Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Anno Accademico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2012-13"

Transcript

1 Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Anno Accademico Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 1 di 213

2 Indice Indice... 2 Data di aggiornamento della Guida... 4 Introduzione del Preside... 5 Organizzazione didattica dei Corsi di Studio della Facoltà... 7 La riforma I Corsi di Studio della Facoltà in ordinamento ex D.M. 270/ I Corsi di Laurea in ordinamento Ammissione ai Corsi di Laurea in Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di Laurea in Ingegneria Civile Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Corso di Laurea Ingegneria Meccanica e dei Materiali (attivi I e II anno) Corso di Laurea Ingegneria dei Materiali (attivo III anno) Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (attivo III anno) I Corsi di Laurea Magistrale in ordinamento Ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di Laurea Magistrale in Land and Environmental Engineering Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica Corso di Laurea Magistrale in Communication Technologies and Multimedia (attivo I anno) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni (attivo II anno)0 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica... 5 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione Industriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica dei Materiali Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile Architettura (attivo al I, II e III anno) Istruzioni per i Corsi di Studio in ordinamento 270 e calendario Pratiche amministrative e assistenza per gli studenti Istruzioni relative ai Corsi di Laurea in Ingegneria Istruzioni relative ai Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria Istruzioni relative al Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura (attivi I, II e III anno) Calendario delle Lezioni e degli Esami Calendario delle Lezioni e degli Esami La pregressa riforma I percorsi didattici in ordinamento Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile - Architettura (attivi IV e V anno) Istruzioni per i Corsi di Studio in ordinamento 509 e calendario Pratiche amministrative ed assistenza per gli studenti Istruzioni relative ai Corsi di Laurea in Ingegneria (disattivati) Istruzioni relative al Corso di Laurea in Disegno Industriale Istruzioni relative ai Corsi di Laurea Specialistica (disattivati) Istruzioni relative al Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura (attivi IV e V anno) Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 2 di 213

3 Calendario degli Esami Disegno Industriale Calendario delle Lezioni e degli Esami Ingegneria Edile-Architettura Calendario degli Esami Lauree e Lauree Specialistiche Indicazioni relative ai Corsi di Laurea del Vecchio Ordinamento (quinquennale). 207 Disattivazione dei Corsi di Laurea del Vecchio Ordinamento (quinquennale) Informazioni sulla Facoltà di Ingegneria Come raggiungere la Facoltà La Presidenza, la sua Segreteria e i suoi Servizi Stage Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 3 di 213

4 Data di aggiornamento della Guida L ultimo aggiornamento a questa Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria a.a è stato effettuato il giorno 1 agosto 20. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 4 di 213

5 Introduzione del Preside La Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria raccoglie le principali informazioni necessarie all Allievo per orientarsi rapidamente nell offerta formativa della Facoltà e nelle procedure per accedervi. L insieme completo delle informazioni, redatto secondo quanto prescritto dal D.M. 544/07, è riportato nel portale istituzionale dell Ateneo (http://www.unibs.it/facolta/ingegneria) che viene costantemente aggiornato. Questa Guida non sarà stampata nella forma del tradizionale libretto cartaceo, ma sarà unicamente collocata sul sito della Facoltà in formato elettronico. Questa scelta non è dovuta solamente a motivi di carattere economico, ma anche a ragioni di carattere funzionale. Infatti, la collocazione in rete consente una migliore utilizzazione di tutte le informazioni utili che già in rete risiedono, tramite l inserimento nel testo di link attivi ai documenti e regolamenti originali. Inoltre offre la possibilità di aggiornamento continuo del documento, per poter meglio rispondere alle richieste di informazioni degli studenti. L offerta formativa della Facoltà di Ingegneria di Brescia è ampia e opportunamente articolata affinché possa tener conto delle vocazioni del territorio e nel contempo possa rispondere pienamente alle esigenze della formazione ingegneristica sia a livello nazionale sia internazionale. Nell anno accademico risultano attivi, nel nuovo ordinamento degli studi di cui al D.M. 270/04, sette Corsi di Laurea di durata triennale, dieci Corsi di Laurea Magistrale di durata biennale, più il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura, con numero programmato di 100 unità. A questi Corsi di Studio nel nuovo ordinamento si aggiunge il Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura, di cui rimangono attivi gli anni successivi al terzo. Nei prossimi anni accademici verranno attivati gli anni successivi di detto Corso di Studio nel nuovo ordinamento di cui al D.M. 270/04 e contestualmente disattivati gli anni corrispondenti nel preesistente ordinamento. Completano l offerta i Corsi di Dottorato di Ricerca, i Corsi di Master Universitario di primo e secondo livello programmati annualmente. Si segnala, infine, la presenza di diverse iniziative di internazionalizzazione dei corsi di studio e molteplici opportunità per il conseguimento di doppio titolo con Università estere, con alcune delle quali sono anche previsti progetti coordinati nei programmi di mobilità studentesca ERASMUS. Fra queste iniziative si sottolinea in particolare l attivazione, dall a.a , del Corso di Laurea Magistrale in Land and Environmental Engineering, erogato interamente in lingua inglese, e la trasformazione del Corso di Laurea Magistrale in Telecomunicazioni nel Corso di Laurea Magistrale in Communication Technologies and Multimedia, erogato anch esso interamente in lingua inglese. In ogni caso, qualunque sia il percorso prescelto, per frequentare con successo la Facoltà di Ingegneria è necessario un impegno serio e costante, e un buon avvio nell affrontare gli studi è fattore decisivo per mantenere allineata la propria carriera scolastica alla durata normale dei Corsi di Studio. Allo scopo la Facoltà di Ingegneria ha adottato alcuni provvedimenti che hanno i loro cardini nelle Prove di accesso e nella predisposizione di opportune attività di sostegno didattico per coloro che non possiedono un adeguata preparazione iniziale. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 5 di 213

