ALMA MATER STUDIORUM. Facoltà di. Conservazione dei BENI CULTURALI. la professionalità su misura per te

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALMA MATER STUDIORUM. Facoltà di. Conservazione dei BENI CULTURALI. la professionalità su misura per te"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM università di Bologna SEDE DI RAVENNA Facoltà di Conservazione dei BENI CULTURALI la professionalità su misura per te Scuola di Specializzazione in Beni Musicali Laurea Magistrale in Cooperazione Internazionale, Tutela dei Diritti Umani e dei Beni Etno-Culturali nel Mediterraneo e in Eurasia (classe LM-81) Laurea Magistrale in Storia e Conservazione delle Opere d Arte (classe LM-89) Laurea Magistrale in Ricerca, Documentazione e Tutela dei Beni Archeologici (classe LM-2) Laurea in Beni Culturali (classe L-1)

2 2 FACOLTÀ DI CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI Il nostro patrimonio culturale è una delle più grandi risorse del Paese: scommettere su questo bene è necessario per trasferire in figure professionali l enorme ricchezza di espe rienze maturate in Italia nei diversi settori operativi sui Beni Culturali. La più rilevante finalità della istituzione della Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell Alma Mater Studiorum Università di Bologna, nella sede di Ravenna, quindi, è stata quella di ricondurre il comparto umanistico nel vivo della vita culturale ed economica della nostra società, ponendolo in prospettiva di interdisciplinarità con il comparto tecnico-scientifico. Il compito dei corsi di studio offerti dalla Facoltà è di fornire una formazione efficace

3 e professionalizzante, tramite una solida formazione teorica sempre accompagnata ad esperienze pratiche svolte mediante partecipazione alle numerose attività di laborato rio, scavo e tirocinio a disposizione degli studenti. 3 L offerta didattica della Facoltà si articola in una laurea in Beni Culturali, e tre lauree magistrali: Ricerca, documentazione e tutela dei beni archeologici, Storia e conservazione delle opere d arte e Cooperazione internazionale, tutela dei diritti umani e dei beni etno-culturali nel Mediterraneo e in Eurasia. La formazione di I livello avviene nel corso di laurea triennale in Beni Culturali. Grazie all ottimo rapporto docenti-studenti ed all ampia offerta formativa, la Facoltà as sicura ad ogni iscritto un percorso personalizzato adatto alla sensibilità ed alle aspira zioni di ciascuno ed un tutorato per una preparazione accurata e il superamento di eventuali difficoltà, per valorizzare al massimo le potenzialità degli studenti ed assicurarne il successo negli studi. Il laureato in Beni Culturali può proseguire poi il suo percorso formativo nei corsi bien nali di laurea magistrale offerti dalla Facoltà nei tre settori dell archeologia, della sto ria dell arte e della cooperazione internazionale sui diritti umani e sui beni etno-culturali, anche in relazione alle scelte individuali seguite nel corso triennale. Nei corsi di laurea magistrale avviene il completamento ideale di un percorso formativo, che permette tra l altro l accesso a concorsi pubblici di livello dirigenziale. Le abilità maturate nel settore dei Beni Culturali possono essere anche un veicolo per rilanciare a livello mondiale l immagine del lavoro e del potenziale intellettuale dell Italia.

