UNIVERSITÀ DI VERONA. area formazione e filosofia area lettere, arti e servizio sociale area lingue e letterature straniere.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DI VERONA. area formazione e filosofia area lettere, arti e servizio sociale area lingue e letterature straniere."

Transcript

1 UNIVERSITÀ DI VERONA area formazione e filosofia area lettere, arti e servizio sociale area lingue e letterature straniere guida ai corsi

2

3 corsi dell area lettere, arti e servizio sociale Lauree pag 3 Beni Culturali V pag 5 Lettere V pag Scienze della comunicazione V pag 11 Scienze del servizio sociale P Lauree Magistrali pag 14 Discipline artistiche V pag 17 Editoria e giornalismo V pag 1 Linguistica V pag 21 Quaternario, preistoria e archeologia V pag 24 Servizio sociale e politiche sociali V pag 27 Scienze storiche V pag 31 Tradizione e interpretazione dei testi letterari V corsi dell area lingue e letterature straniere Lauree pag 34 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale P pag 37 Lingue e culture per l editoria V pag 3 Lingue e letterature straniere V Lauree Magistrali pag 43 Lingue e letterature comparate europee ed extraeuropee V pag 45 Lingue per la comunicazione turistica e commerciale V corsi dell area formazione e filosofia Lauree pag 48 Filosofia V pag 50 Scienze dell Educazione P pag 53 Scienze della formazione nelle organizzazioni P Lauree Magistrali pag 57 Formazione e sviluppo delle risorse umane V pag 0 Scienze filosofiche V pag 2 Scienze pedagogiche V Laurea Magistrale a ciclo unico pag 5 Scienze della formazione primaria P tipo di accesso accesso libero con verifica V tipo di accesso numero chiuso con test d ingresso P per tutte le informazioni sui corsi vai a

4 Le informazioni riportate in questa guida hanno valore indicativo e possono subire variazioni. Per informazioni più aggiornate sull offerta formativa si raccomanda di consultare il sito A cura di: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA: Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio Comunicazione Integrata di Ateneo Luglio 2014 ORIENTAMENTO ALLO STUDIO Chiostro S. Francesco, Via San Francesco, Verona tel , fax e pagina web: Orari di apertura: dal lunedì al venerdì, ore -13

5 tipo corso di laurea BENI CULTURALI classe L-1 Beni culturali tipo di accesso accesso libero con verifica durata 3 anni crediti 180 CFU il corso è tenuto in lingua italiana sede Verona 3 il corso di studio in breve Il Corso di Laurea triennale in Beni Culturali vuole offrire una formazione di base che privilegia il campo dei beni culturali, garantendo competenze e conoscenze nei suoi diversi settori: archeologico, storico-artistico, archivistico e librario, teatrale, musicale, cinematografico, ambientale e paesaggistico. Il corso fornisce per questo insegnamenti di letteratura, storia e geografia, ma, nel contempo, l opportunità di apprendere i metodi con i quali i beni culturali vengono analizzati, custoditi, protetti e valorizzati. A supporto della didattica tradizionale, il corso prevede formative e visite presso monumenti, musei, biblioteche e laboratori, oltre ad di scavo e a tirocini, al fine di permettere una conoscenza diretta dei beni culturali e delle problematiche che li riguardano. Il corso fornisce, inoltre, didattiche finalizzate alla conoscenza degli strumenti informatici per l elaborazione dei testi, delle immagini e per la corretta fruizione dei repertori elettronici relativi ai beni culturali. Lo studente ha la possibilità di svolgere una parte del curriculum di studio in università di altri paesi della UE, grazie agli scambi Erasmus L obiettivo è quello di preparare una figura di operatore in grado, per le sue competenze, di lavorare per enti pubblici e privati, con particolare riferimento a quelli che si occupano della gestione e della tutela dei beni culturali, (soprintendenze, musei, biblioteche, mediateche, enti locali, ecc.). requisiti di ammissione Per essere ammessi al Corso di laurea di Beni Culturali occorre essere in possesso del titolo di scuola secondaria superiore richiesto dalla normativa in vigore o di altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo. È inoltre richiesto il possesso di un adeguata preparazione iniziale; sono date per presupposte, in particolare, la capacità di un esposizione scritta e orale corretta nella lingua italiana e una conoscenza di base dei fondamenti della storia, della geografia, della storia letteraria e della storia dell arte. Il Collegio didattico predispone, a questo scopo, una prova di verifica dei saperi minimi consistente nell analisi e nel commento scritti in lingua italiana di brevi testi di argomento letterario, storico e storico-artistico, che verranno valutati secondo tre distinti criteri: comprensione del testo, consequenzialità argomentativa, correttezza ortografica e grammaticale. Sono esonerati dalla prova i nuovi immatricolati che siano già in possesso di altra laurea o di diploma universitario. Nel caso di studenti con titolo di studio straniero il Collegio didattico predispone una verifica della conoscenza della lingua italiana a un livello che consenta la comprensione della didattica frontale (livello B2). Tale verifica verterà su argomenti attinenti ai beni culturali e alla storia dell arte. Nel caso in cui questo livello non risulti posseduto, lo studente verrà indirizzato a seguire i corsi di lingua italiana forniti dal Centro linguistico di Ateneo. sbocchi professionali Il Corso di laurea di Beni Culturali intende formare una figura di operatore che, per le sue competenze, possa lavorare per enti pubblici e privati, con particolare riferimento a quelli che si occupano della gestione e della tutela dei beni culturali (soprintendenze, musei, biblioteche, mediateche, enti locali, ecc.). Esso può consentite l accesso a professioni nel campo del turismo culturale, sia attraverso il concorso per guida turistica, sia attraverso l assunzione presso agenzie ed altre organizzazioni ed enti che si occupano della fruizione dei beni culturali. Può consentire l inserimento in cooperative di servizi e in legate alla formazione, alle relazioni pubbliche (organizzazione di mostre, convegni, incontri scientifici e commerciali), all editoria, alla catalogazione, alla pubblicità, alla divulgazione e al mercato dell arte. Il Corso di laurea di Beni Culturali fornisce, inoltre, l avviamento necessario per chi intende intraprendere la carriera dell insegnamento nell ambito della storia dell arte (una volta conseguiti gli ulteriori titoli necessari). Il corso prepara alla professione di: Assistenti di archivio e di biblioteca Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali Organizzatori di convegni e ricevimenti Guide turistiche Stimatori di opere d arte Tecnici del restauro