6 Orientamento, assistenza da parte di tutori studenti e tutori docenti e un informazione corretta e completa è quanto la Facoltà vuole fornire agli Allievi in tutte le fasi della loro permanenza all Università. Tuttavia, il fattore che favorisce maggiormente l apprendimento è l interesse per le materie che si studiano, nella consapevolezza che una solida formazione di livello universitario è il miglior investimento che si può fare su se stessi. Gli Allievi sono pertanto invitati a effettuare le scelte più congeniali alle proprie vocazioni ed interessi, tenendo presente che la Facoltà, oltre a disporre di strutture e servizi adeguati agli obiettivi formativi dei Corsi di Studio, sostiene regolarmente anche le numerose iniziative ed attività che sono orientate a rendere non solo più proficua, ma anche più piacevole, la frequentazione e la permanenza nelle strutture stesse. Da ultimo è necessario segnalare che, a seguito dell entrata in vigore della Legge 240/10 legge Gelmini e della conseguente attivazione delle nuove Strutture statutarie che subentreranno alla Facoltà di Ingegneria per la gestione di tutte le procedure e servizi didattici, la Facoltà di Ingegneria con il Preside, il Consiglio di Facoltà, l Ufficio di Presidenza e tutte le Unità operative cesseranno le loro attività con il giorno Ritengo doveroso, in questa sede, esprimere un sentito ringraziamento a tutto il Personale Tecnico Amministrativo della Facoltà di Ingegneria che ha gestito con grande professionalità e impegno i servizi didattici della Facoltà dalla sua istituzione, nel lontano 1982, per un trentennio fino a oggi, e ne ha reso possibile il successo, in una progressiva espansione qualitativa e quantitativa dell offerta formativa e del numero di studenti. Non vi sarà comunque soluzione di continuità nell erogazione agli Allievi dei servizi didattici da parte delle nuove Strutture statutarie e organizzative che se ne faranno carico a partire dal giorno Concludo con i migliori auguri agli Allievi della nostra Facoltà di trascorrere un laborioso e proficuo anno accademico Il Preside della Facoltà Prof. Aldo Zenoni Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 6 di 213

7 Organizzazione didattica dei Corsi di Studio della Facoltà Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 7 di 213

8 La riforma 270 Con l a.a tutte le Università hanno completato la riorganizzazione dei Corsi di Studio secondo la nuova riforma degli studi universitari nota come riforma 270 (in relazione al Decreto Ministeriale n.270/04 con il quale è stata emanata). Nell a.a , nella nostra Facoltà, i Corsi di Laurea in Ingegneria e di Laurea Magistrale in Ingegneria nel nuovo ordinamento sostituiscono definitivamente quelli corrispondenti relativi alla pregressa riforma nota come riforma 509 (in relazione al Decreto Ministeriale n.509/99 con il quale è stata emanata). La riforma 270 mantiene la pregressa articolazione cosiddetta tre+due, ossia un percorso didattico triennale di Laurea che porta al titolo di Dottore, seguito da un percorso didattico biennale di Laurea Magistrale che porta al titolo di Dottore Magistrale e in seguito un percorso triennale di Dottorato di Ricerca che porta al titolo di Dottore di Ricerca. La riforma 270 introduce, tuttavia, numerose e importanti novità fra cui i minori vincoli nella definizione dei percorsi formativi, la separazione netta fra percorsi didattici di primo livello (triennali) e di secondo livello (biennali), un massimo di 20 esami per il percorso di primo livello ed un massimo di esami per il percorso di secondo livello, nonché requisiti più stringenti per l omogeneità dei percorsi affini e la differenziazione di percorsi diversi ed altro ancora. Nell a.a la Facoltà ha attivato il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura nel nuovo ordinamento ex D.M. 270/04 come trasformazione del corrispondente Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura in ordinamento ex D.M. 270/04, con l attivazione degli insegnamenti del primo anno di corso. A partire dall a.a e fino all a.a , vengono progressivamente attivati gli insegnamenti degli anni successivi del Corso di Laurea Magistrale, con la contestuale disattivazione dei corrispondenti anni del Corso di Laurea Specialistica. Infine, con l a.a nel quale verranno disattivati gli insegnamenti del terzo anno di corso, si completerà la disattivazione del Corso di Laurea in Disegno Industriale in ordinamento ex D.M. 509/99. Quindi, a partire dall a.a , gli allievi che si immatricolano a tutti i Corsi di Laurea ed a tutti i Corsi di Laurea Magistrale si inseriscono nella organizzazione didattica propria della riforma 270. Gli allievi già immatricolati negli anni precedenti al Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile- Architettura proseguono invece con i piani di studio a suo tempo previsti secondo l ordinamento di cui al D.M. 509/99, senza sostanziali alterazioni. Ove l Allievo iscritto a un Corso di Studio in ordinamento ex D.M. 509/99 lo ritenga conveniente, sono predisposte apposite procedure per consentirgli di optare per il nuovo ordinamento degli studi ed inserirsi nei percorsi didattici dei Corsi di Studio in ordinamento ex D.M. 270/04. Titoli rilasciati L ordinamento universitario ex D.M. 270/04 prevede Corsi di Laurea di durata triennale per il conseguimento del titolo di Laurea, seguiti da Corsi di Laurea Magistrale di durata biennale per il conseguimento del titolo di Laurea Magistrale, nonché da Corsi di Dottorato di durata triennale per il conseguimento del Dottorato di Ricerca. Al termine dei percorsi di Laurea e di Laurea Magistrale, sono previsti Corsi di Master Universitario, rispettivamente di primo e di secondo livello. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 8 di 213

9 Una volta completata l attivazione di tutti gli anni dei Corsi di Studio in ordinamento ex D.M. 270/04, quindi a partire dall a.a per i Corsi di Laurea in Ingegneria e dall a.a per i Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria, l'università di Brescia rilascia i seguenti Titoli di Studio per la Facoltà di Ingegneria in ordinamento ex D.M. 270/04. Titolo di Studio Corso di Studio Durata Laurea (L) Corso di Laurea 3 anni Laurea Magistrale (LM) Corso di Laurea Magistrale 2 anni Dottorato di Ricerca (DR) Corso di Dottorato di Ricerca 3 anni Master Universitario di 1 e di 2 livello (MU1 e MU2) Corsi di Master 1 anno Laurea Magistrale a ciclo unico Corso di Laurea (ing. Edile-Architettura) Magistrale a ciclo unico 5 anni Il sistema dei Crediti Formativi Universitari Il sistema dei Crediti Formativi Universitari (CFU) per i Corsi di Laurea e di Laurea Magistrale non subisce mutamenti rispetto all ordinamento ex D.M. 509/99. Il CFU è l'unità di impegno dell'allievo, e corrisponde a circa 25 ore di lavoro comprensive delle attività didattiche e del lavoro individuale. Ognuno degli insegnamenti impartiti all'interno di un Corso di Laurea, di Laurea Magistrale o di Master Universitario ha un valore in CFU: l'allievo acquisisce i CFU relativi all insegnamento sostenendo con successo il relativo esame. CFU possono essere attribuiti anche ad attività di stage, ulteriori attività utili all inserimento nel mondo del lavoro, conoscenza di una Lingua straniera comunitaria o ulteriori conoscenze linguistiche, preparazione della prova finale. Per conseguire la Laurea è necessario aver acquisito almeno 180 CFU comprensivi di quelli attribuiti alla prova finale. Per conseguire la Laurea Magistrale sono necessari il possesso della Laurea e l acquisizione di almeno 0 CFU comprensivi di quelli attribuiti per la prova finale. Per acquisire il Master Universitario di primo livello (MU1) è necessario aver acquisito almeno 60 CFU a partire dal Titolo di Laurea. Per ottenere il Master Universitario di secondo livello (MU2) è necessario aver acquisito almeno 60 CFU a partire dal Titolo di Laurea Magistrale. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 9 di 213

10 I Corsi di Studio della Facoltà in ordinamento ex D.M. 270/04 D.M. 17 del e Cicli di studio Il 20 settembre 2010 è stato emanato il D.M. 17 che, ai fini del miglioramento e della qualificazione dell offerta formativa delle Università, ha introdotto numerose restrizioni ai requisiti per l attivazione dei Corsi di Studio, precedentemente dettate dal D.M. 544 del 31 ottobre I nuovi requisiti impongono condizioni più severe alla docenza di ruolo necessaria per attivare Corsi di Studio, alla diversificazione possibile dei Corsi di Studio e curricula, alla parcellizzazione delle attività didattiche. Per ottemperare ai nuovi requisiti richiesti, la Facoltà di Ingegneria ha effettuato una revisione e razionalizzazione complessiva della struttura dell offerta formativa accorpando due Corsi di Laurea, articolando in curricula alcuni Corsi di Laurea e Laurea Magistrale e ridefinendo la struttura modularità e la collocazione di un certo numero di insegnamenti. Le modificazioni imposte dal D.M. 17/10 sono state anche l occasione per effettuare interventi di adeguamento e miglioramento dell offerta formativa precedentemente definita. L offerta formativa che è stata attuata nell a.a è risultata quindi difforme, in diversi punti anche rilevanti, rispetto all offerta formativa dei precedenti anni accademici. L offerta formativa proposta per l a.a ha subito ulteriori modificazioni dovute principalmente all attivazione di un nuovo Corso di Laurea Magistrale in Land and Environmental Engineering, erogato interamente in lingua inglese, alla conseguente riduzione dei curricula del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile e alla trasformazione del Corso di Laurea Magistrale in Telecomunicazioni nel Corso di Laurea Magistrale in Communication Technologies and Multimedia, erogato interamente in lingua inglese. Ai fini di mantenere la necessaria chiarezza e trasparenza dei percorsi formativi che devono essere seguiti dagli Allievi appartenenti alle diverse coorti, immatricolate nei successivi anni accademici, è risultato necessario introdurre, nella descrizione dei percorsi didattici, il concetto di Ciclo di studio che precedentemente non era stato mai utilizzato in questa Guida. Per Ciclo di studio di un Corso di Studio si intende la struttura del percorso formativo in termini di numero di CFU attribuiti alle diverse attività, ambiti, settori scientifico disciplinari, nonché l insieme delle attività formative (insegnamenti, stage, ulteriori attività) previste dal Regolamento Didattico del Corso di Studio per il Ciclo triennale, biennale, quinquennale che inizia nell anno accademico successivo all attivazione annuale del Corso di Studio. In sostanza, il Ciclo di studio è l insieme delle attività didattiche, delle regole e condizioni che definiscono completamente il percorso formativo e con i quali sarà confrontata la carriera effettiva dello studente, ai fini della verifica della sua legittimità, al momento della conclusione del Ciclo di studio con la prova finale e con il conferimento del titolo di studio. I diversi e successivi Cicli di studio di un medesimo Corso di Studio e/o curriculum possono quindi essere significativamente diversi l uno dall altro sia per motivi di carattere normativo sia, semplicemente, per scelte e motivazioni di carattere didattico o organizzativo. A titolo di esempio, nell a.a , per un Corso di Studio triennale, risulteranno contemporaneamente attivi: Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 10 di 213

11 i) il Ciclo di studio 20-13, nel quale sono inseriti gli Allievi che si immatricoleranno nell a.a ; di questo Ciclo di studio sono attivi a Manifesto degli Studi tutti gli insegnamenti del primo anno di corso; ii) il Ciclo di studio 2011-, nel quale sono inseriti gli Allievi che si sono immatricolati nell a.a ; di questo Ciclo di studio sono attivi a Manifesto degli Studi tutti gli insegnamenti del secondo anno di corso; iii) il Ciclo di studio , nel quale sono inseriti gli Allievi che si sono immatricolati nell a.a ; di questo Ciclo di studio sono attivi a Manifesto degli Studi tutti gli insegnamenti del terzo anno di corso. Nel seguito di questa Guida, i percorsi formativi dei diversi Corsi di Studio e curricula sono distinti, ove utile per la comprensione dell Allievo, nei diversi Cicli di studio attivi nell a.a Corsi di Laurea in Ingegneria A partire dall a.a la Facoltà di Ingegneria ha attivato otto Corsi di Laurea in Ingegneria in ordinamento ex D.M. 270/04, con l attivazione contemporanea degli insegnamenti del primo e del secondo anno di corso e la disattivazione contestuale degli insegnamenti del primo e secondo anno dei Corsi di Laurea in Ingegneria in ordinamento ex D.M. 509/99. 1) Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio 2) Corso di Laurea in Ingegneria Civile 3) Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Curriculum Elettronica e Strumentazione Curriculum Telecomunicazioni 4) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica 5) Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale 6) Corso di Laurea in Ingegneria dell'automazione Industriale 7) Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali 8) Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Nell a.a viene attivato il primo anno del Ciclo di studio e viene completata l attivazione degli insegnamenti del terzo anno di corso per il Ciclo di studio precedente, mentre vengono disattivati gli insegnamenti del terzo anno dei Corsi di Laurea in Ingegneria in ordinamento ex D.M. 509/99 che sono, in questo modo, definitivamente disattivati. A partire dal Ciclo di studio dell a.a , al fine di rispettare i requisiti di attivazione dei Corsi di Studio di cui al D.M. 17/10, non vengono più attivati il Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica ed il Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali, che vengono sostituiti dal nuovo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica e dei Materiali articolato in due curricula Meccanico e Materiali, di cui viene attivato il primo anno di corso con il Ciclo di studio Dall a.a sono quindi attivati sette Corsi di Laurea in Ingegneria: 1) Corso di Laurea in Ingegneria per l'ambiente e il Territorio 2) Corso di Laurea in Ingegneria Civile 3) Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Curriculum Elettronica e Strumentazione Curriculum Telecomunicazioni 4) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica 5) Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale 6) Corso di Laurea in Ingegneria dell'automazione Industriale 7) Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica e dei Materiali Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 11 di 213

12 Curriculum Meccanico Curriculum Materiali Questa struttura e articolazione dei Corsi di Laurea in Ingegneria in ordinamento ex D.M. 270/04 viene confermata per il Ciclo di studio che inizia nell a.a Rimane attivo il terzo anno del Ciclo di studio dei Corsi di Laurea non attivati per il ciclo 2011-: 1) Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali 2) Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica che verranno completamente disattivati nell a.a Corso di Laurea in Disegno Industriale Nell a.a , per ragioni di carattere normativo, non è stato trasformato alle classi dell ordinamento ex D.M. 270/04 il Corso di Laurea in Disegno Industriale. Nell a.a rimaneva attivo il terzo anno di corso del Ciclo di studio Nell a.a , gli insegnamenti del terzo anno del Corso di Studio verranno disattivati, completando così la disattivazione del Corso di Studio in ordinamento ex D.M. 509/99. Corsi di Laurea Magistrale Nell a.a sono stati trasformati secondo l ordinamento ex D.M. 270/04 nove Corsi di Laurea Specialistica in Ingegneria in ordinamento ex D.M.509/99 nei corrispondenti Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria, con l attivazione del Ciclo di studio e degli insegnamenti del primo anno di corso. Contestualmente sono stati disattivati gli insegnamenti del primo anno di corso dei corrispondenti Corsi di Laurea Specialistica. 1) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio 2) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile 3) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica 4) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica 5) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni 6) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale 7) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione Industriale 8) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica dei Materiali 9) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Nell a.a viene completato il Ciclo di studio dei nove Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria, con l attivazione degli insegnamenti del secondo anno di corso. Contestualmente vengono disattivati gli insegnamenti del secondo anno di corso dei Corsi di Laurea Specialistica in Ingegneria, che risultano così completamente disattivati. Nell a.a viene attivato il Ciclo di studio dei nove Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria nell ambito del quale i percorsi di studio vengono maggiormente strutturati con l introduzione di curricula in alcuni Corsi di Studio. 1) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio 2) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Curriculum Strutturistico Curriculum Costruzioni Edili Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. di 213

13 Curriculum Civil and Environmental Engineering (in inglese) 3) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica 4) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica 5) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni 6) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Curriculum Logistico e Produttivo Curriculum Economico e Organizzativo 7) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione Industriale 8) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica dei Materiali 9) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Curriculum Autoveicoli Curriculum Costruzioni Curriculum Energia Curriculum Produzione Nell a.a viene attivato il Ciclo di studio di dieci Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria. Viene istituito un nuovo Corso di Laurea Magistrale in Land and Environmental Engineering, omologo del Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio, interamente erogato in lingua inglese, vengono di conseguenza ridotti i curricula del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile e viene trasformato il Corso di Laurea Magistrale in Telecomunicazioni nel Corso di Laurea Magistrale in Communication Technologies and Multimedia, erogato interamente in lingua inglese. 1) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio 2) Corso di Laurea Magistrale in Land and Environmental Engineering (in lingua inglese) 3) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile 4) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica 5) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica 6) Corso di Laurea Magistrale in Communication Techologies and Multimedia (in lingua inglese) 7) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Curriculum Logistico e Produttivo Curriculum Economico e Organizzativo 8) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell Automazione Industriale 9) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica dei Materiali 10) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Curriculum Autoveicoli Curriculum Costruzioni Curriculum Energia Curriculum Produzione Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura Nell a.a è stato trasformato il Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura in ordinamento ex D.M. 509/99 nel corrispondente Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile-Architettura in ordinamento ex D.M. 270/04. Nell a.a sono stati attivati gli insegnamenti del primo anno di corso. Nell a.a sono stati disattivati gli insegnamenti del primo anno di Corso di Laurea Specialistica, mentre sono stati attivati gli insegnamenti del primo anno di Corso di Laurea Magistrale. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 13 di 213

14 Nei successivi anni accademici sono progressivamente attivati gli insegnamenti dei successivi anni di corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile-Architettura in ordinamento ex D.M. 270/04, e sono disattivati gli insegnamenti dei corrispondenti anni di Corso di Laurea Specialistica, fino alla completa disattivazione di quest ultimo Corso di Studio in ordinamento ex D.M. 509/99. Nell a.a rimangono quindi attivi gli insegnamenti del quarto e quinto anno del Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico (quinquennale) in Ingegneria Edile- Architettura. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 14 di 213

15 I Corsi di Laurea in ordinamento 270 Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 15 di 213

16 Ammissione ai Corsi di Laurea in Ingegneria Per il Ciclo di studio che inizia nell a.a sono attivati sette Corsi di Laurea in Ingegneria in ordinamento ex D.M. 270/04. Rimane attivo il terzo anno dei Corsi di Laurea in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dei Materiali, non più attivati a partire dal Ciclo di studio 2011-, e sostituiti da un unico Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica e dei Materiali. Requisiti per l immatricolazione Possono accedere ai Corsi di Laurea di Ingegneria della Facoltà coloro che possiedono un diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio conseguito all estero e riconosciuto idoneo. Prova Attitudinale obbligatoria per i Corsi di Laurea in Ingegneria Gli Allievi che desiderano immatricolarsi a uno dei Corsi di Laurea in Ingegneria devono partecipare alla Prova Attitudinale obbligatoria per i Corsi di Laurea in Ingegneria che si tiene il giorno 5 settembre 20 alle ore 10:00 denominata TIP (test in presenza). L iscrizione a detta Prova attitudinale TIP si può effettuare, con modalità telematica, dal giorno 16 luglio 20 alle ore :00 del giorno 29 agosto 20. Per informazioni sulle modalità di iscrizione alla Prova attitudinale TIP gli Allievi sono invitati a consultare il Bando per l ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Ingegneria, in distribuzione presso la Segreteria Studenti e disponibile anche sul sito (www.unibs.it). L iscrizione prevede il versamento di un contributo di 50,00. Informazioni sui contenuti della Prova attitudinale TIP e sulle modalità di preparazione possono essere trovate sul sito del CISIA (Consorzio Interuniversitario Sistemi integrati per l Accesso) in collaborazione con il quale le prove attitudinali sono organizzate (www.cisiaonline.it) Graduatoria nella Prova attitudinale TIP e attribuzione degli Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA) La Prova attitudinale TIP dà luogo a una graduatoria di merito in ordine decrescente del Voto Assoluto ottenuto nel test. In base a tale graduatoria potranno essere attribuiti all Allievo Obblighi Formativi Aggiuntivi OFA (delibera n. 3 del Consiglio di Facoltà del ). Gli OFA verranno attribuiti agli allievi che abbiano conseguito un Voto Assoluto inferiore a 20/80 e contemporaneamente facciano parte dei 250 Allievi con i Voti Assoluti più bassi della graduatoria di merito. Gli OFA saranno inoltre attribuiti agli Allievi iscritti alla Prova attitudinale TIP che, per qualunque motivo, non abbiano potuto sostenerla. Tutti gli Allievi che hanno sostenuto la Prova attitudinale TIP erogata il 5 settembre 20, indipendentemente dall'attribuzione o meno di OFA, potranno immatricolarsi a uno qualsiasi dei Corsi di Laurea di Ingegneria offerti dalla Facoltà. Gli allievi ai quali siano stati attributi OFA dovranno soddisfare tali obblighi durante il primo anno di corso secondo le modalità sotto indicate. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 16 di 213

17 Prova attitudinale anticipata TOLC Ai sensi della delibera n. 3 del Consiglio di Facoltà del , gli Allievi che hanno già sostenuto con esito positivo, vale a dire con punteggio uguale superiore a 15 punti su 40 domande, la Prova attitudinale anticipata, denominata TOLC, erogata in forma telematica presso la sede della Facoltà di Ingegneria o presso le altre sedi universitarie aderenti all iniziativa, sono esonerati dall obbligo di partecipazione alla Prova attitudinale TIP del 5 settembre 20. Essi potranno immatricolarsi direttamente ai Corsi di Laurea in Ingegneria seguendo le procedure indicate nell'apposita sezione del Bando per l ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Ingegneria, senza attribuzione di OFA. Coloro invece che hanno sostenuto la Prova attitudinale anticipata TOLC con esito negativo, per potersi immatricolare ai Corsi di Laurea in Ingegneria devono necessariamente iscriversi alla Prova attitudinale TIP erogata il 5 settembre 20. Gli Obblighi formativi aggiuntivi e le modalità di adempimento Gli Allievi ai quali siano stati attribuiti Obblighi Formativi Aggiuntivi sono tenuti a frequentare, con frequenza obbligatoria di almeno il 70% delle lezioni ed esercitazioni, l insegnamento Introduzione alle discipline di base Matematica che viene erogato nel primo semestre per un totale di 6 ore settimanali di lezioni ed esercitazioni. I contenuti dell insegnamento sono quelli previsti dal test del CISIA per la parte riguardante la Matematica. Gli Allievi con OFA frequentano regolarmente le lezioni degli insegnamenti curriculari del loro Corso di Studio; gli orari delle lezioni dell insegnamento Introduzione alle discipline di base Matematica sono inserite nell orario delle lezioni del primo semestre dei singoli Corsi di Studio. Essi non sono tuttavia ammessi a frequentare i Gruppi di esercitazione di inglese durante il primo semestre. Verifica dell adempimento degli OFA Gli Allievi con OFA che hanno soddisfatto il requisito di frequenza sono ammessi a partecipare al primo appello d esame dell insegnamento Introduzione alle discipline di base Matematica che si terrà al termine del primo semestre e prima dell inizio della corrispondente sessione d esami. Gli Allievi con OFA che hanno sostenuto l esame con esito positivo, hanno con questo adempiuto agli OFA e possono cominciare a sostenere regolarmente gli esami degli insegnamenti curriculari del loro Corso di Studio nella sessione d esami del primo semestre. Tutti gli altri Allievi non saranno invece ammessi a sostenere gli esami degli insegnamenti curriculari del loro Corso di Studio fino a quando non avranno adempiuto agli OFA. A detti Allievi è consentito il riconoscimento dei crediti relativi al conseguimento della certificazione di conoscenza di una lingua comunitaria diversa dall Italiano (art. 7 D.M. 270/04), nonché l eventuale partecipazione alle attività di preparazione dei Gruppi di esercitazione di inglese per il conseguimento di una Certificazione linguistica riconosciuta dalla Facoltà, fatta eccezione per quelle del primo semestre. Successive scadenze per la verifica dell adempimento degli OFA Durante la sessione d esami del primo semestre viene offerta la possibilità agli Allievi che non abbiano ancora adempiuto agli OFA di seguire un ciclo di Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 17 di 213

18 esercitazioni di preparazione al superamento dell esame dell insegnamento Introduzione alle discipline di base Matematica. Un secondo appello d esame dell insegnamento si tiene alla fine della sessione d esami del primo semestre. Gli Allievi che hanno sostenuto l esame con esito positivo possono cominciare a sostenere regolarmente gli esami degli insegnamenti curriculari del loro Corso di Studio a partire dalla prima sessione utile successiva. Un terzo appello d esame dell insegnamento si tiene alla fine del periodo didattico del secondo semestre e prima della corrispondente sessione d esami. Gli Allievi che hanno sostenuto l esame con esito positivo possono cominciare a sostenere regolarmente gli esami degli insegnamenti curriculari del loro Corso di Studio a partire dalla sessione d esami del secondo semestre. Dopo il terzo appello d esame, gli Allievi che risultassero ancora gravati di OFA hanno un ulteriore possibilità di adempiere agli OFA presentandosi alla Prova Attitudinale TIP di settembre per l anno accademico successivo e rientrando, a seguito dei risultati ottenuti nella Prova, fra gli Allievi ai quali non sono attribuiti OFA in base alle modalità stabilite dalla Facoltà per l anno accademico successivo. In questo caso gli Allievi potranno cominciare a sostenere regolarmente gli esami degli insegnamenti curriculari del loro Corso di Studio a partire dalla prima sessione utile successiva a quella di recupero. Ulteriori interventi a sostegno dell approfondimento delle discipline di base Al fine di favorire l apprendimento delle discipline curriculari di base da parte degli Allievi con maggiori carenze nella preparazione iniziale, la Facoltà ha stabilito di scomporre le classi più numerose degli insegnamenti di Analisi Matematica I e Algebra e Geometria, erogati al primo semestre, e Fisica Sperimentale I (Mecc., Term.) e Fisica Sperimentale (Mecc., Elettrom.), erogati nel secondo semestre, in due Sezioni parallele in modo che gli Allievi possano fruire con maggiore facilità della didattica e della assistenza da parte dei docenti e dei loro collaboratori. Immatricolazione al Primo Anno Gli Allievi che hanno sostenuto la Prova attitudinale obbligatoria TIP possono chiedere l'immatricolazione al primo anno dei Corsi di Laurea in Ingegneria dal 17 settembre 20 al ottobre 20. Gli Allievi che hanno sostenuto con esito positivo la Prova attitudinale anticipata TOLC, e quindi sono esonerati dall obbligo di partecipazione alla Prova attitudinale TIP, possono chiedere l'immatricolazione al primo anno dei Corsi di Laurea in Ingegneria dal 3 settembre 20 al ottobre 20. La domanda di immatricolazione per tutti i Corsi di Laurea, redatta in bollo su modulo già predisposto e indirizzata al Magnifico Rettore, deve essere corredata dai seguenti documenti: due fotografie uguali formato tessera fotocopia fronte-retro di un documento di riconoscimento in corso di validità fotocopia del codice fiscale fotocopia della ricevuta di versamento del contributo di iscrizione alla Prova attitudinale TIP del di 50,00 (per gli Allievi che non hanno ottenuto l esonero) quietanza del pagamento della prima rata delle tasse universitarie modulo per il rilascio della tessera magnetica ogni altro documento indicato, per specifiche categorie di Allievi, nel modulo di immatricolazione. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 18 di 213

19 All Allievo che si immatricola vengono consegnate le credenziali che gli consentono di accedere alla sua pagina personale del sito web di Ateneo e di provvedere autonomamente all iscrizione ai crediti degli insegnamenti previsti dal Manifesto per il primo anno di corso. In questa sede l Allievo può selezionare, ove richiesto, le relative opzioni, come ad esempio la lingua comunitaria per la quale intende sostenere la prova di conoscenza. Inoltre, l iscrizione ai crediti degli insegnamenti del primo anno gli consente l accesso al materiale didattico e la possibilità di iscrizione agli appelli d esame (se in regola con eventuali Obblighi formativi aggiuntivi). Accesso ai Corsi di Studio di secondo livello Il titolo di primo livello che si può ottenere con l iscrizione a un Corso di Laurea dà accesso all ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale di secondo livello. Nell ordinamento ex D.M. 270/04, per l ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale, è necessario il soddisfacimento di precisi criteri di ammissione, che prevedono requisiti curriculari e di personale preparazione. Nella nostra Facoltà i requisiti curriculari fanno riferimento al possesso di un certo numero di crediti formativi in specifici gruppi di settori scientifico disciplinari. Per gli Allievi che abbiano conseguito il titolo di primo livello presso questa Facoltà sono comunque previsti passaggi da Corsi di Studio di primo a Corsi di Studio di secondo livello per i quali i requisiti curriculari si intendono implicitamente rispettati. I requisiti di personale preparazione fanno riferimento sia al livello di conoscenza della lingua inglese sia al voto ottenuto nel conseguimento del titolo di primo livello. Per gli Allievi che abbiano ottenuto il titolo di primo livello presso questa Facoltà, la verifica della personale preparazione si limita alla sola verifica della conoscenza della lingua inglese al livello B1 del CEFR. Per questi Allievi la verifica si intende soddisfatta se i crediti acquisiti per la conoscenza di una lingua comunitaria oltre l italiano sono stati acquisiti per la lingua inglese. Per l a.a alcuni Corsi di Studio accettano in deroga anche altre lingue comunitarie. In tutti gli altri casi, la conoscenza della lingua inglese deve essere dimostrata tramite la presentazione di idonea Certificazione linguistica riconosciuta dalla Facoltà. Per informazioni più dettagliate, gli Allievi sono invitati a consultare le parti di questa Guida dedicate ai Corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria ed il Regolamento per l ammissione alle Lauree Magistrali in Ingegneria. Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 19 di 213

20 Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Classe L7 Classe delle Lauree in Ingegneria Civile e Ambientale Nel seguito sono riportate alcune informazioni basilari sul Corso di Studio allo scopo di permettere all Allievo di formarsi una visione generale della sua struttura e dei suoi contenuti. Vengono forniti, in particolare, i quadri delle attività formative previste nel Corso di Studio, le informazioni relative alle possibilità per le scelte autonome dell Allievo, i vincoli previsti di precedenza d esame. Queste informazioni sono riportate per i tre Cicli del Corso di Studio attivi nell a.a : 1) Ciclo di studio che inizia nell a.a ; 2) iniziato nell a.a ; 3) iniziato nell a.a Detti Cicli di studio sono frequentati dagli Allievi immatricolati negli anni accademici corrispondenti. L insieme completo delle informazioni riguardanti il Corso di Studio per i diversi Cicli di studio attivi si possono trovare nei Regolamenti Didattici del Corso di Studio per il Ciclo di studio 20-13, per il Ciclo di studio 2011-, per il Ciclo di studio , sul sito della Facoltà di Ingegneria (http://www.unibs.it/facolta/ingegneria). Sintesi degli Obiettivi del Corso di Laurea e degli Sbocchi professionali Obiettivo generale del Corso di Laurea è quello di formare, attraverso una solida preparazione di base, tecnici dotati delle competenze per svolgere le attività connesse alla progettazione e gestione delle opere idrauliche, degli impianti sanitario-ambientali, dei sistemi di trasporto urbani ed extraurbani e del rilevamento ambientale; di operare nel campo della pianificazione, della programmazione e della progettazione urbanistica alle diverse scale; di operare in centri di controllo e monitoraggio ambientale anche con finalità di prevenzione e gestione di eventi critici; di coordinare la gestione degli impianti di trattamento sanitario-ambientali; di operare nel campo della pianificazione, della progettazione e della sicurezza dei principali sistemi di trasporto; di operare nel campo del rilevamento e telerilevamento dei processi fisico ambientali, del territorio e dei tessuti urbani; di operare nel campo della valutazione di piani, progetti e impianti tecnologici; di operare nel campo della difesa del territorio e della gestione delle risorse ambientali; di usare gli strumenti informatici di supporto alla progettazione e gestione delle opere e quelli per la modellistica ambientale. La preparazione lo rende idoneo a operare con visione interdisciplinare dei problemi, senza eccessiva specializzazione, ma con forti valenze nel lavoro d equipe e predisposizione al rapido adeguamento delle proprie abilità al variare delle esigenze dell impiego. A completamento della preparazione professionale può essere previsto uno stage presso studi professionali, in imprese di costruzioni, in imprese di gestione dei rifiuti o in pubbliche amministrazioni, oppure una esperienza in laboratori multidisciplinari di progettazione offerti all'interno dell'università. I principali sbocchi occupazionali dei laureati in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio sono le imprese, gli enti pubblici e privati e gli studi professionali per la progettazione, pianificazione, realizzazione e gestione di opere e sistemi di controllo e monitoraggio dell ambiente e del territorio, di difesa del suolo, di gestione dei Guida breve ai Corsi di Studio della Facoltà di Ingegneria Pag. 20 di 213

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Scuola di Ingegneria e Architettura

Scuola di Ingegneria e Architettura Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Bando per l ammissione ai Corsi di laurea a numero programmato - Anno Accademico 2014/2015 Il presente bando, congiunto tra la Scuola di Ingegneria e Architettura

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI 2011/2012 2012/2013 2013/2014 Iscritti I anno I volta Iscritti totali

Dettagli

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri 5 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Guida agli Studi a.a. 2013-2014

Guida agli Studi a.a. 2013-2014 Guida agli Studi a.a. 2013-2014 Presidente del Corso di Laurea in Architettura Prof. Adriano Ghisetti Giavarina mail: cdlarch@unich.it; ghisetti@unich.it Uffici di segreteria del Corso di Laurea Dr.ssa

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line Università degli Studi Roma Tre Prenotazione on-line Istruzioni per effettuare la prenotazione on-line degli appelli presenti sul Portale dello Studente Assistenza... 2 Accedi al Portale dello Studente...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Guida alla Lingua Inglese. Anno Accademico 2013/2014

Guida alla Lingua Inglese. Anno Accademico 2013/2014 Guida alla Lingua Inglese Anno Accademico 2013/2014 Redazione e coordinamento: Area Servizi agli Studenti e ai Dottorandi Servizio Segreterie Studenti Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2014 Tutti gli studenti

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

U n i v e r s i t à degl i S t udi d i R o m a Tor V e r gat a

U n i v e r s i t à degl i S t udi d i R o m a Tor V e r gat a BANDO DI CONCORSO D.M. 5 FEBBRAIO 2014 N.85 MACROAREA DI INGEGNERIA AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO,DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA

Dettagli