4 4 Gli sbocchi professionali sono preoccupazione primaria della Facoltà, e vengono favoriti mediante esperienze di tirocinio già durante il corso di laurea triennale. Oltre a tro vare un naturale sbocco nelle istituzioni pubbliche che a livello nazionale e locale operano nel settore dei Beni Culturali, i laureati della Facoltà sono assorbiti anche da cooperative attive negli stessi campi nonché da imprese private che operano su mostre, editoria, turismo e valorizzazione dei Beni Culturali. Per questo motivo la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali dell Alma Mater ha scelto di favorire due filoni strategici, supportata dalle istituzioni della Città di Ravenna: quello dell internazionalizzazione, attraverso rapporti di collaborazione con Università ed istituzioni scientifiche estere (dall Europa centrale al bacino del Me diterraneo, al Medio Oriente e all Asia Centrale), che coinvolgono studenti e docenti a livello di progetti Erasmus e Socrates e di ricerche archeologiche; e quello del potenziamento della componente tecnico-pratica, immediatamente spendibile nel mercato del lavoro, tanto che, nell ambito delle facoltà umanistiche, Beni Culturali di Ravenna si caratterizza per la forte integrazione delle discipline di ambito storicofilo logico con quelle di ambito tecnicoscientifico o delle scienze sociali, offrendo una pro ficua preparazione interdisciplinare. L attività di ricerca che i docenti della Facoltà conducono presso i due dipartimenti di Archeologia e di Storie e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali permettono infatti agli studenti di partecipare già dal I anno del corso triennale a numerose attività di scavo e di laboratorio, per le quali si rimanda al sito web La pre senza di numerosi tutor si affianca inoltre all attività tutoriale dei docenti. La Biblioteche della Facoltà e del Dipartimento di Storie e Metodi in pochi anni sono giunte a rappresentare per quantità e qualità del suo patrimonio librario un centro di riferimento nella regione. La Facoltà può inoltre contare sulla Biblioteca del Dipartimento di Archeologia e sul sistema bibliotecario ravennate, che vanta nella Biblioteca Classense e nella Biblioteca Oriani due centri a livello internazionale.

5 SEDE Palazzo Corradini - Via A. Mariani, - Ravenna Portineria: tel altre sedi didattiche segreteria di Presidenza Palazzo ex Istituto Verdi Via G. Pasolini, 23 - Ravenna tel fax Dipartimento di Archeologia sede di Ravenna Via San Vitale, 30 - Ravenna tel fax La Segreteria di Presidenza fornisce informazioni relative ai Corsi di Studio e alle attività didattiche (orari di lezione, esami di profitto, prova finale di laurea). Palazzo Corradini - piano ammezzato Via A. Mariani, - Ravenna

6 I Tutor dei Corsi di Studio sono a disposizione degli studenti per fornire informa zioni di carattere logistico e organizzativo volte a favorire l inserimento nella Facoltà, aiutare gli studenti a comprendere e a risolvere eventuali problemi nel loro regolare iter di studio, offrire sostegno personalizzato nella programmazione degli studi e nell ap prendimento, in particolare per coloro che hanno difficoltà a mantenere i contatti con la Facoltà (es. studenti-lavoratori). Sono inoltre a disposizione nella compilazione dei piani di studio personalizzati e per una valutazione preventiva della car riera pregressa (riconoscimento crediti, debiti formativi ); tale valutazione è da intendersi, comunque, solo come orientativa, in quanto l organo competente per la valutazione rimane il Consiglio di Corso di Laurea. L elenco dei tutor assegnati a ciascun Corso di Studio è disponibile sul sito > Contattare un tutor per i Corsi di Studio. TUTOR SALE STUDIO Presso la sede di via A. Mariani e via G. Pasolini sono sempre a disposizione degli studenti alcune sale per lo studio, individuale o di gruppo, coperte dal sistema wifi tramite cui si può navigare in rete con un portatile senza fili. Sia per le fotocopie che per la stampa da PC è possibile utilizzare i fotocopiatori a disposizione degli studenti. Quando non è utilizzato per attività didattica è, inoltre, a disposizione degli stu denti il laboratorio informatico Ludovica dotato di PC collegati in rete.