6 4 piano didattico Beni culturali 1 anno 12 Letteratura italiana BC (L-FIL-LET/10) Diritto dei beni culturali (IUS/10) Un insegnamento a scelta tra: Antropologia culturale BC (M-DEA/01); Geografia BC (M-GGR/01) Un insegnamento a scelta tra: Assiriologia (L-OR/03); Storia contemporanea (M-STO/04); Storia del rinascimento (M-STO/02); Storia del vicino oriente antico (L-OR/01); Storia greca (L-ANT/02); Storia medievale (M-STO/01); Storia moderna (M-STO/02); Storia romana (L-ANT/03) Un insegnamento a scelta tra: Filologia romanza (L-FIL- LET/0); Letteratura greca (L-FIL-LET/02); Letteratura latina (L-FIL-LET/04); Letteratura latina medievale BC (L-FIL-LET/08); Storia della tradizione classica BC (L-FIL-LET/05) Un insegnamento a scelta tra: Preistoria e protostoria 12 (L-ANT/01); Storia dell'arte medievale (L-ART/01) Lingua straniera competenza linguistica liv. b1 (informatizzato): Lingua francese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua inglese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua russa competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua spagnola competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua tedesca competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) Informatica per i beni culturali (INF/01) 2 anno Un insegnamento a scelta tra: Assiriologia (L-OR/03); Storia contemporanea (M-STO/04); Storia del rinascimento (M-STO/02); Storia del vicino oriente antico (L-OR/01); Storia greca (L-ANT/02); Storia medievale (M-STO/01); Storia moderna (M-STO/02); Storia romana (L-ANT/03) Tre insegnamenti a scelta tra: Archeologia e storia dell'arte greca e romana (L-ANT/07); Geografia 3 dell'ambiente e del paesaggio (M-GGR/01); Storia dell'arte contemporanea (L-ART/03); Storia dell'arte moderna (L-ART/02) Quattro insegnamenti a scelta tra: Architettura del paesaggio (ICAR/15); Architettura e urbanistica romana (L-ANT/07); Estetica (M-FIL/04); Geografia economica e politica (M-GGR/02); Numismatica antica (L-ANT/04); Paleografia latina (M-STO/0); 24 Restauro architettonico (ICAR/1); Semiologia del cinema (L-ART/0); Storia della letteratura artistica e della critica d'arte (L-ART/04); Storia della musica moderna e contemporanea BC (L-ART/07); Storia del libro (M-STO/08); Storia del teatro e dello spettacolo (L-ART/05); Topografia dell'italia antica (L-ANT/0) 1 Altre formative (corso 2) (-) 1 Altre formative (corso 3) (-) 3 anno Tre insegnamenti a scelta tra: Economia dei beni artistico-culturali (SECS-P/01); Sociologia dell'arte e della cultura (SPS/07); Storia del cristianesimo e delle 18 chiese (M-STO/07); Storia della scienza (M-STO/05); Storia della stampa e dell'editoria (M-STO/08); Topografia e cartografia (ICAR/0) Geografia del turismo (M-GGR/02) Un insegnamento a scelta tra: Metodologia della ricerca archeologica (L-ANT/10); Storia dell'architettura (ICAR/18) 12 Attività formative a scelta dello studente Altre formative Prova finale

7 tipo corso di laurea LETTERE classe L-10 Lettere 5 tipo di accesso accesso libero con verifica durata 3 anni crediti 180 CFU il corso è tenuto in lingua italiana sede Verona il corso di studio in breve La laurea in Lettere costituisce oggi la strada maestra per una formazione culturale di base che consenta allo studente di confrontarsi con l eredità in primo luogo letteraria e linguistica, ma anche storica e artistica, dell Italia e dell Occidente. È una eredità che continuamente si rinnova nelle sue modalità di comunicazione e di manifestazione. Lo studente acquisisce la capacità di conoscere questo patrimonio: cioè di collocarlo storicamente e di apprezzarne le caratteristiche strutturali ed estetiche. Lo studente impara poi, anche e soprattutto, a comunicare, per iscritto in modo efficace e articolato, superando e relativizzando quelle forme elementari di comunicazione che la moderna tecnologia ha imposto. È così pronto per un eventuale ingresso nel mondo del lavoro, ma soprattutto per ulteriori passi nella sua formazione, come la laurea magistrale in discipline letterarie o quella in discipline storiche. requisiti di ammissione Oltre al diploma secondario di scuola media superiore, o titolo straniero equipollente, lo studente dovrà dimostrare di possedere competenze nell elaborazione di un testo scritto in lingua italiana, conoscenza almeno elementare delle lingue classiche, oltre alle conoscenze di letteratura, storia, storia dell arte e geografia normalmente previste dai programmi della scuola media superiore. L effettivo possesso di queste conoscenze da parte dello studente sarà oggetto di verifica mediante una prova scritta disposta dal Consiglio del corso di laurea in relazione ai saperi minimi determinati annualmente dal Consiglio stesso. Le modalità di somministrazione e di verifica (testo aperto, serie di quiz a risposta chiusa) sono definite dal Regolamento didattico del corso di studio, dove sono altresì indicati gli obblighi formativi aggiuntivi previsti nel caso in cui la verifica non sia positiva. Lo studente di Lettere deve essere orientato da salde motivazioni allo studio nelle discipline degli ambiti linguistico teorico e applicato, letterario, storico, storico-artistico e concernenti l ambiente umano. La formazione universitaria non si propone di replicare su scala più ampia e sistematica gli insegnamenti impartiti nella scuola secondaria, ma di trasmettere i fondamenti critici e metodologici delle discipline, addestrando lo studente già nel corso di studio triennale ad assumere un attitudine critica e aperta allo studio autonomo e alla ricerca.perciò alcune conoscenze e competenze linguistiche, letterarie, storiche, storico-artistiche e geografiche sono date per presupposte; l effettivo possesso di queste da parte dello studente potrà essere oggetto, come sopra accennato, di verifica e orientativa (non discriminante) in ingresso. Oltre che giovare all orientamento sui diversi percorsi formativi, tale verifica porrà in evidenza gli ambiti disciplinari nei quali lo studente potrà avvalersi delle opportune iniziative didattiche organizzate dal Corso di laurea e volte a colmare le eventuali lacune. Per quanto riguarda alcuni ambiti specifici (competenza nell elaborazione di un testo scritto in lingua italiana, conoscenza delle lingue classiche, conoscenza delle lingue straniere) si precisa quanto segue: Competenza nell elaborazione di un testo scritto in lingua italiana. È istituito un corso tutoriale di avviamento all elaborazione di un testo scritto in Italiano, che lo studente potrà seguire nel I o nel II anno di corso e si conclude con una verifica. A tale verifica dovrà sottoporsi anche lo studente che ritenga di non avvalersi del corso tutoriale. Analoga formativa, con annessa verifica conclusiva, potrà essere disposta d intesa fra l Università degli Studi di Verona e gli istituti di istruzione secondaria superiore nel corso dei due ultimi anni della secondaria. Il superamento della verifica, obbligatoria per tutti gli iscritti al corso di laurea in Lettere, determinerà il conseguimento di 3 (tre) CFU.

8 tipo corso di laurea LETTERE classe L-10 Lettere tipo di accesso accesso libero con verifica durata 3 anni crediti 180 CFU il corso è tenuto in lingua italiana sede Verona Conoscenza delle lingue classiche. I piani di studio del corso di laurea in Lettere prevedono per ambedue i curricula il conseguimento di crediti formativi nell ambito delle letterature classiche: obbligatoriamente, in letteratura latina; facoltativamente, in letteratura greca. Gli studenti che, per qualunque motivo (tipo di scuola media superiore frequentata, o altro), non avessero una conoscenza adeguata delle lingue classiche sono sollecitati a seguire i corsi tutoriali di Introduzione alla lingua latina ed eventualmente Introduzione alla lingua greca già durante il I anno di studi. La non conoscenza della lingua latina e della lingua greca all atto dell iscrizione al I anno non determina debiti formativi. La frequenza ai corsi tutoriali di cui sopra e il superamento positivo delle relative verifiche daranno luogo all acquisizione di crediti formativi. Conoscenza delle lingue straniere. I piani di studio del corso di laurea in Lettere prevedono il conseguimento di crediti in una lingua straniera moderna. Chi, pertanto, non fosse in possesso di tali conoscenze di base, è invitato a usufruire dei servizi del Centro Linguistico di Ateneo. La frequenza ai corsi organizzati dal Centro Linguistico, opportunamente documentata, si traduce nell acquisizione di 3 (tre) crediti per ciascun corso, da utilizzare nella tipologia prevista dal D.M. 270/2004, Art. 10 comma 5 lettera d). Gli studenti che ritengono di conoscere già a sufficienza le lingue in questione otterranno lo stesso numero di crediti, nella medesima tipologia, dopo il superamento di una verifica appropriata. Infine, gli studenti che nella scuola secondaria abbiano superato verifiche delle conoscenze linguistiche presso istituzioni riconosciute potranno ottenere la convalida presso il Centro Linguistico di Ateneo e conseguire 3 (tre) CFU. sbocchi professionali Fornendo una solida preparazione di base in campo umanistico, la laurea in lettere prepara ad professionali che prevedano (anche mediante il complemento di master di primo livello o di corsi di formazione) lo svolgimento di funzioni subordinate nel campo della pubblica amministrazione (mansioni di segreteria in istituzioni culturali), della gestione del patrimonio culturale (archivisti, bibliotecari), del turismo culturale, e delle di comunicazione che si svolgano in tali comparti. Il corso prepara alla professione di: Segretari amministrativi e tecnici degli affari generali Assistenti di archivio e di biblioteca Tecnici dell organizzazione della produzione radiotelevisiva, cinematografica e teatrale

9 piano didattico Lettere curriculum Letterario 7 1 anno 12 Introduzione allo studio della geografia e della storia (M-STO/02, M-GGR/01) 12 Introduzione allo studio del linguaggio LT (L-LIN/01) 12 Letteratura italiana LT (L-FIL-LET/10) Storia della lingua italiana LT (L-FIL-LET/12) 12 Un insegnamento a scelta tra: Archeologia e storia dell'arte greca e romana (L-ANT/07); Storia dell'arte contemporanea (L-ART/03); Storia dell'arte medievale (L-ART/01); Storia dell'arte moderna (L-ART/02) 3 Laboratorio di composizione italiana 3 Lingua straniera competenza linguistica liv. b1 (informatizzato): Lingua francese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua inglese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua russa competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua spagnola competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua tedesca competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) 2 anno Geografia umana (M-GGR/01) Letteratura latina (L-FIL-LET/04) Un insegnamento a scelta tra i seguenti: Lingua greca (L-FIL-LET/02); Storia della lingua italiana (L-FIL- LET/12) 12 Un insegnamento a scelta tra i seguenti: Storia contemporanea (M-STO/04); Storia del vicino oriente antico (L-OR/01); Storia greca (L-ANT/02); Storia medievale (M-STO/01); Storia moderna (M-STO/02); Storia romana (L-ANT/03) 12 Due insegnamenti a scelta tra i seguenti: Filologia classica (L-FIL-LET/05); Glottologia (L-LIN/01); Letteratura latina medievale LT (L-FIL-LET/08); Letteratura latina (L-FIL-LET/04); Linguistica generale (L-LIN/01) 12 Un insegnamento a scelta tra i seguenti: Filologia romanza (L-FIL-LET/0); Letteratura greca (L-FIL- LET/02) 3 Laboratorio di informatica umanistica 3 Laboratorio di Latino 3 anno 12 Letteratura italiana (L-FIL-LET/10) Un insegnamento a scelta tra i seguenti: Letterat. francese (L-LIN/03); Letterat. inglese (L-LIN/10); Letterat. italiana moderna e contemporanea (L-FIL-LET/11); Letterat. spagnola I (L-LIN/05); Letterat. tedesca (L-LIN/13); Letterat. comparate (L-FIL-LET/14) 18 Tre insegnamenti a scelta tra i seguenti, se non già sostenuti: Filologia italiana (L-FIL-LET/13); Filologia medievale e umanistica (L-FIL-LET/13); Geografia urbana (M-GGR/01); Letteratura italiana moderna e contemporanea (L-FIL-LET/11); Letteratura latina medievale LT (L-FIL-LET/08); Letterature comparate (L-FIL-LET/14); Lingue dell'italia preromana (L-FIL- LET/03); Paleografia latina (M-STO/0); Storia contemporanea (M-STO/04); Storia del cristianesimo e delle chiese (M-STO/07); Storia della lingua latina (L-FIL-LET/04); Storia della musica (L-ART/07); Storia della musica (L-ART/07); Storia della tradizione classica LT (L-FIL-LET/05); Storia del teatro e dello spettacolo (L-ART/05); Storia e critica del cinema (L-ART/0); Storia greca (L-ANT/02); Storia medievale (M-STO/01); Storia moderna (M-STO/02); Storia romana (L-ANT/03) 12 Attività formative a scelta dello studente (al 1, 2 o 3 anno) Altre formative (al 1, 2 o 3 anno) Prova finale

10 8 piano didattico Lettere curriculum Letterario 1 anno Introduzione allo studio della geografia e della storia 12 (M-STO/02, M-GGR/01) 12 Introduzione allo studio del linguaggio LT (L-LIN/01) 12 Letteratura italiana LT (L-FIL-LET/10) Storia della lingua italiana LT (L-FIL-LET/12) Un insegnamento a scelta tra i seguenti: Archeologia e storia dell'arte greca e romana (L-ANT/07); Storia 12 dell'arte contemporanea (L-ART/03); Storia dell'arte medievale (L-ART/01); Storia dell'arte moderna (L-ART/02) 3 Laboratorio di composizione italiana Lingua straniera competenza linguistica liv. b1 (informatizzato): Lingua francese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua inglese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua russa competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua 3 spagnola competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato); Lingua tedesca competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) 2 anno Geografia umana) (M-GGR/01) Letteratura latina (L-FIL-LET/04) 12 Due insegnamenti a scelta tra i seguenti: Antropologia culturale (M-DEA/01); Storia del cristianesimo e delle chiese (M-STO/07); Storia della filosofia antica (M-FIL/07); Storia della filosofia (M-FIL/0); Storia della scienza (M-STO/05); Storia delle religioni (M-STO/0) 24 Due insegnamenti a scelta tra i seguenti: Storia contemporanea (M-STO/04); Storia del vicino oriente antico (L-OR/01); Storia greca (L-ANT/02); Storia medievale (M-STO/01); Storia moderna (M-STO/02); Storia romana (L-ANT/03) Un insegnamento a scelta tra i seguenti: Filologia classica (L-FIL-LET/05); Glottologia (L-LIN/01); Letteratura latina medievale LT (L-FIL-LET/08); Letteratura latina (L-FIL-LET/04); Linguistica generale (L-LIN/01) 3 Laboratorio di Latino 3 Laboratorio di informatica umanistica 3 anno 12 Letteratura italiana (L-FIL-LET/10) Un insegnamento a scelta tra i seguenti: Letterat. francese (L-LIN/03); Letterat. inglese (L-LIN/10); Letterat. italiana moderna e contemporanea (L-FIL-LET/11); Letterat. spagnola I (L-LIN/05); Letterat. tedesca (L-LIN/13); Letterat. comparate (L-FIL-LET/14) 18 Tre insegnamenti a scelta tra i seguenti: Archivistica (M-STO/08); Epigrafia latina (L-ANT/03); Letteratura greca (L-FIL-LET/02); Paleografia latina (M-STO/0); Preistoria e protostoria (L-ANT/01); Preistoria e protostoria (L-ANT/01); Sociologia della comunicazione (SPS/08); Storia contemporanea (M-STO/04); Storia della musica (L-ART/07); Storia della musica (L-ART/07); Storia della Repubblica di Venezia (M-STO/02); Storia dell'arte contemporanea (L-ART/03); Storia dell'arte moderna (L-ART/02); Storia della scienza (M-STO/05); Storia delle istituzioni politiche (SPS/03); Storia dell'ottocento (M-STO/04); Storia del rinascimento (M-STO/02); Storia del teatro e dello spettacolo (L-ART/05); Storia economica (SECS-P/12); Storia e critica del cinema (L-ART/0); Storia greca (L-ANT/02); Storia medievale (M-STO/01); Storia moderna (M-STO/02); Storia romana (L-ANT/03) 12 Attività formative a scelta dello studente (al 1, 2 o 3 anno) Altre formative (al 1, 2 o 3 anno) Prova finale

11 tipo corso di laurea SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE classe L-20 Scienze della comunicazione tipo di accesso accesso libero con verifica durata 3 anni crediti 180 CFU il corso è tenuto in lingua italiana sede Verona il corso di studio in breve Il Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione è integralmente orientato alla formazione di professionisti capaci di promuovere la creazione dell opinione pubblica e quindi della vita sociale e culturale in cui operano. La capacità di utilizzare gli strumenti che caratterizzano le discipline comunicative viene promossa attraverso una formazione integrale che contempla competenze linguistiche (lingua italiana e lingua inglese, oltre una seconda lingua straniera) ed informatiche. Per una formazione consistente e sostanziale si ritiene però fondamentale l approfondimento dei grandi temi delle scienze umane e sociali, dalla filosofia alla sociologia, dalla psicologia sociale alla storia contemporanea. Il conseguimento di questi obiettivi è la base su cui è possibile proseguire con competenza e adeguatezza gli studi della laurea magistrale nel campo del Giornalismo e dell Editoria. requisiti di ammissione Per essere ammessi al Corso di laurea in Scienze della comunicazione occorre essere in possesso del Diploma di scuola secondaria superiore o Diploma straniero equipollente e si richiedono conoscenze di base a livello secondario, sia per quanto riguarda la lingua italiana (livello B2, esclusivamente per gli studenti con titolo di studio straniero) come per quella inglese (livello B1), ed abilità-conoscenze di carattere logico-argomentativo. La prova di verifica della preparazione iniziale (possesso dei saperi minimi) utile a frequentare con profitto le formative del Corso di laurea verrà proposta in forma di test all inizio del primo anno di corso. Nel caso in cui la verifica non sia risultata nel complesso positiva, vengono assegnati allo studente specifici obblighi formativi aggiuntivi da soddisfare nel primo anno di corso. Il Collegio di Corso di laurea in Scienze della comunicazione promuove formative integrative tutoriali, per le quali non sono previsti CFU, organizzate al fine di favorire l assolvimento degli obblighi formativi aggiuntivi ed formative integrative tutoriali intese a colmare altre eventuali carenze nella preparazione dello studente, nel quadro dei programmi di Ateneo volti all omogeneizzazione delle competenze in ingresso. Il superamento della verifica finale è propedeutico all iscrizione al secondo anno di corso. Per quanto concerne la verifica della conoscenza della lingua italiana, nel caso in cui il livello B2 non risulti posseduto, lo studente verrà indirizzato a seguire i corsi di lingua italiana forniti dal Centro linguistico di Ateneo; non sono comunque previsti debiti formativi. sbocchi professionali Il laureato in Scienze della comunicazione potrà svolgere lavorative nei diversi campi della comunicazione, dalle redazioni giornalistiche ai sistemi editoriali, dalla comunicazione pubblica alla comunicazione d impresa e alla pubblicità Il corso prepara alla professione di: Specialisti della gestione nella Pubblica Amministrazione Specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private Specialisti delle pubbliche relazioni, dell immagine e professioni assimilate Archivisti Corrispondenti in lingue estere e professioni assimilate Tecnici della pubblicità Tecnici delle pubbliche relazioni Atleti

12 10 piano didattico Scienze della comunicazione 1 anno 12 Grammatica e storia della lingua italiana SC (i) (L-FIL- LET/12) Informatica di base SC (i) (INF/01) 12 Filosofia e deontologia della comunicazione (M-FIL/03, M-FIL/01) Linguistica generale Sc (i) (L-LIN/01) Storia contemporanea SC (i) (M-STO/04) Storia della musica (i) (L-ART/07) Storia del teatro e dello spettacolo SC (i) (L-ART/05) 3 Laboratorio di Informatica (-) 3 Stage o laboratori 2 anno Un insegnamento a scelta tra: Comunicazione di impresa (p) (SECS-P/08); Organizzazione dei sistemi informativi aziendali (p) (SECS-P/08) 12 Lingua inglese SC (i) (L-LIN/12) 12 Psicologia sociale SC (p) (M-PSI/05) 12 Sociologia generale e dei processi culturali (SPS/07, SPS/08) Storia e critica del cinema SC (i) (L-ART/0) Seconda lingua straniera competenza linguistica - liv. b1 (informatizzato). Insegnamenti disponibili: Lingua francese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua russa competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua spagnola competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua tedesca competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-) 3 anno Un insegnamento a scelta tra: Antropologia culturale SC (i) (M-DEA/01); Letteratura italiana moderna e contemporanea (i) sc (L-FIL-LET/11); Letterature comparate SC (p) (L-FIL-LET/14); Storia delle religioni (i) sc (M-STO/0) Un insegnamento a scelta tra: Bibliografia e biblioteconomia SC (p) (M-STO/08); Metodi e tecniche dei processi editoriali (p) (M-STO/08); Teorie e tecniche del giornalismo multimediale (p) (M-STO/08) Filosofia politica SC (p) (SPS/01) Diritto della comunicazione (p) (IUS/10) Informatica documentale (i) (INF/01) Logica e filosofia della scienza SC (p) (M-FIL/02) Psicologia del lavoro sc (p) (M-PSI/0) Stage o laboratori 12 Attività formative a scelta dello studente Prova finale (-)

13 tipo corso di laurea SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE classe L-3 Servizio sociale tipo di accesso numero chiuso con test d ingresso durata 3 anni crediti 180 CFU il corso è tenuto in lingua italiana sto scopo predispone annualmente un bando con i requisiti di accesso e il numero di posti disponibili, nominando contestualmente una commissione con il compito di costruire il test. Si tratta di una prova scritta con risposte a sceltae altre sulla comprensione di testi. Tutto il contenuto del test è deciso dalla Commissione. Il Collegio didattico può predisporre un test facoltativo di orientamento, preliminare al test di ammissione.le iscrizioni degli studenti già iscritti, compresi quelli fuori corso, agli anni successivi del Corso di studio, avvengono su domanda degli stessi, secondo quanto stabilito dai Regolamenti di Ateneo. Contestualmente la commissione valuta anche gli altri requisiti di ammissione, che sono quelli previsti dalla vigente normativa, come specificato nell art., comma 1, del D.M. n. 270/2004 e nell art. 18 del RDA. È prevista la valutazione della preparazione iniziale dello studente, attraverso l analisi del curriculum studiorum, nonché della documentazione ad esso relativa, reputata necessaria ai fini della valutazione stessa.sono richieste, inoltre, come necessarie per il percorso di studio proposto, capacità di comprensione di testi e argomentazioni che saranno verificate attraverso il test di ammissione. I possessori di diploma di scuola superiore e i laureati di prisede Verona 11 il corso di studio in breve L assistente sociale è una figura centrale nella prevenzione e contrasto dei fenomeni di disagio e di emarginazione e nel sostegno alla persona e alla famiglia. Nella preparazione di questo professionista il Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale dell Università di Verona, per storia e tradizione è uno dei più prestigiosi del nord-italia. I suoi punti di forza sono: uno staff multidisciplinare sincronizzato sui cambiamenti della società; una rosa di materie che rispecchiano i migliori saperi del nostro Ateneo (sociologia, psicologia, diritto, medicina sociale, pedagogia, economia e lingue); materie professionali insegnate da affermati professionisti del servizio sociale; primaria importanza del tirocinio per un adeguata preparazione sul campo; uno stretto rapporto con gli enti pubblici e privati che favorisce l accesso alla professione e al lavoro. Per garantire la qualità di questi requisiti, la frequenza al corso è obbligatoria e il numero di studenti annui è programmato: pertanto vi si accede attraverso un test di selezione. Il corso, di durata triennale, consente di iscriversi all albo B della professione degli assistente sociale previo esame di Stato. L occupazione a un anno dalla laurea è stata, nell ultimo quinquennio, fra il e il 70%. Il corso offre opportunità di formazione all estero tramite il progetto Erasmus e consente l accesso agli studi progrediti offerti dalla laurea magistrale. requisiti di ammissione L accesso al primo anno del corso di laurea avviene tramite un test di ammissione. Il CDS a que- mo e secondo livello, che non siano iscritti a nessun Corso di studio dell Ateneo possono essere ammessi ai corsi singoli. È possibile iscriversi a corsi singoli per il massimo di CFU previsti dal Regolamento di Ateneo per gli Studenti. L inottemperanza agli obblighi di frequenza comporta il divieto di iscrizione alle prove di valutazione del profitto e l annullamento degli esami effettuati o verbalizzati in violazione degli stessi. Il Collegio didattico, previa verifica dei programmi degli insegnamenti e delle unità logistiche seguite dagli studenti che chiedono il passaggio al Corso di studio da altri Corsi di studio, ovvero il trasferimento da altre Università, anche straniere, delibera, per quanto di competenza, in ordine al loro accesso, tenuto conto dei limiti numerici imposti dalle disposizioni concernenti l accesso programmato al Corso di studio. Il Collegio didattico, ai sensi del RDA, per quanto di competenza, formula proposte e delibera sul riconoscimento degli studi e dei titoli di studio conseguiti all estero. Per quanto non previsto dal presente Regolamento, si fa rinvio ai Regolamenti di Ateneo. Lo studente che non abbia la piena disponibilità del proprio tempo, per giustificate ragioni di lavoro,familiari, di salute o per altri validi motivi, può concordare, all atto dell immatricolazione, un percorso formativo con un numero di crediti (CFU) pari a trenta per ogni anno.

14 12 tipo corso di laurea SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE classe L-3 Servizio sociale tipo di accesso numero chiuso con test d ingresso durata 3 anni crediti 180 CFU il corso è tenuto in lingua italiana sede Verona sbocchi professionali Il corso prepara alla professione di assistente sociale. I laureati della classe L-3 potranno svolgere professionali in diversi ambiti, quali amministrazioni, enti, organizzazioni pubbliche nazionali, sovranazionali e internazionali; organizzazioni non governative e del terzo settore, organizzazioni private nazionali e multinazionali. Tali saranno svolte in diverse aree: di aiuto nei processi di inclusione sociale, preventivo-promozionali, organizzative, didattico-formative e di ricerca. In particolare gli assistenti sociali in possesso della laurea triennale potranno trovare occupazione presso: a) servizi degli enti locali o del privato sociale; b) servizi di aziende sanitarie locali quali consultori familiari, SER.D, servizi per disabili, servizi per la salute mentale, etc. c) uffici del servizio sociale per la giustizia minorile (U.S.S.M.); d) ufficio di esecuzione penale esterna (U.E.P.E.); e) aziende di servizi residenziali e non, per anziani e disabili (ex IPAB); f) uffici di coordinamento e progettazione (di Comuni e di Aziende sanitarie locali); g) aziende ospedaliere. di Verona, senza alcun debito formativo. Possono accedere anche ad altri Corsi di Laurea Magistrale (LM), in specie della classe LM-87, attivati in altri Atenei, ai Master di I livello e ai Corsi di perfezionamento universitari, secondo la vigente normativa in materia. Il corso prepara alla professione di: Assistenti sociali I laureati in Scienze del servizio sociale possono accedere al Corso di Laurea Magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali (LM-87), istituito e attivato nell Università degli Studi

15 piano didattico Scienze del servizio sociale 13 1 anno Istituzioni di diritto pubblico (IUS/0) 12 Sociologia e ricerca sociale (SPS/07) Metodi statistici per le scienze sociali (SECS-S/05) Psicologia dello sviluppo (M-PSI/04) Metodi e tecniche del servizio sociale I (SPS/07) Diritto privato e della famiglia (IUS/01) Diritto penale e deontologia professionale (IUS/17) Lingua straniera - Certificazione CLA liv. B1 completo. Insegnamenti disponibili: Lingua francese (L-LIN/04); Lingua inglese (L-LIN/12); Lingua spagnola (L-LIN/07); Lingua tedesca (L-LIN/14) 2 anno Istituzioni di economia (SECS-P/01) Legislazione e amministrazione dei servizi sociali (IUS/10) Metodi e tecniche del servizio sociale II (SPS/07) 12 Politiche sociali e della famiglia (SPS/07, SPS/08) 12 Psicologia sociale e di comunità (M-PSI/07, M-PSI/05) Attività formative a scelta dello studente Tirocinio (II anno) (-) 3 anno Antropologia culturale (M-DEA/01) Igiene generale ed applicata (MED/42) Metodi e tecniche del servizio sociale III (SPS/07) Psicologia clinica (M-PSI/08) Un insegnamento a scelta tra: Comunicazione e mediazione interculturale (M-PED/04); Pedagogia sociale della vita adulta (M-PED/01) Organizzazione dei servizi (SPS/0) Attività formative a scelta dello studente Tirocinio (III anno) (-) Prova finale (-)

16 14 tipo corso di laurea magistrale DISCIPLINE ARTISTICHE tipo di accesso accesso libero con verifica il corso di studio in breve La laurea in Discipline Artistiche intende offrire una formazione relativa ai contenuti, alle metodologie e alle tecniche della storia dell arte. L offerta formativa, in un quadro di riferimento interdisciplinare, vuole estendere e approfondire le conoscenze e le capacità di comprensione raggiunte nel corso della laurea di primo livello. Lo studente sarà guidato ad acquisire competenze che gli consentiranno di inquadrare i singoli monumenti, le correnti e altri fenomeni artistici entro un ben determinato quadro storico, sociale e culturale, dall antichità all età contemporanea. Sarà, inoltre, portato ad acquisire conoscenze teoriche e applicate relative alla conservazione, gestione, promozione e valorizzazione dei beni storico artistici e delle loro istituzioni. La conoscenza diretta delle opere e l acquisizione delle metodologie sarà facilitata da visite, viaggi di studio ed, eventualmente,stages e tirocini organizzati in laboratorio e in località di interesse artistico e archeologico, anche in collaborazione con altre Università, Enti e Soprintendenze, sia in Italia, sia all estero. Nell ambito dei corsi sono, inoltre, previste che favoriscano la conoscenza dei principali strumenti informatici per coadiuvare l impegno di studio e di ricerca, relativamente, in particolare, alla catalogazione e alla documentazione dei beni storico-artistici e dei relativi contesti. classe LM-8 Storia dell arte durata 2 anni Lo studente ha la possibilità di svolgere una parte del curriculum degli studi in Università di altri paesi della UE, grazie agli scambi Erasmus. requisiti di ammissione crediti 120 CFU Per l accesso al Corso di laurea Magistrale in Discipline Artistiche è richiesto il Diploma di laurea triennale o un titolo universitario straniero giudicato equipollente. È necessario, inoltre, che il laureato abbia conseguito nel percorso della laurea precedente un totale di almeno 0 CFU negli SSD elencati nell allegato. La laurea triennale che soddisfa interamente i requisiti curriculari e l adeguatezza delle competenze iniziali è quella in Beni Culturali, classe L-1. Ai fini del raggiungimento dei 0 CFU necessari possono essere riconosciuti ai nuovi immatricolati anche crediti formativi universitari acquisiti in master di primo livello conclusi con l approvazione, a condizione che le prove abbiano avuto una votazione quantitativa, che i relativi insegnamenti rientrino negli SSD previsti dall ordinamento vigente e che i corrispondenti siano quantificabili in modo preciso. Lo studente che si immatricola deve conoscere e usare correttamente la lingua italiana ed almeno un altra lingua dell Unione Europea. Deve, inoltre, avere raggiunto una solida formazione di base nelle discipline umanistiche, con particolare riferimento alla il corso è tenuto in lingua italiana sede Verona storia dell arte, dall antichità all epoca contemporanea. Non sono ammesse iscrizioni di laureati di primo livello in presenza di debiti formativi, sia per quanto riguarda il possesso dei requisiti curriculari, sia per quanto attiene il possesso dell adeguata preparazione iniziale. Eventuali carenze curriculari devono essere colmate prima dell iscrizione al Corso di laurea magistrale, conseguendo i CFU necessari nell ambito dei predetti settori scientifico-disciplinari mediante il superamento di singoli esami. È prevista la possibilità di iscrizione, per tali fini, ai Corsi liberi. La verifica del possesso dei pre-requisiti e della preparazione iniziale si fonda sulla presentazione del certificato di laurea ed, eventualmente, dell attestato finale del master, corredati dall elenco degli esami sostenuti. Il possesso di un adeguata preparazione iniziale sarà oggetto di verifica per il tramite di un colloquio. Ne saranno esentati il laureato di primo livello con punteggio di laurea pari o superiore a 100/110 (cento/110) e i nuovi immatricolati già in possesso di laurea dell ordinamento pre-vigente il D.M. 50/ o di altra laurea specialistica ovvero magistrale. In caso di laurea conseguita in altro Stato, il Collegio didattico stabilirà l equivalenza fra il punteggio ottenuto e quello corrispondente nel sistema universitario italiano. Il colloquio verterà sulle conoscenze acquisite nel precedente percorso di studi. È caldamente suggerito a tutti i laureati di primo livello il test autovalutativo che sarà diffuso periodicamente nel sito web di Ateneo.

17 tipo corso di laurea magistrale DISCIPLINE ARTISTICHE tipo di accesso accesso libero con verifica Nel caso di studenti con titolo di studio straniero il Collegio Didattico in Beni Culturali e Discipline Artistiche predispone una verifica della conoscenza della lingua italiana ad un livello che consenta la comprensione della didattica frontale (livello B2). Nel caso in cui questo livello non risulti raggiunto, lo studente verrà indirizzato a seguire i corsi di lingua italiana forniti dal Centro linguistico di Ateneo. classe LM-8 Storia dell arte durata 2 anni sbocchi professionali crediti 120 CFU Tra gli sbocchi professionali della Laurea magistrale in Discipline Artistiche vi sono impieghi a vari livelli in primo luogo presso le istituzioni preposte alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio artistico e archeologico, quali le soprintendenze, i musei. Inoltre, presso la pubblica amministrazione (comuni, province, regioni) e presso fondazioni, enti, società e cooperative privati. È possibile anche l di consulenza specialistica per settori dell industria culturale, dell editoria, della pubblicistica e dell educazione alla conoscenza del patrimonio storico-artistico. I laureati, in particolare, possono trovare impiego in in campo artistico e archeologico e in volte alla realizzazione di eventi culturali, quali mostre e allestimenti museali. Attraverso un tirocinio aziendale i laureati possono diventare stimatori d asta presso aziende commerciali specializzate nell arte oppure giungere ad essere accreditati come periti nel campo artistico dei Tribunali. I laureati possono accedere all insegnamento nella scuola, secondo le modalità previste dalla normativa vigente. I laureati possono accedere, mediante concorso, alla categoria professionale delle guide turistiche e possono inserirsi nelle professioni legate al turismo culturale. Infine, per i laureati magistrali che intendano proseguire gli studi vi sono, oltre quelli citati, gli sbocchi occupazionali nelle Soprintendenze a livello dirigenziale, e nel settore della ricerca il corso è tenuto in lingua italiana sede Verona in ambito universitario. Il percorso formativo può proseguire nelle Scuole di Specializzazione, nei Master di secondo livello, nel Dottorato di ricerca. Il corso prepara alla professione di: Esperti d arte Archivisti Bibliotecari Curatori e conservatori di musei Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze dell antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche Commissari e aggiudicatori d asta Periti commerciali Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali Organizzatori di convegni e ricevimenti Agenti di viaggio Guide turistiche Tecnici del restauro 15

18 1 piano didattico Discipline artistiche 1 anno Archeologia e storia dell'arte greca e romana (m) (L-ANT/07) Diritto dei beni culturali (m) (IUS/10) Informatica per i beni culturali (m) (INF/01) 3 Competenza linguistica: liv. B1 informatizzato ovvero liv. B2 informatizzato della lingua per la quale è stato già conseguito il liv. B1 informatizzato nella laurea triennale. Insegnamenti disponibili: Lingua francese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua francese competenza linguistica - liv. B2 (informatizzato) (-); Lingua inglese competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua inglese competenza linguistica - liv. B2 (informatizzato) (-); Lingua russa competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua russa competenza linguistica - liv. B2 (informatizzato) (-); Lingua spagnola competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua spagnola competenza linguistica - liv. B2 (informatizzato) (-); Lingua tedesca competenza linguistica - liv. B1 (informatizzato) (-); Lingua tedesca competenza linguistica - liv. B2 (informatizzato) (-) 12 Storia della critica d'arte e metodologia della ricerca storico-artistica (L-ART/04) Storia dell'architettura (m) (ICAR/18) Storia dell'arte medievale (m) (L-ART/01) Storia dell'arte moderna (m) (L-ART/02) Storia delle tecniche artistiche e del restauro (m) (L-ART/04) 2 anno 12 Due insegnamenti a scelta: Archeologia cristiana e medievale (m) (L-ANT/08); Archeologia del territorio (m) (L-ANT/10); Economia e mercato dell'arte (m) (SECS-P/01); Estetica (m) (M-FIL/04); Fonti per la ricerca storica (m) (M-STO/01); Storia dell'architettura medievale (m) (L-ART/01); Storia dell'arte veneta (m) (L-ART/02); Storia della tradizione classica (m) (L-FIL-LET/05); Storia delle istituzioni culturali (m) (M-STO/04); Storia dell'europa contemporanea (m) (M-STO/04); Storia del vicino oriente antico (m) (L-OR/01); Storia greca (m) (L-ANT/02); Storia moderna (m) (M-STO/02); Storia romana (m) (L-ANT/03) Storia dell'arte contemporanea (m) (L-ART/03) 12 Attività formative a scelta dello studente (a scelta al 1 o 2 anno) 3 Altre formative (a scelta al 1 o 2 anno) 30 Prova finale (-)

19 tipo corso di laurea magistrale EDITORIA E GIORNALISMO classe LM-1 Informazione e sistemi editoriali tipo di accesso accesso libero con verifica durata 2 anni crediti 120 CFU il corso è tenuto in lingua italiana te, lo studente dovrà aver acquisito almeno 0 crediti nei seguenti SSD qualificanti: INF/01 - Informatica; IUS/10 - Diritto amministrativo; L-ART/05 - Discipline dello spettacolo; L-ART/0 - Cinema, fotografia e televisione; L-ART/07 - Musicologia e storia della musica; L-FIL-LET/10 - Letteratura italiana; L-FIL-LET/11 - Letteratura italiana contemporanea; L-FIL-LET/12 - Linguistica italiana; L-FIL-LET/14 - Critica letteraria e letterature comparate; L-LIN/01 - Glottologia e linguistica; L-LIN/03 - Letteratura francese; L-LIN/04 - Lingua e traduzione - lingua francese; L-LIN/05 - Letteratura spagnola; L-LIN/07 - Lingua e traduzione - lingua spagnola; L-LIN/10 - Letteratura inglese; L-LIN/12 - Lingua e traduzione - lingua inglese; L-LIN/13 - Letteratura tedesca; L-LIN/14 - Lingua e traduzione - lingua tedesca; L-LIN/21 - Slavistica; M-DEA/01 - Discipline demoetnoantropologiche; M-FIL/01 - Filosofia teoretica; M-FIL/02 Logica e filosofia della scienza; M-FIL/03 - Filosofia morale; M-FIL/05 - Filosofia e teoria dei linguaggi; M-PSI/05 - Psicologia sociale; M-PSI/0 - Psicologia del lavoro e delle organizzazioni; M-STO/04 - Storia contemporanea: Storia contemporanea; M-STO/08 - Archivistica, bibliografia e biblioteconomia; SECS-P/08 - Economia e gestione delle imprese; SE.S-P/10 - Organizzazione aziendale; SPS/01 - Filosofia posede Verona 17 il corso di studio in breve Il corso di laurea magistrale si propone di offrire un adeguata preparazione nel settore oggi in rapida espansione dell editoria e del giornalismo nelle sue più diverse espressioni, con particolare riguardo al campo dell innovazione tecnologica, della multimedialità, nonché degli scenari internazionali del commercio del libro e degli altri prodotti editoriali. Il corso intende inoltre fornire un adeguata preparazione professionale di base per le diverse figure che attualmente vengono richieste sia nel campo giornalistico, dalla carta stampata alla radio e alla televisione, così come nei new media, sia in quello più generale delle relazioni pubbliche, nel quale si assiste sempre più all emergere di nuove figure professionali alle quali viene affidato il compito di monitorare le comunicazioni con il pubblico, sia nel campo istituzionale come in quello delle aziende private. requisiti di ammissione Oltre al diploma di laurea, diploma universitario triennale o titolo universitario straniero equipollen- litica; SPS/07 - Sociologia generale; SPS/08 - Sociologia dei processi culturali e comunicativi; Il possesso di un adeguata preparazione iniziale sarà oggetto di verifica mediante test o colloquio, secondo modalità definite nel regolamento didattico del corso di studio. sbocchi professionali Il laureato magistrale in Editoria e giornalismo potrà trovare occupazione e assumere posti di responsabilità nei diversi comparti delle imprese editoriali e giornalistiche, dalla radio-televisione alla carta stampata, così come nel campo della pubblicità e della comunicazione via internet e in quello delle professionalità emergenti nel settore delle risorse web e della progettazione di contenuti multimediali, così da dare risposta adeguata alle nuove sfide della globalizzazione. Potrà altresì trovare occupazione negli uffici stampa istituzionali e nel campo delle pubbliche relazioni. Il corso prepara alla professione di: Specialisti della gestione nella Pubblica Amministrazione Specialisti della gestione e del controllo nelle imprese private Specialisti delle pubbliche relazioni, dell immagine e professioni assimilate Esperti d arte Dialoghisti e parolieri Redattori di testi per la pubblicità

20 18 piano didattico Editoria e giornalismo 1 anno Un insegnamento a scelta tra: Analisi del testo, letteratura contemporanea e giornalismo (m) (L-FIL-LET/11, L-FIL-LET/12); Argomentazione, informazione e semiotica multimediale (m) (L-LIN/01, M-FIL/01) Tre insegnamenti a scelta tra: Comunicazione per immagini: cinema e fotogiornalismo (m) (L-ART/0); Giornalismo interculturale e multimedialità (m) (M-PED/01); Inglese avanzato per il giornalismo (m) (L-LIN/12); Laboratorio di editoria applicata (m) (M-STO/08); Letteratura francese per l'editoria (m) (L-LIN/03); Letteratura inglese per l'editoria (m) (L-LIN/10); Letteratura russa per l'editoria (m) (L-LIN/21); Letteratura spagnola per l'editoria (m) (L-LIN/05); Letteratura tedesca per l'editoria (m) (L-LIN/13); Lingua francese per l'editoria (m) (L-LIN/04); Lingua inglese per l'editoria (m) (L-LIN/12); Lingua russa per l'editoria (m) (L-LIN/21); Lingua spagnola per l'editoria (m) (L-LIN/07); Lingua tedesca per l'editoria (m) (L-LIN/14); Storia della stampa e dell'editoria (m) (M-STO/08); Storia delle dottrine politiche (m) (SPS/02); Teoria e tecniche della comunicazione multimediale (m) (L-ART/0) Diritto dell'informazione e della comunicazione editoriale (m) (IUS/10) 12 Un insegnamento a scelta tra: Discografia e videografia musicale per la multimedialità (m) (L-ART/07); Sociologia del libro e della cronaca giornalistica (m) (SPS/08) Uno o due insegnamenti a scelta tra: Filosofia politica e giornalismo (m) (SPS/01); Geografia economico-politica GIO (m) (M-GGR/02); Management per l'editoria (m) (SECS-P/08); Sociologia del giornalismo (m) (SPS/07); Storia del giornalismo (m) (M-STO/04) Sistemi per il recupero delle informazioni (m) (INF/01) 2 anno 12 Un insegnamento a scelta tra: Giornalismo radiofonico e televisivo (m) (L-ART/0); Grafica e design per la multimedialità (m) (L-ART/0) Un insegnamento a scelta tra; Informatica e produzione multimediale (m) (INF/01); Psicologia delle organizzazioni e comunicazione pubblicitaria (m) (M-PSI/0) Tirocinio specifico in ambito giornalistico o editoriale (-) 12 Attività a scelta dello studente (a scelta al 1 o 2 anno) 24 Dissertazione (-)

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011 Nell A.A. 2010-2011 sarà attivato il 1 anno del Corso di Laurea in Formazione di operatori

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri 5 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

Università degli Studi di Macerata MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN

Università degli Studi di Macerata MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN Università degli Studi di Macerata MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN FORMAZIONE, GESTIONE E CONSERVAZIONE DI ARCHIVI DIGITALI IN AMBITO PUBBLICO E PRIVATO Anno Accademico 2014/2015 VIII edizione BANDO

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap

l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap ZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI AI SENSI DELL ART. 46 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000 N. 445 Requisito 1: Titolo di studio voto finale di laurea l sottoscritt nat a prov. il e residente in Via cap di essere

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli