilia-Romagna

COMMITTENTE Responsabile Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Regione Emilia-Romagna PROGETTO REGIONALE DI AUDIT PER VERIFICARE LA CORRETTA APPLICAZIONE PRESSO I LABORATORI DESIGNATI E I MACELLI, DEL REGOLAMENTO 2075/2005 RELATIVO AI CONTROLLI UFFICIALI SULLA PRESENZA DI TRICHINELLA NELLE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO TITOLO II CATTURA CANI VAGANTI REGOLAMENTO DEI SERVIZI DI ACCALAPPIATURA CANI E GESTIONE DEL CANILE COMUNALE. INDICE TITOLO I FINALITA E OGGETTO Art. 1 - Finalità. Art. 2 - Oggetto del Regolamento. Art. 3 - Definizioni e principi generali.

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014 Bollettino epidemiologico WND 5 gennaio 205 n.6 West Nile Disease in Italia nel 204 Sommario Introduzione 2 Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli di specie bersaglio 5

Dettagli

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine

Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Requisiti sanitari e di bio-sicurezza delle aziende suine Nell'ambito del controllo ufficiale delle aziende suinicole, i Servizi veterinari delle ASL devono verificare i seguenti aspetti generali: -lo

Dettagli

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO

LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO 1 Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nei polli da carne della specie Gallus gallus LINEE GUIDA PIANO DI AUTOCONTROLLO Con il presente documento si intende fornire una

Dettagli

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede)

[notificata con il numero C(2015) 3745] (Il testo in lingua portoghese è il solo facente fede) 11.6.2015 L 146/11 DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/892 DELLA COMMISSIONE del 9 giugno 2015 relativa all'approvazione di un piano di vaccinazione preventiva contro l'influenza aviaria a bassa patogenicità

Dettagli

West Nile Disease in Italia nel 2012

West Nile Disease in Italia nel 2012 19 luglio n. 3, 2012 West Nile Disease in Italia nel 2012 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013 COMUNE DI PALO DEL COLLE Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI RICOVERATI NEL CANILE RIFUGIO CONVENZIONATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE Pag. 1 di 5 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI DOTT. INDIRIZZO N. RESPONSABILE VETERINARIO COMUNE DI CODICE AZIENDALE IDENTIFICATIVO FISCALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA Legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale (in G.U. n. 24 del 29.1.1991, pag. 3) Capo I: Libri genealogici e Registri anagrafici, controlli funzionali e valutazioni genetiche del

Dettagli

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina

Modello 1 CHIEDE di essere autorizzato per il quinquennio 20 /20 a gestire una stazione di monta naturale pubblica per la specie bovina Modello 1 Alla Regione Campania A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario - Settore Sperimentazione Informazione Ricerca e Consulenza in Agricoltura - Centro Direzionale - Isola A/6-80143 - Napoli Oggetto:

Dettagli

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A

INDICE. 1. Specie bovina e bufalina: fecondazione pubblica e privata. 2. Specie equina: fecondazione pubblica e privata ALLEGATO A ALLEGATO A Disciplina della riproduzione animale. Applicazione in sede regionale del decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, 19 luglio 2000, n. 403 Approvazione del nuovo regolamento

Dettagli

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI

MANUALE N. 11. Rev. 0/ 28 OTTOBRE 2010 STATO DELLE REVISIONI. Rev. N. SEZIONI REVISIONATE MOTIVAZIONE DELLA REVISIONE DATA ALLEGATI MANUALE PER IL CONTROLLO UFFICIALE PRESSO OPERATORI DELLA RIPRODUZIONE ANIMALE IMPIANTO DI FECONDAZIONE ARTIFICALE PER LA SPECIE SUINA IN AMBITO AZIENDALE STATO DELLE REVISIONI Rev. N. SEZIONI REVISIONATE

Dettagli

1. SPECIE EQUINA: FECONDAZIONE PUBBLICA E PRIVATA

1. SPECIE EQUINA: FECONDAZIONE PUBBLICA E PRIVATA Allegato A Disposizioni per l'attuazione della legge 15 gennaio 1991, n. 30 Disciplina della riproduzione animale, del regolamento d esecuzione adottato con decreto del Ministero delle Politiche Agricole

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI O VAGANTI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI CATTURATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili. Ozzano, 19 giugno 2008

Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili. Ozzano, 19 giugno 2008 Istruzioni operative per la gestione della leishmaiosi nei canili Ozzano, 19 giugno 2008 Controllo dello stato di salute degli animali ospitati tutela e benessere degli animali ospitati Tutela della salute

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9

Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010 Nr. 9/I-II 9 Numero Straordinario al B.U. n. 9/I-II del 04/03/2010 / Sondernummer zum Amtsblatt vom 04/03/2010

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

02 PAESI CEE. Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro.

02 PAESI CEE. Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro. 02 PAESI CEE 2.1 DISTACCO 2.1.1 Adempimenti Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro. E sufficiente richiedere

Dettagli

L anno 2014 (duemilaquattordici) addì del mese di in una sala del Palazzo Comunale di Empoli TRA

L anno 2014 (duemilaquattordici) addì del mese di in una sala del Palazzo Comunale di Empoli TRA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI EMPOLI E L ASSOCIAZIONE ARISTOGATTI PER IL SOSTENTAMENTO, LA CURA, LE PRESTAZIONI VETERINARIE E GLI INTERVENTI DI CONTROLLO DELLE NASCITE DELLE COLONIE FELINE SITUATE NEL COMUNE

Dettagli

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO:

LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: LE PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO: - D.P.R. 30 aprile 1996, n.317 Regolamento recante norme per l'attuazione dell direttiva 92/10/CEE relativa all'identifcazione e alla registrazione degli animali

Dettagli

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari negli animali dei medicinali veterinari Modelli innovativi di lotta alla varroa: l acido formico in gel. Dr. Salvatore Macrì Dirigente Veterinario Ministero della Salute Roma Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29;

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29; 12210 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 132 del 4-11-2004 DETERMINA di autorizzare, per quanto di competenza della Regione Puglia, la devoluzione del finanziamento per lavori di completamento/ampliamento

Dettagli

Riproduzione animale

Riproduzione animale Riproduzione animale Manuale Utente Indice 1 Introduzione al servizio Riproduzione Animale... 3 1.1 Tipologie di Utenza... 3 2 Home page del servizio... 4 3 Autorizzazione... 6 3.1 Dettaglio... 7 3.2 Istruttoria...

Dettagli

E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO

E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO E N T E P AR C O REGION AL E G AL L I P OLI COGNATO - PICCOLE DOLOMITI LUCANE CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO Allegato alla D.C.D. 47 del 19/5/2010 CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLA FIDA PASCOLO

Dettagli

La detenzione di animali esotici

La detenzione di animali esotici La detenzione di animali esotici La Legge regionale n. 89/1990, all articolo 1, definisce gli animali esotici: tutte le specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi facenti parte della fauna selvatica

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE

CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE CHECK-LIST INTEGRATA BOVINI DA RIPRODUZIONE - TIPOLOGIA CARNE DATA / / Operatori. Tempistica. COD / / ASL PROPRIETARIO DETENTORE. Indirizzo.. Tipologia allevamento: vendita vitelli ingrasso vitelli N capi

Dettagli

Vista la legge 15 gennaio 1991 n. 30 recante "disciplina della riproduzione animale";

Vista la legge 15 gennaio 1991 n. 30 recante disciplina della riproduzione animale; REGIONE PIEMONTE BU16 17/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 marzo 2014, n. 33-7300 Disciplina della riproduzione animale. Modifica delle istruzioni per l'applicazione in Piemonte del D.M.

Dettagli

Riproduzione animale: le regole in Lombardia

Riproduzione animale: le regole in Lombardia Riproduzione animale: le regole in Lombardia 1. Interventi di fecondazione artificiale La fecondazione artificiale può essere svolta esclusivamente da operatori iscritti all apposito albo regionale (sia

Dettagli

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE

L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE L ANAGRAFE ZOOTECNICA E L IDENTIFICAZIONE DEGLI OVI-CAPRINI ASL LEZIONE LAORE TUTTO QUELLO CHE GLI ALLEVATORI DEVONO FARE PER

Dettagli

Mansioni a rischio nel settore del TPL:

Mansioni a rischio nel settore del TPL: Mansioni a rischio nel settore del TPL: A. Conducenti di veicoli stradali per i quali è richiesto il possesso della patente di guida delle categorie C-D-E. B. Personale direttamente addetto alla circolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 79/2005 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 79/2005 DELLA COMMISSIONE L 16/46 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.1.2005 REGOLAMENTO (CE) N. 79/2005 DELLA COMMISSIONE del 19 gennaio 2005 che attua il regolamento (CE) n. 1774/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA'

REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA' AREA DI COORDINAMENTO SANITA' SETTORE SANITA' PUBBLICA VETERINARIA. Dirigente Responsabile: Andrea Leto

Dettagli

LINEE GUIDA INERENTI L ACCORDO STATO-REGIONI PRIME DISPOSIZIONI PER L AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO DI ANIMALI VIVI

LINEE GUIDA INERENTI L ACCORDO STATO-REGIONI PRIME DISPOSIZIONI PER L AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO DI ANIMALI VIVI Direzione Sanità Settore Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti ALLEGATO 1 LINEE GUIDA INERENTI L ACCORDO STATO-REGIONI PRIME DISPOSIZIONI PER L AUTORIZZAZIONE AL TRASPORTO DI ANIMALI VIVI Il Reg.

Dettagli

Sistema Informativo Bluetongue

Sistema Informativo Bluetongue Sistema Informativo Bluetongue Manuale utente Versione 1.0.0 Indice 1 SISTEMA INFORMATIVO BLUETONGUE... 4 1.1 DOCUMENTAZIONE... 4 1.2 DESCRIZIONE DELLA MALATTIA... 5 1.3 DOCUMENTI TECNICI ED INFORMAZIONI...

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

(Atti non legislativi) DECISIONI

(Atti non legislativi) DECISIONI 24.2.2015 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/261 DELLA COMMISSIONE del 6 febbraio 2015 che modifica le decisioni 2010/470/UE

Dettagli

Riproduzione animale

Riproduzione animale Riproduzione animale Manuale Utente Sommario 1 Introduzione al servizio Riproduzione Animale... 3 1.1 Tipologie di Utenza... 3 2 Home page del servizio... 4 3 Consultazione dati dei soggetti autorizzati...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI COMUNE DI FRATTAMINORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI Allegato alla delibera di Consiglio comunale n.23 del 29/09/2008 INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 MODALITA DI ADESIONE ART.3 INCENTIVI

Dettagli

MALATTIA DI AUJESZKY: RELAZIONE SULLO STATO SANITARIO DELLA REGIONE DEL VENETO

MALATTIA DI AUJESZKY: RELAZIONE SULLO STATO SANITARIO DELLA REGIONE DEL VENETO MALATTIA DI AUJESZKY: RELAZIONE SULLO STATO SANITARIO DELLA REGIONE DEL VENETO Premessa Nella Regione Veneto viene allevato circa l 8% del patrimonio suinicolo italiano, inoltre sono presenti sul territorio

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA ORDINANZA N. 35 DEL 15-07-2015 UFFICIO SINDACO ORIGINALE Oggetto: Attuazione della Delibera di G.R.T. 1 Dicembre 2014 n. 1095 - Disposizioni operative sull'interramento in loco di carcasse di animali morti

Dettagli

Legislazione di riferimento

Legislazione di riferimento CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO SULL APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI IDENTIFICAZIONE E REGISTRAZIONE DEGLI ANIMALI DELLA SPECIE BOVINA E BUFALINA AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) 1082/03 E SUCCESSIVE

Dettagli