7 7 BIBLIOTECHE L Area dei Servizi Bibliotecari mette a disposizione di studenti, ricercatori, docenti e cittadini un notevole patrimonio culturale e storico attraverso un ampia offerta di risorse bibliografiche (libri, articoli, riviste, cdrom, dvd, etc.) e servizi qualifi cati per sostenere gli esami e preparare la tesi di laurea. Cosa puoi chiedere: libri in consultazione e/o in prestito fornitura di documenti non presenti nelle Biblioteche di Ravenna ricerche bibliografiche assistenza all utilizzo di cataloghi, banche dati e siti web supporto all uso delle risorse elettroniche di Ateneo online informazioni relative ai servizi delle biblioteche collegamento wifi stampa da PC per informazioni: unibo.it unibo.it/ Polo+Ravenna/ Biblioteche

8 8 BIBLIOTECA DI FACOLTÀ E DIPARTIMENTO CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI Via A. Mariani, - Ravenna tel orario di apertura: Lunedì-Giovedì: :30 ( nei mesi invernali) Venerdì: Sabato BIBLIOTECA DEL DIPARTIMENTO DI ARCHEOLOGIA Via San Vitale, 30 - Ravenna tel orario di apertura: Lunedì-Venerdì: BIBLIOTECA DEL CORSO DI LAUREA DI SCIENZE AMBIENTALI Via Sant Alberto, 13 - Ravenna tel orario di apertura: Lunedì-Venerdì: Laboratorio informatico didattico Per supportare le attività didattiche è attrezzato un laboratorio informatico (Laboratorio Ludovica) dotato di diverse postazioni PC, a disposizione degli studenti quando non utilizzato per lezioni.

9 9 Laboratori scientifici didattici presso le sedi dei due Dipartimenti Laboratorio diagnostico per i beni culturali Laboratorio di fotografia Laboratorio di cronache Veneziane e Ravennati Laboratorio musicale Laboratorio di antropologia Laboratorio di epigrafia e codicologia ebraica Laboratorio per lo studio dei materiali archeologici Laboratorio per la documentazione dei materiali archeologici Laboratorio chimico Laboratorio paleobotanico

10 10 Attività di scavo Gli studenti hanno a disposizione la vasta attività di scavi e ricerche archeologiche condotte dai docenti dei due dipartimenti di Archeologia e di Storie e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali (DiSMeC) per poter effettuare esperienze di scavo guidate, valide ai fini del conseguimento di crediti formativi. Dipartimento di Archeologia: In Italia: la città etrusca di Kainua (BO) e il suo museo; la città e il suburbio di Classe (RA); il cosiddetto Palazzo di Teodorico di Ga leata (FC); l abitato dell età del bronzo di Solarolo (RA); il Municipium romano di Suasa (AN) e i suoi musei; la chiesa di Santa Maria in Portuno di Corinaldo (AN); la villa romana e la chiesa di San Cristoforo ad Aquilam di Colombarone (PU); l Insula del Centenario a Pompei (NA); la carta archeologica di Pantelleria e il sito protostorico di Mursia (TP); scavi nel munici pium romano di Ostra Vetere (AN); archeologia urbana a Senigallia (AN); scavi fuori Porta Marina a Ostia (RM); la grotta di San Biagio a Ostuni (BR). All Estero, in Europa: la città ellenistico-romana di Phoinike

11 11 (Albania); il Castrum romano di Burnum (Croazia). In Asia: i siti dell età del bronzo nel Delta del Murghab (Turkmenistan); il sito sogdiano di Kafir Kala e altri interventi di studi territoriali in Uzbekistan; l abitato protostorico di Ra s al-hadd (Sultanato di Oman); le culture dell età del bronzo del Kazakhstan; il Porto di Lothal (India). Dipartimento di Storie e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali: In Italia: scavi e ricerche archeologiche sul sito fenicio-punico di Tharros; scavi e ri cerche archeologiche sul sito della c.d. Casa dei Mosaici di Mozia (TP); campagna di ricerca e studio sul sito antico di C/da Foggia Alcamo Marina (TP). All Estero: studio dei materiali archeologici paleocristiani e bizantini di Costanti nopoli ed Efeso (Turchia); scavi e ricerche archeologiche a Tel Tûkh (Egitto, Delta orientale); scavi e ricerche archeologiche a Persepoli (Fars, Iran meridionale); mis sione etnolinguistica nella valle dello Yaghnob (Tajikistan); scavi e ricerche ar cheologiche nella valle dello Zeravshan (Uzbekistan); collaborazione con le attività della Missione Archeologica Italiana dell IsIAO nella Valle dello Swat (Pakistan). TIROCINI La Facoltà promuove i rapporti tra mondo del lavoro e studenti/neolaureati attra verso proposte di stage e tirocinio presso enti e aziende nazionali ed internazionali. Esistono due tipologie di tirocinio: il tirocinio curriculare rivolto a studenti che intendono svolgere un periodo di for mazione professionalizzante per acquisire i crediti formativi previsti nel piano di studi; il tirocinio formativo e di orientamento rivolto a laureandi che necessitano di un esperienza concreta ai fini della stesura della tesi di laurea e a neolaureati (da non più di 18 mesi) che intendono mettere in pratica quanto appreso durante il loro percorso di studio presso un ente/azienda selezionato. Per informazioni: Ufficio tirocini (presso il Polo Scientifico Didattico) tel > Tirocini

12 12 Per gli studenti in Conservazione dei Beni Culturali sono attivi specifici scambi Erasmus con varie sedi universitarie europee. Risultano numerose le possibilità di trascorrere periodi di studio in Belgio (Leuven), Germania (Bochum, Gottingen, Koln, Leipzig, Trier), Danimarca (Copenaghen), Spagna (Lleida, Madrid, Santander, Tarragona, Tenerife, Valencia), Francia (Arras, Dijon, Grenoble, Lione, Montpel lier, Parigi, Tours), Grecia (Atene), Ungheria (Budapest), Repubblica di Malta (Malta), Portogallo (Porto), Polonia (Varsavia), Romania (Brasov, Bucarest), Slo venia (Nova Gorica), Turchia (Istanbul, Izmir) e Regno Unito (Cambridge). RELAZIONI INTERNAZIONALI

13 13 Organizzazione dei Corsi di Studio Lezioni La didattica del Corso di Laurea è suddivisa in due cicli (semestri) secondo quanto pre visto nell ambito di ciascun Corso di Studio. L orario delle lezioni è disponibile presso la portineria della Facoltà e sul sito > Orario delle lezioni. Non è previsto l obbligo di frequenza alle lezioni, anche questa è vivamente consigliata, in quanto permette una miglior preparazione per l approfondimento della materia e per il superamento degli esami. Appelli Gli esami possono essere sostenuti negli appelli successivi al termine del ciclo di lezioni. Sul sito > Studenti > Esami di profitto è disponibile il calendario degli esami ed è indicata la modalità di iscrizione online mediante l applicativo Almaesami. Per informazioni e pratiche amministrative rivolgersi a: SEGRETERIA STUDENTI Via A. Baccarini, Ravenna Tel Fax unibo.it Orario di apertura al pubblico: Lun. Mar. Mer. Ven.: ; Mar. e Giov.: Orario di call-center: Lun. Mer. Ven.:

14 14 Siti web dei CORSI LAUREA IN BENI CULTURALI Laurea Magistrale in Ricerca, Documentazione e Tutela dei Beni Archeologici BeniArcheologici Laurea Magistrale in Storia e Conservazione delle Opere d Arte StoriaConservazioneOpereArte Laurea Magistrale in Cooperazione Internazionale, Tutela dei Diritti Umani e dei Beni Etno-Culturali nel Mediterraneo e in Eurasia CooperazioneInternazionaleMediterraneoEurasia Scuola di Specializzazione in Beni Musicali Attivita+didattica/Scuole/default.htm

15 1 Laurea in Beni Culturali (classe L-1) CARATTERISTICHE DEL CORSO Il corso di Laurea in Beni Culturali offre una solida formazione di base nelle aree di sciplinari che ruotano intorno al tema dei beni culturali e del patrimonio culturale: umanistica e filologica, giuridica, storica e antropologica. Su tale impianto di base, attraverso la scelta mirata di una serie di discipline opzionali, il corso consente di orientare la formazione verso comparti e aspetti specifici dei beni culturali: le scienze della conservazione e del restauro, l archeologia, la storia dell arte, la musicologia, la biblioteconomia e l archivistica, l informatica applicata ai beni culturali, ecc. La struttura del Corso consente di assecondare, da subito, i diversi orientamenti degli studenti (verso l archeologia, la storia dell arte, il patrimonio archivisticoli brario, i beni musicali, quelli demo etno-antropologici, ecc.): il Presidente del Corso, attraverso i tutor, può aiutare ogni matricola a costruire il piano didattico individuale in modo che corrisponda agli interessi personali e rispetti la necessa ria congruità culturale e formativa. Per facilitare la compilazione da parte dello stu dente del proprio piano di studio, sono stati predisposti i seguenti percorsi didattici con specifici obiettivi formativi: Beni antropologici Beni archeologici Beni archivistici e librari Beni musicali Beni paesaggistici e ambientali Beni orientali Beni storico-artistici Patrimonio culturale: storia, comunicazione, gestione Venezia e il Levante

16 1 SBOCCHI PROFESSIONALI La Laurea in Beni Culturali rappresenta la premessa indispensabile per l accesso a classi di Laurea Magistrale più specialistiche e apre sbocchi occupazionali in nume rose istituzioni pubbliche e private (enti locali, regionali e nazionali, soprintendenze, musei, parchi archeologici e naturali, biblioteche, archivi, fondazioni, cooperative, ecc.) che si occupano della tutela, conservazione e fruizione dei beni culturali nelle loro molteplici espressioni (archeologici, storici, artistici, archivistici e librari, musi cali, antropologici, ecc.). Consente, inoltre, di entrare nel mercato della comunica zione culturale, nel campo del turismo, dell editoria, dei media e, in generale, della valorizzazione del patrimonio culturale. REQUISITI PER L IMMATRICOLAZIONE Il Corso è a libero accesso, quindi, non sono previsti test d ingresso. Per immatricolarsi è necessario essere in possesso di almeno uno dei seguenti titoli di studio: diploma di maturità di cinque anni; diploma di maturità di quattro anni e il conseguimento di un anno integrativo; in alternativa ci si può immatricolare con un debito formativo da colmare entro il I anno di corso; diploma di laurea; titolo di studio conseguito all estero dopo almeno 12 anni di scolarità. Tuttavia lo studente in possesso di un diploma di scuola media superiore conseguito con una votazione inferiore a 70/100, dopo l immatricolazione, dovrà sostenere una prova di verifica delle conoscenze richieste, consistente in un colloquio individuale e in un agile test scritto. Agli studenti che non superino la prova di verifica viene assegnato un Obbligo Formativo Aggiuntivo, che deve essere soddisfatto entro il termine stabilito dagli Organi Accademici per poter passare al secondo anno. Le indicazioni specifiche relative ai requisiti di ammissione possono es sere scaricate alla pagina web: PaginaCorso htm?subtabPresentazione=VerificaRequisiti

17 17 PIANO DI STUDIO LAUREA IN BENI CULTURALI Complessivamente devono essere sostenuti 1-17 esami (a seconda dei crediti degli insegnamenti scelti) e 3 idoneità. Il piano di studi riportato sotto indica soltanto le discipline comuni a tutti. ANNO I ANNO II ANNO III Insegnamenti ed attività obbligatori Letteratura italiana... Acustica musicale oppure Chimica dell ambiente e dei beni culturali oppure Metodologia della ricerca archeologica... Diritto dei beni culturali... Antropologia oppure Geografia oppure Geografia culturale oppure Paleontologia umana... Lingua straniera (idoneità)... Abilità informatiche (idoneità)... A scelta dello studente (fra tutti i corsi attivati in Ateneo)... Tirocini / Seminari / Scavi archeologici (idoneità)... Prova finale... CFU 12

18 18 Gli altri esami vanno individuati fra le discipline afferenti alle diverse aree pre senti in Facoltà (di cui almeno 18 cfu nell area delle Discipline storiche e almeno 12 cfu nell area delle Civiltà antiche e medievali) tenendo possibilmente presenti i piani didattico-formativi predisposti. A seguire le discipline raggruppate secondo le aree. ARCHEOLOGIA Archeologia e storia dell arte greca e romana Archeologia della Tarda antichità Archeologia medievale Antropologia, ecologia e dinamiche delle popolazioni umane Ecologia e dinamiche delle popolazioni umane Ecologia preistorica Introduzione alla etruscologia Numismatica greca e romana Paleontologia umana ed ecologia preistorica Paletnologia Preistoria e protostoria Topografia antica archivistica e biblioteconomia Archeologia del libro antico Archivistica generale e storia degli archivi Bibliografia ed esegesi della documentazione Storia del libro e biblioteconomia CIVILTà ANTICHE e MEDIEVALI Civiltà latina Civiltà letteraria greca Drammaturgia del mondo greco e romano Letteratura bizantina Letteratura cristiana antica Lingua e letteratura greca DISCIPLINE TECNICo-scientifiche Archeometria Chimica del Restauro Conservazione e trattamento dei materiali Fisica applicata ai Beni Culturali

19 19 DISCIPLINE STORICO-ARTISTICHE Storia dell arte bizantina Storia dell arte medievale Storia dell arte moderna Storia dell arte contemporanea Museografia e museotecnica Storia e tecnica della fotografia e degli audiovisivi DISCIPLINE STORICHE Geografia storica del mondo antico Storia del cristianesimo Storia delle chiese in età moderna e contemporanea Storia della città e del territorio Storia della scienza Storia del Mediterraneo in età moderna Storia greca Storia romana Storia bizantina Storia medievale Storia moderna Storia contemporanea MUSICOLOGIA Documentazione per i beni musicali Etnomusicologia Storia della musica antica, medievale e rinascimentale Storia della musica moderna Storia della musica contemporanea Teoria musicale ORIENTALISTICA Archeologia e storia dell arte iranica Archeologia e storia dell arte del Vicino Oriente Antico Archeologia fenicio-punica Ebraico Egittologia Filologia e storia religiosa dell Iran Il Piano di studi dettagliato è disponibile sul sito: > Offerta formativa > Lauree > Beni Culturali > Piano didattico

20 20 Laurea Magistrale in Ricerca, Documentazione e Tutela dei Beni Archeologici (classe LM-2) CARATTERISTICHE DEL CORSO Il Corso approfondisce le competenze in area storica e filologico-letteraria e permette una solida formazione nelle discipline archeologiche e storicoartistiche del mondo antico. È prevista la possibilità di specializzarsi in uno degli ambiti tradizionali della ricerca archeologica: pre-protostoria, archeologia classica, archeologia tardo antica e medievale, archeologia orientale. Alle lezioni frontali sono affiancate esperienze di stages di cantiere e laboratori: scavo, documentazione e rilievo archeologico, classi ficazione dei materiali archeologici, archeozoologia, antropologia umana, archeobotanica, archeometria. Questo permette di raggiungere un ottima qualificazione professionale in linea con gli standard oggi richiesti sul mercato del lavoro. Le com petenze acquisite riguardano sia il campo della ricerca sia il campo della conserva zione e della valorizzazione dei siti archeologici. Significativo e perseguito è inoltre l aggiornamento sul piano metodologico della ricerca archeologica, attraverso l uti lizzo di strumentazioni e tecnologie informatiche, telematiche e di telerilevamento. SBOCCHI PROFESSIONALI Si prevedono possibilità di inserimento nel mondo del lavoro come: ricercatore nel campo dell archeologia, presso Enti pubblici e privati, operatore e conservatore nei Musei nazionali e locali, operatore d impresa nelle società e cooperative private per la ricerca archeologica, addetto al settore dei Beni Culturali nelle amministrazioni co munali, provinciali e regionali. Inoltre il laureato magistrale può partecipare ai con corsi di ammissione alle Scuole di

21 21 Specializzazione in Beni Archeologici (di durata biennale), titolo necessario (in alternativa al dottorato di ricerca) per accedere ai concorsi per funzionario delle Soprintendenze per i Beni Archeologici. COMPETENZE Il Corso di Laurea Magistrale mira a formare laureati che dispongano di una solida preparazione nelle discipline archeologiche, storico-artistiche e storicoletterarie, unitamente a competenze di tipo tecnico, giuridico e informatico, volte in partico lare alla conoscenza, valorizzazione e tutela dei beni archeologici. La possibilità di par tecipare a campagne di scavo, in Italia e all estero, e a laboratori, permette di maturare anche esperienze di carattere pratico, di imparare a conoscere e utilizzare gli stru menti più moderni della ricerca archeologica, e di avvicinare concretamente gli stu denti al mondo del lavoro. REQUISITI D ACCESSO Per accedere al Corso è necessario soddisfare i seguenti requisiti di ammissione: 1. aver conseguito la Laurea in una delle seguenti classi (o possedere altro titolo di stu dio conseguito all estero, riconosciuto idoneo): ex D.M. 270: classi L-1; L-10; L-42; ex D.M. 09/99: classi ; 13; 38; previgente ordinamento quadriennale: Laurea in Conservazione dei Beni Cultu rali, Lettere, Storia 2. aver conseguito almeno 20 CFU in uno o più dei seguenti SSD: L-ANT/**; L-OR/**. In tutti gli altri casi è previsto un colloquio; consultare la pagina web: PaginaCorso htm?subtabPresentazione=VerificaRequisiti Inoltre l ammissione al Corso di Laurea è subordinata al superamento di una verifica dell adeguatezza della personale preparazione, che si svolgerà tramite la valutazione del curriculum del candidato, cui seguirà la formulazione di un giudizio complessivo. Tale valutazione deve essere effettuata prima della procedura di immatricolazione. Per la valutazione del curriculum rivolgersi al Tutor del Corso.

22 22 ANNO I ANNO II Insegnamenti ed attività obbligatori Una disciplina storica a scelta nell ambito della storia antica e medievale... Una disciplina a scelta nell area delle lingue e letterature antiche e medievali... Un insegnamento a scelta di tipo tecnico, scientifico o giuridico... Un insegnamento a scelta nell ambito delle archeologie e antichità classiche e medievali... Due insegnamenti a scelta in uno degli ambiti: pre-protostoria; archeologia classica; archeologia tardo antica e medievale; archeologia orientale... Laboratori e scavi archeologici... Una disciplina storica a scelta nell ambito della storia antica e medievale... Una disciplina a scelta nell area delle lingue e letterature antiche e medievali... Un insegnamento a scelta di tipo tecnico, scientifico o giuridico... Un insegnamento a scelta in uno degli ambiti: pre-protostoria; archeologia classica; archeologia tardo antica e medievale; archeologia orientale... Un insegnamento a scelta dello studente... Laboratori o scavi archeologici... Prova finale... CFU (2x12)

23 23 Laurea Magistrale in Storia e Conservazione delle Opere d Arte (classe LM-89) CARATTERISTICHE DEL CORSO Il Corso coniuga l approfondimento delle discipline umanistiche, che caratteriz zano l area disciplinare storico-artistica, con lo studio di materie scientifico-tec nologiche indispensabili per la conoscenza dei materiali, delle tecniche artistiche, con particolare riguardo alle tematiche legate alla tutela e conservazione di speci fici beni culturali: dipinti, sculture, architetture, disegni, incisioni, stampe, foto grafie e opere di arti minori. Si persegue una solida formazione volta al proseguimento degli studi nell ambito della ricerca storico-artistica accademica, inoltre si offre ampio spazio ad insegnamenti utili per l inserimento professionale nell ambito dell editoria, della curatela artistica di mostre, allestimenti ed eventi di rilevanza culturale, della gestione di musei, biblioteche, istituzioni e luoghi con mission affine. La metodologia è costantemente aggiornata, sono frequenti le visite sul campo a collezioni d arte, mostre in corso e laboratori, con particolare atten zione alla conoscenza degli strumenti multimediali e dei programmi di economia, legislazione e catalogazione informatica delle opere d arte. SBOCCHI PROFESSIONALI Musei, gallerie d arte pubbliche e private, case d asta, gallerie d antiquariato; Edi toria, tradizionale e web specializzata; Fondazioni pubbliche e private; Dottorato e master universitari. Il laureato potrà svolgere attività di ricerca avanzata nell ambito dei percorsi post lauream e attività di insegnamento nelle scuole medie superiori. Potrà dialogare e seguire i lavori di restauro e diagnostica, in quanto sarà in grado di relazionarsi con competenza professionale con chimici, fisici, restauratori, ricoprendo presso le So printendenze e Musei il ruolo di direttore artistico, scientifico, curatore, funziona rio, responsabile della didattica museale e delle pubbliche relazioni; potrà occuparsi della catalogazione informatica dei beni

24 24 culturali, di indagini archivistiche, bi bliografiche, all interno di campagne di inventario, catalogazione e tutela del pa trimonio storico-artistico; in campo editoriale nella redazione di saggi e schede di catalogo per mostre e monografie storico-artistiche; nella gestione dei beni cultu rali, organizzazione di mostre, convegni, eventi volti alla valorizzazione delle opere d arte sul territorio; potrà collaborare con istituzioni pubbliche e private all interno di programmi legati alla dimensione storico-artistica, quali progettazione di inter venti di restauro, pianificazione di eventi culturali. COMPETENZE Il laureato magistrale ha una competenza specialistica in museologia e nelle disci pline attinenti alla specificità del museo e dell istituzione culturale; ha una cono scenza specialistica della storia dell arte e specifica dei problemi relativi alla conservazione, al restauro, alla tutela delle opere d arte; possiede conoscenze ap profondite in campo storico per un corretto inquadramento delle opere d arte og getto di studio e/o di conservazione. Le conoscenze sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali e ai seminari specializzati, lo studio personale guidato anche da un ampia attività di tutorato, prevista dalle attività formative at tivate in particolare nell ambito dei settori disciplinari caratterizzanti di tipo sto rico-artistico, metodologico, storico e letterario. REQUISITI D ACCESSO Per l accesso al corso di laurea magistrale sono richiesti i seguenti requisiti d ac cesso: 1. Avere conseguito la Laurea in una delle seguenti classi o possedere altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo : ex D.M. 270: L-1; L-3; L-10; L-19; L-42 ex. D.M. 09/99: ; 13; 18; 23; 38 Previgente ordinamento quadriennale: Laurea in Conservazione dei Beni Culturali Lettere, Discipline dell arte, musica e spettacolo, Storia, Scienze della Formazione Diploma universitario di durata triennale: Operatore dei beni culturali Titolo rilasciato dalle Accademie di Belle Arti 2. Avere acquisito almeno 12 cfu in uno o più dei seguenti settori scientificodi sciplinari: L-ART/01, L-ART/ 02, L-ART/03, L-ART/04 cfu in CHIM/12, FIS/07 cfu in M-STO/01, M-STO/ 02, M-STO/03, M-STO/04 In tutti gli altri casi è previsto un colloquio durante il quale la commissione preposta valuterà il percorso di studi precedente, le conoscenze già acquisite e

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in International Management - MIEX Sede di Bologna codice: 8367 Anno Accademico 2014-2015 Scadenza bando: 14 luglio 2014 ore 13,00

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D.R. n. 1000 del 16.7.2013 Master di I Livello in MANAGEMENT DEI PRODOTTI E SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE I L R E T T O R E VISTO lo Statuto dell'università degli Studi di Cagliari, emanato con D.R. n. 339

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI

GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 GUIDA ALLA CARRIERA E AI SERVIZI AGLI STUDENTI ANNO ACCADEMICO 2013/2014 SOMMARIO L UNIVERSITÀ DI TRENTO 7 IL SISTEMA UNIVERSITARIO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli