S. M. S. G. RUSSO PALERMO A.S. 2007/2008. ILIADE Canti di donne, di vinti, di pace

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S. M. S. G. RUSSO PALERMO A.S. 2007/2008. ILIADE Canti di donne, di vinti, di pace"

Transcript

1 S. M. S. G. RUSSO PALERMO A.S. 2007/2008 ILIADE Canti di donne, di vinti, di pace

2 Laboratorio teatrale delle classi Prima I Seconda I Prima L Liberamente tratto da Omero, Iliade A. Baricco, Omero. Iliade Euripide, Le Troiane Soggetto e sceneggiatura Valentina Chinnici, Maria Pia La Porta, Chiara Vella Luci, suoni e musiche Mario Orofino Costumi Lidia Lombardo Regia Mario Orofino

3 Perché l Iliade Rileggere l Iliade ci è sembrata una scelta necessaria. Anche per noi, ragazzi di una scuola media di oggi. L Iliade è il primo poema della letteratura occidentale. Ed è un lungo poema che parla di guerra, la madre di tutte le guerre. Per questo lo abbiamo scelto, noi che oggi ci troviamo in un mondo sempre immerso nella guerra. Per capire forse, cos è davvero una guerra. Per non restare disorientati di fronte alle violenze in Iraq, in Tibet, in Israele, in Africa L Iliade parla infatti di una guerra antica, la guerra di Ilio, cioè la guerra di Troia. Una guerra di 3000 anni fa che ancora parla al cuore di tutti. Perché l Iliade non è solo un poema di guerra, ma è un poema che vibra di compassione, di pietà, di amicizia, di coraggio. E una storia scritta dai vincitori, i Greci, che insegna però che dove ci sono i vincitori ci sono anche i vinti, con le loro ragioni e i loro sentimenti. L Iliade infatti l hanno scritta i Greci (forse tanti si nascondono dietro il mitico nome del poeta Omero), ma nel cuore di chi la legge o la ascolta restano anche e soprattutto i Troiani che la guerra l hanno persa. L Iliade ci insegna che qualunque sia la scusa per dichiarare una guerra, che sia Dio, il Vangelo, il Corano, un dittatore malvagio o magari il sorriso di una bella donna, come Elena, la verità è sempre un altra: la guerra si fa per il potere e la ricchezza, 3

4 che sia oro, petrolio o addirittura acqua, il bene più prezioso, che oggi tutti chiamano l oro blu. Dunque, perché ancora l Iliade? Perché, come diceva Calvino, un classico è un libro che non ha mai finito di dire quello che ha veramente da dire. 4

5 SCENA I CRISEIDE: Tutto iniziò in un giorno di violenza. Erano nove anni che i Greci assediavano Troia. Spesso avevano bisogno di cibo o di animali o di donne, e allora lasciavano Troia e andavano a procurarsi quel che volevano saccheggiando le città vicine. Quel giorno toccò a Tebe, la mia città. Ci presero tutto e se lo portarono alle loro navi. Fra le donne che rapirono c ero anch io. Sì, io. Criseide. Ero bella: quando i principi greci si divisero il bottino, Agamennone mi vide e mi volle per sé. Era il re dei re, e il capo di tutti i Greci. Mi portò nella sua tenda e divenni la sua schiava. Ma alcuni giorni dopo, arrivò all accampamento mio padre. Si chiamava Crise, era sacerdote di Apollo. Era vecchio. Portò splendidi doni e chiese ai Greci, in cambio, di liberarmi. Tutti i principi greci, vedendolo così, vecchio e disperato, e sapendo che era un nobile sacerdote, dissero che era giusto accettare il riscatto e restituirgli me, sua figlia. Solo uno, fra di loro, non si fece incantare: Agamennone. Si alzò e si scagliò brutalmente contro mio padre dicendogli: AGAMENNONE: Sparisci, vecchio, e non farti mai più vedere. Io non libererò tua figlia: invecchierà ad Argo, nella mia casa, lontano da te e dalla sua patria. Ora vattene, se vuoi salvare la pelle! CRISEIDE: Mio padre, atterrito, obbedì e se ne andò. Ma all improvviso accadde che morte e dolore piombarono sui Greci. Morivano a centinaia e non si capiva il perché. Achille convocò l esercito in assemblea per decider cosa fare. 5

6 Nell accampamento greco tra Achille e Agamennone si scatena un furioso litigio; sono riuniti i Principi greci: Agamennone, Achille, Ulisse, Menelao, Aiace, Calcante. ACHILLE: (rivolgendosi a Calcante) Perché, Calcante, tu che sei sacerdote e indovino, non ci spieghi il motivo di tanta collera? Perché Apollo continua a far morire i Greci con questa pestilenza? In che cosa abbiamo offeso il figlio di Zeus? Si fa silenzio CALCANTE: (con volto severo e fronte corrugata), Apollo vuole punire uno di noi, che tiene schiava la giovane Criseide, figlia di Crise, sacerdote prediletto di Apollo. Crise è venuto qui, ricorderete, ad implorare la liberazione della figlia, ma ne ha avuto un secco rifiuto. Ecco perché Apollo ci punisce. Tutti guardano in silenzio Agamennone ACHILLE: Re fa la tua parte, restituisci la fanciulla. AGAMENNONE: (sdegnato) Rinuncerò alla fanciulla ma prenderò la tua Briseide, Achille. ACHILLE: (furioso dalla collera) Vuoi fare questo? A me che combatto per te, cuore di coniglio! Ho lasciato la mia terra, rischio la vita per un Troiano, Paride, che ha rapito la moglie di tuo fratello! Hai detto che l offesa fatta a Menelao era un offesa fatta a tutta la Grecia, e ti abbiamo seguito fino a Troia. E per questo che combattiamo da nove anni e io ho combattuto più degli altri! E tu ora mi ricompensi 6

7 così? Bada Agamennone, se mi toglierai Briseide, io non combatterò più. AGAMENNONE: (come se volesse afferrare Achille) Vattene, combatteremo senza di te. NESTORE: Calmatevi, non capite che così facendo favorirete i Troiani? CRISEIDE: Quando l assemblea si sciolse, Agamennone fece mettere in mare una delle sue navi, mi accompagnò sopra e lasciò che io tornassi al padre e alla mia terra. Rimase sulla riva, a guardare la nave salpare. Poi chiamò due scudieri fidati e ordinò loro di andare nella tenda di Achille e di prendere Briseide per mano e di portarla via. I due scudieri obbedirono, ma a malincuore. Trovarono Achille seduto accanto alla sua tenda e alla nave nera. Si fermarono davanti a lui e non dissero nulla, perché provavano rispetto e paura per quel re. Allora fu lui a parlare. ACHILLE: Avvicinatevi. Non siete voi ad aver colpa per tutto questo, ma Agamennone. Patroclo, prendi Briseide e consegnala a questi due scudieri. Voi mi siete testimoni, Agamennone è un pazzo! CRISEIDE: I due scudieri ai misero in cammino, portandosi Briseide: bella, andava, e triste, e a malincuore. Li vide partire Achille. E allora si andò a sedere, da solo, in riva al mare bianco di schiuma, e scoppiò a piangere davanti a quella distesa infinita. Era il signore della Guerra e il terrore di ogni Troiano. Ma scoppiò in lacrime e come un bambino si mise a invocare il nome della madre, Teti. Da lontano lei venne e lo chiamò per nome: 7

8 TETI: Achille, Achille figlio mio, perché ti ho messo al mondo, io, madre infelice? La tua vita sarà breve, se almeno tu potessi trascorrerla senza lacrime, senza dolore ACHILLE: Puoi salvarmi, madre, puoi farlo? TETI: Ascoltami: rimani qui, vicino alle navi, e non andare più in battaglia. Rimani fermo nella tua ira verso gli Achei e non cedere al tuo desiderio di guerra. Io ti dico: un giorno ti offriranno doni splendidi e te ne daranno tre volte tanti, per l offesa che hai patito. CRISEIDE: Poi scomparve nel mare e Achille rimase lì, solo: il suo animo era pieno d ira per l ingiustizia subita. Io rividi la mia città quando la nave, comandata da Ulisse, entrò nel porto. Gettate le ancore, Ulisse mi prese per mano e mi condusse a terra. Mi guidò fino all altare di Apollo, dove mi aspettava mio padre. Mi lasciò libera e mio padre mi prese fra le braccia, piangendo di gioia. La nave dei Greci scomparve all orizzonte. Ancora adesso ogni tanto sogno di polvere, armi, ricchezze e giovani eroi. Sogno sempre lo stesso posto, in riva al mare. C è odore di sangue e di uomini. E il re dei re che butta al vento la sua vita e la sua gente, per me, per la mia bellezza. Ma quando mi sveglio c è mio padre, al mio fianco. Mi accarezza e mi dice: è tutto finito, figlia mia. Dormi. E tutto finito. 8

9 SCENA II CORO NARRANTE: Notte. Tutti gli uomini dormono, dormono tutti gli dei, tranne Giove. Dorme, nella sua tenda, Agamennone; ed ecco, scendendo rapido dal cielo, si avvicina silenzioso il Sogno, e sussurra all orecchio di Agamennone: SOGNO: Stai dormendo, Agamennone, eppure comandi un esercito e una flotta. Ascoltami: mi manda il dio. Raduna l esercito e muovi verso Troia. Combatti. Vincerai. La vittoria è tua. Prendila CORO NARRANTE:: Il Sogno svanì e Agamennone convocò l assemblea dei soldati. Ma le truppe erano stanche di combattere. Volevano tornare a casa. Avevano nostalgia dei loro cari e tanta, tanta paura di morire. Allora si alzò Ulisse e così parlò ai soldati: ULISSE: Pazzi! Dove correte? Fermi! Tornate! E in gioco l onore della Grecia! Ragazzi miei, è vero, siamo qui da nove anni. Ma è una ragione in più per tenere duro. Combattiamo fino in fondo! Perché saranno morti i nostri compagni, se ora fuggiamo? Avremo solo infangato il nostro nome! No, Agamennone, non ti lasceremo! Ma se qualche pazzo vuole andare, se ne vada. Sappia però che anziché sfuggire alla morte, la troverà subito! AGAMENNONE: In nome della Grecia, dunque, prepariamoci alla battaglia decisiva! La vittoria è nostra! Mangiate ora; poi affilate le spade e le lance, ed ognuno raggiunga la sua schiera, i suoi compagni e il suo principe. Andremo all attacco, e non smetteremo di batterci fino a quando non saremo a Troia. 9

10 SCENA III ELENA: Come una schiava, io, Elena, quel giorno stavo in silenzio, costretta a tessere su una tela color sangue le imprese dei Troiani e dei Greci in quella dolorosa guerra combattuta per me. D un tratto vidi Laodice, la più bella delle figlie di Priamo, entrare e gridarmi: LAODICE: Corri, Elena, vieni a vedere! E ripresa la battaglia fra Greci e Troiani. Mio padre, il re Priamo, vuol chiederti alcune informazioni sui Greci. ELENA: Io l ascoltai, e d improvviso mi venne da piangere, perché grande era in me la nostalgia per l uomo che avevo sposato, e per la mia famiglia, e la mia vera patria, la Grecia. Mi coprii con un velo bianco e corsi verso le mura, ancora con le lacrime agli occhi. Tutti i Troiani parlavano male di me, della sventura che avevo portato. Solo il re, Priamo, si rivolse a me con dolcezza: PRIAMO: Vieni qui, Elena, figlia mia, accanto a me. Tu non hai colpa per tutto questo. Vieni, da qui si possono vedere tuo marito e i tuoi parenti dimmi, chi è quel guerriero greco così nobile e grande? E così bello e maestoso: sembra un re! ELENA: Oh, Priamo, ho rispetto e paura di te, padre del mio nuovo sposo. Oh, se solo avessi avuto il coraggio di morire piuttosto che seguire tuo figlio fin quaggiù e abbandonare il mio letto nuziale ma non è stato così, ed ora io mi consumo nel pianto. Ma tu vuoi sapere chi è quel guerriero E Agamennone, re potentissimo e forte: un tempo era mio cognato 10

11 PRIAMO: E quell altro? E più basso di Agamennone, ma ha il petto e le spalle larghi ELENA: Quello è Ulisse, famoso per la sua astuzia e intelligenza. Accanto a lui, invece, c è Menelao, il mio sposo, al quale Paride, tuo figlio, mi ha rubata. Avrei voluto dirgli quanto rimpiangevo Menelao. Paride al confronto era un vigliacco: lo vidi scappare dal campo di battaglia e rifugiarsi nel palazzo. Era l uomo che nessuno, né Greco né Troiano avrebbe aiutato o nascosto, quel giorno. Era l uomo che tutti odiavano, come si odia la nera dea della morte. 11

12 SCENA IV CORO NARRANTE: L Iliade canta di guerra e di sangue. Ma a volte risuonano, inattese, parole di pace. Ecco, ad esempio, Glauco e Diomede, un Troiano e un Greco, avidi di uccidersi in duello. Li salverà il dialogo, perché parlando si riconosceranno amici. DIOMEDE: Chi sei tu, nobilissimo fra i mortali? Non ti ho mai visto in battaglia finora. Ecco che avanzi, davanti a tutti, e col tuo coraggio sfidi me, il grande Diomede, mentre gli altri tremano. Avvicinati, e presto vedrò il tuo sangue versato dalla mia lancia. GLAUCO: Diomede, figlio di Tidèo, perché mi chiedi da quale stirpe provengo? Le stirpi degli uomini sono come le foglie Le foglie, alcune il vento le getta a terra, altre i boschi le nutrono al tempo di primavera: così sono le stirpi degli uomini: una nasce, l altra si dilegua. Se proprio vuoi sapere chi sono, mi chiamo Glauco e mio nonno era il saggio Bellerofonte. Mio padre m inviò a Troia dicendomi di essere sempre il migliore e il più forte. Ecco la stirpe di cui mi vanto d essere. DIOMEDE (sorridendo di gioia e gettando la lancia): Glauco, Glauco! Mio nonno Oineo ospitò tuo nonno tanti e tanti anni fa! Splendidi doni si fecero l un l altro! Conservo ancora una stupenda coppa d oro che tuo nonno ci donò. Basta dunque, smettiamo di combatterci e scambiamoci le armi. Così tutti sapranno che vantiamo di essere ospiti antichi. L ospitalità e l amicizia sono cose sacre. 12

13 GLAUCO: Sì, Diomede, hai ragione. A che vale combattere? La vita dell uomo è solo il sogno di un ombra che presto svanisce. Per noi davvero non c è altra via che la pace. La pace è l unica via. 13

14 SCENA V CORO NARRANTE:: Intanto i due eserciti muovono uno contro l altro guidati dai capitani, alti sui loro carri. Marciando i guerrieri gridano, agitano le lance e gli scudi rilucenti al sole; il fragore delle armi sale al cielo. Le linee dei greci si scontrano contro quelle troiane. Gli scudi cozzano gli uni contro gli altri, le lance si incrociano. L aria risuona di gemiti, urla, lamenti. Troppo lungo sarebbe elencare tutti i guerrieri che trovano combattendo la morte. Da quando Achille non combatte, la battaglia prosegue furibonda. CORIFEO: Intanto ecco Ettore che discute con Andromaca. Entrano l ancella, Ettore abbracciato ad Andromaca con il bimbo in braccio. ANDROMACA Marito mio, il tuo coraggio ti ucciderà, perché hai accettato di batterti con Achille? Non hai pietà per nostro figlio, non hai pietà di me. Lo sento, presto sarò vedova e il mio destino sarà di diventare schiava. Non ti basta quello che ho già passato per colpa di Achille? Egli uccise mio padre e i miei sette fratelli e rapì mia madre, non ti bastano le pene che ho già sofferto? ETTORE: Donna, se potessi non andrei a combattere, ma cosa penserebbero di me i Troiani, che sono un vigliacco se me ne sto lontano dalla guerra. Non posso rifiutare, gli dei hanno stabilito questo duello e agli dei bisogna obbedire. 14

15 Poi, prendendo il figlio dalle braccia della moglie che viene confortata dall'ancella Figlio mio, Astianatte, spero che gli dei abbiano pietà di te. Alzandolo verso il cielo Zeus, e voi tutti dei, fate che questo bambino cresca forte e valoroso e che un giorno diventi re di Troia. (Avvicinandosi ad Andromaca e restituendole il bimbo) E tu moglie non ti affliggere. Lo sai che nulla può contro il fato, e se il destino ha stabilito per me la morte allora morirò. Tu ritorna a casa e accudisci nostro figlio, al resto penseranno gli dei. La morte attende tutti, vili e valorosi, e ad essa non si sfugge. Ettore esce di scena mentre Andromaca continua a guardarlo. ANCELLA: Noi, le ancelle, tornammo a casa. Camminando, piangeva Andromaca, e continuava a voltarsi indietro. Quando la vedemmo arrivare, in tutte noi suscitò una grande tristezza. Tutte scoppiammo in pianto. Piangevamo Ettore, lo piangevamo nella sua casa e lo piangevamo mentre ancora era vivo. Perché nessuna pensava in cuor suo che vivo sarebbe tornato dalla battaglia. Ma tutte, tutte sapevamo che Ettore sarebbe stato ricordato per sempre. Ettore amante della pace, Ettore vittima innocente. Perché questa è la storia di una guerra, ma è anche il canto di chi sognava la pace. 15

16 SCENA VI CORO NARRANTE: La battaglia continua e nel frattempo Achille se ne sta nella sua tenda, placidamente seduto, come se la guerra ora non lo riguardasse più. Ma guardate! Patroclo si sta dirigendo da lui. (Esce di scena) ACHILLE: (Scuro in volto) Che hai Patroclo? Perché piangi? PATROCLO: (Sconvolto e pallido) Mio signore, piango perché i troiani stanno incendiando le nostre navi. Troppi sono i morti e i feriti! Se tu tornassi in battaglia ACHILLE: No, no Patroclo! Sono stato troppo offeso. PATROCLO: Lascia almeno che combatta io, lascia che indossi la tua armatura, che metta il tuo elmo e che guidi i Mirmidoni alla battaglia! I troiani crederanno che sia Achille e forse non oseranno più insistere nel loro attacco! ACHILLE: (Esitando) E sia! Se lo vuoi, Patroclo, prendi le mie armi, i miei soldati e va a batterti. Ma ascolta il mio consiglio: respingi i nemici, Patroclo, e poi lascia che i greci combattano per loro conto. Escono di scena. CORO NARRANTE: L arrivo di Patroclo e dei Mirmidoni infonde coraggio ai Greci, sgomento ai Troiani. Sotto l impeto di Patroclo e dei guerrieri, Ettore è costretto a 16

17 ordinare la ritirata. Ma Patroclo dimentica il consiglio di Achille e continua a combattere, quando colpito da una lancia perde corazza ed elmo. Ettore non esita e lo trafigge a morte. Achille, furia scatenata, ritorna in testa all esercito greco, imponente nella sua nuova armatura, costruita in una notte dal dio Vulcano. Priamo ordina di aprire le porte di Troia e guida la ritirata dei suoi soldati. 17

18 SCENA VII Fuori scena si sente parlare ad alta voce, c è del trambusto. Entrano Atena, Apollo, Mercurio, Zeus, a grandi passi, seguito da Era. ERA: Zeus, basta! non se ne può più di questa guerra. E da 10 anni che stiamo qui senza che si raggiunga alcun risultato. Greci e Troiani si danno battaglia senza che nessuno ottenga la vittoria decisiva. ZEUS: Stai calma Era, ogni cosa a suo tempo. Non posso fare nulla contro il fato. Il fato, lo sai, sta al di sopra anche di noi dei. E poi direi di ridare Elena a Menelao e farla finita con questa guerra. ERA: Guarda, te lo dico per l ultima volta, se gli Achei perderanno con me hai chiuso. Non voglio la pace fino a quando Troia non sarà distrutta! ZEUS: Si vede che sei figlia di tuo padre, il violento Crono, sempre pronta a minacciare e a ricattare per ottenere quello che vuoi. Non puoi pretendere che io, il padre degli dei, mi schieri al fianco di questo o di quello, io devo essere al di sopra delle parti. ATENA: Eppure una idea ce l avrei. ZEUS: Atena, come si vede che sei figlia mia, nata dalla mia testa. Parla, parla dunque. ATENA: Padre, facciamo decidere le sorti della guerra con un duello. 18

19 ZEUS: A chi pensi in particolare, figlia mia? ATENA: Pensavo a due campioni, due eroi, uno acheo, l altro troiano. Facciamoli combattere corpo a corpo, chi vincerà il duello deciderà le sorti della guerra assegnando la vittoria al proprio schieramento. ZEUS: E chi sarebbero questi due campioni? ATENA: Padre, non lo immagini? Achille per i Greci ed Ettore per i Troiani. ZEUS: Non è che per caso poi tu, come sempre, intervieni e aiuti Achille a vincere? ATENA: Padre, ma che dici, come puoi dubitare di me? Guarda, ti prometto solennemente (con le spalle rivolte al pubblico fa dei segni di scongiuro) che non interverrò. ZEUS: Bene allora, mi sembra che la questione sia risolta. (Poi rivolto ad Era) Vedi moglie mia, basta ragionare e si trova una buona soluzione. 19

20 SCENA VIII CORO NARRANTE: Noi conosciamo Ettore, figlio del re Priamo, il più valoroso dei troiani, il comandante dell esercito, guerriero generoso, ama la vita, lotta per la vita. Fa la guerra ma pensa al futuro, combatte per la pace. Esce di scena ed entra Ettore. ETTORE: Non posso più ritirarmi, non posso sostenere lo sguardo delle Troiane che per la mia ostinazione, oggi hanno perso i figli e i mariti. Potrei spogliarmi dell armatura e farmi garante della restituzione di Elena, delle sue ricchezze ed altre ancora. (Risoluto) No, prima andava fatto, non ora, è troppo tardi ormai Achille entra in scena e si ferma davanti ad Ettore. ETTORE: Basta, non fuggo più davanti a te Achille figlio di Peleo. Adesso il mio cuore mi spinge ad affrontarti, facciamola finita e lottiamo. Ma prima preghiamo gli dei affinché non parteggino né per l'uno né per l'altro, e siano testimoni dei nostri patti: se io ti ucciderò, restituirò il tuo corpo ai Greci: anche tu fa lo stesso. ACHILLE Maledetto, io dovrei stringere un patto con te? Proprio come te che hai ucciso la persona che amavo di più, il caro Patroclo? Come puoi farmi una simile proposta? Non ci possono essere patti tra di noi, noi siamo come l'uomo con il leone, il lupo con l'agnello. La mia sete di sangue si placherà soltanto quando ti vedrò morto e ti appresterai a scendere nell'ade. Entra in scena, in silenzio, Atena e si ferma alle spalle di Ettore. 20

21 Maledetto, pagherai tutto il male che hai fatto, tutte le morti che hai seminato con la tua lancia. Achille bilancia la lancia e la scaglia contro Ettore, il quale si scosta e non viene colpito, Atena raccoglie la lancia e la restituisce ad Achille mettendosi questa volta alle sue spalle. ETTORE: Figlio di Peleo, Achille piede rapido, non sei riuscito a colpirmi. Ebbene non ho paura, ricordati, se io morirò, morirò da eroe, mostrandoti il petto, non le spalle. Prova a schivare la mia lancia, spero ti si conficchi nel cuore. Ettore bilancia l'asta e la scaglia, ma non colpisce Achille Per gli dei dell'olimpo, ho perso la mia arma. Ma come è possibile che tu abbia di nuovo tra le mani la tua lancia, forse un dio ti assiste? 0 dei perché siete così ingiusti? Ormai sento la morte vicina, così si compirà il volere del fato, ma non morirò senza combattere! Ettore impugna la spada e si avventa contro Achille. I due combattono, poi Achille colpisce mortalmente Ettore che cade per terra ACHILLE: Ettore, pensavi di farla franca? Speravi che non avresti pagato per la morte di Patroclo? Questa è la morte che meriti. E lo colpisce ancora. 21

22 ETTORE: (riverso e con voce rotta) Ti prego non lasciare il mio corpo in preda agli animali selvaggi, restituiscilo ai miei familiari, essi ti daranno oro e argento in abbondanza. ACHILLE: Maledetto, non mi pregare, muori qui, solo, preda dei cani e degli uccelli. ETTORE: Attento Achille a non attirare su di te l'ira degli dei, attento alle frecce di Apollo. Ricordati, in qualche modo sarò vendicato. ACHILLE: (mentre esce fuori scena accompagnato da Atena): Zitto, muori e scendi nell'ade, maledetto. CORO NARRANTE: Ettore è così morto. Viene legato per le caviglie al carro e trascinato da Achille nella polvere, attorno alle mura di Troia. ANDROMACA: Ettore, marito mio. Era così bello il tuo volto. E adesso striscia nella terra, coi bei capelli bruni che, strappati, volano nella polvere. Eravamo nati lontani, noi due, tu a Troia, io a Tebe, ma un solo destino ci aspettava. Ed è stato un destino infelice. Adesso mi lasci vedova nella tua casa, immersa nel più tremendo dolore. Il figlio che abbiamo avuto insieme è ancora così piccolo: non potrai più aiutarlo e lui non potrà più aiutare te. Ettore il destino ti ha fatto morire lontano da me, e questo sarà il mio dolore più grande: perché non ho avuto per me le tue ultime parole. Le avrei tenute strette e le avrei ricordate per tutta la vita: ogni giorno e ogni notte della mia vita. Sotto le navi nere, adesso,sei preda dei vermi e il tuo corpo bellissimo, che tanto amavo, farà da pasto ai cani. Ma il tuo coraggio e la tua bontà vivranno per sempre nel ricordo di tutti gli uomini. 22

23 SCENA IX CORO NARRANTE: E tutti videro il re Priamo, padre del grande Ettore, rotolarsi nel fango, impazzito dal dolore. Vagava dall uno all altro a supplicare che lo lasciassero andare alle navi greche a riprendersi il corpo del figlio. Con la forza dovettero tenerlo fermo, il vecchio pazzo. Per giorni rimase seduto in mezzo ai figli, chiuso nel suo mantello. Poi, finalmente, gli dei Mercurio e Zeus, ebbero pietà di lui. MERCURIO: Zeus, padre mio, Ettore in vita è stato un uomo valoroso e saggio, e ha sempre onorato noi dei. Non possiamo lasciare che il suo corpo non venga restituito alla moglie, al figlio e ai genitori, e non abbia l onore del rogo e della tomba. ZEUS: Hai ragione, Mercurio, figlio mio. Aiuteremo Priamo a trovare la forza di andare da Achille e chiederò a Teti di convincere suo figlio Achille a restituire il corpo di Ettore al vecchio padre Priamo. (gli dèi escono di scena. Entra Priamo) PRIAMO: Io, Priamo, pur così vecchio e stanco, devo andare laggiù. Riprenderò il corpo di mio figlio Ettore. Porterò doni preziosi che addolciranno l animo di Achille. Io DEVO farlo. Se è destino che anch io muoia presso le navi dei Greci, ebbene, morirò. Ma non prima di aver stretto tra le braccia mio figlio, e pianto tutto il mio dolore su di lui. 23

24 SCENA X CORO NARRANTE: Achille siede tristemente nella sua tenda affiancato dai suoi sergenti ed ecco entrare Priamo. PRIAMO: (si inginocchia ai piedi di Achille) Divino Achille, ricordati di tuo padre, vecchio come me, in pena per te lontano: lui, però, sa che sei vivo e che presto potrà riabbracciarti. Io infelice, ho perso tanti valorosi figli e mi pare di averli persi tutti. Mi restava Ettore che dei suoi fratelli e di Troia e di tutti era il sostegno e anche lui è caduto ai tuoi piedi. Per lui io vengo ora da te con ricchi doni a chiederti il riscatto del suo corpo. Achille abbi pietà di me, abbi rispetto dei numi, ricorda il padre tuo e pensa che io sono più misero, soffro di una sventura grande: baciare, supplicante, la mano che ha ucciso i miei figli. (Achille a queste parole si intenerisce, solleva dolcemente il vecchio, lo abbraccia e piange) CORO NARRANTE: Così abbracciati, questi due uomini che non hanno voluto la guerra, piangono: l uno piange il valoroso figlio, l altro l adorato amico. 24

25 SCENA XI Appena Priamo ed Achille abbandonano la scena, entrano correndo i guerrieri che combattono tra loro facendo un bel po' di trambusto; ad un certo punto dal gruppo si stacca il narratore. Egli avanza sulla scena mentre tutti gli altri sempre combattendo, escono. CORO NARRANTE: Dopo la morte di Ettore, Troia ben presto cade. Fu un tranello a distruggerla: il cavallo di legno congegnato dall'astuto Odisseo. Grandi mali portava nel suo ventre, vi erano nascosti i soldati Achei. E quando i Troiani lo portarono dentro le mura, ignari del male, pensando si trattasse di un dono agli dei, gli Achei balzarono fuori di notte, uccisero gli uomini e le donne le fecero schiave: Troia fu data alle fiamme. CORIFEO: Le ultime parole che abbiamo raccolto e che vi consegniamo furono quelle della regina Ecuba ECUBA: Povera me: questo è il culmine e il termine di tutti i miei mali: io mi allontano dalla mia patria, e la mia patria è incendiata dal fuoco. Ma tu, mio vecchio piede, affrettati nella fatica, che io voglio abbracciarla, questa mia povera città. O tu che un giorno respiravi grandezza, tra i Barbari, Troia, presto tu perderai il tuo nome glorioso: perché ti bruciano. E noi ci portano via da questa terra, come schiave. O dei! Ma perché io l invoco gli dei? Già da tempo non mi ascoltano più! Su corriamo verso il rogo: è bello per me, con questa mia patria bruciare nel fuoco. Oh, Ilio avvampa, e bruciano nel fuoco i suoi tetti, e la città, e le cime delle sue mura. 25

26 Ma, cosa vedo? Ecco Priamo, mio marito. Senza armi, lui che ama la pace. Non avevo mai vista la pace così vicina. Mi voltai a cercarlo. Volevo guardarlo negli occhi, il mio vecchio e saggio Priamo. E nei suoi occhi vedere morire la guerra, e l arroganza di chi la vuole, e la follia di chi la combatte. 26

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI

L Iliade. Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC. Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI L Iliade Disegni, colori e testi ad opera della 4ªC Istituto Comprensivo DANTE ALIGHIERI Sara S Da nove anni si combatte sotto la città di Troia: Greci e Troiani si affrontano in una battaglia sanguinosa.

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Al Cuore Immacolato di Maria. Rifugio di tutte le anime. Per ottenere grazia. In un estremo bisogno

Al Cuore Immacolato di Maria. Rifugio di tutte le anime. Per ottenere grazia. In un estremo bisogno Al Cuore Immacolato di Maria Rifugio di tutte le anime Per ottenere grazia In un estremo bisogno Questa preghiera è nata dal cuore di Natuzza, all età di nove anni, in un momento di estremo bisogno e una

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Omero La morte di Ettore - Parafrasi (Iliade, libro XXII, vv. 136-144, 248-272 e 306-366)

Omero La morte di Ettore - Parafrasi (Iliade, libro XXII, vv. 136-144, 248-272 e 306-366) Omero La morte di Ettore - Parafrasi (Iliade, libro XXII, vv. 136-144, 248-272 e 306-366) TESTO ORIGINALE Come lo vide, Ettore fu preso dal tremito e non poté più resistere: / si lasciò indietro le porte

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Parola della Grazia Worship Team Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Ti servirai di me ( 2006 Giovanni Di Sano & Marta Cascio) Verse Sol#Min Si5 Fa#5 Mi Mio Signore Mio Salvatore Fatti Conoscere Sol#Min

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati,

L'indifferenza. Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, L'indifferenza Mi manca il coraggio di guardarti negli occhi. Nel piazzale davanti alla scuola, nei suoi corridoi affollati, nei suoi bagni che odorano di fumo di sigarette aspirate avidamente hai subito

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli